L evento nascita in Provincia di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L evento nascita in Provincia di Bergamo"

Transcript

1 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo Direttore Generale dr.ssa Mara Azzi Direzione Generale Osservatorio Epidemiologico Dipartimento PAC L evento nascita in Provincia di Bergamo Analisi dei Certificati di Assistenza al Parto

2 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo Direttore Generale dr. Mara Azzi Direzione Generale Osservatorio Epidemiologico L evento nascita in Provincia di Bergamo Analisi dei Certificati di Assistenza al Parto A cura di Elena Rota* e Osservatorio Epidemiologico# *Dipartimento Di Prevenzione - Serv. Igiene Alimenti e Nutrizione #Giuseppe Sampietro, Silvia Ghisleni, Luisa Giavazzi, Andreina Zanchi ASL della Provincia di Bergamo

3 L evento nascita in Provincia di Bergamo Analisi dei Certificati di Assistenza al Parto INDICE Premessa Finalità... pag. 2 Materiali e metodi... pag. 3 Il contesto demografico... pag. 4 Dati di contesto 1. Nuovi nati... pag Punti nascita... pag. 7 Caratteristiche della madre 3. Cittadinanza della madre... pag Stato civile della madre... pag Titolo di studio della madre... pag Condizione professionale della madre... pag Posizione nella professione della madre... pag Ramo di attività economica della madre... pag Età della madre... pag. 21 Il concepimento e la gravidanza 10. Ricorso a Tecniche di Procreazione Assistita... pag Numero di visite effettuate in gravidanza... pag Prima visita (in settimane di gravidanza)... pag N. di ecografie effettuate... pag Indagini prenatali invasive... pag Gravidanza patologica... pag Durata della gravidanza... pag. 40 Il parto 17. Modalità del travaglio... pag Modalità del parto... pag Natimortalità... pag Necessità di rianimazione... pag. 49 Caratteristiche del neonato 21. Peso alla nascita... pag Nati con malformazione... pag. 55 Conclusioni... pag. 57 1

4 PREMESSA Il Certificato di Assistenza al Parto (CedAP) è lo strumento di rilevazione che garantisce il flusso informativo sull evento nascita, regolamentato dal Decreto del Ministero della Sanità n Esso costituisce la fonte più ricca di informazioni non solo a carattere sanitario ed epidemiologico, ma anche a carattere socio-demografico, riferite all evento nascita, e rappresenta pertanto, a livello nazionale, un importante strumento di programmazione sanitaria. Il CedAP è composto dalle seguenti sezioni : - Generale - A: informazioni socio-demografiche sul/i genitore/i - B: informazioni sulla gravidanza - C: informazioni sul parto e sul neonato - D: informazioni sulle cause di nati-mortalità - E: informazioni sulla presenza di malformazioni Le informazioni contenute nel CedAP possono essere utili per individuare le criticità nel percorso di assistenza alla gravidanza e al parto; per effettuare analisi comparate tra strutture assistenziali, aziende e regioni; per verificare la rispondenza alle linee guida; e infine per monitorare il cambiamento nelle pratiche assistenziali. Il flusso informativo dei dati CedAP è assicurato attraverso l inserimento dei dati direttamente dalla struttura ospedaliera in un apposito database regionale nel quale confluiscono tutti i certificati. I certificati delle nascite avvenute in altri luoghi (abitazione della madre) vengono consegnati all ASL dal personale sanitario che ha assistito al parto e successivamente inseriti nel database. finalità In letteratura scientifica si trovano vari lavori che analizzano la correlazione tra le caratteristiche socio-demografiche della madre e quelle sanitarie del bambino. Il ricorso a fonti di informazione come il database dei CedAP consente di tracciare un quadro della popolazione grazie a una fonte di dati disponibile a intervalli regolari e costante nel tempo. Nel presente lavoro sono state analizzate le schede CedAP relative alle nascite avvenute in provincia di Bergamo nel periodo , al fine di ricercare le eventuali correlazioni esistenti tra variabili quali età, cittadinanza, livello di scolarità, 2

5 condizione e posizione professionale delle madri con le condizioni nell accesso ai servizi socio-sanitari e la salute del neonato. materiali e metodi Per le elaborazioni sono stati utilizzati i dati CedAP relativi alle nascite del periodo in provincia di Bergamo. In totale le nascite riferite a questo arco temporale sono , suddivise per anno utilizzando il valore inserito nel campo scheda SDO neonato. Sono state considerate tutte le schede di nascita relative alle nascite avvenute negli ospedali in provincia di Bergamo indipendentemente dal luogo di residenza della madre. Le elaborazioni effettuate sono di carattere descrittivo. Per ognuna delle variabili esaminate sono state considerate soltanto le schede nelle quali lo specifico campo di interesse non era vuoto e riportava un valore valido rispetto a quanto richiesto. Nel caso di più variabili considerate contemporaneamente sono state utilizzate soltanto le schede in cui tutti i campi di interesse non erano vuoti e riportavano valori validi. Per le variabili riferite alla madre, alla gravidanza e al parto sono state considerate le schede CedAP del primo nato di ogni parto (indipendentemente dal tipo di parto e dal suo esito); per le variabili natimortalità e rianimazione del neonato sono state considerate tutte le schede CedAP; per le variabili peso del neonato e malformazioni sono state considerate soltanto le schede CedAP riferite ai nati vivi, sulla base delle scelte metodologiche della letteratura disponibile (Rapporti CedAP Regione Emilia Romagna) L elaborazione di ogni variabile è preceduta dall indicazione dei criteri utilizzati per definire il numero di schede utilizzate. Alcune variabili considerate sono state suddivise in classi (es. età della madre, scolarità, durata della gravidanza in settimane di gestazione). In questi casi il criterio di suddivisione è stato scelto sulla base della categorizzazione utilizzata in documenti di analisi del CedAP già disponibili in letteratura, in particolare l Analisi dell evento nascita anno 2006 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. 3

6 il contesto demografico La popolazione totale della provincia di Bergamo è pari a (dati Istat al 1/01/2010). La provincia è caratterizzata da un indice di natalità (nati vivi * / pop. totale) superiore alla media nazionale. Questa situazione è mantenuta nel tempo ed appare tutt ora in leggera crescita, grazie all apporto delle madri straniere. INDICE DI NATALITA' nati vivi*1000/pop.totale provincia di Bergamo 10,64 10,62 10,91 10,70 10,89 10,72 11,15 11,15 Regione Lombardia 9,6 9,5 10,00 9,85 10,01 10,09 10,18 10,10 Italia 9,4 9,40 9,70 9,48 9,50 9,54 9,64 9,45 Anche l indice di fertilità (nati vivi*1000/pop femminile anni) segue un trend in crescita, attribuibile all aumento delle donne straniere residenti: indice di fertilità (nati vivi*1000/pop femminile anni) ,56 43,91 45,48 44,45 45,79 45,79 47,36 47,78 Le donne straniere residenti in provincia in età fertile (15 49 anni) sono aumentate nel quinquennio del 61,1% (dato 2006: ; dato 2010: , fonte 4

7 8.000 DONNE STRANIERE RESIDENTI PER CLASSE DI ETA' FERTILE

8 DATI DI CONTESTO 1. Nuovi nati - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Le schede dei nuovi nati analizzate sono pari al 100%. - L informazione relativa a Cittadinanza della madre era presente in schede (97%). Le schede CedAP che non riportavano il dato o lo riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. La numerosità dei nuovi nati in provincia di Bergamo ha mostrato un lieve aumento (3,5%), dovuto essenzialmente all aumento dei nati da donne straniere: N. NUOVI NATI PER ANNO N. NUOVI NATI PER ANNO PER NAZIONALITA' DELLA MADRE ITALIANA STRANIERA 6

9 2. Punti nascita - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Le schede dei nuovi nati analizzate sono pari al 100%. In provincia di Bergamo sono attivi 8 punti nascita, 7 situati all interno di strutture pubbliche e 1 in una struttura privata accreditata. Nell elaborazione ne vengono presentati 9 in quanto nel 2009 è stato chiuso l ospedale San Biagio di Clusone, sostituito dall ospedale di Piario. L Azienda Ospedaliera e il bacino di utenza sono le medesime per entrambi gli ospedali. Nel corso del quinquennio gli ospedali mostrano delle fluttuazioni complessive intorno al 10 % nell andamento annuale del n. di eventi nascita, con la significativa eccezione dell ospedale Bolognini di Seriate (+ 36%). Sono stati inoltre registrati 5 parti a domicilio. EVENTO PARTO PER PUNTO NASCITA IN VALORE ASSOLUTO OSPEDALE DI PIARIO OSPEDALE CIVILE S. GIOVANNI BIANCO OSPEDALE CIVILE S. BIAGIO CLUSONE OSPEDALE PASSI CALCINATE POLICLINICO SAN PIETRO SPA PONTE SAN PIETRO OSPEDALE PESENTI FENAROLI ALZANO LOMBARDO OSPEDALE BOLOGNINI SERIATE OSPEDALE DI TREVIGLIO E CARAVAGGIO OSPEDALI RIUNITI BERGAMO

10 EVENTO PARTO PER PUNTO NASCITA PER ANNO OSPEDALE BOLOGNINI SERIATE OSPEDALE CIVILE S. GIOVANNI BIANCO OSPEDALE CIVILE S. BIAGIO CLUSONE / OSPEDALE DI PIARIO OSPEDALE DI TREVIGLIO E CARAVAGGIO OSPEDALE PASSI CALCINATE OSPEDALE PESENTI FENAROLI ALZANO LOMBARDO OSPEDALI RIUNITI BERGAMO POLICLINICO SAN PIETRO SPA PONTE SAN PIETRO Il 20 % dei parti ha avuto luogo in strutture che assistono meno di parti/anno: Ospedale Civile di San Giovanni Bianco, Ospedale Civile S. Biagio di Clusone / Ospedale di Piario, Ospedale Passi di Calcinate, Policlinico San Pietro SPA di Ponte San Pietro. Il 37 % ha avuto luogo nell unica struttura provinciale che assiste più di parti/anno (Ospedali Riuniti di Bergamo). 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% DISTRIBUZIONE NASCITE PER N. PARTI IN PUNTI NASCITA SUDDIVISI IN CLASSI PER ANNO < > %

11 CARATTERISTICHE DELLA MADRE 3. Nazionalità della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Cittadinanza della madre. - In totale sono state analizzate schede (95,7%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. - Il dato della cittadinanza è stato considerato senza distinguere tra madri cittadine italiane dalla nascita e madri che hanno acquisito la cittadinanza successivamente. L analisi per nazionalità della madre mostra che il 76% del totale è costituito da madri italiane, mentre il restante 24% è costituito da madri straniere. Come già evidenziato in merito al numero complessivo dei nuovi nati è sempre più consistente l apporto delle madri di nazionalità straniera. Infatti nel corso del quinquennio i parti da madri straniere hanno subito un incremento del 52%, mentre i parti da madri italiane hanno subito una flessione del 6%: N. PARTI DA MADRI ITALIANE E STRANIERE PER ANNO ITALIANA STRANIERA Le cinque nazionalità più rappresentative in provincia (Marocco, Romania, Albania, India e Senegal) rappresentano il 62% di tutti i parti di madri straniere e il 15% del totale dei parti: 9

12 PRINCIPALI NAZIONALITA' STRANIERE N. % SUI PARTI DI MADRI STRANIERE % SUL TOT MAROCCO ,1% 5,7% ROMANIA ,5% 2,7% ALBANIA ,6% 2,5% INDIA ,2% 1,9% SENEGAL 968 7,6% 1,8% TOT ,0% 14,8% La nazionalità si è rivelata, nel corso delle analisi delle diverse variabili legate alla gestione della gravidanza, un fattore importante di criticità che verrà successivamente evidenziato. 4. Stato civile della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Stato civile della madre. - In totale sono state analizzate schede (98,1%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. L elaborazione per anno dello stato civile della madre mostra un aumento costante del numero di madri nubili (+32%). Nel certificato è compresa anche la voce non dichiarato, presente in numero trascurabile nelle schede considerate (0,6%). L indicatore madre nubile presenta comunque il limite di non permettere una distinzione tra scelta autonoma della donna e possibile condizione di vulnerabilità sociale (famiglia monoparentale) come evidenziato anche dal Rapporto CedAP 2007 della Regione Emilia Romagna. Nel quinquennio il n. di parti di madri coniugate ha subito una flessione del 7%, mentre la somma dei parti di donne separate o divorziate è incrementata del 10%. 10

13 100% STATO CIVILE DELLA MADRE PER ANNO % DIVORZIATA 60% SEPARATA 40% NUBILE 20% CONIUGATA 0% Titolo di studio della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Titolo di studio della madre. - In totale sono state analizzate schede (97,3%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. - Le informazioni Titolo di studio della madre e Cittadinanza della madre erano presenti in schede (94,5%) La variabile della scolarità è considerata particolarmente importante in quanto si ritiene che possa influenzare sia l accesso ai servizi sia le strategie di assistenza verso il feto e il neonato (vedi Sez. Le diseguaglianze nel percorso nascita, Rapporto CedAP 2007 Regione Emilia Romagna). Il livello di scolarità più diffuso tra le partorienti del quinquennio è medio alto (diploma di scuola media superiore, 42%), seguito dal livello di scolarità medio basso (diploma di scuola media inferiore, 37%). L alta scolarità (laurea o laurea breve) rappresenta il 17%, mentre le donne a bassa scolarità (prive di titolo di studio o in possesso di licenza elementare) costituiscono il 3% del totale. 11

14 SCOLARITA' MADRE % 90% % 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ALTA MEDIO - ALTA MEDIO - BASSA BASSA L andamento del quinquennio mostra alcune particolarità: si assiste da un lato ad un marcato aumento delle madri ad alta scolarità (+ 29%), progressivo e costante per tutti gli anni considerati, ma contestualmente aumentano anche le madri a bassa scolarità (+ 16%): questo secondo andamento può essere interpretato come esito dell afflusso di madri straniere a bassa scolarità, come emerge anche incrociando la scolarità delle madri con la nazionalità: SCOLARITA' DELLA MADRE PER NAZIONALITA' % 90% ALTA 80% 70% 60% 50% MEDIO - ALTA 40% 30% MEDIO - BASSA 20% 10% 0% BASSA SCOLARITA' MADRE ITALIANA SCOLARITA' MADRE STRANIERA L incrocio di queste variabili per singolo anno rende ancora più visibile il fenomeno: per le madri italiane si evidenzia un marcato aumento dei livelli di alta scolarità (+ 26%), a fronte di un altrettanto marcata diminuzione dei livelli di scolarità bassa e medio - bassa (rispettivamente -32% e -27%). Nel caso delle madri straniere si assiste ad incrementi marcati in tutte le classi di scolarità, esito dell aumento costante del n. di madri straniere sul totale delle madri: 12

15 SCOLARITA' VARIAZ VARIAZ MADRE ITALIANA MADRE STRANIERA BASSA -32% + 37% MEDIO - BASSA -27% + 64% MEDIO - ALTA -1% + 40% ALTA 26% + 59% In totale tra le donne straniere il 61,6% è contraddistinta da bassa o medio -bassa scolarità, mentre tra le donne italiane questa percentuale è pari al 32,4%. 6. Condizione professionale della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Condizione professionale della madre. - In totale sono state analizzate schede (98,4%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. - Le informazioni Condizione professionale della madre e Età della madre erano presenti in schede (98,1%). - Le informazioni Condizione professionale della madre e Cittadinanza della madre erano presenti in schede (95,5%). - Le informazioni Condizione professionale della madre, Parti precedenti con valore del campo uguale a 0 e Cittadinanza della madre erano presenti in schede (47,6%). L andamento generale del quinquennio evidenzia una sostanziale stabilità delle madri occupate (-0,7%) a fronte di un considerevole aumento delle madri disoccupate (+36,1%) e delle madri casalinghe (+ 9,9%). In crescita anche il numero delle donne studenti (+24,7%) mentre diminuisce il numero di coloro che si collocano nella categoria più generale di Altra condizione (-23,5): 13

16 CONDIZIONE PROFESSIONALE MADRE % % STUDENTE 80% DISOCCUPATA 70% 60% CASALINGA 50% OCCUPATA 40% Il dato risulta difficilmente interpretabile in considerazione del confine non sempre definito tra condizioni diverse (casalinga, disoccupata, in cerca di prima occupazione) nonché dall impatto possibile del fenomeno del lavoro nero, non quantificabile ma verosimilmente diffuso, e della posizione di irregolare della madre (vedi Rapporto CedAP 2007 Regione Emilia Romagna). La difficoltà nell interpretazione è resa più evidente dall incrocio del dato con la variabile Età della madre, che mostra nelle classi d età più basse (15-19 anni e anni) percentuali al di sopra del 60% di madri casalinghe. CONDIZIONE PROFESSIONALE DELLA MADRE PER ETA' PER ANNO > OCCUPATA CASALINGA DISOCCUPATA IN CERCA DI 1 OCCUPAZIONE STUDENTE ALTRA CONDIZIONE % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 14

17 Incrociando il dato della Condizione professionale della madre con la variabile Cittadinanza della madre emerge che nel quinquennio risulta occupata il 24% delle madri straniere a fronte dell 81% delle madri italiane, e si definisce casalinga il 72% delle madri straniere a fronte del 16% delle madri italiane. Alla voce disoccupata corrispondono il 3% delle madri straniere e il 2% delle madri italiane. Le percentuali delle voci in cerca di prima occupazione e altra condizione corrispondono a valori decisamente marginali (sempre al di sotto dello 0,2% sia per le donne italiane che per le donne straniere): NAZIONALITA' CONDIZIONE PROFESSIONALE MADRE N. % ITALIANA OCCUPATA ,32% CASALINGA ,56% DISOCCUPATA 899 2,20% STUDENTE 312 0,76% ALTRA CONDIZIONE 42 0,10% IN CERCA DI PRIMA OCCUP. 19 0,05% TOTALE ,00% STRANIERA OCCUPATA ,15% CASALINGA ,78% DISOCCUPATA 380 2,98% STUDENTE 105 0,82% ALTRA CONDIZIONE 24 0,19% IN CERCA DI PRIMA OCCUP. 9 0,07% TOTALE ,00% L incrocio dei dati considerando le sole madri primipare mostra un aumento della condizione di occupata ed una diminuzione della condizione di casalinga sia nelle donne italiane che nelle donne straniere: POSIZIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : ITALIANE % OCCUPATA ,7% CASALINGA ,0% DISOCCUPATA 589 2,8% STUDENTE 269 1,3% ALTRA CONDIZIONE 18 0,1% IN CERCA DI PRIMA OCCUPAZIONE 18 0,1% TOTALE POSIZIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : STRANIERE % OCCUPATA ,0% CASALINGA ,7% DISOCCUPATA 212 3,7% STUDENTE 76 1,3% ALTRA CONDIZIONE 6 0,1% IN CERCA DI PRIMA OCCUPAZIONE 8 0,1% TOTALE

18 7. Posizione nella professione della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Posizione nella professione della madre (valore presente soltanto nei casi in cui la madre risultava occupata nel campo Condizione professionale della madre ). - In totale sono state analizzate schede (65,4%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. - Le informazioni Posizione nella professione della madre e Età della madre erano disponibili in schede (65,2%). - Le informazioni Posizione nella professione della madre e Cittadinanza della madre erano disponibili in schede (64,7%). - Le informazioni Posizione nella professione della madre, Parti precedenti con valore del campo uguale a 0 e Cittadinanza della madre erano disponibili in schede (35,7%). La tipologia professionale più diffusa tra le donne che hanno partorito nel quinquennio è quella impiegatizia (52%), seguita dalla condizione professionale di operaia (27%). Rivestono percentualmente importanza minore le professioni imprenditoriali / libero professionali (6%), la condizione di lavoratore autonomo (4%), le posizioni direttive (1%). Il 10% delle donne è stata collocata nella categoria altri lavori dipendenti, che data la sua genericità non consente ulteriori elaborazioni. L andamento del quinquennio mostra un sostanziale mantenimento nella composizione dei gruppi delle madri per anno: POSIZIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE PER ANNO % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO LAVORATORE AUTONOMO IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS. LAV. DIP. - ALTRO LAV. DIP. - OPERAIO LAV. DIP. - IMPIEGATO L aumento percentualmente più rilevante riguarda la categoria del lavoro autonomo (+ 36%). L incrocio del dato con la variabile Età della madre mostra una predominanza della condizione professionale operaia nelle classi di età più basse (fino a 24 anni), mentre dal 25 anno di età predomina la professione di impiegata. La condizione di libera 16

19 professionista / imprenditrice assume un significato rilevante nelle classi di età più elevate (a partire da 30 anni): POSIZIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE PER ETA' > LAV. DIP. - OPERAIO LAV. DIP. - IMPIEGATO LAV. DIP. - ALTRO LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO LAVORATORE AUTONOMO < % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS. La predominanza della professione operaia emerge in modo netto anche nell incrocio del dato con la variabile Cittadinanza della madre : PROFESSIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : ITALIANE % LAV. DIP. - IMPIEGATO ,8% LAV. DIP. - OPERAIO ,4% LAV. DIP. - ALTRO ,4% IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS ,8% LAVORATORE AUTONOMO ,2% LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO 482 1,5% TOTALE PROFESSIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : STRANIERE % LAV. DIP. - IMPIEGATO ,0% LAV. DIP. - OPERAIO ,2% LAV. DIP. - ALTRO ,0% IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS. 67 2,2% LAVORATORE AUTONOMO 68 2,2% LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO 13 0,4% TOTALE L incrocio dei dati considerando la parità, e in particolare isolando le sole madri primipare, mostra un deciso aumento, indipendentemente dalla nazionalità, della posizione professionale di lavoratore autonomo ed una leggera flessione delle posizioni imprenditoriali / libero professionali. Le donne straniere primipare mostrano inoltre una maggiore percentuale della professione operaio, mentre tra le donne italiane primipare aumenta la professione impiegato : 17

20 PROFESSIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : MADRI PRIMIPARE ITALIANE LAV. DIP. - OPERAIO ,1% LAV. DIP. - IMPIEGATO ,2% LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO 242 1,3% IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS ,5% LAV. DIP. - ALTRO 689 3,7% LAVORATORE AUTONOMO ,2% TOTALE % PROFESSIONE NELLA PROFESSIONE DELLA MADRE : MADRI PRIMIPARE STRANIERE LAV. DIP. - OPERAIO ,0% LAV. DIP. - IMPIEGATO ,3% LAV. DIP. - DIRIGENTE/DIRETTIVO 10 0,6% IMPRENDITORE / LIBERO PROFESS. 27 1,7% LAV. DIP. - ALTRO 22 1,4% LAVORATORE AUTONOMO ,9% TOTALE % 8. Ramo di attività economica della madre - Il numero dei nuovi nati complessivo per il quinquennio è Ogni parto è stato considerato una sola volta, a prescindere dalla sua tipologia (semplice o plurimo): sono pertanto state considerate le schede CedAP riportanti il valore 1 nel campo Ordine di nascita. Tra queste sono state analizzate le schede riportanti un valore corretto nel campo Ramo di attività economica della madre (valore presente soltanto nei casi in cui la madre risultava occupata nel campo Condizione professionale della madre ). - In totale sono state analizzate schede (65,4%). Le schede CedAP che non riportavano i dati richiesti per l elaborazione o li riportavano in modo non corretto non sono state utilizzate. - Le informazioni Ramo di attività economica della madre e Posizione nella professione della madre erano disponibili in schede (65,4%). - Le informazioni Ramo di attività economica della madre e Cittadinanza della madre erano disponibili in schede (64,7%). - Le informazioni Ramo di attività economica della madre, Posizione nella professione della madre e Stato Civile della madre con valore nubile erano disponibili in schede (13%). Complessivamente le donne occupate che hanno partorito nel quinquennio sono impiegate prevalentemente nel settore commercio, pubblici servizi e alberghi (31,7%) e nell industria (31,5%). Il 27,7% risulta occupato nel settore altri servizi privati, l 8,4% nella pubblica amministrazione, e infine lo 0,7% nel settore agricoltura, caccia e pesca. L andamento nel quinquennio evidenzia una flessione nel settore agricoltura, caccia e pesca (-13%), nella pubblica amministrazione (-11%) e nel settore commercio, pubblici servizi e alberghi (-9,2%), mentre il n. delle donne impiegate nel settore altri servizi privati è aumentato del 13,7%: 18

21 RAMO DI ATTIVITA' ECONOMICA DELLA MADRE PER ANNO % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% AGRICOLTURA, CACCIA/PESCA PUBBLICA AMMINISTRAZIO NE ALTRI SERVIZI PRIV. INDUSTRIA COMMERCIO, PUBBLICI SERVIZI, ALBERGHI Il dato incrociato con la variabile Cittadinanza della madre evidenzia che le madri straniere sono prevalentemente impiegate nell industria (42,6%). Le donne italiane risultano più omogeneamente distribuite nei settori di occupazione commercio, industria e altri servizi privati. Nel settore pubblica amministrazione è evidente una predominanza di occupazione di donne italiane: RAMO DI ATTIVITA' ECONOMICA DELLA MADRE PER NAZIONALITA' NAZIONALITA' RAMO DI ATTIVITA' ECONOMICA N. % ITALIANA COMMERCIO, PUBBLICI SERVIZI, ALBERGHI ,8% INDUSTRIA ,3% ALTRI SERVIZI PRIV ,1% PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ,1% AGRICOLTURA, CACCIA/PESCA 226 0,7% TOTALE ,0% STRANIERA INDUSTRIA ,6% ALTRI SERVIZI PRIV ,7% COMMERCIO, PUBBLICI SERVIZI, ALBERGHI ,6% PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 69 2,2% AGRICOLTURA, CACCIA/PESCA 26 0,8% TOTALE ,0% L incrocio del dato con la variabile posizione nella professione permette di valutare le diverse tipologie di occupazione nei diversi rami di attività economica. In alcuni settori di attività emerge come dominante una specifica tipologia professionale (operaio nell industria, lavoratore autonomo nel commercio, imprenditore / libero professionista nei servizi privati): le madri operaie occupate nell industria sono diminuite nel 19

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le nascite nel Lazio Anno 2011 Gennaio 2013 Le nascite nel Lazio Anno 2011 a cura di: Domenico Di Lallo Sara Farchi Arianna Polo Francesco Franco Valeria De Pascali

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CEDAP)

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CEDAP) Osservatorio Epidemiologico LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO (CEDAP) 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PART 3

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA:

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: DAI DATI ALLE SCELTE La valutazione dei risultati delle aziende territoriali toscane a cura di: Sabina Nuti Direttore Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant'Anna

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli