Gravidanza e parto nella tradizione popolare del "Salento" Ilenia Petrelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gravidanza e parto nella tradizione popolare del "Salento" Ilenia Petrelli"

Transcript

1 Ilenia Petrelli Premessa L'indagine di cui mi appresto a scrivere ha preso in considerazione elementi di ricerca presenti nel territorio salentino. Scopo di questo lavoro è quello di rilevare se tra le esperienze di gravidanza della generazione più giovane, quella vicina ai trent'anni, permangano ancora tracce di antiche usanze, riti, credenze e prescrizioni della tradizione popolare. Per la realizzazione dell'indagine ho messo a confronto, tenendolo sempre come punto di riferimento,il materiale che ho tratto dalle testimonianze di due signore anziane Antonietta e Carmela Quarta e dalla bibliografia che ho poi indicato, con la testimonianza quindi di una giovane madre, Simona D'Agostino, 27 anni, madre di una bimba di due anni. Il colloquio con Simona mi ha permesso, inoltre, di capire e conoscere le esperienze di maternità di altre ragazze da lei conosciute e di cui mi ha riferito, estendendo e generalizzando così le sue informazioni da un piano essenzialmente individuale e personale a quello più collettivogenerazionale. Il contesto giovanile preso in considerazione, è risultato così costituito da giovani madri mediamente acculturate e appartenenti a vari ceti economici. Da quest'indagine ciò che emerge è come riti e credenze del passato siano comunque sempre presenti in ogni ceto sociale ed economico anche se con "gradazioni" e riferimenti diversi a seconda degli aspetti analizzati. 1. Attesa e gravidanza tra passato e presente: simboli credenze e riti propiziatori Il concetto di attesa, designa il periodo che va dal concepimento al parto. Può a mio parere, però, identificarsi con tale termine anche il periodo immediatamente precedente il concepimento e quindi attesa come speranza per ciò che ancora non c'è o che si sta formando e che si desi- 209

2 dera fortemente e che molto spesso può diventare motivo di ritorno alla tradizione o per meglio dire a un " rivivere un passato nel presente" che possa dare "più certezze", ricostruendone i tratti essenziali attraverso usanze e pratiche antiche ma anche tramite nuove credenze, nuove forme di ritualizzaztone. L' attesa è dunque un periodo di forti tensioni,grandi emozioni, culmine espressivo del senso dell' ignoto, ricco di trasformazioni fisico-corporee ma anche emotive che richiedono un senso di protezione che può a volte, andare anche al di là di ogni principio medico- scientifico. Ecco allora, il rito come acquisizione o "garanzia" di maggiore rassicurazione e come convinzione relativa ad un legame tra il corpo, il comportamento della madre e la vita futura del bambinol quale presenza costante e sostenitrice di tutta l'esperienza inerente la maternità. Nel passato tale esperienza era essenzialmente intesa come realizzazione effettiva e permanente dell'identità femminile. Avere dei figli era quasi "un dovere", una prescrizione a cui non ci si poteva sottrarre per venire così incontro a quelle che erano le esigenze sociali ed economiche del tempo. Una prole numerosa si identificava, infatti, come garanzia di un sicuro sostegno per la famiglia. Non essere in grado di mettere al mondo dei figli era segno dunque di "incapacità produttiva" che trasmetteva nella donna un forte senso di colpa. Così, quando la gravidanza tardava ad arrivare, si attivavano una serie di "procedure" che coinvolgevano la levatrice, la fattucchiera, la maga ma anche la sfera del sacro. 2 Oggi di tali pratiche sono rimaste solo poche tracce, ciò che permane è invece, anche se più raramente, quel concetto di nullità con cui si connota una donna sterile. Malgrado infatti la generazione attuale abbia in linea di massima superato tali pregiudizi, dalla mia intervista realizzata a Simona D'agostino (anni 27, madre di una bambina di 2 anni) risulta comunque originarsi nell' inconscio femminile un forte condizionamento sociale operato soprattutto dalle donne più anziane. S. riferisce che sono ancora frequenti i pellegrinaggi ai santuari, in 1 G. RANISIO, Venire al mondo, Roma, Meltemi, 1996, p vi, pp

3 Nenia Petrelli particolare quelli mariani, vari atti di devozione verso i santi e l'uso di porre le figurine dei santi sul comodino della donna incinta. Altre donne invece riferiscono che quando si sono trovate in situazioni tipiche della sterilità, hanno subito contattato un medico, affidandosi completamente ai suoi pareri scientifici. Si può quindi dedurre che tali pratiche propiziatorie della gravidanza, sono ancora in uso nei ceti economicamente più bassi o comunque nelle donne fortemente credenti. In passato l'immagine di un Santo particolarmente invocato poteva anche essere posta sugli "abitini" 3 dei bambini appena nati e su quelli delle partorienti che erano spesso forniti dal prete. Tale pratica che aveva chiaramente una funzione religioso- protettiva, oggi invece, pare essere scomparsa in quanto sostituita da un altra pratica, risalente circa agli anni trenta del '900 che è quella di utilizzare il rosa o il celeste per connotare, identificare e distinguere il sesso del nascituro. 4 Di questi colori è impregnato il fiocco che viene posto sulla soglia di casa con lo scopo di soddisfare l'esigenza di una maggiore comunicazione dell'evento e di una partecipazione più ampia allo stesso. Anche il porre il fiocco proprio sulla soglia corrisponde ad un messaggio molto forte e cioè indica sinteticamente e simbolicamente il passaggio materiale percorso dal bambino al fine di introdursi nella famiglia come nuovo membro sociale. Il fiocco, come mi riferisce S. D. viene conservato mantenendo un significato affettivo. Ancora assumono un valore simbolico-affettivo altrettanto consistente anche la prima camicia che deve essere in seta o in cotone e deve essere regalata da un parente molto stretto e il braccialetto fornito dall' ospedale. Sia la camicia che il braccialetto poi saranno considerati come oggetti porta fortuna per la futura vita del bambino. Di rosa o celeste è contrassegnato anche il cesto dove mettere tutti i prodotti necessari per il neonato. Se per tutta la gravidanza non si riesce a capire il sesso, allora bisogna preparare due cesti poiché è diffusa la credenza che nascere senza cesto pronto sia di malaugurio. 3 Ivi, p vi, p

4 La donna incinta soprattutto nel passato era oggetto di prescrizioni e credenze basate sulla convinzione che esiste uno stretto legame tra il corpo, il comportamento della madre e il destino del bambino. Per esempio si diceva che una donna gravida non doveva passare su alcun tipo di corda né mettere attorno al collo una corda, un filo per cucire o anche una collana. Tale atto infatti poteva ripercuotersi negativamente sulla riuscita del parto: c'era il rischio che il cordone ombelicale si attorcigliasse intorno al collo del bambino. Inoltre, ancora, si concedeva alla donna incinta di cucire ma non di lavorare ai ferri perché la lana si intreccia e dunque questa procedura poteva causare un attorcigliamento del cordone. Attualmente da parte della generazione più giovane, è ancora diffuso, come mi dice S. D., l'uso di porre ai bambini per voto il nome del santo invocato durante la gravidanza affinché tutto proceda bene. E ancora si ritiene che il bello attiri il bello perciò le donne più anziane consigliano a quelle più giovani di soffermarsi ad osservare immagini graziose, gradevoli, soprattutto di bei bambini.si pensa così che questo possa far nascere bambini a loro volta belli. Al contrario guardare scene cosiddette brutte, come riferisce S. D., quali per esempio quelle dei film dell'orrore, potrebbe far nascere il bambino mal formato. S. D. mi racconta anche che quando era incinta le veniva sconsigliato categoricamente di guardare gatti e cani perché portatori di toxplasmosi. La sola vista di tali animali poteva infettare anche il nascituro secondo una credenza antica. Inoltre è considerato ancora oggi pericoloso guardare lucertole e i rettili in genere, in quanto il bambino nel grembo materno potrebbe assumere il loro aspetto. E' altrettanto grave per una donna incinta incrociare le gambe: al momento del parto infatti, il bambino potrebbe non riuscire ad uscire e soffocare dentro il corpo della madre. Infine molte donne evitano tuttora di partecipare ai funerali e cercano di evitare categoricamente di vedere il defunto. Tale atto potrebbe portare delle "complicazioni" nella futura vita del bimbo. Il corpo della donna gravida assume particolari significati anche in relazione alla consapevolezza che esso è il veicolo dell' alimentazione che si trasmette al bambino. Attraverso il corpo della madre cioè, passa il "nutrimento"per il figlio e quindi da ciò scaturiscono tutta una serie di consuetudini alimentari. Tra le donne della generazione più anziana la questione relativa alla "cu- 212

5 Ilenia Petrelli ra alimentare", non era molto presa in considerazione, soprattutto a causa della profonda miseria che caratterizzava quegli anni. Si rileva invece, come le donne di quella stessa generazione,abbiano trasmesso alla generazione successiva la raccomandazione espressa dal proverbio secondo il quale la donna incinta deve mangiare per due perché il bambino possa crescere bene. 5 Nell' ultima generazione poi, quella da me presa in analisi, risulta invece come, malgrado la raccomandazione di un'alimentazione abbondante si estenda anche a loro, esse però, che si sottopongono sempre più spesso al controllo medico al contrario delle loro madri, sono tenute al rispetto di diete e cautele alimentari. Da qui, lo scaturirsi di un profondo conflitto in loro, tra sapere tradizionale popolare e quello medico. In passato il discorso alimentare relativo alla donna incinta, ruotava in particolare intorno a quello predominante delle "voglie". E' interessante notare come tale argomento sia oggetto d'attenzione e "d'influenza" anche nella generazione più giovane costituendo così un profondo divario e uno scontro di vaste proporzioni con quello che è il parere medico. Le voglie si collegano a quello stretto rapporto tra sensazioni, stati d' animo, comportamento della madre e aspetto del nascituro, da ciò I' attenzione e la considerazione attribuita ai desideri alimentari delle gestanti S. D. mi riferisce che quando si è incinte tutti soddisfano i tuoi desideri alimentari. Racconta ancora: "si dice che finché non ti portano da mangiare ciò che desideri e che hai chiesto devi stare con le mani in alto e non toccarti altrimenti il bambino potrebbe nascere con una voglia cioè :una macchia con lo stesso colore del cibo che si desidera". Poi S. D. mi racconta che è ancora diffusa la credenza secondo la quale bisogna bere molto latte perché il bambino possa nascere con la pelle bianca e rosea. Ancora si ritiene che non si debbano mangiare frutti di mare e verdura, perché potrebbe causare "dolori al bambino". Fa quindi riferimento alla questione relativa al mangiare in abbondanza e ricorda un proverbio che le riferisce sempre la suocera che dice 5 1 vi, p

6 che di ogni cosa che si mangia, non si deve mai lasciare "l'ultima scolatura" perché porta bene alla gravidanza. S. D. conclude dicendomi che malgrado il medico le abbia consigliato di mangiare tutto con moderazione accertandosi che frutta e verdura siano ben lavate e non portatori di epatite c, essa molto spesso tende a farsi influenzare dalle "dicerie", così le chiama delle anziane. Riferisce inoltre che è più che altro una questione di gioco, forse una delle ultime occasioni per farsi trattare ancora come una bambina con mille desideri. Una delle "ideologie"dominanti del pensiero popolare è quello relativo al luogo comune secondo il quale le donne preferiscono avere un figlio maschio, soprattutto nel caso del primo. Tale credenza aveva ovviamente dei risvolti di carattere economico, sociale e culturale. Avere un figlio maschio significava infatti accrescere la forza lavoro familiare e soprattutto evitare la dote che invece bisognava preparare alla figlia femmina. Ancora avere un maschio significava assicurare la continuità della famiglia del marito, secondo la discendenza del nonno paterno. Era infatti diffuso assegnare al primo figlio il nome del nonno:ciò era simbolo di riconoscimento, di appartenenza e rivelava la posizione dell'individuo in una certa famiglia. Probabilmente il desiderio di un figlio maschio, colmava anche e compensava quel senso di frustrazione derivante nella donna da quella sensazione di inferiorità a cui per molti anni è stata soggetta. Avere un maschio inoltre era importante per la sua stessa vita futura che sarebbe stata sicuramente " più facile " di quella di una femmina. Vi sono tuttavia credenze che invece mettono in evidenza al contrario la necessità di avere per primo una figlia soprattutto all' interno di una famiglia numerosa. Una primogenita infatti è, secondo la concezione popolare di aiuto in casa e poi le si può affidare la cura dei fratelli più piccoli. S. D. ricorda anche un detto di sua suocera che dice: "se si vuol fare una buona maritata figlia femmina a prima volta devi avere". Nella generazione più giovane 1' ideologia del figlio maschio non sembra essere del tutto scomparsa, non tanto per ragioni economiche ma per questioni di "prestigio morale". S. D. mi racconta che suo marito (Damiano Maglietta, 34 anni), desiderava avere un figlio per dargli il nome di suo padre e per far contenta 214

7 Ilenia Petrelli la sua famiglia poiché ritiene che avere un maschio accresca la forza e il vigore paterno. S. D. inoltre, nega la questione relativa al ruolo sociale che spetterebbe ad un eventuale maschio o femmina nella società. Un dato interessante è pure quello relativo al numero di figli da concepire. Esso ha subito un mutamento profondo verificatosi in particolare negli ultimi anni. In passato c'era da parte della donna non certamente il desiderio di avere una famiglia numerosa, ma più che altro la rassegnazione per tale scelta imposta dal marito che riteneva che avere una prole numerosa fosse di sostegno economico al gruppo familiare. In tutto questo la donna, però, ne perdeva in dignità e attenzione in quanto assimilata ad una macchina produttrice. Le donne più giovani oggi invece, possono permettersi di oscillare tra il desiderio di una famiglia numerosa e la scelta reale per una famiglia con al massimo due figli a causa dei problemi economici che poi ne scaturiscono. S. D. mi dice che per lei e suo marito la scelta di avere una piccola famiglia è stata concordata e comunque oggi, al contrario del passato, sono le donne che impongono in base alle loro esigenze (fisiche, caratteriali, di lavoro) il numero di figli, quando e a che età averli. Parla ancora di scelta operata in relazione allo sviluppo socio economico che negli ultimi anni si è verificato. "Oggi dice bisogna seguire i figli a scuola, la scuola è cambiata, le esigenze sono diverse, è necessario accompagnarli dappertutto, in palestra,in piscina, ecc. E poi ci sono gli impegni miei e di mio marito. Una volta quando ci si sposava non c' erano più ambizioni, viaggi, oggi non è così". Se nel rapporto di coppia si nota un' evidente predominanza della donna in riferimento al numero dei figli da avere, dall' intervista realizzata a S. D., ho potuto rilevare però come in quest' ultima generazione, si stia assistendo parallelamente anche ad un processo di mascolinizzazione6 sia per il predominio dei medici che si sono sostituiti alla figura della levatrice,sia per il ruolo giocato dal marito che fa da tramite tra la moglie e il medico. Tale funzione un tempo era generalmente svolta dal- 6 1 vi, p

8 la suocera che aiutava e accompagnava la donna in ogni fase della sua gravidanza.dalle stesse interviste risulta chiaro quindi la percezione che di tale rapporto (marito moglie) hanno le donne: il marito è colui che lavora ma trova il tempo di aiutare la moglie durante la gravidanza nelle faccende domestiche e poi, è anche colui che una volta nato il bambino, prepara il biberon, oppure la borsa con tutte le cose del figlio che la moglie porterà con sé ogni volta che uscirà. Un altro elemento ancora sottolineato dall'intervistata è la premura del marito, cioè l' attenzione e la comprensione dimostrate nel periodo della gravidanza. In passato dato che le condizioni di vita erano più dure la donna era costretta a lavorare nei campi insieme al marito anche fino a poche settimane prima di partorire. La figura del maschio, quindi in casa, era considerata quasi assente e sostituita generalmente dalle altre donne della famiglia. Per quanto riguarda invece i consigli più intimi e delicati, oggi la donna fa riferimento ad un' altra figura: la madre. S. D. afferma a proposito: "mia madre è colei che mi ha portato in grembo e quindi sa che cosa vuol dire essere incinta". 2. La nascita: scene, luoghi e figure Il momento del parto costituisce il primo passaggio da uno stato ad un altro dell' esistenza. In passato esso era scandito da riti di carattere familiare atti a proteggere la madre e il bimbo, ma anche simboleggianti la fase della separazione dalla madre verso il nuovo inserimento nel gruppo familiare del neonato. Diffusa era la credenza secondo la quale i bambini cosiddetti nati "con la camicia" cioè con intorno la membrana amniotica, fossero dotati di poteri particolari. Un tempo poi, il parto, avveniva in casa sotto gli occhi delle parenti.venivano così rivolte al bambino tutta una serie di cure sia in senso fisico che simbolico: l'ostetrica gli aspirava i muchi, poi veniva lavato, messo vicino alla madre e quindi preso in braccio a turno dalle donne presenti, la suocera aveva il compito di baciarlo in fronte. Il primo bagnetto aveva un valore simbolico molto forte: era segno infatti di purificazione. In genere poi quell'acqua veniva gettata nel caso di una bambina nel Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di 'MAGO - Lecce 216

9 Ilenia Petrelli focolare, nel caso di un maschietto all'esterno della casa, a simboleggiare i due diversi destini. Attualmente il bambino in ospedale viene fatto vedere solo per pochi minuti alla madre e poi affidato alle cure delle puericultrici che effettueranno il bagnetto senza però caricarlo di particolari significati. S. D. riferisce che rispetto ad un tempo sicuramente in ospedale ci sono più garanzie e quando le faccio notare che l'ospedale con le sue fasi tecniche (affidamento alle puericultrici, spostamento "arbitrario" del neonato dal letto alla culla) opera continuamente delle forme di "separazione sociale "e di mortificazione della funzione femminile, essa mi risponde affermando che probabilmente i risvolti di tali regole ospedaliere non sono del tutto negativi in quanto tutto ciò permette alla mamma di rilassarsi e di superare la tensione accumulata nel corso della gravidanza che certamente non potrebbe permetterle di prendersi cura oltre che di se stessa anche del proprio bambino. D'altra parte però, ammette anche che è certamente vero, che rispetto al passato il bambino subisce un distacco immediato dalla famiglia che un tempo non poteva verificarsi in quanto non vi erano né maestri né una scienza scritta ad imporre regole e le donne si aiutavano a vicenda e le loro pratiche venivano tramandate dall'una all'altra. 7 Durante il parto ma anche per tutta la durata della gravidanza quindi e per i primi mesi di via del bambino, sulla scena erano presenti la suocera, la madre, le vicine di casa. Tra queste donne che attorniavano la gravida, c'era chi la massaggiava, chi le soffiava in bocca per impedire che l'utero salisse su, chi era addetto al riscaldamento della camera, chi invece scaldava l'acqua con cui sarebbero stati lavati madre e figlio. Infine c'era l'esperta: la levatrice. Questo nome ha vari radici storiche: presso i latini la levatrice era detta obstetricia cioè, ostacolo, riparo contro i pericoli del parto. A Roma invece, veniva chiamata "mammana" voce composta da una dizione latina che è mamma e un'altra greca che è "ana" (quasi tanto quanto madre). 8 Fino al 1600 circa era detta anche comare cioè consigliera, confidente di segreti. Il termine "levatrice" invece è di più recente utilizzo, risa- 7 C. PANCINO, Il bambino e l'acqua sporca, Milano, Franco Angeli, 1984, p hi p. 61. Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 217

10 le infatti al 1721 quando Sebastiano Melli, Prof. Di chirurgia a Venezia, utilizzò questo termine nel testo "La comare levatrice istruita nel suo uffizio" (1721). 9 Nel Salento in particolare, fino alla prima metà del 1900, questa figura era conosciuta con il termine levatrice o anche comare ma al di là dei vari nomi con cui poteva essere indicata a seconda dei "luoghi e dei tempi", il ruolo e le funzioni che la caratterizzavano sono rimaste quasi sempre inalterate nel corso della storia. In merito a questa questione sostanzialmente le informazioni che ho tratto dalla ricerca bibliografica riflettono quelle raccolte attraverso le testimonianze. Il ruolo della levatrice era oltre che, quello di assistere ad aiutare le partorienti e i neonati, anche quello di consigliare la formazione delle nuove coppie e dare il loro giudizio alle autorità sulla gravidanza e sulla verginità di una donna. Le levatrici non si occupavano solo di parti ma anche delle malattie delle donne e dei bambini, di bellezza e cosmesi, della sessualità e dei rimedi per numerosi disturbi della salute. 10 La loro cultura si basava sulla conoscenza delle proprietà di semplici còse, sulla capacità di comporre bevande e medicamenti. Ma consisteva anche in un bagaglio di preghiere e invocazioni in cui influenze pagane si mescolavano a elementi cattolici. 11 "Saggezza ed esperienza erano primariamente richieste alle donne per avvicinarsi al delicato compito e per questo la levatrice era generalmente una donna di una certa età con numerosi figli". 12 Alle sue cure le donne affidavano se stesse i figli e i segreti. Le levatrici erano in qualche modo sottoposte all'esame del parroco, ad una sorta di selezione. 13 Le bevande, gli inguenti preparati dalle mammane erano ispirati alle virtù medicinali delle piante o ai poteri simbolici magici delle cose. Le comari conoscevano i poteri delle erbe e l'uso delle mani per aiutare le donne che partorivano. Molte volte, figlie di levatrici, dopo aver a loro volta partorito, assumevano in età matura il faticoso mestiere delle ma- 9 /Vi, p Ivi, p /vi. 12 Ivi, p Ivi, p

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B La superstizione e il malocchio Ilaria Manchinu II B La superstizione Da sempre l uomo ha cercato nelle cose, nei segni, negli eventi, i presagi per un suo desiderio, per la sua fortuna. La superstizione

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Le prime parole dei malati e dei familiari

Le prime parole dei malati e dei familiari Gruppo Geode XIX Congresso Nazionale SICP - Torino 9-12 ottobre 2012 Le prime parole dei malati e dei familiari Gruppo Geode: www.hospicediabbiategrasso.it Sede: HOSPICE DI ABBIATEGRASSO Via dei Mille

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli