Gravidanza e parto nella tradizione popolare del "Salento" Ilenia Petrelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gravidanza e parto nella tradizione popolare del "Salento" Ilenia Petrelli"

Transcript

1 Ilenia Petrelli Premessa L'indagine di cui mi appresto a scrivere ha preso in considerazione elementi di ricerca presenti nel territorio salentino. Scopo di questo lavoro è quello di rilevare se tra le esperienze di gravidanza della generazione più giovane, quella vicina ai trent'anni, permangano ancora tracce di antiche usanze, riti, credenze e prescrizioni della tradizione popolare. Per la realizzazione dell'indagine ho messo a confronto, tenendolo sempre come punto di riferimento,il materiale che ho tratto dalle testimonianze di due signore anziane Antonietta e Carmela Quarta e dalla bibliografia che ho poi indicato, con la testimonianza quindi di una giovane madre, Simona D'Agostino, 27 anni, madre di una bimba di due anni. Il colloquio con Simona mi ha permesso, inoltre, di capire e conoscere le esperienze di maternità di altre ragazze da lei conosciute e di cui mi ha riferito, estendendo e generalizzando così le sue informazioni da un piano essenzialmente individuale e personale a quello più collettivogenerazionale. Il contesto giovanile preso in considerazione, è risultato così costituito da giovani madri mediamente acculturate e appartenenti a vari ceti economici. Da quest'indagine ciò che emerge è come riti e credenze del passato siano comunque sempre presenti in ogni ceto sociale ed economico anche se con "gradazioni" e riferimenti diversi a seconda degli aspetti analizzati. 1. Attesa e gravidanza tra passato e presente: simboli credenze e riti propiziatori Il concetto di attesa, designa il periodo che va dal concepimento al parto. Può a mio parere, però, identificarsi con tale termine anche il periodo immediatamente precedente il concepimento e quindi attesa come speranza per ciò che ancora non c'è o che si sta formando e che si desi- 209

2 dera fortemente e che molto spesso può diventare motivo di ritorno alla tradizione o per meglio dire a un " rivivere un passato nel presente" che possa dare "più certezze", ricostruendone i tratti essenziali attraverso usanze e pratiche antiche ma anche tramite nuove credenze, nuove forme di ritualizzaztone. L' attesa è dunque un periodo di forti tensioni,grandi emozioni, culmine espressivo del senso dell' ignoto, ricco di trasformazioni fisico-corporee ma anche emotive che richiedono un senso di protezione che può a volte, andare anche al di là di ogni principio medico- scientifico. Ecco allora, il rito come acquisizione o "garanzia" di maggiore rassicurazione e come convinzione relativa ad un legame tra il corpo, il comportamento della madre e la vita futura del bambinol quale presenza costante e sostenitrice di tutta l'esperienza inerente la maternità. Nel passato tale esperienza era essenzialmente intesa come realizzazione effettiva e permanente dell'identità femminile. Avere dei figli era quasi "un dovere", una prescrizione a cui non ci si poteva sottrarre per venire così incontro a quelle che erano le esigenze sociali ed economiche del tempo. Una prole numerosa si identificava, infatti, come garanzia di un sicuro sostegno per la famiglia. Non essere in grado di mettere al mondo dei figli era segno dunque di "incapacità produttiva" che trasmetteva nella donna un forte senso di colpa. Così, quando la gravidanza tardava ad arrivare, si attivavano una serie di "procedure" che coinvolgevano la levatrice, la fattucchiera, la maga ma anche la sfera del sacro. 2 Oggi di tali pratiche sono rimaste solo poche tracce, ciò che permane è invece, anche se più raramente, quel concetto di nullità con cui si connota una donna sterile. Malgrado infatti la generazione attuale abbia in linea di massima superato tali pregiudizi, dalla mia intervista realizzata a Simona D'agostino (anni 27, madre di una bambina di 2 anni) risulta comunque originarsi nell' inconscio femminile un forte condizionamento sociale operato soprattutto dalle donne più anziane. S. riferisce che sono ancora frequenti i pellegrinaggi ai santuari, in 1 G. RANISIO, Venire al mondo, Roma, Meltemi, 1996, p vi, pp

3 Nenia Petrelli particolare quelli mariani, vari atti di devozione verso i santi e l'uso di porre le figurine dei santi sul comodino della donna incinta. Altre donne invece riferiscono che quando si sono trovate in situazioni tipiche della sterilità, hanno subito contattato un medico, affidandosi completamente ai suoi pareri scientifici. Si può quindi dedurre che tali pratiche propiziatorie della gravidanza, sono ancora in uso nei ceti economicamente più bassi o comunque nelle donne fortemente credenti. In passato l'immagine di un Santo particolarmente invocato poteva anche essere posta sugli "abitini" 3 dei bambini appena nati e su quelli delle partorienti che erano spesso forniti dal prete. Tale pratica che aveva chiaramente una funzione religioso- protettiva, oggi invece, pare essere scomparsa in quanto sostituita da un altra pratica, risalente circa agli anni trenta del '900 che è quella di utilizzare il rosa o il celeste per connotare, identificare e distinguere il sesso del nascituro. 4 Di questi colori è impregnato il fiocco che viene posto sulla soglia di casa con lo scopo di soddisfare l'esigenza di una maggiore comunicazione dell'evento e di una partecipazione più ampia allo stesso. Anche il porre il fiocco proprio sulla soglia corrisponde ad un messaggio molto forte e cioè indica sinteticamente e simbolicamente il passaggio materiale percorso dal bambino al fine di introdursi nella famiglia come nuovo membro sociale. Il fiocco, come mi riferisce S. D. viene conservato mantenendo un significato affettivo. Ancora assumono un valore simbolico-affettivo altrettanto consistente anche la prima camicia che deve essere in seta o in cotone e deve essere regalata da un parente molto stretto e il braccialetto fornito dall' ospedale. Sia la camicia che il braccialetto poi saranno considerati come oggetti porta fortuna per la futura vita del bambino. Di rosa o celeste è contrassegnato anche il cesto dove mettere tutti i prodotti necessari per il neonato. Se per tutta la gravidanza non si riesce a capire il sesso, allora bisogna preparare due cesti poiché è diffusa la credenza che nascere senza cesto pronto sia di malaugurio. 3 Ivi, p vi, p

4 La donna incinta soprattutto nel passato era oggetto di prescrizioni e credenze basate sulla convinzione che esiste uno stretto legame tra il corpo, il comportamento della madre e il destino del bambino. Per esempio si diceva che una donna gravida non doveva passare su alcun tipo di corda né mettere attorno al collo una corda, un filo per cucire o anche una collana. Tale atto infatti poteva ripercuotersi negativamente sulla riuscita del parto: c'era il rischio che il cordone ombelicale si attorcigliasse intorno al collo del bambino. Inoltre, ancora, si concedeva alla donna incinta di cucire ma non di lavorare ai ferri perché la lana si intreccia e dunque questa procedura poteva causare un attorcigliamento del cordone. Attualmente da parte della generazione più giovane, è ancora diffuso, come mi dice S. D., l'uso di porre ai bambini per voto il nome del santo invocato durante la gravidanza affinché tutto proceda bene. E ancora si ritiene che il bello attiri il bello perciò le donne più anziane consigliano a quelle più giovani di soffermarsi ad osservare immagini graziose, gradevoli, soprattutto di bei bambini.si pensa così che questo possa far nascere bambini a loro volta belli. Al contrario guardare scene cosiddette brutte, come riferisce S. D., quali per esempio quelle dei film dell'orrore, potrebbe far nascere il bambino mal formato. S. D. mi racconta anche che quando era incinta le veniva sconsigliato categoricamente di guardare gatti e cani perché portatori di toxplasmosi. La sola vista di tali animali poteva infettare anche il nascituro secondo una credenza antica. Inoltre è considerato ancora oggi pericoloso guardare lucertole e i rettili in genere, in quanto il bambino nel grembo materno potrebbe assumere il loro aspetto. E' altrettanto grave per una donna incinta incrociare le gambe: al momento del parto infatti, il bambino potrebbe non riuscire ad uscire e soffocare dentro il corpo della madre. Infine molte donne evitano tuttora di partecipare ai funerali e cercano di evitare categoricamente di vedere il defunto. Tale atto potrebbe portare delle "complicazioni" nella futura vita del bimbo. Il corpo della donna gravida assume particolari significati anche in relazione alla consapevolezza che esso è il veicolo dell' alimentazione che si trasmette al bambino. Attraverso il corpo della madre cioè, passa il "nutrimento"per il figlio e quindi da ciò scaturiscono tutta una serie di consuetudini alimentari. Tra le donne della generazione più anziana la questione relativa alla "cu- 212

5 Ilenia Petrelli ra alimentare", non era molto presa in considerazione, soprattutto a causa della profonda miseria che caratterizzava quegli anni. Si rileva invece, come le donne di quella stessa generazione,abbiano trasmesso alla generazione successiva la raccomandazione espressa dal proverbio secondo il quale la donna incinta deve mangiare per due perché il bambino possa crescere bene. 5 Nell' ultima generazione poi, quella da me presa in analisi, risulta invece come, malgrado la raccomandazione di un'alimentazione abbondante si estenda anche a loro, esse però, che si sottopongono sempre più spesso al controllo medico al contrario delle loro madri, sono tenute al rispetto di diete e cautele alimentari. Da qui, lo scaturirsi di un profondo conflitto in loro, tra sapere tradizionale popolare e quello medico. In passato il discorso alimentare relativo alla donna incinta, ruotava in particolare intorno a quello predominante delle "voglie". E' interessante notare come tale argomento sia oggetto d'attenzione e "d'influenza" anche nella generazione più giovane costituendo così un profondo divario e uno scontro di vaste proporzioni con quello che è il parere medico. Le voglie si collegano a quello stretto rapporto tra sensazioni, stati d' animo, comportamento della madre e aspetto del nascituro, da ciò I' attenzione e la considerazione attribuita ai desideri alimentari delle gestanti S. D. mi riferisce che quando si è incinte tutti soddisfano i tuoi desideri alimentari. Racconta ancora: "si dice che finché non ti portano da mangiare ciò che desideri e che hai chiesto devi stare con le mani in alto e non toccarti altrimenti il bambino potrebbe nascere con una voglia cioè :una macchia con lo stesso colore del cibo che si desidera". Poi S. D. mi racconta che è ancora diffusa la credenza secondo la quale bisogna bere molto latte perché il bambino possa nascere con la pelle bianca e rosea. Ancora si ritiene che non si debbano mangiare frutti di mare e verdura, perché potrebbe causare "dolori al bambino". Fa quindi riferimento alla questione relativa al mangiare in abbondanza e ricorda un proverbio che le riferisce sempre la suocera che dice 5 1 vi, p

6 che di ogni cosa che si mangia, non si deve mai lasciare "l'ultima scolatura" perché porta bene alla gravidanza. S. D. conclude dicendomi che malgrado il medico le abbia consigliato di mangiare tutto con moderazione accertandosi che frutta e verdura siano ben lavate e non portatori di epatite c, essa molto spesso tende a farsi influenzare dalle "dicerie", così le chiama delle anziane. Riferisce inoltre che è più che altro una questione di gioco, forse una delle ultime occasioni per farsi trattare ancora come una bambina con mille desideri. Una delle "ideologie"dominanti del pensiero popolare è quello relativo al luogo comune secondo il quale le donne preferiscono avere un figlio maschio, soprattutto nel caso del primo. Tale credenza aveva ovviamente dei risvolti di carattere economico, sociale e culturale. Avere un figlio maschio significava infatti accrescere la forza lavoro familiare e soprattutto evitare la dote che invece bisognava preparare alla figlia femmina. Ancora avere un maschio significava assicurare la continuità della famiglia del marito, secondo la discendenza del nonno paterno. Era infatti diffuso assegnare al primo figlio il nome del nonno:ciò era simbolo di riconoscimento, di appartenenza e rivelava la posizione dell'individuo in una certa famiglia. Probabilmente il desiderio di un figlio maschio, colmava anche e compensava quel senso di frustrazione derivante nella donna da quella sensazione di inferiorità a cui per molti anni è stata soggetta. Avere un maschio inoltre era importante per la sua stessa vita futura che sarebbe stata sicuramente " più facile " di quella di una femmina. Vi sono tuttavia credenze che invece mettono in evidenza al contrario la necessità di avere per primo una figlia soprattutto all' interno di una famiglia numerosa. Una primogenita infatti è, secondo la concezione popolare di aiuto in casa e poi le si può affidare la cura dei fratelli più piccoli. S. D. ricorda anche un detto di sua suocera che dice: "se si vuol fare una buona maritata figlia femmina a prima volta devi avere". Nella generazione più giovane 1' ideologia del figlio maschio non sembra essere del tutto scomparsa, non tanto per ragioni economiche ma per questioni di "prestigio morale". S. D. mi racconta che suo marito (Damiano Maglietta, 34 anni), desiderava avere un figlio per dargli il nome di suo padre e per far contenta 214

7 Ilenia Petrelli la sua famiglia poiché ritiene che avere un maschio accresca la forza e il vigore paterno. S. D. inoltre, nega la questione relativa al ruolo sociale che spetterebbe ad un eventuale maschio o femmina nella società. Un dato interessante è pure quello relativo al numero di figli da concepire. Esso ha subito un mutamento profondo verificatosi in particolare negli ultimi anni. In passato c'era da parte della donna non certamente il desiderio di avere una famiglia numerosa, ma più che altro la rassegnazione per tale scelta imposta dal marito che riteneva che avere una prole numerosa fosse di sostegno economico al gruppo familiare. In tutto questo la donna, però, ne perdeva in dignità e attenzione in quanto assimilata ad una macchina produttrice. Le donne più giovani oggi invece, possono permettersi di oscillare tra il desiderio di una famiglia numerosa e la scelta reale per una famiglia con al massimo due figli a causa dei problemi economici che poi ne scaturiscono. S. D. mi dice che per lei e suo marito la scelta di avere una piccola famiglia è stata concordata e comunque oggi, al contrario del passato, sono le donne che impongono in base alle loro esigenze (fisiche, caratteriali, di lavoro) il numero di figli, quando e a che età averli. Parla ancora di scelta operata in relazione allo sviluppo socio economico che negli ultimi anni si è verificato. "Oggi dice bisogna seguire i figli a scuola, la scuola è cambiata, le esigenze sono diverse, è necessario accompagnarli dappertutto, in palestra,in piscina, ecc. E poi ci sono gli impegni miei e di mio marito. Una volta quando ci si sposava non c' erano più ambizioni, viaggi, oggi non è così". Se nel rapporto di coppia si nota un' evidente predominanza della donna in riferimento al numero dei figli da avere, dall' intervista realizzata a S. D., ho potuto rilevare però come in quest' ultima generazione, si stia assistendo parallelamente anche ad un processo di mascolinizzazione6 sia per il predominio dei medici che si sono sostituiti alla figura della levatrice,sia per il ruolo giocato dal marito che fa da tramite tra la moglie e il medico. Tale funzione un tempo era generalmente svolta dal- 6 1 vi, p

8 la suocera che aiutava e accompagnava la donna in ogni fase della sua gravidanza.dalle stesse interviste risulta chiaro quindi la percezione che di tale rapporto (marito moglie) hanno le donne: il marito è colui che lavora ma trova il tempo di aiutare la moglie durante la gravidanza nelle faccende domestiche e poi, è anche colui che una volta nato il bambino, prepara il biberon, oppure la borsa con tutte le cose del figlio che la moglie porterà con sé ogni volta che uscirà. Un altro elemento ancora sottolineato dall'intervistata è la premura del marito, cioè l' attenzione e la comprensione dimostrate nel periodo della gravidanza. In passato dato che le condizioni di vita erano più dure la donna era costretta a lavorare nei campi insieme al marito anche fino a poche settimane prima di partorire. La figura del maschio, quindi in casa, era considerata quasi assente e sostituita generalmente dalle altre donne della famiglia. Per quanto riguarda invece i consigli più intimi e delicati, oggi la donna fa riferimento ad un' altra figura: la madre. S. D. afferma a proposito: "mia madre è colei che mi ha portato in grembo e quindi sa che cosa vuol dire essere incinta". 2. La nascita: scene, luoghi e figure Il momento del parto costituisce il primo passaggio da uno stato ad un altro dell' esistenza. In passato esso era scandito da riti di carattere familiare atti a proteggere la madre e il bimbo, ma anche simboleggianti la fase della separazione dalla madre verso il nuovo inserimento nel gruppo familiare del neonato. Diffusa era la credenza secondo la quale i bambini cosiddetti nati "con la camicia" cioè con intorno la membrana amniotica, fossero dotati di poteri particolari. Un tempo poi, il parto, avveniva in casa sotto gli occhi delle parenti.venivano così rivolte al bambino tutta una serie di cure sia in senso fisico che simbolico: l'ostetrica gli aspirava i muchi, poi veniva lavato, messo vicino alla madre e quindi preso in braccio a turno dalle donne presenti, la suocera aveva il compito di baciarlo in fronte. Il primo bagnetto aveva un valore simbolico molto forte: era segno infatti di purificazione. In genere poi quell'acqua veniva gettata nel caso di una bambina nel Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di 'MAGO - Lecce 216

9 Ilenia Petrelli focolare, nel caso di un maschietto all'esterno della casa, a simboleggiare i due diversi destini. Attualmente il bambino in ospedale viene fatto vedere solo per pochi minuti alla madre e poi affidato alle cure delle puericultrici che effettueranno il bagnetto senza però caricarlo di particolari significati. S. D. riferisce che rispetto ad un tempo sicuramente in ospedale ci sono più garanzie e quando le faccio notare che l'ospedale con le sue fasi tecniche (affidamento alle puericultrici, spostamento "arbitrario" del neonato dal letto alla culla) opera continuamente delle forme di "separazione sociale "e di mortificazione della funzione femminile, essa mi risponde affermando che probabilmente i risvolti di tali regole ospedaliere non sono del tutto negativi in quanto tutto ciò permette alla mamma di rilassarsi e di superare la tensione accumulata nel corso della gravidanza che certamente non potrebbe permetterle di prendersi cura oltre che di se stessa anche del proprio bambino. D'altra parte però, ammette anche che è certamente vero, che rispetto al passato il bambino subisce un distacco immediato dalla famiglia che un tempo non poteva verificarsi in quanto non vi erano né maestri né una scienza scritta ad imporre regole e le donne si aiutavano a vicenda e le loro pratiche venivano tramandate dall'una all'altra. 7 Durante il parto ma anche per tutta la durata della gravidanza quindi e per i primi mesi di via del bambino, sulla scena erano presenti la suocera, la madre, le vicine di casa. Tra queste donne che attorniavano la gravida, c'era chi la massaggiava, chi le soffiava in bocca per impedire che l'utero salisse su, chi era addetto al riscaldamento della camera, chi invece scaldava l'acqua con cui sarebbero stati lavati madre e figlio. Infine c'era l'esperta: la levatrice. Questo nome ha vari radici storiche: presso i latini la levatrice era detta obstetricia cioè, ostacolo, riparo contro i pericoli del parto. A Roma invece, veniva chiamata "mammana" voce composta da una dizione latina che è mamma e un'altra greca che è "ana" (quasi tanto quanto madre). 8 Fino al 1600 circa era detta anche comare cioè consigliera, confidente di segreti. Il termine "levatrice" invece è di più recente utilizzo, risa- 7 C. PANCINO, Il bambino e l'acqua sporca, Milano, Franco Angeli, 1984, p hi p. 61. Provincia di Lecce - Medi ateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 217

10 le infatti al 1721 quando Sebastiano Melli, Prof. Di chirurgia a Venezia, utilizzò questo termine nel testo "La comare levatrice istruita nel suo uffizio" (1721). 9 Nel Salento in particolare, fino alla prima metà del 1900, questa figura era conosciuta con il termine levatrice o anche comare ma al di là dei vari nomi con cui poteva essere indicata a seconda dei "luoghi e dei tempi", il ruolo e le funzioni che la caratterizzavano sono rimaste quasi sempre inalterate nel corso della storia. In merito a questa questione sostanzialmente le informazioni che ho tratto dalla ricerca bibliografica riflettono quelle raccolte attraverso le testimonianze. Il ruolo della levatrice era oltre che, quello di assistere ad aiutare le partorienti e i neonati, anche quello di consigliare la formazione delle nuove coppie e dare il loro giudizio alle autorità sulla gravidanza e sulla verginità di una donna. Le levatrici non si occupavano solo di parti ma anche delle malattie delle donne e dei bambini, di bellezza e cosmesi, della sessualità e dei rimedi per numerosi disturbi della salute. 10 La loro cultura si basava sulla conoscenza delle proprietà di semplici còse, sulla capacità di comporre bevande e medicamenti. Ma consisteva anche in un bagaglio di preghiere e invocazioni in cui influenze pagane si mescolavano a elementi cattolici. 11 "Saggezza ed esperienza erano primariamente richieste alle donne per avvicinarsi al delicato compito e per questo la levatrice era generalmente una donna di una certa età con numerosi figli". 12 Alle sue cure le donne affidavano se stesse i figli e i segreti. Le levatrici erano in qualche modo sottoposte all'esame del parroco, ad una sorta di selezione. 13 Le bevande, gli inguenti preparati dalle mammane erano ispirati alle virtù medicinali delle piante o ai poteri simbolici magici delle cose. Le comari conoscevano i poteri delle erbe e l'uso delle mani per aiutare le donne che partorivano. Molte volte, figlie di levatrici, dopo aver a loro volta partorito, assumevano in età matura il faticoso mestiere delle ma- 9 /Vi, p Ivi, p /vi. 12 Ivi, p Ivi, p

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI!

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! بسم الله الرحمان الرحيم Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! (per piccoli Musulmani dai 5 agli 8 anni) بسم الله الرحمان الرحيم Nel

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli