ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL"

Transcript

1 ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo

2 A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia

3 Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre Sintesi delle tendenze pag. 7 L andamento del prezzo del GPL ad uso riscaldamento in provincia di Perugia GPL in cisterne di proprietà del venditore GPL in cisterne di proprietà dell utente pag. 9 pag. 9 pag. 11 Allegato statistico: pag. 13 3

4 4

5 INTRODUZIONE A decorrere dall 8/10/1993, data di pubblicazione della delibera del CIPE (Comitato Interministeriale per la programmazione Economica) i prezzi di tutti i prodotti petroliferi sono determinati liberamente dagli operatori petroliferi. Tenuto conto dell esigenza dei distributori e degli utilizzatori di prodotti petroliferi da riscaldamento, in particolare quelli pubblici, di disporre di valori orientativi e di riferimento per la definizione e la variazione dei prezzi nei contratti di fornitura, il Ministero delle Attività Produttive con circolare n del 28/7/1994 ha invitato le Camere di Commercio a predisporre rilevazioni quindicinali (al giorno 15 e 30 di ciascun mese) dei prezzi prevalenti praticati al consumo per i prodotti petroliferi. Con successive circolari il Ministero ha allargato il campo di osservazione al GPL sfuso e in bombole ad uso domestico; infine, nel 2008 ha esteso la rilevazione al GPL a mc. La rilevazione è eseguita su di un campione rappresentativo di imprese distributrici e riguarda i prezzi pattuiti nel giorno in esame, distinti secondo le tipologie di vendita. I prezzi si intendono praticati al consumo, commercializzati nella provincia di Perugia, per pagamento alla consegna, al netto di IVA. Le caratteristiche dei prodotti petroliferi da monitorare sono definite dal Ministero. Le quotazioni pubblicate per ogni tipologia di vendita sono calcolate tramite le medie aritmetiche dei prezzi fatti pervenire dagli operatori. Il GPL (gas petrolio liquefatto) è ricavato dalla raffinazione del petrolio e dalla lavorazione del gas naturale. Considerata la doppia fonte di approvvigionamento, il prezzo del GPL dipende dal prezzo del petrolio e, in parte, da quello del gas naturale. Il GPL, infatti, è una miscela di diverse componenti, essenzialmente propano e butano, delle quali una è di importazione estera, mentre l altra è un prodotto derivante dalla raffinazione. Il GPL presenta specificità proprie in quanto a logistica, stoccaggio e distribuzione. Per la formazione del prezzo occorre tener presente che manca una quotazione di riferimento internazionale analoga al Platt s, come per altri carburanti: l andamento del prezzo al consumo dipende pertanto da quotazioni e contratti di fornitura negoziati a cadenza mensile fra i distributori ed i fornitori. Il mercato principale per l importazione nel nostro Paese è quello algerino. Un certo peso nella formazione del prezzo è dato anche da un elemento di stagionalità, soprattutto per la parte della produzione destinata, nei mesi invernali, al riscaldamento. Non esiste una rilevazione nazionale del prezzo del gpl da riscaldamento, ma solo rilevazioni su base provinciale curate dalle singole Camere di Commercio. La Camera di Commercio, nell ambito della tutela e della trasparenza del mercato, ha il compito di: o dare pubblicità ai prezzi praticati nella provincia, o sensibilizzare gli operatori economici a mantenere comportamenti conformi alle leggi della concorrenza di mercato, 5

6 o raccogliere tramite il call center nazionale le segnalazioni dei consumatori sulle anomalie riscontrate sui prezzi e trasmetterle al Garante dei Prezzi c/o il Ministero dello Sviluppo Economico che provvederà ad adottare i provvedimenti necessari. 6

7 I PREZZI DEL GPL NEL I SEMESTRE 2013 SINTESI DELLE TENDENZE I dati presi in esame in questo rapporto riguardano il prezzo medio mensile del GPL sfuso ad uso riscaldamento nella provincia di Perugia nel I semestre del L analisi riguarda i prezzi al litro del GPL sfuso ad uso domestico per consegna di litri sia in cisternetta di proprietà del venditore data in comodato d uso, sia in cisternetta di proprietà dell utente. Per il primo tipo di fornitura, il prezzo segue un andamento decrescente passando dal valore massimo di 1,590 euro, registrato nel mese di gennaio, al valore minimo di 1,529 euro del mese di giugno. Per la consegna in cisterna di proprietà dell utente il prezzo del mese di gennaio è pari a 1,492euro, per poi decrescere fino a raggiungere il valore minimo di1,457 nel mese di giugno analogamente a quanto avviene per il GPL in cisterna del venditore. I PREZZI DEL GPL NELLA PROVINCIA DI PERUGIA PERIODO GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO prezzo medio al litro in cisterna di proprietà: del venditore dell'utente PERIODO in cisterna di proprietà: del venditore dell'utente gen-12 1,413 1,301 gen-13 1,590 1,492 feb-12 1,460 1,353 feb-13 1,584 1,491 mar-12 1,519 1,413 mar-13 1,572 1,489 apr-12 1,500 1,397 apr-13 1,551 1,477 mag-12 1,463 1,361 mag-13 1,535 1,462 giu-12 1,442 1,339 giu-13 1,529 1,457 Confrontando i prezzi registrati nel 2013 con quelli del corrispondente periodo del 2012, si evidenzia un significativo aumento dei prezzi. Il GPL ad uso riscaldamento in cisternetta di proprietà del venditore, nel I semestre 2013, ha registrato nel mese di gennaio la variazione tendenziale più alta, pari al 12,5%, toccando invece la soglia minima nel mese di aprile, con una variazione del 3,4%. Anche per il GPL in cisternetta di proprietà dell utente si registra il valore massimo nel mese di gennaio con il 14,7% mentre il valore minimo è stato registrato a marzo con una variazione pari a 5,3%. 7

8 VARIAZIONIE % DEI PREZZI DEL GPL NELLA PROVINCIA DI PERUGIA GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO - VARIAZIONE % PERIODO 2013/2012 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Iin cisterna di proprietà: del venditore 12,5 8,5 dell'utente 14,7 10,2 3,5 5,3 3,4 5,8 4,9 7,4 6,0 8,8 8

9 ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL AD USO RISCALDAMENTO IN PROVINCIA DI PERUGIA GPL in cisterne di proprietà del venditore Analizzando l andamento del prezzo mensile del GPL sfuso ad uso riscaldamento in cisterna di proprietà del venditore negli ultimi tre anni si può osservare che in provincia di Perugia, nel primo semestre del triennio , si registra un incremento alquanto significativo. Nel I semestre 2011 il prezzo medio è pari a 1,391 euro, nello stesso semestre del 2012 il prezzo medio sale di oltre 7 centesimi e raggiunge 1,466 euro, nel I semestre dell anno in corso, il prezzo medio cresce di altri 9,4 centesimi e arriva a 1,560 euro. Nel 2011 si ha un picco nel mese di maggio con un valore di 1,408 euro, il prezzo seguendo un trend decrescente scende nel mese di dicembre a un valore minimo di 1,352 euro. Il 2012 segna il suo valore minimo a gennaio con un valore di 1,413 euro seguendo poi un andamento crescente raggiunge il valore massimo a dicembre con 1,594 euro. Nel 2013 il prezzo si ridimensiona passando da un valore massimo di 1,590 euro nel mese di gennaio a un valore minimo a giugno con 1,529 euro. Analizzando la serie storica da gennaio 2011 a giugno 2013 il prezzo del GPL sfuso ad uso riscaldamento ha subito un forte rincaro, partendo da un valore minimo di 1,352 9

10 euro nel mese di dicembre 2011, fino a raggiungere a dicembre 2012 il prezzo di 1,594 euro. Nel 2013 il prezzo subisce una leggera flessione partendo da un valore massimo di 1,590 euro nel mese di gennaio scende a un valore minimo di 1,529 euro nel mese di giugno. Il prezzo del GPL sfuso ad uso riscaldamento in cisterne di proprietà del venditore, in termini di variazioni tendenziali (calcolate rapportando il prezzo mensile rispetto allo stesso periodo dell anno precedente), registra variazioni superiori al 10% nei mesi di ottobre 2012 (10,10%), novembre 2012 (10,88%) e dicembre 2012 in cui raggiunge il 17,90% - la variazione più alta in assoluto- nel mese di gennaio 2013 si registra una variazione del 12,55%. All opposto le variazioni tendenziali più basse si registrano nei mesi di giugno 2012 e aprile 2013, rispettivamente con valori pari a 2,74% e 3,43%. 10

11 GPL in cisterne di proprietà dell utente Esaminiamo ora il prezzo mensile del GPL sfuso ad uso riscaldamento in cisterne di proprietà dell utente nel primo semestre degli ultimi tre anni, analogamente a quanto già analizzato per la precedente tipologia di fornitura. Nel I semestre 2011 il prezzo medio del periodo è pari a 1,298 euro, nello stesso semestre del 2012 il prezzo medio sale di oltre 9 centesimi e raggiunge 1,361 euro, nel I semestre dell anno in corso, il prezzo medio cresce di oltre 11 centesimi e arriva a 1,477 euro. Analizzando in dettaglio l andamento semestrale, emerge che nel I semestre del 2011 il prezzo del GPL è cresciuto progressivamente, fatta eccezione per il mese di febbraio, durante il quale ha registrato una battuta d arresto. A gennaio 2011 il prezzo era pari a 1,281 euro al litro, per poi aumentare fino a maggio con un valore di 1,324 mentre nel mese di giugno subisce una leggera flessione con un valore di 1,320 euro. Nei primi sei mesi del 2012 il prezzo del GPL è caratterizzato da un andamento crescente con un valore di 1,301 registrato nel mese di gennaio che raggiunge a marzo un valore di 1,413 euro subendo poi una leggera flessione nel mese di giugno con un valore di 1,339. Nel I semestre del 2013 possiamo osservare un trend decrescente del prezzo del GPL, partendo da un valore massimo di 1,492 euro al litro registrato nel mese di gennaio segue una leggera flessione a febbraio con un valore di 1,491euro fino a raggiungere il valore di 1,457 euro a giugno. Proseguiamo l analisi attraverso l osservazione della serie storica del prezzo del GPL in provincia di Perugia nel periodo che va da gennaio 2011 a giugno

12 L andamento del prezzo del GPL in cisterne di proprietà dell utente ha subito nel periodo preso in considerazione un forte rincaro, partendo da un valore minimo di 1,241 euro nel mese di dicembre 2011, fino a raggiungere a dicembre 2012 il prezzo di 1,497 euro. Nel 2013 il prezzo subisce una leggera flessione partendo da un valore massimo di 1,492 euro nel mese di gennaio per scendere a un valore minimo di 1,457 euro nel mese di giugno. In termini di variazioni tendenziali, si registrano variazioni superiori al 9% nei mesi di marzo 2012 (9,86%), novembre 2012 (9,53%) raggiungendo il picco massimo a dicembre 2012 con il 20,65%, la variazione più alta in assoluto; nel mese di gennaio 2013 si ridimensiona a 14,68%, e a febbraio subisce un ulteriore flessione registrando il 10,23%. All opposto le variazioni tendenziali più basse si registrano nei mesi di gennaio e giugno 2012, rispettivamente con valori pari a 1,58% e 1,48%. 12

13 ALLEGATO STATISTICO 13

14 14

15 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne del venditore MEDIA MENSILE anni mesi gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno ,374 1,374 1,384 1,401 1,408 1, ,413 1,460 1,519 1,500 1,463 1, ,590 1,584 1,572 1,551 1,535 1,529 VARIAZIONI % 2012/2011 2,83 6,31 9,75 7,06 3,88 2, / ,55 8,48 3,52 3,43 4,93 6,05 1,650 MEDIA MENSILE GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne del venditore ,550 1,450 1,350 1,374 1,413 1,590 1,374 1,460 1,584 1,384 1,519 1,572 1,401 1,500 1,551 1,408 1,463 1,535 1,404 1,442 1,529 1,250 1,150 1,050 0,950 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno

16 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne del venditore mesi 2011 mesi 2012 mesi / /2012 gen-11 1,374 gen-12 1,413 gen-13 1,590 2,83 12,55 feb-11 1,374 feb-12 1,460 feb-13 1,584 6,31 8,48 mar-11 1,384 mar-12 1,519 mar-13 1,572 9,75 3,52 apr-11 1,401 apr-12 1,500 apr-13 1,551 7,06 3,43 mag-11 1,408 mag-12 1,463 mag-13 1,535 3,88 4,93 giu-11 1,404 giu-12 1,442 giu-13 1,529 2,74 6,05 lug-11 1,371 lug-12 1,420 lug-13-3,57 - ago-11 1,385 ago-12 1,471 ago-13-6,26 - set-11 1,384 set-12 1,519 set-13-9,82 - ott-11 1,394 ott-12 1,534 ott-13-10,10 - nov-11 1,402 nov-12 1,555 nov-13-10,88 - dic-11 1,352 dic-12 1,594 dic-13-17,90 - MEDIA MENSILE VARIAZIONI % 1,700 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne del venditore 1,600 1,500 1,400 1,300 1,200 1,100 1,000 1,374 1,374 1,384 1,401 1,408 1,404 1,371 1,385 1,384 1,394 1,402 1,352 1,413 1,460 1,519 1,500 1,463 1,442 gen-11 1,420 feb-11 1,471 mar-11 1,519 apr-11 1,534 mag-11 1,555 giu-11 1,594 lug-11 1,590 ago-11 1,584 1,572 1,551 1,535 1,529 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 20,00 18,00 16,00 VARIAZIONE TENDENZIALE % GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne del venditore 17,90 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 2,83 6,31 9,75 7,06 3,88 2,74 3,57 6,26 9,82 10,10 10,88 12,55 8,48 4,93 6,05 3,52 3,43 0,00 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13

17 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne dell'utente MEDIA MENSILE anni mesi gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno ,281 1,267 1,286 1,313 1,324 1, ,301 1,353 1,413 1,397 1,361 1, ,492 1,491 1,489 1,477 1,462 1,457 VARIAZIONI % 2012/2011 1,58 6,76 9,86 6,39 2,81 1, / ,68 10,23 5,32 5,75 7,42 8,76 1,55 MEDIA MENSILE GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne dell'utente ,45 1,35 1,25 1,281 1,301 1,492 1,267 1,353 1,491 1,286 1,413 1,489 1,313 1,397 1,477 1,324 1,361 1,462 1,320 1,339 1,457 1,15 1,05 0,95 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno

18 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne dell'utente mesi 2011 mesi 2012 mesi / /2012 gen-11 1,281 gen-12 1,301 gen-13 1,492 1,58 14,68 feb-11 1,267 feb-12 1,353 feb-13 1,491 6,76 10,23 mar-11 1,286 mar-12 1,413 mar-13 1,489 9,86 5,32 apr-11 1,313 apr-12 1,397 apr-13 1,477 6,39 5,75 mag-11 1,324 mag-12 1,361 mag-13 1,462 2,81 7,42 giu-11 1,320 giu-12 1,339 giu-13 1,457 1,48 8,76 lug-11 1,264 lug-12 1,316 lug-13-4,15 - ago-11 1,286 ago-12 1,357 ago-13-5,54 - set-11 1,284 set-12 1,395 set-13-8,63 - ott-11 1,295 ott-12 1,405 ott-13-8,49 - nov-11 1,301 nov-12 1,425 nov-13-9,53 - dic-11 1,241 dic-12 1,497 dic-13-20,65 - MEDIA MENSILE VARIAZIONI % 1,6 GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne dell'utente 1,5 1,4 1,3 1,2 1,1 1 1,281 1,267 1,286 1,313 1,324 1,320 1,264 1,286 1,284 1,295 1,301 1,241 1,301 1,353 1,413 1,397 1,361 1,339 1,316 1,357 1,395 1,405 1,425 1,497 1,492 1,491 1,489 1,477 1,462 1,457 25,00 VARIAZIONE TENDENZIALE % GPL SFUSO AD USO RISCALDAMENTO in cisterne dell'utente 20,00 20,65 15,00 14,68 10,00 5,00 1,58 9,86 6,76 6,39 2,81 1,48 4,15 8,63 8,49 9,53 5,54 10,23 7,42 5,32 5,75 8,76 0,00 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13

19

20 CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA Via Cacciatori delle Alpi, 42

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

DIAPOSITIVE DEL MERCATO DEL GAS NATURALE

DIAPOSITIVE DEL MERCATO DEL GAS NATURALE 1 DIAPOSITIVE DEL MERCATO DEL GAS NATURALE 1 Scatti al 30 giugno 2014 1 1. Esame dell andamento del mercato del gas naturale (solo Materia prima) 2 2 Il costo del Gas Naturale (GN) relativo alla sola materia

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO

PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO Alberto Grossi Direttore Direzione Consumatori e utenti Consumers Forum Roma 1 marzo 2012 (*) Questo non

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

Costi e prezzi dell energia. energia per le micro, piccole e medie imprese

Costi e prezzi dell energia. energia per le micro, piccole e medie imprese Costi e prezzi dell energia energia per le micro, piccole e medie imprese Roma, 28 aprile 2011 Donato Berardi, partner Il ruolo delle CCIAA e delle loro Unioni Con l art. 5 del decreto legge n. 112/2008

Dettagli

Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di

Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di Analisi Consumi Energetici (Report Standard) Comune di Sommario Obiettivi dello studio e ipotesi del modello... 2 Analisi Convenienza rispetto a Consip nel 2014... 3 Previsioni costo energia elettrica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

LA QUALITA DEI CONTACT CENTER UN IMPEGNO VERSO GLI UTENTI

LA QUALITA DEI CONTACT CENTER UN IMPEGNO VERSO GLI UTENTI LA QUALITA DEI CONTACT CENTER UN IMPEGNO VERSO GLI UTENTI Antonella Bertazzi Direzione Consumatori e utenti Autorità per l energia elettrica e il gas I CONTACT CENTER DEL SETTORE PUBBLICO: BUONE PRASSI

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Aprile 2013 Prestiti più cari PRESTITI PIÚ CARI Continuano a ridursi i flussi creditizi, ma con velocità meno pronunciata che nei mesi precedenti. Anche le sofferenze registrano

Dettagli

- rilevazione al 1 ottobre 2012 -

- rilevazione al 1 ottobre 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 ottobre 2012 - In sintesi Tornano le tensioni al rialzo sui prezzi del gas naturale per le imprese lucane

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

1. Valutazione produzione impianto fotovoltaico

1. Valutazione produzione impianto fotovoltaico 1. Valutazione produzione impianto fotovoltaico 1.1 Posizione ed orientamento del campo fotovoltaico Località (provincia) co Como (a) Latitudine 45,77 (b) Azimut (- est / + ovest) 0 (c) Tilt - Angolo inclinazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO AUDIZIONE X COMMISSIONE DEL SENATO L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO A cura di Federconsumatori Nazionale Roma, 8 Ottobre 2013 1 GAS

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Nel periodo ottobre 2011-ottobre

Nel periodo ottobre 2011-ottobre I PREZZI DEI CARBURANTI Un anno difficile per i consumatori di Orietta Maizza e Giancarlo Fiorito Nel periodo ottobre 2011-ottobre 2012 i cittadini italiani hanno assistito a rincari rilevanti dei dei

Dettagli

Servizio di prestito. Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino

Servizio di prestito. Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino Biblioteca di area scientifico-tecnologica Sommario dei contenuti: Relazione sull attività 2011 Totali 2008-2011: dati e grafici Iscrizioni

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI. PROVINCIA di SALERNO. Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP.

COMUNE DI BARONISSI. PROVINCIA di SALERNO. Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP. COMUNE DI BARONISSI PROVINCIA di SALERNO Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP. Allegato C: Spending Review Energia Elettrica Piano Energetico Comunale per il Comune

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 24 aprile 2008; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTA la segnalazione del Garante

Dettagli

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi La bolletta del gas Ravenna 03 ottobre 2012 Dott. Christian Alpi 2 LA BOLLETTA frontespizio 3 LA BOLLETTA dati tecnici e contrattuali 4 LA BOLLETTA Dettaglio importi 5 Vendita gas Mercato Libero Le componenti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

MODIFICA DELLA DISCIPLINA DELLA ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI CANALIZZATE

MODIFICA DELLA DISCIPLINA DELLA ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI CANALIZZATE DCO 23/11 MODIFICA DELLA DISCIPLINA DELLA ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI CANALIZZATE Documento per la consultazione Mercati di incidenza: gas

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Antonio Sileo IEFE - Università Bocconi GREEN WEEK 2015, Padova 19 febbraio Contesto L energia

Dettagli

ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biocarburanti

ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biocarburanti Audizione presso Commissione Industria Senato Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e

Dettagli

- rilevazione al 1 aprile 2012 -

- rilevazione al 1 aprile 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 aprile 2012 - Primo numero del mercuriale del gas naturale Con il secondo trimestre entra a regime anche

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 22 gennaio 2009; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 81 del Trattato

Dettagli

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Anna Ceci Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazionel Gerolamo Giungato Istat Roma, 10 giugno 2010 Indice 1. Le norme 2. La Legge n. 133/08

Dettagli

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE Relatore: Chiar.mo

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

Indice di rischio per comparto

Indice di rischio per comparto Appendice Indice: 1. I prezzi delle materie prime 1.1. Le cause 1.1.1. La domanda globale 1.1.2. I fattori climatici 1.1.3. La speculazione 2. I prezzi alla produzione 3. Il confronto fra i beni di largo

Dettagli

Lorenzo Lerra - Gas Plus Italiana srl

Lorenzo Lerra - Gas Plus Italiana srl Dott. Lorenzo Lerra Head of Gas Supply - Gas Plus Italiana Srl 10 Maggio 2013, Padova Mercati energetici e metodi quantitativi: un ponte tra Università e Aziende Key-facts del sistema gas Italia Domanda

Dettagli

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA?

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl ANDAMENTO PREZZI ENERGIA contratti di approvvigionamento 19/05/2011

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi

Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi 1 gennaio 2000 15 maggio 2004 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 27 maggio 2004 Eventi e indicatori: www.comune.brescia.it/statistica

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata di 12 mesi e 24 mesi

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni

Dettagli

Bollette del gas metano Analisi e valutazione dei consumi

Bollette del gas metano Analisi e valutazione dei consumi 2014 Bollette del gas metano ABIECO Edilizia Sostenibile ABIECO Edilizia Sostenibile Mauro Alcesi via C. Colombo 5 26900 Lodi (LO) Bollette del gas metano 2 Cliente Cognome *** Nome *** Via *** CAP 26839

Dettagli

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità Autorità per l energia elettrica e il gas Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi COMUNICATO STAMPA Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas

Dettagli

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway. EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX Evoluzione degli acquisti online degli italiani Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.it NET RETAIL Alcuni indicatori del fenomeno in Italia 16,9 milioni

Dettagli

Piccola ASTRE 2011 economia

Piccola ASTRE 2011 economia La liberalizzazione dell energia Testimonianza di Pippo Ranci ranci piccola ASTRE 4 feb 2011 1 1. Premessa personale 2. La teoria 3. L antefatto 4. La scelta europea 5. La riforma in Italia 6. Gli aspetti

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 COMUNICATO STAMPA A febbraio la fiducia degli italiani torna a calare: dal Nord al

Dettagli

RECUPERO DELLE ACQUE METEORICHE PER LA GESTIONE ECOSOSTENIBILE DELLE ABITAZIONI Marco Caffi AmbienteParco Intertecnica Group srl (Brescia)

RECUPERO DELLE ACQUE METEORICHE PER LA GESTIONE ECOSOSTENIBILE DELLE ABITAZIONI Marco Caffi AmbienteParco Intertecnica Group srl (Brescia) RECUPERO DELLE ACQUE METEORICHE PER LA GESTIONE ECOSOSTENIBILE DELLE ABITAZIONI Marco Caffi AmbienteParco Intertecnica Group srl (Brescia) 7 marzo 2014 PERCHE? Recupero delle acque meteoriche per la gestione

Dettagli

Produzione, ordinativi e fatturato delle industrie produttrici di carta e prodotti di carta

Produzione, ordinativi e fatturato delle industrie produttrici di carta e prodotti di carta Produzione, ordinativi e fatturato delle industrie produttrici di carta e prodotti di carta Nel corso del 20, l industria cartaria ha segnato le peggiori performance dagli anni 90, intraprendendo una ripresa

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Cliente : Azienda consumo costante (es.supermercato)

Cliente : Azienda consumo costante (es.supermercato) Cliente : Azienda consumo costante (es.supermercato) Volendo installare un impianto fotovoltaico, la prima domanda che dobbiamo farci è: "A quanto ammontano i consumi di energia elettrica della mia attività?"

Dettagli

LE EMOTICON E LE INDAGINI DI CS A SUPPORTO DELLA CULTURA DELLA VALUTAZIONE

LE EMOTICON E LE INDAGINI DI CS A SUPPORTO DELLA CULTURA DELLA VALUTAZIONE LE EMOTICON E LE INDAGINI DI CS A SUPPORTO DELLA CULTURA DELLA VALUTAZIONE Katia Gallo Direzione Consumatori e utenti Autorità per l energia elettrica e il gas Webinar Mettiamoci la faccia 23 aprile 2012

Dettagli

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti Senato della Repubblica Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti 6 ottobre 2009 Sommario Prezzi al consumo e peso della componente fiscale dei carburanti

Dettagli

Costo della vita e prezzi immobiliari correnti

Costo della vita e prezzi immobiliari correnti dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO dagli anni 60 al 31/12/2014 (con ipotesi di andamento del mercato sino al 2026)

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 Agenda Analisi e presentazione di un modello di Borsa Gas

Dettagli

Outlook sul mercato dell usato

Outlook sul mercato dell usato Outlook sul mercato dell usato Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi Convegno MERCATO USATO. Gestione economico-finanziaria delle auto usate Roma, 27 marzo 2012, Palazzo Rospigliosi IL MERCATO COMPLESSIVO

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015)

IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015) IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015) Analisi Presa in esame la zona di Pescia (PT) come rappresentativa delle provincie di Lucca, Prato e Pistoia, limitatamente alla fascia

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe 6 Giugno 2012 I prezzi dell energia CARBURANTI ENI divisione

Dettagli

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE U.O. Tutela dell aria ed agenti fisici PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA ALLEGATO D ANALISI STATISTICA

Dettagli

Report di Smart Reporting. Esempio Hotel Ottobre 2012

Report di Smart Reporting. Esempio Hotel Ottobre 2012 Report di Smart Reporting Esempio Hotel Ottobre 212 Agenda We ReFeel The World Report Introduzione e premesse 3 Metodologia e Note specifiche 4 Smart Metering: meters e utenze monitorate 5 Analisi consumi

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

DOCUMENTO INTEGRALE DEGLI INCENTIVI FAST TRACK

DOCUMENTO INTEGRALE DEGLI INCENTIVI FAST TRACK DOCUMENTO INTEGRALE DEGLI INCENTIVI FAST TRACK Introduzione Il Programma di Incentivi Fast Track è stato ideato per aiutare i Nuovi Imprenditori Amway a sviluppare la propria attività nel corso dei primi

Dettagli

WORKSHOP ANFIA. Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni

WORKSHOP ANFIA. Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni WORKSHOP ANFIA I Vantaggi dei Servizi Telematici per le flotte Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni 1 Mercato autovetture Immatricolazioni

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA I Mercati Finanziari dell Energia FRANCESCO BERTUSI Università degli Studi di Ferrara, 29 Giugno 2011 COMMODITY

Dettagli

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016

Seminario Istruzione Segretari Eletti 2015-2016 Seminario Istruzione Segretari Eletti 20-2016 Massimiliano Tacchi Segretario Alessandro Stefanelli Co-Segretario Montecatini Terme, 28 marzo 20 Compiti della Segreteria Distrettuale Compiti della Segreteria

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata di 12 mesi e 24 mesi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da gennaio deciso calo per la bolletta elettricità -3%, in lieve riduzione il gas -0,3% sull anno risparmi per oltre 72 euro

Dettagli

La partecipazione della domanda in borsa

La partecipazione della domanda in borsa La partecipazione della domanda in borsa ref. - Osservatorio Energia 31/01/05 La nuova fase di borsa Dal luglio 2004 tutti i clienti non domestici sono idonei Dal gennaio 2005 la domanda può partecipare

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. APRILE - MAGGIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

La Tariffa Elettrica. prezzo dell'energia prezzo commercializzazione e vendita prezzo del dispacciamento

La Tariffa Elettrica. prezzo dell'energia prezzo commercializzazione e vendita prezzo del dispacciamento Analisi delle gare di acquisto dell energia elettrica della Società Consortile Energia Toscana per conto dei soci. Lettura dei contatori. Servizi CET per le gare di fornitura. La Tariffa Elettrica La tariffa

Dettagli

Indagine Marzo 2015. Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015

Indagine Marzo 2015. Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015 Indagine Marzo 2015 Dati rilevati nel mese di Febbraio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Milano, 2 marzo Comunicato stampa

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli