1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali"

Transcript

1 1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Campi di esperienza privilegiati: Il Sé e l Altro; I discorsi e le parole; La conoscenza del mondo. O. S. A. Indicatori di verifica Attività 1. Approfondire la figura dell angelo custode. 2. Tematizzare i segni della presenza di Dio nella propria vita. 3. Scoprire la bellezza della natura ed intuire che è dono di Dio creatore. 4. Rispettare la natura in maniera ecologicamente corretta. 5. Approfondire i racconti biblici riguardanti l ingresso del male nel mondo. 1 Livello (3 anni) - Sa come è fatto un angelo. - Conosce le caratteristiche degli ambienti naturali. - Sa che esiste il bene e il male nel mondo. 2 Livello (4 anni) - Conosce la funzione degli angeli (custodi, messaggeri, ecc.). - Intuisce che la natura è un dono di Dio. - Riconosce nel peccato la rottura dell amicizia con Dio. 3 livello ( 5 anni) - Capisce che l angelo è la manifestazione della presenza di Dio; - Riconosce la presenza dell angelo nel proprio vissuto quotidiano. - Rispetta la natura in quanto dono di Dio. - Intravede nelle punizioni divine lo spiraglio di salvezza che Dio lascia sempre. Analisi di opere d arte e raffigurazioni; Visione e commento di illustrazioni; Ascolto di racconti, dialogo ed approfondimento per la comprensione; Conoscenza della figura di S. Francesco d Assisi; Disegno libero e/o colorazione di schede con l ausilio di diverse tecniche grafiche; Drammatizzazioni; Memorizzazione poesie e canti; Giochi didattici a tema; Metodologia - Per i bambini diversamente abili partecipazione a tutte le attività programmate e sviluppo di percorsi originali, tesi ad evitare ogni tipo di esclusione. - Conversazioni guidate; - Elaborati grafici singoli e di gruppo; - Giochi; - Drammatizzazioni; - Canti.

2 Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; risoluzione di schede di verifica; Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione in base ai criteri stabiliti nel relativo documento.

3 O.S.A. 1 U.d.A. Mi conosco - Descrittori Valutazione della competenza 3 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la figura dell angelo custode. Scoprire la bellezza della natura ed intuire che è dono di Dio creatore. Non sa chi sia l'angelo custode. Non prova interesse per gli aspetti naturali del mondo. Intuisce appena le caratteristiche dell'angelo custode. Conosce solo parzialmente i vari ambienti naturali. Conosce i caratteri dell'angelo custode. Conosce le caratteristiche degli ambienti naturali. Conosce gli aspetti della figura dell'angelo custode e li sa distinguere da altri. Riconosce senza errori, nel mondo che lo circonda, tutti gli elementi caratteristici. Approfondire i racconti biblici riguardanti l ingresso del male nel mondo Non sa verbalizzare i racconti sul male. Riproduce non sempre correttamente le storie sul male. Sa che esiste il bene e il male nel mondo. Riferisce autonomamente con dovizia di particolari i racconti della Bibbia sull'ingresso del male nel mondo.

4 O.S.A. 1 U.d.A. Mi conosco - Descrittori Valutazione della competenza 4 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la figura dell angelo custode. Non sa chi sia l'angelo custode. Intuisce soltanto la presenza e le caratteristiche dell'angelo custode. Conosce i caratteri dell'angelo custode. Conosce gli aspetti della figura dell'angelo custode e li sa distinguere da altri. Tematizzare i segni della presenza di Dio nella propria vita. Ignora la vicinanza e la presenza di Dio. Conosce solo parzialmente le manifestazioni della presenza di Dio. Collega ciò che accade alla presenza di Dio. Riconosce la presenza dell angelo custode nel proprio quotidiano. Scoprire la bellezza della natura ed intuire che è dono di Dio creatore. Non prova interesse per gli aspetti naturali del mondo, né li collega alla creazione. Conosce solo parzialmente i vari ambienti naturali. Riconosce e discrimina le caratteristiche degli ambienti naturali come dono di Dio. Discrimina negli elementi del mondo che lo circonda la manifestazione del Creatore. Riconosce nel mondo che lo circonda l'azione creatrice di Dio. Rispettare la natura in maniera ecologicamente corretta. Rispetta poco i caratteri del territorio naturale. Non sempre rispetta la natura. Rispetta l ambiente. Ha maturato una piena coscienza ecologica. Approfondire i racconti biblici riguardanti l ingresso del male nel mondo Non sa verbalizzare i racconti sul male. Riproduce non sempre correttamente le storie sul male. Riproduce le scene bibliche sull'ingresso del male nel mondo. Riferisce autonomamente con dovizia di particolari i racconti della Bibbia sull'ingresso del male nel mondo.

5 O.S.A. 1 U.d.A. Mi conosco - Descrittori Valutazione della competenza 5 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la figura dell angelo custode. Non sa chi sia l'angelo custode. Intuisce soltanto la presenza e le caratteristiche dell'angelo custode. Conosce i caratteri dell'angelo custode. Conosce gli aspetti della figura dell'angelo custode e li sa distinguere da altri. Tematizzare i segni della presenza di Dio nella propria vita. Ignora la vicinanza e la presenza di Dio. Conosce solo parzialmente le manifestazioni della presenza di Dio. Collega ciò che accade alla presenza di Dio. Riconosce la presenza dell angelo custode nel proprio quotidiano. Scoprire la bellezza della natura ed intuire che è dono di Dio creatore. Non prova interesse per gli aspetti naturali del mondo, né li collega alla creazione. Conosce solo parzialmente i vari ambienti naturali. Riconosce e discrimina le caratteristiche degli ambienti naturali come dono di Dio. Discrimina negli elementi del mondo che lo circonda la manifestazione del Creatore. Riconosce nel mondo che lo circonda l'azione creatrice di Dio. Rispettare la natura in maniera ecologicamente corretta. Rispetta poco i caratteri del territorio naturale. Non sempre rispetta la natura. Rispetta l ambiente. Ha maturato una piena coscienza ecologica. Approfondire i racconti biblici riguardanti l ingresso del male nel mondo Non sa verbalizzare i racconti sul male. Riproduce non sempre correttamente le storie sul male. Riproduce le scene bibliche sull'ingresso del male nel mondo. Riferisce autonomamente con dovizia di particolari i racconti della Bibbia sull'ingresso del male nel mondo.

6 1 U.d.A. Mi conosco - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce i caratteri dell'angelo custode. Conosce le caratteristiche degli ambienti naturali. Sa che esiste il bene e il male nel mondo.

7 1 U.d.A. Mi conosco - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome alunno Conosce i caratteri dell'angelo custode. Collega ciò che accade alla presenza di Dio. Riconosce e discrimina le caratteristiche degli ambienti naturali come dono di Dio. Rispetta l ambiente Riproduce le scene bibliche sull'ingress o del male nel mondo.

8 1 U.d.A. Mi conosco - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome alunno Conosce i caratteri dell'angelo custode. Collega ciò che accade alla presenza di Dio. Riconosce e discrimina le caratteristiche degli ambienti naturali come dono di Dio. Rispetta l ambiente. Riproduce le scene bibliche sull'ingress o del male nel mondo.

9 1 Quad. 2 U.D.A. Mi racconto... ti racconto Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, ecc.), per poter esprimere con creatività il proprio Campi di esperienza privilegiati: Il Sé e l Altro; Linguaggi, creatività, espressione; I discorsi e le parole. O. S. A. Indicatori di verifica Attività 6. Approfondire la conoscenza dell episodio evangelico dell Annunciazione; 7. Conoscere il tempo liturgico dell Avvento; 8. Approfondire i fatti evangelici circa la nascita di Gesù a Betlemme; 9. Conoscere i personaggi principali che ruotano intorno all episodio della nascita di Gesù e scoprire il loro ruolo. 1 Livello (3 anni) - Riconosce i personaggi dell episodio evangelico dell Annunciazione. - Intuisce che l Avvento è tempo di attesa. - Conosce i personaggi della Natività. 2 Livello (4 anni) - Capisce l importanza del si di Maria. - Sa che l Avvento è un periodo di preparazione al Natale. - Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo. - Sa collegare il racconto evangelico del Natale nel vissuto quotidiano al presepe. 3 livello ( 5 anni) - Riconosce nell Annunciazione la volontà divina di ripristinare l antico equilibrio con l uomo. - Riconosce nell Avvento un opportunità per preparare il cuore ad accogliere Gesù nel modo migliore. - Collega l episodio evangelico del Natale, alle antiche profezie messianiche. Ascolto di letture evangeliche e dialogo per la comprensione; Analisi di opere d arte; Disegni liberi e colorazione di schede; Drammatizzazione; Canti e coreografie; Analisi della preghiera dell Ave Maria; Giochi a tema; Realizzazione del Calendario dell Avvento. Metodologia - Per i bambini diversamente abili partecipazione a tutte le attività programmate e sviluppo di percorsi originali, tesi ad evitare ogni tipo di esclusione. - Conversazioni guidate; - Elaborati grafici singoli e di gruppo; - Giochi; - Drammatizzazioni; - Canti.

10 vissuto religioso. - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; confronto del livello raggiunto dal bambino in rapporto al gruppo della stessa età; osservazione dell interesse del bambino verso gli argomenti; analisi della pertinenza delle domande poste dai bambini delle risposte date e dei gesti utilizzati nella rappresentazione dei racconti evangelici; risoluzione di schede di verifica. Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione in base ai criteri stabiliti nel relativo documento.

11 O.S.A. 2 UdA Mi racconto ti racconto - Descrittori Valutazione della competenza 3 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la conoscenza dell episodio evangelico dell Annunciazione; Non conosce il racconto dell'annunciazione. Ricorda l'episodio dell'annunciazione mostrando inesattezze e imprecisioni nel riconoscerne i personaggi. Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazione. Conosce il racconto dell'annunciazione e ne distingue correttamente i personaggi. Conoscere il tempo liturgico dell Avvento; Non sa cosa sia l'avvento. Intuisce che l'avvento è un periodo dell'anno, ma non lo collega al Natale. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riconosce nell'avvento un periodo di attesa di Gesù, mostrando interesse per le iniziative scolastiche relative a questo tema. Approfondire i fatti evangelici circa la nascita di Gesù a Betlemme; Non prova interesse per i racconti biblici della natività. Riproduce in modo inesatto i racconti evangelici della natività. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Riferisce autonomamente i racconti relativi al Natale. Conosce i personaggi principali che ruotano intorno all episodio della nascita di Gesù e scoprire il loro ruolo. Ignora i personaggi della natività. Conosce i personaggi della natività ma ne confonde le caratteristiche e il ruolo. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo. Conosce i personaggi della natività discriminandone le caratteristiche, operando confronti e inventando storie parallele.

12 O.S.A. 2 UdA Mi racconto ti racconto - Descrittori Valutazione della competenza 4 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la conoscenza dell episodio evangelico dell Annunciazione; Non conosce il racconto dell'annunciazione. Ricorda l'episodio dell'annunciazione mostrando inesattezze e imprecisioni. Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazione. Conosce il racconto dell'annunciazione e ne intuisce il significato. Conoscere il tempo liturgico dell Avvento; Non sa cosa sia l'avvento. Intuisce che l'avvento è un periodo dell'anno, ma non lo collega al Natale. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riconosce nell'avvento un periodo di attesa di Gesù, mostrando interesse per le iniziative scolastiche relative a questo tema. Approfondire i fatti evangelici circa la nascita di Gesù a Betlemme; Non prova interesse per i racconti biblici della natività. Riproduce in modo inesatto i racconti evangelici della natività. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Riferisce autonomamente i racconti relativi al Natale e li collega nel vissuto quotidiano al presepe. Conosce i personaggi principali che ruotano intorno all episodio della nascita di Gesù e scoprire il loro ruolo. Ignora i personaggi della natività. Conosce i personaggi della natività ma ne confonde le caratteristiche e il ruolo. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo. Conosce i personaggi della natività discriminandone le caratteristiche, operando confronti e inventando storie parallele.

13 O.S.A. 2 UdA Mi racconto ti racconto - Descrittori Valutazione della competenza 5 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire la conoscenza dell episodio evangelico dell Annunciazione; Non conosce il racconto dell'annunciazione. Ricorda l'episodio dell'annunciazione mostrando inesattezze e imprecisioni. Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazione. Conosce il racconto dell'annunciazione e ne intuisce il significato. Conoscere il tempo liturgico dell Avvento; Non sa cosa sia l'avvento. Intuisce che l'avvento è un periodo dell'anno, ma non lo collega al Natale. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riconosce nell'avvento un periodo di attesa di Gesù, mostrando interesse per le iniziative scolastiche relative a questo tema. Approfondire i fatti evangelici circa la nascita di Gesù a Betlemme; Non prova interesse per i racconti biblici della natività. Riproduce in modo inesatto i racconti evangelici della natività. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Riferisce autonomamente i racconti relativi al Natale e li collega nel vissuto quotidiano al presepe. Conosce i personaggi principali che ruotano intorno all episodio della nascita di Gesù e scoprire il loro ruolo. Ignora i personaggi della natività. Conosce i personaggi della natività ma ne confonde le caratteristiche e il ruolo. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo. Conosce i personaggi della natività discriminandone le caratteristiche, operando confronti e inventando storie parallele.

14 2 U.d.A. Mi racconto ti racconto - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazione. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo.

15 2 U.d.A. Mi racconto ti racconto - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazi one. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo.

16 2 U.d.A. Mi racconto ti racconto - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce l'episodio evangelico dell'annunciazi one. Sa che l'avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale. Riproduce correttamente gli episodi evangelici del Natale. Discrimina le caratteristiche dei personaggi della natività e ne intuisce il ruolo.

17 1 Quad. 3 U.D.A. Il tempo trasforma il tempo racconta Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, ecc.), per poter esprimere con creatività il proprio Campi di esperienza privilegiati: Il Sé e l Altro; Linguaggi, creatività, espressione; I discorsi e le parole. O. S. A. Indicatori di verifica Attività 10. Scoprire il Gesù Bambino attraverso alcuni episodi della sua infanzia; 11. Operare confronti tra l ambiente al tempo di Gesù e il nostro. 1 Livello (3 anni) - Distingue le fasi della crescita. - Riconosce attraverso l abbigliamento, che il contesto storico e temporale di Gesù è diverso dal nostro. 2 Livello (4 anni) - E consapevole che Gesù ha avuto un infanzia come noi. - Opera confronti tra l ambiente al tempo di Gesù e il nostro. 3 livello ( 5 anni) - Distingue la crescita in età, sapienza e grazia. - Distingue i mestieri, le case e la scuola al tempo di Gesù dai nostri. Racconti e dialogo per l approfondimento. Attività sulle abitazioni. Attività sull abbigliamento. Attività sui mestieri e la scuola. Disegni liberi e colorazione di schede. Gioco a tema. Disposizione in ordine cronologico delle fasi della crescita. Drammatizzazione. Metodologia - Per i bambini diversamente abili partecipazione a tutte le attività programmate e sviluppo di percorsi originali, tesi ad evitare ogni tipo di esclusione. - Conversazioni guidate; - Elaborati grafici singoli e di gruppo; - Giochi; - Drammatizzazioni.

18 vissuto religioso. - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; confronto del livello raggiunto dal bambino in rapporto al gruppo della stessa età; osservazione dell interesse del bambino verso gli argomenti; analisi della pertinenza delle domande poste dai bambini, delle risposte date e dei gesti utilizzati nella rappresentazione dei racconti evangelici; risoluzione di schede di verifica. Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione in base ai criteri stabiliti nel relativo documento.

19 O.S.A. 3 Uda Il tempo trasforma il tempo racconta - Descrittori Valutazione della competenza anni 3 Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire il Gesù Bambino attraverso alcuni episodi della sua infanzia. Ignora che Gesù abbia avuto un'infanzia. Distingue con incertezza le fasi della crescita. Distingue le fasi della crescita umana. E' pienamente consapevole che Gesù è stato un bambino come noi. Operare confronti tra l ambiente al tempo di Gesù e il nostro. Non sa calare la figura di Gesù in un contesto storico e temporale diverso dal nostro. Intuisce la storicità di Gesù, ma confonde spesso il suo ambiente col nostro. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro attraverso l'abbigliamento. Ha maturato la consapevolezza che Gesù ha vissuto in un preciso momento storico e lo sa distinguere correttamente dal nostro. O.S.A. 3 UdA Il tempo trasforma il tempo racconta - Descrittori Valutazione della competenza anni 4 Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire il Gesù Bambino attraverso alcuni episodi della sua infanzia. Ignora che Gesù abbia avuto un'infanzia. Riproduce episodi dell'infanzia di Gesù incompleti e non sempre corretti. Conosce episodi dell infanzia di Gesù. Riproduce episodi dell infanzia di Gesù ricchi di particolari e sa dare spiegazione degli stessi. Operare confronti tra l ambiente al tempo di Gesù e il nostro. Non sa calare la figura di Gesù in un contesto storico e temporale diverso dal nostro. Intuisce la storicità di Gesù, ma confonde spesso il suo ambiente col nostro. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro sotto vari punti di vista. Ha maturato la consapevolezza che Gesù ha vissuto in un preciso momento storico e lo sa distinguere correttamente dal nostro.

20 O.S.A. 3 UdA Il tempo trasforma il tempo racconta - Descrittori Valutazione della competenza anni 5 Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire il Gesù Bambino attraverso alcuni episodi della sua infanzia. Ignora che Gesù abbia avuto un'infanzia. Riproduce episodi dell'infanzia di Gesù incompleti e non sempre corretti. Conosce episodi dell infanzia di Gesù. Riproduce episodi dell infanzia di Gesù ricchi di particolari e sa dare spiegazione degli stessi. Operare confronti tra l ambiente al tempo di Gesù e il nostro. Non sa calare la figura di Gesù in un contesto storico e temporale diverso dal nostro. Intuisce la storicità di Gesù, ma confonde spesso il suo ambiente col nostro. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro sotto vari punti di vista. Ha maturato la consapevolezza che Gesù ha vissuto in un preciso momento storico e lo sa distinguere correttamente dal nostro.

21 3 U.d.A. Il tempo trasforma il tempo racconta - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Distingue le fasi della crescita umana. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro attraverso l'abbigliamento.

22 3 U.d.A. Il tempo trasforma il tempo racconta - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce episodi dell infanzia di Gesù. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro sotto vari punti di vista.

23 3 U.d.A. Il tempo trasforma il tempo racconta - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce episodi dell infanzia di Gesù. Opera confronti tra l'ambiente del tempo di Gesù e il nostro sotto vari punti di vista.

24 2 Quad. 4 U.D.A. A scuola Attiva- Mente Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, ecc.), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. Campi di esperienza privilegiati: parole. O. S. A. 1. Scoprire la paternità di Dio che si rivela nel suo amore e nella sua misericordia verso gli uomini. Il Sé e l Altro; Linguaggi, creatività, espressione; I discorsi e le 1 Livello (3 anni) - Sa cosa è una parabola. Indicatori di verifica 2 Livello (4anni) - Capisce la morale nascosta nei racconti in parabole di Gesù. Attività - Racconti di parabole (figliol prodigo; pecorella smarrita) e domande per la comprensione. - Drammatizzazione degli episodi. - Disegni liberi e colorazione di schede. - Giochi di logica e motori. - Preghiere spontanee. - Memorizzazione della preghiera del Padre Nostro. - Produzione grafica. 3 livello (5 anni) - Mette in pratica gli insegnamenti della parabola. - Metodologia - Per i bambini diversamente abili partecipazione a tutte le attività programmate e sviluppo di percorsi originali, tesi ad evitare ogni tipo di esclusione. - Conversazioni guidate; - Elaborati grafici singoli e di gruppo; - Giochi; - Drammatizzazioni.

25 - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; confronto del livello raggiunto dal bambino in rapporto al gruppo della stessa età; osservazione dell interesse del bambino verso gli argomenti; analisi della pertinenza delle domande poste dai bambini, delle risposte date e dei gesti utilizzati nella rappresentazione dei racconti evangelici; risoluzione di schede di verifica. Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione in base ai criteri stabiliti nel relativo documento.

26 O.S.A. 4 UdA A scuola attivamente - Descrittori Valutazione della competenza 3 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire la paternità di Dio che si rivela nel suo amore e nella sua misericordia verso gli uomini. Non sa cosa sia una parabola. Prova disinteresse verso i racconti di Gesù in parabole. Non identifica in Dio un padre amorevole verso gli uomini. Sa cosa sia una parabola ma non sempre sa coglierne il significato. Riproduce in modo parziale e frammentario alcune parabole di Gesù. Identifica in Dio un padre amorevole e misericordioso ma spesso alterna queste visioni ad un'idea di Dio che castiga e punisce. Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità. Intuisce autonomamente la morale nascosta nei racconti in parabole di Gesù. Conosce e riproduce parabole di Gesù con dovizia di particolari e pertinenza. Discrimina la paternità di Dio e la sua misericordia attraverso le parabole.

27 O.S.A. 4 UdA A scuola attivamente - Descrittori Valutazione della competenza 4 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire la paternità di Dio che si rivela nel suo amore e nella sua misericordia verso gli uomini. Non sa cosa sia una parabola. Prova disinteresse verso i racconti di Gesù in parabole. Non identifica in Dio un padre amorevole verso gli uomini. Sa cosa sia una parabola ma non sempre sa coglierne il significato. Riproduce in modo parziale e frammentario alcune parabole di Gesù. Identifica in Dio un padre amorevole e misericordioso ma spesso alterna queste visioni ad un'idea di Dio che castiga e punisce. Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità. Intuisce autonomamente la morale nascosta nei racconti in parabole di Gesù. Conosce e riproduce parabole di Gesù con dovizia di particolari e pertinenza. Discrimina la paternità di Dio e la sua misericordia attraverso le parabole. O.S.A. 4 UdA A scuola attivamente - Descrittori Valutazione della competenza 5 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Scoprire la paternità di Dio che si rivela nel suo amore e nella sua misericordia verso gli uomini. Non sa cosa sia una parabola. Prova disinteresse verso i racconti di Gesù in parabole. Sa cosa sia una parabola ma non sempre sa coglierne il significato. Riproduce in modo parziale e frammentario alcune parabole di Gesù. Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Intuisce autonomamente la morale nascosta nei racconti in parabole di Gesù. Conosce e riproduce parabole di Gesù con dovizia di particolari e pertinenza. Non identifica in Dio un padre amorevole verso gli uomini. Identifica in Dio un padre amorevole e misericordioso ma spesso alterna queste visioni ad un'idea di Dio che castiga e punisce. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità. Discrimina la paternità di Dio e la sua misericordia attraverso le parabole.

28 4 U.d.A. A scuola attivamente - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità.

29 4 U.d.A. A scuola attivamente - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità.

30 4 U.d.A. A scuola attivamente - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce il significato delle parabole. Riferisce le parabole di Gesù in modo corretto e puntuale. Risale all'amore di Dio verso gli uomini alla sua paternità.

31 2 Quad. 5 U.D.A. La bottega delle parole Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, Campi di esperienza privilegiati: Il Sé e l Altro; Linguaggi, creatività, espressione; I discorsi e le parole. O. S. A. Indicatori di verifica Attività 12. Approfondire i fatti evangelici della Pasqua, prendendo coscienza del suo vero significato. 1 Livello (3 anni) - Conosce i fatti evangelici della Pasqua. 2 Livello (4 anni) - Identifica nella Pasqua il passaggio dalla morte alla vita di Gesù. 3 livello ( 5 anni) - Riconosce, attraverso gli eventi pasquali, che l amore vero richiede sacrificio, ma è fonte di vera gioia. Racconti evangelici e dialogo per l approfondimento. Analisi di opere d arte sul tema. Disegni liberi e colorazione di schede. Gioco a tema. Drammatizzazione. Metodologia - Per i bambini diversamente abili partecipazione a tutte le attività programmate e sviluppo di percorsi originali, tesi ad evitare ogni tipo di esclusione. - Conversazioni guidate; - Elaborati grafici singoli e di gruppo; - Giochi; - Drammatizzazioni.

32 gestualità, spazi, ecc.), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; confronto del livello raggiunto dal bambino in rapporto al gruppo della stessa età; osservazione dell interesse del bambino verso gli argomenti; analisi della pertinenza delle domande poste dai bambini, delle risposte date e dei gesti utilizzati nella rappresentazione dei racconti evangelici; risoluzione di schede di verifica. Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione in base ai criteri stabiliti nel relativo documento.

33 O.S.A. 5 UdA La bottega delle parole - Descrittori Valutazione della competenza 3 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti evangelici della Pasqua, prendendo coscienza del suo vero significato. Non sa riprodurre i racconti evangelici della Pasqua. Ignora cosa si festeggia nel giorno di Pasqua. Fa confusione tra gli episodi che si susseguono nei racconti pasquali. Conosce il significato della Pasqua in modo superficiale e frammentario. Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù. Sa distinguere autonomamente gli episodi pasquali da altri relativi alla vita pubblica di Gesù. Identifica nella Pasqua la resurrezione di Gesù. O.S.A. 5 UdA La bottega delle parole - Descrittori Valutazione della competenza 4 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti evangelici della Pasqua, prendendo coscienza del suo vero significato. Non sa riprodurre i racconti evangelici della Pasqua. Ignora cosa si festeggia nel giorno di Pasqua. Fa confusione tra gli episodi che si susseguono nei racconti pasquali. Conosce il significato della Pasqua in modo superficiale e frammentario. Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù. Identifica nella Pasqua la resurrezione di Gesù. Riconosce negli eventi pasquali, l'opera di salvezza operata da Gesù verso gli uomini. Riferisce in Gesù risorto il fondamento della fede cristiana.

34 O.S.A. 5 UdA La bottega delle parole - Descrittori Valutazione della competenza 5 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti evangelici della Pasqua, prendendo coscienza del suo vero significato. Non sa riprodurre i racconti evangelici della Pasqua. Ignora cosa si festeggia nel giorno di Pasqua. Fa confusione tra gli episodi che si susseguono nei racconti pasquali. Conosce il significato della Pasqua in modo superficiale e frammentario. Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù. Identifica nella Pasqua la resurrezione di Gesù. Riconosce negli eventi pasquali, l'opera di salvezza operata da Gesù verso gli uomini. Riferisce in Gesù risorto il fondamento della fede cristiana.

35 5 U.d.A. La bottega delle parole - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù.

36 5 U.d.A. La bottega delle parole - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù. Identifica nella Pasqua la resurrezione di Gesù.

37 5 U.d.A. La bottega delle parole - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Conosce i fatti evangelici della passione di Gesù. Identifica nella Pasqua la resurrezione di Gesù. /

38 2 Quad. 6 U.D.A. La bottega delle scoperte Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. - Riconosce nei segni del corpo l esperienza religiosa propria e altrui per cominciare a manifestare anche in questo modo la propria interiorità, l immaginazione e le emozioni. - Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, Campi di esperienza privilegiati: discorsi e le parole. Il Sé e l Altro; Il corpo in movimento; Linguaggi, creatività, espressione; I O. S. A. Indicatori di verifica Attività 1. Approfondire i fatti relativi all origine della Chiesa. 2. Scoprire le caratteristiche dell edificio-chiesa e la vita liturgica. 3. Approfondire la conoscenza della figura della Madonna. 1 Livello (3 anni) - Sa che la Chiesa è la casa di Gesù. - Sa cosa si fa in Chiesa. - Intuisce che la Madonna è un unica persona rappresentata con tanti titoli. 2 Livello (4 anni) - Descrive gli oggetti presenti nella Chiesa e la loro funzionalità. - Identifica nella Madonna, la mamma di Gesù e la mamma di tutti i cristiani. 3 livello - Distingue la Chiesa edificio dalla Chiesa comunità. - Mette in relazione la figura della Madonna con i racconti evangelici che la riguardano. Racconto della Pentecoste e domande stimolo per la comprensione. Disegno libero e colorazione di schede. Attività sulla Pentecoste. Visione e commento di illustrazioni di Chiese e di oggetti presenti in esse. Visita guidata alla Chiesa parrocchiale. Canti e coreografie. Illustrazione di immaginette della Madonna. Conversazione. Metodologie - Conversazioni guidate. - Elaborati grafici singoli e di gruppo. - Visita guidata. - Canti.

39 spazi, ecc.), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. - Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. Verifica Osservazione sistematica del bambino durante le attività; raccolta di elaborati grafico-pittorici sui contenuti proposti; elaborati verbali; discussione; conversazione; racconti e narrazioni; confronto tra rendimento iniziale e quello finale di ogni bambino verso gli argomenti; confronto del livello raggiunto dal bambino in rapporto al gruppo della stessa età; osservazione dell interesse del bambino verso gli argomenti; analisi della pertinenza delle domande poste dai bambini, delle risposte date e dei gesti utilizzati nella rappresentazione dei racconti evangelici; risoluzione di schede di verifica. Valutazione Scheda quadrimestrale di valutazione stabiliti nel relativo documento. in base ai criteri

40 O.S.A. 6 UdA La bottega delle scoperte - Descrittori Valutazione della competenza 3 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti relativi all origine della Chiesa. Non sa come ha avuto origine la Chiesa primitiva. Conosce la storia delle origini della Chiesa in modo frammentario e superficiale. Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Verbalizza la storia della Chiesa con dovizia di particolari e opera confronti tra la chiesa primitiva e quella attuale. Scoprire le caratteristiche dell edificio-chiesa e la vita liturgica Confonde la Chiesa edificio con la Chiesa comunità. Non conosce le caratteristiche comuni alle chiese e ignora la funzionalità degli oggetti presenti in essa. Non sempre distingue correttamente la chiesa edificio dalla chiesa comunità. Riconosce le caratteristiche dell'edificio chiesa, ma ha difficoltà a ricordare gli oggetti presenti e ne confonde l'utilità. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. E capace di creare esempi di chiese come edifici e chiese come comunità. Usa un linguaggio specifico per descrivere gli oggetti presenti nella chiesa e la loro funzionalità. Approfondire la conoscenza della figura della Madonna. Non sa chi sia la Madonna; Non identifica nella Madonna la madre dei cristiani. Non sempre intuisce che la Madonna è un'unica persona che è rappresentata con tanti titoli. Identifica solo parzialmente nella Madonna, la mamma di Gesù e la mamma nostra. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani. Mette in relazione la figura della Madonna con i racconti su di lei ascoltati durante l'anno scolastico. Riconosce in Maria la mamma di tutti i cristiani e compone preghiere rivolte a Lei.

41 O.S.A. 6 UdA La bottega delle scoperte - Descrittori Valutazione della competenza 4 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti relativi all origine della Chiesa. Non sa come ha avuto origine la Chiesa primitiva. Conosce la storia delle origini della Chiesa in modo frammentario e superficiale. Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Verbalizza la storia della Chiesa con dovizia di particolari e opera confronti tra la chiesa primitiva e quella attuale. Scoprire le caratteristiche dell edificio-chiesa e la vita liturgica Confonde la Chiesa edificio con la Chiesa comunità. Non conosce le caratteristiche comuni alle chiese e ignora la funzionalità degli oggetti presenti in essa. Non sempre distingue correttamente la chiesa edificio dalla chiesa comunità. Riconosce le caratteristiche dell'edificio chiesa, ma ha difficoltà a ricordare gli oggetti presenti e ne confonde l'utilità. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. E capace di creare esempi di chiese come edifici e chiese come comunità. Usa un linguaggio specifico per descrivere gli oggetti presenti nella chiesa e la loro funzionalità. Approfondire la conoscenza della figura della Madonna. Non sa chi sia la Madonna; Non identifica nella Madonna la madre dei cristiani. Non sempre intuisce che la Madonna è un'unica persona che è rappresentata con tanti titoli. Identifica solo parzialmente nella Madonna, la mamma di Gesù e la mamma nostra. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani. Mette in relazione la figura della Madonna con i racconti su di lei ascoltati durante l'anno scolastico. Riconosce in Maria la mamma di tutti i cristiani e compone preghiere rivolte a Lei.

42 O.S.A. 6 UdA La bottega delle scoperte - Descrittori Valutazione della competenza 5 anni Non raggiunta Parzialmente raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Approfondire i fatti relativi all origine della Chiesa. Non sa come ha avuto origine la Chiesa primitiva. Conosce la storia delle origini della Chiesa in modo frammentario e superficiale. Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Verbalizza la storia della Chiesa con dovizia di particolari e opera confronti tra la chiesa primitiva e quella attuale. Scoprire le caratteristiche dell edificio-chiesa e la vita liturgica Confonde la Chiesa edificio con la Chiesa comunità. Non conosce le caratteristiche comuni alle chiese e ignora la funzionalità degli oggetti presenti in essa. Non sempre distingue correttamente la chiesa edificio dalla chiesa comunità. Riconosce le caratteristiche dell'edificio chiesa, ma ha difficoltà a ricordare gli oggetti presenti e ne confonde l'utilità. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. E capace di creare esempi di chiese come edifici e chiese come comunità. Usa un linguaggio specifico per descrivere gli oggetti presenti nella chiesa e la loro funzionalità. Approfondire la conoscenza della figura della Madonna. Non sa chi sia la Madonna; Non identifica nella Madonna la madre dei cristiani. Non sempre intuisce che la Madonna è un'unica persona che è rappresentata con tanti titoli. Identifica solo parzialmente nella Madonna, la mamma di Gesù e la mamma nostra. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani. Mette in relazione la figura della Madonna con i racconti su di lei ascoltati durante l'anno scolastico. Riconosce in Maria la mamma di tutti i cristiani e compone preghiere rivolte a Lei.

43 6 U.d.A. La bottega delle scoperte - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 3 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani.

44 6 U.d.A. La bottega delle scoperte - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 4 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani.

45 6 U.d.A. La bottega delle scoperte - Griglia cromatica di rilevazione degli apprendimenti - anni 5 Non raggiunta Parz. raggiunta Raggiunta Pienamente raggiunta Nome bambino Relaziona i fatti che hanno contribuito a fondare la Chiesa delle origini in modo esatto e pertinente. Distingue la chiesa fatta di mattoni dalla chiesa fatta di persone. Riconosce le caratteristiche della Chiesa edificio e sa individuare gli oggetti presenti, con la loro funzionalità. Conosce la figura della Madonna. Intuisce che Maria è la mamma di tutti i cristiani. /

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI a) Scoprire le regole del vivere insieme b) Scoprire il piacere di stare insieme agli altri bambini c) Ascoltare racconti sulla vita di CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO a) Rispettare le regole del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA di SAN MARTINO IN BELISETO, POZZAGLIO e CORTE DEI FRATI PROGETTO di RELIGIONE (anni 3) NELLA CASA DI GESU MOTIVAZIONE: Maestra Maria

Dettagli

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno Parrocchia di S. Gregorio Magno Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno via Boccaccio, 91-35128 Padova, P. IVA 03386430288, C.F. 80041130289 Tel.e Fax 049-8071565, E mail: scuolamaterna@sangregoriomagnopadova.it,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 INSEGNANTE: Bonaiti Laura (Supplente di Francesca Binetti); SCUOLA DELL INFANZIA DI MACLODIO 1 1 UDL SETTEMBRE:

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI OLIVA Piazza Mitrano, 30 - tel. e fax080-4311074 - Cod. Mec. BAIC83100B - C. F. 91108250720 e-mail

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI OLIVA Piazza Mitrano, 30 - tel. e fax080-4311074 - Cod. Mec. BAIC83100B - C. F. 91108250720 e-mail ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI OLIVA Piazza Mitrano, 30 - tel. e fax080-4311074 - Cod. Mec. BAIC83100B - C. F. 91108250720 e-mail baic83100b@istruzione.it 70010 LOCOROTONDO (BA) PREMESSA L ora di Religione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa.

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa. IOEGLIALTRI Capacità di rapportarsi agli altri attraverso il gioco in atteggiamento positivo di accoglienza Il bambino si apre alla capacità di interazione con i coetanei, con le insegnanti e identifica

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI 2 anni e1/2-3-4-5 ANNI Numero sezioni: 11 ANNO

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE RELIGIOSA

PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE RELIGIOSA PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE RELIGIOSA PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: Brocani Barbara ( sez. A- C- D) PREMESSA L IRC si inserisce in una scuola che deve essere vissuta

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

«LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE»

«LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE» «LA GIOIA DELLA RESURREZIONE PASQUALE» 4^ TAPPA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA «SAN GIOVANNI BOSCO» BELFIORE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MOTIVAZIONE Il tempo di Quaresima inizia con il gesto

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Seconda Disciplina/Macroarea/Camp o d esperienza BIAGIONI MARIA GRAZIA SANTI PAOLA G.GIUSTI DON MILANI Sezione RELIGIONE CATTOLICA Tavola di sintesi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

PICCOLI ARTISTI CRESCONO

PICCOLI ARTISTI CRESCONO SCUOLA DELL' INFANZIA PARITARIA LEONARDO ZANNIER FOSSALTA DI PORTOGRUARO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA: PICCOLI ARTISTI CRESCONO Anno scolastico 2014/2015 PREMESSA La scelta di lavorare con il colore è motivata

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO 1 TEMPI COMPETENZE CHIAVE EUROPEE SETTEMBRE Competenze sociali consapevolezza ed culturale. tecnologia COMPETENZE

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGETTO BIENNALE DI I.R.C.

PROGETTO BIENNALE DI I.R.C. ISTITUTO COMPRENSIVO DI GORLE PROGETTO BIENNALE DI I.R.C. ANNO SCOLASTICO 2014-15 / 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA TANTE STRADE TANTI INCONTRI. 1 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica è una disciplina

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta CLASSE PRIMA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA):L ESPERIENZA DI SÉ, DELLA VITA ATTORNO A SÉ E CON GLI ALTRI APRE ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON ATTEGGIAMENTI DI ACCOGLIENZA, STUPORE E GIOIA.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata

La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata PREMESSA La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata della propria crescita in termini della costruzione dell identità personale; essa concorre all educazione armonica

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

Da burattino a bambino responsabile

Da burattino a bambino responsabile Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS Via Cavagnis 4, 24019 Zogno (BG) Tel. 0345/91246 Fax 0345/91246 E-mail- suor.nives@virgilio.it Da burattino a bambino responsabile Anno scolastico 2012-2013 1 TRAGUARDI

Dettagli