La mungitura resta, comunque, un operazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La mungitura resta, comunque, un operazione"

Transcript

1 PER RIDURRE I COSTI E MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO La sala di mungitura può essere robotizzata L impiego di bracci robotizzati a servizio di poste multiple permetterebbe interessanti applicazioni alle sale di mungitura tradizionali, a tandem o a giostra. Secondo uno studio, con un braccio si riuscirebbero a mungere mandrie fino a 100- capi in 4 ore, rispettando anche il disciplinare di produzione del Parmigiano-Reggiano di P. Zappavigna, P. Liberati, P. Rossi, A. Gastaldo I sistemi organizzativi e gestionali dell allevamento bovino da latte sono stati fortemente influenzati dall evoluzione tecnologica dei sistemi di mungitura. È sufficiente ricordare, a questo proposito, che il passaggio dalla stabulazione fissa alla stabulazione libera è stato determinato innanzitutto dall esigenza di razionalizzare e ottimizzare l operazione di mungitura. La possibilità di mungere in sala ha rappresentato un miglioramento epocale nell allevamento da latte e ha avuto un peso rilevante nella corsa alla riduzione dei costi di produzione e al miglioramento delle condizioni di lavoro; i suoi benefici effetti, poi, si sono fatti sentire su altri aspetti rilevanti dell allevamento, quali le condizioni igienico-sanitarie e il benessere degli animali, con importanti riflessi sulle caratteristiche quanti-qualitative del latte prodotto. La mungitura resta, comunque, un operazione che vincola fortemente l organizzazione aziendale: quando si hanno vacche da mungere non esistono ferie e le feste sono giorni come gli altri, in cui la produzione continua e richiede l intervento dell uomo, spesso in orari disagevoli e poco consoni a una vita sociale normale. D altra parte esiste, e si fa sempre più forte, la contraddizione fra l esigenza di manodopera specializzata e la scarsa propensione a svolgere questo tipo di attività; la mungitura, infatti, non è solo un operazione meccanica assistita dall uomo, ma rappresenta anche un momento estremamente importante per il monitoraggio della situazione sanitaria e produttiva degli animali, per cui necessiterebbe di personale di buona qualificazione professionale, che oggi è difficilmente reperibile. La sperimentazione di Crpa e Diproval ha portato alla realizzazione di sale di mungitura con bracci robotizzati Sistemi automatici di mungitura Nel tentativo di dare soluzioni alle problematiche anzidette, la sperimentazione e la tecnologia hanno messo a punto, a partire dal 1980 circa, alcuni sistemi automatici di mungitura. Questi, noti a livello internazionale con la sigla Ams (Automatic milking systems), sembrano soddisfare in linea teorica le esigenze del settore bovino da latte, ma sono innovazioni così radicali che richiedono un profondo cambiamento nella gestione e nell organizzazione delle stalle, dall alimentazione alla durata della carriera produttiva, dal comportamento dell animale alla progettazione della stalla, dagli aspetti igienico-sanitari alla quantità e qualità della produzione. Allo stato attuale l impiego di sistemi automatici di mungitura sembra riscuotere maggior interesse in aziende che utilizzano unità lavorative familiari, piuttosto che in grandi aziende condotte con manodopera salariata, in quanto l attrattiva del miglioramento delle condizioni di vita rende più sopportabile l elevato investimento iniziale. Esistono tuttavia alcune condizioni in cui tale tecnologia, nelle più diffuse ver- 26 supplemento a L Informatore Agrario 38/2007

2 MECCANIZZAZIONE S sioni commerciali costituite da stazioni a poste singole, trova forti limiti di convenienza economica. Ci riferiamo, nello specifico, alle condizioni imposte da alcuni disciplinari di produzione tipica (Grana Padano, Parmigiano-Reggiano), che prescrivono limiti alla frequenza e alla durata della mungitura. Nel primo caso, non sono consentite più di due mungiture giornaliere, mentre nel caso del Parmigiano-Reggiano, oltre al limite delle due mungiture al giorno, è imposto un tempo di mungitura non superiore alle quattro ore antecedenti la raccolta del latte. Queste limitazioni, in particolare quella sul tempo di mungitura, rendono più vantaggiosa l adozione di soluzioni capaci di massimizzare la produttività oraria rispetto a quelle che massimizzano la resa sulle 24 ore. Questo obiettivo è più facilmente raggiungibile servendo più poste con uno stesso braccio robotizzato, ottenendo anche minori costi d impianto; per questo stazioni a poste multiple, inizialmente abbandonate perché poco produttive, si stanno di nuovo affacciando sul mercato con migliorata efficienza. L ipotesi descritta non è nuova. Infatti, partendo dalle tipologie di sistemi automatici di mungitura multiposta, alcuni autori, fra i quali Sangiorgi e Provolo (1992) e Sonck e Donkers (1995), hanno ipotizzato la possibilità di adattare l automazione dell attacco del gruppo di mungitura alle sale di mungitura tradizionali. Lo studio è stato effettuato da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di protezione e valorizzazione agroalimentare (Diproval) dell Università di Bologna e del Centro ricerche produzioni animali di Reggio Emilia, all interno delle attività svolte in un progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna dal titolo «Studio di fattibilità sull automazione integrale delle sale di mungitura tradizionali», e ha riguardato, in modo particolare, la possibilità di impiegare tale modalità di robotizzazione della mungitura in conformità con le prescrizioni del disciplinare di produzione del Parmigiano-Reggiano. Il primo vantaggio di tale soluzione potrebbe essere quello di svolgere in modo Il braccio robotizzato utilizzato nella sperimentazione Un gruppo di ricerca olandese ha recentemente indicato l automazione della sala di mungitura come soluzione preferibile a quella dei sistemi automatici di mungitura per le stalle del futuro. Nel caso del Parmigiano-Reggiano questa ipotesi risulta ancora più interessante in quanto, con una durata di mungitura limitata a 4 ore, la produttività massima di una stazione a posta singola (occu- PROGETTO DI RICERCA Automazione della mungitura per il Parmigiano-Reggiano automatico l attività di mungitura in una modalità compatibile con la produzione di latte destinato alla trasformazione in formaggio Parmigiano-Reggiano. In secondo luogo tale tecnologia potrebbe costituire un alternativa più economica all automazione mediante stazioni individuali, in quanto deriverebbe dall adattamento di una tecnologia industriale già in uso nei sistemi di mungitura convenzionali (minori costi di produzione, commercializzazione e assistenza tecnica). Un terzo punto a favore di questa soluzione sarebbe il fatto di poter convertire le sale di mungitura esistenti all automazione, con risparmi considerevoli nei costi di acquisto e installazione. pata in media per circa 8 minuti/capo) non consentirebbe di mungere più di capi, un numero troppo basso per ammortizzare i costi dell impianto. Non è un caso che l unica azienda bovina da latte in zona Parmigiano-Reggiano che rispetta tali condizioni utilizza 2 stazioni per mungere 65 vacche da latte. Occorre considerare che una soluzione di questo tipo potrebbe applicarsi anche alle comuni sale di mungitura, costituendo in tal modo un alternativa tecnologicamente più semplice ed economicamente più conveniente rispetto alle sofisticate stazioni automatizzate oggi in commercio. Per tali ragioni si è deciso di effettuare uno studio di fattibilità riguardante la possibilità di impiegare bracci robotizzati a servizio di poste multiple, secondo uno schema operativo analogo a quello delle sale di mungitura tradizionali. I sistemi robotizzati in commercio Si sono effettuate accurate analisi sulle prestazioni dei vari sistemi robotizzati di mungitura presenti in commercio, i quali sono riconducibili a tre tipi fondamentali: con braccio a servizio di poste singole; con braccio rotante a servizio di due poste in parallelo; con braccio a traslazione lineare capace di servire più poste in serie. 38/2007 supplemento a L Informatore Agrario 27

3 Tandem a 1 fila con 1 braccio mobile Tandem a 2 file con 1 braccio mobile Produzione di latte (L) e velocità del braccio (m/s) Con la sala a tandem a 2 file e 2 bracci mobili si può incrementare notevolmente la produttività globale potendo aumentare il numero di capi della mandria da (in una sala a tandem a 2 file con 1 braccio) a Tandem a 2 file con 2 bracci mobili 25 L-0,4 m/s 30 L-0,4 m/s 35 L-0,4 m/s 25 L-0,4 m/s 30 L-1,0 m/s 35 L-1,0 m/s 25 L-1,8 m/s 30 L-1,8 m/s 35 L-1,8 m/s GRAFICO 1 - Capi munti in 4 ore in una sala di mungitura a tandem Da queste indagini si sono ricavate informazioni di carattere probabilistico sui tempi di lavoro del sistema di attacco, di entrata-uscita e di mungitura degli animali. Successivamente, utilizzando questi dati, si è simulato il funzionamento dei seguenti schemi di sistemi robotizzati a poste multiple: a tandem, con un braccio mobile operante su una sola fila (per semplice traslazione); a tandem, con un braccio mobile operante su due file parallele (per traslazione e rotazione); a giostra rotativa, con un braccio fisso. Il modello di simulazione prevede preliminarmente la formazione di una mandria «reale» (con una distribuzione dei giorni di lattazione e del numero di lattazioni che si verificano in normali condizioni di esercizio) avente una numerosità il più possibile prossima a quella massima che, per una data configurazione, sia ipotizzabile mungere. Successivamente si simula la mungitura, ipotizzando di ottenere la metà della produzione giornaliera complessiva di ciascun capo. La mungitura viene quindi ripetuta otto volte (per quattro giorni consecutivi), calcolando media e deviazione standard sulle variabili di prestazione ricercate. Di seguito, vengono riportati i parametri utilizzati per la costruzione del modello di simulazione: numero di capi della mandria; livello produttivo medio della mandria (25, 30 e 35 kg/capo per giorno); velocità di spostamento delle bovine; tempo d attacco del Non conviene spingere l attività del braccio oltre i 4 box serviti, poiché il guadagno in capi munti diviene marginale gruppo prendicapezzoli (incluse le fasi preparatorie di identificazione e lavaggio del capezzolo); tempi individuali di mungitura (in funzione della produzione giornaliera, stimata secondo la curva di Wood, per giorni di lattazione e numero di lattazioni). Per la tipologia a tandem si sono ipotizzati: numero di file di box (1 o 2); numero di box per fila (da 1 a 6); numero di bracci (1 o 2 nel caso di due file); velocità di spostamento del braccio (0,4, 1,0 e 1,8 m/s). Per la tipologia a giostra si è invece ipotizzata una soluzione con moto di rotazione discontinuo, dove l ingresso del capo da mungere e l attacco avvengono con giostra ferma, considerando soltanto due parametri, ossia la velocità periferica di rotazione e il numero di box. Le variabili di prestazione considerate in funzione dei suddetti parametri sono il numero massimo di capi munti nelle 4 ore e la corrispondente produzione di latte. Il modello, tuttavia, permette di valutare anche la rilevanza di altre variabili: tempo di spostamento del braccio; tempo di attesa della vacca nel box in attesa del braccio; tempo in cui il box resta libero in attesa di una vacca; tempo di inutilizzo del braccio. Di seguito vengono riportati i risultati delle simulazioni fatte, espressi come valori medi per mungitura calcolati su otto mungiture consecutive, quindi riferiti a un periodo di quattro giorni di funzionamento. Sala a tandem Il grafico 1 mostra i risultati della simulazione al variare della produzione a capo e della velocità del braccio. Essi evidenziano, per un verso, la possibilità teorica di mungere, nelle quattro ore imposte dal disciplinare di produzione del Parmigiano-Reggiano, una 28 supplemento a L Informatore Agrario 38/2007

4 MECCANIZZAZIONE S mandria di consistenza ragguardevole sul piano economico-gestionale. Infatti, dimensioni di allevamento di capi sono oggi ritenute appropriate per un azienda a gestione familiare, specie nella zona tipica di produzione. Se, invece, valutiamo il rendimento in termini di latte prodotto (e non semplicemente di capi serviti), quella che appare come una modesta differenza numerica fra le diverse soluzioni diviene quantitativamente assai significativa dal momento che, avendo animali di maggiore resa produttiva, si riesce a ottenere, con pochi soggetti in meno, una quantità di latte notevolmente superiore (grafico 2). Per altro verso, i risultati evidenziano anche la decisiva influenza degli aspetti tecnico-costruttivi; infatti, ogni soluzione ha un limite di efficienza (evidente soprattutto nella configurazione a due file con un solo braccio) dovuto soprattutto ai limiti di efficienza del braccio robotizzato (velocità di spostamento e tempo di attacco). Di fatto, non conviene spingere l attività del braccio oltre ai 4 box serviti, divenendo marginale Nella fase di mungitura è sempre più forte l esigenza di manodopera specializzata a fronte di una scarsa propensione a svolgere questo lavoro Attualmente l impiego di sistemi di mungitura automatici ha più successo in aziende da latte a conduzione familiare più che in grandi aziende In una sala di mungitura dotata di braccio robotizzato i costi di produzione sono inferiori rispetto alle stazioni robotizzate il guadagno in capi munti. La velocità del braccio ha peraltro un importanza crescente col numero di box da servire, tanto da determinare, al valore minimo di 0,4 m/ s, una perdita secca di efficienza del sistema oltre i 4 box serviti. Il raddoppio del numero di file non produce differenze significative quando si impieghi un solo braccio; invece l impiego di due bracci aumenta notevolmente la consistenza della mandria servibile nelle quattro ore. Da un punto di vista strettamente funzionale (capi serviti per box e per braccio) le diverse soluzioni appaiono abbastanza equivalenti. Notevole però è l incremento di produttività globale che si ottiene, passando dalla configurazione con un solo braccio alla configurazione con due bracci. Infatti, in questo modo la mandria servibile può raddoppiare, raggiungendo dimensioni di tutto riguardo, anche se confrontate con quelle raggiungibili da sale di mungitura tradizionali a elevata produttività. Ovviamente una scelta finale fra i diversi sistemi dovrebbe tenere conto anche dei costi di costruzione e della funzionalità rispetto alla specifica situazione di layout e di organizzazione della stalla (movimentazione degli animali e accessibilità). Ad esempio, l elevata produttività di un sistema a due file con due bracci potrebbe essere sfruttata sia per mungere una mandria della massima consistenza servibile sia, in alternativa, per mungere una mandria di minori dimensioni, ma in minor tempo e con maggiori margini per far fronte a possibili imprevisti (per esempio attacchi falliti, distacchi parziali in corso di mungitura, lento convogliamento degli animali). Sala a giostra In una sala a giostra la piattaforma circolare che contiene i box (disposti sulla tangente) ruota, restando ferma il tempo necessario per far uscire dal box il capo appena munto (evento che non si verifica al primo giro), per far entrare il capo da mungere e permettere al braccio di eseguire l attacco del gruppo mungitore (comprese le operazioni preliminari di pulizia e massaggio). I risultati scaturiti dall applicazione del modello di simulazione probabilistico, spiegato nel box e i cui risultati sono visualizzati nel grafico 3, confermano sostanzialmente questa prima valutazione, mostrando che, al di sopra dei 4-5 posti, un aumento del numero di box non comporta praticamente variazioni nel numero dei capi munti, a parità della velocità periferica della giostra. In definitiva, stando al modello, il numero massimo di capi munti con questo schema, per le due velocità di 0,1 m/s e 0,2 m/s, dovrebbe attestarsi, rispettivamente, sui 100 o i 112 capi per mungitura. Un ulteriore acquisizione fornita dal modello è che, per poter incrementare la produttività della giostra, si può intervenire solo sulla velocità di rotazione della giostra, nell ottica di ridurre il tempo medio dell arresto del box. Inoltre, se nel modello lineare a tandem il livello produttivo della mandria rappresenta un importante fattore limitante delle prestazioni del sistema, nel modello a giostra le prestazioni sono legate principalmente ai tempi di attacco; per cui il numero di capi munti non cambia sostanzialmente quale che sia il livello produttivo della mandria. Ne consegue che con questo tipo di configurazione è molto più conveniente avere animali di produttività media elevata. In particolare, potendo mungere 112 capi in 4 ore, con una produttività media di 35 kg/capo per giorno, a ogni mungitura si possono ottenere kg di latte, più di quanto ottenibile con schemi a sviluppo lineare (1.855 kg). Quanto fin qui riscontrato ci suggerisce una possibilità di migliorare ulte- 38/2007 supplemento a L Informatore Agrario 29

5 Tandem a 1 fila con 1 braccio mobile Produzione di latte (L) e velocità del braccio (m/s) 25 L-0,4 m/s 30 L-0,4 m/s 35 L-0,4 m/s 25 L-0,4 m/s 30 L-1,0 m/s 35 L-1,0 m/s 25 L-1,8 m/s 30 L-1,8 m/s 35 L-1,8 m/s Produzione (kg) GRAFICO 2 - Produzione di latte in 4 ore in sala di mungitura a tandem La produzione massima in 4 ore di mungitura si ottiene con 4-5 box (anche kg di latte con animali a elevata resa produttiva). riormente le prestazioni del sistema a giostra. Infatti, se si riuscisse a ridurre il tempo di arresto, realizzando l attacco con giostra in movimento, si potrebbe incrementare notevolmente il numero di capi serviti; ciò si potrebbe ottenere facendo muovere il braccio, per un certo tratto, solidalmente con la piattaforma. Un altro possibile incremento delle prestazioni si realizzerebbe operando la pulizia delle mammelle in un box antecedente quello di attacco. In questo modo i tempi di attacco per box verrebbero ridotti, a spese però di una maggiore complessità tecnica del sistema. Conclusioni Il presente studio di fattibilità mostra la possibilità, almeno su un piano teorico, di adottare la mungitura robotizzata anche in conformità con i requisiti imposti da disciplinari di produzione assai restrittivi come quello del Parmigiano-Reggiano. Ciò non significa che si possa trasferire in modo immediato agli allevamenti la tecnologia oggi esistente. Oltre agli adattamenti puramente tecnici, occorre svolgere ulteriori verifiche di fattibilità sulla possibilità di far lavorare con continuità il sistema per le quattro ore consentite; condizione che deve essere assicurata attraverso appropriati sistemi di convogliamento degli animali che garantiscano la loro presenza costante nell area di attesa alla mungitura. A questo si potrebbe provvedere in due modi: sfruttando, in un lasso di tempo iniziale della «finestra» di mungitura, la volontarietà degli animali più dinamici (ad esempio, bloccando l accesso libero all alimentazione da una certa ora in poi e attirandoli al sistema con richiami di vario tipo), intervenendo manualmente solo in un secondo tempo per avviare gli animali più restii; oppure adottando dispositivi di convogliamento automatici appositamente studiati e già esistenti in commercio. D altro canto, la potenzialità massima dei sistemi di mungitura da noi valutati Potendo mungere 112 capi in 4 ore, con una produttività media di 35 kg/capo/giorno a ogni mungitura si possono ottenere kg di latte Velocità periferica giostra 0,2 m/s 0,1 m/s 35 kg/capo/giorno 35 kg/capo/giorno 25 kg/capo/giorno 25 kg/capo/giorno GRAFICO 3 - Schema rotativo a giostra con braccio fisso: capi munti in 4 ore In una sala a giostra con uguale velocità periferica, al di sopra di 4-5 posti, un aumento del numero di box non comporta sostanziali variazioni nel numero di capi munti. è tale che se ne può ipotizzare la sostenibilità economica anche con un tempo di lavoro meno prolungato e continuativo; consideriamo infatti che la mandria di dimensioni medie nell area di produzione tipica sia inferiore, come si è detto, ai 100 capi, molti meno quindi della potenzialità massima teorica qui stimata (capace di assorbire anche una possibile quota del 3% di attacchi falliti). Certamente occorre compiere ulteriori verifiche anche di tipo economico. Crediamo però che anche queste possano dare esiti soddisfacenti, se consideriamo che i sistemi da noi analizzati hanno caratteristiche in tutto simili alle comuni sale di mungitura, con in più solo l attrezzatura occorrente al braccio robotizzato; è quindi presumibile che una sala di mungitura di tipo tradizionale, così attrezzata, riesca a spuntare prezzi finali inferiori a quelli delle ben più complesse stazioni robotizzate oggi esistenti in commercio. Paolo Zappavigna Paolo Liberati Dipartimento di protezione e valorizzazione agroalimentare (Diproval) Università di Bologna Paolo Rossi Alessandro Gastaldo Centro ricerche produzioni animali Reggio Emilia Per consultare la bibliografia di questo articolo visitare il sito: ita/riviste/infoagri/lia3807/3007 web.pdf 30 supplemento a L Informatore Agrario 38/2007

6 Articolo pubblicato sul Supplemento a L Informatore Agrario n. 38/2007 a pag. 26 La sala di mungitura può essere robotizzata BIBLIOGRAFIA Wood P. D. P. (1967) - Algebraic model of the lactation curve in cattle. Nature, 216: Sonck B.R., Donkerst H.W.J. (1995) - The milk capacity of a milking robot. J. Agric. Res., 62: Sangiorgi F., Provolo G. (1992) - Automatic milking in Italy: implementation on the dairy farm and economic aspects. Prospect for Automatic milking:

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio

SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio SCHEDA TECNICO-ECONOMICA Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in casi studio Di seguito vengono riportati la produttività del lavoro e il costo unitario di mungitura

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Cristian Bolzonella Contagraf, Università di Padova Steven Taff Dipartimento Economia Applicata, Università

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

BUSINESS PLAN 2010. NO Royalties, NO Fee D Ingresso

BUSINESS PLAN 2010. NO Royalties, NO Fee D Ingresso BUSINESS PLAN 2010 NO Royalties, NO Fee D Ingresso Negli ultimi due anni l offerta della distribuzione automatica ha fatto registrare una crescita a doppia cifra, anche nello scenario attuale che vede

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini

Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini Innovazioni tecnologiche impianti di mungitura: Variatore del numero di giri della pompa del vuoto o Inverter Lucio Zanini Specialista qualità latte Servizio Assistenza Tecnica Allevamenti Regione Lombardia

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO

MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO MASTER L EVOLUZIONE DEL MAGAZZINO VERTICALE AUTOMATICO MASTER L EVOLUZIONE MASTER è l'evoluzione del magazzino automatico verticale a cassetti per la sua totale flessibilità di espansione con la aggiunta

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE.

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. Tutti i lati positivi della motorizzazione elettrica e solo i vantaggi di quella tradizionale. IL MEGLIO IN CIRCOLAZIONE. Minori consumi, più rispetto per l

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Mungitura, tipol di impianto a conf

Mungitura, tipol di impianto a conf DOSSIER MECCANIZZAZIONE Mungitura, tipol di impianto a conf La meccanizzazione della stalla non può più fare a meno di un adeguato sistema per mungere le vacche. L importante è saper scegliere la soluzione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo?

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? 1 Giuseppe Invernizzi Direttore - APA CO LC e Varese 2 Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? L idea nasce dall esigenza di dare risposte adeguate alla crisi che da diversi anni attanagliava

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto Power Logic Energy Box La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto TM 1 Misura e comunicazione per ridurre i costi e aumentare l efficienza energetica La sfida energetica

Dettagli

Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno

Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval La soluzione giusta per te... ogni giorno Scegli il miglior livello di automazione per il tuo lavoro Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel

EasyPLAST. Siamo riusciti a trasferire in EasyPLAST tutte le informazioni e le procedure che prima erano gestite con fogli excel Abbiamo completamente eliminato i costi di personalizzazione e di continuo sviluppo per cercare di adattare un prodotto software orizzontale e generalista alle problematiche del nostro settore Un software

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato La volatilità dei mercati e la connessione sempre maggiore tra le dinamiche interne e l andamento

Dettagli

Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013

Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013 Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013 V. Dell Orto, C. A. Sgoifo Rossi, R. Compiani, G. Baldi

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

I modelli di qualità come spinta allo sviluppo

I modelli di qualità come spinta allo sviluppo I modelli di qualità come spinta allo sviluppo Paolo Citti Ordinario Università degli studi di Firenze Presidente Accademia Italiana del Sei Sigma 2005 1 Si legge oggi sui giornali che l azienda Italia

Dettagli

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces blue Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces Blue e rotokite? Il brevetto del Rotokite nasce da un idea di Gianni Vergnano amministratore della Soc Sequoia.it. presso

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

SERVE ANCORA AVERE UN SISTEMA DI QUALITÀ CERTIFICATO?

SERVE ANCORA AVERE UN SISTEMA DI QUALITÀ CERTIFICATO? LA NUOVA ISO 9001 : 2008 SERVE ANCORA AVERE NEL 2009 UN SISTEMA DI QUALITÀ CERTIFICATO? Paolo Citti Ordinario Università degli Studi di Firenze Presidente AICQ Tosco Ligure 1 Si legge oggi sui giornali

Dettagli

La potenza di una buona idea: 50 anni di trasmissione idrostatica. Linde Material Handling

La potenza di una buona idea: 50 anni di trasmissione idrostatica. Linde Material Handling La potenza di una buona idea: 50 anni di trasmissione idrostatica. Linde Material Handling 1960 Linde presenta il primo carrello con trasmissione idrostatica nel 1960 il modello Hubtrac. Questo significa

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Il noleggio operativo

Il noleggio operativo Il noleggio operativo Indice degli argomenti 2 1. Vantaggi per il cliente 2. Vantaggi per il dealer 3. Il prodotto noleggio 4. Le nostre tabelle 5. I beni 6. Le garanzie accessorie 7. Documenti e procedura

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART UNICO 3 SYSTEM A SMART SOLUTION FOR SMART PEOPLE Unicò 3 System La soluzione completa per la tua azienda Unicò 3 System è la soluzione più evoluta e completa per gestire tutti i reparti della tua azienda

Dettagli

CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA

CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA CALCOLO DEL RISPARMIO ENERGETICO IN SEGUITO ALLA SOSTITUZIONE DI UN MOTORE CON UNO A PIÙ ALTA EFFICIENZA Introduzione I motori a più alta efficienza hanno minori perdite rispetto a quelli tradizionali.

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il modo migliore per guadagnare parte dall energia.

Il modo migliore per guadagnare parte dall energia. Per saperne di più su tutte le offerte impresa visita il sito www.innovatec.it sezione impresa Innovatec IMPRESA meno spese in bolletta più risorse per la tua azienda Il modo migliore per guadagnare parte

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 S OMMAR IO LA FUNZIONE DEI REPORT... 3 TIPOLOGIA DEI REPORT... 3 CRITERI

Dettagli

La valutazione economico-tecnica del software contabile

La valutazione economico-tecnica del software contabile La valutazione economico-tecnica del software contabile fino a qualche tempo fa... hardware assorbe la maggiore quota dell investimento software predisposto internamente obiettivi nella valutazione degli

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

LA SURROGA FACILE (Guida n.2)

LA SURROGA FACILE (Guida n.2) LA SURROGA FACILE (Guida n.2) KreditOnline Mediazione Creditizia Srl Iscrizione Oam M301 - Ivass E000585138 P.Iva 10471761006 Sede Legale: Via F. S. Correra, 11-80135 Napoli Sede Op.: Prima Trav. Paolo

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA E MACCHINE Impianti di accumulo mediante pompaggio: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti 1 Potenza efficiente degli

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

PARTNER FOR YOUR BUSINESS SISTEMI E SOLUZIONI PER LA RACCOLTA

PARTNER FOR YOUR BUSINESS SISTEMI E SOLUZIONI PER LA RACCOLTA PARTNER FOR YOUR BUSINESS SISTEMI E SOLUZIONI PER LA RACCOLTA AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI PER BEVANDE Tecnologia Greeny Eurocompact EC1/EC2/EC3 Postazione automatica compatta per la raccolta degli imballaggi

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Direttore Generale Prof. Ezio

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli

Centrale fotovoltaica ad inseguimento

Centrale fotovoltaica ad inseguimento Centrale fotovoltaica ad inseguimento SISTEMA AUTOMATICO DI ORIENTAMENTO CON INSEGUITORE SOLARE informazioni e preventivi sul sito http://www.energia-alternativa-rinnovabile.it/ Costi di produzione e mercato

Dettagli

Mungitura: strutture, macchine e attrezzature I SUPPLEMENTI DI

Mungitura: strutture, macchine e attrezzature I SUPPLEMENTI DI ASSESSORATO AGRICOLTURA, AMBIENTE E SVILUPPO SOSTENIBILE I SUPPLEMENTI DI 24 Mungitura: strutture, macchine e attrezzature A cura di PAOLO ROSSI e ALESSANDRO GASTALDO Centro Ricerche Produzioni Animali,

Dettagli

Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro.

Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro. MONETIZZARE LE SCORTE, CON ALBERT. Quanto costa non gestire le scorte? Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro. Le scorte si formano e si stratificano nel tempo.

Dettagli

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti

PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI Sistemi pratici di calcolo per fare più reddito in stalla Il Sata ha sperimentato su 62 aziende un semplice strumento informatico, «Dairy Economics», per

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri

GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri GREEN LINE: ridurre i costi di esercizio delle macchine di pressofusione, implementandone l efficienza. Alessandra Valeri Breve presentazione aziendale Ricerca e Sviluppo I nostri trend Applicazione di

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli