CAPITOLO 5 ANALISI ECONOMICA DELL IMPIANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 5 ANALISI ECONOMICA DELL IMPIANTO"

Transcript

1 CAPITOLO 5 ANALISI ECONOMICA DELL IMPIANTO 5.1 Introduzione In questo capitolo viene svolta un analisi economica dell impianto di compressione di gas metano analizzato in questo lavoro di tesi, per dimostrare la fattibilità della sua applicazione su scala industriale. Inoltre viene condotta un analisi comparativa tra l impiego di CNG come combustibile per autotrazione rispetto a combustibili tradizionali, come Diesel, Benzina e GPL. 5.2 Analisi della concorrenza Per quanto riguarda l attuale mercato italiano delle stazioni di compressione CNG, l'offerta è soddisfatta da un numero ristretto di società che controllano grosse fette di mercato. Un grosso segmento di mercato, l 85%, appartiene ad un unica azienda che è nel settore da circa trent anni: la SAFE srl, come è possibile osservare dal grafico in figura 5.1. Safe srl Dresser Wayne Pignone-Sicom srl-idro Meccanica Fornovo Gas-MTM srl-aspro Altri 11% 3% 1% 85% Figura 5.1 Distribuzione sul mercato italiano delle aziende produttrici di stazioni CNG La SAFE s.r.l, costituita nel 1975, ha una capacità produttiva di circa 550 stazioni CNG all anno ed è composta da 170 dipendenti. La sua sede principale è a San Giovanni in Persiceto (BO), inoltre ha varie filiali e agenti all'estero, in particolare in Russia, Azerbaijan, Bangladesh, Brasile, Bulgaria, Cina, Georgia, India, Ucraina, Uzbekistan e Armenia. Il core business dell'azienda è proprio la produzione di stazioni CNG, realizzando internamente l intera gamma di componenti che le costituiscono. 130

2 Ha dichiarato un fatturato di 70 milioni di euro nel 2010 derivato dalla vendita di stazioni di compressione in Italia e soprattutto all'estero. La percentuale delle vendite realizzate in Italia sul totale è pari al 25%, quindi si può stimare un volume di fatturato complessivo del mercato italiano per le stazioni CNG pari a 20 milioni di euro circa. I costruttori che si dividono il restante segmento di mercato sono: la Dresser Wayne Pignone, la Idromeccanica e la Sicom. La Dresser Wayne Pignone è una divisione della Dresser Wayne nata nel 2003 a seguito dell'acquisizione da parte della società multinazionale della Nuovo Pignone, prima consociata della G.E. La Dresser Wayne lavora nel settore dell'energia da circa 100 anni ed opera sia a livello nazionale, sia internazionale. E' presente in oltre 100 paesi. Tra i suoi prodotti principali rientrano le stazioni di rifornimento per varie tipologie di carburante. Con la rilevazione della Nuovo Pignone, che da tempo lavorava nel settore della compressione del metano, la Dresser Wayne è entrata anche nel mercato delle stazioni CNG. In Italia la Dresser Wayne Pignone ha circa 1100 dipendenti e realizza la metà del proprio fatturato europeo. La Idro Meccanica s.r.l. produce compressori per il rifornimento di veicoli a metano e stazioni complete per il rifornimento dei veicoli. Produce inoltre compressori per stazioni di rifornimento di veicoli a idrogeno e per installazioni in impianti cogenerativi. La società è stata fondata nel 1966, attualmente possiede una piccola quota del mercato italiano del CNG, ed è riuscita ad entrare in vari mercati europei, Germania, Olanda, Svezia e Belgio, ed internazionali, Nuova Zelanda, Australia, Pakistan, Canada, Argentina, Brasile e India. La Sicom, società costituita nel 1994, produce compressori e stazioni complete per il rifornimento di gas metano per autotrazione. La sociètà ha complessivamente installato circa 150 stazioni complete e circa 200 compressori. Più recente è l entrata nel mercato della Fornovo Gas e della MTM-BRC. La Fornovo Gas è stata costituita nel L azienda ha installato ad oggi 19 compressori e 30 distributori La M.T.M. S.r.l., azienda italiana con sede a Cherasco (CN) e proprietaria del marchio BRC Gas Equipment, ha come attività principale la produzione e commercializzazione di componenti ed impianti di conversione a gas metano e GPL per autotrazione. Recentemente è anche entrata nel mercato delle stazioni di rifornimento CNG, ma rimane per la società un'attività marginale. Tra i costruttori esteri interessati al mercato italiano è da segnalare la ASPRO, società argentina che opera nei mercati di Sudamerica, Asia, Europa e Medio Oriente. L azienda ha prodotto 2000 compressori, dispensers ed è proprietaria di 60 stazioni gestite con il proprio marchio. 131

3 Come è possibile vedere dalla tabella 5.1 le caratteristiche dei compressori prodotti dalle varie aziende sul mercato sono simili. Alcune di esse producono una gamma più ampia di macchine, alcune producono macchine con un grado maggiore di affidabilità, ma tutti i compressori sono basati sulla tecnologia tradizionale. Ditta Tabella 5.1 Caratteristiche dei compressori Caratteristiche compressore n cilindri n stadi velocità (rpm) Pin (bar) Pout (bar) Portata (Nm 3/ h) SAFE da 3 a 5 3 o max Dresser Wayne Pignone 4 max 300 Idro Meccanica 0, max Sicom Compressori , Fornnovo Gas Max BRC 3 3 o , ASPRO CNG /1800 1,5 Max 250 Le prestazioni degli impianti vanno valutate sulla base della portata erogata e della pressione di mandata e soprattutto dell'affidabilità. Gli impianti possono prevedere sistemi di stoccaggio, anche a più livelli di pressione. Questo aspetto è fondamentale per il buon dimensionamento delle stazioni di rifornimento dal punto di vista della gestione ed è ciò che contraddistingue un impianto dall'altro. Per la crescita della domanda prevista, si ritiene che ci sia spazio per entrare nel mercato, soprattutto promuovendo un prodotto che garantisca il risparmio dell'energia consumata, portando ad un abbattimento dei costi per i gestori. Tale aspetto è attualmente di grande interesse, essendo di centrale importanza il problema dell'efficienza energetica ed essendosi ridotti i margini di guadagno per l'aumento del prezzo della materia prima e delle fonti di energia impiegate. La tecnologia sviluppata in questo progetto per realizzare stazioni di rifornimento CNG a basso consumo energetico ha come competitors tutte quelle tecnologie alternative allo stato dell'arte tradizionale che riescono parimenti a consentire un risparmio dell'energia impiegata per la compressione. Sono inoltre concorrenti quelle società che già operano nel mercato e producono stazioni di rifornimento CNG che sono in grado di sviluppare in modo autonomo una tecnologia alternativa competitiva in risposta a quella qui presentata. Si ritiene verosimile che l'azienda che detiene la maggioranza del mercato, la Safe, nonostante abbia dimensioni limitate (170 dipendenti) possa essere in grado di mantenere una quota elevata di mercato anche a seguito dell'ingresso della nuova tecnologia e di avere capacità propria di risposta. Per quanto riguarda la Dresser Weyne Pignone, essendo parte di un gruppo multinazionale, per il quale quello del CNG è un settore importante, ma non dominante, molto probabilmente sarà disposta ad acquistare le royalties di una tecnologia già pronta e testata, piuttosto che iniziare la propria attività di ricerca e sviluppo. 132

4 Lo stesso si può dire per quelle società che detengono il resto del mercato e che sono aziende dedicate, ma anche molto piccole, per le quali risulta conveniente avere dei costi variabili comunque contenuti per ottenere la concessione della licenza d'uso, piuttosto che affrontare una spesa ingente, gravando sui costi di struttura, per organizzare un reparto di ricerca e sviluppo molto probabilmente attualmente assente (per un'azienda con meno del 5% del mercato le royalties si aggirerebbero intorno ai 70'000 all'anno). Inoltre, lo stesso discorso ancora più accentuato è applicabile alle società che detengono piccolissime quote e per le quali le stazioni CNG sono un'attività marginale sul business globale dell'azienda. Le ultime aziende evidenziate sono quindi da ritenersi possibili clienti e non concorrenti. Per quanto riguarda le possibili tecnologie alternative esistenti, invece, si propone una panoramica dello stato dell'arte. Un idea recente prevede la copertura delle stazioni CNG con pannelli fotovoltaici. Questo tipo di soluzione permette di sfruttare il risparmio elettrico e il ritorno di investimento del fotovoltaico in tempi accettabili grazie al Conto Energia col fine di ottenere una riduzione dei costi elettrici di compressione che la stazione sostiene. In questo caso non c è una vera alternativa tecnologica, ma solo un uso parallelo del fotovoltaico mirato alla riduzione dei costi elettrici che peraltro potrebbe essere adottato anche nelle stazioni con il nuovo compressore a basso consumo. Una vera soluzione tecnica alternativa a quella proposta è l uso di un compressore a portata variabile, che elabora esattamente la quantità di metano richiesta dall'utenza. Tutto ciò permetterebbe un significativo risparmio energetico, ma il costo fisso dell impianto aumenterebbe sensibilmente. Si cita anche il caso tecnologicamente innovativo denominato sistema ikompressor, compressore a liquido ionico per il rifornimento di gas naturale e biogas. Il sistema è stato sviluppato e sarà distribuito e commercializzato dalla joint venture creata dalla Flowserve Corporation con la Linde Group. Questo compressore sostituisce i pistoni metallici di un compressore convenzionale con un sistema speciale a liquido ionico, dove il gas nel cilindro è compresso dal movimento della colonna del liquido. Poiché il liquido ionico non si mescola con il gas, non sono necessarie guarnizioni e cuscinetti nel compressore. I liquidi ionici consistono in particelle con cariche elettriche negative e positive che non possono miscelarsi con l atmosfera a meno che non raggiungano la loro temperatura di decomposizione. Quelli sviluppati dalla Linde sono sali organici che hanno un punto di fusione sotto i 100 C. L utilizzo di questa tecnologia dovrebbe produrre una diminuzione delle ore di manutenzione richieste e un aumento dell efficienza energetica del 20% per aspirazione a bassa pressione. Questo sistema di compressione è stato già installato in via sperimentale nella stazione Agip MultiEnergy in un parco industriale nei pressi di Francoforte, per la produzione di idrogeno a 900 bar nell ambito del 6 Programma Quadro di Ricerca per la realizzazione di stazioni multifuel innovative per il rifornimento e la sperimentazione di veicoli a emissione zero 133

5 alimentati a idrogeno supportato dalla Commissione Europea. La stazione è corredata di pannelli fotovoltaici installati sulle coperture della pensilina e del fabbricato. Tale tecnologia tuttavia presenta miglioramenti solo per quanto riguarda la fase di compressione, agendo sulla struttura stessa della macchina vera e propria. Essa ha senso soprattutto per applicazioni che coinvolgono l idrogeno, comunque nulla vieta di utilizzare tale compressore a liquidi ionici nel sistema qui presentato, configurando l'ikompressor come soluzione complementare. Un altra alternativa tecnologica percorribile prevede la commercializzazione di piccoli compressori domestici che permettono il rifornimento direttamente a casa prelevando il gas dalla rete. Tale alternativa alle comuni stazioni di rifornimento è abbastanza diffusa negli Stati Uniti e per quanto riguarda l'europa è stata promossa soprattutto da Gaz de France in Francia. Il problema di una simile operazione consiste comunque nella sconvenienza economica, poiché il maggior costo di acquisto del gas domestico, i costi di manutenzione del compressore, i costi di acquisto o nolo della macchina ed in aggiunta soprattutto i costi elettrici di compressione, porterebbero ad un costo di produzione del CNG superiore al prezzo del distributore. Dall'analisi presentata si evidenzia, quindi, che al momento non è ancora presente una tecnologia che sia veramente competitiva con quella proposta, anche perché fino ad ora non si era sentita la necessità di svilupparla. 5.3 Strategia di marketing La peculiarità dell'impianto proposto è principalmente il basso consumo energetico e tale caratteristica è maggiormente apprezzata in quei paesi, come quelli europei, in cui è sentito il problema del risparmio energetico. Si intende prendere in considerazione prevalentemente il mercato italiano, essendo l'italia anche uno dei paesi in cui sono più diffusi i veicoli CNG. Una delle criticità delle stazioni di compressione del metano in Italia è proprio legata ai costi di compressione, che incidono notevolmente sul costo di produzione del CNG e tale problematica sta iniziando ad essere molto sentita dagli operatori del settore. Come già accennato nell'analisi di mercato al primo capitolo, questo settore è anche molto sensibile al prezzo dell'impianto di compressione e un altro vantaggio della soluzione presentata è proprio il ridotto investimento iniziale, che rende il sistema molto appetibile per i gestori delle stazioni di rifornimento. A tale scopo si intende proporre sul mercato l'impianto di nuova concezione progettato e prototipato, caratterizzato da una potenza installata e una portata oraria inferiori a quelle tradizionali, così da consentire un ridotto investimento iniziale e un basso consumo energetico, a parità di servizio offerto dalla stazione di rifornimento. In particolare si intende puntare sulla riduzione dei consumi come principale punto di forza del nostro prodotto rispetto ai 134

6 concorrenti, che in genere non tengono in considerazione l'aspetto del risparmio energetico, ma anzi propongono sistemi di compressione spesso sovradimensionati per le esigenze reali delle stazioni, favorendo la sola semplicità di gestione. Tutto ciò è stato possibile nella fase iniziale di espansione del mercato in cui non c'era assolutamente sensibilità rispetto al problema del consumo. Penetrare il mercato grazie alla peculiarità della nuova tecnologia è più agevole in un periodo come quello attuale dove, invece, grande attenzione è posta nei riguardi dell'efficienza energetica e dell'impatto ambientale sia da parte dello stato sia dall'opinione pubblica, ma anche dagli operatori del settore. Il mercato cui ci si rivolge non è solamente quello delle nuove stazioni, ma interessa anche la rigenerazione/sostituzione delle stazioni esistenti con la finalità di migliorarne le prestazioni. L'impiego della nuova tecnologia si può tradurre in un margine maggiore per l'operatore o anche nella possibilità per il gestore di abbassare il prezzo di vendita del metano ed aumentare quindi i volumi venduti, sottraendo clientela alle altre stazioni di rifornimento. Per comprendere meglio quanto appena descritto, si consideri la seguente analisi del costo di produzione del CNG in una stazione tradizionale e nella stazione a basso consumo di nuova concezione. Si è fatto il caso di una stazione che ha le caratteristiche di sevizio riportate in tabella 5.2, con riferimento ad una situazione tipo identificata come media italiana e con i costi medi del 2010: Tabella Caratteristiche di una stazione tipica di compressione del metano Parametro um valori Giorni di funzionamento/anno 330 h/giorno 14 colonnine 4 Numero rifornimenti/h/colonnina 3 Rifornimento medio autovettura kg 20 Erogazione/h/colonnina kg/h 60 Erogazione/giorno kg Erogazione/anno kg m I costi di gestione di una stazione di rifornimento sono: costo della materia prima: il prezzo medio di acquisto del metano è di 0,30 /Sm 3 ; costo dell energia elettrica: il prezzo medio di acquisto dell energia elettrica è di 0,17 /kwh; personale: il costo specifico della manodopera è di 0,0225 /kg di CNG venduto; manutenzione: si ipotizza che il costo di manutenzione sia il 5% del costo di impianto. Il periodo di ammortamento dell impianto è posto pari a 10 anni. L investimento iniziale per la realizzazione della stazione comprende il costo del compressore con l eventuale stoccaggio, gli erogatori, il sistema di misura, il margine del costruttore 135

7 (considerato pari al 30%). Inoltre vanno considerati i costi per l allaccio al metanodotto e alla rete elettrica; questi ultimi si riducono qualora si riduca la potenza installata. Per l'impianto a basso consumo, l'investimento iniziale comprende anche il pagamento di una royalty stimata pari al 7% del prezzo di vendita dell'impianto stesso. In tabella 5.3 è riportato il prospetto dei costi per le due tipologie di impianto. Tabella Composizione e caratteristiche medie del gas naturale immesso IMPIANTO TRADIZIONALE IMPIANTO A BASSO CONSUMO INVESTIMENTO INIZIALE /kg % su costo prod % su prezzo vendita /kg % su costo prod %su prezzo vendita Impianto (stazione + dispenser + 250' ' apparecchiature di misura) Allaccio al gasdotto 50' ' Allaccio alla rete elettrica 50' ' Opere edili TOT 350' ' COSTI DI ESERCIZIO Costo metano 475' % 56% 475' % 56% Costo personale 24' % 3% 24' % 3% Costo manutenzione 12' % 1% 9' % 1% Corrente elettrica 82' % 10% 39' % 5% Altri costi di esercizio TOT 595' % 70% 548' % 65% Ammortamento stazione 25' % 3% 18' % 2% Ammortamento allacci 10' % 1% 7' % 1% TOT 620' % 73% 566' % 67% Costo produzione CNG /kg Prezzo di vendita /m /kg Margine /kg L impianto a basso consumo comporta un investimento iniziale inferiore all impianto tradizionale. Infatti per garantire le stesse prestazioni della stazione di rifornimento, è sufficiente un compressore di taglia inferiore con una potenza richiesta al motore pari ad un terzo di quanto necessario in una stazione tradizionale (50 kw contro 150 kw). Questo perché la nuova tecnologia prevede un sistema di gestione del compressore ottimizzato in modo da non avere una macchina dimensionata sulla domanda di picco che rimane accesa per brevi periodi, quanto più una macchina che funziona in modo continuo a regime costante. L impianto a basso consumo ha un fattore di utilizzo del 100%, mentre gli impianti tradizionali hanno un fattore di impiego massimo del 70%. 136

8 Con maggiore dettaglio il costo della stazione di rifornimento ha come voce principale il costo del sistema di compressione, il quale come mostrato in figura 5.2, è costituito da tre elementi principali: motore, compressore e sistema di controllo. Riducendo la taglia di motore e compressore si contiene naturalmente il costo del sistema di compressione (circa 60'000 contro 120'000 ). Figura 5.2 Composizione del costo del sistema di compressione Riguardo ai costi di esercizio si osserva, invece, che per i due impianti si hanno le stesse voci di costo, dove il costo della materia prima è quello che incide maggiormente (circa l 80% dei costi totali) e ha il medesimo valore nei due casi, come avviene anche per il costo del personale. Il costo della manutenzione cambia essendo proporzionale all'investimento iniziale. L unico costo di esercizio su cui c è veramente possibilità di azione è il costo dell energia consumata, che nell impianto a basso consumo riduce la propria incidenza dal 13% all 7% del costo totale di produzione. Recuperare alcuni punti percentuali sui costi di produzione, agendo sulla voce dell energia consumata, significa aumentare il margine del gestore della stazione di rifornimento di 5c /kg di metano venduto, avendo considerato un prezzo medio di mercato del CNG pari a 0,76 /kg escluse le accise e l IVA (prezzi novembre 2010). Per una stazione della taglia considerata nell esempio, ciò implica un aumento del reddito operativo per il gestore di circa 57'000, cioè circa il 26% in più rispetto a quanto si ha per le stazioni tradizionali (tabella 5.4). Tabella Fatturato previsto dalla gestione delle due tipologie di impianto e variazione del reddito operativo Impianto tradizionale Impianto innovativo Incremento RO Incremento % Fatturato annuo 845' ' MOL 250' ' RO 215' ' ' % 137

9 Il caso esaminato si riferisce ad azionamento tramite motore elettrico (la più diffusa), ma la situazione non cambia se si passa ad una alimentazione da motore primo a combustione interna. Da questa analisi si conferma inoltre, come accennato in precedenza, che il costo dell energia incide maggiormente del costo dell impianto (ammortamento) sul costo di produzione totale. E evidente quindi come sia enormemente importante ridurre il costo energetico per aumentare i margini operativi dei gestori con evidente vantaggio anche per l'automobilista. La libera concorrenza infatti porterà alla riduzione dei prezzi da parte di coloro che adottano tale tecnologia costringendo i concorrenti con vecchi sistemi a sostituire gli impianti per non andare completamente fuori mercato, pur riducendo i loro margini di guadagno. Da ciò ne deriva un mercato potenziale che può essere costituito dall intero parco impianti operanti in rete ad oggi. Ovviamente sono da escludere tutti quelli che si trovano in evidente vantaggio logistico perché abbastanza isolati, ma la possibilità di mercato nel medio periodo è elevatissima. Riepilogando quanto sopra esposto, l'impianto a basso consumo rispetto all'impianto tradizionale, a parità di prestazioni, presenta i seguenti vantaggi: investimento iniziale per l'acquisto della stazione ridotto del 30%; riduzione dell'incidenza dell'ammortamento sul costo di produzione del 30%; riduzione del costo dell'energia del 50%; incremento del reddito operativo per il gestore pari al 26% circa; possibilità per il gestore di praticare dei prezzi di vendita del CNG più bassi della concorrenza. In base all'analisi svolta sulle caratteristiche del mercato di riferimento e degli operatori del settore, si ritiene che la strategia di commercializzazione più adeguata della tecnologia sia quella di licenziare i diritti allo sfruttamento della stessa a chi già opera nel settore e produce stazioni di rifornimento CNG che voglia ampliare la propria quota di mercato. La concessione della licenza non avviene in modo esclusivo, ma può essere concessa anche a più operatori. 5.4 Il piano economico finanziario Il piano economico-finanziario dell impianto di compressione si basa sul presupposto di voler introdurre nel prossimo triennio la nuova tecnologia nel mercato italiano della compressione del gas naturale per autotrazione. Come evidenziato nei paragrafi precedenti, l intento è quello di collocarsi sul mercato come produttori di tecnologia che verrà licenziata ai produttori di impianti tramite un contratto non esclusivo. Pertanto, a fronte del riconoscimento di royalties sulle vendite di impianti di nuova generazione, si fornirà la tecnologia, il know-how per la 138

10 produzione dei nuovi impianti e la consulenza e l assistenza nelle fasi di implementazione e prima produzione degli impianti di nuova generazione. La tabella sottostante presenta il volume prospettico dei ricavi derivanti dallo sviluppo dell attività finora svolta (A) e dal volume di affari generati dall attività progettuale oggetto di valutazione del presente studio (B). Il volume di affari sviluppabile è stato stimato partendo dal fatturato attuale della prima azienda del mercato italiano (Safe srl), il cui volume di fatturato complessivo per la vendita di stazioni CNG in Italia è di circa 17,5 milioni di euro pari all 85% del mercato complessivo. Partendo da questo dato si è stimata la dimensione complessiva del mercato al 2011 che è risultata di circa 21 milioni di euro. I tassi di penetrazione ipotizzati nel piano delle vendite sono prudenziali e sono stati calcolati tenendo conto sia degli attuali contatti e sia dello scenario in base al quale solo i produttori minori potessero essere interessati all acquisto della nuova tecnologia. Le royalties richieste, come evidenziato nel piano di marketing, sono del 7%. Per il 2012 si ipotizza di vendere un solo impianto di circa euro con il quale lanciare la tecnologia sul mercato grazie anche all intesa con una società produttrice, alla quale si concederà per il solo primo anno (2013) l uso esclusivo della tecnologia a fronte del sostegno nella fase di industrializzazione. Il volume di royalties registrato nel 2013 sarà pertanto vincolato alla quota di fatturato marginale detenuta dall impresa cliente esclusivista, mentre dal 2014 si registrerà una diffusione dell utilizzo attraverso una serie di accordi anche con le altre imprese minori grazie alla concessione della tecnologia in via non esclusiva. Nel 2015 la crescita sarà minore prevedendo una reazione da parte dell impresa leader sul mercato. Qualora questa non riuscisse a sviluppare contromosse valide si può supporre una diffusione elevata della tecnologia sul mercato. Anno Tabella Volume prospettico dei ricavi (valori in migliaia di euro) Ricavi da attività ordinaria (A) Volume Fatturato Italia % di penetrazione 1% 5% 20% 25% Fatturato stimato Royalties 7% Ricavi da progetto (B) Totale ricavi (A+B)

11 5.5 Fabbisogni finanziari e loro copertura Per evidenziare la fattibilità dell investimento e la sua capacità di generare un adeguata remunerazione per chi ha investito capitale nell iniziativa a diverso titolo, può essere fatta attraverso l analisi dei flussi di cassa. La tabella sottostante presenta la costruzione dei flussi di cassa previsionali, tenendo conto dei contributi erogati dalla Regione per il progetto in questione. Tabella Flussi di cassa e fabbisogno finanziario (valori in migliaia di euro) Anno Differenza fra valori e costi della produzione Proventi finanziari Ammortamenti Accantonamenti AUTOFINANZIAMENTO ECONOMICO Variazione delle rimanenze Variazione dei crediti Variazione dei debiti operativi Liquidazione TFR VARIAZIONE CCN OPERATIVO FLUSSO DI CASSA DELLA GESTIONE OPERATIVA Investimenti netti SURPLUS / DEFICIT OPERATIVO Versamenti di capitale Mutui e prestiti Contributi in conto capitale SALDO FINANZIARIO Oneri finanziari Saldo oneri e proventi straordinari Imposte Distribuzione di utili Flusso di cassa Saldo di liquidità iniziale Saldo di liquidità finale

12 Lo schema evidenzia un flusso di cassa negativo al primo anno ampiamente sostenuto dalla disponibilità finanziaria dell impresa di brevissimo periodo (liquidità immediata). Se valutassimo l investimento senza considerare il contributo regionale lo schema dei flussi di cassa sarebbe quello mostrato in tabella 5.7 e figura 4.3. Dall'analisi dei dati riportati in tabella 5.7 si evince l impatto che il progetto avrebbe, generando per il 2012 un deficit operativo di circa 160 mila euro e un flusso di cassa netto negativo di quasi 170 mila euro. Il fabbisogno finanziario complessivo (al netto della capacità annuale di autofinanziamento derivante dalla gestione operativa) si attesterebbe a quasi 270 mila euro necessari per le fasi di sviluppo e prima implementazione svolte nel biennio Tale fabbisogno finanziario iniziale verrebbe comunque recuperato dall impresa già nel 2014 (pay-back period) come si evince dalla figura seguente. Anche il VAN risulta essere positivo (+151 mila euro) calcolato a cinque anni (dopo due anni a regime) e con un costo opportunità del capitale del 10%, elevato tenendo conto degli attuali tassi ma coerente con il rischio legato alla natura del business (tabella 5.9). Tabella Flussi di cassa e fabbisogno finanziario senza il contributo regionale (valori in migliaia di euro) FLUSSO DI CASSA senza contributo regionale Anno Differenza fra valori e costi della produzione Proventi finanziari Ammortamenti Accantonamenti AUTOFINANZIAMENTO ECONOMICO Variazione delle rimanenze Variazione dei crediti Variazione dei debiti operativi Liquidazione TFR VARIAZIONE CCN OPERATIVO FLUSSO DI CASSA DELLA GESTIONE OPERATIVA Investimenti netti SURPLUS / DEFICIT OPERATIVO Versamenti di capitale Mutui e prestiti Contributi in conto capitale SALDO FINANZIARIO Oneri finanziari Saldo oneri e proventi straordinari Imposte Distribuzione di utili Flusso di cassa Saldo di liquidità iniziale Saldo di liquidità finale

13 Figura 5.3 Andamento dei flussi di cassa e dei flussi di cassa cumulati (valori in migliaia di euro) 5.6 Valutazione di redditività e di rischio Al fine di valutare in maniera più organica l impatto del progetto, nella tabella sottostante sono stati evidenziati alcuni indicatori di sviluppo. Nella tabella sono inoltre stati calcolati alcuni dei principali indici di redditività. E da notare che in genere nelle fasi di avvio e primo sviluppo di progetti innovativi come quello presentato, questi indicatori presentano valori sproporzionati perché legati a realtà industriali in formazione. Tuttavia come si vede, sia il ROE (Return on Equity), sia il ROI (Return on Investment) hanno un valore sempre positivo e il trend è crescente nel triennio di svolgimento del progetto, a testimonianza della buona redditività di questa attività. Il ROE rappresenta la redditività del capitale netto ed è il valore percentuale ottenuto dividendo il reddito netto di un esercizio per il capitale netto [28]. ROE = reddito netto capitale netto Il ROI rappresenta, invece, il ritorno sul capitale investito. Questo indice come misura del ritorno, non utilizza il reddito netto, bensì il reddito ante oneri finanziari e imposte, detto EBIT. In assenza di componenti straordinarie di reddito, come perdite, plus e minus-valenze, etc..) l EBIT coincide con il risultato operativo [28]. ROI = risultato operativo capitale investito 142

14 Tabella Indici di redditività e sviluppo Anno Indici di sviluppo Variazione delle vendite Variazione del valore aggiunto Variazione del risultato operativo Variazione dell'utile netto Variazione del capitale investito netto Variazione del capitale netto Indici di redditività ROE %* ROI % ROS % Utile netto / vendite % Vendite / capitale investito netto * l indicatore non tiene conto dell aumento di capitale Per verificare il rischio dell investimento nella tabella sottostante sono stati calcolati i flussi di cassa supponendo una riduzione del 10% del volume delle royalties imputabile o ad una minore capacità di imporre in fase di contrattazione la royalty sulla tecnologia licenziata o ad una contrazione dei volumi di vendita dei clienti del 10%. Tabella Analisi di redditività e di rischio (valori in migliaia di euro) Anno Flusso di cassa FCN cumulato FCN attualizzato -169,0-86,4 116,5 151,8 138,0 VAN 10% 151 TIR 31% Flusso di cassa (Royalties -10%) FCN cumulato (Royalties -10%) FCN attualizzato (Royalties -10%) -169,2-92,0 104,8 132,2 120,2 VAN 10% 96 TIR 24% Variazione % FCN 0,1% 6,5% -10,1% -12,9% -12,9% per effetto del decremento delle royalties Variazione % FCN attualizzato 0,1% 6,5% -10,1% -12,9% -12,9% Variazione % VAN -36% Variazione % TIR -23% 143

15 Dall analisi dei flussi di cassa è possibile notare come il VAN calcolato per il periodo (ipotizzando quindi due anni di attività a regime) sia positivo e pari a euro. Una prima valutazione del rischio dell investimento può essere fatta calcolando l impatto di una contrazione delle royalties del 10% sui flussi di cassa generati dal business. Come si può vedere, questi diminuiscono in maniera proporzionale alla variazione dei ricavi, mostrando pertanto una sensibilità piuttosto contenuta. Tale effetto si riflette anche sul calcolo del VAN, che rimane positivo e pari a euro. La capacità dell investimento di creare valore è però pregiudicata in maniera sensibile dalla contrazione delle royalties: il VAN pur rimanendo positivo diminuisce del 36% mentre il TIR si riduce del 23%. Il margine di sicurezza del business sembra comunque buono e pertanto la rischiosità del business seppur presente è sicuramente accettabile. 5.7 Confronto tra metano ed altri combustibili per autotrazione Dopo aver mostrato la fattibilità economica dell innovativo impianto di compressione di gas metano e la sua applicabilità su scala industriale, si vuole anche evidenziare la convenienza economica di questo combustibile rispetto ad altri combustibili tradizionali. Nella tabella seguente sono riportati i prezzi dei combustibili per autotrazione con il relativo carico di accise (fonte: Ministero dello Sviluppo Economico D.G.R.M.). Tabella 5.10 Prezzi dei principali combustibili per autotrazione e loro composizione (media annuale 2011) Carburante CNG Diesel Benzina GPL Contenuto Energetico (1) 35,88 MJ/m 3 49 MJ/kg 38,30 MJ/L 34,50 MJ/L 25,40 MJ/L Prezzo industriale 0,4956 /Sm 3 739,74 /1000lt 697,73 /1000lt 510,01 /1000lt Iva 0,0029 /Sm 3 236,96 /1000lt 256,84 /1000lt 127,34 /1000lt Accisa 0,0989 /Sm 3 442,17 /l1000lt 583,44 /1000lt 125,27 /1000lt Prezzo al consumo 0,5974 /Sm ,87 /1000lt 1.538,0 /1000lt 762,62 /1000lt 0,9150 /kg (1) Source: US Department of Energy Transportation Energy Databook Quindi il metano a parità di km percorsi, permette di risparmiare fino ad un 65% rispetto alla benzina, fino ad un 30% rispetto al Gpl e fino al 45% rispetto al gasolio ed ha un contenuto energetico maggiore rispetto ad altri carburanti [29]: metano = 8300 [kcal/m 3 ] = [kcal/kg] benzina = 7700 [kcal/lt] = [kcal/kg] gpl = 5500 [kcal/lt] = [kcal/kg] gasolio = 8500 [kcal/lt] = [kcal/kg] 144

16 Inoltre, ha caratteristiche intrinseche che lo rendono adatto all'impiego motoristico, senza necessità di aggiunta di additivi e il suo elevato potere antidetonante, superiore a 120 ottani, ne consente l'utilizzo in motori a ciclo Otto ad elevato rapporto di compressione con sensibile miglioramento del rendimento e riduzione dei consumi. Nelle figure 5.4 e 5.5 si mostra l andamento dei prezzi dei carburanti dal 2000 fino ad oggi. Tabella 5.4 Andamento storico dei prezzi dei carburanti * /litro+ (Fonte: Metanauto) Figura 5.5 Andamento storico dei prezzi dei carburanti * /km+ (Fonte: Metanauto) 145

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 Svolgimento : Analizzando le caratteristiche del motore per autoveicolo funzionante a ciclo Diesel, possiamo determinare, in primi

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

LA VALUTAZIONE economica Degli investimenti nel campo delle energie rinnovabili. studio di fattibilità di due casi

LA VALUTAZIONE economica Degli investimenti nel campo delle energie rinnovabili. studio di fattibilità di due casi LA VALUTAZIONE economica Degli investimenti nel campo delle energie rinnovabili. studio di fattibilità di due casi Autore: Alessandro Stefanini Relatore universitario: Prof. Andrea Bonaccorsi Relatore

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scuola di Ingegneria Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi Esercizi sulle decisioni aziendali di lungo periodo DLP-E2 Corso 20099 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

IPOTESI DI UTILIZZO DEL METANO LIQUIDO PER AUTOTRAZIONE

IPOTESI DI UTILIZZO DEL METANO LIQUIDO PER AUTOTRAZIONE IPOTESI DI UTILIZZO DEL METANO LIQUIDO PER AUTOTRAZIONE Metano Liquido Soluzione per l autotrasporto pesante Siena 20.01.2011 E' il CARBURANTE più ECOLOGICO disponibile, in quanto riduce le emissioni di

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi Esercizi sulle decisioni aziendali di lungo periodo DLP-E2 Corso 20085 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Edile Anno Accademico

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. FOTOVOLTAICO Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. E' composto essenzialmente dai moduli fotovoltaici, da un inverter

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende

Dipartimento di Economia e Management - ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI Esercizi sulla BEA- Integrano il E&Cn. 3.10 di Aziende BEA Esercizio n. 1 I costi di caffè, acqua, energia, zucchero e igiene per produrre una tazzina di caffè ammontano a 0,2 ; i costi fissi per affitto, mobilio e altri costi di struttura ammontano a 25.000

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

l Innovazione nella Professione:

l Innovazione nella Professione: Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale IL SISTEMA DI BUDGET UN CASO AZIENDALE Dr. Gaia Bassani Bergamo, 26 Novembre 2010 IL SISTEMA DI BUDGET: UN CASO AZIENDALE Bergamo,

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA. Vittorio Zurletti

STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA. Vittorio Zurletti ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA Vittorio Zurletti 1 STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto BRUNELLESCHI AG L impianto, denominato Impianto BRUNELLESCHI AG, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione.

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto KING - FAVARA L impianto, denominato Impianto KING - FAVARA, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione. Ha

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

La maggior parte dei processi produttivi

La maggior parte dei processi produttivi METODI Controllo valorizzare gli scarti della lavorazione: come trasformare un costo in opportunità La maggior parte dei processi produttivi comporta la produzione di scarti di lavorazione sotto forma

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE L impianto, denominato Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala. Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013

Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala. Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013 Generazione di biometano per autotrazione su piccola scala Chiara Gamberini - Safe SpA Convegno sul Biometano Bologna - 16-12-2013 LO STESSO MARCHIO PER PIÙ BUSINESS I NOSTRI VALORI I tecnici Safe collaborano

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a:

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a: SOLUZIONE ICT: TELEFONIA VIA INTERNET (VOICE OVER IP) INTRODUZIONE Una soluzione di telefonia via internet [Voice Over IP (VoIP)] permette di sfruttare le potenzialità del protocollo internet (IP) per

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI APITOLO 1 L AALISI DI FATTIILITÀ PER GLI IMPIATI A FOTI RIOVAILI Analogamente a qualunque altra impresa industriale, la decisione di realizzare un impianto alimentato con fonti energetiche rinnovabili

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici.

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Dopo il successo del primo ciclo del conto il Governo ha deciso di procedere alla liberalizzazione completa. Il cosiddetto Conto Energia arriva in Italia,

Dettagli

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI 1 Alcuni parametri per la prefattibiltà In un impianto fotovoltaico 1 kw di picco produce mediamente: - al Nord Italia - c.a. 1.150

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia?

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia? 28 QM 4 1) Non è una tecnologia di cogenerazione: Turbina a vapore con spillamento di vapore Turbina a vapore in contropressione Ciclo combinato gas-vapore Motore alternativo con recupero sui gas di scarico

Dettagli

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni)

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni) 1. L'energia solare Produzione di energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici, che sfruttano le proprietà di particolari materiali, come il silicio, in grado di produrre energia elettrica se irradiati

Dettagli

I modulo - Bilancio ed indicatori -

I modulo - Bilancio ed indicatori - I modulo - Bilancio ed indicatori - sommario INTRODUZIONE INTRODUZIONE Basics Basicssul sul bilancio bilancio Il Il bilancio bilancio XYZ XYZ e le le riclassificazioni riclassificazionidegli degli schemi

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea

Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea Francesco Santangelo Vice President Clienti Terziario e Metano per Autotrazione Direzione Downstream Gas & Power

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER SCAMBIO DI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER SCAMBIO DI ENERGIA ELETTRICA Comune di SAN MARTINO DI LUPARI (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER SCAMBIO DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 66.24 kw Relazione economica (D.M. 19 febbraio 2007 e

Dettagli

Confindustria Mantova 2014. Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione

Confindustria Mantova 2014. Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione Mantova, 29 ottobre 2014 Relatore: Mauro Braga Viessmann Group 1917 Fondazione 11.400 Dipendenti 2,1 27 Miliardi di euro di fatturato

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Data/Ora Ricezione 16 Settembre 2015 15:48:48 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : Elettra Investimenti S.p.A. Identificativo Informazione

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 2 715.840 kw Relazione economica Ipotesi con finanziamento (tasso 6% con finanziamento di

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA'

COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA' COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA' Vademecum per piccole e medie imprese Pag.1 Indice generale PREFAZIONE...3 1. Come funziona un'impresa...4 2. Da dove viene il profitto?...4 3. Analisi

Dettagli

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale ALLEGATO A7 INDICE 1. PREMESSA...1 2. VALUTAZIONE ECONOMICA...1 2.1 COSTI DI INVESTIMENTO...1 2.2 STIMA ORIENTATIVA DEI RICAVI DALLA VENDITA DI ENERGIA...2 2.3 COSTI DI ESERCIZIO...2 2.4 CANONI E SOVRACANONI

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 BULICATA S.r.l. Sede Via Garigliano, n. 1 50053 EMPOLI Capitale sociale Euro 40.000,00 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze 06290810487 Iscritta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Il presente e il futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali ASSOLOMBARDA Milano 7-8 Febbraio 2011

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli