Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia"

Transcript

1 Edgardo Curcio Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia

2 1. Il quadro economico ed energetico della Sardegna 1.1 I principali nodi strutturali dell economia regionale Attualmente l'economia sarda soffre di un duplice effetto negativo. da un lato l'effetto della crisi che riguarda il nostro Paese, in relazione ad una crescita negativa dell'economia ed alle difficoltà del sistema finanziario di sostenere il sistema produttivo e commerciale; dall'altro lato la sua debolezza strutturale, che affonda le sue radici nel tempo e che tende ad aggravarsi in presenza di situazioni congiunturali difficili. In questo ambito un fattore che incide in maniera negativa nell'economia sarda è il forte peso e costo dell energia e la mancanza di gas naturale.

3 Se infatti andiamo a considerare la struttura industriale dell Isola rileviamo che: Il settore industriale, inclusa la petrolchimica, pesa per il 44% (contro il 34% dell'italia) sugli impieghi finali di energia, per effetto della presenza di grandi poli industriali energivori legati all uso di combustibili petroliferi; il settore terziario e residenziale pesa per il 13% (contro il 30% dell'italia) per lo scarso impiego dei combustibili gassosi praticamente assenti nel riscaldamento e altri usi domestici il settore dei trasporti è molto sviluppato su strada e pesa per il 29% (contro il 31% dell Italia) per mancanza di infrastrutture regionali

4 Totale impieghi finali per settore al 2005 (4620 migliaia di tep)

5 Consumo di fonti primarie 2005 (7310 migliaia di tep)

6 E' interessante notare la forte prevalenza in questo bilancio energetico di due sole fonti: i combustibili solidi (19%) ed i prodotti petroliferi (77%) Questi ultimi, in relazione alla presenza di grandi raffinerie vengono anche utilizzati per la petrolchimica e per bunkeraggi, oltreché per alimentare alcune centrali termoelettriche. In Italia il mix di fonti fossili è invece più equilibrato come segue: combustibili solidi ( 9%) prodotti petroliferi (43%) gas naturale (36%)

7 Dal confronto dei consumi finali pro-capite dell Italia con la Sardegna si evidenzia che i consumi nell Isola sono fortemente sbilanciati a favore dell industria mentre sono meno della metà rispetto alla media nazionale, nel settore civile.

8 In particolare per il settore elettrico: I consumi pro capite di energia elettrica in Sardegna sono stati nel 2008 i più alti a livello regionale. media nazionale Sardegna un consumo di kw/h abitante un consumo di kw/h abitante +34%. Anche a livello di settore domestico la Regione mostra un consumo pro capite alto: media nazionale Sardegna un consumo di kw/h abitante un consumo di kw/h abitante +18%. (a causa del maggior uso degli scaldabagni e stufe elettriche nelle abitazioni) Inoltre la Sardegna è la Regione che ha più aumentato il consumo di elettricità per uso domestico in percentuale, rispetto alla altre Regioni d Italia. Ciononostante sul totale di energia elettrica consumata in Sardegna nel 2008 (dati Terna) il 60% va nell industria ed il 19% va nel domestico (l Italia assorbe il 47% nell industria ed il 21% nel settore domestico).

9 Una ultima annotazione sulla situazione della Sardegna Se andiamo ad esaminare le emissioni di CO2 in Italia secondo l inventario annuale delle emissioni di gas serra recentemente pubblicato dall Enea troviamo che nel 2005 (ultimo anno preso in considerazione) su un totale di 452 milioni di tonnellate di CO2 emesse in Italia Pertanto a fronte di un circa 16 milioni provengono dalla Sardegna. tasso di 7,5 kg/co2/abitante per l Italia abbiamo un tasso di 10 kg/co2/ abitante in Sardegna che è superiore del 33% alla media nazionale

10

11 2. Il progetto GALSI ed il suo impatto sulla struttura energetica della Sardegna 2.1 Il progetto GALSI Il progetto GALSI riveste un elevato valore strategico per lo sviluppo del sistema nazionale ed europeo di gas naturale in quanto assicurerà l ottimizzazione delle fonti di approvvigionamento di gas supportando la crescita del mercato energetico europeo e nello stesso tempo consentirà la realizzazione della metanizzazione della Regione Sardegna. Il progetto prevede l arrivo in Sardegna nel 2014 di circa 8 miliardi di mc di gas naturale proveniente dall Algeria.

12 2. 2 Il piano delle reti Accanto alla struttura portante del gasdotto che attraversa la Sardegna dal basso in alto è prevista la realizzazione di un piano di reti che collegano il metanodotto principale ai 38 bacini di utenza in cui è stato suddiviso il territorio regionale..

13 Nelle tabelle seguenti è indicato lo stato delle procedure per ogni bacino e il riepilogo totale dei procedimenti NUMERO BACINI NUMERO PAESI STATO PROCEDIMENTO AGGIUDICAZIONE GIA AVVENUTA 7 77 AGGIUDICAZIONE IN CORSO 3 6 LAVORI IN CORSO 1 36 LAVORI CONCLUSI 1 4 GARA IN FASE DI INDIZIONE TOTALE

14 Con l'arrivo del GALSI e del metano la struttura energetica della Regione dovrebbe modificarsi fortemente. Per simulare l'impatto che la metanizzazione potrà avere sul bilancio e quindi sulla struttura industriale ed economica dell'isola abbiamo elaborato un Bilancio energetico regionale al 2020, anno in cui si prevede che il processo di metanizzazione abbia prodotto in larga parte i suoi effetti sui consumi e sulla struttura energetica dell'isola.

15 Le ipotesi assunte per determinare l impatto del metano nel sistema energetico sardo sono state le seguenti: Produzione termoelettrica: La produzione termoelettrica utilizzerà nel 2020 il seguente mix: 39% combustibili solidi (43%, nel 2005); 22% prodotti petroliferi (49%, nel 2005); 24% combustibili gassosi (0%, nel 2005); 15% rinnovabili (8%, nel 2005). E previsto, per l utilizzo di cicli combinati a gas, una riduzione di perdite di trasformazione di energia elettrica che passano dal 65% al 55%

16 Industria: nascita di nuove industrie a media e bassa intensità energetica in relazione alla metanizzazione della Regione (così come avvenuto nel Mezzogiorno). Trasporto: riduzione dei consumi sia per un minor consumo/km auto sia per un maggior uso di carburanti più efficienti (metano) e sia per una razionalizzazione del trasporto ferroviario attualmente a diesel.

17 Residenziale: aumento dei consumi delle famiglie che sostituiscono l 80% dei combustibili petroliferi con il metano, ma che incrementano (anche se sostituiscono gli scaldabagni elettrici con quelli a gas) il consumo di elettricità a causa di un maggior benessere e di una ulteriore penetrazione di questa fonte nei consumi domestici.

18 Terziario: aumento dei consumi del terziario (alberghi, ristoranti, grande distribuzione) che sostituiscono il 70% del riscaldamento degli edifici con il metano ma che incrementano il consumo elettrico per la nascita di nuove imprese e per una maggiore penetrazione di questa fonte.

19 In definitiva, i consumi finali crescono dal 2005 al 2020 dell 8,8% e cioè dello 0,5% anno (compreso crisi ) e rispetto al 2005 sono così previsti (migliaia di tonnellate equivalenti di petrolio): Ripartizione dei consumi energetici finali (migliaia di tep) Var% media annua Agricoltura ,70% Industria ,03% Residenziale ,30% Terziario ,30% Trasporti ,60% Totale consumi finali (1) ,50% (1) escluso bunkeraggi e petrolchimica

20 Consumi energetici finali al 2020 (3730 migliaia di tonnellate di petrolio equivalente)

21 In termini di mix energetico si ha il seguente mutamento strutturale: (migliaia di tonnellate di petrolio equivalente) Nota: l energia elettrica prodotta è qui riportata tra le fonti primarie, pur non essendola, dato l importanza che assume nel nostro sistema energetico.

22 Migliaia di tep Confronto del totale impieghi finali BER 2005 e 2020

23 3. Le ricadute economiche della metanizzazione nell isola 3.1 I vantaggi del metano Prima di procedere a valutare i vantaggi che l'arrivo del metano potrà portare all'economia sarda, vale la pena fare un breve raffronto tra i prezzi di questa fonte e quelli degli altri prodotti concorrenti a parità di potere calorifico. I prezzi sono presi da documenti ufficiali e riguardano il III trimestre 2009.

24 COMBUSTIBILE ARIA PROPANATA 1,40 PREZZI (iva inclusa) /mc (iva 20%) COSTO (Iva inclusa) /Mcal 0,1166 (28% in più) Vantaggio del metano (=100) 128 GPL 1,05 /l (iva 20%) 0,175 (più del 200%) 200 GASOLIO 1,10 METANO 0,73 /l (iva 20%) /mc (iva 10-20%) 0, ,

25 A questi vantaggi di prezzo, il metano aggiunge altri vantaggi di ordine economico quali: maggiore rendimento nella sua trasformazione in energia elettrica e termica minori perdite e costi di trasporto maggior facilità di impiego Naturalmente il metano offre anche importanti vantaggi di tipo ambientale.

26 3.2 I vantaggi nel settore residenziale Per valutare i benefici economici di una famiglia sarda abbiamo utilizzato i dati di uno studio realizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico nel 2007 dal titolo "Rapporto sul Costo di Cittadinanza". In questo studio si mettono a confronto i costi (o meglio la spesa) che una famiglia media abitante in varie città italiane sostiene per l'energia (elettrica e gas). I dati vengono espressi in due diversi modi: costo di energia standard che confronta i dati delle varie città, assumendo consumi di elettricità e gas (e/o altri combustibili) identici. Pertanto la differenza è data solo dal maggior costo dei combustibili utilizzati da città a città; costo di energia effettiva che confronta i dati delle varie città assumendo i relativi consumi energetici di ogni città. Pertanto la differenza è data dal costo dei combustibili moltiplicato per i maggiori o minori consumi.

27 La tabella indica i seguenti valori per Cagliari, città presa a riferimento per la Sardegna nello studio citato. Costo di energia standard Cagliari: euro/famiglia (gas 1.691; elettricità 422) media altre città: euro/famiglia (gas 1.089; elettricità 422) Costo di energia effettiva Cagliari: euro/famiglia (gas 518; elettricità 561) media altre città: euro/famiglia (gas 807; elettricità 469)

28 Da questa ultima voce si evince che Cagliari ha un costo più elevato per l'energia elettrica rispetto ad altre città in quanto la famiglia sarda utilizza di più questa fonte in mancanza di metano, soprattutto per gli scaldabagni elettrici, mentre ha un costo più modesto per il gas (aria propanata e/o GPL) perché ne consuma molto meno. Infatti, contro un consumo medio della famiglia italiana (dati 2009) di mc, in Sardegna si ha un consumo medio di aria propanata di 550 mc/anno che equivalgono a 730 mc di metano (cioè la metà). La spesa relativa è valutata attualmente in circa 600 a famiglia

29 Assumendo quindi di sostituire l aria propanata utilizzata da una famiglia media sarda con metano, e tenendo conto del diverso potere calorifico, ma anche del diverso prezzo, si avrebbe un risparmio per la famiglia sarda di circa 170 euro l'anno per la sola sostituzione del combustibile, a cui si dovrebbe però aggiungere il vantaggio di usare il metano per gli scaldabagni elettrici, con un risparmio stimato di riduzione della bolletta elettrica di circa 100 euro a famiglia. Quindi un risparmio, di circa 270 euro l'anno a famiglia, che per il totale delle famiglie sarde allacciate alla rete (circa ) porta ad un vantaggio economico per il solo settore domestico della Sardegna di circa 140 milioni di euro. Questo dato potrebbe essere aumentato nel momento in cui i consumi di metano nel settore residenziale si avvicinassero alla media nazionale.

30 3.2 I vantaggi nel settore terziario e dei servizi In questo settore i maggiori usi termici (riscaldamento e acqua sanitaria) sono forniti da gasolio e GPL. I consumi di questi combustibili sono stimati nel 2008 intorno a 150 migliaia di tep che se sostituiti con metano darebbero un risparmio di qualche milione di euro ma molto di più in termini di rendimento come risulta da alcuni semplici esempi: Caso scuola: (500 alunni, m 2 consumo 650 MWh) prendendo a riferimento la sostituzione di una caldaia tradizionale a gasolio con una condensazione a metano si ha un risparmio anno di euro. Caso ospedale: (100 posti letto) la sostituzione di una caldaia a olio combustibile con una a metano a condensazione porta ad un risparmio anno di euro. Solo in questa tipologia di utenze considerato il numero di scuole ed ospedali esistenti in Sardegna si avrebbe un vantaggio economico dell'ordine dei milioni di euro l'anno. A queste andrebbero aggiunti i risparmi conseguibili negli edifici della P.A. e nel settore alberghiero e turistico che hanno parametri di consumi per riscaldamento ed acqua sanitaria molto elevati, che porterebbe a vantaggi economici teorici di qualche decina di milioni di euro l'anno per tutto il settore terziario.

31 3.3 La sostituzione degli attuali combustibili con il gas nel settore industriale Attualmente le industrie in Sardegna, oltreché usare molta energia elettrica per gli specifici usi dei settori dell'alluminio, della chimica, dello zinco e della raffinazione, utilizzano diversi prodotti petroliferi (gasolio, olio combustibile e GPL) per uso di riscaldamento, di processo ed anche gas di sintesi per usi vari energetici. L'arrivo del metano andrebbe a sostituire gran parte degli attuali combustibili (circa 480 migliaia di tep) con un risparmio valutabile intorno a qualche centinaia di milioni di euro, ma favorirebbe anche la nascita di molte nuove imprese (come è accaduto in Mezzogiorno) sopratutto nei settori dove l'uso del metano costituirebbe un elemento determinante e di vantaggio competitivo per la produzione e vendita di prodotti.

32 Tra queste categorie di imprese citiamo: industria della ceramica e del gas industria cartaria industria del legno e dei truciolati industria dei materiali di costruzione industria alimentare ed agroalimentare Va ricordato che il metano può essere utilmente usato nella cogenerazione e cioè per produrre energia elettrica e calore e quindi molte industrie potrebbero trovare un vantaggio economico dall'utilizzo di questa fonte che farebbe risparmiare loro, per un migliore rendimento termico, circa il 30% del loro consumo in energia. In base a queste valutazioni si può stimare che il settore industriale potrebbe avere un vantaggio economico dall'arrivo del metano valutabile in circa 200 milioni di euro.

33 3.5 I cambiamenti attesi nella generazione elettrica ed i vantaggi economici relativi Attualmente la generazione elettrica in Sardegna è basata per il 45% da prodotti petroliferi, il 51% da combustibili solidi ed il 5% da fonti rinnovabili. Vi è attualmente una piccola quota di energia elettrica che viene esportata. Il costo dell energia elettrica in Sardegna è elevato sia per il mix di fonti utilizzate e sia per la scarsa interconnessione interna e con il continente che determina scompensi e prezzi zonali elevati. L arrivo del metano con la realizzazione di due centrali a ciclo combinato a gas (400MWe + 200MWe) avrà un duplice effetto sul sistema termoelettrico: da un lato ridurrà i costi di generazione elettrica per effetto del miglior rendimento delle nuove centrali a gas dall altro lato consentirà l abbattimento di CO 2 ed altri inquinanti rendendo la Sardegna più pulita.

34 Dovendo valutare i vantaggi economici dell arrivo del metano nel settore termoelettrico della Sardegna abbiamo considerato due fattori principali: la riduzione dei combustibili utilizzati per produrre le stesse quantità di energia elettrica e quindi essenzialmente olio combustibile e gasolio e la riduzione della CO 2 con i relativi costi. Nel primo caso avremo che a fronte di circa combustibili fossili usati oggi, si risparmierebbero con il metano circa tep a parità di MWe prodotto e quindi valorizzando questi combustibili come olio combustibile e gasolio si avrebbe un risparmio di circa 100 milioni di euro. Nel caso della CO 2 risparmiata si avrebbero altri risparmi di circa 50 milioni di euro. Complessivamente circa 150 milioni di euro a cui si dovrebbe aggiungere il risparmio per un minor costo dell elettricità prodotta.

35 3.6 La metanizzazione nel settore dei trasporti Attualmente in Sardegna il trasporto privato e pubblico non può utilizzare uno dei carburanti a più buon mercato e pulito che è il metano. Con l arrivo del gas naturale la Regione potrebbe sviluppare, come già avviene nel Continente, una rete stradale di colonnine a metano per gli automobilisti privati e nello stesso tempo adottare il metano per le flotte di mezzi di trasporto pubblici. I vantaggi economici sarebbero modesti ma l impatto ambientale ed i vantaggi per gli automobilisti sardi che potrebbero utilizzare auto a metano sarebbero notevoli.

36 In conclusione i vantaggi economici della metanizzazione in Sardegna si possono valutare in oltre 500 milioni di euro/l anno, comprensivi dei diversi settori presi in esame e dell abbattimento della CO 2. 37

37 4. Le ricadute occupazionali della metanizzazione in Sardegna Guardando gli occupati in Sardegna per settori troviamo che il maggior numero di occupati è nel comparto dei servizi (73%) seguito dell'industria (20%) e dall'agricoltura (7%). Questo dato peraltro è diverso da quello nazionale ed anche da quello del Mezzogiorno dove l'attività dei servizi occupa rispettivamente il 66% ed il 70% del totale degli occupati. D'altronde in tutte le provincie sarde la maggior parte del valore aggiunto è prodotto dalle attività dei servizi. In Ogliastra, a Cagliari ed in Gallura la quota del terziario sul totale è pari a 80% principalmente per il peso della pubblica amministrazione nelle prime due provincie, e del commercio e turismo nella Gallura.

38 Minore è il peso dell'attività dei servizi in altre provincie come a Carbonia, Iglesias e nel Medio Campidano dove l'industria è più presente. Peraltro proprio in queste zone dove è presente la grande industria mineraria e metallurgica sarda, sono a rischio un gran numero di posti di lavoro e quindi occorrono interventi strutturali che passano anche attraverso una riconversione energetica del territorio. E' infatti noto che il costo dell'energia in generale, e di quella elettrica, in particolare, penalizza gravemente le industrie sarde, sia per la struttura del parco di generazione elettrico spostato verso il carbone e l'olio combustibile, sia per la scarsa interconnessione di rete che aumenta i prezzi zonali.

39 4.2 La metanizzazione in Sardegna ed i suoi riflessi sull occupazione nei vari settori Se andiamo a valutare le ricadute occupazionali della metanizzazione della Sardegna troviamo che essa ha andamenti diversi in funzione delle varie fasi in cui il processo di metanizzazione avviene. In una prima fase, caratterizzata dai lavori di costruzione della rete principale e dalla realizzazione delle reti secondarie e reti urbane per la distribuzione del metano alle varie utenze (già in corso di costruzione) avremo un aumento netto di occupazione locale in gran parte temporanea, legata al periodo di esecuzione dei lavori per un totale di circa addetti impiegati nella costruzione delle reti secondarie e urbane (escluso quindi il gasdotto).

40 In una seconda fase, che è quella dell'arrivo del metano alle varie utenze servite, avremo un bilancio occupazionale essenzialmente neutro in quanto avremo nuovi posti di lavoro che si potranno realizzare dall'installazione e vendita di nuovi apparecchi ed impianti legati all'uso del gas. Tra questi citiamo: le nuove caldaie a metano gli scaldabagni a gas gli impianti di riscaldamento e di condizionamenti i distributori stradali a metano gli impianti industriali a gas le nuove centrali a ciclo combinato a gas ma anche esuberi di personale attualmente utilizzato per il trasporto e la gestione dei combustibili tradizionali

41 In una terza fase che possiamo immaginare come quella in cui la metanizzazione della Sardegna sarà, completata dovremmo avere un bilancio occupazionale nuovamente positivo sopratutto in funzione delle nuove attività industriali e commerciali che l'arrivo del gas promuoverà nel tessuto industriale ed economico della Sardegna. In particolare si valuta che, sulla base anche delle esperienze della metanizzazione del Mezzogiorno, i seguenti settori potrebbero essere avvantaggiati dall'arrivo del metano in Sardegna e quindi creare nuove iniziative (o potenziare quelle esistenti) con una positiva ricaduta occupazionale diretta e indiretta: agroindustria (incluso biocarburanti) sughero ed affini ceramica e vetro laterizi e manufatti in cemento cartaria legno e mobilio Senza dimenticare le imprese impiegate nella manutenzione delle reti e degli impianti domestici, che assorbirà non meno di 2000 nuovi addetti. Nel settore commerciale avremo invece ricadute positive nei comparti della grande distribuzione, turismo e servizi collaterali.

42 Facendo un bilancio totale possiamo stimare i valori di nuovi occupati come segue: Occupazione stagionale Occupazione fissa nella I fase n nella II fase n // // nella III fase industria n servizi n Totale n Complessivamente avremo un aumento di nuova occupazione locale per addetti di cui il 60% stagionale e il 40% fisso

43 5. I vantaggi ambientali dell arrivo del metano nell Isola 5.1 La riduzione dei gas serra La metanizzazione della Sardegna contribuisce al programma di riduzione delle emissioni di gas-serra che l Italia è tenuta a effettuare nell ambito delle direttive europee (in particolare, riduzione del 20% delle emissioni di anidride carbonica) per due considerazioni: Il metano emette meno CO 2 a parità di energia termica liberata rispetto agli altri combustibili fossili che va a sostituire (olio combustibile, gasolio, GPL, carbone e anche propano) Le caratteristiche del metano permettono in molti casi di trasformare o utilizzare l energia termica sviluppata con rendimenti superiori a quelli ottenibili con altri combustibili.

44 Fatta uguale a 100 la quantità di CO 2 rilasciata per unità di energia termica sviluppata dal metano, il valore corrispondente nel caso del petrolio è 130 e nel caso del carbone è compreso tra 169 e 188. Nel caso della generazione elettrica, a questo vantaggio si somma l aumento del rendimento: infatti una centrale a ciclo combinato funzionante a gas naturale di ultima generazione ha un rendimento tipicamente del 58% rispetto al valore dell ordine del 40% di una centrale a vapore funzionante a olio combustibile La sostituzione della prima alla seconda porta quindi a una riduzione del 47% (praticamente un dimezzamento!) delle emissioni di CO 2 nella produzione di elettricità.

45 Supponendo quindi che vengano dismesse centrali termoelettriche funzionanti a olio combustibile per 320 MW e 320 MW a gasolio sostituite con equivalente potenza di centrali a ciclo combinato funzionanti a gas metano, e assumendo un numero annuale di ore di funzionamento pari a 6.000, si avrà una riduzione di emissione di CO 2 di circa 2 Mt/anno.

46 Una situazione analoga si riscontra nei settori civile e industriale, dove la sostituzione con metano di utenze funzionanti con prodotti petroliferi può portare, oltre al guadagno stechiometrico, ad aumenti del rendimento negli usi finali. Un esempio per tutti: l utilizzo di caldaie a condensazione (con un aumento del rendimento dell ordine del 10%) è molto più facile nel caso del metano a causa della assenza di zolfo, generalmente presente nei prodotti petroliferi, che crea problemi di corrosione in presenza dell acqua di condensazione. Supposto quindi di sostituire nei settori civili e industriali 550 migliaia di tep di prodotti petroliferi con metano e ipotizzando (conservativamente) un corrispondente aumento del 5% nel rendimento degli usi finali, si arriva così a calcolare una riduzione di emissioni di 0,5 Mt/anno di CO 2 emessa da parte dei settori civile e industriale.

47 Per quanto riguarda il settore trasporti, il contributo del metano in termini di riduzione delle emissioni di gas serra è relativamente modesto. Complessivamente quindi sommando le riduzioni nel settore elettrico, negli usi termici industriali e civili e nei trasporti, arriviamo ad una stima di riduzione complessiva di circa 2,5 Mt/anno di CO 2 che corrisponde a circa il 14 % delle attuali emissioni di CO 2 della Sardegna

48 5.2 La riduzione di emissioni inquinanti La sostituzione del metano ad altri combustibili ha anche effetti fortemente positivi per quanto riguarda le emissioni di inquinanti atmosferici, in specie ossidi di zolfo, idrocarburi aromatici e non, particolato e metalli, che vengono tutte ridotte quasi a zero. La riduzione delle emissioni di ossidi di azoto è meno drastica, essendo dovuta non direttamente alla composizione del combustibile, quanto alla possibilità di controllare più efficacemente le temperature di combustione. Pertanto si può assumere che, soprattutto nel settore elettrico ed industriale la sostituzione di combustibili petroliferi con metano porterà ad una riduzione di almeno il 30% di emissioni inquinanti, in specie NOx SOx e idrocarburi aromatici.

49 5.3 Altri vantaggi ambientali (logistica del metano) Una serie di vantaggi ambientali indiretti del metano rispetto ai prodotti petroliferi (per non parlare del carbone) derivano dal suo trasporto mediante tubazioni, che riducono la necessità di trasporto tramite autobotti o camion (per le bombole). Questo comporta una minore emissione di inquinanti in fase di trasporto e distribuzione e un alleggerimento della congestione del traffico.

50 Conclusioni Con l arrivo del metano in Sardegna, l economia sarda avrà notevoli vantaggi sia sul piano economico, che su quello industriale, occupazionale ed ambientale. Con una proiezione al 2020 dei consumi di energia si stima, infatti, che il processo di metanizzazione porterà all economia sarda: un risparmio annuo di oltre 500 milioni di euro per una maggiore razionalizzazione e minor costi dei consumi energetici, sia per le famiglie (che avrebbero maggiori possibilità di spesa), sia per i servizi e l industria (che potrebbero aumentare la loro attratività e competitività). un miglioramento del mix energetico dell Isola; una riduzione del costo dell energia elettrica con ricadute positive sulle grandi industrie energivore, ma anche sulle medie e piccole industrie; nuova occupazione, a regime, di circa unità di cui il 60% stagionale ed il 40% fisso; una riduzione delle emissioni di CO 2 di circa 2,5 milioni di tonnellate (14% di quelle attuali) e degli altri inquinanti (-30%).

51 Inoltre, la struttura industriale ed economica della Sardegna sarà più equilibrata e più simile a quella dell Italia, raggiungendo un armonizzazione dei consumi e delle fonti (soprattutto energetiche) con le altre Regioni. La Sardegna si avvicinerà così alle altre Regioni italiane ma soprattutto all Europa rispondendo alla sfide energetiche ed ambientali poste al 2020 in termini di risparmio, di mix energetico, di sviluppo di fonti a basso contenuto carbonico e di riduzione di gas serra.

52

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica Prefazione Nella prefazione al primo Rapporto Annuale sull Efficienza Energetica auspicavo che le successivi edizioni potessero registrare sempre maggiori progressi in quello che ritengo essere uno dei

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Società Italiana di Fisica Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Uno studio a cura della Società Italiana di Fisica - SIF aprile 2008 Indice PREMESSA p. 6 1. L ITALIA E LE SFIDE ENERGETICHE

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli