Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia"

Transcript

1 Edgardo Curcio Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia

2 1. Il quadro economico ed energetico della Sardegna 1.1 I principali nodi strutturali dell economia regionale Attualmente l'economia sarda soffre di un duplice effetto negativo. da un lato l'effetto della crisi che riguarda il nostro Paese, in relazione ad una crescita negativa dell'economia ed alle difficoltà del sistema finanziario di sostenere il sistema produttivo e commerciale; dall'altro lato la sua debolezza strutturale, che affonda le sue radici nel tempo e che tende ad aggravarsi in presenza di situazioni congiunturali difficili. In questo ambito un fattore che incide in maniera negativa nell'economia sarda è il forte peso e costo dell energia e la mancanza di gas naturale.

3 Se infatti andiamo a considerare la struttura industriale dell Isola rileviamo che: Il settore industriale, inclusa la petrolchimica, pesa per il 44% (contro il 34% dell'italia) sugli impieghi finali di energia, per effetto della presenza di grandi poli industriali energivori legati all uso di combustibili petroliferi; il settore terziario e residenziale pesa per il 13% (contro il 30% dell'italia) per lo scarso impiego dei combustibili gassosi praticamente assenti nel riscaldamento e altri usi domestici il settore dei trasporti è molto sviluppato su strada e pesa per il 29% (contro il 31% dell Italia) per mancanza di infrastrutture regionali

4 Totale impieghi finali per settore al 2005 (4620 migliaia di tep)

5 Consumo di fonti primarie 2005 (7310 migliaia di tep)

6 E' interessante notare la forte prevalenza in questo bilancio energetico di due sole fonti: i combustibili solidi (19%) ed i prodotti petroliferi (77%) Questi ultimi, in relazione alla presenza di grandi raffinerie vengono anche utilizzati per la petrolchimica e per bunkeraggi, oltreché per alimentare alcune centrali termoelettriche. In Italia il mix di fonti fossili è invece più equilibrato come segue: combustibili solidi ( 9%) prodotti petroliferi (43%) gas naturale (36%)

7 Dal confronto dei consumi finali pro-capite dell Italia con la Sardegna si evidenzia che i consumi nell Isola sono fortemente sbilanciati a favore dell industria mentre sono meno della metà rispetto alla media nazionale, nel settore civile.

8 In particolare per il settore elettrico: I consumi pro capite di energia elettrica in Sardegna sono stati nel 2008 i più alti a livello regionale. media nazionale Sardegna un consumo di kw/h abitante un consumo di kw/h abitante +34%. Anche a livello di settore domestico la Regione mostra un consumo pro capite alto: media nazionale Sardegna un consumo di kw/h abitante un consumo di kw/h abitante +18%. (a causa del maggior uso degli scaldabagni e stufe elettriche nelle abitazioni) Inoltre la Sardegna è la Regione che ha più aumentato il consumo di elettricità per uso domestico in percentuale, rispetto alla altre Regioni d Italia. Ciononostante sul totale di energia elettrica consumata in Sardegna nel 2008 (dati Terna) il 60% va nell industria ed il 19% va nel domestico (l Italia assorbe il 47% nell industria ed il 21% nel settore domestico).

9 Una ultima annotazione sulla situazione della Sardegna Se andiamo ad esaminare le emissioni di CO2 in Italia secondo l inventario annuale delle emissioni di gas serra recentemente pubblicato dall Enea troviamo che nel 2005 (ultimo anno preso in considerazione) su un totale di 452 milioni di tonnellate di CO2 emesse in Italia Pertanto a fronte di un circa 16 milioni provengono dalla Sardegna. tasso di 7,5 kg/co2/abitante per l Italia abbiamo un tasso di 10 kg/co2/ abitante in Sardegna che è superiore del 33% alla media nazionale

10

11 2. Il progetto GALSI ed il suo impatto sulla struttura energetica della Sardegna 2.1 Il progetto GALSI Il progetto GALSI riveste un elevato valore strategico per lo sviluppo del sistema nazionale ed europeo di gas naturale in quanto assicurerà l ottimizzazione delle fonti di approvvigionamento di gas supportando la crescita del mercato energetico europeo e nello stesso tempo consentirà la realizzazione della metanizzazione della Regione Sardegna. Il progetto prevede l arrivo in Sardegna nel 2014 di circa 8 miliardi di mc di gas naturale proveniente dall Algeria.

12 2. 2 Il piano delle reti Accanto alla struttura portante del gasdotto che attraversa la Sardegna dal basso in alto è prevista la realizzazione di un piano di reti che collegano il metanodotto principale ai 38 bacini di utenza in cui è stato suddiviso il territorio regionale..

13 Nelle tabelle seguenti è indicato lo stato delle procedure per ogni bacino e il riepilogo totale dei procedimenti NUMERO BACINI NUMERO PAESI STATO PROCEDIMENTO AGGIUDICAZIONE GIA AVVENUTA 7 77 AGGIUDICAZIONE IN CORSO 3 6 LAVORI IN CORSO 1 36 LAVORI CONCLUSI 1 4 GARA IN FASE DI INDIZIONE TOTALE

14 Con l'arrivo del GALSI e del metano la struttura energetica della Regione dovrebbe modificarsi fortemente. Per simulare l'impatto che la metanizzazione potrà avere sul bilancio e quindi sulla struttura industriale ed economica dell'isola abbiamo elaborato un Bilancio energetico regionale al 2020, anno in cui si prevede che il processo di metanizzazione abbia prodotto in larga parte i suoi effetti sui consumi e sulla struttura energetica dell'isola.

15 Le ipotesi assunte per determinare l impatto del metano nel sistema energetico sardo sono state le seguenti: Produzione termoelettrica: La produzione termoelettrica utilizzerà nel 2020 il seguente mix: 39% combustibili solidi (43%, nel 2005); 22% prodotti petroliferi (49%, nel 2005); 24% combustibili gassosi (0%, nel 2005); 15% rinnovabili (8%, nel 2005). E previsto, per l utilizzo di cicli combinati a gas, una riduzione di perdite di trasformazione di energia elettrica che passano dal 65% al 55%

16 Industria: nascita di nuove industrie a media e bassa intensità energetica in relazione alla metanizzazione della Regione (così come avvenuto nel Mezzogiorno). Trasporto: riduzione dei consumi sia per un minor consumo/km auto sia per un maggior uso di carburanti più efficienti (metano) e sia per una razionalizzazione del trasporto ferroviario attualmente a diesel.

17 Residenziale: aumento dei consumi delle famiglie che sostituiscono l 80% dei combustibili petroliferi con il metano, ma che incrementano (anche se sostituiscono gli scaldabagni elettrici con quelli a gas) il consumo di elettricità a causa di un maggior benessere e di una ulteriore penetrazione di questa fonte nei consumi domestici.

18 Terziario: aumento dei consumi del terziario (alberghi, ristoranti, grande distribuzione) che sostituiscono il 70% del riscaldamento degli edifici con il metano ma che incrementano il consumo elettrico per la nascita di nuove imprese e per una maggiore penetrazione di questa fonte.

19 In definitiva, i consumi finali crescono dal 2005 al 2020 dell 8,8% e cioè dello 0,5% anno (compreso crisi ) e rispetto al 2005 sono così previsti (migliaia di tonnellate equivalenti di petrolio): Ripartizione dei consumi energetici finali (migliaia di tep) Var% media annua Agricoltura ,70% Industria ,03% Residenziale ,30% Terziario ,30% Trasporti ,60% Totale consumi finali (1) ,50% (1) escluso bunkeraggi e petrolchimica

20 Consumi energetici finali al 2020 (3730 migliaia di tonnellate di petrolio equivalente)

21 In termini di mix energetico si ha il seguente mutamento strutturale: (migliaia di tonnellate di petrolio equivalente) Nota: l energia elettrica prodotta è qui riportata tra le fonti primarie, pur non essendola, dato l importanza che assume nel nostro sistema energetico.

22 Migliaia di tep Confronto del totale impieghi finali BER 2005 e 2020

23 3. Le ricadute economiche della metanizzazione nell isola 3.1 I vantaggi del metano Prima di procedere a valutare i vantaggi che l'arrivo del metano potrà portare all'economia sarda, vale la pena fare un breve raffronto tra i prezzi di questa fonte e quelli degli altri prodotti concorrenti a parità di potere calorifico. I prezzi sono presi da documenti ufficiali e riguardano il III trimestre 2009.

24 COMBUSTIBILE ARIA PROPANATA 1,40 PREZZI (iva inclusa) /mc (iva 20%) COSTO (Iva inclusa) /Mcal 0,1166 (28% in più) Vantaggio del metano (=100) 128 GPL 1,05 /l (iva 20%) 0,175 (più del 200%) 200 GASOLIO 1,10 METANO 0,73 /l (iva 20%) /mc (iva 10-20%) 0, ,

25 A questi vantaggi di prezzo, il metano aggiunge altri vantaggi di ordine economico quali: maggiore rendimento nella sua trasformazione in energia elettrica e termica minori perdite e costi di trasporto maggior facilità di impiego Naturalmente il metano offre anche importanti vantaggi di tipo ambientale.

26 3.2 I vantaggi nel settore residenziale Per valutare i benefici economici di una famiglia sarda abbiamo utilizzato i dati di uno studio realizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico nel 2007 dal titolo "Rapporto sul Costo di Cittadinanza". In questo studio si mettono a confronto i costi (o meglio la spesa) che una famiglia media abitante in varie città italiane sostiene per l'energia (elettrica e gas). I dati vengono espressi in due diversi modi: costo di energia standard che confronta i dati delle varie città, assumendo consumi di elettricità e gas (e/o altri combustibili) identici. Pertanto la differenza è data solo dal maggior costo dei combustibili utilizzati da città a città; costo di energia effettiva che confronta i dati delle varie città assumendo i relativi consumi energetici di ogni città. Pertanto la differenza è data dal costo dei combustibili moltiplicato per i maggiori o minori consumi.

27 La tabella indica i seguenti valori per Cagliari, città presa a riferimento per la Sardegna nello studio citato. Costo di energia standard Cagliari: euro/famiglia (gas 1.691; elettricità 422) media altre città: euro/famiglia (gas 1.089; elettricità 422) Costo di energia effettiva Cagliari: euro/famiglia (gas 518; elettricità 561) media altre città: euro/famiglia (gas 807; elettricità 469)

28 Da questa ultima voce si evince che Cagliari ha un costo più elevato per l'energia elettrica rispetto ad altre città in quanto la famiglia sarda utilizza di più questa fonte in mancanza di metano, soprattutto per gli scaldabagni elettrici, mentre ha un costo più modesto per il gas (aria propanata e/o GPL) perché ne consuma molto meno. Infatti, contro un consumo medio della famiglia italiana (dati 2009) di mc, in Sardegna si ha un consumo medio di aria propanata di 550 mc/anno che equivalgono a 730 mc di metano (cioè la metà). La spesa relativa è valutata attualmente in circa 600 a famiglia

29 Assumendo quindi di sostituire l aria propanata utilizzata da una famiglia media sarda con metano, e tenendo conto del diverso potere calorifico, ma anche del diverso prezzo, si avrebbe un risparmio per la famiglia sarda di circa 170 euro l'anno per la sola sostituzione del combustibile, a cui si dovrebbe però aggiungere il vantaggio di usare il metano per gli scaldabagni elettrici, con un risparmio stimato di riduzione della bolletta elettrica di circa 100 euro a famiglia. Quindi un risparmio, di circa 270 euro l'anno a famiglia, che per il totale delle famiglie sarde allacciate alla rete (circa ) porta ad un vantaggio economico per il solo settore domestico della Sardegna di circa 140 milioni di euro. Questo dato potrebbe essere aumentato nel momento in cui i consumi di metano nel settore residenziale si avvicinassero alla media nazionale.

30 3.2 I vantaggi nel settore terziario e dei servizi In questo settore i maggiori usi termici (riscaldamento e acqua sanitaria) sono forniti da gasolio e GPL. I consumi di questi combustibili sono stimati nel 2008 intorno a 150 migliaia di tep che se sostituiti con metano darebbero un risparmio di qualche milione di euro ma molto di più in termini di rendimento come risulta da alcuni semplici esempi: Caso scuola: (500 alunni, m 2 consumo 650 MWh) prendendo a riferimento la sostituzione di una caldaia tradizionale a gasolio con una condensazione a metano si ha un risparmio anno di euro. Caso ospedale: (100 posti letto) la sostituzione di una caldaia a olio combustibile con una a metano a condensazione porta ad un risparmio anno di euro. Solo in questa tipologia di utenze considerato il numero di scuole ed ospedali esistenti in Sardegna si avrebbe un vantaggio economico dell'ordine dei milioni di euro l'anno. A queste andrebbero aggiunti i risparmi conseguibili negli edifici della P.A. e nel settore alberghiero e turistico che hanno parametri di consumi per riscaldamento ed acqua sanitaria molto elevati, che porterebbe a vantaggi economici teorici di qualche decina di milioni di euro l'anno per tutto il settore terziario.

31 3.3 La sostituzione degli attuali combustibili con il gas nel settore industriale Attualmente le industrie in Sardegna, oltreché usare molta energia elettrica per gli specifici usi dei settori dell'alluminio, della chimica, dello zinco e della raffinazione, utilizzano diversi prodotti petroliferi (gasolio, olio combustibile e GPL) per uso di riscaldamento, di processo ed anche gas di sintesi per usi vari energetici. L'arrivo del metano andrebbe a sostituire gran parte degli attuali combustibili (circa 480 migliaia di tep) con un risparmio valutabile intorno a qualche centinaia di milioni di euro, ma favorirebbe anche la nascita di molte nuove imprese (come è accaduto in Mezzogiorno) sopratutto nei settori dove l'uso del metano costituirebbe un elemento determinante e di vantaggio competitivo per la produzione e vendita di prodotti.

32 Tra queste categorie di imprese citiamo: industria della ceramica e del gas industria cartaria industria del legno e dei truciolati industria dei materiali di costruzione industria alimentare ed agroalimentare Va ricordato che il metano può essere utilmente usato nella cogenerazione e cioè per produrre energia elettrica e calore e quindi molte industrie potrebbero trovare un vantaggio economico dall'utilizzo di questa fonte che farebbe risparmiare loro, per un migliore rendimento termico, circa il 30% del loro consumo in energia. In base a queste valutazioni si può stimare che il settore industriale potrebbe avere un vantaggio economico dall'arrivo del metano valutabile in circa 200 milioni di euro.

33 3.5 I cambiamenti attesi nella generazione elettrica ed i vantaggi economici relativi Attualmente la generazione elettrica in Sardegna è basata per il 45% da prodotti petroliferi, il 51% da combustibili solidi ed il 5% da fonti rinnovabili. Vi è attualmente una piccola quota di energia elettrica che viene esportata. Il costo dell energia elettrica in Sardegna è elevato sia per il mix di fonti utilizzate e sia per la scarsa interconnessione interna e con il continente che determina scompensi e prezzi zonali elevati. L arrivo del metano con la realizzazione di due centrali a ciclo combinato a gas (400MWe + 200MWe) avrà un duplice effetto sul sistema termoelettrico: da un lato ridurrà i costi di generazione elettrica per effetto del miglior rendimento delle nuove centrali a gas dall altro lato consentirà l abbattimento di CO 2 ed altri inquinanti rendendo la Sardegna più pulita.

34 Dovendo valutare i vantaggi economici dell arrivo del metano nel settore termoelettrico della Sardegna abbiamo considerato due fattori principali: la riduzione dei combustibili utilizzati per produrre le stesse quantità di energia elettrica e quindi essenzialmente olio combustibile e gasolio e la riduzione della CO 2 con i relativi costi. Nel primo caso avremo che a fronte di circa combustibili fossili usati oggi, si risparmierebbero con il metano circa tep a parità di MWe prodotto e quindi valorizzando questi combustibili come olio combustibile e gasolio si avrebbe un risparmio di circa 100 milioni di euro. Nel caso della CO 2 risparmiata si avrebbero altri risparmi di circa 50 milioni di euro. Complessivamente circa 150 milioni di euro a cui si dovrebbe aggiungere il risparmio per un minor costo dell elettricità prodotta.

35 3.6 La metanizzazione nel settore dei trasporti Attualmente in Sardegna il trasporto privato e pubblico non può utilizzare uno dei carburanti a più buon mercato e pulito che è il metano. Con l arrivo del gas naturale la Regione potrebbe sviluppare, come già avviene nel Continente, una rete stradale di colonnine a metano per gli automobilisti privati e nello stesso tempo adottare il metano per le flotte di mezzi di trasporto pubblici. I vantaggi economici sarebbero modesti ma l impatto ambientale ed i vantaggi per gli automobilisti sardi che potrebbero utilizzare auto a metano sarebbero notevoli.

36 In conclusione i vantaggi economici della metanizzazione in Sardegna si possono valutare in oltre 500 milioni di euro/l anno, comprensivi dei diversi settori presi in esame e dell abbattimento della CO 2. 37

37 4. Le ricadute occupazionali della metanizzazione in Sardegna Guardando gli occupati in Sardegna per settori troviamo che il maggior numero di occupati è nel comparto dei servizi (73%) seguito dell'industria (20%) e dall'agricoltura (7%). Questo dato peraltro è diverso da quello nazionale ed anche da quello del Mezzogiorno dove l'attività dei servizi occupa rispettivamente il 66% ed il 70% del totale degli occupati. D'altronde in tutte le provincie sarde la maggior parte del valore aggiunto è prodotto dalle attività dei servizi. In Ogliastra, a Cagliari ed in Gallura la quota del terziario sul totale è pari a 80% principalmente per il peso della pubblica amministrazione nelle prime due provincie, e del commercio e turismo nella Gallura.

38 Minore è il peso dell'attività dei servizi in altre provincie come a Carbonia, Iglesias e nel Medio Campidano dove l'industria è più presente. Peraltro proprio in queste zone dove è presente la grande industria mineraria e metallurgica sarda, sono a rischio un gran numero di posti di lavoro e quindi occorrono interventi strutturali che passano anche attraverso una riconversione energetica del territorio. E' infatti noto che il costo dell'energia in generale, e di quella elettrica, in particolare, penalizza gravemente le industrie sarde, sia per la struttura del parco di generazione elettrico spostato verso il carbone e l'olio combustibile, sia per la scarsa interconnessione di rete che aumenta i prezzi zonali.

39 4.2 La metanizzazione in Sardegna ed i suoi riflessi sull occupazione nei vari settori Se andiamo a valutare le ricadute occupazionali della metanizzazione della Sardegna troviamo che essa ha andamenti diversi in funzione delle varie fasi in cui il processo di metanizzazione avviene. In una prima fase, caratterizzata dai lavori di costruzione della rete principale e dalla realizzazione delle reti secondarie e reti urbane per la distribuzione del metano alle varie utenze (già in corso di costruzione) avremo un aumento netto di occupazione locale in gran parte temporanea, legata al periodo di esecuzione dei lavori per un totale di circa addetti impiegati nella costruzione delle reti secondarie e urbane (escluso quindi il gasdotto).

40 In una seconda fase, che è quella dell'arrivo del metano alle varie utenze servite, avremo un bilancio occupazionale essenzialmente neutro in quanto avremo nuovi posti di lavoro che si potranno realizzare dall'installazione e vendita di nuovi apparecchi ed impianti legati all'uso del gas. Tra questi citiamo: le nuove caldaie a metano gli scaldabagni a gas gli impianti di riscaldamento e di condizionamenti i distributori stradali a metano gli impianti industriali a gas le nuove centrali a ciclo combinato a gas ma anche esuberi di personale attualmente utilizzato per il trasporto e la gestione dei combustibili tradizionali

41 In una terza fase che possiamo immaginare come quella in cui la metanizzazione della Sardegna sarà, completata dovremmo avere un bilancio occupazionale nuovamente positivo sopratutto in funzione delle nuove attività industriali e commerciali che l'arrivo del gas promuoverà nel tessuto industriale ed economico della Sardegna. In particolare si valuta che, sulla base anche delle esperienze della metanizzazione del Mezzogiorno, i seguenti settori potrebbero essere avvantaggiati dall'arrivo del metano in Sardegna e quindi creare nuove iniziative (o potenziare quelle esistenti) con una positiva ricaduta occupazionale diretta e indiretta: agroindustria (incluso biocarburanti) sughero ed affini ceramica e vetro laterizi e manufatti in cemento cartaria legno e mobilio Senza dimenticare le imprese impiegate nella manutenzione delle reti e degli impianti domestici, che assorbirà non meno di 2000 nuovi addetti. Nel settore commerciale avremo invece ricadute positive nei comparti della grande distribuzione, turismo e servizi collaterali.

42 Facendo un bilancio totale possiamo stimare i valori di nuovi occupati come segue: Occupazione stagionale Occupazione fissa nella I fase n nella II fase n // // nella III fase industria n servizi n Totale n Complessivamente avremo un aumento di nuova occupazione locale per addetti di cui il 60% stagionale e il 40% fisso

43 5. I vantaggi ambientali dell arrivo del metano nell Isola 5.1 La riduzione dei gas serra La metanizzazione della Sardegna contribuisce al programma di riduzione delle emissioni di gas-serra che l Italia è tenuta a effettuare nell ambito delle direttive europee (in particolare, riduzione del 20% delle emissioni di anidride carbonica) per due considerazioni: Il metano emette meno CO 2 a parità di energia termica liberata rispetto agli altri combustibili fossili che va a sostituire (olio combustibile, gasolio, GPL, carbone e anche propano) Le caratteristiche del metano permettono in molti casi di trasformare o utilizzare l energia termica sviluppata con rendimenti superiori a quelli ottenibili con altri combustibili.

44 Fatta uguale a 100 la quantità di CO 2 rilasciata per unità di energia termica sviluppata dal metano, il valore corrispondente nel caso del petrolio è 130 e nel caso del carbone è compreso tra 169 e 188. Nel caso della generazione elettrica, a questo vantaggio si somma l aumento del rendimento: infatti una centrale a ciclo combinato funzionante a gas naturale di ultima generazione ha un rendimento tipicamente del 58% rispetto al valore dell ordine del 40% di una centrale a vapore funzionante a olio combustibile La sostituzione della prima alla seconda porta quindi a una riduzione del 47% (praticamente un dimezzamento!) delle emissioni di CO 2 nella produzione di elettricità.

45 Supponendo quindi che vengano dismesse centrali termoelettriche funzionanti a olio combustibile per 320 MW e 320 MW a gasolio sostituite con equivalente potenza di centrali a ciclo combinato funzionanti a gas metano, e assumendo un numero annuale di ore di funzionamento pari a 6.000, si avrà una riduzione di emissione di CO 2 di circa 2 Mt/anno.

46 Una situazione analoga si riscontra nei settori civile e industriale, dove la sostituzione con metano di utenze funzionanti con prodotti petroliferi può portare, oltre al guadagno stechiometrico, ad aumenti del rendimento negli usi finali. Un esempio per tutti: l utilizzo di caldaie a condensazione (con un aumento del rendimento dell ordine del 10%) è molto più facile nel caso del metano a causa della assenza di zolfo, generalmente presente nei prodotti petroliferi, che crea problemi di corrosione in presenza dell acqua di condensazione. Supposto quindi di sostituire nei settori civili e industriali 550 migliaia di tep di prodotti petroliferi con metano e ipotizzando (conservativamente) un corrispondente aumento del 5% nel rendimento degli usi finali, si arriva così a calcolare una riduzione di emissioni di 0,5 Mt/anno di CO 2 emessa da parte dei settori civile e industriale.

47 Per quanto riguarda il settore trasporti, il contributo del metano in termini di riduzione delle emissioni di gas serra è relativamente modesto. Complessivamente quindi sommando le riduzioni nel settore elettrico, negli usi termici industriali e civili e nei trasporti, arriviamo ad una stima di riduzione complessiva di circa 2,5 Mt/anno di CO 2 che corrisponde a circa il 14 % delle attuali emissioni di CO 2 della Sardegna

48 5.2 La riduzione di emissioni inquinanti La sostituzione del metano ad altri combustibili ha anche effetti fortemente positivi per quanto riguarda le emissioni di inquinanti atmosferici, in specie ossidi di zolfo, idrocarburi aromatici e non, particolato e metalli, che vengono tutte ridotte quasi a zero. La riduzione delle emissioni di ossidi di azoto è meno drastica, essendo dovuta non direttamente alla composizione del combustibile, quanto alla possibilità di controllare più efficacemente le temperature di combustione. Pertanto si può assumere che, soprattutto nel settore elettrico ed industriale la sostituzione di combustibili petroliferi con metano porterà ad una riduzione di almeno il 30% di emissioni inquinanti, in specie NOx SOx e idrocarburi aromatici.

49 5.3 Altri vantaggi ambientali (logistica del metano) Una serie di vantaggi ambientali indiretti del metano rispetto ai prodotti petroliferi (per non parlare del carbone) derivano dal suo trasporto mediante tubazioni, che riducono la necessità di trasporto tramite autobotti o camion (per le bombole). Questo comporta una minore emissione di inquinanti in fase di trasporto e distribuzione e un alleggerimento della congestione del traffico.

50 Conclusioni Con l arrivo del metano in Sardegna, l economia sarda avrà notevoli vantaggi sia sul piano economico, che su quello industriale, occupazionale ed ambientale. Con una proiezione al 2020 dei consumi di energia si stima, infatti, che il processo di metanizzazione porterà all economia sarda: un risparmio annuo di oltre 500 milioni di euro per una maggiore razionalizzazione e minor costi dei consumi energetici, sia per le famiglie (che avrebbero maggiori possibilità di spesa), sia per i servizi e l industria (che potrebbero aumentare la loro attratività e competitività). un miglioramento del mix energetico dell Isola; una riduzione del costo dell energia elettrica con ricadute positive sulle grandi industrie energivore, ma anche sulle medie e piccole industrie; nuova occupazione, a regime, di circa unità di cui il 60% stagionale ed il 40% fisso; una riduzione delle emissioni di CO 2 di circa 2,5 milioni di tonnellate (14% di quelle attuali) e degli altri inquinanti (-30%).

51 Inoltre, la struttura industriale ed economica della Sardegna sarà più equilibrata e più simile a quella dell Italia, raggiungendo un armonizzazione dei consumi e delle fonti (soprattutto energetiche) con le altre Regioni. La Sardegna si avvicinerà così alle altre Regioni italiane ma soprattutto all Europa rispondendo alla sfide energetiche ed ambientali poste al 2020 in termini di risparmio, di mix energetico, di sviluppo di fonti a basso contenuto carbonico e di riduzione di gas serra.

52

Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia

Edgardo Curcio. Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia Edgardo Curcio Presidente AIEE Associazione Italiana Economisti dell Energia 1. Il quadro economico ed energetico della Sardegna 1.1 I principali nodi stru1urali dell economia regionale A#ualmente l'economia

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

IMPIEGHI FINALI DI ENERGIA (Fonte ENEA: RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica)

IMPIEGHI FINALI DI ENERGIA (Fonte ENEA: RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica) E.CLIMA: LA COMBINAZIONE IMPIANTISTICA SOLARE - POMPA DI CALORE PER LA CLIMATIZZAZIONE INTEGRALE E IL COMFORT IN EDIFICI LOW-ENERGY Fiera Milano 7 maggio 2014 Gli effetti della nuova tariffa elettrica

Dettagli

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola IL TELERISCALDAMENTO Il teleriscaldamento è una soluzione del servizio di riscaldamento per edifici residenziali ed industriali basata su un fluido

Dettagli

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Quarta giornata sull efficienza energetica nelle industrie Fast, Piazzale R. Morandi 2, 20121 Milano

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE

2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE 2. SITUAZIONE GENERALE DEL SISTEMA ENERGETICO PROVINCIALE 2.1 Quadro complessivo La situazione generale del sistema energetico della Provincia di Sassari è caratterizzata da una pressoché totale dipendenza

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione COGENERAZIONE La cogenerazione, o produzione combinata di energia elettrica e calore, consente di ottenere da una singola unità produttiva energia elettrica e termica, o in alcuni casi, lavoro ed energia

Dettagli

Gli aspetti positivi del solare termico

Gli aspetti positivi del solare termico Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato B 3.3.2. Gli aspetti positivi del solare termico Università degli Studi di Siena INDICE 1. Premessa...3 2. Analisi della domanda...4

Dettagli

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Pubblica Amministrazione e risparmio Le Pubbliche Amministrazioni possono essere un modello per i cittadini anche in termini di efficienza

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Dipartimento XII - LL.PP. e Manutenzione Urbana V Unità Organizzativa Servizio Impianti Termici RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Le elaborazioni qui contenute riguardano i dati che derivano dalle attività

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Reti locali del gas RELAZIONE DI SINTESI Studio sulle reti locali del gas Domanda prevedibile di gas nei prossimi dieci anni

Dettagli

prof. ing. Maurizio Fauri POTENZIALITÀ DEL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA

prof. ing. Maurizio Fauri POTENZIALITÀ DEL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA POTENZIALITÀ DEL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA Efficienza energetica e fonti rinnovabili Fonti rinnovabili Efficienza energetica e/o Fonti rinnovabili Trasporto Efficienza energetica Smart Grid Produzione

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti Edgardo Curcio Presidente AIEE Milano, 20 maggio 2010 La produzione di biocarburanti

Dettagli

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO C A N A Z E I Perché il teleriscaldamento a Canazei? Il progetto ha una notevole valenza per la comunità e gli utenti che la compongono, sia in termini economici che

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA ED INDUSTRIA IMPIANTI E FINANZIAMENTO: LA SOLUZIONE CHIAVI IN MANO

EFFICIENZA ENERGETICA ED INDUSTRIA IMPIANTI E FINANZIAMENTO: LA SOLUZIONE CHIAVI IN MANO EFFICIENZA ENERGETICA ED INDUSTRIA IMPIANTI E FINANZIAMENTO: LA SOLUZIONE CHIAVI IN MANO Efficienza energetica Fare efficienza energetica come la promozione e l'utilizzo di risorse energetiche ed idriche

Dettagli

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Convegno su: EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO Alba,18 novembre 2011 Luigi De Paoli, Università Bocconi Schema

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Inquadramento del sistema energetico provinciale (1^ bozza) INDICE 1. IL BILANCIO ENERGETICO PROVINCIALE...2 1.1 I CONSUMI ENERGETICI NEGLI USI FINALI... 3 1.1.1

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

Impianti di COGENERAZIONE

Impianti di COGENERAZIONE Impianti di COGENERAZIONE Definizione: produrre energia insieme Produzione combinata di : 1. energia elettrica/meccanica 2. energia termica (calore) ottenute in appositi impianti utilizzanti la stessa

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA La predisposizione del Piano Energetico Ambientale Regionale per la Sardegna (PE- AR Sardegna) da parte della Giunta regionale

Dettagli

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI COMBUSTIBILI FOSSILI CARBONE, PETROLIO, GAS METANO COMBUSTIBILI: bruciano in presenza di ossigeno e producono calore FOSSILI: si sono formati nel corso di milioni di anni nel

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi

Tabella 129 - Bilancio energetico regionale semplificato dell anno 2004 (Fonte: PEAR) Totale combustibili liquidi. Totale combustibili gassosi Il Piano energetico regionale della Regione Sicilia Una rassegna delle politiche regionali in materia di efficienza energetica (estratto da RAEE 2010 - Rapporto annuale sull efficienza energetica, ENEA,

Dettagli

EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98. P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D.

EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98. P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D. EMISSIONI DI CO2 ANNUE DALLA COMBUSTIONE DI COMBUSTIBILI FOSSILI IN LIGURIA DAL 90 AL 98 P.G. Catoni, S. La Motta, G. Perrella, D. Santino I 1 Introduzione... 1 2 Metodologia di inventario... 2 2.1 Generalità...

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 CONTENUTO: ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI www.isesitalia.it Fonti: INBAR, www.edilportale.com, KlimaHaus SOLARE TERMICO Il sistema termico a pannelli solari cattura la luce

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia

Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia FREE ENERGY S.r.l. può affiancare imprese ed Enti consumatori di energia sul Mercato Libero dell'energia, alla

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici dott. Damiano Zoffoli Presidente Commissione Politiche Economiche Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Confartigianato Forlì-Cesena

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Efficienza energetica: priorità assoluta

Efficienza energetica: priorità assoluta Efficienza energetica: priorità assoluta Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo dei Sistemi Elettrici ERSE (già CESI RICERCA) Alessandro Clerici Vice Presidente Commissione Energia Confindustria

Dettagli

Gasdotto Galsi: presentazione del progetto. Carbonia 6 Dicembre 2011

Gasdotto Galsi: presentazione del progetto. Carbonia 6 Dicembre 2011 Gasdotto Galsi: presentazione del progetto Carbonia 6 Dicembre 2011 Indice 1. Introduzione: Quadro generale del progetto Accordo con Snam Rete Gas Iter autorizzativo 1. Il progetto Dati tecnici Tracciato

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione

Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione Efficienza energetica e sistemi di imprese della Regione 7 OTTOBRE 2010 ore 9,30 University Club - Ponte P. Bucci Università della Calabria Arcavacata di Rende -CS Ing. Leonardo Sblendido Delegato Energia

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

CAPITOLO 2 ENERGIA. Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3. Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1

CAPITOLO 2 ENERGIA. Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3. Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1 2. ENERGIA 117 CAPITOLO 2 ENERGIA Autori: Antonio CAPUTO 1, Domenico GAUDIOSO 1, Giulia IORIO 2, Piero LEONE 3 Coordinatore statistico: Alessandra GALOSI 1 Coordinatore tematico: Domenico GAUDIOSO 1 1)

Dettagli

Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE Cos è il GNL? Il Gas naturale liquefatto è il gas naturale nella sua forma liquida Refrigerato a

Dettagli

Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese. La cogenerazione industriale in Italia.

Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese. La cogenerazione industriale in Italia. Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese La cogenerazione industriale in Italia Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Mantova - 29 ottobre 2014 CONTENUTI

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

15. Consumi energetici

15. Consumi energetici 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%)

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA

CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI PROCESSI INDUSTRIALI E NEGLI EDIFICI Prof.ing. Giovanni Petrecca Ordinario di Energetica Elettrica Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia PIANO

Dettagli

La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Ennio Macchi. Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano

La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Ennio Macchi. Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Assolombarda - 12 dicembre 2011 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE 2 Premesse

Dettagli

selgas tutti I vantaggi del gas naturale

selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas Gas naturale, I vantaggi a ColPo d occhio 1. il gas naturale conviene: oltre ad un prezzo estremamente competitivo, il gas naturale comporta ridotti costi

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli