TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO"

Transcript

1 TASSAZIONE SUI PRODOTTI ENERGETICI: IL FUTURO DI GPL E METANO NAPOLI, 26 SETTEMBRE 2011 Alessandro Tramontano Presidente Consorzio Ecogas

2 La bozza di proposta di modifica alla direttiva europea 2003/96/CE sulla tassazione energetica determinerà, per i carburanti gassosi, un livello di prezzi al consumo tale da farli scomparire dal mercato. Considerato: i nuovi livelli minimi di accisa, e soprattutto quelli correlati al contenuto energetico dei carburanti; la norma di cui all articolo 4, comma 3, che impone dal 2023 l applicazione dello stesso livello di tassazione energetica ed ambientale per tutti i carburanti; la limitazione temporale al 2023 alla possibilità da parte degli Stati Membri di derogare ai limiti minimi per i carburanti gassosi;

3 Al 2023, nell ipotesi di fissare al minimo l aliquota ambientale (20 /t) e di calcolare la parte energetica come differenza sul livello attuale della benzina (scelto come pivot ), la tassazione sul GPL e sul metano (accisa +IVA) sarebbe tale da portare i relativi prezzi al consumo (posti invariati quelli industriali) alla pari se non superiori a quelli dei carburanti tradizionali, in termini di resa energetica. Il vantaggio economico d uso, che è oggi indispensabile per abbattere nel tempo i maggiori costi iniziali (dovuti all extra costo dei sistemi di alimentazione a gas), sarebbe azzerato. I consumatori non avrebbero nessuno stimolo economico all acquisto o alla conversione di una auto a gas. Il parco circolante, già alimentato bi-fuel(benzina gas), sarebbe immediatamente portato a utilizzare benzina piuttosto che gas.

4 I comparti industriali dell automobile e della produzione/distribuzione dei combustibili scomparirebbero in pochi mesi. Come è facile intuire, il processo di demolizione non avverrebbe all inizio del 2023 ma ben prima: la programmazione proposta di phase-outdegli attuali livelli di tassazione provocherebbe, già all entrata in vigore del provvedimento, un progressivo e veloce disinteresse dell utenza verso l utilizzo dei gas e un altrettanto progressivo disimpegno da parte degli operatori industriali.

5 Considerazioni sull impatto industriale ed ambientale Negli ultimi decenni le politiche energetiche portate avanti nel settore dei trasporti dall Italia e da altri importanti Paesi dell Unione Europea hanno fatto leva su più soluzioni ambientali per poter ridurre il carico emissivo del traffico veicolare urbano ed extra-urbano. La scelta di una maggiore diffusione del GPL e del metano per auto si è inserita perfettamente tra l evoluzione delle tecnologie per l uso dei carburanti tradizionali e la ricerca di nuove forme di mobilità ad impatto quasi nullo. L idea portante è stata quelle di promuovere i carburanti gassosi a basso impatto quale soluzione ecologica pronta, soprattutto con riferimento ad alcuni problemi tipici delle aree urbanizzate e industrializzate del territorio europeo, in forza dell immediata disponibilità delle loro tecnologie di alimentazione e di una certa facilità d utilizzo e di rifornimento su strada.

6 Considerazioni sull impatto industriale ed ambientale Le iniziative di promozione non hanno fatto altro che convertire il beneficio ambientale dei carburanti gassosi in vantaggi economici, attraverso una fiscalità strutturalmente a favore di tali prodotti e con il sostegno di rilevanti programmi di incentivazione al consumo che sono riusciti in poco tempo a stimolare un processo industriale sempre più robusto, attraendo in questo progetto di mobilità alternativa i principali operatori del settore, comprese le Case automobilistiche. Il Paese che ha avuto maggior successo in questa operazione è indubbiamente l Italia: quasi tutte le Case auto hanno oggi in offerta modelli a gas e il costruttore nazionale è capofila indiscusso del settore. Il comparto italiano della componentistica, già leader globale del mercato e delle tecnologie, soprattutto nel campo delle applicazioni in post-vendita ha saputo approfittare degli stimoli messi in atto in Italia così come in altri Paesi Europei (Francia, Germania, Olanda, Belgio, Polonia) consolidando la sua posizione di leadership globale.

7 Considerazioni sull impatto industriale ed ambientale Oggi la quasi totalità dei progetti internazionali di ricerca e di produzione di motorizzazioni a gas vede impegnate le aziende italiane di settore, molte delle quali hanno superato da tempo le dimensioni di imprese medio-piccole. La parola chiave è stata, quindi, convertire le positive esternalitàecologiche in benefici economici che riducessero i fattori di criticità di questi prodotti: i costi capitali (dovuti agli extra-costi delle apparecchiature); la minore diffusione dei punti vendita stradali; la minore offerta di modelli; la resistenza psicologica dell utenza ad ogni forma di novità rispetto alle motorizzazioni tradizionali.

8 Considerazioni sull impatto industriale ed ambientale La proposta di direttiva sulla tassazione energetica avanzata dalla Commissione Europea, annullando il beneficio economico dei carburanti gassosi, elimina irreparabilmente questo progetto industriale di mobilità sostenibile, che i singoli Paesi europei, in conformità al quadro legislativo comunitario finora vigente, hanno costruito in questi anni. A pagarne maggiormente le spese sarà, come dimostrato, il sistema Italia che perderebbe la leadership in una di quelle poche eccellenze industriali che può vantare in campo tecnologico e ambientale. A tal riguardo, va evidenziato che il comparto automobilistico è ancora strategico per la competitività internazionale dell Italia anche per quanto riguarda la ricerca scientifica nei settori della meccanica, dell elettronica e della chimica.

9 Considerazioni sull impatto industriale ed ambientale In tal senso, la sopra evidenziata maturità tecnologica dei motori a GPL e metano non deve lasciare intendere che tali prodotti non possano essere oggetto di importanti progetti di ricerca, di base ed applicata, anche perché le loro potenzialità motoristiche e ambientali non sono ancora sfruttate a pieno. Sono in fase avanzata progetti di sviluppo di nuovi sistemi di alimentazione a GPL e metano che potranno aumentare l efficienza delle relative motorizzazioni fino al 30%. Ci riferiamo, in particolare, all alimentazione in camera di combustione del GPL e all ibridizzazione dei modelli a metano e GPL, così come sta avvenendo per gli altri carburanti. Per quanto riguarda la produzione di carburanti di origine bio, il bio-metano ed il biopropano, come sottoprodotto dei processi di bio-raffinazione, sono già una realtà, in continua evoluzione, mentre la produzione diretta ed esclusiva di bio-propano rappresenta l obiettivo di numerosi progetti di ricerca comunitari ed internazionali.

10 Analisi e proposta E evidente che lo schema di direttiva fonda le sue basi su un esercizio di calcolo coerente solo nei numeri, ma non nelle scelte di politica energetica, inutilmente rivoluzionarie, che esso impone a livello dei differenti Stati Membri. Anche la base giuridica della proposta di direttiva, volta al perseguimento del buon funzionamento del mercato interno all UE, viene tradita, in particolare con la disposizione di cui all articolo 4, comma 3, sul concatenamento delle aliquote di accisa dei diversi prodotti utilizzati nello stesso settore. La direttiva può e deve assicurare uno stesso livello di competitività tra i diversi Stati Membri per ogni prodotto energetico interessato, ma non può e non deve condizionare così fortemente le politiche energetiche interne dei singoli Paesi; ciò che invece si realizza, senza possibilità di deroga, con le disposizioni di all articolo 4, comma 3, nel momento in cui si fissa il principio di stesso livello di tassazione per stesso uso.

11 Analisi e proposta L armonizzazione delle politiche energetiche nazionali può e deve essere perseguita a livello comunitario con provvedimenti ad obiettivo,lasciando alla libertà degli Stati membri la scelta delle soluzioni più compatibili con le proprie specificità finanziarie, industriali, energetiche ed ambientali. Fatta tale analisi risulta evidente che, nel settore dei trasporti,il riequilibrio dei consumi interni all UE, e quindi ai singoli Stati membri, di benzina e gasolio per auto è il principale driver dell approccio utilizzato. E l estensione di tale proposta di norma a tutti i prodotti in uso autotrazione ad essere eccessivo, perché priva gli Stati membri della libertà di orientare parte della domanda del gasolio verso soluzioni diverse dalla benzina, peraltro più ecologiche di entrambi sia sotto il profilo delle emissioni nocive (vedi il beneficio dei carburanti gassosi in termini di PM e NOxnei confronti del gasolio) che in relazione a quelle climalteranti(vedi vantaggio di GPL e metano in termini di emissioni CO2 nei confronti della benzina).

12 Analisi e proposta Tale bozza di direttiva sulle accise è incoerente rispetto al regolamento comunitario sulla riduzione delle emissioni di CO2 che impone alle aziende automobilistiche europee, nei grandi numeri (le piccole flotte di veicoli elettrici e ibridi spinti non possono incidere nel medio termine sulle emissioni complessive calcolate sull intero venduto), un consolidamento delle vendite di auto a gasolio (minori emissioni alla ruota di CO2 rispetto alle analoghe versioni a benzina) e un ulteriore ampliamento delle vendite di veicoli a carburanti alternativi, segnatamente GPL e metano. Nel vigente regime fiscale, le autovetture a GPL e metano possono raggiungere quote di immatricolazioni significative (oltre il 10%) e, nel ridurre le emissioni specifiche di CO2 rispetto agli analoghi modelli a benzina dal 12% al 20%, possono rappresentare una soluzione concreta per abbassare le emissioni medie del venduto totale annuale fino ai livelli richiesti dal regolamento comunitario. Quanto detto è ovviamente ancor più sentito dall industria automobilistica nazionale che ha puntato strategicamente sull opzione gas, ancor più dei propri competitor europei.

13 Analisi e proposta Uno swicthnetto e diretto, dal gasolio alla benzina, senza alternative, mette a rischio la competitività dell industria italiana. In queste considerazioni non va assolutamente sottovalutato che la filiera dei carburanti gassosi in Italia coinvolge oltre all industria automobilistica, anche la media e piccola industria della componentistica, il settore commerciale di questa componentistica e oltre officine artigiane di installazione di impianti di alimentazione a gas. In conclusione, la possibilità di deroga dei carburanti gassosi dai limiti minimi e dal principio di concatenamento con le aliquote degli altri carburanti è l unica possibile soluzione per salvaguardare la nostra politica energetica e la competitività dei nostri leader nazionali di settore. Il compromesso, in risposta ad un radicale e completo passaggio dal gasolio alla benzina richiesto dal sistema di raffinazione europeo, può essere per i Paesi e per i sistemi industriali a maggior tradizione sui gas per autoil mantenimento di una deroga senza tempo alla determinazione del più idoneo livello di tassazione su questi prodotti alternativi(articolo 15, comma 1, lettera i).

14 Il comparto industriale Italia 2009 Costruttori sistemi GPL 20 imprese (due con numero addetti > 1.000) addetti 500 mln di Euro di fatturato lordo (Italia) Distributori di carburante 75 imprese, addetti 2500 gestori impianti 1,3 mld Euro di fatturato lordo (Italia) Rivenditori e installatori impianti GPL microimprese addetti 200 mln Euro di fatturato lordo Totale imprese addetti 2 mld Euro di fatturato lordo

15 PARCO CIRCOLANTE, STAZIONI DI RIFORNIMENTO E CONSUMI DI GPL IN EUROPA Paesi Consumi (migliaia di tonnellate) Numero di veicoli Numero di stazioni di rifornimento Austria Azerbaijan Belarus Belgium & Luxembourg Bulgaria Croatia Czech Republic Denmark France Germany Greece Hungary Republic of Ireland Italy Kazakhstan Latvia Lithuania Macedonia(FYROM) Moldova Netherlands Norway Poland Portugal Romania Russian Federation Serbia Slovenia Spain Sweden Switzerland Turkey Ukraine United Kingdom TOTALI fonte: Statistical Review of Global LP Gas 2010 (dati2009)

16 PARCO CIRCOLANTE, STAZIONI DI RIFORNIMENTO E CONSUMI DI METANO IN EUROPA Paesi Autovetture MD+HD Buses MD+ HD Trucks Stazioni di rifornimento Consumi (M Nm3) Armenia ,55 Austria ,50 Belarus ,00 Belgium Bosnia & Herzegovina Bulgaria ,00 Croatia ,17 Czech Republic ,68 Denmark Estonia Finland ,45 France Georgia Germany ,30 Greece Hungary ,13 Iceland ,05 Ireland Italy ,20 Latvia Lichtenstein ,10 Lithuania ,33 Luxembourg ,06 Macedonia ,02 Moldova ,00 Montenegro Netherlands Norway ,74 Poland ,76 Portugal ,11 Russia ,71 Serbia ,27 Slovakia ,96 Slovenia Spain ,38 Sweden ,95 Switzerland ,69 Turkey ,40 Ukraine ,00 United Kingdom ,00 TOTALI Fonte: NGVA EUROPE

17 Accisa attuale UE Accise attuali UE litri e metano kg Accise Italia attuali litri e metano kg Fattore di incremento attuale Accia italia Costo carburanti attuale Italia Iva sui carburanti Accisa attuale Ricavo industriale Benzina (litri) 0,359 0,359 0,571 59,05% 1,559 0,260 0,571 0,728 Gasolio (litri) 0,330 0,330 0,430 30,30% 1,461 0,244 0,430 0,788 GPL (kg) 0,125 0,069 0,125 81,82% 0,776 0,129 0,125 0,522 Metano (per GJ) 2,600 0,122 0,021-82,44% 0,895 0,149 0,021 0,724 Accisa al 1/1/2013 Accisa incrementata di 1,6 Ricavo industriale Accisa + ricavo industriale Prezzo finale (IVA 20%) Benzina 0,359 0,574 0,728 1,303 1,56 Gasolio 0,359 0,574 0,788 1,362 1,63 GPL 0,069 0,110 0,522 0,632 0,76 Metano 0,122 0,196 0,724 0,920 1,10 Accisa al 1/1/2015 Accisa incrementata di 1,6 Ricavo industriale Accisa + ricavo industriale Prezzo finale (IVA 20%) Benzina 0,359 0,574 0,728 1,303 1,56 Gasolio 0,382 0,611 0,788 1,399 1,68 GPL 0,171 0,274 0,522 0,795 0,95 Metano 0,310 0,496 0,724 1,221 1,46 Accisa al 1/1/2018 Accisa incrementata di 1,6 Ricavo industriale Accisa + ricavo industriale Prezzo finale (IVA 20%) Benzina 0,359 0,574 0,728 1,303 1,56 Gasolio 0,412 0,659 0,788 1,447 1,74 GPL 0,276 0,441 0,522 0,963 1,16 Metano 0,508 0,812 0,724 1,537 1,84

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%.

UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. UNIONE EUROPEA Ad Aprile 2015 ancora segno positivo: il mercato auto cresce del 6,9%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA ad aprile 2015 registrano 1.209.551 nuove immatricolazioni di autovetture,

Dettagli

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa.

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa. UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa..totale Alimentazioni Alternative (AVFs 1 ) L Italia è il paese dell Unione europea

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%.

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture ad agosto: +11,5%. Il mercato automotive mostra importanti segnali di ripresa, sebbene il massimo storico del 2007, oltre 16 millioni di

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%.

UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. UNIONE EUROPEA A marzo il mercato auto cresce del 10,4%. A marzo 2014 si registra il 7 incremento consecutivo delle vendite di autovetture nel mercato UE28+EFTA: +10,4% con 1.489.796 unità. I cinque principali

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Leggi con attenzione il seguente brano composto da due parti, una tratta dal sito ufficiale dell Unione europea e l altra dal sito Eurostat, l

Dettagli

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera il 5,5% a settembre e riduce la perdita da inizio anno al 4%.

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera il 5,5% a settembre e riduce la perdita da inizio anno al 4%. UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera il 5,5% a settembre e riduce la perdita da inizio anno al 4%. Dopo sei trimestri consecutivi di flessione, il PIL nell'area dell'euro è cresciuto dello 0,3% in T2

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti

Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020. Massimo Gallanti Il ruolo dell efficienza energetica nel conseguimento degli obiettivi italiani al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici CERTIFICATI BIANCHI Titoli di effcienza energetica

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 28 gennaio 2009 Attuazione disposizioni di cui al comma 9, dell'art. 38, della legge n. 289/2002, concernente la determinazione del livello di reddito equivalente per ciascun Paese straniero, al reddito

Dettagli

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo Ingresso nella fase europea Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo 10 November 2015 Outline Ingresso nella fase europea Risposta obbligatoria

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

Newsletter novità europee 4/2012

Newsletter novità europee 4/2012 (Documento1 / 10/07/12) Newsletter novità europee 4/2012 Indice Eurobarometro 2 Monitoraggio dell impatto sociale della crisi 2 Finanziamenti 2 Banca del Consiglio d'europa per abitazioni per persone a

Dettagli

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4%

UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% UNIONE EUROPEA 13 milioni di nuove immatricolazioni di automobili nel 2014, il mercato cresce del 5,4% Nel complesso dei Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a dicembre 2014 le immatricolazioni

Dettagli

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%.

UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%. UNIONE EUROPEA Il mercato auto recupera appena lo 0,9% a novembre 2013 e riduce la perdita da inizio anno al 2,8%. Dopo sei trimestri consecutivi di flessione, il PIL nell'area dell'euro è cresciuto dello

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

I VEICOLI ALIMENTATI A GPL

I VEICOLI ALIMENTATI A GPL adi_gpl_int:_ 14-07-2008 15:21 Pagina 1 La Guida del Consumatore I VEICOLI ALIMENTATI A GPL UNA SOLUZIONE ECONOMICA E RISPETTOSA DELL AMBIENTE Testi a cura di: Pieraldo Isolani TEST noi consumatori - anno

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

I VEICOLI ALIMENTATI A GPL

I VEICOLI ALIMENTATI A GPL adi_gpl_int:_ 14-07-2008 15:21 Pagina 1 La Guida del Consumatore I VEICOLI ALIMENTATI A GPL UNA SOLUZIONE ECONOMICA E RISPETTOSA DELL AMBIENTE Testi a cura di: Pieraldo Isolani TEST noi consumatori - anno

Dettagli

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%.

UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%. UNIONE EUROPEA Crescita a due cifre del mercato delle autovetture a giugno: +14,8%. Il mercato automotive mostra importanti segnali di ripresa, sebbene il massimo storico del 2007, oltre 16 millioni di

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999;

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999; SPAGNA: guida operativa di assistenza fiscale su strumenti finanziari obbligazionari corporate e semi-government (sub depositati presso il depositario del corrispondente estero) di diritto spagnolo non

Dettagli

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY I carburanti alternativi nella Direttiva UE "combustibili alternativi", combustibili

Dettagli

UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2%

UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2% UNIONE EUROPEA 14 incremento consecutivo del mercato auto a ottobre: +6,2% Secondo i dati diffusi da ACEA, nel complesso dei Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a ottobre 2014 le immatricolazioni

Dettagli

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda

Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda Conoscere il mercato dell efficienza energetica: IL PROGETTO «IMPRESA ENERGIA» E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE Alessandro Viola - Assolombarda QUALE MERCATO PER I PRODOTTI E SERVIZI PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale

GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale Torino, 25 marzo 2011 Environment Park "La mobilità in Italia dal 1861 ad oggi" Alessandro Tramontano Presidente Consorzio Ecogas GPL e Metano auto, strumenti di politica energetica e ambientale Il contributo

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Energia Elettrica per fonte 2011 Nord America Altre Rinnovabili 3% Idroelettrico 16% Nucleare 17%

Dettagli

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING INDICE LeasePlan Corporation in sintesi la storia i numeri nel mondo Il Gruppo LeasePlan in Italia le società la storia Mercato del Noleggio

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

VERSO L IMPRESA 2.0 (?)

VERSO L IMPRESA 2.0 (?) VERSO L IMPRESA 2.0 (?) Strategie, strumenti e opportunità per affrontare il nuovo contesto competitivo Bologna 27 Maggio 2009 Roberto Triola Responsabile Ufficio Studi Confindustria Servizi Innovativi

Dettagli

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl

LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE. Studio Karaghiosoff e Frizzi srl LA TUTELA DELL INNOVAZIONE TECNICA PROCEDURE DI BREVETTAZIONE Cos è un brevetto: È un testo legale che descrive un invenzione e che deve essere depositato e protocollato da un ufficio nazionale, per l

Dettagli

Divisione Prodotti. Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE

Divisione Prodotti. Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE ERASMUS+ MOBILITA PER FORMAZIONE Bando per la mobilità del personale tecnico

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri

Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri Divisione Prodotti Settore Didattica e Servizi agli Studenti Erasmus e Studenti Stranieri UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE ERASMUS + MOBILITA PER TRAINEESHIP Bando per la mobilità degli studenti universitari

Dettagli

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP

22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià. Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP 22 ottobre 2013 UNA GOLF HOTEL Cavaglià Ing. Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP Microsoft: l evoluzione dell ERP 22 Ottobre 2013 - UNA Golf Hotel Cavaglià (BI) In qualsiasi tipo di azienda,

Dettagli

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Welfare: sfide e opportunità Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Lo scenario della previdenza complementare in Italia La spesa e i numeri del

Dettagli

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION)

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) GIUGNO 2011 PREMESSA La proposta di Direttiva si pone il fine di introdurre sul piano della normativa fiscale nuove misure che rispondono

Dettagli

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN

I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA (GNP) Milano - Borsa Italiana - Venerdì 16 Maggio 2014 Ore 14.00 I GIOVANI ITALIANI IN EUROPA E NEL MONDO: DATI E COSTI DEL BRAIN DRAIN Traccia dell intervento di Valentina

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP. Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati

PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP. Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati PROGRAMMA ERASMUS+ KA1 - BORSE DI MOBILITÀ PER TRAINEESHIP Bando per l assegnazione di borse di mobilità per studenti e neolaureati a.a. 2015/16 Pubblicato con Decreto del Rettore n. 117/2015 dd. 05.10.2015

Dettagli

WEB. e Social Network 2014

WEB. e Social Network 2014 WEB e Social Network 2014 Website www.admnetwork.it Uno sguardo a 360, unico per qualità e contenuti selezionati, diventato un punto di riferimento per tutti coloro che operano nel settore dell architettura,

Dettagli

POLICY COMMERCIALE DI SVILUPPO NETWORK DELL AEROPORTO DI CAGLIARI

POLICY COMMERCIALE DI SVILUPPO NETWORK DELL AEROPORTO DI CAGLIARI POLICY COMMERCIALE DI SVILUPPO NETWORK DELL AEROPORTO DI CAGLIARI Programma di incentivazione per lo sviluppo del traffico dell Aeroporto di Cagliari mediante l avviamento e lo sviluppo di collegamenti

Dettagli

Focus su filiera AUTO in Lombardia

Focus su filiera AUTO in Lombardia Focus su filiera AUTO in Lombardia IMPRESE, IMMATRICOLAZIONI, PARCO MACCHINE CIRCOLANTE e BILANCIA COMMERCIALE settembre 2013 a cura dell Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 1 Focus su filiera auto

Dettagli

Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia

Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia Efficienza Energetica: il contesto e l offerta di Enel Energia Convegno AEIT Bologna, 19 Giugno 2013 Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata 97.800 MW Produzione

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana. Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia

Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana. Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia www.ngvsystem.com Metano e Trasporti, per il governo della mobilità 16 Marzo

Dettagli

Gruppo di lavoro 6. Sviluppo della Mobilità Sostenibile

Gruppo di lavoro 6. Sviluppo della Mobilità Sostenibile Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro 6 Sviluppo della Mobilità Sostenibile Nella definizione di Green economy andrebbe inserito anche il concetto di basse emissioni nocive

Dettagli

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili Silvia Bertagna Paola

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 Gli studi dottorali 2 I dottorandi: studenti o ricercatori? Consenso: Ricerche originali devono essere la componente

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA

Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Mobilità del personale e analisi dei fabbisogni nella PA Workshop AIDP.PA Confronto su D.L. n. 101/2013 convertito con modificazioni dalla legge n. 125/2013 Bologna, 15 novembre 2013 Pierluigi Mastrogiuseppe

Dettagli

BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016

BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016 Prot.9707/a47 del 10.09.2015 Bologna, 10 settembre 2015 BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016 SCADENZA: 7 ottobre 2015 - Visto il Regolamento didattico che regola le

Dettagli

AIVE Business Solutions. www.aive.com

AIVE Business Solutions. www.aive.com AIVE Business Solutions www.aive.com AIVE GROUP: Missione e Valori Missione Realizzare software e progetti che migliorano i processi operativi dei nostri clienti e incrementano la loro capacità competitiva

Dettagli

Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016

Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016 Bando di selezione ERASMUS +/ERASMUS AI FINI DI STUDIO a.a. 2015/2016 ARTICOLO 1 E indetta, per l anno accademico 2015/2016, una selezione per titoli e colloquio al fine dell assegnazione di borse di mobilità

Dettagli

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009 OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON L EUROPA Piemonte in focus Indice GIUGNO 2009 La situazione della

Dettagli

GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato

GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato «Siamo come nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane,

Dettagli

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Il presente e il futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali ASSOLOMBARDA Milano 7-8 Febbraio 2011

Dettagli

Frese per filettare in metallo duro integrale

Frese per filettare in metallo duro integrale Frese per filettare in metallo duro integrale introduzione Il prograa Dormer di frese integrali comprende una vasta gaa di utensili ad elevato rendimento caratterizzati da elevata vita utensile ed economicità

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012 Roma, 12 Gennaio 2012 Il quadro mondiale Nel XX Secolo il mondo ha aumentato di 20 volte il consumo di combustibili fossili, e di 34 volte le attività estrattive. Con questo modello ed ai livelli di oggi,

Dettagli

BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16

BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16 BANDO ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO ANNO ACCADEMICO 2015/16 Informazioni Generali Il Servizio Relazioni Internazionali, Erasmus e mobilità informa STUDENTI e DOTTORANDI iscritti all Università per Stranieri

Dettagli

I numeri del commercio internazionale

I numeri del commercio internazionale Università di Teramo Aprile, 2008 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it I numeri del commercio internazionale Big traders Netherlands 4% United Kingdom 4% France 5% China 6% Italy 4% Japan 7% Korea,

Dettagli

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange Piattaforma Italiana Power House Europe Incontro Seminariale GdL2 - Questioni tecniche Roma, 10 Novembre 2010 - Palazzo della Cooperazione Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing

Dettagli

Sistema Nazionale per i Trapianti

Sistema Nazionale per i Trapianti Sistema Nazionale per i Trapianti Dott. Alessandro Nanni Costa CONFERENZA STAMPA 4 maggio 2005 Sala Mastai Palazzo dell Informazione Roma Donatori Effettivi P.M.P. Nazione P.M.P * Spagna 34,6 * Italia

Dettagli

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS)

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Milano, 01-06-06 Per approfondimenti: Sara Faglia, faglia@avanzi.org Tel. 02-36518110 Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518113 Cell

Dettagli

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales L esperienza di UniCredit nei Balcani Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales Bari, 22 Febbraio 2012 AGENDA Le economie dei Balcani Le opportunità Il supporto di UniCredit 2 La presenza delle

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design

La gestione strategica degli asset immateriali: brevetti, marchi, design Ufficio di Roma: Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 Tel 06 47825222 0647824170 Email: roma@bugnion.it www.bugnion.it Ing. Paolo Bellomia E-mail: bellomia@bugnion.it Avv. Angela Di Blasio E-mail: diblasio@bugnion.it

Dettagli

3. LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE

3. LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE 3. LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE 3.1 GLI STUDENTI Il numero di iscritti in rapporto alla popolazione di riferimento Il tasso di iscrizione ai percorsi di istruzione secondaria, calcolato come rapporto

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

GPL auto. una soluzione ecosostenibile per la riduzione dei GHG

GPL auto. una soluzione ecosostenibile per la riduzione dei GHG GPL auto una soluzione ecosostenibile per la riduzione dei GHG La rete in Italia L Italia rappresenta uno dei più importanti mercati europei grazie ad una grande disponibilità di prodotto sul territorio.

Dettagli

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision Chi siamo Kreston GV Italy Audit Srl è il membro italiano di Kreston International, network internazionale di servizi di revisione, di corporate

Dettagli

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Ms. Idaira Robayna Alfonso 4 Febbraio 2013- Milano, Italia Nuova direttiva sui ritardi di pagamento Direttiva

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE DETERMINANTI DELLA DINAMICA DEL

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE DETERMINANTI DELLA DINAMICA DEL Autorità per l energia elettrica e il gas PAS 15/11 INDAGINE CONOSCITIVA SULLE DETERMINANTI DELLA DINAMICA DEL SISTEMA DEI PREZZI E DELLE TARIFFE, SULLʹATTIVITÀ DEI PUBBLICI POTERI E SULLE RICADUTE SUI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri Lo afferma il Presidente dell UNRAE, Salvatore Pistola IL PROGRESSO DEL MERCATO DELL AUTO PRINCIPALE

Dettagli

CITTÀ EUROPEE E MOBILITÀ URBANA: IMPATTO DELLE SCELTE MODALI

CITTÀ EUROPEE E MOBILITÀ URBANA: IMPATTO DELLE SCELTE MODALI CITTÀ EUROPEE E MOBILITÀ URBANA: IMPATTO DELLE SCELTE MODALI Eleonora Pieralice Luca Trepiedi Firenze 8 10 ottobre 2014 Mobilità urbana e scelte modali 1 spostamento urbano su 4 si compie a piedi circa

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

Dove i produttori di vino e gli importatori si incontrano

Dove i produttori di vino e gli importatori si incontrano Wine Pleasures Workshops Dove i produttori di vino e gli importatori si incontrano Opportunità di marketing e sponsorizzazione Buyer Meets Italian Cellar Buyer Meets Iberian Cellar 2 26-28 ottobre 2015

Dettagli

Fornitura di Energia Integrata a Servizi di Efficienza Energetica per le PMI

Fornitura di Energia Integrata a Servizi di Efficienza Energetica per le PMI Fornitura di Energia Integrata a Servizi di Efficienza Energetica per le PMI ComoNEXT, 27 Marzo 2014 Electra Italia S.p.A. Agenda 1. Electra Italia e il Gruppo BKW 2. L esigenza del Cliente 3. Il modello

Dettagli

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Assolombarda, 7 febbraio 2011 Honorati Ranieri Fiat Group Automobiles Marketing Fleet 20 Novembre, 2010 L approccio

Dettagli

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 Premessa - Nel corso

Dettagli

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Prof. Carlo ODOARDI Firenze, 16 aprile 2010 VALUTARE PER VALORIZZARE GLI INDIVIDUI E PROMUOVERE

Dettagli

Audizione Disegno di Legge

Audizione Disegno di Legge 2015 Senato della Repubblica 10 a Commissione Industria, commercio, turismo Audizione Disegno di Legge Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AS 2085) Vice Presidente Assopetroli-Assoenergia Giovanni

Dettagli

Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument)

Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument) Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument) 1 FEI - Panoramica Fondo Europeo Investimenti (FEI) parte del Gruppo BEI con ruolo di: Leader in Europa nello sviluppo del finanziamento all'imprenditorialità e l

Dettagli

Organizzazione sanitaria e

Organizzazione sanitaria e Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Economia Organizzazione sanitaria e Sistemi sanitari comparati Prof. Gualtiero Ricciardi Direttore, Istituto di Igiene Professore Ordinario di Igiene presso

Dettagli

Rapporto 2013 sulla professione di Architetto

Rapporto 2013 sulla professione di Architetto Rapporto 2013 sulla professione di Architetto CSAPPC-CRESME Terza indagine congiunturale sullo stato della professione in Italia Aprile 2013 DIREZIONE E COORDINAMENTO Paolo Pisciotta, CSAPPC Simone Cola,

Dettagli

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01.

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. Titolo Apparecchi elettromedicali - Verifiche periodiche e prove

Dettagli

il perno intermodale nell Italia Centrale

il perno intermodale nell Italia Centrale il perno intermodale nell Italia Centrale Un frigorifero non è un frigorifero, se si trova a Detroit, mentre è richiesto a Huston (J.L. Heskett) Nel mondo globale. EUROP E la complessità Subsidiaries legatain

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

MERCURI INTERNATIONAL

MERCURI INTERNATIONAL MERCURI INTERNATIONAL 1 Mercuri International Mercuri International parla solo ed esclusivamente di vendite Mercuri International è una società specializzata nella consulenza e nel training in area vendite.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

I vantaggi dell adozione di carburanti a basso impatto ambientale su scala comunale: l esperienza di una grande iniziativa ambientale

I vantaggi dell adozione di carburanti a basso impatto ambientale su scala comunale: l esperienza di una grande iniziativa ambientale I vantaggi dell adozione di carburanti a basso impatto ambientale su scala comunale: l esperienza di una grande iniziativa ambientale Dott. Emanuele Moruzzi Indice 1. Inquadramento ICBI 1.1 Inquadramento

Dettagli