I dati dell energia. marzo Statistiche economiche, energetiche ed ambientali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I dati dell energia. marzo 2014. Statistiche economiche, energetiche ed ambientali"

Transcript

1 I dati dell energia marzo 2014 Statistiche economiche, energetiche ed ambientali

2

3

4 Confindustria Energia I dati dell energia Statistiche economiche, energetiche ed ambientali Roma, marzo 2014

5 Edito da Confindustria Energia P.le Luigi Sturzo, Roma Tel Fax Fotocomposizione e stampa «Arti Grafiche S. Marcello» Viale Regina Margherita, 176 Roma - Tel Finito di stampare: marzo 2014

6 Federazione delle Associazioni del comparto Energia di Confindustria, costituita il 3 Aprile 2006 ha lo scopo di concorrere a definire la politica industriale dell intero settore energetico in stretto raccordo con le Istituzioni europee e con quelle nazionali e di tutelare gli interessi comuni delle Associazioni delle imprese produttrici e distributrici di energia In questo volume sono raccolti gli indicatori statistici di più frequente utilizzo per chi abbia esigenze di documentazione e di analisi sulla evoluzione del sistema energetico italiano. Oltre ai dati relativi alle diverse fonti di energia, sono illustrate le serie storiche relative agli indicatori ambientali ed economici più rilevanti, anche a livello europeo e mondiale. Le Tavole qui contenute, nonché altre con diverso dettaglio temporale, sono scaricabili in formato Excel nel Centro di Documentazione sull Energia accessibile dal sito di Confindustria Energia:

7 Indice Sezione ITALIA ECONOMIA 1 Popolazione e forze di lavoro 2 Occupati per settori di attività 3 Risorse (PIL) e impieghi in euro correnti 4 Risorse (PIL) e impieghi in euro concatenati anno Consumi delle famiglie in euro correnti 6 Industria: produzione e valore aggiunto 7 Lavoro e retribuzioni 8 Finanza pubblica: fabbisogno del settore statale e debito pubblico 9 Prezzi alla produzione dei prodotti industriali 10 Prezzi al consumo 11 Incidenza dei prodotti energetici sugli indici dei prezzi 12 Bilancia dei pagamenti 13 Cambio della lira con le principali monete 14 Parità fisse dell euro 15 Cambio del $ con le monete europee 16 Cambio del $ con le principali monete 17 Cambio dell euro con le principali monete 18 Cambio euro - $ (media mensile) 19 Scambi con l estero 20 Scambi con l estero: importazioni di energia 21 Scambi con l estero: esportazioni di energia 22 Scambi con l estero: bilancia energetica 23 Scambi con l estero: bilancia petrolifera ENERGIA e AMBIENTE ENERGIA 24 Bilancio energetico nazionale 25 Consumi di energia per fonti primarie (vecchio schema) 26 Consumi di energia per fonti primarie (incidenza percentuale) (vecchio schema) 27 Consumi di energia per fonti primarie (nuovo schema) 28 Consumi di energia per settori di utilizzo 29 Produzione nazionale di energia per fonte 30 Attività mineraria e produzione di idrocarburi 31 Produzione di idrocarburi per Regione 32 Importazioni nazionali di energia 33 Esportazioni nazionali di energia AMBIENTE 34 Emissioni di CO 2 35 Emissioni di gas serra per tipologia di inquinante 36 Emissioni di gas serra per settore produttivo 37 Permessi di emissione assegnati e verificati nell ambito dell Emission Trading System

8 CARBONE 38 Bilancio dei combustibili solidi 39 Importazioni di carbone da vapore 40 Consumo di combustibili solidi GAS NATURALE 41 Bilancio del gas naturale 42 Bilancio del gas naturale - Mtep 43 Importazioni di gas naturale 44 Importazioni di gas naturale per punto di ingresso 45 Consumi per settori di utilizzo 46 Consumi per Regione 47 Consumi per Regione nel settore industriale 48 Consumi per Regione nel settore termoelettrico ENERGIA ELETTRICA 49 Bilancio dell energia elettrica 50 Scambi fisici tra l Italia e i Paesi confinanti 51 Sintesi domanda e produzione 52 Sintesi produzione lorda e richiesta 53 Produzione lorda e netta 54 Sintesi produzione di energia termoelettrica e consumi di olio combustibile 55 Produzione lorda di energia termoelettrica 56 Consumi di combustibili per la produzione termoelettrica (unità metriche) 57 Consumi per usi finali 58 Caratteristiche degli impianti elettrici di generazione 59 Potenza efficiente degli impianti elettrici di generazione 60 Potenza efficiente lorda degli impianti elettrici per Regione 61 Produzione lorda per Regione 62 Consumi per Regione FONTI RINNOVABILI 63 Sintesi produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili 64 Dettaglio produzione lorda di energia elettrica 65 Produzione lorda di energia idroelettrica 66 Potenza efficiente lorda degli impianti elettrici PETROLIO 67 Bilancio dell attività petrolifera 68 Giacenze petrolifere presso il sistema primario 69 Produzione di greggio

9 70 Scambi con l estero: bilancia petrolifera 71 Costo del greggio importato (conto proprio) 72 Importazioni di petrolio greggio 73 Importazioni di petrolio greggio per aree di provenienza 74 Importazioni di petrolio greggio (incidenza percentuale delle provenienze) 75 Importazioni di semilavorati per aree di provenienza 76 Importazioni di semilavorati per Paesi di provenienza 77 Importazioni di prodotti finiti per categoria 78 Importazioni di prodotti finiti per aree di provenienza 79 Importazioni di prodotti finiti per Paesi di provenienza 80 Importazioni di benzine, gasoli e olio combustibile per Paesi di provenienza 81 Esportazioni (singoli prodotti e totale semilavorati) 82 Esportazioni globali (conto proprio e conto committente estero) e di semilavorati (per categoria) 83 Esportazioni globali per aree di destinazione 84 Esportazioni globali per Paesi di destinazione 85 Esportazioni di benzine, gasoli e olio combustibile per Paesi di destinazione 86 Evoluzione della capacità di raffinazione 87 Capacità delle raffinerie per dimensione 88 Capacità dei principali impianti delle raffinerie 89 Distribuzione geografica della capacità di raffinazione 90 Utilizzo della capacità di raffinazione 91 Lavorazione delle raffinerie 92 Produzione delle raffinerie (volumi) 93 Produzione delle raffinerie (rese percentuali) 94 Lavorazioni di greggio delle singole raffinerie 95 Lavorazioni di semilavorati delle singole raffinerie 96 Trasferimenti al sistema di distribuzione e consumi di prodotti petroliferi 97 Vendite al mercato interno di benzina auto su rete per Regione 98 Vendite al mercato interno di gasolio auto su rete per Regione 99 Vendite e rete di distribuzione della benzina senza piombo 100 Bunkeraggi marittimi 101 Parco autovetture circolanti 102 Distribuzione regionale del parco autovetture circolanti 103 Traffico autostradale di veicoli e vendite di carburanti 104 Movimento internazionale di turisti attraverso i transiti di frontiera 105 End uses benzina autotrazione (stime) 106 End uses gasolio autotrazione (stime) 107 End uses lubrificanti STOCCAGGI - INFRASTRUTTURE - RETI 108 Capacità di stoccaggio del gas naturale disponibile 109 Concessioni di stoccaggio di gas naturale 110 Depositi di oli minerali e Gpl per usi industriali e commerciali 111 Infrastrutture di distribuzione del gas naturale - Estensione rete 112 Estensione rete gas in alta pressione 113 Estensione rete gas in media pressione 114 Estensione rete gas in bassa pressione 115 Gasdotti in progetto 116 Attività di distribuzione del gas naturale - Volumi distribuiti per Regione su reti secondarie

10 117 Attività di distribuzione del gas naturale - Comuni serviti per Regione 118 Attività di distribuzione del gas naturale - Clienti serviti per Regione 119 Asset della Rete Nazionale di Trasporto 120 Lunghezza delle reti di distribuzione dell energia elettrica 121 Lunghezza delle reti di distribuzione dell energia elettrica in Alta (AT) e Altissima tensione (AAT) 122 Progetti di interconnessione elettrica internazionale 123 Consistenza del naviglio per il trasporto di greggio e prodotti 124 Oleodotti in esercizio STRUTTURA DEL MERCATO 125 Vendite dei principali grossisti di gas naturale 126 Attività dei distributori di gas naturale 127 Principali gruppi operanti nella distribuzione di gas naturale 128 Contributo dei maggiori gruppi alla produzione nazionale lorda di energia elettrica 129 Disponibilità di capacità lorda di generazione elettrica per i maggiori gruppi 130 Potenza elettrica disponibile dei maggiori gruppi 131 Attività dei distributori di energia elettrica per classi di numerosità dei punti di prelievo 132 Distribuzione di energia elettrica per società di distribuzione 133 Vendite finali di energia elettrica per mercato e per tipologia di cliente 134 Principali gruppi per vendite al mercato finale 135 Principali venditori sul mercato libero 136 Principali esercenti il servizio di maggior tutela 137 Partecipazione al mercato petrolifero per categorie di operatori 138 Rete punti di vendita carburanti ed erogato 139 Rete punti di vendita carburanti per Regione FISCALITÀ E PREZZI FISCALITÀ 140 Pressione fiscale (rapporti percentuali sul PIL) 141 Pressione fiscale (milioni di euro correnti) 142 Il gettito delle imposte ambientali-energia-trasporti 143 Gettito degli oneri generali di sistema per componente 144 Imposte sull energia elettrica 145 Aliquote I.V.A. sui combustibili non petroliferi 146 La stima del gettito fiscale sugli oli minerali 147 Oneri fiscali gravanti sui principali prodotti petroliferi 148 Evoluzione delle accise sui principali carburanti PREZZI 149 Prezzi medi di vendita del gas naturale (al netto imposte) 150 Prezzo del gas naturale per consumatore domestico tipo 151 Prezzi medi finali dell energia elettrica 152 Prezzi dei clienti domestici nel mercato libero 153 Prezzi dei clienti non domestici nel mercato libero 154 Prezzo dell energia elettrica per il consumatore domestico tipo nel mercato di maggior tutela 155 Prezzo dell energia elettrica per classi di consumo del settore domestico (UE 27) 156 Prezzo dell energia elettrica per classi di consumo del settore industriale (UE 27)

11 157 Andamento del Prezzo Unico Nazionale (PUN) e volumi scambiati sul Mercato del Giorno Prima (MGP) 158 Confronto del Prezzo Unico Nazionale (PUN) con il prezzo dell energia elettrica delle principali Borse Europee 159 Quotazioni dei principali greggi 160 Prezzo medio internazionale del greggio 161 Quotazioni CIF mediterraneo dei principali prodotti 162 Quotazioni di benzina, gasolio e biodiesel 163 Prezzo della benzina super con piombo 164 Prezzo della benzina super senza piombo 165 Media ponderata del prezzo delle benzine 166 Prezzo del gasolio autotrazione 167 Prezzi di benzina super senza piombo e gasolio auto (Italia/UE) 168 Prezzi di benzina e gasolio auto nei vari Paesi (Italia/UE) 169 Prezzo del Gpl autotrazione 170 Prezzo del metano autotrazione 171 Prezzo del gasolio riscaldamento 172 Prezzo dell olio combustibile denso atz 173 Prezzo dell olio combustibile denso btz Sezione EUROPA ENERGIA 174 Consumi area UE (27 Paesi) per fonti primarie 175 Consumi area UE (27 Paesi) per fonti primarie (incidenze percentuali) 176 Consumi energetici finali per settori di utilizzo (UE 27) 177 Consumi energetici finali per Stato membro CARBONE 178 Produzione primaria di combustibili solidi GAS NATURALE 179 Importazioni di gas naturale negli Stati membri 180 Esportazioni di gas naturale negli Stati membri 181 Consumi finali di gas naturale per settori di utilizzo (UE 27) 182 Consumo interno lordo di gas naturale ENERGIA ELETTRICA 183 Produzione lorda di energia elettrica per fonte (UE 27) FONTI RINNOVABILI 184 Produzione di energia per fonte rinnovabile (UE 27) 185 Elettricità da fonti rinnovabili (UE 27) 186 Potenza netta installata (UE 27) 187 Potenza installata di eolico per Paese 188 Capacità produttiva e produzione effettiva di biodiesel PETROLIO 189 Importazioni di greggio 190 Importazioni di prodotti petroliferi 191 Vendite di benzina auto 192 Vendite di gasolio auto 193 Rete punti di vendita carburanti nei maggiori Paesi UE

12 Sezione MONDO ECONOMIA 194 Popolazione, superficie e densità 195 PIL a prezzo corrente delle principali aree ENERGIA 196 Consumi mondiali per fonti primarie 197 Consumi mondiali per aree geografiche 198 Consumi area OCSE per fonti primarie CARBONE 199 Riserve mondiali 200 Commercio marittimo mondiale 201 Produzione mondiale 202 Consumi mondiali per aree geografiche GAS NATURALE 203 Riserve mondiali accertate 204 Consumi mondiali per aree geografiche 205 Importazioni ed esportazioni per aree geografiche (2012) NUCLEARE 206 Riserve mondiali disponibili e produzione di Uranio 207 Produzione elettrica mondiale per Paese 208 Centrali nucleari nel mondo (1 settembre 2013) FONTI RINNOVABILI 209 Potenza installata di eolico 210 Produzione di bioetanolo per aree geografiche PETROLIO 211 Riserve accertate per aree geografiche 212 Caratteristiche merceologiche dei principali greggi 213 Produzione di greggio per aree politiche (tonnellate) 214 Produzione di greggio per aree politiche (barili/giorno) 215 Produzione di greggio per aree geografiche 216 Paesi aderenti a OAPEC, OPEC, GCC 217 Esportazioni ed entrate petrolifere dei Paesi OPEC 218 Flotta cisterniera mondiale 219 Commercio marittimo di greggio e prodotti 220 Consumi per aree geografiche 221 Consumi di benzine per aree geografiche 222 Consumi di petroli/gasoli per aree geografiche 223 Consumi di oli combustibili per aree geografiche 224 Capacità di raffinazione per aree geografiche I principali fattori di conversione di peso, volume e lunghezza I principali fattori di conversione e convenzioni in uso nel settore energetico e petrolifero Il potere calorifico inferiore convenzionale del greggio e dei principali prodotti petroliferi

13 Avvertenze alle tavole Area Euro A partire da gennaio 2011 è costituita dai seguenti Paesi: Austria (AT), Belgio (BE), Cipro (CY), Estonia (EE), Finlandia (FI), Francia (FR), Germania (DE), Grecia (EL), Irlanda (IE), Lussemburgo (LU), Malta (MT), Paesi Bassi (NL), Portogallo (PT), Slovenia (SI), Slovacchia (SK), Spagna (ES). Dal 1 gennaio 2014 anche la Lettonia fa parte dell Area Euro. Area non euro È costituita da tutti i Paesi che non adottano l euro: 1) sia da quelli che fanno parte dell Unione europea ma che ancora non aderiscono all euro: Bulgaria (BG), Croazia (HR), Danimarca (DK), Lituania (LT), Polonia (PL), Regno Unito (UK), Repubblica ceca (CZ), Romania (RO), Svezia (SE), Ungheria (HU); 2) sia da tutti i Paesi del Resto del mondo. In particolare, Andorra, Città del Vaticano, Principato di Monaco e San Marino usano l euro come moneta ufficiale ma non sono ufficialmente membri dell Unione Europea: pertanto, fanno parte della zona non-euro. Arrotondamenti In alcune tavole potrebbe non verificarsi la perfetta quadratura verticale ed orizzontale, a causa degli arrotondamenti operati dall elaboratore sui decimali. Autoproduttori A seguito della riforma del settore elettrico disposta dal Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 ( Decreto Bersani ), gli operatori elettrici hanno subito delle modifiche nel numero e nella tipologia. Inoltre dall anno 2000 è stata adottata una nuova definizione di Autoproduttore industriale: in base al D. L. citato (art. 2, co. 2 Autoproduttore è la persona fisica o giuridica che produce energia elettrica e la utilizza in misura non inferiore al 70% annuo per uso proprio ovvero per uso delle società controllate, della società controllante e delle società controllate dalla medesima controllante, nonché per uso dei soci delle società cooperative di produzione e distribuzione dell energia elettrica di cui all art. 4, n. 8, della Legge 6 dicembre 1962, n. 1643, degli appartenenti ai consorzi o società consortili costituiti per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili e per gli usi di fornitura autorizzati nei siti industriali anteriormente alla data di entrata in vigore del presente decreto. Facendo quindi riferimento ad un insieme diverso di soggetti, il confronto con gli anni precedenti non è metodologicamente corretto, perché non omogeneo: il GRTN indica 618 autoproduttori secondo la vecchia classificazione e 460 secondo quella attuale per l anno 1999 (vedi: Dati Statistici sull energia elettrica in Italia 1999). Inoltre dall anno 2000 gli impianti degli autoproduttori non sono più classificati secondo l attività economica svolta dallo stabilimento in cui tali impianti sono collocati, dato che molti grandi autoproduttori hanno costituito con tali impianti società ad hoc di produzione di energia elettrica/calore, perdendo il collegamento con il codice merceologico dell attività industriale originaria. Benzina super con piombo La commercializzazione della benzina super con piombo è stata sospesa dal 1 ottobre 2001 in attuazione della Direttiva comunitaria 98/70/CE, che ne ha previsto l eliminazione dal mercato italiano dal 1 gennaio Nel presente volume se ne continuano a pubblicare i dati su vendite, prezzi e rete punti vendita, a supporto delle analisi e per memoria storica. Bilancio Energetico Nazionale B.E.N. Nuovo schema 1997: Nella versione del B.E.N., introdotta dal 1998 per i dati del 1997, sono stati adottati importanti cambiamenti rispetto agli anni precedenti, allo scopo di evidenziare un differente dettaglio nelle fonti energetiche utilizzate. Alcune fonti obsolete, quali i Combustibili nucleari, sono state eliminate dal bilancio, mentre sono state introdotte le Fonti rinnovabili, inserendo in modo sistematicamente più coerente in tale dizione quelle fonti che, pur essendo in qualche misura già presenti nel B.E.N., erano accorpate in altre voci. Le modifiche più rilevanti hanno riguardato: l eliminazione della colonna Combustibili nucleari ; l inserimento della colonna Rinnovabili ; la distinzione della colonna dei Combustibili vegetali fra Rifiuti e Biomasse ; l inserimento della colonna Eolico + Fotovoltaico. Un altra modifica rilevante ai fini della determinazione del Consumo interno lordo è la valutazione della fonte idroelettrica al netto dei pompaggi, che causa una differenza fra i milioni di tep dei Consumi totali di energia del nuovo schema rispetto a quelli del precedente metodo. Nella nuova versione viene infatti contabilizzato solo il quantitativo di energia effettivamente ottenuto dalla produzione idroelettrica, considerando comunque nel totale le perdite di trasformazione dei pompaggi. Il risultato finale è che dal consumo totale di energia non è sottratto il 100% dell apporto da pompaggio, ma solo il 70% circa. Integrazioni dal 1998: Da tale anno è stata effettuata un altra variazione metodologica in relazione alle fonti statistiche sul petrolio. Le importazioni di Coke di petrolio di fonte Ministero dello Sviluppo Economico sono state integrate con quelle rilevate dal servizio Commercio Estero dell Istat. Per tale ragione i dati sul petrolio nella nuova serie storica differiscono da quelli pubblicati in precedenza nei B.E.N., che li sottostimavano. Conti Economici Nazionali Le stime dei conti nazionali subiscono un processo continuo volto al loro miglioramento, per renderle più adeguate alla corretta rappresentazione della realtà economica e sociale in evoluzione. I dati sono sottoposti a revisioni annuali e a revisioni straordinarie, di solito ogni 5 anni. Queste ultime si fondano inizialmente sulla stima dei vari aggregati e dei conti per un anno di benchmark (attualmente il 2005), per il quale vengono utilizzate tutte le nuove fonti disponibili e rispetto al quale sono riconsiderate tutte le metodologie di stima: i cambiamenti che ne derivano vengono poi implementati all indietro su tutta la serie storica dei Conti Nazionali. Dall anno 2005 le valutazioni reali degli aggregati economici non sono più ottenute attraverso un sistema a base fissa, riferito all anno base In occasione del cambiamento dell anno base ( ribasamento ), in ottemperanza alle regole comunitarie, l Istat ha diffuso le nuove stime ottenute con il metodo del concatenamento, effettuando pertanto una revisione generale della contabilità nazionale. (Vedi anche Indici a catena ).

14 Le spese sostenute dalle famiglie per finalità di consumo (tavola 5) sono ripartite in base alla classificazione COICOP (Classification of Individual Consumption by Purpose), la cui struttura gerarchica prevede tre livelli di disaggregazione: divisioni, gruppi e classi di prodotto. Per il Trasporto viene diffuso anche il dettaglio del dato di spesa Carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto personali (codice della classificazione funzionale dei consumi COICOP), mentre relativamente alle abitazioni il dato è aggregato nella voce Energia elettrica, gas e altri combustibili (codice 04.5 della classificazione funzionale dei consumi COICOP). Contributi sociali Si distinguono in contributi sociali effettivi e figurativi. I contributi sociali effettivi corrispondono ai versamenti effettuati dai datori di lavoro a favore dei propri dipendenti, nonché dai lavoratori dipendenti e dai lavoratori autonomi agli enti di previdenza e di assistenza sociale destinati a garantire future prestazioni sociali ai lavoratori. I contributi sociali figurativi rappresentano la contropartita delle prestazioni sociali erogate direttamente dai datori di lavoro ai propri dipendenti o ex-dipendenti o aventi diritto. Dati provvisori Non essendo sempre possibile reperire dati consuntivi al momento della pubblicazione del volume, i dati relativi ai periodi più recenti possono essere provvisori o stimati e suscettibili di rettifiche nelle successive edizioni. Dati contenuti in precedenti pubblicazioni possono quindi essere stati modificati. Euro I valori monetari rilevati in lire e convertiti in euro al cambio costante pari a 1.936,27 relativi ai periodi fino al 1998 sono denominati eurolire e ad essi si fa riferimento negli anni precedenti al 1999, ove non diversamente specificato. Germania Se non diversamente menzionato, i dati includono complessivamente le due aree dell Est e dell Ovest fino al 1990; fanno riferimento quindi alla Germania unificata a partire dal Imposte correnti sul reddito, sul patrimonio e altre imposte correnti (imposte dirette) Comprendono i prelievi unilaterali obbligatori operati correntemente sul reddito e sul patrimonio delle unità istituzionali, nonché talune imposte periodiche che non sono basate né sul reddito né sul patrimonio. Imposte in conto capitale Le imposte in conto capitale sono imposte percepite ad intervalli irregolari, e solo saltuariamente, sul valore delle attività o del patrimonio netto posseduti dalle unità istituzionali, ovvero sul valore dei beni trasferiti tra le unità istituzionali per effetto di lasciti, donazioni o altri trasferimenti. Rappresentano un tipico esempio di imposte in conto capitale le imposte di successione e i prelievi di carattere straordinario, come quelli relativi ai condoni. Imposte sulla produzione e sulle importazioni (imposte indirette) Comprendono i prelievi obbligatori a carico delle unità produttive effettuati dalle Amministrazioni pubbliche e dalle istituzioni comunitarie europee sulla produzione e sulle importazioni di beni e servizi. Indici a catena Sono stati adottati con l esigenza di introdurre degli indicatori delle variazioni di prezzo o di volume che non tenessero conto solo dei valori assunti dalle variabili considerate in due tempi precisi, l anno corrente e l anno base, ma che incorporassero l andamento complessivo presentato dal fenomeno nell intervallo temporale esaminato. Le misure in volume di ciascun anno vengono costruite sulla base dei prezzi dell anno precedente (le stime per il 2000 sono basate sui prezzi del 1999, le stime del 1999 sui prezzi del 1998, ecc.) a differenza delle precedenti stime reali che si fondavano su un sistema di prezzi di un anno base fisso (l ultimo è stato il 1995). Dal concatenamento delle variazioni annuali calcolate sulle serie ai prezzi dell anno precedente si ottiene l indice a catena con cui estrapolare le serie in livello concatenate. Con l introduzione degli indici a catena nei conti nazionali viene abbandonato il sistema a base fissa con il vantaggio di non dover più provvedere ad operazioni di aggiornamento dell anno base e di ribasamenti quinquennali delle serie storiche, che comportano revisioni dei tassi di crescita delle serie ottenute con la vecchia base. I tassi di crescita calcolati con la metodologia del concatenamento sono indipendenti dalla scelta dell anno di riferimento rispetto al quale vengono prodotte le serie in livello concatenate. Indici dei prezzi al consumo I numeri indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi di un paniere di beni e servizi rappresentativi di tutti quelli destinati al consumo finale delle famiglie presenti sul territorio economico nazionale e acquistabili sul mercato attraverso transazioni monetarie (sono escluse, quindi, le transazioni a titolo gratuito, gli autoconsumi, i fitti figurativi, ecc.). Essi sono calcolati utilizzando l indice a catena del tipo Laspeyres, nel quale sia il paniere sia il sistema dei pesi vengono aggiornati annualmente. L Istat produce tre diversi indici dei prezzi al consumo: l Indice Nazionale dei prezzi al consumo per l Intera Collettività (NIC); l Indice dei prezzi al consumo per le Famiglie di Operai e Impiegati (FOI); l Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per i paesi dell Unione Europea (IPCA). Essi hanno finalità differenti: il NIC misura l inflazione a livello dell intero sistema economico; in altre parole considera l Italia come se fosse un unica grande famiglia di consumatori, all interno della quale le abitudini di spesa sono ovviamente molto differenziate. Per gli organi di governo, esso rappresenta il parametro di riferimento per la realizzazione delle politiche economiche; il FOI si riferisce ai consumi dell insieme delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente ed è generalmente usato per adeguare periodicamente i valori monetari (ad esempio affitti o assegni dovuti al coniuge separato);

15 l IPCA è stato sviluppato per assicurare una misura dell inflazione comparabile a livello europeo ed è assunto come indicatore per verificare la convergenza delle economie dei Paesi membri dell Unione Europea, ai fini dell accesso e della permanenza nell Unione monetaria. I tre indici si basano su un unica rilevazione e sulla stessa metodologia di calcolo. Il NIC e il FOI si basano sullo stesso paniere ma il peso attribuito a ogni bene o servizio è diverso, a seconda dell importanza che i diversi prodotti assumono nei consumi della popolazione di riferimento. Per il NIC la popolazione di riferimento è l intera popolazione; per il FOI è l insieme di famiglie che fanno capo a un operaio o a un impiegato. L IPCA ha in comune con il NIC la popolazione di riferimento, ma si differenzia dagli altri due indici poiché si riferisce alla spesa monetaria per consumi finali sostenuta esclusivamente dalle famiglie (Household final monetary consumption expenditure); esclude, inoltre, sulla base di regolamenti comunitari, alcuni prodotti (ad esempio le lotterie, il lotto e i concorsi pronostici). Un ulteriore differenziazione fra i tre indici riguarda il concetto di prezzo considerato: per il NIC e il FOI viene sempre utilizzato il prezzo pieno di vendita. L IPCA si riferisce invece al prezzo effettivamente pagato dal consumatore. Ad esempio, nel caso dei medicinali, mentre per gli indici nazionali viene considerato il prezzo pieno del prodotto, per quello armonizzato il prezzo di riferimento è rappresentato dalla quota effettivamente a carico del consumatore (il ticket). Inoltre, l IPCA tiene conto anche delle riduzioni temporanee di prezzo (saldi, sconti e promozioni). Le serie degli indici nazionali NIC e FOI hanno base di riferimento 2010=100. L indice IPCA ha base di riferimento 2005=100, in conformità al Regolamento (CE) n. 1708/2005 del 20 ottobre Per ulteriori dettagli, consultare la Nota Metodologica del 12 settembre 2013 in Indice armonizzato dei prezzi al consumo a tassazione costante L Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato a Tassazione Costante (IPCA-TC), la cui pubblicazione è stata avviata a partire dai dati di marzo 2012, è elaborato secondo gli standard previsti dal Regolamento (CE) n. 119/2013 dell 11 febbraio 2013 e si differenzia dall IPCA per l utilizzo di indici dei prezzi calcolati a tassazione costante. Gli indici dei prezzi a tassazione costante vengono stimati depurando quelli usualmente pubblicati degli effetti dovuti ad eventuali cambiamenti delle aliquote delle imposte indirette (ad esempio IVA e accise) registrati nel mese di riferimento rispetto a quelle in vigore nel mese di dicembre dell anno precedente (base di calcolo dell indice). Le imposte considerate per la costruzione dell IPCA-TC sono quelle direttamente collegate ai consumi finali delle famiglie, quali IVA, accise e imposte su specifici prodotti (ad esempio, autovetture e assicurazioni). Non sono invece considerati i sussidi e le imposte pagate nelle fasi intermedie relative alla produzione e al trasporto. Per definizione, nel calcolo dell IPCA-TC dovrebbero essere incluse e mantenute costanti nel corso dell anno tutte le imposte che incidono sui consumi finali; tuttavia, per evidenti considerazioni di natura pratica, possono essere escluse quelle che comportano entrate erariali molto ridotte: secondo il Manuale IPCA-TC dell Eurostat, possono essere escluse le imposte che comportano entrate erariali inferiori al 2% del totale. Nel complesso, le imposte incluse devono coprire almeno il 90% del totale entrate. Nel calcolo dell indice IPCA-TC italiano sono mantenute costanti le seguenti imposte: l IVA, le accise sui tabacchi e sui beni energetici (carburanti, gasolio per il riscaldamento, gas naturale, elettricità, ecc.), le principali imposte locali su elettricità e gas naturale, l imposta sull assicurazione di responsabilità civile (RC) e il contributo al Servizio Sanitario Nazionale per quanto riguarda le assicurazioni sui mezzi di trasporto. Nell IPCA-TC si tiene conto degli stessi beni e servizi a cui fa riferimento l indice IPCA, inoltre la struttura di ponderazione e la base di riferimento (2005=100) sono le medesime. Esso offre una stima dell impatto teorico delle variazioni delle imposte indirette sull inflazione misurata mediante l IPCA. Infatti, poiché nella sua costruzione si assume un trasferimento totale e istantaneo delle modifiche di imposta sui prezzi pagati dai consumatori, la differenza tra il tasso di variazione dell IPCA e quello dell IPCA-TC fornisce una misura del massimo impatto potenziale delle modifiche di imposta indiretta sull inflazione IPCA. Nel corso dell anno l indice IPCA-TC può essere soggetto a revisione. I dati diventano definitivi l anno successivo a quello di riferimento. Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali venduti sul mercato interno Indicatore mensile che misura le variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nel primo stadio di commercializzazione. I prezzi si riferiscono ai prodotti industriali fabbricati da imprese (la cui attività economica prevalente riguarda le Sezioni B-E della NACE 2 e con stabilimenti di produzione situati sul territorio nazionale) venduti sul mercato italiano. L indicatore è definito dal Regolamento delle Statistiche economiche congiunturali STS (CE) 1158/2005. Indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali venduti sul mercato estero Indicatore mensile definito dalla media aritmetica ponderata degli indici dei prezzi calcolati nelle aree euro e non euro. Tale indicatore viene definito a partire dagli indici in base di calcolo di ciascuna componente di area e quindi riportato nella base di riferimento. L indicatore è definito dal Regolamento delle Statistiche economiche congiunturali STS (CE) 1158/2005 che ne richiede anche la disaggregazione tra area euro e area non euro. Lira Dal 1 marzo 2002 tale valuta non ha più corso legale, ma si è ritenuto opportuno lasciare per memoria la serie storica del suo cambio con le principali monete. Occupati Il numero degli occupati nelle statistiche ufficiali viene prodotto sia nella contabilità nazionale sia nell indagine Forze di Lavoro, tuttavia vi sono delle differenze, spiegate da motivazioni di ordine definitorio: l indagine Forze di Lavoro è rivolta alle famiglie residenti e rileva il numero di persone occupate indipendentemente dal luogo di lavoro (quindi include gli italiani residenti in Italia ma che lavorano all estero, fenomeno assai diffuso nelle zone di confine); la contabilità nazionale invece rileva tutte le persone che vivono in famiglia o in convivenze (quali conventi, caserme, case di cura...) e che lavorano presso unità produttive presenti sul territorio italiano: cioè sono esclusi gli italiani residenti in Italia ma che lavorano all estero mentre sono inclusi gli stranieri (sia regolari che clandestini) che lavorano in Italia; la contabilità nazionale conteggia tra gli occupati anche i militari di leva (fino al 2005, essendo stata abolita la leva a partire dal 2006);

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Come si rilevano i prezzi al consumo. Anno 2011

Come si rilevano i prezzi al consumo. Anno 2011 Come si rilevano i prezzi al consumo Anno 2011 Dicembre 2011 1 Testi redatti da: Alessandro Brunetti, Patrizia Caredda, Alessia D Errico, Cristina Dormi, Stefania Fatello, Riccardo Giannini, Rosanna Lo

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica Prefazione Nella prefazione al primo Rapporto Annuale sull Efficienza Energetica auspicavo che le successivi edizioni potessero registrare sempre maggiori progressi in quello che ritengo essere uno dei

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/D. Roma, 28 maggio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 17/D. Roma, 28 maggio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 17/D Roma, 28 maggio 2007 Protocollo: 3084 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Circoscrizioni Doganali LORO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli