LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA"

Transcript

1 LA VIOLENZA SULLE DONNE IN EUROPA DATI, NORME E PROSPETTIVE FUTURE 25 gennaio 2012 Giovanna Castagna

2 La violenza nei confronti delle donne è considerata una violazione dei diritti umani fondamentali riconosciuti e garantiti sia dalla Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) che dalla Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea. Nonostante questi e molti altri strumenti di tutela internazionale che condannano la violenza di genere, i (pochi) dati disponibili rivelano la persistenza di un quadro negativo in Europa. Nemmeno i progressi normativi raggiunti nel corso del 2011, in particolare la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica e la direttiva sull Ordine di protezione europeo, sembrano essere sufficienti per porre fine in Europa a quella che la Baronessa Catherine Ashton ha recentemente definito la più diffusa violazione dei diritti umani del nostro tempo. Qualche dato sulla violenza di genere in Europa Secondo la definizione data dalle Nazioni Unite nella Dichiarazione sull eliminazione della violenza contro le donne, sulla quale si basano anche le istituzioni europee, l espressione violenza contro le donne comprende tutti gli atti di violenza contro il genere femminile che si traducono, o possono tradursi, in lesioni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche per le donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che nella vita privata 1. Al di là di questa definizione, peraltro abbastanza generale, a livello europeo si riscontra la mancanza di una definizione comune di violenza sulle donne, soprattutto per quanto riguarda le varie forme in cui essa viene perpetrata. Questa carenza, assieme ai differenti metodi e strumenti 1 Art. 1 della Dichiarazione delle Nazioni Uniti sull eliminazione della violenza contro le donne, approvata dall Assemblea generale il 20 dicembre 1993 ( La stessa definizione si trova all art. 3 della Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica, adottata dal Consiglio d Europa lo scorso aprile 2011 e disponibile al sito: Essa è utilizzata anche dall Unione europea, come si può leggere, ad esempio, al secondo paragrafo degli Orientamenti UE sulle violenze perpetrate nei confronti delle donne e la lotta contro tutte le forme di discriminazione nei loro confronti:

3 utilizzati dai vari Stati nella raccolta delle informazioni in materia ed al frequente silenzio delle donne, che spesso preferiscono non denunciare le violenze subite, sono le principali cause dell assenza di dati confrontabili tra i Paesi europei, rendendo particolarmente difficile condurre un analisi comparativa del fenomeno. In ogni caso, i pochi dati disponibili sono sufficienti per fornire un quadro indiscutibilmente negativo della situazione in Europa. Secondo gli studi condotti dal Consiglio d Europa, tra il 20 e il 25% delle donne sono state vittime di violenze fisiche almeno una volta nella vita; ogni giorno una donna su cinque subisce una violenza nel vecchio continente e più di una donna su dieci ha subito violenze sessuali accompagnate dall uso della forza 2. La violenza domestica rappresenta la forma di violenza più comune e diffusa: tra il 12 ed il 15% delle donne in Europa l ha subita dopo i sedici anni d età 3. La violenza basata sulla tradizione, che comprende i crimini d onore, pratiche tradizionali dannose per la salute e i matrimoni forzati, costituisce invece la forma più comune di violenza di genere perpetrata a livello di comunità. Secondo stime del Parlamento europeo, sarebbero le donne in Europa che hanno subito la mutilazione genitale femminile e ogni anno la subiscono, o rischiano di subirla, circa donne immigrate nel continente 4. Vi è poi la violenza sul luogo di lavoro, che può assumere diverse forme: minacce, insulti, mobbing, pressione psicologica, molestie sessuali, eccetera. Essa però varia notevolmente tra i Paesi membri, a seconda delle loro condizioni socio-economiche. Infine, le donne, assieme ai bambini, sono il gruppo più esposto al rischio di cadere nella tratta di esseri umani. A questo proposito, è stato riscontrato lo stretto legame esistente tra lo sfruttamento sessuale ed alti livelli di povertà: le vittime, infatti, sono soprattutto donne in giovane età, con una basso grado di istruzione e che si trovano in una difficile situazione dal punto di vista economico e sociale. Anche se il fenomeno della violenza di genere non conosce barriere geografiche, culturali, di classe o etniche, esso colpisce più facilmente specifici gruppi di donne: le immigrate, le donne appartenenti a minoranze etniche, le rifugiate e le richiedenti asilo, le disabili, le donne che vivono in istituti, le prostitute, le vittime di tratta. Queste donne sono peraltro accumunate da una estrema vulnerabilità economica, che solitamente le rende dipendenti da una figura maschile, e spesso è loro 2 Cfr. 3 Anche questi dati sono disponibili sul sito del Consiglio d Europa. Cfr. ibid. 4 Cfr. Risoluzione del Parlamento europeo per combattere la mutilazione dei genitali femminili nell UE (2008/2071(INI)), adottata il 24 marzo 2009 ( pubref=-//ep//text+ta+p6-ta doc+xml+v0//en).

4 impossibile trovare delle vie d uscita dalla situazione in cui vivono ed avere accesso ai servizi di sostegno per le vittime di violenza. Come è facilmente deducibile da questa rapida rassegna delle principali forme in cui si manifesta la violenza sulle donne, alla base di quest ultima esiste un insieme di fattori culturali, economici, legali e politici, complessi e tra loro interconnessi, che si sono istituzionalizzati nel tempo e tutti riconducibili alla disuguaglianza di potere storicamente data tra uomini e donne 5. Le misure adottate dai Paesi europei in materia di violenza sulle donne La violenza nei confronti delle donne ha assunto importanza all interno delle agende politiche nazionali soltanto a partire dagli anni 90, soprattutto grazie alla pressione esercitata dalle ONG e dalle organizzazioni internazionali attive in materia, che hanno aumentato la consapevolezza del problema all interno dell opinione pubblica. Tra i Paesi membri dell Unione europea (UE) esistono tutt oggi notevoli differenze nel modo in cui la violenza di genere è affrontata dal punto di vista politico e normativo. Tali differenze riflettono l atteggiamento culturale prevalente nei confronti di questo tema all interno di ogni Stato, il livello di coscienza del problema da parte della società e il tipo di welfare esistente. In particolare, gli atteggiamenti socio-culturali che portano a considerare la violenza una questione inerente la vita privata e, in quanto tale, tollerata, restano la causa principale della persistenza del fenomeno in molti Paesi europei. Generalizzando, si è riscontrato che gli Stati dell Europa settentrionale ed occidentale presentano una lunga tradizione di interventi legislativi contro la violenza di genere, nonché di servizi specializzati di sostegno per le vittime di tali reati. Essi, inoltre, si stanno sempre più concentrando sulle forme di violenza basate sulla tradizione e sui gruppi più vulnerabili (immigrate, donne appartenenti a minoranze etniche, disabili e omosessuali). I Paesi dell Europa meridionale e orientale, invece, hanno cominciato ad affrontare il fenomeno come problema di rilevanza pubblica solo più di recente, grazie alle raccomandazioni e risoluzioni dell UE e alla pressione di ONG e movimenti femministi nazionali. In ogni caso, gli approcci nazionali sembrano aver tutti seguito un percorso comune, inizialmente focalizzato sulle riforme giuridiche, la formazione delle forze 5 Si veda il rapporto dell Unicef, Domestic violence against women and girls, Innocenti Digest, Vol. 6, giugno 2000, Innocenti Research Centre, Firenze, disponibile al sito:

5 dell ordine e l istituzione di servizi specializzati di sostegno per le vittime; mentre, in un secondo momento, esso si è rivolto anche all adozione di misure di sensibilizzazione e prevenzione, nonché al potenziamento delle azioni di sostegno e di integrazione sociale delle vittime. La violenza sessuale e quella domestica sono punite in tutti gli Stati membri dell UE, anche se in alcuni di essi il grado di protezione delle vittime presenta qualche lacuna (quando, ad esempio, per procedere è necessaria la richiesta della vittima). Inoltre, nella maggior parte dei Paesi il numero di processi e condanne per violenza domestica e stupro sono piuttosto bassi. Negli ultimi anni quasi tutti i governi europei hanno adottato delle strategie politiche per combattere la violenza sulle donne, in alcuni casi attraverso l adozione di appositi piani nazionali d azione di carattere pluriennale, in altri inserendo misure mirate in altri piani strategici, come ad esempio quello per la parità di genere. Le forme di violenza più sanzionate sono quella domestica ed il traffico di esseri umani, con rispettivamente 23 e 27 piani d azione specifici. Pochi, invece, sono i piani d azione rivolti a combattere le forme di violenza basate sulla tradizione, le molestie sessuali sul luogo di lavoro, lo stalking e la violenza all interno di ambienti istituzionalizzati. Inoltre, è stato riscontrato che queste strategie spesso non specificano chiaramente quali siano le agenzie od organi nazionali responsabili in materia, né il ruolo delle organizzazioni coinvolte, le azioni da attuare concretamente, il bilancio stanziato, gli obiettivi da raggiungere né il tempo previsto. Infine, sono pochi i governi che eseguono il monitoraggio e la valutazione delle azioni realizzate, cosicché gli effetti ed i risultati prodotti da questi interventi restano per lo più sconosciuti. Per quanto concerne la prevenzione della violenza di genere, le principali misure adottate dagli Stati europei sono: programmi di sensibilizzazione, formazione per i professionisti che possono entrate in contatto con le vittime, programmi di cura per gli aggressori. Le strutture di sostegno per le vittime, pur essendo aumentate in tutti gli Stati membri, continuano ad essere insufficienti (sono soltanto il 37,5% del fabbisogno); esse, inoltre, sono concentrate nelle aree urbane, rendendone difficile l accesso per le donne che vivono in zone rurali o periferiche, e risentono della mancanza di finanziamenti stabili, nonché di linee-guida nazionali sugli standard di qualità dei servizi. Infine, le misure di reinserimento sociale delle vittime continuano ad essere forniti dalle autorità locali o regionali e da organizzazioni non governative: anch esse risentono della mancanza di fondi e sono ancora insufficienti rispetto ai bisogni esistenti. Una nota molto positiva, infine, è data dai progressi raggiunti nell adozione di un approccio multidisciplinare, basato sulla collaborazione tra tutti gli attori coinvolti, a livello locale, nazionale

6 ed internazionale, e che ha portato persino alla nascita di partnership tra gli Stati membri, grazie anche ai finanziamenti stanziati nell ambito del Programma europeo Daphne. Il ruolo dell Unione europea nella lotta alla violenza di genere L UE attribuisce agli Stati membri la responsabilità primaria per combattere la violenza sulle donne, incoraggiando la ratifica di convenzioni e protocolli già esistenti in materia. L eliminazione della violenza di genere resta comunque una priorità dell UE, fondamentale per raggiungere una piena ed effettiva parità fra i sessi, come si legge nella Carta delle donne 6, adottata dalla Commissione europea nel marzo 2010, e nella sua Strategia per l uguaglianza tra donne e uomini per il periodo Anche se le istituzione europee hanno emanato diversi strumenti normativi in materia 8, ad esempio, contro le discriminazioni basate sul sesso, le molestie sessuali, il traffico di esseri umani e lo sfruttamento sessuale; sulla promozione dell uguaglianza di genere e il divieto di discriminazione in ambito lavorativo e nell accesso e fornitura di beni e servizi; non è stato ancora adottato un atto legislativo di carattere generale che disciplini il tema della violenza sulle donne nella sua interezza. La Commissione europea ha preferito sostenere finanziariamente attività di ricerca, prevenzione, cura ed integrazione sociale delle vittime di violenza, nonché campagne di sensibilizzazione, realizzate a livello nazionale o locale dagli Stati membri. E lo ha fatto attraverso il già citato Programma Daphne, lanciato nel 1997 e giunto al suo terzo ciclo di programmazione. Un importante novità è arrivata però il 13 dicembre scorso, con l approvazione da parte del Parlamento europeo della direttiva sull Ordine di protezione europeo (Ope), che riconosce uguale tutela alle vittime di reati in tutta l UE. L Ope è uno strumento basato sul principio del reciproco riconoscimento nell ambito della cooperazione giudiziaria penale tra gli Stati membri, rivolto, in particolare, a garantire protezione alle donne vittime di violenza, molestie, rapimento, stalking, 6 Cfr. 7 Cfr. 8 L elenco dei principali atti normativi UE in materia di violenza sulle donne è rinvenibile nelle seguenti fonti: CAHVIO (2009), Compilation of International Legal Instruments Relevant to the Ad Hoc Committee on Preventing and Combating Violence against Women and Domestic Violence ( Summary of 8 March 2010, Council of the European Union 3000 th Employment and Social Policy Council meeting, Conclusions on the Eradication of Violence against Women in the European Union (

7 tentato omicidio. Gli Stati membri hanno tre anni di tempo per trasporre la norma all interno dei propri ordinamenti nazionali ed essa permetterà a chiunque goda di protezione in uno Stato UE di ottenere la medesima protezione anche se si muove in un altro Paese membro. Il Consiglio d Europa e la Convenzione sulla violenza contro le donne Quale organizzazione internazionale impegnata nella tutela dei diritti umani fondamentali, sanciti e garantiti dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali (CEDU), il Consiglio d Europa ha da sempre intrapreso numerose iniziative per promuovere l uguaglianza di genere. La sua azione è volta a combattere gli ostacoli tutt ora esistenti alla libertà e alla dignità delle donne, eliminare le discriminazioni basate sul sesso 9, promuovere una partecipazione bilanciata tra donne ed uomini nella vita pubblica ed incoraggiare una prospettiva di genere in tutte le politiche. Per quanto riguarda la violenza sulle donne, l organizzazione ha cominciato ad essere più attiva soltanto a partire dagli anni 90, come del resto è avvenuto anche nei Paesi membri e a livello di Unione europea. Le azioni intraprese hanno portato, nel 2002, all adozione di una specifica raccomandazione agli Stati membri sulla protezione delle donne dalla violenza 10 e al lancio di una campagna di sensibilizzazione, che si è tenuta tra il 2006 ed il 2008, per combattere la violenza di genere, con un attenzione particolare rivolta alla violenza domestica. L Assemblea Parlamentare del Consiglio d Europa ha inoltre approvato numerose risoluzioni e raccomandazioni in materia, invocando l introduzione di standard giuridicamente vincolanti nell ambito della prevenzione, protezione e persecuzione delle più gravi e diffuse forme di violenza contro le donne. Dopo due anni di lavoro da parte di un gruppo di esperti 11, che ha cercato di rispondere a questa necessità di armonizzare gli standard nazionali al fine di garantire lo stesso livello di protezione a tutte le donne europee, il 7 aprile 2011 il Consiglio d Europa ha infine adottato la Convenzione 9 Il divieto di discriminazioni, tra cui quelle fondate sul sesso, è sancito dall art. 14 della CEDU e dal Protocollo n Si tratta della Raccomandazione Rec(2002)5 del Comitato dei ministri agli Stati membri sulla protezione delle donne dalla violenza, adottata il 30 aprile 2002 e disponibile al sito: id=280915&site=cm&backcolorinternet=c3c3c3&backcolorintranet=edb021&backcolorlogged=f5d Si tratta del gruppo CAHVIO (Comitato ad hoc per prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica).

8 sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica, la quale è stata poi aperta alla firma in occasione della sessione del Comitato dei ministri che si è tenuta ad Istanbul il maggio scorso. Questo trattato rappresenta un importante novità a livello internazionale, dal momento che si tratta del primo strumento al mondo giuridicamente vincolante, in grado di creare un quadro normativo completo per prevenire la violenza contro le donne, proteggere le vittime e contrastare l impunità dei colpevoli. Esso, inoltre, definisce e dichiara illegali diverse forme di violenza nei confronti delle donne, inclusi i matrimoni forzati, la mutilazione genitale femminile, gli aborti e la sterilizzazione forzati, lo stalking, la violenza fisica, psicologica e sessuale. La convenzione affronta, dunque, numerosi aspetti ritenuti fondamentali per combattere la violenza di genere. Innanzitutto, la prevenzione della violenza stessa, finalizzata a raggiungere una piena uguaglianza di genere, attraverso l eliminazione delle discriminazioni nei confronti delle donne, degli stereotipi esistenti e delle pratiche tradizionali dannose usate nei loro confronti. In secondo luogo, la protezione delle vittime, che comprende un efficace e tempestivo intervento delle forze dell ordine, un facile accesso alle informazioni sui propri diritti e la creazione di strutture e servizi specializzati di sostegno. Per quanto riguarda la persecuzione dei colpevoli, il trattato stabilisce che tutte le forme di violenza elencate al suo interno, qualora non siano già previste, debbano essere introdotte dagli Stati parte tra i reati perseguibili nei propri ordinamenti interni. Inoltre, essi dovranno assicurare che la cultura, la tradizione o il cosiddetto onore non siano considerati una giustificazione di tali crimini. Infine, la convenzione riconosce ed afferma l importanza di un azione concertata da parte dei governi, delle ONG, delle organizzazioni internazionali e di tutte le autorità a livello nazionale, regionale e locale, nell implementare delle politiche globali e coordinate per combattere la violenza di genere in qualsiasi ambito e settore della vita pubblica e privata. Un ultimo ed interessante aspetto innovativo del trattato riguarda l istituzione di un meccanismo di monitoraggio, che attraverso un apposito gruppo di esperti indipendenti, ne assicurerà l effettiva implementazione. Come già accennato, la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne è già stata aperta alla firma, e non solo degli Stati membri del Consiglio d Europa, ma anche dell UE 12 e 12 È opportuno ricordare che attraverso la nuova formulazione dell art. 6, par. 2, del TUE, in base al quale l Unione aderisce alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, e l entrata in vigore del Protocollo n. 14 alla CEDU, che ha modificato l art. 59, par. 2, della Convenzione, dove ora si legge che l

9 degli Stati non membri che hanno partecipato alla sua elaborazione 13, ed essa entrerà in vigore al deposito della decima ratifica (purché di almeno 8 Stati membri). Purtroppo, nonostante lo slancio che ha portato all adozione di questo avanzato strumento di tutela internazionale, finora soltanto 18 Stati membri l hanno firmato 14, rinviando così la realizzazione di un quadro giuridico comune a livello europeo in materia. Conclusioni Nonostante i numerosi progressi che si sono registrati negli ultimi vent anni dal punto di vista politico, normativo e di sensibilizzazione culturale, l Europa appare ancora molto lontana dal divenire una zona a tolleranza zero in materia di violenza sulle donne. Per quanto riguarda le azioni intraprese a livello nazionale, esse continuano a risentire della mancanza di una strategia di lungo termine, capace di contrastare la frammentazione degli interventi e la dispersione delle risorse disponibili. Inoltre, se molto è stato fatto per contrastare alcune forme di violenza, prime fra tutte quella domestica e sessuale, ancora scarsa è l attenzione rivolta verso altre forme di violenza, in particolare quella basata sulla tradizione, la violenza sul luogo di lavoro e la violenza psicologica. Analogamente, poca considerazione è stata finora data ai gruppi più vulnerabili, che avrebbero invece bisogno di servizi specifici e adatti alle loro esigenze. Come è già stato evidenziato, in materia mancano inoltre dati confrontabili tra i Paesi europei, così come indicatori internazionali. Infine, maggior importanza dovrebbe essere data alle attività di monitoraggio e valutazione degli interventi realizzati, in modo tale da conoscere i risultati ottenuti e permettere lo scambio di buone pratiche. Unione europea può aderire alla presente Convenzione, sono state poste le basi giuridiche per la formale adesione dell UE alla CEDU. Lo scorso luglio 2011 è stata pubblicata la bozza di accordo sull adesione dell Unione europea alla CEDU, che entrerà in vigore tre mesi dopo l apposizione dell ultima ratifica, da parte di uno Stato membro o della stessa UE. 13 Si tratta di Canada, Città del Vaticano, Giappone, Messico e Stati Uniti. Cfr.: 14 Alla data del 17 gennaio 2011, risultano firmatari i seguenti Stati: Albania, Austria, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Montenegro, Norvegia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, l ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Turchia e Ucraina. Cfr. ibid.

10 In generale, l atteggiamento degli Stati europei nei confronti della violenza di genere non sembra ancora sufficientemente risoluto e determinato, come dimostra lo stato delle firme (per non parlare di quello delle ratifiche) della Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica adottato dal Consiglio d Europa. Le dichiarazioni di solidarietà e le campagne di sensibilizzazione non basteranno finché continuerà a mancare la volontà di assumersi un impegno concreto con la ratifica di questo trattato internazionale, e l UE dovrebbe essere in prima linea a dare il buon esempio ai propri Stati membri. Tutti i diritti riservati: è permesso l uso personale dei contenuti pubblicati da Equilibri.net solo a fini non commerciali. L utilizzo commerciale, la riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione può avvenire solo previo accordo con Equilibri S.r.l.. La foto di copertina è ripresa da Internet, quindi valutata di pubblico dominio. Qualora l'autore fosse contrario all' utilizzo, la redazione si impegna all'immediata rimozione previa richiesta all indirizzo

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n.

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n. Piano d azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere Sala Polifunzionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma, 7 maggio 2015 Il Piano attua la Convenzione sulla prevenzione e la lotta

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 148 DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON. CENTEMERO IN MERITO ALLA DISCUSSIONE DELLE MOZIONI CONCERNENTI

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale

ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 1 ROMPIAMO IL SILENZIO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Sono caduta dalle scale 2 Sono caduta dalle scale : dietro questa affermazione si nasconde spesso una realtà ben più tragica: una violenza subita da

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra UNAR Ufficio Nazionale per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull origine etnica PROVINCIA DI MANTOVA E COMUNE

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

Campagna europea contro la violenza domestica

Campagna europea contro la violenza domestica Campagna europea contro la violenza domestica Rompere il silenzio 3 Perché una campagna europea? Da secoli la violenza domestica è considerata un tema tabù. Nessuno ne parla, nessuno ammette di esserne

Dettagli

La Carta sociale in breve

La Carta sociale in breve La Carta sociale in breve La Carta sociale europea Un trattato del Consiglio d Europa che protegge i diritti dell uomo 5 La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») sancisce dei diritti

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ed IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITA DELLA ROMANIA IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

La C arta sociale in breve

La C arta sociale in breve LaCarta in breve sociale La Carta sociale europea Diritti umani, insieme, tutti i giorni La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») è un trattato del Consiglio d Europa che enuncia

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori

Interventi regionali a contrasto della violenza contro le donne e i minori Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 121 Prot. n. 11279/2.6 del 15.09.2006 Testo sostitutivo PdL 121 Interventi regionali a contrasto

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Meccanismo di monitoraggio Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Obiettivi della Convenzione La Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 4/2014

LEGGE REGIONALE 4/2014 LEGGE REGIONALE 4/2014 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani fondamentali

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA PARTECIPA ANCHE TU IL CUG ISPRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Interventi - Discussione - Confronto Lunedì 25 Novembre Sala Conferenze Brancati 48 Ore 10.00 Il CUG ISPRA ha

Dettagli

Verso la fine del silenzio

Verso la fine del silenzio 1 Roberto Della Rocca Verso la fine del silenzio Recenti sviluppi in tema di violenza maschile contro le donne, diritti umani e prassi operative 2 Ritratti e autoritratti surrealisti Prima edizione: dicembre

Dettagli

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive

EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017. Horizon 2020: Europa in un mondo che cambia: società inclusive, innovative e riflessive EUROPEAID: Europa e USA: conoscere l Europa 2015-2017 EuropeAid/136813/DD/ACT/US Descrizione: La Commissione europea Delegazione USA ha lanciato un bando che ha l obiettivo di promuovere, all interno delle

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori

Introduzione ai diritti umani. Scuole superiori Introduzione ai diritti umani Scuole superiori Cosa sono i diritti umani? I diritti umani sono i diritti di ogni persona in quanto tale. Caratteristiche: Fondamentali Universali Inviolabili Indisponibili

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori.

Alla Conferenza hanno partecipato più di 110 persone tra tecnici e addetti ai lavori. Conferenza internazionale contro la violenza sulle donne e sui minori "Famiglia moderna. Formazione culturale della non-violenza " Minsk, 14-15 aprile 2011 DOCUMENTO DI SINTESI I giorni 14-15 Aprile 2011

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Umberto Stipa Clarissa Valdez Arianna Pintus Alessandro Norcia Jacopo Cappella Gianmarco Ferrara Eugenio de Battistis Violenza contro le donne Tra gli argomenti di

Dettagli

Codice di autodisciplina a tutela della dignità della persona sulla rete Internet

Codice di autodisciplina a tutela della dignità della persona sulla rete Internet Codice di autodisciplina a tutela della dignità della persona sulla rete Internet Considerato: la Raccomandazione del Parlamento europeo del 26 marzo 2009 (2008/2160(INI) destinata al Consiglio sul rafforzamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE

ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE ASSISTENZA SOCIALE PER LE DONNE MALTRATTATE Relatrice: Prof.ssa Olivia Bonardi Tesi di Laurea di: Francesca Savoldini ABSTRACT La violenza nei confronti delle donne è un problema sociale diffuso ed importante

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma

Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma A. Donne e povertà Obiettivo strategico A.1: Rivedere, adottare e applicarepolitiche macroeconomiche e startegie

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 779/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 giugno 2007 che istituisce per il periodo 2007-2013 un programma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag.

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. INDICE 1. NORME DI CARATTERE GENERALE Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. 15 1.1. Normativa internazionale

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE L espressione violenza domestica designa tutti gli atti di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica che si verificano all interno della famiglia o del nucleo familiare o tra attuali o precedenti

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MGF problematiche giuridiche

MGF problematiche giuridiche MGF problematiche giuridiche 1 La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo (1948) Convenzione contro ogni forma di discriminazione contro le donne (1979) Convenzione sui diritti dell infanzia (1990)

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli