Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa 2006-2007"

Transcript

1 Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa corso di Estimo prof. arch. Federica di Piazza assistente: arch. Tania Parisotto studenti: Barbara Dal Bo Zanon , Andrea Carpin , Posenato Enrico , Roncari Emanuela ESERCITAZIONE 1 Stima del valore di mercato di un bene immobile

2 INDICE GENERALE 0. SINTESI E CONCLUSIONI DELLA STIMA pag PREMESSA pag IDENTIFICAZIONE DEL BENE 2.1 Caratteristiche generali 2.1.a Localizzazione dell immobile 2.1.b Descrizione dell immobile 2.1.c Vincoli giuridici 2.2 Individuazione catastale dei fabbricati e dei terreni 2.2.a Catasto fabbricati 2.2.b Catasto terreni 2.3 Stima del valore dei terreni 2.4 Situazione urbanistica e rispondenza alla normativa edilizia vigente (PRG) 2.5 Cronistoria dell immobile 2.6 Descrizione particolareggiata dell immobile 3. PROFILO TECNICO DEL BENE 3.1 Caratteristiche tecniche 3.1.a Grado delle finiture e degli impianti 3.1.b Vincoli 3.2 Computo della superficie commerciale 4. ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE 4.1 Premessa generale 4.2 Analisi delle fonti dirette 4.3 Analisi delle fonti indirette 4.4 Analisi critica delle fonti 5. DETERMINAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA 5.1 Premessa metodologica 5.2 STIMA SINTETICA DEL VALORE DI MERCATO 5.2.a Procedimento sintetico comparativo 5.2.b Caratteristiche posizionali estrinseche 5.2.c Caratteristiche intrinseche 5.2.d Normalizzazione dei prezzi 5.3 STIMA ANALITICA DEL VALORE DI MERCATO 5.3.a Procedimento analitico ricostruttivo 5.3.b Determinazione del reddito lordo 5.3.c Determinazione delle spese in detrazione 5.3.d Determinazione del reddito netto 5.3.e Stima analitica del saggio di capitalizzazione 5.3.f Capitalizzazione dei redditi pag pag pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 16 pag. 17 pag. 18 pag pag pag. 23 pag. 24 pag. 25 pag. 26 pag pag. 29 pag pag. 33 pag. 34 pag. 35 pag. 36 pag pag. 39 Allegati pag. 40 e sg. 2

3 0. SINTESI E CONCLUSIONI DELLA STIMA L incarico commissionato dalla committenza richiedeva la stima del valore patrimoniale della signora XXXXX XXXXXX in merito ad una successione ereditaria e spartizione dello stesso patrimonio tra i figli. Esso è composto da un bene immobile a carattere residenziale (porzione di villetta bifamiliare su due piani, comprensiva di un piccolo appartamento ad un piano adiacente al fabbricato stesso), un autorimessa esterna e da una quota di terreni boschivi circostanti. Il bene immobile oggetto di stima è situato in località XXXXX di XXXXX (provincia di Vicenza) in via XXXXXXXX, n civico XX. Il bene immobile risale agli inizi del 1960, è sempre stato occupato e mantenuto e nel 1998 ha subito un accurato intervento di restauro e di messa a nuovo in particolar modo di tutto il sistema impiantistico (riscaldamento, impianto elettrico, impianto idraulico, scarichi ). La consistenza complessiva del bene immobile è di 407 m 2 commerciali. La consistenza complessiva del patrimonio fondiario è di m 2 (1,5096 Ha) di terreno. 0.a FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA DEI TERRENI Considerata l indicazione fornita da fonti indirette di diminuire del 5% i terreni che si trovano in collina, si determina una superficie terriera totale (escluse le quote di giardino comprese nel computo della superficie commerciale) di: 1,3775 (1,3775 x 0,05) = 1,3086 Ha e applicando un valore agricolo medio di /Ha (da fonti indirette) si ottiene una stima dei terreni pari a 1,3086 Ha x /Ha = b METODOLOGIE DI STIMA DEL VALORE DI MERCATO Per stimare il più probabile valore di mercato dell immobile oggetto di stima in seguito ad un analisi approfondita del mercato immobiliare della zona di Arcugnano relativa alla localizzazione del bene stesso si è operato come segue: Determinazione del valore di mercato tramite giudizio di stima sintetico con il metodo della normalizzazione dei prezzi (vista l esiguità e la non perfetta omogeneità del campione di beni considerato nella comparazione); Verifica del valore individuato tramite un giudizio di stima analitico con il metodo della capitalizzazione dei redditi; Confronto tra i valori trovati e formulazione del giudizio di stima finale. 3

4 0.c STIMA DEL VALORE DI MERCATO CON PROCEDIMENTO SINTETICO COMPARATIVO Attraverso una stima sintetica con il metodo della normalizzazione dei prezzi si è giunti ad individuare per il bene immobile oggetto di stima un valore di mercato unitario pari a 1140 /m 2 (arrotondato all Euro intero). c. posizionali estrinseche c. posizionali intrinseche Superficie commerciale Valore unitario Valore totale periferia Oltre 60 anni; buono stato 407 m /m ,00 manutentivo Per cui si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile per via sintetica sia pari a ,00. 0.d STIMA DEL VALORE DI MERCATO CON PROCEDIMENTO ANALITICO RICOSTRUTTIVO Attraverso una stima analitica con il metodo della capitalizzazione dei redditi si è giunti ad individuare per il bene immobile oggetto di stima un saggio di capitalizzazione normalizzato pari al 3,24%. Capitalizzazione dei redditi Reddito netto annuale Saggio di capitalizzazione medio 4,5% Aggiunte 0,07% Detrazioni - 1,96% Saggio di capitalizzazione 3,24% Valore di mercato Per cui si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile per via analitica sia pari a ,00. 0.e FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA DEL VALORE DI MERCATO Dato che i valori trovati con i due procedimenti si scostano di una percentuale < 2%, si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile si possa calcolare come media aritmetica tra i due valori e che sia pari a ,00. valore stima sintetica valore stima analitica differenza Scostamento Valore di stima percentuale (media) , ,9 % ,00 4

5 5

6 TRATTAZIONE PARTICOLAREGGIATA Nelle pagine seguenti è descritto in maniera puntuale l intero percorso seguito nella determinazione del giudizio di stima del più probabile valore di mercato del bene immobile oggetto di stima. In calce alla relazione sono stati raccolti gli allegati contenenti la documentazione fornita dalla committente al momento della richiesta del giudizio di stima. 6

7 1. PREMESSA 1.a IDENTIFICAZIONE DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA STIMA Per la stima in questione è stato incaricato lo studio professionale Home Sweet Home spa di proprietà degli architetti Barbara Dal Bo Zanon, Andrea Carpin, Enrico Posenato ed Emanuela Roncari. 1.b IDENTIFICAZIONE DEL COMMITTENTE DELLA STIMA La perizia di stima del bene immobile preso in oggetto è stata richiesta dalla signora XXXXX XXXXXX nata a XXXXXXXXXX il XX/XX/19XX, sposata con due figli, addetta alla contabilità presso una ditta e attualmente residente in Via XXXXXXXX (Arcugnano, VI). 1.c IDENTIFICAZIONE DELLE FINALITÀ DELLA STIMA La Signora si è rivolta presso il nostro Studio associato per richiedere una previsione di stima del proprio bene immobile a destinazione residenziale, nonché delle relative proprietà terriere/boschive ad esso legate, nella prospettiva di una successione e spartizione patrimoniale dell intera proprietà ai due figli. Poiché dei due figli la secondogenita è ancora minorenne, mentre il primogenito è già maggiorenne, la Richiedente intende conoscere il valore della proprietà per poter provvedere ad una spartizione equa e che tenga conto delle diverse necessità presenti dei due figli. 1.d DATA DELL INCARICO La data dell incarico del giudizio di stima risale a giovedì 8 marzo e DATA DELLA STIMA La data della formulazione del giudizio di stima da parte dello studio associato Home Sweet Home spa risale al mese di maggio

8 1.f DOCUMENTAZIONE MESSA A DISPOSIZIONE DAL COMMITTENTE Per la formulazione della stima della proprietà è stata fornita al nostro studio da parte della Richiedente la seguente documentazione: 1. Atto di proprietà dell immobile n XXXXXXX del giorno XX/XX/19XX, redatto presso lo studio notarile del Dott. XXXXXX XXXXXXX, notaio in Vicenza, (Via XXXX XXXXXX, Vicenza) e registrato a XXXXX il giorno XX/XX/19XX; Ad esso si affianca anche la già attuata proposta divisionale dell intero fabbricato (di cui l immobile della Signora fa parte) in due unità indipendenti, essendo un tempo l unità immobiliare appartenente alla signora XXXXXXXX e l attuale attività commerciale di bar-osteria adiacente unificate in un unico edificio di co-proprietà delle signore XXXXX XXXXXX (figlia) e XXXXXXX XXXX (madre). La proposta è stata redatta dal geometra XXXXXX XXXXXX in data XX/XX/19XX. 2. Planimetrie dell immobile e relativa documentazione fotografica; 3. Identificazione dell immobile sotto il profilo catastale: estremi catastali e successive denuncie di variazioni e di adeguamenti in seguito anche alla divisione tra le due proprietarie; 4. Copia del PRG vigente nel Comune XXXX (approvato dal Consiglio Comunale con delibere n 99 in data 29/11/1994, n 103 in data 29/12/1994 e dalla Giunta Regionale Veneto con delibera n 1632 in data 06/05/1997) e della relativa documentazione specifica degli atti riguardanti le norme di edificabiltà per la zona in cui l immobile è collocato. Si fa presente che tutta la suddetta documentazione è stata presentata in forma di allegato alla presente relazione (consultabile in fine di relazione; richiami puntuali ai singoli allegati verranno chiaramente esplicitati nel corso dei capitoli successivi). 1.g DATA DEL SOPRALLUOGO Dal sopralluogo effettuato in data venerdì 23 marzo 2007 a cura dell architetto Enrico Posenato è stato possibile valutare lo stato conservativo dell immobile e inoltre verificare la corrispondenza della situazione esistente con il materiale fornito dalla committente. 8

9 2. IDENTIFICAZIONE DEL BENE 2.1 CARATTERISTICHE GENERALI Il bene immobile oggetto di stima è situato in località XXXX di XXXXX, (provincia di XXXXX) in via XXXXXXXX, n civico XX. Si tratta di un immobile residenziale, più precisamente di una porzione di villetta bifamiliare su due piani, con una quota di terreno boschivo circostante. 2.1.a LOCALIZZAZIONE DELL IMMOBILE L immobile è collocato nel Comune di XXXX, in territorio collinare (284 m slm). Esso dista 10 km circa dal centro urbano di Vicenza e circa 5 km dal primo centro urbano della periferia di Vicenza (pianura), in località XXXXX. Il bene è situato lungo Via XXXXXXXX, strada comunale, di tipologia secondaria, che distaccandosi dal Viale Riviera Berica si incammina per le colline e attraversa tutto il paese (è l unica strada principale). La strada è asfaltata, a doppia corsia di marcia e con sezione media di 5,50-6 m, priva di marciapiedi ai lati; il suo andamento segue la conformazione geologica del territorio, con pendenze variabili e tratti variamente rettilinei o tortuosi. San Rocco di Arcugnano Villabalzana 9

10 2.1.b DESCRIZIONE DELL IMMOBILE Si tratta di una porzione di villetta bifamiliare su due piani di proprietà della signora XXXXX XXXXXX (proprietario A), con ingresso indipendente a lato di Via XXXXXXXX e con giardino privato. Fa parte della proprietà anche una piccola unità residenziale di 55 m 2 complessivi, situata in contiguità con l altra unità residenziale più ampia e provvista di accesso indipendente, e una quota di terreno boschivo attorno alla casa. L immobile si trova nelle vicinanze della retrostante collina, ed è rialzato di circa 2m dalla strada trovandosi al di sopra di un podio artificiale a cui si accede tramite una rampa che lo collega alla strada. Nel giardino è presente una grande quercia centenaria di grande pregio, soggetta a controllo e registrata nei registri forestali (divieto di abbattimento, tranne per incidenti di tipo naturale). La proprietà e l immobile stesso in oggetto confinano con l attigua proprietà di XXXXXXX XXXX (proprietario B), che possiede la restante parte dell edificio: essa presenta a pian terreno un attività commerciale di ristorazione e a primo piano un unità residenziale. L edificio originale (comprendente entrambe le proprietà attualmente divise riunite sotto un unica proprietà) è stato costruito all inizio degli anni 60 (precisamente nel 1963). Nel 1998 l immobile da stimare è stato oggetto di un completo intervento di ristrutturazione e di adeguamento che lo ha portato alla sua conformazione attuale (vedi paragrafo 2.5). 2.1.c VINCOLI GIURIDICI Attualmente non esiste alcun vincolo sulla casa, essa non è soggetta a vincolo di usufrutto e a partire da gennaio 2007 è stata riscattata l ipoteca sulla casa in seguito al completamento del pagamento del mutuo stipulato al momento dei lavori di restauro della stessa. PROPRIETA A PROPRIETA B 10

11 2.2 INDIVIDUAZIONE CATASTALE DEI FABBRICATI E DEI TERRENI N.b: gli estremi catastali sono aggiornati in riferimento alla spartizione dei beni dichiarata con l atto notarile XXXXXX del XX/XX/19XX e fanno riferimento alle sole proprietà della committente. Le proprietà e i terreni sono registrati nel mappale 38 (foglio 41) presso l ufficio tecnico erariale di XXXXX; le due unità a- bitative sono registrate sotto la categoria A3 (residenza di tipo medio/economico), la pertinenza destinata ad autorimessa sotto la categoria C6 (autorimesse). 2.2.a CATASTO FABBRICATI Foglio Mappale Sub Ubicazione Categoria Classe Consistenza Rendita ( ) VI / XXXXXXX A/3 3 10,5 vani VI / XXXXXXX A/3 2 3,5 vani VI / / XXXXXXX C/ m b CATASTO TERRENI La proprietà in terreni si compone come segue: Foglio Mappale Superficie catastale Qualità Reddito dominicale Reddito agrario ha a ca Totale ( ) ( ) VI / 41 38, sub m 2 bene non censibile 0 0 (corte) VI / m 2 area urbana su cui 0 0 insiste l autorimessa VI / m 2 giardino privato VI / m 2 bosco ceduo VI / m 2 bosco ceduo VI / (ex 36/a) m 2 bosco ceduo VI / (ex 41/a) m 2 bosco ceduo VI / (ex 41/d) m 2 giardino VI / (ex 42/b) m 2 bosco ceduo

12 Riassumendo, le proprietà dei terreni si compongono di: a = 232 m 2 di giardino privato; b m 2 di corte pavimentata; c. complessivi = m 2 di bosco ceduo. Per un totale di m 2 (1,5096 Ha) di terreno 12

13 2.3 STIMA DEL VALORE DEI TERRENI Come richiesto dalla committente, si è proceduto ad effettuare una stima anche delle proprietà terriere e boschive che compongono l intera proprietà patrimoniale assieme ai fabbricati. Per fare ciò si è provveduto al reperimento degli indici di valori agricoli medi della provincia (desunti da fonte indiretta, in particolare dall Agenzia del Territorio) per quanto riguarda la zona agraria corrispondente. La tabella sottostante fa riferimento appunto ai succitati valori. Valori Agricoli Medi della provincia Annualità in aggiornamento 2006 Dati Pronunciamento Commissione Provinciale Pubblicazione sul BUR n.- del 22/12/2005 REGIONE AGRARIA N : 6 COLLI BERICI Comuni di: XXXXXXXX COLTURA Valore Agricolo Informazioni aggiuntive (Euro/Ha) BOSCO CEDUO 24000,00 1)(1) I TERRENI VANNO DIMUNUITI DEL 5% IN COLLINA E DEL 20% IN MOTAGNA. BOSCO D`ALTO FUSTO 26700,00 1)(1) I TERRENI VANNO DIMUNUITI DEL 5% IN COLLINA E DEL 20% IN MOTAGNA. FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA Considerata l indicazione di diminuire del 5% i terreni che si trovano in collina, si determina una superficie terriera totale (escluse le quote di giardino che verranno in seguito comprese nel computo della superficie commerciale, opportunamente ponderate) di: 1,3775 (1,3775 x 0,05) = 1,3086 Ha e applicando il valore medio di /Ha si ottiene una stima dei terreni pari a 1,3086 Ha x /Ha =

14 2.4 SITUAZIONE URBANISTICA E RISPONDENZA ALLA NORMATIVA EDILIZIA VIGENTE (PRG) Dall analisi del PRG vigente, si è osservato che i beni immobili ricadono in parte in zona E1 zona agricola di collina e in parte si trovano all interno di un area denominata zona agricola E4 nucleo rurale : si tratta di una zona soggetta a tutela dell ambiente circostante e alle misure di salvaguardia per l area di tutela dei Colli Berici, con possibilità di ampliamento controllate da norma. Estratto del regolamento Norme di attualizzazione del P.R.G del Comune di XXXXX ART. 13 ZONE E4 In queste zone sono ammessi ampliamenti delle abitazioni esistenti fino al 30% del volume residenziale, o con volume forfettario di 150 m 3. I caratteri di attività produttive dovranno essere compatibili con la residenza (mancanza di rumori molesti, inquinamento, accessibilità all area) e i caratteri della progettazione dovranno tenere conto delle norme generali per l inserimento nell ambiente, edificato e naturale, circostante; con esplicito divieto di materiali e forme in contrasto con la completa interazione e valorizzazione dell intero nucleo. Ai fini del mantenimento e della ricomposizione del nucleo familiare, sono ammesse nuove abitazioni e servizi per un indice massimo fondiario di 1 m 3 /m 2. Per gli interventi realizzati ai sensi del precedente comma deve essere istituito un vincolo decennale da trascrivere nei registri immobiliari per la non variazione della destinazione d uso e per la non alienazione e la non locazione della nuova a- bitazione a società o enti di qualsiasi genere o a persone non appartenenti al nucleo familiare del richiedente. Esiste la possibilità di ristrutturazione parziale o modificazione dell edificio esistente con salvaguardia delle preesistenze ambientali e nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e dei materiali; le nuove costruzioni devono integrarsi alle preesistenze, oltre che per la forma, i tipi e i materiali, attraverso il razionale uso degli spazi comuni (accessi, cortili, aie ). (per la visione approfondita del materiale della destinazione urbanistica e dei vincoli di edificabilità previsti per le sottozone nominate si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell allegato n 5. Copia del PRG vigente e dei relativi articoli sulla tutela del patrimonio ambientale ) 14

15 2.5 CRONISTORIA DELL IMMOBILE L edificio originale (comprendente entrambe le proprietà attualmente divise riunite sotto un unica proprietà) è stato costruito all inizio degli anni 60 (1963) con funzione di locale di ristorazione (osteria) con annessa drogheria. Esso ha svolto regolare esercizio commerciale dal 1965 al dicembre 1996, anno di chiusura per cessata attività. In seguito a questioni ereditarie, l immobile è stato spartito tra le due proprietarie attuali (vedi l allegato n xx atto notarile del 13/07/1998). A partire da agosto 1998 sono iniziati i lavori di restauro e di rimessa a nuovo dell immobile (proprietà A); i lavori di riconversione degli spazi commerciali ad unità abitativa hanno previsto: 1. rifacimento completo dell impianto idraulico (con la creazione di due nuovi bagni uno a piano terra, uno al piano primo e relativi scarichi; manutenzione dell impianto fognario; sostituzione del precedente impianto di riscaldamento con tubature nuove); 2. riammodernamento dell impianto a gas Gpl preesistente con sostituzione del precedente bombolone di gas e- sterno e aggiunta della nuova caldaia (interna); 3. rifacimento completo dell impianto elettrico; 4. rifacimento completo degli intonaci interni (al piano terra) e ritinteggiatura di tutti gli ambienti interni; 5. restauro degli originari pavimenti a palladiana nel salone centrale a pianterreno e in tutte le stanze e camere al primo piano; rifacimento delle restanti pavimentazioni (nuove); rifacimento del rivestimento marmoreo delle scale interne; 6. rifacimento completo del manto di copertura in coppi, con sostituzione della membrana isolante; 7. restauro generale dei serramenti (specialmente a pian terreno), con inserimento anche di infissi nuovi al pian terreno e di una nuova porta d ingresso in ferro battuto. In seguito sono state effettuate alcune migliorie all abitazione: 1. nel 2000 è stata divisa la pertinenza del cortile pavimentato prospiciente la casa attraverso l inserimento di una siepe divisoria; 2. nel 2001 è stato posizionato il cancello ad apertura automatica nell ingresso alla proprietà su strada ed è stato realizzato il completamento della recinzione esterna con una ringhiera lavorata in ferro; 3. nel 2005 è stato completato il rifacimento del manto di copertura di una porzione retrostante dell immobile che contiene la piccola unità abitativa di un piano e 55 m 2 complessivi; 4. nel 2006 è stato realizzato un piccolo porticato leggero (pompeiana) davanti al box auto separato dalla casa, e che può fungere da n 2 posti auto coperti. 15

16 2.6 DESCRIZIONE PARTICOLAREGGIATA DELL IMMOBILE L edificio si sviluppa su due piani. Al piano terra è presente un ampio soggiorno illuminato (45,36 m 2 ) che funge da unico locale cucina, zona pranzo e zona salotto; direttamente collegata ad esso è una stanza studio (13,47 m 2 ). Nel salone centrale è presente una grande stufa a legna, rivestita in pietra. Dalla sala centrale si accede attraverso due porte da una parte al vano scala che conduce al piano superiore; dall altra ad una seconda zona di servizio. Questa si compone di un ampia stanza di servizio (24,26 m 2 ), una zona lavanderia con disbrigo e un bagno (5,04 m 2 ), una dispensa/ripostiglio (7,65 m 2 ). Da questa stanza si accede a due locali cantina (20,15 m 2 ) e deposito (deposito legna, materiale giardinaggio) (27,12 m 2 ), il più grande dei quali presenta anche un camino di notevoli dimensioni; Al primo piano si accede dalla scala. Esso si compone da un ampio salone-corridoio dal quale si accede ad una stanza da bagno (7,36 m 2 ) e alle quattro camere da letto: due ampie camere singole (14,58 e 14,17 m 2 ), una camera matrimoniale (17,01 m 2 ) e una piccola camera singola per ospiti (8,91 m 2 ). Sono presenti inoltre un piccolo ripostiglio e un altro ampio locale (15,60 m 2 ) che funge da magazzino; da questo è possibile raggiungere la seconda unità abitativa che assieme alla prima compongono la proprietà dell immobile. Questa seconda unità è un appartamento di un piano di 55 m 2 complessivi, con ingresso indipendente anche dall esterno, composto da un ingresso-corridoio (7,82 m 2 ), una zona giorno con angolo cottura e zona salotto (20,24 m 2 ), un bagno (5,6 m 2 ) e una camera matrimoniale (14,14 m 2 ). Attualmente l appartamento è vuoto, e necessita di lavori di miglioramento qualora volesse essere reso nuovamente abitabile. Accanto alla casa è presente un piccolo box auto ad un piano, dotato di portone a basculante, di 31,2 m 2 ; esso funge anche da casa di ricovero per attrezzi e come deposito legna; recentemente è stata costruita una struttura porticata leggera di fronte ad esso (pompeiana), che costituisce 2 posti auto coperti (all esterno). (per la visione approfondita delle planimetrie si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell allegato n 2. Planimetrie dell immobile ) 16

17 3. PROFILO TECNICO DEL BENE 3.1 CARATTERISTICHE TECNICHE L immobile è realizzato con muri portanti di struttura solida con una copertura di tipo tradizionale, con manto in coppi di laterizio. La tipologia edilizia è quella della villetta bifamiliare, ma essendo stato costruito negli anni 60 presenta una soluzione formale piuttosto semplice. 3.1.a GRADO DELLE FINITURE E DEGLI IMPIANTI Attualmente la casa presenta un grado più che buono delle finiture interne (di particolare pregio sono i pavimenti a Palladiana nell ampio corridoio-sala al primo piano, il rivestimento marmoreo delle scale e la qualità degli infissi interni), mentre necessiterebbe di alcune migliorie per quanto riguarda le finiture esterne: oltre a una generale riverniciatura esterna, sarebbe consigliata la rimozione di parte degli intonaci esterni nell angolo nord della casa (lasciando il sottostante muro a sasso in vista) per risolvere alcuni problemi dovuti all umidità di risalita e alla formazione di condensa interstiziale. Il sistema impiantistico è in buono stato, l immobile è dotato di un impianto di riscaldamento autonomo e di una grande stufa a parete nella sala centrale al pian terreno, di discreto pregio. Tutti gli impianti sono rispondenti alla normativa e nonostante l edificio sia usato e da tempo abitato il suo stato manutentivo si può considerare buono. Il grado generale di conservazione esterna può considerarsi medio-buono. 3.1.b VINCOLI Le analisi e le verifiche effettuate consentono di affermare che l immobile si presenta libero da qualsiasi tipo di vincolo e di ipoteca. Attualmente la casa è occupata, mentre l unità abitativa più piccola è libera. (Non trattandosi però di una stima in previsione di una vendita, questo elemento non compromette l integrità del valore del bene stesso) (per la visione approfondita della documentazione fotografica si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell Allegato n 3: Documentazione fotografica dell immobile ) 17

18 3.2 COMPUTO DELLA SUPERFICIE COMMERCIALE Il computo della consistenza della superficie commerciale dell immobile oggetto di stima ha tenuto conto delle norme per il conteggio delle superfici (quote comprensive dei muri esterni e della metà dei muri confinanti con altre unità immobiliari adiacenti), nonché dell utilizzo della ponderazione di tutte quelle superfici che facevano riferimento alle pertinenze dell immobile stesso. In particolare, per il calcolo dei coefficienti di ponderazione delle superfici delle pertinenze si è fatto ricorso alle indicazioni fornite in merito dalla Norma UNI A fronte di queste premesse il calcolo della superficie commerciale si compone come segue: Descrizione Superficie lorda (m 2 ) Coefficiente di differenziazione Superficie commerciale (m 2 ) prima unità immobiliare Piano terra 127, ,3 Cantina e deposito 55,64 0,5 27,82 Primo piano 127, ,3 seconda unità immobiliare Appartamentino 55, ,64 Terrazze e balconi / / / Box auto chiuso 42 0,8 33,6 Giardino 232 0,15 34,8 totale 406,46 (per la visione approfondita delle planimetrie si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nel Allegato n 2: Planimetrie dell immobile. CONCLUSIONE Alla fine, considerando un arrotondamento per eccesso al m 2 intero, la superficie commerciale dell intera proprietà risulta essere pari a 407 m 2. 18

19 4. ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE 4.1 PREMESSA GENERALE L analisi del mercato immobiliare nella zona in cui si trova l immobile oggetto di stima, volta alla ricerca di altri beni immobili simili (comparables) il cui prezzo potesse essere confrontato con il bene immobile in oggetto per determinarne il più probabile valore di stima, ha presentato alcune difficoltà. Fondamentalmente queste difficoltà si sono riscontrate per il fatto che il bene immobile oggetto di stima (porzione di villetta bifamiliare confinante con una attività commerciale) rappresenta una tipologia residenziale che nel territorio del Comune di XXXXX non trova particolare diffusione. Come infatti confermato dalle fonti dirette (le Agenzie immobiliari, vedi il paragrafo successivo) nel territorio del Comune di XXXXX è comunemente diffusa la tipologia della villetta singola su lotto, bene immobile che in una zona collinare di grande pregio paesaggistico è molto richiesta nelle azioni di compravendita e che di fatto determina il valore notevole del prezzo degli immobili in questo territorio. La tipologia presa in esame, invece, si è rivelata quasi come una sorta di unicum, con pochissimi riscontri nel territorio del Comune (per quanto riguarda le compravendite). Questo non significa che sia una tipologia assente, ma semplicemente un settore di mercato che non trova particolare riscontro. Infatti, accade che le attività commerciali che presentano unità abitative contigue siano nella maggior parte delle volte abitate dagli stessi gestori delle attività, per cui non sono inserite nel mercato delle compravendite. È risultato inoltre difficile utilizzare fonti indirette che trattano maggiormente le grandi città (ad es. Fiaip, Gabetti ) per il fatto che il mercato immobiliare si riferiva a realtà periferiche e particolari e non ai centri urbani. Vista dunque la difficoltà di trovare informazioni sulle pubblicazioni specializzate, si è deciso di prendere in considerazione nella ricerca anche il mercato immobiliare del territorio di XXXXX (zona collinare), quartiere alla periferia di XXXXX. Questa operazione è stata ritenuta legittima per i seguenti motivi: 1. La zona di XXXXX presenta (mediamente) la stessa distanza dal centro di XXXX che caratterizza il luogo dov è ubicato l immobile oggetto di stima (5-10 Km), quindi la vicinanza ai servizi presenti in centro città e nell immediata periferia è sostanzialmente la stessa; (caratteristiche posizionali estrinseche simili) 2. La conformazione del terreno collinare è molto simile a quella del territorio del Comune di XXXXXX, per quanto riguarda pendenze e dislivelli medi; 3. (elemento più significativo dal punto di vista immobiliare) Da analisi delle fonti indirette emerge che i valori minimi, massimi e medi di ville e villini, come delle abitazioni civili, nei due comuni coincidono nello stesso range di parametri (scostamenti di /m 2 ); Per questi motivi si è ritenuto lecito procedere come si è di fatto agito. 19

20 Di seguito si riportano per un confronto le tabelle con i valori delle varie tipologie desunti dall Agenzia del territorio. Banca dati delle quotazioni immobiliari Anno Semestre 2 Provincia: Comune: Tipologia prevalente: Destinazione: XXXXXXXX XXXXXXXXXX Abitazioni civili / ville e villini Residenziale Tipologia Localizzazione Stato conservativo Valore mercato ( /mq) Valori locazione ( /mq per mese) Abitazioni civili centro NORMALE Min ,3 Max ,7 semicentro NORMALE Min 970 3,5 Max ,3 periferia NORMALE Min 910 3,3 Max ,3 Ville e villini centro NORMALE Min ,4 Max ,9 semicentro NORMALE Min ,7 Max ,4 periferia NORMALE Min 910 3,3 Max ,3 Anno Semestre 2 Provincia: Comune: Tipologia prevalente: Destinazione: XXXXXXX XXXXXXXXX Abitazioni civili / ville e villini Residenziale Tipologia Localizzazione Stato conservativo Valore mercato ( /mq) Valori locazione ( /mq per mese) Abitazioni civili centro NORMALE Min ,4 Max ,8 semicentro NORMALE Min 990 3,6 Max ,4 periferia NORMALE Min 930 3,2 Max ,4 Ville e villini centro NORMALE Min ,5 Max semicentro NORMALE Min ,8 Max ,5 periferia NORMALE Min 930 3,3 Max ,3 20

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA Che tipo di abitazione Avete deciso di acquistare una casa. Vediamo gli aspetti più importanti da controllare sotto il profilo tecnico- legale. Non fatevi scrupolo a

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Il valore complementare

Il valore complementare Il valore complementare Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D a.a.2007-08 Definizione Il valore complementare viene definito quale valore attribuibile ad un bene riguardato come parte di un insieme di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Elenco Domande per Argomento

Elenco Domande per Argomento Elenco Domande per Argomento Estimo 100 L'estimo può essere definito come la disciplina che insegna a formulare: giudizi di convenienza alla realizzazione di opere private o pubbliche giudizi di ordine

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli