Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa 2006-2007"

Transcript

1 Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura ClaSa corso di laurea in Scienze dell architettura aa corso di Estimo prof. arch. Federica di Piazza assistente: arch. Tania Parisotto studenti: Barbara Dal Bo Zanon , Andrea Carpin , Posenato Enrico , Roncari Emanuela ESERCITAZIONE 1 Stima del valore di mercato di un bene immobile

2 INDICE GENERALE 0. SINTESI E CONCLUSIONI DELLA STIMA pag PREMESSA pag IDENTIFICAZIONE DEL BENE 2.1 Caratteristiche generali 2.1.a Localizzazione dell immobile 2.1.b Descrizione dell immobile 2.1.c Vincoli giuridici 2.2 Individuazione catastale dei fabbricati e dei terreni 2.2.a Catasto fabbricati 2.2.b Catasto terreni 2.3 Stima del valore dei terreni 2.4 Situazione urbanistica e rispondenza alla normativa edilizia vigente (PRG) 2.5 Cronistoria dell immobile 2.6 Descrizione particolareggiata dell immobile 3. PROFILO TECNICO DEL BENE 3.1 Caratteristiche tecniche 3.1.a Grado delle finiture e degli impianti 3.1.b Vincoli 3.2 Computo della superficie commerciale 4. ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE 4.1 Premessa generale 4.2 Analisi delle fonti dirette 4.3 Analisi delle fonti indirette 4.4 Analisi critica delle fonti 5. DETERMINAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA 5.1 Premessa metodologica 5.2 STIMA SINTETICA DEL VALORE DI MERCATO 5.2.a Procedimento sintetico comparativo 5.2.b Caratteristiche posizionali estrinseche 5.2.c Caratteristiche intrinseche 5.2.d Normalizzazione dei prezzi 5.3 STIMA ANALITICA DEL VALORE DI MERCATO 5.3.a Procedimento analitico ricostruttivo 5.3.b Determinazione del reddito lordo 5.3.c Determinazione delle spese in detrazione 5.3.d Determinazione del reddito netto 5.3.e Stima analitica del saggio di capitalizzazione 5.3.f Capitalizzazione dei redditi pag pag pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 16 pag. 17 pag. 18 pag pag pag. 23 pag. 24 pag. 25 pag. 26 pag pag. 29 pag pag. 33 pag. 34 pag. 35 pag. 36 pag pag. 39 Allegati pag. 40 e sg. 2

3 0. SINTESI E CONCLUSIONI DELLA STIMA L incarico commissionato dalla committenza richiedeva la stima del valore patrimoniale della signora XXXXX XXXXXX in merito ad una successione ereditaria e spartizione dello stesso patrimonio tra i figli. Esso è composto da un bene immobile a carattere residenziale (porzione di villetta bifamiliare su due piani, comprensiva di un piccolo appartamento ad un piano adiacente al fabbricato stesso), un autorimessa esterna e da una quota di terreni boschivi circostanti. Il bene immobile oggetto di stima è situato in località XXXXX di XXXXX (provincia di Vicenza) in via XXXXXXXX, n civico XX. Il bene immobile risale agli inizi del 1960, è sempre stato occupato e mantenuto e nel 1998 ha subito un accurato intervento di restauro e di messa a nuovo in particolar modo di tutto il sistema impiantistico (riscaldamento, impianto elettrico, impianto idraulico, scarichi ). La consistenza complessiva del bene immobile è di 407 m 2 commerciali. La consistenza complessiva del patrimonio fondiario è di m 2 (1,5096 Ha) di terreno. 0.a FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA DEI TERRENI Considerata l indicazione fornita da fonti indirette di diminuire del 5% i terreni che si trovano in collina, si determina una superficie terriera totale (escluse le quote di giardino comprese nel computo della superficie commerciale) di: 1,3775 (1,3775 x 0,05) = 1,3086 Ha e applicando un valore agricolo medio di /Ha (da fonti indirette) si ottiene una stima dei terreni pari a 1,3086 Ha x /Ha = b METODOLOGIE DI STIMA DEL VALORE DI MERCATO Per stimare il più probabile valore di mercato dell immobile oggetto di stima in seguito ad un analisi approfondita del mercato immobiliare della zona di Arcugnano relativa alla localizzazione del bene stesso si è operato come segue: Determinazione del valore di mercato tramite giudizio di stima sintetico con il metodo della normalizzazione dei prezzi (vista l esiguità e la non perfetta omogeneità del campione di beni considerato nella comparazione); Verifica del valore individuato tramite un giudizio di stima analitico con il metodo della capitalizzazione dei redditi; Confronto tra i valori trovati e formulazione del giudizio di stima finale. 3

4 0.c STIMA DEL VALORE DI MERCATO CON PROCEDIMENTO SINTETICO COMPARATIVO Attraverso una stima sintetica con il metodo della normalizzazione dei prezzi si è giunti ad individuare per il bene immobile oggetto di stima un valore di mercato unitario pari a 1140 /m 2 (arrotondato all Euro intero). c. posizionali estrinseche c. posizionali intrinseche Superficie commerciale Valore unitario Valore totale periferia Oltre 60 anni; buono stato 407 m /m ,00 manutentivo Per cui si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile per via sintetica sia pari a ,00. 0.d STIMA DEL VALORE DI MERCATO CON PROCEDIMENTO ANALITICO RICOSTRUTTIVO Attraverso una stima analitica con il metodo della capitalizzazione dei redditi si è giunti ad individuare per il bene immobile oggetto di stima un saggio di capitalizzazione normalizzato pari al 3,24%. Capitalizzazione dei redditi Reddito netto annuale Saggio di capitalizzazione medio 4,5% Aggiunte 0,07% Detrazioni - 1,96% Saggio di capitalizzazione 3,24% Valore di mercato Per cui si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile per via analitica sia pari a ,00. 0.e FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA DEL VALORE DI MERCATO Dato che i valori trovati con i due procedimenti si scostano di una percentuale < 2%, si ritiene che il più probabile valore di stima del bene immobile si possa calcolare come media aritmetica tra i due valori e che sia pari a ,00. valore stima sintetica valore stima analitica differenza Scostamento Valore di stima percentuale (media) , ,9 % ,00 4

5 5

6 TRATTAZIONE PARTICOLAREGGIATA Nelle pagine seguenti è descritto in maniera puntuale l intero percorso seguito nella determinazione del giudizio di stima del più probabile valore di mercato del bene immobile oggetto di stima. In calce alla relazione sono stati raccolti gli allegati contenenti la documentazione fornita dalla committente al momento della richiesta del giudizio di stima. 6

7 1. PREMESSA 1.a IDENTIFICAZIONE DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA STIMA Per la stima in questione è stato incaricato lo studio professionale Home Sweet Home spa di proprietà degli architetti Barbara Dal Bo Zanon, Andrea Carpin, Enrico Posenato ed Emanuela Roncari. 1.b IDENTIFICAZIONE DEL COMMITTENTE DELLA STIMA La perizia di stima del bene immobile preso in oggetto è stata richiesta dalla signora XXXXX XXXXXX nata a XXXXXXXXXX il XX/XX/19XX, sposata con due figli, addetta alla contabilità presso una ditta e attualmente residente in Via XXXXXXXX (Arcugnano, VI). 1.c IDENTIFICAZIONE DELLE FINALITÀ DELLA STIMA La Signora si è rivolta presso il nostro Studio associato per richiedere una previsione di stima del proprio bene immobile a destinazione residenziale, nonché delle relative proprietà terriere/boschive ad esso legate, nella prospettiva di una successione e spartizione patrimoniale dell intera proprietà ai due figli. Poiché dei due figli la secondogenita è ancora minorenne, mentre il primogenito è già maggiorenne, la Richiedente intende conoscere il valore della proprietà per poter provvedere ad una spartizione equa e che tenga conto delle diverse necessità presenti dei due figli. 1.d DATA DELL INCARICO La data dell incarico del giudizio di stima risale a giovedì 8 marzo e DATA DELLA STIMA La data della formulazione del giudizio di stima da parte dello studio associato Home Sweet Home spa risale al mese di maggio

8 1.f DOCUMENTAZIONE MESSA A DISPOSIZIONE DAL COMMITTENTE Per la formulazione della stima della proprietà è stata fornita al nostro studio da parte della Richiedente la seguente documentazione: 1. Atto di proprietà dell immobile n XXXXXXX del giorno XX/XX/19XX, redatto presso lo studio notarile del Dott. XXXXXX XXXXXXX, notaio in Vicenza, (Via XXXX XXXXXX, Vicenza) e registrato a XXXXX il giorno XX/XX/19XX; Ad esso si affianca anche la già attuata proposta divisionale dell intero fabbricato (di cui l immobile della Signora fa parte) in due unità indipendenti, essendo un tempo l unità immobiliare appartenente alla signora XXXXXXXX e l attuale attività commerciale di bar-osteria adiacente unificate in un unico edificio di co-proprietà delle signore XXXXX XXXXXX (figlia) e XXXXXXX XXXX (madre). La proposta è stata redatta dal geometra XXXXXX XXXXXX in data XX/XX/19XX. 2. Planimetrie dell immobile e relativa documentazione fotografica; 3. Identificazione dell immobile sotto il profilo catastale: estremi catastali e successive denuncie di variazioni e di adeguamenti in seguito anche alla divisione tra le due proprietarie; 4. Copia del PRG vigente nel Comune XXXX (approvato dal Consiglio Comunale con delibere n 99 in data 29/11/1994, n 103 in data 29/12/1994 e dalla Giunta Regionale Veneto con delibera n 1632 in data 06/05/1997) e della relativa documentazione specifica degli atti riguardanti le norme di edificabiltà per la zona in cui l immobile è collocato. Si fa presente che tutta la suddetta documentazione è stata presentata in forma di allegato alla presente relazione (consultabile in fine di relazione; richiami puntuali ai singoli allegati verranno chiaramente esplicitati nel corso dei capitoli successivi). 1.g DATA DEL SOPRALLUOGO Dal sopralluogo effettuato in data venerdì 23 marzo 2007 a cura dell architetto Enrico Posenato è stato possibile valutare lo stato conservativo dell immobile e inoltre verificare la corrispondenza della situazione esistente con il materiale fornito dalla committente. 8

9 2. IDENTIFICAZIONE DEL BENE 2.1 CARATTERISTICHE GENERALI Il bene immobile oggetto di stima è situato in località XXXX di XXXXX, (provincia di XXXXX) in via XXXXXXXX, n civico XX. Si tratta di un immobile residenziale, più precisamente di una porzione di villetta bifamiliare su due piani, con una quota di terreno boschivo circostante. 2.1.a LOCALIZZAZIONE DELL IMMOBILE L immobile è collocato nel Comune di XXXX, in territorio collinare (284 m slm). Esso dista 10 km circa dal centro urbano di Vicenza e circa 5 km dal primo centro urbano della periferia di Vicenza (pianura), in località XXXXX. Il bene è situato lungo Via XXXXXXXX, strada comunale, di tipologia secondaria, che distaccandosi dal Viale Riviera Berica si incammina per le colline e attraversa tutto il paese (è l unica strada principale). La strada è asfaltata, a doppia corsia di marcia e con sezione media di 5,50-6 m, priva di marciapiedi ai lati; il suo andamento segue la conformazione geologica del territorio, con pendenze variabili e tratti variamente rettilinei o tortuosi. San Rocco di Arcugnano Villabalzana 9

10 2.1.b DESCRIZIONE DELL IMMOBILE Si tratta di una porzione di villetta bifamiliare su due piani di proprietà della signora XXXXX XXXXXX (proprietario A), con ingresso indipendente a lato di Via XXXXXXXX e con giardino privato. Fa parte della proprietà anche una piccola unità residenziale di 55 m 2 complessivi, situata in contiguità con l altra unità residenziale più ampia e provvista di accesso indipendente, e una quota di terreno boschivo attorno alla casa. L immobile si trova nelle vicinanze della retrostante collina, ed è rialzato di circa 2m dalla strada trovandosi al di sopra di un podio artificiale a cui si accede tramite una rampa che lo collega alla strada. Nel giardino è presente una grande quercia centenaria di grande pregio, soggetta a controllo e registrata nei registri forestali (divieto di abbattimento, tranne per incidenti di tipo naturale). La proprietà e l immobile stesso in oggetto confinano con l attigua proprietà di XXXXXXX XXXX (proprietario B), che possiede la restante parte dell edificio: essa presenta a pian terreno un attività commerciale di ristorazione e a primo piano un unità residenziale. L edificio originale (comprendente entrambe le proprietà attualmente divise riunite sotto un unica proprietà) è stato costruito all inizio degli anni 60 (precisamente nel 1963). Nel 1998 l immobile da stimare è stato oggetto di un completo intervento di ristrutturazione e di adeguamento che lo ha portato alla sua conformazione attuale (vedi paragrafo 2.5). 2.1.c VINCOLI GIURIDICI Attualmente non esiste alcun vincolo sulla casa, essa non è soggetta a vincolo di usufrutto e a partire da gennaio 2007 è stata riscattata l ipoteca sulla casa in seguito al completamento del pagamento del mutuo stipulato al momento dei lavori di restauro della stessa. PROPRIETA A PROPRIETA B 10

11 2.2 INDIVIDUAZIONE CATASTALE DEI FABBRICATI E DEI TERRENI N.b: gli estremi catastali sono aggiornati in riferimento alla spartizione dei beni dichiarata con l atto notarile XXXXXX del XX/XX/19XX e fanno riferimento alle sole proprietà della committente. Le proprietà e i terreni sono registrati nel mappale 38 (foglio 41) presso l ufficio tecnico erariale di XXXXX; le due unità a- bitative sono registrate sotto la categoria A3 (residenza di tipo medio/economico), la pertinenza destinata ad autorimessa sotto la categoria C6 (autorimesse). 2.2.a CATASTO FABBRICATI Foglio Mappale Sub Ubicazione Categoria Classe Consistenza Rendita ( ) VI / XXXXXXX A/3 3 10,5 vani VI / XXXXXXX A/3 2 3,5 vani VI / / XXXXXXX C/ m b CATASTO TERRENI La proprietà in terreni si compone come segue: Foglio Mappale Superficie catastale Qualità Reddito dominicale Reddito agrario ha a ca Totale ( ) ( ) VI / 41 38, sub m 2 bene non censibile 0 0 (corte) VI / m 2 area urbana su cui 0 0 insiste l autorimessa VI / m 2 giardino privato VI / m 2 bosco ceduo VI / m 2 bosco ceduo VI / (ex 36/a) m 2 bosco ceduo VI / (ex 41/a) m 2 bosco ceduo VI / (ex 41/d) m 2 giardino VI / (ex 42/b) m 2 bosco ceduo

12 Riassumendo, le proprietà dei terreni si compongono di: a = 232 m 2 di giardino privato; b m 2 di corte pavimentata; c. complessivi = m 2 di bosco ceduo. Per un totale di m 2 (1,5096 Ha) di terreno 12

13 2.3 STIMA DEL VALORE DEI TERRENI Come richiesto dalla committente, si è proceduto ad effettuare una stima anche delle proprietà terriere e boschive che compongono l intera proprietà patrimoniale assieme ai fabbricati. Per fare ciò si è provveduto al reperimento degli indici di valori agricoli medi della provincia (desunti da fonte indiretta, in particolare dall Agenzia del Territorio) per quanto riguarda la zona agraria corrispondente. La tabella sottostante fa riferimento appunto ai succitati valori. Valori Agricoli Medi della provincia Annualità in aggiornamento 2006 Dati Pronunciamento Commissione Provinciale Pubblicazione sul BUR n.- del 22/12/2005 REGIONE AGRARIA N : 6 COLLI BERICI Comuni di: XXXXXXXX COLTURA Valore Agricolo Informazioni aggiuntive (Euro/Ha) BOSCO CEDUO 24000,00 1)(1) I TERRENI VANNO DIMUNUITI DEL 5% IN COLLINA E DEL 20% IN MOTAGNA. BOSCO D`ALTO FUSTO 26700,00 1)(1) I TERRENI VANNO DIMUNUITI DEL 5% IN COLLINA E DEL 20% IN MOTAGNA. FORMULAZIONE DEL GIUDIZIO DI STIMA Considerata l indicazione di diminuire del 5% i terreni che si trovano in collina, si determina una superficie terriera totale (escluse le quote di giardino che verranno in seguito comprese nel computo della superficie commerciale, opportunamente ponderate) di: 1,3775 (1,3775 x 0,05) = 1,3086 Ha e applicando il valore medio di /Ha si ottiene una stima dei terreni pari a 1,3086 Ha x /Ha =

14 2.4 SITUAZIONE URBANISTICA E RISPONDENZA ALLA NORMATIVA EDILIZIA VIGENTE (PRG) Dall analisi del PRG vigente, si è osservato che i beni immobili ricadono in parte in zona E1 zona agricola di collina e in parte si trovano all interno di un area denominata zona agricola E4 nucleo rurale : si tratta di una zona soggetta a tutela dell ambiente circostante e alle misure di salvaguardia per l area di tutela dei Colli Berici, con possibilità di ampliamento controllate da norma. Estratto del regolamento Norme di attualizzazione del P.R.G del Comune di XXXXX ART. 13 ZONE E4 In queste zone sono ammessi ampliamenti delle abitazioni esistenti fino al 30% del volume residenziale, o con volume forfettario di 150 m 3. I caratteri di attività produttive dovranno essere compatibili con la residenza (mancanza di rumori molesti, inquinamento, accessibilità all area) e i caratteri della progettazione dovranno tenere conto delle norme generali per l inserimento nell ambiente, edificato e naturale, circostante; con esplicito divieto di materiali e forme in contrasto con la completa interazione e valorizzazione dell intero nucleo. Ai fini del mantenimento e della ricomposizione del nucleo familiare, sono ammesse nuove abitazioni e servizi per un indice massimo fondiario di 1 m 3 /m 2. Per gli interventi realizzati ai sensi del precedente comma deve essere istituito un vincolo decennale da trascrivere nei registri immobiliari per la non variazione della destinazione d uso e per la non alienazione e la non locazione della nuova a- bitazione a società o enti di qualsiasi genere o a persone non appartenenti al nucleo familiare del richiedente. Esiste la possibilità di ristrutturazione parziale o modificazione dell edificio esistente con salvaguardia delle preesistenze ambientali e nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e dei materiali; le nuove costruzioni devono integrarsi alle preesistenze, oltre che per la forma, i tipi e i materiali, attraverso il razionale uso degli spazi comuni (accessi, cortili, aie ). (per la visione approfondita del materiale della destinazione urbanistica e dei vincoli di edificabilità previsti per le sottozone nominate si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell allegato n 5. Copia del PRG vigente e dei relativi articoli sulla tutela del patrimonio ambientale ) 14

15 2.5 CRONISTORIA DELL IMMOBILE L edificio originale (comprendente entrambe le proprietà attualmente divise riunite sotto un unica proprietà) è stato costruito all inizio degli anni 60 (1963) con funzione di locale di ristorazione (osteria) con annessa drogheria. Esso ha svolto regolare esercizio commerciale dal 1965 al dicembre 1996, anno di chiusura per cessata attività. In seguito a questioni ereditarie, l immobile è stato spartito tra le due proprietarie attuali (vedi l allegato n xx atto notarile del 13/07/1998). A partire da agosto 1998 sono iniziati i lavori di restauro e di rimessa a nuovo dell immobile (proprietà A); i lavori di riconversione degli spazi commerciali ad unità abitativa hanno previsto: 1. rifacimento completo dell impianto idraulico (con la creazione di due nuovi bagni uno a piano terra, uno al piano primo e relativi scarichi; manutenzione dell impianto fognario; sostituzione del precedente impianto di riscaldamento con tubature nuove); 2. riammodernamento dell impianto a gas Gpl preesistente con sostituzione del precedente bombolone di gas e- sterno e aggiunta della nuova caldaia (interna); 3. rifacimento completo dell impianto elettrico; 4. rifacimento completo degli intonaci interni (al piano terra) e ritinteggiatura di tutti gli ambienti interni; 5. restauro degli originari pavimenti a palladiana nel salone centrale a pianterreno e in tutte le stanze e camere al primo piano; rifacimento delle restanti pavimentazioni (nuove); rifacimento del rivestimento marmoreo delle scale interne; 6. rifacimento completo del manto di copertura in coppi, con sostituzione della membrana isolante; 7. restauro generale dei serramenti (specialmente a pian terreno), con inserimento anche di infissi nuovi al pian terreno e di una nuova porta d ingresso in ferro battuto. In seguito sono state effettuate alcune migliorie all abitazione: 1. nel 2000 è stata divisa la pertinenza del cortile pavimentato prospiciente la casa attraverso l inserimento di una siepe divisoria; 2. nel 2001 è stato posizionato il cancello ad apertura automatica nell ingresso alla proprietà su strada ed è stato realizzato il completamento della recinzione esterna con una ringhiera lavorata in ferro; 3. nel 2005 è stato completato il rifacimento del manto di copertura di una porzione retrostante dell immobile che contiene la piccola unità abitativa di un piano e 55 m 2 complessivi; 4. nel 2006 è stato realizzato un piccolo porticato leggero (pompeiana) davanti al box auto separato dalla casa, e che può fungere da n 2 posti auto coperti. 15

16 2.6 DESCRIZIONE PARTICOLAREGGIATA DELL IMMOBILE L edificio si sviluppa su due piani. Al piano terra è presente un ampio soggiorno illuminato (45,36 m 2 ) che funge da unico locale cucina, zona pranzo e zona salotto; direttamente collegata ad esso è una stanza studio (13,47 m 2 ). Nel salone centrale è presente una grande stufa a legna, rivestita in pietra. Dalla sala centrale si accede attraverso due porte da una parte al vano scala che conduce al piano superiore; dall altra ad una seconda zona di servizio. Questa si compone di un ampia stanza di servizio (24,26 m 2 ), una zona lavanderia con disbrigo e un bagno (5,04 m 2 ), una dispensa/ripostiglio (7,65 m 2 ). Da questa stanza si accede a due locali cantina (20,15 m 2 ) e deposito (deposito legna, materiale giardinaggio) (27,12 m 2 ), il più grande dei quali presenta anche un camino di notevoli dimensioni; Al primo piano si accede dalla scala. Esso si compone da un ampio salone-corridoio dal quale si accede ad una stanza da bagno (7,36 m 2 ) e alle quattro camere da letto: due ampie camere singole (14,58 e 14,17 m 2 ), una camera matrimoniale (17,01 m 2 ) e una piccola camera singola per ospiti (8,91 m 2 ). Sono presenti inoltre un piccolo ripostiglio e un altro ampio locale (15,60 m 2 ) che funge da magazzino; da questo è possibile raggiungere la seconda unità abitativa che assieme alla prima compongono la proprietà dell immobile. Questa seconda unità è un appartamento di un piano di 55 m 2 complessivi, con ingresso indipendente anche dall esterno, composto da un ingresso-corridoio (7,82 m 2 ), una zona giorno con angolo cottura e zona salotto (20,24 m 2 ), un bagno (5,6 m 2 ) e una camera matrimoniale (14,14 m 2 ). Attualmente l appartamento è vuoto, e necessita di lavori di miglioramento qualora volesse essere reso nuovamente abitabile. Accanto alla casa è presente un piccolo box auto ad un piano, dotato di portone a basculante, di 31,2 m 2 ; esso funge anche da casa di ricovero per attrezzi e come deposito legna; recentemente è stata costruita una struttura porticata leggera di fronte ad esso (pompeiana), che costituisce 2 posti auto coperti (all esterno). (per la visione approfondita delle planimetrie si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell allegato n 2. Planimetrie dell immobile ) 16

17 3. PROFILO TECNICO DEL BENE 3.1 CARATTERISTICHE TECNICHE L immobile è realizzato con muri portanti di struttura solida con una copertura di tipo tradizionale, con manto in coppi di laterizio. La tipologia edilizia è quella della villetta bifamiliare, ma essendo stato costruito negli anni 60 presenta una soluzione formale piuttosto semplice. 3.1.a GRADO DELLE FINITURE E DEGLI IMPIANTI Attualmente la casa presenta un grado più che buono delle finiture interne (di particolare pregio sono i pavimenti a Palladiana nell ampio corridoio-sala al primo piano, il rivestimento marmoreo delle scale e la qualità degli infissi interni), mentre necessiterebbe di alcune migliorie per quanto riguarda le finiture esterne: oltre a una generale riverniciatura esterna, sarebbe consigliata la rimozione di parte degli intonaci esterni nell angolo nord della casa (lasciando il sottostante muro a sasso in vista) per risolvere alcuni problemi dovuti all umidità di risalita e alla formazione di condensa interstiziale. Il sistema impiantistico è in buono stato, l immobile è dotato di un impianto di riscaldamento autonomo e di una grande stufa a parete nella sala centrale al pian terreno, di discreto pregio. Tutti gli impianti sono rispondenti alla normativa e nonostante l edificio sia usato e da tempo abitato il suo stato manutentivo si può considerare buono. Il grado generale di conservazione esterna può considerarsi medio-buono. 3.1.b VINCOLI Le analisi e le verifiche effettuate consentono di affermare che l immobile si presenta libero da qualsiasi tipo di vincolo e di ipoteca. Attualmente la casa è occupata, mentre l unità abitativa più piccola è libera. (Non trattandosi però di una stima in previsione di una vendita, questo elemento non compromette l integrità del valore del bene stesso) (per la visione approfondita della documentazione fotografica si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nell Allegato n 3: Documentazione fotografica dell immobile ) 17

18 3.2 COMPUTO DELLA SUPERFICIE COMMERCIALE Il computo della consistenza della superficie commerciale dell immobile oggetto di stima ha tenuto conto delle norme per il conteggio delle superfici (quote comprensive dei muri esterni e della metà dei muri confinanti con altre unità immobiliari adiacenti), nonché dell utilizzo della ponderazione di tutte quelle superfici che facevano riferimento alle pertinenze dell immobile stesso. In particolare, per il calcolo dei coefficienti di ponderazione delle superfici delle pertinenze si è fatto ricorso alle indicazioni fornite in merito dalla Norma UNI A fronte di queste premesse il calcolo della superficie commerciale si compone come segue: Descrizione Superficie lorda (m 2 ) Coefficiente di differenziazione Superficie commerciale (m 2 ) prima unità immobiliare Piano terra 127, ,3 Cantina e deposito 55,64 0,5 27,82 Primo piano 127, ,3 seconda unità immobiliare Appartamentino 55, ,64 Terrazze e balconi / / / Box auto chiuso 42 0,8 33,6 Giardino 232 0,15 34,8 totale 406,46 (per la visione approfondita delle planimetrie si rinvia alla consultazione del materiale contenuto nel Allegato n 2: Planimetrie dell immobile. CONCLUSIONE Alla fine, considerando un arrotondamento per eccesso al m 2 intero, la superficie commerciale dell intera proprietà risulta essere pari a 407 m 2. 18

19 4. ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE 4.1 PREMESSA GENERALE L analisi del mercato immobiliare nella zona in cui si trova l immobile oggetto di stima, volta alla ricerca di altri beni immobili simili (comparables) il cui prezzo potesse essere confrontato con il bene immobile in oggetto per determinarne il più probabile valore di stima, ha presentato alcune difficoltà. Fondamentalmente queste difficoltà si sono riscontrate per il fatto che il bene immobile oggetto di stima (porzione di villetta bifamiliare confinante con una attività commerciale) rappresenta una tipologia residenziale che nel territorio del Comune di XXXXX non trova particolare diffusione. Come infatti confermato dalle fonti dirette (le Agenzie immobiliari, vedi il paragrafo successivo) nel territorio del Comune di XXXXX è comunemente diffusa la tipologia della villetta singola su lotto, bene immobile che in una zona collinare di grande pregio paesaggistico è molto richiesta nelle azioni di compravendita e che di fatto determina il valore notevole del prezzo degli immobili in questo territorio. La tipologia presa in esame, invece, si è rivelata quasi come una sorta di unicum, con pochissimi riscontri nel territorio del Comune (per quanto riguarda le compravendite). Questo non significa che sia una tipologia assente, ma semplicemente un settore di mercato che non trova particolare riscontro. Infatti, accade che le attività commerciali che presentano unità abitative contigue siano nella maggior parte delle volte abitate dagli stessi gestori delle attività, per cui non sono inserite nel mercato delle compravendite. È risultato inoltre difficile utilizzare fonti indirette che trattano maggiormente le grandi città (ad es. Fiaip, Gabetti ) per il fatto che il mercato immobiliare si riferiva a realtà periferiche e particolari e non ai centri urbani. Vista dunque la difficoltà di trovare informazioni sulle pubblicazioni specializzate, si è deciso di prendere in considerazione nella ricerca anche il mercato immobiliare del territorio di XXXXX (zona collinare), quartiere alla periferia di XXXXX. Questa operazione è stata ritenuta legittima per i seguenti motivi: 1. La zona di XXXXX presenta (mediamente) la stessa distanza dal centro di XXXX che caratterizza il luogo dov è ubicato l immobile oggetto di stima (5-10 Km), quindi la vicinanza ai servizi presenti in centro città e nell immediata periferia è sostanzialmente la stessa; (caratteristiche posizionali estrinseche simili) 2. La conformazione del terreno collinare è molto simile a quella del territorio del Comune di XXXXXX, per quanto riguarda pendenze e dislivelli medi; 3. (elemento più significativo dal punto di vista immobiliare) Da analisi delle fonti indirette emerge che i valori minimi, massimi e medi di ville e villini, come delle abitazioni civili, nei due comuni coincidono nello stesso range di parametri (scostamenti di /m 2 ); Per questi motivi si è ritenuto lecito procedere come si è di fatto agito. 19

20 Di seguito si riportano per un confronto le tabelle con i valori delle varie tipologie desunti dall Agenzia del territorio. Banca dati delle quotazioni immobiliari Anno Semestre 2 Provincia: Comune: Tipologia prevalente: Destinazione: XXXXXXXX XXXXXXXXXX Abitazioni civili / ville e villini Residenziale Tipologia Localizzazione Stato conservativo Valore mercato ( /mq) Valori locazione ( /mq per mese) Abitazioni civili centro NORMALE Min ,3 Max ,7 semicentro NORMALE Min 970 3,5 Max ,3 periferia NORMALE Min 910 3,3 Max ,3 Ville e villini centro NORMALE Min ,4 Max ,9 semicentro NORMALE Min ,7 Max ,4 periferia NORMALE Min 910 3,3 Max ,3 Anno Semestre 2 Provincia: Comune: Tipologia prevalente: Destinazione: XXXXXXX XXXXXXXXX Abitazioni civili / ville e villini Residenziale Tipologia Localizzazione Stato conservativo Valore mercato ( /mq) Valori locazione ( /mq per mese) Abitazioni civili centro NORMALE Min ,4 Max ,8 semicentro NORMALE Min 990 3,6 Max ,4 periferia NORMALE Min 930 3,2 Max ,4 Ville e villini centro NORMALE Min ,5 Max semicentro NORMALE Min ,8 Max ,5 periferia NORMALE Min 930 3,3 Max ,3 20

La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi

La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi 25.X.2005 I procedimenti di stima del valore di mercato. Una sintesi Procedimenti di stima Sintetici comparativi Analitici ricostruttivi Monoparamatrici

Dettagli

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005 Udienza 01/02/2011 TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Contro N Gen. 1669/2005 Giudice Dr. Filippo Maria TROPIANO Custode Giudiziario Avv. Leonardo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Determinazione del valore di mercato

Determinazione del valore di mercato INAIL DIREZIONE REGIONALE PUGLIA Consulenza Tecnica per l Edilizia Settembre 2014 RELAZIONE TECNICO ESTIMATIVA Appartamento in Lecce Via Martiri d Otranto 2 piano primo int. 2 RELAZIONE TECNICO - ESTIMATIVA

Dettagli

Determinazione del valore di mercato

Determinazione del valore di mercato INAIL DIREZIONE REGIONALE PUGLIA Consulenza Tecnica per l Edilizia Settembre 2014 RELAZIONE TECNICO ESTIMATIVA Appartamento in Lecce Via Martiri d Otranto 2 piano quinto int. 10 RELAZIONE TECNICO - ESTIMATIVA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

La stima del valore delle aree

La stima del valore delle aree Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto La stima del valore delle aree Docente:

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7 Caso 7 Stima del mercato rurale mediante il criterio del valore di trasformazione: valore di trasformazione di una corte colonica ubicata in un podere nella pianura Bolognese Indice 1. Conferimento dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA RIVIERA 20 ALLOGGIO EPV0030 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE

AERONAUTICA MILITARE AERONAUTICA MILITARE 15 STORMO 515 GRUPPO S.L.O. Sezione Servizi Impianti Nucleo Tecnico Via Confine, 547 48015 CERVIA (RA) RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA ARN 1155 Via Marecchiese, 110 Palazzina n 20,

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma Allegato A Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ERM3234

Dettagli

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi:

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi: Parte zero COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi costi: - rifacimento imp elettrico :9.000 - sostituzione infissi : 10.000 - sostituzione sanitari in bagno

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA TASSO 2/A PALAZZINA DEMANIALE ALLOGGIO EPV0007 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Procedimenti pluriparametrici

Procedimenti pluriparametrici Corso di estimo D La stima del valore di mercatoprocedimenti sintetici pluriparametrici Procedimenti pluriparametrici Quando: in assenza di un campione significativo di dati Come: analisi delle caratteristiche

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PREMESSA E SCOPO Con la presente, il sottoscritto Ing. Francesco Guerrera iscritto all' Albo professionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI COMO VIA FRIGERIO 1/B PALAZZINA B ALLOGGIO ECO0018 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE

COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE www.aliceappunti.altervista.org UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI INGEGNERIA INDIRIZZO INGEGNERIA CIVILE/EDILE COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE

Dettagli

PERIZIA DI STIMA. di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze

PERIZIA DI STIMA. di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze PERIZIA DI STIMA di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze n 7 e 9. Il sottoscritto tecnico ha ricevuto incarico dai proprietari di procedere alla stima dell immobile

Dettagli

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto)

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto) A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che alcune rifiniture dell alloggio sono ancora da ultimare. Per cui: V. =. 409.080,00 4% =. 392.716,80 Sub. 15 (appartamento)

Dettagli

Codice CRIF Codice Istituto. Nome Cognome Telefono Cellulare Email. Nome Cognome Iscrizione all'albo Certificato CCS B02

Codice CRIF Codice Istituto. Nome Cognome Telefono Cellulare Email. Nome Cognome Iscrizione all'albo Certificato CCS B02 Data Richiesta Codice CRIF Codice Istituto Anagraficaperizie Richiedenti Nome Cognome Telefono Cellulare Email Istituto Denominazione Perito Filiale 00002 Nome Cognome Iscrizione all'albo Certificato CCS

Dettagli

Ufficio Provinciale di Milano

Ufficio Provinciale di Milano Il sistema di calcolo del valore normale e sue applicazioni Martino Brambilla Agenzia del Territorio Ufficio Provinciale di Milano Valore normale Valore normale Calcolo delle consistenze Calcolo delle

Dettagli

ITG E. MAJORANA 2^ simulazione della 2^ prova scritta di ESTIMO effettuata il 18 marzo 2014 prof. Onofrio Frenda

ITG E. MAJORANA 2^ simulazione della 2^ prova scritta di ESTIMO effettuata il 18 marzo 2014 prof. Onofrio Frenda 2^ SIMULAZIONE DELLA 2^ PROVA SCRITTA DI ESTIMO Anno scolastico 2013-14 Svolta il 18 marzo 2014 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ SVOLTA DAGLI ALUNNI GRIMA SARA E BONVISSUTO FILIPPO (alunni della 5^A

Dettagli

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di Stima delle aree edificabili secondo l aspetto economico del p.p.v. di trasformazione Esempio di calcolo plano-volumetrico su lotto edificabile 30 x 22 m. Sia da valutare un area edificabile ricadente

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * *

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * * TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * * Fallimento XXXXXX R.G. 08 /2013 Giudice Delegato: Dott. Alessandro Farolfi Curatore: Dott. Marco Minguzzi OGGETTO: PERIZIA DI STIMA IMMOBILIARE

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

STIMA DEI FABBRICATI

STIMA DEI FABBRICATI STIMA DEI FABBRICATI CRITERI DI STIMA COSTO DI COSTRUZIONE STIMA PER COMPARAZIONE CON I PREZZI DI MERCATO STIMA PER CAPITALIZZAZIONE VALORE DI TRASFORMAZIONE Stima fabbricati 1 PROCEDIMENTO ANALITICO:

Dettagli

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA REGGIO EMILIA Via Antonio Allegri n 10 ALLOGGIO ERE0019 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

giudice: dr. g. stano

giudice: dr. g. stano TRIBUNALE ORDINARIO DI LUCERA - procedura esecutiva n. 169/11 - giudice: dr. g. stano BANCA APULIA Spa - Avv. G. Tancredi - C O N T R O creditore Esecutato debitore CONSULENZA TECNICA ESTIMATIVA EPURATA

Dettagli

Esecuzione immobiliare n 434/2008. G.E. Dott. A.M. FABBRO. Promossa da. Contro. [omissis] e [omissis]

Esecuzione immobiliare n 434/2008. G.E. Dott. A.M. FABBRO. Promossa da. Contro. [omissis] e [omissis] TRIBUNALE DI TREVISO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO Esecuzione immobiliare n 434/2008 G.E. Dott. A.M. FABBRO Promossa da CLARIS FINANCE 2003 S.R.L. Contro [omissis] e [omissis]

Dettagli

Esecuzione Immobiliare 192/2010. b. identificazione catastale Comune SAN VENDEMIANO (TV) - NUOVO CATASTO EDILIZIO URBANO

Esecuzione Immobiliare 192/2010. b. identificazione catastale Comune SAN VENDEMIANO (TV) - NUOVO CATASTO EDILIZIO URBANO Tribunale di Treviso - Sezione Esecuzioni Immobiliari Esecuzione Immobiliare 192/2010 PERIZIA DI STIMA PERIZIA 01) INDIVIDUAZIONE DEL BENE PIGNORATO a. indirizzo Comune: SAN VENDEMIANO (TV) Località e

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * *

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * * TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI RAVENNA SEZIONE FALLIMENTARE * * * Fallimento XXXXX R.G. 08 /2013 Giudice Delegato: Dott. Alessandro Farolfi Curatore: Dott. Marco Minguzzi OGGETTO: PERIZIA DI STIMA IMMOBILIARE

Dettagli

T R I B U N A L E D I T R E V I S O * * * * * ESECUZIONE IMMOBILIARE : n. 491/2008 RG. UDIENZA DEL 05.10.2011

T R I B U N A L E D I T R E V I S O * * * * * ESECUZIONE IMMOBILIARE : n. 491/2008 RG. UDIENZA DEL 05.10.2011 T R I B U N A L E D I T R E V I S O * * * * * ESECUZIONE IMMOBILIARE : n. 491/2008 RG. UDIENZA DEL 05.10.2011 BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. c o n t r o [omissis] e [omissis] GIUDICE ESECUTORE: DOTT.

Dettagli

AGENZIA IMMOBILIARE. info@ethika.pro. Settembre -Ottobre 2011 Periodico di informazione immobiliare

AGENZIA IMMOBILIARE. info@ethika.pro. Settembre -Ottobre 2011 Periodico di informazione immobiliare AGENZIA IMMOBILIARE Corso Guà Dea Piccini, 42 37044 Cologna Veneta (Vr) Tel. 0442 412525 info@ethika.pro Settembre -Ottobre 2011 Periodico di informazione immobiliare L o n i g o - A l o n t e - O r g

Dettagli

Stima del valore di un asse ereditario e determinazione delle quote di diritto e delle quote di fatto

Stima del valore di un asse ereditario e determinazione delle quote di diritto e delle quote di fatto Stima del valore di un asse ereditario e determinazione delle quote di diritto e delle quote di fatto Sessione anno 1999 Seconda prova scritto-grafica Una persona coniugata con due figli F 1 e F 2 titolare

Dettagli

C O M U N E D I M E S A G N E. Provincia di Brindisi. Via Roma. Telefono: 0831/732241 Telefax: 0831/732258 AREA SERVIZI CULTURALI E PATRIMONIALI

C O M U N E D I M E S A G N E. Provincia di Brindisi. Via Roma. Telefono: 0831/732241 Telefax: 0831/732258 AREA SERVIZI CULTURALI E PATRIMONIALI C O M U N E D I M E S A G N E Provincia di Brindisi Via Roma Telefono: 0831/732241 Telefax: 0831/732258 AREA SERVIZI CULTURALI E PATRIMONIALI Servizio Patrimonio PERIZIA DI STIMA Oggetto: STIMA DI UN FABBRICATO

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE SECONDA FALLIMENTARE. JAMMETTI FRANCESCO & C. nonché dei soci illimitatamente responsabili ============

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE SECONDA FALLIMENTARE. JAMMETTI FRANCESCO & C. nonché dei soci illimitatamente responsabili ============ TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE SECONDA FALLIMENTARE Fallimento RG. n. 683/02 : CONFEZIONE ARTIGIANA FAJ S.N.C. DI JAMMETTI FRANCESCO & C. nonché dei soci illimitatamente responsabili Sig. Jammetti Francesco

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO - Prof- G. Marchi

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO - Prof- G. Marchi UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO Prof G. Marchi http://www.unica.it/~armic/estimo/index.htm Allievo Matricola Anno Accademico 2004/2005.G Caratteristiche dell'immobile oggetto di stima

Dettagli

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 a cura della Commissione Stime immobiliari e catasto A seguito del DL 31/5/2010 n. 78 art. 19

Dettagli

TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. Giudice dell Esecuzione: Dott. Michele Cuoco. procedura n.388/2010 del R.G.

TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI. Giudice dell Esecuzione: Dott. Michele Cuoco. procedura n.388/2010 del R.G. TRIBUNALE DI BENEVENTO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI Giudice dell Esecuzione: Dott. Michele Cuoco procedura n.388/2010 del R.G.E Causa promossa dalla Banca Popolare di Ancona contro Tommasiello Maria

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA STUDIO GEOM. MAZZOLI PIETRO GIOVANNI Via Mazzini nr. 26 25043 Breno (BS) TRIBUNALE DI BRESCIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari RELAZIONE DI STIMA DEI BENI PIGNORATI RG N 1219/2012 Es. Imm. Giudice Dell Esecuzione

Dettagli

Tipo Perizia: Standard. Oggetto: Appartamento 1 - PARMA (PR) VIA SILVIO PELLICO, 99 [Fabbricato, f. 99, m. 333, s. 9] cat. A3

Tipo Perizia: Standard. Oggetto: Appartamento 1 - PARMA (PR) VIA SILVIO PELLICO, 99 [Fabbricato, f. 99, m. 333, s. 9] cat. A3 1 di 8 Tipo Perizia: Standard Oggetto: Appartamento 1 - PARMA (PR) VIA SILVIO PELLICO, 99 [Fabbricato, f. 99, m. 333, s. 9] cat. A3 NDG: Riferimento pratica: Destinatario rapporto di valutazione: Referente:

Dettagli

Procedimento sintetico di costo

Procedimento sintetico di costo Procedimento sintetico di costo La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del più probabile costo di costruzione di un opera fondata sul confronto dell opera da

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle aree edificabili. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle aree edificabili. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle aree edificabili Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss Stima delle aree edificabili Un area è edificabile quando in base agli strumenti

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO

TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO TRIBUNALE CIVILE DI TREVISO SEZIONE DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. R.G.E. 566/2009 RELAZIONE DI PERIZIA DI STIMA DELL ALLOGGIO E RELATIVO GARAGE OGGETTO DI ESECUZIONE IN COMUNE

Dettagli

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 Ottobre 2007 Pagina 1 di 15 Contenuto della stima. Capo 1 1.1 Introduzione

Dettagli

Via Garibaldi 56-3455 Roma - RM - lazio - Italia

Via Garibaldi 56-3455 Roma - RM - lazio - Italia Questo esempio di perizia di stima è stata realizzato con ACTASTIME Pro versione 41 I dati inseriti nella perizia sono del tutto inventati a solo scopo dimostrativo. Qualsiasi riferimento e a cose o persone

Dettagli

RELAZIONE DI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO PER LA STIMA DI BENE IMMOBILE DELLA DITTA DI BELLA ALFIO.

RELAZIONE DI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO PER LA STIMA DI BENE IMMOBILE DELLA DITTA DI BELLA ALFIO. Dott. Arch Massimo D Asaro TRIBUNALE DI SIRACUSA SEZIONE FALLIMENTARE n.: 41/1998 Fallito: Di Bella Alfio. Giudice Delegato al fallimento: Dott.ssa Veronica Milone RELAZIONE DI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO

Dettagli

3. DESCRIZIONE DEL LOTTO

3. DESCRIZIONE DEL LOTTO 3. DESCRIZIONE DEL LOTTO TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI Es. Imm. N.rg. 140/2010 Trattasi di porzione di fabbricato ad uso abitativo, con magazzino e area scoperta di pertinenza, situata

Dettagli

Superficie commerciale: Mq. 73,00. Canone annuo: unità immobiliare non locata. Condominio: Si

Superficie commerciale: Mq. 73,00. Canone annuo: unità immobiliare non locata. Condominio: Si STUDIO TECNICO GEOMETRA MICHELE COSTANZO COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA RELAZIONE TECNICA del 26-09-2012 Settore Ambiente e Patrimonio Ufficio Patrimonio Codice Elenco Patrimonio Comunale: n. Provincia:

Dettagli

Scopo e struttura della comunicazione

Scopo e struttura della comunicazione Approfondimento # 2 Analisi di mercato e web Lezione di approfondimento individuale # 2 Valore di mercato A cura arch. Mirko Bisulli Scopo e struttura della comunicazione La comunicazione ha un duplice

Dettagli

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Nota per la compilazione del piano economico-finanziario (PEF) Sommario Premessa... Elementi generali... 3

Dettagli

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO Direzione Regionale per la Lombardia STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO Via dei Pini 7, Pieve Emanuele (MI) scala G, 4 piano, int. 7 Indice ASPETTI GENERALI... 2 Pag.1/7 ESTREMI

Dettagli

Corso di Estimo, prof. Micelli A.a. 2013-14 BOBBO Francesco 276701, ZANUSO Davide 276405. VALUTAZIONE ECONOMICA del PROGETTO

Corso di Estimo, prof. Micelli A.a. 2013-14 BOBBO Francesco 276701, ZANUSO Davide 276405. VALUTAZIONE ECONOMICA del PROGETTO VALUTAZIONE ECONOMICA del PROGETTO 0 INDICE 1 RELAZIONE DESCRITTIVA 1.1 Localizzazione 1.2 Descrizione del bene oggetto di stima e calcolo della consistenza 2 STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO

Dettagli

Perizia di stima unità immobiliari all interno di Palazzo Piana di proprietà del Comune di Badia Polesine

Perizia di stima unità immobiliari all interno di Palazzo Piana di proprietà del Comune di Badia Polesine Comune di Badia Polesine Provincia di Rovigo Perizia di stima unità immobiliari all interno di Palazzo Piana di proprietà del Comune di Badia Polesine 31 ottobre 2011 Dott. Federico Muraro Stima del valore

Dettagli

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Ufficio Provinciale di Milano Estratto da COMMA 335 ART. 1 LEGGE 311/2004 REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Microzona 14 V. Monti 307 Sempione 308 Microzona 1 Mascheroni

Dettagli

Olbia rif. 395. rif. 395

Olbia rif. 395. rif. 395 Zona Via Vittorio Veneto alta. Ottime condizioni. Anno di costruzione 1995. Villino caposchiera su tre livelli in contesto residenziale con condominio. Piano terra: Soggiorno pranzo, cucina, bagno e verande

Dettagli

TRIBUNALE DI COMO FALLIMENTARE. Fallimento. N. Gen. Rep. 0048/2013. Giudice Delegato Dr.ssa Paola Parlati Curatore Dr.

TRIBUNALE DI COMO FALLIMENTARE. Fallimento. N. Gen. Rep. 0048/2013. Giudice Delegato Dr.ssa Paola Parlati Curatore Dr. TRIBUNALE DI COMO FALLIMENTARE Fallimento N. Gen. Rep. 0048/2013 Giudice Delegato Dr.ssa Paola Parlati Curatore Dr. Eliseo Bancora RAPPORTO DI STIMA Tecnico incaricato: Arch. Heimdall Studio - www.hestudio.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA

RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA Il sottoscritto Arch. Paolo Pozzaglio, con studio in Chiari, Via San Bernardino n. 8, regolarmente iscritto all'ordine degli Architetti della Provincia di Brescia al n. 1746,

Dettagli

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Caso 0 Copyright 2004 The Companies srl Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Indice Conferimento dell incarico e quesito di

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE

POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE POLICY DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE Sommario PREMESSA... 3 REQUISITI DEI PERITI... 3 REDAZIONE DELLE PERIZIE... 4 SCHEMA GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE PERIZIE DI STIMA DI IMMOBILI... 5 2 PREMESSA La corretta

Dettagli

www.demarcoimmobiliare.it

www.demarcoimmobiliare.it Mettiamo energia e diamo serenità al Vostro acquisto CASTELGOMBERTO: nuovo bicamere al piano terra con giardino e terrazzo. Muratura da 45cm, riscaldamento a pavimento serr bianchi.. 189.000 TRISSINO:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA SETTORE III COSTRUZIONI AD USO SANITARIO E ALTRI USI DIVERSI DAL DIREZIONALE PERIZIA DI STIMA RELATIVA

Dettagli

***** Controllando la documentazione fornita al sottoscritto, si è constatato che la documentazione ex art. 567 c.p.c. risulta completa, ovvero:

***** Controllando la documentazione fornita al sottoscritto, si è constatato che la documentazione ex art. 567 c.p.c. risulta completa, ovvero: RELAZIONE TECNICA DEL C.T.U. Oggetto: Perizia tecnico-estimativa dei beni oggetto della Procedura Esecutiva n.73/12 R.E. del Tribunale di Arezzo, in favore di UNICREDIT S.p.A. ed a carico del signor, nato

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO Comune di VICENZA c.a.p. 36100 UNITA IMMOBILARE IN: Via Pierluigi da Palestrina, 134 Fabbricato

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA E PERIZIA DI STIMA IMMOBILI SITI IN BIASSONO (MILANO) CONCORDATO PREVENTIVO N. 7/2009 SAN MICHELE S.P.A.

TRIBUNALE DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA E PERIZIA DI STIMA IMMOBILI SITI IN BIASSONO (MILANO) CONCORDATO PREVENTIVO N. 7/2009 SAN MICHELE S.P.A. TRIBUNALE DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA E PERIZIA DI STIMA IMMOBILI SITI IN BIASSONO (MILANO) CONCORDATO PREVENTIVO N. 7/2009 SAN MICHELE S.P.A. COMMISSARIO GIUDIZIALE: DOTT. ALBERTO FACELLA GIUDICE DELEGATO:

Dettagli

a v v e r t e n z e 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse 1.2. Avvertenze di tipo generale per la lettura dei dati

a v v e r t e n z e 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse 1.2. Avvertenze di tipo generale per la lettura dei dati 4Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia 1 semestre 2013 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse La presente pubblicazione - edita a cura di O.S.M.I. Borsa Immobiliare,

Dettagli

Dicembre 2013 gennaio 2014 Periodico di informazione immobiliare. Cologna Veneta (VR) C.so Guà, 42 0442 412525

Dicembre 2013 gennaio 2014 Periodico di informazione immobiliare. Cologna Veneta (VR) C.so Guà, 42 0442 412525 Dicembre 2013 gennaio 2014 Periodico di informazione immobiliare Ethika s.a.s. P.iva 03111600239 C.C.I.I.A. 310314 Cologna Veneta (VR) C.so Guà, 42 0442 412525 L o n i g o ( V I ) V ia Giulio Pont e d

Dettagli

NOMINATIVO RICHIEDENTE

NOMINATIVO RICHIEDENTE N PERIZIA 26 NOMINATIVO RICHIEDENTE SAPAM IMMOBILIARE S.R.L. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA ALESSANDRIA COMUNE FUBINE CAP 15043 INDIRIZZO VIA TENUTA MARGARA D 5 SUPERFICIE MQ. 69,63 VALORE 56.000,00 Pagina

Dettagli

AGENZIA IMMOBILIARE Ethika S.a.s. di Conte Franco & C. Corso Guà Dea Piccini, 42 37044 Cologna Veneta (Vr)

AGENZIA IMMOBILIARE Ethika S.a.s. di Conte Franco & C. Corso Guà Dea Piccini, 42 37044 Cologna Veneta (Vr) AGENZIA IMMOBILIARE Ethika S.a.s. di Conte Franco & C. Corso Guà Dea Piccini, 42 37044 Cologna Veneta (Vr) Tel. 0442 412525 Fax 0442 412518 info@ethika.pro Maggio Giugno 2011 Periodico di informazione

Dettagli

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1 ALLEGATI Allegato 1 1. Coefficienti di destinazione e di piano Coeff. di piano per abitazioni plurifamiliari Piano Edifici con ascensore Edifici senza ascensore p. terreno e rialzato 0.97 p. primo 0.94

Dettagli

SANTO STEFANO DI CAMASTRA

SANTO STEFANO DI CAMASTRA COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA Provincia di Messina PROGETTO ESECUTIVO PER I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI DEL SENSO CIVICO PON FESR SICUREZZA E SVILUPPO - OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 Ubicazione Planimetria sub 7 LOTTO N. 9 Planimetria sub 8 LOTTO N. 10 Stato dell immobile sub 7 LOTTO N. 9 Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato di forma rettangolare

Dettagli

Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara

Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara Regione Moretta n.1 15049 VIGNALE Monferrato (AL) Tel e fax 0142 926296 - Cell. 333 2397206 E-mail info@agenziamonferrato.it Sito: www.agenziamonferrato.it

Dettagli

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061

DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061 DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA TARANTO RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI TARANTO VIA MAGNAGHI, 10 Alloggio AST - MTA0061 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3.

Dettagli

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA 1 Villa Elisa in Mira- Riviera del Brenta Venezia progetto architetto Arnaldo Abate Città: Mira Provincia: Venezia Prezzo richiesto : 1.200.000,00 Proprietario : privato

Dettagli

Le fonti per la stima dei valori

Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Comunicazione curata da arch. Barbara Bolognesi Lo scopo della comunicazione Lo scopo della comunicazione è quello presentare in modo critico

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

Si precisa che le operazioni peritali svolte presso i locali in data 25/01/2010

Si precisa che le operazioni peritali svolte presso i locali in data 25/01/2010 TRIBUNALE DI CREMONA Cancelleria Fallimentare FALLIMENTO Nr 24/ 2009 Il sottoscritto Ingegner Alessandro Laudati, nato a Cremona il 16/05/1968, ivi residente, con studio in Viale Trento e Trieste 53, iscritto

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA VERIFICA DI CONGRUITA VALORI

TRIBUNALE DI BRESCIA VERIFICA DI CONGRUITA VALORI TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO N. 23/09 ENTRA S.P.A. GIUDICE DELEGATO: DOTT.CARLO BIANCHETTI COMMISSARIO GIUDIZIALE: DOTT. SSA CLARA STERLI VERIFICA DI CONGRUITA VALORI Brescia, 27.10.2009

Dettagli

COSTRUIAMO LA TUA CASA

COSTRUIAMO LA TUA CASA VENDITA DIRETTA - 0432 575379 Visione d insieme ville D ed E Due ville di pregio e qualità a Godia nella immediata periferia Nord-Est di Udine con vista diretta sulle prime propaggini delle Alpi Orientali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI STIMA

RELAZIONE TECNICA DI STIMA RELAZIONE TECNICA DI STIMA Descrizione: immobile con destinazione terziario- commerciale Localizzazione: Comune di Sala Consilina in via Casino Oliva Proprietario: Banca Popolare dell'emilia Romagna Richiedente:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA REGIONALE VENETO COMUNE DI PADOVA UNITA IMMOBILIARE DI VIA MARTIRI DELLA LIBERTA N. 4 SCALA A PIANO 5 INT. 8 FOGLIO

Dettagli

LOTTO n. 30 Santa Croce 2301

LOTTO n. 30 Santa Croce 2301 LOTTO n. 30 Santa Croce 2301 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo mediocre, con struttura portante in muratura,

Dettagli

Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente

Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente ART. 1 - BENEFICIARI I mutui ipotecari sono concessi in favore dei: a) dipendenti assunti a tempo indeterminato con qualsiasi tipologia

Dettagli

Tel. 0516640983 Cell. 3385273913 info@immobiliarebentivoglio.it www.immobiliarebentivoglio.it

Tel. 0516640983 Cell. 3385273913 info@immobiliarebentivoglio.it www.immobiliarebentivoglio.it AFFITTO BENTIVOGLIO Euro 460 RIF. 2686RA97383 Appartamento - Vani 2 - In Centro paese comodo a tutti i servizi accessibili tranquillamente a piedi appartamento bilocale ristrutturato composto di: ingresso

Dettagli

P A G L I A & A S S O C I A T I

P A G L I A & A S S O C I A T I Spett. Comune di Peschiera Borromeo Via 25 aprile, 1 c.a. Dott.ssa M.Patrizia Corvo 20068 MILANO ANTICIPATA E MAIL corvo@peschieraborromeo.com Genova, 01.02.2008 A seguito dei contatti telefonici intercorsi,

Dettagli

Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara

Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara Agenzia Immobiliare Monferrato di Carla Averara Regione Moretta n.1 15049 VIGNALE Monferrato (AL) Tel e fax 0142 926296 - Cell. 333 2397206 E-mail info@agenziamonferrato.it Sito: www.agenziamonferrato.it

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

ultimata (sub. 7) si ritiene di applicare il valore intero pari a. 2.400,00/ mq.

ultimata (sub. 7) si ritiene di applicare il valore intero pari a. 2.400,00/ mq. di un 20%, (. 2.400,00 20%) pari a. 1.920,00/mq. Invece per la villetta ultimata (sub. 7) si ritiene di applicare il valore intero pari a. 2.400,00/ mq. Per cui avremo: App.to al p. terra con cantina (sub.

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio RELAZIONE DI STIMA Finalizzata alla determinazione del valore venale dell area attualmente di proprietà privata, da alienare in via XXV Aprile a Tagliuno Il Perito Geom. Paolo Fiumi Settembre 2015 indice

Dettagli

Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12. Sezione VII. Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari

Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12. Sezione VII. Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12 Sezione VII Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari Procedura di espropriazione immobiliare promossa da Unicredit S.p.A. (avv. Picedi Benettini Eugenio) Condominio

Dettagli

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione MUTUO ACQUISTO Immobile esistente o di nuova costruzione DOCUMENTI BASE da consegnare in filiale (in copia) DESCRIZIONE DOVE RECUPERARLI 1) ATTO DI PROVENIENZA o del terreno Tipicamente è costituito da

Dettagli

Già Fallimento Immobiliare G.P.R. Immobiliare di Segattini Rita Paola & C.s.a.s.

Già Fallimento Immobiliare G.P.R. Immobiliare di Segattini Rita Paola & C.s.a.s. Fallimento Italy BB accomodation di F.D Amico & C. s.a.s. Tribunale di Varese R.F. n.3274 Già Fallimento Immobiliare G.P.R. Immobiliare di Segattini Rita Paola & C.s.a.s. Relazione di Stima degli immobili

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli