Indice. Annual Report Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Annual Report 2011. 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad"

Transcript

1

2 Annual Report 2011

3 Indice Annual Report Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente 7 Introduzione di Francesco Pugliese, direttore generale 10 Identità 33 Scenario 33 L economia mondiale 34 L economia italiana 35 I consumi delle famiglie 35 Gli investimenti 35 Le esportazioni e le importazioni 36 La produzione industriale 36 I prezzi e i costi al consumo 36 I prezzi e i costi alla produzione 36 L occupazione 37 La distribuzione 40 Report attività 40 I risultati nel mercato 40 Le acquisizioni 42 Le posizioni nel mercato 44 I canali 45 Convenienza, distintività e fidelizzazione 46 La marca commerciale 50 Gli investimenti in comunicazione 50 L innovazione 52 L internazionalizzazione 52 Le vendite all estero 54 per l ambiente 54 Cittadinanza d impresa

4

5 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte presidente Cari soci, con la chiusura dell esercizio al 31/12/2011, il Consorzio archivia un anno decisamente positivo, con risultati che assumono un rilievo anche maggiore, se si considera il contesto nel quale sono stati conseguiti. Ci accingiamo quindi a sottoporre all Assemblea dei soci in calendario il prossimo 19 giugno un bilancio di cui siamo orgogliosi e che ci conduce in un anno segnato da un altro importante traguardo per : il cinquantesimo anniversario dalla fondazione, che peraltro coincide con l Anno Internazionale delle Cooperative, proclamato dall Assemblea delle Nazioni Unite. I 50 anni di sono un occasione irripetibile per ribadire la validità del modello cooperativo, ancor più in una fase congiunturale come quella che sta vivendo il Paese. Un modello che pone al centro dell agire la persona e valori condivisi, applicati giorno dopo giorno, nel lavoro e nell impegno di ciascuno: dei soci, dei dipendenti e dei manager. Capitale umano e coesione sono infatti gli elementi su cui si fondano le nostre imprese: sentire la cooperativa come parte di sé, come il luogo nel quale investire professionalità e capacità imprenditoriali, è alla base del patto intergenerazionale che distingue le nostre dalle altre imprese. In una cooperativa gli utili vengono reinvestiti in sviluppo, in occupazione, nella crescita di nuove competenze. Ecco perché le cooperative non sono contendibili : non appartengono a nessuno, se non alle generazioni future, ai cooperatori di domani che un giorno festeggeranno i 100 anni di. È questo che rende il modello cooperativo distintivo e valido anche e soprattutto in questa difficile congiuntura economica. ha raggiunto una propria maturità sociale, cresciuta in virtù della tradizione cooperativa che è alla base delle politiche di sviluppo e delle iniziative che ci vedranno impegnati anche nell esercizio in corso e in quelli successivi. Siamo ciò che la storia e i nostri valori ci hanno reso in cinquant anni di lavoro: un sistema forte e coeso che, grazie alle persone, alla gente di, sa guardare al futuro con la consapevolezza che cooperare è prima di tutto fare. Fare insieme, nell interesse di tutti. Ribadire questi concetti, senza dar nulla per scontato, è l invito che rivolgo a tutti i soci a partire dall Assemblea ormai prossima, affinché si adoperino, in tutte le sedi e le occasioni, per ricordare chi siamo e perché ne siamo orgogliosi.

6

7 7 Introduzione di Francesco Pugliese direttore generale Cari amici, quando a conclusione del 2011, nella stretta della crisi non solo economica, ma anche politica e istituzionale del Paese, organizzammo la tradizionale convention con i fornitori intitolandola In tempi estremi, non potevamo immaginare quanto questo titolo sarebbe stato profetico. Oggi più di prima si ha l impressione che stiano vacillando le certezze su cui abbiamo costruito i nostri sistemi di previsione, l idea di crescita e di sviluppo e il senso stesso del futuro. Il nostro Paese sta riscoprendo la propria fragilità e persino la solida terra emiliana che 50 anni fa ha visto nascere il nostro Consorzio e tantissime altre realtà economiche riconosciute come eccellenze in Italia e all estero ha subito un durissimo colpo; un emergenza che non ha nulla a che vedere con la crisi, ma che presto proprio con la crisi dovrà fare i conti. In questo nuovo paesaggio economico e sociale, ci sono almeno due elementi ai quali possiamo ancorarci con fiducia. Il primo è la ciclicità insita nella vita: gli equilibri a un certo punto si rompono, ma la vita è sempre più forte e dalle macerie nascono nuove cose. Dobbiamo solo decidere dove vogliamo collocarci, se vogliamo essere spettatori o protagonisti della ricostruzione. L Emilia ferita dal terremoto non delegherà ad altri il proprio futuro, potete scommetterci. Il secondo elemento è che l uomo è un animale sociale e come tale, proprio nei momenti di difficoltà tende a unirsi, a condividere, a cercare soluzioni insieme a chi gli sta accanto. Noi sappiamo che un azienda cooperativa come la nostra con i valori, le persone e la storia che ci distingue non resterà in attesa: anche nell Italia della crisi e della ricostruzione farà la sua parte, da protagonista, insieme ai soci, ai fornitori e ai clienti. Siamo abituati ad agire e a pensare al plurale e continueremo a farlo, nell interesse di tutti. Anche i risultati del 2011 lo testimoniano. Siamo tra le poche catene della distribuzione che continuano a crescere, in controtendenza. Voglio ricordare che nel 2005, quando annunciammo di voler raddoppiare il giro d affari della marca commerciale entro nel 2012, incontrammo qualche scetticismo. Invece, quel risultato lo abbiamo raggiunto proprio nell esercizio appena concluso, con un anno di anticipo. Non solo. La marca continua a crescere e con tassi decisamente superiori alla media delle private label: un risultato di cui siamo particolarmente orgogliosi, anche perché sappiamo che il merito è anche dei nostri soci del lavoro che ogni giorno svolgono nel punto vendita, del rapporto di collaborazione costruito con i nostri fornitori e, non ultimo, del Consorzio, che ha saputo dare ai clienti di la migliore qualità unita alla massima convenienza. Sempre nel corso dell esercizio, abbiamo portato avanti un progetto di canalizzazione decisamente impegnativo con l introduzione dell insegna City che ha coinvolto centinaia di punti vendita in pochi mesi. Lo avevamo annunciato e lo abbiamo fatto, in un anno di recessione, di tensioni e di incertezza. Il piano di lavoro per il 2012 è ugualmente impegnativo, il contesto anche più difficile, ma siamo fiduciosi perché, come qualcuno ha detto, il futuro è più forte di qualsiasi crisi.

8

9 9 Da 50 anni vicini al cliente, al socio, alla comunità.

10 10 IDENTITÀ Consorzio Nazionale Dettaglianti è la più vasta organizzazione in Italia di imprenditori indipendenti del commercio al dettaglio. Un originale modello distributivo fondato sulla figura del commerciante-cooperatore, ovvero dell imprenditore del commercio associato in cooperativa, protagonista di un network che vede nel Consorzio lo strumento di orientamento e di sintesi dell intero sistema. Dal punto di vista societario, è un consorzio (aderente a Legacoop) che aggrega otto grandi cooperative, le quali complessivamente associano circa dettaglianti in tutto il Paese: un network cooperativo oggi leader nel canale dei supermercati, nonché seconda catena della distribuzione commerciale in Italia. Sul piano operativo, il sistema è quindi strutturato su tre livelli: - i soci titolari dei punti vendita, associati in cooperativa; - le cooperative di base, che operano nelle diverse aree del Paese supportando gli associati e coordinando l attività commerciale a livello territoriale (con servizi amministrativi, commerciali, logistici e finanziari); - il Consorzio nazionale, che agisce da centrale di acquisto, di servizi, marketing e comunicazione per tutto il sistema, curando anche la produzione, la promozione e lo sviluppo della marca commerciale. La storia La storia di è quella di un gruppo di piccoli dettaglianti che, tra la fine degli anni Cinquanta e l inizio dei Sessanta, spinti dal desiderio di emanciparsi dal potere dei grossisti, smentirono la vocazione individualista comunemente attribuita al commerciante e decisero di associarsi per affrontare uniti il mercato. La Seconda Guerra Mondiale era finita da poco più di un decennio e il Paese era deciso a lasciarsi alle spalle orrori e povertà per crescere rapidamente, ricostruire e soprattutto costruire un mondo nuovo. Dettaglianti, bottegai, piccoli e piccolissimi esercenti, ma anche contadini e operai senza lavoro, insieme imparavano il mestiere di cooperatore. Fondarono i primi gruppi cooperativi di acquisto, poi si associarono con altre esperienze simili che stavano nascendo un po in tutto il Paese e, il 13 maggio 1962, a Bologna, siglarono l atto costitutivo di, il Consorzio Nazionale Dettaglianti. Così è nata l insegna che tutti conosciamo e che in cinquant anni è divenuta la seconda catena della distribuzione commerciale in Italia. Un sistema cooperativo complesso, ancora oggi sorretto da un gruppo oggi molto più consistente di commercianti associati, persone che hanno compiuto una scelta di campo: cooperare per crescere meglio e insieme, soci, clienti e territorio.

11 11 Il sistema punti di vendita mq di superficie di vendita soci collaboratori 10,6% la quota di mercato 10,160 miliardi di fatturato della rete di vendita +4% la crescita rispetto al famiglie fedeli che fanno la spesa tutte le settimane in

12 12 Le 8 cooperative aderenti al consorzio CIA Commercianti Indipendenti Associati Romagna, Friuli-Venezia Giulia, alcune province delle Marche e del Veneto Adriatico Alcune province delle Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Albania Centro Nord Lombardia e alcune province dell Emilia del Tirreno Toscana, Sardegna e alcune province della Liguria e del Lazio Sicilia Province della parte orientale della Sicilia e Malta Nordiconad Piemonte, Valle d Aosta e alcune province dell Emilia, della Liguria e del Veneto. In Trentino è presente attraverso Dao, Dettaglianti Alimentari Organizzati PAC 2000A Umbria, Campania, Calabria e alcune province del Lazio Sicilconad Province di Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta e Messina Il Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione è composto dal presidente, dal direttore generale e da 12 consiglieri in rappresentanza delle cooperative associate. La cultura aziendale di rende tale assise aperta al dialogo nel rispetto delle altrui opinioni, luogo in cui si procede all amministrazione ordinaria e straordinaria, si dibattono le linee strategiche di sviluppo del sistema nel suo complesso, si verificano l andamento della gestione e l applicazione delle regole di governo. Il direttore generale È compito del direttore generale individuare e proporre ai soci del Consorzio le politiche di sviluppo di medio e lungo termine, facendosi garante dello svolgimento delle attività secondo quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione. Dal 2004 il ruolo di direttore generale è ricoperto da Francesco Pugliese al quale, nel corso dell esercizio 2011, in seguito all uscita dell amministratore delegato Camillo De Berardinis, sono state ampliate le procure. Le direzioni organizzative Le direzioni sono le unità organizzative e operative che presiedono all attuazione degli indirizzi strategici forniti dal Consiglio di Amministrazione. Sono raggruppate in base alla funzione delle attività da svolgere e hanno la finalità primaria dell impiego ottimale delle risorse al fine del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

13 Identità 13 la governance Presidente Mario Natale Mezzanotte Vice Presidente Silvano Ferrini Direttore generale Francesco Pugliese Consiglieri Claudio Alibrandi Francesco Arena Ugo Baldi Vladimiro Cecchini Antonio Di Ferdinando Marzio Ferrari Ivano Ferrarini Mauro Lusetti Maurizio Pavone Aldo Pisano Giorgio Ragusa Danilo Toppetti Il management Direttore generale Francesco Pugliese Direttore commerciale Francesco Avanzini Direttore marketing e private label Giuseppe Zuliani Direttore canale iper e non food Ivan Molinari Direttore loyalty e canali distributivi Alberto Moretti Direttore amministrazione e finanza Mauro Bosio Direttore del personale Moreno Batani

14 14 Cia Commercianti Indipendenti Associati Via dei Mercanti 3 Forlì tel Province di competenza Ancona Belluno Como Forlì-Cesena Gorizia Pordenone Pesaro e Urbino Ravenna Rimini Rovigo Trieste Treviso Udine Venezia Vicenza Verona Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc 2/ Superstore 19/ / City 120/ Margherita - Sapori&Dintorni - Discount - In totale 202 punti di vendita per una superficie di mq Fatturato 817 milioni di euro (+8,5% rispetto al 2010) Quota di mercato 7,7% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 157 Dipendenti Innovazione di servizio Distributori di carburante 1 Parafarmacie 4 Ottica 2 Cremeria Sapori&Dintorni 2

15 15

16 16

17 17 Adriatico Via Manzoni 14 Monsampolo del Tronto (Ascoli Piceno) Tel Province di competenza Ancona Ascoli Piceno Bari Brindisi Campobasso Chieti Fermo Foggia Isernia L Aquila Lecce Macerata Matera Pescara Potenza Taranto Teramo La cooperativa è presente in Albania a Tirana Durazzo Selita Valona Kavaje Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc 9/ Superstore 17/ / City 133/ Margherita 52/ Sapori&Dintorni - Discount 25/ L Alimentare 45/5.885 Fatturato 890,7 milioni di euro (+2,7% rispetto al 2010) Quota di mercato 11,61% (Fonte: GNLC Nielsen) Adriatico è leader di mercato in Abruzzo (24,5%) e Molise (23,6%) Soci 287 Dipendenti Innovazione di servizio Parafarmacie 10 Ottica 2 24 su 24 1 In totale 339 punti di vendita per una superficie di mq

18 18 Centro Nord Via Kennedy 5 Campegine (Reggio Emilia) tel Province di competenza Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Parma Pavia Piacenza Reggio Emilia Sondrio Varese Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc - Superstore 6/ / City 32/ Margherita 71/9.466 Sapori&Dintorni - Discount - In totale 204 punti di vendita per una superficie di mq Fatturato 937 milioni di euro (+6,9% rispetto al 2010) Quota di mercato 5,02% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 454 Dipendenti Innovazione di servizio Distributori di carburanti 1 Parafarmacie 2

19 19

20 20

21 21 del Tirreno Via Bure Vecchia Nord 10 Pistoia tel Province di competenza Arezzo Cagliari Carbonia-Iglesias Firenze Grosseto La Spezia Livorno Lucca Massa-Carrara Medio Campidano (Villacidro Sanluri) Nuoro Ogliastra Olbia-Tempio Oristano Pisa Pistoia Prato Roma Sassari Siena Viterbo Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc 11/ Superstore 40/ / City 117/ Margherita 59/9.225 Sapori&Dintorni 2/790 Discount - In totale 335 punti di vendita per una superficie di mq Fatturato 2,1 miliardi di euro (+2,7% rispetto al 2010) Quota di mercato 13,72% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 215 Dipendenti Innovazione di servizio Distributori di carburanti 4 Parafarmacie 16

22 22 Sicilia Contrada Fargione Aggl. Ind. Modica-Pozzallo Modica (Ragusa) tel Province di competenza Agrigento Caltanissetta Catania Enna Messina Ragusa Siracusa La cooperativa è presente nella Repubblica di Malta Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc - Superstore 6/ / City 39/ Tradizionali 60/8.770 Sapori&Dintorni - Fatturato 225,9 milioni di euro (+1% rispetto al 2010) Quota di mercato 6,55% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 120 Dipendenti Discount 2/940 In totale 139 punti di vendita per una superficie di mq

23 23

24 24

25 25 Nordiconad Via Danimarca 50 Modena tel Province di competenza Alessandria Aosta Asti Biella Bologna Cuneo Ferrara Genova Imperia Mantova Modena Novara Savona Torino Verbania Vercelli In Trentino-Alto Adige Nordiconad opera con l associata Dao nelle province di Trento e Bolzano Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc 6/ Superstore 6/ / City 142/ Margherita 162/ Sapori&Dintorni - Discount - Altre insegne 51/ In totale 464 punti di vendita per una superficie di mq (I dati sono comprensivi dell associata Dao, che opera in Trentino-Alto Adige) Fatturato milioni di euro (+4,1% rispetto al 2010) Quota di mercato 8,36% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 236 (197 società socie) Dipendenti Innovazione di servizio Distributori di carburanti 5 Parafarmacie 12 Ottica 5 Cremeria Sapori&Dintorni 1

26 26 PAC 2000A Via del Rame Ponte Felcino (Perugia) tel Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc 5/ Fatturato 2,2 miliardi di euro (+7,8% rispetto al 2010) Province di competenza Avellino Benevento Caserta Catanzaro Cosenza Crotone Frosinone Latina Napoli Perugia Potenza Reggio Calabria Rieti Roma Salerno Terni Vibo Valentia Superstore 42/ / City 153/ Margherita 400/ Sapori&Dintorni - Discount 161/ (Pdv totali a insegna Todis che fanno capo al gruppo PAC 2000A di cui 123 nell area e 38 sul territorio nazionale) In totale punti di vendita per una superficie di mq Quota di mercato 16,98% (Fonte: GNLC Nielsen) PAC 2000A è leader di mercato in Umbria (23,7%) Soci 986 Dipendenti Innovazione di servizio Distributori di carburanti 3 Parafarmacie 4 Ottica 1

27 27

28 28

29 29 Sicilconad Via Madonna del Ponte s/n Partinico (Palermo) tel Province di competenza Agrigento Caltanissetta Enna Messina Palermo Trapani Rete di vendita pdv (n.)/ superficie (mq) E.Leclerc - Superstore 15/ / Fatturato 394,3 milioni di euro (+5,7% rispetto al 2010) Quota di mercato 17,03% (Fonte: GNLC Nielsen) Soci 112 City 35/ Dipendenti Margherita 59/ Sapori&Dintorni - Discount 11/4.965 EmmeStore 3/1.590 Tradizionali 11/1.337 In totale 193 punti di vendita per una superficie di mq

30

31 31 Un anno impegnativo per le economie del mondo.

32 32

33 SCENARIO L economia mondiale Nel 2011 l economia mondiale ha registrato un rallentamento. Il prodotto interno lordo è cresciuto del 3,9%, valore in calo rispetto alla crescita del 5,3% registrata nell anno precedente, e il divario tra i ritmi di sviluppo delle principali aree si è accentuato. La crescita delle economie avanzate, infatti, si è dimezzata, attestandosi all 1,6%, mentre quella dei paesi emergenti e in via di sviluppo si è ridotta in misura assai più contenuta, arrestandosi al 6,2%, fornendo il contributo principale alla crescita mondiale. La fase di debolezza congiunturale è proseguita nel primo trimestre del 2012, più accentuata in Europa, meno negli Stati Uniti e nelle economie emergenti. Le differenze nella dinamica dell attività economica si sono fatte più acute anche tra i paesi avanzati. Negli Stati Uniti la crescita, molto modesta nella prima parte dell anno, ha ripreso vigore nella seconda; nel Regno Unito è rimasta assai contenuta, frenata dalla caduta della domanda interna e dall aumento della disoccupazione; in Giappone è divenuta negativa, risentendo dei gravi danni alla struttura produttiva causati dal terremoto che ha colpito il Paese nel marzo del Nei paesi emergenti e in via di sviluppo, dove l espansione ha continuato a essere sostenuta principalmente dalla domanda interna, l attività economica ha subito un rallentamento diffuso nella seconda metà del In paesi come la Cina, l India e soprattutto il Brasile, che nel 2010 avevano sperimentato una ripresa assai rapida e dove la capacità produttiva era tornata su un livello prossimo al pieno utilizzo, la decelerazione ha riflesso principalmente gli effetti delle politiche restrittive messe in atto nella prima metà dell anno, in risposta alle pressioni inflazionistiche. A questo fattore si è aggiunto, verso la fine del 2011, l indebolimento della domanda estera, in particolare quella dell area dell euro. Le economie appartenenti all Unione Europea (UE-27) sono cresciute nel complesso dell 1,5% nel 2011, un valore simile a quello registrato nell area dell euro.*

34 34 L economia italiana Nel 2011 il Pil dell Italia ha rallentato: la crescita è scesa, in media d anno, dall 1,8 allo 0,4%. Il peggioramento della fase ciclica è stato particolarmente intenso nella seconda metà dell anno, quando è iniziata una contrazione dell attività economica, proseguita all inizio del Il livello del prodotto nei primi tre mesi dell anno in corso era inferiore del 6% rispetto al precedente picco ciclico, raggiunto nel primo trimestre del La flessione del Pil dalla seconda metà del 2011 è in larga parte attribuibile alle conseguenze della crisi del debito sovrano nell area dell euro, che dall estate ha investito il mercato italiano. L aggravarsi delle tensioni finanziarie ha reso più difficile la provvista delle banche, ripercuotendosi sulle politiche di prestito al settore privato e, quindi, sulla domanda nazionale, in particolare per investimenti. Questi ultimi hanno risentito, inoltre, del permanere di ampi margini inutilizzati di capacità produttiva e dell andamento negativo del comparto delle costruzioni. Nel 2011 anche la spesa per consumi delle famiglie si è indebolita, riflettendo la flessione del reddito disponibile in termini reali e il progressivo deterioramento della fiducia dei consumatori, conseguente alle crescenti preoccupazioni legate alle condizioni del mercato del lavoro. Le esportazioni hanno continuato a fornire il principale stimolo all attività economica, pur risentendo dell indebolimento del ciclo economico internazionale. Il contributo dell interscambio con l estero alla crescita del Pil è stato di 1,4 punti percentuali. L inflazione al consumo è salita di oltre un punto percentuale, al 2,8% in media d anno. L aumento ha riflesso sia l andamento dei prezzi dell energia e degli alimentari, sospinti dai rincari delle quotazioni internazionali delle materie prime, sia, nella seconda parte dell anno, l effetto dei rialzi delle imposte indirette. All inizio del 2012 la dinamica dei prezzi è rimasta sopra il 3%; al netto della componente fiscale sarebbe inferiore di circa un punto percentuale, pressoché in linea con quella media dell area.*

35 Scenario 35 I consumi delle famiglie Dopo la moderata ripresa nel 2010, lo scorso anno i consumi delle famiglie italiane hanno mostrato un sostanziale ristagno (0,2% in volume). Alla flessione degli acquisti di beni non durevoli e semidurevoli (rispettivamente -0,8% e -0,3%), si è aggiunta la contrazione degli acquisti di prodotti durevoli (-1,8%, -12,9% nel complesso dell ultimo quadriennio). A quest ultima, nel 2011 ha contribuito il calo di quasi dieci punti percentuali della spesa in mezzi di trasporto, solo parzialmente compensata dall incremento di quella in mobili, elettrodomestici e beni a elevato contenuto tecnologico. La spesa in servizi è cresciuta dell 1,6%, soprattutto nelle componenti della ricreazione e della cultura. Particolarmente marcata, nella media dell anno, è poi la flessione della spesa per i generi alimentari (-1,3%). In termini di spesa pro-capite il dato del 2011 riporta i livelli indietro di quasi trent anni: si deve tornare ai primi anni 80 per scendere al di sotto dei euro annui destinati alla spesa alimentare. Se negli ultimi cinque anni gli italiani hanno ridotto dell 11% i consumi, quelli dei beni alimentari nel 2011 sono calati, in termini quantitativi, del 2%, segnando la difficoltà di spesa delle famiglie italiane. Sui consumi continua a incidere la flessione del reddito disponibile reale, diminuito dello 0,6% nel 2011 e del 4,9% dal Lo scorso anno, nonostante l aumento dei redditi nominali (del 2%), il potere d acquisto è stato ridotto dall accelerazione dei prezzi.** Gli investimenti Nel 2011 gli investimenti fissi lordi sono diminuiti dell 1,9%; la flessione ha compensato quasi per intero la ripresa osservata nell anno precedente. Si è contratta sia la spesa in costruzioni (-2,8%), sia quella in macchinari e attrezzature e in beni immateriali (-1,5% e -1,3%, rispettivamente); solo gli acquisti di mezzi di trasporto sono aumentati (1,5%). La propensione a investire è rimasta stabile al 19,2%, confermandosi inferiore a quella media dell ultimo decennio (20,7%). In aggiunta ai margini ancora ampi di capacità inutilizzata hanno inciso le incerte prospettive della domanda e, dall estate, l aggravarsi delle tensioni finanziarie.* Le esportazioni e le importazioni Nel 2011 le esportazioni di beni e servizi sono aumentate del 5,6% in volume (7% per la sola componente dei beni, a fronte del ristagno di quella dei servizi), in forte decelerazione rispetto alla decisa ripresa nell anno precedente. Le esportazioni italiane di soli beni hanno recuperato gran parte della caduta subita nel corso della recessione; alla fine dello scorso anno rimanevano inferiori di oltre il 5% ai livelli precedenti l avvio della crisi economica internazionale. In Francia il divario è di circa un punto percentuale; in Germania, invece, le vendite all estero di beni si sono attestate nell ultimo trimestre del 2011 su un valore superiore di circa quattro punti percentuali rispetto al livello massimo precedente la crisi. Sulla base dei dati di commercio estero, nel 2011 l espansione delle esportazioni di beni ha riflesso principalmente i flussi verso i paesi esterni all Unione Europea; le vendite nell Unione sono state sostenute da quelle verso la Germania, che tuttavia hanno registrato un rallentamento in corso d anno. A livello settoriale la crescita è stata sospinta soprattutto dai comparti dei macchinari e attrezzature e dei metalli; andamenti favorevoli hanno riguardato anche le esportazioni di prodotti tradizionali (tessile, abbigliamento e pelli), farmaceutici e apparecchi elettronici. Nel primo trimestre dell anno in corso si è registrata una sostanziale tenuta dei volumi esportati. Le importazioni di beni e servizi in volume sono cresciute in misura molto modesta (0,4%) nel complesso del 2011, frenate dalla debolezza della domanda nazionale: il rialzo della componente dei beni (1,4%) è stato bilanciato dalla flessione di quella dei servizi (-3,5%). Al ristagno degli acquisti dall estero ha inoltre

36 36 contribuito la riduzione delle agevolazioni fiscali a sostegno delle fonti energetiche rinnovabili, che nel 2010 avevano indotto un forte incremento di importazioni di prodotti del comparto fotovoltaico. Nel primo trimestre del 2012, infine, le importazioni complessive si sono contratte.* La produzione industriale Nel 2011 la maggior parte dei settori industriali ha segnato progressi modesti o diminuzioni dell attività; fanno eccezione i comparti della meccanica, della metallurgia e della fornitura di energia elettrica, che hanno registrato una crescita significativa. Nei servizi, agli incrementi del valore aggiunto nei settori del commercio e, come riflesso dei fitti imputati, nelle attività immobiliari (nell ordine dell 1,5% in entrambi i casi), si è associata la lieve diminuzione nei servizi della pubblica amministrazione, in particolare in quelli relativi all istruzione e alla sanità. L attività economica si è indebolita nel corso del 2011: negli ultimi due trimestri il Pil italiano è calato rispettivamente dello 0,2 e dello 0,7% sul periodo precedente. La flessione è proseguita nel primo trimestre dell anno in corso (-0,8%), risentendo dell ulteriore contrazione dell attività industriale (a ritmi attorno al 2%) e di quella nei servizi. I prezzi e i costi al consumo Nella media del 2011 l inflazione al consumo, misurata sulla base dell indice dei prezzi per l intera collettività nazionale (Nic), è salita al 2,8% dall 1,5 del L indice dei prezzi al consumo armonizzato (Ipca) ha registrato un incremento appena superiore (2,9%), pur mostrando in corso d anno una forte volatilità, connessa con il nuovo metodo di rilevazione dei prezzi dei prodotti stagionali introdotto in gennaio. L inflazione al consumo ha risentito dei forti rialzi dei corsi petroliferi, che si sono riflessi sia sulle tariffe energetiche (salite del 6,2%, contro la diminuzione del 4,9 registrata nel 2010), sia sui prezzi dei carburanti (14,6%, dall 11,2). Su questi ultimi hanno pesato anche gli aumenti delle imposte indirette: al netto della componente fiscale il loro incremento è stato di circa il 10%. Di questi rincari hanno risentito in particolare le famiglie meno abbienti, per le quali l incidenza dei consumi energetici sulla spesa complessiva è relativamente elevata. Alle più forti pressioni di origine estera sui prezzi si è accompagnato un aumento solo modesto di quelle interne.* I prezzi e i costi alla produzione Nella media del 2011 la crescita dell indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali venduti sul mercato interno è risultata pari al 5%. L aumento rispetto all anno precedente (3,1%) è imputabile sia alle componenti più direttamente influenzate dall andamento dei corsi internazionali delle materie prime i prodotti alimentari, intermedi ed energetici sia ai beni non alimentari destinati al consumo finale, rincarati del 2% dopo un biennio di stagnazione. Nella seconda parte dell anno, le pressioni esercitate dai costi delle materie di base si sono attenuate; ne è discesa una progressiva decelerazione dell indice dei prezzi alla produzione (3,2% sui dodici mesi lo scorso febbraio). Nelle valutazioni delle imprese intervistate nel marzo di quest anno, nell ambito dell indagine trimestrale condotta dalla Banca d Italia in collaborazione con Il Sole 24 Ore, i listini registrerebbero revisioni modeste nel 2012: le eventuali pressioni derivanti da aumenti dei costi sarebbero contrastate dalla debolezza della domanda interna.* L occupazione Nel 2011 il tasso di disoccupazione si è attestato all 8,4%, dato invariato rispetto all anno precedente. È invece cresciuto nella misura significativa di 1,3 punti percentuali tra i giovani della fascia anni, salendo così al 29,1%, in larga parte per il forte aumento tra le giovani donne del Centro e del Sud (rispettivamente 4,8 e 4 punti). L indice è aumentato anche tra gli stranieri, dall 11,6 al 12,1%, e tra coloro che hanno conseguito al massimo la licenza media (di tre decimi, al 10,6%), mentre è diminuito tra le persone in possesso della laurea (di tre decimi, al 5,4%). Nell ultimo trimestre dell anno, a fronte del nuovo indebolimento della domanda di lavoro, il tasso di disoccupazione è salito dall 8,7 del 2010 al 9,6%. Sulla base di dati preliminari il tasso sarebbe ulteriormente aumentato nel primo trimestre del 2012, raggiungendo il 10,8%, 2,2 punti in più rispetto allo stesso periodo del * Fonte: Banca d Italia ** Fonti: Banca d Italia e Istat

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 PREMESSA GENERALE... 4 PRIMA PARTE I SOGGETTI E LE FORME DELLA COMPETIZIONE ORIZZONTALE NELLA GDO... 8 CAPITOLO I LA GDO: CARATTERISTICHE, FORMATI DISTRIBUTIVI

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli