Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi"

Transcript

1 Dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi 1 gennaio maggio 2004 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 27 maggio 2004 Eventi e indicatori: Catalogo pubblicazioni Unità di Staff Statistica:

2 Al fine di favorire la diffusione e l utilizzazione dei dati, è consentita la riproduzione parziale o totale del contenuto della presente pubblicazione, subordinatamente alla citazione della fonte: Sistema Statistico Nazionale Comune di Brescia Unità di Staff Statistica Tutti i dati pubblicati, nonché le basi di dati, sono disponibili su supporto magnetico. I dati relativi al mese corrente sono PROVVISORI, in attesa di validazione da parte dell ISTAT, e divengono DEFINITIVI con la pubblicazione del mese successivo. Pertanto i dati contenuti in precedenti pubblicazioni che non concordano con quelli del presente volume si intendono rettificati. Il documento è stato realizzato da Marco Trentini e Marco Palamenghi La registrazione dei dati è stata curata da Mariateresa Belleri e Gianluca Cescatti Il catalogo delle pubblicazione dell UdS Statistica del Comune di Brescia è disponibile su Le seguenti basi di dati Base di dati Fonte Periodo riferimento MIBTEL Il sole 24 ore 1 gennaio 2000-maggio 2004 Euro/Dollaro ( ) Il sole 24 ore 1 gennaio 2000-maggio 2004 Quotazioni Petrolio Brent ($ e ) Il sole 24 ore 1 gennaio 2000-maggio 2004 Quotazioni Petrolio WTI ($ e ) Il sole 24 ore 1 gennaio 2000-maggio 2004 Quotazioni Oro ($ e ) Il sole 24 ore 1 gennaio 2000-maggio 2004 Prezzi carburanti Brescia ( ) Comune di Brescia 1 gennaio maggio 2004 Prezzi giornalieri carburanti consigliati ( ) Ministero Attività Produttive Gennaio maggio 2004 Prezzi medi settimanali carburanti ( ) Ministero Attività Produttive Maggio Maggio 2004 Indice dei prezzi per voce di capitolo - Italia ISTAT Gennaio Maggio 2004 Indice dei prezzi per voce di capitolo - Brescia Comune di Brescia Gennaio Maggio 2004 utilizzate per la realizzazione di questo documento, sono disponibili, a richiesta, in formato Excel, contattando l Ufficio di Diffusione dell Informazione Statistica del Comune di Brescia - Fonti dei dati: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Il Sole 24 ore ISTAT - Istituto Nazionale di Statistica Ministero Attività Produttive - Dir. Gen. Armonizzazione Mercato e Tutela Consumatori 2

3 Nota In queste ultime settimane i mercati internazionali hanno fatto registrare forti aumenti dei prezzi dei prodotti petroliferi, con conseguente ricaduta sui prezzi al consumo. La preoccupazione diffusa riguarda le ricadute sui prezzi al consumo di questi aumenti non solo nel breve, ma soprattutto nel medio periodo, per le gravi conseguenze che ciò potrebbe comportare per la ripresa economica dell area UE, più volte annunciata ma non ancora verificatasi. La presente nota, utilizzando dati relativi ai mercati internazionali, ai mercati nazionali e ai mercati locali, vuole mettere a disposizione alcune basi di dati offrendo inoltre semplici analisi grafiche dei dati. Per consentire un analisi che tenga conto non solo dagli avvenimenti degli ultimi mesi ma anche di quanto successo nel recente passato, i dati utilizzati, laddove possibile, fanno riferimento al periodo 1 gennaio maggio Infine, per dare conto anche degli effetti dei livelli del cambio dollaro/ uro sui prezzi alla produzione, e quindi sui prezzi al consumo, i prezzi di alcune materie prime (petrolio Brent e Wti e oro) sono espressi sia in dollari, sia in uro. 3

4 Le modalità di fissazione dei prezzi dei carburanti per autotrazione Il meccanismo di formazione del prezzo finale dei carburanti per autotrazione, consigliato dalle società petrolifere ai gestori, risulta determinato dalla somma dei seguenti addendi: prezzo consigliato = quotazione internazionale Platt's Med Cif del prodotto corrispondente + costi di struttura (logistici, commerciali, amministrativi) + margine riconosciuto al gestore + margine stabilito per la società in sede di budget annuale +IVA (19%) + accisa. Le società petrolifere, dopo aver fissato il livello del prezzo consigliato, vi applicano differenti maggiorazioni, per un ammontare compreso fra le 5 e 10 lire, a seconda delle diverse aree geografiche. Tali scostamenti geografici si legati esclusivamente a fattori logistici. Un sovrapprezzo (5/10 lire al litro) è imposto nelle aree dove è più svantaggiosa l'attività di distribuzione secondaria dei carburanti (trasporto dal deposito al punto vendita), mentre uno sconto (in genere 5, talvolta 10 lire al litro) viene concesso nelle zone dove tale attività risulta più agevole. Sovrapprezzi maggiori (dalle 20 alle 30 lire al litro) vengono poi invariabilmente praticati dalle società in determinate aree particolari (autostrade, raccordi autostradali, isole minori, ecc.). L'osservazione degli scostamenti di prezzo per aree geografiche praticati dalle società petrolifere nel periodo 1991-primo trimestre 1996 indica, in primo luogo, come l'entità assoluta di tali scostamenti si sia progressivamente ridotta nel corso degli anni, assestandosi in maniera uniforme per le varie società intorno all'intervallo ±5/10 lire al litro. Inoltre, le società petrolifere tendono a fare coincidere i rispettivi scostamenti geografici di prezzo, piuttosto che differenziarli secondo la propria capacità logistica, contando sull'effetto delle permute di assicurare ovunque la fornitura di carburanti alle reti di distribuzione. La relazione tra prezzi e costi Il prezzo praticato dalle società ovviamente non dovrebbe essere determinato solamente in base all'andamento precedente ma anche tenendo conto dei costi sostenuti. Si è cercato dunque di verificare se, e in che misura, variazioni nei costi si trasferiscono in variazioni dei prezzi. L'analisi è stata condotta, per il periodo di prezzi liberi, collegando il prezzo medio di mercato alla quotazione internazionale Platt's della benzina, che viene utilizzata dalle società come proxy dei costi industriali di raffinazione. Anzitutto i valori assunti correntemente dalla serie delle quotazioni internazionali Platt's sembrano dipendere da quelli di due, cinque settimane precedenti. La spiegazione di tale comportamento non può essere rintracciata in questa sede: esso potrebbe dipendere da regolarità sia nelle quotazioni internazionali del greggio sia nell'andamento del cambio lira/dollaro. La relazione stimata tra i prezzi medi e il Platt's è la seguente: prezzo = 0,3 Platt's corrente + 0,6 Platt's precedente + residuo vale a dire, le variazioni del Platt's esercitano un impatto sia nella settimana in cui si verificano, sia in maggior misura in quella successiva. Sembra dunque che le imprese non trasferiscano immediatamente tutta la variazione del costo industriale sul prezzo, ma aspettino un periodo per verificare che tale variazione non sia transitoria; solo dopo tale riscontro il prezzo viene completamente adeguato al nuovo livello di costo. Tutto ciò inoltre concorda con le strategie di formazione del prezzo delle imprese già viste in precedenza: il comportamento consistente nel legare il prezzo corrente al valore della settimana precedente, attuato dalle imprese maggiori, può derivare proprio dal ritardo nell'aggiustamento alle variazioni di costo. Prezzi e margini nei principali mercati europei Prezzi, imposizione fiscale e margini lordi Un primo aspetto che differenzia l'italia dagli altri paesi europei considerati 87 è rappresentato dalla differente incidenza dell'imposizione fiscale sul prezzo alla pompa dei carburanti per autotrazione. Nel nostro paese, nel giugno 1996, essa risulta nella media dei tre carburanti considerati inferiore a quella vigente in Francia e nel Regno Unito; di poco 4

5 superiore a quella registrata in Germania; maggiore a confronto con quella vigente in Spagna (tabella 7). In questo quadro, un secondo elemento di rilievo è rappresentato dal fatto che, nonostante sia aumentata la pressione fiscale sul prezzo finale dei carburanti, in Francia i prezzi industriali hanno subito in media incrementi inferiori a quelli italiani, mentre nel Regno Unito essi sono stati soggetti a riduzioni particolarmente significative. Ciò ha contribuito a determinare in questi due paesi una dinamica al rialzo dei prezzi finali al consumo più contenuta di quella sperimentata in Italia. Comportamenti concorrenziali delle società petrolifere, dimostratisi più intensi di quelli sperimentati in Italia, sono stati dunque meno prociclici nei confronti delle politiche fiscali sui carburanti per autotrazione, che in altri paesi appaiono anche più stringenti di quella vigente in Italia. Tratto da: AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva sui prezzi dei carburanti per autotrazione, n. 10, AGCM, 1996, Le caratteristiche strutturali e istituzionali dei diversi sistemi elettrici europei e i divari di prezzo dell energia elettrica Una trattazione sistematica dei fattori che influenzano i costi di produzione e di distribuzione dell energia elettrica e della loro complessa interazione con il prezzo finale va oltre l obiettivo del presente studio. È tuttavia opportuno che anche una mera comparazione dei prezzi, quale quella offerta nel presente lavoro, fornisca elementi utili per meglio valutare l onerosità degli stessi in funzione delle principali caratteristiche economiche e istituzionali dei sistemi elettrici nazionali. La considerazione di tali elementi consente, infatti, di non interpretare tout court possibili divari di prezzo tra i paesi con differenze di efficienza e di produttività, riconducendoli invece ad uno spettro di cause più ampie. Tali cause attengono sia a fattori di natura economica e strut-turale, sia a fattori istituzionali. Tra i fattori economici è possibile distinguere le componenti di offerta da quelle di domanda. Sul lato dell offerta, vanno considerati la disponibilità e il costo di input primari, la composizione tecnologica del parco produzione nazionale, la dimensione media degli impianti, i regimi proprietari, la dimensione del mercato e il grado di concorrenza; sul lato della domanda, le caratteristiche degli utenti in termini di consumo medio e di elasticità al prezzo. I comportamenti di consumo risultano a loro volta influenzati da fattori strutturali, quali il clima, il reddito e gli stili di vita. In funzione della composizione tecnologica del parco di generazione, alcuni sistemi sostengono ad esempio costi di produzione più elevati. Alle tecnologie di produzione elettrica termonucleare e idroelettrica si associa, secondo stime ingegneristiche, un costo di produzione mediamente più basso di quello degli impianti termici convenzionali e geotermici (Ocse, 1993). Gli impianti idroelettrici, dal canto loro, consentono una maggiore flessibilità, particolarmente atta a fronteggiare esigenze di domanda sia di picco che di base-load; mentre gli impianti alimentati da fonti rinnovabili sono ancora caratterizzati da limitate condizioni di convenienza economica. D altro canto, anche a parità di composizione del parco impianti, possono sussistere diverse disponibilità interne dei fattori primari, con conseguenze sui costi variabili. Tra i fattori di natura istituzionale vanno incluse le politiche fiscali, ambientali e sociali che riflettono gli orientamenti prevalenti in tema di equità sociale, tutela ambientale e servizio pubblico. Così in alcuni paesi la protezione accordata ad alcune fasce di consumatori porta all applicazione di prezzi relativamente inferiori, mentre l esigenza di salvaguardare la produzione nazionale di alcuni combustibili usati dal settore elettrico viene spesso sussidiata attraverso prezzi elevati gravanti sull intera (o parte) collettività. In altri, l elevato valore assegnato all obiettivo della salvaguardia dell ambiente porta ad una tassazione più accentuata. Tratto da: Autorità per l energia elettrica e il gas, Confronti internazionali di prezzo dell energia elettrica, 1997, Quaderni dell Autorità per l energia elettrica e il gas, Collana Analisi, Giugno 1999, 5

6 Euro a pronti a termine per dollaro USA 1 Gennaio 2000 al 15 maggio ,30 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 0,85 0,80 03/01/ /05/ /09/ /01/ /06/ /10/ /02/ /07/ /11/ /03/ /07/ /12/ /04/2004 Fonte: Il Sole 24 ore Borsa di Milano - Indice MIBTEL giornaliero 1 Gennaio 2000 al 15 maggio /01/ /02/ /03/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/2004 Fonte: Il Sole 24 ore 6

7 Petrolio in Dollari - Mercati spot Brent Europa - WTI New York ($*barile) 1 Gennaio 2000 al 15 maggio Petrolio Brent Petrolio Wti 16 03/01/ /02/ /03/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/2004 Fonte: Il Sole 24 ore Petrolio in uro- Mercati spot Brent Europa - WTI New York ( *barile) 1 Gennaio 2000 al 15 maggio Petrolio Brent Petrolio Wti /01/ /02/ /03/ /05/ /06/ /08/ /09/ /11/ /12/ /02/ /03/ /05/ /06/ /08/ /09/ /11/ /12/ /02/ /03/ /05/ /06/ /08/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /05/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/2004 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica - Elaborazione su dati de Il Sole 24 ore 7

8 Prezzo medio mensile, in uro ( /10 litri), di benzina e gasolio alla pompa Brescia - Gennaio 2000 Maggio ,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 7,5 Gasolio Benzina verde Benzina Super 7,0 gen-00 apr-00 lug-00 ott-00 gen-01 apr-01 lug-01 ott-01 gen-02 apr-02 lug-02 ott-02 gen-03 apr-03 lug-03 ott-03 gen-04 apr-04 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Prezzo medio mensile, in uro ( /10 litri), del GPL alla pompa Brescia - Gennaio 2000 Maggio ,5 6,3 6,1 5,9 5,7 5,5 5,3 5,1 4,9 4,7 GPL 4,5 gen-00 apr-00 lug-00 ott-00 gen-01 apr-01 lug-01 ott-01 gen-02 apr-02 lug-02 ott-02 gen-03 apr-03 lug-03 ott-03 gen-04 apr-04 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica 8

9 Prezzo medio nazionale Prezzo medio netto mensile nazionale, in uro ( /1 litro), della benzina - Maggio 2000 Maggio ,45 0,40 0,35 0,30 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 0,00 00 set-00 gen set-01 gen set-02 gen set-03 gen Fonte: Ministero delle Attività Produttive Componenti del prezzo medio mensile nazionale della benzina (%) - Maggio 2000 Maggio % Prezzo medio nazionale 80% 60% 40% 20% 0% 00 set-00 gen set-01 gen set-02 gen set-03 gen Prezzo netto Accisa IVA Fonte: Ministero delle Attività Produttive 9

10 0,45 0,40 0,35 0,30 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 Prezzo medio netto mensile nazionale, in uro ( /1 litro), del gasolio da autotrazione - Maggio 2000 Maggio ,00 04 mar-04 gen-04 nov set-03 lug 03 mar gen-03 nov set-02 lug 02 mar gen-02 nov set-01 lug 01 mar gen-01 nov set-00 lug 00 Fonte: Ministero delle Attività Produttive Componenti del prezzo medio mensile nazionale del gasolio da autotrazione (%) - Maggio 2000 Maggio % 80% 60% 40% 20% 0% 04 mar-04 gen-04 nov set-03 lug 03 mar gen-03 nov set-02 lug 02 mar gen-02 nov set-01 Prezzo al consumo Accisa IVA Fonte: Ministero delle Attività Produttive lug 01 mar gen-01 nov set-00 lug 00 10

11 ORO in Dollari: fixing di chiusura a Londra ($*oz) 1 Gennaio 2000 al 15 maggio /01/ /02/ /03/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/2004 Fonte: Il Sole 24 ore 370 ORO in uro: fixing di chiusura a Londra ( *oz) 1 Gennaio 2000 al 15 maggio /01/ /02/ /03/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /05/ /07/ /08/ /10/ /11/ /01/ /02/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/ /06/ /07/ /09/ /10/ /12/ /01/ /03/ /04/2004 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica - Elaborazione su dati de Il Sole 24 ore 11

12 Dinamica dei prodotti energetici a Brescia Gas GPL, Gasolio per auto; Benzina verde Numeri indici con base dicembre 1999= Indici base dic99= set-00 gen set-01 gen set-02 gen set-03 gen Gasolio per auto Gas GPL Benzina verde Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Dinamica dei prodotti energetici a Brescia a Brescia Gas per cottura cibi; Gas per riscaldamento; Gas in bombole Numeri indici con base dicembre 1999=100 Indici base dic99= set-00 gen set-01 gen set-02 gen set-03 gen Gas per cottura cibi Gas per riscaldamento Gas in bombole Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica 12

13 Dinamica dei prodotti energetici a Brescia Energia elettrica per usi domestici; Gasolio da riscaldamento Numeri indici con base dicembre 1999= Indici base dic99= set-00 gen set-01 gen set-02 gen set-03 gen Energia elettrica usi domestici Gasolio Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Prodotti energetici - Tasso medio di inflazione e Inflazione acquisita a maggio Brescia Descrizione Media ultimi 12 mesi Inflazione acquisita Pesi 2004 Gas GPL -5,3 6, Olio motore multigrado 3,2-9, Gasolio per auto -2,3 3, Benzina verde -2,7 7, Energia elettrica usi -1,5-3, Gas per cottura cibi 12,0 7, Gas per riscaldamento 8,4-6, Gas in bombole -1,5-4,5 576 Gasolio -1,8 2, Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica 13

14 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività - Prodotti energetici - Pesi di ponderazione (in milionesimi) - Brescia Descrizione Gas GPL Olio motore extra Benzina super Olio motore multigrado Gasolio per auto Benzina verde Energia elettrica usi Gas per cottura cibi Gas per riscaldamento Gas in bombole Gasolio Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività - Prodotti energetici - Pesi di ponderazione (in milionesimi) - Italia Voci di prodotto Benzine Altri carburanti Lubrificanti Energia elettrica Gas Combustibili liquidi Fonte: ISTAT 14

15 Dinamica dei prodotti energetici in Italia Benzine, Altri carburanti, Lubrificanti Numeri indici con base dicembre 1995= ,0 135,0 130,0 125,0 120,0 115,0 110,0 105,0 100,0 95,0 90,0 gen-00 mar lug-00 set-00 nov-00 gen-01 mar lug-01 set-01 nov-01 gen-02 Benzine Altri carburanti Lubrificanti Fonte: ISTAT mar lug-02 set-02 nov-02 gen-03 mar lug-03 set-03 nov-03 gen-04 mar-04 Dinamica dei prodotti energetici in Italia Energia elettrica, Gas per usi domestici, Combustibili liquidi Numeri indici con base dicembre 1995= ,0 135,0 130,0 125,0 120,0 115,0 110,0 105,0 100,0 95,0 90,0 gen-00 mar lug-00 set-00 nov-00 gen-01 mar lug-01 set-01 nov-01 gen-02 mar lug-02 set-02 nov-02 gen-03 mar Energia elettrica Gas Combustibili liquidi lug-03 set-03 nov-03 gen-04 mar-04 Fonte: ISTAT 15

16 Tasso tendenziale e medio di inflazione con tabacchi Intera collettività - Italia Gennaio 2000 Maggio ,5 3,3 3,1 tasso tendenziale tasso medio 2,9 2,7 2,5 2,3 2,1 1,9 1,7 gen-00 apr-00 lug-00 ott-00 gen-01 apr-01 lug-01 ott-01 gen-02 apr-02 lug-02 ott-02 gen-03 apr-03 lug-03 ott-03 gen-04 apr-04 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica Tasso tendenziale e medio di inflazione con tabacchi Intera collettività - Brescia Gennaio 2000 Maggio ,5 3,3 3,1 tasso tendenziale tasso medio 2,9 2,7 2,5 2,3 2,1 1,9 1,7 gen-00 apr-00 lug-00 ott-00 gen-01 apr-01 lug-01 ott-01 gen-02 apr-02 lug-02 ott-02 gen-03 apr-03 lug-03 ott-03 gen-04 apr-04 Fonte: Comune di Brescia - Unità di staff Statistica 16

17 Differenza tra inflazione trasmessa e inflazione ereditata Brescia e Italia Gennaio Maggio ,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0,0-0,1-0,2 gen-00 apr-00 lug-00 ott-00 gen-01 apr-01 lug-01 ott-01 gen-02 apr-02 lug-02 ott-02 gen-03 apr-03 lug-03 ott-03 gen-04 apr-04-0,3-0,4-0,5-0,6 Trend Brescia Trend Italia -0,7-0,8-0,9-1,0 Fonte: Unità di staff Statistica Comune di Brescia 17

18 Riferimenti Bibliografici AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva sui prezzi dei carburanti per autotrazione, n. 10, AGCM, 1996, AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva sullo stato della liberalizzazione dei settori dell'energia, Apertura di indagine, Bollettino AGCM, N. 8, 2003, AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva sulla ristrutturazione della rete di distribuzione dei carburanti, n. 17, 2001, AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva nel settore del gas metano, AGCM, 1997, AGCM-Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Indagine conoscitiva sul settore dell'energia elettrica, AGCM, 1996, Autorità per l energia elettrica e il gas, La distribuzione del gas a mezzo reti urbane in Italia: analisi del settore alla vigilia della liberalizzazione, Quaderni dell Autorità per l energia elettrica e il gas, Giugno 2001, Autorità per l energia elettrica e il gas, Confronti internazionali di prezzo dell energia elettrica, 1997, Quaderni dell Autorità per l energia elettrica e il gas, Collana Analisi, Giugno 1999, Berardi D., Franzosi A., Vignocchi C., Il prezzo dei carburanti in Italia: asimmetrie e mispecificazioni, Contriuti di ricerca IRS, n. 50, luglio 2000, Istituto per la Ricerca Sociale, Comune di Brescia, Servizio Statistica, La Crisi del Golfo Persico - Documentazione di base e prime analisi, Rapporto di Ricerca n. 7, 1991 Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori, Cabina monitoraggio prodotti petroliferi, Ministero delle Attività Produttive, /dgatm/CabMon/CabMonIndex.htm 18

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio Seminario AIEE IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO NEL 2014 E VERSO IL 2015: SITUAZIONI E TENDENZE IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014 1 aprile 2015 Centro Studi Americani Via Michelangelo Caetani, 32

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI Consumi e prezzi interni ed internazionali Dicembre 2002 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI 9 140 7 90 5 3 40 1-10 -1-60 -3 Novembre 2005 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

Il testo dell'osservatorio dal 12 al 18 giugno

Il testo dell'osservatorio dal 12 al 18 giugno Il testo dell'osservatorio dal 12 al 18 giugno Roma, 18 giugno 2010 Osservatorio Figisc Anisa sui prezzi carburanti Rapporto settimanale Settimana sabato 12 giugno venerdì 18 giugno 2010 a cura dell Ufficio

Dettagli

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1 Roma, 9 luglio 2010 METEO-CARBURANTI: IL PREZZO CHE FA Rapporto settimanale Figisc Anisa Confcommercio Settimana sabato 3 luglio giovedì 8 luglio 2010 a cura dell Ufficio Studi & Comunicazione Figisc PREZZI

Dettagli

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti Rotary Club Messina, Royal Palace Hotel 23 ottobre 2012 Massimiliano Giannocco Nel mondo circolano un sacco di menzogne e il peggio è che molte di

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Ufficio V

Dettagli

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica

Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica Alcune verità sui prezzi dei carburanti Nota metodologica 6 ottobre 2015 Il comunicato dell Istat del 30 settembre sull andamento dei prezzi al consumo evidenzia in termini inequivocabili i cali registrati

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 ottobre 2014 21 ottobre 2014 10/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 ottobre 2014 21 ottobre 2014 10/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 ottobre 2014 21 ottobre 2014 10/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 31 ottobre 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica

Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica Analisi sui recenti andamenti del prezzo dei carburanti Nota metodologica 11 dicembre 2015 I prezzi dei carburanti anche in queste ultime settimane hanno proseguito la loro discesa in linea con l andamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 30 maggio 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità di

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI Consumi e prezzi interni ed internazionali Agosto 2003 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia

Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia Roma, 02 Aprile 2014 02 Aprile 2014 2 Agenda Crisi economica e crollo dei consumi L impennata

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Capitolo Titolo Pagina 1 Statistica dati dei fondamentali di mercato internazionali 3 2 Statistica dati prezzi Italia rete (medi nazionali serviti )

Capitolo Titolo Pagina 1 Statistica dati dei fondamentali di mercato internazionali 3 2 Statistica dati prezzi Italia rete (medi nazionali serviti ) DATI GENERALI SUI PREZZI 2 Dicembre 2009 SOMMARIO Capitolo Titolo Pagina 1 Statistica dati dei fondamentali di mercato internazionali 3 2 Statistica dati prezzi Italia rete (medi nazionali serviti ) 5

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 30 giugno 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità di

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti Senato della Repubblica Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti 6 ottobre 2009 Sommario Prezzi al consumo e peso della componente fiscale dei carburanti

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO

L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO AUDIZIONE X COMMISSIONE DEL SENATO L EVOLUZIONE DEL CARRELLO DELLA SPESA E DELLE TARIFFE ELETTRICHE E DEL GAS NEL MERCATO TUTELATO E LIBERO A cura di Federconsumatori Nazionale Roma, 8 Ottobre 2013 1 GAS

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

#1y15: gennaio dicembre 2014

#1y15: gennaio dicembre 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y15: gennaio dicembre 2014 Nel 2014 i dati del settore elettrico nazionale evidenziano una contrazione della produzione

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

Dal prezzo ai prezzi: l evoluzione del mercato dei carburanti tra

Dal prezzo ai prezzi: l evoluzione del mercato dei carburanti tra Dal prezzo ai prezzi: l evoluzione del mercato dei carburanti tra concorrenza e nuova trasparenza Alessandro Noce Responsabile Direzione Energia Autorità Garante Concorrenza e Mercato Roma, 5 aprile 2011

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe

Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs. Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe Audizione Leonardo Bellodi Executive Vice President International and Government Affairs Indagine conoscitiva sul sistema dei prezzi e delle tariffe 6 Giugno 2012 I prezzi dell energia CARBURANTI ENI divisione

Dettagli

Nel periodo ottobre 2011-ottobre

Nel periodo ottobre 2011-ottobre I PREZZI DEI CARBURANTI Un anno difficile per i consumatori di Orietta Maizza e Giancarlo Fiorito Nel periodo ottobre 2011-ottobre 2012 i cittadini italiani hanno assistito a rincari rilevanti dei dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2013 - Sintesi

Dettagli

Prezzi benzina e gasolio 1996-2010

Prezzi benzina e gasolio 1996-2010 Prezzi benzina e gasolio 1996-2010 Prezzi euro/litro benzina e gasolio - valori correnti e valori 2010-1996 - 2010 1,500 1,400 1,300 1,200 1,100 1,000 0,900 0,800 0,700 0,600 0,500 1996 1997 1998 1999

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI DELLA FILIERA DEI PRODOTTI PETROLIFERI, NONCHE SULLE RICADUTE DEI COSTI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE E SULLA COMPETITIVITÀ

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

Crisi energetica: l impatto sulle piccole imprese I numeri della fiammata dei prezzi

Crisi energetica: l impatto sulle piccole imprese I numeri della fiammata dei prezzi Quotidiano della Confartigianato Poste Italiane s.p.a. - Spedizione Abbonamento Postale-D.L.353/ 2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art.1 comma 1, DCB - Roma 3 Mercoledì 8 Febbraio 2006 - ANNO XX- Euro

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera

Commissione Industria Senato. Audizione Unione Petrolifera Commissione Industria Senato Audizione Unione Petrolifera Indagine conoscitiva prezzi e tariffe Roma, 19 maggio 2009 Le indagini Antitrust dal 1994 Gennaio 1994: Indagine Antitrust rete carburanti (IC13)

Dettagli

1. Andamento congiunturale del mercato internazionale dell energia: ripercussioni sul sistema nazionale

1. Andamento congiunturale del mercato internazionale dell energia: ripercussioni sul sistema nazionale 1. Andamento congiunturale del mercato internazionale dell energia: ripercussioni sul sistema nazionale Nel corso del 1999 e ancor di più nel 2000 due fenomeni concomitanti hanno invertito la congiuntura

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. SETTEMBRE-OTTOBRE 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

#3y14: gennaio giugno 2014

#3y14: gennaio giugno 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #3y14: gennaio giugno 2014 I dati del settore elettrico del primo semestre del 2014 appaiono in linea con quelli

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera. Roma, 12 dicembre 2011

Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera. Roma, 12 dicembre 2011 Pre-Consuntivo 2011 Dati sull attività petrolifera Roma, 12 dicembre 2011 TAV. 1 - OFFERTA E DOMANDA PETROLIFERA MONDIALE Nel 2011 il rallentamento dell'attività economica, che ha mostrato segni di cedimento

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il Bilancio energetico nazionale

Il Bilancio energetico nazionale Il Bilancio energetico nazionale Il Bilancio Energetico Nazionale è una pubblicazione annuale realizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico mediante la rilevazione dei dati delle produzioni interne

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PREZZI IN AUMENTO DI CIRCA 0,5 EUROCENT I DATI DI SINTESI

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PREZZI IN AUMENTO DI CIRCA 0,5 EUROCENT I DATI DI SINTESI METEO-CARBURANTI: IL PREZZO CHE FA Rapporto settimanale Figisc Anisa Confcommercio Settimana sabato 9 ottobre venerdì 15 ottobre 2010 a cura della Segreteria Nazionale FIGISC PREZZI CARBURANTI. SQUERI:

Dettagli

Onorevole Presidente, Onorevoli Senatori,

Onorevole Presidente, Onorevoli Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione tariffaria L ANDAMENTO DEI PREZZI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione tariffaria L ANDAMENTO DEI PREZZI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V - Prezzi e regolamentazione tariffaria L ANDAMENTO DEI PREZZI 9 140 7 90 5 3 40 1-10 -1-60 -3 Marzo 2003 (Sito Internet:

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati)

FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati) FIGURA 2.6: LIVELLI DELL OCCUPAZIONE E TASSO DI DISOCCUPAZIONE (dati destagionalizzati) 12,0 24,0 23,5 % 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 Livelli di occupazione (scala dx) Tasso di disoccupazione (scala sx) 0,0 T4

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

Variazione delle nuove immatricolazioni di auto e veicoli commerciali leggeri tra il 2007 e il 2013

Variazione delle nuove immatricolazioni di auto e veicoli commerciali leggeri tra il 2007 e il 2013 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

#2y15: gennaio marzo 2015

#2y15: gennaio marzo 2015 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #2y15: gennaio marzo 2015 Nei primi tre mesi del 2015 i dati del settore elettrico nazionale hanno fatto registrare

Dettagli

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Massimo Beccarello Direzione Strategie, studi e documentazione Milano Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 I soggetti

Dettagli

FOCUS MERCATO ITALIA. ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove. SETTEMBRE e GENNAIO/SETTEMBRE 2013

FOCUS MERCATO ITALIA. ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove. SETTEMBRE e GENNAIO/SETTEMBRE 2013 ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove SETTEMBRE e GENNAIO/SETTEMBRE 2013 Nel mese di settembre sono state immatricolate oltre 106 mila nuove autovetture (-2,9%). Si tratta del venticinquesimo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BORGHESI, ANIELLO FORMISANO, MESSINA, CAMBURSANO, BARBATO, CIMADORO, MONAI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BORGHESI, ANIELLO FORMISANO, MESSINA, CAMBURSANO, BARBATO, CIMADORO, MONAI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4288 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BORGHESI, ANIELLO FORMISANO, MESSINA, CAMBURSANO, BARBATO, CIMADORO, MONAI Abrogazione dei

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO PREZZI RILEVATI IL 20 DICEMBRE 2010

PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO PREZZI RILEVATI IL 20 DICEMBRE 2010 PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO I prezzi rilevati nella settimana del 20 dicembre, del 3 gennaio e del 10 gennaio manca quella del 27 dicembre perché non rilevata

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION)

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) GIUGNO 2011 PREMESSA La proposta di Direttiva si pone il fine di introdurre sul piano della normativa fiscale nuove misure che rispondono

Dettagli

L ENERGIA E I SUOI NUMERI

L ENERGIA E I SUOI NUMERI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE L ENERGIA E I SUOI NUMERI ITALIA 2000 Funzione Centrale Studi Maggio 2001 Il presente opuscolo è stato realizzato da M. Teresa Chironi e da Gemma Casadei

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL IMPATTO

SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL IMPATTO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.4.2011 SEC(2011) 410 definitivo DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DELL IMPATTO Documento di accompagnamento della Proposta

Dettagli

INTERVENTO DEL DOTTOR MASTROBUONO AUDIZIONE DEL 18 MARZO 2009

INTERVENTO DEL DOTTOR MASTROBUONO AUDIZIONE DEL 18 MARZO 2009 INTERVENTO DEL DOTTOR MASTROBUONO AUDIZIONE DEL 18 MARZO 2009 Illustre Presidente, Onorevoli Senatrici e Senatori, 1. Sono molto grato alla Commissione per l invito che mi è stato rivolto a fornire elementi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli