Generalità sulle funzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Generalità sulle funzioni"

Transcript

1 Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni D fa corrispondere uno e un solo valore R. Chiameremo l insieme D dominio o insieme di definizione o di esistenza della funzione. Se indichiamo con f la funzione, per ogni D indicheremo il corrispondente valore di con f() e lo chiameremo immagine di nella funzione f. Chiameremo codominio, l insieme C delle immagini della funzione f. Per ogni elemento c C del codominio indicheremo con f (c) l insieme di tutti i valori di D che hanno c come immagine e li chiameremo controimmagini di c nella funzione f. In seguito, per indicare una funzione f useremo le notazioni f() o = f(). Chiameremo variabile indipendente, variabile dipendente. Considereremo sempre funzioni matematiche, ovvero funzioni nelle quali f() è un espressione matematica che consente di calcolare a partire dalla. Esistono anche funzioni empiriche come la temperatura di un luogo al variare delle ore, o un indice di borsa nei diversi giorni dell anno di cui non ci occuperemo in analisi. Per una funzione matematica, l insieme delle controimmagini f (c) = { D f() = c} è l insieme delle soluzioni dell equazione f() = c. Rappresentiamo simbolicamente quanto scritto nella definizione attraverso la seguente figura: D R f C R Controimmagini di c f (c) c = f() Immagine di Esempio Data la funzione = il dominio D; le immagini di, 3, 0; il codominio C; le controimmagini di 5. determina: 4

2 La funzione f() = quadrato. Le immagini di, 3, 0 sono ha dominio D = R perché per qualunque numero reale si può calcolare il suo f() = = 4 f( 3) = ( 3) = 9 f(0) = 0 Il codominio è l insieme delle immagini. Per capire di quale insieme si tratti osserviamo che R = 0, cioè le immagini sono numeri reali non negativi, viceversa ogni numero 0 è il quadrato della propria radice quadrata, cioè = ( ) e dunque è un immagine della funzione. Possiamo allora concludere che il codominio della funzione è l insieme di tutti i numeri reali non negativi C = [0; + ). f (5) = { R = 5}, le controimmagini di 5, per definizione, sono le soluzioni dell equazione = 5 = ± 5 f (5) = {± 5 }. Osservazione In generale ad un valore nel codominio possono corrispondere più controimmagini nel dominio, mentre ad ogni valore nel dominio corrisponde una sola immagine nel codominio. Il grafico Definizione Data una funzione f si dice grafico l insieme G = { (; ) = f()} di tutti e soli i punti del piano che hanno per ascissa un valore del dominio e per ordinata l immagine f(). In altri termini il grafico di f è l insieme delle soluzioni dell equazione = f(). Osservazione In generale possiamo tracciare approssimativamente il grafico di una funzione f per punti, cioè trovando alcune soluzioni dell equazione = f(), riportandole nel piano cartesiano e unendo i punti così ottenuti. Abbiamo già tracciato in questo modo i grafici delle funzioni lineari = a + b (le rette), delle funzioni quadratiche = a + b + c (le parabole) e delle proporzionalità inverse = k (le iperboli equilatere). Esempio Qual è il grafico della funzione =? Per trovare alcuni punti del grafico, assegniamo alla alcuni valori e troviamo i corrispondenti valori di = mediante la seguente tabella: = (; ) 0 0 (0; 0) (; ) 4 (; 4) 3 9 (3; 9) ( ; ) 4 ( ; 4) 3 9 ( 3; 9)

3 I valori che diamo alla sono elementi del dominio e li riportiamo sull asse delle ascisse. Essi sono le proiezioni dei corrispondenti punti del grafico sull asse. Le immagini della funzione, nella seconda colonna, le riportiamo sull asse e corrispondono alle proiezioni dei punti del grafico sull asse. Brevemente, se proiettiamo i punti del grafico sull asse otteniamo il dominio, se proiettiamo i punti del grafico sull asse otteniamo il codominio della funzione. Così facendo ritroviamo che il dominio della funzione è D = R mentre il codominio è l insieme C = [0; + ). Le controimmagini di 5 sono gli elementi del dominio che hanno come immagine 5 e graficamente si ottengono riportando 5 sull asse, considerando i punti del grafico che hanno 5 come ordinata e proiettando questi ultimi sull asse Osservazione Quanto detto per la funzione e il suo grafico vale in generale, cioè se di una funzione f si conosce il grafico, allora il dominio è la proiezione del grafico sull asse, il codominio è la proiezione del grafico sull asse, le controimmagini di un elemento c del codominio si ottengono considerando i punti del grafico di ordinata c, e proiettandoli sull asse. Esempio 3 Determina a partire dal grafico: il dominio e il codominio della funzione; f (3), f (), f (0). Proiettando il grafico sull asse si ottiene che il dominio è l insieme: D = ( ; ). (Fig. ) Proiettando il grafico sull asse l insieme C = ( ; 3]. (Fig. ) si ottiene che il codominio è Per trovare f () consideriamo i punti del grafico che hanno come ordinata. Le loro proiezioni sull asse ovvero le loro ascisse sono 7 e /, pertanto f () = { 7, /}. (Fig. 3) Procedendo nello stesso modo si trova che f (3) = 3, f (0) = 0 Fig. Fig. Fig Esempio 4 Determina il dominio della funzione =

4 Il numeratore e il denominatore si possono calcolare per qualunque valore della, ma una frazione è definita per tutti i valori della per i quali il denominatore è diverso da 0, ovvero per i quali è soddisfatta la condizione: Risolviamo pertanto l equazione = = 4 3± ± 5 = = =, 3+ 5 = la disequazione è soddisfatta per 4 pertanto il dominio della funzione è l insieme: D = R { 4, }. Esempio 5 Data la funzione = : determina il dominio e il codominio traccia il suo grafico. La funzione è definita per tutti i valori della per i quali il denominatore è diverso da 0, cioè dalla condizione: 0 Il valore assoluto di un numero è diverso da 0 quando il numero è diverso da 0, pertanto la precedente condizione è equivalente a 0. Il dominio della funzione è formato da tutti i numeri reali diversi da, ovvero D = R {}. Per trovare il codominio e tracciare il grafico, osserviamo innanzitutto che: ( + )( ) se > 0 ovvero se > : =, = = = = + ( + )( ) se < 0 ovvero se < : = ( ), = = = = ( + ) ( ) ( ) quindi + se > = =. se < Il grafico di questa funzione è formato dalla retta di equazione = + nel semipiano > e dalla retta di equazione = nel semipiano <. La retta = + è parallela alla bisettrice del e del 3 quadrante ed incontra l asse nel punto (fig. ), la retta = è parallela alla bisettrice del e del 4 quadrante ed incontra l asse nel punto (fig. ). 7

5 = + = O Fig. Fig. O = O Fig. 3 Il grafico della funzione è quello della fig.3. Il pallino vuoto sta ad indicare che il grafico non contiene quel punto, quindi né il punto (; ) né il punto (; ) appartengono al grafico della funzione. Proiettando questo grafico sull asse C = ( ; + ). si trova che il codominio della funzione è l insieme Osservazione La funzione dell esempio precedente è una funzione definita per casi. Queste funzioni si incontrano spesso quando nell espressione della funzione figurano valori assoluti contenenti la variabile. Esercizi. Trova il dominio e il grafico della funzione = 4. Determina l immagine di 3 e la controimmagine di. Determina, a partire dal grafico, il codominio. 6 3 f =, 4 3 f = 6. Considera la funzione = Determina il suo dominio, l immagine di 0 e le controimmagini di 0. Come si potrebbe determinare il codominio? 7 4 K, f (0) =,, C = ; Determina il dominio delle funzioni: =, = , = [R {0, }; ; R] per 4. E data la funzione: f ( ) = per < 0 Determina f( 5), f(3), f(0). Qual è il dominio della funzione? Come si può tracciare il suo grafico? Qual è il codominio? [, C = [0; + )] 3 3 8

6 5. Trova il dominio e il codominio della funzione g di cui si conosce il grafico 0 6. Noto il grafico della funzione f, determina: il dominio e il codominio; le immagini f(), f(4); le controimmagini f (), f (0), f ( 3/5), f ( ). 7. Noto il grafico della funzione f, determina: il dominio e il codominio; le immagini f(), f(); le controimmagini f (), f (0), f ( ). 0 3/ Determina il dominio e il codominio della funzione reciproco =. Tracciane il grafico nel piano cartesiano, assegnando ad i valori ±/4, ±/, ±, ±, ±4. 9. Determina il dominio e il codominio della funzione valore assoluto = che associa ad ogni numero reale il suo valore assoluto. Tracciane il grafico nel piano cartesiano, assegnando ad i valori 0, ±, ±, ±3. 9

7 Le funzioni elementari Le funzioni elementari sono i mattoni con cui si costruiscono la maggior parte delle funzioni matematiche. Passiamole brevemente in rassegna, evidenziandone i grafici, i domini e i codomini. Le funzioni potenza ad esponente naturale Definizione equazione: Sia n un numero naturale diverso da 0, si dice funzione potenza, la funzione di = n Dato che la potenza con esponente naturale si può sempre calcolare, il dominio di queste funzioni è D = R. Se n è un numero pari, dato che il valore di una potenza n è positivo o uguale a zero, il codominio della funzione è l insieme C = [0; + ). Se n è un numero dispari, dato che il valore di una potenza n ha lo stesso segno della base, il codominio della funzione è l insieme C = R. = n con n pari = n con n dispari O O Le funzioni radice Definizione Sia n un numero naturale diverso da 0, si dice funzione radice di indice n, la funzione di equazione: = n Se n è un numero pari, la radice n, si può calcolare solo se il radicando è positivo o nullo, quindi il dominio è D = [0; + ). Inoltre il valore di una radice di indice pari è un numero positivo o nullo, pertanto il codominio è anch esso C = [0; + ). Se n è un numero dispari, la radice n si può calcolare per qualunque numero reale, quindi D = R. Infine dato che le radici di indice dispari hanno lo stesso segno del radicando, C = R 0

8 = n con n dispari = n con n pari O O Le funzioni esponenziali Definizione Sia a un prefissato numero reale positivo, si definisce funzione esponenziale di base a la funzione di equazione = a Osservazione Se a =, la funzione esponenziale = non è altro che la funzione costante di equazione =. In seguito prenderemo in esame il caso in cui la base sia a. Riportiamo di seguito i grafici nei due casi a > e 0 < a <. = a a > = a 0 < a < O O Ricordando le proprietà delle funzioni esponenziali o basandosi sui grafici, si stabilisce che: il dominio è D = R; il codominio è C = R + = (0; + ). Osserviamo che i grafici delle due funzioni passano entrambi per il punto (0; ). Le funzioni logaritmiche Definizione Sia a un prefissato numero reale positivo diverso da, si definisce funzione logaritmica di base a la funzione di equazione = log a Riportiamo di seguito i grafici nei due casi a > e 0 < a <.

9 O = log a 0 < a < = log a a > O Il dominio è D = R + = (0, + ), in quanto il logaritmo è definito quando il suo argomento è un numero positivo. Il codominio è C = R. Osserviamo che entrambi i grafici passano per il punto (; 0). Le funzioni goniometriche La funzione = sen Dato che il seno può essere definito per un qualunque angolo orientato, D = R, inoltre poiché sen, il codominio della funzione è l intervallo C = [ ; ]. In analisi matematica, conviene assumere come unità di misura dell argomento delle funzioni goniometriche il radiante ed è ciò che faremo d ora in avanti. La funzione sen è periodica di periodo, cioè sen ( + k) = sen k Z Ciò significa che la funzione assume gli stessi valori dopo ogni angolo giro. Il grafico della funzione seno si chiama sinusoide. = sen 3/ / O / 3/ La funzione = cos Dato che il coseno può essere definito per un qualunque angolo orientato, D = R inoltre poiché cos, il codominio della funzione è l intervallo C = [ ; ]. Anche la funzione cos è periodica di periodo, cioè cos ( + k) = cos Il grafico della funzione coseno è detto cosinusoide. k Z

10 = cos 3/ / O / 3/ Osserviamo che la cosinusoide si ottiene traslando la sinusoide del vettore ( /; 0). Tale proprietà segue dalla relazione cos = sen ( + /). La funzione = tg La tangente di un angolo può essere definita solo per gli angoli diversi dall angolo retto / e da quelli ottenuti aggiungendo ad esso multipli interi dell angolo piatto, cioè per / + k con k numero intero. Quindi D = R {/ + k k Z}. Dato che la tangente goniometrica varia in tutto l insieme dei numeri reali, il codominio della funzione è l insieme C = R. La funzione tg è periodica di periodo, tg ( + k) = tg Il grafico della funzione tangente è detto tangentoide. k Z = = = tg 3/ / O / 3/ La funzione = cotg Come per la tangente si arriva a concludere che la funzione è definita nell insieme D = R {k k Z}, ha come codominio l insieme C = R ed è periodica di periodo, cioè cotg ( + k) = cotg k Z Il grafico della funzione cotangente è detto cotangentoide. 3

11 = cotg = 0 = 3/ / O / 3/ Esempio Determina il dominio della funzione 4 = 4. Dato che le radici di indice pari si possono calcolare quando il radicando non è negativo, il dominio della funzione è formato da tutti i numeri reali peri quali è soddisfatta la condizione: Risolvendo questa disequazione = 0 (4 ) = 0 = 0 = 4 otteniamo le soluzioni 0 4, quindi il dominio della funzione è l intervallo D = [0; 4]. 0 4 Esempio Determina il dominio della funzione = +. Dato che le potenze si possono calcolare per qualunque esponente reale, il dominio della funzione assegnata coinciderà con quello della funzione + che figura all esponente. Le radici quadrate sono definite quando il radicando non è negativo, pertanto il dominio della funzione è dato dalla condizione + 0, le cui soluzioni sono, in conclusione D = [ ; + ). Esempio 3 Determina il dominio della funzione = log. Dato che il logaritmo è definito quando il suo argomento è positivo, il dominio della funzione sarà formato da tutti i valori reali della per i quali è soddisfatta la condizione: 4

12 Risolviamo dunque questa disequazione: > 0 > > 0 essa ha per soluzioni < 0 >, > 0. pertanto il dominio della funzione è l insieme D = ( ; 0) (; + ) Esempio 4 Determina il dominio della funzione = + tg. Dato che l addizione e il quadrato sono operazioni che si possono sempre eseguire, il dominio di questa funzione coincide con quello della funzione tg. La funzione tangente è definita quando il suo argomento è diverso da +k con k Z, quindi il dominio della funzione assegnata sarà formato da tutti i valori reali della per i quali è soddisfatta la condizione: + k. Moltiplicando entrambi i membri per, otteniamo le soluzioni: + k, pertanto D = R { + k k Z}. Esercizi Determina il dominio delle funzioni: 0. = 3, = 4 [( ; ] [; + ); R ]. + =, = 3+. = ln ( 3), = tg 3 4, = 3 ; (Esame di stato 005) Trova il dominio della funzione : f (0) = f ( ) = ( 3 log) + Determina f(). [... ; ( ; ] (0; ] ; R { 3}] [( ; 0) (3 ; + ) ; R + k ] Data la funzione = sen, determina l immagine di e la controimmagine di /. - 5 K, sen = + k, + k 6 6 k Z 5

13 5. (Test di ammissione medicina 006) L equazione log ( + ) = non può avere soluzioni. Quale tra le seguenti ne è la motivazione? a) La funzione logaritmica è sempre positiva b) Né il primo membro né il secondo membro si annullano mai c) Il secondo membro non si annulla mai d) Il primo membro è sempre positivo o nullo mentre il secondo membro è sempre negativo e) Una funzione logaritmica non può avere intersezioni con una parabola 6

14 Funzioni biunivoche e funzioni inverse Abbiamo visto, nell esempio, che, ad un elemento del codominio di una funzione f possono corrispondere più controimmagini. Definizione Diremo che una funzione è biunivoca se ogni elemento del suo codominio ha una sola controimmagine (nel dominio). In altri termini una funzione f è biunivoca se C l equazione f() = ha una sola soluzione rispetto alla variabile. Possiamo schematizzare una funzione biunivoca come segue: R D f C R = f () Esempio Verifica che la funzione 3 è biunivoca. Sappiamo che la funzione 3 ha dominio D = R e codominio C = R. Preso comunque un elemento C calcoliamo le sue controimmagini: 3 = = 3 quando risolviamo la precedente equazione, dobbiamo pensare alla come ad un numero fissato e alla come l incognita da trovare. Osserviamo che la controimmagine di è unica f ( ) = 3, quindi la funzione 3 è biunivoca. Alla stessa conclusione si può arrivare osservando il suo grafico. Ad un elemento del codominio vediamo che corrisponde un solo punto del grafico e dunque una sola controimmagine. O = 3 3 Esempio Consideriamo la funzione =. Essa ha dominio D = R, e codominio C = [0; + ). Preso comunque un elemento C calcoliamo le sue controimmagini: = = ±. Osserviamo che ogni > 0 ha più di una controimmagine, precisamente f ( ) = ±, quindi la funzione = non è biunivoca nel suo dominio naturale D = R. O = 7

15 Alla stessa conclusione si può arrivare osservando il grafico. Ad un elemento > 0 del codominio corrispondono due punti del grafico e dunque due controimmagini. Se restringiamo il dominio della funzione = al sottoinsieme D = [0, + ), il codominio resta lo stesso, C = [0; + ), ma nel calcolo della controimmagine di dobbiamo tener conto del solo valore 0 che appartiene al dominio ristretto D, quindi =. In altri termini, nel dominio D la funzione diventa biunivoca. Alla stessa conclusione si può giungere osservando il grafico. Notiamo infine che la funzione = diventa biunivoca anche restringendo il dominio all insieme D = (, 0], in tal caso la controimmagine di è =. O = Le funzioni inverse Definizione Sia = f() una funzione biunivoca di dominio D f e codominio C f. Si chiama funzione inversa la funzione = f ( ) che associa ad ogni C la sua unica controimmagine D rispetto alla funzione f. Possiamo schematizzare la definizione con la figura a fianco. Osserviamo che il dominio della funzione inversa f è il codominio della funzione f, inoltre la funzione inversa = f () ha come variabile indipendente e come variabile dipendente. D f = f () f biunivoca C f Dato che le due equazioni = f() e = f ( ) sono equivalenti i grafici corrispondenti coincidono. C f f inversa D f Volendo conservare la consuetudine di indicare con la variabile indipendente e con la variabile dipendente, si può eseguire la sostituzione [ ; ], scambiare cioè i nomi delle due variabili, ottenendo l equazione = f () per la funzione inversa. Nel piano cartesiano, la trasformazione [ ; ] fa corrispondere ad ogni punto P(; ) il punto P (; ) simmetrico rispetto alla bisettrice del e del 3 quadrante, di conseguenza il grafico della funzione inversa = f () è simmetrico al grafico della funzione = f() rispetto alla bisettrice del e del 3 quadrante. = P (; ) P(; ) Riassumendo: per determinare la funzione inversa di una funzione biunivoca = f(): si risolve l equazione = f() rispetto alla, ottenendo l equazione = f (); si scambiano le due variabili ottenendo l equazione = f (); col precedente scambio, i grafici delle due funzioni f e f sono simmetrici rispetto alla bisettrice del e del 3 quadrante. 8

16 Esempio 3 cartesiano. Scrivi la funzione inversa della funzione = 3 e riporta i loro grafici nel piano Abbiamo visto nell esempio che la funzione = 3 è biunivoca nel suo dominio D = R. La sua funzione inversa è = 3 ; eseguendo la sostituzione [ ; ] si ottiene la funzione inversa nella forma = 3. Dalla figura che segue si osserva che i grafici delle due funzioni sono simmetrici rispetto alla bisettrice del e del 3 quadrante. = 3 = O = 3 Esempio 4 Dimostra che la funzione = è biunivoca nel suo dominio, determina la + 3 funzione inversa. Risolviamo l equazione della funzione = rispetto alla variabile. Per non confondersi nei + 3 passaggi, conviene pensare alla variabile come se fosse un numero: ( + 3) = + 3 = trasportiamo i termini con la al primo membro e i rimanenti al secondo = 3, raccogliamo la a fattor comune: ( ) = 3, 3 3+ da qui ricaviamo: = =. Poiché ogni ha una sola controimmagine, la funzione è biunivoca e la funzione inversa è: 3+ = Scambiando la con la, l equazione della funzione inversa diventa: 3+ =. Le funzioni goniometriche inverse Consideriamo la funzione = sen. Sappiamo che il suo dominio è D = R e il codominio è C = [ ; ]. Sia un qualunque elemento del codominio e calcoliamo le sue controimmagini: = α+ k sen = k Z = ( α) + k 9

17 dove abbiamo indicato con α, l unico angolo come seno, ovvero α = arc sen ( ). α che ha Le controimmagini di nel dominio D = R sono pertanto infinite (due per ciascun valore intero di k) e la funzione = sen non è biunivoca in R. Se restringiamo però il dominio all intervallo D = ;, l unica controimmagine di è proprio = α = arc sen ( ). In conclusione: la funzione = sen è biunivoca nell intervallo D = e la funzione inversa è = arc sen ( ). ; α O α = arc sen Con la sostituzione [ ; ], l equazione della funzione inversa diventa = arc sen. Il dominio di questa funzione è il codominio della funzione = sen, ovvero l intervallo [ ; ], e il grafico è simmetrico al grafico della funzione = sen rispetto alla bisettrice del e del 3 quadrante. Nella figura sono riportati i delle funzioni seno e arcoseno. / = / 0 / = sen = arc sen / Similmente si vede che: la funzione = cos è biunivoca in D = [0; ] e la sua funzione inversa è la funzione = arc cos ; la funzione = tg è biunivoca in D = ; e la funzione inversa è la funzione = arc tg. Riportiamo di seguito i grafici delle funzioni = arc tg e = arc cos. 30

18 / = O = arc tg () = arc cos () / = O 0 Esempio 5 Determina il dominio della funzione = arc sen. + Dato che l arcoseno è definito quando l argomento è compreso nell intervallo [ ; ], il dominio della funzione assegnata è formato da tutti i valori reali della per i quali è soddisfatta la condizione, ovvero il sistema:. + 0 ( + ) Risolviamo la prima disequazione: > 0 > ½ + > 0 > essa è verificata quando < ½. Risolviamo la seconda disequazione: dato che il numeratore è positivo, la frazione è 0 solo se il denominatore è positivo, cioè quando + > 0 >. < Il sistema è pertanto equivalente a > che è verificato quando ½. Concludendo il dominio della funzione è l intervallo D = ; ½ + + ½ 3

19 Esercizi 6. Verifica che la funzione esponenziale = a è biunivoca e determina la funzione inversa. Traccia nello stesso piano cartesiano i grafici della funzione esponenziale e della sua inversa 7. Dimostra che la funzione = 4 è biunivoca nel suo dominio, determina la funzione 3 inversa e traccia nello stesso piano cartesiano i grafici di f e di f. 8. Dimostra che la funzione = non è biunivoca nel suo dominio. 9. Quali sono i domini e i codomini delle funzioni arcotangente ed arcocoseno? 0. Dimostra che la funzione = e il dominio di f.. Dimostra che la funzione = + funzione inversa e il dominio di f. 3 è biunivoca nel suo dominio, determina la funzione inversa =, D= R { 3} 3. (Test di ammissione veterinaria 004) La funzione inversa di dall equazione: a) 3 = b) 3 = c) è biunivoca nel dominio D = [0; + ), determina la = d) 3 =, D= (0; ] 3 f ( ) = è espressa 3 = e) + 3 = 3

20 Funzioni composte La maggior parte delle funzioni matematiche che si incontrano nelle scienze sperimentali sono funzioni composte. Introduciamo questo concetto con la seguente Definizione Sia g una funzione di dominio A e codominio B ed f una funzione di dominio B e codominio C, si dice funzione composta di f e di g, e si indica con la scrittura f ) g, la funzione che associa ad ogni elemento A l elemento f(g()) C. Schematizziamo la definizione con la seguente figura: A g B f C g() = f(g()) f ) g Osservazione L equazione della funzione composta f ) g è = f(g()) e si ottiene dall equazione della seconda funzione = f() sostituendo al posto della l espressione g() della prima funzione. Esempio Date le funzioni: f di equazione = + e g di equazione = determina le equazioni delle funzioni composte f ) g e g ) f. Cominciamo col determinare l equazione di f ) g. Per quanto osservato in precedenza, basta eseguire la sostituzione indicata in figura. La funzione composta f ) g avrà equazione: f: = + g: = = + Similmente si trova l equazione della funzione composta g ) f. f: = + g: = Nell equazione della funzione = g() occorrerà sostituire al posto della l espressione f(). = ( + ). Osserviamo che le due funzioni trovate f ) g e g ) f sono diverse! Ciò significa che conta l ordine con cui si compongono due funzioni, ovvero che l operazione di composizione di due funzioni non è commutativa. 33

21 Esempio Scrivi le equazioni di due funzioni f e g che composte danno luogo alla funzione ( ) 3 = +. La funzione assegnata si ottiene elevando al cubo l espressione racchiusa tra parentesi, quindi possiamo prendere come funzione g: = + e come funzione f: = 3. Esercizi f: = 3 g: = + 3. Individua le componenti delle seguenti funzioni composte: 3 = + 3, = 4+, = + 3, + = e. 34

22 Grafici delle funzioni elementari Tutte le funzioni matematiche che incontreremo in analisi si ottengono sommando algebricamente, moltiplicando, dividendo o componendo le funzioni elementari. E importante conoscere i grafici di queste funzioni, in quanto a partire da essi è possibile ricavare informazioni preziose nello studio delle funzioni, soprattutto nel calcolo dei limiti. Riportiamo i grafici delle funzioni elementari. = n con n dispari = n con n pari O O = n con n dispari = n con n pari O O = = O O 35

23 = sen 3/ / O / 3/ = cos 3/ / O / 3/ = = = 0 = = tg = cotg / O / O / = arc sen () = arc cos () O O 0 36

24 / = O = arc tg () / = = / = arc cotg () = 0 O = a a > = a 0 < a < O O O = log a 0 < a < = log a a > O 37

25 Determinazione del dominio di una funzione Classificazione delle funzioni Definizione Una funzione = f() si dice algebrica se le operazioni da eseguire sui valori della variabile per ottenere i valori della variabile possono essere solo addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, radici e valori assoluti. In ogni altro caso la funzione si dice trascendente. Le funzioni algebriche si suddividono in razionali intere se f() è un polinomio; razionali fratte se si presentano nella forma = e D() ha almeno grado. irrazionali se la compare sotto qualche simbolo di radice. N( ) dove N() e D() sono due polinomi D( ) Se indichiamo con g() una qualunque funzione, le funzioni trascendenti si suddividono in: esponenziali se si presentano nella forma g () = a con a numero reale positivo; logaritmiche se si presentano nella forma = log a g() con a numero reale positivo e a ; goniometriche se si presentano nella forma = sen g(), = cos g(), = tg g(), = cotg g(); goniometriche inverse se si presentano nella forma = arc sen g(), = arc cos g(), = arc tg g(), = arc cotg g(); potenze con esponente irrazionale positivo se si presentano nella forma = [g()] α con α numero irrazionale positivo; potenze con esponente e base variabili se si presentano nella forma = h() g(), dove h() può essere una qualunque funzione h() 0. Esempio Classifica le seguenti funzioni 3 = è una funzione.. + = è una funzione.. = è una funzione.. = è una funzione.. Più brevemente una funzione = f() è algebrica se la sua equazione è riconducibile alla forma F(; ) = 0, dove F è un polinomio nelle due variabili e. Ad esempio la funzione = 3 3 ( ) = 0 3 0; è algebrica, infatti con semplici passaggi si arriva a scriverla nella forma: +

26 ( ) = log 3 è una funzione.. = tg 3 è una funzione.. = arc cos ( ) è una funzione.. ( ) = è una funzione.. = + è una funzione.. Dai domini delle funzioni elementari e delle funzioni razionali si possono dedurre i domini delle funzioni più ricorrenti. Sintetizziamo i procedimenti nella tabella della pagina seguente. 39

27 Funzioni Domini Motivazione Razionali intere Razionali fratte n g( ) R R {valori che annullano il denominatore} = n pari Soluzioni della disequazione g() 0 Le operazioni di addizione e sottrazione e moltiplicazione sono sempre possibili. L operazione di divisione ha significato solo se il divisore è diverso da 0. La radice di indice pari si può calcolare quando il radicando è positivo o nullo. = n g( ) n dispari Dominio di g() La radice di indice dispari si può sempre calcolare. g () = a, a > 0 Dominio di g() La potenza ad esponente reale con la base positiva si può calcolare qualunque sia l esponente. = log a g(), a > 0, a Soluzioni della disequazione g() > 0 Il logaritmo si può calcolare quando l argomento è positivo. = sen g() = cos g() Dominio di g() Il seno e il coseno si possono calcolare per qualunque valore dell argomento. = tg g() La tangente si può calcolare quando l argomento è Soluzioni della disequazione g() +k, k Z diverso da +k con k Z. = cotg g() Soluzioni della disequazione g() k, k Z La cotangente si può calcolare quando l argomento è diverso da k con k Z. = arc sen g() = arc cos g() Soluzioni della disequazione g() L arcoseno e l arcocoseno si possono calcolare quando l argomento varia nell intervallo [ ; ]. = arc tg g() = arc ctg g() Dominio di g() L arcotangente e l arcocotangente si possono sempre calcolare perché la tangente e la cotangente possono variare in tutto R. = [g()] α α irrazionale positivo Soluzioni della disequazione g() 0 La potenza con esponente irrazionale si può calcolare quando la base è positiva o nulla. Le potenze ad esponente reale sono definite quando = h() g() h( ) > 0 h( ) = 0 la base è positiva o quando la base è 0 ma Soluzioni dei sistemi l esponente è positivo. Dominio dig( ) g( ) > 0 Inoltre h g, se h > 0, si può scrivere nella forma g ah a dove a > 0, a è un numero reale fissato. 40

28 Nei paragrafi precedenti abbiamo già incontrato alcuni esempi sulla determinazione del dominio di una funzione. Vediamo un caso non ancora trattato. Esempio Determina il dominio della funzione = sen. La funzione è trascendente e si presenta come potenza con base ed esponente variabili. Dato che l esponente sen è definito per qualunque numero reale, la funzione è definita o quando la base è positiva > 0 > 0 < 0 >. o quando la base è nulla ma l esponente è positivo. Dallo studio precedente si deduce che la base è nulla quando = e in tal caso l esponente sen 0,84 è positivo. In conclusione la funzione è definita per < 0 pertanto il dominio è l insieme D = ( ; 0) [; + ) Esercizi Classifica e determina il dominio delle seguenti funzioni: 4. = 3+, = 3, = = log( ), 3 { } ; ; R Una sola risposta è corretta: individuarla e fornire un esauriente spiegazione della scelta effettuata. (e. s. 003) 4 R = arcsen, = ( + ) [( ; ); [ 4; 4]; ( ; + )] 4 6. = cos (limitare la determinazione del dominio all intervallo [ ; ]) ; 7. = ( 3)( ), = ( ) 9. 4 ;, = + ; ; + ; ( ; ) ; + ; 0; + 3 [ ) [ ) [ ) =, = +, = sen [[ ; ]; ( ; ) (0; + ); R {0}] =, = arctg arctg, = ( + ) sen [(0; ); R { }; R] + { } 30. Il dominio della funzione ( ) = ln + ( ) f è l'insieme degli reali tali che: A) < 3; B) < 3; C) 0 < 3; D) 0 < 3.

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Considerazioni preliminari sul dominio

Considerazioni preliminari sul dominio L'argomento di cui ci occupiamo in questa lezione è un must nello studio dell'analisi Matematica: vogliamo proporre una guida completa sul dominio di funzioni reali di variabile reale, e mostrare quali

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO

PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO 9 PRESENTAZIONE DEL CAPITOLO SULLE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI O COL VALORE ASSOLUTO Il capitolo che sta per iniziare presenta alcuni argomenti dall aspetto un po arido. Tuttavia, nelle facoltà

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Elementi di teoria degli insiemi

Elementi di teoria degli insiemi Elementi di teoria degli insiemi 1 Insiemi e loro elementi 11 Sottoinsiemi Insieme vuoto Abbiamo già osservato che ogni numero naturale è anche razionale assoluto o, in altre parole, che l insieme dei

Dettagli

Logaritmi ed esponenziali

Logaritmi ed esponenziali Logaritmi ed esponenziali definizioni, proprietà ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 A cosa servono i logaritmi I logaritmi rendono possibile trasformare prodotti in somme, quozienti in differenze,

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli