Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo. Il comportamento dei sistemi in regime transitorio. 5.8 Esercizi - Risposta al gradino dei sistemi del 2 ordine reazionati e non reazionati"

Transcript

1 Capitolo 5 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.1 Geeralità ulla ripota dei itemi el domiio del tempo 5. Ripota al gradio di u itema del primo ordie. 5.3 Eercizi - Ripota al gradio dei itemi del 1 ordie reazioati e o reazioati 5.4 Geeralità ui itemi del ordie 5.5 Ripota al gradio di ampiezza e di u itema del ordie co ζ >1 (poli reali dititi e egativi) 5. Ripota al gradio di ampiezza e di u itema del ordie co ζ 1 (poli reali coicideti e egativi) 5.7 Ripota al gradio di ampiezza e di u itema del ordie co 1 ζ <1 (poli complei e coiugati co parte reale egativa ) 5.8 Eercizi - Ripota al gradio dei itemi del ordie reazioati e o reazioati 5.9 Elemeti caratteritici della ripota di u itema al gradio 5. Eercizi - Ripota al gradio e parametri caratteritici

2 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.1 GENERALITÀ SULLA RISPOSTA DEI SISTEMI NEL DOMINIO DEL TEMPO Coideriamo u geerico itema Se il egale d igreo e(t) ubice bruche variazioi, il egale d ucita (ripota del itema) è cotituito dalla omma di ua ripota traitoria ed ua ripota permaete (o ripota a regime). Per determiare il egale d ucita u(t), i procede el eguete modo: 1. Si determia la G() G() U()/E(). Si determia la E(), facedo uo delle tabelle delle Td.L 3. Si calcola l ucita U() G()*E() 4. Si atitraforma la U() per rialire alla u(t) Calcolo del valore iiziale e del valore fiale della ripota a) Se è ota la u(t) u(0) lim u(t) ; u( ) lim u(t) t 0 t b) Se è ota la U() Teorema del valore iiziale U i u(0) lim U() Il teorema del valore iiziale ci forice la ripota di u itema all itate t0 Teorema del valore fiale U f u( ) lim U() Il teorema del valore fiale ci forice la ripota di u itema all itate t Nota: il teorema del valore fiale i può applicare olo e U() o ha poli el emipiao poitivo, icluo l ae immagiario ed ecluo l origie. Claificazioi dei itemi per ordie La claificazioe per ordie di u itemi viee fatto i relazioe al umero di poli della ua f.d.t. U itema quidi dicei di: - ordie zero quado la ua f.d.t. o preeta poli - ordie uo quado la ua f.d.t. preeta u polo (deomiatore della f.d.t. è u poliomio di primo grado) - ordie due quado la ua f.d.t. preeta poli (deomiatore della f.d.t. è u poliomio di ecodo grado) Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-

3 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5. RISPOSTA AL GRADINO DI UN SITEMA DEL 1 ORDINE Coideriamo u itema del 1 ordie co u polo reale egativo (a<0), eccitato da u gradio di ampiezza E Calcolo della U() U() E()*G() Eedo l igreo u gradio di ampiezza E E()E/, E K otituedo i ha : U() E()*G() + a La ripota u(t) ha u adameto epoeziale crecete. Calcolo del valore fiale u( ) E K U f u( ) lim U() lim + a Calcolo della ripota u(t) EK a E K U() E()*G() + a Atitraformado facedo uo della tabella delle T.d.L rigo 9, i ricava la u(t) u(t) EK -at ( 1-e ) a U i u(0) lim u(t) 0 ; Vfi u( ) lim u(t) t 0 t lim t EK -at EK (1-e ) a a Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-3

4 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.3 ESERCIZI - RISPOSTA AL GRADINO DEI SISTEMI DEL 1 ORDINE REAZIONATI E NON REAZIONATI E.1. Determiare l ucita u(t) di u itema del primo ordie caratterizzato dalla eguete f.d.t 5 G() + quado all igreo è applicato u gradio di ampiezza Calcolo della u(t) L ucita vale: U() E()*G() Eedo i queto cao l igreo u gradio di ampiezza E()/, otituedo i ha : 5 U() + 5 Atitraformado la U() i ha: u(t) (1-e -t ) 5(1-e -t ) Calcolo della cotate di tempo τ, del valore iiziale e quello fiale τ 1/ ec -t U i u(0) lim u(t) lim 5(1-e ) 0 t 0 t 0 -t U f u( ) lim u(t) lim 5(1-e ) 5 t t Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-4

5 Il comportameto dei itemi i regime traitorio E. Determiare l ucita u(t) di u itema del primo ordie retroazioato, per emplicità a reazioe uitaria quado all igreo è applicato u gradio di ampiezza Calcolo della f.d.t. del itema retroazioato W() Il circuito retroazioato è equivalete al circuito i figura co H()1 5 W () Calcolo della u(t) U() E()*W() Eedo ache i queto eempio l igreo u gradio di ampiezza E()/, 5 otituedo i ha : U() Atitraformado la U() i ha: u(t) (1-e -7t 50-7t ) (1-e ) 7 7 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-5

6 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Calcolo della cotate di tempo τ, del valore iiziale e quello fiale τ 1/7 ec 50-7t U Ri u(0) lim u R (t) lim (1-e ) 0 t 0 t 0 7 U Rf u( ) lim u R (t) t 50-7t lim (1-e ) 5 7,14 t 7 NOTA Dal cofroto co l eercizio precedete i evice che il itema reazioato ripetto a quello o reazioato - i porta a regime i u itervallo di tempo miore - l ampiezza del egale d ucita è miore Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-

7 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.4 GENERALITÀ SUI SISTEMI DEL ORDINE La f.d.t. di u geerico itema del ordie, critta i forma tadard e la eguete. G () k ω + ζω Parametri caratteritici: ζ è detto coefficiete di morzameto (determia il tipo di ripota) ω è chiamata pulazioe aturale k lim G() Poli della f.d.t. guadago tatico I poli della f.d.t. i ricavao aullado il deomiatore della G() p ζω ± ω ζ 1 ω ( ζ ± ζ 1) 1, riulta ioltre che p 1 p ω I poli oo per ζ >1, reali dititi egativi ζ 1, reali coicideti 0< ζ <1, complei coiugati p 1 p -ω (il prodotto delle radici è uguale al termie oto) Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-7

8 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.5 RISPOSTA AL GRADINO DI AMPIEZZA E DI UN SISTEMA DEL ORDINE CON ζ >1, (POLI REALI DISTINTI E NEGATIVI) Coideriamo u itema del ecodo ordie co poli reali e dititi egativi (ζ >1) () ( )( p1 p ) G k ω + ζω La ripota al gradio è aperiodica k ω Dal grafico i rileva quado dimiuice il coefficiete di morzameto aumeta la velocità della ripota. Calcolo del valore fiale u( ) Sappiamo che l ucita el domiio compleo vale: U() E()*G() Avedo i igreo u gradio di ampiezza E E()E/, otituedo i ha : U() E - Il valore fiale U f u( ) lim U() Calcolo della ripota u(t) U() E k ω + ζω E k ω + ζω E k k ω ( p1)( p) Atitraformado la U(), facedo uo della tabella delle T.d.L. al rigo Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-8

9 Il comportameto dei itemi i regime traitorio u(t) u(t) u(t) E k ω E k ω E k L 1 1 ( p1)( p) 1 p 1 e p1 p p p1 p 1 e p p1 p1 + p p1 p1t p t e p1 + p p1 p1t p t e Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-9

10 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5. RISPOSTA AL GRADINO DI AMPIEZZA E DI UN SISTEMA DEL ORDINE CON ζ 1, (POLI REALI CCOINCIDENTI E NEGATIVI) Coideriamo u itema del ecodo ordie co poli reali e dititi egativi (ζ >1) () ( ) G k ω + ζω k ω ; p1 - ω La ripota al gradio è aperiodica Calcolo del valore fiale u( ) L ucita vale: U() E()*G() Avedo i igreo u gradio di ampiezza E E()E/, otituedo i ha : E k ω U() ( ) Teedo preete che la fuzioe o preeta poli poitivi, applicado il Teorema del valore fiale i ha : U f u( ) lim U() E k Calcolo della ripota u(t) U() E k ω + ζω E k ω ( ) Atitraformado la U(), facedo uo della tabella delle T.d.L. al rigo 18 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-

11 Il comportameto dei itemi i regime traitorio u (t) E k ω L 1 u (t) E k ω ω 1 ( 1 ω t t ( 1 e ω t e ω ) ) ω t t E ( ω 1 e ω t e ) k Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-11

12 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.7 RISPOSTA AL GRADINO DI AMPIEZZA E DI UN SISTEMA DEL ORDINE CON 0 ζ <1, (POLI COMPLESSI E CONIUGATI CON PARTE REALE NEGATIVA ) Coideriamo u itema del ecodo ordie co 0< ζ <1, (poli complei e coiugati co parte reale egativa ) k ω + ζω () G k ω ( p1)( p) dove p1 ω ( ζ + ζ 1) ; p ω ( ζ ζ 1) La ripota al gradio è ocillatoria morzata Dal grafico i rileva che quado dimiuice il valore del coefficiete di morzameto ζ aumeta l ampiezza delle ocillazioi la velocità della ripota 1 1 Per <ζ <1 l ocillazioe e be morzata. ( 0,707) Calcolo del valore fiale u( ) L ucita el domiio vale: U() E()*G() Avedo i igreo u gradio di ampiezza E E()E/, otituedo i ha : E k ω U() + ζω Teedo preete che la fuzioe U() o preeta poli a parte reale poitiva, applicado il Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-1

13 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Teorema del valore fiale i ha : U f u( ) lim U() E k Calcolo della ripota u(t) U() E k ω + ζω Atitraformado la U(), facedo uo della tabella delle T.d.L. al rigo 34 1 u (t) E k ω L ( 1 + ζω + ω ) Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-13

14 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.8 ESERCIZI - RISPOSTA AL GRADINO DEI SISTEMI DEL ORDINE REAZIONATI E NON REAZIONATI. E.1. Studiare la ripota dei itemi riportati i figura quado oo ollecitati da u egale a gradio di ampiezza E 4 Soluzioe a) Studio della ripota del itema o retroazioato Ricavo dei parametri caratteritici del itema - Dal cofrotado della a otra G() co quella tadard di u itema + + k ω del ordie G() i ha: + ζω ω ω 1,41 rad/ec (pulazioe aturale) 1 1 ζω ζ 0,707 (coefficiete di morzameto) ω k lim 5 (guadago tatico) + + Calcolo della U() G() + + ; U() E()*G() Avedo i igreo u gradio di ampiezza 4 E() 4/ otituedo i ha : 4 U() + + Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-14

15 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Calcolo del valore fiale U f Calcolo dei poli j1; -1+j1 Teedo preete che la U() o preeta poli a parte reale poitiva applicado il teorema del valore fiale i ricava l ampiezza della ripota a regime. U f 4 u( ) lim U() 0 Grafico e ripota: Eedo ζ 0,707 la ripota al gradio è ocillatoria morzata La ripota i ricava atitraformado la U(), facedo uo delle tabelle delle T.d.L. 4 U() ζ 0,707 ; ω ; θ ar co 0,707 0, ω 1, u (t) 40 L + + u (t) 40 1 t 1 e 1 0,5 e( 1 0,5 t + 0,785) Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-15

16 Il comportameto dei itemi i regime traitorio u (t) e 0,5 t e( 0,5 t + 0,785) t 0 [ 1 e e(t + 0,785) ] b) Studio della ripota del itema retroazioato Calcolo della f.d.t. del itema retroazioato W() Il circuito retroazioato è equivalete al circuito i figura co H()1 W () Ricavo dei parametri caratteritici del itema - Dal cofrotado della a otra W() co quella tadard di u k ω itema del ordie G() i ha: + ζω R ω 1 ωr 1 3,44 rad/ec 1 1 ζ RωR ζ R 0,89 ω 1 k R lim R 5 Calcolo della U R () W() ; U R () E()*W() Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-1

17 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Avedo i igreo u gradio di ampiezza 4 E() 4/ otituedo i ha : 4 U R () Calcolo del valore fiale U f Calcolo dei poli j; -1 + j Teedo preete che la U R () o preeta poli a parte reale poitiva applicado il teorema del valore fiale i ricava l ampiezza della ripota a regime. U Rf u( ) lim U() 4 1 Grafico e ripota: Eedo ζ R 0,9 la ripota al gradio è ocillatoria morzata 3 La ripota i ricava atitraformado la U(), facedo uo delle tabelle delle T.d.L. U() U() u(t) L ζ 1 1 0,89; 1 ζ 0,083; ω 1; 1 ω 1 3,44 rad/ec ω ω 1 ζ 3,44 1 0, 083 3,44 0,957 3,3 rad/ec θ ar co 0,9 1,78 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-17

18 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 1 1 t u (t) 40 e e(3,3 t + 1,78) 1 1 0, t u (t) 1 1 e e(3,3 t + 1,78) 0,957 u (t) ,957 e t e(3,3 t + 1,78) Nota: Dall aalii dei parametri, i ota che l ampiezza della ripota a regime, il coefficiete di morzameto ζ e il guadago tatico del itema retroazioato oo miori di quelli del itema o reazioato Sitema o retroazioato ζ k U f 0, Sitema retroazioato ζ R k R U Rf U f /k+1 0,89 5/ 3 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-18

19 Il comportameto dei itemi i regime traitorio E.. Studiare la ripota dei itemi riportati i figura quado oo ollecitati da u egale a gradio di ampiezza E 4 Soluzioe c) Studio della ripota del itema o retroazioato Ricavo dei parametri caratteritici del itema - Cofrotado la otra G()) co quella tadard di u itema del ordie k ω G() i ricavao i parametri caratteritici: + ζω ω ω rad/ec 5 5 ζω 5 ζ ω 1,0 30 k 5 Calcolo della U() 30 G() ; U() E()*G() Avedo i igreo u gradio di ampiezza 4 E() 4/ otituedo i ha : 4 30 U() Calcolo del valore fiale U f I poli oo reali dititi e egativi p1 -; p -3 Teedo preete che la U() o preeta poli a parte reale poitiva applicado il teorema del valore fiale i ricava l ampiezza della ripota a regime u( ) lim U() 0 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-19

20 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Grafico e ripota: Eedo ζ 1,0>1 la ripota al gradio è aperiodica La ripota i ricava atitraformado la U(), facedo uo delle tabelle delle T.d.L. U() U() ( + )( + 3) d) Studio della ripota del itema retroazioato Calcolo della f.d.t. del itema retroazioato W() Il circuito retroazioato è equivalete al circuito i figura co H()1 30 W () Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-0

21 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Ricavo dei parametri caratteritici del itema 30 - Dal cofrotado della a otra W() co quella tadard di u k ω itema del ordie G() i ha: + ζω ω R ωr 3 rad/ec 1 ζ RωR ζ R 0,17 ωr k R lim 30 5/ 0, Calcolo della U R () 30 W() ; U R () E()*W() Avedo i igreo u gradio di ampiezza 4 E() 4/ otituedo i ha : 4 30 U R () Calcolo del valore fiale U Rf Calcolo dei poli j 35 ; 1+ j 35 Teedo preete che la U R () o preeta poli a parte reale poitiva applicado il teorema del valore fiale i ricava l ampiezza della ripota a regime ,33 3 U Rf u( ) lim U() Grafico e ripota: Eedo ζ R 0,17 la ripota al gradio è ocillatoria morzata La ripota i ricava atitraformado la U(), facedo uo delle tabelle delle T.d.L U R () Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-1

22 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5.9 ELEMENTI CARATTERISTICI DELLA RISPOSTA DI UN SISTEMA AL GRADINO Se applichiamo u egale a gradio all igreo di u itema tabile queto ripode co u egale che può avere l adameto di fig.1 o quello di fig. Fig.1 Ripota aperiodica o morzata Fig. Ripota ocillate morzata Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-

23 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Parametri caratteritici che permettoo di valutare le pretazioi di u itema Tr tempo di alita (rie time) è defiito come il tempo eceario perché il valore della ripota aumeti dal % al 90% del valore fiale Td tempo di ritardo (delay time) è defiito come il tempo eceario perché il valore della ripota ia uguale al 50% del uo valore fiale T tempo di aetameto (ettig time) è defiito come il tempo eceario perché il valore della ripota ia compreo etro ua facia di valori pretabiliti che i dicotao dell 1% 5% dal valore fiale U f Per u itema del 1 ordie: k G() + a co a>0 τ p 1 a 1 (cotate di tempo) ; Tr,τ ; Td 0,7τ T al 1% 4,τ ; T al % 3,9τ ; T al 5% 3τ Per u itema del ecodo ordie co poli complei e coiugati per u igreo a gradio uitario. () G k ω co 0<ζ<1 + ζω 1+ 1,1 ζ + 1,4ζ 1+ 0,7 ζ Tr ; Td ω ω 4 3 T al % ; T al 5% ζω ζω π Tp tempo per raggiugere il max della ripota U M ω 1 ζ π ζ M U M U f 1 ζ U f e altezza del picco (overhoot) UM Uf + M valore maimo raggiuto dall ucita U U M% M f 0 Uf M% U M Uf + Uf 0 π ζ 1 ζ e 0 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-3

24 Il comportameto dei itemi i regime traitorio 5. ESERCIZI - RISPOSTA AL GRADINO E PARAMETRI CARATTERISTICI E.1 U egale a gradio di ampiezza è applicato ad u itema del I ordie la cui fdt è la eguete G() Determiare: a) la ripota i fuzioe del tempo; b)il tempo di alita del egale d ucita; c)il tempo eceario per raggiugere il 99% del valore a regime; d)il valore a regime del egale d ucita. Soluzioe Calcolo della ripota i fuzioe del tempo L ucita vale: U() E()*G() Eedo i queto cao l igreo u gradio di ampiezza E()/, otituedo i ha : U() t -00t Atitraformado i ha: u(t) (1-e ) (1-e ) ( + 00) Calcolo del tempo di alita del egale d ucita Tr τ p 1 1/00 ec, Tr,τ 00 dove p -00 (polo) 3,7 mec Calcolo del tempo eceario per raggiugere il 99% del valore a regime 4, T al 1% 4,τ 00 7,7 mec Calcolo del valore a regime del egale d ucita. -00t U f u( ) lim u(t) lim (1-e ) t t oppure co il teorema del valore fiale 000 U f u( ) lim U() lim 0 ( + 00 ) Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-4

25 Il comportameto dei itemi i regime traitorio E. U egale a gradio di ampiezza è applicato ad u itema del II ordie la cui fdt è la 90 eguete: G ( ) Determiare: a) la ripota i fuzioe del tempo; b) il valore a regime; c)l itate e eite i cui avviee l overhoot del egale d ucita; d)il valore max del egale d ucita Soluzioe Calcolo della ripota i fuzioe del tempo Cofrotiamo la otra fdt co quella tadard 90 () k ω + ζω G ω 18 ω 18 rad/ec (pulazioe aturale) ζω ζ 0,707 (coefficiete di morzameto) ω 18 3 k lim G () 90 lim 90/18 (guadago tatico) I poli della f.d.t. oo complei e coiugati, la ripota e ocillatoria morzata e arà preete u overhoot. L ucita vale: U() E()*G() Eedo i queto cao l igreo u gradio di ampiezza E()/ otituedo i ha : 90 U() Atitraformado i ha: u(t) -14,14 e -3t e(3t +π/4) Calcolo del valore a regime del egale d ucita. U f u( ) lim u(t) lim -14,14 e t t -3t e(3t +π/4) oppure co il teorema del valore fiale i quato i poli della G() hao parte reale egativa. 90 U f u( ) lim U() lim Calcolo dell itate i cui avviee l overhoot del egale d ucita π π π 3,14 Tp 1, 047 ec ω 1 ζ ,5 18 0,5 3 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-5

26 Il comportameto dei itemi i regime traitorio Metodo alterativo: Per trovare l itate i cui l ucita è maima calcoliamo e aulliamo la derivata prima D[u(t)] D[ -14,14 e - 3t e(3t+π/4)] -14,14 e -3t (-3) co(3t+π/4) (+3) D[u(t)] 9 14,14 e - 3t co(3t +π/4) 0 π 3 π 3t + π t t t 1,047 ec 4 3 Calcolo del maimo valore raggiuto del egale d ucita π ζ M U M U f 1 ζ U f e e UM Uf + M +0,43,43 π ζ 1 ζ 0,43 altezza del picco Metodo alterativo: Il valore max i ha per t1,047 pertato: U M u(t1,047) -14,14 e - 3t e(3t +π/4).43 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-

27 Il comportameto dei itemi i regime traitorio E.3 Il itema decritto dallo chema a blocchi è ottopoto ad u gradio di ampiezza 5 Determiare: a) il valore a regime b) il tempo di alita c) il tempo a cui avviee l overhoot d) il valore dell overhoot e) il valore max del egale d ucita f) il tempo di aetameto al % Calcolo della ripota U() Soluzioe Il circuito retroazioato è equivalete al circuito i figura co H()1 ( + 400) W() ( + 400) + 1+ ( + 400) Cofrotiamo la otra fdt co quella tadard k ω W() ζω ω ω ζω rad/ec (pulazioe aturale) ζ 0, (coefficiete di morzameto) ω 00 k lim W () lim (guadago tatico) I poli della f.d.t. oo complei e coiugati, la ripota e ocillatoria morzata e arà preete u overhoot. Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-7

28 Il comportameto dei itemi i regime traitorio L ucita vale: U() E()*W() Eedo i queto cao l igreo u gradio di ampiezza 5 E()5/ otituedo i ha : 5 5 U() ( ) Calcolo del valore a regime del egale d ucita. 5 U f u( ) lim U() lim ( ) 5 Calcolo del tempo di alita 1+ 1,1 ζ + 1,4ζ 1+ 1,1 0, + 1,4 0, Tr ω 00 1,7 mec Calcolo del tempo a cui avviee l overhoot π 3,14 Tp 3,0 mec ω 1 ζ , Calcolo del maimo valore raggiuto del egale d ucita π ζ π 0, M U M U f 1 ζ 1 0, U f e 5 e,3 valore del picco (overhoot) UM Uf + M 5 +,3 7,3 valore maimo raggiuto dall ucita Calcolo del tempo di aetameto al % 4 T al % ζω 4 0 mec 0, 00 Prof. Fraceco Di Sabatio - Dipee di Sitemi Elettroici Automatici V-8

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

1.1 Classificazione del rumore

1.1 Classificazione del rumore 1. Gli ocillatori ricoproo u ruolo odametale ell ambito dei itemi elettroici per le telecomuicazioi: ei itemi tramettitore-ricevitore a RF oricoo ai mixer il egale che permette la tralazioe i requeza,

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s)

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s) Preciione a regime: errore tatico ERRORE STATICO Alimentazione di potenza E() YRET() G() Y() H() Per errore tatico i intende lo cotamento, a regime, della variabile controllata Y() dal valore deiderato.

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

0$&&+,1($6,1&521(75,)$6( Avvolgimento di statore. Avvolgimento di rotore. ω = p

0$&&+,1($6,1&521(75,)$6( Avvolgimento di statore. Avvolgimento di rotore. ω = p 35,1&,3,',)81=,1$0(17 0$&&+,1($6,1&51(75,)$6( Le macchie aicroe, utilizzate come motore, cotituicoo il tipo più diffuo di macchie elettriche a correte alterata, i quato preetao ua grade emplicità di cotruzioe

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

STIME E LORO AFFIDABILITA

STIME E LORO AFFIDABILITA TIME E LORO AFFIDABILITA L idea chiave su cui si basa l aalisi statistica è che si ossoo eseguire osservaioi su u camioe di soggetti e che da questo si ossoo comiere iferee sulla oolaioe raresetata da

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace Studio di traitori co il mtodo dll traformat di Laplac Apputi a cura dll Igg. Baoccu Gia Piro Marra Luca Tutor dl coro di ELETTROTECNICA pr mccaici chimici A. A 3/4 4/5 Facoltà di Iggria dll Uivrità dgli

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1

Costruzioni elettromeccaniche a.a. 2003-04. bozza 1 Cotruzioi elettromeccaiche a.a. 3-4 MACCHINE ASINCRONE bozza 1 Coteuti 1 - Morfologia e itemi di raffreddameto - Circuiti magetici 3 - Avvolgimeti 4 - Caratteritiche elettriche 5 - Diagramma circolare

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

1 Limiti di successioni

1 Limiti di successioni Esercitazioi di matematica Corso di Istituzioi di Matematica B Facoltà di Architettura Ao Accademico 005/006 Aa Scaramuzza 4 Novembre 005 Limiti di successioi Esercizio.. Servedosi della defiizioe di ite

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale.

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale. Corso di laurea i Matematica Corso di Aalisi Matematica -2 Dott.ssa Sadra Lucete Fuzioi poteza ed espoeziale. Teorema. Teorema di esisteza della radice -esima. Sia N. Per ogi a R + esiste uo ed u solo

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE a cura di Michele Scaglia RICHIAMI TEORICI Richiamiamo brevemete i pricipali risultati riguardati le serie umeriche. Teorema (Codizioe Necessaria per la Covergeza) Sia a

Dettagli

Metodi Numerici per la Bioinformatica

Metodi Numerici per la Bioinformatica Metodi Numerici per la Bioiformatica Approcci claici all aalii di dati A.A. 008/009 Fraceco Archetti Itroduzioe Vi oo criteri differeti per caratterizzare i problemi di tetig di ipotei. il umero di campioi

Dettagli

Paolo Rocco. Automatica

Paolo Rocco. Automatica Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale Avvertenza Queta

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

La conversione A/D. Segnali digitali A differenza del segnale analogico quello digitale è costituito da una funzione "tempo discreta" e "quantizzata :

La conversione A/D. Segnali digitali A differenza del segnale analogico quello digitale è costituito da una funzione tempo discreta e quantizzata : La overioe A/D Segali aalogii U egale aalogio può eere rappreetato mediate ua fuzioe del tempo he gode delle egueti aratteritihe: 1) la fuzioe è defiita per ogi valore del tempo (è ioè otiua el domiio)

Dettagli

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci.

Formula per la determinazione della Successione generalizzata di Fibonacci. Formula per la determiazioe della uccessioe geeralizzata di Fiboacci. A cura di Eugeio Amitrao Coteuto dell articolo:. Itroduzioe......... uccessioe di Fiboacci....... 3. Formula di Biet per la successioe

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

alcuni esercizi risolti o quasi di inferenza statistica I a.a. 2005/06

alcuni esercizi risolti o quasi di inferenza statistica I a.a. 2005/06 ISTRUZIONI PER L USO alcui eercizi riolti o quai di ifereza tatitica I a.a. 005/06 guido maarotto 3 maggio 006 La umerazioe delle uità corripode a quella dei lucidi delle lezioi. Tavole dei quatili delle

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

Verifica e progetto allo stato limite ultimo di pilastri in c.a. a sezione rettangolare: un metodo semplificato

Verifica e progetto allo stato limite ultimo di pilastri in c.a. a sezione rettangolare: un metodo semplificato Veriica e progetto allo tato limite ultimo di pilatri i c.a. a ezioe rettagolare: u metodo empliicato Aurelio Gheri, arco uratore Sommario L uo del metodo degli tati limite per la veriica ed il progetto

Dettagli

Dispense di Analisi Matematica II

Dispense di Analisi Matematica II Dispese di Aalisi Matematica II Domeico Cadeloro (Prima Parte) Itroduzioe Queste dispese trattao la prima parte del corso di Aalisi Matematica II. Nel primo capitolo si discutoo gli itegrali geeralizzati

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli