BANDO PER LA VENDITA DEI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO RISPOSTE AI CHIARIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO PER LA VENDITA DEI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO RISPOSTE AI CHIARIMENTI"

Transcript

1 Chiarimenti BANDO PER LA VENDITA DEI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO RISPOSTE AI CHIARIMENTI DOMANDA: Il terreno agricolo in questione è quello relativo all'allegato 26 - codice progetto 9B/526 - agro di Altamura (BA) esteso per ha 90,1969. Volevamo avere informazioni relative all'ubicazione precisa del mandorleto. Ovvero le particelle ed il foglio di mappa dove ricade l'impianto arboreo in questione. RISPOSTA: E possibile ricavare le notizie da Lei richieste consultando la scheda tecnica allegata al testo del Bando Concorso e identificabile con la sigla 9B/526. Nella fattispecie, trattandosi di mandorleto di recente impianto non in produzione (decreto regionale del 2008), ai fini della produttività è stato considerato come seminativo, pertanto ai fini della compilazione del modello C va considerato in funzione dell ordinamento produttivo in essere. DOMANDA: All art. 2 punto 7 si fa riferimento, nel caso di insediamento in società, alla esclusione dei soggetti che alla data della pubblicazione del bando risultino in possesso da oltre 6 mesi dei requisiti indicati al punto 5 lett. a), b) e c) dell art. 2: nel mio caso, non sono in possesso dei requisiti b) c), ma ho presentato istanza di riconoscimento della qualifica IAP ad agosto 2010 e il comune di riferimento mi ha rilasciato ad ottobre 2010 l attestato provvisorio di IAP. I requisiti di cui alla lettera a), b) e c) da come è formulato il bando sembra debbano essere posseduti congiuntamente (vedi e tra le lettere non o ) da oltre 6 mesi dalla data di pubblicazione del bando. Vorrei una risposta sulla possibilità quindi di partecipare, in base a quanto discusso sopra, pur avendo presentato istanza di riconoscimento della qualifica IAP da oltre 6 mesi. RISPOSTA: Condizione necessaria per la partecipazione al Bando concorso è il possesso di tutti e 4 i requisiti. Nel Suo caso non è soddisfatto il punto A. DOMANDA: Avrei bisogno di sapere se è possibile avere una raccolta fotografica del terreno sito nel comune di Perugia all. 8 codice progetto 58P/429. RISPOSTA: Non sono disponibili foto del terreno in questione, è tuttavia possibile consultare direttamente i sistemi geosatellitari su Internet (SIAN, Google maps ecc) previa

2 acquisizione i riferimenti catastali e di accesso al fondo dalla scheda fondiaria allegata al bando. DOMANDA: Il seguente scenario è possibile?: Valore terreni ,00 Un azienda alla stipula dell atto paga ,00 e sulla restante somma richiede il mutuo a anni. RISPOSTA: No, secondo le procedure ISMEA tutto l importo viene rateizzato. DOMANDA: In riferimento al punto 4 del bando per la vendita dei terreni con patto di riservato dominio. I tassi applicati fanno riferimento al tasso indicato nella tabella base rates pubblicato sul sito della commissione europea. Ad oggi per l Italia viene indicato un tasso di 2,07%. Questo tasso è quello di riferimento? Oppure è il tasso massimo applicato alle operazioni come indicato nel punto 4 del Bando. In definitiva il tasso indicato non varia a seconda della durata del piano di ammortamento e e del rating? Lo spread è pari a 220 punti base oppure bisogna aggiungere altri 100 punti base come indicato nella tabella base rates pubblicata dalla commissione europea? Lo spread è uguale per tutti? Oppure viene calcolato in funzione del rating del impresa agricola o società? RISPOSTA: In applicazione della Comunicazione della Commissione europea del 19 gennaio 2008 (2008/C 14/02) relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione 2008/C 14/02, il tasso annuale di riferimento massimo applicabile alle presenti operazioni è corrispondente al tasso base vigente al momento della determinazione di aggiudicazione del presente bando consultabile all indirizzo aumentato di 220 punti base. A richiesta del vincitore, la durata del piano di ammortamento potrà essere di 15, 20, 25 o 30 anni. In applicazione del regime di aiuto n. XA 259/2009, sarà concesso al vincitore un contributo in conto interessi nella misura massima attualizzata di Euro ,00 (quarantamila/00), in conformità a quanto disposto dal Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modificazioni. Il tasso varia a seconda della durata dell ammortamento e non è influenzato dal rating. DOMANDA: Guardando l andamento dei tassi ad oggi è possibile fare un esempio sui tassi di riferimento e il tassi effettivi utilizzando il contributo in conto interessi? Il contributo in conto interessi è pari nella misura di massimo ,00. Quali sono 2

3 i parametri che vengono utilizzati per assegnare questo contributo? Inoltre si parla di valore attualizzato darà superiore di interessi? RISPOSTA:A puro titolo esemplificativo scaricare slide sito sviluppo d impresa- Agevolazioni per primo insediamento giovani in agricoltura. DOMANDA: L attualizzazione degli interessi prende in considerazione dei tassi di riferimento. Da chi e come vengono stabiliti? RISPOSTA:A tutti i vincitori è concesso il contributo massimo di mila Euro già a lordo dell attualizzazione. DOMANDA: I terreni acquistati con patto di riservato dominio posso essere dati in affitto in alcuni anni, tutti o in parte? RISPOSTA:I terreni non possono essere concessi in affitto per l intera durata del piano di ammortamento e fino alla cancellazione della riserva di dominio. DOMANDA: Sui terreni acquistati e possibile effettuare delle trasformazioni di colture arboree o eventuali case rurali o strutture connesse all attività agricola utilizzando finanziamenti psr o altre risorse economiche? RISPOSTA: Sui terreni è possibile effettuare opere di miglioramento fondiario e/o trasformazioni riguardanti l intero capitale fondiario previa acquisizione del nulla osta da parte di ISMEA. DOMANDA: L esperienza professionale come coadiuvante nella azienda di famiglia come può essere dimostrata? RISPOSTA: L esperienza professionale come coadiuvante nell azienda familiare può essere dimostrata mediante l acquisizione di idonea certificazione rilasciata dall INPS. DOMANDA: Le spese di rogito e di registro a quanto ammontano per un valore di circa? RISPOSTA: Le spese di rogito e di istruttoria vengono quantificate al momento del rogito. Ai sensi dell art. 4 bis del DL 194/2009 gli onorari notarili sono ridotti alla metà, inoltre ai 3

4 sensi art.1 comma 41 L.13/12/2010 n.220, l imposta catastale è calcolata nella misura del 1% e le tasse di registro e ipotecarie sono calcolate in misura fissa. DOMANDA: Inoltre nel caso venga inserito nell atto la dicitura compendio unico si ha un ulteriore riduzione? Quanto costa nel primo e nel secondo caso? RISPOSTA: Se l acquirente si impegna a costituire un compendio unico accettando tutte le condizioni di legge ai sensi del DL 99/2004 e successive modifiche ed integrazioni, l atto è esente dall imposta catastale di registro e ipotecaria e l onorario del notaio è ridotto di 1/6. DOMANDA: Il valore di vendita complessivo indicato negli allegati calcolato? Quali parametri di stima sono utilizzati? come viene RISPOSTA: Il valore di vendita viene calcolato attraverso un procedimento analitico di capitalizzazione del reddito aziendale attualizzato mediante adozione di un idoneo saggio di capitalizzazione che tiene conto delle caratteristiche intrinseche ed estrinseche del fondo. DOMANDA: nel bando è indicato il seguente indirizzo per i quesiti: Tale indirizzo risulta attivo? RISPOSTA: L indirizzo è attivo. DOMANDA: In riferimento al terreno con codice 056P/00213 in Berceto (Parma). Avremmo bisogno di fare un sopralluogo del terreno entro la fine del mese. Chi si deve contattare e come si può organizzare la visita? RISPOSTA: Non è possibile organizzare dalla Sede dell Istituto una visita, tuttavia la SV potrà con le indicazioni inserite nella scheda fondiaria ( es. dati catastali e modalità di accesso al fondo) allegata al Bando Concorso recarsi direttamente sul terreno e visitarlo. DOMANDA: In riferimento al terreno oggetto di cessione da parte del vostro Ente identificato dal codice 056P/00213 Berceto (PR) Premetto che eventualmente al bando parteciperà un giovane che si insedierà come legale rappresentante di una società di capitali nel rispetto delle indicazioni indicate nel bando (in particolare articoli 5 e 5.1). Il partecipante al bando rispetta i requisiti 4

5 previsti dalla normativa comunitaria, regionale e provinciale per conseguire la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale entro i termini prescritti e non ha mai beneficiato di un premio di primo insediamento. Saremmo interessati a partecipare al fine di sviluppare un attività agricola sul terreno in oggetto ed a tal fine avremmo bisogno di alcuni chiarimenti. Trattandosi di un bando di rassegnazione è corretto ritenere che il terreno sia stato messo in vendita altre volte ma con esito finale negativo? È possibile conoscere la storia che ha riguardato gli altri bandi di assegnazione del terreno effettuati in precedenza? RISPOSTA: Tutti i terreni oggetto della procedura di riassegnazione mediante Bando Concorso sono rientrati nella disponibilità dell Istituto a seguito di un primo contratto di vendita che, per varie cause, è stato risolto; in base alle norme statutarie detti terreni vengono riassegnati secondo i criteri previsti nel bando concorso. DOMANDA: L art. 8 del bando prevede azioni di verifica da parte di ISMEA sull attuazione del Piano di Sviluppo Industriale entro 5 anni dalla data di assegnazione. Vorrei contemplare l ipotesi in cui attraverso la lavorazione del terreno nei primi anni ci si accorgesse che esiste un impiego più redditizio oppure che le condizioni di mercato cambino perché, ad esempio, la Provincia incentiva una coltura piuttosto che un altra. Quali sono le condizioni da rispettare per avere un approvazione da parte dell ISMEA alla revisione del piano? è sufficiente dimostrare la maggior convenienza economica o ci sono altri parametri da rispettare, se sì quali? RISPOSTA: Salve le attività di monitoraggio che ISMEA metterà in atto, le eventuali successive opere di miglioramento fondiario saranno possibili previo il nulla osta di ISMEA. DOMANDA: Quali garanzie deve fornire la società agricola rappresentata dal legale rappresentante per partecipare all acquisto del terreno? La società, costituita in forma di società per capitali, sarebbe la titolare del terreno e diventerebbe essa stessa proprietaria del terreno all estinzione del debito contratto per l acquisto. E corretto ritenere che il giovane imprenditore ed i soci sarebbero responsabili patrimonialmente nei limiti del capitale conferito per le obbligazioni sociali, ivi incluso l acquisto del terreno? RISPOSTA: Tutte le assegnazioni vengono fatte con vendita riserva di dominio a favore di 5

6 Ismea, pertanto la proprietà del bene rimane ad ISMEA sino al pagamento dell ultima rata del prezzo di acquisto. DOMANDA: quali documenti bisogna presentare per attestare l esperienza lavorativa in impresa agricola come indicato al punto 3 dell Allegato D Criteri di Selezione? Le buste paga possono essere sufficienti? RISPOSTA: Certificazione INPS attestante eventuali esperienze nel settore agricolo, ed altra idonea certificazione comprovante l attività svolta nel comparto agricolo. Dalla documentazione deve evincersi la durata dell esperienza lavorativa svolta. DOMANDA: Dalla lettura dell Allegato A29 risultano esserci alcune irregolarità di accatastamento. Tali irregolarità sono state sanate? Verranno sanate prima del rogito a spese del venditore? RISPOSTA: Eventuali ed ulteriori attività di regolarizzazione catastale ed urbanistica saranno definite a cura dell Istituto.prima della stipula. DOMANDA: Nell allegato sopracitato si riporta che è stata disposta negli anni 1990/91 la demolizione di due fabbricati? Tale disposizione è stata rispettata? Qual è la storia produttiva del terreno: da quanto si intuisce dai documenti il terreno è stato utilizzato negli ultimi anni per l allevamento di bovini. E corretto? Negli ultimi 10 anni sono state intraprese anche delle attività diverse dall allevamento di bovini? Da quanto tempo il terreno non viene utilizzato per fini agricoli/zootecnici? La zona di bosco ceduo (di 30 ha) di proprietà è oggetto di attività di raccolta funghi da parte dei consorzi o dei cittadini della zona o il proprietario ha diritto esclusivo di sfruttamento della risorsa sul suo terreno? RISPOSTA: La scheda tecnica allegata al testo del Bando concorso contiene tutti gli elementi per acquisire le notizie direttamente sul posto o presso la Pubblica Amm.ne competente sul territorio. DOMANDA: Qual è la storia giuridica del terreno degli ultimi 20 anni: proprietari, atti di provenienza e di cessione, esistenza di diritti reali e di ipoteche, altre servitù attive o passive oltre a quelle indicate nell Allegato A29? RISPOSTA: i dati richiesti saranno evidenti nell'atto di vendita. 6

7 DOMANDA: In base alla vostra conoscenza, del legname prodotto sul terreno è stato venduto negli ultimi 10 anni? RISPOSTA: non è un dato in possesso dell Istituto. DOMANDA: Configurando la partecipazione al bando come società di capitali agricola in cui il giovane imprenditore agricolo sia il legale rappresentante e impedendo statutariamente di cedere quote o modificare i requisiti soggettivi per i primi 5 anni cosa accadrebbe alla società titolare del terreno? RISPOSTA: La società, nella quale il giovane intende assumere la legale rappresentanza, a pena di decadenza, dovrà dimostrare il possesso, entro sei mesi dalla data di comunicazione della aggiudicazione, dei seguenti requisiti: - essere titolare di partita IVA; - essere iscritta al registro delle imprese della Camera di Commercio; - avere per oggetto sociale l esercizio esclusivo delle attività di cui all articolo 2135 del codice civile; - avere l indicazione di società agricola nella ragione sociale o nella denominazione; - avere una maggioranza assoluta, numerica e di quote di partecipazione di soci, di età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non compiuti; - prevedere nello statuto una clausola che impedisca trasferimenti di quote o modifiche societarie che determinino un mutamento dei requisiti soggettivi ed oggettivi elencati nei punti precedenti, per almeno 5 anni dalla stipula del contratto (ove non presente tale clausola dovrà essere inserita nello statuto, a pena di decadenza, entro 6 mesi dalla comunicazione di aggiudicazione); - non aver ricevuto in precedenza, o almeno nei 6 anni precedenti alla pubblicazione del presente bando, un premio di primo insediamento; - essere in regola con la normativa antimafia, con la normativa in materia di ambiente, di igiene e sicurezza dei lavoratori, ambiente, igiene e benessere degli animali e in materia di immigrazione. DOMANDA: Cosa accadrebbe se l imprenditore agricolo desse le dimissioni o perdesse i requisiti dopo un certo numero di anni (es. reddito dall attività agricola in percentuale inferiore rispetto a quella prevista dalla materia regionale o sopravvenuta impossibilità a lavorare in agricoltura)? RISPOSTA: Come indicato nel bando la presenza dei requisiti nei primi cinque anni è 7

8 richiesta incondizionatamente; pertanto la mancanza sopravvenuta degli stessi comporterebbe la risoluzione del contratto e la perdita dei benefici fiscali attribuiti in sede di stipula. DOMANDA: un altro imprenditore agricolo a parità di condizioni ed esperienza potrebbe subentrare durante i primi cinque anni nel ruolo di legale rappresentante mantenendo invariato il Piano di Sviluppo industriale presentato ed approvato da ISMEA? Se il cambiamento avvenisse dopo 5 anni dall assegnazione? RISPOSTA: Non è contemplata la possibilità di subentro di altro soggetto, seppur con medesime caratteristiche prima del decorso dei cinque anni prescritti. Tale sostituzione sarà possibile dopo il decorso dei cinque anni. DOMANDA: In riferimento all allegato A33 Codice 091V/00309 (Terreno in agro di San Giuliano, comune di Tuscania, (Viterbo), ettari totali 13,4290, prezzo Euro ,41, all.a33), qualora l aggiudicatario decidesse per un piano d ammortamento di 30 anni quale sarebbe l importo della rata semestrale? RISPOSTA: Il calcolo della rata si fa successivamente all aggiudicazione. Le rate sono semestrali e calcolate al tasso di riferimento europeo secondo le indicazioni riportate nel bando concorso. A puro titolo esemplificativo scaricare slide sito sviluppo d impresa- Agevolazioni per primo insediamento giovani in agricoltura. DOMANDA: Per il terreno di cui alla domanda precedente, quale è la procedura per visionare l immobile? Vi è un custode? RISPOSTA: Sul terreno non c è il custode. Il terreno si può visitare direttamente seguendo le informazioni catastali e di accesso indicate nella scheda tecnica. Il Responsabile del Procedimento Dr.ssa Melina Giandomenico 8

1. CHI PUO PRESENTARE DOMANDA

1. CHI PUO PRESENTARE DOMANDA Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

1.CHI PUO PRESENTARE DOMANDA

1.CHI PUO PRESENTARE DOMANDA Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016

Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISMEA e nuovi insediamenti agricoli: le domande vanno presentate entro il 10.06.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione

Dettagli

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo.

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo. Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

LE AZIONI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELLA IMPRENDITORIALITA GIOVANILE IN AGRICOLTURA

LE AZIONI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELLA IMPRENDITORIALITA GIOVANILE IN AGRICOLTURA LE AZIONI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELLA IMPRENDITORIALITA GIOVANILE IN AGRICOLTURA GIOVANI IMPRENDITORI IN AGRICOLTURA: il panorama delle opportunità AGENDA Acquisto di aziende agricole per giovani

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 CHIARIMENTI 1. DOMANDA: vorrei i seguenti chiarimenti: Sul bando in questione viene richiesta, oltre al beneficiario, anche al

Dettagli

C H I E D E. di partecipare al bando concorso per l assegnazione del fondo, Codice progetto / sito in agro di

C H I E D E. di partecipare al bando concorso per l assegnazione del fondo, Codice progetto / sito in agro di Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Via Nomentana, 183 00161 Roma Cognome Nome Codice Fiscale Sesso Partita IVA M F Data di nascita Comune di nascita Provincia Cittadinanza Residenza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

Regime di aiuto SA 40395 FAQ

Regime di aiuto SA 40395 FAQ Regime di aiuto SA 40395 FAQ 1. Quali sono i requisiti soggettivi per accedere alle agevolazioni per l'insediamento giovani in agricoltura? (ditta individuale e società) Alle agevolazioni possono accedere

Dettagli

BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n.16 del 17/1/2013)

BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n.16 del 17/1/2013) BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n.16 del 17/1/2013) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto di Servizi per il Mercato

Dettagli

BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n. 649 del 05/12/2011)

BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n. 649 del 05/12/2011) BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO (Determinazione del Direttore Generale n. 649 del 05/12/2011) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto di Servizi per il Mercato

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e

L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni e I Servizi ISMEA per i giovani imprenditori agricoli AGENDA L ISMEA I servizi Ismea Il subentro in agricoltura Agevolazioni per l insediamento dei giovani in agricoltura Il fondo di garanzia Informazioni

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Consiglio Regionale Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in attuazione

Dettagli

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 S E R V I Z I O B I L A N C I O Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 Sommario Art. 1 - Norme generali... 3 Art. 2 - Garanzia ipotecaria...

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La presentazione

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Allegato alla delibera n. del Comune di Solarolo Provincia di Ravenna Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Art. 1 OGGETTO Al fine di agevolare i nuclei familiari ed

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 10239 ALLEGATO A PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DEL PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO NELLA FORMA COMBINATA (PREMIO UNICO + ABBUONO DI INTERESSI).

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 CHIARIMENTI 1. DOMANDA: in merito al bando Primo Insediamento, oltre all'acquisto del terreno è finanziabile l'acquisto di attrezzature

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze)

Dettagli

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.02 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 2 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI (DA PRODURRE

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO

MUTUO IPOTECARIO A TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: Lungotevere Michelangelo n. 5 00192 Roma. Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA I produttori contraenti devono compilare il modulo in ogni parte, in stampatello, allegando la relativa

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETO 12 febbraio 2010. CORTE DEI CONTI Differimento dell adozione di specifici provvedimenti attuativi collegati all istituzione delle nuove funzioni dirigenziali.

Dettagli

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E I prestiti di conduzione saranno assistiti dal concorso regionale sul pagamento degli interessi per un

Dettagli

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di SCHEMA DI CONVENZIONE per la regolamentazione della gestione ed erogazione delle agevolazioni in abbuono interessi in favore degli imprenditori del settore agricolo beneficiari degli aiuti previsti dalla

Dettagli

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti.

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti. I MUTUI ENPAM DOMANDE E RISPOSTE 1. A chi può essere concesso il mutuo? A tutti gli iscritti che hanno almeno 3 anni consecutivi di anzianità d iscrizione e di contribuzione effettiva e sono in regola

Dettagli

Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica

Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica Audizione Commissione agricoltura e produzione agroalimentare Senato della Repubblica Disegni di legge nn. 2674, 2710 e 2919 (imprenditoria giovanile in agricoltura) 22 Febbraio 2012 ore 15.30 Gli attuali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0819776411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara 1 COS E IL MUTUO INPDAP Il mutuo inpdap è un mutuo ipotecario per l'acquisto della prima casa erogato dall' Istituto Nazionale per i Dipendenti dell'

Dettagli

Allegato alla D.G.P. n.del.

Allegato alla D.G.P. n.del. Allegato alla D.G.P. n.del. Legge Regionale n. 12 del 23 Maggio 2008 art. 10 Programma Meccanizzazione Agricola. D.G.R. n. 40-9259 Del 21/07/2008 e D.G.R. n. 41-11192 Del 06/04/2009 BANDO PROVINCIALE 2010

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- - LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

ISTITUTO DEI CIECHI VIA VIVAIO 7

ISTITUTO DEI CIECHI VIA VIVAIO 7 ISTITUTO DEI CIECHI VIA VIVAIO 7 20122 MILANO ENTE MORALE R.D. 20 SETTEMBRE 1868 AVVISO D ASTA PUBBLICA PER L ALIENAZIONE DI N. 1 APPARTAMENTO IN MILANO L Istituto dei Ciechi di Milano procederà, a mezzo

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INFORMAZIONI GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE DI MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (ai sensi del D.L. n. 185/2008)

Dettagli

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 Allegato al D.A.n 1571 del 14/06/2004 CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 OBIETTIVI La Regione riconosce e promuove quale soggetto

Dettagli

Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59)

Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59) Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa

Dettagli

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative Allegato 1 Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative A) PREMESSA L articolo 10 della L.R. n. 12 del 23

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI. PIANO AZIENDALE di Allegato parte integrante Piano Aziendale Operazione 6.1.1 "Insediamento Giovani Agricoltori" PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURA 6 Operazione 6.1.1 INSEDIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato)

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) Acquistare la casa: quanto costa il notaio? Le tabelle qui pubblicate riportano di massima i compensi dovuti al notaio per gli atti

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 53 del 14 settembre 1998 - ART. 1 - OGGETTO E FINALITA DEL

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres.

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO ALLEGATO N. 4 SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO Il giorno del mese di anno in Roma: tra - La società finanziaria (nel prosieguo, per brevità, anche solo Società finanziaria ), con sede in, Via, n. Codice

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa.

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa. Legge 1985032 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA Fondo per l' edilizia abitativa. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 53 del 30 dicembre 1985 Il Consiglio

Dettagli

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino-Firenze)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601. RISOLUZIONE N. 215/E Roma, 09 agosto 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

Dettagli

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti AGEVOLAZIONI Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti soggetti ad Imposta sul Valore Aggiunto; imposte ipotecarie e catastali in caso di agevolazioni

Dettagli

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante condizioni, criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati per l anticipazione alle imprese del valore commerciale dei prodotti agricoli, in attuazione dell articolo

Dettagli

Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ==========

Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ========== REGIONE PUGLIA Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ========== ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AGRICOLTURA N. 12 del registro delle determinazioni CODICE CIFRA:

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014)

Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura (Regolamento UE N. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014) A chi si rivolge Le agevolazioni sono riservate ai giovani che intendono insediarsi

Dettagli

Foglio Informativo Mutui Fondiari Tasso BCE

Foglio Informativo Mutui Fondiari Tasso BCE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0819776411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 INFORMAZIONI SULLA BANCA

RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 INFORMAZIONI SULLA BANCA RINEGOZIAZIONE MUTUI A TASSO VARIABILE EX ART. 3 D.L. N. 93/2008 SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale e amministrativa

Dettagli

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI \ CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo LE NOVITA DELL IMPOZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI INDICE 1. PREMESSA 2. LE IMPOSTE INDIRETTE APPLICABILI 1 GENNAIO 3. L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA 3.1 Trasferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014 Giovanni Panzera Notaio in Bologna Via Garibaldi, 7-40124 Bologna ufficio atti tel 051-6447682 fax 051-581284 e-mail gpanzera@notariato.it cassa cambiali tel 051-580719 fax 051-581284 e-mail panzeraprotesti@email.it

Dettagli

Ente alienante: Comune di LOCERI Via Roma, n.18. Tel. 0782/77051 - Fax 0782/77382.

Ente alienante: Comune di LOCERI Via Roma, n.18. Tel. 0782/77051 - Fax 0782/77382. BANDO DI GARA PER L ALIENAZIONE DI N.2 IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA ROMA nn.109 e 111. Ente alienante: Comune di LOCERI Via Roma, n.18. Tel. 0782/77051 - Fax 0782/77382. Descrizione degli

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA Che cos'è: Il Subentro in agricolturaè uno degli incentivi in favore dell autoimprenditorialità previsti dal Titolo I del Decreto 185/2000 con funzioni attribuite

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60)

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa

Dettagli