6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica"

Transcript

1

2 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica

3 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice della ezione quando viene armata con ) Il valore dello orzo aiale neceario a portare la ezione del punto in condizioni di rottura bilanciata. M 3 60 A MATERIALI ck 30 MPa 440 MPa yk

4 SLU Applicazioni Campi di deormazione d 0 y c0 cu y n-b y n-lim c h d 1 3 y n-b 4 5 u d y 0 cu y ε n lim d 0, 59d ε + ε cu u ε cu ynb d 0,657d yd ε cu + E yk 440 MPa

5 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. b 40cm h 60cm d 3cm A 0 d G A σ 0,8b y cd cd 0,8y h Equazioni di equilibrio: N 0,8b y + A σ A Sd cd yd d b A yd M ( N ) 0,8 b y (0,5h 0, 4 y) + Rd Sd cd + A σ (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd Fleione emplice: N Sd 0

6 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. Queito n. 1 (valore dell armatura bilanciata) Equazione di congruenza: d ynb ε cu ynb d 37,49cm ε cu + ε yd ε cu yd ε cu + E Equazione di equilibrio alla tralazione: 0 0,8b ynb cd Ab yd A b 0,8b ynb cd yd 49,97cm Armatura bilanciata

7 SLU Applicazioni Fleione emplice Queito n. (momento ultimo 6 0) 6φ0 A 18,84cm M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + Rd n cd n + A (0,5 h d ) 370, 9kNm yd A yd 0 0,8b yn cd A yd yn 14,14cm 0,8b 0 < y 0, 48d < 0, 59d ROTTURA IN CAMPO n cd

8 SLU Applicazioni Fleione emplice Queito n. 3 (orzo aiale per avere rottura bilanciata) A 18,84cm ynb 37,49cm N 0,8b y A 1190,6 kn b nb cd yd

9 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. A Il pilatro in igura è oggetto ad una orza aiale N 1500 kn. Che tipo di rottura ci i attende? (DUTTILE o FRAGILE?) N M A 6 0 MATERIALI ck 30 N / mm yk 440 MPa

10 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. Dall equazione di congruenza: y 0,657d 37, 49cm nb Campi di deormazione Dall equazione di equilibrio alla tralazione i ricava il valore della Forza aiale corripondente alla rottura bilanciata: N 0,8b y + A A b nb cd yd yd 1844,7kN > 1500kN ROTTURA DUTTILE

11 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. 3 Calcolare i punti caratteritici del dominio di interazione M-N agli SLU, corripondenti alle ituazioni di: 1) Rottura bilanciata ) Trazione emplice 3) Compreione emplice 4) Curvatura limite 5) Fleione emplice A M 5 A MATERIALI ck 30 N / mm yk 440 MPa

12 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N 1) ROTTURA BILANCIATA y 0,657d 36,17cm nb N 0,8b y + A A 1844,6kN Rd b nb cd yd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + 0 nb cd n0 + A (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) 587,01kN m yd yd ) TRAZIONE SEMPLICE ( ) 10,00 T A + A kn Rd yd 3) COMPRESSIONE SEMPLICE ( ) N 0,8b y + A + A 507,00 kn Rd b nb cd yd

13 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N 4) Retta Limite: FRONTIERA CAMPO e CAMPO 3 ε ε ε y h d y h d cu u cu n lim n lim ε u ( ) Campi di deormazione ε ε y d ε ε σ E ε y d h d h d u n lim u n lim N 0,8b y + A σ A Rd n lim cd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + Rd n lim cd n lim + A σ (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd

14 SLU Fleione emplice armatura D.M. 96 y 0.45 e ck 35 d y 0.35 e ck > 35 d y d b 0.66 per Fe B 44 k Campi di deormazione d B cl compreo cl teo A y R 0.8 x cd T ck 0.4 y C (d-0.4 y) Equazione di equilibrio alla tralazione lungo l ae della trave: N Rd 0 C T B (0.8 y) (0.85 ) A cd yd y A yd B cd M A ( d 0.4 y) A ( ) d Rd yd yd

15 yn d SLU Applicazioni Altri punti notevoli del dominio M-N CAMPO : CONTRIBUTO NULLO DELL ARMATURA COMPRESSSA N 0,8bd A Rd cd yd M 0,8 bd (0,5h 0, 4 d ) + A (0,5 h d ) Rd cd yd CAMPO 4: CONTRIBUTO NULLO DELL ARMATURA TESA yn d N 0,8bd + A Rd cd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 d ) + A (0,5 h d ) Rd cd yd Campi di deormazione

16 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N armatura tea armatura comprea GEOMETRIA b 40 cm calcetruzzo h 60 cm ck 30 MPa y nb 36,17 cm y n-lim 14,59593 cm d' 5 cm! c 1,6 " ' 0,0030 " ' 0,007 d'' 5 cm cd 18,75 MPa #' 38,61 MPa #' 38,61 MPa ARMATURE N 0,8 b y + A )#) * A MATERIALI d b 0 mm " cu 0,0035 Rottura bilanciata $ 0,85 N b 1844,7 kn N -3 77, kn $ cd 15,94 MPa M b 587,01 kn m M ,19 kn m Trazione emplice A b 3,14 cm % 0,8 #' -38,61 MPa y n0 8, cm n b 5 acciaio T -10,00 kn # 38,61 MPa A 15,71 cm y 440 MPa M T 0,00 kn m #' 119,04 MPa d' b 0 mm! 1,15 Compreione emplice N 0 0,00 kn A' b 3,14 cm yd 38,61 MPa & 0,85 M 0 307,76 kn m n' b 5 E MPa # -38,61 MPa M 0-empl. 97,50 kn m A' 15,71 cm " yd 0,0018 #' 38,61 MPa Sd cd yd M R d ( N Sd ) 0,8 b y cd + (0,5h * 0, 4 y) A) # ) + (0,5 h * d) ) + A yd + (0,5 h * d ))) 1000 " ) " y * d cu 0, " ) ) " cu y * d ) y y d b " u 0,01000 C 507,00 kn y n1 5,00 cm N d 1500,00 kn & 0,7 M C 0,00 kn m N 1-346,00 kn Limitazione N M 1 1,65 kn m d b 44,73 cm ' & 3518,90 MPa y n1 55,00 cm h d1 49,73 cm ( & 78,19 MPa N 3406,00 kn h d 58,8 cm M 374,65 kn m N N d d h d 0,56 + b + 0, 4 + b + cd cd y nb /d 0, y n-lim /d 0,5959 PUNTI NOTEVOLI DOMINIO Retta Limite Fleione emplice Contributo nullo Arm. comprea Contributo nullo Arm. tea

17 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N (eempio) Compreione emplice y n d 4000 Rottura bilanciata N Rd (kn) Fleione emplice approimato Trazione emplice Fleione emplice y n d y n y n-lim M Rd (kn m)

18 SLU Applicazioni Veriica di una ezione preoinlea CAMPO 3, CAMPO b y d h d ε y d + h d n b y n b ε y ε u + ε y ε u + ε y y y y n b n nb σ σ yd ( ) y nb ε cu ε + cu E yd d N 0,8b y + A A Rd n cd yd yd y n N A + A Rd yd yd 0,8b cd ( ) 0,8 (0,5 0, 4 ) M N b y h y + Rd Sd n cd n + A (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd yd

19 Eempio di progettazione della trave di copertura di un ediicio per civile abitazione 5 m 5 m 5 m 5 m

20 Azioni di calcolo Valori caratteritici G k valore caratteritico delle azioni permanenti Q ik valore caratteritico delle azioni variabili (i 1,, n) Valori di calcolo G d g G k azioni permanenti Q id Q q ik i 1, azioni variabili (olaio di calpetio, carico neve) g 1.4 (1.0 e il uo contributo aumenta la icurezza) q 1.5 (0 e il uo contributo aumenta la icurezza)

21 Azioni di calcolo Combinazioni per le veriiche allo Stato Limite Ultimo F d g G k + q Q 1k + (i>1) q 0i Q ik G k valore caratteritico delle azioni permanenti Q 1k valore caratteritico dell azione variabile di bae di ogni combinazione Q ik valore caratteritico delle altre azioni variabili 0i coeicienti di contemp. allo tato limite ultimo (empre uguale a 0.7) Combinazioni per le veriiche allo Stato Limite di Eercizio Combinazioni rare: F d G k + Q 1k + (i>1) 0i Q ik Combinazioni requenti: Combinazioni quai permanenti: F d G k + 1i Q 1k + (i>1) i Q ik F d G k + i Q ik

22 Combinazioni di carico Coeicienti di combinazione (D.M. 9/1/96 Parte Gen., pt. 7, propetto 1) 1i i Carichi variabili per abitazioni per uici, negozi e cuole per autorimee Carichi da vento e neve Combinazioni di carico per il cao tudio trattato Tenioni ammiibili Stato limite ultimo Solo carichi verticali G k + Q k 1.4 G k Q k Carichi verticali + neve G k + Q k + Q neve,k 1.4 G k Q k (1.5 Q neve,k ) 1.4 G k (1.5 Q k ) Q neve,k

23 Analii dei carichi agenti ulla trave di copertura Peo proprio olaio: G k 5.3 x kn/m G d G x G k 1.4 x 5 35 kn/m Peo proprio trave emergente 30 60: G k 4.5 kn/m G d G x G k 1.4 x kn/m Carico variabile (accidentale) per olaio di calpetio: Q k,s.0 x kn/m Q d,s Q x Q k,s 1.5 x kn/m Carico neve: Q k,n 0.75 x kn/m Q d,n Q x Q k 1.5 x kn/m Combinazioni per lo Stato Limite Ultimo q d1 1.4 G k Q k (1.5 Q neve, k ) 59 kn/m q d 1.4 G k (1.5 Q k )+ 1.5 Q neve, k 56 kn/m

24 Dimenionamento trave Si coniderano le combinazioni di carico relative all azione di progetto agli S.L.U. q d1 59 kn/m q d1 59 kn/m A B C 5 m 5 m I maimi momenti per la combinazione aumono i valori: ( ) M Sd qd 1 M B 185 knm ( ) M Sd qd 1 M A B 105 knm APPOGGIO B I cond. II cond. G k 9.5 kn/m Q k 9.5 kn/m G k 9.5 kn/m Q k 9.5 kn/m M M M M 9 knm S, G B, G k M 30 knm S, Q B, Q k M 11 knm S, Q B, Q neve, k neve, k k k III cond. Q neve,k 3.5 kn/m Q neve,k 3.5 kn/m M 1.4 M M M 185 knm Sd S, G S, Q S, Q k k neve, k A B C 5 m 5 m M M M S, G A B, G k S, Q A B, Q k S, Q A B, Q neve, k neve, k CAMPATA A-B M 5 knm k M 17 knm k M 6 knm M 1.4 M M M 105 knm Sd S, G S, Q S, Q k k neve, k

25 RESISTENZE DI CALCOLO Le reitenze di calcolo i valutano mediante l epreione: d γ k m Stato Limite Acciaio Calcetruzzo c Ultimo di eercizio In particolare la reitenza di calcolo del calcetruzzo cd riulta pari a: cd γ ck c 0.83 R 1.6 ck

26 Caratterizzazione dei materiali D.M. 96 Calcetruzzo Reitenze di calcolo: cd γ ck ck 0.83 Rck γ 1.6 c R N mm 3 ctk 0.7 ctm ( ck ) ( / ) ck 1. Modulo elatico ctk Deormazioni limite E R N mm c 5700 ck ( / ) o o oo 3.5 oo Per un calcetruzzo C0/5 (R ck 5 N/mm ) c ctk ctk R cd ck o o oo 3,5 oo R cd ck o o oo 3,5 oo / cd Rck N mm ck 1.9 N/mm E c 8500 N/mm

27 Caratterizzazione dei materiali D.M. 96 Acciaio Reitenza di calcolo: yd yk γ γ yd Modulo elatico E N/mm 10 o oo Deormazione al limite elatico y ε yd E yd yd Per un acciaio FeB 44 k yk 430 N/mm yk N / mm γ 1.15 yd 374 ε yd E o 1.8 / oo

28 ε y0.45 d Progetto della trave B x 0.59 d R 0.8 x cd ck x C R 0.8 x cd ck x C d (0.9 d) y (0.8 d) A 0.01 T 0.01 T d per x d M 0.4 B 0.45 M B cd cd ( ) M Sd qd 1 M B 185 knm d per x d M 0.16 B 0.59 cd.5 M B cd B 30 cm d 47 cm A 4 φ cm Per gli SLE (eurazione) B 30 cm d 57 cm A 4 φ cm B 30 cm d 57 cm A 3 φ cm

29 S.L.U. per Taglio (elementi armati a taglio) 1) Veriica del conglomerato compreo V Sd V Rd 0,30 cd bw d (1 + cotα) ) Veriica dell armatura traverale d anima V cd 0.60 b d δ ctd w V Sd V Rd 3 Vcd + V wd V Aw 0. 9 d ywd ( + cot α ) enα wd 1 3) Veriica dell armatura longitudinale L armatura longitudinale deve eere dimenionata per reitere ad un momento di calcolo M* Sd pari a: M* Sd M Sd + V Sd a 1 a1 0.9 d (1 cotα) / ( 0. d )

30 Sollecitazioni di Taglio Combinazioni di carico relative all azione di progetto agli S.L.U. q d1 q d1 59 kn/m q d1 59 kn/m A B C 5 m 5 m Il taglio maimo combinazione aume il valore: VSd 180 kn

31 S.L.U. per Taglio: veriica del conglomerato Sezione 30 x 60 a emplice armatura con tae 8 pao 0 cd N / mm 1.6 ctk 1.6 N / mm ctd 1.01 N / mm yd yk 430 γ N / mm In preenza di ole tae ( 90 ): V Rd cd bw d 565 kn 180 kn V V 565 kn Sd Rd

32 S.L.U. per Taglio: veriica dell armatura traverale Sezione 30 x 60 a emplice armatura con tae 8 pao 0 cd yd N / mm 1.6 ctk yk N / mm γ 1.15 In aenza di orzo normale N / mm ctd 1.01 N / mm A w 1.00 cm (ogni 0 cm) V 0.60 b d δ 110 kn cd ctd w Aw Vwd 0.9 d yd 96 kn 90kN V Sd 180 kn V V V + V 06 kn Sd Rd 3 cd wd

33 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Per il calcolo delle tenioni del calcetruzzo e dell acciaio, i aume un comportamento elatico lineare con ezione parzializzata. Il coeiciente di omogeneizzazione acciaio cl i aume convenzionalmente: n15. Si impongono alle tenioni le eguenti limitazioni: Tenioni Maime Materiale Combinazione rara Combinazione quai permanente Calcetruzzo compreo in ambiente aggreivo 0.50 ck 0.40 ck Calcetruzzo compreo in ambiente ordinario 0.60 ck 0.45 ck Acciaio teo 0.70 yk yk 430 N/mm ck 0.75 N/mm

34 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Combinazioni rare: F d G k + Q 1k + (i>1) 0i Q ik 41.3 kn/m Combinazioni quai permanenti: F d G k + 0. x Q k,s Sollecitazioni dovute alle combinazioni di carico: 31.3 kn/m M Appoggio [kn m] M Campata [kn m] Combinazioni rare 19 7 Combinazioni quai permanenti B x C c σ M n d x I ci ( ) d c / n T σ c M B x d x ( 3)

35 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Impiegando i metodi e le epreioni della teoria elatica del c.a. i riolve il problema determinando la poizione dell ae neutro e il momento d inerzia x n A B d mm B n A b I x + na ( d x ) mm ci c c x Tenioni di eercizio ull appoggio (in ambiente aggreivo): Calcetruzzo Acciaio c [N/mm ] 0.5 ck [N/mm ] [N/mm ] 0.7 yk [N/mm ] Combinazioni rare c [N/mm ] 0.4 ck [N/mm ] Combinazioni quai permanenti

36 S.L.E. (Controllo della eurazione) 1.Stato limite di decompreione E lo tato per il quale la minima tenione di compreione raggiunge il valore nullo.stato limite di ormazione delle eure E lo tato per il quale la maima tenione di trazione raggiunge il valore caratteritico della reitenza a trazione del conglomerato 3.Stato limite di apertura delle leioni E lo tato per il quale l apertura delle eure è pari ad un valore nominale preiato dalle norme. PROSPETTO 7 -I I valori nominali per la norma italiana ono: w mm w 0. mm w mm Gruppi di eigenze a b c Condizion i ambiente Poco aggreivo Moderat amen te aggreivo Molto aggreivo Armatura Combinazi on Senibile Poco enibile e di azioni Stato limite w k Stato limite w k requente ap. eure! w ap. eure! w 3 quai decomp. o! w 1 ap. eure! w permanente ap. eure requente ap. eure! w 1 ap. eure! w quai decompre. " ap. eure! w 1 permanente rara ap. eure e! w 1 ap. eure! w ormaz. eure requente decomp. " ap. eure! w 1

37 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) La veriica dello tato limite di ormazione delle eure conite nel controllare che il momento lettente agente riulti ovunque non maggiore del momento di eurazione M F, ovvero, con rierimento alla ezione, che la tenione agente al lembo teo riulti ovunque non maggiore della reitenza caratteritica a trazione ctk del calcetruzzo. Il valore medio della reitenza a trazione può eere aunto pari a: - trazione emplice: 3 ctm 0.7 ( Rck ) ( N / mm ) - trazione per leione: 1. ck ctk In entrambi i cai il valore caratteritico ctk, corripondente al rattile 5%, può aumeri pari a 0.7 volte il valore medio. ctk 0.7 ctm

38 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) La ezione è cotituita da tre materiali diveri: cl compreo, cl teo, acciaio M F va calcolato in ipotei di ezione interamente reagente, oia portando in conto anche la reitenza a trazione del cl. B cl compreo x Si omogeneizza ripetto al cl compreo introducendo: d cl teo n E / E c 15 n E ct / E c 0.5 acciaio La poizione dell ae neutro i determina dall equazione di equilibrio alla tralazione (in aenza di orzo aiale ea i traduce nell annullare il momento tatico totale della ezione reagente S n ripetto all ae neutro ). S n B x n A ( d x) n' B ( H x) 0

39 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) Riolvendo l equazione di II grado ripetto ad x e coniderando la radice poitiva: x ' B 1 n ' n A d n ' B H / n A + n B H mm B ( 1 n ') ( n A + n ' B H ) ( ) ( ) Il momento d inerzia della ezione omogeneizzata riulta: b I x n ' ( H x ) na ( d x ) mm ci c + c + c La tenione t al lembo teo della ezione vale : σ t n' M I ci ( H x ) c Il momento di prima eurazione i ottiene ponendo t ctk : ck Ici M F 88.8 knm M le 19 knm n ' H x ( ) c VERIFICA NON SODDISFATTA

40 S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Il valore caratteritico di apertura delle eure non deve uperare il valore tabellato (propetto 7-I) in cui ono indicati i w i in unzione dell aggreività dell ambiente, della enibilità delle armature e della combinazione delle azioni di eercizio: σ σ β w 1.7 w 1.7 ε k m m rm La deormazione media dell acciaio riulta: 1 β E ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure ε m σ σ 1 β1 β E σ tenione nell'acciaio teo per eetto del momento agente per la combinazione in eame tenione nell'acciaio teo per eetto di un momento paria a quello di prima eurazione della ezione coeiciente dipendente dall'aderenza acciaio-cl ( 1.0acciaio ad ader. miglior. e 0.5acciaio licio) coeiciente dipendente dall'azione ( 1.0azione di breve durata, 0.5 azione di lunga durata o ripetute) modulo elatico dell'acciaio

41 c ρ k S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Il valore caratteritico di apertura delle eure non deve uperare il valore tabellato (propetto 7-I) in cui ono indicati i w i in unzione dell aggreività dell ambiente, della enibilità delle armature e della combinazione delle azioni di eercizio: La ditanza media tra le eure riulta: coprierro, ditanza tra le barre, diametro barre A rm φ w 1.7 w 1.7 ε k m m rm ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure c + + k k φ 3 10 ρ r A area di acciaio teo, Ae area di cl che racchiude l'acciaio teo Ae coeiciente dipendente dall'aderenza acciaio-cl ( 0.4acciaio ad ader. miglior. e 0.8acciaio licio) r k 3 coeiciente dipendente dalla orma del diagramma delle tenioni prima della eurazione ( 0.15leione o preo-lex., 0.50trazione)

42 S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Combinazione delle azioni di eercizio: RARA Ambiente: AGGRESSIVO (W k <0. mm) (M-19 knm) ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure ε m rm mm k k (acciaio ad ader. miglior.) 0.15 (leione) w 1.7 w 1.7 ε 0.18 mm < 0. mm k m m rm VERIFICA SODDISFATTA β β (acciaio ad ader. miglior.) (azione di breve durata)

43 6 Lezione FINE

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

Fig. 1 Sezione della colonna composta

Fig. 1 Sezione della colonna composta Eeritazione n.4 Utilizzando il Metodo Semplifiato, i trai il dominio di reitenza in preofleione (M,N) allo Stato Limite Ultimo della olonna ompota aiaio-aletruzzo la ui ezione retta è riportata in figura:

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013

GUIDA DELL UTENTE. Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 PARETI Analisi e progetto di pareti duttili sismoresistenti in c.a. v. 1.01.05 del 06 marzo 2013 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE Pareti duttili sismoresistenti in c.a. p. 2 by FERRARI ing.

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Progetto di una struttura multipiano

Progetto di una struttura multipiano UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI II MODULO Progetto di una truttura multipiano ANALISI STRUTTURALE STATICA DI

Dettagli

5. Metodo semiprobabilistico agli stati limite per il cemento armato

5. Metodo semiprobabilistico agli stati limite per il cemento armato 5. Metodo emiprobabilitio agli tati limite per il emento armato Per la determinazione delle olleitazioni di alolo, oneguenti alle ombinazioni di ario previte, la Normativa vigente prevede l adozione di

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio Università degli Studi di Cagliari Esercitazione: Ediicio ultipiano in Acciaio Sommario Introduzione.... Analisi dei carichi... 3. Veriica delle travi... 5.. Trave N... 5.. Trave N... 7.3. Trave N 3...

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta 1 Verifica tensioni ammissibili h d c n A s x σ c

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Allegato S-0 - Relazione di calcolo

Allegato S-0 - Relazione di calcolo Allegato S-0 - Relazione di calcolo 1. PREMESSA 1.1 Descrizione delle opere Il nuovo progetto prevede la demolizione del precedente fabbricato, la realizzazione di quattro nuovi blocchi, comprendenti ciascuno

Dettagli

Rinforzo di Strutture Murarie

Rinforzo di Strutture Murarie Rinorzo di Strutture Murarie Veriiche di elementi strutturali ricorrenti: Ribaltamento di pannelli murari Flessione di pannelli uori del piano Flessione e taglio di pannelli nel piano Architravi e asce

Dettagli

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio

Verifica agli stati limite: la sollecitazione di taglio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI erifica agli stati limite: la sollecitazione

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s)

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s) Preciione a regime: errore tatico ERRORE STATICO Alimentazione di potenza E() YRET() G() Y() H() Per errore tatico i intende lo cotamento, a regime, della variabile controllata Y() dal valore deiderato.

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2012 2013 Pro. Felice C. Ponzo Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata Interventi con FRP-raorzamento locale di nodi d angolo Ing. Gianluca AULETTA

Dettagli

Allegato S-0 - Relazione di calcolo

Allegato S-0 - Relazione di calcolo Allegato S-0 - Relazione di calcolo 1. PREMESSA 1.1 Descrizione delle opere Il nuovo progetto prevede la demolizione del precedente fabbricato, la realizzazione di quattro nuovi blocchi, comprendenti ciascuno

Dettagli

EuroCADcrete. Study Book. Version 4.0, 2005-December. German Society for Concrete and Construction Technology

EuroCADcrete. Study Book. Version 4.0, 2005-December. German Society for Concrete and Construction Technology EuroCADcrete Study Book Verion 4.0, 005-Deceber EuroCADCrete Study book Verion 4.0 Prefazione Il progetto Eurocadcrete è iniziato 3 anni fa. L obiettivo del progetto era di prediporre un itea accettato

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite alla luce del nuovo Testo Unico

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite alla luce del nuovo Testo Unico Dalle tenioni ammiiili agli tati limite alla lue del nuovo Teto Unio Dalle tenioni ammiiili agli tati limite: un approio unitario Silvi arina, 28 maggio 2005 Aurelio Gheri Evoluzione della normativa (imia)

Dettagli

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI Tel. 011.4470755 - Fax 011.4348458 - www.cdmdolmen.it - dolmen@cdmdolmen.it Sommario PREMESSA 1 1 DATI GENERALI 1 2 BASI TEORICHE E ALGORITMI IMPIEGATI 1 2.1 Carico

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

ESEMPIO 1: PROGETTAZIONE SISMICA DI STRUTTURA IN C.A. SECONDO ORDINANZA 3431 (3 maggio 2005) ED EUROCODICE 8 (dicembre 2003)

ESEMPIO 1: PROGETTAZIONE SISMICA DI STRUTTURA IN C.A. SECONDO ORDINANZA 3431 (3 maggio 2005) ED EUROCODICE 8 (dicembre 2003) ESEPIO 1: PROGETTAZIONE SISICA DI STRUTTURA IN C.A. SECONDO ORDINANZA 3431 (3 maggio 2005) ED EUROCODICE 8 (dicembre 2003) EDIFICIO RESIDENZIALE IN C.A. NUCLEO SCALE, TELAI PERIETRALI SISORESISTENTI FONDAZIONE

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

idomini MANUALE UTENTE

idomini MANUALE UTENTE idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP. COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione

Dettagli

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità

16.3 Stato limite di fessurazione. 16.3.1 Generalità 16.3 Stato limite di fessurazione 16.3.1 Generalità Nel capitolo precedente si è accennato al fatto che le verifiche di resistenza delle sezioni in calcestruzzo armato si effettuano considerando il calcestruzzo

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE INDICE INDICE... 1 1. Conglomerati cementizi... 2 1.1 Conglomerato cementizio magro... 2 1.2 Conglomerato cementizio per strutture di fondazione... 2 1.3 Conglomerato cementizio per strutture in elevazione...

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Eercizio 1 Nel uo tato naturale un campione di terreno umido di volume pari a 0.01 m 3 ha un peo di 18 kg. Lo teo campione eiccato in tufa ha un peo di 15.6

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3. Relatore: Ing. Federico Carboni

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3. Relatore: Ing. Federico Carboni NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 3 -COSTRUZIONI DICALCESTRUZZO- Relatore: Ing. Federico Carboni Dottore di Ricerca in Strutture e Infrastrutture presso l Università Politecnicadelle Marche Collegio

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE 7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE Come per l analisi del comportamento longitudinale della struttura anche in questo caso è necessario analizzare il percorso di tensione. Esso si basa su tre passi

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo

Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo Monografia A Ancoraggio delle barre d armatura nel calcestruzzo A.1 Introduzione 1 A.2 Aderenza 2 A.3 Lunghezza di ancoraggio 4 A.4 Parametri che influenzano l aderenza 5 A.5 Progettazione secondo la normativa

Dettagli

Sforzo normale e flessione

Sforzo normale e flessione Capitolo 4 Sforzo normale e flessione La condizione di sollecitazione più generale che produce tensioni normali è la combinazione di sforzo normale e flessione. La flessione semplice, esaminata nel capitolo

Dettagli

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario VERIFICHE LOCALI DEI PANNELLI MURARI Messina,

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Prog. 6309 Progetto Esecutivo - Razionalizzazione della rete fognaria del Comune di Asti Relazione di calcolo opere civili Lotto I Pagina 2 di 107

Prog. 6309 Progetto Esecutivo - Razionalizzazione della rete fognaria del Comune di Asti Relazione di calcolo opere civili Lotto I Pagina 2 di 107 ASTI Servizi Pubblici S.p.A. RAZIONALIZZAZIONE DELLA RETE FOGNARIA DEL COMUNE DI ASTI - - - - - - - - - - - - - - Realizzazione di sifone in Via Antico Ippodromo e intervento all impianto di depurazione

Dettagli

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti Statica de corpo riido: eercizi voti dai compitini dei anni precedenti II COMPITIO 00 003 Un ae di eno orizzontae omoenea, di maa M0 k e unhezza L m, è appoiata u due cavaetti. L ae pore di 60 cm otre

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri (arch. Lorena Sguerri) Prescrizioni di normativa per le armature dei pilastri La normativa (D.M. 09/01/96, par.5.3.4) fornisce

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti...

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti... Edoardo M. Marino e Cristina Stuto Progetto di elementi strutturali in cemento armato SECONDO LE INDICAZIONI DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (D.M. 14/01/008) E DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Misure Elettroniche seconda parte

Misure Elettroniche seconda parte Miure Elettroniche econda parte G. Martini Dipartimento di Elettronica Web: http://ele.unipv.it/~ele/me E-mail: ele@ele.unipv.it (peciicare me nel Subject) Ocillatori, Filtri, PLL ierimenti bibliograici

Dettagli

Paolo Rocco. Automatica

Paolo Rocco. Automatica Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale Avvertenza Queta

Dettagli

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023

La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 La progettazione dei ferri di ripresa post- installati secondo EC2/TR023 Ing. Alessandro Ferraro Field Engineer - Lazio Roma, 30 aprile 2009 1 I ferri di ripresa post-installati sono largamente usati nel

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura 4 Ripota imica del itema terreno-truttura 4.1 ANALISI DELL INTERAZIONE TERRENO-STRUTTURA 4.1.1 Generalità Il itema di cui i è tudiata la ripota imica conta di due parti con differenti proprietà (fig. 4.1):

Dettagli

1.PREMESSA pag. 4. 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6. 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7. 4.MATERIALI pag. 8. 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO pag.

1.PREMESSA pag. 4. 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6. 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7. 4.MATERIALI pag. 8. 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO pag. 1.PREMESSA pag. 4 2.RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 6 3.DURABILITA' STRUTTURALE pag. 7 3.1.Classi di esposizione pag. 7 3.1.1.Copriferri delle armature pag. 7 4.MATERIALI pag. 8 5.INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

STRUTTURE IN ACCIAIO

STRUTTURE IN ACCIAIO Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN ACCIAIO D. M. 14/01/2008 NTC2008 - EUROCODICE 3 EC3 AGGIORNAMENTO 12/02/2014 Corso di PROGETTAZIONE,

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi

5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Geostru Software www.geostru.com geostru@geostru.com CAPITOLO 5 METODO DEGLI STATI LIMITE ULTIMI 5.1 Il metodo semiprobabilistico per gli stati limite ultimi Le brevi note che seguono riguardano i principali

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi 1/2 tubi in polietilene Sitemi integrali per traporto ed il trattamento dei fluidi tubi in polietilene Gamma dei tubi in polietilene inch 3/8" 1/2" 3/4" 1" 11/4" 11/2" 2" 21/2" 3" 4" 4" 5" 6" 6" 8" 8"

Dettagli

UFFICI DIREZIONALI DI FIERA MILANO, 2010

UFFICI DIREZIONALI DI FIERA MILANO, 2010 UFFICI DIREZIONALI DI FIERA MILANO, 2010 Ing. Luca Romano Argomenti: - Descrizione - Fondazioni - Carichi (p.p. + s.p. + s.a. + sisma + vento) - Predimensionamenti - Analisi (statica + dinamica + spettrale)

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI 1 Gennaio - Febbraio 2005 PROGETTO DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON ALCUNI ELEMENTI PORTANTI IN C.A. PER CIVILE ABITAZIONE Ingg.. Alessio

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE EOLICA 1 AEROGENERATORI.

PROGETTO DEFINITIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE EOLICA 1 AEROGENERATORI. REGIONE BASILICATA Comune: Ripacandida (PZ) LOCALITA C.DA VEGLIA PROGETTO DEFINITIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE EOLICA 1 AEROGENERATORI Sezione 7: RELAZIONE

Dettagli

STATO LIMITE ULTIMO PER TENSIONI NORMALI

STATO LIMITE ULTIMO PER TENSIONI NORMALI ORDINE DEGLI INGEGNERI Coro di aggiornamento lla normativa imia Gennaio 007 marzo 007 STATO LIITE ULTIO PER TENSIONI NORALI Pro. Ciro FAELLA Dipartimento di Ingegneria Civile Univerità di Salerno Analii

Dettagli

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti L interpolazione areale: una oluzione al problema del confronto fra dati riferiti a itemi paziali differenti Maria Michela Dickon, Giueppe Epa, Diego Giuliani e Emanuele Taufer 1. Introduzione Accade di

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli