6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica"

Transcript

1

2 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica

3 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice della ezione quando viene armata con ) Il valore dello orzo aiale neceario a portare la ezione del punto in condizioni di rottura bilanciata. M 3 60 A MATERIALI ck 30 MPa 440 MPa yk

4 SLU Applicazioni Campi di deormazione d 0 y c0 cu y n-b y n-lim c h d 1 3 y n-b 4 5 u d y 0 cu y ε n lim d 0, 59d ε + ε cu u ε cu ynb d 0,657d yd ε cu + E yk 440 MPa

5 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. b 40cm h 60cm d 3cm A 0 d G A σ 0,8b y cd cd 0,8y h Equazioni di equilibrio: N 0,8b y + A σ A Sd cd yd d b A yd M ( N ) 0,8 b y (0,5h 0, 4 y) + Rd Sd cd + A σ (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd Fleione emplice: N Sd 0

6 SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. Queito n. 1 (valore dell armatura bilanciata) Equazione di congruenza: d ynb ε cu ynb d 37,49cm ε cu + ε yd ε cu yd ε cu + E Equazione di equilibrio alla tralazione: 0 0,8b ynb cd Ab yd A b 0,8b ynb cd yd 49,97cm Armatura bilanciata

7 SLU Applicazioni Fleione emplice Queito n. (momento ultimo 6 0) 6φ0 A 18,84cm M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + Rd n cd n + A (0,5 h d ) 370, 9kNm yd A yd 0 0,8b yn cd A yd yn 14,14cm 0,8b 0 < y 0, 48d < 0, 59d ROTTURA IN CAMPO n cd

8 SLU Applicazioni Fleione emplice Queito n. 3 (orzo aiale per avere rottura bilanciata) A 18,84cm ynb 37,49cm N 0,8b y A 1190,6 kn b nb cd yd

9 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. A Il pilatro in igura è oggetto ad una orza aiale N 1500 kn. Che tipo di rottura ci i attende? (DUTTILE o FRAGILE?) N M A 6 0 MATERIALI ck 30 N / mm yk 440 MPa

10 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. Dall equazione di congruenza: y 0,657d 37, 49cm nb Campi di deormazione Dall equazione di equilibrio alla tralazione i ricava il valore della Forza aiale corripondente alla rottura bilanciata: N 0,8b y + A A b nb cd yd yd 1844,7kN > 1500kN ROTTURA DUTTILE

11 SLU Applicazioni Veriica di un pilatro in c.a. PROBLEMA N. 3 Calcolare i punti caratteritici del dominio di interazione M-N agli SLU, corripondenti alle ituazioni di: 1) Rottura bilanciata ) Trazione emplice 3) Compreione emplice 4) Curvatura limite 5) Fleione emplice A M 5 A MATERIALI ck 30 N / mm yk 440 MPa

12 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N 1) ROTTURA BILANCIATA y 0,657d 36,17cm nb N 0,8b y + A A 1844,6kN Rd b nb cd yd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + 0 nb cd n0 + A (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) 587,01kN m yd yd ) TRAZIONE SEMPLICE ( ) 10,00 T A + A kn Rd yd 3) COMPRESSIONE SEMPLICE ( ) N 0,8b y + A + A 507,00 kn Rd b nb cd yd

13 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N 4) Retta Limite: FRONTIERA CAMPO e CAMPO 3 ε ε ε y h d y h d cu u cu n lim n lim ε u ( ) Campi di deormazione ε ε y d ε ε σ E ε y d h d h d u n lim u n lim N 0,8b y + A σ A Rd n lim cd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 y ) + Rd n lim cd n lim + A σ (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd

14 SLU Fleione emplice armatura D.M. 96 y 0.45 e ck 35 d y 0.35 e ck > 35 d y d b 0.66 per Fe B 44 k Campi di deormazione d B cl compreo cl teo A y R 0.8 x cd T ck 0.4 y C (d-0.4 y) Equazione di equilibrio alla tralazione lungo l ae della trave: N Rd 0 C T B (0.8 y) (0.85 ) A cd yd y A yd B cd M A ( d 0.4 y) A ( ) d Rd yd yd

15 yn d SLU Applicazioni Altri punti notevoli del dominio M-N CAMPO : CONTRIBUTO NULLO DELL ARMATURA COMPRESSSA N 0,8bd A Rd cd yd M 0,8 bd (0,5h 0, 4 d ) + A (0,5 h d ) Rd cd yd CAMPO 4: CONTRIBUTO NULLO DELL ARMATURA TESA yn d N 0,8bd + A Rd cd yd M 0,8 b y (0,5h 0, 4 d ) + A (0,5 h d ) Rd cd yd Campi di deormazione

16 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N armatura tea armatura comprea GEOMETRIA b 40 cm calcetruzzo h 60 cm ck 30 MPa y nb 36,17 cm y n-lim 14,59593 cm d' 5 cm! c 1,6 " ' 0,0030 " ' 0,007 d'' 5 cm cd 18,75 MPa #' 38,61 MPa #' 38,61 MPa ARMATURE N 0,8 b y + A )#) * A MATERIALI d b 0 mm " cu 0,0035 Rottura bilanciata $ 0,85 N b 1844,7 kn N -3 77, kn $ cd 15,94 MPa M b 587,01 kn m M ,19 kn m Trazione emplice A b 3,14 cm % 0,8 #' -38,61 MPa y n0 8, cm n b 5 acciaio T -10,00 kn # 38,61 MPa A 15,71 cm y 440 MPa M T 0,00 kn m #' 119,04 MPa d' b 0 mm! 1,15 Compreione emplice N 0 0,00 kn A' b 3,14 cm yd 38,61 MPa & 0,85 M 0 307,76 kn m n' b 5 E MPa # -38,61 MPa M 0-empl. 97,50 kn m A' 15,71 cm " yd 0,0018 #' 38,61 MPa Sd cd yd M R d ( N Sd ) 0,8 b y cd + (0,5h * 0, 4 y) A) # ) + (0,5 h * d) ) + A yd + (0,5 h * d ))) 1000 " ) " y * d cu 0, " ) ) " cu y * d ) y y d b " u 0,01000 C 507,00 kn y n1 5,00 cm N d 1500,00 kn & 0,7 M C 0,00 kn m N 1-346,00 kn Limitazione N M 1 1,65 kn m d b 44,73 cm ' & 3518,90 MPa y n1 55,00 cm h d1 49,73 cm ( & 78,19 MPa N 3406,00 kn h d 58,8 cm M 374,65 kn m N N d d h d 0,56 + b + 0, 4 + b + cd cd y nb /d 0, y n-lim /d 0,5959 PUNTI NOTEVOLI DOMINIO Retta Limite Fleione emplice Contributo nullo Arm. comprea Contributo nullo Arm. tea

17 SLU Applicazioni Punti notevoli del dominio M-N (eempio) Compreione emplice y n d 4000 Rottura bilanciata N Rd (kn) Fleione emplice approimato Trazione emplice Fleione emplice y n d y n y n-lim M Rd (kn m)

18 SLU Applicazioni Veriica di una ezione preoinlea CAMPO 3, CAMPO b y d h d ε y d + h d n b y n b ε y ε u + ε y ε u + ε y y y y n b n nb σ σ yd ( ) y nb ε cu ε + cu E yd d N 0,8b y + A A Rd n cd yd yd y n N A + A Rd yd yd 0,8b cd ( ) 0,8 (0,5 0, 4 ) M N b y h y + Rd Sd n cd n + A (0,5 h d ) + A (0,5 h d ) yd yd

19 Eempio di progettazione della trave di copertura di un ediicio per civile abitazione 5 m 5 m 5 m 5 m

20 Azioni di calcolo Valori caratteritici G k valore caratteritico delle azioni permanenti Q ik valore caratteritico delle azioni variabili (i 1,, n) Valori di calcolo G d g G k azioni permanenti Q id Q q ik i 1, azioni variabili (olaio di calpetio, carico neve) g 1.4 (1.0 e il uo contributo aumenta la icurezza) q 1.5 (0 e il uo contributo aumenta la icurezza)

21 Azioni di calcolo Combinazioni per le veriiche allo Stato Limite Ultimo F d g G k + q Q 1k + (i>1) q 0i Q ik G k valore caratteritico delle azioni permanenti Q 1k valore caratteritico dell azione variabile di bae di ogni combinazione Q ik valore caratteritico delle altre azioni variabili 0i coeicienti di contemp. allo tato limite ultimo (empre uguale a 0.7) Combinazioni per le veriiche allo Stato Limite di Eercizio Combinazioni rare: F d G k + Q 1k + (i>1) 0i Q ik Combinazioni requenti: Combinazioni quai permanenti: F d G k + 1i Q 1k + (i>1) i Q ik F d G k + i Q ik

22 Combinazioni di carico Coeicienti di combinazione (D.M. 9/1/96 Parte Gen., pt. 7, propetto 1) 1i i Carichi variabili per abitazioni per uici, negozi e cuole per autorimee Carichi da vento e neve Combinazioni di carico per il cao tudio trattato Tenioni ammiibili Stato limite ultimo Solo carichi verticali G k + Q k 1.4 G k Q k Carichi verticali + neve G k + Q k + Q neve,k 1.4 G k Q k (1.5 Q neve,k ) 1.4 G k (1.5 Q k ) Q neve,k

23 Analii dei carichi agenti ulla trave di copertura Peo proprio olaio: G k 5.3 x kn/m G d G x G k 1.4 x 5 35 kn/m Peo proprio trave emergente 30 60: G k 4.5 kn/m G d G x G k 1.4 x kn/m Carico variabile (accidentale) per olaio di calpetio: Q k,s.0 x kn/m Q d,s Q x Q k,s 1.5 x kn/m Carico neve: Q k,n 0.75 x kn/m Q d,n Q x Q k 1.5 x kn/m Combinazioni per lo Stato Limite Ultimo q d1 1.4 G k Q k (1.5 Q neve, k ) 59 kn/m q d 1.4 G k (1.5 Q k )+ 1.5 Q neve, k 56 kn/m

24 Dimenionamento trave Si coniderano le combinazioni di carico relative all azione di progetto agli S.L.U. q d1 59 kn/m q d1 59 kn/m A B C 5 m 5 m I maimi momenti per la combinazione aumono i valori: ( ) M Sd qd 1 M B 185 knm ( ) M Sd qd 1 M A B 105 knm APPOGGIO B I cond. II cond. G k 9.5 kn/m Q k 9.5 kn/m G k 9.5 kn/m Q k 9.5 kn/m M M M M 9 knm S, G B, G k M 30 knm S, Q B, Q k M 11 knm S, Q B, Q neve, k neve, k k k III cond. Q neve,k 3.5 kn/m Q neve,k 3.5 kn/m M 1.4 M M M 185 knm Sd S, G S, Q S, Q k k neve, k A B C 5 m 5 m M M M S, G A B, G k S, Q A B, Q k S, Q A B, Q neve, k neve, k CAMPATA A-B M 5 knm k M 17 knm k M 6 knm M 1.4 M M M 105 knm Sd S, G S, Q S, Q k k neve, k

25 RESISTENZE DI CALCOLO Le reitenze di calcolo i valutano mediante l epreione: d γ k m Stato Limite Acciaio Calcetruzzo c Ultimo di eercizio In particolare la reitenza di calcolo del calcetruzzo cd riulta pari a: cd γ ck c 0.83 R 1.6 ck

26 Caratterizzazione dei materiali D.M. 96 Calcetruzzo Reitenze di calcolo: cd γ ck ck 0.83 Rck γ 1.6 c R N mm 3 ctk 0.7 ctm ( ck ) ( / ) ck 1. Modulo elatico ctk Deormazioni limite E R N mm c 5700 ck ( / ) o o oo 3.5 oo Per un calcetruzzo C0/5 (R ck 5 N/mm ) c ctk ctk R cd ck o o oo 3,5 oo R cd ck o o oo 3,5 oo / cd Rck N mm ck 1.9 N/mm E c 8500 N/mm

27 Caratterizzazione dei materiali D.M. 96 Acciaio Reitenza di calcolo: yd yk γ γ yd Modulo elatico E N/mm 10 o oo Deormazione al limite elatico y ε yd E yd yd Per un acciaio FeB 44 k yk 430 N/mm yk N / mm γ 1.15 yd 374 ε yd E o 1.8 / oo

28 ε y0.45 d Progetto della trave B x 0.59 d R 0.8 x cd ck x C R 0.8 x cd ck x C d (0.9 d) y (0.8 d) A 0.01 T 0.01 T d per x d M 0.4 B 0.45 M B cd cd ( ) M Sd qd 1 M B 185 knm d per x d M 0.16 B 0.59 cd.5 M B cd B 30 cm d 47 cm A 4 φ cm Per gli SLE (eurazione) B 30 cm d 57 cm A 4 φ cm B 30 cm d 57 cm A 3 φ cm

29 S.L.U. per Taglio (elementi armati a taglio) 1) Veriica del conglomerato compreo V Sd V Rd 0,30 cd bw d (1 + cotα) ) Veriica dell armatura traverale d anima V cd 0.60 b d δ ctd w V Sd V Rd 3 Vcd + V wd V Aw 0. 9 d ywd ( + cot α ) enα wd 1 3) Veriica dell armatura longitudinale L armatura longitudinale deve eere dimenionata per reitere ad un momento di calcolo M* Sd pari a: M* Sd M Sd + V Sd a 1 a1 0.9 d (1 cotα) / ( 0. d )

30 Sollecitazioni di Taglio Combinazioni di carico relative all azione di progetto agli S.L.U. q d1 q d1 59 kn/m q d1 59 kn/m A B C 5 m 5 m Il taglio maimo combinazione aume il valore: VSd 180 kn

31 S.L.U. per Taglio: veriica del conglomerato Sezione 30 x 60 a emplice armatura con tae 8 pao 0 cd N / mm 1.6 ctk 1.6 N / mm ctd 1.01 N / mm yd yk 430 γ N / mm In preenza di ole tae ( 90 ): V Rd cd bw d 565 kn 180 kn V V 565 kn Sd Rd

32 S.L.U. per Taglio: veriica dell armatura traverale Sezione 30 x 60 a emplice armatura con tae 8 pao 0 cd yd N / mm 1.6 ctk yk N / mm γ 1.15 In aenza di orzo normale N / mm ctd 1.01 N / mm A w 1.00 cm (ogni 0 cm) V 0.60 b d δ 110 kn cd ctd w Aw Vwd 0.9 d yd 96 kn 90kN V Sd 180 kn V V V + V 06 kn Sd Rd 3 cd wd

33 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Per il calcolo delle tenioni del calcetruzzo e dell acciaio, i aume un comportamento elatico lineare con ezione parzializzata. Il coeiciente di omogeneizzazione acciaio cl i aume convenzionalmente: n15. Si impongono alle tenioni le eguenti limitazioni: Tenioni Maime Materiale Combinazione rara Combinazione quai permanente Calcetruzzo compreo in ambiente aggreivo 0.50 ck 0.40 ck Calcetruzzo compreo in ambiente ordinario 0.60 ck 0.45 ck Acciaio teo 0.70 yk yk 430 N/mm ck 0.75 N/mm

34 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Combinazioni rare: F d G k + Q 1k + (i>1) 0i Q ik 41.3 kn/m Combinazioni quai permanenti: F d G k + 0. x Q k,s Sollecitazioni dovute alle combinazioni di carico: 31.3 kn/m M Appoggio [kn m] M Campata [kn m] Combinazioni rare 19 7 Combinazioni quai permanenti B x C c σ M n d x I ci ( ) d c / n T σ c M B x d x ( 3)

35 S.L.E. (limitazione delle tenioni) Impiegando i metodi e le epreioni della teoria elatica del c.a. i riolve il problema determinando la poizione dell ae neutro e il momento d inerzia x n A B d mm B n A b I x + na ( d x ) mm ci c c x Tenioni di eercizio ull appoggio (in ambiente aggreivo): Calcetruzzo Acciaio c [N/mm ] 0.5 ck [N/mm ] [N/mm ] 0.7 yk [N/mm ] Combinazioni rare c [N/mm ] 0.4 ck [N/mm ] Combinazioni quai permanenti

36 S.L.E. (Controllo della eurazione) 1.Stato limite di decompreione E lo tato per il quale la minima tenione di compreione raggiunge il valore nullo.stato limite di ormazione delle eure E lo tato per il quale la maima tenione di trazione raggiunge il valore caratteritico della reitenza a trazione del conglomerato 3.Stato limite di apertura delle leioni E lo tato per il quale l apertura delle eure è pari ad un valore nominale preiato dalle norme. PROSPETTO 7 -I I valori nominali per la norma italiana ono: w mm w 0. mm w mm Gruppi di eigenze a b c Condizion i ambiente Poco aggreivo Moderat amen te aggreivo Molto aggreivo Armatura Combinazi on Senibile Poco enibile e di azioni Stato limite w k Stato limite w k requente ap. eure! w ap. eure! w 3 quai decomp. o! w 1 ap. eure! w permanente ap. eure requente ap. eure! w 1 ap. eure! w quai decompre. " ap. eure! w 1 permanente rara ap. eure e! w 1 ap. eure! w ormaz. eure requente decomp. " ap. eure! w 1

37 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) La veriica dello tato limite di ormazione delle eure conite nel controllare che il momento lettente agente riulti ovunque non maggiore del momento di eurazione M F, ovvero, con rierimento alla ezione, che la tenione agente al lembo teo riulti ovunque non maggiore della reitenza caratteritica a trazione ctk del calcetruzzo. Il valore medio della reitenza a trazione può eere aunto pari a: - trazione emplice: 3 ctm 0.7 ( Rck ) ( N / mm ) - trazione per leione: 1. ck ctk In entrambi i cai il valore caratteritico ctk, corripondente al rattile 5%, può aumeri pari a 0.7 volte il valore medio. ctk 0.7 ctm

38 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) La ezione è cotituita da tre materiali diveri: cl compreo, cl teo, acciaio M F va calcolato in ipotei di ezione interamente reagente, oia portando in conto anche la reitenza a trazione del cl. B cl compreo x Si omogeneizza ripetto al cl compreo introducendo: d cl teo n E / E c 15 n E ct / E c 0.5 acciaio La poizione dell ae neutro i determina dall equazione di equilibrio alla tralazione (in aenza di orzo aiale ea i traduce nell annullare il momento tatico totale della ezione reagente S n ripetto all ae neutro ). S n B x n A ( d x) n' B ( H x) 0

39 S.L.E. (Stato limite di ormazione delle eure) Riolvendo l equazione di II grado ripetto ad x e coniderando la radice poitiva: x ' B 1 n ' n A d n ' B H / n A + n B H mm B ( 1 n ') ( n A + n ' B H ) ( ) ( ) Il momento d inerzia della ezione omogeneizzata riulta: b I x n ' ( H x ) na ( d x ) mm ci c + c + c La tenione t al lembo teo della ezione vale : σ t n' M I ci ( H x ) c Il momento di prima eurazione i ottiene ponendo t ctk : ck Ici M F 88.8 knm M le 19 knm n ' H x ( ) c VERIFICA NON SODDISFATTA

40 S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Il valore caratteritico di apertura delle eure non deve uperare il valore tabellato (propetto 7-I) in cui ono indicati i w i in unzione dell aggreività dell ambiente, della enibilità delle armature e della combinazione delle azioni di eercizio: σ σ β w 1.7 w 1.7 ε k m m rm La deormazione media dell acciaio riulta: 1 β E ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure ε m σ σ 1 β1 β E σ tenione nell'acciaio teo per eetto del momento agente per la combinazione in eame tenione nell'acciaio teo per eetto di un momento paria a quello di prima eurazione della ezione coeiciente dipendente dall'aderenza acciaio-cl ( 1.0acciaio ad ader. miglior. e 0.5acciaio licio) coeiciente dipendente dall'azione ( 1.0azione di breve durata, 0.5 azione di lunga durata o ripetute) modulo elatico dell'acciaio

41 c ρ k S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Il valore caratteritico di apertura delle eure non deve uperare il valore tabellato (propetto 7-I) in cui ono indicati i w i in unzione dell aggreività dell ambiente, della enibilità delle armature e della combinazione delle azioni di eercizio: La ditanza media tra le eure riulta: coprierro, ditanza tra le barre, diametro barre A rm φ w 1.7 w 1.7 ε k m m rm ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure c + + k k φ 3 10 ρ r A area di acciaio teo, Ae area di cl che racchiude l'acciaio teo Ae coeiciente dipendente dall'aderenza acciaio-cl ( 0.4acciaio ad ader. miglior. e 0.8acciaio licio) r k 3 coeiciente dipendente dalla orma del diagramma delle tenioni prima della eurazione ( 0.15leione o preo-lex., 0.50trazione)

42 S.L.E. (Stato limite di apertura delle eure) Combinazione delle azioni di eercizio: RARA Ambiente: AGGRESSIVO (W k <0. mm) (M-19 knm) ε m deormazione media, rm ditanza media tra le eure ε m rm mm k k (acciaio ad ader. miglior.) 0.15 (leione) w 1.7 w 1.7 ε 0.18 mm < 0. mm k m m rm VERIFICA SODDISFATTA β β (acciaio ad ader. miglior.) (azione di breve durata)

43 6 Lezione FINE

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Docente: Collaboratori: Prof. Ing. Angelo MASI Dr. Ing. Giuseppe Santarsiero Ing. Vincenzo

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ

Facoltà. Tesi di laurea in TICI. Laureando: Nicola GUARAN NOÉ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREAA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILEC Tesi di laurea in COSTRUZIONE DI PONTI ANALISI PARAMETRICHE DI PONTI A STRUTTURA MISTA ACCIAIO

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La progettazione strutturale in zona sismica Il nuovo quadro normativo Comune di Castellammare di Stabia - Scuola Media Statale Luigi Denza - dal 27/02/2007 al 10/05/2007-

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trapani SEMINARIO COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Relatore: Ing. Santo Mineo Amministratore unico CIMENTO S.r.l. Laboratorio di diagnostica

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, 16-29 ottobre e 5-12 novembre

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Considerazioni sulla Dualità Statico-Cinematica

Considerazioni sulla Dualità Statico-Cinematica Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze dell'ingegneria Curriculum in Architettura, Costruzioni, Strutture Considerazioni sulla Dualità Statico-Cinematica

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza Oltre 40 anni di esperienza mette a disposizione della propria clientela i 40 anni della sua esperienza nel mercato dei prodotti per il fissaggio delle tubazioni, utilizzati negli innumerevoli settori

Dettagli

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Marco Di Ludovico, Gian Piero Lignola, Andrea Prota, Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Università degli Studi

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli