SOMMARIO I radicali pag I radicali aritmetici pag Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag."

Transcript

1

2 SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno sotto il segno di radice in R+ {0} pag..6 Trasporto di un fattore fuori dal segno di radice in R+ {0} pag..7 Radice di un radicale aritmetico pag. 7.8 Radicali simili pag. 8.9 Razionalizzazione del denominatore di una frazione pag. 0.0 Radicali doppi pag. 8. Radicali in R pag.. Potenze ad esponente razionale pag. ESERCIZI pag. CAPITOLO : EQUAZIONI DI SECONDO GRADO. Equazioni di secondo grado e loro classificazione pag. 79. Risoluzione di un equazione di secondo grado pag. 8. Relazione tra i coefficienti di una equazione di secondo grado e le sue soluzioni pag. 9. Equazioni parametriche di secondo grado pag. 98. Equazioni e problemi pag. 0.6 Equazioni di grado superiore al secondo pag. 0

3 .7 Equazioni binomie pag. 0.8 Equazioni trinomie pag Equazioni risolubili con particolari sostituzioni pag..0 Equazioni reciproche pag.. Equazioni riconducibili ad equazioni di primo e secondo grado mediante la scomposizione in fattori pag. ESERCIZI pag. 6 CAPITOLO : LE DISEQUAZIONI DI SECONDO GRADO. La funzione y a pag. 6. La funzione y a + b + c pag. 7. Equazioni di secondo grado in una variabile e parabola pag. 8. Disequazioni di secondo grado in una variabile e parabola pag. 8 ESERCIZI pag. 98 CAPITOLO 6: ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA 6.. Introduzione pag. 6.. Elementi di base pag. 6.. Rappresentazioni grafiche pag Indici di posizione pag Indici di variabilità pag. ESERCIZI pag. 7

4 CAPITOLO RADICALI. I radicali Sicuramente, hai già affrontato problemi del tipo: a) La superficie di un quadrato misura m ; qual è la misura del suo lato? b) Il volume di un cubo misura 0 cm ; qual è la misura dello spigolo del cubo? c) Qual è quel numero che elevato alla terza dà 7? Formalizziamoli con i simboli della matematica: a) indicata con la misura del lato del quadrato, si ottiene: ; b) indicata con l la misura dello spigolo del cubo, si ottiene: l 0 ; c) indicato con n il numero da determinare, si ottiene: n Le equazioni alle lettere a) e b) non hanno soluzione nell insieme dei numeri razionali, (la loro soluzione è, infatti, un numero irrazionale); invece, l equazione alla lettera c) ha per soluzione un numero razionale. La soluzione dell equazione del problema a) è quel numero irrazionale il cui quadrato è ; 7 con i simboli che hai già conosciuto negli studi precedenti, si ha:. Come sai, il numero si legge radice quadrata di. Poiché è soluzione dell equazione, si ha ( ). La soluzione dell equazione del problema b) è quel numero irrazionale che elevato alla terza dà 0; si ha, quindi: l 0 l 0. Poiché 0 è soluzione dell equazione, si ha ( ) 0 0 Come sai, il numero 0 si legge radice cubica (o di indice ) di 0. La soluzione dell equazione del problema c) è il numero razionale. (completa), perché (...) 7. I numeri, 0 che abbiamo appena scritto si chiamano radicali. Ancora qualche esempio: Qual è quel numero che elevato alla quinta dà 6?

5 Formalizziamo la proposizione e risolviamo l equazione ottenuta: t 6 t 6 (il simbolo 6 si legge radice di indice di 6) Poiché 6 è soluzione dell equazione, si ha ( ) 6 6. Osserviamo che 6 è un numero positivo dal momento che una potenza con esponente dispari ha lo stesso segno della base della potenza stessa. Qual è quel numero che elevato alla terza dà 8? Formalizziamo la proposizione e risolviamo l equazione ottenuta: h 8 h 8 (il simbolo 8 si legge radice cubica, o di indice, di 8) Poiché 8 è soluzione dell equazione, si ha ( ) 8 8. Osserviamo che 8 è un numero negativo dal momento che una potenza con esponente dispari ha lo stesso segno della base della potenza stessa. Anche i numeri 6 e 8 sono dei radicali. Qual è quel numero che elevato alla quarta dà? Formalizziamo la proposizione e risolviamo l equazione ottenuta: h S Non esiste, infatti, alcun numero che elevato alla quarta, e in generale ad un esponente pari, dia per risultato un numero negativo. Introduciamo un po di terminologia per i simboli usati per indicare i radicali: il simbolo è chiamato simbolo di radice; il numero, scritto con carattere più piccolo, posto sopra il simbolo di radice si chiama indice di radice; il numero scritto dentro il simbolo di radice si chiama radicando. indice di radice Simbolo di radice radicando Da una prima analisi degli esempi precedenti, possiamo dire che un radicale è un numero che elevato all indice di radice dà il radicando; è evidente, però, che è necessario distinguere due casi: il radicando è un numero non negativo; il radicando è un numero negativo.

6 Possiamo, allora, dare la seguente definizione: Siano a R e n N0, si chiama radice nsima (o di indice n) di a quel numero b R tale che n b a. In simboli: In particolare: b n a. Se a 0, anche la radice nsima di a è un numero b 0. In simboli: a R + 0 n a R + 0. Se a < 0, dobbiamo distinguere due casi: o se n è dispari, anche la radice nsima di a è un numero b < 0, o se n è pari, la radice nsima di a non esiste. In simboli: Dalla definizione segue che ( a R ) n n a n a R se n dispari n a se n pari a (ovviamente quando esiste) e, quindi, possiamo affermare che la radice nsima di un numero è l operazione inversa dell elevamento a potenza. Come si può notare dal problema c), talvolta un radicale è un numero razionale; ad esempio: 7 8 perché 7 8; perché ( ) ; 9 perché ( ) 9. Casi particolari n Se a 0, 0 0. Se n, il simbolo di radice non si scrive: a a. Se n, si omette l indice di radice: a a.. I radicali aritmetici Si chiama radicale aritmetico un radicale nel quale il radicando è un numero non negativo. Un radicale aritmetico, quindi, è un numero non negativo qualunque sia l indice della radice. n a radicale aritmetico a R + { 0} Se il radicando è un espressione letterale, è necessario, allora, determinarne il dominio, cioè l insieme al quale devono appartenere le variabili contenute nel radicando affinchè esso sia non negativo.

7 Esempio Affinchè m + sia un radicale aritmetico, il suo radicando deve essere non negativo; è necessario determinarne il dominio ponendo il radicando maggiore o uguale a zero. Si ottiene: PROVA TU [ [ m + 0 m D, + Determina il dominio dei seguenti radicali aritmetici: ) a ; 6 m t ) h + ; 9 z Proprietà invariantiva Prima di parlare di questa importantissima proprietà dei radicali, diamo la seguente definizione: Due radicali aritmetici si dicono equivalenti se rappresentano lo stesso numero. Osserva attentamente le seguenti uguaglianze e, in particolare, rifletti sugli indici delle radici e sugli esponenti dei radicandi: ; (per la proprietà transitiva) e sono due radicali equivalenti. ; 6 (per la proprietà transitiva). e sono due radicali equivalenti. Nella prima uguaglianza, indice di radice ed esponente del radicando di si possono ottenere dall indice di radice e dall esponente del radicando di dividendo entrambi per... (completa). 6 6, rispettivamente, Nella seconda uguaglianza, indice di radice ed esponente del radicando di si possono ottenere dall indice di radice e dall esponente del radicando di moltiplicando entrambi per... (completa)., rispettivamente, Questa proprietà è più generale e prende il nome di proprietà invariantiva: Se si moltiplicano o si dividono indice della radice ed esponente del radicando di un radicale aritmetico per uno stesso numero naturale, diverso da zero, si ottiene un radicale equivalente a quello dato. In simboli: a a oppure n t n h t h a a ( h N 0 ) n t n : h t : h 6

8 Quando viene usata questa proprietà? La proprietà invariantiva viene usata quando: è necessario avere due radicali aritmetici con lo stesso indice; è necessario semplificare un radicale aritmetico. Riduzione di due o più radicali allo stesso indice Ridurre due radicali aritmetici allo stesso indice significa determinare due radicali equivalenti a quelli dati aventi lo stesso indice di radice. Generalmente, si riducono i radicali al più piccolo indice comune. Vediamo come si opera con un esempio. Riduciamo allo stesso indice i radicali e. a) Determiniamo il minimo comune multiplo fra gli indici dei due radicali: mcm (, ) 0; (indice comune dei radicali equivalenti a quelli dati); b) si divide il mcm trovato (in questo caso0) per il vecchio indice di radice e si moltiplica l esponente del radicando per il quoziente così determinato. In questo caso 0 : ; 0 : ; si ottiene: ; Quindi, 0 e 0 Riduciamo allo stesso indice i radicali 9a e 6 8a. Osserviamo che a) mcm (, 6) ; 9a a e 8a a. 6 6 b) : : 6 a a a ; 6 9 a a a Quindi, 9a a 6 9 8a a È necessario, per esempio, ridurre due radicali allo stesso indice, quando essi devono essere confrontati. Qual è il più piccolo fra 8 e 0? Poiché 8 < 0, anche 8 < 0. Quindi, fra due radicali aritmetici aventi lo stesso indice è minore quello che ha radicando minore. 7

9 Qual è il più piccolo fra 8 e? Poiché sappiamo confrontare due radicali aritmetici aventi lo stesso indice di radice, per confrontare fra loro radicali aritmetici con indice diverso è necessario, prima, ridurli allo stesso indice; sarà più piccolo il radicale che ha radicando minore. a) mcm (, ) 6 b) 6 : ; 6 : e Stabiliamo, allora, qual è il più piccolo fra 6 e 6 9 : 6 6 < 9 < 9 In definitiva, si ha: 8 <. Semplificazione di un radicale In precedenza, abbiamo detto che si applica la proprietà invariantiva quando dobbiamo semplificare un radicale aritmetico; ma. cosa significa semplificare un radicale aritmetico? Osserva i seguenti radicali aritmetici: 8 a : indice della radice ed esponente del radicando hanno divisori comuni? SI NO 6 b : indice della radice ed esponente del radicando hanno divisori comuni? SI NO Si dice che semplificabile o riducibile. 8 a è un radicale aritmetico irriducibile; invece Si ha la seguente definizione: 6 b è un radicale aritmetico Un radicale aritmetico si dice irriducibile se indice della radice ed esponente del radicando sono coprimi; in caso contrario il radicale è semplificabile. Semplificare un radicale aritmetico, allora, vuol dire trovarne uno irriducibile ad esso equivalente. Esempi Semplifichiamo i seguenti radicali aritmetici: a) 8 8 ; b) 8 ; c) 6 8h 9 g ( + h, g R ) 0 a) Scomponiamo in fattori primi il radicando e determiniamo il MCD fra l indice della radice e l esponente del radicando. Applichiamo, quindi, la proprietà invariantiva e dividiamo indice del radicale e l esponente del radicando per il MCD appena determinato. Si ottiene: ; MCD(8,) ; 8 8: :

10 b) Scomponiamo in fattori primi il radicando e determiniamo il MCD fra l indice della radice e gli esponenti dei fattori del radicando. Applichiamo, quindi, la proprietà invariantiva e dividiamo indice del radicale e gli esponenti dei fattori del radicando per il MCD appena determinato. Si ottiene: 8 6 MCD(,6,) ; 6 ; 8 6 : 6: : 6 8. c) Scomponiamo in fattori il coefficiente numerico del radicando e determiniamo il MCD fra l indice della radice e gli esponenti dei fattori del radicando. Applichiamo, quindi, la proprietà invariantiva e dividiamo indice del radicale e gli esponenti dei fattori del radicando per il MCD appena determinato. Si ottiene: 8 8h g h g ; MCD(6,, 9) ; 6 9 h g 6: : 9 : : h g 6 9 8h g h g ATTENZIONE 8 Semplifichiamo il radicale ( z ) 6. Osserviamo che il dominio di questo radicale è l insieme dei numeri reali dal momento che il radicando ( z ) 6 è non negativo qualunque sia il valore attribuito alla variabile z. Procediamo con la semplificazione: MCD (8, 6) ; 6 6: 8 8: applichiamo la proprietà invariantiva: ( z ) ( z ) ( z ) 6 8 Abbiamo ottenuto l uguaglianza ( z ) ( z ) Siamo proprio sicuri che essa sia vera per qualunque valore attribuito alla variabile z? Proviamo: uguaglianza falsa! 8 8 z 0 ( ) ( ) ( ) ( ) Come è possibile? Eppure siamo sicuri di aver applicato in maniera corretta la proprietà invariantiva! 9

11 Osservando i due radicali, notiamo che essi hanno come dominio insiemi diversi: 8 il dominio di ( z ) 6 è l insieme R il dominio di ( z ) è l insieme D [ + [,. Condizione necessaria affinchè due radicali siano equivalenti è che abbiano lo stesso dominio. Ora, affinchè l insieme R sia il dominio di ( z ), è necessario che il suo radicando sia sempre non negativo; per ottenere questo basta applicare l operazione di valore assoluto. z z. 8 Si ha, allora: ( ) 6 Un altro esempio. 6 Semplifichiamo il radicale aritmetico ( ). Prima di tutto, determiniamo il dominio. Deve essere ( ) Semplifichiamo, adesso, il radicale: MCD (6, ) 0 0 D, + : ; 6 6: Applichiamo la proprietà invariantiva: ( ) ( ) si ottiene l uguaglianza ( ) 6. Per stabilire se i due radicali sono equivalenti, determiniamo il dominio di. Deve essere 0 D, + I due radicali hanno lo stesso dominio; quindi, sono equivalenti. In questo caso non si applica l operazione di valore assoluto. In definitiva: ( ) PROVA TU 6. Riduci allo stesso indice le seguenti coppie di radicali aritmetici: a) 7 e 0 ; b) h e k ; c) ( ) 6 m 9 + e ( m) Inserisci, al poso dei puntini, i simboli >, < in modo che le relazioni siano vere: a). 0 ; b). ; c) 6 6. Semplifica, se possibile, i seguenti radicali aritmetici: 0 a) 6 6 ; b) 9 6a ; c) ( ) 6 8 t +

12 . Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici Fra radicali aritmetici si definiscono due operazioni: moltiplicazione e divisione. Il prodotto di due radicali aritmetici aventi indice di radice uguale è un radicale aritmetico che ha per indice di radice l indice dei due fattori e per radicando il prodotto dei radicandi dei due fattori. In simboli: n n n a b a b Se i radicali aritmetici hanno indice di radice diverso, prima di eseguire la moltiplicazione si riducono allo stesso indice. Il quoziente di due radicali aritmetici aventi indice di radice uguale è un radicale Esempi aritmetico che ha per indice di radice l indice del divisore (e del dividendo) e per radicando il quoziente dei radicandi. n n n n In simboli: a : b a : b a oppure n n b Se i radicali aritmetici hanno indice di radice diverso, prima di eseguire la divisione si riducono allo stesso indice. Eseguiamo le seguenti moltiplicazioni e divisioni: a b a) ; b) ab ; c) 9 : 8 ; d) h t : t 6 6a a) I due radicali hanno lo stesso indice, pertanto: b) I due radicali hanno indice diverso: 0 riduciamo i due radicali allo stesso indice; eseguiamo la moltiplicazione. Si ottiene: 6 ( ) 6a ab a a b a a b a b In definitiva: 6 6a ab a b c) I due radicali hanno lo stesso indice, pertanto: 9 : 8 9 :8 9 8

13 d) I due radicali hanno indice diverso: riduciamo i due radicali allo stesso indice; eseguiamo la divisione. Si ottiene: ( ) ( ) ( ) ( ) h t t h t t h t t h t : : : In definitiva: h t t h t 8 8 : PROVA TU Esegui le seguenti moltiplicazioni e divisioni fra radicali aritmetici: a) 8 ; 6 ; 8m s m 6 b) : ; 6 ; 9 z : 8z y. Potenza di un radicale aritmetico Come ben sai, l operazione di potenza è un caso particolare di moltiplicazione. Calcoliamo, allora, ( ) 7. Per definizione di potenza, si ha: ( ) ( moltiplicazione fra radicali con indice di radice uguale) ( ) per definizione di potenza 7. Dall esempio appena svolto, deduciamo che: La potenza di un radicale aritmetico è un radicale aritmetico che ha indice della radice uguale all indice della base e per radicando una potenza avente per base il radicando e per esponente l esponente della potenza. In simboli: ( ) k n k n a a PROVA TU Calcola le seguenti potenze: a) ( ) ; b) ( ) 8b ; c) ( m + )

14 . Trasporto di un fattore esterno sotto il segno di radice in R + 0 Affrontiamo anche questo argomento con alcuni esempi. Consideriamo l espressione Ricordando che nella quale il fattore esterno è un numero positivo., possiamo scrivere. Si tratta, allora, di eseguire una moltiplicazione fra due radicali con diverso indice di radice. Prima di eseguire la moltiplicazione, perciò, è necessario ridurre i due radicali allo stesso indice; si ottiene: Osservando l ultima uguaglianza, notiamo che il fattore esterno () si trova sotto il segno di radice ed ha esponente uguale all indice di radice. Consideriamo l espressione 7 nella quale il fattore esterno è un numero negativo. Ricordando che, possiamo scrivere 7 7. Siamo di fronte ad una moltiplicazione fra radicali con indice diverso. Dopo aver ridotto i due radicali allo stesso indice, eseguiamo la moltiplicazione; si ottiene: Osservando l ultima uguaglianza, notiamo che : fuori dal segno di radice è rimasto il segno ; 7 7. sotto il segno di radice troviamo. Dall analisi degli esempi svolti, possiamo dedurre la seguente regola: per portare un fattore esterno non negativo sotto il segno di radice è sufficiente elevarlo all indice di radice. In simboli: n n n a 0, a b a b per portare un fattore esterno negativo sotto il segno di radice si lascia il segno fuori dal simbolo di radice e si eleva il suo valore assoluto all indice di radice. In simboli: n n a < 0, a b a b n

15 ATTENZIONE Consideriamo l espressione m m nella quale il fattore esterno è una lettera. 6 Il dominio di 6 m è l insieme dei numeri reali; la variabile m, allora, può assumere valori sia non negativi che negativi. È necessario, quindi, distinguere i due casi: se m 0, lo si porta sotto radice elevandolo all indice della radice; se m < 0, si porta sotto radice il suo valore assoluto elevandolo all indice di radice. Si ottiene: Ricorda che m < 0 m m m 0, m m m m m m m ; 6 m < 0, 6 6 ( ) m m m m m m m. Consideriamo l espressione k k nella quale il fattore esterno è, ancora una volta, una lettera. Il dominio di + k è l insieme D R 0 (perché?); la variabile k, allora, è sicuramente non negativa. Quindi, si ha: 7 k k k k k k k. PROVA TU Porta sotto il segno di radice il fattore esterno dei seguenti radicali aritmetici: a) 7 ; b) 6 ; c) a 6a ; d) z z.6 Trasporto di un fattore fuori dal segno di radice in R + 0 Ricordiamo che se a 0, b 0, n a n b n ab, oppure, in modo equivalente, n ab n a n b ; se a 0, b > 0, Rifletti, adesso, sulle seguenti uguaglianze: a a b a a. b n n n b, oppure, in modo equivalente, n n b n per la proprietà ricordata in precedenza a) ( ). b) 97

16 c) d) 7 7 Come puoi notare dalle uguaglianze ottenute, è stato possibile scrivere il radicale come prodotto fra un fattore esterno ed un radicale. Quali fattori è stato possibile portare fuori dal segno di radice? Completa: nell esempio a) è stato portato fuori dal segno di radice il fattore.; nell esempio b) è stato portato fuori dal segno di radice il fattore.; nell esempio c) sono stati portati fuori dal segno di radice i fattori. e. ; nell esempio d) sono stati portati fuori dal segno di radice i fattori. Che cosa hanno in comune questi fattori? Poni la tua attenzione su esponente dei fattori portati fuori dal segno di radice e indice di radice: tutti i fattori portati fuori dal segno di radice hanno esponente.. o. all indice di radice. Ogni volta che un fattore deve essere portato fuori dal segno di radice, è necessario eseguire tutti i passaggi degli esempi a), b), c) e d)? NO! È sufficiente seguire questo semplice procedimento: È possibile portare un fattore fuori dal segno di radice soltanto se il suo esponente è maggiore o uguale all indice di radice. n h Sia a ( h n). Indicati con q il quoziente e con r il resto della divisione fra h e n, si ha: q è l esponente di a fuori di radice; r è l esponente di a sotto radice. In simboli: n h q n r a a a Esempio Dato il radicale aritmetico 60, portiamo fuori di radice i fattori possibili. Scomponiamo in fattori primi il radicando: ; ( > ; ; < ) possiamo portare fuori di radice i fattori e ;

17 : con il resto di q, r ; : con il resto di 0 q, r 0 ; In definitiva: ATTENZIONE Come si procede se il radicando è un espressione letterale? Osserva gli esempi seguenti. Dato il radicale aritmetico 6 7k, portiamo fuori di radice i fattori possibili. Determiniamo, prima di tutto, il dominio del radicale: 6 7k 0 D R. È opportuno evidenziare, quindi, che a k possono essere attribuiti valori sia positivi che negativi oppure il valore nullo; ricordiamo, inoltre, che un radicale aritmetico è un numero non negativo. Applichiamo il procedimento esposto in precedenza: k k ; (, 6 ) < > possiamo portare fuori di radice solo il fattore k ; 6 : con il resto di q, r ; 7k k k 7k k 7k 7k k 7k Poniamoci, adesso, questa domanda: l uguaglianza ottenuta è vera per ogni valore di k appartenente al dominio del radicale? La risposta è NO! Osserviamo che k k k < 0 7 < 0 (perché?) e sappiamo che un numero positivo o nullo ( 6 7k ) è sicuramente diverso da un numero negativo. Dobbiamo, allora, fare in modo che l espressione ottenuta dopo aver portato fuori di radice il fattore k, sia non negativa per qualsiasi valore attribuito alla lettera k. Raggiungiamo il nostro obiettivo applicando al fattore esterno l operazione di valore assoluto. Si ha, quindi: 7k k 7k 6 6

18 Dato il radicale aritmetico 7 6t, portiamo fuori di radice i fattori possibili. Determiniamo, prima di tutto, il dominio del radicale: 7 6t 0 t 0 D Alla variabile t, allora, è possibile attribuire solo valori non negativi. Applichiamo il procedimento esposto in precedenza: t t ; (, 7 ) R. > > possiamo portare fuori di radice sia il fattore che il fattore t ; : con il resto di 0 q, r 0 ; 7 : con il resto di q, r 7 7 6t t t 0 t t t t t. Poniamoci, adesso, la domanda: l uguaglianza ottenuta è vera per ogni valore di t appartenente al dominio del radicale? La risposta è SI! Perché?.. In questo caso, allora, non dobbiamo applicare l operazione di valore assoluto al fattore esterno t. + 0 Si ha, quindi: 6 7 t t t Possiamo, allora, concludere che: dopo aver portato fuori di radice un fattore, è necessario applicare ad esso l operazione di valore assoluto se esiste almeno un valore, appartenente al dominio del radicale, per il quale l espressione è negativa. Osservazione 0 Dal momento che a ( a 0) radice. PROVA TU Porta fuori di radice i fattori possibili:, i fattori con esponente 0 non sono presenti sotto il segno di a) 96 ; b) 0000 ; c) 8a 9 ; d).7 Radice di un radicale 6 8b ; e) 8 Nel paragrafo. abbiamo detto che, se il radicando è un numero reale non negativo, un radicale aritmetico è, a sua volta, un numero reale non negativo. Può capitare, allora, che il radicando di un radicale aritmetico sia un altro radicale aritmetico; cioè sia del tipo n p a. 7

19 In questo caso, vale la seguente proprietà: La radice di indice n di un radicale aritmetico è un radicale aritmetico che ha come indice di radice il prodotto degli indici delle due radici e come radicando lo stesso radicando. In simboli: n p a n p a Esempi Calcoliamo 6. Si ha ( n ; p ) 0 n p 0 ; si ottiene: 6 6. Calcoliamo. Si ha ( ) portiamo sotto radice il fattore esterno 8 ; ( n p ) n p, 8 8. PROVA TU Calcola le seguenti radici di radicali aritmetici: a) ; b) 6 ; c) a a.8 Radicali simili Nei paragrafi precedenti abbiamo imparato a conoscere alcune proprietà dei radicali aritmetici e ad eseguire le operazioni di moltiplicazione e divisione fra di essi; non esiste, invece, una proprietà analoga per la somma algebrica fra radicali aritmetici. In generale, la somma algebrica fra due radicali aritmetici non è un radicale aritmetico: se a 0, b 0 a ± b a ± b n n n Prova, con un esempio, a giustificare questa disuguaglianza. Come al solito, però, esistono casi particolari! Consideriamo l espressione +. Osserviamo che: ciascuno dei due addendi è il prodotto fra un numero razionale ed un radicale aritmetico; i due addendi hanno un fattore uguale ( ). 8

20 Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica, si ottiene: + ( + ) In questo caso, dunque, abbiamo potuto calcolare la somma dei due radicali. Consideriamo l espressione Osserviamo che: ciascuno dei due termini della differenza è il prodotto fra un numero razionale ed un radicale aritmetico; i due termini hanno un fattore uguale ( 7 ). Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica, si ottiene: ( ) Anche in questo caso, quindi, abbiamo potuto calcolare la differenza fra i due radicali. Radicali come e, oppure come 7 e 6 7 si dicono radicali simili. I radicali 7 e 6 76 sono simili? Ad una analisi molto superficiale, diremmo che non sono simili; ma stiamo attenti! Osserviamo che: 7 portiamo fuori di radice il fattore ( ) Quindi, 7 ( ) E allora: semplifichiamo il radicale Quindi, 6 76 e ( ) portiamo fuori di radice il fattore sono simili. Si ha la seguente definizione: Due o più radicali si dicono simili se, dopo aver eventualmente semplificato e portato fuori di radice i fattori possibili, essi differiscono, al più, per il fattore esterno. Il fattore esterno prende il nome di coefficiente. Due radicali sono opposti se sono simili ed hanno coefficienti opposti. Osservando i due esempi precedenti possiamo affermare che: La somma algebrica di due o più radicali simili è un radicale simile a quelli dati che ha come fattore esterno la somma algebrica dei fattori esterni dei radicali dati. 9

21 Esempi Stabiliamo se i radicali e sono simili. 6 ; 6 6 fattore esterno radicale 6 6 fattore esterno radicale 6 i due radicali differiscono solo per il fattore esterno, pertanto sono simili. Semplifichiamo la seguente espressione: Scomponiamo in fattori primi i radicandi: (portiamo fuori di radice i fattori possibili) (individuiamo i radicali simili) ( ) PROVA TU ) Individua, fra i seguenti radicali aritmetici, quelli simili fra loro: 6 ; ) Semplifica le seguenti espressioni: a) + 8 ; 6 ; ; 6 ; 08 b) Razionalizzazione del denominatore di una frazione È possibile calcolare la differenza 9? Osservando i due radicali, probabilmente, la prima risposta che ci viene in mente è: NO, perché non sono simili. Siamo proprio sicuri che e Osserviamo che: 9 non siano simili? Pensiamoci bene!

22 Ora, se alla frazione applichiamo la proprietà invariantiva e, quindi, moltiplichiamo numeratore e denominatore per, otteniamo: ( ) In definitiva abbiamo ottenuto la seguente uguaglianza: 9 Dobbiamo, allora, ammettere di esserci sbagliati: i radicali e 9 sono simili! Possiamo, quindi, calcolare la differenza 9 ; si ottiene: ( ) 9 7 Come sicuramente avrai notato, nello svolgimento di questo esercizio, ci siamo trovati di fronte alla frazione che ha al denominatore un radicale. È stato utile, in questo caso, trasformarla, in una ad essa equivalente, in modo tale che il denominatore fosse un numero razionale. La trasformazione eseguita sulla frazione denominatore di una frazione. Abbiamo, allora, la seguente definizione: prende il nome di razionalizzazione del Razionalizzare il denominatore di una frazione vuol dire rendere razionale il denominatore della frazione e, quindi, scrivere una frazione equivalente a quella data in modo tale che il denominatore della frazione sia un numero razionale. Per razionalizzare il denominatore di una frazione, allora, si moltiplicano numeratore e denominatore della frazione per un opportuna espressione. Analizziamo, adesso, i casi che si possono presentare. A n k b ) La frazione è del tipo ( m n) razionale ed un radicale. m <, cioè il denominatore è il prodotto fra un numero Osserva l esempio seguente.

23 Razionalizziamo il denominatore della frazione. Prima di tutto, scomponiamo in fattori primi il radicando; si ha:. Per rendere razionale il denominatore della frazione dobbiamo moltiplicare numeratore e denominatore in modo tale che il prodotto al denominatore sia, perché. Completa: per le proprietà delle potenze... ( ) ( ) per la regola sulla moltiplicazione fra radicali.... Moltiplichiamo, allora, numeratore e denominatore di per ; si ottiene: 8 In definitiva: 8 Poniamo la nostra attenzione sul fattore che ci ha consentito di razionalizzare il denominatore della frazione e confrontiamolo con (denominatore della frazione): i due radicali hanno indice di radice uguale; i radicandi di entrambi i radicali sono potenze aventi la stessa base; l esponente del radicando di è uguale alla differenza fra l indice di radice e l esponente del radicando di. Prova tu e completa Razionalizza il denominatore della frazione 8 a Prima di tutto, determina il dominio del radicale: a... Per rendere razionale il denominatore della frazione devi moltiplicare numeratore e denominatore in modo tale che il prodotto al denominatore sia , perché (...) 8 a a ( ) ( )... per le proprietà delle potenze a a ( ) 8 8 per la regola sulla moltiplicazione fra radicali a.... Moltiplica, allora, numeratore e denominatore di 8 a per ( ) 8... ; ottieni:

24 a ( ) (...) ( ) a a a In definitiva: 8 a. a a 8 Rifletti sul fattore 8 a che ti ha consentito di razionalizzare il denominatore della frazione e confrontalo con 8 a (denominatore della frazione): i due radicali hanno indice di radice ; i radicandi di entrambi i radicali sono potenze aventi la base; l esponente del radicando di 8 a è uguale alla. fra l indice di radice e l esponente del radicando di 8 a. Possiamo generalizzare e dare la seguente regola: A n k b per razionalizzare il denominatore di una frazione del tipo ( m n) moltiplicano numeratore e denominatore della frazione per un radicale che ha: indice di radice uguale all indice di radice del radicale al denominatore della frazione; m < si per radicando una potenza avente per base la stessa base del radicando del radicale al denominatore della frazione e per esponente la differenza fra l indice di radice e l esponente del radicando del radicale al denominatore della frazione. A n nm In simboli: se m < n, A n m k b Casi particolari b kb Se n si moltiplicano numeratore e denominatore della frazione per un radicale uguale al denominatore della razione. Se m > n, si porta fuori di radice il fattore possibile e così si ricade nel caso precedente. Esempi Razionalizziamo il denominatore della frazione 6. Il radicale al denominatore ha indice di radice uguale a. Moltiplichiamo numeratore e denominatore della frazione per 6 ; si ottiene:

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE terza SEZIONE E A.S. 2014-15 L insieme dei numeri razionali. Equazioni e disequazioni di primo grado Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.. IL PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano.

Dettagli

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM GLI INSIEMI NUMERICI E LE OPERAZIONI Ripasso del calcolo numerico: espressioni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica Modulo n. 1: Insiemi Collocazione temporale: settembre-dicembre Strategie didattiche: L insegnamento dei

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO MATEMATICA LICEO TECNICO CLASSE 1^ CONOSCENZE Insiemi numerici N, Z, Q, R; rappresentazioni, operazioni, ordinamento Espressioni algebriche; principali operazioni Equazioni

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana Al-giabr wa al-mukabalah di Al Khuwarizmi scritto approssimativamente nel 820 D.C. Manuale arabo da cui deriviamo due nomi: Algebra Algoritmo

Dettagli

il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti

il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Maurizio Verri Marco Bramanti Maurizio Verri Marco Bramanti POLItest il test di Ingegneria al Politecnico di Milano Quesiti svolti di Logica, Matematica,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo Quaderno operativo Trevisini Editore La pubblicazione di un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni

Dettagli

COGNOME... NOME... Classe... Data... 1.a Calcolare le seguenti espressioni: 3. 220 245

COGNOME... NOME... Classe... Data... 1.a Calcolare le seguenti espressioni: 3. 220 245 Capitolo I radicali Risoluzione algebrica erifica per la classe seconda Espressioni numeriche Equazioni lineari Esistenza Operazioni Espressioni letterali.a Calcolare le seguenti espressioni:. 5. 8 3.

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 e 2 grado 24020 VILMINORE DI SCALVE (BG) 0346-51066 - 0346-50056 - ic.vallescalve@tiscali.it MATERIA: MATEMATICA

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Carissimi, eccovi gli argomenti trattati in quest anno scolastico. Ti servono quale ripasso!!!se qualcosa non fosse chiaro batti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA/SECONDA PROFESSIONALE CORSO SERALE DOCENTE: LUBRANO LOBIANCO ANIELLO Legenda: In

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici N : insieme dei numeri naturali Z : insieme dei numeri interi Q : insieme dei numeri razionali I : insieme dei numeri irrazionali R : insieme dei numeri reali Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16]

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16] Matematica 3 Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [05-6] Indice I Numeri e Funzioni Numeri 3. Premessa............................................. 3. Tipi di numeri..........................................

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico Processo di risoluzione di un problema ingegneristico 1. Capire l essenza del problema. 2. Raccogliere le informazioni disponibili. Alcune potrebbero essere disponibili in un secondo momento. 3. Determinare

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Il valore assoluto. F. Battelli Università Politecnica delle Marche, Ancona. Pesaro, Precorso di Analisi 1, 22-28 Settembre 2005 p.

Il valore assoluto. F. Battelli Università Politecnica delle Marche, Ancona. Pesaro, Precorso di Analisi 1, 22-28 Settembre 2005 p. Il valore assoluto F Battelli Università Politecnica delle Marche Ancona Pesaro Precorso di Analisi 1 22-28 Settembre 2005 p1/23 Il valore assoluto Si definisce il valore assoluto di un numero reale l

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2011/2012 A CURA DEL RESPONSABILE DI AMBITO CAGNESCHI FEDERICA / IMPERATORE DOLORES L AMBITO DISCIPLINARE DI MATEMATICA STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli