Punti programmatici della Lista Civica per Brivio Progetto Civico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Punti programmatici della Lista Civica per Brivio Progetto Civico"

Transcript

1 Punti programmatici della Lista Civica per Brivio Progetto Civico Ambiente e territorio Tutela del paesaggio e delle caratteristiche del territorio: ferma opposizione ai processi speculativi di escavazione, riempimento e trasformazione morfologica Valorizzazione zone di pregio ambientale, fluviale e boschive: 1) recupero sentieri boschivi 2) valorizzazione Campello e laghetti della Fornace 3) agevolazioni per la pulizia ed il mantenimento delle are boschive private Proseguimento delle attività inerenti gli impianti ittiogenici Riattivazione dei canali per la circolazione dell acqua fluviale nella palude Realizzazione piano delle aree verdi pubbliche Impegno alla realizzazione di ulteriori impianti di energia pulita sugli edifici pubblici (CRAL, strutture sportive ecc. ) Completamento della messa in sicurezza delle sponde della Bevera (via S. Margherita, via delle Industrie, via Prada, ecc.) in collaborazione con la Protezione Civile Potenziamento della Piazzola Ecologica: copertura dei siti di deposito ed informatizzazione dell accesso alla Piazzola, mantenimento dell estensione degli orari di apertura nel periodo dell ora legale. Mantenimento nell ambito pubblico della gestione del servizio idrico integrato Piano di smaltimento eternit con riduzione dei costi privati mediante convenzione pubblica Recupero sentieri storici per mobilità ecosostenibile: realizzazione pista ciclopedonale della Bevera Assetto urbanistico e viabilità Attuazione nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) Gestione controllata degli interventi di riqualificazione edilizia ( Area Fornace ecc. ) Attuazione nuovo Piano della Viabilità, con realizzazione marciapiedi di collegamento tra il capoluogo e le frazioni, messa in sicurezza degli attraversamenti delle strade provinciali Riqualificazione urbanistica centro storico di Beverate Realizzazione dei parcheggi come previsto dal PGT per ogni Frazione Eliminazione dal Piano Cave Provinciale dell area ex fornace Sesana adeguamento rete di illuminazione pubblica con lampade LED e realizzazione nuovi tratti Progetto di pavimentazione ed arredo dell area antistante il Castello

2 Casa Promozione di nuove iniziative di Edilizia Economica Popolare (convenzionata) sul modello degli interventi già realizzati (cooperative) Agevolazioni in favore delle giovani coppie residenti Agevolazioni per recupero patrimonio edilizio esistente Scuola ed istruzione Progetto Scuola Aperta in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Brivio: programmazione di attività educative pomeridiane (laboratorio musicale, teatrale, informatica, natura e tradizione, ecc. ) a completamento dell offerta formativa della scuola. Il Progetto prevede il coinvolgimento delle agenzie educative ( Istituzioni e realtà sociali ) di Brivio per l elaborazione di un Patto Educativo in favore dei ragazzi. Introduzione corso di inglese con insegnate madrelingua da svolgersi durante l orario scolastico Riqualificazione strutturale ed ecosostenibile della scuola secondaria di primo grado (media) Riproposizione assegnazione di contributi al merito scolastico Ridefinizione della convenzione con le Scuole dell Infanzia Attivazione buono libro per tutti gli alunni iscritti al primo anno della scuola secondaria di primo grado Mantenimento agevolazioni per il trasporto e il buono mensa Continuazione del servizio specialistico offerto dalla biblioteca alle scuole del paese Potenziamento del progetto la Città dei Bambini Riproposizione della festa dei Bimbi in collaborazione con Asilo Nido e Scuole dell infanzia e Primaria

3 Cultura Proseguimento delle attività di recupero e restauro dei beni culturali ( Icone, Santelle, dipinti murali ) attraverso convenzioni con i privati, enti ed associazioni Pieno sostegno al restauro della scalinata di Foppaluera Incremento orari apertura della biblioteca e introduzione progetti multimediali (audio-video) (apertura del lunedì mattina (mercato) e, nel periodo estivo, una apertura serale tematica) Istituzione borsa di studio per ricerche inerenti Brivio e la sua storia Promozione Museo C. Cantù e degli itinerari culturali e archeologico ( App turistica su Brivio per i moderni smartphone es : i-phone, il turista la scarica e accede ad informazioni, proposte ) Valorizzazione delle Associazioni e delle realtà culturali presenti sul territorio e collaborazione Elaborazione e realizzazione di mostre artistiche (pittura, scultura, etc.) Ampliamento progetto Generazione Oro del sistema bibliotecario provinciale in particolare con la Casa di Riposo Incremento dei corsi proposti dai Consigli di Frazione e delle rassegne cinematografiche e musicali (Montagna, Amnesty diritti umani, cinema all aperto, serate musicali, computer, orticoltura ecc. ) Servizi alla Persona Famiglia e minori Realizzazione ed avvio asilo nido presso la ex-scuola elementare di Beverate con agevolazioni economiche per le famiglie residenti Agevolazione di tutte le iniziative che facilitino una conciliazione tra i tempi di lavoro ed i tempi del vivere in famiglia ( pre e post scuola, orari prolungati, iniziative estive, gestione delle persone non autosufficienti in famiglia, ecc. ), in collaborazione con progetto sovracomunali. Pertecipazione al progetto Porcospini finanziato dalla Comunità Europea per la prevenzione dell abuso sessuale e violenza su minori in collaborazione con l Istituto Comprensivo Supporto alle famiglie con problemi nel rapporto tra genitori e figli tramite: mediazione familiare, affiancamento nei rapporti col Tribunale dei Minorenni, incontri di formazione e supporto psicologico, assistenza domiciliare nelle situazioni più problematiche Sostegno alle famiglie con disabili: continuazione del progetto La Domenica Insieme, sostegno educativo nell ambito scolastico, inserimenti nelle comunità residenziali diurne e relativo trasporto. Contributi e collaborazione con le Associazioni che si occupano del tempo libero dei disabili, iniziative in collaborazione con il privato sociale, il volontariato, per il DOPO DI NOI.

4 Ragazzi, adolescenti e giovani Sostegno a percorsi di socializzazione dei ragazzi e degli adolescenti per facilitare la loro partecipazione alla vita sociale. Tali iniziative verranno intraprese e agevolate con tutte le agenzie educative presenti sul territorio : scuola, oratori, associazioni sportive, volontariato sociale etc. Prosecuzione dei progetti dire, fare, crescere e di miglioramento dell apprendimento scolastico in collaborazione con la scuola e Retesalute. Revisione dei progetti e adattamento alle nuove esigenze. Prosecuzione dei progetti di integrazione dei ragazzi immigrati all interno delle scuole tramite mediatori culturali e facilitatori linguistici Pertecipazione alle attività di prevenzione contro qualsiasi tipo di dipendenze: droghe, alcool, fumo, gioco e pornografia, in collaborazione ASL e Distretto. Disponibilità, in accordo con i giovani, a valutare le modalità più efficaci per agevolare il loro coinvolgimento in attività sportive, culturali e creative. (consulta giovani, circoli, gruppi d interesse) Adulti e anziani Continuazione dei servizi di assistenza domiciliare e di telesoccorso Rinnovo convenzione con Casa di Riposo per attivazione di servizi complementari (servizio pasti, servizio lavanderia) e collaborazione su attività di socializzazione e integrazione con le realtà del paese Puntare su una vita pensionistica attiva avviando l Università degli Anziani in collaborazione con la scuola e i centri per l educazione degli adulti (EDA). Gli incontri spazieranno dalla salute alla cultura, dall ambiente alle attività creative, dall utilizzo dei computer alla familiarizzazione con i nuovi strumenti tecnologici Agevolare stili di vita più sani tramite l attività motoria (Gruppi di cammino, ginnastica dolce, soggiorno marino) in collaborazione con le associazioni locali Continuazione del corso di italiano per le persone adulte immigrate, in particolare donne. Favorire l integrazione degli stranieri nella nostra società tramite specifiche iniziative di scambi culturali.

5 Società Continuazione dell esperienza del Gemellaggio Solidale con Paesi in via di sviluppo o in situazioni di emergenza Attivazione di momenti di formazione per gruppi di volontariato operanti sul territorio comunale Pieno utilizzo del nuovo poliambulatorio incentivando: attività di diagnostica, servizi specialistici (pediatra, attività di prevenzione, ecc.) e medicina territoriale di gruppo con chiamate attive verso pazienti con particolari patologie (diabetici, cardiopatici, ecc.) Apertura di un nuovo ambulatorio pubblico presso le ex-scuole di Beverate Apertura della sala riunioni/civica e di spazio espositivo presso le ex-scuole di Beverate Attivazione tavolo di consultazione inerente a problematiche del lavoro Individuare percorsi che facilitano l inserimento lavorativo sia dei disoccupati sia di chi entra nel mercato del lavoro per la prima volta Sicurezza Riorganizzazione e potenziamento del servizio di Polizia Locale mediante assunzione nuovi vigili a tempo determinato (stagionale) Potenziamento e valorizzazione del servizio di Protezione Civile Potenziamento sistema di monitoraggio con videocamere per la prevenzione di atti vandalici e di atti di violazione ambientale Conferma dei controlli sul territorio in collaborazione coi Carabinieri Promozione presso il Ministero competente della ristrutturazione della Caserma Elaborazione di percorsi per promuovere lo stare insieme, mediante un progetto di condivisione e di inclusione sociale Commercio e turismo Difesa delle attività commerciali (attuazione di sinergie per la vendita presso i negozi di vicinato dei prodotti a kilometro zero) Iniziative di accoglienza turistica attraverso la valorizzazione dei percorsi culturali e naturalistici Proposta di valorizzazione turistica dei Borghi dell Adda : Brivio, Arlate, Imbersago Mantenimento e ampliamento dell isola pedonale estiva sul lungo fiume, con istituzione parcheggi festivi riservati a residenti e volontari

6 Sport e tempo libero Incentivazione dell iniziativa privata nell ambito sportivo per la realizzazione di nuove strutture ( piscina, palestra ); stipula di convenzione per l utilizzo agevolato delle strutture in favore di Scuole e residenti Adeguamento delle strutture sportive esistenti alle esigenze della scuola e delle associazioni locali Sostegno alle iniziative sportive scolastiche e delle associazioni del settore Incentivazione delle iniziative ricreative e per il tempo libero promosse dal CRAL Riproposizione della Festa dello Sport Riproposizione della Consulta dello Sport come strumento e luogo di condivisione tra le società sportive Ampliamento dell Offerta Sportiva in favore di tutte le fasce d età Rapporto Comune-Cittadini Promozione del Volontariato in tutte le sue forme Riproposizione dell informatore comunale Il Ponte e del Sito Internet con attivazione della newsletter e contatti sms Riproposizione Consigli di Frazione e di Rione Incontri periodici di confronto con la popolazione, in sede decentrata

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA INVESTIMENTI SULLE OPERE PUBBLICHE I contenuti qui esposti sono stati presentati alla cittadinanza nelle serate: Tremignon 9 DICEMBRE 2014 Presina 10 DICEMBRE 2014 Vaccarino

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

NOI CITTADINI COME VOI

NOI CITTADINI COME VOI TITOLO DEL PROGETTO: NOI CITTADINI COME VOI SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Disabili LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE N. VOLONTARI

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS

PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS PROPOSTE E PARERI FORMULATI DAGLI STAKEHOLDERS Avvicinare i bambini alla figura del soccorritore e alle manovre di primo intervento. Ampliare la conoscenza sui Magistri Intelvesi attraverso lo studio delle

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA IMMIGRATI CODICE - I - COD. AZIONE PAG I - 01 Centri di accoglienza FAMIGLIA AMICA e VIVERE LA VITA per richiedenti Asilo Politico 235 I - 02 SENTIERI DI SPERANZA - Servizio di pronta accoglienza

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Servizio: ASSISTENZA SOCIALE

Servizio: ASSISTENZA SOCIALE UNITA ORGANIZZATIVA COMPETENTE: SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Servizio: ASSISTENZA SOCIALE N. PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Organo competente di conclusione 1 Assegnazione contributo agli anziani per partecipazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 Programma elettorale della lista civica Insieme per Bottanuco e Cerro

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 Programma elettorale della lista civica Insieme per Bottanuco e Cerro ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016 Programma elettorale della lista civica Insieme per Bottanuco e Cerro SICUREZZA Il senso di sicurezza e di tranquillità che ogni persona ricerca quotidianamente è una condizione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua Organizzazione oraria delle classi prime 8,25 Ingresso 8,30 10,15 Attività didattica 10,15 10,30 Pausa merenda e ricreazione 10,30-12,00 Attività didattica 12,00

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it

31 marzo 2014 www.pluspomezia.it 31 marzo 2014 P.L.U.S. Piano Locale Urbano di Sviluppo POR FESR Lazio 2007-2013 OBIETTIVO Rigenerare il contesto sociale, ambientale ed economico dei centri urbani PROGRAMMA COFINANZIATO DAI FONDI STRUTTURALI

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

Città di CHIERI. Sindaco Francesco LANCIONE LAVORI PUBBLICI - CULTURA E SISTEMA NIDI VIABILITÀ - ORGANIZZAZIONE LAVORI PUBBLICI

Città di CHIERI. Sindaco Francesco LANCIONE LAVORI PUBBLICI - CULTURA E SISTEMA NIDI VIABILITÀ - ORGANIZZAZIONE LAVORI PUBBLICI LAVORI PUBBLICI Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei plessi scolastici: Installazione di un impianto fotovoltaico sulla Scuola Quarini Interventi di manutenzione straordinaria manto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Servizio estivo diurno ricreativo e socializzante in collaborazione con l Associazione ANFFS onlus Crema che si realizza nei mesi

Dettagli

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME TITOLO DEL PROGETTO: UN ANNO PER CRESCERE INSIEME SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Minori LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore VII Serviizii alllla Persona Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Servizio Biblioteca - Organizzazione e funzionamento del servizio

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE Funzione 03 04 05 06 FUNZIONI GENERALI DI AMM.NE, DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA,

Dettagli

GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE

GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI ONLINE 1 Per accedere allo Sportello Sociale On line digitare l indirizzo: www.sportellosociosanitario.it La ricerca e la stampa delle informazioni contenute

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Scuola Primaria Francolino

Scuola Primaria Francolino Scuola Francolino Via dei Calzolai, 136 44123- Francolino - Ferrara Telefono e fax: 0532 724057 La scuola si trova nel paese di Francolino, situato nella periferia NORD della città di Ferrara ed è un plesso

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

IL PIANO DEI CENTRI DI COSTO ELEMENTARI E RELATIVI RESPONSABILI

IL PIANO DEI CENTRI DI COSTO ELEMENTARI E RELATIVI RESPONSABILI IL PIANO DEI CENTRI DI COSTO ELEMENTARI E RELATIVI RESPONSABILI 50 CITTA di SEREGNO Piazza Martiri della Libertà, 1 20831 Seregno (MB) Piano dei Centri di costo elementari - Anno 23 1 Organi istituzionali,

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Oltre ad acquisire una maggiore comprensione dell ambiente sociale con cui sono a contatto, gli allievi del corso trarranno i seguenti vantaggi:

Oltre ad acquisire una maggiore comprensione dell ambiente sociale con cui sono a contatto, gli allievi del corso trarranno i seguenti vantaggi: Senso e scopo La conoscenza della realtà locale costituisce la condizione preliminare per poter prendere parte alla vita sociale del comune di residenza. Il presente strumento permette ai docenti che lavorano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE ALL OFFERTA FORMATIVA a. s. 2009/2010 INTERCULTURA E ALUNNI STRANIERI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE ALL OFFERTA FORMATIVA a. s. 2009/2010 INTERCULTURA E ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE ALL OFFERTA FORMATIVA a. s. 2009/2010 INTERCULTURA E ALUNNI STRANIERI 1 OBIETTIVO: COORDINAMENTO DEI LAVORI DELLA COMMISSIONE

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Curriculum Cisef. Cooperativa sociale

Curriculum Cisef. Cooperativa sociale Curriculum Cisef Cooperativa sociale Cooperativa Intervento Socio Educativo Formativo C.so C. Battisti 73r 16019 Ronco Scrivia (Ge) Tel. 347 3816248 op 349 2353113 Fax 010 7268050 Sito internet: www.cisef.net

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

SINTESI DEL POF a.s. 2015-2016

SINTESI DEL POF a.s. 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO LA GIUSTINIANA SCUOLA PRIMARIA Segreteria e Presidenza:Via Giuseppe Silla, 3 - Roma ' 06 30365205 06 88543266/67 7 06 30356161 / rmic85900@istruzione.it - www.icslagiustiniana.it SINTESI

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: EOS Interventi di

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE L ASSOCIAZIONE L Associazione culturale Alice in città nasce nel 2005 per dare struttura istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Giovanni Pascoli anno scolastico 2015/2016

Scuola secondaria di primo grado Giovanni Pascoli anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di Cadelbosco Sopra Scuola secondaria di primo grado Giovanni Pascoli anno scolastico 2015/2016 http://iccadelbosco.sopra-re.gov.it La nostra struttura La scuola secondaria di primo

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE STILE LIBERO (tipo A)

COOPERATIVA SOCIALE STILE LIBERO (tipo A) COOPERATIVA SOCIALE STILE LIBERO (tipo A) Nasce nel 2000 a Pray (BI), paese di circa 2400 abitanti della Comunità Montana Valsessera La fondano 10 soci, tutti di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Oggi

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE E RECUPERO SCOLASTICO

PROGETTO DI INTEGRAZIONE E RECUPERO SCOLASTICO in collaborazione con il Comune di Gubbio, la Caritas Diocesana, con il contributo del M.I.U.R.(Art.9 del C.C.N.L.Comparto Scuola 2002/2005) e della Regione Umbria, L.R.18/90. PROGETTO DI INTEGRAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Pablo Picasso Donna allo specchio Piano di zona AREA IMMIGRAZIONE SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Triage Multimediale Potenziamento Immigrazione - Altro intervento Il triade multimediale è un collegamento

Dettagli

POF 2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA

POF 2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA POF 2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA Sinergicamente Cooperazione Scuola-Famiglia-Territorio attraverso sei aree di intervento: socio-antropologica e multiculturale, teorica e psico-pedagogica, linguistica

Dettagli

L Assessore Sara Grigis

L Assessore Sara Grigis RELAZIONE AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 I comuni sono chiamati a svolgere una funzione sempre più importante nell ambito dell Istruzione e della Formazione, elementi universalmente

Dettagli

LUCI E OMBRE NELLA CITTA FRAGILE 12 dicembre 2011 presso il Centro polifunzionale Spazio 4 Torino

LUCI E OMBRE NELLA CITTA FRAGILE 12 dicembre 2011 presso il Centro polifunzionale Spazio 4 Torino LUCI E OMBRE NELLA CITTA FRAGILE 12 dicembre 2011 presso il Centro polifunzionale Spazio 4 Torino realizzato in collaborazione con Le Banche del Tempo di: Chieri Moncalieri Settimo Torinese Vinovo ABC

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 Le funzioni delle Province oggi Fino al 31 dicembre 2014 le Province sono tenute ad

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DI CECINA MARE

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DI CECINA MARE Progetto di Plesso Scuola Statale dell Infanzia Sorelle Agazzi La California a.s. 2015-16 1 SCUOLA STATALE DELL INFANZIA SORELLE AGAZZI LA CALIFORNIA BIBBONA 2 CIRCOLO DIDATTICO di CECINA MARE PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 12 40026 Imola (BO)

Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 12 40026 Imola (BO) Istituto Comprensivo N 5 Via Pirandello 4006 Imola (BO) dal Piano dell Offerta Formativa che: esplicita la nostra progettazione curricolare, extracurricolare educativa ed organizzativa e si configura,

Dettagli

Comune di Lecco. Obiettivo di macroattività Misurazione della performance

Comune di Lecco. Obiettivo di macroattività Misurazione della performance Obiettivo di macroattività Settore Educazione, Cultura e Sport Giovani Ufficio/Centro di Costo 10200 2.1 - POLITICHE SOCIALI E DI COESIONE Macroattività 7 Gestire interventi di informazione orientativa

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Posizione Organizzativa n. 4

Posizione Organizzativa n. 4 Posizione Organizzativa n. 4 Settore: Pubblica Istruzione - Servizi Socio-Educativi Cultura - Sport - Spettacolo- Tempo Libero La struttura indicata, concorre con gli altri Servizi, al perseguimento delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli