i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per la costruzione di valore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per la costruzione di valore"

Transcript

1 I percorsi per la costruzione di valore i marchi fanno crescere il valore della tua impresa La tutela dei marchi nelle imprese, passo per passo, come percorso per la costruzione di valore. a cura di Società Italiana Brevetti 120 anni di consulenza in proprietà industriale

2 I percorsi per costruire valore i marchi fanno crescere il valore della tua impresa a cura di Società Italiana Brevetti 120 anni di consulenza in proprietà industriale

3 INDICE Società Italiana Brevetti 5 I nostri servizi per la tutela del marchio 6 Per ogni impresa, il marchio è un valore fondamentale in quanto distingue e identifica la provenienza del prodotto, costituendo il punto focale della fidelizzazione del consumatore. Depositare e difendere il marchio garantisce il capitale costituito dalla fedeltà dei consumatori. Gestire gli asset rappresentati dai marchi e dai brevetti secondo un percorso di costruzione e difesa del valore significa far crescere il patrimonio della vostra impresa. I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio 7 Passo 1 - Scegliere il marchio con criteri di valore 7 Passo 2 - Definire un estensione ottimale, sia geografica che merceologica, della tutela 10 Passo 3 - Tutelare il marchio su internet: il nome a dominio 13 Passo 4 - Difendere il marchio dalle usurpazioni 15 Passo 5 - Gestire il valore del marchio come asset intangibile 18 Dal 1882 Società Italiana Brevetti è vicina alle imprese italiane nel percorso di costruzione e difesa del valore costituito dai marchi, dai brevetti e dai diritti di proprietà industriale e intellettuale in generale. Copyright Società Italiana Brevetti È vietata la riproduzione totale o parziale senza il consenso di Società Italiana Brevetti. Le notizie fornite in questa pubblicazione non costituiscono un parere legale. Per un parere su problemi specifici, vogliate contattarci direttamente. Per informazioni sulle pubblicazioni di Società Italiana Brevetti, si prega di contattare Laura Ercoli, News and Information Editor all indirizzo

4 Società Italiana Brevetti Uno studio di consulenza in proprietà industriale può semplicemente assistere un impresa nella registrazione di un marchio, nel deposito di un brevetto, nell azione legale nei confronti di un contraffattore. Oppure può fare tutto questo con l obiettivo di un aumento di valore dell impresa stessa. Il lavoro di squadra del nostro staff di specialisti, con una avanzata combinazione di competenze tecniche e legali, ci permette di offrire una consulenza integrata in materia di marchi, brevetti, modelli, design, diritto d autore e in generale su ogni aspetto della proprietà industriale e intellettuale. Un esperienza di oltre 120 anni al servizio delle aziende italiane ci permette inoltre di offrire una consulenza che non perde mai di vista l obiettivo finale di una crescita di valore. 5

5 I NOSTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEL MARCHIO Consulenza e assistenza globale nella scelta, registrazione, difesa e gestione del marchio. scelta Consulenza e assistenza per la creazione e protezione di marchi di impresa e collettivi. Pareri relativi alla novità e registrabilità di marchi in previsione del loro deposito. registrazione Deposito di domande di marchio nazionale in qualsiasi stato, nonché di marchio comunitario e internazionale. Consulenza e consistenza nella registrazione di nomi a dominio in qualsiasi registro. difesa Consulenza e assistenza legale in relazione a problemi di validità, contraffazione o concorrenza sleale, dalla fase stragiudiziale alla fase giudiziale. Assistenza legale con avvocati specializzati in proprietà intellettuale e industriale. Assistenza presso le autorità doganali per l applicazione delle norme che bloccano l immissione in commercio di prodotti con marchi contraffatti. Consulenza e assistenza legale in relazione a conflitti tra marchio e nome a dominio registrati abusivamente da terzi. Procedure di riassegnazione di nomi a dominio. Sorveglianza sulle domande pubblicate di marchio comunitario per la segnalazione di domande in conflitto con marchi di nostri clienti, sorveglianza mondiale in relazione a possibili imitazioni e contraffazioni di marchi. gestione Elaborazione di strategie di costruzione di valore tramite tutela del marchio. Valutazione del marchio. Preparazione e negoziazione di accordi di cessione o licenza. 6

6 I percorsi per costruire valore SCELTA E TUTELA DEL MARCHIO Il primo passo è la scelta di un marchio che possa essere validamente registrato e difeso. Occorrerà inoltre curare con attenzione l estensione della protezione dal punto di vista sia geografico che merceologico, nonché la tutela su internet, con l eventuale registrazione del nome a dominio corrispondente al marchio. Conseguito l obiettivo dell acquisizione di un titolo di esclusiva di qualità, la tutela si consolida con la difesa attiva del diritto esclusivo e con la gestione del marchio come asset che può arrivare a costituire la parte più importante del valore dell impresa stessa. Passo 1 - Scegliere il marchio con criteri di valore Quale significato riveste per un impresa la scelta di un marchio Se il marchio è il punto focale del patrimonio dell impresa, del quale può arrivare a rappresentare la parte preponderante, è evidente che la scelta del marchio stesso riveste un importanza fondamentale. Due sono gli aspetti essenziali di cui tener conto. Il marchio è prima di tutto uno strumento di comunicazione verso i consumatori, che ha la funzione di rendere riconoscibile la provenienza di un prodotto o servizio. Il marchio permette al consumatore di identificare il prodotto e di ripetere una eventuale esperienza positiva; d altra parte consente al produttore di promuovere il proprio prodotto e fidelizzare il consumatore. La registrazione di un marchio è inoltre un investimento duraturo, dato che le registrazioni hanno in genere una validità di 10 anni, ma sono rinnovabili indefinitamente. Il marchio ha però anche una funzione importantissima come strumento legale di tutela, intesa a proteggere sia gli interessi del produttore contro i tentativi di usurpazione del marchio stesso, sia gli interessi del consumatore, il quale deve avere la certezza che il marchio costituisca una indicazione veritiera di provenienza del prodotto. Nell adottare un marchio, l impresa deve tener conto di entrambe queste funzioni. Scegliere un marchio con l unico obiettivo di comunicare con i consumatori, senza 7

7 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio chiedersi se quel marchio sarà registrabile e utilizzabile come strumento di tutela legale, espone l impresa a seri rischi. Quali caratteristiche deve avere un marchio per diventare uno strumento di tutela legale Senz altro un marchio deve essere capace di identificare il prodotto o servizio e distinguerlo da quelli dei concorrenti. Quindi non può semplicemente descrivere il prodotto o servizio cui si riferisce, né può essere composto unicamente da un termine laudatorio. D altra parte il marchio non può trarre in inganno sulla qualità del prodotto. In sintesi quanto più un marchio è di fantasia rispetto ai prodotti o servizi da contraddistinguere, tanto più sarà difendibile. Ciò significa che anche una parola o un segno grafico, disegno, ecc., già esistenti e di senso compiuto, possono essere scelti come marchio per prodotti o servizi con cui non abbiano un nesso concettuale, e tanto più sorprendente è la distanza, tanto più il marchio sarà considerato di fantasia. IL NUOVO MARCHIO DEVE * essere capace di identificare il prodotto o servizio e distinguerlo da quelli dei concorrenti; * essere tutelabile contro imitazioni e usurpazioni; * essere utilizzabile anche in tutti i paesi in cui si ha intenzione di esportare il prodotto o prestare il servizio. IL NUOVO MARCHIO NON DEVE * essere descrittivo del prodotto o servizio, per esempio un termine generico usato comunemente in relazione al prodotto stesso, né composto unicamente da un termine laudatorio; * essere identico o simile ad altri marchi già registrati per prodotti o servizi identici o simili: non tenere conto di questa regola può esporre al rischio di essere citati per danni dal titolare di un marchio precedente, nonché di dover cambiare il marchio col quale è stato già lanciato un nuovo prodotto o servizio (per non correre questo rischio, è sempre consigliabile effettuare una ricerca); * trarre in inganno circa la qualità del prodotto o servizio. È estremamente importante anche che il marchio adottato non sia identico o simile ad altri marchi già registrati per prodotti o servizi identici o simili. Non tenere conto di questa regola può esporre al rischio di essere citati per danni dal titolare di un marchio precedente, nonché di dover cambiare il marchio. Questo è un errore molto frequente, che può causare danni notevoli perché significa perdere tutto ciò che è stato investito nel pubblicizzare quel marchio, ritirare i prodotti dal mercato, ecc. Come scoprire se un marchio è già stato registrato da altri Tramite una ricerca nelle banche dati dei marchi si può verificare non solo se il marchio che si intende adottare è disponibile, ma anche se esistono marchi simili, e dunque a quale rischio di conflitto ci si può esporre adottando quel marchio. La ricerca è dunque di importanza fondamentale per la scelta del marchio, ma va condotta da esperti su banche dati affidabili e con strategie opportunamente decise in relazione allo specifico marchio proposto, in quanto i dati offerti dalla ricerca devono essere oggetto di ponderata analisi e valutazione. Uso del marchio all estero Anche questo è un aspetto da considerare con attenzione: il marchio dovrà essere utilizzabile e proteggibile anche in tutti i paesi in cui si intende esportare il prodotto o il servizio contraddistinto dal marchio stesso. Sbagliare marchio costa caro: GINGO / TWINGO caso emblematico FIAT presentò qualche anno fa una nuova utilitaria con il nome Gingo. Renault, proprietaria del marchio Twingo, si oppose all uso da parte di FIAT del nome Gingo perché troppo somigliante a Twingo, marchio usato dalla casa automobilistica francese per un proprio modello di utilitaria. A pochi giorni dalla data fissata per il lancio sul mercato, FIAT pur di evitare un conflitto con Renault dovette rispolverare il marchio Panda, e fu costretta inoltre a modificare in fretta e furia tutto il materiale pubblicitario e tecnico già preparato utilizzando il marchio Gingo. L adozione di un nuovo marchio non può prescindere da una ricerca volta ad accertare l esistenza di marchi anteriori identici o simili. Non tenere conto di questa regola può esporre al rischio di essere citati per danni dal titolare di un marchio precedente, nonché di dover cambiare il marchio col quale è stato già lanciato un nuovo prodotto o servizio. COSA FARE PER: Scegliere il marchio con criteri di valore Affidarsi ad un esperto in marchi per verificare non solo se il marchio scelto sia registrabile ed utilizzabile come strumento di tutela legale, ma anche per effettuare una accurata ricerca volta a verificare l esistenza di marchi anteriori simili o identici. I NOSTRI SERVIZI Consulenza e assistenza per la creazione e protezione di marchi di fabbrica, commercio e servizio. Pareri relativi alla novità e registrabilità di marchi in previsione del loro deposito. Società Italiana Brevetti è in grado di offrire servizi di elevata qualità relativamente alla tutela dei marchi e dei segni distintivi in generale, grazie ad uno staff di professionisti qualificati, esperti nelle ricerche di marchio e nelle norme che regolano la registrabilità dei marchi. 8 9

8 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio Passo 2 - Definire un estensione ottimale, sia geografica che merceologica, della tutela L estensione geografica: la scelta dei paesi in cui registrare il marchio La scelta dell estensione geografica della tutela da dare al marchio deve basarsi su considerazioni sia di mercato che di convenienza economica, nell ambito di una prospettiva strategica. Mentre la registrazione di un marchio in Italia, come in ogni singolo paese, ha valore solo a livello nazionale, se si prevede di voler utilizzare il marchio anche all estero esistono diversi strumenti che possono offrire un integrazione o un alternativa alla registrazione nazionale in ogni singolo paese. L opportunità del ricorso a uno solo o a una combinazione di tali strumenti va valutata caso per caso con un esperto. Gli strumenti Protezione nell Unione Europea: registrazione per marchio comunitario Il marchio comunitario è decisamente vantaggioso, considerando che la registrazione, ottenibile tramite un unica domanda, ha validità in tutti i paesi membri dell Unione Europea e costa assai meno della somma delle singole registrazioni nazionali in ciascuno di questi paesi. Protezione a livello internazionale: la registrazione internazionale È possibile presentare una domanda di registrazione internazionale per i paesi (oggi oltre 80) che aderiscono all Accordo / Protocollo di Madrid. Il costo di questo tipo di registrazione si compone di una tassa base più una tassa per ciascuno degli stati indicati nella domanda di registrazione e aumenta secondo il numero di paesi in cui si desidera registrare il marchio. Tra i paesi cui può estendersi la registrazione c è la stessa Unione Europea, tramite il marchio comunitario (vedi sopra). Inoltre, in ciascun paese può essere comunque richiesta e ottenuta una registrazione nazionale in base a requisiti e formalità determinati in base alla legislazione locale. Estensione all estero successiva alla prima registrazione Non sempre, al momento della registrazione di un marchio, si hanno le idee chiare sulle sue potenzialità rispetto ai mercati esteri: in tal caso è importante depositare una domanda almeno in Italia, rimandando le decisioni rispetto all estero. La possibilità teorica di estendere la registrazione di un marchio all estero non ha comunque limiti temporali ed è quindi possibile attendere prima di acquisire diritti anche in altri paesi. Le estensioni effettuate entro sei mesi dall originario deposito nazionale, e dunque con rivendicazione della priorità, garantiscono che la domanda di marchio nel paese di estensione prevalga rispetto a qualsiasi marchio depositato dopo la data del primo deposito nazionale, cioè la data di priorità. Scaduto tale termine, è importante ricordare che l estensione potrebbe essere ostacolata da eventuali diritti nazionali preesistenti nei paesi esteri di interesse, ove, se un terzo ha già acquisito diritti su Sfruttare il marchio all estero senza una presenza diretta sui mercati Quando un impresa titolare di un marchio valido in più paesi non ha interesse o mezzi sufficienti a produrre e/o commercializzare il prodotto in tutti i paesi di validità della registrazione, può concederlo in licenza o cederlo a terzi fabbricanti o importatori per tali paesi. Licenza e cessione sono due strumenti utili per sfruttare il valore del marchio all estero anche senza una presenza diretta su mercati poco accessibili (vedi pag. 19). quel marchio, potrebbe risultare impossibile registrarlo. Evidentemente il rischio che ciò avvenga può aumentare col tempo, proporzionalmente al successo del marchio stesso e alla notorietà che esso può acquisire anche al di fuori del territorio nazionale. La valutazione su tempi e modi dell estensione di una registrazione all estero dipende quindi da diversi fattori, principalmente relativi all importanza dell attività che con esso si vuole contraddistinguere e dalle previsioni rispetto ai mercati esteri. L estensione merceologica: le classi di prodotti e servizi Nella domanda di registrazione del marchio occorre indicare per quali classi di prodotti o servizi, secondo la Classificazione di Nizza, si intende richiedere la tutela. Le tasse per la domanda aumentano in proporzione al numero di classi indicate, e la registrazione del marchio ha validità soltanto per quei prodotti o servizi indicati nella domanda di registrazione, sebbene la tutela si estenda anche ai prodotti e servizi considerati affini. Rappresentano un eccezione a questa regola soltanto i marchi che godono di rinomanza, per i quali, in determinate circostanze, è concessa dalla legge una tutela ultramerceologica che va oltre i prodotti/servizi per i quali è stata ottenuta la registrazione di marchio. Quindi, per fare un esempio, anche se il marchio Coca-Cola fosse registrato in Europa solo per le bevande, qualora un terzo tentasse di registrare o utilizzare lo stesso marchio per prodotti non coperti da tale registrazione, ad esempio i cosmetici, correrebbe il rischio concreto non solo di non ottenere alcuna valida registrazione di marchio, ma di porre in essere un atto di contraffazione ai danni della Coca-Cola

9 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio COSA FARE PER: Definire un estensione ottimale, sia geografica che merceologica, della tutela Affidarsi ad un consulente per una definizione ottimale sia dell estensione geografica che dell estensione merceologica da dare alla registrazione del marchio. I NOSTRI SERVIZI Consulenza nella scelta dell estensione geografica e merceologica da dare alla domanda di marchio. Deposito di domande di marchio nazionale in qualsiasi stato, nonché di marchio comunitario e internazionale. Società Italiana Brevetti è in grado di offrire servizi di elevata qualità relativamente alla tutela dei marchi e dei segni distintivi in generale, grazie ad uno staff di legali e professionisti, iscritti all Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale e abilitati a rappresentare il cliente di fronte all Ufficio del Marchio Comunitario, con un elevato livello di esperienza e competenza nelle procedure europee, internazionali e nazionali estere. Passo 3 - Tutelare il marchio su internet: il nome a dominio Nomi a dominio e marchi: un legame inscindibile Il nome a dominio è l indirizzo che digitiamo - quasi sempre preceduto da www. - nella barra del browser per collegarci ad un sito internet (per esempio, La maggioranza dei nomi a dominio è costituita da una parola seguita da un punto e da un estensione. La scelta di far uso per la navigazione in internet di indirizzi costituiti da parole ha creato un legame inscindibile fra nomi a dominio e marchi, legame del quale il titolare di un marchio deve tener conto: non assicurarsi la proprietà del nome a dominio corrispondente al proprio marchio significa infatti esporsi sia al pericolo di una concorrenza sleale tramite web, sia al rischio di veri e propri ricatti, di cui sono ben noti i casi più clamorosi. Strategie di tutela del marchio sul web Una strategia integrata di valorizzazione e tutela del marchio deve evidentemente tener conto anche della presenza del marchio su internet. È quindi altamente consigliabile, al momento della scelta del marchio, verificare la disponibilità del corrispondente nome a dominio e considerare l opportunità di registrare sia il marchio che il dominio insieme. Ma con quale estensione? Le estensioni più note a tutti sono quelle dei registri internazionali come.com.,.org e.net. Ma esistono anche centinaia di registri nazionali (quello italiano ha estensione.it). Proprio perché i nomi a dominio sono legati inscindibilmente al mondo dei marchi, è bene che all estensione geografica del marchio corrisponda quella del nome a dominio. Ciò significa che nella scelta del marchio da registrare va considerata l opportunità di assicurarsi la registrazione del nome a dominio corrispondente, secondo le esigenze, non solo nel registro nazionale italiano (.it) o nei registri internazionali (.com,.org,.net,.biz,.info) e nel registro europeo (.eu) ma anche, ove possibile, nei registri nazionali dei singoli paesi in cui si intende utilizzare il marchio. Per chi è già titolare di un marchio è importante inoltre verificare se altri abbiano registrato abusivamente il nome a dominio corrispondente a quel marchio, e valutare l opportunità di procedere ad un azione di recupero del dominio

10 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio COSA FARE PER: Tutelare il marchio su internet Per chi si prepara a registrare un marchio, verificare la disponibilità del nome a dominio corrispondente, e considerare l opportunità di registrare marchio e nome a dominio contemporaneamente; per chi è già titolare di un marchio, verificare se altri abbiano registrato abusivamente il nome a dominio corrispondente, e valutare l opportunità di un azione di recupero. I NOSTRI SERVIZI Consulenza nella scelta e assistenza nella registrazione di nomi a dominio in qualsiasi registro. Consulenza e assistenza legale in relazione a conflitti tra marchio e nome a dominio. Procedure di riassegnazione di nomi a dominio. Società Italiana Brevetti possiede una esperienza pluriennale nella tutela del marchio su internet nonché nella registrazione e nelle procedure di riassegnazione di nomi a dominio. Passo 4 - Difendere il marchio dalle usurpazioni Se la scelta del marchio e la qualità della registrazione sono le pietre angolari del valore del marchio stesso, tale valore andrà costruito e difeso nel tempo anche tramite una politica costante di reazione ad ogni uso non autorizzato o tentativo di usurpazione. Non reagire a queste insidie può offuscare la riconoscibilità del marchio presso il consumatore, finisce per incoraggiare i contraffattori, e può, alla lunga, risultare anche in una perdita del diritto esclusivo. Mantenere costantemente un atteggiamento fermo non serve solo a stroncare, spesso senza dover ricorrere alle vie legali, le attività di contraffazione già in atto, ma agisce come un forte deterrente anche contro gli usurpatori potenziali. Reagire tempestivamente: quali sono gli strumenti a disposizione Il primo strumento di reazione immediata ad ogni evento che possa ledere i diritti di marchio è la diffida: se redatta e firmata da un professionista riconosciuto esperto della materia, in molti casi ha l effetto di far desistere subito il contraffattore. Nel caso in cui la diffida non sia sufficiente e si riveli necessario il ricorso all azione giudiziaria, non è necessario attendere la sentenza finale, che a volte richiede tempi lunghi, per far cessare la violazione del diritto di marchio. Ancor prima che inizi il giudizio, o durante lo svolgimento della causa, il titolare del marchio può chiedere, tramite la procedura d urgenza: 1. una inibitoria, ordinata dal giudice, che vieti al contraffattore l uso del marchio e lo obblighi a eliminare i mezzi con cui tale uso è avvenuto; 2. il sequestro dei beni contraddistinti dal marchio oggetto di disputa. Entrambi i provvedimenti hanno l effetto di interrompere immediatamente l attività che costituisce violazione dei diritti di marchio. Indicare chiaramente l esistenza di diritti esclusivi Indicare che il marchio è depositato o registrato può essere utile per scoraggiare da subito eventuali usi non autorizzati del marchio. Ma occorre fare un po di attenzione, poiché il simbolo può essere utilizzato solo per indicare che il marchio è registrato. L uso di questo simbolo non è obbligatorio, ma è legittimo solo dopo la concessione della registrazione. Per indicare che il marchio è stato depositato ed è in attesa di registrazione (in Italia fra deposito e registrazione intercorre un lasso di tempo di circa tre anni) è possibile utilizzare alternativamente un asterisco e una piccola nota, oppure il simbolo, che in inglese equivale a Trade Mark ossia marchio di commercio, e che viene utilizzato nei paesi di lingua anglosassone per indicare un marchio indipendentemente dal fatto che sia registrato

11 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio Giudici esperti in materia di proprietà industriale Le cause in materia di proprietà industriale e intellettuale da luglio 2003 sono di competenza esclusiva di apposite sezioni specializzate, istituite presso i tribunali e le corti d appello di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Trieste e Venezia. Bloccare le contraffazioni prima dell ingresso nell Unione Europea Nel caso in cui vi sia un fondato sospetto che i prodotti che violano i diritti di marchio provengano da paesi extraeuropei, è possibile avvalersi di una procedura per richiedere il blocco in La volgarizzazione del marchio Ci sono marchi che hanno troppo successo. dogana delle merci che violano i diritti di proprietà intellettuale, prevista dal Regolamento comunitario n. 1383/2003. Secondo questa procedura è possibile chiedere l intervento delle autorità doganali italiane e di altri paesi europei in cui il marchio sia registrato. Le autorità doganali, in base alle informazioni fornite dal richiedente, potranno intervenire per bloccare le merci sospettate di violare quel marchio e, dopo aver acquisito informazioni, eventualmente dichiararne il sequestro. Il titolare del diritto dovrà poi rivolgersi all autorità giudiziaria per chiedere una misura di conferma del sequestro della merce. Contrastare le registrazioni conflittuali: la sorveglianza e le opposizioni Pensiamo al caso della biro, del nylon, del linoleum o della margarina: tutti questi termini nascono come marchi registrati, ma il successo del prodotto che contraddistinguevano ne ha fatto vocaboli d uso comune per indicare la penna a sfera, una fibra sintetica, un materiale di rivestimento, un sostituto del burro. Nel caso di prodotti totalmente innovativi cui arrida il successo, può accadere infatti che il pubblico tenda ad indicare abitualmente il prodotto solo tramite il marchio che contraddistingue il prodotto stesso. Col passare del tempo quel marchio diventa un termine generico, che non indica più la provenienza del prodotto ma il prodotto stesso. Questo fenomeno, noto come volgarizzazione del marchio, può causare la decadenza del diritto esclusivo. A meno che non venga contrastato attivamente, reagendo ad ogni utilizzo non autorizzato del marchio. Il secondo fronte sul quale è bene tenere alta la guardia è quello delle registrazioni da parte di terzi di segni distintivi che possano nuocere alla distintività del nostro marchio. Le domande di marchio vengono rese pubbliche prima della registrazione, ed è dunque possibile, tramite una sistematica sorveglianza, identificare le domande di regi- strazione per marchi identici o troppo simili al marchio da tutelare, e valutare l opportunità di iniziare una procedura di opposizione ove ciò sia ammesso (e lo è in moltissimi paesi, nonché rispetto alle domande di marchio comunitario) per impedire la registrazione di tale marchio. Anche in questo caso, sarà infatti molto più semplice ottenere un risultato prima che il marchio sia stato registrato, piuttosto che intervenire in un secondo momento per contestare giudizialmente la registrazione di un marchio il cui uso sia già iniziato. COSA FARE PER: Difendere il marchio dalle usurpazioni Mantenere un atteggiamento di ferma e costante difesa del marchio contro qualsiasi uso non autorizzato, indicando chiaramente l esistenza di diritti esclusivi sul marchio e soprattutto reagendo tempestivamente ad ogni tentativo di usurpazione; è utile anche valutare l opportunità di agire presso le autorità doganali per bloccare l ingresso in Europa di prodotti contraffatti, nonché di predisporre una sorveglianza per impedire la registrazione di marchi conflittuali. I NOSTRI SERVIZI Consulenza e assistenza legale in relazione a problemi di validità o contraffazione, dalla fase stragiudiziale alla fase giudiziale. Assistenza presso le autorità doganali per impedire l immissione in commercio di prodotti con marchi contraffatti. Sorveglianza informatizzata sulle domande pubblicate di marchio comunitario per la segnalazione di domande in conflitto con marchi di nostri clienti, sorveglianza mondiale in relazione a possibili imitazioni e contraffazioni di marchi. Società Italiana Brevetti si avvale della collaborazione di avvocati specializzati nelle problematiche della contraffazione e dei conflitti fra marchi, ed è in grado di monitorare a livello mondiale le domande di marchio in conflitto con marchi di clienti

12 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa I percorsi per costruire valore Scelta e tutela del marchio Passo 5 - Gestire il valore del marchio come asset intangibile Il valore del marchio, che al momento del suo debutto sul mercato è molto vicino allo zero o comunque valutabile nei soli costi relativi alla sua creazione e registrazione, può aumentare rapidamente, e praticamente senza limiti, in proporzione al successo del marchio, cioè alla sua capacità di generare reddito. Si possono citare moltissimi casi, in tutti i settori di attività, in cui un marchio è arrivato a rappresentare una parte preponderante del valore di tutta l azienda: si pensi, per quanto riguarda solo l Italia, ai marchi Armani o Ferragamo (moda), Barilla o Buitoni (alimentare), Dainese (abbigliamento sportivo), e a tanti altri. Oltretutto il diritto esclusivo conferito dalla registrazione del marchio ha una durata di dieci anni rinnovabili senza limiti di tempo, quindi qualsiasi sforzo dedicato ad aumentare il successo del marchio, come per esempio la spesa pubblicitaria o l impegno nel difendere il marchio dai contraffattori, costituisce un duraturo investimento di risorse. Gestire e valutare correttamente l asset rappresentato dal marchio è dunque di fondamentale importanza, soprattutto nelle imprese di dimensioni medie o piccole, per le quali è essenziale far fruttare al massimo tutte le risorse a disposizione. Iscrivere a bilancio il marchio Nel momento in cui il marchio è già stato utilizzato ed ha acquisito un certo valore rispetto al valore iniziale, può essere opportuno iscrivere il marchio a bilancio al suo valore reale, evidentemente allo scopo di aumentare il valore dell impresa stessa. Naturalmente l iscrizione a bilancio presupporrebbe Al marchio viene oggi riconosciuta una totale autonomia rispetto all azienda e, in certe condizioni, anche rispetto ai prodotti o servizi. Esso, in quanto incorpora le funzioni di comunicazione nei confronti dei consumatori e di strumento di vendita, possiede un proprio potere e valore di mercato. Il marchio spesso non appare nei bilanci, se non al valore nominale, relativo ai costi di acquisizione, creazione, ricerca, deposito, ecc., ma in realtà esso costituisce, per alcune industrie di largo consumo o di distribuzione di servizi, la posta attiva di gran lunga maggiore, in alcuni casi stimata ad oltre l 80% del valore dell intero complesso aziendale. che il marchio sia effettivamente registrato, e che dunque esista una certezza rispetto ai diritti esclusivi sul marchio stesso. Per determinare il valore del marchio, è opportuno rivolgersi ad un esperto che sia in grado di effettuare una valutazione secondo criteri oggettivi, e senza perdere di vista gli aspetti fiscali. La valutazione Il valore del marchio è legato essenzialmente alla sua riconoscibilità presso il pubblico ed alla conseguente capacità di generare reddito. Esistono diversi metodi per determinare il valore di un marchio, fra i quali: 1. la ricostruzione dei costi per creare un marchio con gli stessi requisiti di validità, notorietà, potere di vendita; 2. la determinazione del beneficio economico dovuto al marchio rispetto ad una produzione identica ma priva del marchio; 3. la determinazione della royalty ottenibile dalla concessione in uso del marchio. Il metodo di valutazione evidentemente dovrà rispondere al fine richiesto, che oltre alla citata iscrizione a bilancio può essere dato dalla necessità di determinare una richiesta di danni in una causa di contraffazione, o di trarre un reddito dal marchio stesso, dato che come qualsiasi bene materiale il marchio può essere ceduto definitivamente o temporaneamente. Licenza e cessione: affittare e vendere il marchio Il diritto esclusivo conferito dalla registrazione del marchio può essere concesso temporaneamente in affitto a terzi, cioè concesso in uso tramite un accordo di licenza che preveda un compenso, il quale generalmente consiste in una percentuale (royalty) sul reddito generato dall uso del marchio stesso. La determinazione della royalty dipende da fattori diversi, fra i quali il settore di attività e il territorio interessato. La licenza è uno strumento utile per sfruttare il marchio su mercati che il titolare del marchio stesso non riesce o non ha convenienza a raggiungere da solo. Un marchio registrato in paesi in cui il titolare non abbia interesse o mezzi sufficienti a commercializzarlo può essere concesso in licenza a terzi per l uso solo in tali paesi. In tal modo le registrazioni estere produrranno reddito attraverso le royalties. I diritti di marchio possono, in alternativa, essere ceduti, ossia venduti, in qualsiasi momento e separatamente dall azienda. Come per la licenza, la vendita dei diritti, laddove il marchio sia registrato in più paesi, può avvenire anche per uno solo o una parte di quei paesi

13 i marchi fanno crescere il valore della tua impresa COSA FARE PER: Gestire il valore del marchio come asset intangibile Gestire il valore del marchio nell ottica di un aumento di valore globale dell impresa, considerando l opportunità sia dell iscrizione a bilancio del marchio, sia di utilizzare strumenti quali cessione e licenza per uno sfruttamento ottimale del suo valore. I NOSTRI SERVIZI Elaborazione di strategie di costruzione di valore tramite tutela del marchio. Valutazione del marchio. Preparazione e negoziazione di accordi di cessione o licenza. Società Italiana Brevetti è in grado di offrire servizi di elevata qualità grazie all esperienza in materia di marchi ed alle competenze legali che caratterizzano il suo staff di consulenti. PER SAPERNE DI PIÙ Sul sito di Società Italiana Brevetti sono presenti molte informazioni, costantemente aggiornate, sui nostri servizi e su tutti gli aspetti della tutela della proprietà industriale e intellettuale. Società Italiana Brevetti pubblica inoltre la newsletter gratuita sibprimamarchi che aggiorna le imprese sulla tutela dei segni distintivi: uno strumento di informazione qualificato e tempestivo ma anche chiaro, conciso ed essenziale, pensato per la realtà imprenditoriale italiana. Per saperne di più e per iscriverti gratuitamente alla mailing list sibprimamarchi, visita il sito di Società Italiana Brevetti 20

14 Per ogni impresa, il marchio è un valore fondamentale in quanto distingue e identifica la provenienza del prodotto, costituendo il punto focale della fidelizzazione del consumatore. Depositare e difendere il marchio garantisce il capitale costituito dalla fedeltà dei consumatori. Questa pubblicazione nasce per guidare le imprese, passo per passo e tramite una serie di indicazioni pratiche, ad utilizzare gli strumenti di tutela dei marchi nell ottica di una costruzione di valore. A cura di uno degli studi di consulenza in proprietà industriale di più lunga tradizione in Italia e in Europa. Società Italiana Brevetti Roma Piazza di Pietra, Roma tel fax / 20 Milano Via G. Carducci, Milano tel fax Firenze Corso dei Tintori, Firenze tel fax Varese Via Avegno, Varese tel fax Verona Stradone San Fermo, 21 sc.b Verona tel fax

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi MARCHI Introduzione all'utilizzo per le piccole e medie imprese

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:29 Pagina 5 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 28.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 59/35 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 4 febbraio 2014 che abroga la decisione 2000/745/CE che accetta gli impegni offerti in relazione ai

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI

GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI GUIDA ALLA TUTELA DI INVENZIONI DISEGNI MODELLI E MARCHI 1 INDICE 1. CENNI STORICI INVENZIONI DISEGNI MODELLI 2. I DIRITTI DI ESCLUSIVA DEL TITOLARE DI UN BREVETTO 2.1. La protezione contro la contraffazione

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli