Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco"

Transcript

1 Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco ANNO SCOLASTICO 2014/15 La LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Lecco, realizza da diversi anni progetti di prevenzione oncologica primaria nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio provinciale, diffondendo tra i giovani alunni l educazione a corretti stili di vita e l abitudine a comportamenti che allontanano il rischio di incorrere in gravi patologie, anche di tipo tumorale. Tra i vari progetti proposti, Alimentare la salute, giunto alla quarta edizione, si rivolge agli alunni delle scuole primarie e secondarie di I grado con l obiettivo di informare bambini e ragazzi sull importanza della corretta alimentazione per il benessere generale e sulla stretta correlazione tra alimentazione e stato di salute, coinvolgendo tutto il contesto socio-educativo (scuola, famiglia) nell impegno di promuovere il benessere del bambino. Scopo secondario del progetto è quello di rilevare le abitudini alimentari dei giovani alunni per valutare, pur con un certo grado di approssimazione, le criticità su cui intervenire con eventuali interventi educativi futuri. L edizione 2014/15 di Alimentare la salute ha coinvolto gli alunni di 12 plessi scolastici della Provincia di Lecco (6 di scuola primaria e 6 di scuola secondaria di I grado) con circa 250 alunni di età compresa tra i 6 e i 10 anni (scuole primarie) e 620 alunni di anni (scuole secondarie di primo grado), per un totale di circa 870 partecipanti. Il progetto consiste in interventi in classe tenuti da educatori, esperti di alimentazione, pedagogisti e psicologi LILT sul tema della corretta alimentazione. Gli incontri sono differenziati per le diverse fasce di età degli alunni: mentre i bambini delle scuole primarie sono impegnanti in attività ludico-educative, disegni e giochi di ruolo, i ragazzi delle scuole secondarie assistono ad una presentazione sui principi di base per una corretta alimentazione a partire dalla definizione di fabbisogno energetico e di nutrienti per concludere con la descrizione e il commento della piramide alimentare. Anche per il rilevamento delle abitudini alimentari dei bambini e dei ragazzi sono stati utilizzati strumenti differenti in funzione dell età degli alunni. Per la fascia d età 6-10 anni (scuole primarie) è stata utilizzata la scheda alimentare descritta in Allegato 1. Si tratta di un sistema ideato e già applicato dalla LILT - Sezione Provinciale di Lecco nelle edizioni precedenti del progetto, che si è dimostrata affidabile e di facile comprensione anche per alunni molto giovani. Nel caso invece di preadolescenti (fascia di età anni, scuole secondarie di I grado), si è preferito somministrare ai ragazzi un breve questionario (Allegato 2) da compilare a casa, prima di assistere all intervento introduttivo sulla sana alimentazione. Nel presente report sono riassunti i risultati ottenuti dall analisi dei questionari compilati dai ragazzi delle scuole secondarie di I grado. Tali dati possono rappresentare un punto di partenza per la valutazione delle abitudini alimentari degli adolescenti del territorio lecchese. Trattandosi di dati autocertificati, in quanto i questionari sono stati compilati autonomamente dai ragazzi, il grado di affidabilità dei risultati può non essere molto elevato ma, proprio per lo stesso motivo, i dati stessi hanno il vantaggio di poter essere considerati sufficientemente realistici, ossia non falsati da preconcetti propri dei genitori e degli adulti in generale quando chiamati ad esprimersi sui propri comportamenti a tavola. Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 1 di 8

2 ADESIONI E DATI ANTROPOMETRICI DEI PARTECIPANTI Le Tabelle 1 e 2 riportano rispettivamente le scuole secondarie aderenti al progetto nell'anno scolastico 2014/15 e i dati antropometrici degli studenti coinvolti. In totale hanno partecipato al progetto 27 classi, corrispondenti a 619 ragazzi coinvolti di cui 296 (48%) erano maschi e 323 (52%) femmine. Si trattava in maggioranza di classi seconde della scuola secondaria (20 classi) mentre solo 7 erano le classi prime. L età media era di 11,7 anni. Complessivamente i ragazzi avevano un peso medio di 43,1 kg e un altezza media di 155 cm corrispondenti ad un Indice di Massa Corporea (IMC) di 17,9 (equivalente alla normalità). Si nota che dei 569 ragazzi che hanno specificato i dati antropometrici nel questionario, solo 477 (pari all 84%) hanno un peso nella norma mentre il 6% risulta sottopeso, l 8% sovrappeso e il 2% è obeso (Tabella 2). I dati relativi alle singole scuole partecipanti sono riportati in Allegato 3. Valutando la distribuzione dell IMC tra alunni maschi e femmine (Tabella 3) si notano nette differenze tra i due sessi: mentre il sovrappeso tra i maschi rappresenta il 12%, nelle femmine si ferma al 4,4% e lo stesso vale per l obesità (3,6% nei maschi, 0,3% nelle femmine). Poiché la percentuale di ragazzi sottopeso è all'incirca la stessa nei due sessi (6%) ne deriva che le ragazze con un peso nella norma sono più numerose dei loro compagni di sesso maschile (89% vs. 78%). Normale 89.2 % Obeso 0.3 % Sovrappeso 4.4 % Sottopeso 6.1 % Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 2 di 8

3 Normale 78.2 % Obeso 3.6 % Sovrappeso 12.0 % Sottopeso 6.2 % VALUTAZIONE DEI QUESTIONARI COMPILATI DAGLI STUDENTI Analizzando le risposte fornite dagli studenti alle domande del questionario è possibile trarre alcune importanti considerazioni riguardo le abitudini alimentari dei ragazzi preadolescenti del territorio lecchese. FREQUENZA E QUALITÀ DEI PASTI Le prime dieci domande del questionario riguardavano la frequenza e la qualità dei 5 pasti giornalieri. I risultati, riportati in Tabella 4, mostrano che: PRIMA COLAZIONE: solo 3 ragazzi su 4 (76%) fanno colazione tutti i giorni, come consigliato, mentre il 16% fa colazione raramente o addirittura mai. Tra coloro che fanno colazione, tuttavia, quasi il 90% consuma una colazione nutrizionalmente adeguata. MERENDA AL MATTINO: 2 ragazzi su 3 (66%) fanno merenda durante l intervallo scolastico ma quasi la metà di loro (49%) consuma uno spuntino nutrizionalmente insufficiente o scarso. Si tratta per la maggior parte di merendine confezionate, patatine in sacchetto, barrette di cioccolato spesso accompagnate da tè freddo o bevande gassate zuccherate. Non è difficile immaginare che la facilità di trasporto e la comodità d uso siano le ragioni principali della scelta di questo tipo di alimenti per la merenda consumata a scuola, malgrado l eccessivo contenuto calorico ed il pessimo profilo nutrizionale. Al contrario, solo il 4% dei ragazzi (profilo ottimo) consuma frutta come snack al mattino, non rispettando le raccomandazioni dei nutrizionisti che identificano proprio nella frutta il miglior ingrediente per uno spuntino o merenda. PRANZO: la qualità del pranzo è generalmente buona o ottima per l 85% dei ragazzi. BEVANDE: il dato riguardante le bevande consumate abitualmente durante i pasti è, purtroppo, preoccupante: l 8% dei ragazzi consuma bevande gassate a tavola ed in generale 1/3 dei ragazzi (33%) consuma abitualmente durante i pasti bevande diverse dall acqua (succhi di frutta, latte, tè freddo). Anche in questo caso, il consiglio nutrizionale di dissetarsi semplicemente con acqua viene seguito solo da 2/3 dei ragazzi. MERENDA AL POMERIGGIO: anche la merenda del pomeriggio viene consumata dalla maggior parte dei ragazzi e purtroppo presenta le stesse criticità dello spuntino del mattino, anche se in misura leggermente minore. Al pomeriggio infatti sale al 14% la percentuale di ragazzi che consumano frutta mentre lo spuntino nutrizionalmente insufficiente o scarso è consumato "solo" dal 36% dei ragazzi (vs. 49% del mattino). CENA: allo stesso modo, la cena risulta paragonabile al pranzo quindi adeguata per la maggior parte dei ragazzi ed addirittura ottima per il 54% di loro. Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 3 di 8

4 SPUNTINO SERALE: purtroppo però c è chi non si ferma alla cena: quasi la metà dei ragazzi consuma ancora qualcosa prima di andare a dormire, anche se per la maggior parte di tratta di un consumo occasionale. FREQUENZA DI CONSUMO DEI PRINCIPALI ALIMENTI Per quanto riguarda la frequenza di consumo dei principali alimenti, dati in Tabella 5, dalle risposte fornite dai ragazzi si evince che: CARNE: quasi il 20% dei ragazzi consuma carne tutti i giorni, mentre la frequenza consigliata di 3-4 volte alla settimana viene rispettata dal 46% dei ragazzi. PESCE: in questo caso solo l 8% dei ragazzi segue le indicazioni di consumo (3-4 volte/settimana) e addirittura il 30% di loro non consuma pesce del tutto (o lo consuma meno di una volta alla settimana). VERDURA: solo il 7% dei ragazzi consuma la quantità consigliata di verdura, il 10% non consuma mai verdura (o meno di una volta alla settimana) e in generale quasi 1/3 dei ragazzi (29%) mangia verdura meno di 2 volte alla settimana. FRUTTA: è un po più apprezzata della verdura, infatti la dose consigliata viene normalmente consumata dal 16% dei ragazzi, scende al 5% la percentuale di chi non la consuma mai (o meno di una volta alla settimana) e al 20% quella di chi la consuma meno di 2 volte alla settimana. Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 4 di 8

5 DOLCI: quasi il 10% dei ragazzi consuma più di 2 porzioni di dolce al giorno. Sommando la anche chi ne consuma una porzione al giorno, la percentuale sale al 30%. ACQUA: l introito giornaliero di acqua raccomandato di 8 bicchieri viene rispettato dal 40% dei ragazzi. ABITUDINI E STILI DI VITA Il questionario si conclude con alcune domande riguardanti i comportamenti e lo stile di vita dei ragazzi, da cui è stato possibile trarre le seguenti conclusioni (Tabella 6): SPORT: l 85% dei ragazzi pratica uno sport, per la maggior parte con una frequenza superiore alle 2-3 volte alla settimana. FUMO: 8 ragazzi su 619, corrispondenti all'1,3%, ha dichiarato di fumare in maniera occasionale. TELEVISIONE: più della metà dei ragazzi (54%) trascorre 1-2 ore al giorno davanti alla TV e il 22% addirittura più di 3 ore. COMPUTER: in questo caso il 65% dei ragazzi trascorre meno di 1 ora al giorno davanti al PC ma c è anche un 7% che trascorre più di 3 ore giocando ai videogames. Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 5 di 8

6 DIFFERENZE NELLE ABITUDINI ALIMENTARI TRA MASCHI E FEMMINE I risultati sono stati successivamente rielaborati separando le risposte fornite da studenti maschi e femmine allo scopo di valutare eventuali differenze nel comportamento alimentare dei due sessi. Per quanto riguarda la frequenza dei pasti (Tabella 7) le ragazze mediamente consumano meno spesso la prima colazione (74% vs. 81% dei maschi), la merenda (sia mattutina che pomeridiana) e lo spuntino serale, probabilmente con l'errata convinzione di diminuire in questo modo l'introito calorico giornaliero globale ed ottenere di conseguenza una diminuzione di peso. Questa ipotesi potrebbe essere confermata dal fatto che le ragazze consumano una merenda qualitativamente migliore di quella dei loro compagni maschi (inserendo spesso la frutta come ingrediente per lo spuntino, 18% delle femmine vs. 10% dei maschi) e che a tavola preferiscano dissetarsi con l'acqua piuttosto che con bevande zuccherate (69% femmine vs. 61% maschi). Per quanto riguarda la frequenza di consumo dei principali gruppi di alimenti (Tabella 8), i maschi si dimostrano più attenti alla sana alimentazione, con un maggior consumo di pesce: la frequenza di consumo raccomandata (3-4 volte alla settimana) viene rispettata dall'11% dei maschi contro il 4% delle femmine. Per quanto riguarda frutta e verdura invece, le femmine si comportano un po' meglio dei loro compagni. Se infatti la percentuale di chi ne consuma più di tre porzioni al giorno è simile per i due sessi (7-8% verdura, 16-17% frutta), la quota di ragazzi che ne consuma meno di due porzioni alla settimana è significativamente inferiore nelle femmine, sia per quanto riguarda la verdura (25% femmine vs. 33% maschi) che la frutta (18% femmine vs. 23% maschi). Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 6 di 8

7 Infine, confrontando i dati relativi ai comportamenti e agli stili di vita dei due sessi (Tabella 9), i maschi si dimostrano più attivi delle ragazze: il 93% di loro pratica sport contro l'81% delle femmine. Per quanto riguarda i fumatori, si tratta in tutto di 8 ragazzi su 619, di cui 4 femmine e 4 maschi che percentualmente rappresentano l'1,4% dei maschi e l'1,2% delle femmine. Considerando il tempo trascorso davanti a TV e PC, si nota una leggera prevalenza della percentuale di maschi che passano più di 3 ore al giorno guardando la televisione (25% vs. 17% delle femmine). CONCLUSIONI È noto che una buona nutrizione garantisce al giovane organismo dei bambini e dei ragazzi una crescita equilibrata ed in salute. Curare l alimentazione nell infanzia e nell adolescenza è però fondamentale anche per evitare che errori alimentari, e più in generale stili di vita scorretti, si traducano in un aumento dell'incidenza e della mortalità legata a malattie cronico degenerative come il diabete, l obesità, le malattie cardiovascolari ed i tumori, in tutte le fasce di età. I progetti di prevenzione primaria realizzati dalla LILT nelle scuole si basano su una importante premessa di base: è fondamentale intervenire il più precocemente possibile sugli stili di vita dei bambini, modificando in età giovanile le abitudini scorrette, alimentari e non, che porterebbero a lungo andare a seri problemi per la Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 7 di 8

8 salute. È quindi di importanza fondamentale conoscere i "punti deboli" dell'alimentazione dei ragazzi, su cui occorrerà intervenire in maniera più incisiva con progetti educativi mirati. Dall'analisi dei questionari compilati dai ragazzi sono emersi diversi elementi di criticità nelle abitudini alimentari dei preadolescenti del territorio lecchese: non solo sono molto pochi i ragazzi che seguono le raccomandazioni di consumare 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura, ma vi è una quota preoccupante di giovani che ne consuma addirittura meno di 2 porzioni alla settimana (20% per la frutta e 30% per la verdura). È evidente quindi che gli sforzi educativi dei progetti futuri (della LILT, ma non solo) andranno concentrati su questo aspetto così rilevante per la salute, come evidenziato praticamente da tutte le Linee Guida per una Sana Alimentazione. è diffuso tra i ragazzi il consumo di alimenti cosiddetti "spazzatura" in occasione dei due spuntini giornalieri ed in particolare in quello della mattina, durante l'intervallo scolastico. In questo caso, è evidente che la facilità di trasporto e la comodità d'uso spesso sono fattori prevalenti nella scelta del prodotto, a scapito della salubrità dell'alimento stesso. La LILT Sezione Provinciale di Lecco sta elaborando un nuovo progetto per contrastare i dannosi effetti dei tradizionali distributori automatici diffusi nelle scuole che propongono ai ragazzi bibite e snack in prevalenza costituiti da prodotti industriali preconfezionati, ricchi di zuccheri e grassi e quindi ipercalorici. La nostra proposta è quella di installare invece distributori di alimenti sani, che garantiscano ai giovani la possibilità di compiere scelte salutari, tenendo conto anche della stagionalità dei prodotti, delle tipicità locali e del rispetto per l ambiente. vi è un eccessivo consumo di bevande zuccherate da parte degli adolescenti, specialmente durante i pasti. Dalle risposte fornite nei questionari risulta infatti che l'8% degli studenti intervistati accompagna i propri pasti con bibite gassate e addirittura il 25% consuma a tavola bevande diverse dall'acqua, come ad esempio succhi di frutta, latte, tè freddo. Queste stesse bevande vengono poi nuovamente consumate in occasione della merenda, aumentando così l'introito calorico giornaliero fino a superare il fabbisogno personale e a produrre quindi un eccesso di peso. Anche in questo caso riteniamo fondamentale migliorare la disponibilità di bevande più salutari per accompagnare gli spuntini consumati a scuola, naturalmente accompagnandoli ad una corretta educazione alimentare rivolta non solo ai giovani studenti ma estesa alle figure di riferimento per la loro formazione e crescita (insegnanti e famiglie). Date queste premesse, e visto il notevole interesse dimostrato da bambini, genitori e insegnanti per i temi della nutrizione, è intenzione della LILT Sezione Provinciale di Lecco riproporre il progetto anche nel prossimo anno scolastico 2015/16, estendendo la partecipazione ad altre scuole della Provincia di Lecco e tenendo in considerazione le criticità emerse in questo quarto anno di realizzazione. Infine, ci sembra importante rendere noto che, sul tema della corretta alimentazione, la LILT Sezione Provinciale di Lecco ha iniziato nel corso del 2015 una collaborazione con l ASL di Lecco ed una Rete di Associazioni ed Enti della Provincia per condividere un progetto di diffusione di corretti comportamenti alimentari che possa raggiungere anche le fasce più svantaggiate della popolazione, offrendo non solo un percorso di conoscenza, ma l opportunità per fare una spesa sana e imparare come cucinare correttamente quanto acquistato. Il progetto, intitolato Alimenti in Salute si avvale quindi delle diverse competenze e risorse delle singole realtà partecipanti che hanno come unico obiettivo la diffusione dei principi di una sana alimentazione, come mezzo di prevenzione e di mantenimento del benessere. Nota: I risultati discussi si riferiscono alle medie dei dati raccolti in tutte le classi di tutte le scuole coinvolte nel progetto nell'anno scolastico 2014/15. I dati relativi alle singole scuole partecipanti sono disponibili su richiesta presso la segreteria LILT. Report Progetto Alimentare la salute 2014/15 pag. 8 di 8

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Menu: i nuovi standard regionali

Menu: i nuovi standard regionali Menu: i nuovi standard regionali Assessorato politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna M.Fridel Reggio Emilia 29 settembre 2012 Abitudini alimentari da migliorare A livello regionale sono attive

Dettagli

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia Hanno partecipato Ferrara Maria Piera Serino Livia Grafica a cura di Serino Livia Alimentazione e stili di vita Un incontro di grande interesse su un tema estremamente attuale. Giovedì 23 aprile alle 9.30

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE

Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE con il patrocinio di Alimentiamoci di BUONE REGOLE: partecipiamo ad una CORRETTA ALIMENTAZIONE Un progetto realizzato da Cittadinanzattiva Lazio, Confconsumatori Federazione Regionale Lazio e Movimento

Dettagli

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Benedetta Rosetti Biologo nutrizionista SIAN - ASUR ZT 13 Ascoli P. Promuovere gli stili di vita salutari,

Dettagli

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI (AGI) - New York, 25 feb. - Un'educazione continua che include anche corsi di cucina veri e propri e' il modo migliore per migliorare i

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Progetto Nutriamoci di. Laboratori di educazione ambientale e alimentare a cura del CEAS Il Cielo di Indra

Progetto Nutriamoci di. Laboratori di educazione ambientale e alimentare a cura del CEAS Il Cielo di Indra Progetto Nutriamoci di Laboratori di educazione ambientale e alimentare a cura del CEAS Il Cielo di Indra Report del secondo incontro di laboratorio Il giorno 22 marzo 2016, presso l Istituto Comprensivo

Dettagli

L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi

L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi G. Grande Corso di Laurea in Diestistica. Università Magna Graecia di Catanzaro. Tesi di laurea. Relatore Prof.ssa Tiziana Iaquinta.

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

MALATTIE CARDIOVASCOLARI MALATTIE CARDIOVASCOLARI Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di mortalità,, di morbilità e di disabilità specialmente nei paesi del mondo occidentale. NEL MONDO 15 milioni/anno di eventi

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Progetto : Educazione Alimentare Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Anno Scolastico 2008/2009 La classe IIA, della Scuola Primaria

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA G.MARIOTTI, MORCIANO DI ROMAGNA

EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA G.MARIOTTI, MORCIANO DI ROMAGNA Università degli Studi della Repubblica di San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA:

Dettagli

Adolescenza; alimenti per crescere

Adolescenza; alimenti per crescere Adolescenza; alimenti per crescere - Indagine conoscitiva - Note di commento Questionario In collaborazione con: anno 2014-2015 ABITUDINI ALIMENTARI Il primo dato che si evidenzia dall'indagine - realizzata

Dettagli

SPUNTINO.. CHE PIACERE!

SPUNTINO.. CHE PIACERE! ANNO SCOLASTICO 2011-2012 SCUOLA DELL'INFANZIA "COLLODI " ORBASSANO I CIRCOLO PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SEZ. A-B-C-D SPUNTINO.. CHE PIACERE! Immagini: Microsoft clipart 1) MOTIVAZIONE Il progetto

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari Sintesi dei risultati di ricerca SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA L Osservatorio Nazionale sulla salute della

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI PROGETTO ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO a.s. 2008-2009 COMUNE DI VIGNOLA AZIENDA USL MODENA COOP ESTENSE s.c.- Polivalente Olimpia QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI Da restituire

Dettagli

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011

L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC. dott.ssa Marta Mattioli Parma, 10 marzo 2011 L alimentazione: Okkio alla salute e HBSC dott.ssa Marta Mattioli Parma, 1 marzo 11 Andamento del sovrappeso nei bambini in età scolare nei paesi Europei dal 1958 al 3 IOTF - WHO European Region Previsioni:

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Aprile 2014 Questa presentazione è stata redatta da Medi-Pragma METODOLOGIA I dati riportati di seguito si riferiscono

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

L importanza del movimento e dell alimentazione sana per la salute fisica e psicologica dei bambini, adolescenti e giovani

L importanza del movimento e dell alimentazione sana per la salute fisica e psicologica dei bambini, adolescenti e giovani L importanza del movimento e dell alimentazione sana per la salute fisica e psicologica dei bambini, adolescenti e giovani SEMINARIO PROMOZIONE DELL ATTIVITA FISICA TRA SCUOLA E TERRITORIO per i docenti

Dettagli

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria Stili di vita e stato ponderale dei bambini italiani: i risultati della IV raccolta dati di Okkio alla Salute Roma 21 Gennaio 2015 Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità

Dettagli

Sovrappeso e obesità in età pediatrica

Sovrappeso e obesità in età pediatrica Sovrappeso e obesità in età pediatrica Caso clinico Gloria è una bambina di 10 anni e mezzo, apparentemente robusta che frequenta la V elementare. Non pratica attività sportiva extra scolastica, dopo che

Dettagli

Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra

Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra OKkio alla Salute 1 bambino su 3 è in eccesso di peso Solo 6 bambini

Dettagli

Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2007/2008

Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2007/2008 Città di Sereg Consiglio Comunale dei Ragazzi an scolastico 2007/2008 Rilevazione ed analisi dei dati emersi dal questionario: alimentazione sport salute in collaborazione con: Scuole Primarie e Secondarie

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Dott. ssa Ida Poni Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero della

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Premessa: Studi recenti hanno messo in luce come, anche in Italia, stia ormai emergendo il problema dell obesità infantile. Come è noto si

Dettagli

DISTRIBUIRE SALUTE: LET S MOVE

DISTRIBUIRE SALUTE: LET S MOVE Associazione "Giuseppe Dossetti: : i Valori - Sviluppo e Tutela dei Diritti" Sala delle Conferenze di Palazzo Marini Camera dei Deputati Roma 25 febbraio 2011 Vending Responsabile per un Alimentazione

Dettagli

Cibo spazzatura: malattie e obesità Sala Alessi Palazzo Marino 16 marzo 2011 GIUSEPPE LANDONIO Cibo spazzatura (junk food o trashfood) Si definisce cibo spazzatura qualsiasi alimento o bevanda ad alto

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria

OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria OKkio alla SALUTE Promozione della salute e della crescita sana nei bambini della scuola primaria M.La Rocca,V.Rocchino, F. Faragò, D. Mamone. UNITA OPERATIVA DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE-

Dettagli

Io so cosa sto consumando

Io so cosa sto consumando LICEO ECONOMICO SOCIALE CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CASTELLI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IMMACOLATA Io so cosa sto consumando Noi ragazzi dell'istituto Immacolata della classe 3B abbiamo

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Indagine Swg sui genitori italiani e sullo stile di vita dei loro figli

Indagine Swg sui genitori italiani e sullo stile di vita dei loro figli doctor Pediatria Dossier Stili di vita Indagine Swg sui genitori italiani e sullo stile di vita dei loro figli Le abitudini alimentari e motorie dei bambini Assomigliano sempre di più a quelle degli adulti

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Serata genitori. Movimento. Anno scolastico 2014-2015. Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento?

Serata genitori. Movimento. Anno scolastico 2014-2015. Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento? Serata genitori Movimento Anno scolastico 2014-2015 Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento? Le malattie non trasmissibili, e principalmente le malattie cardiovascolari, i cancri, i

Dettagli

A cura di. Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria

A cura di. Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria I dati epidemiologici per guadagnare salute Stato nutrizionale, abitudini alimentari e attività fisica A cura di Carla Bietta - Marco Petrella Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria Edizioni AUS - 2009

Dettagli

Istituto Comprensivo F. De Sanctis - Cervinara. PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 Scheda illustrativa progetti

Istituto Comprensivo F. De Sanctis - Cervinara. PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 Scheda illustrativa progetti ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE SANCTIS Sezione 1 Descrittiva Istituto Comprensivo F. De Sanctis - Cervinara PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 Scheda illustrativa progetti 1.1 Denominazione progetto Indicare

Dettagli

Dall analisi emerge altresì che le cause sono quasi sempre attribuibili a comportamenti alimentari sbagliati.

Dall analisi emerge altresì che le cause sono quasi sempre attribuibili a comportamenti alimentari sbagliati. Stand Up! è un progetto nazionale promosso dal Centro Sportivo Italiano presso le sedi di 20 comitati in Italia, tra cui quello di Prato, che ha tra le prime finalità quella di promuovere sani e responsabili

Dettagli

Progetto A scuola di merende

Progetto A scuola di merende Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione Progetto A scuola di merende Risultati del progetto di sorveglianza nutrizionale su

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE E SALUTE

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris t o ra z io n e s c o la s t ic a (uno strumento per favorire una sana alimentazione a scuola)

Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris t o ra z io n e s c o la s t ic a (uno strumento per favorire una sana alimentazione a scuola) Azienda USL 6 di Livorno Unità Funzionale Igiene Alimenti & Nutrizione Borgo San Jacopo, 59-57126 Livorno 0 5 8 6.2 2 3 5 7 7 0 5 8 6.2 2 3 5 5 3 Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. REPORT settembre 2009- maggio 2010

PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. REPORT settembre 2009- maggio 2010 PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE REPORT settembre 2009- maggio 2010 LA MERENDA A SCUOLA INDAGINE SULLE ABITUDINI ALIMENTARI ANALISI DEI DATI EMERSI UNA MERENDA DIVERSA..SANA, GUSTOSA E NUTRIENTE

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

Cresce il menu che fa crescere. Un nuovo percorso per la ristorazione scolastica, una collaborazione sempre più stretta tra la scuola e le famiglie

Cresce il menu che fa crescere. Un nuovo percorso per la ristorazione scolastica, una collaborazione sempre più stretta tra la scuola e le famiglie Cresce il menu che fa crescere Un nuovo percorso per la ristorazione scolastica, una collaborazione sempre più stretta tra la scuola e le famiglie Cari genitori, sta per attivarsi una nuova fase sperimentale

Dettagli

QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI?

QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI? QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI? INDAGINE STATISTICA Classe 2 B Scuola Secondaria di Secondo grado di Cesiomaggiore PRIMO PASSO: CONOSCERE L ARGOMENTO

Dettagli

CHE VITA FACCIAMO? Classi 3 e sanitario. Anno scolastico 2013-14

CHE VITA FACCIAMO? Classi 3 e sanitario. Anno scolastico 2013-14 CHE VITA FACCIAMO? Classi 3 e sanitario Anno scolastico 2013-14 PRESENTAZIONE DEL LAVORO E COMPOSIZIONE DEL CAMPIONE Lo scopo di questa attività svolta in laboratorio di igiene è duplice: da una parte

Dettagli

Educazione alla salute: alimentazione e movimento

Educazione alla salute: alimentazione e movimento Educazione alla salute: alimentazione e movimento Educazione alla salute? Educazione per la salute? Promozione della salute? Perché parlarne alla scuola media? Perché una integrazione interdisciplinare?

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero.

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero. CODE N: Caro Insegnante, Apprezziamo la vostra partecipazione al Progetto Insegnante saggio- bambino sano ( WITH.CH ) sulle abitudini alimentari sane e l'attività fisica nella scuola, che è attualmente

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori.

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Maurizio Zucchi Direttore Qualità Coop Italia Modena, 12 aprile 2012 L obesità e il

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2012. Regione Sicilia/ASP Catania

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2012. Regione Sicilia/ASP Catania OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2012 Regione Sicilia/ASP Catania Hanno contribuito alla realizzazione della raccolta dati 2012 - a livello nazionale: Angela Spinelli, Anna Lamberti,

Dettagli

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2010 REGIONE PIEMONTE - ASL TO4

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2010 REGIONE PIEMONTE - ASL TO4 OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2010 REGIONE PIEMONTE - ASL TO4 A cura di: Referenti di ASL per l Area Nutrizione dei Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN): Giuseppe Barone,

Dettagli

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2014 ASL TO3

OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2014 ASL TO3 OKkio alla SALUTE per la SCUOLA: risultati dell indagine 2014 ASL TO3 A cura di: Teresa Denise Spagnoli, Debora Lo Bartolo. Hanno contribuito alla realizzazione della raccolta dati 2014 - a livello nazionale:

Dettagli