Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca"

Transcript

1 Azioni positive ed errori da evitare nell adozione di strategie di fidelizzazione in banca Convegno ABI CRM 2003 Roma, 12 Dicembre 2003 Fabio Giardina Partner Busacca & Associati s.r.l Milano, Via A. Mario 32, tel.:02/ fax.:02/

2 Agenda Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: - stima del Potenziale commerciale - segmentazione Comportamentale Risultati dell utilizzazione del Modello Le azioni apprese (ed errori da evitare) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 2

3 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: Obiettivi e Processo di fidelizzazione Obiettivi 1.Individuare i clienti sui quali agire prioritariamente 2.Definire il contenuto e le modalità di realizzazione delle azioni 3.Lanciare e monitorare le azioni integrando gli strumenti a supporto di Marketing e Rete Caratterizzazione Classificazione Orientamento Interazione Processo di fidelizzazione Il singolo cliente viene identificato e caratterizzato in termini descrittivi, comportamentali e predittivi Il singolo cliente viene classificato in termini di potenziale e grado di fidelizzazione Ad ogni cliente viene associata una strategia relazionale e si definisce il contenuto delle azioni mirate Con ciascun cliente si concretizza la relazione definendo le modalità di contatto in termini di strumenti e canali Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 3

4 Ad ogni fase del processo corrispondono specifici strumenti di CRM Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione Processo di fidelizzazione Caratterizzazione Strumenti di CRM Customer profiling Classificazione Orientamento Matrice di orientamento e Profili comportamentali Interazione Gestione azioni e canali (Campaign management) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 4

5 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale Matrice di Orientamento per la clientela Retail: Potenziale, Fidelizzazione Sig. Ezio C., dirigente, 49 anni di Brescia Dott. Marco M., dirigente in pensione, 57 anni di Milano Potenziale Commerciale valore potenziale (patrimonio mobiliare per investimenti) per il sistema bancario (migliaia di Euro) > <25 SFIDE Sviluppo e Retention Dott. Paolo M., libero professionista, 30 anni di Lissone (Mi) MARGINALI Gestione selettiva Arch. Gianfranco S., libero professionista, 46 anni di Brescia Sig. Giambattista E., impiegato, 45 anni di Brescia DIAMANTI Partnership AMBASCIATORI Mantenimento Sig. Fabio P., operaio, 34 anni di Milano 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Stime del Potenziale in linea con i valori indicati dal Gestore parzialmente in linea con i valori indicati dal Gestore Grado di Fidelizzazione quota del valore potenziale di ciascun cliente allocata presso la Banca Fonte: Elaborazione B&A sui dati di una primaria Banca nazionale e di Banca d Italia I bilanci delle famiglie italiane Base: 500 clienti lombardi, in portafoglio a cinque Gestori Affluent e Mass, di una primaria Banca nazionale Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 5

6 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale e Propensione all acquisto per le diverse famiglie di prodotti bancari Sig. Giambattista E., 45 anni di Brescia, Impiegato nell Industria, 4 componenti del nucleo familiare con 2 percettori di reddito Area di Bisogno Famiglie di prodotti Propensione all acquisto Conto risparmio Basso rischio Pronti contro Termine Titoli di Stato a Breve >200 SFIDE Sviluppo e Retention MARGINALI Gestione selettiva <25 Dott. Paolo M., libero professionista, 30 anni di Lissone Sig. Ezio C., dirigente, 49 anni di Brescia Risparmio (investimenti) Arch. Gianfranco S., libero professionista, 46 anni di Brescia Servizi di Pagamento Dott. Marco M., dirigente in pensione, 57 anni di Milano DIAMANTI Partnership AMBASCIATORI Mantenimento Sig. Fabio P., operaio, 34 anni di Milano 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Sicurezza Finanziamento Medio rischio Alto Rischio Bancomat Carta di Credito Assicurazioni Vita Puro Rischio Assicurazioni Salute Assicurazioni Danni Debiti per Immobili Debiti Personali Titoli di Stato a Medio-Lungo Obbligazioni Fondi Pensione Fondi e Assicurazioni Gestioni Patrimoniali Azioni e Derivati Propensione all acquisto Alta o Medio-Alta Media Medio-Bassa o Bassa Per alta propensione all acquisto si intende l attitudine del cliente, al possesso della famiglia di prodotti, maggiore rispetto a quella del resto dei clienti caratterizzati da dati descrittivi diversi Fonte: Elaborazione B&A sui dati di una primaria Banca nazionale e di Banca d Italia I bilanci delle famiglie italiane Base: 500 clienti lombardi, in portafoglio a cinque Gestori Affluent e Mass, di una primaria Banca nazionale Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 6

7 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale Il campione utilizzato si basa su un database reso disponibile dalla Banca d Italia Il campione di clienti, utilizzato per la stima del potenziale commerciale e della propensione all acquisto, è stato estratto dalla base dati allegata al Bollettino Statistico di Banca d Italia: I Bilanci delle famiglie italiane (anno 2000), composta da: nuclei familiari, rappresentativi della popolazione italiana percettori di reddito Per ciascuno dei quali sono disponibili: dati descrittivi e psicografici (stili di vita) patrimonio e reddito utilizzo dei diversi prodotti finanziari (investimento, bancari, assicurativi, finanziamento). Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 7

8 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale Si presuppone quindi la conoscenza dei dati descrittivi del singolo cliente Dati descrittivi del cliente Professione o Ultima professione svolta prima della pensione Operaio o posizione similare Impiegato Insegnante Impiegato direttivo\quadro Dirigente, alto funzionario, preside, docente universitario, magistrato Libero professionista Imprenditore individuale lavoratore autonomo\artigiano Titolare o coadiuvante di impresa familiare Socio\gestore di società Collaboratore coordinato e continuativo In cerca di prima occupazione Casalinga Benestante Pensionato da lavoro Pensionato non da lavoro Studente Settore di attività Agricoltura e pesca Industria Edilizia Commercio Trasporti e logistica Credito e assicurazioni Servizi e altre attività professionali Servizi domestici presso famiglie Pubblica Amministrazione e difesa Titolo di studio Nessuno Licenza elementare Licenza media inferiore Diploma professionale Diploma media superiore Diploma Universitario\ Laurea breve Laurea Specializzazione post laurea 45 Età del cliente Numero di percettori di reddito nel nucleo familiare 2 Numero di componenti del nucleo familiare 4 Possesso della seconda abitazione Si No Ampiezza demografica del comune di domicilio oltre Regione geografica di domicilio Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzi Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Dati descrittivi di Giambattista E., Impiegato nell Industria, 45 anni di Brescia, appartenente a un nucleo familiare composto da quattro persone, con due percettori di reddito Fonte: Elaborazione B&A sui dati di una primaria Banca nazionale e di Banca d Italia I bilanci delle famiglie italiane Base: nuclei familiari, con percettori di reddito, rappresentativi della popolazione italiana (anno 2000) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 8

9 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale che consentono di stimarne reddito e patrimonio (potenziale commerciale) Classi di reddito e di patrimonio Classi di reddito netto (migliaia di Euro) minore di maggiore di 60 Classi di patrimonio mobiliare (migliaia di Euro) minore di maggiore di 200 Classi di reddito e patrimonio assegnate al cliente Giambattista E., in base ai suoi dati descrittivi Fonte: Elaborazione B&A sui dati di una primaria Banca nazionale e di Banca d Italia I bilanci delle famiglie italiane Base: nuclei familiari, con percettori di reddito, rappresentativi della popolazione italiana (anno 2000) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/2003 9

10 Si segue un approccio statistico per il Potenziale Retail, deterministico per il Corporate Potenziale clientela Retail Approccio Statistico basato sui dati comportamentali e descrittivi Dati utilizzati: banche dati esterne (Banca d Italia) dati descrittivi del cliente dati comportamentali (utilizzo dei prodotti) Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale Potenziale clientela Corporate Approccio Deterministico basato sui dati storici di settore, di bilancio e di attività economica Dati utilizzati: banche dati esterne (Centrali Bilanci e Rischi) dati anagrafici e bilanci d'esercizio delle aziende studi di settore (tra cui, Prometeia e InfoCamere) Ipotesi: correlazione tra il comportamento di utilizzo del cliente e i suoi dati descrittivi Metodologia: Ipotesi: correlazione tra il comportamento d acquisto dell azienda, dei prodotti finanziari, e i propri: settore economico dati di bilancio e caratteristiche organizzative Metodologia: estrazione regole di correlazione, da un determinazione regole dall analisi dei settori campione rappresentativo della clientela* applicazione ai clienti per l individuazione di applicazione delle regole, a ciascun Potenziale e Fidelizzazione cliente della Banca, per la stima di Potenziale e Fidelizzazione (*) Elaborazioni condotte su un campione estratto dal data base allegato al Supplemento al Bollettino Statistico della Banca d Italia: I bilanci delle famiglie italiane Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

11 Matrice di Orientamento per la clientela Corporate: Potenziale, Fidelizzazione 500 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale SFIDE Sviluppo e Retention DIAMANTI Partnership Potenziale Commerciale 250 valore potenziale (margini totali) per il sistema bancario (migliaia di Euro) MARGINALI Gestione Selettiva AMBASCIATORI Mantenimento 0 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: Elaborazione B&A su dati di una primaria Banca nazionale Base: clientela Corporate della Lombardia (Settembre 2000) Grado di Fidelizzazione quota del valore potenziale di ciascuna azienda cliente allocata presso la Banca Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

12 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: stima del Potenziale commerciale e Dotazione ottimale per le diverse famiglie di prodotti bancari NDG Ragione sociale EUROSICMA SPA 500 SFIDE Sviluppo e Retention Comparto DIAMANTI Partnership Area Geografica Meccanica strumentale Nord Ovest Dotazione ottimale 250 Potenziale commerciale - flussi esportazione Alto Nord Ovest Alto Grado di penetrazione 14% * MARGINALI Gestione Selettiva Fatturato netto ** AMBASCIATORI Mantenimento 0 0% 10% 20% 30% 40% 50% Pagamenti Italia - Assegni Pagamenti Italia - Bonifici Pagamenti Italia - SBF/Effetti Pagamenti Italia - Utenze e Imposte Legenda: Prodotto non sottoscritto Prodotto sottoscritto Gap di dotazione, dovuto al prodotto non sottoscritto Gap vs il benchmark (dei migliori clienti) tra il 66% e il 99% Gap vs il benchmark tra il 33% e il 66% Gap vs il benchmark tra lo 0% e il 33% Valore superiore al benchmark (*) Il grado di penetrazione medio del benchmark è pari al 38% (**) migliaia di Euro Incassi Italia - Assegni Incassi Italia - Bonifici Pagamenti Estero - Bonifici Incassi Estero - Bonifici Crediti di breve - Scoperto C/C Tesoreria - Gestione liquidità Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

13 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale Ad ogni fase del processo corrispondono specifici strumenti di CRM Processo di fidelizzazione Caratterizzazione Strumenti di CRM Customer profiling Classificazione Orientamento Matrice di orientamento e Profili comportamentali Interazione Gestione azioni e canali (Campaign management) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

14 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale Profili comportamentali (clientela Retail): segmentazione basata su indici di profiling Indici comportamentali di Customer profiling (ESEMPLIFICATIVO) Principali indici Descrizione Principali indici Descrizione Picco di liquidità Identifica il cliente che ha avuto un significativo incremento di liquidità in conto corrente Accredito dello stipendio Individua il cliente che ha scelto la Banca per la gestione dei suoi flussi di reddito Direttrici dei bonifici Individua i flussi di liquidità in uscita verso concorrenti Disdetta addebito utenze Individua il cliente che potrebbe decidere di ridurre il grado di relazione con la Banca (riduzione delle barriere all'uscita) Drop di operatività Trend di operatività transazionale Indice di Cross Selling Stato del cliente Identifica il cliente che ha avuto una significativa riduzione dell'operatività media del conto corrente Variazione nel tempo delle transazioni effettuate sul conto corrente Identifica la penetrazione, in termini di possesso, dei prodotti della Banca sul cliente Identifica in modo univoco lo stato del cliente (Attivo, Dormiente, Non Attivo, Censito, Estinto) Vita residua mutui Vita residua Polizze Vita e Previdenza Movimentato di Conto Corrente Controvalore degli ordini di compravendita Misura l'approssimarsi dell'evento di estinzione del mutuo Misura l'approssimarsi dell'evento di scadenza delle polizze e relativa erogazione del capitale maturato Valore assoluto e medio della transazioni effettuate Controvalore assoluto e medio di ordini di compravendita Anzianità di relazione Indica l'anzianità della relazione del cliente con la Banca Giacenza liquida Ammontare medio della liquidità (nel periodo di riferimento) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

15 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale Esempio clientela Retail: Indici comportamentali per una primaria Banca multicanale 1) Il cliente presenta un trend dell asset stabile Indici di Customer profiling per cliente 2) il suo patrimonio investito si distribuisce tra depositi liquidi e quote di fondi e sicav 1 2 3) l ultimo contatto inbound è avvenuto attraverso il Call Center ed i suoi contatti si distribuiscono tra Banca Telefonica e Banca On Line. 3 Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

16 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale per ciascun cliente sono monitorate le variazioni di comportamento (warning) 1) Il cliente presenta un picco di liquidità sul conto corrente Warning comportamentali per cliente 2) inoltre, viene segnalato un bonifico in uscita verso una delle banche concorrenti monitorate. 1 2 Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

17 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale Esempio clientela Retail: segmentazione comportamentale utilizzando indici di profiling Impostazione della segmentazione (Indice Direttrici dei bonifici) Risultato della segmentazione (Lista dei clienti in portafoglio che hanno effettuato bonifici verso banche concorrenti) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

18 Modello per lanciare azioni mirate di fidelizzazione: segmentazione Comportamentale Esempio clientela Corporate: Profili comportamentali per una primaria Banca nazionale Operativi (14% dei clienti corporate): Mostrano utilizzi distribuiti su tutte le famiglie di prodotti. In particolare, su impieghi e servizi (margine crediti/m.ne totale 44%; m.ne servizi/m.ne totale 43%). Importatori (7%): clienti con rilevante flusso estero (m.ne estero/m.ne totale 42%) e alto utilizzo di prodotti per i pagamenti (m.ne pagamenti/m.ne servizi 76%). Limitato ricorso al credito. Tradizionali (43%): operano sul mercato interno. Forti margini sui crediti (m.ne crediti/m.ne totale 83%). Basso ricorso ai servizi (m.ne servizi/m.ne totale 9%). Esportatori (13%): clienti con rilevante flusso estero (m.ne estero/m.ne totale 57%) e alto utilizzo di prodotti per gli incassi (m.ne incassi/m.ne servizi 83%). Limitato ricorso al credito. $ Tesorieri (13%): operano sul mercato interno, molto liquidi (m.ne tesoreria/m.ne totale 65%). Contenuto ricorso al credito (m.ne crediti/m.ne totale 22%). Limitato utilizzo dei servizi. Tesorieri esportatori (11%): operano sul mercato sia interno sia estero (m.ne estero/m.ne totale 13%), molto liquidi (m.ne tesoreria/m.ne totale 62%). Limitato ricorso al credito. Fonte: Elaborazione B&A su dati di una primaria Banca nazionale Base: clienti Corporate (Settembre 2000) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

19 Risultati clientela Retail: incremento di valore della clientela (maggiore efficacia della Rete commerciale) Incremento degli asset medi investiti (euro x000) Risultati dell utilizzazione del Modello NON Conoscendo il Potenziale Conoscendo il Potenziale Sfide Marginali Sfide Marginali Asset incrementali: + 210% Fonte: Elaborazione B&A su un campione di clienti retail di una primaria Banca nazionale Base: Agosto 2003 Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

20 Risultati clientela Retail: incremento dell efficienza e della qualità della relazione (differenziazione mirata dei livelli di servizio) Differenziazione dei livelli di servizio del contact center Risultati dell utilizzazione del Modello Attesa in coda - tempo medio in secondi - 53 Chiamate abbandonate - % su totale chiamate - 9% - 83% - 78% 9 2% Altri clienti Diamanti Altri clienti Diamanti Circa il 75% dei Diamanti si dichiara soddisfatto del servizio Fonte: Elaborazione B&A su un campione di clienti retail di una primaria Banca nazionale Base: Agosto 2003 Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

21 Risultati dell utilizzazione del Modello Risultati clientela Corporate: incremento di valore della clientela (maggiore efficacia della Rete commerciale) Incremento del valore della clientela corporate Numero dei clienti dopo un anno +15% Clientela 2000 Clientela 2001 Valore medio del cliente +31% Tasso medio di abbandono - 22% Fonte: Elaborazione B&A su dati di una primaria Banca nazionale Base: clientela Corporate della Lombardia (Giugno 2002) Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

22 Lezioni apprese (ed errori da evitare) Lezioni apprese (ed errori da evitare): 1. Creare due gruppi di lavoro complementari, uno ristretto ed uno allargato Il primo (tecnico) per definire gli algoritmi del Potenziale e degli Indici comportamentali Il secondo (commerciale) per testare il potenziale e i profili comportamentali direttamente sui clienti Evitare gruppi di lavoro molto numerosi per la definizione tecnica degli algoritmi (scarsa efficienza) 2. Prevedere risultati tangibili ed utilizzabili ogni 2-3 mesi La realizzazione di Potenziale e Indici è mediamente di 4-6 mesi (compreso test commerciale) Evitare di far passare molto tempo tra risultati successivi (rischio di minore commitment del Vertice) 3. Coinvolgere fin dalle prime fasi i Sistemi informativi e la Rete commerciale Evitare di non avere disponibili i dati sui clienti (nella fase di realizzazione di Potenziale e Indici) e le risorse commerciali (nella fase di test diretto sui clienti) 4. Fare attenzione ai casi particolari ed alle singolarità dei singoli clienti (su Potenziale e Indici) Essendo il Potenziale una stima, potrà capitare che, sui singoli clienti, ci siano degli errori elevati Inoltre, le stesse variazioni di comportamento potrebbero non essere significative per tutti i clienti Evitare che le risorse commerciali possano ridurre il loro commitment (prevedere formazione mirata). Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

23 Grazie per l attenzione Fabio Giardina Telefono: Fabio Giardina - Convegno ABI "CRM 2003" - 12/12/

CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA

CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA Idee e applicazioni Massimiliano Bertucci TARGET LAB IMMAGINIAMO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Dalla relazione personale a quella industriale

Dalla relazione personale a quella industriale Dalla relazione personale a quella industriale Nuove strategie per il mass market Carlo Panella Responsabile CRM Banca Popolare di Milano Agenda Strategia di Marketing Politica CRM Esempio 2 La replicabilità

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Piccole banche: c è una via locale al private banking?

Piccole banche: c è una via locale al private banking? Piccole banche: c è una via locale al private banking? Un private banking locale, attraverso un offerta di prodotti e servizi di qualità sui segmenti di clientela a più alto margine, può costituire l approccio

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina La soddisfazione del cliente a partire dalla gestione dinamica del suo ciclo di vita. La Customer Retention e il Progetto Valore Cliente della Banca Popolare FriulAdria Relatore: Maggiolo Ivan Servizio

Dettagli

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Marco Vecchiotti, Account Management Director - Experian Crm Luciano Bruccola, Manager - Experian Scorex ABI, Roma, 14 dicembre

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di:

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di: UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 21 marzo 2006 Indagine effettuata per Venditalia a cura di: Stefania Farneti Direttore di ricerca METODOLOGIA E CAMPIONE Come premesso,

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione

Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione Milano, 25 novembre 2015 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo Copertura regionale

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Acquirenti prodotti contraffatti Prima fase 2010-2011 Base: 4000 Seconda fase 2012 No 69,4% Si 30,6% Pari a 586 persone Pari a 367 persone CAMPIONE TOTALE Area Geografica ACQUIRENTI

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

Strumenti e strategie di CRM

Strumenti e strategie di CRM Strumenti e strategie di CRM Bologna, 11/09/2013 Simone Parrotto Responsabile CRM Gruppo CREDEM Agenda Il CRM in Credem Il CRM identifica tutti quei processi, metodi ed iniziative il cui scopo è quello

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders. Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013

Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders. Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013 Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013 Indice Il Percorso Famiglia: l iniziativa e i dati aggiornati Il fondo nuovi nati Il fondo giovani

Dettagli

Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM

Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Differenziarsi attraverso un efficace gestione della relazione appare per le banche piccole e medie la risposta strategica all inasprimento della competitività

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 SUMMARY Il modello di business vede un integrazione sempre più stretta fra tlc e media Fedeltà al brand

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà - Bilancio Sociale 26 Canali distributivi Chi sono Agenti assicurativi La missione degli agenti (1.844 a fine 26) è aiutare i clienti a individuare le soluzioni assicurative

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione L azienda Poste Italiane Il Gruppo Posteitaliane si rivolge

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente Qualità dell aria e cambiamento climatico: le sfide di fronte a noi Stakeholder meeting 2014 Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente M A R I O B O F F I D i p a r t i m e n t

Dettagli

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx LIBRARY C Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 20xx ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA 1 Riferimenti bibliografici Capitolo 12 e capitolo 15 (parti iniziali) 2 I BISOGNI FINANZIARI DEGLI OPERATORI finanziamento investimento consulenza Gestione rischi Il

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

LA RELAZIONE SOSTENIBILE POLITICHE E STRUMENTI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE FINANZIARIA

LA RELAZIONE SOSTENIBILE POLITICHE E STRUMENTI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE FINANZIARIA LA RELAZIONE SOSTENIBILE POLITICHE E STRUMENTI PER UNA MIGLIORE INCLUSIONE FINANZIARIA L inclusione finanziaria dei nuovi italiani: ruolo e prospettive della relazione Ettore Carneade Gruppo Bancario MONTE

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta Ostuni, 26/08/2005 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto La cataratta Paolo Spolaore Indicatori SISAV proposti per la cataratta e ricavabili dalle SDO Proporzione di soggetti

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2005, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in atto in quest area di business

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it 1 OBIETTIVO Ottimizzare il rapporto fra cliente e banca Massimizzare la soddisfazione e Massimizzare la redditività

Dettagli

Presso le filiali della Banca di Sassari.

Presso le filiali della Banca di Sassari. DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini, 2-07100 Sassari

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Comune di Campodoro (PD)

Comune di Campodoro (PD) Comune di Campodoro (PD) Analisi della congruità economica del costo del servizio per la gestione dei rifiuti urbani nel Comune di Campodoro (PD) a supporto della relazione di cui all art. 34 comma 20

Dettagli

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014

Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Fallimenti delle aziende in Italia Dati aggiornati a settembre 2014 Marketing CRIBIS D&B Agenda Analisi dei Fallimenti in Italia Company Profile Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 2 Tipologia di analisi

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012 PRESTITO PERSONALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. (Codice ABI 01015) Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione

Dettagli

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Slide 1 Indice Slide 3 Mettiamoci la faccia at a glance LE AMMINISTRAZIONI PARTECIPANTI E I SERVIZI INTERESSATI Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA

CONTEST START UP FOOD, PREMIATE LE PRIME TRE MIGLIORI IDEE IMPRENDITORIALI CON UN PREMIO DA Roma, 9 Ottobre 2015 I giovani presi in carico sono 485.327. A più di 181 mila è stata proposta almeno una misura. Prosegue il successo di Crescere in Digitale: oltre 31.500 gli iscritti a quattro settimane

Dettagli