ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G.CIGNA -G.BARUFFI- F. GARELLI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G.CIGNA -G.BARUFFI- F. GARELLI"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA CURRICOLARE G.CIGNA -G.BARUFFI- F. GARELLI Classe: 1A MM ANNO SCOLASTICO DISCIPLINA: SCIENZE INTEGRATE - CHIMICA DOCENTI: prof. Francesco GRECO prof.ssa MariaFrancesca CLEMENZA LIBRO DI TESTO: Le domande della chimica LIM e LAB M. Artoni, A. Dazzi - Ed. Principato. PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA Sez. MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA La classe, completamente maschile, è costituita da 29 allievi. ACCORDI INTERDISCIPLINARI Il concetto di calore ed energia è trasversale con fisica; le formule matematiche, dirette e inverse, le equazioni di primo grado e la costruzione di grafici sono trasversali con matematica. ACCORDI CON LA CLASSE L attività curricolare si svolgerà alternando 2 h di lezione in classe e 1h di lezione in laboratorio nel primo periodo scolastico. L attività in classe prevede lezioni dialogate, l utilizzo di materiale multimediale. Si richiede pertanto agli studenti di procurarsi sempre copia su chiavetta di quanto fornito in classe. Per l attività di laboratorio si prevede nel corso dell anno di richiedere agli studenti la rielaborazione personale che può essere svolta sotto forma di domande di verifica o di relazione. Agli allievi sarà comunicato quale modalità di verifica dovranno svolgere. Per quanto riguarda le prove di verifica sugli argomenti svolti in classe, si eseguiranno sia verifiche scritte sotto forma di test strutturati e sia verifiche orali; il docente provvederà ad esplicitare gli obiettivi dell unità didattica che verranno richiesti nella prova; la data della verifica scritta verrà stabilita almeno con una settimana di preavviso cercando di evitare sovrapposizioni con altre discipline. Nel caso in cui il test di verifica dia esiti non sufficiente per alcuni allievi, si programmeranno interrogazioni orali di recupero dopo aver evidenziato le problematiche che hanno portato all esito negativo.

2 UNITA D APPRENDIMENTO N. 1: INTRODUZIONE ALLA CHIMICA Raccogliere dati, organizzarli-classificarli, presentarli e (con l insegnante) risolvere Settembre -ottobre Numero ore: 10 Il Sistema Internazionale di misura. Grandezze fisiche fondamentali e derivate. Grandezze estensive e grandezze intensive. Concetto di densità. Errori connessi alla misura, precisione ed accuratezza. Norme di sicurezza nel laboratorio di chimica: Legge n 81/ sicurezza nei luoghi di lavoro Costruzione di mappe concettuali (Colloquio e risoluzione di esercizi Concetto di densità. Errori connessi alla misura, precisione ed accuratezza. Lezione frontale dialogata Costruzione di mappe concettuali Uso di schemi, tabelle, grafici Concetto di densità Lezione frontale dialogata Costruzione di mappe concettuali Schemi logici applicati a fenomeni naturali Misure di temperatura e mappe concettuali Lezione frontale alla lavagna) alla lavagna) alla lavagna)

3 UNITA D APPRENDIMENTO N. 2: STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Ottobre - Novembre Numero ore: 20 Uso di schemi, tabelle, grafici Stati di aggregazione della materia e passaggi di stato. Energia: la capacità di compiere lavoro e di trasferire calore. La temperatura e il calore Proprietà macroscopiche e microscopiche della materia. Le sostanze pure e le curve di riscaldamento e di raffreddamento. Miscugli omogenei ed eterogenei. Tecniche di separazione Proprietà macroscopiche e microscopiche della materia. Miscugli omogenei ed eterogenei Metodi di separazione Proprietà macroscopiche e microscopiche della materia. Le curve di riscaldamento e di raffreddamento Scale di temperatura. Lezione frontale dialogata Lezione frontale dialogata Schemi logici applicati a fenomeni naturali Modello particellare della materia, dilatazione, contrazione. Lezione frontale dialogata

4 UNITA D APPRENDIMENTO N. 3: LE TRASFORMAZIONI DELLA MATERIA riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e Raccogliere dati, organizzarli-classificarli, presentarli e (con l insegnante) risolvere Novembre - Dicembre Numero ore: 18 Le trasformazioni fisiche e chimiche Elementi e composti. Simbologia dei principali elementi. Leggi ponderali: legge di Lavoisier, legge di Proust Teoria atomica di Dalton Atomi e molecole Leggi di Lavoisier e di Proust Teoria atomica di Dalton Uso di schemi, tabelle, grafici Leggi di Lavoisier e di Proust Schemi logici applicati a fenomeni naturali Leggi di Lavoisier e di Proust Teoria atomica di Dalton Elementi e composti. Mappe concettuali

5 UNITA D APPRENDIMENTO N.4: NOMENCLATURA E REAZIONI CHIMICHE Dicembre Gennaio - Febbraio N. ore: 20 Nomenclatura tradizionale e IUPAC delle seguenti classi di composti: ossidi, anidridi, idrossidi, acidi, sali. Equazioni di reazione e bilanciamento. La classificazione delle reazioni chimiche: reazioni di sintesi, di decomposizione, di scambio, di doppio scambio. Elementi e composti Reazioni chimiche Uso di schemi, tabelle, grafici Nomenclatura e bilanciamento Schemi logici applicati a fenomeni naturali Nomenclatura e bilanciamento

6 UNITA D APPRENDIMENTO N.5: LA MOLE Marzo Numero ore: 12 La massa atomica e la massa molecolare Numero di Avogadro Contare per moli Le formule minime Bilanciamento di semplici reazioni e calcolo ponderale. Uso di schemi, tabelle, grafici Schemi logici applicati a fenomeni naturali Calcoli del numero di moli Bilanciamento di semplici reazioni Calcolo ponderale Bilanciamento di semplici reazioni Calcolo ponderale Calcolo del numero di moli ed utilizzo della costante di Avogadro. e e e

7 UNITA D APPRENDIMENTO N.6: MODELLI ATOMICI Aprile - Maggio Numero ore: 12 Uso di schemi, tabelle, grafici La natura elettrica della materia. Tubi di Crookes Particelle subatomiche: elettrone, protone, neutrone. I primi modelli atomici: modello di Thomson e di Rutherford. Il nucleo. Il numero atomico e il numero di massa. Gli isotopi. Il modello di Bohr. Il modello atomico a strati. Configurazione elettronica dei principali elementi Particelle subatomiche: elettrone, protone, neutrone Il modello atomico a strati. Configurazione elettronica dei principali elementi e e Schemi logici applicati a fenomeni naturali Modelli atomici e radioattività e

8 UNITA D APPRENDIMENTO N. 7: IL SISTEMA PERIODICO Maggio - Giugno Numero ore: 12 Tavola periodica di Mendeleev Criterio di ordine nella vecchia ed attuale tavola periodica La moderna tavola periodica Le proprietà periodiche Criterio di ordine nella vecchia ed attuale tavola periodica e Uso di schemi, tabelle, grafici Struttura ed organizzazione della tavola periodica e Schemi logici applicati a fenomeni naturali Reattività chimica degli elementi: metalli e non metalli e (Colloquio e risoluzione di esercizi Note: Poiché si tratta di una programmazione, essa potrà subire delle variazioni in itinere per potersi meglio adeguare alla realtà della classe; analogamente potrà anche essere modificata la sequenza delle unità di apprendimento. Le eventuali variazioni verranno subito notificate agli allievi. MONDOVI 06/11/2018 I DOCENTI FRANCESCO GRECO MARIA FRANCESCA CLEMENZA