Premessa. Legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote e tutela dei minori vittime del reato (i) Saggi. Irma Conti* e Carmen Andreuccioli**

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. Legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote e tutela dei minori vittime del reato (i) Saggi. Irma Conti* e Carmen Andreuccioli**"

Transcript

1 Legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote e tutela dei minori vittime del reato (i) Irma Conti* e Carmen Andreuccioli** * Avvocato del Foro di Roma ** Consigliere parlamentare del Senato della Repubblica Premessa Dopo un lungo e complesso 1 iter d esame parlamentare finalmente la convenzione di Lanzarote è stata ratificata dal nostro Paese 2. Il legislatore con la legge 172 del 2012 non si è però solo limitato a ratificare il suddetto Trattato ma ha colto l occasione per apportare significative modifiche alla normativa penale sia sostanziale che processuale al fine di un rafforzamento delle misure per il contrasto della pedofilia e dello sfruttamento minorile. Prima di procedere alla disamina delle più rilevanti novità della legge è opportuno dare sinteticamente conto del quadro normativo nel quale essa si inserisce. Come è noto, una disciplina penale specifica in materia di pedofilia è stata introdotta per la prima volta nel nostro ordinamento dalla legge 6 febbraio 1996, n. 66, sulla violenza sessuale, che ha aggiunto nel codice, nell ambito dei reati contro la libertà personale, due illeciti in danno di minori: gli atti sessuali con minorenne (art. 609-quater) e la corruzione di minorenne (art. 609-quinquies). Successivamente, allo scopo di adeguare l ordinamento ai principi della Convenzione sui diritti del fanciullo (ratificata con legge 27 maggio 1991, n. 276) e a quanto sancito dalla dichiarazione finale della Conferenza mondiale di Stoccolma (adottata il 31 agosto 1996), è intervenuta la legge 3 agosto 1998, n. 269, considerata quale legge-quadro in materia di pedofilia e di sfruttamento sessuale dei minori. Tale legge ha introdotto nel codice penale, infatti, gli articoli da 600-bis a 600-septies, prevedendo, in particolare, ulteriori fattispecie di reato sessuale in danno di minori quali la prostituzione minorile (art. 600-bis); la pornografia minorile (art. 600-ter); la detenzione di materiale pornografico (art. 600-quater); il cd. turismo sessuale (art quinquies). Da ultimo un ulteriore inasprimento del quadro sanzionatorio e la previsione di misure per il contrasto della pedopornografia a mezzo Internet sono stati introdotti dalla legge 6 febbraio 2006, n Sul legislatore ha sicuramente giocato un ruolo di primo piano la preoccupazione da parte dell opinione pubblica per il crescente incremento dei reati sessuali in particolare ai danni dei minori 4 ; preoccupazione alimentata senza dubbio dai mezzi di informazione 5, i quali riferiscono con ampia frequenza e dovizia di particolari notizie relative a tali reati. Al di là di inaccettabili rimedi, quale quello della cd. castrazione chimica 6, più degni del codice di Hammurabi, un efficace azione di contrasto è stata rintracciata principalmente nell inasprimento del quadro sanzionatorio, cui solo in parte si sono accompagnati opere di efficiente prevenzione. Da tale logica non si discosta neppure la legge in esame, la quale, per lo più, incide sulla disciplina penale aumentando le sanzioni ed inserendo nuove fattispecie di reato. In generale la legge si compone di due capi e di dieci articoli: il Capo I (artt. 1-3) reca la ratifica e l ordine di esecuzione della Convenzione, individuando nel Ministero dell interno l autorità nazionale responsabile in relazione alla registrazione e conservazione dei dati nazionali sui condannati per reati sessuali; il Capo II (artt. 4-10) contiene invece disposizioni di adeguamento interno volte a modificare, fra l altro, il codice penale, il codice di procedura penale e l ordinamento penitenziario. Ai fini del presente elaborato si ritiene opportuno limitarsi alla disamina delle principali modifiche di diritto sostanziale dando conto dapprima delle modifiche disposizioni del codice già vigenti e successivamente delle nuove fattispecie di reato. 1. Modifiche ai delitti contro la vita e l incolumità individuale 1.1 Introduzione di nuove circostanze aggravanti per l omicidio La legge introduce nuove ipotesi di omicidio aggravato punite con l ergastolo. In particolare prevede l estensione dell aggravante sessuale dell omicidio (art. 576, primo comma, n. 5, c.p.), punita con l ergastolo, nel caso questo venga consumato anche «in occasione della commissione» dei delitti di maltrattamenti contro familiari e conviventi (art. 572), prostituzione minorile (art. 600-bis) e pornografia minorile (art. 600-ter). La legge poi sostituisce nella rubrica dell art. 576 il riferimento alla pena di morte con quello alla pena dell ergastolo. Si tratta di una modifica di carattere meramente formale in quanto, come noto, la pena di morte per i delitti previsti dal codice penale è stata sostituita dall art. 1 del d.lgs. 10 agosto 1944, n. 224 con quella dell ergastolo. Analogo intervento di coordinamento formale è stato effettuato nell alinea del primo comma dell articolo. 1.2 Introduzione di pene accessorie per i reati di mutilazione e di lesione degli organi genitali femminili 12 Temi Romana

2 La legge introduce un ulteriore comma nell articolo 583-bis attraverso il quale inserisce per l ipotesi in cui il delitto sia commesso dal genitore o dal tutore le pene accessorie della decadenza dall esercizio della potestà genitoriale e della interdizione perpetua da qualsiasi ufficio attinente alla tutela, alla curatela e all amministrazione di sostegno. È appena il caso di rilevare che appare improprio l uso, da parte del legislatore, del singolare ( reato ), anziché del plurale, dal momento che l art. 583-bis, nel primo e nel secondo comma, contempla due distinte fattispecie di reato (mutilazione e lesione). 2. Dal reato di maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli al reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi La legge si pone in linea di continuità con le scelte di politica legislativa dell ultimo decennio che hanno progressivamente tentato di scardinare la connotazione pubblicistica del codice del in favore di una normativa che tuteli il fanciullo in quanto persona portatore di diritti fondamentali e non solo in quanto inserito all interno della comunità familiare. Tale mutamento si deve inquadrare nell ambito del più generale cambiamento della nozione e del ruolo della famiglia, per il quale ad una nozione di famiglia quale istituzione si è andata via via sostituendo quella di famiglia quale fulcro di relazioni 8. È necessario osservare però come residui di questa ormai obsoleta visione familiare si possano ancora ravvisare nell ordinamento come è dimostrato dalla permanenza dei reati di abuso dei mezzi di correzione (art. 571) o di maltrattamenti in famiglia (art. 572) o verso fanciulli nel Capo del codice penale relativo ai delitti contro l assistenza familiare. Sebbene fosse auspicabile il legislatore non ha ritenuto di incidere sul primo dei reati citati. Anticipando il merito della legge si deve osservare come la riscrittura del reato di cui all articolo 572 in base alla quale oltre ad un generale inasprimento del quadro sanzionatorio e alla introduzione di una ipotesti aggravata nel caso di fatto commesso in danno di un bambino infra-quattordicenne, è stata estesa l applicazione della fattispecie al caso di convivenza, avrebbe dovuto indurre il legislatore ad intervenire anche sulla collocazione sistematica della norma. A ben vedere infatti il nuovo reato di Maltrattamenti contro familiari e conviventi, se da un lato deve essere valutato positivamente nella parte in cui, in linea peraltro con la più recente evoluzione giurisprudenziale, equipara alla famiglia le situazioni di convivenza, dall altro però accentua le perplessità circa la sedes materiae prescelta 9. È indubbio che il bene giuridico tutelato dalla norma debba essere individuato non nella tutela dei beni o degli interessi familiari quanto nella tutela dell interesse del più debole, in quanto sottoposto alla supremazia o all arbitrio altrui non solo per vincoli familiari ma anche per altri legami di tipo autoritativo. Sul piano della qualificazione soggettiva il reato di cui all articolo 572 c.p. come modificato, sebbene letteralmente sembri configurarsi quale reato comune ( chiunque ) in realtà si delinea quale reato proprio tourt court nella parte in cui colui che commette il maltrattamento deve essere legato alla vittima da un legame familiare o di convivenza ovvero investito di autorità nei suoi confronti ovvero trovarsi in una di quelle situazioni di affidamento determinato da ragioni di educazione, istruzione, cura e simili. Rispetto alla precedente formulazione si deve rilevare come il nuovo articolo 572 c.p. non contempli più nella condotta base l ipotesi in cui il maltrattamento sia commesso a danno di un fanciullo minore degli anni quattordici; ipotesi questa, invece, disciplinata nel nuovo secondo comma, a titolo di aggravante. Sul piano applicativo la nuova disposizione potrebbe determinare effetti contrari rispetto a quello di rafforzamento della tutela del minore che erano nella mente del legislatore. A ben vedere, infatti, sotto la vigenza del precedente articolo 572 c.p. i maltrattamenti (non entreremo in questa sede sul dibattito dottrinale e giurisprudenziale maturato con riguardo a tale nozione) a danno di un fanciullo minore degli anni quattordici erano puniti con la reclusione da uno a cinque anni a prescindere dalla natura del legame con l agente; il nuovo comma 2 dell articolo induce, invece, a ritenere che tali condotte, seppure sanzionate con pene più elevate, possano essere punite solo nel caso in cui vi sia fra vittima minore ed agente un rapporto di familiarità, di convivenza o di subordinazione-autorità in senso lato. In altri termini le pene previste dalla norma non potrebbero trovare applicazione nel caso, ad esempio, in cui la condotta sia posta in essere dal compagno non convivente del genitore affidatario del minore 10. Ovviamente tale rischio potrebbe rivelarsi infondato laddove, anche in linea con parte della giurisprudenza, si accedesse ad un interpretazione estensiva dell espressione persona della famiglia ricomprendendo in tale nozione anche persone non unite da vincoli di parentela, ma tra le quali siano sorti, per intime abitudini di vita, legami assimilabili a quelli di tipo familiare. Vero è che seguendo tale interpretazione estensiva si dovrebbe riconoscere carattere pleonastico al riferimento al rapporto di convivenza. Sussiste il pericolo quindi che la finalità legislativa di ampliare l ambito soggettivo di applicazione della norma finisca per militare in favore di un interpretazione più letterale della norma con la conseguente attribuzione di rilevanza alle sole ipotesi in cui sussiste un vincolo familiare o di convivenza fra vittima ed agente. È opportuno infine rilevare come il legislatore, attraverso la riscrittura del sesto comma dell articolo 157 del codice penale, abbia previsto il raddoppio dei termini necessari a prescrivere il reato in questione. 3. I delitti contro la libertà individuale Il punto centrale dell intervento legislativo è senza alcun dubbio Temi Romana 13

3 rappresentato dalle modifiche alla serie di disposizioni riguardanti la prostituzione e la pornografia minorili di cui al Capo III, del XII titolo del secondo libro del codice penale 11. In relazione a tali reati 12, è opportuno rilevare preliminarmente, la legge ha previsto il raddoppio dei termini di prescrizione. 3.1 Prostituzione minorile La legge in primo luogo interviene su ambedue le condotte incriminate ai sensi dell articolo 600-bis, relativo alla prostituzione minorile. Per quanto concerne la prima ipotesi di reato, contemplata dal primo comma della norma, il legislatore, riprendendo, di fatto, quanto già previsto dall articolo 3 della legge 20 febbraio 1958, n. 75 (cd. legge Merlin), amplia le condotte che integrano il delitto di induzione, agevolazione e sfruttamento della prostituzione, aggiungendo il reclutamento per la prostituzione, la gestione, l organizzazione e il controllo della prostituzione, nonché qualsiasi ulteriore attività dalla quale derivi per il soggetto la possibilità di trarre profitto dalla prostituzione minorile. Sul piano sanzionatorio è appena il caso di rilevare, in netta controtendenza con il complessivo intervento legislativo, un arrotondamento per difetto (anche se minimo) della pena pecuniaria 13 prevista. Analoga schizofrenia legislativa sul piano sanzionatorio è ravvisabile con riguardo alla condotta di cui al secondo comma dell articolo 600-bis, che, riprendendo una locuzione analoga a quella contenuta nell articolo 609-quater, incrimina il compimento di atti sessuali con un minorenne in cambio di denaro o altra utilità economica. La norma infatti, da un lato, aumenta la pena detentiva (reclusione fino a 4 anni in luogo degli attuali 3), dall altro, però, riduce la pena pecuniaria (multa da a euro, in luogo dell attuale multa non inferiore a euro). Positivamente deve essere invece valutato l intervento modificativo con il quale si precisa che l utilità che viene scambiata con l atto sessuale (la disposizione introduce il concetto di corrispettivo ) non necessariamente debba essere economica e non necessariamente debba essere concretamente corrisposta, potendo ben essere anche solo promessa. La legge interviene in modo incisivo sulle circostanze sia aggravanti speciali che attenuanti. In proposito si deve, in via preliminare, rilevare il tentativo di riassetto sistematico del legislatore, consistente nella unificazione in un unica norma (attraverso l abrogazione dell articolo 600-sexies e l inserimento di sei nuovi commi all articolo 602-ter) della disciplina in materia di circostanze aggravanti speciali prevista per i delitti di tratta e riduzione in schiavitù e per quelli di pedofilia in senso ampio. Rispetto alla disciplina fino ad ora vigente il nuovo articolo 602- ter introduce ulteriori aggravanti speciali. Più in particolare l articolo 602-ter reca tre diverse tipologie di aggravanti. La prima riguarda l età della vittima. Il legislatore ha rimodulato tale aggravante prevedendo che in ambedue le ipotesi contemplate dall articolo 600-bis la pena è aumentata dalla metà ai due terzi se la vittima è minore degli anni sedici 14. Una seconda tipologia di aggravanti prevede un aumento di pena in tutti quei casi in cui fra la vittima e il soggetto attivo del reato sussiste una situazione di disparità di condizione. In particolare- similmente alla precedente legislazione- la pena è aumentata dalla metà ai due terzi, in primo luogo, se il fatto è commesso da un ascendente, dal genitore adottivo, o dal loro coniuge o convivente, dal coniuge o da affini entro il secondo grado, da parenti fino al quarto grado collaterale, dal tutore o da persona a cui il minore è stato affidato per ragioni di cura, educazione, istruzione, vigilanza, custodia, lavoro; in secondo luogo quando il fatto è commesso da pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio nell esercizio delle loro funzioni; infine quando la persona offesa è un minore in stato di infermità o minorazione psichica, naturale o provocata. A tale tipologia il legislatore ha aggiunto anche un ulteriore ipotesi: la pena è aumentata da un terzo alla metà per il fatto commesso approfittando della situazione di necessità del minore. Un ultima categoria di aggravanti ricomprende tutte le ipotesi in cui la condotta criminosa è posta in essere secondo particolari modalità. Più nel dettaglio la pena è aumentata, nei soli casi previsti dal primo comma dell articolo 600-bis, da un terzo alla metà se il fatto è commesso con violenza o minaccia e dalla metà ai due terzi se il fatto è commesso mediante somministrazione di sostanze alcoliche, narcotiche, stupefacenti o comunque pregiudizievoli per la salute fisica o psichica del minore, ovvero se è commesso nei confronti di tre o più persone. Quest ultima aggravante, è opportuno osservare, riprende una formulazione già contenuta nel codice, all articolo 609-ter, con riferimento al reato di violenza sessuale. È appena il caso di notare che già in via interpretativa si riconosceva rilievo, ai fini dell aggravante della inferiorità psichica, anche al caso in cui tale condizione fosse stata indotta attraverso la somministrazione di alcolici o sostanze stupefacenti. L introduzione di tale nuova aggravante, che ci preme ricordare opera solo limitatamente ai casi di sfruttamento in senso lato della prostituzione minorile, sembrerebbe voler punire l agente per la mera somministrazione di tali sostanze a prescindere dal fatto che esse incidano sulla capacità di intendere e di volere del minore. Sembrerebbe doversi escludere ai fini dell applicazione dell aggravante in questione, il caso in cui le sostanze alcooliche, stupefacenti o dannose per la salute siano state somministrate al minore da altri ovvero assunte dalla stessa vittima del reato. La stessa aggravante oltre a comportare un aumento di pena da un terzo alla metà (attualmente comporta la pena della reclusione da 2 a 5 anni), è prevalente su eventuali attenuanti concorrenti (a meno che non si tratti dell attenuante per la minore età dell autore del fatto articolo 98 c.p. o per la minima importanza dell opera di colui che ha concorso nel reato articolo Temi Romana

4 c.p.). Conseguentemente, il giudice potrà calcolare riduzioni solo sulla pena risultante dall applicazione dell aggravante. L applicazione dell aggravante dovrà infine avvenire senza che l autore del fatto possa invocare l ignoranza dell età infrasedicenne della persona offesa. Attualmente, analoga previsione è contemplata dall articolo 609-sexies in relazione ai delitti di violenza sessuale. Per quanto concerne le circostanze attenuanti il legislatore ha, abrogando il terzo comma dell articolo 600-bis, escluso ogni beneficio nel caso in cui il fatto sia stato commesso da persona minore degli anni diciotto. Sarebbe stato auspicabile un più completo intervento di coordinamento della disciplina codicistica attraverso la soppressione della delimitazione verso il basso, ai fini del reato di prostituzione minorile di cui al secondo comma, della cerchia dei minori destinatari di tutela. A ben vedere infatti una lettura della norma coordinata con quanto previsto dall articolo 609-quater in materia di atti sessuali con minorenne pone in evidenza alcune illogicità. La disposizione da ultimo richiamata, della quale si dirà più ampiamente in seguito (essendo stata anche essa oggetto di modifica) prevede al comma terzo una precisa clausola di non punibilità per il minore che compie atti sessuali con persona che ha compiuto gli anni tredici se la differenza di età tra vittima e soggetto agente non è superiore a tre anni. Ne consegue che mentre ai sensi dell articolo 600-bis il minore che ha sedici o quindici anni e compia atti sessuali, in cambio di un corrispettivo con altro minore di quattordici anni, viceversa non lo sarebbe se lo stesso minore realizzasse la medesima condotta con una tredicenne, dal momento che, come detto, la norma prevede il limite minimo dei quattordici anni e potrebbe trovare invece applicazione la condizione di non punibilità di cui all articolo 609-quater. Significative novità sono rintracciabili anche in tema di elemento soggettivo del reato. È necessario rilevare infatti come la legge in esame inserisca nel codice penale con riguardo ai delitti contro la personalità individuale il nuovo articolo 602-quater, con il quale, similmente all articolo 609-sexies del codice (norma anche essa oggetto di modifica), si sancisce l inescusabilità dell errore sull età della persona offesa dal reato. Tale previsione, non richiedendo più che nei reati de quibus, il dolo dell agente investa anche la minore età della vittima, dovrebbe consentire di superare le difficoltà relative all accertamento del dolo Il reato di pornografia minorile La legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote interviene poi incisivamente anche sul reato di pornografia minorile, di cui all articolo 600-ter del codice penale. Tale intervento, volto a contrastare ogni forma del mercato pedopornografico, si sostanzia in primo luogo in un ampliamento del novero delle fattispecie penalmente rilevanti. In particolare riconducibili a tale delitto, aggiungendo alle esibizioni pornografiche il concetto di spettacoli pornografici e al concetto di induzione alla pornografia minorile quello di reclutamento e prevedendo la sanzionabilità anche di colui che, a prescindere da tali condotte attive, tragga comunque profitto da tali esibizioni e spettacoli. È necessario rilevare però che se, da un lato, è ampliato il novero delle condotte sanzionabili, dall altro, è ridotto l ammontare delle sanzioni pecuniarie previste (da / euro a / euro). L articolo 600-ter è stato poi integrato con l aggiunta di due nuovi commi, l uno recante la definizione di pornografia minorile e l altro la previsione di pesanti sanzioni (reclusione fino a tre anni e multa da a euro) per coloro che assistono a esibizioni o spettacoli pornografici in cui siano coinvolti minori di diciotto anni. L aspetto più significativo dell intervento legislativo è senza dubbio rappresentato dal nuovo sesto comma dell articolo, con il quale, in ossequio al principio di determinatezza e superando le difficoltà rappresentate nella relazione governativa alla legge n. 38 del 2006, si introduce nel codice la definizione di pornografia minorile 16. Con essa si intende ogni rappresentazione, con qualunque mezzo, di un minore degli anni diciotto coinvolto in attività sessuali esplicite, reali o simulate, o qualunque rappresentazione degli organi sessuali di un minore di anni diciotto per scopi sessuali. Il legislatore ha voluto in tal modo, seppur tardivamente, orientare l elaborazione dottrinale e giurisprudenziale, tentando di risolvere i dubbi interpretativi sorti in sede di applicazione. Alcune doverose notazioni circa la portata della nuova definizione. In primo luogo in essa non compare alcun riferimento al concetto di osceno, sebbene come noto in numerose pronunce giurisprudenziali relative ai delitti di oscenità, il termine pornografico ricorra spesso quale sinonimo di osceno. Immediata conseguenza è l impossibilità per l interprete di impiegare i risultati dell elaborazione dottrinale e giurisprudenziale della nozione di osceno al reato di pornografia minorile. È appena il caso di notare le incertezze e i contrasti interpretativi che tali tentativi in passato realizzato hanno determinato. In secondo luogo tale definizione sgombra il campo da quegli orientamenti (prettamente dottrinali) che riconducevano la pornografia alla prostituzione e che pertanto ritenevano che si potesse parlare di pornografia minorile nei soli casi in cui vi fosse un diretto e fisico coinvolgimento della sessualità del minore finalizzato al lucro o vantaggio economico per almeno uno dei soggetti partecipanti. La nuova definizione codicistica infatti oltre a riconoscere rilevanza penale non solo alla rappresentazione di minori coinvolti in attività sessuali esplicite simulate, ma anche alla mera rappresentazione di parti intime del corpo del minore, in ragione dell intrinseco effetto di eccitamento ( per scopi sessuali ) che tale visione può provocare in determinati fruitori; non reca alcun riferimento a finalità lucrative (pur essendo queste molte volte ravvisabili nelle fattispecie di cui all articolo 600-ter). Nella valutazione del carattere pornografico di un oggetto o di Temi Romana 15

5 uno spettacolo il legislatore ha, da un lato, attribuito rilievo al loro contenuto, essi infatti devono consistere nella rappresentazione di atti sessuali o di organi sessuali di un minore, e dall altro richiesto, con riguardo alle rappresentazioni di organi sessuali, l elemento finalistico dell eccitamento erotico. Un ulteriore rilievo riguarda il mezzo con il quale si realizza la rappresentazione. A ben vedere la norma sancisce l irrilevanza del mezzo ( con qualunque mezzo ) solo in relazione alle rappresentazioni di atti sessuali, mentre nulla è detto con riguardo alle rappresentazioni di parti intime del minore per scopi sessuali. Per quanto concerne la riformulazione del comma primo dell articolo 600-ter, l intervento legislativo amplia il novero delle condotte riconducibili a tale delitto, aggiungendo alle esibizioni pornografiche il concetto di spettacoli pornografici e al concetto di induzione alla pornografia minorile quello di reclutamento e prevedendo la sanzionabilità anche di colui che dagli spettacoli pornografici trae altrimenti profitto. Per quanto concerne l elemento soggettivo del reato e la disciplina delle attenuanti ed aggravanti si ritiene opportuno fare rinvio alle considerazioni già svolte con riguardo al reato di prostituzione minorile. Un unica doverosa precisazione: il legislatore non è intervenuto sulla circostanza aggravante ad effetto speciale di cui al quinto comma dell articolo in esame. 4. Modifiche ai delitti contro la libertà personale Significative modifiche sono apportate dalla legge in esame anche alle disposizioni del codice penale contenute nella Sezione II, Dei delitti contro la libertà personale, con particolare riferimento ai delitti a sfondo sessuale di cui agli articoli da 609-bis a 609-decies. L intervento riformatore del legislatore si sostanzia in particolare nel raddoppio degli ordinari termini di prescrizione 17 ; in modifiche ai reati di atti sessuali con minorenne e di corruzione di minorenne; nella riscrittura dell articolo 609-sexies relativo all ignoranza dell età della persona offesa; nella introduzione di ulteriori pene accessorie per i delitti di violenza sessuale e di misure di sicurezza personali a carico di colui che sia stato condannato per i delitti a sfondo sessuali indicati; in novelle all articolo 609-decies del codice penale, relativo alla comunicazione al tribunale per i minorenni; ed infine nella introduzione del nuovo delitto di adescamento di minorenni (articolo 609-undecies). Si ritiene opportuno rinviare ad autonomi paragrafi l analisi delle modifiche apportate alle singole fattispecie di reato, soffermandosi invece sulle norme di carattere più generale. Per quanto concerne l istituto dell ignoranza dell età della persona offesa, la legge ne modifica la disciplina attraverso due interventi: da un lato attraverso l inserimento nella sezione Dei delitti contro la personalità individuale dell articolo 602-quater, del quale si è già dato conto, e, dall altro, con la riformulazione dell articolo 609-sexies 18. In particolare la legge oltre ad inserire nella disposizione il richiamo al delitto di adescamento di minorenne- in analogia con quanto disposto dall articolo 602-quater- eleva l età della persona offesa la cui ignoranza è inescusabile, portandola da meno di 14 a meno di 18 anni e introduce il concetto di ignoranza inevitabile 19. Relativamente alla disciplina delle pene accessorie ai delitti sessuali oltre ad un intervento di mero coordinamento, legato all esigenza di ricomprendere anche la nuova fattispecie di adescamento di minorenne, il legislatore inserisce tra le pene accessorie per i delitti di violenza sessuale l interdizione da qualsiasi ufficio attinente all amministrazione di sostegno, l interdizione temporanea dai pubblici uffici per la durata di cinque anni in caso di condanna alla reclusione dai tre ai cinque anni e la sospensione dall esercizio di una professione o di un arte. Innovativa è poi la previsione di misure di sicurezza personali a carico di coloro che sono stati condannati per i reati di atti sessuali con minorenne in cambio di corrispettivo; di violenza sessuale aggravata; di atti sessuali con minorenne; di corruzione di minorenne e di violenza sessuale di gruppo aggravata. La violazione delle disposizioni inerenti alla misura di sicurezza è, a sua volta, sanzionata con la pena della reclusione da 6 mesi a 4 anni. In particolare, dopo l esecuzione della pena e per i successivi 5 anni al reo sono applicate le seguenti misure: restrizioni alla libertà di circolazione; divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati da minori; divieto di svolgere lavori che comportino un contatto abituale con i minori; obbligo di aggiornare le autorità sui propri spostamenti. In proposito è stato correttamente rilevato come la disposizione finisca per configurare una sorta di libertà vigilata speciale caratterizzata dalla tipizzazione delle prescrizioni applicate al sottoposto Delitto di atti sessuali con minorenne Il legislatore è in primo luogo intervenuto sul delitto di atti sessuali con minorenne, previsto dall articolo 609-quater c.p., ampliando l ambito soggettivo di applicazione fattispecie di cui al secondo comma relativa agli atti sessuali con minore infradiciottenne; fattispecie questa introdotta recentemente con la legge n. 38 del La nuova formulazione della norma fa salva la originaria costruzione della fattispecie inserendo tra i possibili autori del delitto le persone a cui il minore sia affidato per ragioni di cura, educazione, istruzione, vigilanza o custodia. A seguito di tale intervento modificativo, il quale non ha inciso però sulla natura di reato a soggettività ristretta, si attenua, attraverso l ampliamento dei soggetti attivi del reato, uno degli elementi differenziali rispetto alla tutela assicurata al minore infrasedicenne dall articolo 609-quater, primo comma n. 2. Il legislatore non ha ritenuto invece di intervenire sulla descrizione della condotta tipica, che continua a richiedere il compimento di atti sessuali con il minore mediante l abuso di poteri connessi alla particolare posizione del soggetto attivo Delitto di corruzione di minorenne Oggetto di modifica è poi l articolo 609-quinquies, relativo al 16 Temi Romana

6 delitto di corruzione di minorenne. La legge oltre ad intervenire sulla pena edittale, prevedendo la reclusione da uno a cinque anni anziché da sei mesi a tre anni, introduce una nuova fattispecie delittuosa e una circostanza aggravante. Il nuovo reato sanziona, con la pena della reclusione da uno a 5 anni, chiunque faccia assistere un infraquattordicenne al compimento di atti sessuali, ovvero gli mostri materiale pornografico al fine di indurlo a compiere o a subire atti sessuali. Tale intervento si è reso necessario al fine di adeguare la legislazione nazionale alle esigenze poste dall articolo 22 della Convenzione, a norma del quale «Le Parti adotteranno le misure necessarie legislative e di altro genere al fine di considerare reato penale il fatto intenzionale di far assistere, a fini sessuali, un bambino [ ], anche senza che egli partecipi ad abusi sessuali o ad attività sessuali». Si può in proposito rilevare una certa similitudine con la storica formulazione del reato di corruzione di minorenne contemplata dall abrogato articolo 530 del codice penale, nella parte in cui, prevedeva una più nutrita serie di possibili condotte costitutive del delitto, prospettando sia il compimento di atti di libidine sulla persona o in presenza della persona minore, sia l induzione del minore a commettere tali atti. È appena il caso di rilevare come la giurisprudenza escluda la configurabilità del reato in questione nel caso in cui il minore non faccia esplicitamente da spettatore, ma sia egli stesso destinatario delle attenzioni dell agente. In tali casi si dovrebbe ipotizzare la diversa figura criminosa prevista dall articolo 609-quater 22. Il discrimine fra le due fattispecie delittuose dovrà essere certamente rivisto alla luce dell intervento legislativo in esame, il quale, come ricordato, sanziona ai sensi dell articolo 609-quinquies anche l ipotesi in cui la condotta sia volta ad indurre il minore a compiere o a subire atti sessuali. La novella poi introduce una nuova aggravante ad effetto speciale (pena aumentata fino alla metà) nell ipotesi in cui il delitto sia commesso da una persona legata da rapporti particolari con il minore: un ascendente, un genitore (anche adottivo), il convivente del genitore, il tutore o chiunque altro al quale il minore sia affidato (per ragioni di cura, educazione, istruzione, vigilanza o custodia), o chiunque conviva stabilmente con il minore. 5. Le nuove fattispecie di reato 5.1 La nuova fattispecie di pubblica istigazione o apologia a pratiche di pedofilia o pedopornografia La legge, introducendo nel codice penale il nuovo articolo 414- bis, configura, nell ambito dei delitti contro l ordine pubblico, una ulteriore fattispecie di reato, la quale punisce, con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni (oltre che con le pene accessorie di cui all articolo 600-septies.2) e sempre che il fatto non costituisca più grave reato, la pubblica istigazione con qualsiasi mezzo e con qualsiasi forma di espressione a commettere, in danno di minorenni, i reati di cui agli articoli 600- bis, 600-ter, 600-quater ( anche se relativi al materiale pornografico di cui all articolo 600-quater.1 ), 600-quinquies, 609- bis, 609-quater e 609-quinquies e la pubblica apologia di detti reati 23. Il legislatore ha poi esplicitamente escluso la possibilità di invocare a scusa ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico o di costume. Nel corso dell esame parlamentare l introduzione di una disposizione specifica volta a punire l istigazione o l apologia dei reati di pedofilia è stata oggetto di ampio dibattito, soprattutto in considerazione dell applicabilità anche a tali condotte della disciplina prevista dall articolo 414 del codice penale 24. Rispetto alla fattispecie generale, sulla quale la norma è evidentemente modellata, il nuovo reato prevede una pena (da un anno e sei mesi a cinque anni) nel minimo più alta rispetto a quella prevista per l istigazione a commettere delitti e per l apologia di reato (reclusione da uno a cinque anni). Il fatto tipico ruota anche in questo caso intorno al concetto di istigazione, il quale, secondo orientamenti dottrinali e giurisprudenziali consolidati, assume rilevanza penale solo se idonea secondo un giudizio ex ante ed in concreto a provocare delitti 25. Proprio tale idoneità rappresenta il discrimine fra le condotte illecitamente istigatrici e la mera libera (e lecita) manifestazione del pensiero. La previsione dell inescusabilità per ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico o di costume induce a ritenere ampliata almeno teoricamente l area del penalmente rilevante. A ben vedere, infatti ci sia consentita questa licenza tale disposizione dovrebbe indurre a ritenere sanzionabili non solo grandi scrittori, quali Nabokov, il cui celebre romanzo Lolita, si basa per l appunto su una storia pedofila, ma anche registi (si pensi alla trasposizione cinematografica del Maestro Kubrick) o cantanti (si pensi alla vicenda, che ha avuto anche eco nelle aule parlamentari, legata al brano Il pettirosso del cantautore Gino Paoli). Tale timore sembra quanto mai fondato se si considera la posizione giurisprudenziale in ordine al momento di consumazione del delitto. Come è noto il delitto di istigazione generale si consuma non appena viene realizzata (pubblicamente) la condotta istigatrice a prescindere dalla effettiva commissione del reato o dei reati istigati. A ciò si aggiunga che secondo parte della giurisprudenza ai fini della consumazione sarebbe addirittura sufficiente la semplice percebilità delle espressioni usate dall agente. Per quanto concerne le modalità di commissione della istigazione il legislatore oltre a richiedere il requisito della pubblicità, sancisce anche l irrilevanza (con qualsiasi mezzo e con qualsiasi forma di espressione) delle forme con le quali l attività istigatrice è posta in essere. Il comma secondo dell articolo 414-bis punisce poi la pubblica apologia dei reati elencati nel primo comma. Similmente alla previsione di cui al comma terzo dell articolo 414 del codice penale, l apologia qui sanzionata non è, dunque, la manifestazione di pensiero pura e semplice, ma quella che per le sue modalità integri comportamento concretamente idoneo a provo- Temi Romana 17

7 care la commissione di delitti 26. Il nuovo reato, che si prescrive in sei anni, è procedibile d ufficio, esige l udienza preliminare ed appartiene alla cognizione del Tribunale monocratico. L arresto in flagranza è facoltativo, mentre il fermo dell indiziato non è consentito; sono applicabili custodia cautelare in carcere ed altre misure coercitive. 5.2 La nuova fattispecie associativa. La legge in esame, poi, novellando l articolo 416 del codice penale, prevede una nuova fattispecie di associazione a delinquere, quella diretta a commettere taluno dei delitti previsti dagli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater.1, 600- quinquies, 609-bis (quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto), 609-quater, 609-quinquies, 609-octies (anche in tal caso quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto), e 609-undecies. Rispetto alla fattispecie generale si deve rilevare un inasprimento del quadro sanzionatorio: la norma prevede infatti che in tal caso i partecipanti all associazione a delinquere siano soggetti alla reclusione da due a sei anni (anziché da uno a cinque) mentre i capi, gli organizzatori, i promotori e i costitutori dell associazione siano soggetti alla reclusione da 4 a 8 anni (anziché da tre a sette). È appena il caso di ricordare che la norma sanziona la costituzione dell associazione in quanto tale, a prescindere dalla commissione dei suddetti delitti sessuali. Nel caso di commissione gli autori materiali sono chiamati a rispondere del reato di associazione per delinquere, in concorso con il reato in oggetto. Il nuovo reato, i cui termini di prescrizione sono raddoppiati (quindi, rispettivamente, 16 e 12 anni), è procedibile d ufficio ed è attribuito alla cognizione del tribunale collegiale. L arresto in flagranza è facoltativo; il fermo dell indiziato è consentito; le misure cautelari personali sono applicabili. 5.3 Il reato di adescamento di minorenni Strettamente collegata agli obblighi derivanti dalla ratifica della Convenzione di Lanzarote è l introduzione fra i delitti contro la libertà personale del nuovo reato di adescamento di minorenni di cui all articolo 609-undecies. La nuova fattispecie di adescamento è volta ad anticipare la soglia della punibilità, sanzionando, con la pena della reclusione da uno a tre anni, chiunque adesca un minore di sedici anni, ovvero compiere atti idonei a carpire la fiducia del minore attraverso artifici, lusinghe o minacce, anche attraverso l utilizzazione della rete internet o di altre reti o mezzi di comunicazione. Si tratta di un reato comune di pericolo, connotato, sul piano dell elemento soggettivo, dal dolo specifico, in quanto è necessario che il soggetto attivo abbia agito al fine di commettere i delitti di cui agli articoli 600, 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater. 1, 600-quinquies, 609-bis, 609-quater, 609-quinquies e 609-octies. La nuova fattispecie delittuosa, a ben vedere, però, si spinge oltre rispetto a quanto imposto dall articolo 23 della Convenzione, il quale sanziona la condotta di colui che intenzionalmente propone un incontro ad un bambino, per mezzo delle tecnologie di comunicazione e di informazione, solo nel caso in cui tale proposta sia seguita da atti materiali riconducibili a detto incontro. La previsione di un dolo specifico può considerarsi riconducibile all esigenza di ovviare ai dubbi di determinatezza che la nozione di adescamento presenta. È opportuno ricordare in proposito la posizione assunta dalla Corte di Cassazione in merito alla nozione di adescamento, richiamata a livello normativo dall articolo 600-ter, terzo comma, del codice penale 27. Al riguardo la Suprema Corte infatti oltre ad aver osservato come con tale disposizione, si finisca per sanzionare, a livello semplicemente di pericolo, una condotta che, in sé, se realizzata e cioè l adescamento non trova una sanzione autonoma come tale (anche se potrebbe essere ricondotta nell alveo del tentativo di sfruttamento o induzione alla prostituzione), ha anche rilevato come non si possa neppure ignorare l elevato tasso di indeterminatezza che caratterizza in generale questa previsione, come a confermare ulteriormente che il comportamento incriminato si caratterizza per il suo ampio spettro informativo. (i) Il testo è a cura di Carmen Andreuccioli per i paragrafi dalla Premessa fino al 3.1 e a cura di Irma Conti per i successivi. 1 L esame del disegno di legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote da parte delle Commissioni riunite giustizia e affari esteri della Camera si innestava in un iter già avviato, da circa un anno, da parte della sola 2^ Commissione su provvedimenti in tema di pedofilia. Al momento della presentazione da parte del Governo del progetto di legge di ratifica tale Commissione era già giunta alla formulazione di un testo unificato, nel quale erano state inserite tutte quelle disposizioni di natura penale e processuale che erano apparse a tutti i gruppi come estremamente importanti per contrastare la pedofilia, non solo con strumenti di repressione del fatto avvenuto, ma, anzi, specialmente, anche attraverso misure preventive. Obiettivo della Commissione giustizia, era stato principalmente quello di anticipare la soglia della punibilità, intercettando tutti quei comportamenti che si verificano in momenti che precedono l abuso. I punti salienti del testo unificato erano, quindi, l introduzione dei reati di pedofilia culturale, di adescamento di minore, di omessa denuncia di reato in danno di minore e di distrazione di documenti redatti dal minore. In occasione dell adozione del testo, il Governo aveva chiesto di attendere la presentazione imminente del disegno di legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote. Tale richiesta, seppure accolta in considerazione dell importanza della Convenzione in ambito internazionale, non ha determinato la totale vanificazione del lavoro già svolto. E alla luce di tale ricostruzione che si comprende più chiaramente l inserimento in un disegno di legge di ratifica di così numerose norme di adattamento, non sempre strettamente riconducibili agli obblighi di diritto internazionale. 18 Temi Romana

8 2 Tale convenzione, come noto, entrata in vigore il 1 luglio 2010, è il primo strumento internazionale con il quale si prevede che gli abusi sessuali contro i bambini siano considerati reati. Oltre alle fattispecie di reato più diffuse in questo campo (abuso sessuale, prostituzione infantile, pedopornografia, partecipazione coatta di bambini a spettacoli pornografici) la Convenzione disciplina anche i casi di grooming (adescamento attraverso internet) e di turismo sessuale. La Convenzione delinea misure preventive che comprendono lo screening, il reclutamento e l addestramento di personale che possa lavorare con i bambini al fine di renderli consapevoli dei rischi che possono correre e di insegnare loro a proteggersi, stabilisce inoltre programmi di supporto alle vittime, incoraggia la denuncia di presunti abusi e di episodi di sfruttamento e prevede l istituzione di centri di aiuto via telefono o via internet. Sui profili concernenti la tutela dei minori anche su internet si veda MUSSEL- LI L., Internet e tutela dei minori, in: Dir. informaz. e dell informatica, 6, 2011, pp. 727 e ss. 3 Per una analisi delle riforme ai delitti contro la personalità individuale si veda RESTA F., I delitti contro la personalità individuale, alla luce delle recenti riforme, in: Giur. mer., 4, 2006, pp. 265 e ss. 4 Si veda CURRELI C., Il minore persona offesa: aspetti di diritto sostanziale, questioni giurisprudenziali e tecniche di indagine, in: Cass. Pen., 11, 2006, pp e ss. 5 È importante osservare come non esistano statistiche ufficiali e attendibili circa la reale portata dei fenomeni criminosi in questione. Sull impatto dei mezzi di informazione sulla legislazione penale in materia di reati sessuali si veda BERTOLINO M., Reati sessuali e tutela dei minori: la prospettiva dei mezzi di informazione e quella dei giudici a confronto, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 1, 2006, pp. 340 e ss. 6 È appena il caso di notare che nel corso dell esame in terza lettura da parte del Senato, è stato presentato e respinto un ordine del giorno (G2), con il quale si impegnava il Governo, fra l altro: a valutare l opportunità di adottare adeguate iniziative legislative volte a prevedere che, in caso di condanna per alcuno dei reati di cui agli articoli del provvedimento in esame commessi a danno di minori, sia ammessa la positiva partecipazione ad un programma di riabilitazione costituito dalla sottoposizione al trattamento del blocco androgenico totale, inserito in un programma di recupero psicoterapeutico, svolto a cura dell amministrazione penitenziaria. 7 Si veda ROMANO B., L abuso sessuale infrafamiliare, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 3, 2010, pp e ss. 8 Cass. Pen., Sentenza del 3 luglio 1997, n È appena il caso di ricordare che il codice Zanardelli classificava il reato di maltrattamenti tra i delitti contro la persona. 10 Sulla questione concernente il rilievo giuridico da riconoscere ai rapporti scaturenti dalla convivenza di fatto si veda BERTOLINO M., La famiglia, le famiglie: nuovi orizzonti della tutela penale, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 2, 2008, pp. 572 e ss. 11 Per una ricostruzione sotto il profilo criminologico, seppure non troppo recente, della portata dei reati sessuali ai danni dei minori si veda MARIANI E. e BIAN- CHETTI R., L abuso sessuale sui minori: un analisi criminologica del fenomeno, in: Cass. Pen., 3, 2003, pp e ss. 12 Più precisamente i termini di prescrizione sono stati raddoppiati per le seguenti fattispecie di reato: riduzione o mantenimento in schiavitù (art. 600), prostituzione minorile (art. 600-bis), pornografia minorile anche virtuale (art. 600-ter e art. 600-quater.1), detenzione di materiale pornografico (600-quater), turismo sessuale (600-quinquies), impiego di minori nell accattonaggio (art. 600-octies), tratta di persone (601), acquisto e alienazione di schiavi (602); 13 Tale ipotesi di reato fino ad ora sanzionata con la reclusione da sei a dodici anni e con la pena pecuniaria da euro a euro, risulta punita con la medesima sanzione detentiva, ma con una multa da a euro È appena il caso di ricordare che in base alla previgente disposizione nelle ipotesi di sfruttamento della prostituzione minorile di cui al comma primo dell articolo la pena della reclusione, nel caso di vittima minore di anni quattordici, era aumentata da un terzo alla metà. Nelle ipotesi invece di cui al secondo comma, nei casi di vittima minore degli anni sedici la pena della reclusione era da due a cinque anni. 15 Si veda in proposito MARTINI A., Commento all articolo 3 della legge 3 agosto 1998, n. 269, in: AA.VV., Commento alla legge 3 agosto 1998, n. 269, in Legisl. Pen., 1, 1999, p. 87, il quale aveva criticato la scelta di non introdurre per la fattispecie in commento una norma analoga a quella contenuta nell articolo 609-sexies. 16 Si veda in proposito CADOPPI A., L assenza delle cause di non punibilità mette a rischio le buone intenzioni, in: Guida al dir., 9, 2006, pp. 37 e ss., il quale, all indomani della riforma, rilevava l esigenza che il legislatore, in omaggio al principio di determinatezza, fornisse una chiara definizione del concetto di pornografia. 17 Più precisamente la legge prevede termini di prescrizioni raddoppiati per i seguenti reati: violenza sessuale semplice e di gruppo (609-bis e 609-octies), atti sessuali con minorenne (609-quater), corruzione di minorenne (art. 609-quinquies) a meno che non si tratti di fattispecie la cui gravità è ridotta (cfr. le attenuanti di cui agli articoli 609-bis, terzo comma e 609-quater, quarto comma). 18 Sulle criticità poste dall articolo 609-sexies si vedano VIZZARDI M., Ignoranza dell età della persona offesa e principio di colpevolezza, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 3, 2008, pp e ss.; RISICATO L., Error Aetatis e principio di colpevolezza: un perseverare diabolicum?, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 2, 2000, pp. 584 e ss. e ARIOLLI G., L ignoranza dell età della vittima nell ambito dei delitti contro la libertà sessuale: un necessario contemperamento tra il principio di colpevolezza e le esigenze di tutela dell intangibilità sessuale dei soggetti più deboli, in: Cass. Pen., 1, 2008, pp. 30 e ss. Più in generale sulla questione concernente la rilevanza della minore età nei reati sessuali si veda LA ROSA M., Minore età e abusi sessuali: punti fermi e questioni aperte nella legislazione penale e nel diritto vivente, in: Riv. ital. dir. e proc. pen., 1, 2008, pp. 213 e ss. 19 Con riferimento a tale ultimo profilo, si ricorda che la Corte costituzionale, nel dichiarare inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell art sexies, affermava che essendo l indicata scelta di politica criminale, in sé, pienamente razionale la norma censurata potrebbe ritenersi lesiva del principio di colpevolezza non certo per il mero fatto che essa deroga agli ordinari criteri in tema di imputazione dolosa; ma, semmai, unicamente nella parte in cui neghi rilievo all ignoranza o all errore inevitabile sull età ; la Corte aggiunge che Il giudizio di inevitabilità postula, infatti, in chi si accinga al compimento di atti sessuali con un soggetto che appare di giovane età, un «impegno» conoscitivo proporzionale alla pregnanza dei valori in giuoco, il quale non può certo esaurirsi nel mero affidamento nelle dichiarazioni del minore: dichiarazioni che, secondo la comune esperienza, possono bene risultare mendaci, specie nel particolare contesto considerato. E ciò fermo restando, ovviamente, che qualora gli strumenti conoscitivi e di apprezzamento di cui il soggetto attivo dispone lascino residuare il dubbio circa l effettiva età maggiore o minore dei quattordici anni del partner, detto soggetto, al fine di non incorrere in responsabilità penali, deve necessariamente astenersi dal rapporto sessuale: giacché operare in situazione di dubbio circa un elemento costitutivo dell illecito (o un presupposto del fatto) lungi dall integrare una ipotesi di ignoranza inevitabile equivale ad un atteggiamento psicologico di colpa, se non, addirittura, di cosiddetto dolo eventuale (Corte cost. 322/2007). 20 ANDREAZZA G. e PISTORELLI L., Relazione sulla Legge 1 ottobre 2012, n. 172 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre 2007, in: e.pdf, p Cfr. LONGARI C., Atti sessuali con minorenne, in COPPI F., (cur.): I reati sessuali, i reati di sfruttamento dei minori e di riduzione in schiavitù per fini sessuali, Torino, 2007, p Sulla distinzione fra il reato de qua e il delitto di violenza sessuale si veda BRUNO M., Su violenza sessuale e atti di corruzione in danno di minori, in: Giur. Mer., 2, 2001, p. 466 e ss. 23 È appena il caso di ricordare che nell ordinamento penale sono presenti già altre ipotesi speciali di istigazione, sia nel codice penale (ad esempio l istigazione a disobbedire alle leggi o all odio tra le classi di cui all articolo 415) sia in leggi complementari (ad esempio la pubblica istigazione e apologia del delitto di genocidio di cui all articolo 8 della legge 9 ottobre 1967, n. 962; l istigazione all uso illecito di sostanze stupefacenti o allo svolgimento di attività di proselitismo per tale uso di cui all articolo 82 del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309), in vario modo sanzionate. 24 Con riferimento a tale ultima disposizione, la Corte costituzionale ha precisato che apologia punibile non è quella che si estrinseca in una semplice manifestazione del pensiero, ma è quella che per le modalità con le quali viene compiuta rivesta carattere di effettiva pericolosità per l esistenza di beni costituzionalmente protetti e integri un comportamento concretamente idoneo a promuovere la commissione di delitti (in tal senso le Sentenze n. 6 del 1970, n. 108 del 1974 e n. 71 del 1978). Nel medesimo senso anche la giurisprudenza della Cassazione penale, secondo cui La libertà di manifestazione del pensiero non può ritenersi assoluta, ma deve trovare limiti nella necessità di proteggere altri beni di rilievo costituzionale e nell esigenza di prevenire o far cessare turbamenti della sicurezza pubblica, la cui tutela costituisce una finalità immanente del sistema (Cass. Pen. Sez. I, Sentenza del 15 ottobre 1983 n. 8236). 25 Sulla natura di reato di pericolo concreto della fattispecie di cui all art. 414 si veda a titolo esemplificativo Cass. Pen., Sez. 1, Sentenza del 5 giugno 2001 n , (Vencato). 26 C. cost., Sentenza del 4 maggio 1970 n Cass. Pen., Sentenza del 5 marzo 2009 n Temi Romana 19

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

Senato della Repubblica - 33 - Camera dei deputati

Senato della Repubblica - 33 - Camera dei deputati Senato della Repubblica - 33 - Camera dei deputati penale, le modifiche al codice di procedura penale e, infine, ulteriori disposizioni che novellano le norme già in vigore in materia di misure di prevenzione,

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace (Cassazione, terza sezione penale, sentenza del 19 luglio 2011, depositata il 2 agosto 2011, n. 30564).

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Titolo I - Misure di sensibilizzazione e di prevenzione contro la violenza in famiglia, di genere e contro le discriminazioni

Titolo I - Misure di sensibilizzazione e di prevenzione contro la violenza in famiglia, di genere e contro le discriminazioni Schema di disegno di legge recante Misure di sensibilizzazione e prevenzione, nonché repressione dei delitti contro la persona e nell ambito della famiglia, per l orientamento sessuale, l identità di genere

Dettagli

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da::

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo INTRODUZIONE DI DISPOSIZIONI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DELLA TUTELA PENALE DELLA FAUNA SELVATICA PROTETTA ONOREVOLI SENATORI. Il presente disegno di

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Rel. n. III/10/2012 Roma, 19 ottobre 2012

Rel. n. III/10/2012 Roma, 19 ottobre 2012 Rel. n. III/10/2012 Roma, 19 ottobre 2012 Novità legislative: L. 1 ottobre 2012, n. 172 recante "Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Impiego di cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/10 Sommario

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

bruno.malusardi@comune.milano.it

bruno.malusardi@comune.milano.it Commento all'art. 600-bis (Prostituzione minorile) del codice penale, alla luce della sentenza della Cassazione, sezioni unite penali, n. 16207/2013 dep. 14.04.2014 Premessa È ben noto che il "cliente"

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne Ordine degli Avvocati di Milano Comitato per le Pari Opportunità Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne - vademecum normativo - consigli pratici 1 Decreto Legge 23 febbraio

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Legge 3 agosto 1998, n. 269

Legge 3 agosto 1998, n. 269 Pagina 1 di 6 Indici delle leggi Legge 3 agosto 1998, n. 269 "Norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali nuove forme di riduzione

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli