Tutti i colori del mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutti i colori del mondo"

Transcript

1 Tutti i colori del mondo Teresa Senzasogni è nata nel vento. È nata da una matta, da una che figurati che vai a pensare che è incinta. Un paese intero che guarda da un altra parte, lei che ci cammina in mezzo 1. C era la fiera, in città. E mentre le raffiche di vento gonfiavano i teli dei carri, minacciavano la fiamma del mangiafuoco, sollevavano polvere e muovevano le criniere dei cavalli, la vecchia Senzasogni si è accasciata per terra e si è messa a gridare. 2 Mentre il vento faceva tremare i vetri delle finestre, urlava tra rami e rocce, rovesciava semi e terra, le acque si sono rotte. Nessuno ha sentito la vecchia matta. Un esserino è sgusciato fuori come un pesce dal mare [...] La vecchia ha guardato la figlia. // Il vento si è fermato. // Quella bambina sono io. 3 La vecchia Senzasogni si chiamava cosí perché dicevano che non dormisse mai. La bambina è stata battezzata con il nome di Teresa Senzasogni, ha ereditato il cognome popolare della madre, la matta di Gheel, in Belgio. 1 Giovanni Montanaro, Tutti i colori del mondo, Feltrinelli, Milano 2011, p Ivi, pp Ivi, p. 16. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 1

2 Quando Teresa comincia a raccontare ha 26 anni. Lo dice lei stessa, a p. 11 di questo bellissimo romanzo dello scrittore veneziano Giovanni Montanaro, che di anni ne ha 29 (è nato nel 1983) ed è al suo terzo libro, dopo La croce Honninfjord (Marsilio, Venezia 2007) e Le conseguenze (Marsilio, Venezia 2009). Teresa è l io narrante, la voce di questa lunga lettera (131 pagine sulle 142 del libro) a Vincent Van Gogh, che Teresa ha conosciuto a Gheel, in Belgio. Gheel è una strana città. È nella Provincia di Anversa, nelle Fiandre, oggi ha poco piú di 35 mila abitanti, il suo nome, Gheel o Geel, è un colore, giallo, l etimo germina da un antica parola germanica. Dal XIII secolo Gheel è la piú grande comunità psichiatrica aperta del mondo. Nella città fiamminga i matti sono di casa: vengono ospitati dalle famiglie perché la santa cittadina Santa Dimfna, ragazza di origini irlandesi che nel VII secolo scelse il martirio per fuggire alle mire incestuose del padre era nota per curare le malattie mentali. Dimfna venne dichiarata santa nel I matti venivano ospitati nelle chiese, sperando che la santa li guarisse. Ma questi ultimi della terra si fusero con gli abitanti, iniziarono a lavorare la terra. Nei secoli, Gheel si è trasformato in un incredibile antimanicomio, prima di Laing e Cooper, prima di Basaglia e di Jervis. I matti anche oggi vengono ospitati dalle famiglie. La TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 2

3 città divenne e lo è oggi un modello di comunità terapeutica diffusa. Anche Vincent Van Gogh passò per Gheel. Nella fantasia di Giovanni Montanaro Teresa là conobbe e sognò di amare il grande pittore, ne condivise il misterioso destino. La ragazza lo ricorda, quell uomo dagli occhi verdi e dai capelli rossi, burbero, egocentrico ma dolcissimo, quell uomo che lasciava di nascosto in lavanderia i suoi disegni dai tratti forti, dove i cipressi sono fiamme nere contro un cielo che urla. Il personaggio di Teresa, che poi si definirà non senza sorprese nel corso del libro, nasce nella volatilità del ricordo: E non so neppure se vi ricordate di me, se qualcosa del mio viso, della mia voce, vi è rimasto nella memoria. È bellissimo l autunno a Gheel: è un autunno di pini rossi, campi giallo-verdi, siepi di pruni selvatici, terra di erica e torba. La vita di Teresa è cominciata lí, tra colori poetici 4 : l arancio delle volpi, il biancogiallo della schiuma della birra, il rosso dei tulipani, i bruchi trasparenti che diventano farfalle variopinte. Era la domanda che mi facevo sempre da bambina: come può da un tronco marrone venire fuori una mela gialla? Come può un arbusto verde dare delle bacche blu? 4 Ivi, p. 19. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 3

4 // A cosa servono cosí tanti colori?. 5 Anche la morte ha un suo colore 6, dirà piú avanti Teresa: la signora De Goos era morta per aver mangiato dei funghi velenosi: Aveva un volto sereno, ma come giallo-verde. 7 Vi ricordate di Gheel, signor Van Gogh?, chiede Teresa Senzasogni. Il paese che si chiama come un colore, anche se nessuno sa perché: il paese giallo. La capitale dei re e delle regine, dove ci sono piú nobili che a Londra e a Parigi, si esce di casa con una scala per salire sulle stelle e si baratta l oro con il pane, dove i bambini portano per mano gli uomini per insegnar loro le strade, le campane non suonano per non disturbare il sonno dei matti, Luigi XIV fa a pugni con un altro Luigi XIV. È possibile dimenticare tutto questo?? // Io ne ho il terrore. [...] Non ci sono solo i re e le regine, le prime ballerine e i proprietari dei giornali, i grandi ammiragli e i comandanti degli eserciti; per il mondo sono piú importanti i seminatori, i tessitori, i minatori, quelli che bruciano le stoppie, quelli che macinano il grano, gli operai, le prostitute, le donne che passeggiano tra le siepi di pruno, i cipressi che si incendiano al tramonto. Sono quelli che fanno il mondo. Che lo rendono meraviglioso e un po triste. 8...ogni cosa ha un suo colore. È cosí 5 Ibid. 6 Ivi, p Ibid. 8 Ivi, pp I colori tornano anche nei sogni. Teresa sogna la madre: Mia madre è tornata in sogno quella stessa notte. Era vestita di bianco, e TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 4

5 che esiste il mondo, signor Van Gogh; è questo il suo linguaggio. È dal colore che si capisce se i frutti sono maturi, se una bocca è sana, se un merlo è una femmina o un maschio, un insetto è pericoloso, un fungo commestibile, il giorno è finito e l acqua si può bere. Se si è felici o tristi. 9 Perché è lei, la terra, la terra marrone, che sa fare tutti i colori del mondo. 10 Gheel, il paese dell accoglienza, nelle pagine di Montanaro diviene un po il simbolo dell utopia politica: Lo hanno capito quasi subito che non eravate l uomo che stavamo aspettando, ma un viaggiatore capitato lí per caso. Vi hanno comunque rifocillato. Vi hanno dato il letto di Frank, perché era l unico libero. Molta gente quella sera dormiva in casa Vanheim, amici e parenti venuti da fuori. Ma a voi hanno comunque lasciato un materasso, che avete accettato ben volentieri dopo chissà quante notti passate all addiaccio. Non vi hanno fatto domande, non vi hanno chiesto se eravate un non aveva né occhi né gambe. Era magra, non parlava. Mi ha spaventato. Sembrava invecchiata, dall ultima volta che era venuta a visitarmi. Pallida. Avrei voluto svegliarmi, ma non ci riuscivo. Mia madre mi tratteneva dentro il suo sogno, e dietro di lei, piano piano, sono cominciati ad arrivare i colori, prima il giallo, poi il rosso, il blu, l arancio, il verde, l azzurro, uno dietro l altro, uno in mezzo all altro, io ci affondavo dentro, ci nuotavo, li spostavo con le mani, li mangiavo, i colori diventavano forme, ma forme strane, c erano pere nere e castelli blu, cavalli rossi e carciofi gialli. (p. 76). Tutti i colori del mondo è un libro innamorato dei colori e dei colori nella pittura, non solo Van Gogh, ma Chagall, Marc, Kandinskij, Klee. 9 Ivi, p Ivi, p. 85. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 5

6 ladro o un assassino, un evaso o un impostore. Vi hanno sorretto per aiutarvi a scendere le scale, prendendovi sottobraccio, e vi hanno portato a dormire. // È l accoglienza di Gheel; in quel momento eravate in difficoltà, e questo è sempre bastato nella nostra strana città per riempire una pentola e metterla sul fuoco. Non dubito che sia l unico posto al mondo dove accade. 11 Ma andare con la memoria agli anni passati non ha la dolcezza morbida della malinconia: Perché fa sempre cosí male, ricordare? 12 È un po anche fiaba, questa lettera a Van Gogh di Teresa Senzasogni, ragazza di 26 anni che ascolta i ricordi: I ricordi si rincorrono, si sommano, si sovrappongono. Giocano con me. Si burlano di me. Si chiariscono, si smentiscono, si contraddicono, e poi d un colpo minacciano: raccontano per filo e per segno tutto quello che non siamo diventati. E poi di nuovo ci consolano, tolgono parte di quel dolore, dimenticano con noi. Ci danno ragione. // Ho troppo tempo, qui, per ricordare Ivi, pp Ivi, p Ivi, p. 42. La voce del romanzo, intonata alle pagine di una lunga lettera, ricorda un po il Tiziano Scarpa di Stabat Mater, le lettere di Cecilia alla signora madre. È l impressione anche di Ermanno Paccagnini nella recensione al libro di Montanaro su La Lettura / Corriere della Sera, 18 marzo TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 6

7 Ma la scrittura di Montanaro, se è anche quella della fiaba nel piacere della narrazione, quasi nello stupore di dipingere i dettagli, rivela una prosa classica nella sua nitidezza da pittura fiamminga: l ambiente della festa per accogliere Van Gogh, il nuovo matto di Gheel (ma l uomo dai capelli rossi compare come un ombra al vetro della finestra), gli oggetti, gli arredi, le pose e le distanze tra le persone 14 è un modello di descrizione d ambiente, ha la plasticità e le luci, i colori di una scenografia, una regia. Le pagine sull arrivo di Van Gogh ombra, oltre la finestra (48-51) sono un modello di narrativa figlia del grande romanzo europeo dell Otto- Novecento. Montanaro ha la gioia di raccontare una storia e sa tendere il filo della narrazione frase dopo frase, nella punteggiatura e nelle pause; l io di Teresa Senzasogni è un pennino morbido ma preciso come un bisturi: pensieri e batticuori diventano corpo, lo sguardo fotogramma, e restano nella mente del lettore. È raro, nella piatta narrativa italiana di oggi, ritrovare questo piacere della lettura, essere cosí assorbiti dal racconto gustando la gioia dello stile. Si veda anche l angolazione dello sguardo, come l inquadratura e il movimento di una macchina da presa, dell io narrante sull oggetto, e come vira velocemente dal quadro esterno (lo spazio, gli arredi, Van Gogh) 14 Cfr. p. 45. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 7

8 all annotazione psicologica intima: Avete cominciato ad andare su e giú con la matita, e non c era nessuna parola che potesse riempire il foglio in quel modo, che potesse seguire quelle linee, non ci sono frasi che si scrivono cosí grandi, e poi di nuovo vi si è acceso lo sguardo, quello del giorno prima, oltre il vetro della finestra, quello che mi piaceva davvero, e sembrava quello dei minatori che tornano a casa al tramonto, quello dei seminatori quando esce la tempesta, quello di mia madre prima di partorirmi, quello di Joëlle il giorno in cui è divenuta donna davvero; voi avevate tutti quegli sguardi, e il mio. // E allora ho capito. // E penso sempre che sí, quello è stato il giorno in cui, senza saperlo, ho cominciato a innamorami di voi. 15 È il disegno, il segno brutto di Van Gogh a far innamorare Teresa: Una grande quercia, tutta nera, spessa, grossa, tracciata e ripassata con la matita, senza foglie, e una casa, dietro alla quercia, con la porta chiusa, storta, infilata dietro i rami spogli, il tetto un po tondo, curvo, che schizza verso il cielo come la punta di uno zoccolo. Poi una strada, dei ciottoli, un sentiero stretto che va verso una collina ma poi sparisce, tutto di sassi. E una figura, pallida, china, grigia-azzurra, di spalle, vestita da uomo, con un cappello calcato sulle orecchie, che cammina e si capisce che va piano. Sono certa che non ha fretta. Forse è il 15 Ivi, p. 63. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 8

9 movimento della gamba, appena accennato; è un passo breve. [...] Non avevo mai visto niente di simile, quei tratti cosí grossolani, imprecisi. Erano fatti male. Ma sentivo che in un modo o nell altro mi riguardavano, avevano a che fare con me. Avevo provato una sensazione simile solo guardando l alba, o ascoltando la pioggia, tenendo una farfalla su un dito o vedendo nascere un vitellino. Erano fatti male, quei disegni, erano brutti, ma c erano le cose per come sono. Perché in fondo è la bruttezza che ha sempre salvato il mondo, è questo che insegna Gheel. 16 È un omaggio all arte di Van Gogh che nel libro si amplia alle grandi icone della pittura fiamminga e nordica: il ritratto dei matti di Gheel in corteo rinvia a Brueghel o addirittura a Bosch: Lo vedo ancora, quel corteo. // Quell insieme di sguardi vuoti, persi o arrabbiati; chi si tiene in piedi a stento e chi avanza fiero, chi si aggrappa a un altro e chi spinge, chi fa lo sgambetto, chi borbotta 16 Ivi, pp , corsivo nel testo. Naturalmente sono numerosi, nel romanzo, gli omaggi all espressionismo brutto di Vincent Van Gogh. Cosí, nella lettura del romanzo, i rinvii iconologici sono numerosi. Fra i simboli dell arte del pittore olandese negli occhi dello scrittore le variazioni sui girasoli, da Vaso con girasoli (agosto 1888) all omologo Vaso con quattordici girasoli, che è lo stesso quadro rifatto nel gennaio 1889; la serie dei cipressi, da Campo verde di grano con cipresso (giugno 1889), con il grande cipresso verde-nero baricentro della composizione figurativa, albero che ritorna nello stupendo e celeberrimo La notte stellata (sempre del giugno 1889), il Campo di grano con cipressi (luglio 1889); albero piú snello ma baricentrico anche nel sublime Strada con cipresso sotto il cielo stellato (maggio 1890, tutti del periodo di Saint-Rémy). Va citato anche Oliveto (giugno 1889), dove gli olivi come scrive Montanaro per voce di Teresa Senzasogni sono storti, figure inquiete nei tronchi, nei rami, nelle fronde, come il terreno e il cielo, sembrano scossi dalla tempesta. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 9

10 preghiere e chi in chiesa non si inginocchierà, perché non chiede un miracolo ma un risarcimento. // Tutti avanzano verso un altare, tutti verso lo stesso Dio, tutti per la stessa grazia. 17 È la lingua a denudare la pazzia, quella follia finora allusa, lasciata intuire: Io sono una pazza. / E voi siete un pazzo. Un povero pazzo. // Fanno male, le parole. / Certe volte sono cosí esatte che diventano lame, lame che tagliano, che fanno sanguinare, che si conficcano nella carne. Hanno la precisione di un macellaio che squarta un vitello, le parole. / Pazzo. C è sempre qualcuno che lo dice, prima che uno cominci a dirselo da solo. 18 È un passaggio molto bello del romanzo, dove è piú evidente la metafora lingua-carne, alla base di questo libro ma anche di ogni scrittura che ambisca, nei limiti teorici del termine, a essere vera. Un icona dell arte di Van Gogh sono i girasoli. Se i cipressi sono contorte fiamme nere contro un cielo di astri circolari, i girasoli nei quadri del pittore olandese sono persone. Nel romanzo di Montanaro i girasoli diventano la metafora drammatica dell amore impossibile di Teresa e Vincent. Lo scrittore veneziano dedica al fiore giallo simbolo di Van Gogh due pagine di assoluta bellezza: 17 Ivi, p Ivi, p. 99. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 10

11 Noi siamo due girasoli dipinti su uno sfondo blu. Due fiori gonfi, maturi, affrontati, come se si guardassero, come se si parlassero all orecchio. Uno sembra proteggere l altro. Non si capisce bene dove sono appoggiati: forse su un tavolo ricoperto da una stoffa, forse su un cielo azzurro. Uno dei due ha dentro come una pupilla, un occhio inquieto, e le corolle sembrano fiamme. È uno sguardo che brucia, che arde. Come il vostro. I gambi dei girasoli non si sa bene dove cominciano, forse sono ancora attaccati alla pianta. Ma a me pare che i due fiori siano stati recisi; lo si capisce da un ombra che hanno, come se avessero già cominciato a sfiorire. Sono due. Sembrano stringersi, abbracciarsi, cercare calore. Siamo noi due? Siamo noi due, qui? Non ci credete, che mi avete ricordato di esistere? Proprio voi, un povero pittore fallito. Sono le vostre parole, le ho udite qui, ripetute spesso, in questo dedalo di corridoi biancoarancio, all ombra del gigantesco pino del parco colpito da un fulmine, passando davanti alla vostra bella finestra affacciata sui monti. Sono un povero pittore fallito. Avete venduto un solo quadro in vita vostra, siete rovinato TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 11

12 dall assenzio e dal tabacco, non avete piú denti, solo una benda sull orecchio sinistro che vi siete tagliato non si sa perché. Le vostre tele servono ad accendere stufe d inverno; valgono al massimo un piatto di lenticchie in una locanda, un paio di scarpe vecchie, e solo perché esiste ancora gente caritatevole. Eppure, mi avete fatto vedere che il mondo esiste ancora, al di fuori di qui. No, non saremo mai sconfitti, signor Van Gogh. Possono legarci, rinchiuderci, spogliarci, rasarci, toglierci il nome. Possono costringerci nelle vasche di acqua gelida, strapparci le tonsille e le radici dei denti, spingerci le pupille dentro le orbite con i polpastrelli per farci calmare. Ma noi resisteremo. Perché siamo arrivati al paese dei colori, siamo dentro quelle tele. In quelle tele, ci siete voi. Siete un piccolo caffè, un covone, una scala, una melagrana, un mulino, un ramo di mandorlo. Siete dappertutto. Se avete il giallo dentro, anche il cielo diventa di quel colore. Se siete rosso, il rosso inonda una vallata, riempie i tetti e gli zoccoli, finisce dentro gli occhi delle donne, nei tronchi, in tutti i corrimano delle case. E poi ci sono mucche azzurre, ma solo perché hanno la serenità di un lago, e piccole case gialle, inquiete e spaventate come vespe. E ci sono io. Anch io sono una sedia, una barca, la pala di un mulino. Ci siamo tutti. C è Gheel. C è tutto TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 12

13 questo dolore senza senso, questo dolore che ci annienta. Ma c è anche tutta questa speranza, che ha ancora meno senso. Ci siamo noi, poveri miracoli mancati. E ci sono anche tutte le strade che avete percorso, tutte le scarpe che avete consumato, tutti i passi che avete fatto. Che abbiamo fatto. Per ritrovarci qui, insieme. Al manicomio di Saint-Rémy. Due poveri pazzi. Non siamo nient altro che due poveri pazzi. 19 Sono due pagine perfette, di uno scrittore ispirato nella visione e nella scrittura, teso, che canta con la voce e gli occhi della sua protagonista. È il preludio alla parte piú drammatica del libro, la quindicina di pagine finali che concludono la vicenda o il sogno, la lettera invocata, immaginata di Teresa al suo Van Gogh, pagine che attraversano la follia e la medicalizzazione della follia, che nella loro lucida visione qui come un dagherrotipo rinviano a Foucault, Laing, Basaglia, Jervis. A cominciare dall ambientazione: lo studio del dottor Tarascon, al quinto piano dell ospedale, era sempre gelido. Il dottore fumava la pipa e teneva le finestre aperte, [...] Io ero davanti a un tavolino, vestita di una tuta di lino, molto leggera, e fissavo una lampada a olio finché non mi restava impressa 19 Ivi, pp TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 13

14 negli occhi. Avrei voluto mettere la mano sulla fiamma, scottarmi, farmi male, sentire che quel corpo esisteva ancora. Ma avevo i polsi legati. 20 La realtà del manicomio nell Ottocento viene narrata attraverso gli occhi di Teresa ma anche tramite le carte mediche, in corsivo, con la loro apparente, impassibile obiettività scientifica. Ed ecco il colpo di scena, una pioggia di aghi ghiacciati: Teresa è un ermafrodito, ha sempre pensato, agito e desiderato come donna, ma il suo corpo rivela un piccolo pene. Ed ecco che con una virata abile e raggelante, Montanaro sposta la macchina da presa dalla psicologia di Teresa Senzasogni (dai suoi pensieri, dalla sua anima) al suo corpo. E il suo corpo diviene oggetto di indagine, viene esposto alla lezione universitaria, la Scienza decide anche la sua nuova identità: Il mio nome è Thierry Savel, ho compiuto ventisei anni da poco, ma sono nato dieci anni fa. 21 Teresa è come la matta nella scena finale di Family Life, lo stupendo film di Ken Loach 22 : non persona ma oggetto di 20 Ivi, p Ivi, p Family Life (1971) di Ken Loach, con Grace Cave, Hilar Martyn, Sandy Ratcliff, presentato al 25 Festival di Cannes, ispirato all antipsichiatria di R.D. Laing, film nato dal dramma televisivo inglese In Two Minds di David Mercer. Piú positivo, colorato, ma sempre legato al clima meraviglioso e contraddittorio di quegli anni, è il film Diario di una schizofrenica (1968) del poeta e regista Nelo Risi, dal libro omonimo di Marguerite Andrée Sechehaye (Journal d une schizophrène, P.U.F. Paris, ed. it. c/e Giunti G. Barbèra, Firenze, 1955, trad. di Cecilia Bellingardi, presentazione di TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 14

15 studio, corpo da indagare, guardare attraverso la lente, esaminare senza trattenere un ghigno. La società ha costruito il matto e la scienza rende ufficiale, e trasforma in oggetto di studio, alla pari di un libro o un vetrino o un reperto anatomico, il prodotto di quella costruzione, una persona svuotata. Le pagine finali di Tutti i colori del mondo ( ) sono perfette per una lettura ad alta voce, per un teatro di occhi sbarrati, di voce sospesa nel ghiaccio. È in questa sezione che la pagina svicola via via dalla narrazione classica e canta, balbetta, in una filastrocca-ninna nanna senza senso (o con tutti i sensi del mondo), come nella poesia. Vanno lette come un balbettío di sillabe singhiozzate e bamboleggianti, con gli occhi che vedono l invisibile. È il manicomio, non piú l utopia di Gheel. Piú in là, sembra dirci Giovanni Montanaro in questo capolavoro, ci sono gli esperimenti del dottor Mengele. C è Auschwitz. Novembre 2012 Cesare L. Musatti). Il cast del film scritto con la consulenza di Franco Fornari è formato da Ghislaine d Orsay, Margarita Lozano, Umberto Raho, Gabriella Mulachié. TUTTI I COLORI DEL MONDO ROBERTO LAMANTEA 15

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

VINCENT VAN GOGH. Il seminatore, 1888, Zurigo, Collezione E.G.Bührle

VINCENT VAN GOGH. Il seminatore, 1888, Zurigo, Collezione E.G.Bührle VINCENT VAN GOGH 1) IL MAESTRO E IL LAVORO Van Gogh nutriva per Millet una sconfinata ammirazione, arrivando a eleggerlo suo padre ideale, per gli insegnamenti di profonda moralità che traspaiono dalle

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Suddivisione del gruppo Due gruppi, dopo il momento comune della preghiera del

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Alla signora Saville, Inghilterra Pietroburgo, 11 dicembre 17

Alla signora Saville, Inghilterra Pietroburgo, 11 dicembre 17 Lettere di Robert Walton alla sorella Alla signora Saville, Inghilterra Pietroburgo, 11 dicembre 17 Cara sorella, sarai felice di sapere che la mia impresa è iniziata senza incidenti. Sono arrivato qui

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 Riscaldamento motorio/ teatrale - Siamo allo zoo: immaginiamo di vedere al

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino Pensierini Storie cliniche in forma di pensierini Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino introduzione Ogni storia è storia a sé Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro,

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Documentazione Progetto

Documentazione Progetto Documentazione Progetto Progetto rivolto ai bambini della Scuola dell Infanzia di Molina Anno Scolastico 2009/2010 Docente: Anna Teresa Vitale Il progetto I colori del grigio affronta il tema della diversità

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli