RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ESPERIENZA DI FORMAZIONNE ED INSEGNAMENTO A.S. 2011/2012. I colori nell arte. Il Cerchio cromatico di Itten

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ESPERIENZA DI FORMAZIONNE ED INSEGNAMENTO A.S. 2011/2012. I colori nell arte. Il Cerchio cromatico di Itten"

Transcript

1 RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ESPERIENZA DI FORMAZIONNE ED INSEGNAMENTO A.S. 2011/2012 I colori nell arte Il Cerchio cromatico di Itten DOCENTE: Mezzetti Giorgia TUTOR: Grandi Elisa

2 INDICE CAPITOLO 1 Analisi del contesto socio- economico e culturale in cui pag. 3 la scuola è inserita 1.1 Vignola ieri pag e oggi pag Arte e personaggi illustri pag Feste, musica e spettacoli pag Curiosità gastronomiche pag.8 CAPITOLO 2 Analisi del plesso pag La scuola dell infanzia Collodi pag Rapporto tra i colleghi pag Servizi e funzionamenti pag Gli spazi pag Scelte formative e metodologie di lavoro pag La progettazione pag Traguardi per lo sviluppo delle competenze a 3 anni pag Problemi emersi nella programmazione pag Rapporto scuola - famiglia pag.21 CAPITOLO 3 Analisi della sezione pag.23 CAPITOLO 4 Progetto: I colori nell arte pag Il colore blu pag il colore rosso pag il colore giallo pag.50 CAPITOLO 5 Conclusioni BIBLIOGRAFIA pag.57 pag.58 2

3 CAPITOLO 1 Analisi del contesto socio- economico e culturale In cui la scuola è inserita 1.1 VIGNOLA IERI Le uniche notizie che ci sono pervenute riguardo all origine di Vignola, le troviamo nell analisi dei toponimi locali e dai reperti archeologici che ci raccontano di varie popolazioni che si sono avvicendate sul territorio, dagli Etruschi, ai Liguri, ai Galli ed ai Romani. E da qui che probabilmente deriva il nome "Vignola", dal latino vineola", piccola vigna, che indica la coltivazione della vite, in epoca romana largamente praticata sui terreni alluvionali del Panaro. Il passato di questa città con tutte le sue vicende, è legato alla Rocca, monumento che ha rivestito fin dai secoli più lontani un importanza notevole dal punto di vista storico, strategico e artistico. Il suo fascino carico di vissuti storici, di tradizioni e di ricordi è ancora oggi riconosciuto da tanti. Dalla costruzione del primo nucleo, risalente al VII secolo per opera di Sant Anselmo Abate di Nonantola, ai vari lavori eseguiti dalle signorie dei Grassoni ( ) e dei Contrari ( ), la Rocca è sempre stata tenuta in grande considerazione da parte di tutti quelli che hanno governato il paese. Ognuno di loro ha cercato di migliorarla dal punto di vista militare rinforzandola e fortificandola, e di abbellirne l aspetto con affreschi di notevole rilievo artistico. In quegli anni furono costruiti edifici importanti, tutt ora presenti come la Chiesa dei SS. Nazario e Celso ( 1416) ed il famoso Palazzo Boncompagni (1560 ad opera di Jacopo Barozzi). 3

4 Estinta la dinastia dei Contrari, Vignola passò sotto la famiglia dei Boncompagni ( ) che al contrario dei suoi predecessori non si occupò mai della città suscitando nei cittadini un forte malumore sfociato spesso in episodi violenti. Durante le successive invasioni delle truppe austro- ungariche, le mura del castello vennero abbattute facendo così decadere per sempre quell immagine di fortezza che l aveva contraddistinta. In questi anni a difesa della città di Vignola, venne costruito un terrapiano a forma di mezzaluna e tutto lo spazio antistante (oggi Corso Italia) prese per estensione il nome di Mezzaluna, da qui l origine del nome di una famosa gelateria e di un gruppo di ricerca culturale. In seguito la conquista napoleonica fece decadere definitivamente il domino della famiglia Boncompagni e Vignola, in virtù della nuova costituzione repubblicana, divenne capoluogo del Dipartimento del Panaro e le furono aggregate le comunità di Marano, Campiglio, Villabianca, Desenzano. Gli anni successivi furono segnati da avvenimenti più o meno piacevoli, dalla restaurazione alle due guerre d Indipendenza in seguito alle quali Vittorio Emanuele II fu nominato primo re d Italia e la nazione venne divisa in 59 province. Modena fu divisa in 46 comuni e nel 1862 venne eletto a Vignola in primo consiglio comunale il cui sindaco fu Alessandro Plessi. Nel 1862, in linea con le strategie politiche di quel periodo che volevano lo stato svincolato dalla Chiesa, molti ordini religiosi furono soppressi e a Vignola al posto del convento dei frati cappuccini fu istituito un asilo rurale laico intitolato al re Vittorio Emanuele e poi a Garibaldi, che è l attuale asilo parrocchiale. L epoca industriale a fine 800 diede vita a numerose opere anche a Vignola e tra queste possiamo ricordare la prima pietra del ponte sul Panaro intitolato al Muratori che viene posata nel 1872 in occasione dell anniversario del bicentenario della nascita dello storico ( ), l inaugurazione nel 1886 della tramvia Vignola - Bologna e della linea ferroviaria la Mariannina Modena - Vignola nel 1888, la nascita della Cassa di Risparmio nel 1874 e per quanto riguarda l economia l aumento delle coltivazioni di frutta rossa a scopi commerciali. Negli anni successivi ci sono state le guerre mondiali e a Vignola si sono rifugiati molti soldati e la città venne colpita da pesanti bombardamenti. Successivamente si cercò di costruire ciò che la guerra aveva distrutto, tentando di industrializzare tutto in modo sfrenato : il settore primario rimase quello agricolo specializzato nella coltivazione della frutta rossa che per anni le è valso il titolo di 4

5 Capitale mondiale della ciliegia. Si è poi sviluppato il settore terziario offrendo possibilità di lavoro. Tutto ciò e in più il titolo di città che le è stato conferito nel 1993, vede Vignola proiettata nel futuro, in perenne crescita in tutti i settori facendole sempre ricoprire un ruolo da protagonista. 1.2 E OGGI Il territorio del comune di Vignola si sviluppa prevalentemente nell alta pianura modenese e, in misura minore, nelle prime colline dell Appennino. E bagnata dal fiume Panaro e confina con i comuni di Marano, Savignano sul Panaro, Spilamberto e Castelvetro. La sua posizione, vista la vicinanza al monte Cimone, permette agli abitanti di effettuare escursioni in montagna, e di raggiungere le città di Modena e Bologna, anche grazie ai mezzi di trasporto pubblico presenti in città come il servizio autobus ATC e ATCM e la linea ferroviaria suburbana Vignola - Bologna, che è stata ripristinata nel settembre Vignola si offre oggi con un paesaggio naturale frutto di un felice equilibrio tra città e campagna, con uno sviluppo ben equilibrato dei settori economici ed un'ottima qualità delle produzioni agricole, soprattutto delle ciliegie, conosciute in tutto il mondo. Grazie alle numerose presenze di aeree verdi, si possono trovare diversi percorsi naturalistici percorribili sia a piedi che in bicicletta, quali ad esempio il Percorso sole un 5

6 sentiero costruito da un gruppo di volontari alla fine degli anni 70, che segue il corso del fiume Panaro e arriva fino al Ponte di Marano. Di più recente realizzazione ( 2001) è la pista ciclabile Modena - Vignola, tragitto di 20 km che parte da Vaciglio, attraversando la campagna che parte da S. Vito e i comuni di Spilamberto e Castelnuovo Rangone per terminare a Vignola. Il settore industriale è caratterizzato da numerose piccole e medie imprese che rappresentano diversi comparti economici e richiamano tanta manodopera dal sud d Italia e da paesi extracomunitari, incrementando notevolmente la popolazione autoctona Arte e personaggi illustri All intraprendenza economica si affianca una vivace vita socio- culturale grazie a numerose iniziative ed eventi che rendono Vignola una città d arte, un titolo prestigioso che trova origine dalle parole di Belloj, dove si capisce quanto l arte sia presente all interno di questa città e che grande valore le attribuiscono i cittadini fin dai tempi passati. Degna di nota è l imponente Rocca e la suggestiva scala a chiocciola del Barozzi, il Palazzo Boncompagni, la chiesa parrocchiale dei SS. Nazario e Celso, il Santuario della Madonna della pieve, la chiesa di Santa Maria Rotonda, il museo civico, le varie ville, il centro storico, ed altri edifici minori regalano a Vignola un fascino particolare, ricco di cultura, storia e tradizioni. Ma Vignola può essere anche ritenuta la Città dei bambini e delle bambine per il massiccio ed evidente impegno che le Amministrazioni comunali hanno riversato in questo settore: 4 asili nido 7 scuole dell infanzia 4 scuole primarie Parecchi parchi pubblici con giochi per bambini, ciclabili e percorsi pedonali Una biblioteca moderna ed all avanguardia Auris dotata di una zona dedicata esclusivamente ai più piccini Un centro nuoto e diversi centri sportivi Un teatro Numerose iniziative rivolte ai più piccoli e alle loro famiglie 6

7 Per tutti questi motivi Vignola è vissuta dai bambini come una vera e propria Aula Didattica Decentrata nella quale si realizza quella continuità orizzontale tra scuola ed extrascuola Feste, musica e spettacoli Feste, musica, spettacoli, enogastronomia sono quindi i protagonisti che rendono questa città gradevole e frizzante agli occhi di tutti. Basta passeggiare per le vie del centro nelle varie stagioni per trovarvi un evento caratteristico. In primavera Vignola si riempie dei meravigliosi fiori bianchi dei ciliegi e all interno di questa meravigliosa cornice si svolge la Festa dei fiori ; agli inizi del mese di giugno si svolge un altra manifestazione importante: Vignola: è tempo di ciliegie, evento tradizionale che ha reso Vignola famosa in tutta Europa. In autunno si svolgono diverse iniziative dedicate ai sapori caratteristici di questo periodo: uva, mosto e aceto aspettando il Natale, periodo in cui Vignola propone mercatini, mostre, laboratori per bambini e tanto altro. Per dare ancora più rilievo al territorio e creare sempre nuove attività di promozione che valorizzano Vignola, diverse componenti economiche, socio- culturali e istituzionali hanno dato vita al progetto Vignola Grandi Idee per attuare iniziative sempre diverse che riescono a far vivere la città nella sua totalità come: Bambinopoli Festa della fioritura Rocca in Musica Jazzin t Poesia festival Shopping tra le stelle Natale a Vignola 7

8 1.2.3 Curiosità gastronomiche Infine Vignola fa parte delle Strade dei vini e dei sapori dell Emilia Romagna: nei locali del territorio si possono gustare primi piatti e specialità di origine montanara, come le tigelle e i borlenghi che secondo una leggenda trovano la loro origine nel periodo napoleonico. Questa città può vantare anche una grande tradizione dolciaria che grazie alla famosissima Torta Barozzi dolce realizzato nei primi del 900 dalla famiglia Gollini e dedicato poi al Barozzi, è conosciuta e apprezzata anche nelle città limitrofe. Non dimentichiamoci delle ciliegie e soprattutto della saporitissima Mora di Vignola che ancora oggi riesce a far distinguere ed apprezzare la città da tutte le regioni italiane e non solo. 8

9 CAPITOLO 2 Analisi del plesso La società di oggi è caratterizzata da molteplici cambiamenti che vanno ad influenzare anche l ambiente scolastico. Protagonista di questa società deve essere la persona che, nel corso della sua crescita, deve essere educata e formata integralmente. La scuola ha il compito fondamentale di porre le basi di un percorso formativo in itinere che continuerà per tutta la vita. Per far ciò è necessario che tra scuola e territorio ci sia collaborazione basata sulla trasparenza in modo tale da fornire ai bambini e alle loro famiglie stimoli, risorse culturali e servizi adatti alle varie esigenze. La città di Vignola è riuscita a realizzare questa rete di collaborazione con i diversi Enti presenti nel territorio, dal Comune all Unione Terre dei Castelli, alla biblioteca, alle varie librerie. Ne sono un esempio gli educatori affiancati ai bambini con handicap, il servizio pre e post scuola attivo in molte scuole, la mensa e il trasporto che garantisce a quei bambini che abitano lontano di poter frequentare la scuola. La Direzione Didattica è una delle più grandi d Italia: è composta da 7 scuole dell infanzia (Andersen, Collodi, Potter, Mandelli, Peter Pan, Rodari e Mago di Oz) e da 4 plessi si scuola Primaria (Mazzini, Barozzi, Aldo Moro, Calvino). All interno del POF, che è considerata la carta d identità della Direzione Didattica, vengono illustrate le modalità con le quali si instaura questa collaborazione tra scuola, famiglia e territorio e che si traduce in progetti, trasporti La scuola deve essere di qualità, deve basarsi su progetti mirati al completo ed armonico sviluppo del bambino. Nel corso egli anni la Direzione Didattica, attraverso l esperienza e una forte collaborazione, ha deciso di creare i Patti di Corresponsabilità educativa i cui attori sono i docenti e i genitori le due principali figure che si occupano dell educazione di ogni singolo bimbo. 9

10 2.1 La scuola dell infanzia Collodi La scuola Carlo Collodi è situata nella zona sud ovest di Vignola. La maggior parte delle famiglie ha un situazione economica medio- bassa e la percentuale dei bambini stranieri è molto alta. E dislocata in un edificio in cui sono presenti 6 sezioni, si trova di fronte alla scuola primaria Aldo Moro ed è abbastanza vicino, al centro ed alla biblioteca, raggiungibile facilmente anche a piedi. La scuola ospita complessivamente 153 bambini suddivisi come segue: 1 sezione 26 bambini di 5 anni 2 sezione 26 bambini di 3 anni 3 sezione 26 bambini di 3/ 4 anni 4 sezione 24 bambini di 4 anni 5 sezione 25 bambini di 4 anni 6 sezione 26 bambini di 3/ 5 anni Sono presenti: 15 insegnanti (12 di sezione e 2 di sostegno) 1 educatrice 3 collaboratrici 10

11 2.1.1 Rapporto tra i colleghi Il Collodi è la scuola dell infanzia statale più grande di Vignola: all inizio di ogni anno scolastico c è spesso un elevato numero di insegnanti che provengono da altre scuole e quelle docenti che sono già in sevizio da anni è sempre un ricominciare a spiegare quelle linee comuni condivise da anni e che consentono di rendere il clima il più possibile collaborativo e fiducioso. E per questo motivo che all interno della scuola ci vuole molta collaborazione e rispetto dei bambini, delle colleghe, delle collaboratrici, degli spazi e dei materiali. Per quanto riguarda la mia esperienza posso proprio affermare con grande entusiasmo che mi sono sentita accolta fin da subito, mi sono fatta consigliare, aiutare ma allo stesso tempo anche io credo di essermi ritagliata uno spazio all interno della scuola Servizi e funzionamento La giornata scolastica si svolge in base a questi orari: / assistenza prescolastica effettuata dai collaboratori scolastici /09.00 accoglienza in salone e/o in sezione /11.15 attività didattica: appello, calendario, att. laboratori, progetti, attività ludiche /11.30 preparazione al pranzo /12.15 pranzo /12.45 uscita alunni turno antimeridiano /13.00 attività ludica: giochi liberi e/o organizzati in sezione/intersezione o giardino /13.30 preparazione al riposo pomeridiano /15.15 riposo pomeridiano /15.45 merenda /16.15 uscita / assistenza post- scuola gestita dalla cooperativa Dolce I docenti al fine di favorire una significativa compresenza che renda possibile lo svolgimento di attività di sezione a piccoli gruppi e di attività di intersezione organizzano il 11

12 proprio orario settimanale in modo flessibile. Questa strutturazione dell orario favorisce la presenza di entrambi i docenti al momento del pranzo Gli spazi Gli spazi vengono riorganizzati all inizio di ogni anno, seguendo la logica della rotazione. Si preferisce ad esempio collocare i bambini di 3 anni nella sezione con adiacente il salone in modo da permettere un inserimento più tranquillo ; mentre i bambini di 5 anni utilizzano le sezioni nella parte nuova perché, avendo ciascuna il proprio dormitorio annesso, lascia maggiore elasticità ai docenti nella gestione del tempo. La sede centrale è dislocata su 2 piani, al piano terra oltre alle 6 sezioni con relativi servizi igienici, sono presenti: - 1 atelier con un computer con accesso internet - 3 saloni - cucina - servizi igienici per adulti - capiente ripostiglio per materiale di pulizia - area verde pavimentata ed attrezzata Mentre al primo piano si trovano: - spogliatoio - ripostiglio materiale didattico - ripostiglio materiale pulizia - ufficio docenti 12

13 Il SALONE è lo spazio del gioco libero, che non significa gioco caotico, gli angoli attrezzati ed appositamente strutturati stimolano i bambini ad intraprendere giochi di ruolo, instaurando relazioni amicali e dinamiche di gruppo che noi insegnanti osserviamo mettendoci in disparte e intervenendo se necessario. 13

14 IL GIARDINO L edificio dispone inoltre di un ampio giardino dove si possono trovare oltre ai grandi giochi come scivoli, castelli, anche uno spazio pavimentato per i tricicli, una tettoia attrezzata con tavoli e panchine ed un piccolo orto. Gli spazi attrezzati presenti nel giardino vengono utilizzati a rotazione dalle sezioni. Questo è lo spazio pavimentato per i tricicli : la sezione che ne vuole usufruire lo comunica alle altre in modo che ci sia una sezione per volta. Questo è il piccolo orto coltivato dai bambini della sezione dei 5 anni 14

15 È un gazebo utile per le merende o per fare qualche attività all aperto insieme ai bambini. E il galeone dove i bambini di 3 anni possono entrare solo al piano terra : in alto è permesso ai bambini di 5 anni perché più agili e grandi L altalena dove è importante tenersi bene stretti e stare lontano quando c è un amico sopra 15

16 È la tenda degli indiani: i bambini di 3 anni salgono fino al 3 gradino per evitare di andare troppo in alto rischiando di farsi male. E il castello, gioco preferito soprattutto dalle bambine perché si immaginano di essere delle principesse che aspettano l arrivo del loro Principe Azzurro. 16

17 L ATRIO E il primo ambiente che bambini e genitori incontrano entrando a scuola: è il luogo delle comunicazioni e delle informazioni, oltre agli armadietti e altro si trovano le comunicazioni giornaliere e/o settimanali comuni a tutto il plesso e una sorta di bacheca con con tutte le informazioni relative all organizzazione scolastica (orari docenti, P.O.F., menù ). E molto importante che la scuola venga vissuta dai bambini in modo positivo e per far ciò è indispensabile creare un ambiente accogliente e ben organizzato, dove nulla è lasciato al caso ed in cui il docente svolge il ruolo del regista. Lo spazio per il bambino è un luogo da scoprire, un luogo in cui giocare, in cui si vivono emozioni, pertanto creare angoli organizzati e attrezzati è importante perché in questo modo ciascun bambino si può muovere con sicurezza e autonomia. 17

18 2.1.3 Scelte formative e metodologie di lavoro Il Circolo di Vignola si caratterizza per alcuni elementi, comuni a tutte le scuole, come la flessibilità, la collaborazione e il confronto. Compito di ogni scuola e di ogni docente è quello di creare un ambiente scolastico motivante ed accogliente per bambini e genitori, un ambiente a misura di bambino. Ogni programmazione deve essere ragionata dal team docenti in modo da creare una logicità nel lavoro che si andrà a fare, deve essere flessibile e soggetta a cambiamenti in relazione al processo di crescita dei bambini. Per questo motivo, l insegnante deve lavorare sulla collaborazione, sul confronto, sull osservazione, sulla verifica in itinere del percorso che sta svolgendo con i bambini. Quest anno il Collegio dei docenti ha deliberato per le scuole dell infanzia devono seguire i seguenti progetti: - Lettori forti ha l obiettivo di stimolare i bambini alla lettura, facendo nascere in loro il piacere di scoprire ed apprezzare il libro anche in autonomia senza la mediazione dell adulto. - Salviamo la buona educazione il progetto mira all acquisizione e al rispetto delle regole formali ed informali attraverso esempi concreti e giochi di ruolo - Diamoci una mossa un percorso educativo promosso dal SIAN in collaborazione con il Comune di Vignola e la coop di Vignola, con il CONI e la Direzione Didattica con lo scopo di educare bambini e genitori ad una sana e corretta alimentazione e ad una regolare attività fisica. - La ciliegia Moretta In occasione della maturazione della ciliegia moretta, si creano eventi per dare, ancora una volta, valore e dignità a questa specie tradizionale di ciliegia, rafforzando così l identità di appartenenza territoriale. E proprio per la sua grande importanza che quest anno all interno del plesso si è pensato di realizzare insieme ai bambini i vestiti di carnevale e come conclusione del progetto, è stata organizzata una sfilata per le vie limitrofe alla scuola. Oltre a questi progetti, i bambini hanno potuto partecipare ad altre attività formative, quali: - danze etniche ( 3 anni) - psicomotricità ( 5 anni) - yoga ( 4 anni) Di seguito si riporta la pagina del POF in cui è specificata la programmazione dei 3 anni. 18

19 2.2 la progettazione Le docenti del plesso Collodi hanno deciso di elaborare nel corrente anno scolastico una programmazione dal titolo Il postino delle fiabe. Ad inizio anno scolastico eravamo tutte d accordo ad introdurre questo progetto riguardante i colori nell arte e nella natura perché ci sembrava stimolante e creativo. IL POSTINO DELLE FIABE Può il lavoro del postino riservare sorprese? Sì, se il Paese è quello delle fiabe. Questo allegro personaggio porterà ai bambini tante simpatiche lettere che introdurranno, in modo divertente, i diversi percorsi didattici annuali. I bambini di tre anni lavoreranno sui colori, quelli di quattro anni sull alimentazione e quelli di cinque anni sulle e emozioni. Fantasia, creatività, curiosità e scoperta saranno il filo conduttore di tutti i progetti, al fine di stimolare le capacità linguistiche, logiche, creative, emotive presenti in ogni bambino. All interno del plesso, essendo presenti due sezioni miste, si lavorerà, spesso, in intersezione per fasce d età. A SPASSO NELLA MAGIA DEI COLORI progetto bambini di 3 anni Poniamo grande attenzione all impatto che il colore ha nella vita del bambino e ne facciamo oggetto di attività scolastica, osservando i fenomeni della natura, il passare delle stagioni, la città, i cieli, i volti, gli alberi, i fiori...come gli artisti, i bambini partono dalle esperienze delle cose e restituiscono poi le loro impressioni. Le rappresentazioni sono precedute da fasi lunghe e complesse che, come nelle esperienze degli artisti, anche astratti, testimoniano la necessità di caricarsi di esperienze per poterne ritornare le impressioni arricchite dalle proprie emozioni. A scuola i bambini, ancor prima di accingersi ad usare i colori, sono sollecitati ad accorgersi della tavolozza dei colori della natura, di un paesaggio urbano, di oggetti: la realtà è infatti una tavolozza senza limiti. * Griglie dei colori primari e secondari e le loro sfumature * I colori nell arte, conversazione ( chi è l artista?) * Lettura di libri inerenti all arte I colori * lettura dei libri: il piccolo blu Il piccolo giallo, il piccolo rosso *conversazioni, poesie, filastrocche * cerchiamo i colori nella natura durante le stagioni( osservazioni, disegni, conversazioni,raccolta di materiale naturale) * esperienze a tema * cottura delle castagne, preparazione dei biscotti,teatro, visite a piedi nella natura. *disegno dal vero, come gli artisti usiamo i moleskene * elaborazione di opere d arte 19

20 2.2.1 Traguardi per lo sviluppo delle competenze nei 3 anni Sviluppare un immagine positiva di sé Riconoscere le caratteristiche di sé, della famiglia, dei compagni. Raggiungere una buona autonomia personale Acquisire la padronanza del linguaggio italiano Orientarsi nel tempo, negli spazi, nella vita quotidiana Utilizzare in modo adeguato gli strumenti proposti, affinando le proprie competenze Problemi emersi nella programmazione E importante sottolineare quali sono stati i problemi che io, insieme alla mia collega di sezione, abbiamo riscontrato soprattutto ad inizio anno scolastico quando ancora non ci conoscevamo, non conoscevamo i bambini e la realtà della scuola. Ho elencato alcune problematiche che sarebbe utile tenere in considerazione per gli anni futuri in modo da migliorarsi sempre e da rendere sempre maggiore la qualità dei lavori svolti. 1. Programmare a settembre tutto il percorso didattico (soprattutto le uscite) mi è sembrata una vera forzatura perché non si può tener conto delle reali inclinazioni dei bambini, degli interessi concreti che essi manifesteranno e degli inaspettati percorsi alternativi che emergeranno durante lo svolgimento dei diversi progetti. 2. Pensare ed elaborare la programmazione di sezione a settembre, con la collega nuova, bambini nuovi, in cui non si conoscono le idee, il vissuto risulta faticoso. 3. Io e la mia collega, durante il corso dell anno scolastico, abbiamo avvertito l esigenza di: un maggior numero di momenti di programmazione dedicati specificamente al team (a cadenza quindicinale) momenti comuni destinati alla compilazione dei documenti ufficiali (agenda, registro, profili) momenti predisposti per la documentazione delle attività 20

21 4. C è anche un difficoltà per quanto riguarda la quotidianità con le famiglie straniere: è sempre molto difficile comunicare e raccontare quello che si fa a scuola con i bambini perché solitamente, all interno delle famiglie, la mamma non parla la nostra lingua e delega i fratelli maggiori a venire a parlare con noi insegnanti. 2.3 RAPPORTO SCUOLA- FAMIGLIA Questo breve paragrafo lo ritengo di notevole importanza proprio perché quest anno scolastico, avendo una sezione di bambini di 3 anni, ho ritenuto fondamentale instaurare fin da subito un rapporto positivo, di collaborazione e di fiducia con i genitori al fine di lavorare serenamente raggiungendo gli obiettivi prefissati. L importanza della famiglia nel vissuto del bambino non deve mai essere sottovalutata dalla scuola e perché ci sia un educazione soddisfacente, è necessario che tra scuola e famiglia esista una forte cooperazione basata sulla stima e sulla fiducia reciproca. Gli insegnanti, perciò, per costruire un buon rapporto con i genitori e favorire l inserimento dei bambini, devono tenere conto di alcune dinamiche relazionali, ne sono un esempio alcuni momenti di incontro con i genitori che avvengono durante l anno: assemblee di inizio Anno Scolastico - per tutte le sezioni - nella settimana antecedente l'inizio delle scuole - per informare sulle modalità organizzative della scuola, le linee generali del POF e l adozione del Patto di responsabilità educativa. colloqui individuali docenti/genitori ad inizio Anno Scolastico - per tutti i nuovi iscritti alle Scuole dell Infanzia assemblee di ottobre - per la presentazione della programmazione didattica annuale - per l'elezione dei Rappresentanti dei Genitori nei Consigli di Intersezione e Interclasse colloqui individuali docenti/genitori - per informare sull'andamento dell'esperienza didattico - educativa 21

22 rapporti famiglia-territorio - colloqui per alunni in difficoltà tra docenti, famiglie, AUSL, ASP assemblee di sezione - per tutti i genitori di ogni classe - per informare sull'andamento complessivo della classe/sezione - per organizzare iniziative Nelle scuole di Vignola è da qualche anno che è stato istituito l Albo dei volontari formato da genitori e persone che a vario titolo si rendono disponibili per effettuare lavori di manutenzione, di pittura e supporto ai docenti all interno e all esterno delle scuole tale da renderle curate e belle. Si occupano anche di aiutare le docenti durante l organizzazione e la gestione della festa di fine anno scolastico, di fare alcune serate di lavoro (a Natale e in primavera) per attaccare gli addobbi nei saloni e nelle sezioni e della vendita di torte per la raccolta di fondi utili alla scuola per acquistare materiale didattico. 22

23 CAPITOLO 3 Analisi della sezione La II sezione all inizio dell anno era composta da 26 bambini di 3 anni, 16 maschi e 10 femmine. Nel corso dei mesi si sono ritirati 5 bambini stranieri (di cui 3 mai frequentanti e 2 che hanno cambiato città) che sono stati sostituiti da 2 bambine, una delle quali trasferita dalla scuola dell infanzia di Marano e da un bambino cinese. Gli altri bambini, nonostante il gruppo già consolidato, hanno accolto con entusiasmo l arrivo dei nuovi compagni cercando di renderli partecipi ai giochi e alle attività ludiche in genere. Il lungo periodo dell inserimento ( i bambini sono stati suddivisi in 3 gruppi) è stato positivo: fin da subito si è instaurato un clima sereno e un rapporto di fiducia con le famiglie. Sia io che la collega di sezione siamo nuove all interno della scuola, quindi in un primo momento di conoscenza e di scambio di esperienze, siamo partite per intraprendere questo nuovo anno scolastico con tanta voglia di collaborare e con l unico obiettivo di portare i bambini ad amare la scuola e sentirla propria. Il clima all interno della sezione è estremamente positivo; i bambini sono arrivati già con un alto livello di autonomia costruita dal nido. Il nostro compito inizialmente è stato quello di farli socializzare con i nuovi compagni e di insegnare loro le regole fondamentali necessarie per vivere serenamente all interno della sezione. I bambini hanno avuto modo di costruire relazioni significative con i coetanei e parallelamente hanno gradualmente acquisito maggiore autonomia nelle routine: i bambini si recano da soli in bagno, riescono 23

24 a preparare il corredo per il riposo, hanno a disposizione ampi spazi modulabili che loro trasformano in base alle necessità dei vari momenti della giornata. Hanno fatto proprie le routine giornaliere: l appello, il tempo fondamentali per capire il trascorrere del tempo e delle giornate. L inserimento Il primo anno di scuola è sicuramente il più complicato da gestire a livello emotivo perché ci si trova davanti a tante emozioni, stati d animo e comportamenti da dover gestire nel migliore dei modi. Noi insegnanti ci troviamo davanti a bambini con vissuti personali differenti che richiedono un attenzione personalizzata, dobbiamo saper osservare e cogliere la sofferenza di alcuni di loro dimostrandoci disponibili ad accettarla e comprenderla. Molti di loro non hanno mai frequentato un ambiente diverso da quello di casa, persone diverse da mamma, papà, nonni o zii, pertanto è normale che siano spaventati da tutto ciò che è nuovo e diverso. Tocca proprio a noi insegnanti metterli a proprio agio, farli superare quelle paure e quei timori che si percepiscono inizialmente anche nei genitori. L inserimento è un percorso lungo e faticoso non solo per i bambini, ma anche per le famiglie, che vanno costantemente rassicurate e aggiornate su tutto ciò che ruota intorno al proprio figlio. A parte l insegnante che deve cercare di consolare il bambino nei momenti di crisi, di coccolarlo, di ascoltarlo e di accoglierlo, ci sono altre figure fondamentali, altri facilitatori che possono aiutare il bambino stesso in questa fase dell inserimento per trovare un ambiente tranquillo e stimolante in particolare l instaurarsi di relazioni amicali, la possibilità di avere un oggetto di transizione che mantiene vivo il legame con casa sua. E importante far capire ai genitori che i tempi dei bambini non vanno forzati ma al contrario rispettati. La capacità di adattamento è diversa per ognuno di loro e quindi esortiamo i genitori ad aspettare che i bambini siano emotivamente pronti a vivere ogni momento scolastico dal pranzo al riposo pomeridiano. 24

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Sintesi Progetto Educativo

Sintesi Progetto Educativo Sintesi Progetto Educativo Servizio socio-educativo per la prima infanzia Autorizzato dalla Regione Veneto L.R. 22/2002 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 e UNI 11034 per la progettazione ed erogazione di

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli