LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO"

Transcript

1 LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani

2 TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una descrizione metrica-quantitativa della superficie terrestre e di stilare le carte Topografiche. Scopo principale, come scienza, è la determinazione delle coordinate di punti sul terreno e/o di individuare con precisione punti segnati sulla carta. Mentre la Cartografia è quella scienza che ha il compito di riportare i punti sulla carta. Fig. 1 Rappresentazione del terreno su un piano bidimensionale La Topografia e la Speleologia Con la topografia, lo speleologo riesce a far conoscere agli altri il luogo dove è situata la grotta e la conformazione della stessa. Per far ciò, lo speleologo deve avere delle conoscenze fondamentali quali: Nozioni di Cartografia; Nozioni di Rilievo. 2

3 Nozioni di Cartografia La cartografia ufficiale utilizzata dallo speleologo, in genere è quella prodotta dall I.G.M. (Istituto Geografico Militare), che tra il 1875 ed il 1900 ha redatto la carta fondamentale d Italia, in sostituzione d altre carte non omogenee esistenti nei vari stati. Per la compilazione della Carta, l I.G.M. ha adottato la proiezione equivalente di Flamsteed, detta anche sinusoidale o naturale o policentrica, cioè con origini diverse foglio per foglio. Ciascun Foglio della Carta d Italia comprende un trapezio sferoidico limitato da due meridiani, la cui differenza di longitudine è di 30, e da due paralleli la cui differenza di latitudine è di 20. Fig. 2 - Costruzione del Foglio scala 1: Per costruire il reticolo geografico sulla carta si trasforma il trapezio sferoidico in un trapezio piano. Fig. 3 - Trasformazione del trapezio sferoidico in trapezio piano. 3

4 Nel 1940 l I.G.M. decise di sostituire alla proiezione equivalente di Flamsteed la proiezione conforme di Gauss. Spetta in seguito al prof. Boaga, il merito di avere elaborato le formule applicative e le tavole numeriche: è per questo motivo che a tale proiezione viene si attribuisce il nome di Gauss-Boaga. La proiezione conforme di Gauss-Boaga, che si è adottata, consiste nel rappresentare sul piano l ellissoide terrestre per fusi di 6 d ampiezza, riportando senza deformazioni il meridiano centrale del fuso. La cartografia Italiana è stata anche inserita in quella mondiale, chiamata proiezione conforme Universale Trasversa di Mercatore (U.T.M.). Oggi, tutta la cartografia dell I.G.M. è redatta nella proiezione conforme di Gauss-Boaga e in quella U.T.M.. Si deve però precisare che, a causa delle differenze nelle compensazioni delle triangolazioni d appoggio e delle diverse origini, gli elementi cartografici del sistema Gauss-Boaga non s inseriscono perfettamente in quelli del sistema U.T.M.. In entrambe le proiezioni, la superficie terrestre è divisa in fusi di 6 ciascuno, ed entro ogni fuso i meridiani ed i paralleli appaiono come linee più o meno curve, tranne per il meridiano centrale del fuso e l equatore, che sono rappresentati da due rette perpendicolari fra loro. Assumendo queste come assi di un sistema di coordinate rettangolari, la posizione di un punto può essere individuata dalle coordinate rettangolari gaussiane, definite dalle distanze del punto da queste due rette: l ordinata, distanza del punto dall equatore; l ascissa, distanza del punto dal meridiano centrale del fuso, al quale però si attribuisce un valore convenzionale in modo da non avere ascisse negative per i punti ad Ovest di esso. Le rappresentazioni dell I.G.M. Come per la zona, nel sistema U.T.M., nel sistema cartografico utilizzato dall I.G.M. anche l area presa in esame dal Foglio in scala 1: era molto estesa, quindi si è suddiviso in quattro parti che prendono il nome di Quadranti che sono numerati con numeri romani partendo dal quadrante in alto a sinistra ed in senso orario, questi sono redatti alla scala 1: Per avere delle carte ancora più dettagliate, ogni Quadrante è diviso ancora in altre quatto parti, ognuna di queste è redatta alla scala 1: , è contraddistinta con la sua posizione geografica nel quadrante ed è chiamata Tavoletta. In casi particolari le tavolette possono essere divise ancora in sezioni. 4

5 Fig. 4 - Suddivisione del Foglio in Quadranti, Tavolette e sezioni Riepilogando, in speleologia come detto in precedenza la cartografia adoperata è quella ufficiale dell I.G.M., partendo dal Foglio in scala 1: (l I.G.M. ne ha redatti 278 per coprire l intero territorio Nazionale), utile per avere una buona visione di un ampia porzione di terreno attorno all area di studio, passando ai quadranti, quando si vuole avere una vista d insieme di più tavolette con un dettaglio maggiore a quello del Foglio, e per ultimo la cartografia più comune ed usata, la Tavoletta, con una rappresentazione molto dettagliata dell area presa in esame. Raramente si utilizzano altre cartografie a scala più elevata (1: ed 1: 5.000), queste sono considerate carte tecniche e sono per lo più d interesse comunale. La Tavoletta a scala 1: Ogni tavoletta è indicata precisando la posizione geografica nel quadrante a cui appartiene, nonché col nome della località più importante che contiene ed il numero del foglio in scala 1: da cui deriva. Ogni tavoletta è composta da un quadro centrale e da una cornice che riporta tutte le informazioni utili alla lettura della carta. La Cornice: In alto, da sinistra verso destra, si trova la posizione della tavoletta, il suo nome e la ripetizione degli estremi. 5

6 In basso, da sinistra verso destra, sono poste le informazioni generali della tavoletta, dato importante è quello relativo alla data di pubblicazione ed eventuali successive edizioni, poiché fornisce il grado d aggiornamento ed attendibilità della carta. Si trova poi il quadro d unione delle tavolette immediatamente circostanti; i limiti amministrativi e l elenco dei comuni compresi nel disegno topografico nel riquadro centrale. Altra informazione importante è quella relativa all equidistanza delle curve di livello (isoipse), che generalmente è di 25 m per le ausiliarie, mentre le principali (a tratto più marcato) sono di 100 m, inoltre in caso d ampie zone pianeggianti le isoipse sono tratteggiate (da prestare attenzione con quelle tratteggiate negative, presenti in zone costiere che indicano il fondale marino). Nella parte centrale della carta poi si trovano le scale numeriche e grafiche, sotto di queste vi sono dei segni convenzionali, basilare la loro conoscenza per il corretto uso e lettura della carta. Ancora, nella parte bassa a sinistra troviamo uno specchietto con i dati delle coordinate chilometriche dei vertici del quadro nel reticolato Gaus-Boaga. Lungo il margine destro della cornice troviamo uno specchietto con i valori della declinazione magnetica riferita all anno d edizione della carta (con i dati delle correzioni da apportare per l orientamento con la bussola), i dati riferiti al reticolato UTM ed infine un esempio pratico di calcolo delle coordinate di un punto. Ai bordi della carta, lungo il riquadro, si trova indicato il reticolato con variazioni delle indicazioni al primo di grado. Ai vertici sono riportate le coordinate per i paralleli ed i meridiani. Il quadro centrale: È quella parte della carta dove si trova il vero e proprio disegno topografico. In questo disegno, tramite la simbologia descritta, vi è rappresentato tutto ciò che è presente nell area interessata, dal singolo fabbricato al tipo di coltura prevalente, dalla trazzera all autostrada, alla linea ferrata (FF.SS.), ecc.. Inoltre, tramite le isoipse, già trattate precedentemente, possiamo avere la rappresentazione altimetrica del terreno. 6

7 CORNICE QUADRO Fig. 5 Esempio di Tavoletta a scala 1:

8 Nozioni di Rilievo Premessa Con il termine rilievo si intende semplicemente acquisire dei dati per permettere all operatore di trasportare ciò che vede su un foglio, il Disegno, tramite coordinate che possono essere di due tipi: coordinate polari e coordinate rettangolari o cartesiane. Coordinate Polari e Coordinate Cartesiane Per coordinate polari si definiscono le coordinate di un punto su di un piano, individuate da un vettore identificato con una direzione (angolo azimutale) e da una misura lineare (distanza in metri) con origine da un punto noto e visibile. Fig. 6 Esempio di coordinate polari Esempio pratico di coordinate polari: il punto P 1 avrà come coordinate polari la distanza A e l angolo zenitale θ 1. il punto P 2 avrà come coordinate polari la distanza B e l angolo zenitale θ 2. 8

9 Le coordinate rettangolari o cartesiane, sono caratterizzate da due numeri che rappresentano la distanza in metri su un piano cartesiano d assi X e Y con origine 0 nel punto d intersezione dei due assi. N N IV Quadrante Y positivo X negativo I Quadrante Y positivo X positivo P 4 P 1 O 0 E O E III Quadrante Y negativo X negativo II Quadrante Y negativo X positivo P 3 P 2 S S Fig. 7 Esempio di coordinate rettangolari 9

10 La strumentazione dello speleologo I dati che a noi interessa acquisire sono di due tipi: 1) Lineari e 2) Angolari. É, quindi, indispensabile, per effettuare un rilievo, conoscere la strumentazione da utilizzare. In relazione alle misure lineari, lo speleologo, utilizzerà la Cordella metrica (rollina) da 10, 20 o 50 metri, in base alle distanze da rilevare. Mentre, In relazione alle misure angolari, gli strumenti da utilizzare saranno: la Bussola, avente la funzione di misuratore d angoli magnetici sul piano orizzontale; il Clinometro, che, invece, rileva angoli d inclinazione. Questi dati, saranno trascritti in un apposito quaderno di campagna, è consigliabile che per trascrivere questi dati, vista l alta percentuale d umidità presente in grotta, si usi una comune matita anziché una biro. Fig. 8 Bussola a traguardo Fig. 9 Clinometro a traguardo Fig. 10 Cordelle metriche Riepilogando, in una trousse da rilievo, ci dovranno essere: un quaderno di campagna, almeno una matita, un temperino, una gomma, una rotella metrica (solitamente si usa quella da 20 metri), una bussola ed un clinometro del tipo a traguardo. 10

11 Rilievo per poligonazione La metodologia di rilievo più comunemente usata dallo speleologo è la poligonazione. Questo metodo di rilievo consiste nel collegare tutti i punti da misurare in modo da formare una linea spezzata, detta appunto poligonale, della quale si misurano tutti gli angoli e tutti i lati. Ogni lato della poligonale è definito battuta ed è composto da tre dati fondamentali: la distanza fra i due vertici (L), l angolo d elevazione (α) e l angolo di direzione formato con un origine prefissata, quando questa è il Nord (magnetico), si definisce come angolo azimutale (θ). I singoli vertici della poligonale, o capisaldi, sono contraddistinti con numeri o con lettere dell alfabeto, in ordine progressivo. La scelta va fatta in modo tale che da un caposaldo si possano vedere il precedente ed il successivo. Fig. 11 Esempio di poligonazione su di un piano inclinato e relativa proiezione della stessa sull orizzontale, con indicato nella prima battuta 1-2 la lunghezza L, l angolo d orientamento θ e l angolo d inclinazione α. I lati della poligonale, compatibilmente con il terreno e l ambiente in cui si opera, si prendono di lunghezza pressoché uniformi. In genere si evitano lati molto corti, perché influiscono notevolmente ad aumentare il margine d errore nelle misure angolari, per il centramento e mira degli strumenti. Generalmente, siccome in grotta si effettua una poligonale aperta (cioè, quando il primo e l ultimo vertice non coincidono), per ridurre l errore, dovuto alle letture strumentali, le misure distanziometriche ed angolari, delle singole battute sono eseguite due volte, in andata e al ritorno, cioè prima guardando al vertice successivo, poi, spostandosi sul successivo rifare la lettura verso il precedente e, così via. Confrontando le misure effettuate sullo stesso lato, se la loro differenza è eccessiva ci si accorge subito dell errore e si rifanno, se altrimenti, la loro differenza non è eccessiva, si assumono per validi i valori della media aritmetica delle misure fatte. Man mano che i dati sono desunti durante lo svolgimento di una poligonazione sul terreno, sono trascritti su un apposito quaderno di campagna. 11

12 Posizionamento di una cavità e calcolo delle coordinate La prima incombenza del rilevatore, è quella di stabilire la posizione topografica dell ingresso della cavità, cioè di riportare, sulla carta topografica che si utilizza, il punto, pressoché preciso, dell ingresso. Per fare ciò, ci serviamo della Bussola. Sulla carta individuiamo due punti, meglio se tre, detti capisaldi, di cui siamo certi del loro posizionamento sul terreno, campanili di chiese, punti trigonometrici, cime di montagne (stando molto attenti a non scambiare un anti cima con una cima), ecc., poi facciamo la lettura angolare sul piano orizzontale. Per la risoluzione, esistono due metodi fondamentali, 1) metodo grafico ed 2) il metodo analitico. Fig Esempio del Punto Grotta utilizzando tre capisaldi Metodo Grafico Con l ausilio di un goniometro (della stessa scala della Bussola) orientato con lo 0 al Nord della Carta Topografica, si traccino delle rette passanti dal punto osservato e dalla lettura fatta depurata dall angolo piatto, esempio: se sul terreno si è fatta una lettura alla bussola di 280 sulla carta sarà riportata la misura di = 100 oppure se la lettura è di 20 sarà riportata = 200 naturalmente se si usa 12

13 una bussola centesimale anche il goniometro sarà centesimale e l angolo da depurare sarà di 200. Così, facendo anche attenzione alla declinazione magnetica, si avrà la congiunzione delle rette in un punto, in caso si sia scelto di prendere come riferimento tre capisaldi, difficilmente le tre rette coincideranno in un punto, quindi, sarà presa per valida la posizione del centro del piccolo triangolo che si verrà a creare. Determinato così sulla carta il punto, con l aiuto di un altimetro si può anche controllare se la quota registrata è uguale a quella riportata sulla carta, in tutti i casi annotarla sul rilievo. Fatto ciò, con delle squadrette, si traccino dal punto trovato, le parallele agli assi del disegno, si misuri la distanza dal punto sul reticolo al meridiano e/o al parallelo precedente, si trasformi la misura in distanza (ricordandosi che se si tratta di tavoletta a , 1 mm = 25 m), si sommi tale distanza alla coordinata chilometrica relativa. Ottenute così le coordinate chilometriche nel sistema Gauss-Boaga, potranno essere incluse nel nostro elaborato finale. esempio pratico: Coordinate chilometriche desunte dalla cartografia: m Est m Nord Misure in mm delle distanze da tali coordinate al punto P 15 mm Est 20 mm Nord Trasformazione da mm misurati in metri reali 15 * 25 = 375 m 20 * 25 = 500 m Il punto P avrà come coordinate chilometriche: = m Est e = m Nord. Fig Calcolo delle coordinate chilometriche nella carta topografica 1:

14 Metodo Analitico Questo metodo a differenza di quello precedente rende direttamente le coordinate chilometriche del punto, in seguito si riporta il punto sulla carta Topografica. É molto efficace, perché come tutti i metodi matematici, annullano quasi del tutto l errore, ma è anche molto difficile da applicare per diversi motivi, alcuni dei quali sono la precisione delle letture da effettuare in campagna, comunemente vengono adoperati dei strumenti ottici molto precisi, molto costosi, quali tacheometri o teodoliti, poi bisogna avere anche una certa precisione nel calcolare le Coordinate dei capisaldi. 14

15 Il rilievo ipogeo Come detto in precedenza, per rilievo si intendono tutte quelle operazioni compiute sul terreno atte alla restituzione, a tavolino, di un disegno su carta che rappresenti fedelmente l oggetto, o nel nostro caso la cavità ipogea. Per far ciò, dobbiamo sapere le misure che ci apprestiamo a prendere a cosa serviranno. Questa cavità essendo una figura particolare che si sviluppa in tre dimensioni, bisognerà rappresentarla con tre diversi tipi di proiezioni, quali: la Pianta o Planimetria ; lo Spaccato o Sezione longitudinale ed in ultimo la Sezione trasversale. La Pianta o Planimetria É la rappresentazione della cavità sul piano orizzontale, in questa rappresentazione vengono evidenziati soltanto le particolarità del suolo della grotta, mentre tutti gli elementi verticali vengono omessi. Fig. 14 Esempio di Proiezione planimetrica Spaccato o Sezione longitudinale É la rappresentazione altimetrica lungo una linea spezzata ideale che viene opportunamente estesa nel senso della lunghezza, in questa, vengono riprodotti gli spigoli vivi laterali della cavità, e vi compaiono tutti gli elementi verticali (dislivelli quali pozzi e camini, ecc.). 15

16 Fig. 15 Esempio di Spaccato longitudinale. Sezioni trasversali Le sezioni trasversali sono la rappresentazione degli ambienti lungo un piano, posto ortogonalmente al singolo lato della spezzata interna della cavità. In un rilievo ne vengono fatte più di una, rappresentando lo spigolo vivo dei margini laterali della grotta, ogni qual volta si riscontra una variazione delle caratteristiche degli ambienti percorsi. Quindi, essendo fatte per la chiarezza del disegno, possono essere realizzate in una scala grafica con rapporto minore a quella utilizzata per la planimetria e la sezione longitudinale. Fig. 16 Esempio di rappresentazione di sezione trasversali lungo una galleria. 16

17 Esecuzione pratica del rilievo Il rilievo di una cavità viene eseguito per mezzo di una poligonale che congiunge i due punti estremi della grotta; è buona norma eseguire un rilevamento conoscendo già lo sviluppo degli ambienti, quindi, realizzandolo durante il ritorno in superficie. Formazione della squadra da rilievo La squadra da rilievo deve essere composta da minimo due persone, l ideale, in ogni caso, è di tre operatori: il disegnatore, lo strumentista ed il terzo con il compito di leggere le misure e di fare il punto di traguardo. Questi devono lavorare con cognizione e conoscenza del lavoro da svolgere; è sconsigliabile servirsi di collaboratori digiuni di conoscenze topografiche, i risultati saranno tanto più precisi quanto maggiore sarà l affiatamento tra i rilevatori. I compiti assegnati agli operatori devono essere ben distinti, è buona norma che chi effettua il rilievo poi lo restituisca, quindi deve essere colui che sul terreno dà le disposizioni sulle misure da prendere e fa un primo schizzo degli ambienti durante la misurazione, gli altri devono collaborare, l affiatamento sta proprio qui, nel senso che chi collabora dovrebbe già sapere a priori quali sono le misure e da dove prenderle. Quindi, nel caso si adoperi la squadra tipica di tre operatori; il primo sarà colui che fa lo schizzo ed annota le misure sul libretto di campagna (il disegnatore), il secondo sarà colui che fa le letture angolari (lo strumentista), ed il terzo leggerà la distanza e farà il punto di traguardo. In caso la squadra è composta da due persone il primo sarà disegnatore e strumentista, ed il secondo si occuperà delle distanze. La poligonale principale Come visto in precedenza, le poligonali sono delle linee spezzate ideali che congiungono i diversi punti consecutivi di un rilevamento. Lo svolgimento della poligonale principale, quando è possibile, dovrebbe essere effettuata lungo gli assi principali degli ambienti (poligonale d asse), effettuando di volta in volta ed in successione da un vertice a quello successivo, le seguenti misurazioni: - Azimut (o angolo orizzontale θ) con la bussola; - Inclinazione (o angolo verticale α) con inclinometri; - Distanza fra i due vertici (L) con longimetri quali nastri metrici (rolline); - Altezza del punto d osservazione rispetto al livello del terreno. 17

18 Fig. 17 Acquisizione dei dati fondamentali (L, θ, α) in una galleria nella sua proiezione planimetrica ed altimetrica Fig. 18 Parte della galleria con indicate le seguenti grandezze da registrare: AB AC BC Aa Ab Ac Ad Cc ca cb Ba Bb Bc Bd Battuta tra i vertici A e B di una poligonale Distanza fra caposaldo A e vertice intermedio C Distanza fra vertice intermedio C e caposaldo B Larghezza a sinistra nel caposaldo A Larghezza a destra nel caposaldo A Altezza dello strumento dal suolo nel caposaldo A Altezza della volta dal caposaldo A Altezza dello strumento dal suolo nel vertice C Larghezza a sinistra nel vertice intermedio C Larghezza a destra nel vertice intermedio C Larghezza a sinistra nel caposaldo B Larghezza a destra nel caposaldo B Altezza dello strumento dal suolo nel caposaldo B Altezza della volta dal caposaldo B 18

19 Inoltre, ove è possibile, per una migliore chiarezza e precisione del rilievo, dovrebbero essere misurate le seguenti ulteriori grandezze: - altezza della volta; - distanza dal vertice alle pareti, a destra e a sinistra); - tutte le eventuali misurazioni, in caso d andamento irregolare della cavità, atte a rendere successivamente meglio definibile l andamento della stessa, anche se si trovano in punti intermedi fra i vertici. Talvolta la poligonale principale non è sufficiente per il rilievo di grandi spazi, quali caverne, saloni, ecc., allora si procederà per irraggiamento. Questo metodo è semplice da utilizzare, consiste nel fare delle letture a diversi punti stando sempre fermi su di un vertice. Di questi punti verranno misurati come al solito l azimut, la distanza, l angolo d elevazione, nonché tutte le misure o i particolari trattati precedentemente, e potranno essere contraddistinti con le lettere minuscole dell alfabeto. Fig. 19 Esempio di irraggiamento all interno di una poligonale. Invece, quando siamo in presenza di rami secondari, o laterali della cavità, viene utilizzato una poligonale secondaria. Questa partendo da uno dei vertici della principale, rileverà tutti gli altri punti occorrenti per definire i rami secondari. Per la numerazione di questi punti si possono utilizzare sempre le lettere minuscole dell alfabeto o, in caso di rami secondari molto lunghi, numeri di tre cifre, di cui la prima indica il numero del vertice da cui parte il ramo secondario, o altri sistemi equivalenti purché chiari ed inequivocabili. Fig. 20 Esempio di poligonale secondaria, con segnati i punti 19

20 Tutte le misure e/o i dati acquisiti, dovranno essere registrati in un apposito quaderno di campagna, con fogli numerati successivamente, per essere successivamente elaborati in fase di restituzione del rilievo. Un quaderno di campagna deve essere formato da due parti principali, la prima dove verranno riportati tutti i dati assunti (lunghezze, angoli, ecc.), la seconda, grafica, dove verrà eseguito man mano che si va avanti col rilievo uno schizzo rappresentante l andamento degli ambienti, e dove sia necessario anche delle sezioni trasversali. Il quaderno dovrà riportare, in una sezione a parte, le seguenti indicazioni molto importanti: - Nome, numero o sigla della cavità; - Il numero, quando conosciuto, di catasto della stessa; - Data del rilievo; - Nome dei rilevatori; - Posizione della cavità sul supporto cartografico (coordinate del punto grotta). 20

21 21

22 La restituzione del rilievo Terminato il rilevamento topografico della cavità, si può iniziare la restituzione dei dati assunti. Quest operazione può essere suddivisa in due fasi distinte: 1) L elaborazione vera e propria dei dati; 2) Disegno in scala opportuna della cavità nelle sue proiezioni. Come per la fase di rilievo, anche per questa ci saranno strumenti del quale è necessario fornirsi, fra i principali segnaliamo: un ripiano per disegno (quale potrebbe essere un tecnigrafo, ma basta anche una semplice tavoletta con righe scorrevoli), squadrette in plastica trasparenti di adeguate dimensioni, righello, goniometro (rapportatore di angoli) possibilmente nella stessa scala della bussola e clinometro, oggetti vari per il disegno quali matite, gomme, carta millimetrata e lucida e penne a china di diverse misure (principalmente 0,2 0,5 e 1 mm). Altri strumenti utili ma non indispensabili possono essere scalimetri (nelle scale più comuni ed usate), calcolatrici (utili per le funzioni trigonometriche e per le riduzioni in scala) ed i normografi o lettere trasferibili per avere delle scritte abbastanza leggibili. L elaborazione dei dati. Prima operazione di questa fase è il controllo dei dati assunti, in caso, fare le dovute correzioni e stilare un quaderno di campagna con riportate le medie (se si sono fatte le doppie letture per ogni battuta) delle varie battute effettuate lungo la poligonale. Successivamente si può iniziare ad elaborare i dati utilizzando le formule di trigonometria. Cioè, si trasformare le misure rilevate come coordinate polari in coordinate cartesiane. Passaggio dall eidotipo al disegno definitivo Dopo la fase dell elaborazione dei dati, effettuata secondo il metodo grafico o analitico, si hanno tutti gli elementi per procedere, ed eseguire il disegno della cavità. La Planimetria Il disegno della planimetria, cioè della proiezione su un piano orizzontale dell intero andamento della cavità, viene eseguito esattamente come effettuato in fase di rilevamento. I vari vertici vengono riportati sulla carta graficamente, per coordinate polari da un vertice al successivo, o tramite le relative coordinate cartesiane (rettangolari). La differenza dei due metodi è la precisione che si vuole ottenere, poiché, utilizzando il primo, avremo un riporto di errore che si andrà a sommare da punto a punto, mentre col secondo, al limite, possiamo solo riscontrare l errore sull approssimazione della misura su ogni singolo punto. 22

23 L orientamento, comunque, viene assunto lungo uno degli assi principali del foglio di carta da disegno, tenendo conto dell andamento prevalente della cavità. Nord θ 2 θ l l 3 1 Fig. 22 Riporto della planimetria tramite coordinate polari. Y X D 1-2 D 2-3 X 3 Y 2 4 X 4 Y 4 D Y 3 X Fig. 23 Riporto Planimetrico con coordinate cartesiane. La scelta della scala grafica (rapporto del disegno rispetto alle reali dimensioni), deve essere prefissata in base alla profondità e/o lunghezza della stessa cavità rilevata. Dopo la stesura completa della poligonale principale e, in caso ve ne siano, di quelle secondarie per le diramazioni, ecc., si dovrà eseguire il disegno di contorno della cavità in planimetria, riportando eventuali misure accessorie ed i particolari, rispettando la posizione di ogni vertice rispetto le pareti della grotta. La Sezione Longitudinale Tutto ciò che è stato detto per la planimetria è valido anche per la sezione longitudinale, per quanto riguarda la scala di riduzione, è preferibile che si adotti quella usata per la planimetria. Anche qui è da ricordare che le misure di lunghezza e profondità saranno da calcolare con origine dall ingresso della cavità. A questo scopo, si sommano distanze 23

24 e profondità in progressione riportando come valore da misurare sulla carta in scala i singoli totali parziali. 1 α 1 l 1 l 1 +l 2 d 1 +d 2 d 1 L 1 L 2 α Fig. 24 Procedimento di riporto grafico della proiezione longitudinale. Fig. 25 Le diverse fasi del riporto grafico della planimetria di una cavità. 24

25 Fig. 26 Diverse fasi durante il riporto grafico della sezione longitudinale di una cavità. Le Sezioni trasversali Limitatamente alle sezioni trasversali si potrà utilizzare una scala grafica differente, da quella utilizzata per la Planimetria e la Sezione Longitudinale, tale da evidenziare maggiormente i particolari relativi al punto di sezione, comunque, questa dovrà rimanere la stessa per tutte le sezioni trasversali del disegno. Le sezioni dovranno essere identificate con le lettere maiuscole dell alfabeto (es. sez. A-A ), e negli elaborati, planimetria e sezione longitudinale, dovrà riportare anche il verso in cui viene vista. 25

26 Fig. 27 Riporto grafico della sezione Trasversale di una cavità. Altre indicazioni Terminata la fase di riporto grafico della cavità, si può anche lucidarlo, cioè riportarlo con inchiostro di china nero su carta lucida, per poter, in seguito, farne delle copie oleografiche. Detto disegno dovrà essere completato con i seguenti dati: nome della cavità, posizione geografica (coordinate), per ogni elaborato dovrà essere riportata la scala di rapporto sia numerica sia grafica, inoltre dovrà anche contenere la data del rilevamento ed i nominativi della squadra che lo ha eseguito e del disegnatore. Copia di tutto il materiale, insieme alla scheda caratteristica della grotta, dovranno essere trasmessi al Catasto Grotte Competente per la registrazione, e l assegnazione del numero progressivo di catasto che dovrà servire da base a successivi lavori e studi. 26

27 Bibliografia MANUALE DI RILIEVO IPOGEO Redatto a cura della Società Alpina delle Giulie, Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano, su commissione della Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia, Direzione regionale della pianificazione territoriale TOPOGRAFIA E DISEGNO TOPOGRAFICO Edizione: A.P.E. Mursia Autori: A. Dragonetti, F. Procino, D. Rossi 27

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 IL DISEGNO DELLE GROTTE PREMESSA Il rilievo di una grotta è destinato ad essere utilizzato

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

IL RILIEVO DELLE GROTTE

IL RILIEVO DELLE GROTTE IL RILIEVO DELLE GROTTE di Andrea Maconi Indice 1 Premessa...2 2 Cosa si porta per fare un rilievo?...2 3 Schema di realizzazione di una poligonale...2 4 Dove fare i capisaldi?...3 5 Come leggere la bussola...4

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione generale per i porti S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO Guida alla compilazione del Modello Domanda D3 (Parte Tecnica: cartelloni, insegne

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA GIOVANNI NALIN Socio AIAPP n 467 AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Premessa: Nella progettazione, ma anche nella gestione del "verde", sia esso pubblico o privato, riveste fondamentale importanza

Dettagli

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE

LE SCALE DI RAPPRESENTAZIONE IL SUPPORTO La CARTA DA DISEGNO è raggruppabile in due tipi fondamentali: - carta opaca o bianca - carta trasparente o da lucido, usata per disegni a china. GLI STRUMENTI Il gruppo di linee da usare per

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

CAPITOLO I - L'Attrezzatura

CAPITOLO I - L'Attrezzatura PICCOLO MANUALE DI TOPOGRAFIA CAPITOLO I - L'Attrezzatura Per orientarti (trovare l oriente), non ti bastano una bussola e una carta. E necessario infatti avere un minimo di attrezzatura che ti permetta

Dettagli

Principi generali di normativa per il Disegno Tecnico e introduzione alle Proiezioni Ortogonali

Principi generali di normativa per il Disegno Tecnico e introduzione alle Proiezioni Ortogonali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Docente: Gianmaria

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

Proiezioni cartografiche in uso in Italia

Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento

Dettagli

Mappe catasto terreni Mappe catasto edifici Planimetria chiesa

Mappe catasto terreni Mappe catasto edifici Planimetria chiesa 1 E una rappresentazione in piano di una superficie, di un terreno o di un edificio. Equivale al concetto di pianta nel disegno tecnico (PO). Tutti i beni immobili vengono registrati al CATASTO, ufficio

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

d) Carte nautiche e misurazione delle distanze

d) Carte nautiche e misurazione delle distanze d) Carte nautiche e misurazione delle distanze LA SUDDIVISIONE DELLE CARTE NAUTICHE CARTE GENERALI: rappresentano grandi estensioni sono in piccola scala (da 1:1.000.000 a 1:350.000 - denominatore grande)

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 PIANI QUOTATI E CARTOGRAFIA PROF. SPADARO EMANUELE UNITA DIDATTICA N 1 PIANI QUOTATI http://spadaroemanueletopografia.bloog.it/ 2 RAPPRESENTAZIONI COMPLETE DEL TERRENO Premesse

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B

Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B A.A. 2010-2011 Prof. Sylvie Duvernoy Prof. Giampiero Mele Elenco degli elaborati richiesti ELENCO E DESCRIZIONE DELLE TAVOLE D'ESAME Qui di seguito si trova

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione

Unificazione nel disegno. Enti di unificazione Unificazione nel disegno Norme per l esecuzione e la lettura dei disegni finalizzate ad una interpretazione univoca conforme alla volontà del progettista. Enti di unificazione ISO: International standard

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

Orientarsi senza bussola

Orientarsi senza bussola Orientarsi senza bussola Nello sfortunato caso in cui, durante una esercitazione sull orientamento vi siate dimenticati a casa la bussola, non disperatevi, o almeno non immediatamente. Potreste essere

Dettagli

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano.

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano. LA RETTA DESCRIZIONE GENERALE Nella GEOMETRIA ANALITICA si fa sempre un riferimento rispetto al piano cartesiano Oxy; questa riguarda lo studio della retta, delle trasformazioni lineari piane e delle coniche.

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI ELEMENTI I TOPOGRFI ESERIZI 1. ato il quadrilatero, i cui vertici si seguono in senso antiorario, di cui si conoscono le coordinate dei vertici e rispetto a un sistema di assi ortogonali: E = 23,55 m N

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

LE SEZIONI TRASVERSALI

LE SEZIONI TRASVERSALI LE SEZIONI TRASVERSALI Rappresentano l intersezione del corpo stradale e del terreno con un piano verticale e normale all asse stradale. Vengono eseguite in corrispondenza di ciascun picchetto d asse.

Dettagli

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA 1. Un ettometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 2. Un chilometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 3. Un decametro corrisponde a : a. 0,1 m ; b. 0,01 m ; c. 10

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio A.A. 2007-2008 2008 Corsi di Disegno tecnico e Strumenti di analisi Laboratorio di progettazione e Disegno tecnico computerizzato Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio docente

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione ARCHITETTURE d INTERNI servizi di progettazione professionale on-line Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione La presente guida intende fornire le indicazioni

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2015/16 Materia Tecnologie e Tecniche

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE:

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TOPOGRAFIA DOCENTE: GARAVANI MARINA CLASSE IV A CAT Il docente di Topografia concorre

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB S O M M A R I O Compagni inseparabili... 03 IL RETICOLATO GEOGRAFICO Meridiani e paralleli 04 LA COSTRUZIONE DELLE CARTE TOPOGRAFICHE Il sistema Universal Transverse Mercator 06 La carta topografica d

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie?

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Anassimandro (IV sec. a.c.) Omero (VIII sec. a.c.?) Aristotele (384-322 a.c.) riportava due osservazioni a riprova della sfericità della

Dettagli