L.C. «Socrate» di Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.C. «Socrate» di Bari"

Transcript

1 L.C. «Socrate» di Bari Presidio Michelangelo di Bari Equipe tutoriale ISS: M.C. Ardito, A.M. D'Orazio, P.Macinagrossa, M. Serio

2 LA CHIMICA DEI BENI CULTURALI Ragazza con l orecchino di perla, Johannes Vermeer, 1665, olio su tela, Mauritshuis, L Aia, Olanda.

3 ARCHEOMETRIA Αρχαῖος + Ϻέτρον «misura dell antico» Interesse Storico Archeologico Artistico Architettonico

4 LA CHIMICA DEI BENI CULTURALI Autenticazione e datazione Conservazione e restauro Tecnologie di produzione

5 Come datare e autenticare reperti archeologici? Studio sui pigmenti Metodo al radiocarbonio La termoluminescenza Datazione in base al fluoro

6 MATERIALI DI INTERESSE ARTISTICO - Lapidei (pietre preziose) - Ceramica - Vetro - Metalli - Materiali pittorici (coloranti, pigmenti antichi) - Materiali organici (ambra, avorio, tessuti)

7 CROCIFISSO ERRONEAMENTE ATTRIBUITO -La scena. Firenze. -La materia del contendere. Un piccolo crocifisso ligneo del tardo 400 esposto nel maggio del 2004 al Museo Horne (Firenze) con un attribuzione che fece scalpore: il giovane Michelangelo. Attribuzione confermata dai più e criticata allora da una sola studiosa. -I fatti. Chiusa la mostra, l opera, di proprietà dell antiquario torinese Giancarlo Gallino, cominciò un tour promozionale e, dopo lunga trattativa, fu acquistata dallo Stato italiano nel novembre 2008 per 3 milioni e 250 mila euro contro i 18 originariamente richiesti. Il crocifisso appartiene al Polo Museale Fiorentino. Dall'ottobre 2011, l'opera è stata destinata al Museo del Bargello dove, dal 4 aprile 2012, è definitivamente esposta in una teca nella Cappella del Podestà.

8 Il Crocifisso di Santo Spirito, opera giovanile di Michelangelo, che alcuni accostano al piccolo crocifisso Gallino. Perché il Cristo comprato dallo Stato non è di Michelangelo? Il Cristo sarebbe una copia, un falso, un opera di scuola. Niente di tutto questo: il Cristo è una scultura realizzata all inizio del Cinquecento nella Firenze di Michelangelo. Ma non ha nulla a che fare con lui: non ha né lo stile né la somma qualità dell opera del Buonarroti. È invece stata prodotta in una prolifica bottega di artigiani del legno, e conosciamo a tutt oggi una ventina di pezzi usciti dalla stessa bottega, alcuni proprio della stessa mano. Una delle imperdonabili colpe del Mibac è stata proprio quella di non riunire in una mostra tutti questi pezzi, permettendo a tutti di farsi un giudizio.

9 «Non esistono delitti perfetti, ma solo investigatori distratti» - sentenziava il grande Sherlock Holmes -

10 LA FALSIFICAZIONE IN ARTE FALSI Copie tratte da originali esistenti Falsi senza modello Alterazioni, manomissioni

11 TECNICHE DI FALSIFICAZIONE Tecniche di invecchiamento Craquelure Simulazione di composizioni di materiali antichi

12 Han Van Meegeren, il più famoso falsario del XX secolo, rivisitando lo stile del pittore del Seicento Johannes Vermeer, ha realizzato sei opere attribuendole al suo maestro. Notevoli sono stati gli accorgimenti adoperati da Meegeren per rendere credibili le sue rappresentazioni: La Cena in Emmaus - la realizzazione di nuovi quadri; - l utilizzo di pennelli da barba; - l inserimento volontario di polvere nei quadri per ottenere la craquelure; - l impiego del pigmento blu oltremare e dell olio di lillà. Cristo e l adultera

13 Come rivelare un falso? Composizione diversa da quella dichiarata Sostanze non compatibili (o in percentuale non compatibile) con l età storica attribuita Età del reperto (ottenuta con metodi di datazione) non compatibile con quella dichiarata

14 I PIGMENTI DI VERMEER «Blu oltremare, pigmento minerale» L'estrema vividezza e qualità dei colori nei dipinti di Vermeer è dovuta alla grande cura posta dall'artista nella preparazione dei colori ad olio e nell'estrema ricercatezza dei migliori pigmenti rintracciabili all'epoca. Esempio di tale qualità è il largo uso che Vermeer fece del costosissimo blu oltremare, ottenuto dal lapislazzulo, utilizzato in tutti i suoi dipinti non solo in purezza, ma anche per ottenere sfumature di colore intermedie.

15 Il blu oltremare è un pigmento di origine inorganica molto raro ottenuto da una pietra, il lapislazzuli, che viene lavato, purificato e macinato. Il blu oltremare era usato da Vermeer non solo per le tonalità blu e azzurre, ma anche per ottenere altre sfumature di colore. Noto fin dall antichità, il blu oltremare chimicamente è un silicato di alluminio con inclusioni di polisolfuri di sodio (in particolare il colore blu è dovuto alla presenza dell anione S3-, con il suo elettrone spaiato). E un calcare mineralizzato contenente dei cristalli cubici di lazurite; viene facilmente attaccato dagli acidi anche diluiti con liberazione di acido solfidrico, mentre resiste bene alla luce e all azione degli alcali (basi).

16 «Rosso lacca di garanza, pigmento organico» Una particolarità della pittura di Vermeer è quella di utilizzare la lacca di garanza come smalto per esaltare strati di rosso vermiglione e ocra rossa di base.

17 Il rosso di garanza è un pigmento che viene estratto dalla pianta Rubia Tinctorum appartenente alla famiglia delle Rubiacee. La sostanza colorante estratta contiene una miscela di composti idroantrachinonici tra i quali i principali sono l'alizarina, la porporina e in minima parte la quinizarina. In realtà in pittura viene utilizzato il rosso di garanza sotto forma di pigmento insolubile, ovvero aggiungendo al colorante un sale inorganico in modo da rendere il colore miscelabile con diversi materiali pittorici senza solubilizzarsi. Le radici della pianta della robbia vengono essiccate, frantumate e bollite in un acido debole per dissolvere il colorante. Il colorante estratto dalla radice della robbia diviene pigmento dissolvendolo in una soluzione calda di solfato di potassio e alluminio (Al(SO4)2 12 H2O) e precipitato con soda o borace.

18 Un esperto inglese: dai " Girasoli " di Tokio a famose opere esposte ad Amsterdam almeno 45 " capolavori " non autentici Invasione di falsi Van Gogh, allarme nei musei di mezzo mondo A mettere in dubbio l'autenticita' dei quadri del grande pittore olandese e' lo studioso inglese Martin Bailey, storico dell'arte. Bailey parla di "prove recentemente emerse". Si va dall'esame dei colori a quello dei tratti, dai dubbi sulla provenienza di certi dipinti alla semplice constatazione che a Van Gogh sono attribuiti "troppi" quadri, piu' di quanti avrebbe avuto materialmente il tempo di dipingere.

19 Il «giallo cromo» di Van Gogh a rischio degradazione I celebri Girasoli di Vincent Van Gogh sono a rischio : il marcato imbrunimento del dipinto conservato al Van Gogh Museum di Amsterdam è stato al centro di una ricerca approfondita ad opera di un gruppo internazionale di studi I risultati di questo studio, apparsi circa una settimana fa sulla rivista Analytical Chemistry, rivelano che il giallo a base di cromato di piombo, il famoso giallo cromo usato da Van Gogh e da altri pittori della seconda metà dell Ottocento, era sì intenso e lucente, ma presentava una scarsa stabilità chimica e fotochimica, che con il trascorrere del tempo si è manifestata con un deciso imbrunimento.

20 Il giallo cromo è un composto chimico inorganico formato da cromato di piombo (PbCrO4 --- PbO 69 %, CrO3 31%), presente in natura come minerale (Crocoite) che costituisce un pigmento inorganico naturale giallo. Venne estratto per la prima volta dal minerale crocoite dal chimico francese Louis Vauquelin nel Viene prodotto comunemente miscelando soluzioni di nitrato di piombo e di cromato di potassio e successivamente ricuperando per filtrazione il cromato di piombo precipitato.

21 Ma come usare il pigmento? Granuli di pigmento Tempera all uovo Tempera ad olio Granuli di pigmento

22 I LEGANTI I pigmenti sono delle sostanze solide commerciate sotto forma di polveri, è possibile dipingere solo con l aiuto di un altro materiale che funzioni da intermediario tra i granuli di pigmento e la superficie da rivestire. Questo materiale è il legante pittorico. Il legante deve avere proprietà adesive e proprietà filmogene. dispersioni acquose a base proteica (uovo, caseina, colle animali) e polisaccaridica (tempere) oli contenenti acidi grassi insaturi (oli siccativi) tuorlo + oli siccativi (leganti misti) polimetacrilati (leganti sintetici)

23 Tempere a base proteica Tempere a base d uovo (tuorlo e albume) Tempere a base di colle animali Tempere a base di caseine

24 Composizione della tempera a base d uovo Tuorlo d uovo accuratamente separato dall albume Acqua in piccola quantità in modo da ottenere una pasta stendibile Qualche goccia di aceto utilizzato come antifermentativo e per ritardare l essiccamento Pigmenti in polvere in quantità adatta

25 Utilizzo della tempera ad uovo La tempera a base d uovo è stata considerata, in passato, la tempera per eccellenza Utilizzata inizialmente nelle prime pitture su tavola Pitture murali a secco Restauro pittorico Come fissativo [Albume: raramente utilizzato nella pittura su tavola, più frequentemente nelle miniature dei manoscritti addizionato di zuccheri (miele, melassa ecc.)]

26 Esempio di utilizzo della TEMPERA ALL UOVO La tempera dei quattrocentisti italiani ci è stata tramandata grazie al Libro dell arte del pittore e scrittore d arte Cennino Cennini ( ). In questo trattato l autore descrive come gli artisti del tempo preparavano i supporti sui quali dipingere, come dipingevano, e particolarmente come si preparava la tempera (capitolo LXXII). Il tuorlo d uovo può formare, diluito nell acqua, un emulsione stabile. Per evitare la sua decomposizione, si aggiunge un acido. Questa emulsione dà alle tinte un ricco colorito e forma. Inoltre il tuorlo d uovo aiuta i colori a conservare la loro vivacità resistendo all azione della luce. Copia della Battaglia di Anghiari Peter Paul Rubens Museo del Louvre.

27 Leonardo è noto per i suoi stupendi dipinti, come L'Ultima Cena (o Cenacolo) del 1498 che si trova nel Convento di Santa Maria alle Grazie (Milano) e che purtroppo già nel 1517 iniziò a deteriorarsi per la tempera all'uovo usata sull'intonaco, invece della tradizionale tecnica di pittura murale, l'affresco, che rappresentava per lui un grosso ostacolo poiché non consentiva ritocchi, né modifiche o la realizzazione di velature e sfumature.

28 19 aprile 2012 Test di riconoscimento di pigmenti Presso il Dipartimento di Chimica dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro

29 Preparazione delle tempere: Mescolare il pigmento in polvere con 20 gocce di tuorlo d uovo diluito Stendere la miscela su vetrini numerati Asciugare con fohn

30 Riconoscimento pigmenti blu Azzurrite[2CuCO₃.Cu(OH)₂]: reagendo con con HCl si decompone con formazione CO₂ e decolorazione Indaco[2-(1,3-diidro-3-osso-2H-indol-2-ilidene)-1,2-diidro-3H-indol-3-one]: reagendo con HNO₃ si ossida in isatina(colore giallo) Blu oltremare[na₆ ₁₀Al₆Si₆O₂₄S₂ ₄]: reagendo con HCl produce H₂S(odore di uova marce) e ingrigisce ( malattia dell oltremare ) Blu cobalto[coo.al₂o₃]: si scioglie reagendo con (NaOH) 6N Blu di Prussia[Fe₄[Fe(CN)₆]₃ xh₂o]: reagendo con (NaOH) 6N diventa arancione secondo la reazione Fe₄[Fe(CN)₆]₃ + 12 NaOH 4 Fe(OH)₃ + 12 Na + 3 [Fe(CN)6]⁴ Aggiungendo una goccia di (HCl ) 4N il pigmento ritorna blu: 1) Fe(OH)₃ + 3 HCl Fe³ + 3 H₂O 2) Fe³ + [Fe(CN)6]⁴ Fe₄[Fe(CN)₆]₃

31 Riconoscimento pigmenti rossi Cinabro[HgS]: si scioglie parzialmente e dà effervescenza e odore di uova marce secondo la reazione HgS + 2 HCl HgCl₂ + H₂S Terra rossa[fe₂o₃ e minerali argillosi]: diventa blu reagendo con (HCl) 4N e con K₄[Fe(CN)₆]₃ : 4Fe³ + 3[Fe(CN)6]⁴ Fe₄[Fe(CN)₆]₃ Minio[Pb₃O₄]: si schiarisce aggiungendo HCl e K₂CrO₄ K₂CrO₄ + PbCl₂ 2 KCl + PbCrO₄ Lacca di Garanza[alizarina: 1,2-diidrossiantrachinone]: diventa arancione reagendo con HCl

32 Riconoscimento pigmenti gialli Giallo cadmio[cds]: non si scioglie e si sente odore di uova marce CdS + 2 HCl CdCl₂ + H₂S Giallo cromo[pbcro₄]: reagendo con (HCl) 4N e KI, la soluzione diventa giallo-arancione e i frammenti di tempera marroni PbCl₂ + 2 KI 2 KCl + PbI₂ Ocra gialla[fe₂o₃ xh₂o]: diventa blu reagendo con (HCl) 4N e K₄[Fe(CN)₆]₃ Fe₂O₃ + 6 HCl 2 FeCl₃ + 3 H₂O 4 FeCl₃ + 3 K₄[Fe(CN)₆]₃ 12 KCl + Fe₄[Fe(CN)₆]₃ Curcuma[(1E,6E)-1,7-bis-(4-idrossi-3-metossifenil-epta-1,6-dien-3,5-dione)]: reagisce con HNO₃ diventando rosso-bruno

33 «L'osservazione è una scienza passiva, la sperimentazione attiva» Claude Bernard fisiologo francese Villefranche-sur-Saône, 12 luglio 1813 Parigi, 10 febbraio 1878

34 e allora sperimentiamo! «Gli uomini, mentre insegnano, imparano», diceva quel gran genio di Seneca! Abbiamo riproposto l esperienza ai ragazzi, scoprendo in noi grandi «doti da prof» ed è stato un successone!

35 Attirare l attenzione è uno dei primi requisiti per ottenere dei risultati (Maxwell Sackheim, Marketing Master) La costante attenzione dei nostri compagni è stata la più grande gratificazione.

36 Improvvisandoci moderni «Leonardo», abbiamo creato il nostro legante per una tempera pastosa al punto giusto: - tuorlo d uovo ed acqua in un rapporto 1:1; - un cucchiaino di aceto; questo è stato il segreto del nostro legante

37 La nostra equipe al lavoro

38 Tempera con un pigmento blu Tempera con un pigmento rosso Tempera con un pigmento giallo I pigmenti in polvere (10 mg) che abbiamo utilizzato erano in tutto nove, tre tonalità di blu (blu cobalto, blu di Prussia e blu oltremare), tre tonalità di rosso (cinabro, rosso malaga o terra rossa e minio) e tre tonalità di giallo (giallo cadmio, giallo cromo e curcuma).

39 A questo punto, abbiamo immaginato di riproporre esattamente un opera d arte, credendoci un po i «Picasso» del momento: i vetrini erano le nostre tele e la stufa, la nostra modernissima tecnica d encausto. Abbiamo dunque steso le tempere ottenute sui vetrini Le abbiamo poi fatte asciugare nella stufa

40 Ed ecco il risultato:

41 Dalle tempere asciutte abbiamo allora grattato su vetrini piccoli frammenti di pigmento. Le analisi su un opera d arte devono essere fatte nel rispetto della stessa. Se ne prelevassimo grandi quantità rischieremmo di deturparla.

42 Riconoscimento del colore minerale «blu oltremare» Un buon sistema per analizzare piccoli campioni di colore è quello di far avvenire la necessaria dissoluzione in acidi su un vetro da orologio o piastra, permettere la completa evaporazione con lampada a IR e successiva reazione di riconoscimento con una semplice goccia di reagente. BLU (PIGMENTO DA IDENTIFICARE) MESCOLARE CON TUORLO D UOVO DILUITO AGGIUNGERE UNA GOCCIA DI HCl 4N ODORE DI UOVA MARCE (H2S) TEMPERA CAMBIA LENTAMENTE COLORE (GRIGIASTRO) BLU OLTREMARE

43 Riconoscimento del pigmento organico e vegetale «rosso lacca di garanza» ROSSO (PIGMENTO DA IDENTIFICARE) MESCOLARE CON TUORLO D UOVO DILUITO AGGIUNGERE UNA GOCCIA DI HCl 4N PIGMENTO SI SCIOGLIE COMPLETAMENTE LA SOLUZIONE SI COLORA DI ARANCIONE ROSSO LACCA DI GARANZA

44 Riconoscimento del pigmento minerale «giallo cromo» GIALLO (PIGMENTO DA IDENTIFICARE) MESCOLARE CON TUORLO D UOVO DILUITO AGGIUNGERE UNA GOCCIA DI HCl 4N PIGMENTO SI SCIOGLIE POCO AGGIUNGERE UNA GOCCIA DI KI LA SOLUZIONE SI COLORA DI GIALLO E LA TEMPERA DI MARRONE GIALLO CROMO

45 «Ogni passo avanti nella scienza è partito da un nuovo spunto dell'immaginazione» John Dewey filosofo e pedagogista statunitense TUTTI I PITTORI, DAI GRANDISSIMI AI PIU INESPERTI, ERANO SOLITI RICAVARE COLORI SECONDARI MISCELANDO PIU COLORI PRIMARI; Quindi Come riconoscere i singoli pigmenti presenti in una miscela?

46 Abbiamo provato a mescolare un pigmento blu e uno giallo abbiamo aggiunto 20 gocce di tuorlo d uovo diluito per ottenere la tempera

47 OH abbiamo ottenuto una tempera verde scuro l abbiamo stesa su un vetrino e fatta asciugare nella stufa

48 Operando come al solito, ne abbiamo grattato una piccola quantità trattandola con HCl 4N. L odore di uova marce che si è sviluppato, però, non ci ha dato indicazione di quale potesse essere il pigmento in esame. INFATTI lo svolgimento di H2S può essere dato dalla reazione con HCl sia dal giallo cadmio che dal blu oltremare.

49 Proseguendo con il test con altra tempera, utilizzando NaOH 6N, abbiamo notato che diventava marrone. La conferma del blu di prussia è arrivata trattando il tutto con HCl in eccesso. Il problema sembrava risolto: se il pigmento blu è il blu di prussia il giallo doveva essere il giallo cadmio.

50 A questo punto abbiamo pensato ad un saggio di conferma: abbiamo versato la tempera in una provetta e, aggiunto HCl (forte odore di uova marce) Il giallo cadmio infatti reagisce con HCl secondo la reazione: CdS+2HCl CdCl2+H2S l H2S ha questo caratteristico odore. Il tutto è stato centrifugato al fine di separare le due fasi, quella liquida, contenente lo ione cadmio, e quella solida costituita dal blu di Prussia.

51 Dopo aver centrifugato, abbiamo versato in un altra provetta la fase liquida, abbiamo aggiunto qualche goccia di NaOH in eccesso per rendere l ambiente basico e abbiamo constatato la formazione di un precipitato di colore biancastro cioè dell idrossido di cadmio Cd OH Cd(OH)2 la tempera conteneva dunque pigmento giallo cadmio

52 A cura di Francesca Carofiglio Mariateresa Pugliese

Lezione 8. Pigmenti pittorici Tecniche di studio e classificazione LUCE E COLORE

Lezione 8. Pigmenti pittorici Tecniche di studio e classificazione LUCE E COLORE Lezione 8 Pigmenti pittorici Tecniche di studio e classificazione LUCE E COLORE 1 LUCE E COLORE SORGENTI PRIMARIE DI LUCE (EMISSIONE) SORGENTI SECONDARIE DI LUCE (RIFLESSIONE) E D 65 E A E F 2 400 500

Dettagli

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Soluzione acquosa HCl+BaCl 2 AgNO 3 Saggi Specifici Solfati Carbonati, Bicarbonati, Alogenuri, Fosfati, Borace, Nitriti, Tiosolfati, Idrossidi

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s.

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. 2007/08 [Eleonora Aquilini] Le sostanze basiche Preparate una soluzione di

Dettagli

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e

R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e R i c o n o s c i m e n t o d e i g r u p p i f u n z i o n a l i attraverso r e a z i o n i s p e c i f i c h e Considerazioni preliminari: 1) Sono saggi qualitativi in cui la positività del saggio viene

Dettagli

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO SCOPRIRE APPASSIONARSI CRESCERE A SCUOLA ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO GLI INCHIOSTRI DA STAMPA via dei salesiani, 15 mestre-venezia t. 041.5498111 www.issm.it DEFINIZIONE DI INCHIOSTRO

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI I.I.S. A. PACINOTTI IST. TECNICO STATALE INDUSTRIALE Antonio PACINOTTI IST. TECNICO STATALE per GEOMETRI "Giorgio MASSARI" http://www.iispacinottive.it/ Via Caneve, n. 93 30173 - Mestre (VE) tel. 041 5350355

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Milano, 23/02/2011 Nr. 2AN-7755 Risultati delle analisi scientifiche effettuate sul dipinto su tela (cm 115 x 85) rappresentato

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

I colori minerali ai silicati

I colori minerali ai silicati I colori minerali ai silicati Municipio di Schwyz (Svizzera) 1896 Condominio Boccaccio ang. Via Gioberti Abbazia divia S. Maria di Staffarda Revello MILANO (CN) Città giardino Falkenberg Ca Brutta - MILANO

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z)

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Facoltà di Farmacia e Medicina Anno Accademico 2013/2014 Dott. Giuseppe La Regina Tu,

Dettagli

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese Efficiente Ecologico Economico Varese COME NASCE IL PROGETTO? Vi è mai capitato di faticare per pulire griglie, fornelli, o, a scuola, l attrezzatura del laboratorio di Chimica? Esistono centinaia di detersivi

Dettagli

3) particolare dell intaglio del polittico di santa chiara Venezia. Accademia

3) particolare dell intaglio del polittico di santa chiara Venezia. Accademia varie fasi -falegnameria e intaglio -impanatura -imprimitura -rasieratura -rilevatura dei gessi -punzonatura dei gessi -trasporto del disegno -ripasso del disegno -doratura -pittura -verniciatura 1-FALEGNAMERIA

Dettagli

GAIALAB:INCONTRIAMO L AMBIENTE IN LABORATORIO

GAIALAB:INCONTRIAMO L AMBIENTE IN LABORATORIO LABORATORIO DI CHIMICA Le magie della chimica: l acqua scioglie e le sostanze reagiscono Il lavoro che vi proponiamo è una breve presentazione di alcune reazioni chimiche alcune di queste anche spettacolari

Dettagli

primi passi nella chimica

primi passi nella chimica IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Parole simpatiche

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Separazione dei tensioattivi e riconoscimento della classe di appartenenza I formulati di uso domestico a base di tensioattivi sono numerosi almeno

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Milano, 23/02/2011 Nr. 2AN-7754 Risultati delle analisi scientifiche effettuate sul dipinto su tela (cm 123 x 81) rappresentato

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 DURATA: Annuale (36 lezioni - cadenza settimanale di tre ore ciascuna) FREQUENZA: Sabato 14.30 17.30 sede RUFA di Via

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Lezione TECNICHE PITTORICHE

Lezione TECNICHE PITTORICHE Lezione TECNICHE PITTORICHE AFFRESCO Tecnica di pittura murale Realizzato a fresco, ovvero sull intonaco ancora umido I colori usati sono terre naturali mescolate a calce Il colore si lega chimicamente

Dettagli

Laboratorio 19.4 SEPARAZIONE DI UNA SERIE OMOLOGA DI ACIDI CARBOSSILICI A CATENA CORTA. Cromatografia su carta

Laboratorio 19.4 SEPARAZIONE DI UNA SERIE OMOLOGA DI ACIDI CARBOSSILICI A CATENA CORTA. Cromatografia su carta 2 Laboratorio 19.4 SEPARAZIONE DI UNA SERIE OMOLOGA DI ACIDI CARBOSSILICI A CATENA CORTA Cromatografia su carta SCOPO Riconoscere qualitativamente un acido carbossilico lineare a catena corta mediante

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

DALLA PROSPETTIVA AL COLORE

DALLA PROSPETTIVA AL COLORE DALLA PROSPETTIVA AL COLORE Le fasi della prospettiva sono cosa non proprio semplice da comprendere rispetto tutte le leggi di geometria da cui esse sono regolate. Vi è da dire che l esperienza del disegno,

Dettagli

Lo strato preparatorio. Tecniche - R. Rimaboschi

Lo strato preparatorio. Tecniche - R. Rimaboschi Lo strato preparatorio Preparazioni per i dipinti su tavola, su tela parietali Gli artisti conoscevano bene i metodi per creare opere perfette e che durassero. Applicavano meticolosamente metodi e ricette

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%)

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%) IL VETRO I primi oggetti in vetro risalgono a circa 3.500 anni fa in Mesopotamia ma la leggenda vuole che siano stati i FENICI ad inventare il vetro per caso Una leggenda narra che dei mercanti FENICI,

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

ausiliari a u x i l a per pittura

ausiliari a u x i l a per pittura ausiliari a u x i l a per pittura >medio ritardante È un prodotto a base acquosa che, grazie alle particolari materie prime contenute, ritarda l'essiccazione dei colori acrilici. Infatti, miscelato con

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA Continuità S.E. I.Calvino - S.M. Follereau Tematica portante: ricerca di alcune sostanze negli alimenti Nuclei fondanti:unitarietà-diversità-trasformazioni Obiettivi

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Estrazione ed impiego di indicatori acido-base vegetali ACIDI E BASI NELLA VITA QUTIDIANA Acidi Sono di sapore aspro

Dettagli

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti

Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Verifica sperimentale della legge di Proust delle proporzioni costanti Un lavoro degli studenti della classe 4B del Liceo Scientifico Ernesto Balducci di Pontassieve Gli scienziati francesi Antoine Lavoisier

Dettagli

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) Università degli Studi di Napoli Federico II PRODUZIONE DI SAPONE DA OLI ESAUSTI PREMESSA Si effettua una reazione chimica, l idrolisi basica di un estere, per ottenere

Dettagli

il Painting Cake per tutti

il Painting Cake per tutti il Painting Cake per tutti decora.it Decora, in collaborazione con Tommaso Bottalico, ha creato una serie di strumenti e materiali utili per poter dipingere sulla pasta di zucchero utilizzando la tecnica

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

DURGA. SCHEDE APPLICATIVE pittura superfici murali IL FUTURO È ADESSO. Pitture murali

DURGA. SCHEDE APPLICATIVE pittura superfici murali IL FUTURO È ADESSO. Pitture murali DURGA IL FUTURO È ADESSO Colori e vernici naturali. Esenti da prodotti artificiali e materie prime di origine petrolchimica. Pitture murali SCHEDE APPLICATIVE pittura superfici murali AGGIORNAMENTO NOVEMBRE

Dettagli

Impressioni d Italia

Impressioni d Italia Impressioni d Italia della Fototeca dell Istituto Reale del Patrimonio Artistico, Bruxelles Roma, Academia Belgica 11 settembre > 6 novembre 2008 Cartella Stampa Impressioni d Italia In occasione del suo

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

Analisi della FU XII Ed. SAGGIO LIMITE PER I SOLFATI

Analisi della FU XII Ed. SAGGIO LIMITE PER I SOLFATI 2.4.13. SOLFATI Analisi della FU XII Ed. SAGGIO LIMITE PER I SOLFATI Tutte le soluzioni usate in questo saggio devono essere preparate con acqua distillata R. Aggiungere 3 ml di una soluzione (250 g/l)

Dettagli

Prodotti per vetrofusione

Prodotti per vetrofusione Prodotti per vetrofusione Fibra ceramica Resiste ad una temperatura di 1000 C. E' disponibile sia sotto forma di carta da 0,5 e 3 mm, sia in piastre intere con uno spessore di 25 mm. Carta fibra ceramica

Dettagli

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive ISIS Leonardo da Vinci Piano Lauree Scientifiche a.s. 2010-2011 Libri, manoscritti: chimica per conservare beni fra storia, cultura ed arte Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Dettagli

LA NATURA DEL SILOSSANICO

LA NATURA DEL SILOSSANICO LA NATURA DEL SILOSSANICO Una sempre maggior attenzione al restauro degli edifici, in particolare nei centri storici, ha stimolato nuovi studi e ricerche di prodotti, e trattamenti preventivi di facciate,

Dettagli

PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE

PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE Vernici all acqua per esterno PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE Rev.30/04/2015 pag. 1/8 Introduzione La durata nel tempo e la funzionalità di manufatti in legno esposti all'esterno

Dettagli

Determinazione del Cu in pigmenti

Determinazione del Cu in pigmenti Determinazione del Cu in pigmenti Ilenia Rossetti e Giuseppe Cappelletti Dipartimento di Chimica, Università degli Studi di Milano Abstract Gli ioni Cu 2+ sono in grado di impartire una colorazione blu/verde

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe

SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe SCUOLA DELL INFANZIA San Giuseppe via Roma n 226-30038 Spinea (VE) - tel. 041990117 fax 041990283 Scuola Paritaria L. 10marzo2000 Prot. 488/5307 - Aderente alla F.I.S.M. di VENEZIA e-mail scuola@sangiuseppespinea.org

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.:

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: APPENDICE I Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: CER DESCRIZIONE 01 04 07* rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi

Dettagli

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11

ITIS Castelli - Dipartimento di Chimica - a.s. 2010/11 1 Nei laboratori di Chimica dell I.T.I.S. Castelli di Brescia sono stati eseguiti dei test miranti a determinare il residuo di calcinazione (cenere) sui campioni di lolla di riso puri o addizionati con

Dettagli

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico 4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico lio di ricino + MeH NaMe H Me CH 4 (32.0) C 19 H 36 3 (312.5) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze

Dettagli

Progetto lauree scientifiche 2015. da una tazzina di caffè. Pavia 1-11 settembre 2015. di Riccardo Scarabello e Damiano Duminuco

Progetto lauree scientifiche 2015. da una tazzina di caffè. Pavia 1-11 settembre 2015. di Riccardo Scarabello e Damiano Duminuco Progetto lauree scientifiche 2015 da una tazzina di caffè di Riccardo Scarabello e Damiano Duminuco Pavia 1-11 settembre 2015 le nostre esperienze Estrazione della caffeina Estrazione dell olio dal caffè:

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente.

LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. LA MOSTRA DI LEONARDO ALLA NATIONAL GALLERY DI LONDRA: emozionante, ricca ma non convincente. La mostra è indubbiamente bella, emozionante e suggestiva nonché ricca; si tratta, però, di una ricchezza dovuta

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità Verifica della tonalità Per eseguire una verniciatura di ripristino a regola d arte, ci si può avvicinare alla tonalità del colore della vettura correggendo la tinta o con la tecnica della sfumatura e

Dettagli

CERCASI ENZIMA. I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara

CERCASI ENZIMA. I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI CERCASI ENZIMA ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara INSEGNANTE: Prof.ssa Cinello Eugenia TECNICO LABORATORIO: Finiello

Dettagli

Analisi delle acque dell isola di Favignana

Analisi delle acque dell isola di Favignana Analisi delle acque dell isola di Favignana Durante le attività svolte al campo scuola nell ambito del progetto Un mare di.. risorse, il nostro gruppo si è occupato di analizzare le acque del mare in diversi

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

I graffiti del ex Carcere dei Penitenziati di Palazzo Steri: problematiche del degrado, studi scientifici e conservazione.

I graffiti del ex Carcere dei Penitenziati di Palazzo Steri: problematiche del degrado, studi scientifici e conservazione. I graffiti del ex Carcere dei Penitenziati di Palazzo Steri: problematiche del degrado, studi scientifici e conservazione Mauro Matteini Palermo - Palazzo Steri - Aula del Rettorato - Seminario 13 Febbraio

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI DIPARTIMENTI DI: -STUDI STORICI - CHIMICA - FISICA - SCIENZE DELLA TERRA - SCIENZE DELLA VITA E BIOLOGIA DEI SISTEMI

Dettagli

Malte antiche e malte da restauro. Leganti, aggregati e impasti

Malte antiche e malte da restauro. Leganti, aggregati e impasti Malte antiche e malte da restauro. Leganti, aggregati e impasti La diagnostica chimica Lorenzo APPOLONIA Direzione ricerca e progetti cofinanziati Regione Autonoma della Valle d Aosta Necessità della diagnostica

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

LABORATORIO SCIENTIFICO

LABORATORIO SCIENTIFICO 3 ISTITUTO COMPRENSIVO-GIARRE LABORATORIO SCIENTIFICO Ascolto e dimentico. Guardo e ricordo. Eseguo e capisco. È con la pratica che si apprende. (Antico proverbio cinese) Il palloncino che si gonfia da

Dettagli

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione.

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione. La concentrazione delle soluzioni Le soluzioni sono costituite da quantità molto variabili dei loro componenti: se vogliamo fornire una indicazione precisa circa la loro composizione, è importante conoscere

Dettagli

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale METODI IV METODI DI DETERMINAZIONE DELL AZOTO Metodo IV.1 Determinazione dell azoto ammoniacale 1. Oggetto Il presente documento stabilisce il procedimento da seguire per dosare l azoto ammoniacale. 2.

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Défilé one step color crema decolorante e colorante di bellezza

Défilé one step color crema decolorante e colorante di bellezza Défilé one step color crema decolorante e colorante di bellezza Défilé one step è un innovativo prodotto per ottenere riflessi moda accattivanti con risultati prima d ora impensabili. La sua speciale formula

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli