Gauguin Van Gogh. L'avventura del colore nuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gauguin Van Gogh. L'avventura del colore nuovo"

Transcript

1 Gauguin Van Gogh. L'avventura del colore nuovo Il complesso museale di Santa Giulia a Brescia ospiterà fino al 21 Marzo 2006 una delle più belle e ricche mostre degli ultimi anni. L'avventura del colore nuovo, questo è il titolo della mostra che è davvero un'avventura in quanto a scoperte ed emozioni. Cercherò di guidarvi nelle sale del palazzo e chiedo scusa in anticipo se sarò troppo prolissa; questa mostra mi ha dato tanto e ho una gran voglia di condividere questa emozione con voi!!! L'esposizione segue in parallelo la vita e l'evoluzione artistica dei due pittori fino a far coincidere le due cose nelle opere che hanno segnato la loro breve convivenza ad Arles, per poi proseguire con un'analisi più approfondita del loro percorso individuale nelle opere degli ultimi anni. Sono presenti 150 capolavori provenienti dai principali musei di tutto il mondo. Il percorso si apre con opere giovanili di Van Gogh che mostrano i primi tentativi di un artista ancora inesperto. In queste prime opere ( disegni e oli ) l'artista mostra uno stile ancora imperfetto. Qui è rappresentata la fase del realismo sociale dell'artista, periodo caratterizzato dalla predilezione per ambienti rurali e soggetti sociali come il lavoro della povera gente. Van Gogh immortala la vita dei contadini con quella tendenza alla denuncia sociale che probabilmente gli deriva dallo studio dei grandi realisti: Courbet e Daumier. Questo periodo è stato comunque caratterizzato da una grande sperimentazione da parte di Vincent che si è cimentato in più tipologie pittoriche ( ritratto, natura morta ecc. ). La seconda sezione è dedicata al giovane Gauguin, quasi irriconoscibile in questi dipinti. A prevalere sono paesaggi urbani e campestri dipinti con la tecnica del pointillisme. La tavolozza è molto varia e vivace; nei paesaggi si alternano colori caldi come il giallo e l'arancio, e colori tenui come il rosa e il celeste. Tutto però è ancora molto trattenuto come ricoperto da una sottile patina opacante. Tra tutti spicca un bellissimo ritratto della moglie Mette di marcato gusto impressionista. È una delicata figura femminile luminosissima nel suo abito rosa. Mette è ritratta in un raffinato ambiente domestico seduta su un'importante sedia di legno. Esercita una leggera torsione col corpo che la porta a voltarsi e guardare di lato fuori dal dipinto probabilmente oltre una finestra. La tecnica è impeccabile è il risultato finale è molto bello raffinato ma a questo quadro manca qualcosa: il sentimento. Sarà per le tonalità glaciali, sarà per la posizione di totale distacco assunta da Mette, ma l'opera risulta fredda. La svolta stilistica del pittore è resa evidente nella sala successiva che contiene opere realizzate in Bretagna. Probabilmente è il nuovo ambiente a stuzzicare la creatività di Gauguin che arricchisce la sua tavolozza di tinte calde e vivaci. Le campagne della Bretagna sono molto lontane dal grigiore di Parigi e lui sembra rinvigorito da questa nuova realtà. In questa sezione troviamo alcuni tra i più noti quadri dell'artista. Le opere di questo periodo sono inconfondibili per la presenza delle donne bretoni nei loro abiti caratteristici. Da sole o in compagnia sono loro le vere protagoniste dei dipinti. Alcuni di questi sono impregnati di un misticismo molto personale ispirato nell'artista dalla

2 popolazione locale così attaccata alle tradizioni e alla religiosità. Ne è un esempio "la visione dopo il sermone" che offre la rivisitazione di un tema classico come la lotta tra Giacobbe e l'angelo. Il quadro è idealmente diviso in due parti dalla diagonale del tronco d'albero. La parte in alto a destra è occupata dai due personaggi che popolano la visione la sinistra dalle pie donne che la evocano e assistono alla scena. La composizione è di evidente ispirazione orientale. Lo scorcio in diagonale e la posizione dei lottatori riprendono elementi delle stampe giapponesi. Il tutto è reso ancora più irreale dallo sfondo rosso acceso su cui si stagliano i personaggi. L'opera è una decisa espressione del simbolismo di Gauguin. I due lottatori diventano allegoria dell'eterna lotta tra bene e male che è alla base di tutte le religioni. Il colore viene steso con campiture piatte e in modo uniforme. Le linee di contorno sono molto marcate e non ci sono accenni a sfumature ed effetti chiaroscurali. La pittura di Gauguin è caratterizzata da una certa bidimensionalità che si evidenzia sia nel trattamento delle superfici che nella composizione spaziale. Ancora prima di Matisse e dei fauves egli introdusse il cloisonnisme, una tecnica che prendendo spunto dalle vetrate gotiche e dagli smalti cloisonne, consisteva nello stendere colori puri ed uniformi contornati da un netto segno scuro. Si passa poi ad una sala nella quale sono esposte una serie di zincografie su carta velina. Gauguin si avvicinò a questa tecnica nell'intento di farsi conoscere dal grande pubblico. Con la tecnica della litografia si potevano infatti ottenere più copie di uno stesso soggetto. Erano un po' come le odierne fotografie o cartoline!!! Questi piccoli gioiellini sono molto indicativi dello stile sintetico dell'artista. La terza sezione è dedicata a Van Gogh e ad un nuovo periodo della sua vita. Contiene alcune delle opere che l'artista realizzò durante il suo soggiorno a Parigi dove ebbe modo di migliorare il suo stile grazie alla frequentazione di altri grandi artisti tra i quali Bernard, Toulouse-Lautrec, Seurat, Pissarro e Gauguin. Egli giunse a Parigi pieno di entusiasmo e buoni propositi e in un primo momento venne travolto positivamente dall'ambiente artistico cittadino. Ma non ebbe una grande fortuna e i crescenti problemi economici lo obbligarono a spostarsi nel sud della Francia. Questa sezione si apre con una serie di nature morte raffiguranti oggetti, frutta, piante e gli immancabili girasoli. Sono inoltre presenti alcuni scorci urbani e paesaggi rurali. Nel dipinto intitolato Orti a Montmartre inizia ad intravedersi lo stile per cui Van Gogh è conosciuto: le pennellate diventano nervose, i colori vengono accostati in modo da dare gli effetti desiderati se osservati da lontano. Il suo stile nasce dal suo modo d'essere. Era un uomo istintivo, dai sentimenti forti che metteva tutto se stesso nella pittura; dipingere era per lui una necessità interiore che lo portava ad esprimere le sue emozioni sulla tela. Da qui la sua proverbiale rapidità pittorica che rappresenta la necessità di seguire con la mano l'urgenza interiore di esprimersi, in assoluta libertà e obbedendo più al sentimento che alla ragione. Nella stessa stanza ci si ritrova faccia a faccia con Van Gogh o meglio con uno dei sui più famosi autoritratti, l'autoritratto con cappello di paglia. Egli nella sua carriera ne realizzò tantissimi, tutti diversi per abbigliamento o tonalità cromatiche, ma tutti accomunati dallo stesso sguardo penetrante e impetuoso dell'artista. Realizzare un autoritratto era per lui (oltre che l'occasione di dipingere senza dover spendere denaro per i modelli) un modo per guardarsi dentro ed esprimere i suoi stati d'animo. Il ritratto presente in mostra è reso particolare dal grande cappello di paglia che il pittore porta sul capo. È incentrato sulle tonalità dell'ocra e del giallo con qualche tocco di rosso e il verde smeraldo degli occhi. Lo sfondo è descritto da pochi, ma significativi, tratti azzurri. Dopo aver seguito separatamente lo sviluppo stilistico dei due artisti si arriva alla stanza in cui si può fare un diretto confronto: quella dedicata alla loro convivenza nella famosa casa gialla di Arles. Van Gogh nutriva il sogno di costituire una sorta di comunità artistica e cercò di realizzarlo invitando i suoi amici Bernard e Gauguin ad Arles. Gauguin accettò e si trasferì dall'amico. I due

3 dipinsero e confrontarono il proprio lavoro per un paio di mesi, finché scoppiò tra loro un litigio risoltosi con la partenza di Gauguin e l'autoamputazione di un orecchio da parte di Van Gogh. Sono presenti delle opere che a mio parere non sono tra le più rappresentative di questo periodo. Tra queste il seminatore di Van Gogh nel quale il sole che compare all'orizzonte sembra un grande girasole, il sentiero lungo il giardino fiorito (sempre di Van Gogh) che colpisce per l'incredibile varietà cromatica e le Arlesiane di Gauguin nel quale l'incedere lento e greve delle quattro donne da una certa solennità alla scena. In questa sezione si possono anche ammirare due notevoli i ritratti eseguiti da Van Gogh ( di Ginoux e del sottotenente Milliet ) caratterizzati da una incredibile vivacità cromatica e realismo nel rendere le espressioni dei volti. Altra stanza altra importantissima fase artistica di Van Gogh. La quinta sezione è interamente dedicata alla famiglia Roulin. L'insieme di dipinti raffiguranti la famiglia Roulin rappresenta un momento importante della vita e della carriera di Van Gogh. In un periodo in cui l'artista aveva grande difficoltà a trovare modelli, la possibilità di ritrarre un'intera famiglia era una vera benedizione. Van Gogh ne immortala tutti i membri: il capofamiglia sempre raffigurato nella sua uniforme da postino, i tre figli Marcelle, Armand e Camille con i suoi bellissimi occhi azzurri e naturalmente Madame Roulin la signora della casa! I più noti sono certamente i ritratti di Joseph Roulin e di sua moglie. Come lo stesso Van Gogh lo descrive in una lettera alla sorella il primo ritrae "un postino nella sua uniforme blu scuro e gialla, un volto simile a quello di Socrate, un naso impercettibile, fronte ampia, pelato con piccoli occhi grigi, guance paffute di un rosso luminoso, lunga barba brizzolata e orecchie grandi". Questo era Joseph Roulin, suo grande amico che lo aiutò in un momento di solitudine. Se nel ritratto di Joseph prevalgono i toni dell'azzurro (dall'abito blu alla parete celeste) il ritratto della moglie è un'esplosione di verde! Verdi sono gli abiti che indossa verde è la parete con decorazioni floreali che fa da sfondo e verdi sono i suoi miti occhi. La signora Roulin, meglio conosciuta come "la Berceuse", è seduta una sedia di legno, con le mani giunte nel grembo e una cordicella tra le dita. Ha un'espressione molto dolce e materna che probabilmente è in grado di rasserenare l'animo inquieto di Vincent. Nello sfondo emerge tutto l'estro creativo dell'artista che si sbizzarrisce in una decorazione "a squame" e motivi floreali veramente d'effetto! Lasciando la famiglia Roulin si entra nella sezione intitolata Van Gogh e Millet. Questa contiene delle riproduzioni dal Millet che l'artista realizzò per esercitarsi nel disegno. Van Gogh nutriva una grande ammirazione per quest'artista che considerava insuperabile. Si avvicinò alla sua arte in un periodo molto difficile della sua vita quando, ad un passo dall'infermità mentale, fu costretto in un sanatorio. Nonostante siano delle copie lo stile di Van Gogh è inconfondibile. Sono dei bellissimi dipinti dai toni molto "soffusi" quasi opachi. Personalmente sono rimasta affascinata da un dipinto intitolato Serata in famiglia. Questo, a differenza di tutti gli altri della stessa sezione, risplende di una luce propria che sembra provenire dalla lanterna che illumina la scena e che mette in evidenza un ambiente umilissimo. In primo piano un uomo e una donna siedono davanti al caminetto. Entrambi sono impegnati in piccole attività; la donna sembra rammendare o ricamare qualcosa, l'uomo è intento ad intrecciare dei fili forse delle fibre per preparare una corda o dei giunchi per un cesto. In un angolino a sinistra un gatto accucciato si gode il tepore del fuoco acceso. Siamo quasi alla fine di questa doppia retrospettiva. Le ultime due sale raccolgono le opere dell'ultimo periodo degli artisti, quelle che meglio rappresentano la loro arte anche perché sono le opere che sintetizzano la loro ideologia. Per primo si incontra l'ultimo Van Gogh. Gli ultimi anni di vita dell'artista furono davvero drammatici. Presa consapevolezza del peggioramento della sua condizione psichica Vincent si fece ricoverare per tre mesi in una casa di cura a Saint Remy. Al trascorrere di questi, dopo aver trascorso qualche giorno a Parigi dal fratello si trasferì ad Auvers. Le su condizioni peggioravano a vista d'occhio si sentiva sempre più solo e depresso fino a quando un giorno si suicidò sparandosi un colpo al petto. Aveva solo 37 anni.

4 L'inquietudine dell'ultimo periodo stimolò la sua genialità visto che proprio in quegli anni realizzò alcuni tra i suoi più grandi capolavori. Osservando i dipinti esposti si può percepire il suo stato d'animo La pennellata tende ora a un andamento contorto e vorticoso, le linee sono sempre più frenetiche, mentre il colore, aggrumato e ispessito, assume una qualità materica che dà luogo alle forme. I colori sono violenti e spesso contrastanti. Ciò che mi ha stupito e affascinato di queste opere (ma anche delle precedenti) è la grande capacità di costruire il colore desiderato accostando pennellate dalle svariate tonalità. In un dipinto si possono notare infinite sfumature di uno stesso colore, come in Tronchi d'albero un'armonica composizione di linee verdi che definiscono il paesaggio. Nel dipinto intitolato La passeggiata al chiaro di luna il colore diventa protagonista assoluto. La scena è piuttosto spoglia: un uomo e una donna passeggiano su una collina con scarsa vegetazione mentre alle loro spalle la luna sorge alta nel cielo. La luna irradia una luce irreale ed il cielo si tinge di mille colori! Varia gradatamente dal verde al rosso, passando per il giallo e l'arancione, e poi si perde dietro le montagne in lontananza. La scena è molto suggestiva! Ancor più suggestiva è a mio parere l'altra visione notturna presentata nella mostra, Sentiero di notte in Provenza, che mostra un paesaggio un po' più realistico nelle tonalità cromatiche ma comunque incantato. In quest' opera è facile distinguere le singole pennellate che vengono distribuite sulla tela in modo da creare gli effetti voluti dal pittore; Sono dritte e rapide nel descrivere il campo di grano color oro un po' più mosse e sinuose nel delineare il grigio sentiero sul quale camminano i due personaggi sono quasi macchie policromatiche a suggerire la chioma del cipresso mosso dal vento e sono vorticose per raccontare il moto di questo ultimo nel cielo! Tutto ciò culmina nella stella che splende alta nel cielo, quasi più grande e luminosa della luna in questo dipinto. Merita menzione anche un bellissimo campo di papaveri davanti al quale è impossibile non evocare il dipinto di analogo soggetto di Monet. Ma mentre Monet dipinge un paesaggio in quiete dove tutto fa da sfondo alla tranquilla passeggiata delle signore, Van Gogh tira fuori ancora una volta la sua inquietudine e dipinge un campo mosso dal vento dove i colori si fanno mille volte più intensi ed è assente la presenza umana. Lasciato definitivamente Van Gogh si arriva all'ultima sezione della mostra. Questa inizia con delle curiose incisioni che ricordano l'arte primitiva. Con il termine "primitivismo" si può sintetizzare l'ultimo periodo dell'artista sia dal punto di vista sociale che artistico. Nel primo caso si esprime come voglia di evadere dalla società e dalla vita cittadina per immergersi nei paesaggi incontaminati delle isole marchesi e mescolarsi alla popolazione indigena. Stilisticamente il primitivismo si esprime nella ricerca di forme semplici, di colori intensi, di un simbolismo che pervade tutte le sue opere. Si arriva all'ultima sala che si trova in una posizione leggermente ribassata rispetto alle precedenti. Questo fa si che per arrivarci si debbano scendere alcuni gradini. Ci si ritrova dunque, al suo ingresso, in un pianerottolo con balaustra dal quale si possono ammirare dall'alto le opere. Il colpo d'occhio è emozionante! La sala è una vera e propria esplosione di colore. Da lontano si intravedono le donne e i paesaggi tahitiani tanto amati dall'artista si possono riconoscere alcune opere, talmente famose da essere quasi familiari. e si muore dalla voglia di scendere per contemplare da vicino quei capolavori! O per lo meno, questo è quello che io ho provato!!! Scesi giù si incontrano le bellissime donne tahitiane e i paesaggi mozzafiato che tanto hanno affascinato Gauguin. Il primo incontro davvero da brivido è quello con le due fanciulle dei dipinti intitolati "Sulla spiaggia". Sono presenti una accanto all'altra le due versioni eseguite dall'artista. Nella prima una delle due amiche indossa un innaturale abito occidentale che viene sostituito nella seconda versione. La composizione dei due è identica: due ragazze dai tratti negroidi sono sedute sulla sabbia in pose rilassate e naturali. Le opere colpiscono per i colori vivaci e violenti dal giallo oro della sabbia al verde del mare all'orizzonte dal nero lucente dei capelli raccolti ed ornati con un fiore ai colori sgargianti dei loro abiti!!!

5 Il quadro evoca un'atmosfera silenziosa e quasi meditativa. Le due ragazze sono assorte nei loro pensieri e non comunicano tra loro ne col pittore. Sono immobili nelle loro posizioni plastiche monumentali come due idoli pagani. Non era intenzione dell'artista rappresentarle intente in una determinata attività ( anche se una delle due intreccia fibre di palma) ; egli voleva creare un immagine decorativa in cui ogni elemento è finalizzato all'armonia dell'insieme. Un particolare curioso è rappresentato dagli oggetti disposti in modo disordinato in primo piano che danno all'opera un alone di mistero ( cosa simboleggeranno? ). Forse erano soltanto dei piccoli oggetti portati dall'artista che diventavano tesori per le popolazioni selvagge di Tahiti. Anche in questi dipinti, a parte qualche accenno chiaroscurale, il colore è steso per ampie campiture. Quest' ultima raccolta è davvero straordinaria per la varietà di sensazioni e percezioni che i dipinti presenti riescono ad evocare; la sensualità della "donna del mare" immortalata di spalle e completamente nuda la malinconia del "povero pescatore"... il misticismo e il mistero evocata dallo "stregone di Hiva Oa"... ma magia dell'atmosfera incantata evocata nel "idillio a Tahiti"! A mio parere è una delle stanze più belle perché Gauguin esplode in tutta la sua vitalità espressiva. È anche l'ultima tappa di questo percorso espositivo che ha attraversato la vita e l'arte dei due maestri. Una mostra eccellente in tutto non soltanto per la quantità e qualità delle opere presenti ma anche per la perfetta organizzazione! Ho trovato a Brescia tutto ciò che da una mostra si possa chiedere. Le opere disposte su fondo bianco e perfettamente illuminate sono sistemate in modo coerente con le intenzioni degli allestitori ( mostrare il percorso di crescita dei due artisti ). Nei cartellini che identificano ogni dipinto si trovano tutte le indicazioni necessarie: artista ( beh magari questo è superfluo ), data di realizzazione, tecnica e titolo dell'opera. All'inizio di ogni sezione dei pannelli informativi riportano le principali note biografiche e stilistiche. Le opere sono inoltre intervallate da brani tratti dalle lettere che i due artisti si scrivevano o che Van Gogh scriveva a suo fratello Theò. Leggendole non solo si riesce a comprendere meglio le opere ( spesso nella corrispondenza c'erano vere e proprie descrizioni dei dipinti ) ma si entra in intimità con l'artista. In queste vengono svelati così tanti particolari della vita privata che leggendole ci si sente quasi indiscreti! La mostra sfrutta anche le nuove tecnologie grazie all'allestimento di due aree multimediali. La prima è una sala in cui viene proiettato un filmato delle opere esposte accompagnato da commenti tratti da critiche o forse dalle lettere degli artisti. La seconda è costituita da un corridoio con grandi schermi al plasma nel quale nei quali vengono mostrati particolari e ingrandimenti di un determinato dipinto. È una cosa molto suggestiva perché sembra quasi di entrare nella dimensione del quadro. Un'ultima chicca della mostra è rappresentata dalle due vetrine nelle quali sono stati raccolti alcuni affetti personali degli artisti. La prima è dedicata a Van Gogh e contiene, oltre a moltissimi libri di pittura, schizzi, album da disegno, stampe giapponesi ( tutti elementi legati alla sua formazione ) e un paio di fotografie una vera rarità visto il carattere del pittore! Nella seconda vetrina è presente un'analoga raccolta dedicata a Gauguin. Prima di lasciarvi ( scusate ancora per essermi dilungata così tanto ) vorrei consigliarvi di non limitarvi alla visita della mostra ma di girare per le stanze del museo. Il complesso museale che ospita la mostra racchiude dei veri e propri tesori artistico-archeologici. Il convento di Santa Giulia sorge infatti su un'area archeologica portata alla luce da recenti scavi. In età Romana quella dove attualmente sorge il monastero era un'area residenziale ricca di ville affrescate e mosaicate. Una parte di queste oggi è visibile ed è parte integrante di uno dei due percorsi museali del complesso. Il primo segue l'evoluzione del convento e comprende la Chiesa di San Salvatore, l'oratorio di Santa

6 Giulia, i chiostri età rinascimentale e il Coro delle monache, con le pareti interamente affrescate e decorate da artisti locali. Il secondo percorso, che a mio parere è molto interessante, raccoglie reperti artistico archeologici rinvenuti a Brescia e nel suo territorio. Attraversando le varie stanze si può fare un viaggio nel tempo partendo dall'era preistorica fino ad arrivare al 1500 passando per l'età Romana e Carolingia. Ci sono moltissime cose interessanti ma a mio parere c'è un manufatto assolutamente imperdibile. È una vittoria alata del III secolo a.c. interamente realizzata in bronzo e in perfetto stato di conservazione. Rappresenta un vero e proprio tesoro, non soltanto perché è bellissima, ma perché i bronzi antichi sopravvissuti alla "rifusione" dei secoli sucessivi sono una vera rarità!

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

April 21, 2010. vincent.notebook. Vincent van Gogh

April 21, 2010. vincent.notebook. Vincent van Gogh Vincent van Gogh "Non arrivo a inventare completamente il mio quadro, al contrario lo trovo già nella natura, si tratta solo di riuscire a coglierlo in essa" Vincent mar 24 9.55 1 Vincent van Gogh un breve

Dettagli

Dimenticare Tahiti György Lukács 1

Dimenticare Tahiti György Lukács 1 Dimenticare Tahiti György Lukács 1 Ogni artista è alla ricerca della propria Tahiti, ma oltre a Gauguin nessuno è riuscito a trovarla. Credo che da noi molti sopravvalutino Gauguin, considerandolo il punto

Dettagli

130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5

130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5 130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5 Girasoli, 1889 Vincent van Gogh Introduzione al personaggio Nessun pittore come Vincent van Gogh (1853-1890) esercitò sugli artisti e sul pubblico del Novecento

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B

Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B Un po di storia Vincent Willem Van Gogh nasce il 30 marzo 1853 a GrootZundert(Olanda) ed ebbe, a causa della sua estrema sensibilità di artista, una

Dettagli

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 12 Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 10 8 6 4 Colonna 1 Colonna 2 Colonna 3 2 0 Riga 1 Riga 2 Riga 3 Riga 4 Picasso Reale: Milano come Parigi Il Musée National Picasso di Parigi, attualmente

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

ATTIVITÁ LINGUISTICA

ATTIVITÁ LINGUISTICA RITRATTO RITRATTI Il VISO è un insieme di espressioni, di sentimenti e di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva, spesso noi parliamo al viso senza aprire bocca e la

Dettagli

Idee per arredare casa e dipingere le pareti per per una casa sana ed accogliente

Idee per arredare casa e dipingere le pareti per per una casa sana ed accogliente Idee per arredare casa e dipingere le pareti per per una casa sana ed accogliente I colori delle pareti Per scegliere il colore delle pareti e le varie combinazioni di colore per ogni ambiente è importante

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA Il campo di Girasoli Guida illustrata facile per dipingere subito un paesaggio Daniela De Candia I primi passi nella Pittura-il campo di girasoli 2014 Daniela De Candia 2014 Dipingere Subito Tutti i diritti

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

BRESCIA 10 aprile 2011

BRESCIA 10 aprile 2011 BRESCIA 10 aprile 2011 Museo di Santa Giulia Matisse e Michelangelo La seduzione della forma Dall'11 Febbraio al 12 Giugno 2011 Ritrovo dei partecipanti e partenza per Brescia (orario e luogo da concordare).

Dettagli

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni I bambini della scuola dell infanzia del plesso di via Amantea hanno allestito una Mostra con i lavori realizzati con le attività laboratoriali in riferimento al progetto inserito nel POF nell anno scolastico

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569 Titolo Nozze di contadini Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica Olio su tavola Materiali

Dettagli

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Oprandi Serenella. Elenco degli interventi realizzati:

Oprandi Serenella. Elenco degli interventi realizzati: La pittrice Serenella Oprandi, nata a Rovetta nel 1950 è una specialista della tecnica dell acquerello, tecnica per la quale è attualmente riconosciuta tra le più originali autrici del panorama bergamasco.

Dettagli

Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori

Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori Villaggio Olimpico di Torino: Moderna scultura a colori Testo Achim Pilz* Immagini Reinhard Görner Gli edifici di Bruno Taut come molti altri capolavori del Bauhaus sono caratterizzati dalle forme nette

Dettagli

Per i cento anni dal ritorno in

Per i cento anni dal ritorno in L ANNO DI AMEDEO Tutto il 2009 sarà dedicata alla sua opera, per i 100 anni dal suo rientro in Italia Per i cento anni dal ritorno in Patria dell artista, diverse manifestazioni avranno luogo da maggio

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE Progetto di Marilisa Brocca con la collaborazione delle allieve-artiste del gruppo Ronzinella Mogliano

Dettagli

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi Jeanne Isabelle Cornière Ricordi al vento Scultura in resina, vetro soffiato, fili da pesca,

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

presentazione di SILVIA MUNARI

presentazione di SILVIA MUNARI presentazione di SILVIA MUNARI Silvia Munari è nata a Rovigo il 29 aprile 1980, vive a Polesella in provincia di Rovigo. Diplomata Maestro d'arte applicata all'istituto d'arte "Dosso Dossi" di Ferrara

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi)

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) Il primo Novecento CUBISMO Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) ALLA BASE DELLA LORO RICERCA: Osservazione pittura

Dettagli

D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI!

D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI! UNITA DI APPRENDIMENTO n. 6c LABORATORIO D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI! (bambini di 4 anni) Di Pastori Cristina Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

1) alla maniera di Arcimboldo

1) alla maniera di Arcimboldo alla maniera di rcimboldo Per preannunciare Expo Milano 2015, Messer Tulipano presenta nell antica Orangerie del Castello di Pralormo un esposizione ispirata al tema Nutrire il Pianeta, Energia per la

Dettagli

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce I colori primari Il disco di Newton L'armonia I colori complementari I colori secondari I colori

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Scuola Primaria "Giovanni Pascoli"-Istituto Comprensivo Rovigo 1

Scuola Primaria Giovanni Pascoli-Istituto Comprensivo Rovigo 1 Scuola Primaria "Giovanni Pascoli"-stituto Comprensivo Rovigo 1 ndirizzo della scuola: Via del Tintoretto n.1-45100 Rovigo CLASS PRME - Annalisa Carta Nome degli altri docenti coinvolti nel progetto: -

Dettagli

Autoritratto. ...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti. lo specchio e l immagine di se. Zela. Scuola familiare di Damanhur

Autoritratto. ...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti. lo specchio e l immagine di se. Zela. Scuola familiare di Damanhur Autoritratto lo specchio e l immagine di se...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti Zela Scuola familiare di Damanhur Un progetto sull identita L identità è il processo con cui ogni bambino

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

CORSI DI PITTURA 2014/15

CORSI DI PITTURA 2014/15 CORSI DI PITTURA 2014/15 in collaborazione con l'associazione Eventi DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

lezioni di lettura informatica delle immagini

lezioni di lettura informatica delle immagini 1 L Arte digitale lezioni di lettura informatica delle immagini... prima parte... A CURA DI Luca Daniele Quaiotti CON LA COLLABORAZIONE DI Elena Bertelli Martina Conti Eleonora Ritucci Valentina Rocchi

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

CATALOGO LABORATORI D ARTE. e PROGETTI DIDATTICI

CATALOGO LABORATORI D ARTE. e PROGETTI DIDATTICI CATALOGO LABORATORI D ARTE e PROGETTI DIDATTICI Pensare che l arte sia materia per esperti del settore significa confinarla in territori accessibili solo per pochi eletti. Così non è: chi la frequenta,

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta)

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta) gialloocra DIDATTICA DELL ARCHEOLOGIA E DELL ARTE a cura di Elisa Brighi ed Evelina Garoni Organizziamo visite guidate e laboratori tematici, indirizzati alle scuole e agli adulti con l'obiettivo di sperimentare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Tecniche artistiche del XIX e XX secolo

Tecniche artistiche del XIX e XX secolo Tecniche artistiche del XIX e XX secolo IL PROGETTO Rivolto alle classi del quinto anno (scuola primaria). Il progetto è finalizzato ad avvicinare gli studenti a diverse tecniche utilizzate da alcuni tra

Dettagli

Tutti loro, ognuno a modo suo,

Tutti loro, ognuno a modo suo, Arte Gulrena KAJAR VIVERE PER L ARTE UN VERO ARTISTA E SEMPRE AVANTI RISPETTO ALLA SUA EPOCA. COME SCRISSE KAFKA, QUALCHE VOLTA LA CREATIVITA E IN ANTICIPO COME IL MECCANISMO DI UN OROLOGIO. DOPO TUTTO,

Dettagli

The Story of Puredistance a Master Perfume

The Story of Puredistance a Master Perfume The Story of Puredistance a Master Perfume The Story of Puredistance Italian Edition Puredistance Vienna Franziskanerplatz 6 1010 Vienna Austria Tel. +43 1 513 55 18 vienna@puredistance.com Puredistance

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER FESTE DI COMPLEANNO L Asino d Oro Associazione Culturale

LABORATORI CREATIVI PER FESTE DI COMPLEANNO L Asino d Oro Associazione Culturale LABORATORI CREATIVI PER FESTE DI COMPLEANNO L Asino d Oro Associazione Culturale Volete festeggiare il compleanno dei vostri bambini in maniera unica, originale e divertente? La nostra Associazione Culturale

Dettagli

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO un viaggio a piedi di 7 giorni Nelle ombre delle dolomiti a sud delle Alpi si cammina nel centro dell Alto Adige. Tra Bressanone,

Dettagli

CHAPEAU A MIA MADRE..

CHAPEAU A MIA MADRE.. Marjda Rossetti CHAPEAU A MIA MADRE.. di Marjda Rossetti Quella della modisteria Bruna Rossetti, è una delle piccole grandi storie che disegnano l identità di un luogo; un laboratorio dove si sono intrecciate

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore Premessa La fotografia rappresenta il decisivo strumento per la produzione e la replicabilità tecnica delle immagini fisse. Tappa fondamentale per lo sviluppo del cinema (in cui la percezione del movimento

Dettagli

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini IO SONO COLORE Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò laboratori artistici con i bambini insegnante: Donatella Redaelli L uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

NEL TEMPO ESSERE. Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo. Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica)

NEL TEMPO ESSERE. Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo. Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica) NEL TEMPO ESSERE Performance multimediale simbolica di Patrizia Tummolo Nei Giardini Baltimora (Giardini di plastica) 1 Progetto Artistico Culturale: performance multimediale e mostra fotografica e documentaristica

Dettagli

OFFERTE FORMATIVE PER LE SCUOLE VISITE GUIDATE

OFFERTE FORMATIVE PER LE SCUOLE VISITE GUIDATE OFFERTE FORMATIVE PER LE SCUOLE VISITE GUIDATE ALLA SCOPERTA DEL MUSEO SOFFICI La visita guidata sarà adeguata all età degli alunni: il grado di approfondimento e il registro linguistico verranno calibrati

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa )

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa ) A spasso per le botteghe storiche del centro. Rintocchi di martello, forbici che tagliano, mani che lavorano: alla scoperta del vero artigianato fiorentino. Itinerario Libero non Guidato ( durata tour

Dettagli

Museo di Palazzo Pretorio

Museo di Palazzo Pretorio [Digitare il testo] Museo di Palazzo Pretorio Offerta didattica 2015 [Digitare il testo] PRESENTAZIONE GENERALE Per la progettazione dell attività didattica, il Museo di Palazzo Pretorio tiene conto della

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

HANDM ADE I N DENM ARK

HANDM ADE I N DENM ARK HANDM ADE I N DENM ARK H ANDM A D E A N D B O T TLED I N DENM A R K E A U D E PARFUM UN PROFUMO È NIENTE SENZA LA PELLE UMANA THE FINE AR T OF BEAUTIFUL SCENTS Z A R K O A H L M A N N PAV LO V PROFUMI

Dettagli

Per sogni tutti da abitare. Breve guida alle tecniche di pittura

Per sogni tutti da abitare. Breve guida alle tecniche di pittura Per sogni tutti da abitare. Breve guida alle tecniche di pittura Tecnica a intonaco con effetto di velatura 4 su intonaco di stucco grezzo Tecnica a intonaco con effetto di velatura 6 su intonaco fine

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Le classi coinvolte nel progetto sono:

Le classi coinvolte nel progetto sono: Le classi coinvolte nel progetto sono: 3 A 19 alunni 4 italiani 3 egiziani 4 cinesi 1 albanese 1 rumena/ucraina 1 tedesco/italiano 4 filippini 1 rep. Dominicana 3 B 23 alunni 6 italiani 7 cinesi 5 filippini

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

LINDA SASSI FINESTRA 5^D LICEO SCIENTIFICO

LINDA SASSI FINESTRA 5^D LICEO SCIENTIFICO LINDA SASSI FINESTRA 5^D LICEO SCIENTIFICO STRUTTURA TESINA : 1. ANALISI DELL'OPERA FINESTRA, ARTURO CHECCHI ; 2. CONFRONTO CON L'OPERA MATTINATA ARTURO CHECCHI ; 3. CONFRONTO CON OPERA DI MOVIMENTO SIMILE

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Roma celebra Guttuso, il pittore del realismo sociale ed esistenziale Guttuso. 1912-2012

Roma celebra Guttuso, il pittore del realismo sociale ed esistenziale Guttuso. 1912-2012 Roma celebra Guttuso, il pittore del realismo sociale ed esistenziale Guttuso. 1912-2012 Mostra a Roma, Complesso del Vittoriano 12/10/2012-10/02/2013 Se io potessi, per una attenzione del padreterno,

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Naturalmente, il quarantaquattresimo incontro di Percorsi d Arte, vede questa volta i due pittori DONATO FRISIA e FERNANDO MASSIRONI i cui dipinti

Naturalmente, il quarantaquattresimo incontro di Percorsi d Arte, vede questa volta i due pittori DONATO FRISIA e FERNANDO MASSIRONI i cui dipinti Naturalmente, il quarantaquattresimo incontro di Percorsi d Arte, vede questa volta i due pittori DONATO FRISIA e FERNANDO MASSIRONI i cui dipinti sono accomunati per l amore nei confronti di una visione

Dettagli

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse.

Ernesto Bazan. La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza. Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto Bazan La fotografia un aspetto essenziale della mia esistenza Fotogiornalista dice di no. Fotografo di strada, forse. Ernesto ama definirsi piuttosto "Fotografo Poeta" e basta davvero poco per

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Marseille Provence 2013

Marseille Provence 2013 w www.mp2013.fr www.rendezvousenfrance.com Capitale europea della cultura Marseille Provence 2013 Le Grand Bleu w www.mp2013.fr www.rendezvousenfrance.com Capitale europea della cultura Marseille Provence

Dettagli