Progetto (vo)quadis:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto (vo)quadis:"

Transcript

1 Giancarlo Onger Progetto (vo) Quadis Autoanalisi e autovalutazione d Istituto Progetto (vo)quadis: la qualità pedagogica dell integrazione. A CURA DI GIANCARLO ONGER PRESIDENTE CNIS DI BRESCIA 1

2 Obiettivo: formazione obbligatoria, riconosciuta e incentivata. Hegel, Enciclopedia, par. 5, Zusats Si ammette che, per fare una scarpa, bisogna aver appreso ed esercitato il mestiere del calzolaio, quantunque ciascuno abbia la misura della scarpa nel proprio piede, e abbia le mani e con esse la naturale abilità per la predetta faccenda. Solo per il filosofare non sarebbero richiesti né studio, né apprendimento, né fatica. Van Gogh, Natura morta con un paio di scarpe, 1886 DELLA SCUOLA INCLUSIVA PROLEGONEMI 2

3 DEDICATO A TUTTI COLORO CHE PER INTERVENIRE NON HANNO BISOGNO DI UN CERTIFICATO Dobbiamo Stare Attenti Bisogna Essere Speciali ACRONIMI Onomaturghi al lavoro Posso Essere Interrogato Possiamo Andare Insieme 4 PUNTI CARDINALI CON LA STELLA POLARE RECLUTAMENTO FORMAZIONE STELLA POLARE ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ VALUTAZIONE AUTOVALUTAZIONE SCUOLE DELL AUTONOMIA LUOGHI DI RICERCA/AZIONE 3

4 Altra cosa sarebbe pensare plurale Andrea Canevaro, Animazione Sociale, giugno/luglio 2012 Vi è una grave carenza di competenza per un agire cooperativo, al di là della disponibilità soggettiva. Non esiste un punto di vista che comprenda in sé tutte le prospettive. Piuttosto esistono versioni multiple che a volte possono convivere in relativa armonia fino a produrre insieme pensieri complessi, plurali al loro interno, che aiutano a comprendere meglio la situazione, altre volte sono inconciliabili l una con l altra, come quando ogni operatore continua a descrivere la realtà unicamente dentro il suo linguaggio. Un servizio deve contaminarsi e darsene ragione in quanto la contaminazione è propria dei sistemi complessi che cercano vie di uscita dai problemi. È lo specialismo una vera e propria malattia endemica. Proponiamo la competenza solidale. Una metafora bio - psico - sociale L orto sinergico con il tutor: una straordinaria dimostrazione di comunità mutualistica. Ognuno dà il proprio contributo secondo le proprie caratteristiche, le proprie risorse, prendendo atto dei propri limiti. 4

5 ICF: PRINCIPI FONDAMENTALI MODELLO BIO- PSICO - SOCIALE Universalità: al pari del funzionamento umano, la disabilità deve essere vista come un aspetto universale dell umanità, non quindi come la definizione di caratteristiche di gruppi minoritari; Ambiente: i fattori ambientali devono essere inclusi poiché determinanti fondamentali della disabilità; Linguaggio neutrale: l ICF è una classificazione positiva dei livelli di funzionamento umano, non una classificazione esclusiva dei problemi di funzionamento; Parità: l ICF non fa differenza fra componente fisica e mentale; tutti i livelli della disabilità sono definiti operativamente senza riferimenti a cosa possa causare il problema; Modello biopsicosociale: consente di cogliere le fenomenologia umana nella sua interezza. (Lorenzo Lotto, Triplice ritratto) 5

6 Essere insegnanti riflessivi non significa essere perennemente in crisi e sentirsi perennemente inadeguati. Significa uscire dalla fase impressionistica e basare il proprio lavoro quotidiano sulla riflessione critica per trovare nuove soluzioni. Van Gogh, vecchio che soffre, 1882 DS APPRENDIMENTO DS EMOZIONI DS INSEGNAMENTO DS ORGANIZZAZIONE DS UMORE Vaso con quindici girasoli,

7 Alcune chiavi di lettura dell esperienza italiana La bontà della via italiana, che ha scelto l integrazione in tempi non sospetti, è suffragata, a mio avviso, dagli assi portanti dell ICF (approccio olistico alla persona) e rafforzata, se mi permettete, dalla scoperta tutta italiana dei neuroni/inoruen specchio (quanto apprendiamo attraverso l imitazione!). Tutto questo ci deve far lavorare convintamente per la scuola inclusiva. AutoritraHo con orecchio bendato, 1889 Farsi domande per cercare risposte Processo di valutazione della qualità della presenza degli alunni con disabilità come parte del processo di valutazione e autovalutazione della qualità dell offerta formativa della scuola PERCHÉ gli alunni con disabilità sono una parte della scuola e non una scuola a parte. La SCUOLA INCLUSIVA è, a mio avviso, l evoluzione dei quarant anni di esperienza dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità Un esperienza, sempre a mio avviso, che ha dimostrato che l alunno è a scuola in quanto persona e non perché appartenente a una determinata categoria: disabili, stranieri, nomadi, DSA, ADHD, ecc. 7

8 ECOSISTEMA (VO) QUADIS IL PROGETTO DI VITA L'insieme organizzato delle risposte e degli interventi, che accompagnano la persona nei suoi cicli di vita, seguendone la modificazione dei bisogni nelle differenti fasce di età e in relazione agli ecosistemi in cui è inserito, con l'obiettivo di garantirgli la più alta qualità di vita possibile. Un po di storia Il progetto QUADIS e il Gruppo Regionale di Ricerca Il progetto QUADIS ha avuto un lungo periodo di sviluppo, con fasi diverse che hanno coinvolto nel tempo più interlocutori. Nell anno 1998 il GLIP di Brescia ha promosso una ricerca mirata ad individuare possibili indicatori della qualità dell'integrazione a cui, nel 2000, si aggrega l IRRE ora ANSAS; i risultati di questa prima fase si sono concretizzati con la pubblicazione Alla ricerca della qualità dell integrazione effettuata nel 2003 con il supporto del Comune e della Provincia di Brescia. Il progetto QUADIS vero e proprio è iniziato in quello stesso anno con la costituzione di un Gruppo di ricerca nazionale e Seminario internazionale Indicatori di qualità della scuola e dell integrazione, tenuto a Milano il 17 giugno 2005 con la partecipazione, di esperti di vari paesi e di un rappresentante della Comunità europea. La ricerca si è poi sviluppata nella direzione di un incontro tra le due anime del progetto, l'integrazione e l'autoanalisi d'istituto; dopo una fase di indagine sulla presenza delle tematiche dell'integrazione nelle azioni di autoanalisi delle scuole certiqicate o facenti parte di reti di autovalutazione in Lombardia, ci si è concentrati sulla costruzione di un impianto autovalutativo completo e coerente, piuttosto che sull'elencazione di indicatori. Nell'ultima fase del lavoro, l'azione è passata in capo all'usr Lombardia, UfVicio VII, sempre con la collaborazione dell ex IRRE Lombardia, ora ANSAS. Come si diceva, il Gruppo di ricerca ha visto nel tempo il coinvolgimento di vari interlocutori; la continuità storica del progetto è stata garantita dalla presenza in tutte le sue fasi di Mario Maviglia e Giancarlo Onger. 8

9 AHualmente il Gruppo Regionale di Ricerca risulta così composto: Mario Maviglia, Dirigente UST Brescia, coordinatore; Elena Arrivabene (docente IC Passirano) Primarosa Bosio (docente, esperta) Cris9na Casaschi (docente, ANSAS ex IRRE Lombardia), Irene Menegoi Buzzi (dirigente, esperta) Giancarlo Onger (docente, esperto), Lorena Peccolo (dirigente IC di Vimodrone), Ivana Sacchi (docente, esperta informa9ca), Franco Salsa (docente ITC "Primo Levi" di Bollate, rete AIR), Lise(a Silini (docente, coordinatrice CTRH Brescia), Giusi Scordo (docente, Ufficio VII - USR Lombardia). nato dall esperienza, tutta italiana, dell integrazione scolastica, ma attingendo anche alle esperienze e alla letteratura internazionali nato e cresciuto con gli operatori della scuola (ricerca - azione) È UN PROGETTO MADE IN ITALY realizzabile con costi molto contenuti governato dalla scuola con il metro della pedagogia 9

10 QUADIS: cos è e a cosa serve È uno strumento di autoanalisi/ autovalutazione rivolto alla singola istituzione scolastica; ha come oggetto la qualità dell integrazione delle alunne e degli alunni con disabilità. Serve ad individuare i punti di forza, da valorizzare, e gli elementi critici, da migliorare, dei processi di integrazione in atto; fornisce elementi per analizzare la qualità dell offerta formativa complessiva; può essere fatto in rete con altre scuole per innescare sinergie virtuose. QUADIS: cosa contiene Un impianto di indagine che mette in relazione i punti di vista dei diversi interlocutori coinvolti Si articola per: ambiti, criteri, fattori di qualità, indicatori, variabili operative, strumenti d indagine, qualitativi e quantitativi (8 questionari, 3 interviste strutturate, 2 matrici di focus group, 1 griglia per l analisi documentale) Si rivolge a tutte le componenti della scuola. Contiene un SW per l elaborazione di dati e gravici utili per la rivlessione e la riprogettazione. 10

11 (Vo) QUADIS è una proposta work in progress (lavori in corso) È trasparente, in quanto la scuola controlla tutto il processo: 1. può, prima di iniziare, prendere visione dell'impianto elaborato dal Gruppo Regionale di Ricerca per verivicare la condivisibilità di fattori di qualità e indicatori; 2. può eventualmente segnalare osservazioni, modiviche, proposte per migliorare lo strumento; 3. può decidere di inviare i suoi esiti al Gruppo Regionale per continuare la collaborazione; 4. può interpellare esperti esterni per condurre interviste o focus group ma la valutazione di quanto emerge è sempre in capo agli operatori interni alla scuola, l'esperto ha solo una funzione di "specchio", di aiuto nell'analisi. Il rischio di autoreferenzialità è senz'altro presente, ma crediamo non sia in potere delle singole istituzioni scolastiche superare a livello strutturale questa criticità che caratterizza storicamente la scuola italiana. fortemente orientata al cambiamento in quanto la struttura del report permette di individuare con chiarezza i punti di forza e gli elementi critici; realistica, in quanto mette a fuoco quanto è in potere della singola scuola modificare; È UN'INDAGINE è il più possibile oggettiva; è semplice ed economica da utilizzare; a 360 gradi perché prende in esame il funzionamento complessivo della scuola, articolato in tre ambiti: ORGANIZZATIVO, DIDATTICO E CULTURALE PROFESSIONALE, con attenzione quindi sia al curricolo esplicito che a quello implicito; 11

12 QUADIS: come si usa Si entra nel sito si installa QUADIS e Open OfVice (o Libre OfVice) sul proprio PC, si possono stampare gli strumenti o compilarli direttamente su Vile; il SW elabora automaticamente diversi gravici: per ambiti, per criteri, per fattori di qualità, per punti di vista (dichiarato, percepito degli utenti, percepito degli operatori) o incrociando questi elementi; l analisi può essere fatta sull intera istituzione scolastica o su un settore omogeneo di essa (plesso, indirizzo, grado scolastico ecc.) CRITERI SUGGERITI DALLA COMUNITÀ EUROPEA efficacia: capacità di raggiungere gli obiettivi o i risultati attesi, definiti esplicitamente in sede di progettazione dell'intervento; rilevanza: coerenza del programma o dell'azione col problema che si intende affrontare; efficienza: relazione tra i risultati conseguiti con un determinato intervento (efficacia) e le risorse impiegate per la sua realizzazione; funzionalità: capacità di migliorare le prestazioni degli operatori o del sistema di azioni di cui essi fanno parte; significatività: capacità di attivare la partecipazione e l'adesione degli attori (sia dei destinatari che degli operatori) all'azione, di modificare il loro modo di porsi di fronte ai problemi e al loro contesto operativo e sociale, di fornire esperienze compiute e dotate di senso sulla base delle quali essi possano (ri)costruire processi operativi/di apprendimento/di riflessione; equità: capacità di ridurre le disuguaglianze e gli handicap a livello cognitivo, sociale, di opportunità e di risorse; capacità di valorizzare e di far emergere le competenze individuali e di trasformarle in risorse per il sistema. 12

13 L imponderabile I POETI LAVORANO DI NOTTE V. van Gogh, Notte stellata, 1889 I poeti lavorano di notte quando il tempo non urge su di loro, quando tace il rumore della folla e termina il linciaggio delle ore. I poeti lavorano nel buio come falchi notturni od usignoli dal dolcissimo canto e temono di offendere Iddio. Ma i poeti, nel loro silenzio fanno ben più rumore di una dorata cupola di stelle. Alda Merini da Destinati a morire 13

QUADIS kit per l autoanalisi e l autovalutazione d istituto sulla qualità dell inclusione Presentazione

QUADIS kit per l autoanalisi e l autovalutazione d istituto sulla qualità dell inclusione Presentazione QUADIS kit per l autoanalisi e l autovalutazione d istituto sulla qualità dell inclusione Presentazione a cura del Gruppo di Ricerca QUADIS 1. Integrazione e/o inclusione Il Kit QUADIS nella sua versione

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV - Ambito Territoriale di Brescia Via S.Antonio, 14-25133 Brescia - Codice Ipa: m_pi PIANO

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF A SCUOLA Applicazioni operative per la diagnosi funzionale educativa ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF la scuola e i contesti: le performance e le capacità,

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Utenti destinatari Restituzione dell esperienza di stage Studenti classi quinte Servizi Commerciali Discipline

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

SPELZINI GIGLIOLA. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015

SPELZINI GIGLIOLA. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015 Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015 DIFFICOLTÀ AD APPRENDERE 1. Rilevazione del bisogno 2. Segnalazione alla famiglia

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S.

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali a.s. 2013/2014 a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. d Istituto Le nuove indicazioni ministeriali Riferimenti normativi -Legge

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Adhd. 1^attività: conoscenza/presentazione a coppie di un compagno-a di corso

Adhd. 1^attività: conoscenza/presentazione a coppie di un compagno-a di corso Appunti lez. 1 Cristina Casaschi 9 marzo 2015 Adhd Adhd: attenzione+iperattività+impulsività 1^attività: conoscenza/presentazione a coppie di un compagno-a di corso Ognuno di noi si è avvicinato ad un

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale dell Emilia Romagna Paolo Davoli Dirigente Tecnico

Ufficio Scolastico Regionale dell Emilia Romagna Paolo Davoli Dirigente Tecnico Ufficio Scolastico Regionale dell Emilia Romagna Paolo Davoli Dirigente Tecnico Seminari provinciali per i Dirigenti Scolastici Reggio Emilia, Forlì-Cesena, Rimini, Parma, Piacenza 26-30 gennaio 2015 Programma

Dettagli

Autovalutazione di istituto per l inclusività

Autovalutazione di istituto per l inclusività USR Lombardia Ufficio XI - CTRH Brescia e hinterland Integrazione e inclusione: una scuola di qualità per tutti Autovalutazione di istituto per l inclusività Primarosa Bosio 22 maggio 2014, IPS P. Sraffa

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE ITET E. FERMI LANCIANO RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE CURRICOLO E VALUTAZIONE Prof.ssa Mariella DI LALLO a.s. 2014-2015 Durante l anno scolastico 2014-2015 le principali attività svolte come funzione

Dettagli

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LE RAGIONI DEL CONFLITTO di Giovanna Strano All inizio dell anno scolastico, nella fase di progettazione di scambi con l estero, nasce un conflitto fra due

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA. Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti

BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA. Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti . BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti Lo scenario ATTUALE LE CLASSI COMPLESSE Dir. Min. 27/12/2012-

Dettagli

ORIENTAMENTO DEGLI ALUNNI CON DISABILITA'

ORIENTAMENTO DEGLI ALUNNI CON DISABILITA' Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV - Ambito Territoriale di Brescia Via S.Antonio, 14-25133 Brescia - Codice Ipa: m_pi ORIENTAMENTO

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI.

VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI. COMMISSIONE INTERCULTURA a.s. 2013 2014 LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI La Commissione Intercultura durante l anno scolastico in corso si è occupata della VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI. La presente

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO: GLI ELEMENTI PRIORITARI valutazione esterna degli apprendimenti

Dettagli

PROGETTO MANO NELLA MANO

PROGETTO MANO NELLA MANO PROGETTO MANO NELLA MANO Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

Oggetto: Orientamenti per l elaborazione del Rapporto di Autovalutazione.

Oggetto: Orientamenti per l elaborazione del Rapporto di Autovalutazione. Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado LORO SEDI E, p.c. Al Capo di Gabinetto Al Capo

Dettagli

VADEMECUM ALUNNI BES. (degli alunni con DSA, disturbi evolutivi specifici, difficolta di apprendimento e altro)

VADEMECUM ALUNNI BES. (degli alunni con DSA, disturbi evolutivi specifici, difficolta di apprendimento e altro) VADEMECUM ALUNNI BES (degli alunni con DSA, disturbi evolutivi specifici, difficolta di apprendimento e altro) PREMESSA Il seguente Vademecum traccia le linee guida di riferimento di questo Istituto per

Dettagli

Itis S.Cannizzaro. Via R.Sanzio, 2 - Rho (MI) PAI. Piano Annuale dell Inclusivita

Itis S.Cannizzaro. Via R.Sanzio, 2 - Rho (MI) PAI. Piano Annuale dell Inclusivita Itis S.Cannizzaro Via R.Sanzio, 2 - Rho (MI) PAI Piano Annuale dell Inclusivita Il PAI (piano annuale per l inclusività) è la pianificazione delle attività della scuola volte al miglioramento continuo

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Lo strumento è stato costruito con riferimento al modello CIPP (Contesto - Input - Processi Prodotti). Nell ambito delle singole aree sono

Dettagli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli di Angela Fossati Buongiorno a tutti, sono Angela Fossati, docente utilizzata a supporto dell integrazione alunni

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR PROGETTO DI TIROCINIO DIRETTO Premessa La scuola presenta la sua candidatura per l accreditamento nell elenco delle istituzioni scolastiche che accoglieranno gli studenti universitari per lo svolgimento

Dettagli

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE SEMINARIO USR LOMBARDIA 2015 ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE Theofanis Vervelacis FORMAZIONE COME.. Vivere l organizzazione nel quotidiano agire Estraniarsi all organizzazione guardarla

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO REGIONALE DI ORIENTAMENTO 2012-2013 PIANO REGIONALE DI ORIENTAMENTO AZIONI NEL PASSAGGIO SCUOLA SECONDARIA I GRADO - SCUOLA SECONDARIA II GRADO 1. MODULI FORMATIVI PER DIRIGENTI SCOLASTICI E DOCENTI

Dettagli

Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016

Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016 Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016 I.C. MILANI TERRACINA DIPARTIMENTO di MATEMATICA UNITA DI APPRENDIMENTO TEMATICA

Dettagli

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PREMESSA Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l originalità del suo percorso individuale e le aperture

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia

UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia. INTRODUZIONE. 1) Alle origini fondative dello strumento: le premesse valoriali. 2) La storia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Presuppone una serie di passaggi metodologici:

Presuppone una serie di passaggi metodologici: Modello Trentino Nasce da un'esigenza di superamento sia della esplorazione dell'istituzione scolastica con i soli linguaggi della teoria dell'organizzazione, sia della riflessione eccessivamente autoreferenziale

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI

LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI ESEMPI GLSNV AICQ EducationER -Progetto Formazione DPR 80 Relatore/i Sheila Bombardi Renzana Gallo PRESUPPOSTO L autovalutazione/valutazione, in generale, è sempre l

Dettagli

5.5 REPORT BRESCIA 1 E 2. Luciana Ferraboschi, Fausto Spina. 1. Risultati della ricerca. Da dove si è partiti / Risultati attesi

5.5 REPORT BRESCIA 1 E 2. Luciana Ferraboschi, Fausto Spina. 1. Risultati della ricerca. Da dove si è partiti / Risultati attesi 5.5 REPORT BRESCIA 1 E 2 Luciana Ferraboschi, Fausto Spina 1. Risultati della ricerca Da dove si è partiti / Risultati attesi Le scuole del Gruppo di Brescia hanno avviato la loro attività partendo dalla

Dettagli

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI

Dettagli

I CTRH(Centro Territoriale Risorse per l Handicap) rappresentano uno

I CTRH(Centro Territoriale Risorse per l Handicap) rappresentano uno nota Ufficio Scolastico per la Lombardia I CTRH(Centro Territoriale Risorse per l Handicap) rappresentano uno strumento concreto a sostegno delle istituzioni scolastiche nella graduale realizzazione dell'autonomia,

Dettagli

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO

Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO Convegno Nazionale 25 26 settembre 2009 COMUNE DI VIGEVANO LA FAMIGLIA CON PERSONA DISABILE INTERVENTO OLISTICO L AIUTO SCOLASTICO LA FAMIGLIA Dott. Eugenia Rossana Fabiano Dirigente Scolastico Fase di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano 9 aprile 2014 Premessa Mi è stato chiesto di mettere

Dettagli

Criteri di valutazione dell efficacia degli interventi formativi. Roberta Rigo

Criteri di valutazione dell efficacia degli interventi formativi. Roberta Rigo Criteri di valutazione dell efficacia degli interventi formativi Roberta Rigo Indice 1 - Le ragioni della valutazione degli interventi educativi 2 - Valutazione dell efficacia di un progetto formativo

Dettagli

MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia, 25 novembre 2014

MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia, 25 novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia,

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli

Un impianto elettrico civile

Un impianto elettrico civile UNITA di APPRENDIMENTO Denominazione Un impianto elettrico civile Compito - Prodotti Si tratta di redigere uno schema di un impianto civile, utilizzando un software specifico Copie di relazioni tecniche

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Direzione Generale UFFICIO V

Direzione Generale UFFICIO V Ai Dirigenti responsabili degli Uffici Scolastici Provinciali Ai Dirigenti Tecnici in servizio presso USR e USP Agli Uffici Studi e Formazione presso gli USP Ai Dirigenti scolastici delle Direzioni Didattiche,

Dettagli

Piano formazione per avvio del S.N.V. in Umbria. Umbertide I.I.S. III incontro Marzo 2015

Piano formazione per avvio del S.N.V. in Umbria. Umbertide I.I.S. III incontro Marzo 2015 Piano formazione per avvio del S.N.V. in Umbria Umbertide I.I.S. Lettura del P.O.F. e studi I.I.S. L. di da Vinci caso III incontro Marzo 2015 Giancarlo Cencetti - Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PERCHE ANCHE UN SITO SCOLASTICO? ( e ora pure accessibile?) Francesca Scalabrini, IRRE Lombardia

PERCHE ANCHE UN SITO SCOLASTICO? ( e ora pure accessibile?) Francesca Scalabrini, IRRE Lombardia PERCHE ANCHE UN SITO SCOLASTICO? ( e ora pure accessibile?) 1 Molte le ragioni (Osservatorio Tecnologico) 1-Ragioni obbligatorie : 1. Nel Luglio 2003 il Parlamento ha discusso l'approvazione della proposta

Dettagli

Società cooperativa sociale ECO onlus Ente accreditato al MIUR per la formazione del personale della scuola INCLUSION 2020:

Società cooperativa sociale ECO onlus Ente accreditato al MIUR per la formazione del personale della scuola INCLUSION 2020: Società cooperativa sociale ECO onlus Ente accreditato al MIUR per la formazione del personale della scuola INCLUSION 2020: DAL DISAGIO ALLA RISOLUZIONE BES Strategia Europa 2020 La Commissione presenta

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marianna Traversetti Indirizzo ------------------------------------- Telefono ------------------------------------ Fax ------------------------------------

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

Prof.ssa Maria Anna Glorioso Modena, 28 aprile 2010

Prof.ssa Maria Anna Glorioso Modena, 28 aprile 2010 UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MODENA LA VALUTAZIONE DEL PERCORSO DEGLI ALUNNI CON DSA: CURRICOLO E PROVE FINALI 1 Premesso che i processi valutativi hanno rilevanza ed incidenza sugli aspetti psicologici

Dettagli

Formazione BES - 3 incontro Gli strumenti

Formazione BES - 3 incontro Gli strumenti Formazione BES - 3 incontro Gli strumenti La via italiana all inclusione scolastica Il modello italiano di inclusione scolastica è assunto a punto di riferimento in Europa e non solo. L Italia è stata

Dettagli

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO Premessa Le Linee Programmatiche della Compagnia hanno stabilito che, nell ambito del tema Istruzione, fosse emanato, nel corso del 2015, un bando

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA.

SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. UN MODELLO UN MODELLO MARGHERITA LAI SEMINARIO PROVINCIALE A.SCUO.LA. Cosa è l Alternanza MODELLI: L alternanza scuola lavoro: UN NUOVO MODO DI FARE SCUOLA SEMINARIO PROVINCIALE

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Oggetto problema Osservazioni rispetto all autoanalisi Oggetto definito e area di riferimento Coerenza

Dettagli

INDICE PROGETTI D ISTITUTO

INDICE PROGETTI D ISTITUTO INDICE Ai docenti... pag. 5 Presentazione... pag. 9 PROGETTI D ISTITUTO La grande corsa di Pinocchio... pag. 15 Presupposti didattici... pag. 15 Dove cercare l argomento - Quale finalità - Perché Pinocchio...

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli