Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI"

Transcript

1 Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Do1.ssa Mabel Giraldo

2 CHE COS È L INTENZIONALITÀ? Storia e:mologica e seman:ca molto lunga e complessa Intenzionalità come espressione riassun?va in quanto impiegata per riferirsi a quagro significa: (intreccia:, ma concegualmente dis:nguibili, tanto da poter parlare di quagro differen: regioni della più ampia intenzionalità umana ) L UOMO, GRAZIE ALL INTENZIONALITÀ, RIESCE AD ANDARE OLTRE L ESPERIENZA

3 I QUATTRO SIGNIFICATI DELL INTENZIONALITÀ 1. Intenzionalità come DIREZIONE (o relazione) della coscienza verso un oltre che non con:ene 2. Intenzionalità come RAPPRESENTAZIONE ed ESECUZIONE DI INTENZIONI 3. Intenzionalità come ANALISI FORMALE DELLE RAPPRESENTAZIONI 4. Intenzionalità come COSCIENZA DELLA COSCIENZA (AUTOCOSCIENZA)

4 1. INTENZIONALITA COME DIREZIONE (o RELAZIONE) Brentano: L intenzionalità è direzione verso un oggego, poiché ogni fenomeno psichico implica la presenza di un oggego che sarà percepito, desiderato, ecc. L intenzionalità è la carageris:ca originaria degli sta: mentali che li mege in relazione con ogge] diversi (cit. Bertagna p. 96)

5 INTENZIONALITA COME DIREZIONE (o RELAZIONE) Es: p. 96 L ago consapevole di vedere un tavolo non può che riferirsi al suo contenuto (vedo un regangolo, con 4 gambe, color ciliegio, in legno, le 4 gambe terminano leggermente smussate, ecc.)

6 2. INTENZIONALITA COME RAPPRESENTAZIONE ED ESECUZIONE DI INTENZIONI Se l intenzionalità è direzione verso un oggego, questa direzione implica un movimento Livello biologico Nel cervello umano esistono diverse aree che si occupano del movimento: - area prefrontale (decisione dello scopo del movimento) - area premotoria (pianificazione dell esecuzione per raggiungere quello scopo) - area motoria (esecuzione concreta del programma pianificato)

7 INTENZIONALITA COME RAPPRESENTAZIONE ED ESECUZIONE DI INTENZIONI Che cosa ricaviamo da quello che i neurofisiologi affermano? Importanza dello skopòs (in greco: l oggego su cui si fissano gli occhi ; dunque il traguardo, la meta) È come, perciò, se il movimento umano si a]vasse solo in presenza di una precisa rappresentazione del traguardo che è chiamato a raggiungere (la sua intenzione, il suo scopo). (p. 98)

8 INTENZIONALITA COME RAPPRESENTAZIONE ED ESECUZIONE DI INTENZIONI Es: un bambino (sogge6o) vede una fega di torta (ogge6o) sul tavolo, pensa a quanto è buona (magari è la sua torta preferita rappresentazione) e ne prende una fega (muove il braccio e ne afferra una fega movimento ed esecuzione dell intenzione)

9 L intenzione di compiere un movimento e i movimen? che ne conseguono sono Prodo1o Causa (Leggere p.102)

10 INTENZIONALITA COME RAPPRESENTAZIONE ED ESECUZIONE DI INTENZIONI Tale rappresentazione (del soggego su un oggego) può essere: Precisa, ma inconsapevole (es: togliere la mano dal fuoco) Precisa, ma del tugo consapevole (es: abbraccio) Ad ogni modo, i nostri movimen: sono sì regola: dai vincoli fisici impos: dall ambiente e dal nostro stesso corpo, ma grazie a questo 2 significato possiamo vedere come l intenzionalità permega all uomo di andare oltre le pulsioni, l imitazione, i neuroni specchio, ecc. per giungere alla piena consapevolezza

11 INTENZIONALITA COME RAPPRESENTAZIONE ED ESECUZIONE DI INTENZIONI Oltre i neuroni Nell uomo (unico tra tu] gli animali) si manifesta la capacità di: Rappresentarsi mentalmente scopi da realizzare e modi diversi per realizzarli; Scegliere tra scopi diversi e realizzarli (prescindendo anche dai condizionamen: operan: in natura) Considerare l uomo solo a livello biologico = forma di riduzionismo ontologico

12 3. INTENZIONALITA COME ANALISI FORMALE DELLE RAPPRESENTAZIONI Livello biologico L uomo è agrezzato per due generi di operazioni: 1. Motoria (seconda regione dell intenzionalità) 2. Formale e rappresenta?va (assume i conce] concepi: nella precedente operazione oppure prodo] per combinazione di preceden: e li analizza per giudicarli) L intenzionalità umana non si manifesta solo come direzione degli a] psichici (1), ma sia che si rappresen: scopi per movimen: a cui dà seguito sia che riflega in maniera formale su tali scopi motori (2), essa si palesa anche come fenomeno che ha a che fare con una specie di ogge] che sono mentali alla doppia potenza, pensieri di pensieri (3)

13 INTENZIONALITA COME ANALISI FORMALE DELLE RAPPRESENTAZIONI Dunque di un oggego possiamo avere: ESPERIENZA DIRETTA (esperienza nella quale non avviene nessuna rappresentazione) es: ho fame prendo la fega di torta e la mangio ESPERIENZA INDIRETTA (esperienza nella quale intervengono le rappresentazioni i pensieri sull oggego e i pensieri dei pensieri sull oggego) es: è ora di pranzo, sebbene io abbia fame, la mamma non vuole che prima di pranzo si mangino dolci, quindi aspego a mangiare la torta, la mangerò come dessert dopo il pasto

14 INTENZIONALITA COME ANALISI FORMALE DELLE RAPPRESENTAZIONI L INTENZIONALITA E ANCHE LA SCOPERTA CHE CIO CHE MI RAPPRESENTO DELL OGGETTO ( L immagine ) NON è MENO REALE DELL OGGETTO STESSO Es: I girasoli di Van Gogh

15 Esempio: scoperta dell obbligazione (p.108) Grazie all intenzionalità, scopriamo che il pensabile non solo non è meno reale del sensibile, ma sopragugo il pensabile modella il sensibile dall esterno, ob- ligandolo ( legandolo da fuori ) a dimensioni che esso non mostra sul piano empirico, ma che sarebbe bene assumere per evitare in futuro di essere in contrasto con la realtà pensata. Es: In una comunità di minori, durante la distribuzione del pranzo, Luca e Mario iniziano ad azzuffarsi perché Luca ha ricevuto dall educatore una fega di torta più grande. Analizzare la situazione individuando pulsioni, emozioni, sen;men;, intenzionalità intervenu; e ipo;zzare come l educatore potrebbe agire di fronte a tali comportamen; e quale intervento me6ere in a6o.

16 INTENZIONALITA COME ANALISI FORMALE DELLE RAPPRESENTAZIONI E queste rappresentazioni avvengono: sul piano morale quando ci chiediamo se ciò che abbiamo fago è ciò che sarebbe stato bene fare es: decidere se mangiare o meno la seconda fega di torta, quando il dogore mi ha messo a dieta perché ho il colesterolo alto sul piano este?co quando esprimiamo le ragioni del nostro giudizio este:co es: il quadro di Van Gogh è culturalmente riconosciuto come un capolavoro dell arte, ma preferisco le ninfee di Monet perché amo di più la pennellata impressionista, i colori tenui, ecc. sul piano tecnico quando sen:amo l esigenza di costruire qualcosa secondo il nostro modello mentale es: nel dipingere il quadro, decido prima di dipingere i girasoli e poi lo sfondo

17 4. INTENZIONALITA COME COSCIENZA E AUTOCOSCIENZA La quarta regione dell intenzionalità è sia causa sia risultato delle tre regioni preceden:: LA COSCIENZA È IL LUOGO IN CUI GLI ATTI PSICHICI UMANI SI RENDONO POSSIBILI E SI UNIFICANO (cit. pp ) Intenzionalità come coscienza aperta a, ma a che cosa? - Al con:nuo guardare in una direzione; - a con:nui scopi e mezzi per realizzarli; - alle con:nue rappresentazioni formali dell esperienza e delle rappresentazioni stesse.

18 INTENZIONALITA COME COSCIENZA E AUTOCOSCIENZA L intenzionalità, dunque, esige: - un sogge6o (es: il bambino) - un ogge6o (es: la torta) Nella coscienza l oggego non si può dare se non con la direzione, il senso, l ordine e il giudizio colto dal soggego stesso L OGGETTO È SEMPRE CO- ORIGINARIO AL SOGGETTO

19 INTENZIONALITA COME COSCIENZA E AUTOCOSCIENZA TuGavia, questa dimensione co- originaria si rivela non solo come coscienza di qualcosa, ma sopragugo quando l oggego della coscienza è la coscienza stessa Autocoscienza = la coscienza che prende se stessa, come coscienza del corpo e del mondo, a proprio oggego (FORMA PIU ALTA DI INTENZIONALITA )

20 CONCLUSIONI Problema Origine dell intenzionalità Mol: sostengono la teoria di una provenienza solamente fisio- psichico- biologica - Nietzsche - Crick - Pinker Altri scienzia: e filosofi sono persuasi che non si possa spiegare scien:ficamente la nostra coscienza razionale. E sarebbero per ora impossibili risposte chiare e condivise (caragere irriducibilmente misterioso dell intenzionalità)

21 CONCLUSIONI Altri autori restano convin:, con buoni argomen:, anche senza entrare in un o]ca di fede, che le regioni dell intenzionalità abbiano carageris:che così eccezionali e qualita:vamente diverse da qualsiasi altra manifestazione umana di matrice materiale, pur dandosi in e agraverso la materia, da esigere una spiegazione ultrasensibile di sé, ovvero trascendente. Nonostante le diverse opinioni e teorie, è indubitabile che L INTENZIONALITA SI COLLOCA AL CULMINE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA VITA UMANA, ESSENDONE SUA PERFEZIONE E SUA CONDIZIONE (per tale ragione ci perme1e di andare oltre l esperienza)

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 5 IL DISCORSO PUBBLICO DELLA RAGIONE E LE SUE TIPOLOGIE Dott.ssa Mabel Giraldo La seconda condizione,

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali. Avv. Carlo Alberto Calcagno

Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali. Avv. Carlo Alberto Calcagno Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali Avv. Carlo Alberto Calcagno Poincaré, Scienza e metodo Il sé subliminale non è in alcun modo inferiore a quello cosciente;

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia

CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia CENTRO DI ATTIVAZIONE PSICOLOGICA Studio Associato di Psicologia Milano Via Zure6, 1 tel 02 67077383 mail:capsmilano@hotmail.com web: hhp://www.capsmilano.it Do#. Andrea Veronesi Do#.ssa Maria Grazia Niche5

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

1. Nome del corso. A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito. 2. Descrizione

1. Nome del corso. A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito. 2. Descrizione 1. Nome del corso A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito 2. Descrizione Cosa significa benessere a 360 gradi? Secondo la filosofia olistica, è necessario nutrire ed educare l'intero

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

La Comunicazione Formativa a Scuola

La Comunicazione Formativa a Scuola Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Scienze dell'educazione e dei Processi Culturali e Formativi La Comunicazione Formativa a Scuola Vanna Boffo Aspetti

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010

Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Titolo: LA RAZIONALITA NELL ECONOMIA Autore: Vernon L. Smith Editore: IBL Anno: 2010 Per chi avesse trovato appassionante o anche solo interessante, il testo di Guala e Motterlini (Mente Mercati Decisioni,

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Psicologia come scienza: storia e metodi Psicologia scientifica e psicologia ingenua Scienza e senso comune Teoria ingenua: teoria fondata non su controlli scientifici ma sull'esperienza

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione

Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione Corso di Psicologia della disabilità e dell integrazione a.a 2014-2015 lezione del 10 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Ferrari È facile imparare ciò che non si sa. Il difficile è imparare ciò che si sa.!

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

DOVE COSA via ventrale non è in grado di riconoscere agire

DOVE COSA via ventrale non è in grado di riconoscere agire IL MOVIMENTO Percepire per riconoscere e percepire per agire Le informazioni sensoriali non servono solo a riconoscere, identificare e comprendere il mondo. Servono anche per pianificare le azioni, interagire

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

Professional Coaching:

Professional Coaching: Professional Coaching: un supporto alla crescita della Persona per lo sviluppo di Imprese, Imprenditori e Professionisti 22 Novembre 2011 - ItaliaProfessioni - Unione Confcommercio Milano 1 IL COACHING

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI Progettare Nella scuola, il termine competenza è ambiguo, perché è mutuato dall ambito della formazione professionale

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING MARIA ELENA RIDOLFI

DBT SKILLS TRAINING MARIA ELENA RIDOLFI DBT SKILLS TRAINING MARIA ELENA RIDOLFI Teoria biosociale del BPD Disfunzione biologica del sistema di regolazione emozionale Ambiente invalidante Disregolazione emozionale pervasiva Condotte parasuicidarie

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Percezione e filosofia delle mente

Percezione e filosofia delle mente Percezione e filosofia delle mente Paolo Mazzanti Saggio pubblicato in Annali del Dipartimento di Filosofia dell'università degli Studi di Firenze (ed. 2000-2001) 1. Il problema percettivo Ho un ricordo

Dettagli

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE: IL DIBATTITO IN AMBITO EDUCATIVO. Bressanone 26/10/2012; Daniela Mario LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE I neuroni specchio e le rappresentazioni condivise

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta

Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta Approccio al paziente bisognoso, disabile, disagiato: dal bambino all anziano Do#.ssa Simone#a Coppini Psicologa- Psicoterapeuta Approccio Definizione Approccio ( approcher) A-o di avvicinarsi Tenta4vo

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

Diventare ciò che si è

Diventare ciò che si è Calogero Caltagirone Diventare ciò che si è La prospettiva etica come principio di umanizzazione ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo. Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Scuola di Dottorato in Scienze e Alta Tecnologia Università

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Storie motorie con bambini e famiglie

Storie motorie con bambini e famiglie Storie motorie con bambini e famiglie Tiziano Battaggia Muoversi da a 6 anni Pisa 15 ottobre 2011 Presentazione Storie motorie con bambini e famiglie è una sintesi di un esperienza di insegnamento/apprendimento

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE A.S. 2013/14 - A.S.2014/15 - A.S.2015/16 Anno scolastico 2013/14 La fiaba è il luogo di tutte

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

MONTESSORI E DISLESSIA

MONTESSORI E DISLESSIA MONTESSORI E DISLESSIA per noi l educazione non è istruzione, nel senso in cui la si considera nelle scuole, per noi l educazione è la tutela di un obbedienza alla vita (M.Montessori, il segreto dell infanzia,

Dettagli

Orientamento: modelli e. costrutti di riferimento. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. L orientamento in classe

Orientamento: modelli e. costrutti di riferimento. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. L orientamento in classe Orientamento: modelli e costrutti di riferimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento l'orientamento rimanda ad una serie di attività che mettono in grado i cittadini di ogni età, in qualsiasi

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE Vittorio A. Sironi Professore di Storia della medicina e della sanità Direttore Centro studi sulla storia del pensiero biomedico Università degli studi di Milano

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI.

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. Caro Gianni, KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. rispondo al tuo e-mail con l attach su Kim. Sono contento che il tuo giusto orgoglio di fisico abbia prevalso sugli spleen taglia-gambe. Non credo

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

L Orientamento Scolastico Professionale

L Orientamento Scolastico Professionale Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore anno scolastico 2013-2014 L Orientamento Scolastico Professionale una proposta Finalità dell incontro Condividere i modelli di Orientamento Scolastico Professionale

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

Laboratorio di filosofia

Laboratorio di filosofia Laboratorio di filosofia Risvolti filosofici delle nuove acquisizioni nell ambito delle neuroscienze. Classe 4 scientifico A Coordinatrice Prof.ssa Laura Gagliardo Alunni: Fresia Giulia Elettra, Buttiglieri

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

L audizione dei ragazzi. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i ragazzi dai 13 anni

L audizione dei ragazzi. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i ragazzi dai 13 anni L audizione dei ragazzi Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione Per i ragazzi dai 13 anni Impressum Editore Istituto Marie Meierhofer für das Kind, MMI UNICEF Svizzera Testo lic.

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

SCEGLIERE I NUOVI LICEI

SCEGLIERE I NUOVI LICEI SCEGLIERE I NUOVI LICEI 4 idee per Costruire i NUOVI LICEI 1. La formazione liceale cambia assieme all intero sistema della Scuola Secondaria Superiore. 2. La nuova formazione deve consen:re che gli studen:

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli