Grafica: materiali per il progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafica: materiali per il progetto"

Transcript

1 Grafica: materiali per il progetto Strumenti di composizione e artifici visivi Segni grafici, e geometria nella composizione grafica Linee di forza, elementi cromatici, caratteri. Geometria e colore: le teorie di Kandinsky Archetipi visivi.

2 Strumenti di composizione e artifici visivi Il progetto grafico di un messaggio destinato a un "consumo visivo" si vale solitamente di strumenti di composizione e artifici visivi fondamentali che ne favoriscano l immediata, corretta percezione; si tratta del bilanciamento, della sequenzialità, dell' unità, dell' enfasi e della proporzione. In un messaggio trasmesso in termini visivi, il bilanciamento consiste nella distribuzione equilibrata dei pesi ottici e delle linee-forza che si creano nel campo visivo. L'unità consiste nell'operare delle scelte di stile nel rispetto della coerenza formale e stilistica che sta alla base dell'obiettivo del messaggio. La proporzione riguarda l'adattamento coerente della figura allo sfondo e all'estensione stessa dell'area destinata al messaggio. Loghi e manifesti di Milton Glaser per la Stony Brook University NY

3 L'unità consiste nell'operare delle scelte di stile nel rispetto della coerenza formale e stilistica che sta alla base dell'obiettivo del messaggio: gli elementi messi in gioco verranno scelti in base a un accordo estetico che ne collega la forma al significato globale. Nella composizione del visual la scelta di un'impostazione in prospettiva dell'oggetto può migliorare e accentuare, enfatizzandola, la sua tridimensionalità

4 Unità come coerenza formale e stilistica accordo estetico che collega la forma al significato globale

5 La proporzione riguarda l'adattamento coerente della figura allo sfondo e all'estensione stessa dell'area destinata al messaggio; la qualità dell'immagine, l'impaginazione e la relazione proporzionale fra testo e visual, tra pieni e vuoti, deve risultare armonica. (Appiano, 2000)

6 Il concetto di proporzione aurea, l'ideale razionale, era già praticato presso i pitagorici e conosciuto da Euclide, definito "divisione di un segmento in media ed estrema ragione", consiste nel dividere un segmento in due parti diseguali in modo tale che da esso nasca un rettangolo perfetto, aureo appunto, avente per lati un segmento e la sua sezione aurea, ottenibile costruendo un quadrato sulla parte maggiore che risulti medio proporzionale fra il rettangolo costruito sull'intero segmento e quello proiettato sul segmento minore.

7 La proporzione aurea costituisce di per sé una tipologia visiva in grado di regolare i rapporti fra le parti in modo matematico e quindi con effetto armonico ed equilibrato. La ricerca del numero aureo corrisponde alla ricerca della bellezza dell'opera fondata su un rapporto numerico ideale tra gli elementi che la compongono. La proporzione aurea consente di ottenere composizioni (fotografiche, pittoriche, grafiche e architettoniche) equilibrate e armoniose partendo da un punto, identificato col numero "d'oro" della sezione aurea. E anche molto usata in tipografia, per l impaginazione di libri e riviste. La bibbia di Gutemberg, il primo libro pubblicato a stampa, in molte copie identiche, (1445), è già un capolavoro tipografico. Leonardo stabilisce le proporzioni del corpo umano inserito in un quadrato e in un cerchio, cercando nei suoi studi di affiancare l anatomia dell uomo all anatomia della macchine e della terra: questa ricerca può essere considerata il filo conduttore della sua opera scientifica, una massa di imponente di studi, osservazioni e spiegazioni in cui si riconoscono le conoscenze dell epoca.

8 Piet Mondrian, olandese, fu pittore aderente all astrattismo e fondò il gruppo de Stijl. Nella pittura di Mondrian si ritrovano forme geometriche elementari e complesse. Ritroviamo nel quadro sotto: quadrati (A), un doppio quadrato (B), un rettangolo che risponde alle regole della sezione aurea (C). Non si confonda la sezione aurea con i formati UNI: mentre la sezione aurea scaturisce dal numero 1:618, i formati UNI derivano dal rapporto 1: 2

9 Dimenticata nel Medioevo, la proporzione aurea viene riscoperta nel Rinascimento: il concetto di matematica coincide con quello di perfezione e questa, sulla traccia del pensiero platonico, è l'espressione dell'armonia divina. Nel 1600, Keplero dà al procedimento matematico il nome "sectio divina", e nell'ottocento, fu definita "sezione aurea". Questo canone estetico nato presso i Greci ed esploso nel Rinascimento, è stato ampiamente adottato in epoca moderna da Piet Mondrian in campo pittorico (neoplasticismo) e anche da Le Corbusier in campo architettonico. Egli concepì il modulor, un insieme di rapporti e misure per regolare lo spazio dell'uomo. Losanga con colori chiari e linee grigie Victory Boogie-Woogie 1943

10 Nel dipinto Far off 1958 di Josef Albers, esponente della pop art americana, si ritrova uno schema costruttivo con un rapporto 1/2/3. Jasper Jones, Tre rettangoli concentrici in Three flags, 1958; moduli quadrati e rettangoli aurei per Untitled, 1959

11 La costruzione dell'immagine basata sul rettangolo aureo consente di ottenere un effetto armonico, risultato che soddisfa l'intenzione comunicativa di un progetto visivo o di una struttura impaginativa equilibrata e insieme dinamica. Generalmente, però, effettuato l'impianto di un progetto visivo sulle proporzioni auree, è bene smuovere il rigore di una gabbia geometrica che può rischiare di essere monotona o comunque troppo rigida. El Lissitzky Battete i Bianchi col cuneo rosso 1920 O. SchlemmerManifesto per il nuovo salone dell arte -1913

12 Al di là di queste osservazioni teoriche sui modelli aurei, rigorosamente ancorati a un concetto compositivo matematico "classico", è pur vero che alcune volte può essere altamente coinvolgente, dal punto di vista percettivo, una composizione volutamente sbilanciata o sproporzionata o stilisticamente eclettica. In questi casi entra in gioco un tipo di programma comunicativo, coerentemente con la qualità del messaggio, fondato sulla dissonanza cognitiva, ossia sull'utilizzare una tipologia espressiva e comunicativa dissonante rispetto le abitudini percettive e per questo capace di superare le resistenze, sorprendere e farsi osservare. Per la costruzione di queste soluzioni visive, occorre naturalmente una grande sensibilità ideativa, come è stato dimostrato da molti grandi artisti delle avanguardie del Novecento. El Lissitzky Manifesto per L esposizione internazionale dell arte russa. Zurigo 1929 Rodtchenko Libri filiale di Leningrado del Gosizdat

13 Anche le forme grafiche più complesse sono il frutto della commistione di punti, linee, piani, di figure geometriche; è perciò fondamentale analizzare il valore espressivo delle forme semplici e delle loro potenzialità comunicative La linea verticale evoca l'impostazione vitale, esprime l'energia delle forme che si espandono naturalmente verso lo spazio, verso la luce. Orientamento dal basso verso l'alto: è la direzione più naturale della linea verticale; rappresenta lo sforzo di trovare la perfezione, di raggiungere la verità; è l'andamento delle cattedrali gotiche, la cui spinta verso l'alto doveva rappresentare l'energia dello spirito alla ricerca di Dio. Orientamento verticale dall'alto verso il basso: indica un richiamo alle proprie radici, alle proprie origini, una conferma della propria identità, una riflessione meditativa chiusa sulla situazione stessa.

14 La linea orizzontale evoca la sensazione fredda della quiete dell'ambiente, la calma degli elementi, l'immobilità del corpo nello spazio. Riconducendosi alla linea dell'orizzonte, evoca il piano orizzontale (o piano terra) e la sua profondità fino all'orizzonte. Orientamento orizzontale da destra verso sinistra: rappresenta il ritorno verso il passato, la via controcorrente. Orientamento orizzontale da sinistra verso destra: è la direzione dell' evoluzione naturale nello spazio/tempo del futuro; nella tradizione occidentale riflette la direzione della scrittura e il senso di lettura, che oscilla da sinistra a destra, scendendo poi con un identico e successivo moto nuovamente da sinistra a destra.

15 La linea diagonale possiede un'energia che coinvolge particolarmente lo sguardo in quanto costituisce una rottura alle soluzioni ortogonali dell'ambiente in cui si vive. Orientamento dall'alto a destra al basso a sinistra: indica una volontà di guardare al presente con un'attenzione particolare rivolta verso il passato. Orientamento dall'alto a sinistra al basso a destra: si leggono segni di pessimismo, di attenzione eccessiva verso le cose materiali. Orientamento dal basso a destra all'alto a sinistra: indica una volontà di recupero di un passato migliore del presente. Orientamento dal basso a sinistra all'alto a destra: è l'orientamento più positivo, in quanto indica una volontà di crescita e di sviluppo verso un futuro migliore.

16 Altre applicazioni esemplari della diagonale: è un andamento che attira lo sguardo determinando un orientamento e un senso di lettura, un andamento dell'immagine verso una direzione. La diagonale in un progetto grafico porta effetti di movimento e di profondità.

17 Linee oblique, spezzate, miste e curve Possono intervenire nella composizione con un effetto di instabilità più o meno accentuato, ma in ogni modo dinamico. Andamento spezzato: è un orientamento percettivamente forte e dinamico, ritmo agile, tagliente, combattivo, acuto e pungente; il percorso a zig zag della linea spezzata copre una superficie e quindi perde la caratteristica primaria lineare per assumere quella planare. Andamento misto: dipendentemente dalla sua configurazione, indica un processo evolutivo di esplosione o implosione, di ordine o caos, di instabilità o stabilità. La presenza di angoli alterni a linee curve, si traduce a livello psicologico in una situazione di ambiguità o di incertezza; questo orientamento possiede comunque caratteristiche dinamiche.

18 Cerchio e composizione circolare Figura geometrica perfetta, chiusa e compatta, il cerchio occupa una posizione dominante tra le figure geometriche semplici. Presente nell'arte di tutti i tempi con le sue più varie specificità simboliche: è l'aureola, è il sole, è il rosone delle cattedrali in quanto simbolo dell' "occhio di Dio", il quale, nel neoplatonismo umanistico, è "centro e circonferenza in nessun luogo e in ogni luogo (Nicolò Cusano, De docta ignorantia, II, 12).

19 Il cerchio è elemento compositivo con un forte effetto centralizzante sulle modalità percettive degli elementi della configurazione e con potenzialità dinamiche eccellenti intrinseche alla sua stessa forma; nel quadro circolare, linee "illuse" possono corrispondere a forme concrete (come un oggetto tondeggiante, un viso o come la linea di un movimento) e hanno il potere di creare assonanza tra le forme e determinare rapidi e fluenti percorsi visivi dello sguardo capaci di lievitare incontrollati sulle forme stesse.

20 L'effetto protettivo, mammario, rassicurante del cerchio (simbolo del ventre materno), l'effetto dinamico del moto continuo (simbolo della ruota), l'effetto di centralità e dominio (simbolo del sole allo zenith), sono soltanto alcune estensioni significative del cerchio che può dunque prestarsi a molteplici applicazioni. Se le forme circolari entrano in relazione con un sistema ortogonale o con un sistema obliquo o con un sistema di linee libere, la curva introduce un elemento di regolazione e di moderazione fra le parti, contribuendo a un effetto generale di armonia e di equilibrio

21 Quadrato e composizione quadrata Il quadrato possiede le caratteristiche della forma delimitata a quadrilatero e ad angoli retti; la ripetizione dei quattro segmenti di uguali dimensioni provoca effetto statico e simmetrico, perfetto e inattivo. La sua forma corrisponde al modello cognitivo del campo, del quadro, dell'intervento dell'uomo sulla delimitazione e misurazione dello spazio. Esso attiva le relazioni esterno/interno, civile/selvaggio (domi/foris), ordine/caos, generate da una antropologicamente più ampia opposizione natura/cultura, in cui il quadrato esprime il primario ed elementare intervento dell'uomo di appropriazione, trasformazione e dominio di uno spazio controllabile e finito in cui vivere, estratto da uno spazio incontrollato infinito. Il quadrato è elemento compositivo razionalizzante e forte:percettivamente, riporta il disordine a una forma organizzata. La sua stessa struttura, che può amplificarsi nella forma cubica, esprime il controllo matematico e concreto dello spazio all'interno di un'immagine.

22 In contrasto formale con il cerchio, il quadrato è mediato dall'armonica interazione delle due figure quando esse possiedono lo stesso centro (cerchio inscritto nel quadrato e cerchio circoscritto al quadrato). Dal punto di vista simbolico, il quadrato contrapposto al cerchio equivale alla contrapposizione terra/cielo, ovvero materiale/immateriale, l'uno espressione del finito controllabile, l'altro dell'infinito incontrollabile, l'uno statico, l'altro dinamico.

23 Triangolo e struttura triangolare Il triangolo e la piramide costituiscono una tipologia formale elementare e originaria, fondata sul concetto di figura chiusa con un numero minimo di lati; grazie alla sua struttura, il triangolo è l'unica forma geometrica che contiene nella sua sagoma una direzione, un orientamento. E per questa ragione una figura geometrica essenziale, oltre che simbolica, insostituibile nella comunicazione visiva. In natura è raramente ritrovabile se non come pattern astratto delle sfaccettature del cristallo o delle sagome delle montagne o di qualche struttura triangolare a petali o a foglie (come il trifoglio); è dunque una forma essenzialmente prodotta dall'uomo. Stabile, simmetrico, equilibrato nella forma equilatera penetrante, carico di tensione, smisurato o imponente nelle forme isoscele e scaleno, il triangolo eredita dalla tradizione culturale forti connotazioni: è strumento architettonico quale tetto o frontone ed è immagine di divinità già presso i Greci; in analogia con la triade primordiale padre/madre /figlio, il triangolo equilatero è stato assunto a rappresentare in forma simbolica il concetto cristiano di Trinità in cui è racchiuso il triplice aspetto di Dio.

24 Il triangolo contiene un dinamismo che lo vede ruotare sui suoi stessi lati, come un motore messo in moto sulla forma stessa che lo conduce a ritornare alla fase di partenza. Per questo suo implicito tendere al moto perpetuo, il triangolo è anche l'espressione simbolica della perenne sequenza temporale passato/presente/futuro o nascita/amore/morte. Nella sua forma simbolica tridimensionalizzata, il triangolo genera la piramide, forma che contiene nel vertice un'energia intensa capace di vibrare in sintonia con il cosmo: imponente forma ancorata a terra, la piramide rappresenta la tensione del materiale verso l'immateriale, egizia espressione di immortalità.

25 Altre forme: la croce Nata dalla partizione del quadrato con le mediane e in contrasto formale ad esso, la croce coniuga concetti essenziali come centro, equilibrio, simmetria, direzione, incrocio, numero quattro, esterno e interno, con una struttura presente in tutti i modelli culturali del mondo mediante significati legati al rapporto uomocosmo. L'equilibrio armonico della sua forma dipende dal rapporto ortogonale fra il braccio longitudinale e quello trasversale, assi generatori ereditati dalla forma piena e chiusa del quadrato e assunti a generare essi stessi partizioni spaziali opposte o contigue, vuote e aperte. Forma perfetta presente in natura, nella struttura dei cristalli come nella infiorescenza, ma presente anche nell' impalcatura del corpo umano e nello scheletro di numerosi animali, la croce è anche la forma dell'ordine, del palinsesto che organizza gli impianti urbanistici, dirige e controlla l'uso degli spazi.

26 Dal punto di vista cognitivo, la croce corrisponde alla partizione equilibrata dell'unità in quattro parti eguali; se giace sul piano orizzontale è determinata dalle porzioni di spazio che suddivide, richiama al materiale, all'organizzazione dello spazio dell'uomo; se s'innalza verticalmente rinvia all'immateriale, allo spazio di Dio, assume sostanza essa stessa in uno spazio inconoscibile e senza confini; è in ogni modo l'immagine concettuale della relazione fra gli opposti. Diversamente dalla croce greca (coi quattro bracci uguali) ereditata dall'antichità e intrisa di un sapere alchimistico e matematico oltre che religioso, la croce latina, simbolo della cristianità, deriva sua forma dal modello antropologico del corpo di Cristo morente sulla croce, assumendo l'asse verticale più lungo di quello orizzontale per modellarsi sulle proporzioni umane. Di qui deriva per analogia la sua somiglianza con l'albero della nave (la navis salvationis) se drizzata in verticale, o a determinare la forma della pianta della chiesa se disposta sul piano orizzontale; per la tensione verso il dolore implicito nella sua stessa forma, Jung associa la croce latina alla tipologia psicologica della sofferenza fisica e spirituale. La versione della croce commissa (o a T) deriva invece la sua impostazione dalla figura del Cristo morto sulla croce, con la testa reclinata sul petto. Anche questa struttura,, è entrata a far parte delle tipologie edilizie della cristianità, nel punto di incrocio dei due bracci della croce vi è il punto vitale, il fulcro, luogo che coincide con l'abside e che equivale, per analogia col modello antropologico, con la posizione del capo, la testa del Cristo.

27 LA SPIRALE Diversamente dalla croce, figura statica per quanto ancorata a terra per un solo punto, la spirale è la materializzazione stessa dell'essere dinamico che partendo da un punto si svolge irreversibilmente verso l'infinito. La sua forza sta nell'espansione fuori di sé, che le consente di acquistare di voluta in voluta maggiore consistenza e sicurezza, come quella di un suono che da flebile diventa via via più intenso prestandosi in questo modo a esprimere sinestesie musicali Nella sua versione bidimensionale è la visualizzazione di un movimento che conduce, attraverso la percezione visiva, a uscire dal sé, in quella tridimensionale è la realizzazione di un vortice in cui è la globalità sensoriale a essere coinvolta, le piccole scale a chiocciola come le grandi scalee a spirale ogivale sono la testimonianza di come la ricerca spaziale in architettura miri a declinare le misure dello spazio con lo spirito.

28 L'avvitamento della spirale verso l'alto o verso il basso, vista dall'esterno o dall'interno,, nelle due versioni bidimensionale o tridimensionale, costituiscono una serie di varianti con diversi effetti sulla globalità percettiva.

29 In alcuni esempi troviamo la spirale come elemento di equilibrio instabile, al centro o al lato di un immagine a costruire bilanciamenti visivi; in altri casi si ritrova come elemento dinamico, a spezzare un sistema rigido, o anche come citazione di possibilità infinite, accentuato da frecce che indicano tutte le direzioni, intrecciandosi tra loro.

30 Moduli, schemi. griglie, ripetizioni: si tratta di espedienti usati per razionalizzare molte informazioni oppure per dare una regola al proprio lavoro; regola che è spesso adottata e immediatamente negata, o spezzata, come nella immagine della mostra franco-sovietica del 25 o il labirinto di Munari (1960) interrotto dalle impronte/suole di caucciù, o la famosa pubblicità quasi un graffito murale- del Campari (1967). La mostra tedesca del 1927 invece, con poche efficaci variazioni, rispetta la scacchiera sottesa; ancora più regolare la Triennale di Milano (1940), che si limita a variare il colore degli scacchi.

31 Moduli, schemi e griglie: nel primo caso, sono raccolte, fattore regolatore il quadrato, le copertine di tutti i vinile dei Beatles; negli altri casi, manifesti di M. Glaser, si prende a prestito il tema della variazione sovrapponendo la stessa immagine di Bach trattata con diversi supporti e tecniche, o della quantità di gesti che una mano può compiere, a indicare le differenze tra le opere degli illustratori, o del quasi fumetto con la figura di Mozart per pubblicizzare un festival mozartiano.

32 Moduli, schemi e griglie:scheda Questa pubblicità di Mc Donald s utilizza il quadrato, -come spazio bianco che risulta prescindendo dalle fitte colonne in basso-, una griglia quadrata sottesa per posizionare i vari prodotti, tutti presentati nelle loro confezioni con colori alimentari fortemente attraenti, il rosso e l arancione, che insieme al giallo fanno parte della corporate image: come nella immagine precedente dei dischi dei Beatles, si usa un vuoto centrale per dare il messaggio importante, che in questo caso fa seguito alla frase posta in alto nell immagine. L altezza del lettering corrisponde a quella dello spazio (della griglia) in cui si collocano i prodotti, anche se l interlinea del lettering stesso è tenuta al minimo della leggibilità. Per instaurare una variazione, il piccolo cartello a destra crea una asimmetria non pesante nell immagine che altrimenti si presenterebbe statica e rigida, specie a causa delle colonne dai caratteri molto minuti. L immagine si chiude poi con una forte sottolineatura in basso: una fascia su fondo nero che charisce, a chi non fossero familiari i prodotti o il marchio, il nome della ditta.

33 Geometria e colore Le linee possiedono, dal punto di vista percettivo, qualità cromatiche e termiche: come ha dimostrato Kandinsky in Punto, linea, superficie (1926) la linea orizzontale denota tendenzialmente una base fredda, quella verticale possiede all'opposto potenzialità dinamiche di caldo; la diagonale esprime qualità intermedie di freddo-caldo; le linee spezzate sono più o meno accentuatamente rappresentative del freddo o del freddo-caldo a seconda che vi sia una prevalenza dell'orientamento orizzontale o di quello verticale, mentre le linee curve, prevalentemente associabili a sensazioni di caldo, possiedono, nell'alternanza di tensione e distensione, carattere di forze contrastanti e di energia avvolgente. W.Kandinsky On White II W.Kandinsky: Bilanciamento

34 Inoltre le linee, come abbiamo visto, si combinano e completano nell'immagine con figure geometriche, le quali secondo Kandinskij e Itten, in quanto forme primarie, sono associabili ai tre colori fondamentali: il triangolo al giallo, il quadrato al rosso, il cerchio al blu. Infatti anche dal punto di vista simbolico, la geometria ad angoli acuti del TRIANGOLO richiama alla triade alchemica, alla luce trinitaria, al triangolo come sinonimo di raggio di luce, colore dell' energia divina; il QUADRATO è una figura stabile, priva di dinamismo, immobile; simbolicamente è il suolo, evoca la solidità della materia terrestre, della terra come madre le cui proprietà archetipiche sono associabili al rosso, al sangue, al dolore, alla passione; il CERCHIO è invece figura carica di dinamismo, instabile, proiettata in un moto perpetuo, capace di generare altre forme: ad esso è associato il blu in quanto colore del cielo, del mondo iperuranio, della meditazione e della calma spirituale. Ricordiamo che i templi cinesi sono regolarmente di forma circolare, ma la piazza che c è di fronte è sempre quadrata: il tempio è il cielo, la piazza la terra.

35 Le forme primitive dei pittogrammi, e degli ideogrammi (i primi rappresentativi di oggetti, i secondi espressivi di idee e concetti) sono tutte basate su queste figure semplici; in questi segni della comunicazione umana precedente alla invenzione della scrittura e dei caratteri alfabetici, si legge la necessità di coniugare l'idea a una forma, la mente all'immagine, riducendo a forme geometriche elementari concetti complessi e astratti. Alcuni dei marchi più famosi derivano da ideogrammi e pittogrammi, con variazioni che quasi sempre tengono conto delle teorie che abbiamo sopra illustrate. M.Spera: pittogrammi professioni Codice di segnalazione marittimo Pubblicità Loewe -Pirella M.Spera: dall deogramma al logotipo

36 Il quarto di luna, i raggi del sole, la coda della cometa, il cuore trafitto, la stella a cinque punte, sono soltanto alcuni esempi di stereotipi visivi la cui iconicità deriva da un atteggiamento innato nei processi cognitivi dell'uomo, atteggiamento derivato dalla necessità di esprimere in forma sintetica quanto espressiva ciò che è difficilmente immaginabile e rappresentabile, o perché si tratta di un concetto astratto, o in quanto l'oggetto sottoposto a stereotipo è troppo lontano da un concreto controllo della sua forma. Su questi ed altri elementi si basa lo studio del colore, per la grafica e per il packaging. Hello!

37 ICONE Dalla pubblicità: la bottiglia di Coca Cola, l omino Michelin, le orecchie di Topolino Dall arte: l Urlo di Munch, i girasoli di Van Gogh, la Gioconda, le dita che si incontrano della cappella Sistina di Michelangelo. Gli uomini anonimi con la bombetta di Magritte Dalla letteratura infantile: Pinocchio, il Piccolo Principe di Saint Exupery E ancora, dalla cultura visuale del cinema:sono icone John Travolta con l abito bianco di poliestere, il braccio alzato in Saturday nights fever, Elvis nel costume di Las Vegas, Marilyn con la gonna bianca plissèe che si alza, Sordi che distrugge i maccheroni, ecc. I landmarks e gli oggetti che identificano luoghi e città: la cupola di San Pietro a Roma, il campanile di Giotto a Firenze, il leone e la gondola per Venezia, il panettone e il Duomo per Milano, la pizza per Napoli e l Italia, ecc. Altro tema: Vips come testimonials., viventi -Andreotti e il gorgonzola, Clooney e il Martini- e morti -Totò e gli spaghetti, ecc.

Operatore Grafico 1 anno UC 1.01

Operatore Grafico 1 anno UC 1.01 Operatore Grafico 1 anno UC 1.01 Rappresentazione prodotto grafico CONOSCENZE Riconoscere le caratteristiche e specifiche tecniche definite nel progetto grafico, tenendo conto del supporto attraverso cui

Dettagli

Analisi grafica del Marchio

Analisi grafica del Marchio Analisi grafica del Marchio Un Marchio è un segno e come tale è soggetto a tutte le regole percettive di un segno visivo generico. La gestaltica, nell ambito della percezione visiva, elenca una serie di

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

percezione e composizione

percezione e composizione Facoltà di Architettura di Genova Corso di laurea in Disegno Industriale Laboratorio di GRAFICA 1 a.a. 2009_10 Prof.ssa Marialinda Falcidieno Prof. Massimo Malagugini Alessandro Castellano Serena Wich

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali)

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) La materia propone una formazione progettuale, nell ambito del communication design,

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Operatore Grafico 2 anno UC 1.01

Operatore Grafico 2 anno UC 1.01 Operatore Grafico 2 anno UC 1.01 Rappresentazione prodotto grafico CONOSCENZE Riconoscere le caratteristiche e specifiche tecniche definite nel progetto grafico, tenendo conto del supporto attraverso cui

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo:

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo: Esistono delle forme geometriche che sono in grado, per complessi fattori psicologici non del tutto chiariti, di comunicarci un senso d equilibrio, di gradimento e di benessere. Tra queste analizzeremo

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di Laurea in DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2007-08 - 1 Semestre Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Calendario del corso con argomenti svolti

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE CLASSE II ANNO SCOLASTICO 2013/2014 classe 2^ COMPETENZE DISCIPLINARE ISTITUO COMPRENSIVO LEVANTO 2013/2014 ITALIANO 1. Ascolta e interagisce nelle conversazioni

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

SCUOLA PRIMARIA ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE I /o ascoltati guida II omande V oltare il contenuto globale di brevi testi letti dall insegnante n testo LEGGERE I di illustrazioni II V

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

Riportiamo innanzi tutto i principali punti della disposizione, traducendoli dal documento originale.

Riportiamo innanzi tutto i principali punti della disposizione, traducendoli dal documento originale. Disposizioni ministeriali sulle prove di valutazione in matematica nella classe 10 delle scuole del Land Bassa Sassonia entrate in vigore nell anno scolastico 1999/2000. (estratto) Riportiamo innanzi tutto

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA La composizione fotografica Una buona composizione è la maniera più forte di vedere le cose EDWARD WESTON SCOPO DELLA COMPOSIZIONE Lo scopo della composizione è intensificare l

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI asdf LA CODIFICA DELLE IMMAGINI 3 March 2012 Premessa L'articolo che segue vuole essere, senza alcuna pretesa di rigore scientifico e di precisione assoluta, in quanto non ne possiedo le competenze, una

Dettagli

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE

GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLA VISIONE Molto importante è il ruolo della memoria (cultura visiva ed esperienze percettive vissute in precedenza) nella comprensione dell'immagine. Questa facoltà della nostra

Dettagli

LA SIMMETRIA. Prof Rosa Cassarino

LA SIMMETRIA. Prof Rosa Cassarino LA SIMMETRIA Lavoro svolto dagli alunni della I E in preparazione dell attività sperimentale, inserita nel progetto DIGI Scuola, che sarà effettuata nel prossimo anno scolastico. Prof Rosa Cassarino ISOMETRIE

Dettagli

PROIEZIONI ORTOGONALI

PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ORTOGONALI 104 Il metodo della doppia proiezione ortogonale Il metodo attualmente conosciuto come metodo delle proiezioni ortogonali (o proiezioni ortografiche) inizialmente nacque come metodo

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA comprende la grammatica del 1a. Riconoscere nella realtà e nelle rappresentazioni le relazioni spaziali tra gli elementi. 1b. Distinguere la figura

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe prima della scuola primaria... 2 CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe seconda della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO Campo d esperienza / disciplina Periodo di riferimento Traguardi di competenza

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia NOTA BENE: le risposte corrette sono riportate al termine del documento 1) Quali sono i dati fondamentali che lo scrivente deve fornire al grafologo per

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA marcata esigenza di promuovere nella formazione scolastica vere e proprie competenze e non solo conoscenze e abilità. Sembrerebbe che il valore educativo della matematica

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

IL SEGNO SCRITTO LABORATORIO DI COMUNICAZIONE VISIVA PER IL TERRITORIO

IL SEGNO SCRITTO LABORATORIO DI COMUNICAZIONE VISIVA PER IL TERRITORIO IL SEGNO SCRITTO Fin dall antichità l uomo ha comunicato con i suoi simili. Alcuni studiosi fanno addirittura iniziare la storia dell umanità dalla comparsa della scrittura. Tuttavia, anche i nostri antenati

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

I SOLIDI PLATONICI: ORIGINE E STORIA

I SOLIDI PLATONICI: ORIGINE E STORIA I SOLIDI PLATONICI: ORIGINE E STORIA In primo luogo è chiaro a chiunque che fuoco, terra, acqua e aria sono corpi: e ogni specie di corpo ha anche profondità. Ed è assolutamente necessario che la profondità

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI

PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI ISTITUTO SCOLASTICO STATALE G. MAIRONI DA PONTE PRESEZZO PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DOCENTI: Manuela Beltrami IN STAMPATELLO

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini Università degli studi di Verona Corso di Informatica di Base Lezione 5 - Parte 2 Disegni e Immagini In questa seconda parte ci occuperemo della gestione di disegni e immagini. In particolare vedremo come:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni PROGETTAZIONE 2014/2015 3-4-5 anni Settembre - metà ottobre Accogliere un bambino nella scuola dell infanzia significa riconoscere

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

137. QUADRATI MAGICI. Stefano Borgogni stfbrg@rocketmail.com. Matematicamente.it

137. QUADRATI MAGICI. Stefano Borgogni stfbrg@rocketmail.com. Matematicamente.it 137. QUADRATI MAGICI Stefano Borgogni stfbrg@rocketmail.com Sunto Questo articolo è dedicato ai quadrati magici. Si tratta di un argomento che è stato trattato in lungo e in largo da generazioni di matematici

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA Carla Alberti Trasformazioni geometriche e movimenti fisici L uso del termine trasformazione è molto frequente nel linguaggio comune e in quello

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida

ICONA PROGETTO SCUOLA. Linee guida ICONA Linee guida 5 ELEMENTI COSTITUTIVI 6 costruzione 7 area di rispetto 8 DIMENSIONE MINIMA 9 PALETTE CROMATICA 10 CARATTERI TIPOGRAFICI 11 VERSIONE A COLORI 12 VERSIONE IN SCALA DI GRIGIO 13 CO-BRANDING

Dettagli

Piano di Lavoro. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Aldo MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro DISEGNO E STORIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida

ed.08_2013 Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida Marchio d Area Valdobbiadene / Manuale Guida MANUALE GUIDA DI IDENTITÀ VISIVA L autorevolezza di un ente pubblico come di un azienda passa attraverso l autorevolezza del marchio. Utilizzare ogni volta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCMM83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.circolougobassi.it Cod. fiscale:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 CURRICOLO DI MATEMATICA classi prime, seconde e terze Riferimenti alle INDICAZIONI NAZIONALI: PECUP - Obiettivi formativi OSA -Obiettivi specifici di apprendimento

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Corso di disegno. Riccardo Migliari 2015-2016

Corso di disegno. Riccardo Migliari 2015-2016 Corso di disegno Riccardo Migliari 2015-2016 ii Indice 1 Prolusione 1 1.1 Il disegno come tramite tra il pensiero e la realtà................................ 1 1.2 Il disegno dell architettura...........................................

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

www.pieropolidoro.it Interpretazione e cooperazione nei testi visivi

www.pieropolidoro.it Interpretazione e cooperazione nei testi visivi www.pieropolidoro.it Interpretazione e cooperazione nei testi visivi Come rappresentare le azioni Ruggero Eugeni identifica tre modi in cui è possibile rappresentare un movimento o un azione: 1) movimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI

IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI MARCHIO E SUE VARIANTI SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA IMMAGINE COORDINATA: GUIDELINES E APPLICAZIONI PAG. 2 MARCHIO ORIZZONTALE COMPLETO Il marchio ufficiale

Dettagli

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini IO SONO COLORE Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò laboratori artistici con i bambini insegnante: Donatella Redaelli L uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini Scuola secondaria di 2 Grado Liceo Artistico A.S. 2012 2013 CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA DISCIPLINE GEOMETRICHE La classe è composta da alunni che hanno dimostrano una

Dettagli

Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF)

Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF) Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF) Il presente MANUALE si prefigge lo scopo di indicare i suggerimenti ritenuti più opportuni per addivenire

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569 Titolo Nozze di contadini Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica Olio su tavola Materiali

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri *

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Che l equilibrio possa venire considerato come una delle categorie essenziali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Disegnare il corpo umano

Disegnare il corpo umano L importanza dell anatomia artistica Un rinnovato interesse per lo studio dell anatomia artistica risiede nel fatto che è fondamento di questa disciplina tradurre la ricerca teorica attraverso quella operativa,

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente.

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. Linee Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. a. curva spezzata retta mista aperta chiusa b. curva spezzata

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli