Grafica: materiali per il progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafica: materiali per il progetto"

Transcript

1 Grafica: materiali per il progetto Strumenti di composizione e artifici visivi Segni grafici, e geometria nella composizione grafica Linee di forza, elementi cromatici, caratteri. Geometria e colore: le teorie di Kandinsky Archetipi visivi.

2 Strumenti di composizione e artifici visivi Il progetto grafico di un messaggio destinato a un "consumo visivo" si vale solitamente di strumenti di composizione e artifici visivi fondamentali che ne favoriscano l immediata, corretta percezione; si tratta del bilanciamento, della sequenzialità, dell' unità, dell' enfasi e della proporzione. In un messaggio trasmesso in termini visivi, il bilanciamento consiste nella distribuzione equilibrata dei pesi ottici e delle linee-forza che si creano nel campo visivo. L'unità consiste nell'operare delle scelte di stile nel rispetto della coerenza formale e stilistica che sta alla base dell'obiettivo del messaggio. La proporzione riguarda l'adattamento coerente della figura allo sfondo e all'estensione stessa dell'area destinata al messaggio. Loghi e manifesti di Milton Glaser per la Stony Brook University NY

3 L'unità consiste nell'operare delle scelte di stile nel rispetto della coerenza formale e stilistica che sta alla base dell'obiettivo del messaggio: gli elementi messi in gioco verranno scelti in base a un accordo estetico che ne collega la forma al significato globale. Nella composizione del visual la scelta di un'impostazione in prospettiva dell'oggetto può migliorare e accentuare, enfatizzandola, la sua tridimensionalità

4 Unità come coerenza formale e stilistica accordo estetico che collega la forma al significato globale

5 La proporzione riguarda l'adattamento coerente della figura allo sfondo e all'estensione stessa dell'area destinata al messaggio; la qualità dell'immagine, l'impaginazione e la relazione proporzionale fra testo e visual, tra pieni e vuoti, deve risultare armonica. (Appiano, 2000)

6 Il concetto di proporzione aurea, l'ideale razionale, era già praticato presso i pitagorici e conosciuto da Euclide, definito "divisione di un segmento in media ed estrema ragione", consiste nel dividere un segmento in due parti diseguali in modo tale che da esso nasca un rettangolo perfetto, aureo appunto, avente per lati un segmento e la sua sezione aurea, ottenibile costruendo un quadrato sulla parte maggiore che risulti medio proporzionale fra il rettangolo costruito sull'intero segmento e quello proiettato sul segmento minore.

7 La proporzione aurea costituisce di per sé una tipologia visiva in grado di regolare i rapporti fra le parti in modo matematico e quindi con effetto armonico ed equilibrato. La ricerca del numero aureo corrisponde alla ricerca della bellezza dell'opera fondata su un rapporto numerico ideale tra gli elementi che la compongono. La proporzione aurea consente di ottenere composizioni (fotografiche, pittoriche, grafiche e architettoniche) equilibrate e armoniose partendo da un punto, identificato col numero "d'oro" della sezione aurea. E anche molto usata in tipografia, per l impaginazione di libri e riviste. La bibbia di Gutemberg, il primo libro pubblicato a stampa, in molte copie identiche, (1445), è già un capolavoro tipografico. Leonardo stabilisce le proporzioni del corpo umano inserito in un quadrato e in un cerchio, cercando nei suoi studi di affiancare l anatomia dell uomo all anatomia della macchine e della terra: questa ricerca può essere considerata il filo conduttore della sua opera scientifica, una massa di imponente di studi, osservazioni e spiegazioni in cui si riconoscono le conoscenze dell epoca.

8 Piet Mondrian, olandese, fu pittore aderente all astrattismo e fondò il gruppo de Stijl. Nella pittura di Mondrian si ritrovano forme geometriche elementari e complesse. Ritroviamo nel quadro sotto: quadrati (A), un doppio quadrato (B), un rettangolo che risponde alle regole della sezione aurea (C). Non si confonda la sezione aurea con i formati UNI: mentre la sezione aurea scaturisce dal numero 1:618, i formati UNI derivano dal rapporto 1: 2

9 Dimenticata nel Medioevo, la proporzione aurea viene riscoperta nel Rinascimento: il concetto di matematica coincide con quello di perfezione e questa, sulla traccia del pensiero platonico, è l'espressione dell'armonia divina. Nel 1600, Keplero dà al procedimento matematico il nome "sectio divina", e nell'ottocento, fu definita "sezione aurea". Questo canone estetico nato presso i Greci ed esploso nel Rinascimento, è stato ampiamente adottato in epoca moderna da Piet Mondrian in campo pittorico (neoplasticismo) e anche da Le Corbusier in campo architettonico. Egli concepì il modulor, un insieme di rapporti e misure per regolare lo spazio dell'uomo. Losanga con colori chiari e linee grigie Victory Boogie-Woogie 1943

10 Nel dipinto Far off 1958 di Josef Albers, esponente della pop art americana, si ritrova uno schema costruttivo con un rapporto 1/2/3. Jasper Jones, Tre rettangoli concentrici in Three flags, 1958; moduli quadrati e rettangoli aurei per Untitled, 1959

11 La costruzione dell'immagine basata sul rettangolo aureo consente di ottenere un effetto armonico, risultato che soddisfa l'intenzione comunicativa di un progetto visivo o di una struttura impaginativa equilibrata e insieme dinamica. Generalmente, però, effettuato l'impianto di un progetto visivo sulle proporzioni auree, è bene smuovere il rigore di una gabbia geometrica che può rischiare di essere monotona o comunque troppo rigida. El Lissitzky Battete i Bianchi col cuneo rosso 1920 O. SchlemmerManifesto per il nuovo salone dell arte -1913

12 Al di là di queste osservazioni teoriche sui modelli aurei, rigorosamente ancorati a un concetto compositivo matematico "classico", è pur vero che alcune volte può essere altamente coinvolgente, dal punto di vista percettivo, una composizione volutamente sbilanciata o sproporzionata o stilisticamente eclettica. In questi casi entra in gioco un tipo di programma comunicativo, coerentemente con la qualità del messaggio, fondato sulla dissonanza cognitiva, ossia sull'utilizzare una tipologia espressiva e comunicativa dissonante rispetto le abitudini percettive e per questo capace di superare le resistenze, sorprendere e farsi osservare. Per la costruzione di queste soluzioni visive, occorre naturalmente una grande sensibilità ideativa, come è stato dimostrato da molti grandi artisti delle avanguardie del Novecento. El Lissitzky Manifesto per L esposizione internazionale dell arte russa. Zurigo 1929 Rodtchenko Libri filiale di Leningrado del Gosizdat

13 Anche le forme grafiche più complesse sono il frutto della commistione di punti, linee, piani, di figure geometriche; è perciò fondamentale analizzare il valore espressivo delle forme semplici e delle loro potenzialità comunicative La linea verticale evoca l'impostazione vitale, esprime l'energia delle forme che si espandono naturalmente verso lo spazio, verso la luce. Orientamento dal basso verso l'alto: è la direzione più naturale della linea verticale; rappresenta lo sforzo di trovare la perfezione, di raggiungere la verità; è l'andamento delle cattedrali gotiche, la cui spinta verso l'alto doveva rappresentare l'energia dello spirito alla ricerca di Dio. Orientamento verticale dall'alto verso il basso: indica un richiamo alle proprie radici, alle proprie origini, una conferma della propria identità, una riflessione meditativa chiusa sulla situazione stessa.

14 La linea orizzontale evoca la sensazione fredda della quiete dell'ambiente, la calma degli elementi, l'immobilità del corpo nello spazio. Riconducendosi alla linea dell'orizzonte, evoca il piano orizzontale (o piano terra) e la sua profondità fino all'orizzonte. Orientamento orizzontale da destra verso sinistra: rappresenta il ritorno verso il passato, la via controcorrente. Orientamento orizzontale da sinistra verso destra: è la direzione dell' evoluzione naturale nello spazio/tempo del futuro; nella tradizione occidentale riflette la direzione della scrittura e il senso di lettura, che oscilla da sinistra a destra, scendendo poi con un identico e successivo moto nuovamente da sinistra a destra.

15 La linea diagonale possiede un'energia che coinvolge particolarmente lo sguardo in quanto costituisce una rottura alle soluzioni ortogonali dell'ambiente in cui si vive. Orientamento dall'alto a destra al basso a sinistra: indica una volontà di guardare al presente con un'attenzione particolare rivolta verso il passato. Orientamento dall'alto a sinistra al basso a destra: si leggono segni di pessimismo, di attenzione eccessiva verso le cose materiali. Orientamento dal basso a destra all'alto a sinistra: indica una volontà di recupero di un passato migliore del presente. Orientamento dal basso a sinistra all'alto a destra: è l'orientamento più positivo, in quanto indica una volontà di crescita e di sviluppo verso un futuro migliore.

16 Altre applicazioni esemplari della diagonale: è un andamento che attira lo sguardo determinando un orientamento e un senso di lettura, un andamento dell'immagine verso una direzione. La diagonale in un progetto grafico porta effetti di movimento e di profondità.

17 Linee oblique, spezzate, miste e curve Possono intervenire nella composizione con un effetto di instabilità più o meno accentuato, ma in ogni modo dinamico. Andamento spezzato: è un orientamento percettivamente forte e dinamico, ritmo agile, tagliente, combattivo, acuto e pungente; il percorso a zig zag della linea spezzata copre una superficie e quindi perde la caratteristica primaria lineare per assumere quella planare. Andamento misto: dipendentemente dalla sua configurazione, indica un processo evolutivo di esplosione o implosione, di ordine o caos, di instabilità o stabilità. La presenza di angoli alterni a linee curve, si traduce a livello psicologico in una situazione di ambiguità o di incertezza; questo orientamento possiede comunque caratteristiche dinamiche.

18 Cerchio e composizione circolare Figura geometrica perfetta, chiusa e compatta, il cerchio occupa una posizione dominante tra le figure geometriche semplici. Presente nell'arte di tutti i tempi con le sue più varie specificità simboliche: è l'aureola, è il sole, è il rosone delle cattedrali in quanto simbolo dell' "occhio di Dio", il quale, nel neoplatonismo umanistico, è "centro e circonferenza in nessun luogo e in ogni luogo (Nicolò Cusano, De docta ignorantia, II, 12).

19 Il cerchio è elemento compositivo con un forte effetto centralizzante sulle modalità percettive degli elementi della configurazione e con potenzialità dinamiche eccellenti intrinseche alla sua stessa forma; nel quadro circolare, linee "illuse" possono corrispondere a forme concrete (come un oggetto tondeggiante, un viso o come la linea di un movimento) e hanno il potere di creare assonanza tra le forme e determinare rapidi e fluenti percorsi visivi dello sguardo capaci di lievitare incontrollati sulle forme stesse.

20 L'effetto protettivo, mammario, rassicurante del cerchio (simbolo del ventre materno), l'effetto dinamico del moto continuo (simbolo della ruota), l'effetto di centralità e dominio (simbolo del sole allo zenith), sono soltanto alcune estensioni significative del cerchio che può dunque prestarsi a molteplici applicazioni. Se le forme circolari entrano in relazione con un sistema ortogonale o con un sistema obliquo o con un sistema di linee libere, la curva introduce un elemento di regolazione e di moderazione fra le parti, contribuendo a un effetto generale di armonia e di equilibrio

21 Quadrato e composizione quadrata Il quadrato possiede le caratteristiche della forma delimitata a quadrilatero e ad angoli retti; la ripetizione dei quattro segmenti di uguali dimensioni provoca effetto statico e simmetrico, perfetto e inattivo. La sua forma corrisponde al modello cognitivo del campo, del quadro, dell'intervento dell'uomo sulla delimitazione e misurazione dello spazio. Esso attiva le relazioni esterno/interno, civile/selvaggio (domi/foris), ordine/caos, generate da una antropologicamente più ampia opposizione natura/cultura, in cui il quadrato esprime il primario ed elementare intervento dell'uomo di appropriazione, trasformazione e dominio di uno spazio controllabile e finito in cui vivere, estratto da uno spazio incontrollato infinito. Il quadrato è elemento compositivo razionalizzante e forte:percettivamente, riporta il disordine a una forma organizzata. La sua stessa struttura, che può amplificarsi nella forma cubica, esprime il controllo matematico e concreto dello spazio all'interno di un'immagine.

22 In contrasto formale con il cerchio, il quadrato è mediato dall'armonica interazione delle due figure quando esse possiedono lo stesso centro (cerchio inscritto nel quadrato e cerchio circoscritto al quadrato). Dal punto di vista simbolico, il quadrato contrapposto al cerchio equivale alla contrapposizione terra/cielo, ovvero materiale/immateriale, l'uno espressione del finito controllabile, l'altro dell'infinito incontrollabile, l'uno statico, l'altro dinamico.

23 Triangolo e struttura triangolare Il triangolo e la piramide costituiscono una tipologia formale elementare e originaria, fondata sul concetto di figura chiusa con un numero minimo di lati; grazie alla sua struttura, il triangolo è l'unica forma geometrica che contiene nella sua sagoma una direzione, un orientamento. E per questa ragione una figura geometrica essenziale, oltre che simbolica, insostituibile nella comunicazione visiva. In natura è raramente ritrovabile se non come pattern astratto delle sfaccettature del cristallo o delle sagome delle montagne o di qualche struttura triangolare a petali o a foglie (come il trifoglio); è dunque una forma essenzialmente prodotta dall'uomo. Stabile, simmetrico, equilibrato nella forma equilatera penetrante, carico di tensione, smisurato o imponente nelle forme isoscele e scaleno, il triangolo eredita dalla tradizione culturale forti connotazioni: è strumento architettonico quale tetto o frontone ed è immagine di divinità già presso i Greci; in analogia con la triade primordiale padre/madre /figlio, il triangolo equilatero è stato assunto a rappresentare in forma simbolica il concetto cristiano di Trinità in cui è racchiuso il triplice aspetto di Dio.

24 Il triangolo contiene un dinamismo che lo vede ruotare sui suoi stessi lati, come un motore messo in moto sulla forma stessa che lo conduce a ritornare alla fase di partenza. Per questo suo implicito tendere al moto perpetuo, il triangolo è anche l'espressione simbolica della perenne sequenza temporale passato/presente/futuro o nascita/amore/morte. Nella sua forma simbolica tridimensionalizzata, il triangolo genera la piramide, forma che contiene nel vertice un'energia intensa capace di vibrare in sintonia con il cosmo: imponente forma ancorata a terra, la piramide rappresenta la tensione del materiale verso l'immateriale, egizia espressione di immortalità.

25 Altre forme: la croce Nata dalla partizione del quadrato con le mediane e in contrasto formale ad esso, la croce coniuga concetti essenziali come centro, equilibrio, simmetria, direzione, incrocio, numero quattro, esterno e interno, con una struttura presente in tutti i modelli culturali del mondo mediante significati legati al rapporto uomocosmo. L'equilibrio armonico della sua forma dipende dal rapporto ortogonale fra il braccio longitudinale e quello trasversale, assi generatori ereditati dalla forma piena e chiusa del quadrato e assunti a generare essi stessi partizioni spaziali opposte o contigue, vuote e aperte. Forma perfetta presente in natura, nella struttura dei cristalli come nella infiorescenza, ma presente anche nell' impalcatura del corpo umano e nello scheletro di numerosi animali, la croce è anche la forma dell'ordine, del palinsesto che organizza gli impianti urbanistici, dirige e controlla l'uso degli spazi.

26 Dal punto di vista cognitivo, la croce corrisponde alla partizione equilibrata dell'unità in quattro parti eguali; se giace sul piano orizzontale è determinata dalle porzioni di spazio che suddivide, richiama al materiale, all'organizzazione dello spazio dell'uomo; se s'innalza verticalmente rinvia all'immateriale, allo spazio di Dio, assume sostanza essa stessa in uno spazio inconoscibile e senza confini; è in ogni modo l'immagine concettuale della relazione fra gli opposti. Diversamente dalla croce greca (coi quattro bracci uguali) ereditata dall'antichità e intrisa di un sapere alchimistico e matematico oltre che religioso, la croce latina, simbolo della cristianità, deriva sua forma dal modello antropologico del corpo di Cristo morente sulla croce, assumendo l'asse verticale più lungo di quello orizzontale per modellarsi sulle proporzioni umane. Di qui deriva per analogia la sua somiglianza con l'albero della nave (la navis salvationis) se drizzata in verticale, o a determinare la forma della pianta della chiesa se disposta sul piano orizzontale; per la tensione verso il dolore implicito nella sua stessa forma, Jung associa la croce latina alla tipologia psicologica della sofferenza fisica e spirituale. La versione della croce commissa (o a T) deriva invece la sua impostazione dalla figura del Cristo morto sulla croce, con la testa reclinata sul petto. Anche questa struttura,, è entrata a far parte delle tipologie edilizie della cristianità, nel punto di incrocio dei due bracci della croce vi è il punto vitale, il fulcro, luogo che coincide con l'abside e che equivale, per analogia col modello antropologico, con la posizione del capo, la testa del Cristo.

27 LA SPIRALE Diversamente dalla croce, figura statica per quanto ancorata a terra per un solo punto, la spirale è la materializzazione stessa dell'essere dinamico che partendo da un punto si svolge irreversibilmente verso l'infinito. La sua forza sta nell'espansione fuori di sé, che le consente di acquistare di voluta in voluta maggiore consistenza e sicurezza, come quella di un suono che da flebile diventa via via più intenso prestandosi in questo modo a esprimere sinestesie musicali Nella sua versione bidimensionale è la visualizzazione di un movimento che conduce, attraverso la percezione visiva, a uscire dal sé, in quella tridimensionale è la realizzazione di un vortice in cui è la globalità sensoriale a essere coinvolta, le piccole scale a chiocciola come le grandi scalee a spirale ogivale sono la testimonianza di come la ricerca spaziale in architettura miri a declinare le misure dello spazio con lo spirito.

28 L'avvitamento della spirale verso l'alto o verso il basso, vista dall'esterno o dall'interno,, nelle due versioni bidimensionale o tridimensionale, costituiscono una serie di varianti con diversi effetti sulla globalità percettiva.

29 In alcuni esempi troviamo la spirale come elemento di equilibrio instabile, al centro o al lato di un immagine a costruire bilanciamenti visivi; in altri casi si ritrova come elemento dinamico, a spezzare un sistema rigido, o anche come citazione di possibilità infinite, accentuato da frecce che indicano tutte le direzioni, intrecciandosi tra loro.

30 Moduli, schemi. griglie, ripetizioni: si tratta di espedienti usati per razionalizzare molte informazioni oppure per dare una regola al proprio lavoro; regola che è spesso adottata e immediatamente negata, o spezzata, come nella immagine della mostra franco-sovietica del 25 o il labirinto di Munari (1960) interrotto dalle impronte/suole di caucciù, o la famosa pubblicità quasi un graffito murale- del Campari (1967). La mostra tedesca del 1927 invece, con poche efficaci variazioni, rispetta la scacchiera sottesa; ancora più regolare la Triennale di Milano (1940), che si limita a variare il colore degli scacchi.

31 Moduli, schemi e griglie: nel primo caso, sono raccolte, fattore regolatore il quadrato, le copertine di tutti i vinile dei Beatles; negli altri casi, manifesti di M. Glaser, si prende a prestito il tema della variazione sovrapponendo la stessa immagine di Bach trattata con diversi supporti e tecniche, o della quantità di gesti che una mano può compiere, a indicare le differenze tra le opere degli illustratori, o del quasi fumetto con la figura di Mozart per pubblicizzare un festival mozartiano.

32 Moduli, schemi e griglie:scheda Questa pubblicità di Mc Donald s utilizza il quadrato, -come spazio bianco che risulta prescindendo dalle fitte colonne in basso-, una griglia quadrata sottesa per posizionare i vari prodotti, tutti presentati nelle loro confezioni con colori alimentari fortemente attraenti, il rosso e l arancione, che insieme al giallo fanno parte della corporate image: come nella immagine precedente dei dischi dei Beatles, si usa un vuoto centrale per dare il messaggio importante, che in questo caso fa seguito alla frase posta in alto nell immagine. L altezza del lettering corrisponde a quella dello spazio (della griglia) in cui si collocano i prodotti, anche se l interlinea del lettering stesso è tenuta al minimo della leggibilità. Per instaurare una variazione, il piccolo cartello a destra crea una asimmetria non pesante nell immagine che altrimenti si presenterebbe statica e rigida, specie a causa delle colonne dai caratteri molto minuti. L immagine si chiude poi con una forte sottolineatura in basso: una fascia su fondo nero che charisce, a chi non fossero familiari i prodotti o il marchio, il nome della ditta.

33 Geometria e colore Le linee possiedono, dal punto di vista percettivo, qualità cromatiche e termiche: come ha dimostrato Kandinsky in Punto, linea, superficie (1926) la linea orizzontale denota tendenzialmente una base fredda, quella verticale possiede all'opposto potenzialità dinamiche di caldo; la diagonale esprime qualità intermedie di freddo-caldo; le linee spezzate sono più o meno accentuatamente rappresentative del freddo o del freddo-caldo a seconda che vi sia una prevalenza dell'orientamento orizzontale o di quello verticale, mentre le linee curve, prevalentemente associabili a sensazioni di caldo, possiedono, nell'alternanza di tensione e distensione, carattere di forze contrastanti e di energia avvolgente. W.Kandinsky On White II W.Kandinsky: Bilanciamento

34 Inoltre le linee, come abbiamo visto, si combinano e completano nell'immagine con figure geometriche, le quali secondo Kandinskij e Itten, in quanto forme primarie, sono associabili ai tre colori fondamentali: il triangolo al giallo, il quadrato al rosso, il cerchio al blu. Infatti anche dal punto di vista simbolico, la geometria ad angoli acuti del TRIANGOLO richiama alla triade alchemica, alla luce trinitaria, al triangolo come sinonimo di raggio di luce, colore dell' energia divina; il QUADRATO è una figura stabile, priva di dinamismo, immobile; simbolicamente è il suolo, evoca la solidità della materia terrestre, della terra come madre le cui proprietà archetipiche sono associabili al rosso, al sangue, al dolore, alla passione; il CERCHIO è invece figura carica di dinamismo, instabile, proiettata in un moto perpetuo, capace di generare altre forme: ad esso è associato il blu in quanto colore del cielo, del mondo iperuranio, della meditazione e della calma spirituale. Ricordiamo che i templi cinesi sono regolarmente di forma circolare, ma la piazza che c è di fronte è sempre quadrata: il tempio è il cielo, la piazza la terra.

35 Le forme primitive dei pittogrammi, e degli ideogrammi (i primi rappresentativi di oggetti, i secondi espressivi di idee e concetti) sono tutte basate su queste figure semplici; in questi segni della comunicazione umana precedente alla invenzione della scrittura e dei caratteri alfabetici, si legge la necessità di coniugare l'idea a una forma, la mente all'immagine, riducendo a forme geometriche elementari concetti complessi e astratti. Alcuni dei marchi più famosi derivano da ideogrammi e pittogrammi, con variazioni che quasi sempre tengono conto delle teorie che abbiamo sopra illustrate. M.Spera: pittogrammi professioni Codice di segnalazione marittimo Pubblicità Loewe -Pirella M.Spera: dall deogramma al logotipo

36 Il quarto di luna, i raggi del sole, la coda della cometa, il cuore trafitto, la stella a cinque punte, sono soltanto alcuni esempi di stereotipi visivi la cui iconicità deriva da un atteggiamento innato nei processi cognitivi dell'uomo, atteggiamento derivato dalla necessità di esprimere in forma sintetica quanto espressiva ciò che è difficilmente immaginabile e rappresentabile, o perché si tratta di un concetto astratto, o in quanto l'oggetto sottoposto a stereotipo è troppo lontano da un concreto controllo della sua forma. Su questi ed altri elementi si basa lo studio del colore, per la grafica e per il packaging. Hello!

37 ICONE Dalla pubblicità: la bottiglia di Coca Cola, l omino Michelin, le orecchie di Topolino Dall arte: l Urlo di Munch, i girasoli di Van Gogh, la Gioconda, le dita che si incontrano della cappella Sistina di Michelangelo. Gli uomini anonimi con la bombetta di Magritte Dalla letteratura infantile: Pinocchio, il Piccolo Principe di Saint Exupery E ancora, dalla cultura visuale del cinema:sono icone John Travolta con l abito bianco di poliestere, il braccio alzato in Saturday nights fever, Elvis nel costume di Las Vegas, Marilyn con la gonna bianca plissèe che si alza, Sordi che distrugge i maccheroni, ecc. I landmarks e gli oggetti che identificano luoghi e città: la cupola di San Pietro a Roma, il campanile di Giotto a Firenze, il leone e la gondola per Venezia, il panettone e il Duomo per Milano, la pizza per Napoli e l Italia, ecc. Altro tema: Vips come testimonials., viventi -Andreotti e il gorgonzola, Clooney e il Martini- e morti -Totò e gli spaghetti, ecc.

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri *

Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Il valore dell equilibrio nell arte. Dalla classicità al modernismo astrattista di Kandinsky e Mondrian Alessandro Alfieri * Che l equilibrio possa venire considerato come una delle categorie essenziali

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas

MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas MANUALE D USO Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Italiangas Uso del Manuale Il nuovo Manuale fornisce ai vari settori le indicazioni riguardanti le applicazioni per un uso corretto

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

I POLIEDRI NELL ARTE

I POLIEDRI NELL ARTE I POLIEDRI NELL ARTE La geometria è per le arti plastiche quello che è la grammatica per l arte dello scrittore Apollinaire Paolo Uccello (1397-1475) fu un pittore e mosaicista partecipe della scena artistica

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562 mathematica [mentis] rubrica di cultura matematica a cura del CIRPU resp. scient. Prof. Italo Di Feo La radice 2 di Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli