Nei paesi di lingua anglosassone indica una cartella o una busta di cuoio atta a contenere documenti di una certa importanza. In Italia si usa il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nei paesi di lingua anglosassone indica una cartella o una busta di cuoio atta a contenere documenti di una certa importanza. In Italia si usa il"

Transcript

1

2

3 Nei paesi di lingua anglosassone indica una cartella o una busta di cuoio atta a contenere documenti di una certa importanza. In Italia si usa il termine inglese portfolio che deriva dall'italiano portafoglio, di cui ha tutti i signific ati e che quindi può essere usato in alternativa. Nel sistema scolastico italiano il portfolio è lo strumento unitario che raccoglie ordinatamentee stabilmente le documentazioni piùsignificative del percorso scolastico dell'alunno, registrandone esiti e modalità disvolgimento del suo processo formativo accompagnandolo dalla scuola dell infanzia fino alla conclusione per tracciare la sua "storia". È una raccolta di lavori svolti di un pr ofessionista corredato da immagini esplicative della pr opria attività. Il portfolio può esser e, presentato attraverso una dettagliata documentazione con testi e fotografie e serve per far conoscere l individuo. Si tratta di uno strumento che, secondo gli esperti aumenta notevolmente il coinvolgimento delle persone e la loro riflessione su ciò che apprendono. In questi ultimi anni si è provveduto a strutturare il portfolio in modo che divenisse un prodotto multimediale: viene implementato in formato elettr onico e multi iper-mediale, digitalizzando tutti i tipi di materiali prodotti e prevedendo collegamenti tra le varie memorie digitali. (nel mio caso penso di essere stato previdente) il mio portfolio é ricco anche se un po disordinato e non nascondo di aver faticato molto a mettere in ordine la sequenza dei fatti dei periodi e dei materiali. I l portfolio é quindi lo strumento che serve per pr esentare miei lavori la mia storia e le mie competenze. con una lettura trasversale e una cr eazione condivisa a distanza. 3

4 Sono nato a Badia Polesine il 19 novembre 1934 e vivo a Brescia dal Quando ho cominciato a dipingere? Non lo so. Forse da sempre. Al mio paese comperavo i colori in un colorificio, ma non acquistavo i tubetti all olio pronti perché costavano troppo, prendevo invece i colori in polvere che poi impastavo con olio di lino e vernici. Nel negozio del mio paese il proprietario teneva le polveri in un vecchio mobile (madia) suddivise in tanti cassettini, le raccoglieva con una paletta e le incartava con una carta grigiastra. La casa dove abitavo, era molto grande e la mia camera da letto misurava (sette metri per sette) era decorata con quattro grandi affreschi che rappresentavano figure veneziane in costume e altri quattro affreschi più piccoli che illustravano le quattro stagioni. Erano state affrescate dal pittore ferrarese F. Saraceni ai primi dell ottocento. Ero quindi attorniato da opere d arte, questo mondo mi è stato sempre molto vicino. Mi sono formato da solo, senza alcun insegnamento di indirizzo artistico, nè scuola. Questa mia attitudine naturale mi ha sempre accompagnato e in seguito ha tracciato la mia vita. Mi sono occupato di comunicazione- pubblicità e di architettura di interni per oltre quarant anni continuando nel frattempo a coltivare la passione per la pittura. Devo confessare che negli anni della professione ho dovuto dare la precedenza al lavoro produttivo perché dovevo provvedere alla mia famiglia, naturalmente coadiuvato da una splendida moglie, insegnante. 4

5 attività : 3 edizione premio internazionale Concorso Natale d Oro - Art Mondial Gallery secondo premio trofeo della Regione Lombardia Comune di Milano Premio Nazionale di pittura città di Legnago Mostra d arte contemporanea CED ART Centro Arte Monet Milano - Premio speciale - salviamo Venezia LA ROSA D ORO quinto classificato. - Biennale Mediterranea d arte contemporanea,reggio Calabria Trofeo Mondo Oggi 1977 di Caravaggio - Massimo riconoscimento - premiato dal prof. Ludovico Magugliani -Personale alla Galleria Italia Artistica di Caravaggio edizione premio internazionale Concorso Natale d Oro - Art Mon-dial Gallery terzo premio trofeo della Regione Lombardia Comune di Milano Mostra mercato nazionale d arte figurativa città di Sabbioneta - Palazzo Giardino- Galleria degli Antichi - Mantova. -Personale S. Michele - Tresenda del Territorio - 31/03-12/04/1979 Istituto Italiano di Cultura - Vienna 13/12/ /01/ Premio Fiuggi - Assessorato al Turismo e alla Cultura - 4 premio Premio Galileo Cattabriga - Comune di Bondeno - Ferrara Partecipazione alla Rassegna Pittori dell anno - -Fa parte del Gruppo Europa Artistica, con opere in permanenza alla Galleria ABBA di Brescia AAB - RICOGNIZIONE AAB - RICOGNIZIONE AAB - RICOGNIZIONE PERSONALE - GUERCA AAB - RICOGNIZIONE premio d arte Nazionale città di Boario Terme diploma premio d arte città di Breno artista segnalato premo San Faustino e Giovita fondazione Civiltà Bresciana personale città di Badia Polesine (Ro) -24/03/ /04/2012 Premio Salon des Amateurs st. Thibault des Vignes Francia unico italiano invitato -18/01/ /02/2013 partecipa alle settimane dell arte Italian a Koping-Svezia diploma e mensione speciale - 1 edizione Oslo 02/08/03 marzo 2013 Gallery S9 International exibition of contemporary Art 5

6 Hanno scritto:...giancarlo Guerrato (Guerca) non sfugge a quello che potremo definire l ultimo imperativo - dell arte. Cioè al tentativo di personalizzare l opera sia nella tematica che nella tecnica compositiva. Ad una osservazione superficiale potrebbe, è vero, apparire un pittore di paesaggi in senso tradizionale, sia dove l assenza di prospettiva richiama le raffigurazioni trecentesche, sia dove il gioco delle geometrie scompone il piano suggerendo scuole a noi più vicine. Ad una più attenta analisi non può però sfuggire che qui il paesaggio, fatto di piante, campanili, case, non si pone rispetto alla figura umana nè come semplice sfondo nè come mero simbolo di una condizione esistenziale, bensì si identifica in tutto con l essere. Il paesaggio insomma, forma l uomo, è suo elemento costitutivo, elemento che rimane costante nel progredire del tempo; infatti è ciò che l uomo ha nel suo passato e, insieme, nel suo futuro. La natura non cambia, non mutano i colori nè le stagioni. Le stesse architetture variano restando però intatte nella loro essenza. Ma se il paesaggio è parte dell uomo, il futuro di quest ultimo è oscurato dal progressivo soffocamento della natura, dell ammassamento della società in spazi via via sempre più ristretti, dalla perdita d equilibrio fra città e campagna. Ed ecco così gli alberi svettare snelli e fitti come un pressante richiamo. Non solo la natura ha bisogno di spazio, l uomo stesso che è fatto di paesaggio chiede spazio. Poetica ricca ed originalmente intesa che Giancarlo Guerrato traduce in un linguaggio semplice, scevro da intelletualismi, profondamente umano e funzionale al tema citato. Scena Illustrata n. 4 Aprile LUIGI ARMONDI IL GIORNALE DI BRESCIA Sabato 2 luglio 1977 Il 22 maggio a Caravaggio, in occasione della XII edizione del concorso nazionale di pittura il mondo d oggi Italia Artistica, è stato assegnato al pittore Bresciano GUERCA Guerrato Carlo) il massimo riconoscimento. Il pittore viene premiato dal prof; Ludovico Magugliani. IL GIORNALE DI BRESCIA 31 gennaio 1979 Riconoscimento 3 premio per la ricerca Edizione Natale d ORO. Il soggetto città, nella sua problematica è riproposto con una vivacità di colori e una geometrica problematica, in una quarantina di opere... IL GIORNALE DI BRESCIA Sabato 2 luglio 1977 Le Città del GUERCA alla Permanente S. MICHELE Tresanda del Territorio dal 31/03/ al 12/04/1979 6

7 Hanno scritto: Galleria Incontri Italia Artistica dal 12 al 24 febbraio 1977 Veramente fantasioso il discorso pittorico (l artista è dotato di una vigorosa tecnica disegnativa e di una vivace e varia materia coloristica) sull assolutezza della verità civica ed esistenziale dell uomo contemporaneo che lo strumento tecnico trasforma in robot, costretto a vivere negli agglomerati anonimi e disumani. L uomo, l artista per Guerca, ideando, inventando un nuovo mondo decide di se stesso, della propria indipendenza, del proprio valore, del proprio destino, della propria personalità ben definita nel mondo nel quale vuole vivere. Pittura il cui contenuto fa pensare a Guerca come artista che ha piena coscienza dei problemi che emergono da un triste periodo della cultura e della storia dell uomo. Ellio Marciano 7

8 Le Città del GUERCA alla Permanente S. MICHELE Tresanda del Territorio dal 31/03/ al 12/04/1979. BELLA n. 5-30/01/ Premiazione 3 premio Concorso internazionale NATALE D ORO 1978 NOVELLA n. 5-30/01/1979 PERSONALE - Espone Guerca alla Art Mondial Gallery di Milano EUROPEO - Febbraio 1979 Premiazione 3 premio NATALE D ORO Premio d Arte Nazionale città di BOARIO TERME - Diploma Premio d ARTE città di BRENO - Diploma Premio d ARTE città di BRENO - Artista Segnalato Premio Ss. FAUSTINO e GIOVITA - Fondazione Civiltà Bresciana 8

9 VILLE DE SAINT THIBAULD DES VIGNES SALON DES AMATEUR MARZO APRILE 2012 OPERE IN MOSTRA VINAVIL cm 64x64 RICORDI cm 64x64 ROTTURA cm 70x70 9 LINEE cm. 70x70

10 Premio Settimane dell Arte Italiana a Köping, 18 Gennaio-1 Febbraio 2013, Gallery Quirinus, Köping-Stockholm. Presentato da Galleria- museo Quirinus Istituto Dante di Västerås Istituto Italiano di Stoccolma Köping kommun I giudici erano i seguenti: Riccardo Baldelli, critico d arte e VD di Maecenas Italy Art. Thomas Ljunqvist, fotografo ufficiale del Comune di Köping. Inge Larsson, critico d arte e gallerista. Annelie Hedvall, per il comune di Köping, ufficio turistico. Sabato 18 Gennaio abbiamo avuto l inagurazione della mostra Settimane Italiane. Il vernissage é stato un grosso successo con piú di 200 visitatori nella sola mattinata. L organizzazione vuole ringraziare tutti quelli che hanno contribuito a questo successo: gli artisti tutti e in particolare coloro che erano presenti in galleria con noi (Davide Cristofaro, Giuseppe Bertolini Berg, Maurizio Caruso tra gli altri), il fotografo Reza Rivoni, la rappresentante del locale Turistbyrå, Anneli Hedvall e con lei tutto il comune di Köping. A seguire le immagini della giornata. Opere in mostra i tre Cristi - cm. 40x60 Ferite - cm. 50x50 Evento 6 cm. 50x50 10

11 Giancarlo Guerrato: quando la geometria diventa sentimento Lavorare con forma pura e colore per esprimere concetti e sensazioni é cosa difficile. Guerrato ci riesce. I suoi Tre Cristi appaiono come forma e colore ad un indagine ravvicinata. Il colore é denso e corposo e forma percorsi ipotetici quali autostrade moderne nella luce della notte. I cerchi sono fermate dell anima dove il lettore del quadro si raccoglie un attimo nella complessitá dell opera. Poi peró ci allontaniamo e non ci lasciamo piú impriginare dal dettaglio per seguire invece una complessitá strutturale e ritmica che forma la totalitá dell opera. E proprio di questo si tratta, senso del ritmo che racconta una storia. La storia in questo caso dell uomo e della sua quotidiana croce. Come a dire che il Cristo non é uno soltanto, ma un susseguirsi di storie di uomini, uno dopo l altro, diversi nelle scelte coloristiche, come diversi sono gli uomini, ma uguali nel loro profondo destino. C é il racconto nelle opere di Guerrato. Un racconto vivo, che non indugia alla tristezza ma trova l energia della dinamicitá. È quello che si vede in Ferite. La ferita é cosmica, una galassia come un taglio nell universo che é taglio nella vicenda umana. La ferita si espande, emette colore, si avvolge su se stessa come a indicare che la vera ferita é processo mentale piú che fisico e il dolore é fonte di spinta vitale. Il ritmo e la vitalitá sono visibili anche in Eventi VI. É lo spazio metropolitano che diventa carta tridimensionale, é affisch dell evento per l evento, e percorso umano alla ricerca della strada sulla terra. Nei tratti pittorici corposi e essenziali e nelle righe di colore ci troviamo la forza del tribale e del metropolitano insieme. Il tema della cittá, tanto caro al Guerrato, é metafora della vita umana nelle sue solitudini e nelle sue ombre, mai peró in passivi toni e sempre con l ottimismo del colore. Riccardo Baldelli 11

12 Mensioni d onore della Giuria Walter Accigliaro: Con la motivazione che la tela apre l orizzonte ad un mondo mistico e diffuso e libera da vincoli convezionali, permette l espandere del pensiero puro al visitatore. Scuola Maestro Carpo, Maestro Gilberto Carpo Con la motivazione che l alta qualità tecnica delle sue opere ha colpito la giuria. Tale qualità si riscontra anche nelle opere dei suoi allievi, cosí dimostrando le notevoli qualità pedagogiche del maestro. Anna Maria Napolitano Con la motivazione che la sua rappresentazione della realtà colpisce il visitatore nella sua semplicitá visuale nonostante la qualità tecnica. Marisa Giacomin Bolzonella Con la motivazione che la di lei opera contiene motivi e spunti originali di bellezza fuori dal tempo. Giancarlo Guerrato Con la motivazione che il progetto narrativo e dinamico delle opere crea una sostanza nella pittura che porta una qualità oltre il confine del visuale. 12

13 Il fantastico viaggio di Giancarlo Guerrato nel mondo delle emozioni Negli anni Cinquanta Badia Polesine non offriva possibilità soddisfacenti di lavoro ai giovani. Poco più che ventenne, Giancarlo Guerrato condivideva lo stesso destino della gioventù del suo tempo. Eppure, a ben guardare, non dovrebbe esser dovuta sfuggire, all osservatore attento, una certa propensione artistica in questo ragazzo che già amava scrivere racconti, suonava la fisarmonica e soprattutto disegnava con passione. 1 «Al mio paese scrive nella prefazione del suo catalogo Periodi comperavo i colori in un colorificio, ma non acquistavo i tubetti all olio pronti perché costavano troppo, prendevo invece i colori in polvere che poi impastavo con olio di lino e vernici». Quindi, pochi denari in tasca, ma tanta fantasia in testa, e voglia di fare. Gli anni Sessanta hanno procurato un salto di qualità a questo pittore, allora in fieri, portandolo a lavorare in Lombardia. Brescia è diventata la sua seconda città e la sua grande fortuna nel campo del lavoro. Un successo meritato il suo, in quanto sorretto da intraprendente intelligenza e senso del bello, qualità queste indispensabili persino per disegnare una maniglia, un rubinetto, un gioiello o una seggiola, perché il pianeta della pubblicità richiede senso architettonico dello spazio e del colore, richiede buon gusto estetico al fine di raggiungere traguardi notevoli. E la pittura? Certo, Giancarlo doveva pensare, in quegli anni d ascesa, a dare la precedenza al lavoro produttivo, pur coadiuvato «da una splendida moglie insegnante» - come precisa nelle sue note autobiografiche più sopra accennate. Nonostante le preoccupazioni pressanti legate al mondo del lavoro, il Nostro non ha mai del tutto deposto le sue pulsioni artistiche, quali voci interiori che gli dettavano la voglia di dare forma a una sua realtà dell immaginario. Non era più tempo di pennelli e tubetti di colore, poiché il suo mestiere di grafico-pubblicitario e la sua cura architettonica d interni, aveva tradotto 1 Periodi, Carlo Guerrato (Guerca) 13

14 la tavolozza in tastiera del computer da cui sapeva dare forma ai voli della sua creatività. E così ricordiamo esperienze grafiche appese ai muri di una casa di comuni amici che non sono più fra noi. Le ricordiamo perché ci erano apparse misteriose trine di raffinata eleganza, stilemi di una fantasia aliena da banalità. Proprio da quella prima, occasionale visione di sue opere è nata la nostra curiosità di vedere altro ancora della produzione di Guerrato, avventurandoci quindi nel fantastico viaggio del suo mondo delle emozioni. E le stazioni del suo cammino prendono vita sotto i nostri occhi, sfogliando il suo Periodi dove già aveva assunto il nom de plume di Guerca. Qui brilla, in apertura, la sua Spirale 1, pronta a dimostraci nella sua policroma contorsione, il mistero volubile del nostro destino, quasi una Moira di greca matrice. E ancora composizioni inclinate ed orizzontali che ci proiettano nella visione espressionista di Guerca pronto a privilegiare, esasperandolo, il dato emotivo della realtà che non percepisce oggettivamente, ma interiorizza, proiettandola all esterno, sull onda volubile delle sue emozioni. La Composizione Quadrati ha una sua policroma grazia geometrica che sarebbe piaciuta a Mondrian. Se non proprio ricorrendo ai pennelli e alla tavolozza, in senso tradizionale, il Nostro sente il bisogno di allontanarsi dalla tastiera del pc, riavvicinandosi all uso di acrilici, seguendo un suo impulso materico nel dar forma ai suoi manufatti, quelli dell età matura, dell epoca in cui non si è più pressati dalle esigenze del lavoro e si può quindi regalare a se stessi il lusso di seguire, liberamente, le proprie esigenze artistiche. Ecco, dunque, il momento dei Girasoli, in cui l artista ama citare Vincent Van Gogh, pronto a colpirci per la densa vis cromatica così ardente e lontana dalla vieta realtà. Guerrato riproduce l emozione che un fiore, quasi espulso dalla sua fantasia, incide dentro il suo animo, divenendo un rutilante caleidoscopio di squillanti colori. Delizioso il periodo delle Città. Città-rifugio, oseremmo dire, dove potersi sgravare dagli affanni quotidiani, costruite su misura per un mondo senza ingiustizie e sperequazioni sociali, città utopiche, dotate di un potere salvifico, eleganti, così gremite di antenne e camini, in un ascesa consolatrice. 14

15 Città che si colorano anche di una allure metafisica, alla De Chirico (Cfr. Città n.84) perché l autore spazia, senza confini, dentro l estremo campo della pittura astratta, curioso, pronto ad assorbire e a rielaborare con occhio attento e cuore vigile. Un soprassalto di citazione figurativa ci consegna Verso la Primavera, una romantica natura morta, velata di nostalgica tenerezza. La fantasia instancabile di Guerca lo ha portato addirittura a creare una Mediascriptura, ovvero come osserva, acutamente, il critico Mauro Corradini «2 un vocabolario allegato ad ogni opera, una sorta di supporto di idee e pensieri per la lettura; serve a decodificare l emozione che attraversa lo spazio dell immagine, dà il titolo all opera, suggerisce un idea, un sentimento, favorisce un interpretazione. Segni, figure e lettere entrano visivamente nel gioco dell immagine; si possono leggere unitariamente alle scansioni formali che l artista suggerisce, o si possono leggere come indicazioni aggiuntive, legenda visiva. Sempre l artista è alla ricerca di alfabeti perduti, alla ricerca di parole, magie, suggestioni ritrovate in fondo all animo e intraducibili nelle lingue correnti». In sintesi, che Guerrato ci porti nei suoi campi di girasoli dell immaginario o ci faccia entrare nel suo diario mediascripto (dove sa parlarci di Amore o Allegri turbamenti, attraverso tutta una serie di tappe nella sua filosofia personale) o che ci ospiti nelle sue città dell Utopia, o che ci faccia ammirare quei suoi Cristi stilizzati di nuova produzione, lascia in noi una contagiosa traccia delle sue emozioni, insieme alla compiaciuta constatazione del suo meritato successo. Grazia Giordani 2 Mauro Corradini, Monografie di artisti bresciani Carlo Guerrato (Guerca) Mediascriptura edizioni aab (p.8) 15

16 Pittura e stato d animo: un alfabeto per l emozione. Appunti per la ricerca astratta di Giancarlo Guerrato Mauro Corradini 1. Il secolo che abbiamo appena chiuso ha favorito la definizione dell arte come emozione, stato d animo, espressione (ed espressionismo ne è diretta derivazione nominale); difficile uscirne, toccando cuore e cervello, coscienza e spirito: ancor oggi, mutati i registri e le procedure, l arte sembra voler percorrere e ripercorrere i sentieri dell emozione, esponendo le tensioni individuali dell artista. Muta -è mutato- di conseguenza il ruolo critico, non più custode di una tradizione e di un abilità, da sottolineare e conservare, da cui derivava la funzione di guida, di maestro, con conseguenti correzioni sintattiche, incoraggiamenti, indicazioni di linee (temi e contenuti) da seguire e perseguire; il critico si fa biografo del talento, svela e rende meglio comprensibili -a volte- gli sforzi dell artista di penetrare in se stesso, delinea le coordinate, nei casi migliori, attraverso cui è forse più agevole avvertire, se non proprio comprendere, la coscienza che l opera disvela. Libro aperto ma enigmatico, ambiguo, l opera d arte si rivela attraverso meccanismi di difficile comprensione, attraverso linguaggi in cui la memoria, la nostalgia, la consapevolezza si uniscono in procedure che solo in minima parte sono riconducibili alle vicende artistiche che la storia ci ha consegnato. In questa vicenda che le parole traducono in termini sintetici, ma ci si augura non ermetici, si colloca la storia artistica di Giancarlo Guerrato, che si è firmato a lungo con lo pseudonimo Guerca, e con tale firma appare sui ritagli di stampa degli anni settanta o con il nome ridotto di Carlo. Sono ritagli lontani; ci aiutano a comprendere i primi passi. La professione di grafico pubblicitario, i successi in una professione che unisce scrittura e immaginazione, i contatti con l architettura -ma architetto non è mai solo un titolo accademico, è una qualità dello spirito, la capacità di misurare lo spazio in termini poetici- sono i riferimenti da cui partire; dalle opere giovanili, dalle riproduzioni ritrovate nelle cronache di alcuni concorsi, di rassegne collettive, si ritrovano accostamenti con la cultura del tempo, si ritrovano gli amori e le passioni di un giovane che vuole dedicarsi all arte. 16

17 Le prime immagini di Guerrato al rigore impaginativo uniscono il senso del colore: sono le due polarità attraverso cui l arte di Guerrato si presenta. Ai nostri occhi riecheggia un percorso artistico che ha avuto un esito in virtù proprio dell espressione astrattista, che, pur apparsa negli anni dieci, è diventata dominante come tendenza poetica nel secondo dopoguerra. Se è pur vero che esiste un ampio periodo figurativo in Guerrato, tale tendenza si evidenzia per rigori geometrici, per ritmi strutturali, più che narrativi. Per questo, di astrattismo di natura geometrica è bene parlare nella preistoria di Guerrato, anche quando riemerge la figura, per meglio comprendere le scansioni che il pittore utilizza nelle opere attraverso cui esprime il suo iniziale sentimento del mondo; un senso di stupore, di magia compresa, quasi di tacito ammiccamento domina nelle opere di oltre trent anni or sono. In questo suo dialogo con il lettore, Guerrato sembra voler affermare le nuove misure che il mondo impone. E si inserisce in quelle, ordinando i paesi rappresentati come cucuzzoli collinari, accostando le case le une alle altre, con composizioni e strutture che nella modernità dell impianto rinviano al medioevo gotico di miniature inventate. La professione, con le sue aperture culturali e bisogni, i successi anche e le sue interne frenesie, non ha concesso a Guerrato di dedicarsi compiutamente all arte e alla ricerca; la pubblicità è venuta evolvendosi in fretta, e ha insegnato all anima architettonica del pubblicista di farsi carico dei nuovi materiali, che diventavano nuovi linguaggi. Dal suo ambito professionale, Guerrato ha dovuto accantonare la ricerca artistica. E solo quando l età ha consegnato all artista un tempo non limitato al recupero delle energie, è ripartita in lui la voglia di fare, di ritornare non diciamo giovane, ma all attività che in giovinezza gli aveva aperto sogni, speranze, utopie, viaggi verso quei paesi che hanno per l occhio un sapore antico, e ci parlano di strutture edilizie che sembrano trascrivere nello spazio concetti antichi, accostamenti solidali, regolari gerarchie, di un mondo im-possibile; l arte è sempre rivoluzionaria, e l artista, il flemmatico, il melanconico, è allontanato dalle corti e dai luoghi del potere politico come elemento ingombrante, inutile, potenzialmente pericoloso (non sembri casuale se nelle commissioni per l urbanistica, per la tutela del territorio, per i piani regolatori delle città siano inseriti numerosi tecnici e mai, o quasi mai, gli artisti). 17

18 Quando il tempo di riposo è apparso sufficiente all impresa, Guerrato ha ripreso in mano i pennelli; già, i pennelli. Ma per uno che attraverso la pubblicità e i nuovi media non sapeva nemmeno come riprenderli in mano; per uno che non conosceva ormai più le ditte produttrici (le marche) degli acrilici, delle tempere, degli oli; per uno che si era di necessità immerso -e aveva trovato valori ed energie insospettate- nel mondo della pubblicità, riprendere i pennelli diviene solo un espressione, un modo di dire. Confesso che non gli ho nemmeno chiesto se ha provato a ridipingere, a pittare, come si diceva. Sono convinto che Guerrato, giunto alla decisione di riparlare di arte, si sia messo a riguardare i pennelli, forse ne ha acquistati di nuovi, li ha intinti in qualche barattolo, scampato per avventura alla distruzione del tempo; e sono convinto che ha immediatamente compreso che non poteva più dipingere. Il suo pennello era ormai una tastiera, un piccolo sorcio che si muove a nostro comando, ha solo un buffo orecchio centrale che ruota, e due narici che, schiacciate, inviano segnali alla tela, una struttura rettangolare non dissimile da quella su cui lavoro anch io; la mia dà solo parole, qualche segno di interpunzione, poche altre note tipografiche; quella di Guerrato contiene un mondo di colori e di tracce, che io francamente invidio, ma non so cavare né dalla mia tastiera, né dal mio topolino che corre assai meno, un po anchilosato e legato a un solo movimento. 2, 1. Riprendere a dipingere per Guerrato è stato riprendere il computer, utilizzare le parole apprese nel lungo cammino professionale, più di trent anni fa, ma per dire altre cose; non più per invitare verso un dentifricio o un paio di occhiali, un gioiello o un detersivo, ma cercare dentro, nei cumuli e negli affanni del quotidiano, cercare per gli altri, e per sé in primo luogo, perché quando si è presi dal lavoro, a volte non si ha nemmeno il tempo di guardare dentro se stessi. E forse ha benedetto gli acciacchi fisici che hanno frenato il lavoro, il maggior tempo residuale dovuto al rallentamento professionale, il bisogno sempre più urgente, timidamente all inizio e poi dominante, di dare voce a quel che premeva dentro. Un grande poeta delle mie parti, parlando di se stesso che invecchiava ( Invcend ), ha affermato che la poesia traduceva la sua volontà di dire in dialetto, quel che aveva sempre tenuto dentro in 18

19 italiano (Cesare Zavattini). Quando si riaccosta all immagine, riprende a dipingere (ma abbiamo già chiarito che non utilizza più i pennelli), immediatamente Guerrato comprende che non vuole più parlare di ciò che vede, ma vuole esprimere solo ciò che sente: della sua pittura con larghe aperture figurative (i volti, i paesi, le composizioni dei paesaggi) riprende solo lo spettro astrattista. Ha costruito un piccolo quaderno, per sé e per gli amici, e a fianco delle immagini, ha aggiunto frasi, riflessioni, ha descritto momenti personali, parole che lo aiutano a penetrare le forme, quelle figure illuminate dai colori del computer, colori innaturali, violenti a volte, per trascrivere un universo segreto, che ha voce solo in quel torpore della coscienza in cui si animano le presenze misteriose che cantano nell animo. Non a caso, il nostro secolo si apre certamente con l espressionismo, ma si apre quasi contemporaneamente o subito dopo, con la metafisica, l attesa di un oltre, di un dio laico che risvegli dal sonno e ci illumini di meraviglia. Ricominciare a dipingere, per Guerrato, è stato un ritorno al futuro, un ritorno alle origini del proprio io che vuole manifestarsi, rendere esplicite le individuali emozioni, utilizzando un linguaggio aggiornato, aperto al futuro: parla di mediascrittura l artista bresciano (nella nostra città da una vita, nonostante l origine polesana), per indicare da un lato la componente comunicativa, la scrittura, e dall altro la componente mass mediale, l immagine digitalizzata, predisposta da computer, seguendo i ritmi di una immaginazione, a metà strada tra le pulsioni dell animo e le spinte formali del mezzo. Lo scarto nei confronti della produzione giovanile non poteva essere più netto; l artista si propone in un villaggio globale e utilizza i linguaggi della nuova sensibilità mass mediale; consapevole ormai che la scelta astrattista è ormai accreditata, elimina ogni residuo iconografico, e lascia che il segno, la traccia, la forma cromatica si distendano sulla tela con le procedure di strumenti che una differente abilità consente di controllare. Le antiche cromie ancora vagamente mimetiche sono ormai lontane; Guerrato utilizza i colori come espansione emotiva. 2, 2. L immagine di Guerrato non nasce da riferimenti iconografici; è completamente astratta. Vive cioè su pulsioni espressive che non hanno un origine mimetica, rappresentativa; nella struttura e nelle procedure 19

20 compositive, l opera riassume in sé mille forme della tradizione artistica, ricorda le anamorfosi di lontana memoria, ricorda le figure che un secolo di astrazione ha prodotto; sovente tuttavia sembra trascrivere le scansioni impazzite di un mezzo tecnico che accosta troppo rapidamente immagini differenti rendendole illeggibili, costruisce movimenti ondulatori che appaiono ai nostri occhi una sorta di refuso iconografico, risultato di una macchina che ri-elabora da sola immagini accumulate in un processo di costanti sedimentazioni di imput differenti. L opera parte de un impulso interiore, erede della cultura surrealista, che aveva elaborato la teoria del gesto automatico; solo che il gesto non è più depositato dalla mano che si muove libera con uno strumento tradizionale (matita, pastello, pennello); il gesto automatico è desunto da un mezzo tecnico, di cui si conoscono i segreti e le potenzialità. Di certo, l opera digitale, che Guerrato crea, esce dagli schemi ordinari tanto della rappresentazione (e/o mimesi), da cui è per scelta lontanissima, quanto dell astrazione tradizionale, sia quella geometrica, che in una certa misura è maggiormente correlata al cammino artistico del Nostro, sia quella informale, che a volte emerge nell intreccio dei segni spontanei, lievi o violenti, ma purgata da quelle tracce, segni, grumi, colature che dell informale costituiscono l aspetto più connesso all emotività. Guerrato dipinge ondulate misure, dismisure più spesso, perché tende a definire sul supporto, una tela predisposta alla stampa di origine digitale, i suoi pensieri, le sue riflessioni sulla vita, le sue inquietudini. Forse a monte avvertiamo il personale desiderio di dar voce alla nuova sensibilità che l anagrafe ha prodotto, avvertiamo il disagio nei confronti di un contesto sociale in cui siamo tutti immersi, un vivere che si comprende ma ci appartiene sempre meno, sopravvissuti di un epoca in cui il mondo contadino, con i suoi ritmi, regolava la vita degli uomini, costretti a vivere in un altra diversa dimensione: frequentemente le mie indecisioni creano una gran confusione ; il mio percorso [di vita] è stato piacevole, ma anche molto duro ; dopo ogni malanno occorre una fase di riabilitazione, sono le indicazioni verbali che l artista aggiunge, da cui ricava alla fine il titolo dell opera, ma fungono anche da molla, per la mano che crea forme, figure, tracce visibili di un intricato mondo interiore. Per dare senso a queste immagini, l artista ha aggiunto un vocabolario, 20

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

N e w s a z i e n d e

N e w s a z i e n d e N e w s a z i e n d e pilla, lo stile ha un volto Intervista a Ivo Sedazzari, il designer che da oltre trent anni collabora con l azienda vicentina nella creazione degli oggetti d arte funeraria. Un sodalizio

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Progetto di esperienze

Progetto di esperienze Scuola dell infanzia LE MARGHERITE Progetto di esperienze Titolo Tra arte e narrazione.. con gli occhi di Mirò Data compilazione Ottobre 2011 Data inizio 8 gennaio 2012 data termine 31 Maggio 2012 1 Progetto

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE Progetto di Marilisa Brocca con la collaborazione delle allieve-artiste del gruppo Ronzinella Mogliano

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Intervento del Rettore Prof. Loris Borghi Parma, 16 dicembre 2014

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE Titolo: TURISTA CURIOSO TRA I TRULLI! Destinatari: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia. Risorse professionali: docenti dell ordine di scuola Compito unitario:

Dettagli

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di Belle Arti di Roma e i corsi di tecniche incisorie presso

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Peter Brook, il famoso regista inglese nel libro La porta aperta dice:

Peter Brook, il famoso regista inglese nel libro La porta aperta dice: Un pubblico di bambini molto, molto piccoli conferenza di Roberto Frabetti, La Baracca Testoni Ragazzi di Bologna Seminario Linguagens em Educacão Infantil Campinas 11 luglio 2007 - mattino Peter Brook,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Il Mondo Incantato. Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito

Il Mondo Incantato. Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito Il Mondo Incantato Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito Introduzione Uno degli aspetti del mondo magico in cui vivono i bambini è la convinzione

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

A che serve la fotografia

A che serve la fotografia A che serve la fotografia Jerry L. Thompson postmedia books I _ Capire la contemporaneità 7 II _ Il caso, il caos, la meraviglia, lo sperimentale 9 III _ Accettare il disordine del mondo 21 IV _ Personalità

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L occasione che possiamo offrire per questo è la partecipazione ad un Concorso Trismoka, Concorso biennale dal titolo Visioni di vita nuova.

L occasione che possiamo offrire per questo è la partecipazione ad un Concorso Trismoka, Concorso biennale dal titolo Visioni di vita nuova. Spett.le Preside, Trismoka s.r.l., azienda bresciana dedita dal 1962 alla torrefazione e alla fornitura di miscele di caffè di pregio nelle province di Brescia e Bergamo, è da anni impegnata in attività

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

il racconto in veste multimediale

il racconto in veste multimediale il racconto in veste multimediale PERCHÈ UN SISTEMA PER LA NARRAZIONE Nella moderna era della tecnologia digitale, il naturale bisogno dell uomo di raccontare e raccontarsi, dando voce al multiforme universo

Dettagli

Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14

Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14 Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14 Cosa sono e come nascono gli Gli sono vestiti teatrali appositamente realizzati per proporre narrazioni

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli