Documento del Consiglio della classe IIIsez.C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio della classe IIIsez.C"

Transcript

1 Liceo Classico G. Pantaleo P.za Regina Margherita, 1 Tel Fax C.F.: Castelvetrano Selinunte Liceo Scienze Umane G. Gentile Via delle due Sicilie Tel Fax Anno scolastico Liceo Classico G. Pantaleo Documento del Consiglio della classe IIIsez.C ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art.5.2) Castelvetrano,9 maggio 2013 Il Dirigente Dr. Francesco Fiordaliso

2 Elenco per argomenti Relazione finale: Composizione del Consiglio di Classe Docenti commissari interni Elenco nominativo degli alunni candidati Fisionomia della classe Metodologie Strumenti utilizzati Criteri e strumenti di verifica e valutazione Attività collaterali ed integrative Simulazione terza prova d esame Allegato A:Relazioni finali disciplinari e programmi Allegato B:Griglie di valutazione Allegato C:Documento della simulazione della terza prova

3 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Docenti Discipline FIRME Accardi Maria Elena Inglese Costanza Salvatore Marchese Liboria Loredana Filardo Maria Grazia Mannino Pietra Genna Ignazio SimanellaMaria Luisa Stallone Anna Vania Taddeo Valerio MatematicaFisica Lettere italiane Educazione Fisica Religione Storia dell arte Lettere latinelettere greche Storia Filosofia Scienze Rappresentanti degli alunni Nastasi Clarissa Ruggiero Raffaella DOCENTI COMMISSARI INTERNI DOCENTI Genna Ignazio Marchese Liboria Loredana Stallone Anna Vania MATERIE Storia dell'arte Italiano Storia

4 ELENCO NOMINATIVO DEI CANDIDATI Elenco studenti Studente Nato a Il Residente a Bonsignore Roberto Omissis omissis omissis Calcara Claudia Omissis omissis omissis Calia Giovanni Omissis omissis omissis Campagna Ylenia Omissis omissis omissis D'Alfio Serena Omissis omissis omissis Di Sclafani Omissis omissis omissis Mariachiara Garofalo Riccardo Omissis omissis omissis Giacobbe Maria Omissis omissis omissis Chiara Lo Forti Santi Omissis omissis omissis Davide Mannone Chiara Omissis omissis omissis Misciasci Marika Omissis omissis omissis Morrione Giulia Omissis omissis omissis Filippina Mulè Maria Omissis omissis omissis Nastasi Clarissa omissis omissis omissis Piccolo Federica omissis omissis omissis Pipitone Giulia omissis omissis omissis Rizzo Caterina Silvia omissis omissis omissis Ruggiero Raffaella omissis omissis omissis Salvo Gloria omissis omissis omissis Sammartano Rosa omissis omissis omissis Tortorici Grazia omissis omissis omissis Triolo Ana Maria omissis omissis omissis Tusa Gloria omissis omissis omissis FISIONOMIA DELLA CLASSE La classe III C del Liceo Classico G.Pantaleo di Castelvetrano, costituita da 23 alunni, tutti provenienti dalla ex II C, si presenta eterogenea per interessi, metodo di studio e profitto. Nel corso del triennio gli studenti, in maniera diversificata, hanno sviluppato un processo di maturazione non solo sul piano formativo, ma anche su quello culturale. Molti di essi

5 hanno dimostrato di essere responsabili, disciplinati, costantinel ritmo di studio e consapevoli del loro ruolo. Per quanto concerne il profitto, un nutrito gruppo di alunni ha raggiunto ottimi livelli di preparazione;un altro gruppo ha conseguito, attraverso un lavoro serio e regolare, risultati soddisfacenti; altri, per impegno discontinuo e lacune pregresse hanno raggiunto soltanto gli obiettivi minimi. OBIETTIVI GENERALI Obiettivi formativi * Favorire un comportamento responsabile, tollerante,solidale. * Far crescere la consapevolezza di sé, delle proprie opinioni. * Suscitare l interesse per l esperienza culturale e l approfondimento degli studi. Obiettivi didattici * Acquisire il linguaggio specifico delle singole discipline. * Acquisire unmetodo di studio valido basato sulla razionalizzazione del lavoro. * Superareun apprendimento mnemonico. * Sviluppare la capacità di riorganizzare autonomamente le conoscenze acquisite. * Sviluppare uno studio critico,teso alla capacità di giudizio. * Porre attenzione alle diverse situazioni problematiche. * Saper operare collegamenti e confronti a livello multidisciplinare. METODOLOGIE Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno fatto ricorso a metodologie diverse, tenendo presenti sia la natura e i bisogni della classe, sia la struttura delle singole discipline. Costante è stata tuttavia la flessibilità e la disponibilità a cercare sempre le strategie più efficaci. Si è fatto ricorso più frequentemente a: Lezioni, sia frontali che interattive: Lavori di gruppo; Metodi induttivi e deduttivi; Problemsolving; Simulazioni ; Lettura e analisi di testi; Analisi e studio di casi concreti e di documenti autentici. STRUMENTI UTILIZZATI Oltre ai libri di testo e ai consueti materiali didattici (vocabolari,testi forniti dagli insegnanti, riviste, ecc.), si è fatto ricorso ad una ampia varietà di strumenti al fine di rendere sempre più

6 puntuale ed efficace l attività didattica: sussidi multimediali, uso del laboratorio scientifico ed informatico, uso della biblioteca. CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Ai fini della valutazione sono state utilizzate diverse tipologie di verifica: prove strutturate e semi strutturate, questionari, produzione di testi, colloqui orali. Dove è stato possibile, la valutazione è stata effettuata tramite griglie predisposte dai docenti. Per la valutazione dei colloqui orali, i docenti hanno fatto riferimento alla tabella tassonomica inserita nel POF. Ai fini della valutazione sommativa si è tenuto conto sia dei livelli di profitto raggiunti dallo studente risultanti dalle verifiche effettuate, sia degli altri parametri previsti dal POF (il progresso rispetto ai livelli di partenza, la partecipazione al dialogo didattico educativo e alle attività extra curriculari organizzate dalla scuola ). : ATTIVITA COLLATERALI ED INTEGRATIVE Gli alunni, durante il corso dell anno, hanno partecipato alle seguenti attività culturali promosse dall Istituto: - Lectura Dantis - Incontri letterari sul romanzo greco e latino - Incontri sull orientamento universitario - Incontro sulla donazione di organi - IXGiornata Gentiliana - Incontri letterari su Giorgio Caproni, Gabriele D'Annunzio, Luigi Pirandello - Viaggio di istruzione a Praga - Progetto PON/POR Soggiorno linguistico a Londra di 3 settimane con certificazione livello B2/C1 - Progetto Educare alla legalità - Incontri vari con gli autori - Partecipazione agli spettacoli teatrali al Teatro Selinus di Castelvetrano - Incontri su "Vulcani e terremoti" e su "Le trivelle del Belice" PREPARAZIONE ALLA TERZA PROVA Per lo svolgimento della simulazione della terza prova il Consiglio di classe ha individuato le seguenti quattro materie: Inglese, Scienze,Storia, Storia dell'arte. La prova è' stata strutturata, per ciascuna disciplina, con 4 quesiti a risposta multipla e 2 quesiti a risposta aperta ( max 7 righe) per una durata di 90 minuti.

7 ALLEGATI Allegato A:Relazioni finali disciplinari e programmi. Allegato B:Criteri e griglie di valutazione. Allegato C:Copia della terza prova simulata e relativa groglia di valutazione

8 ALLEGATO A

9 LICEO CLASSICO G. Pantaleo RELAZIONE FINALE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSEIII C Prof.ssaLiboria Loredana Marchese OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PREFISSATI IN SEDE DI PROGRAMMAZIONE 1) Sapere argomentare in modo logico e corretto; 2) Avere la capacità di comprendere ed analizzare una vasta gamma di tipologie testuali; 3) Sapere formulare commenti motivati e coerenti sui vari testi; 4) Sapere operare sintesi e trans-codificazioni da linguaggi visivi a linguaggi verbali; 5) Essere in grado di contestualizzare un testo letterario; 6) Possedere la capacità di lettura autonoma di testi contemporanei e non; 7) Sapere consultare i manuali ed altri eventuali testi ed appunti; 8) Sapere operare collegamenti e confronti. La classe ha seguito con un certo interesse ed una partecipazione pressoché costante il percorso formativo intrapreso, pervenendo a profitti diversi a seconda delle abilità e delle competenze acquisite. Un ampio numero di alunni si è distinto per il conseguimento di obiettivi complessi, come lo sviluppo della capacità argomentativa e l acquisizione di un saldo metodo critico, volto alla rielaborazione autonoma e ben meditata degli argomenti trattati. Solo alcuni di loro, per applicazione discontinua, ma anche per lacune pregresse, si sono avvicinati alle tematiche proposte conseguendo livelli più modesti. METODI Il coinvolgimento diretto dell alunno nel processo d apprendimento ha suggerito la scelta delle seguenti strategie metodologiche: 1) lezione frontale; 2) dibattiti; 3) lavori di gruppo; 4) applicazione combinata di metodo induttivo e deduttivo. La lettura diretta dei testi e l analisi stilistica sono state inquadrate nel relativo contesto storico-culturale, tenuto conto dello svolgimento diacronico e sincronico dei movimenti letterari. Gli alunni sono stati sollecitati ad operare autonomamente ed ad esprimere giudizi e valutazioni personali; laddove possibile, si sono individuati collegamenti interdisciplinari con materie affini.

10 Nell ottica di uno studio vivace ed interessante, capace di coinvolgere maggiormente gli studenti, si sono organizzati incontri con scrittori, giornalisti, critici, nella qualità di testimoni attenti delle vicende dei nostri tempi. LIVELLI FISSATI PER LA SOGLIA DELLA SUFFICIENZA Gli obiettivi minimi sono stati fissati in sede di programmazione e risultano essere i seguenti: 1) Produrre elaborati semplici su un argomento proposto; 2) Saper scrivere in modo corretto e coerente il proprio pensiero; 3) Sapere interpretare il senso complessivo di un testo letterario; 4) Saper esporre in modo comprensibile un argomento studiato. STRUMENTI DI VALUTAZIONE Prova scritta: 1) Analisi di testi narrativi e poetici; 2) Saggi argomentativi; 3) Questionari a risposta chiusa e/o a risposta aperta. Prova orale: 1) Interrogazioni; 2) Colloqui. La valutazione delle prove scritte ha tenuto conto dei seguenti criteri: 1) Acquisizione dei contenuti culturali; 2) Aderenza alla traccia proposta; 3) Capacità di argomentazione; 4) Coerenza e coesione delle informazioni riportate; 5) Uso del registro linguistico adeguato; 6) Correttezza formale; 7) Capacità di affrontare con metodo critico un tema. Per le prove orali si è tenuto conto dei seguenti criteri: 1) Conoscenza e comprensione delle informazioni; 2) Acquisizione delle informazioni e loro rielaborazione attraverso la riflessione; 3) Capacità logica, riflessiva, critica, di collegamento e sintesi; 4) Uso corretto del codice lingua. L Insegnante Prof.ssa Liboria Loredana Marchese

11 LICEO CLASSICO G. Pantaleo ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSEIII C Testi: - R. Antonelli, M. S. Sapegno, L Europa degli scrittori,vol. 2b, 3a, 3b, La Nuova Italia - D. Alighieri, La Divina Commedia, a cura di N. Sapegno, La Nuova Italia G. Leopardi: la vita, il pensiero. Zibaldone: Il vago e l indefinito Piacere e illusioni La teoria del piacere e l infinito Canti: L infinito A Silvia Alla luna Il sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell Asia A se stesso La ginestra o il fiore del deserto ( vv. 1-51,87-157, ) Le Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di un venditore d almanacchi e di un passeggere La letteratura della grande Europa e dell Italia unita Cenni sulla Scapigliatura Il Naturalismo E. Zola: Il romanzo sperimentale ( L investigazione scientifica è un dovere, cap.ii ) L ammazzatoio ( L attesa di Gervasia, cap. I ). Il verismo G. Verga: la vita, cenni sui romanzi preveristi, la svolta verista. Vita dei campi: Rosso Malpelo La Lupa I Malavoglia: La Provvidenza partì il sabato verso sera ( cap.i, 1-93 ) Triste quella casa dove ci è la visita pel marito ( cap.iv ) Quando uno se ne va dal Paese è meglio che non ci torni più (cap.xv ) Mastro-don Gesualdo: L arrivo di Gesualdo alla Canziria( cap.iv, parte I )

12 Il Decadentismo C. Baudelaire: I fiori del male: Corrispondenze Lo spleen di Parigi: Perdita d aureola ( XLVI ) G. D Annunzio: la vita, l estetismo e la sua crisi. Il piacere: Andrea Sperelli( libro I, cap. II ) Il fuoco: La seduzione Laudi, Alcyone: La pioggia nel pineto Nella belletta I pastori Cenni sul teatro dannunziano La figlia di Iorio: Il parricidio di Aligi G. Pascoli: la vita, la visione del mondo, la poetica. Myricae: X Agosto L assiuolo Patria I canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno I poemetti: L aquilone Modernità e crisi. Il primo Novecento. La stagione delle avanguardie: cenni sul Futurismo, sul Dadaismo e sul Surrealismo. I. Svevo: la vita, la cultura e l influenza della psicanalisi. La coscienza di Zeno: Il fumo ( cap. III ) La morte del padre ( cap. IV ) Salute e malattia ( cap. VI ) La catastrofe finale ( cap. VIII ) L. Pirandello: la vita, la visione del mondo. Novelle per un anno: Il treno ha fischiato Il fu Mattia Pascal : Uno strappo nel cielo di carta ( cap. XII ) Io e l ombra mia ( cap. XV ) Cenni sul teatro I quaderni di Serafino Gubbio:

13 Una mano che gira la manovella ( cap. II ) Uno, nessuno e centomila: Mia moglie e il mio naso ( libro I, cap. I ) Non conclude ( libro VIII, cap.iv ) G. Ungaretti: la vita e la poetica. L allegria: Veglia Fratelli San Martino del Carso Mattina Soldati E.Montale: la vita e la poetica. Ossi di seppia: Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato G. Caproni: la vita e la poetica. Il seme del piangere: Per lei Preghiera Congedo del viaggiatore cerimonioso e altre prosopopee: Congedo del viaggiatore cerimonioso Resamissa: Mancato acquisto La Divina Commedia Il Paradiso: cantoi canto VI canto XI canto XV canto XVII (vv ) canto XXXIII. L Insegnante Prof.ssa Liboria Loredana Marchese

14 Relazione lettere latine egreche Classe III C Anno scolastico Prof.ssaMaria Luisa Simanella Il percorso formativo L insegnamento del latino egreco ha mirato all acquisizione da parte degli alunni di una conoscenza della civiltà nella sua dimensione storico-culturale complessiva e al possesso di strumenti critici necessari per una visione dei periodi studiati autentica e metodologicamente corretta. A tal fine, lo studio del mondo greco e latino non è stato mero apprendimento di un passato, ma ha mirato alla formazione di giovani capaci di giudicarlo e di vivere nella società attuale con una percezione precisa della pressione che il passato esercita sul presente e dei varchi che apre verso il futuro. L insegnamento si è articolato in due momenti: storico-letterario, condotto non solo attraverso l apprendimento dei dati essenziali e significativi degli autori, dei caratteri delle opere, dei giudizi critici e dei problemi interpretativi, ma anche attraverso i generi letterari; lettura dei testi, sia in lingua originale, sia in traduzione italiana con testo originale a fronte, come completamento della storia letteraria. Per quanto riguarda il metodo si è costantemente tenuto presente lo stretto rapporto tra la civiltà greco-latina e quella attuale, sia operando confronti, sia cogliendo spunti di prospettiva interdisciplinare, al fine di comprendere la progressiva integrazione fra la letteratura greca/latina e quella italiana. Lo studio si è basato sull interazione testi-lingua, la lingua si è studiata sui testi ed ha costituito il mezzo attraverso il qualeconoscere la civiltà greco-latina e penetrarne usi, costumi, valori. I testi sono stati letti in modo da coglierne gli aspetti stilistico-formali e quelli storico-culturali, per cui sono stati posti in relazione con i fatti della vita civile, morale e religiosa, con la cultura, cioè, di cui sono espressione e momento.

15 A tal fine si è avuta cura, nello studio degli autori, di porre in rilievo la problematica che scaturisce dalle opere, offrendo l avvio a discussioni che impegnassero tutti gli alunni e facendo in modo che il mondo antico apparisse non come una curiosità di eruditi, ma come un insieme di problemi spesso di grande attualità anche oggi. La lettura e la traduzione dei classici non sono rimasti, pertanto, fatti isolati, finalizzati ad un lavoro sulla lingua, ma sono serviti a far cogliere agli alunni l attualità del messaggio educativo e culturale del mondo antico. Così la conoscenza storico-critica della civiltà greca e latina ha costituito un patrimonio culturale di diritto per tutti, una chiave interpretativa del presente, un momento fondamentale che mira ad avviare l alunno a prendere coscienza di sé, dell ambiente che lo circonda, dei processi attraverso i quali si è giunti al presente. Lo studiodelle due discipline ha mirato a far conoscere l humus della cultura europea, il proprio retroterra culturale, lo studio della civiltà di cui un testo è documento e testimonianza. Un momento importante dell attività didattica è stato quello della verifica e della valutazione. Le interrogazioni non sono state di tipo tradizionale, ma si è cercato di trasformarle in discussioni aperte a tutta la classe, mirando in tal modo non ad una immediata acquisizione di contenuti culturali, ma alla formazione di una mentalità critica, allo sviluppo della capacità di fare considerazioni personali e di istituire rapporti tra fenomeni, periodi ed autori diversi. Nelle traduzioni si è cercato di abituare gli alunni sia a cogliere con esattezza il senso del brano proposto sia ad usare una espressione appropriata, intendendo la traduzione come un importante esercizio di corretto uso del metodo critico ed anche un occasione di creatività, in quanto l alunno è impegnato in un opera personale che richiede scelte interpretative ed espressive. La correzione delle prove scritte ha mirato a scoprire le deficienze dell alunno, a rilevare le sue difficoltà, a trovare il modo di eliminarle. La valutazione ha tenuto conto di diversi fattori; non è stata considerata come misurazione del rendimento scolastico, ma come atto di continua aderenza alla personalità dell alunno, come verifica del grado di maturazione dell allievo e dello sviluppo relativo alla sua personalità. I risultati raggiunti sono, nel complesso, soddisfacenti. Nella classe è possibile individuare tre fasce di livello: alcuni alunni che, pur muovendo da una preparazione di base poco solida, hanno realizzatoprogressi grazie ad uno studio costante e sono riusciti a maturare capacità e attitudini nei vari aspetti della disciplina, pervenendo ad una adeguata preparazione. Unaltro gruppo di alunni, animati da vivo desiderio di conoscere il mondo classico, ha studiato autori ed opere, movimenti e periodi con interesse sempre costante

16 partecipando al dialogo educativo con contributi proficui e stimolanti, pervenendo a risultati soddisfacenti. Un altro gruppo ancora si è distinto particolarmente per le ottime capacità intellettive, per una solida preparazione di base, per un assiduo impegno, per le notevoli capacità di giudizio critico, elementi che hanno consentito loro di conseguire eccellenti risultati. Castelvetrano, 6 maggio 2013

17 PROGRAMMA DI LETTERATURA LATINA LICEO CLASSICO G.PANTALEO ANNO SCOLASTICO classe III C LA PRIMA ETÀ IMPERIALE: da Tiberio a Nerone Gli eventi, la società e la cultura - I nodi della storia - Società e cultura - Pubblico, generi letterari e scrittori nella prima età imperiale Fedro e la favola in poesia - L autore - L opera Lucio Anneo Seneca - L autore - L opera - Le opere in prosa - Le opere poetiche - Lo stile Marco Anneo Lucano - L autore - L opera - Lo stile Aulo Persio Flacco - L autore - L opera - Lo stile Petronio - L autore - L opera

18 - Lo stile L ETÀ FLAVIA:da Vespasiano a Domiziano Gli eventi, la società, la cultura - I nodi della storia - Società e cultura - Pubblico, generi letterari e scrittori nell età flavia Marco Fabio Quintiliano - L autore - L opera - Lostile Marco Valerio Marziale - L autore - L opera - Lo stile IL SECOLO D ORO DELL IMPERO: da Traiano a Commodo Gli eventi, la società e la cultura - I nodi della storia - Società e cultura - Pubblico, generi letterari e scrittori nel secolo d oro dell impero Decimo Giunio Giovenale - L autore - L opera - Lo stile Publio Cornelio Tacito - L autore - L opera - Lo stile Gaio Svetonio Tranquillo - L autore - L opera

19 - Lo stile Apuleio - L autore - L'opera - Lo stile CLASSICI IN LINGUA L. A. Seneca: De brevitatevitae I, 1-4: La vita non è breve; EpistulaadLucilium 47, 1-5, 10-11: Gli schiavi sono uomini; EpistulaadLucilium 59, 14-18: Solo il saggio è felice; De vita beata XVI,1-3: La felicità; P. C. Tacito: Annales, XIV 5, 1-3; XIV 8;3-5; XV 63,1-3; XV 64 1,3-4 Testi adottati:a.diotti, S.Dossi, F.Signoracci, Libera Lectio 3, Sei Seneca, La saggezza dell'uomo e l'orrore del mondo, Simone per la scuola; Tacito, De Bernardis-Sorci SPQR 3 volume tomo primo; Castelvetrano,

20 classe III C L ETÀ ELLENISTICA La storia - Le imprese di Alessandro PROGRAMMA DI LETTERATURA GRECA LICEO CLASSICO G.PANTALEO ANNO SCOLASTICO 2012\ Dalle lotte fra i diadochi alla nascita dei regni ellenistici - Caratteristiche generali dei regni ellenistici - I regni ellenistici fino alla conquista romana Caratteristiche della letteratura alessandrina - Ellenismo e koinè - Elementi di innovazione ed elementi di continuità -I termini filologo e filologia - Il museo e la biblioteca La commedia nuova: Menandro - Le caratteristiche della commedia nuova - Menandro: caratteri biografici - Le opere - La tecnica drammatica e i personaggi: il teatro della verosimiglianza - il messaggio morale Callimaco - Una poetica innovativa e quasi moderna - Profilo biografico - Opere - Gli Aitia: il prologo dei Telchini Teocrito - Un poeta letteratissimo ma non pedante - Profilo biografico

21 - Opere - Gli idilli e i mimi - La poetica L epica. Apollonio Rodio - Un epica rinnovata: Apollonio Rodio - Profilo biografico - Le Argonautiche - Apollonio Rodio nella cultura alessandrina - I personaggi delle Argonautiche L epigramma e l Antologia Palatina - L importanza dell epigramma in età ellenistica - Le scuole dell epigramma ellenistico: dorico-peloponnesiaca, ionico-alessandrina, fenicia Polibio - Profilo biografico - Forma e composizione delle Storie - Uno storico al varco - Il metodo storiografico - Il VI libro: la teoria delle costituzioni LA LETTERATURA TRA GRECIA E ROMA Plutarco -Una vita tra centro e periferia - Vite parallele - Moralia LA RETORICACOME SPETTACOLO: LA SECONDA SOFISTICA E LUCIANO La parola e il potere: la Seconda Sofistica - Una letteratura di intellettuali che fanno spettacolo

22 Luciano di Samosata - Un autore versatile e brillante - Profilo biografico - Il corpus lucianeo: temi e contenuti LA PROSA DI INTRATTENIMENTO E DI EVASIONE Il romanzo greco - Un genere senza nome - Notizie biografiche e datazione - I romanzi d'amore e altre tipologie romanzesche - Tematiche e strutture narrative - Gli autori e le opere - Stile e fortuna CLASSICI Euripide Elena: lettura integrale, riassunto e commento dell'opera in lingua italiana; in lingua greca : Prologo vv.1-68; 1 episodio vv ; 2 episodio vv ; Lisia Per l invalido: paragrafi 1-27 Testi adottati Rossi-Gallici-Vallarino-Pasquariello-Porcelli, Ellenikà 3A e 3B, Paravia ; Lisia, Per l'invalido, a cura di Luigi Arata, La Nuova Italia; Euripide, Elena, a cura di C.Azan, Simone per la scuola.

23 Castelvetrano, 6/5/2013 FINALITA Scheda disciplinare (relazione/programma) STORIA L insegnamento della storia ha mirato a: CLASSE III SEZ. C A. S. 2012/2013 Docente: Stallone Anna Vania 1. Creare la capacità di stabilire tra il passato e il presente un rapporto corretto, individuando all'interno di questo rapporto gli elementi di somiglianza e di diversità, di persistenza e di cambiamento. 2. Abituare a comprendere gli aspetti e i dinamismi significativi della società contemporanea. 3. Formare quella consapevolezza critica per potere accedere ai problemi storici analizzandoli con rigore di metodo. 4. Sviluppare l'attitudine a problematizzare i fatti, ad analizzare le ricostruzioni di questi nella loro complessità. 5. Fornire dei modelli generali di interpretazione dei fatti. OBIETTIVI RAGGIUNTI 1. Conoscere in modo organico e ordinato, in senso sincronico e diacronico, le vicende storiche (conoscenze). 2. Adoperare concetti e termini storici (competenza). 3. Ripercorrere gli eventi storici ricercando le interconnessioni tra motivazioni economiche, politiche, sociali e culturali (competenza). 4. Saper cogliere a grandi linee analogie e differenze tra gli eventi ed individuare i fondamentali percorsi di causazione e di sviluppo che li hanno originati (competenza). 5. Servirsi autonomamente degli strumenti di base del lavoro storico: manuali, raccolte di documenti, testi storiografici, (competenze). 6. Essere in grado di formulare giudizi personali (abilità/capacità). CONTENUTI DISCIPLINARI I contenuti sono stati organizzati in moduli tematici che hanno seguito, al loro interno, lo svolgimento degli eventi secondo l ordine cronologico. Modulo 1: Europa e Mondo nel secondo Ottocento. U.D. 1 La seconda rivoluzione industriale e la nascita della questione sociale (sintesi). U.D. 2 L evoluzione politica mondiale (sintesi). U.D. 3 L Italia nel secondo Ottocento (sintesi).

24 Modulo 2L età dell imperialismo e la prima guerra mondiale. U.D. 1 - L imperialismo e la crisi dell equilibrio europeo. U.D. 2 Lo scenario extra europeo. U.D. 3 L Italia giolittiana. U.D. 4 La prima guerra mondiale. U.D. 5 La rivoluzione russa. U.D. 6 L Europa e il mondo dopo il conflitto. Letture storiografiche F. Fisher, Assalto al potere mondiale. La Germania nella guerra , Le responsabilità della Germania nello scoppio della guerra. D. Stevenson,La Grande Guerra, Le responsabilità collettive delle grandi potenze. M. Isneghi, La prima guerra mondiale, Rispetto della disciplina e repressione dell insubordinazione sul fronte italiano. G. Candeloro, L interventismo italiano. C. Hill. N. Riasandisky, M.L. Salvadori, Che cosa fu il leninismo. Modulo 3 L età dei totalitarismi e la seconda guerra mondiale. U.D.1 L Unione Sovietica fra le due guerre e lo stalinismo. U.D. 2 Il dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo. U.D. 3 Gli Stati Uniti e la crisi del 29. U.D. 4 La crisi della Germania repubblicana e il nazismo. U.D. 5 Il regime fascista in Italia. U.D. 6 - L Europa verso una nuova guerra. U.D. 7 La seconda guerra mondiale. Letture storiografiche Definizione e teorie del totalitarismo C. Pavone, L eredità della guerra civile, Per un bilancio storico della Resistenza. Modulo 4: Il mondo bipolare: dalla guerra fredda alla dissoluzione dell URSS. U.D. 1 Il bipolarismo USA-URSS, la guerra fredda e i tentativi di disgelo. U.D. 2 La decolonizzazione in Asia e in Africa e la questione meridionale (sintesi). U.D. 3 Scenari di crisi dell assetto bipolare.

25 U.D. 4 Dalla seconda guerra mondiale alla caduta del muro di Berlino. U.D. 5 L Italia della prima repubblica. METODOLOGIA ADOTTATA E STRUMENTI UTILIZZATI Articolazione della lezione: Spiegazione dell insegnante: quadro sintetico dell argomento Uso della lavagna luminosa, come supporto visivo e per meglio focalizzare l attenzione sui concetti fondamentali; proiezione di schemi e mappe concettuali. Uso del computer per la proiezione di diapositive preparate con Power Point. Uso di carte storiche e geografiche riportate dal libro di testo. Lettura commentata di passi di critica storica. Uso del materiale informatico: CD-ROM di storia (come presentazione sintetica dell argomento). Didattica laboratoriale. TESTO UTILIZZATO: 1) Brancati/Pagliarani, Il Nuovo dialogo con la storia, vol. 3, La Nuova Italia 2) Marchese/ Mancini/ Greco, Stato e Società, La Nuova Italia VERIFICHE E VALUTAZIONE Verifiche: di percorso e/o predisposte alla fine dell itinerario culturale formativo Tipologia: a) colloquio orale (singolo o a piccoli gruppi); b) il dialogo e la partecipazione alla discussione organizzata; c) prova strutturata; d) saggio breve; e) tema storico. Tali verifiche hanno avuto il fine di rilevare: a) conoscenza e comprensione delle epoche e dei fenomeni studiati; b) competenze di analisi e di sintesi; c) competenze lessicali; d) capacità di cogliere analogie e differenze; e) abilità a concettualizzare. Per la valutazione si è proceduto all attribuzione del voto numerico, secondo la tassonomia approvata dal Collegio dei Docenti; anche, laddove, si è utilizzato il punteggio in centesimi (prove strutturate), questo è stato trasformato in voto decimale. Criteri per la valutazione della sufficienza

26 La sufficienza è stata attribuita agli alunni in grado di: A. Assolvere normalmente gli impegni scolastici. B. Cogliere il nucleo fondamentale degli avvenimenti e delle epoche oggetto di studio e saperlo esporre in modo chiaro. C. Usare un essenziale cronologia nella ricostruzione degli avvenimenti. D. Utilizzare con qualche spunto di autonomia gli altri strumenti di base del lavoro storico. E. Effettuare in modo parziale l analisi degli eventi. F. Sintetizzare in modo impreciso fatti ed eventi. G. Adoperare i termini e i concetti essenziali del linguaggio storico. Criteri per la valutazione massima La valutazione massima è stata attribuita agli alunni che hanno raggiunto in modo completo gli obiettivi ed in modo particolare sono stati in grado di:scheda disciplinare (relazione/programma svolto)

27 FilosofiaCLASSE III sez. C A.S.2012/2013 Docente: Stallone Anna Vania Finalità L insegnamento della filosofia ha promosso e sviluppato: 1. La consapevolezza dei problemi cui ci sottopone la vita. 2. L abito della riflessione critica. 3. La disponibilità, l apertura, l atteggiamento di tolleranza nel rapporto con i propri simili e con il mondo. 4. La presa di coscienza verso se stessi e la società. 5. L atteggiamento della problematizzazione della realtà, delle idee, delle credenze. 6. L uso di strategie argomentative e procedure logiche che indirizzino verso il controllo del discorso. Obiettivi Gli obiettivi specifici prefissati in sede di programmazione didattica e raggiunti sono: 1. Conoscere in modo globale ed analitico i contenuti filosofici (conoscenze). 2. Problematizzare conoscenze, idee, credenze, mediante il riconoscimento della loro storicità (competenze). 3. Utilizzare il lessico e le categorie essenziali della tradizione filosofica (competenze). 4. Analizzare i testi di autori filosoficamente rilevanti, anche di diversa tipologia e di differenti registri linguistici (competenze). 5. Sviluppare capacità di argomentazione (competenze). 6. Sviluppare capacità di interpretazione (competenze). 7. Sviluppare il pensiero divergente (competenze). 8. Sviluppare autoconsapevolezza filosofica (competenze). 9. Utilizzare lo strumento multimediale quale momento riepilogativo o di approfondimento (competenze informatiche). 10. Utilizzare il computer nella produzione di testi e di prodotti multimediali (competenze informatiche). 11. Individuare analogie e differenze tra concetti, modelli e metodi di diversi campi conoscitivi (abilità/capacità). 12. Relativizzare il proprio pensiero e i sistemi di interpretazione della realtà, maturando lo spirito di tolleranza e di collaborazione (abilità/capacità).

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli