Il nostro notiziario ANNO V - N 4. Luglio agosto 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nostro notiziario ANNO V - N 4. Luglio agosto 2014"

Transcript

1 Il nostro notiziario ANNO V - N 4 Luglio agosto 2014

2 L editoriale L estate che non è stata molto generosa nel regalarci sole e il caldo aspettato, non ci ha fatto perdere d animo e come sempre ci ha impegnati nel riempire le nostre giornate di eventi simpatici e particolari. Abbiamo ascoltato storie divertenti con effetti speciali irripetibili, semplici ed efficaci come l Imbuteatro nato dalla spiccata sensibilità e creatività di Cinzia Morandi, attrice di una delle compagnie teatrali del Teatro Pan Lugano, partecipato al laboratorio di aquiloni curato dal nostro infaticabile del sig. Golzi. Abbiamo avuto una cara ospite Rosalba Canetta che ci ha accompagnato nei pomeriggi con le sue letture sempre puntuali e precise raccontando storie di Donne che si contraddistinguono per le esperienze positive. Abbiamo festeggiato il 1 agosto 2014 in allegria con almeno 350 amici e il nostro Presidente Alberto Fossati che è riuscito a trascorrere la serata con noi. In particolare voglio ringraziare Matteo Martinelli, cuoco della Fondazione, per aver deliziato tutti gli amici con appetitosi stuzzichini, estendo anche il ringraziamento a Danilo Saruggia e Liliana Pella che hanno collaborato nella preparazione della festa. La Festa del 1 agosto oltre al significato che ha ben spiegato la nostra ospite Gilli Luciana nel discorso ufficiale di apertura della ricorrenza, riportato in seguito e per noi motivo di Festa e un occasione per ringraziare tutti gli amici e le associazioni che collaborano con noi tutto l anno. La nostra consueta gita a Porto Ceresio dove il proprietario del ristorante ci ha scambiati per una allegra compagnia di buongustai. Concludo con un saluto particolarissimo da parte di tutto lo Staff della Residenza alla Sig. ra Bosshard Lucia, che anche quest estate ha vigilato sul nostro operato, portando un po di allegria e calore nella nostra casa. La direttrice Antonella De Micheli Pagina 2

3 La gita a Porto Ceresio Quest anno il tempo è stato veramente inclemente. Poche le giornate di sole anche nei mesi di primavera ed estate. Il giorno venti agosto avevamo deciso di sfidarlo anche se le nuvolaglie già nelle prime ore del mattino ci lasciavano perplessi. A poco a poco anche una nebbia sottile avvolgeva il parco, così bello quando la luce lo illumina. Richiamavo alla mente la poesia di G. Pascoli Nebbia. E guardai nella valle, era sparito tutto Avevamo già rimandato più volte la gita a Porto Ceresio e non volevamo proprio rinunciarvi. Sorretti da un entusiasmo quasi giovanile e dalla perfetta organizzazione studiata in ogni particolare dalla Direttrice e Dott. ssa Antonella De Micheli e tutto lo staff esperto e prudente della Residenza, avevamo preso posto sulle comode macchine guidate con perizia. Lungo il percorso spicchi di sole ci permettevano di vedere, sia pure in modo poco nitido, le diverse architetture di ville signorili e le moderne strutture di condomini vivacizzate da ridde floreali. Ci avvicinavamo alla meta dove un tipico ristorante Da Claudia ci aspettava. Ricevuti con squisita gentilezza dai proprietari, eravamo loro grati per averci riservato una luminosa sala prospiciente il lago di Lugano. Avevamo vinto la sfida con il sole che,seppur debole ci permetteva di cogliere i vari motivi dell ambiente: l elegante battello bianco, che issava la bandiera con la croce bianca in campo rosso diretto a Lugano, il cigno dal piumaggio candido e dal collo lungo che procedeva con grazia attento e premuroso verso i suoi piccoli, i gabbiani dai corpi affusolati e le grandi ali bianche. A tavola, dopo aver sorseggiato un analcolico aperitivo, ci veniva servito un pranzo la cui prerogativa era la raffinatezza:ottimi cibi a base di pesce e di carne guarniti con contorni e- laborati con grande cura, dolci squisiti e spumante pregiato. Il sole che, alla fine, sprigionava i suoi raggi, sembrava unirsi alla nostra gioia. Potevamo finalmente dire con il poeta G. Leopardi Passata è la tempesta, odo augelli far festa e accedere, attraverso una scaletta simile a quella che portava alla darsena, al tipico lungolago frequentato da mamme con i loro bambini pronti a cimentarsi in una breve corsa con i compagni, coppie di giovani sposi, ginnasti e podisti. Appagati, contenti ritornavamo alla Residenza più ricchi anche di cognizioni sulla deliziosa cittadina italiana Porto Ceresio sul lago di Lugano, un ultimo lembo d Italia proteso verso la Svizzera, un salotto immerso nella natura incastonato tra il verde dei monti e l azzurro del lago. Alla nostra età vivere la geografia attraverso l esperienza diretta, unendo all utile l dilettevole, è una opportunità eclatante. Angela Prandina Pagina 3

4 STORIE DI CANI, racconto di fatti REALI senza fantasie narrative. Il giorno 31 giugno 2014, alla Residenza di Malnate ci hanno tenuto compagnia due bellissime cagnolone Labrador. È la seconda volta che le incontro, ma hanno la memoria buona e si sono ricordate le coccole e le grattatine che ho riservato loro la volta precedente, e mi hanno subito raggiunto per averne un altra dose. Durante l animazione le brave e gentili proprietarie hanno chiesto se fosse possibile avere racconti che parlano di cani e qualche fatto o avventura connessi. In oltre ottant anni di vita, passati sempre con accanto qualche cane e cagnolino di ogni taglia e specializzazione ho accumulato una gran quantità di ricordi sempre belli; salvo qualche occasione in cui mi hanno lasciato per malattia e età o per qualche indesiderata scappatella in strada provocando pianti, strilli e disperazione in tutta la famiglia. Dai ricordi ne prendo no significativo, e mi riferisco agli anni 60/70. uno zio di cui ero affezionatissimo era diventato il mio istruttore o istigatore di caccia. Dopo gli inizi in Valle Brembana, sua terra natia, aveva perfezionato la sua arte venatoria nei Bois de Boulogne di Parigi e le competenze già ereditate dal suo Papà, il mio amatissimo Nonno Luigi grandissimo intenditore e proprietario di cani da cacca di tante razze diverse. Verso la fine degli anni Cinquanta è entrato nel nostro giro un suo cane di razza Spinone, il Mike (nome ereditato dal presentatore TV in voga a quel tempo), era una forza della Natura, instancabile e ben collaudato scovatore e nuotatore nelle risaie del Vercelles. Alcune volte, rivedendolo in risaia per la caccia lo salutavo...ciao Mike...buongiorno! E mi si avvicinava contento e scodinzolante. Inoltre l ho visto all opera per giorni interi ad alzare beccacce sugli Apennini del Materano e della Foresta Umbra sul Gargano, nei querceti e sugherete della Sardegna e infine nei boschi e isolette nelle risaie del Sud della Turchia (zone di Samsun). Era indomabile e instancabile nuotatore. Aveva un unico difetto, se posso dire, che è proprio la razza spinona: quando era bagnato ( e lo era spesso per la passione per la caccia in palude e nell acqua) puzzava come un caprone! ma questa prerogativa una volta è stata determinante a risolvere una mia avventura che poteva risolversi in...costosa tragedia. Mi spiego: quando andavamo in Turchia con lunghe trasferte per raggiungere Istanbul e zone turche di caccia (Samsun e limitrofi), io guidavo la macchina mentre lo zio faceva dormite lunghe quanto era lungo il viaggio, il Mike viaggiava con noi, ma per fargli compagnia c era insieme il mio Sem, un bravissimo bracco tedesco che era un po il suo allievo-amico. Pagina 4

5 Per motivi di pulizia le nostre valige le tenevo infilate in sacchi neri della spazzatura, ma sopra e dietro a queste c erano dei teli di iuta ben ripiegati che facevano da letto per i nostri cani che viaggiavano e dormivano abbracciati. Girovagando per Istanbul nei momenti non dedicati alla caccia mi davo alla ricerca ed acquisto di reperti archeologici e di tappeti di o- gni provenienza e antichità. Il giorno del ritorno dal primo di questi viaggi ho preparato il vano posteriore della macchina tipo giardinetta per accogliere i cani, ma ho aggiunto sotto ai loro letti due tappeti particolarmente importanti per qualità e prezzo. Ho predisposto tutto ben infilato nei sacchi neri della spazzatura che avevo sempre di scorta, ed abbiamo voluto andare lungo le rive di un fiume vicino, dove avevamo già incontrato le folaghe e anitre a migliaia. Come previsto abbiamo fatto l ultima fucileria, per la gioia dei ragazzi turchi che raccoglievano folaghe e anitre per poi mangiarle. E il Mike ha potuto fare gli ultimi tuffi in acqua e tra le canne, acchiappando al volo gli ultimi volatili che sgranocchiava come era suo costume anche nelle risaie vercellesi. Poi con un rapido passaggio alla base abbiamo caricato valige, tappeti e cani sulla mia Errequattro (Renault 4) e siamo partiti alla volta dell Italia. Ci aspettava un viaggio di 2200 Chilometri, ma i pensieri erano già avanti verso le frontiere che avremmo dovuto superare: a Edirne dalla Turchia alla Bulgaria, e poi dalla Bulgaria alla Jugoslavia, e infine dalla Jugoslavia all Italia a Trieste. L unica versa preoccupazione me la dava l uscita dalla Turchia, dove sapevo che la meticolosità delle guardie di Frontiera era inflessibile e pesante. Appena fermo in Dogana sono corso con i passaporti in mano pe ri visti, e al bancone un Gendarme mi ha indicato un lungo cartello multilingue appeso al muro: si diceva che sarebbero state comminate pene gravissime a chi fosse stato colto con a bordo tappeti e statuette antichi. Ho fatto la faccia dell innocente e dicevo che quelle indicazioni non mi riguardavano. non comprato, troppo caro! Normalmente venivano affiancati due lunghi tavoli alla vettura e, spalancate le porte, ci si rovesciava il contenuto per un accurato esame. Con gli Oli Santi in tasca (secondo il detto Bosino) ottenuto i visti sono tornato alla mia macchina sulla uale lo zio mi aspettava in attesa del primo Gendarme che si avvicinava. Mentre mi avvicinavo alla mia porta il Gendarme ha aperto la porta del lato passeggeri posteriori per iniziare l ispezione. E qui è intervenuta la potenza distruttiva del Mike, che era li ancora bagnato e quindi puzzolente al massimo. Il Gendarme turco ha aperto appena la porta ed è stato investito dalla zaffata di puzza del Mike. Ha sbattuto la porta e l ha richiusa facendomi un gesto perentorio...via, via!i Mike mi aveva salvato ed ho ingranato la marcia trionfante per il rientro. Durante il viaggio di itorno abbiamo sopportato la sua puzza, ma il Mike mi aveva salvato! Niente altro da segnalare! Cona due notti e un giorno di viaggio sono rientrato in Itali stanco, senza voce e con la barba lunga come il pelo del Mike. Antonio Golzi Pagina 5

6 Martiri di guerra-l omaggio del Maestro Muti Il giorno 6 luglio 2014 dal Sacrario Militare di Redipuglia il Maestro Riccardo Muti, alla presenza del Capo dello Stato, ha diretto l orchestra Cherubini nella Messa da Requiem di Giuseppe Verdi per ricordare le vittime di tutte le guerre. Con questo concerto sono iniziate le celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale Da sfondo al luogo storico gli Inni. Sloveno, Croato, Austriaco-Italiano. L esecuzione mirabile, sublime del grande Maestro ha saputo far vibrare i cuori. Seguivo l evento, trasmesso dalla televisione, particolarmente commossa, pensando alla mia bella Patria, ai suoi grandi eroi che immolarono le giovani vite per un Italia Unita dalle Alpi al mare. L Agnus Dei cantato con infinita dolcezza, Lux aeterna parevano dire: O fanti, che dormite a Redipuglia, non vi ridesta un fremito di gloria, fu vostra la vittoria!a noi le note suggerivano il ricordo e la riconoscenza profonda. Ad ogni pausa, inserita nei brani musicali, Riccardo Muti sostava in raccoglimento, quasi in un silenzio religioso. Immagini di repertorio mostravano i combattenti nelle trincee esposti al pericolo, i mutilati, gli ospedali da campo, i veicoli della Croce Rossa Italiana. Io richiamavo alla mente mio padre, Capitano d artiglieria, medaglia al valor militare, Cavaliere di Vittorio Veneto e uno zio, Tenente deceduto sul Carso all età dei 23 anni insignito di medaglia d argento. Il suo diario, quasi una reliquia della famiglia, è un inno all amor patrio. Non ho mai dimenticato una frase di un commento letto nell età giovanile: chi per la Patria muore vissuto è assai Donna Caritea (Mercadante). I centomila Eroi che riposano nel Sacrario di Redipuglia e i loro compagni umili e grandi siano affidati in eterno al Creatore nella sua Gloria, nella sua Luce, nella sua Pace. Angela Prandina Pagina 6

7 Diario milanese di fine agosto 23 agosto 2014, ore 8,45: mi sembra di essere ancora a Malnate; buio pesto e acqua a catinelle. Ma nessuno che mi accudisca, che mi abbia fatto trovare il Corriere con la prima colazione; così, devo mettermi l impermeabile, le scarpe da pioggia, munirmi di ombrello e guardare l incrocio di via Aselli, e finalmente arrivare dal giornalaio. Chissà se la previsione che dice schiarite in giornata si realizzerà! Si è realizzata, dopo le 14 il sole ha fatto la sua comparsa, finalmente ho potuto spegnere tutte le luci e approfittarne per andare all Esselunga, anche se c erano 22 gradi. 26 agosto 2014: verso mezzogiorno esco per andare in centro; il cielo di Milano è tutto u- na sfumatura di colori che vanno dal biancastro al grigio scuro; ma è luminoso e devo socchiudere gli occhi. Tra Piazzale Susa e San Babila, la temperatura oscilla tra i 17 e 21 gradi. Devo pranzare con una delle mie nipoti: siamo andate al Flash, un locale grande come una piazza d armi, vicino all Università Statale. Praticamente tutti i tavolini, proprio mini ( ci stanno solo i piatti, sono occupati da studenti ( gli esami di autunno si avvicinano ), da turisti ( la coppia nostra vicina è tedesca ), da zie e nipoti. Il rumore mi impedisce quasi di sentire Isabella. Per tornare a casa prendo la 54; poco dopo di me salgono un papà con due ragazzini, sono di chiare origini straniera, forse mediorientali o nordafricani di pelle chiara. Lo stupore è grande quando il papà istruisce i ragazzini a obliterare il biglietto e lo fa in italiano e i ragazzi gli rispondono in italiano. Forse comincia così l integrazione. 31 agosto 2014: è arrivata la fine di questo mese, che non poteva essere meno agostano, ma oggi ci saluta con una giornata di sole quasi intera; e io riesco finalmente a vestirmi d estate. Ma la giornata si chiude con un forte temporale. Domani sarà settembre: speriamo in un buon autunno. Rosalba Canetta Pagina 7

8 Pagina 8

9 L IMBUTEATRO Performance di narrazione per un solo spettatore alla volta della durata massima di due minuti narrazione per un solo spettatore alla volta della durata massima di due minuti. Un idea di Cinzia Morandi con Viviana Gysin/Egidia Bruno e Cinzia Morandi La performance di teatro di strada ad personam L Imbuteatro, creazione originale ed esclusiva è adattissima per qualsiasi evento o Festival teatrale, letterale, poetico o musicale. La narrazione orale attraverso gli Imbutubi, ha deliziato e sorpreso il pubblico di molti importantissimi appuntamenti culturali in Italia e all estero Musicultura, I (già Premio Recanati) - Macerata / Fira Tàrrega, E: una fra le vetrine più importanti di teatro (di strada e non) d Europa / Kultur Börse Freiburg, Germania. È sempre bello sentirsi raccontare storie. Anche quando magari non si è più bambini... Lasciati sorprendere per strada, nel bel mezzo del traffico urbano, in una piazza, su una scalinata o in un parco da uno strano duo di pronto racconto che ti conduce in uno spazio incantato, tutto per te, e nell intimità di questo luogo ti sussurra nelle orecchie piccole storie, aneddoti, favole e poesie attraverso il magico strumento de l imbutubi. Reazioni del pubblico? Questo semplice modo di raccontare suscita la curiosità dei passanti, la gente si ferma, osserva, vuole provare. Si creano code di persone in attesa, lo spazio si anima. Con gli occhi chiusi si assapora la storia prescelta e in soli due minuti la cura del sorriso è assicurata! L imbutubi è uno strumento realizzato con imbuti collegati tra di loro da tubi flessibili. L ascoltatore applica gli imbuti alle orecchie; l altra estremità dei tubi farà da microfono per le narratrici. Le due attrici incantano per un momento lo spettatore prescelto narrando piccole storie arricchite da un sorprendente universo sonoro. Pagina 9

10 Ferragosto Quest anno il 15 Agosto si è presentato con un mattiniero temporale accompagnato da un furiosa grandinata, che hanno reso nullo il progetto di festeggiarlo con un pranzo all aperto sotto le fronde del grande faggio. Questa giornata che sembrava più un inizio autunnale che una soleggiata estate non ha però impedito al personale dirigente, e che ci rifocilla ed a tutti coloro che si occupano di noi di rimediare e con celerità sono stati imbanditi i nostri tavoli nella sala da pranzo ed una lunga tavolata per amici e parenti degli ospiti nel salone di ricreazione. Così alle 13 è iniziato il pranzo orientato alla cucina romagnola, al quale abbiamo fatto onore e devo dire gustato personalmente con piacere perché in Romagna ho trascorso tanti ferragosto felici. A farci compagnia anche i Signori Tenuzzo che affettuosamente ci portano la loro presenza. Nel pomeriggio, quando finalmente un po di sole si è degnato di apparire e quindi di poter uscire, una bella tombolata condotta della nostra Mia, ci ha molto divertiti. I premi alle fortunate e soprattutto essere riunite tutte insieme ci hanno fatto dimenticare i nostri crucci. A tutti il nostro grazie, so di ripetermi ma devo dire che apprezzo moltissimo le persone che sinceramente ci circondano esternando tutta la loro amorevole assistenza. Luciana Gilli Pagina 10

11 ...di fronte all arte Non avendo una cultura artistica e quindi non sapendo molto di arte o di pittura, men che meno di quella che con le sue scene ci apre alla spiritualità, è sempre stata più una fatica (o addirittura una noia) che un piacere visitare una mostra, salvo quando mi trovavo di fronte a un quadro che mi piaceva, forse per il soggetto o i colori,ma quasi certamente non perché capissi e apprezzassi la tecnica usata dall autore o il significato che questi aveva voluto dare alla sua opera. Devo essere quindi grata, molto grata alla Dott. Luisa Strada che mi ha, almeno un poco, avvicinata alla possibilità di non solo guardare, ma di vedere quello che ho avuto e magari avrò sotto gli occhi. A partire, il 26 giugno, dal Michelangelo della volta della Cappella Sistina (che io ho sempre creduto composta solo della scene della creazione di Adamo), con la spiegazione, arricchita da continui riferimenti biblici, delle diverse scene che la compongono, dello stile adottato dall autore per dipingere la figura di Dio e i numerosi corpi umani (maschili e femminili), fino al significato dei colori che l autore ha impiegato. Il 10 Luglio, la Dott. Strada ci ha mostrata e illustrato due versioni della cena di Emmaus di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, quella di Londra e quella di Brera. In questo caso i molti riferimenti teologici erano al Vangelo di Luca, perché la Cena significa l incontro con Cristo, il suo riconoscimento e l importanza dell Eucarestia. Le due versioni della Cena sono molto differenti, pur avendo lo stesso significato e lo stesso impianto;la prima, quella di Londra, è ricca, piena di colori, di luce, di realtà fisica. La seconda trasmette invece sensi di umiltà, tristezza, mancanza di sicurezza: è un dipinto monocromo, con colori uniformi tendenti al marroncino: tra le due versioni c è l omicidio compiuto da Caravaggio e il nuovo stato d animo del pittore. Da ultimo, l accento è stato posto sulla Canestra di frutta, un oggetto che è presente nella prima Cena (è collocata in bilico sulla tavola) e costituisce un dipinto autonomo, ora conservato alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, commissionato a Caravaggio per essere donato al Card. Federico Borromeo. Anche qui sono emersi i significati spirituali del dipinto:abbondanza della grazia e caducità e fragilità dell uomo. Da ultimo. Il 24 Luglio, la spiritualità ci è stata mostrata in Vincent Van Gogh: in questo pittore è meno evidente e meno chiara che in Michelangelo o in Caravaggio. Van Gogh ha scelto l arte per diffondere il Vangelo tra la gente, non essendo riuscito a diventare un pastore come avrebbe desiderato, e nelle scene che dipinge possiamo intravedere le parabole di Cristo. Ha scelto i colori, per i quali ha una passione viscerale, per descrivere la natura e l uomo:dalle tonalità scure del periodo olandese( i mangiatori di patate ), a una tavolozza più chiara dei dipinti di Parigi coi primi girasoli, ai colori più risplendenti e più gialli di quelli provenzali, che mostreranno quello che lui sente (ancora girasoli,ma anche le stelle). Si realizza così il passaggio dall impressionismo all espressionismo. Quando sarà preda della pazzia e si farà ricoverare, tornando nel nord della Francia, continuerà a dipingere, e la sua pittura diventerà sempre più triste:i colori dominanti non saranno più i gialli, ma per esprimersi ricorrerà ai verdi e ai blu Quindi ancora una volta grazie alla Dott. Strada Rosalba Canetta Pagina 11

12 Il giorno degli aquiloni Martedì 15 luglio 2014, è un giorno che posso segnare sull agenda con il segno + ripetuto tre volte. Non mi è giunto inatteso, anzi, ma era nato da un ispirazione improvvisa mentre stavo passando alcune fotografie del tempo andato. Mi era comparsa una foto che qualcuno mi aveva fatto sul Campo di Venegono quando n giorno stavo preparando al lancio in volo una delle mie ultime creature nel campo aeromodellistico. Come spesso mi capita, da una cosa all altra sono andato indietro con un balzo lungo quanto la mia vita. Ricordi.ricordi! La voglia di fare e di costruire era sempre tanta, ma non bastava la fantasia o l avere visto qualcosa fatto da altri da copiare. Per mia fortuna un certo Natale il regalo più importante è stata l Enciclopedia dei Ragazzi di Mondadori, che era talmente grande da tenere il ripiano di un mobile del soggiorno. La lettura e la consultazione erano pane quotidiano per me, per la mia sorellina e per il mio fratellino. Eravamo un piccolo gruppo affiatatissimo e quando ce n era una da combinare ci trovavamo sempre d accordo. Io ero il capo inventore delle imprese e delle birbonate ma loro mi seguivano e collaboravano senza mai discutere. La memoria mi ha riportato agli anni delle scuole elementari, e la passione già alta per tutto quello che volava mi ha indotto a costruire qualche aquilone con i mezzi di fortuna che potevamo trovare. Ora basta andare in Centro Hobbistico o un negozio specializzato e si possono trovare tutti i materiali che si vuole. Listelli, carte colorate di ogni peso e fattura. La guida sicura l avevo trovata in una sezione specializzata dell Enciclopedia, che era divisa in diverse parti che si ripetevano in ogni volume. In ognuno c era il libro dei passatempi, e qui dentro trovavo le istruzioni per costruire tante piccole cose che hanno influito sulla mia manualità. Dovevo arrangiarmi con quello che trovavo, spesso sgraffignandolo alla mia Mamma o sfidando le sberle paterne. Per fare un aquilone semplice servivano due steccoline robuste che si mettevano incrociate su un foglio di carta velina. Per farle, visto che già pronte non c erano, la mia fantasia mi ha spinto subito a prendere una canna di bambù nell orticello paterno, uno di quei sostegni che servono per tenere ben diritte le piante dei pomodori. Con un coltello preso di soppiatto in cucina tagliavo la canna in quattro parti per il lungo. Avevo già il necessario per fare due aquiloni! Pagina 12

13 La carta, me lo ricordo, l ho recuperata disfacendo un pacchetto nel quale mia mamma aveva avvolto alcune camicie. L ho spianata bene, e il corpo dell aquilone era bell e pronto. Ci voleva anche la colla, e sapevo dove in casa si teneva un tubetto di colla rapida chiamato Tacatütt perché serviva proprio per attaccare ed aggiustare di tutto. Con qualche pezza messa qua e là ho sistemato bene al posto le steccoline di bambù, e...taglia e incolla ho messo insieme una coda che, quando è stata finita, mi sembrava quella di un bell uccello. Con uno spago preso nella dispensa di famiglia ho fatto le briglie legandole al modo giusto. Con un uscita trionfante e seguito dai miei fratellini sono andato al campo di volo. In quel tempo la mia famiglia risiedeva in una grande villa di Varese con intorno un grande parco. Al centro era una bella spianata di cemento che era servita come campo da tennis, e il campo di volo era già disponibile! Non era pensabile di far innalzare l aquilone di molto, perché le piante altissime che ci stavano intorno lo avrebbero impedito. Ma con corse ripetute sul cemento riuscivo a tenere in volo la mia.macchina volante. Le esperienze si sono succedute con successo, costruendo aquiloni con materiali eterogenei. Li ho fatti anche con fogli di giornale. Bastava che volassero! E tutto il materiale che trovavo era sempre adatto per costruire qualcosa. Nel tempo e con il passare degli anni gli aquiloni sono stati sostituiti dagli aeromodelli arrivando a quelli radiocomandati. Ora gli anni sono tanti sulle spalle, ma il ricordo delle prime emozioni di bambino mi ha indotto a proporre alla Direzione la giornata degli aquiloni che a mio dire ha avuto un esito bellissimo e entusiasmante. Seguire tanti bambini che imparano a muovere le mani e realizzano qualcosa di concreto e vivo, mi ha entusiasmato e commosso. Mi ha sorpreso favorevolmente il loro andirivieni con richieste di istruzioni fatte sempre educatamente. Ricordo quegli occhi che supplicavano un aiuto per essere rimasti indietro nella costruzione. È entrata in funzione la mia anima di nonno e bisnonno e mi sono prodigato per tutti pur di vederli felici. Quando correvano facendo volare i loro aquiloni costruiti con le loro mani mi sono commosso rivedendomi al loro posto ma con ottant anni di differenza. Ho potuto infettarli con quella passione che per me è stata travolgente e determinante per tutta la vita. Il gran finale e l appagamento l ho avuto alla fine dei lavori quando uno dietro all altro sono passati a ringraziarmi maschietti e femminucce dandomi un bacino e ringraziandomi. L ultima strizzata me l hanno data quando, dopo il pranzo offerto loro dalla Direzione, si sono affacciati nella sala ristorante mi hanno strillato il loro saluto che mi risuona ancora nelle orecchie...ciao Antonio! E i miei commensali si sono indaffarati a frenare la mia commozione. Antonio Golzi Pagina 13

14 Parole e girasoli La lettura è nutrimento per la mente o sollievo per l anima: queste parole non rappresentano un luogo comune e non sono una frase fatta. Tutti noi che abbiamo avuto e abbiamo occasioni e possibilità di leggere, abbiamo sperimentato questi sentimenti: la pagina di un romanzo, il verso di una poesia, il paragrafo di un saggio ci hanno dato consolazione e non solo informazioni. La lettura ad alta voce ha origini lontane: essa si effettuava nei conventi, nei salotti, nelle biblioteche, e le motivazioni di tale modalità di lettura erano differenti; è stata ed è comunque un occasione per consentire alle persone che in certe circostanze non possono farlo direttamente, di partecipare a questo piacere. Auser Forlanini (Milano) ha da tempo proposto questa possibilità agli ospiti della RSA di Via Saccardo e ai propri volontari; un paio di volte al mese un gruppo di lettrici e lettori legge per loro ad alta voce. Ora, la proposta si è allargata ed è stata offerta agli ospiti della RSA che non si sentono o non possono scendere a piano terra della Sala Teatro. Così, da poco più di un anno, una volta alla settimana mi reco nel Reparto Girasoli e leggo ad alta voce per un gruppo di dieci dodici persone, quasi tutte signore (c è solo un signore) che hanno una qualche carenza di tipo cognitivo. Stiamo insieme più o meno mezz ora in un ambiente molto luminoso, con comode poltrone sulle quali prendono posto; questa è la misura di tempo consigliata per mantenere viva, per quanto possibile, l attenzione. Per la lettura, per il suo ascolto occorre silenzio; e qui quasi sempre riusciamo ad ottenerlo, e se qualcuna osa interromperlo, le altre ascoltatrici la zittiscono prontamente. Questo mi fa pensare che in loro si siano risvegliate una certa attenzione e una certa voglia di sapere. Il primo approccio è stato quello di proporre la lettura di racconti, brevi racconti di Mario Calabresi, Mario Soldati, Dino Buzzanti, Alberto Vigevani. A volte ho aggiunto piccolissimi saggi di una filosofia milanese che, vissuta in Francia per molti anni, voleva riprendere possesso non solo dell italiano, ma anche di alcuni termini, italiani ma di origine milanese, che avevano caratterizzato in famiglia i discorsi della sua giovinezza. Pagina 14

15 Visto il buon esito di queste letture, ho suggerito loro di leggere un romanzo, suggerimento che è stato ben accolto. In questo anno (da ottobre a giugno) abbiamo letto due romanzi romantici, di scrittrici inglesi: uno ambientato nell Inghilterra di inizio Ottocento, l altro sempre ambientato in Inghilterra, ma in un periodo più vicino a noi. Tutt e due in testi hanno trame abbastanza semplici, ma non banali; trame che richiamavo alla mente delle ascoltatrici all inizio di ogni incontro, in modo che sapessero sempre dove avevamo lasciato i protagonisti e quindi da dove la storia ricominciava. La mia impressione è che le signore abbiano seguito il fluire del racconto; lo deduco dalle loro reazioni: qualche commento a volte anche malizioso, sui personaggi e sul loro interagire; qualche previsione sul prosego della trama, sempre con la speranza che finisca bene. Ovviamente non ho strumenti ne tecnici ne scientifici per dire e verificare se e quali ricadute abbia avuto la lettura ad alta voce sul vissuto delle ascoltatrici. Sono però quasi sicura che questo tempo (quasi sospeso) ha donato loro almeno una interruzione della monotonia della giornata e magari anche della loro solitudine; ha donato loro una briciola di divertimento, quasi di sogno. E forse ha fatto nascere in loro il desiderio di ripetere gli incontri. Di una cosa sono credo di poter essere certa: si è creato un legame tra me e queste signore. Me lo suggerisce il modo col quale mi accolgono quando arrivo e come mi lasciano alla fine della lettura. Qualcuna riesce a ringraziare con la voce; altre, e forse in modo anche più eloquente, ringraziano con gli occhi, brillanti e ammiccanti, o con piccoli gesti delle mani (giungendole o accennando un applauso); o addirittura con una richiesta: Non c è qualche altra riga da leggere? Rosalba Canetta Pagina 15

16 I AGOSTO 2014 Si celebra oggi la festa Nazionale Svizzera del I agosto che ricorda un evento molto importante che risale a 700 anni fa, quando il I agosto 1291 tre cantoni alpini giurarono fedeltà alla Confederazione. I rappresentanti di Svitto, Undervaldo ed Uri, si incontrarono in una località sovrastante il lago dei Quattro Cantoni per sottoscrivere un patto di fratellanza che consentisse di unire le forze nel caso di aggressioni nemiche. Un atto che, successivamente, venne considerato come la formazione della Svizzera e che il governo nel 1891 dichiarò festa Nazionale. Anche la nostra Residenza celebra questa festività così importante per tutti gli svizzeri ed io sono stata gentilmente invitata a manifestare a nome di tutti gli ospiti la nostra partecipazione alla ricorrenza e naturalmente a ringraziare tutte le persone che ce ne hanno concesso l opportunità. Il nostro grazie quindi va a tutto il Consiglio della Fondazione, al Presidente Dr. Fossati che si interessa del nostro benessere e ci onora della sua presenza con gentilezza e signorilità; alla vice Presidente sig.ra Tenuzzo, che insieme al marito, si uniscono spesso a noi per il pranzo, informandosi della nostra salute e ci portano una folata di esteriorità; alla sig.ra Bosshard, gentile benefattrice, che oltre a trascorrere con noi il periodo estivo ci procura segni tangibili della sua generosità con gradite sorprese; alla nostra cara Direttrice d.ssa De Micheli che non manca certo di sensibilità nel gestire le nostre molteplici esigenze di sopravvivenza con atti, parole e prove di affetto;infine a tutto il personale della Residenzache ci assiste, ognuno secondo l incombenza assegnatagli, con pazienza, comprensione e molta, molta attenzione ai vari problemi che la nostra condizione comporta. Non possiamo certo dimenticare tutti i componenti delle varie attrazioni: musiche, canti, letture, fotomontaggi ed esercizi vari che eseguono per noi durante l anno e che oggi non mancheranno certo di riproporci a diletto dei partecipanti. Un grazie di cuore a tutti e buon divertimento! Luciana Gilli Pagina 16

17 Pagina 17

18 Fondazione La Residenza Chiediamo scusa per eventuali errori di battitura Via Paolo Lazzari, MALNATE TEL : FAX: Pensieri di Lucia Siamo su internet Oggi è l ultimo giorno delle mie vacanze estive 2014, ho fatto luglio e agosto. Ho festeggiato la festa della Confederazione Svizzera che cade il primo agosto, ed equivale alla nostra festa della Repubblica Italiana che si festeggia il 2 giugno. Alla Residenza la Serenità è di casa! In quest occasione ho mangiato benissimo e bevuto con parsimonia. Io vengo sempre con il proposito di diminuire qualche chilo ma parto con qualche chilo in più, questo lo devo ai nostri ottimi cuochi. Questi due mesi sono volati nonostante il tempo sia stato inclemente. Mi sono chiesta: sono diventata più buona io o è migliorata la Residenza? L ardua sentenza ai posteri! Sono stati due mesi con tanti appuntamenti culturali e musicali, tombole e cruciverba Vorrei chiudere con dei ringraziamenti al personale, agli infermieri e alla ottima direzione; e qui mi fermo con un saluto e un arrivederci all anno prossimo? Lucia Bosshard Pagina 18

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

natale Gnomi al lavoro!

natale Gnomi al lavoro! natale Gnomi al lavoro! La fabbrica di Babbo Natale è un posto davvero speciale, ci sono gnomi specializzati molto ben organizzati che preparano giochi e dolcetti per riempire tutti i pacchetti: dipingono

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Report di viaggio- Anastasia Malavolti. Le mie tre settimane in Belgio

Report di viaggio- Anastasia Malavolti. Le mie tre settimane in Belgio Report di viaggio- Anastasia Malavolti Le mie tre settimane in Belgio L esperienza di scambio culturale che ho provato quest anno è stata una cosa unica, che mai avevo provato fino ad ora e che mi ha lasciata

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Concerto di Natale 2014

Concerto di Natale 2014 La serata in musica, prima delle festività natalizie, è diventata ormai un appuntamento immancabile per tutti noi, studenti, genitori e insegnanti delle Scuola Secondaria di Primo grado dell Istituto di.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli