MULTICULTURA-INTERCULTURA. SCENARI ODIERNI E COMPITI PEDAGOGICI. Giuseppe Milan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MULTICULTURA-INTERCULTURA. SCENARI ODIERNI E COMPITI PEDAGOGICI. Giuseppe Milan"

Transcript

1 MULTICULTURA-INTERCULTURA. SCENARI ODIERNI E COMPITI PEDAGOGICI. Giuseppe Milan Scenari dall alto e da vicino Se come in un film di Wim Wenders riprendessimo una panoramica dall alto e, lentamente, con una telecamera curiosa e impertinente, facessimo zoom nel microcosmo delle nostre relazioni ravvicinate, coglieremmo forse un sottile contrasto tra la presunzione della città, insuperbita dal suo ingigantimento ormai senza confini, e il nanismo di ciascuno di noi, del nostri circoli ristretti, delle nostre esistenze spesso delimitate in spazi affettivi, sociali, culturali più che fisici davvero angusti. Mi sovviene l antica, amara e attualissima denuncia di Nietzsche, che, attraverso la voce di Zarathustra, lancia la sua invettiva contro tanti incapsulamenti urbanistici ma soprattutto antropologici, esistenziali e culturali, che rimpiccioliscono l essere umano: Egli (Zarathustra) voleva venire a sapere che cosa fosse avvenuto nel frattempo dell uomo: se fosse diventato più grande o più piccolo. E una volta, al vedere una fila di case nuove, disse pieno di meraviglia: Che mai significano queste case? In verità, non fu certamente un anima grande a erigerle a sua immagine e somiglianza! Un bimbo scemo le ha tirate fuori da scatole dei suoi balocchi? Magari un altro bimbo le rimettesse dentro la sua scatola! E queste camere e stanzette: possono uomini entrarne ed uscirne? E Zarathustra si fermò meditabondo. E infine disse, turbato:' Tutto è diventato più piccolo!'. (NIETZSCHE, 1928:10) Quella di Nietzsche è la domanda pedagogica più radicale: stiamo diventando più grandi o più piccoli? Il nostro vivere odierno favorisce l umanizzazione o stiamo disperdendo ogni giorno di più briciole o montagne di umanità? Le nostre case, gli interstizi di socialità tra noi, le nostre stesse identità ci consentono di spaziare? Ci è permesso di viaggiare, e che tipo di viaggio ci viene eventualmente proposto? Facendo zoom anche con il tempo, in un andirivieni presente-passato, un altra pagina suggestiva e inquietante che torna alla mente è quella di Büchner, nel suo Woyzeck, in cui si parla di un bambino orfano relazioni, di un viaggio in un mondo inospitale: C era una volta un povero bambino e non aveva papà e non aveva mamma, erano morti tutti, e non c era più nessuno al mondo. Tutti morti, allora lui è partito e ha cercato giorno e notte. E siccome sulla terra non c era più nessuno, ha voluto andare in cielo: c era la luna che lo guardava così buona; e quando finalmente era arrivato alla luna, quella era un pezzo di legno marcio. E allora è andato dal sole e quando era arrivato al sole, quello era un girasole appassito. E quando arrivò alle stelle, erano dei moschini d oro [...]. E lui voleva tornare sulla terra, anche la terra era una pentola capovolta. E lui era solo solo. E allora si è seduto e si è messo a piangere, ed è ancora là seduto, solo solo. (BÜCHNER, 1978:155) Succede spesso anche ai nostri giorni: abbiamo tutto - sole, luna, cielo dorati - tuttavia rischiamo di essere senza papà e senza mamma, di ritrovarci nella frustante solitudine di chi protagonista e vittima di una radicale orfanezza - è dovunque straniero ed estraneo, anche nei propri riguardi, perché straniera ed estranea è per lui la relazione autentica. Il turbamento di Zarathustra tutto è diventato più piccolo! non è inattuale. E non è inattuale il viaggiare come il bambino di Büchner nel paradossale contrasto tra il mondo dell apparenza presuntuosa e quello reale dell indifferenza rivestita di fronzoli o di false promesse. 1

2 Anche Zygmunt Bauman, importante studioso nostro contemporaneo, cammina con la lanterna di Diogene e denuncia a modo suo tante forme di rimpicciolimento: sempre più frequentemente noi figli dell opulento occidente ci rintaniamo nel chiuso delle nostre paure, e spinti dalla crescente Building Paranoia (FLUSTY,1997:48)- innalziamo attorno alle nostre case, attorno ai nostri quartieri o alla nostra civiltà una serie infinita di recinzioni, di separatori sociali, di strumenti di interdizione che elementi portanti di una cultura della lontananza, dell intolleranza, dell apartheid - impediscono all altro di valicare i nostri confini e di avvicinarsi alle nostre abitazioni. Questi bunker dell io, queste nicchie culturali iperprotette da sofisticati sistemi d allarme, figlie di un distorto senso della sicurezza, non sono certo la dimora esistenziale pertinente all essere umano. In esse, egli spesso tradisce se stesso, contraddice il compito educativo di migliorare, di diventare più grande, di oltrepassarsi veramente, andando oltre i confini ristretti per avvicinarsi ad altri fini. Nella modernità liquida sostiene Bauman è arduo coagulare forme solide, cioè esperienze di solidarietà fondate su una base etico-culturale che non sia precaria come il ghiaccio sottile, sul quale l unico modo di non sprofondare è quello di pattinare velocemente (BAUMAN, 2004). Fuori di metafora, sono soprattutto le relazioni umane, a tutti i livelli, a risentire della diffusa precarietà esistenziale e della frequente attitudine a sottrarsi all impegno implicato dall incontro con l altro. All incapacità di sostare nella relazione interumana corrisponde quasi sempre il fastidio per le traiettorie altre che attraversano e a volte ostacolano le nostre corse senza freni e senza bussola. Breve e spesso scontato è, a questo punto, il passaggio all esercizio della violenza contro l altro. Questo può succedere nel microscopico mondo chiuso delle nostre pareti domestiche ma anche, con conseguenze a volte assai inquietanti, all interno di dimensioni socio-culturali-politiche molto più ampie. Venendo ad un attualità non troppo lontana nello spazio e nel tempo, basta pensare ai fatti che hanno a più riprese sconvolto alcune periferie francesi, specialmente di Parigi: essi ci offrono lo spunto per cogliere - anche attraverso confronti e differenziazioni la complessità di situazioni che attingono anche al nostro tema. Certamente entrano in gioco una molteplicità di concause, di ordine politico-culturale-socialeeconomico, che qui non è il caso di analizzare. E comunque evidente che, nel contesto città di cui stiamo parlando, si attuano spesso rapporti di potere squilibrati a livello micro e macroscopico che consolidano una stratificazione socioculturale fortemente asimmetrica. La Banlieue è periferia, e non solo urbanisticamente. Fa riferimento al senso di esclusione-espulsione-emarginazione che la periferia evoca rispetto al centro, a processi di marginalizzazione che potrebbero ricordare la messa al bando (fuori dalla città) degli individui e dei gruppi più poveri e ritenuti più pericolosi. La banlieue è quindi, per chi la abita, ma anche per chi la guarda da lontano, sinonimo di insicurezza e precarietà socioculturale, tanto da poter essere considerata un vero e proprio ghetto dei diversi. Luogo di un alterità relegata a debita distanza. Ma voglio ricordare che, non lontano dai ghetti dei poveri e degli immigrati, stanno proliferando in Francia, e non solo, molti ghetti dei ricchi, bunker per classi medio-alte: lottizzazioni degli agglomerati urbani che assumono la configurazione di castelli inespugnabili, con tanto di recinzioni, cancelli telecomandati, vigilanti, telecamere di controllo. Isolati dal mondo, i residenti di queste oasi private, schiavi di una crescente psicosi della sicurezza, innalzano una serie di separatori sociali, di strumenti di interdizione che tengono lontani gli altri, i vagabondi-miserabili che vivono dall altra parte. Questo proliferare, anche nel territorio francese, di comunità autoreferenziali, di enclavi riservate alle classi medio-alte, mostrano che una sempre più netta frattura socio-culturale sta minando alla base il modello di convivenza sociale perfino in un paese che si era posto come crogiolo della coabitazione sociale e del vivere insieme. Anche in Francia, come nelle gated communities americane, costituite in base a un apartheid sociale ed etnico, sembrano perciò prevalere i raggruppamenti per affinità, una specie di frantumazione urbana in nome di un tra-di-noi autocentrato e separato. 2

3 Il tradizionale modello assimilazionista francese, pertanto, sembra entrato profondamente in crisi, e questo per una serie di ragioni: la già menzionata Building Paranoia, paranoia della costruzione, paranoia di chi innalza separatori e interdizioni socioculturali (così Steven Flusty definisce il frenetico boom edilizio provocato dalla crescente paura dell altro e dalla conseguente, a volte patologica, ricerca della sicurezza dell isolamento ); il tribalismo etnico e familiare di alcuni degli antichi immigrati ancora ermeticamente chiusi in forme di resistenza culturale; la condizione precaria dei molti giovani di seconda-terza generazione (i beurs, nel gergo delle periferie, ormai diventato linguaggio comune), i figli o i nipoti degli immigrati. Questi sono doppiamente stranieri : nati in Francia e cresciuti frequentando le scuole laiche della repubblica, non si sentono più magrebini autentici, ma neppure autentici francesi, pur avendo spesso la nazionalità. Non basta infatti un passaporto e la concessione della cittadinanza formale per sentirsi cittadini e per usufruire realmente dei diritti esaltati dalla retorica ufficiale repubblicana. Certamente essi manifestano la loro collera contro il declassamento sociale, contro il gap nelle opportunità di accesso, ma anche, in particolare, contro un modello di integrazione che, con la sua ambizione ad oltrepassare le identità etniche-religiose, a dare a tutti una medesima appartenenza cittadina, finisce però per chiedere un assimilazione omogeneizzante delle diversità: un modello di integrazione che, comunque, non ha impedito a queste giovani generazioni di autopercepirsi come cittadini di serie B proprio perché figli di immigrati e perché nei vari contesti, tra cui quelli scolastici, vivono notevoli difficoltà di integrazione. la miopia politico-culturale, che ha ridotto o eliminato la presenza di catalizzatori" e mediatori capaci di aiutare la costruzione della comunità, il senso di appartenenza. La denuncia viene, in questo caso, da un testimone di assoluto prestigio, lo storico Le Goff, che scrive: Le colpe dei governi sono enormi, poiché hanno fatto scomparire quelle strutture che servivano a smussare le tensioni. Mi riferisco, per esempio, alla polizia di quartiere che aveva anche il compito di discutere con i giovani. Oggi, nelle banlieues esiste soltanto una polizia di repressione. Sono stati anche cancellati molti ruoli di mediazione. Penso a quegli operatori sociali incaricati di far regnare una certa pace sociale creando forme di dialogo tra le comunità" (intervista pubblicata da Il Manifesto, ). Viene perciò criticato, da Le Goff, il passaggio da un modello di intervento seppur velatamente aperto ad un attenzione pedagogica, ad un modello più decisamente poliziesco-repressivo. Se è vero che il modello assimilazionista francese è ormai da anni sotto scacco, è pur vero che anche gli altri modelli di integrazione hanno a più riprese mostrato grossi limiti: gli attentati di Londra e l'assassinio di Teo Van Gogh (in Olanda) sono stati gli indicatori della crisi del multiculturalismo, sia nella versione comunitarista britannica, sia in quella olandese fondata su una grande apertura rispetto alle diverse confessioni religiose: in realtà, le comunità tendono, al proprio interno, ad un conformismo identitario omologante e si chiudono all esterno, perciò non si mescolano, anzi sembra accentuarsi la formazione di un reticolo di comunità non comunicanti, la frammentazione, l arcipelago delle isole separate, tra le quali si manifestano anche forme di violenza e di razzismo interetnico. Pure negli Stati Uniti, pare ormai definitivamente caduto il tradizionale modello del melting pot, modello-crogiolo per cui le diversità culturali pur formalmente accettate - dovevano fondersiassorbirsi nella comune identità culturale americana fino a veder impallidire le specificità originarie. Il modello ora prevalente è definito del salad bowl (letteralmente insalatiera ), che allude ad una mescolanza in cui ogni elemento si differenzia e si mantiene uguale a se stesso. In ultima analisi, da entrambe le sponde dell Atlantico si muove la tendenza ad una specie di tolleranza indifferente, che produce con alterna fortuna - forme di assimilazione e forme di separazione: una tolleranza che evidentemente nega la relazione autentica, in quanto io ti accetto a patto che la tua alterità non chieda di cambiare qualcosa in me, della mia identità. 3

4 Dobbiamo riconoscere che il multiculturalismo sostiene giustamente che ad ogni gruppo etnico vanno date risposte che salvaguardino la specificità delle differenti tradizioni culturali. Questa posizione può positivamente contrastare quel monoculturalismo fondamentalista, che per definizione non dà spazio alle differenze etnico-culturali e che - presupponendo un sistema culturale monocromatico, color blind (cieco, incapace di cogliere le differenze cromatiche )- ricorre a processi di omogeneizzazione-appiattimento, ad un assimilazione forzata che impone l idea di uguaglianza come radicale neutralizzazione delle diversità. Considerando la prospettiva multiculturale, l attenzione critica va posta però sul fatto che, alla formale accettazione della molteplicità delle espressioni culturali, si accompagna spesso la presunzione di superiorità di una cultura sulle altre, in base al Mito della propria perfezione e dell imperfezione altrui : si costituiscono allora forme di one-up one-down culturale, relazioni a-simmetriche che si reggono su dinamiche vincente-perdente. D altra parte, è altrettanto vero che, in molti casi, questi processi di frammentazione e di enfatizzazione delle differenze sono provocati non soltanto da modalità relazionali espulsive da parte di chi si ritiene up verso chi è down, ma anche dagli incapsulamenti difensivi nelle già citate forme di resistenza culturale a volte anacronistiche - attuate dalle stesse minoranze a tutela delle proprie tradizioni. La prospettiva interculturale e i compiti pedagogici connessi Di fronte agli scenari complessi, di cui ho velocemente toccato alcuni aspetti e che evidentemente riguardano anche il nostro Paese, sempre più multiculturale, potremmo indurci ad un certo pessimismo e a subire gli eventi, nella convinzione che gli accadimenti siano più grandi di noi e che non possano per nulla essere orientati da un intelligenza pedagogica capace di iniettare nel sistema la linfa feconda del dialogo e di collaborare così al difficile parto dell intercultura autentica. Ponendomi in una prospettiva costruttiva, affermo innanzi tutto di condividere pienamente la denuncia di Le Goff sulle conseguenze dell assenza di autentici operatori sociali in contesti che rischiano la più diffusa frammentazione socio-culturale. Ritengo che l interculturalità sia la prospettiva autenticamente alternativa e innovativa rispetto ai contesti odierni, e che al riguardo sia necessario e urgente ridare un anima alla nostra convivenza: la parola d ordine animazione, strettamente connessa a quella di educazione, assume estrema importanza come metodologia di riferimento imprescindibile e saldamente radicata ad una visione dialogico-partecipativa delle relazioni interpersonali e interculturali. È chiaro tuttavia, che questa prospettiva, fondamento dell interculturalità, richiede forme di impegno forte sul piano culturale-politico-pedagogico. E non sono pochi gli studiosi che, da varie posizioni, vi alludono evidenziando un comune sentire e una condivisione di orientamenti anche sul piano metodologico-prassico. Vengono indicate finalità sociali, culturali e politiche ma ancor prima pedagogiche -, che possono essere perseguite con successo soltanto attraverso la responsabile decisione di individui e di comunità che sappiano recuperare il senso di un percorso educativo-culturale-politico capace di coniugare le esigenze della persona, unica e irripetibile, e quelle dell appartenenza alla comunità umana, attraverso strategie di animazione capaci di rivitalizzare il tessuto antropologico del territorio. Musica, teatro, attività sportive e artistiche, sollecitazioni culturali come, ad esempio, quelle promosse dalle biblioteche possono essere quei contenuti dell animazione che fungono da attrazione, da poli di interessi interculturali capaci di incrementare la partecipazione dei cittadini, la loro conoscenza reciproca, e, naturalmente, la costruzione di relazioni positive attraverso le quali si attua la feconda dinamica di integrazione-interazione tra esponenti di culture diverse. Credo che proprio l'educazione, e in particolare l educazione interculturale, possa essere il segreto per la formazione dell essere umano glocale (come lo definiscono alcuni), globale e locale insieme, planetario ma decisamente e attivamente situato nel suo ambiente culturale specifico, 4

5 non certamente avulso nel mondo della virtualità: un essere umano legato fattivamente alla propria gente ma anche cosciente dell' interdipendenza delle dinamiche planetarie e, di conseguenza, capace di oltrepassarsi, di viaggiare esistenzialmente e culturalmente, di valorizzare le differenze culturali e di viverle positivamente, in una relazione dialettica che arricchisca il soggetto stesso e la società intera. La prospettiva che si apre tra universalismo monoculturalizzante-omogeneizzante-globalizzante e relativismo frammentante richiede di superare in una nuova sintesi sia l esaltazione dell omologazione come espressione del pensiero unico, sia l esaltazione della differenziazione e del comunitarismo come enfatizzazione delle diversità: essa, rifacendosi alla dimensione inter = tra, mira ad una coesione sociale che si fonda sulla dinamica convivialità delle differenze tra le persone e le culture, sulla dinamica del con-essere tra soggetti individuali e plurali all interno di una prospettiva etico-culturale che vede l altro nella dimensione amicale e fraterna e che, evidentemente, va sempre progettata e ri-progettata. Al conflitto che nega l altro si sostituisce un confronto critico-costruttivo, quello che si instaura fra narrative contingenti appartenenti a mondi diversi. In questa nuova dimensione l idea di tolleranza viene sostituita da quella, qualitativamente superiore, di rispetto: solo rispettando l altro ci si lascia interrogare - questionare da lui (DERRIDA, 2000), innescando un conflitto, una lotta costruttiva, dove il confronto avviene tramite la contaminazione. Perciò alla prospettiva interculturale sono riferibili le proposte di pensatori (come Buber, Lévinas, Derrida, Freire) che, sia sul piano della prospettiva-finalità che su quello dell approccio-metodo, insistono sulla necessità del dialogo, delle dimensioni relazionali positive.. L integrazione-interazione interculturale si pone quindi sul piano della progettualità e della prescrittività, dell intenzione-attuazione, e va concepita come un processo aperto, dinamico e graduale: ci si preoccupa certo di difendere e valorizzare i valori fondamentali della società ospitante, mettendoli tuttavia in dialogo costruttivo e senza esigere che i nuovi venuti rinuncino o neghino alla loro cultura originaria. Questo approccio pedagogico implica l apertura ad un relativismo, inevitabile e giustificato quando è culturale, però inaccettabile quando è etico. Il relativismo culturale, infatti, allude unicamente alla presenza di molteplici identità culturali dialoganti (riconoscendo che nessuna può avere presunzioni di superiorità rispetto alle altre). Il relativismo etico, invece, professa l incommensurabilità, l incomparabilità tra valori, l impossibilità di approdare ad un minimo comune denominatore etico-assiologico condiviso (e questo non è accettabile). Un etica che voglia essere universale deve pertanto disancorarsi dalle culture particolari, giacché l irriducibilità di una cultura ad un altra non implica l impossibilità del confronto e del dialogo rispettoso, della concreta convergenza, anzi, si potrebbe persino profilare un universalismo della differenza, una sintesi disgiuntiva in cui proprio l inassimilabilità delle singolarità costituisca il trae d union fra le stesse, una base di partenza per la ricerca di comuni orizzonti. Il processo di integrazione-interazione interculturale punta all apprendimento reciproco, e scommette in realtà su un'ibridazione feconda nel medio o nel lungo periodo. L educazione interculturale, come strategia a piccoli passi, si avvale di una comunicazione attenta sia allo scambio dei saperi-contenuti-conoscenze sia, e soprattutto, alle dinamiche relazionali. In ultima analisi, per porsi come sfondo di tale processo integrazione-interazione, la città, il territorio, la scuola in particolare, dovrebbero essere laboratorio permanente di apertura e di educazione: - alle relazioni : come educazione all'autenticità dei rapporti interpersonali, all'ascolto, all'empatia. - alla percezione dell interdipendenza : come conoscenza dei meccanismi sociali economici e politici che regolano i rapporti tra diverse identità culturali, fra Nord e Sud del mondo e di ciò che ne consegue. - all' approccio interculturale : come conoscenza e apertura alle diversità, convivialità delle differenze. 5

6 Il compito di intuizione La progettualità in ambito pedagogico deve prendere le mosse dall attenta considerazione della realtà complessa e della feconda problematicità che essa sottende. Come ho cercato di evidenziare, la tematica dell interculturalità investe oggi trasversalmente il nostro agire nell ambito dell educazione e della formazione e sfida il nostro pensare pedagogico, chiedendogli un rinnovato e per certi versi inusitato impegno. Credo che imprescindibile sia il compito di intuizione, cioè l impegno a indagare sulla nostra realtà culturale con effettiva intelligenza della complessità dei fenomeni in atto e dei bisogni educativi espliciti e impliciti, con gli strumenti idonei per garantirci sul piano della conoscenza e, in particolare, su quello della comprensione dei fenomeni stessi. E perciò necessario osservare ed è ancor più importante cogliere, capire, problematizzare : ecco il senso dell intuizione, come capacità di stabilire un vero dialogo con la realtà, per passare dalla superficie alla profondità, per conoscere ciò che si muove la dimensione metabletica in atto ma soprattutto per comprendere perché si verificano determinati movimenti e di quali bisogni e aspirazioni siano essi sintomi. Prescindere da questa fase di indagine-osservazione significherebbe, come spesso succede, intraprendere percorsi formativi astratti e caduti dall alto, anacronistici e perciò sterili. La lettura della realtà necessita di far tesoro di diverse prospettive di osservazione, dando voce a componenti fondamentali del mondo educativo-scolastico: insegnanti, dirigenti scolastici, genitori. Possono così emergere una serie di evidenze condivise, che indicano le emergenze più significative presenti nel territorio considerato. Recenti ricerche svolte sui nostri territori (BERGAMO, 2006) rilevano i seguenti nodi problematici, sui quali sarà necessario riflettere attentamente per approdare ad una comprensione profonda dei bisogni educativi sottesi: il sovrappiù di disagio vissuto da bambini/e e da ragazzi/e figli delle migrazioni, un sovrappiù che quasi sempre accentua il disagio naturale di natura endogena connesso alla complessità dei compiti di sviluppo propri dell età. Si aggiungono perciò vari fattori, soprattutto esogeni, derivanti perciò dall esterno, dalle complicazioni spesso legate alle difficoltà di integrazione in un contesto culturale nuovo e allo sradicamento dalla cultura di provenienza; la possibilità che tale disagio accentuato si cronicizzi e apra facilmente la strada a forme di devianza conclamata; l ulteriore dose di disagio provato frequentemente dalle bambine/ragazze, che spesso risentono di un minore investimento da parte delle famiglie, della cultura di provenienza, e che ancora più nettamente avvertono il peso di certe distanze culturali nei comportamenti diffusi e nelle aspettative nei riguardi della donna; il diffuso insuccesso scolastico e il circolo vizioso che lo lega al disagio vissuto dagli alunni; le diverse tipologie di alunni, espressione delle molteplici identità culturali presenti nel territorio; le forti difficoltà di comunicazione causate dalle difficoltà linguistiche e la necessità di attuare efficaci percorsi di formazione linguistica, anche per i genitori; il diffuso senso di inadeguatezza degli insegnanti, per la difficoltà di operare efficacemente sul piano didattico, e in vari casi la loro accentuazione delle difficoltà di fronte alle nuove esigenze espresse dalla scuola multiculturale; l ancora insufficiente presenza di mediatori linguistici e culturali realmente preparati a svolgere le funzioni collaborative cui sono chiamati; l importanza dei docenti referenti che tutte le scuole dovrebbero prevedere per l attenzione con cui essi possono trattare la problematica dell educazione interculturale come dimensione trasversale e interdisciplinare (non certo per essere i soli titolari di iniziative interculturali, ma per favorire la più ampia condivisione della problematica interculturale e della didattica conseguente); 6

7 la necessità di assumere una visione sistemica dell educazione interculturale e, conseguentemente, di operare più decisamente per il lavoro pedagogico di rete in questa direzione; l importanza di riorganizzare la scuola (ad es., il numero di alunni nelle classi, il rapporto alunni autoctoni alunni immigrati ) e la formazione pedagogico-didattica degli insegnanti; la necessità di non considerare l educazione interculturale legata alla presenza di persone/famiglie immigrate, ma come dimensione pedagogica trasversale, fondata su un paradigma antropologico dialogico-interculturale; l urgenza di un educazione interculturale che si esplichi nella prospettiva della pedagogia di comunità, facendo leva su alleanze pedagogiche nei vari contesti, con la presenza di agenti di intrecciamento e di rete (ad esempio, gli educatori sociali ) che operino come figure di sistema. A questi e ad altri nodi significativi si connettono immediatamente corrispondenti bisogni formativi. Da qui bisogna muovere una progettualità pedagogica capace di accogliere attentamente le indicazioni derivate da questa fase di intuizione, di impegnarsi quindi in quelli che amo definire compito di intenzione (indicare e tendere alle finalità educative nella prospettiva dell interculturalità) e compito di attuazione (realizzare concretamente percorsi formativi conseguenti, attraverso una metodologia capace di assumere i valori della diversità e di collaborare ad integrarli creativamente nella prassi secondo un approccio dialogico-interculturale. Il compito di intenzione Come suggerisce Zygmunt Bauman, per costruire l intercultura è necessario mettere in discussione le premesse apparentemente indiscutibili del nostro modo di vivere (BAUMAN,2001b:8), che prevalentemente si fondano sull autocentramento dell io e sulla conseguente svalutazione dell alterità: premesse che contribuiscono a caricare di disagio il vivere odierno e impediscono l autentica comprensione del mondo, in quanto la parziale prospettiva di partenza di tipo egologico riduce enormemente l angolo di illuminazione di se stessi, degli altri, della realtà. Chi rovista nella nebbia del proprio io non è più in grado di accorgersi che questo isolamento, questa prigione solitaria dell io, è una sentenza di massa (BAUMAN,2001b:67-68). È perciò necessario e urgente recuperare o scrivere ex novo un antropologia capace di ridare luce e forza a quei fondamenti che possono rinsaldare i legami autentici tra gli esseri umani, dando ragione alle attese dei singoli e delle società. Bauman, le cui suggestioni sono immediatamente applicabili sul piano pedagogico, evidenzia a più riprese alcune finalità importanti per l umanità, tutte in ultima analisi legate alla costruzione di legami significativi a livello interpersonale, sociale, interculturale. Il suo intento è quello di favorire il passaggio dalla molteplicità frammentata alla socialità dialogante. Egli sostiene che l umanità contemporanea parla con molte voci e ( ) continuerà a farlo per un tempo lunghissimo. La questione centrale della nostra epoca è come trasformare questa polifonia in armonia e impedirle di degenerare in cacofonia ; ma sappiamo anche e questa è già un indicazione pragmatica e pedagogica che essa è edificata esclusivamente con la calce e i mattoni degli affetti umani e dell impegno (BAUMAN,2001a: ). Il suo compito fondamentale è quello di trovare l unità nella diversità : compito arduo, tentato molte volte nel corso della storia, ma presente più spesso nelle dichiarazioni d intenti che in effettive realizzazioni: tra l unità e la diversità non è mai esistita una vera e costruttiva reciprocità, perché sempre e alternativamente - una ha ceduto il passo all altra secondo una modalità vincente-perdente. Anche rispetto a questo traguardo di emancipazione sociale e interculturale unità nella diversità -, Bauman propone una possibile strategia: Deporre le armi sospendendo gli scontri di confine combattuti per tenere lontano lo straniero, demolendo i piccoli muri di Berlino eretti quotidianamente per tenere lontane le persone e per separarle. Allo stesso tempo, invertendo 7

8 le tendenze, accentuate dalla globalizzazione, all isolamento solipsistico e alla diffusione di modalità esistenziali impersonali e anonime, bisogna farsi consapevoli che la strada verso un ekklesía veramente autonoma passa per una popolosa e vibrante agorà in cui ogni giorno le persone si incontrino per continuare lo sforzo congiunto di traduzione tra i linguaggi degli interessi privati e del bene pubblico (BAUMAN,2001a:22). Si tratta di finalità sociali, culturali e politiche ma ancor prima pedagogiche -, che possono essere perseguite con successo soltanto attraverso la responsabile decisione degli individui, chiamati ad un impegno di natura morale prima ancora che di partecipazione politica. Esse richiamano infatti all opzione etica fondamentale, quella che sola può risolvere radicalmente la questione del rapporto con l Altro. Andare alla radice del problema, a questo punto, significa pervenire alla domanda cruciale, per ogni essere umano, quella rivolta da Dio a Caino: Dov è tuo fratello?. È, in fin dei conti, l intima provocazione che si leva anche dalla coscienza di ogni essere umano e chiede Chi è l Altro per te?, Chi sei tu per l Altro?. Esistono evidentemente diversi tipi di risposta. Qui si attua o si nega, radicalmente, in questo drammatico gioco tra domanda e risposta, la qualità etica dell esistenza umana. Da questo primo nodo etico ed esistenziale si sviluppa in un certo modo, più o meno positivo, la trama complessa delle relazioni interpersonali e sociali. L origine dell immoralità, il primo errore interpersonale e sociale, sta proprio nella fuga, nell abdicare ad un compito di natura etica rispondendo con irritazione: Sono forse io il custode di mio fratello? Non è, quella di Caino, una vera domanda, in realtà è una risposta: L altro non mi riguarda, Io non me ne curo. In altro modo: L altro è avversario per me, l altro è il nemico, ho il diritto di difendermi e di ucciderlo, ho il diritto di disinteressarmi di lui. Fuggire da questo appello etico, fuggire dall altro, è allontanarsi da se stessi. Che lo ammetta o no scrive Bauman io sono il custode di mio fratello in quanto il benessere di mio fratello dipende da quello che faccio o mi astengo dal fare ( ). Nel momento in cui metto in dubbio quella dipendenza ( ) abdico alla mia responsabilità e non sono più un soggetto morale (BAUMAN,2001a:96). Ciò che mi qualifica eticamente, perché rispetta l imperativo di essere fratello del fratello un sì detto a lui -, è la disponibilità ad accoglierlo senza riserve, senza fughe, senza nascondimenti, senza alibi, quando si presenta alla nostra porta e ci dice sono io. L idea di ospitalità trova un valido fondamento, sul piano antropologico, nella filosofia dialogale di Martin Buber, che con il suo L Io e il Tu (BUBER,1993) è stato precursore e autentico ispiratore di pensatori successivi come Mounier, Lévinas, Derrida. Secondo il suo principio dialogico l essere umano si comprende e si realizza come essere in relazione, come apertura-a che diventa incontro, dialogo, Io-Tu. È questo il luogo essenziale, primario, ontologico dell ospitalità, nel quale l uomo quasi paradossalmente incontra se stesso incontrando l altro. Io mi faccio nel Tu (BUBER,1983:16). È proprio nel relazionarsi autentico che è reciproca ospitalità - che egli prende coscienza di se stesso e, interpellato all impegno nella relazione, mette in gioco la totalità del proprio essere, con la propria decisione responsabile, attuando così la vera libertà che lo contraddistingue. Libertà e responsabilità si legano ontologicamente nell autentica dimensione originaria della relazione. Il principio dialogico, che allude alla necessaria tensione alla reciprocità senza per questo dimenticare l istanza etica che in ogni caso deve orientare l Io al Tu - si rivela particolarmente importante rispetto alle tematiche sociali e interculturali, perché richiede il relazionarsi all altro come ad un soggetto, perciò protagonista nella dimensione dialogale autentica di un esperienza, di una storia, di una cultura, di un agire che implicano autonomia, indipendenza, identità: prevede, insomma, il reale superamento della frequente tentazione del paternalismo e dell assistenzialismo, in cui seppure velato o del tutto occultato dai più sapienti artifici permangono l esercizio di un potere anomalo e la presunzione di superiorità di uno sull altro. Solo a partire da tali presupposti etici ed esistenziali è possibile, secondo noi, dar vita a quell autentica convivialità delle differenze che oggi ci sfida e cui siamo chiamati. 8

9 Il compito di attuazione Come fare? Quali atteggiamenti mettere in pratica? Come muoverci nella nostra normale quotidianità, tentando di attuare l io-tu e di realizzare concretamente la dimensione interculturale? Come essere ospitali? Come realizzare l integrazione a partire da un autentica capacità di interazione con l altro? Su questo piano, strettamente metodologico e di attuazione, è necessario costruire una didattica coerente, fondata su una comunicazione chiaramente interculturale sia sul piano dei contenuti sia su quello delle relazioni. Un contributo rilevante per un interculturalità dei saperi ci proviene da Edgar Morin, che propone una metodologia didattica fondata su un inter-poli-trans-disciplinarità che aiuti la formazione di una testa ben fatta capace di quel pensiero complesso adeguato alla comprensione delle dinamiche esigenze dell interdipendenza planetaria (MORIN,2000:6-20). Morin critica l odierna prevalente parcellizzazione del sapere, afferma che un intelligenza incapace di considerare il contesto e il complesso planetario rende ciechi, incoscienti e irresponsabili e sollecita ad un insegnamento aperto, la cui missione è quella di trasmettere non del puro sapere, ma una cultura che permetta di comprendere la nostra condizione e di aiutarci a vivere, essa è nello stesso tempo una maniera di pensare in modo aperto e libero. La nuova intelligenza, di cui gli insegnanti dovrebbero essere i primi interpreti e facilitatori, consiste proprio - e ritorna il medesimo concetto di Bauman nel riconoscere l unità in seno alla diversità, la diversità in seno all unità. Riconoscere l unità umana attraverso le diversità culturali, le diversità individuali e culturali attraverso l unità umana. Naturalmente Edgar Morin propone una riforma radicale delle modalità didattiche, basate su una metodologia relazionale capace di collegare discipline e saperi, di provocare sconfinamenti e migrazioni interdisciplinari, pervenendo ad un punto di vista metadisciplinare, dove il termine meta significa superare e conservare, per una visione dinamicamente dialogico-unitaria del sapere stesso e dell esperienza personale e comunitaria. Sul piano della dimensione relazionale della comunicazione interculturale, l attenzione va evidentemente posta sugli atteggiamenti che possono favorire e rinforzare il dialogo, l incontro, la collaborazione, la reciproca fiducia nel rispetto delle differenze, delle peculiarità culturali e nella comune convergenza verso orizzonti valoriali comuni: atteggiamenti che consentano di evitare e superare i rischi dell assimilazione e dell apartheid e che mettano in gioco la forza propulsiva e creativa della relazione autentica. In tali direzioni risultano imprescindibili le seguenti strategie relazionali-sociali: l autenticità (come sincerità, congruenza, capacità di manifestare la propria identità senza nascondimenti); l accettazione incondizionata dell altro (accoglienza, rispetto delle differenze, superamento dei pregiudizi ); l empatia (come capacità di mettersi al posto dell altro, di assumere anche il suo punto di vista, senza tuttavia perdere il senso dell imprescindibile distanza interpersonale e interculturale); la lotta : il caldo, appassionato, concreto e sempre nuovo dialogo, fatto di botta e risposta, nella reciprocità più vera, in rapporto a valori autentici e ad aspettative adeguate e pertinenti: lotta con l altro - che deve esserne protagonista -; per l altro - perché si realizzi come persona -; a volte contro l altro, perché, come sostiene Martin Buber, nella relazione autentica ci sono momenti in cui responsabilmente devo aiutare l altro contro se stesso; lotta, non per farne uscire vincitori e perdenti ma per ritrovarci vincenti insieme, contro qualsiasi forma di ingiustizia, di inibizione, di passività, di anomala asimmetria, di prepotenza (anche, naturalmente, sul piano delle relazioni interculturali). La costruzione della comunità (Io-Tu-Noi) dove si moltiplicano le relazioni interpersonali e interculturali, dove ci si appella ad un centro vitale comune che come logos del noi - 9

10 dà forza, coesione e progettualità alla convivialità delle differenze (BUBER,1993, 1983, 1967). Ognuna di tali strategie meriterebbe un approfondimento qui impossibile e per il quale invio ad una specifica bibliografia (MILAN,2007; MILAN,2002a; MILAN,2002b). BIBLIOGRAFIA BAUMAN Z., 2004, Amore liquido, Laterza, Bari. BAUMAN Z., 2001, La società individualizzata.come cambia la nostra esperienza, Il Mulino, Bologna. BAUMAN Z., 2001, Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Laterza, Bari. BECK U., 1991, Politik in der Risikogesellschaft: Essays und Analysen, in BAUMAN Z., 2001, La società individualizzata.come cambia la nostra esperienza, Il Mulino, Bologna. BERGAMO A., 2006, Minori stranieri e disagio sociale, Padova, Cleup. BUBER M., 1993, Il principio dialogico e altri saggi, Ed. San Paolo, Milano BUBER M., 1983, Il problema dell uomo, Elle Di Ci, Torino BUBER M., 1967, Sentieri in Utopia, Ed. di Comunità, Milano. BÜCHNER G., 1978, Woyzeck, in ID., Teatro, Adelphi, Milano. CAMBI F., 2001, Intercultura: fondamenti pedagogici, Carocci, Roma. DERRIDA J., 2000, Sull ospitalità, Milano, Baldini & Castaldi. FLUSTY, Building Paranoia, in ELIN N. (a cura di), 1997, Architecture of Fear, Architectural Press, Princeton, New York FREIRE P., 1975, La pedagogia degli oppressi, Mondadori, Milano. GEERTZ C., 1999, Mondo globale, mondi locali, Il Mulino, Bologna. LÉVINAS E., 1961, Totalité et Infini. Essai sur l exteriorité, Nijoff, La Haye MILAN G., 2007, Comprendere e costruire l intercultura, Lecce, Pensa Multimedia. MILAN G., 2002, La dimensione tra, fondamento pedagogico dell interculturalità, Padova, Cleup. MILAN G., 2002, Educare all incontro. La pedagogia di Martin Buber, Città Nuova, Roma. MILAN G., 1987, La sociologia umanistica di P.A. Sorokin ( ), in Pedagogia e Vita, 5-6, pp MILAN G., , La ricostruzione dell umanità, in Pedagogia e Vita, 2, pp MORIN E., 2000, La testa ben fatta, Milano, Cortina. MOUNIER E., 1982, Il personalismo, Ave, Roma. MOUNIER E., 1982, Manifesto al servizio del personalismo comunitario, Ecumenica Ed., Bari. NIETZSCHE F., 1982, Così parlò Zarathustra, Adelphi, Milano SANTERINI M., 2001Educare alla cittadinanza. La pedagogia e le sfide della globalizzazione, Carocci, Roma. SANTERINI M., 2003, Intercultura, La Scuola, Brescia SIRNA C., 1997, Pedagogia interculturale. Concetti, problemi, proposte, Guerini, Milano. SORGI T., 1991, Costruire il sociale. La persona e i suoi piccoli mondi, Città Nuova, Roma 10

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

La via italiana all interculturalità nella scuola. Problemi e prospettive

La via italiana all interculturalità nella scuola. Problemi e prospettive La via italiana all interculturalità nella scuola. Problemi e prospettive (26 novembre 2010) Giuseppe Milan (Facoltà di Scienze della Formazione Univ. di Padova) DOCUMENTO NAZIONALE La via italiana per

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Statuto Studenti Regolamenti di Istituto Patto Educativo di Corresponsabilità Dal DPR 235/2007: Art. 3 Patto educativo di corresponsabilità

Dettagli

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo Lancio della proposta dell Agorà: estate 2013 27 settembre 2014: Assemblea dell Agorà: Per un nuovo patto

Dettagli

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso Dott.ssa Cinzia Ginevri Blasi Orientare significa... Porsi in una condizione di ascolto Indicare un percorso Garantire

Dettagli

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 PREMESSA La complessità della realtà sociale e culturale in cui la scuola opera

Dettagli

Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: gestione dei conflitti (A. Portera)

Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: gestione dei conflitti (A. Portera) Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: comunicazione, mediazione, gestione dei conflitti (A. Portera) Dimensione di globalizzazione Società liquida Bauman Non luoghi Augè Hurried

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO N 47

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO N 47 SCHEDA DI APPROFONDIMENTO N 47 Prassi di sinergia tra emigrazione e sviluppo Esperienze particolari- Il Nido del Gufo Bogotà (Colombia) di Enrica Pontin Responsabile Volontariato Internazionale ASCS Ringrazio

Dettagli

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto LINEE GUIDA Centri di Ascolto 1. LA COMUNITA CRISTIANA CHE ASCOLTA A. L ascolto come dimensione della comunità cristiana L ascolto è l atteggiamento fondamentale che ogni comunità deve assumere per far

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 LEZIONE MEDIAZIONE CULTURALE ED EDUCAZIONE SOCIALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 2 di 8 1 Profilo professionale

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Organismo Nazionale di Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli stranieri Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Introduzione Facendo seguito alle Indicazioni per il curricolo per la scuola d infanzia e per il primo ciclo di istruzione del Ministro della Pubblica Istruzione (settembre 2007)

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza Arte e Immagine Elaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni; rappresentare e comunicare la realtà percepita. Trasformare immagini e materiali ricercando

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

4. Servizio di orientamento dei Salesiani in Italia

4. Servizio di orientamento dei Salesiani in Italia 4. Servizio di orientamento dei Salesiani in Italia Alessandro Ferraroli 1 1. La prospettiva multidisciplinare dell orientamento 2. Obiettivi dell orientamento 3. Le dimensioni del processo di orientamento

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA

LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA DON ANDREA SANTORO Via G. Matteotti, 24 04015 Priverno (LT) 0773 905266 ltee08000q@istruzione.it www.1circolo.priverno.lt.it ANNO SCOLASTICO 2010/2011 LAVORO DI GRUPPO DOCENTI SCUOLA

Dettagli

PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO

PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il Progetto Educativo pone al centro del suo essere il bambino-persona. Prende in esame le fonti pedagogiche - didattiche istituzionali valorizzandone le finalità e le motivazioni

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO CENTRI SOCIO EDUCATIVI PROVINCIA DI PISTOIA MANIFESTO IDENDITARIO Cosa sono i Centri Socio Educativi Principi e finalità L applicazione dei principi Metodologia La dimensione dell agire educativo Chi utilizza

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12 CURRICOLO Il curricolo di Circolo nasce dalla necessità di consolidare e innalzare i livelli formativi dei nostri alunni attraverso adeguati processi di insegnamento-apprendimento. Nella costruzione del

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli