DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche Esame di Stato 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5^ C Liceo Scientifico

2 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche INDICE Composizione del Consiglio di classe Elenco degli studenti PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Obiettivi raggiunti Flussi degli studenti nel triennio Attività extracurriculari ATTIVITÀ DI RECUPERO Esiti della classe CRITERI DI VALUTAZIONE Griglia di valutazione d Istituto SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME Testi delle simulazioni della terza prova PROPOSTE DI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE D ESAME Griglie di valutazione della prima prova Griglia di valutazione della seconda prova Griglia di valutazione della terza prova Griglia di valutazione del colloquio Tabella di passaggio dal punteggio grezzo al voto PROGRAMMI DELLE DISCIPLINE DI STUDIO

3 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche IL CONSIGLIO DI CLASSE Discipline Docenti Disegno/ Storia dell arte Italiano e Latino Matematica Fisica Ed. fisica Storia e Filosofia Religione Scienze Inglese BONFIGLI SILVIA CINGOLANI MARIA GRAZIA LANGELLA ROSA NERI ALESSANDRA MALACCARI GIUSEPPE OFFIDANI RODOLFO TOSONI LUCA VENDITTI SILVANA VENUSTO FRANCESCA

4 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GLI STUDENTI 1. AMMARI KHALIL 2. BASSO FRANCESCO SAVERIO 3. BASSO PAOLO 4. BEDETTA FABRIZIO 5. BELLETTI RICCARDO 6. CAPORALINI MATTEO 7. DEL BELLO LETIZIA 8. FONTANA LEONARDO 9. GIACOMELLI MATTIA 10. GIRI STEFANO 11. GISMONDI MATTIA 12. IACONO GABRIELE MARIA 13. LUCIDI MARCO MARIA 14. MAGGINI MICHELE JOSHUA 15. MANCINI RICCARDO 16. MANDRIOTA ANGELA 17. MARIANI CARLO 18. MARTINELLI EDOARDO 19. MAZZANTE ELISA 20. PIRAS MARCO MARIA 21. POLLASTRELLI EDOARDO 22. RAFFAELI EDOARDO 23. SCIPIONI SIMONE 24. TARABELLI BEATRICE 25. TRAMANNONI LORENA 26. VITALE VALENTINA 27. ZIPPILLI REBECCA

5 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Obiettivi raggiunti CONOSCENZE La maggior parte degli studenti conosce discretamente i contenuti dei programmi delle singole discipline, i linguaggi specifici delle stesse, le tecniche per elaborare gli scritti e per la produzione orale, i modelli matematici. Alcuni hanno approfondito argomenti e metodologie raggiungendo livelli buoni o ottimi. COMPETENZE Gli studenti sanno elaborare una produzione scritta e orale usando i linguaggi adeguati e sanno stabilire relazioni e confronti nell'ambito delle discipline con discreta facilità. Alcuni studenti, grazie anche all impegno costante, hanno raggiunto ottimi livelli. Altri invece, nel risolvere problemi più complessi, manifestano maggiori difficoltà rispetto al livello medio della classe. CAPACITA La maggior parte degli studenti ha acquisito le abilità linguistico-espressive e metodologiche necessarie per la progettazione di un lavoro di ricerca. Le capacità logiche, di autonomia e di valutazione critica in alcuni sono state pienamente raggiunte. Obiettivi relazionali In linea generale gli studenti sanno: - intervenire nelle discussioni in modo pertinente; - motivare le proprie opinioni; - confrontare costruttivamente il lavoro individuale con quello dei propri compagni; - cooperare attraverso attività di gruppo; - portare a termine le attività programmate; - individuare le proprie attitudini e qualità, nonché i propri limiti; - ricercare le cause dei propri successi ed insuccessi; - rendersi progressivamente capaci di scelte autonome.

6 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche INSEGNAMENTO DISCIPLINA NON LINGUISTICA CON METODOLOGIA CLIL Nel corso dell anno scolastico sono stati svolti i seguenti moduli in metodologia CLIL: Lingua veicolare (L2) Materia DNL Modulo/i Moduli orari (numero e percentuale orario annuale DNL) Periodo dell anno Compresenza docente lingua (SI/NO) Inglese Fisica Relatività 15 unità orarie 20% Aprile/Maggio SI

7 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche FLUSSI DEGLI STUDENTI NEL TRIENNIO CLASSE Totale studenti Ritirati Respinti 26 Regolari Terza 27 Quarta 28 Quinta 27 1 Ripetenti Trasferiti (trasferito da altra sezione dello stesso liceo) 27 Regolari 0 Ripetenti 1 Trasferiti 27 Regolari 0 Ripetenti 0 Trasferiti 1 ATTIVITA EXTRACURRICULARI Nell'ambito di quanto programmato nel Piano dell'offerta Formativa dell a.s. 2014/2015, gli studenti sono stati impegnati nelle seguenti attività: Viaggio d'istruzione: meta: Vienna durata: 6 giorni Partecipazione nell arco dell anno alle attività della scuola: Teatro in lingua inglese: An Ideal Husband (O. Wilde) Stage di orientamento presso le Università del territorio Partecipazione libera alle proposte delle Università del territorio Colloqui Fiorentini : Saba Progetto Lauree Scientifiche matematica: Geometrie non euclidee Olimpiade di fisica Giochi della Bocconi Sicurezza stradale Certificazioni linguistiche Certificazione informatica

8 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche ATTIVITA DI RECUPERO Nel periodo successivo agli scrutini del I quadrimestre si sono svolte attività di recupero, che hanno previsto l attivazione di: percorsi individualizzati nel caso in cui si è ritenuto che il recupero di carenze specifiche e circoscritte potesse essere effettuato con attività di studio autonomo da parte degli studenti. A conclusione di tali interventi si sono svolte le prove di verifica a cura dei docenti del Consiglio di classe. Di seguito è riportata una sintesi della situazione della classe riguardo ai recuperi assegnati e agli esiti delle prove. Materia N studenti Tipo di recupero assegnato Superata Esito prove Non superata Latino 1 Preparazione autonoma 1 0 Matematica 5 Preparazione autonoma 5 0 Fisica 2 Preparazione autonoma 2 0 Scienze 4 Preparazione autonoma 4 0

9 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche CRITERI DI VALUTAZIONE Riguardo agli strumenti per la valutazione, il consiglio di classe si è avvalso prevalentemente di prove non strutturate, in pochi casi di prove strutturate e,soprattutto nelle simulazioni della terza prova d esame, di prove semistrutturate. Il numero di prove per quadrimestre è stato: almeno due per gli scritti; almeno due per le grafico- pratiche; almeno due per le verifiche orali. Per ciascuna prova sono stati esplicitati i criteri di valutazione. Per una valutazione analitica delle prove scritte e orali degli studenti, il Collegio dei docenti ha individuato una griglia in cui sono indicate le competenze, che si vogliono accertare, e che prevede la misurazione di tali abilità per mezzo di una scala di valori interi. CONOSCENZE COMPETENZE VOTO IN DECIMI Non emergono Quasi nulle, tali da non fornire elementi valutabili. Evidenzia lacune molto gravi e diffuse anche nei dati essenziali. Non coglie o fraintende il senso della consegna o del testo. Non riesce ad interagire. Rifiuta di sottoporsi alla verifica. Non applica le strategie utili all'esecuzione di un compito. Non sa utilizzare correttamente gli strumenti di studio. Fornisce informazioni in modo frammentario e non coerenti con la richiesta. Si esprime in modo scorretto. Compie errori significativi anche nell'esecuzione di semplici esercizi. Non individua i concetti chiave e non sa chiarire gli aspetti significativi. Confonde i dati fondamentali con quelli accessori. Si esprime in modo impreciso e stentato. 1 o Superficiali ed incomplete rispetto ai contenuti minimi stabiliti dalla materia. Dimostra di non avere acquisito autonome competenze per ripercorrere semplici esercizi, della stessa tipologia di quelli studiati, anche se guidato. Mostra difficoltà nell'applicare i contenuti o nell'analizzare la richiesta in modo autonomo. Commette errori non gravi. Si esprime in modo approssimato con poca padronanza lessicale. 5

10 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche Essenziali rispetto agli argomenti trattati, senza particolari elaborazioni personali a volte ripetute solo in modo mnemonico, possibili lacune che non sono però estese né profonde Sa cogliere e chiarire gli aspetti fondamentali e significativi. Svolge semplici esercizi, della stessa tipologia di quelli studiati, in modo sostanzialmente corretto. Se guidato affronta nuovi percorsi. Si esprime in modo semplice ma generalmente corretto con linguaggio specifico non sempre corretto. 6 Nel complesso corrette. Svolge esercizi della stessa tipologia di un modello dato senza errori sostanziali ed autonomamente. Stabilisce relazioni e confronti se guidato. Si esprime in modo semplice, ma chiaro e generalmente corretto. 7 Complete, dettagliate ed articolate Utilizza gli strumenti di studio applicando in modo autonomo e competente le strategie necessarie per l'esecuzione di un compito. Sa analizzare nuovi dati non coincidenti con la tipologia del modello dato. Stabilisce con facilità relazioni e confronti nell'ambito della disciplina. Si esprime in modo corretto, con fluidità e con lessico specifico adeguato. 8 Complete con approfondimenti autonomi Sa individuare e collegare i nuclei portanti anche a livello interdisciplinare. Svolge compiti in modo personale, scegliendo le strategie più adeguate per la soluzione di problemi in situazioni diverse. Sa creare collegamenti e analizzare in modo critico contenuti e procedure. Si esprime in modo organizzato, fluido, articolato con particolare ricchezza linguistica. 9 Complete e rielaborate criticamente Dimostra capacità progettuale e creativa. Sa valutare in modo critico e con rigore. Rielabora in modo originale i contenuti acquisiti. Si esprime in modo creativo, con apporti personali in grado di sostenere il confronto dialettico con i docenti. 10

11 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche SIMULAZIONE DELLE PROVE D ESAME Prima prova Data simulazione prevista : 23 maggio 2015 Seconda prova La simulazione della seconda prova è stata svolta insieme alle altre classi quinte del liceo scientifico utilizzando il materiale messo a disposizione dal MIUR su tutto il territorio Nazionale. La prova non è stata valutata poiché parte degli argomenti richiesti non erano stati ancora trattati Data simulazione: mercoledì 22 aprile 2015 Terza prova Tipologie assegnate: A B Date simulazioni 1. 18/12/2014 (Tipologia A Discipline: Latino,Inglese,Storia, Fisica) 2. 18/02/2015 (Tipologia B Discipline: Arte, Scienze, Inglese, Filosofia) 3. 30/04/2015 ( Tipologia A Discipline: Arte, Scienze, Storia, Inglese) Di seguito sono riportati i testi delle simulazioni della terza prova.

12 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche TESTO DELLA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA DEL 18/12/2014 INGLESE The growth of the middle classes is strictly connected to the development of the novel in the XIX century, writers and their readers share interests and opinions and the novels offer a vivid picture of the time. Explain making references to the writers you have studied. STORIA La Grande Guerra vista dal fronte Meridionale Il candidato rifletta, attraverso un testo originale ed informato di massimo 20 righe, sulla specificità e particolarità del Primo conflitto mondiale che ha visto la partecipazione di 5 milioni di soldati italiani, soprattutto fanti di umile condizione e male armati, impegnati nell'inferno delle trincee per 41 lunghi mesi. Si potrebbe a mo' di esempio, far riferimento alle strategie, spesso fallimentari, di chi comandava, oppure ai progressi della tecnologia civile al servizio di quella militare che condizionarono l'andamento della Guerra, facendo riferimento anche al materiale filmato e letterario di propria conoscenza. LATINO Spiega che cosa si intende con realismo, mettendo in luce l atteggiamento di Petronio nei confronti della materia trattata e dei personaggi. FISICA Dopo aver definito le caratteristiche generali di collegamenti in serie e parallelo, anche con l aiuto di opportuni disegni, confronta i collegamenti di resistori con i collegamenti di capacitori, evidenziandone analogie e differenze.

13 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche TESTO DELLA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA DEL 18/02/2015 STORIA DELL ARTE 1. Il ruolo ed il significato del colore nella pittura di Vincent Van Gogh. 2. Tutto in natura è formato da sfera, cilindro e cono. Si commenti questa celebre frase di Paul Cézanne, chiarendo l interpretazione della natura e dell arte del pittore. 3. L abitazione organica secondo l interpretazione di Frank L. Wright. INGLESE 1.Which are the main features of the Edwardian Age from a social point of view? 2. Illustrate the theme and the style of The Ballad of Reading Gaol by O.Wilde. 3. What is the meaning of marriage in J. Austen's novels and O. Wilde's comedies? Explain similarities and differences FILOSOFIA 1.Dopo aver definito e aver messo in luce la genesi e la finalità dell ascesi, discuti perché questa possa essere considerata come l unico atto di libertà per l uomo secondo Schopenhauer. 2.Feuerbach e la religione come antropologia capovolta SCIENZE NATURALI 1.Perché alcuni animali erbivori, come le mucche e le pecore, sono capaci di digerire La cellulosa? Sono in grado di digerire anche l amido? Illustra le differenze molecolari tra amido, glicogeno e cellulosa. Esponi le tue considerazioni sul ruolo energetico rivestito dai tre polisaccaridi per l uomo. 2.Descrivi le caratteristiche molecolari degli amminoacidi e in che modo rientrano nella struttura delle proteine.

14 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche TESTO DELLA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA DEL 30/04/2015 INGLESE Explain how the new theories of time developed by H. Bergson and the studies on the unconscious developed by Freud and Jung influenced the literary production of the XX century, making references to the texts you have read. STORIA Al popolo senza terra e senza Stato furono negati il 15 settembre 1935 i diritti civili e politici nella Germania nazista. Tre anni dopo, il 1 settembre 1938, anche l'italia di Mussolini promulgava le leggi razziali proclamando la superiorità del popolo italiano. Il candidato rifletta su questi due avvenimenti cercandone le radici comuni e quelle peculiari specificando i principali provvedimenti antisemiti presi in Germania e nel nostro Paese. SCIENZE Spiega in che consiste il metabolismo cellulare e fai una panoramica delle principali vie metaboliche. Descrivi le relazioni tra le vie metaboliche e la loro utilità per l'organismo. STORIA DELL ARTE Presenta l opera illustrata, specificando da quale artista e in quale anno è stata realizzata. Soffermati sul soggetto, sulle forme, sulla tecnica e sui colori, spiegando che tipo di sperimentazione artistica il pittore ha inteso condurre.

15 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche PROPOSTE DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE PROVE D ESAME

16 CAPACITA COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA TIPOLOGIA: ANALISI TESTUALE Individuazione degli elementi stilistici e formali che lo caratterizzano Correttezza linguistica e proprietà espressiva Approfondimen to ed articolazione dei contenuti INDICATORI PESI DESCRITTORI PUNTEGGIO ASSEGNATO Non comprende il testo proposto 1 Comprende solo parzialmente il testo proposto 2 Comprensione Comprende il testo proposto nel suo del testo e delle 3 complesso, anche se non in modo 3 sue tematiche approfondito Comprende il testo con discreta pertinenza 4 Comprende il testo con precisione 5 Non individua gli elementi stilistico- 1 formali Individua gli elementi stilisticoformali in modo superficiale e parziale Individua gli elementi base stilisticoformali in modo sufficiente Individua con precisione gli elementi stilistico-formali Individua e conosce tutti gli elementi stilistico-formali Formula periodi scorretti formalmente, senza proprietà lessicale né sintattica Formula periodi stentati sintatticamente, evidenziando povertà lessicale Formula periodi che seguono logicamente, utilizzando un linguaggio semplice Formula un discorso corretto, mostrando una discreta padronanza lessicale Formula un discorso corretto, lessicalmente vario ed adeguato Non approfondisce temi e contenuti richiesti Approfondisce temi e contenuti in modo stentato e superficiale Approfondisce gli ambiti tematici ed i contenuti in modo sufficiente Approfondisce temi e contenuti con una certa padronanza Approfondisce temi e contenuti in modo specifico e originale PUNTEGGIO MASSIMO: 50 LA SUFFICIENZA E FISSATA AL 50% DEL PUNTEGGIO MASSIMO VOTO/ PUNTEGGIO OTTENUTO

17 CAPACITA COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA TIPOLOGIA: SAGGIO ARTICOLO INDICATORI PESI DESCRITTORI PUNTEGGIO ASSEGNATO Non realizza la tipologia di scrittura prescelta 1 Realizza solo parzialmente la tipologia prescelta, tenendo poco conto delle 2 consegne Conoscenza Realizza in modo accettabile la tipologia della tipologia 3 testuale scelta, attenendosi in linea di 3 testuale massima alle consegne Realizza la tipologia prescelta in modo coerente 4 Realizza la tipologia prescelta, operando secondo le consegne in modo personale 5 Non utilizza il materiale proposto 1 Utilizza solo parzialmente il materiale proposto e non in modo appropriato 2 Utilizzazione Utilizza e integra il materiale proposto in dei materiali 2 modo sufficiente 3 informativi Utilizza e integra il materiale proposto con pertinenza 4 Utilizza e integra il materiale proposto con pertinenza e coerenza 5 Formula periodi scorretti formalmente, senza proprietà lessicale né sintattica 1 Formula periodi stentati sintatticamente, Correttezza evidenziando povertà lessicale 2 linguistica e Formula periodi che seguono logicamente, 3 proprietà utilizzando un linguaggio semplice 3 espressiva Formula un discorso corretto, mostrando una discreta padronanza lessicale 4 Formula un discorso corretto, lessicalmente vario ed adeguato 5 Non argomenta il proprio punto di vista, formulando giudizi generici e scontati 1 Tenta di formulare giudizi, ma non sempre riesce ad elaborarli ed argomentarli 2 Capacità correttamente critica ed 2 Formula almeno una semplice tesi, in originalità riferimento al proprio punto di vista 3 Formula giudizi discretamente motivati ed argomentati 4 E in grado di formulare giudizi personali, espressi in modo adeguato 5 PUNTEGGIO OTTENUTO PUNTEGGIO MASSIMO: 50 LA SUFFICIENZA E FISSATA AL 50% DEL PUNTEGGIO MASSIMO VOTO/15

18 CAPACITA COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA TIPOLOGIA: TEMA INDICATORI PESI DESCRITTORI PUNTEGGIO ASSEGNATO Non conosce temi e contenuti richiesti 1 Ampiezza, Conosce temi e contenuti richiesti in modo superficiale 2 precisione e Conosce temi e contenuti richiesti in modo pertinenza 3 sufficiente 3 conoscenze certa padronanza delle Conosce temi e contenuti richiesti con una 4 Conosce temi e contenuti richiesti in modo specifico e ampio 5 Espone i contenuti in modo incoerente e disorganico 1 Espone i contenuti in modo piuttosto Coerenza ed frammentario 2 organicità delle 2 Espone i contenuti in modo sufficientemente argomentazioni organico e coerente 3 Espone i contenuti in modo organico e chiaro 4 Organizza i contenuti in modo logico,chiaro e coeso 5 Formula periodi scorretti formalmente, senza proprietà lessicale né sintattica 1 Formula periodi stentati sintatticamente, Correttezza evidenziando povertà lessicale 2 linguistica e Formula periodi che seguono logicamente, 3 proprietà utilizzando un linguaggio semplice 3 espressiva Formula un discorso corretto, mostrando una discreta padronanza lessicale 4 Formula un discorso corretto, lessicalmente vario ed adeguato 5 Non è in grado di operare approfondimenti né osservazioni personali 1 Tenta di operare approfondimenti, che 2 risultano però generici e poco personali Capacità di E in grado di operare alcuni approfondimen 2 approfondimenti, con qualche osservazione 3 to critico e personale originalità Opera approfondimenti personali, 4 discretamente argomentati Opera approfondimenti personali, costruendoli con pertinenza ed originalità 5 PUNTEGGIO OTTENUTO PUNTEGGIO MASSIMO: 50 LA SUFFICIENZA E FISSATA AL 50% DEL PUNTEGGIO MASSIMO VOTO/15

19 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA PROBLEMA N PUNTEGGIO GREZZO MASSIMO (*) PUNTEGGIO GREZZO OTTENUTO RICHIESTA N. 1 PUNTI.. RICHIESTA N.2 PUNTI.. RICHIESTA N.3 PUNTI.. RICHIESTA N. 4 PUNTI.. PUNTEGGIO TOTALE DEL PROBLEMA 50 PUNTI.. QUESITI PUNTEGGIO GREZZO MASSIMO PUNTEGGIO GREZZO OTTENUTO QUESITO N.. 10 PUNTI.. QUESITO N.. 10 PUNTI.. QUESITO N.. 10 PUNTI.. QUESITO N.. 10 PUNTI.. QUESITO N.. 10 PUNTI.. PUNTEGGIO TOTALE DEI QUESITI 50 PUNTI.. PUNTEGGIO GREZZO TOTALE (PROBLEMA+ QUESITI) 100 PUNTI.. (**) (*) I punteggi grezzi massimi da assegnare alle varie parti del problema devono tener conto sia delle conoscenze che delle competenze richieste per lo svolgimento (**) per l attribuzione del voto si calcola la percentuale (X%) del punteggio grezzo ottenuto rispetto al punteggio grezzo massimo e in base ad essa si utilizza la tabella di conversione allegata al presente documento

20 CAPACITA COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA Materia:.. INDICATORI PESI DESCRITTORI Conoscenza specifica degli argomenti proposti Coerenza ed organicità delle argomentazioni, correttezza linguistica e utilizzo del lessico specifico Capacità di approfondimento e di elaborazione autonoma Possiede conoscenze molto scarse e scorrette Possiede conoscenze limitate e non sempre corrette Possiede conoscenze nel complesso adeguate Possiede conoscenze articolate, nonostante la presenza di qualche lieve imprecisione Possiede conoscenze sicure,approfondite,esaurienti Incontra difficoltà a cogliere le questioni,a sintetizzare le conoscenze e si esprime in modo scorretto Elenca semplicemente delle nozioni e si esprime in modo impreciso e non sempre coerente Coglie le problematiche proposte e organizza i contenuti in modo sufficientemente completo, utilizzando un linguaggio semplice ma corretto Coglie gli elementi fondamentali delle questioni e organizza i contenuti in modo pertinente, utilizzando un linguaggio chiaro e corretto Coglie con sicurezza i problemi proposti e organizza i contenuti dello studio in sintesi complete, esprimendosi in modo appropriato ed efficace Non contestualizza le conoscenze e non si orienta Non approfondisce gli argomenti e non li elabora in modo personale Opera alcuni approfondimenti, tentandone elaborazioni personali Opera approfondimenti appropriati ed elaborazioni personali Opera approfondimenti qualificati ed elaborazioni originali PUNTEGGIO ASSEGNATO PUNTEGGIO OTTENUTO PUNTEGGIO MASSIMO: 50 LA SUFFICIENZA E FISSATA AL 50% DEL PUNTEGGIO MASSIMO VOTO/15

21 CAPACITÀ COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE Materia: Inglese tipologia A Indicatori pesi Descrittori Punteggio descrittori Nessuna conoscenza 0 Conoscenza specifica degli argomenti proposti Correttezza linguistica ed uso lessico specifico Coerenza ed organicità delle argomentazioni Capacità di approfondimento e di elaborazione autonoma Possiede conoscenze molto scarse e scorrette 1 Possiede conoscenze limitate e non sempre 2 corrette Possiede conoscenze nel complesso adeguate 3 Possiede conoscenze articolate, nonostante la 4 presenza di qualche lieve imprecisione Possiede conoscenze 5 sicure,approfondite,esaurienti Nulla 0 si esprime in modo scorretto 1 Si esprime in modo impreciso e non sempre 2 coerente Utilizza un linguaggio semplice ma corretto 3 Utilizza un linguaggio chiaro e corretto 4 si esprime in modo appropriato ed efficace 5 Nulla 0 Incontra difficoltà a cogliere le questioni,a 1 sintetizzare le conoscenze Elenca semplicemente delle nozioni 2 Coglie le problematiche proposte e organizza i 3 contenuti in modo sufficientemente completo Coglie gli elementi fondamentali delle 4 questioni e organizza i contenuti in modo pertinente. Coglie con sicurezza i problemi proposti e 5 organizza i contenuti dello studio in sintesi complete nulla 0 Non contestualizza le conoscenze e non si orienta Non approfondisce gli argomenti e non li elabora in modo personale Opera alcuni approfondimenti, tentandone elaborazioni personali Opera approfondimenti appropriati ed elaborazioni personali Opera approfondimenti qualificati ed elaborazioni originali Punteggio. ottenuto ALUNNA/O Voto: /15 TOTALE Punt.Gr. /50

22 CAPACITÀ COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE Materia Inglese tipologia B Indicatori pesi Descrittori Conoscenza specifica degli argomenti proposti Correttezza linguistica ed uso lessico specifico Coerenza ed organicità delle argomentazioni Capacità di sintesi e di elaborazione autonoma Punteggio descrittori Nessuna conoscenza 0 Possiede conoscenze molto scarse e scorrette 1 Possiede conoscenze limitate e non sempre 2 corrette Possiede conoscenze nel complesso adeguate 3 Possiede conoscenze articolate, nonostante la 4 presenza di qualche lieve imprecisione Possiede conoscenze 5 sicure,approfondite,esaurienti Nulla 0 si esprime in modo scorretto 1 Si esprime in modo impreciso e non sempre 2 coerente Utilizza un linguaggio semplice ma corretto 3 Utilizza un linguaggio chiaro e corretto 4 si esprime in modo appropriato ed efficace 5 Nulla 0 Incontra difficoltà a cogliere le questioni,a 1 sintetizzare le conoscenze Elenca semplicemente delle nozioni 2 Coglie le problematiche proposte e organizza i 3 contenuti in modo sufficientemente completo Coglie gli elementi fondamentali delle 4 questioni e organizza i contenuti in modo pertinente. Coglie con sicurezza i problemi proposti e 5 organizza i contenuti dello studio in sintesi complete nulla 0 Non contestualizza le conoscenze e non si 1 orienta Rielabora gli argomenti e sintetizza il testo in 2 modo stentato e senza collegamenti Rielabora gli argomenti e sintetizza il testo in 3 modo essenziale, tentando alcuni collegamenti Rielabora gli argomenti in modo personale e 4 dimostra discrete capacità di sintesi Rielabora in modo originale; sintesi completa 5 Punteggio. ottenuto ALUNNA/O Voto: /15 TOTALE Punt.Gr. /50

23 CAPACITA COMPETENZE CONOSCENZE Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO INDICATORI PESI DESCRITTORI PUNTEGGIO ASSEGNATO Non conosce gli argomenti 1 Conosce i contenuti in modo frammentario ed approssimativo 2 Conoscenza Conosce i contenuti per grandi specifica degli 5 ambiti di riferimento o nei loro 3 argomenti elementi di base proposti Conosce gran parte dei contenuti 4 in modo adeguato e pertinente Conosce i contenuti in modo esatto e pertinente 5 Si esprime in modo frammentario e limitato 1 Si esprime in modo impreciso e Padronanza della lingua Competenza argomentativa Capacità di approfondimento e di elaborazione autonoma non sempre coerente 2 Si esprime in modo semplice e corretto 3 Si esprime in modo efficace 4 Si esprime in modo fluido,sicuro,articolato 5 Non sa discutere e collegare quanto appreso 1 E talora incerto nell individuazione dei concetti chiave e nell operare 2 collegamenti Individua i concetti chiave ed opera dei collegamenti, anche se non sempre in maniera sicura Sviluppa i concetti ed opera alcuni opportuni collegamenti Argomenta in modo sicuro e appropriato nella maggior parte degli ambiti Non utilizza le sue abilità in situazioni nuove Non approfondisce gli argomenti e non li elabora in modo personale E in grado di operare alcuni approfondimenti, tentandone elaborazioni personali Opera approfondimenti appropriati ed elaborazioni personali in diversi ambiti Opera approfondimenti qualificati ed elaborazioni autonome nella maggior parte degli ambiti PUNTEGGIO MASSIMO: 50 LA SUFFICIENZA E FISSATA AL 50% DEL PUNTEGGIO MASSIMO VOTO/ PUNTEGGIO OTTENUTO

24 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche TABELLA DI PASSAGGIO DAL PUNTEGGIO GREZZO AL VOTO Distribuzione dei voti nelle basi 15 e 30 rispetto alla percentuale x% di punteggio grezzo massimo conseguita: VOTI x % x % VOTI I voti corrispondenti ad una determinata percentuale di punteggio grezzo, anche se fortemente orientativi, non sono tassativi.

25 Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche PROGRAMMI SVOLTI DELLE DISCIPLINE

26 Anno scolastico 2014/15 PROGRAMMA SVOLTO Docente: Silvia Bonfigli Materie: Disegno e Storia dell arte Classi : V C Indirizzo Scientifico

27 Libro di testo: G. Nifosì, Arte in primo piano, Laterza, voll. 4 e 5. UNITA DIDATTICA FORMATIVA: 1 Analisi grafica di opere d arte e d architettura del Novecento Contenuti Obiettivi Tempi Analisi dei caratteri formali ed espressivi di opere d arte attraverso il linguaggio della comunicazione visiva (disegno grafico a mano libera e tecnico). - Arte e architettura viennesi del primo Novecento - Ville Savoye di le Corbusier; - La Casa sulla cascata di Wright Conoscere i criteri basilari dell opera d arte e d architettura attraverso l attività laboratoriale, anche di gruppo, e l utilizzo del linguaggio grafico associato al linguaggio verbale. Saper interpretare l opera d arte e d architettura in maniera complessa anche attraverso la comprensione le la rielaborazione del linguaggio grafico. 15 ore UNITA DIDATTICA FORMATIVA: 2: L architettura e l urbanistica ottocentesche e il Modernismo. Contenuti Obiettivi Tempi La nascita della disciplina urbanistica; I piani urbanistici di Parigi, Vienna e Barcellona; Lo Storicismo e l Ecclettismo: Palazzo del Parlamento di Londra, il Monumento a Vittorio Emanuele II a Roma. L Architettura del ferro : J.Paxton: Il Palazzo di Cristallo a Londra; La torre Eiffel a Parigi; la Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Caratteri essenziali dello Storicismo e dell Eclettismo: il ricorso agli stili storici. Caratteri essenziali dell urbanistica ottocentesca in relazione al periodo storico; Caratteri fondamentali dell architettura del ferro (materiali, forme, funzioni). Saper riconoscere i modelli urbanistici dell Ottocento ; Saper riconoscere i caratteri peculiari dell opera d architettura ottocentesca contestualizzandola nel periodo storico. Saper interpretare i principi estetici e le teorie del Neoclassicismo, dello Storicismo, dell Ecclettismo e dell architettura del ferro e saperli mettere in rapporto con le opere analizzate. Saper comprendere il valore della scienza delle costruzioni e della scienza urbanistica in rapporto alle realizzazioni architettoniche e urbane. 12

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli