COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:"

Transcript

1 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log ( arcsen ( 4 3 2)) è l insieme a) ] log 3 2, ] b) ] log 3 2, 2] c) ] log 3 2, + [ d) ]0, + [ 2) Sia E il seguente sottoinsieme di R: E = ([0, ] \ Q) 2n n+ } : n N Quale delle seguenti affermazioni riguardanti l insieme E è vera? a) E = 0, } e DE = [0, ] 2} b) E = E e DE = E 2} c) E = E [0, ] 2} e DE = [0, ] 2} d) E = E 2} e DE =]0, [ 2} 3) La derivata della funzione arctg ((2) ) è uguale a a) b) (2) +(2) 2 (log(2) + ) (2) +(2) 2 (log + log 2 + ) (2) c) ( +(2) log(2) + 2) 2 (2) d) 2 arctg ( (2) ) +(2) 2 } 4) Dati gli insiemi A = ( ) n n n + : n N a) A e B sono separati, ma non contigui b) A e B sono separati e contigui c) A e B non sono separati d) A e B non sono disgiunti log 5) Il limite lim 3 ( + 3 ) arctg 2 a) b) log 3 e c) 0 d) log e 3 è uguale a } e B = sen π : ]0, [ Q, è vero che: 2

2 6) La serie a) per ogni R [ n 2n+ n 2 ] converge b) solo se ], [ c) solo se [, [ d) solo se ] 2, 2] arctg (a) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) esistono valori di a per i quali f a è derivabile in tutto R b) esistono valori di a per i quali f a è concava in R c) esistono infiniti valori di a per cui la funzione f a ha punti di massimo locale d) f a (0) = 0 a R 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = e è vera? a) la funzione f ha minimo assoluto b) f è derivabile in ogni punto del suo dominio c) il grafico di f ha un asintoto obliquo d) il punto 0 = 2 è di estremo relativo per f 9) L integrale indefinito 3 sen 5 d è uguale a a) 4 cos 5 + c 20 [ cos sen 5] 6 25 b) 2 5 sen 5 d c) 5 2 [ cos 5 3 sen 5] + 50 sen 5 d d) cos 5 3 sen sen 5 d 0) Sia a n } n N una successione di numeri reali La condizione La serie a 0 + (a + a 2 ) + (a 3 + a 4 + a 5 ) + (a 6 + a 7 + a 8 + a 9 ) + è convergente a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente n=0 ) La derivata della funzione reale di variabile reale F () = 2 sen t2 dt è uguale a a) sen 4 sen 2 b) 2 sen 4 sen 2 c) 2 2t cos t 2 dt d) 2 sen 4 cos 2

3 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Prima prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log a) [ 0, log 3 2[ b) ], log 3 2 [ c) ] 0, 3 log 2[ d) [ 0, log 3 2 [ +2 arcsen(2 e 3 ) è l insieme 2) Sia E il seguente sottoinsieme di R: E = ([, 0] Q) 2 n : n N} Quale delle seguenti affermazioni riguardanti l insieme E è vera? a) E = e DE = E b) E =, } e DE = [, 0] c) E = E [, 0] e DE = [, 0] d) E = E e DE = [, 0] 3) La derivata della funzione arcsen ((2) ) è uguale a a) b) c) (2) 4 2 (2) (2) 2 (2) (2) (log(2) + ) (log + log 2 + ) log(2)+ 2 +(2) d) (2) (2) 2 2 arcsen ( (2) ) 4) Dati gli insiemi A = ( ) n ( 2) 2n+3 : n N a) A e B sono separati, ma non contigui b) A e B sono separati e contigui c) A e B non sono separati d) A e B non sono disgiunti } } e B = sen π : ]0, [ Q, è vero che: 2 ( + 5 ) 3 5) Il limite lim sen 2 π a) 3 b) 5 π c) 0 d) + è uguale a

4 6) La serie a) per ogni R [ ] n n+ n n! converge b) solo se [, [ c) solo se ], [ d) solo se = 0 arctg (a) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) f a è convessa in ], ] per ogni a 0 b) f a è iniettiva per ogni a 0 c) esistono infiniti valori di a per cui l insieme immagine f a (R) è un intervallo d) esistono infiniti valori di a per cui la funzione f a ha minimo assoluto 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = e è vera? a) f non ha minimo assoluto b) f è derivabile in ogni punto del suo dominio c) f l insieme immagine di f è l intervallo [e, + [ d) f è iniettiva 9) L integrale indefinito 3 cos 4 d è uguale a [ a) 2 4 sen cos 4] cos 4 d b) 4 2 sen 4 + c c) 4 sen cos 4 8 cos 4 d [ d) 2 4 sen cos 4] 3 8 cos 4 d 0) Sia a n } n N una successione di numeri positivi La condizione La serie a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente n=0 ) La derivata della funzione reale di variabile reale F () = 2 sen2 t 2 dt è uguale a a) 2 sen 2 (2 2 ) sen 2 2 b) 2 sen 2 2 c) 2 4t sen t2 cos t 2 dt d) 2 sen 2 (4 2 ) sen 2 2 n an è convergente n=0

5 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Prima prova scritta (compito C) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log arcsen ( 3 2 3) a) ], log [ b) [ 3, log 2 3 [ c) [ 3, log [ d) ] 3, 3 log 2 3 [ è l insieme 2) Sia E il seguente sottoinsieme di R: E = 2 n : n N} ( + n) n : n N + } Quale delle seguenti affermazioni riguardanti l insieme E è vera? a) E = e DE = E 0, e } b) E = E e DE = 0, e } c) E = 0, e } e DE = 0, e } d) E = E 0, e } e DE = 0, e } 3) La derivata della funzione + (2) è uguale a a) (2) 2 +(2) 2 b) +(2) c) (2) +4 2 (log(2) + ) ( log + log 2 + 2) (log(2) + ) (2) d) 2 +(2) 4) Dati gli insiemi A = ( ) n n n+ } : n N a) A e B sono separati, ma non contigui b) A e B sono separati e contigui c) A e B non sono separati d) A e B non sono disgiunti e B = tg π 2 : ] 2, [ Q }, è vero che: sen e 5) Il limite lim 0 π a) e b) e π c) 0 d) è uguale a

6 6) La serie a) per ogni R n!+ (n+2)! 3n converge b) solo se [, ] c) solo se [, [ d) solo se = 0 arctg (a) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) la funzione f a è dotata di derivata seconda nell intervallo ], [ per ogni a R b) esiste un unico valore di a per cui f a è continua in R c) l insieme immagine f a (R) è un intervallo per ogni a R d) risulta inf f π a() = 2 se a > 0 R a se a 0 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = e è vera? a) f non è iniettiva b) il grafico di f ha un asintoto verticale c) f ha punti di massimo locale d) la retta di equazione y = e 2 9) L integrale indefinito 4 cos 2 d è uguale a a) 25 5 sen cos cos 2 d b) 3 2 [ sen cos 2] 3 2 cos 2 d c) 3 [ 2 sen 2 cos 2] cos 2 d d) 5 0 sen 2 + c è tangente al grafico della funzione f 0) Sia a n } n N + una successione di numeri positivi La condizione La serie a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente ) La derivata della funzione reale di variabile reale F () = e sen t2 dt è uguale a a) (e ) sen 2 b) e sen 2 e sen 2 c) e 2t cos t 2 dt d) e sen e 2 sen 2 ( + 2 n) n an è convergente

7 Tutti i quesiti dei compiti D, E e F del 6 febbraio 204 si trovano in uno dei compiti A, B e C

8 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Seconda prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Data una funzione f : ], 0[ R, dire che il limite di f() per che tende a è uguale a vuol dire che (completare la definizione) 2) Sia E R Si dice che un punto c R è di accumulazione per l insieme E se (completare la definizione) 3) Sia f : [a, b] R una funzione limitata Si dice che f è integrabile secondo Riemann in [a, b] se (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) p ) Dimostrare che per ogni a > ed ogni p > 0 si ha lim + a = 0 2) In R ogni successione limitata ha una sottosuccessione (completare l enunciato e svolgere la dimostrazione) 3) Enunciare e dimostrare il teorema di Lagrange Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 3 a) è uniformemente continua in ]0, 2[ b) non è uniformemente continua in [0, + [ 2) Calcolare l integrale indefinito (4 cos ) sen (5 sen 2 ) (cos + 3) d 3) Studiare la funzione reale di variabile reale e disegnarne il grafico f() = e

9 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log ( arcsen ( 4 3 2)) è l insieme a) ]0, + [ b) ] log 3 2, + [ c) ] log 3 2, 2] d) ] log 3 2, ] 2) La frontiera E dell insieme E = ([0, ] \ Q) 2n n+ : n N } è l insieme a) 0,, 2} } b) 2n n+ : n N 2} c) E 2} d) [0, ] 2n n+ : n N } 2} 3) La derivata della funzione [arctg (2)] è uguale a a) [arctg (2)] [ log ( arctg (2)) + 2 (+4 2 ) arctg (2) b) [arctg (2)] [ arctg (2) log ( arctg (2)) ] c) [arctg (2)] 2 [ +4 2 ] d) [arctg (2)] arctg (2) log ( arctg (2)) } 4) L insieme A = sen π : [, 0[ Q 2 a) è limitato ed ha minimo e massimo b) è limitato, ha massimo ma non ha minimo c) è limitato superiormente, ma non inferiormente, ed ha massimo d) è limitato superiormente, ma non inferiormente, e non ha massimo log 5) Il limite lim 3 ( + π ) sen (sen 3 ) è uguale a a) π 3 b) 0 c) log 3 e d) + ]

10 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () arcsen, (2) ( ) n n n n +, (3) ( ) π n+3, (4) e + a) (2), (3) e (4) b) (), (3) e (4) c) solo (3) d) (3) e (4) ( ) n n +? arctg ( a 2 ) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) esistono infiniti valori di a per i quali il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a b) esistono infiniti valori di a per cui f a è iniettiva c) la derivata f a(0) esiste solo se a = 0 d) la funzione f a ha minimo assoluto soltanto se a ], π 2 ] 0} 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + è vera? a) la funzione f ha minimo assoluto b) f è derivabile in ogni punto del suo dominio c) il grafico di f ha un asintoto obliquo d) il punto 0 = non è di estremo locale per f 9) L integrale indefinito e 3 [ a) (t 2 3) 2 t 2 +t 3 ]t= dt e +3 [ ] z b) 3 z+ z+3 dz z=e [ c) 2t(t 2 3) 2 t 2 +t 3 ]t= dt e +3 [ ] d) dz 3 z+ z+3 z=e 3 e + e +3 d è uguale a 0) Sia a n } n N una successione di numeri reali positivi La condizione La serie a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente n=0 ) L integrale definito 2 0 a) 4 8 log 4 log 5 b) 2 4 log 5 c) 4 log 6 5 d) d è uguale a n 2 a n è convergente n=0

11 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Prima prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log ( arcsen ( 2 e 3)) 2 + e 3 è l insieme a) ] 0, 3 log 2[ b) [ 0, log 3 2 [ c) [ 0, log 3 2[ d) ], log 3 2 [ 2) La frontiera E dell insieme E = ([, 0] Q) 2 n : n N} è l insieme a) [, 0] b), 0} 2 n : n N} c) [, 0] 2 n : n N} d) E 2 n : n N} 3) La derivata della funzione [ arcsen (2)] è uguale a a) [ arcsen (2)] [ log ( arcsen (2)) arcsen (2) b) [ arcsen (2)] [ log ( arcsen (2)) arcsen (2) c) [ arcsen (2)] [ arcsen (2) log ( arcsen (2)) d) [ arcsen (2)] } 4) L insieme A = sen π : [0, ] \ Q 2 a) è limitato, ha minimo ma non ha massimo b) è limitato ma non ha né minimo né massimo c) è limitato inferiormente, ma non superiormente, ed ha minimo d) è limitato inferiormente, ma non superiormente, e non ha minimo ( + 9 ) 3 5) Il limite lim sen 2 π a) 27 π 2 b) 3 c) 0 d) + è uguale a ] ] ]

12 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () ( ) n cos n, (2) [ cos ] n cos n + a) (2), (3) e (4) b) (), (2) e (3) c) solo (3) d) (2) e (3), (3) ( 2 ) n+4 2, (4) π tg? n + arctg ( a 2 ) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a se e soltanto se a 0 b) l insieme immagine f a (R) è un intervallo se e soltanto se a c) la derivata seconda f a (0) esiste per ogni a R d) esistono infiniti valori di a per cui la funzione f a ha minimo assoluto 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + è vera? a) f non ha minimo assoluto b) f è derivabile in ogni punto del suo dominio c) f l insieme immagine di f è l intervallo [, + [ d) f non è iniettiva 9) L integrale indefinito e 2 [ ] z a) z 2 + z+3 dz z=e [ b) 2t(t 2 3) (t 2 3) 2 +t ]t= dt e +3 [ ] c) dz 2 z+ z+3 z=e [ 2 t d) 3 (t 2 3) 2 +t ]t= dt e +3 e 2 + e +3 d è uguale a 0) Sia a n } n N una successione di numeri reali positivi La condizione La serie a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente n=0 ) L integrale definito 3 0 a) + 4 log 8 9 b) 3 4 log 8 c) 5 d) 5 4 log d è uguale a n=0 n 2 n 2 + a n è convergente

13 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Prima prova scritta (compito C) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale f() = log ( arcsen ( 3 2 3)) è l insieme a) [ 3, log 2 3 [ b) ], log [ c) ] 3, 3 log 2 3 [ d) [ 3, log [ 2) La frontiera E dell insieme E = 2 n : n N} ( + n) n : n N + } è l insieme a) 0, e } b) 0,, 2, e } c) E 0, e } d) ]0, ] [2, e [ [ ] è uguale a 3) La derivata della funzione [ [ a) 2 + 2] log b) 2 +2 [ ] [ log( 2 + 2) + (+) 2 +2 c) [ ] 2 d) [ ] 2 ( + ) 4) L insieme A = ] [ ] 2 log(2 + 2) + (+) 2 +2 sen π 2 : [ } 3 2, [ Q a) è limitato ed ha minimo e massimo b) è limitato, ha minimo ma non ha massimo c) è limitato, ma non ha né minimo né massimo d) è limitato inferiormente ma non superiormente ( + π ) 4 5) Il limite lim sen 2 3 a) 0 b) 4 c) + d) π2 9 è uguale a ]

14 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: [ ( ) ] 3 n+2 () n 2, (2) ( ) n log n + 4 n a) (2), (3) e (4) b) (), (2) e (3) c) solo () d) () e (2), (3) ( log + ) n, (4) ( ) n n 2 n 2 +? arctg ( a 2 ) se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = è di massimo locale per f a se e soltanto se a > b) l insieme immagine f a (R) è un intervallo se e soltanto se a > c) la derivata f a(0) esiste solo se a = 0 oppure a = d) la retta di equazione y 2 = e e è tangente al grafico di f a per ogni a R 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + è vera? a) f è iniettiva b) il grafico di f non ha asintoti c) f non ha punti di estremo locale d) la retta di equazione 4(y ) = 3 è tangente al grafico della funzione f 9) L integrale indefinito e 3 [ ] z a) 3 z+ 3 dz z+3 z=e [ 3t b) 5 t 3 +t 3 ]t= dt 3 e +3 [ ] c) 3t 2 (t 3 3) 2 dt t 3 +t 3 t= 3 e +3 [ ] d) dz 3 z+ 3 z+3 z=e 3 e + 3 e +3 d è uguale a 0) Sia a n } n N una successione di numeri reali positivi La condizione La serie a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la serie a n sia convergente ) L integrale definito 3 0 a) 2 b) 3 5 log 8 c) 7 5 log(25 8) d) + 5 log d è uguale a a n n 2 è convergente

15 Tutti i quesiti dei compiti D, E e F del 2 febbraio 204 si trovano in uno dei compiti A, B e C

16 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Seconda prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Data una funzione f : ], 2[ R, dire che il limite di f() per che tende a è uguale a 5 vuol dire che (completare la definizione) 2) Sia E R Si dice che un punto c R è di frontiera per l insieme E se (completare la definizione) 3) Sia a n } n N una successione di numeri reali Si dice che la serie n=0 a n è convergente se (completare la definizione) sen ) Dimostrare che lim = 0 Quesiti di tipo T ( teoremi ) 2) Enunciare e dimostrare il teorema di esistenza degli zeri 3) Sia f : I R una funzione derivabile nell intervallo I Se f () > 0 I, allora la funzione f è (completare l enunciato e svolgere la dimostrazione) Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 2 a) è uniformemente continua in ]0, 2[ b) non è uniformemente continua in [0, + [ 2) Calcolare l integrale indefinito ( 2sen 2 + sen + 7 ) cos (0 cos 2 d ) (sen ) 3) Studiare la funzione reale di variabile reale e disegnarne il grafico f() = log

17 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Seconda prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Data una funzione f : ], 0[ R, dire che il limite di f() per che tende a è uguale a vuol dire che (completare la definizione) 2) Un insieme X R si dice limitato superiormente se Se l insieme X R è limitato superiormente, si chiama estremo superiore dell insieme X (completare le definizioni) 3) Sia f : I R (I intervallo di R) Si chiama primitiva di f (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) log ) Dimostrare che per ogni a > ed ogni p > 0 si ha lim a + p = 0 2) Enunciare e dimostrare il criterio di convergenza di Cauchy per le successioni 3) Enunciare e dimostrare il teorema di Rolle Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 5 a) è uniformemente continua in [0, 2[ b) non è uniformemente continua in [0, + [ 2) Calcolare l integrale indefinito ( tg ) ( tg 2 + ) (tg ) 2 (tg + 2) d 3) Studiare la funzione reale di variabile reale e disegnarne il grafico f() = arctg

18 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 2 febbraio 204 Seconda prova scritta (compito C) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Data una funzione f : ] 5, + [ R, dire che il limite di f() per che tende a + è uguale a vuol dire che (completare la definizione) 2) Un insieme X R si dice limitato inferiormente se Se l insieme X R è limitato inferiormente, si chiama estremo inferiore dell insieme X (completare le definizioni) 3) Sia f : I R (I intervallo di R) Si dice che f è derivabile in un punto 0 I se (completare la definizione) ) Dimostrare che lim + 4 = 0 Quesiti di tipo T ( teoremi ) 2) In R ogni insieme infinito e limitato ha almeno un punto (completare l enunciato e svolgere la dimostrazione) 3) Enunciare e dimostrare il teorema di Férmat sui punti di estremo locale Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 2 a) è uniformemente continua in ], 2[ b) non è uniformemente continua in ]0, ] 2) Calcolare l integrale indefinito ( sen 2 cos 2 ) cos (sen + ) 2 (sen 2) d 3) Studiare la funzione reale di variabile reale e disegnarne il grafico f() = arctg

19 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 7 marzo 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ( ) ) Il dominio della funzione reale di variabile reale log log ( ) log ( ) è l insieme a) ] 4 3, + [ b) [ 4 3, + [ c) ], 7 2[ ] 2, + [ d) ] 2, + [ 2) Il derivato DE dell insieme E = ( ], 0] \ Z ) } 2n+( ) n n+ n+ : n N a) ], 0] b) ], 0], 3} c), 3} d) ], 0] 3} 3) La derivata della funzione arcsen 5 2 è uguale a a) 5 arcsen4 2 2 b) 5 2 arcsen4 2 c) cos 2 sen d) 5 2 arcsen4 2 4) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = Per quali c R esiste il limite lim c f()? a) e b), 0 e c) e d) solo 4 5) Il limite lim 2 4+sen 2 sen2 a) è uguale a 4 b) non esiste c) è uguale a + d) è uguale a 0 è l insieme arctg ( 2 4) se Q arctg 2 se R \ Q

20 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () [ arcsen ] arcsen, (2) ( ) n n n n + n +, (3) ( ) π n+3 e +, (4) a) (2), (3) e (4) b) (), (3) e (4) c) solo (3) d) (3) e (4) ( ) n n +? arctg se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) esistono infiniti valori di a per i quali il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a b) esistono infiniti valori di a per cui f a è iniettiva c) la derivata f a(0) esiste solo se a = d) la funzione f a ha minimo assoluto soltanto se a ], π 2 ] 0} 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = (e ) è vera? a) f ha un asintoto orizzontale b) f ( ) = e c) il grafico di f ha un punto angoloso d) f è iniettiva 9) L integrale π 2 0 a) log 3 2 b) 3 log 2 c) 3 log 3 2 d) log cos 3 2+sen 3 d è uguale a 0) Sia f : R R La condizione La funzione 2 f() è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: e 2 e se > 0 () f () = 2 e se 0, (2) f 2() = se > 0 e se 0, a) (2), (3) e (4) b) (2) e (4) c) () e (4) d) solo (4) (3) f 3 () = se > 0 se 0, (4) f 4() = sen se 0 0 se = 0?

21 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 7 marzo 204 Prima prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale a) [ 4 9, + [ b) [ 4 9, [ 2 c) ] 3 2, [ 2 d) ], 4 ] 9] 3 2, [ 2 } 2) Il derivato DE dell insieme E = 2 n : n N} 2n+( ) n n+ n+ : n N a) 0,, 3} b) 3} c) 0} d) 0, 3} 3) La derivata della funzione arcsen 3 4 è uguale a a) cos 4 sen b) 6 arcsen2 4 4 c) 6 4 arcsen2 4 log ( ) ( ) log è l insieme è l insieme 3 d) arcsen2 4 4 e 2 se Q 4) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = e 3 2 se R \ Q Per quali c R esiste il limite lim f()? c a) e b) e c), e + d) solo 5) Il limite lim a) è uguale a 4 b) non esiste c) è uguale a d) è uguale a sen 4 2 sen 2

22 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () ( ) n cos n, (2) [ cos ] n cos n + a) (2), (3) e (4) b) (), (2) e (3) c) solo (3) d) (2) e (3), (3) ( 2 ) n+4 2, (4) π tg n 3 +? arctg se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = è di minimo locale per f a se e soltanto se a 0 b) f a è limitata inferiormente per ogni a R c) la derivata f a(0) esiste solo se a = 0 oppure a = d) per ogni a R la retta di equazione y a = e e è tangente al grafico di f a 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = (e ) è vera? a) f ha un punto di minimo locale b) f () = 2 e c) f è derivabile in R d) f è convessa in R 9) L integrale π 2 0 a) 3 log 3 2 b) log c) 3 log 3 cos 3 2 sen 3 d) 3 (log 3 log 2) d è uguale a 0) Sia f : R R La condizione La funzione f() 2 + è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: e 2 e () f () = se > 0 e se 0, (2) f 2() = se > 0 e se 0, a) (), (2) e (3) b) () e (2) c) () e (4) d) solo () (3) f 3 () = se > 0 se 0, (4) f 4() = + sen se 0 0 se = 0?

23 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 7 marzo 204 Prima prova scritta (compito C) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ( ) ) Il dominio della funzione reale di variabile reale log log ( ) log ( ) è l insieme a) ] 4 9, 2[ b) ] 4 9, + [ c) ] 7 2, 4 9[ d) ] 7 2, 2[ 2) Il derivato DE dell insieme E = a) 2, 2} b) [0, ] c) [0, ] 2, 2} ( ) d) [0, ] Q 2, 2} ( ) } [0, ] \ Q ( ) n 2n n+ : n N è l insieme 3) La derivata della funzione arcsen 4 3 è uguale a a) 6 arcsen3 3 3 b) 6 arcsen3 3 3 c) cos 3 sen d) 22 arcsen ) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = Per quali c R esiste il limite lim c f()? a) e 2 b) 2 e + c), 2 e + d) solo 2 5) Il limite lim a) è uguale a 4 b) non esiste c) è uguale a 0 d) è uguale a sen 4 2 sen 2 e 3 se Q e 2 +2 se R \ Q

24 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: [ ( ) ] 3 n+2 () n 2, (2) ( ) n log n + 4 n a) (2), (3) e (4) b) (), (2) e (3) c) solo () d) () e (2), (3) ( 2 n 2 n+ ), (4) ( ) n n 2 n 2 +? arctg se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a se e soltanto se a 0 b) l insieme immagine f a (R) è un intervallo per ogni a R c) la derivata seconda f a (0) esiste per ogni a R d) esistono infiniti valori di a per cui la funzione f a ha minimo assoluto 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = (e ) è vera? a) f (log 2) = + log 2 b) f è derivabile due volte nel punto 0 = 0 c) f ha punti di flesso d) f è limitata inferiormente 9) L integrale log 9 0 a) 40 b) 2 log 80 c) log 5 d) log 00 e 2 e 2 +9 d è uguale a 0) Sia f : R R La condizione La funzione f è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f() sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: e 2 e se > 0 () f () = 2 e se 0, (2) f 2() = se > 0 e se 0, (3) f 3 () = a) (2), (3) e (4) b) () e (4) c) (3) e (4) d) solo (4) log 2 se > 0 se 0, (4) f 4() = sen se 0 0 se = 0?

25 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 7 marzo 204 Seconda prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Scrivere una definizione di spazio metrico 2) Data una funzione f : E R (E R), dire che un punto 0 E è un punto di minimo assoluto per f vuol dire che (completare la definizione) 3) Sia a n } n N una successione di numeri reali Si dice che la serie n=0 a n è assolutamente convergente se (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) ) Dimostrare che una funzione f : I R derivabile in un punto 0 I è anche continua in 0 2) Enunciare e dimostrare il teorema fondamentale del calcolo integrale 3) Enunciare e dimostrare il criterio della condensazione per le serie a termini positivi Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 2 a) è uniformemente continua in ]0, 2[ b) non è uniformemente continua in [0, + [ 2) Trovare una primitiva della funzione f() = 3+2 cos a) nell intervallo [0, π[ b) nell intervallo [0, 2π[ 3) Trovare tutti i valori di R per i quali la serie [ ] 2 n+ n! + n n n è convergente

26 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 7 marzo 204 Seconda prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Scrivere una definizione di spazio metrico 2) Data una funzione f : E R (E R), dire che un punto 0 E è un punto di minimo locale per f vuol dire che (completare la definizione) 3) Sia a n } n N una successione di numeri reali Si dice che la successione a n } n N è una successione di Cauchy se (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) ) Enunciare e dimostrare il teorema di unicità del limite di una successione 2) Provare che una funzione monotona f : [a, b] R è integrabile secondo Riemann 3) Enunciare e dimostrare il criterio della condensazione per le serie a termini positivi Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 5 a) è uniformemente continua in [0, 2[ b) non è uniformemente continua in [0, + [ 2) Trovare una primitiva della funzione f() = 3 2 cos a) nell intervallo [0, π[ b) nell intervallo [0, 2π[ 3) Trovare tutti i valori di R per i quali la serie [ ] n+ ( )n n + n è convergente

27 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno aprile 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale log a) [ 2, 3[ ], 8 3] b) ], 8 3] c) ] 2, 3[ ], 8 3[ d) [ 2, 8 3] è l insieme 2) Il derivato DE dell insieme E = ( ], 0] \ Z ) } 2n+( ) n n+2 n+ : n N è l insieme a) ], 0] b) ], 0], 3} c), 3} d) ], 0] 3} 3) La derivata della funzione arcsen 5 4 è uguale a a) 0 arcsen4 4 4 b) 5 arcsen4 4 4 c) cos 4 sen d) 0 arcsen4 4 4 ( 2 4 ) se Q 4) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = 22 se R \ Q Per quali c R esiste il limite lim f()? c a) e b), 0 e c) e d) solo 4 5) Il limite lim 2 4+cos 4 arcsen 2 a) è uguale a 4 b) è uguale a 0 c) è uguale a + d) non esiste

28 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () n arcsen, (2) ( ) n arcsen n a) (2), (3) e (4) b) (), (3) e (4) c) solo (3) d) (3) e (4) n n +, (3) 5 n (n + )!, (4) ( ) n n + 3? arctg 3 se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) esistono infiniti valori di a per i quali il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a b) esistono infiniti valori di a per cui f a è iniettiva c) la derivata f a(0) esiste solo se a = 0 d) la funzione f a ha minimo assoluto se a ], π 2 ] 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + e è vera? a) f ha un asintoto orizzontale b) f ( ) = e c) il grafico di f ha un punto angoloso d) f è iniettiva 9) L integrale indefinito e 4 sen 5e d è uguale a a) [ 5 y3 cos 5y 3 5 y 2 cos 5y dy ] y= e b) [ 5 y3 cos 5y y2 sen 5y 6 ] 25 y sen 5y dy c) [ y 4 sen 5y dy ] y= e d) [ 5 y3 cos 5y y2 sen 5y 3 25 y sen 5y dy ] y= e y= e 0) Sia f : R R La condizione La funzione 2 + f() è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: () f () = e se > se 0, (2) f se 0 2() = e se < 0, sen (3) f 3 () = se 0 sen 0 se = 0, (4) f 4() = se 0 se = 0 a) (2), (3) e (4) b) (2) e (3) c) (2) e (4) d) solo (3)?

29 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno aprile 204 Prima prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale log a) [ 2, 3[ b) ] 6, 7 2] [ 2, 3[ c) ] 6, 2] d) ] 6, 7 2[ ] 2, 3[ è l insieme } 2) Il derivato DE dell insieme E = 2 n : n N} 2n+( ) n n+2 n+ : n N è l insieme a) 0,, 3} b) 3} c) 0} d) 0, 3} 3) La derivata della funzione arcsen 4 5 è uguale a a) cos 5 sen b) 0 arcsen3 5 5 c) 0 arcsen d) 202 arcsen se Q 4) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = ( 3) 3 2 se R \ Q Per quali c R esiste il limite lim f()? c a) e b), e + c) e d) solo 4 5) Il limite lim arcsen 4+cos a) è uguale a 0 b) non esiste c) è uguale a d) è uguale a 4

30 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: () ( ) n 2 n [, (2) cos ] cos, (3) n n + a) (2), (3) e (4) b) (), (2) e (3) c) solo (3) d) (2) e (3) ( 2 ) n+4 3, (4) 5 tg? n + arctg 3 se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = è di minimo locale per f a se e soltanto se a 0 b) f a è limitata inferiormente per ogni a R c) esistono valori di a per cui f a è derivabile in tutto R d) esistono infiniti valori di a per cui l equazione f a () = 0 ha due soluzioni 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + e è vera? a) f non ha punti di estremo locale b) f () = + e c) f è derivabile in R d) f è convessa in R 9) L integrale indefinito 7 cos 4 2 d è uguale a a) [ 2 4 y3 sen 4y y2 cos 4y 3 ] 8 y cos 4y dy 8 sen 42 + c c) [ 2 y 3 sen 4y 3 4 y 2 sen 4y dy ] y= 2 d) [ 2 4 y3 sen 4y y2 cos 4y 3 ] 8 y cos 4y dy b) 7 7 y= 2 y= 2 0) Sia f : R R La condizione La funzione [f()] 3 è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: sen se > 0 () f () = 2 se 0, (2) f + sen 2() = se > 0 (3) f 3 () = a) (), (2) e (3) b) () e (3) c) (3) e (4) d) solo () sen 2 se 0 0 se = 0, (4) f 4() = 2 se 0, cos 2 se 0? 0 se = 0

31 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno aprile 204 Prima prova scritta (compito C) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Rispondere ai seguenti quesiti Il punteggio viene attribuito nel modo seguente: punti 20 se vi sono almeno cinque risposte corrette punti 2 per ciascuna risposta esatta in aggiunta alle prime cinque punti - per ciascuna risposta errata punti 0 per ogni risposta non data Tempo disponibile: 90 minuti ) Il dominio della funzione reale di variabile reale log a) [, 2[ ] 3 2, 8] b) ], 2[ c) ], 8[ d) ], 2[ ] 3 2, 8[ 2) Il derivato DE dell insieme E = a) e, e} b) [0, ] c) [0, ] e, e} ( ) d) [0, ] Q e, e} ( ) [0, ] \ Q 3) La derivata della funzione arcsen 5 6 è uguale a a) 5 arcsen4 6 6 b) 52 arcsen c) cos 6 sen d) 30 arcsen log 2 (9 2 7 ) è l insieme ( ) + ( ) n n n : n N +} è l insieme ( ) 3 4) Sia f : R R la funzione definita nel modo seguente: f() = 2 se Q se R \ Q Per quali c R esiste il limite lim f()? c a), 2 e + b) 2 e + c) e 2 d) solo 2 4 5) Il limite lim 2 arcsen 4+cos a) è uguale a 0 b) non esiste c) è uguale a 4 5 d) è uguale a 5

32 6) Quali delle seguenti serie sono convergenti: [ ( ) ] 3 n+2 () n, (2) ( ) n log n2 + 4 n 2, (3) ( 2 ) n ( ) n+, (4) 2 ( ) n n 2 n 2 +? a) (2), (3) e (4) b) (2) e (3) c) solo (2) d) () e (3) arctg 3 se < 0 7) Per ogni a R sia f a : R R la funzione definita nel modo seguente: f a () = a se 0 a + log se > Quali delle seguenti affermazioni è falsa? a) il punto 0 = 0 è di massimo locale per f a se e soltanto se a 0 b) l insieme immagine f a (R) è un intervallo per ogni a R c) la derivata seconda f a (0) esiste per ogni a R d) per ogni y R esistono valori di a per cui l equazione f a () = y ha soluzioni 8) Quali delle seguenti affermazioni riguardanti la funzione reale di variabile reale f() = + e è vera? a) esiste c R per cui l equazione f() = c ha tre soluzioni distinte b) f è derivabile due volte nel punto 0 = 0 c) f ha punti di flesso d) f è limitata inferiormente 9) L integrale indefinito 7 sen 3 2 d è uguale a [ a) cos 32] + c b) [ 6 y3 cos 3y + ( 3 y 2 sen 3y + 2y sen 3y dy )] y= 2 c) [ 6 y3 cos 3y + 2 y 2 cos 3y dy ] y= 2 d) [ 6 y3 cos 3y y 2 cos 3y dy ] y= 2 0) Sia f : R R La condizione La funzione 3 f() è derivabile nel punto 0 = 0 a) è necessaria e sufficiente b) è necessaria ma non sufficiente c) è sufficiente ma non necessaria d) non è né necessaria né sufficiente affinché la funzione f sia derivabile in tale punto ) Quali tra le seguenti funzioni, definite in R, hanno primitive in R: e sen () f () = se > 0 cos 2 se 0, (2) f e cos 2() = se > 0 sen 2 se 0, 2 + log se > 0 (3) f 3 () = sen se 0, (4) f 2 log se > 0 4() =? sen se 0 a) (2), (3) e (4) b) () e (4) c) (3) e (4) d) solo (4)

33 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno aprile 204 Seconda prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Scrivere una definizione di spazio metrico 2) Data una funzione f : E R (E R), dire che un punto 0 E è un punto di minimo assoluto per f vuol dire che (completare la definizione) 3) Sia E R Si dice che un punto c R è di accumulazione per l insieme E se (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) ) Enunciare e dimostrare il teorema sul limite di una successione crescente 2) Mostrare un esempio di funzione f : [a, b] R limitata e non integrabile secondo Riemann 3) Enunciare e dimostrare il criterio della condensazione per le serie a termini positivi Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione 2 a) è uniformemente continua in ], [ b) non è uniformemente continua in ], 0] 2) Trovare una primitiva della funzione f() = 3+2 cos a) nell intervallo [0, π[ b) nell intervallo [0, 2π[ 3) Trovare tutti i valori di R per i quali la serie [ ] 2 n+ n! + n n+ n + è convergente

34 Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno aprile 204 Seconda prova scritta (compito B) Non sono consentiti formulari, appunti, libri e calcolatori non è consentito comunicare con i colleghi ogni mezzo di comunicazione elettronico deve essere tenuto dall aula prima di avere consegnato definitivamente il compito Si possono consegnare al massimo due fogli a quadri in bella copia in entrambi devono essere apposti nome e cognome a stampatello e la firma del candidato Alla fine della prova il presente foglio deve essere riconsegnato debitamente compilato Rispondere ai seguenti quesiti Il requisito minimo per superare la prova, con la conferma del voto della prima prova scritta quale voto finale dell esame, è di rispondere in maniera corretta ad un quesito di tipo D e ad uno di tipo T Le ulteriori risposte corrette, se valutate positivamente, comportano un incremento del voto finale dell esame fino ad un massimo di tre punti Tempo disponibile: 90 minuti Quesiti di tipo D ( definizioni ) ) Scrivere una definizione di spazio metrico 2) Sia a n } n N una successione di numeri reali Si dice che la serie n=0 a n è convergente se (completare la definizione) 3) Sia E R Si dice che un punto c R è di frontiera per l insieme E se (completare la definizione) Quesiti di tipo T ( teoremi ) ) Enunciare e dimostrare il teorema sul limite di una successione decrescente 2) Enunciare e dimostrare il teorema di derivazione di una funzione composta 3) Enunciare e dimostrare il criterio della condensazione per le serie a termini positivi Quesiti di tipo E ( esercizi ) ) Provare che la funzione a) è uniformemente continua in ] 2, [ b) non è uniformemente continua in ] 2, 0[ 2) Trovare una primitiva della funzione f() = 3 2 cos a) nell intervallo [0, π[ b) nell intervallo [0, 2π[ 3) Trovare tutti i valori di R per i quali la serie [ ] n n ( )n n è convergente

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 04/ 05 Corsi di Analisi Matematica I Proff. A. Villani, R. Cirmi e F. Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 05 Prima prova scritta compito A) Non sono consentiti formulari, appunti,

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z

FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z L esame è costituito da una prova scritta (o, in alternativa, da due prove

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Nome... N. Matricola... Ancona, 29 marzo 2014 1. (7 punti) Studiare la funzione determinandone: f(x) = e x x il dominio;

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30 Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 830 A ESERCIZIO 1 (8 punti) Data la funzione = 1 + sin x 2 2 x (a) determinare lo sviluppo di MacLaurin al terzo ordine della funzione ; (b) determinare

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

Analisi Matematica I Palagachev

Analisi Matematica I Palagachev Analisi Matematica I Palagachev Numeri complessi Risolvere nel campo complesso C la seguente equazione: ) 3 z i = i z + 2 Risolvere nel campo complesso C la seguente equazione: z 2 + 2iz = 2 3 Risolvere

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001

PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001 PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001 [1] Il prodotto di due numeri non nulli è maggiore di zero se: a. il loro rapporto è maggiore di zero, b. il loro rapporto è minore di zero, c. il loro rapporto è uguale

Dettagli

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare.

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare. Prof.ssa Diomeda Lorenza Maria Professore Ordinario Dipartimento di Scienze Economiche Area Matematica Facoltà di Economia, Via C.Rosalba 53- Bari Tel. 080-5049169 Fax 080-5049207 E-mail diomeda@matfin.uniba.it

Dettagli

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 1. Determinare dominio, limiti significativi, intervalli di monotonia della funzione f (x) = (2x + 3) 2 e x/2 e tracciarne il grafico. In

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti

ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti Scopo del corso: fornire alcuni strumenti di base del calcolo differenziale e

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Solitamente si fa riferimento ad intorni simmetrici =, + + Definizione: dato

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del giugno 202 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Commenti alle lezioni del CORSO DI ANALISI MATEMATICA a.a. 2005/2006

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti.

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti. Pagina 1 di 9 DISCIPLINA: MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CLASSE: 4 SI DOCENTE : ENRICA GUIDETTI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture 1 Ripasso Retta e coniche;

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Sede di Brindisi Esame di Analisi Matematica 25 giugno ex+1 x 2 2x. f (x) =

Corso di Laurea in Informatica Sede di Brindisi Esame di Analisi Matematica 25 giugno ex+1 x 2 2x. f (x) = 25 giugno 215 f (x) = ex+1 x 2 2x 2. Si calcoli il seguente integrale: 4 2 x log(x 2 1) dx. 3. Si enunci la definizione di funzione continua. 4. Si enunci il teorema di Fermat e, facoltativamente, lo si

Dettagli

Studio di una funzione. Schema esemplificativo

Studio di una funzione. Schema esemplificativo Studio di una funzione Schema esemplificativo Generalità Studiare una funzione significa determinarne le proprietà ovvero Il dominio. Il segno. Gli intervalli in cui cresce o decresce. Minimi e massimi

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013 Tempo massimo 2 ore. Consegnare solamente la bella copia. Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 212/213 12 febbraio 213 1. Disegnare il grafico della funzione: [1

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006

Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006 Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006 CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA... NOME E COGNOME:... NUMERO DI MATRICOLA:... (scrivere nome e cognome

Dettagli

Successioni di funzioni reali

Successioni di funzioni reali E-school di Arrigo Amadori Analisi I Successioni di funzioni reali 01 Introduzione. In questo capitolo applicheremo i concetti di successione e di serie alle funzioni numeriche reali. Una successione di

Dettagli

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati.

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati. Si raccolgono qui temi d esame, esercizi e domande di teoria dati negli anni 3-4 nei corsi di Analisi Matematica I presso il DTG di Vicenza. Il materiale è stato reso disponibile dai docenti che hanno

Dettagli

( ) ( ) Verifica di matematica classe 5 a A LST

( ) ( ) Verifica di matematica classe 5 a A LST Verifica di matematica classe 5 a A LST - Dopo aver dato le definizioni di asintoto orizzontale, verticale ed obliquo, determina il Dominio e scrivi le equazioni degli asintoti della seguente funzione.

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G DIPARTIMENTO: ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 4 AII-ABIT - pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 4AII-4BIT CLASSE E Monte ore

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

x log(x) + 3. f(x) =

x log(x) + 3. f(x) = Università di Bari, Corso di Laurea in Economia e Commercio Esame di Matematica per l Economia L/Z Dr. G. Taglialatela 03 giugno 05 Traccia dispari Esercizio. Calcolare Esercizio. Calcolare e cos log d

Dettagli

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi:

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: Funzioni Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: da un rilevamento empirico da una formula (legge) ESEMPI: 1. la temperatura

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1. (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte

ANALISI MATEMATICA 1. (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte ANALISI MATEMATICA 1 (Ingegneria Industriale, corsi A e B) Esempi di prove scritte Rispondere ai quesiti a risposta multipla Qi, risolvere gli esercizi Ei, enunciare le definizioni Di e svolgere le dimostrazioni

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: 1 punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME... NOME... MATRICOLA... VALUTAZIONE... +... =...

Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME... NOME... MATRICOLA... VALUTAZIONE... +... =... Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME........................ NOME............................. MATRICOLA....................... VALUTAZIONE..... +..... =...... 1. Istruzioni Gli

Dettagli

REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE)

REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE) REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE) 30/09/2013 ore 3 I numeri naturali, relativi, razionali e loro proprieta'. Incompletezza del campo dei numeri razionali. I numeri reali come allineamenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli ISIS: G. Tassinari Pozzuoli Programmazione di Matematica classe 5 a B a.s. 05/06 Docente M.Rosaria Vassallo Modulo : Funzioni e limiti di funzioni Gli obiettivi generali : Iniziare un approccio più rigoroso

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSI: 4AMM-4BME DIPARTIMENTO: PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - : 4AMM-4BME E Monte ore annuo 132 (99+33) Libro di Testo L. Sasso: Nuova Matematica a colori Edizione Verde, VOL.3-4 SETTEMBRE OTTOBRE

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 015 1. Indicando con i minuti di conversazione effettuati nel mese considerato, la spesa totale mensile in euro è espressa dalla funzione f()

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA

PROGRAMMA DI MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S. 2014-2015 CLASSE IV SEZ. B INDIRIZZO SIA PROF. Orlando Rocco Carmelo ODULO MODULO ORD. ARGOMENT O 1 SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI FUNZIONI ARGOMENTO 1 TOMO E SEZ 1 FUNZIONI E LIMITIDI

Dettagli