ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE"

Transcript

1 PROT. N 1723/OR 09 15/05/2015 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA ROMANA 11/13 CIAMPINO (RM) LICEO ARTISTICO Indirizzo: ARCHITETTURA E AMBIENTE DOCUMENTO DI CLASSE 5 A a.s

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE INSEGNANTE DISCIPLINA Carlo Matteo MOSSA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Maria VITERBINI LINGUA E CULTURA STRANIERA Carlo Matteo MOSSA STORIA Teresa COSTANTINO FILOSOFIA Luisa POLIDORO MATEMATICA Luisa POLIDORO FISICA Antonella AMATI STORIA DELL ARTE (CLIL) Letizia ATTISANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE M.Gabriella O. MASI RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITA ALTERNATIVE Marina MUZZINI Anna SICALI LABORATORIO DI ARCHITETTURA Marina BONAVIA DISCIPLINE PROGETTUALI Emilia RICCIARDI Roberta FERALE Ursula BENVENUTI SOSTEGNO AREA TECNICA SOSTEGNO AREA TECNICA SOSTEGNO AREA PSICOMOTORIA

3 SOMMARIO 1.PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA pag. 4 2.PROFILO DELLA CLASSE pag CURRICULUM SCOLASTICO ALLIEVI pag. 8 3.ATTIVITA CURRICULARI ED ETRA-CURRICULARI pag OBIETTIVI RAGGIUNTI DALLA CLASSE pag CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE pag METODOLOGIE DI INSEGNAMENTO E MEZZI pag CRITERI DI VALUTAZIONE pag STRUMENTI DI VERIFICA pag SIMULAZIONI PROVE D ESAME pag DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE pag PROGRAMMI SVOLTI DAI SINGOLI DOCENTI pag PROGETTO CLIL pag FIRME DOCENTI pag. 49

4 1.PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA L Istituto di Istruzione Superiore Via Romana Ciampino è una complessa realtà scolastica nata il dall aggregazione di due istituti storici del territorio di Ciampino-Marino: l Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Michele Amari e la ex sede dell Istituto Statale d Arte Paolo Mercuri ora Liceo Artistico che per l a.s.2014/2015 comprende le Sezioni di: -Architettura e Ambiente (Marino) -Design del Gioiello (Marino) -Design del Tessuto e della Moda (Ciampino) Presso la sede di Marino,dall' a.s. 2015/2016, sarà operativa la Sezione di 'Arti figurative'. La nostra scuola si propone di far conseguire agli allievi una formazione umanamente ricca e articolata che si fonda sull'armonica integrazione di tutte le discipline e le attività previste dal programma di studio. Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce l'acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica e la padronanza dei linguaggi e delle tecniche relative.fornisce allo studente gli strumenti necessari per conoscere il patrimonio artistico nel suo contesto storico e culturale e per coglierne appieno la presenza e il valore nella società odierna.guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per dare espressione alla propria creatività e capacità progettuale nell'ambito delle arti.(art.4 comma1) Tutte le discipline concorrono alla costruzione di un ampio bagaglio conoscitivo, offrendo allo studente la possibilità di sperimentare linguaggi e tecniche espressive di carattere storico, artistico, letterario e scientifico e al raggiungimento di competenze specifiche nel campo delle discipline progettuali, volumetriche-tecnico-pratiche e di modellazione virtuale indispensabili per svolgere verifiche, in corso d opera ed alla fine dell anno, attraverso immagini in 3D renderizzate,plastici o prototipi realizzati nei laboratori della sezione, caratteristica peculiare del Liceo Artistico della sede di Marino. I profili di indirizzo presenti si distinguono per la peculiarità delle tematiche progettuali e per le rispettive specializzazioni laboratoriali. Il percorso formativo è dunque teso al conseguimento di conoscenze e competenze in cui la generale crescita culturale e civile si caratterizza per una specifica valenza artistica, attraverso lo studio del linguaggio espressivo e progettuale proprio delle nostre sezioni di indirizzo. Per l indirizzo di ARCHITETTURA E AMBIENTE sono: Laboratorio della Progettazione di Architettura (con annessa falegnameria) Laboratorio multimediale (con postazioni multimediali) Le competenze acquisite alla fine del percorso di studi, permettono allo studente di poter accedere a qualsiasi facoltà universitaria, all Accademia di Belle Arti, all Istituto Superiore delle Industrie Artistiche ed al Corso di laurea in Disegno Industriale. Per l indirizzo Architettura ed Ambiente con l ausilio delle competenze grafiche, laboratoriali e con l acquisizione delle capacità derivanti dell utilizzo di programmi multimediali specifici (AUTOCAD, RHINOCEROS,FLAMINGO,WINDOWS,OPENOFFICE,ecc.), lo studente avrà la possibilità di poter operare all interno di uffici tecnici pubblici e presso studi professionali privati avendo acquisito specifiche capacità tecniche nel campo della progettazione. Il primo biennio è finalizzato all'iniziale approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle abilità e a una prima maturazione delle competenze caratterizzanti le singole articolazioni del sistema liceale. Il secondo biennio è finalizzato all'approfondimento e allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità e alla maturazione delle competenze caratterizzanti le singole articolazioni del sistema liceale. Nel quinto anno si perseguono la piena realizzazione del profilo educativo,culturale e professionale dello studente,il raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento e si consolida il percorso di orientamento agli studi successivi e l'inserimento nel mondo del lavoro.nel quinto anno è impartito l'insegnameto in lingua straniera, di una disciplina non linguistica compresa nell'area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti.

5 Gli studenti, a conclusione del percorso di studio dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dell'architettura a partire dagli aspetti funzionali,estetici e dalle logiche costruttive fondamentali; avere acquisito una chiara metodologia progettuale applicata alle diverse fasi da sviluppare (dalle ipotesi iniziali al disegno esecutivo, dalla realizzazione tridimensionale con metodologia tradizionale alla modellazione virtuale in 3D) e un'appropriata conoscenza dei codici geometrici come metodo di rappresentazione; conoscere la storia dell'architettura,con particolare riferimento all'architettura moderna e alle problematiche urbanistiche connesse,come fondamento della progettazione; avere acquisito la consapevolezza della relazione esistente tra il progetto e il contesto storico,sociale,ambientale e la specificità del territorio nel quale si colloca; aver acquisito la conoscenza e l'esperienza del rilievo e della restituzione grafica e tridimensionale degli elementi dell'architettura; saper usare le tecnologie informatiche in funzione della visualizzazione e della definizione grafico-tridimensionale del progetto. conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della composizione della forma architettonica. Di seguito il quadro orario settimanale:

6 2. PROFILO DELLA CLASSE La classe 5A è composta da 12 alunni, di cui 10 provenienti dalla quarta A e due allieve diversamente abili già precedentemente iscritte in altre classi della scuola. Nella classe è inoltre presente una situazione problematica, che verrà dettagliata, per motivi di riservatezza, nel verbale dello scrutinio. La provenienza territoriale è eterogenea e comprende diversi comuni limitrofi al comune di Marino. Il servizio di trasporto pubblico che collega tali comuni presenta talvolta dei disservizi, determinando frequentemente la non puntualità negli ingressi a scuola. Durante l'intero anno scolastico i docenti del Consiglio di Classe hanno rilevato, da parte degli studenti, vivace partecipazione ed impegno costante nello studio e nell approfondimento di ciascuna disciplina, con un atteggiamento generalmente corretto e rispettoso nei confronti degli insegnanti, della struttura scolastica e nei rapporti interpersonali fra coetanei raggiungendo un livello sereno, costruttivo ed equilibrato. Per quanto riguarda l area grafico, progettuale e laboratoriale il giudizio dei docenti è positivo e conferma il possesso di buone capacità per la maggior parte della classe nelle discipline di indirizzo e, per alcuni, eccellenti. Si fa presente che la classe ha partecipato al Progetto triennale C.L.I.L., seguendo la sperimentazione C.L.I.L.(Content and Language Integrated Learning)con la materia di Storia dell'arte. Sin dal terzo anno la classe è stata seguita dalla Prof.ssa Marina Muzzini, docente di Laboratorio della Progettazione, in qualità di Coordinatrice. Dopo i risultati della simulazione dell'esame di Stato (3 settimana di marzo) e delle ultime valutazioni riferite nel C.d.C. del 4 maggio 2015, la Coordinatrice ha consegnato due lettere. Una per i genitori di un'allieva con alcune insufficienze gravi dovute principalmente alle notevoli assenze accumulate; l'altra ai genitori di un'allieva con due insufficienze gravi auspicando che per ambedue i casi vengano attuate tutte le strategie possibili utili ad un immediato recupero e a garantire una regolare frequenza fino alla fine dell' a.s. 2014/2015. Complessivamente, le competenze acquisite risultano soddisfacenti per la maggioranza degli alunni che presentano anche un ottima autonomia nonché la capacità di elaborare strategie individuali per lo sviluppo di percorsi creativi inerenti la Sezione di Architettura e Ambiente.

7 2.1 CURRICULUM SCOLASTICO ALLIEVI N 1 ALLIEVI BALSAMO MARTINA DATA DI NASCITA Nata a Genzano di Roma INDIRIZZO Architettura e Ambiente Residente a Marino CURRICULUM SCOLASTICO Provenienza: I.S.'VOLTERRA'-Ciampino a.s anno a.s anno a.s anno Es. integrativo : ammessa al 3 anno della Sez.A L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino): a.s a.s a.s Credito scolastico totale: punti 12 L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) iscritto dal primo anno nella sez.a: 2 BARAGAGLIA SANDRO Nato a Roma Residente a Roma 3 BENDEL MICOL Nata a Roma Residente a Rocca Priora Architettura e Ambiente a.s. a.s. a.s. a.s. a.s. 2010/ / / / / anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno PROMOSSO PROMOSSO PROMOSSO PROMOSSO Credito scolastico totale: punti 15 Provenienza: L.A.parificato 'S.Giuseppe' a.s. 2010/ anno a.s. 2011/ anno Architettura L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) ammessa al 3 anno della Sez.A: e a.s.2012/ anno (mat.fisica,chim) Ambiente a.s.2013/2014 a.s.2013/ anno 5 anno Credito scolastico totale: punti 10 L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) iscritta dal primo anno nella sez.a: 4 CELLUCCI SARA Nata a Roma Residente ad Albano Laziale Nata a Roma CERRONI CRISTINA Residente a Grottaferrata a.s. 2010/2011 Architettura a.s. 2011/2012 a.s. 2012/2013 e a.s. 2013/2014 Ambiente a.s. 2014/ anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Credito scolastico totale: punti 12 Architettura L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) e iscritta dal primo anno nella sez.a: Ambiente a.s. 2010/2011 a.s. 2011/2012 a.s.2012/2013 a.s.2013/2014 a.s.2013/ anno 2 anno 3 anno(italiano,inglese) 4 anno (inglese) 5 anno Credito scolastico totale: punti 9

8 CIANI AURORA 6 Nata a Genzano Provenienza: L.Scient.'Touschek' a.s anno BOCCIATA L.A.parificato 'S.Giuseppe' a.s. 2011/ anno Architettura a.s. 2011/ anno e L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) Ambiente ammessa al 3 anno della Sez.A: a.s.2012/ anno (inglese) a.s.2013/2014 a.s.2013/2014 Residente a Frascati 4 anno 5 anno Credito scolastico totale: punti 10 7 DE ANGELIS VALENTINA Nata a Frascati Architettura e Ambiente Residente a Grottaferrata 8 MANCINI CHIARA LETIZIA Nata a Frascati Residente a Marino PACCAPELO GIADA 9 Nata a Genzano di Roma Residente a MarinoFrattocchie Architettura e Ambiente I.S.A.'P.Mercuri',sez.A (sede di Marino) a.s anno a.s.2008/ anno a.s.2009/ anno a.s.2010/ anno riprovaz. (sede di Marino) a.s.2011/ anno a.s. 2012/ anno riprovaz. (sede di Marino) a.s.2013/ anno a.s.2014/ anno sez.a, Liceo Art. I.S.A.'P.Mercuri',sez.A (sede di Marino) a.s anno a.s.2009/ anno a.s.20010/ anno a.s.2011/ anno RESPINTA a.s.2012/ anno RESPINTA a.s. 2013/ anno a.s.2014/ anno ez.a, Liceo Art. L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) iscritta dal primo anno nella sez.a: a.s. 2010/ anno Architettura a.s. 2011/ anno e a.s.2012/ anno Ambiente (italiano,inglese,storia,matem.) a.s.2013/2014 a.s.2013/ anno (inglese) 5 anno Credito scolastico totale: punti 9

9 L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) iscritta dal primo anno nella sez.a: 10 PENNETTA GIORGIA Nata a Roma Residente a Roma Domiciliata a Grottaferrata a.s. 2010/ anno a.s. 2011/ anno Architettura a.s.2012/ anno e (italiano,inglese,matem.) Ambiente a.s.2013/ anno (inglese) a.s.2013/ anno Credito scolastico totale: punti 9 Provenienza: L.Scient.'Touschek' a.s a.s.2009/2010 PENZA FEDERICA 11 Nata a Marino Residente a Rocca Priora 1 anno 2 anno BOCCIATA 2 anno 3 anno BOCCIATA L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) ammessa al 2 anno della Sez.A: Architettura a.s. 2010/2011 e a.s.2011/2012 Ambiente a.s.2012/2013 a.s.2013/2014 a.s.2014/ anno Sez.B 4 anno Sez.A 5 anno Credito scolastico totale: punti 10 L.A. IISViaRomana11-13(Sede di Marino) iscritta dal primo anno nella sez.a: VINCIGUERRA VALENTINA 12 Nata a Marino Residente a Ciampino a.s. 2010/ anno Architettura a.s. 2011/ anno (Dis.geom.) e a.s.2012/ anno (Italiano,inglese,storia,matem.) Ambiente a.s.2013/2014 a.s.2014/ anno 5 anno Credito scolastico totale: punti 10

10 3. ATTIVITA CURRICULARI ED ETRA-CURRICULARI Il corpo docente ha operato: Nei Consigli di classe di inizio anno per la programmazione e la definizione dei macro obiettivi comuni a tutte le discipline. Nei Consigli di Classe intermedi, come da calendario prefissato, per la valutazione in itinere del percorso formativo. In una riunione per classi parallele (classi quinte) in merito alla definizione dei criteri comuni, delle tipologie e dei contenuti della terza prova. In incontri tra singoli docenti, allo scopo di concordare programmi, metodi, obiettivi, sistemi di valutazione, attività formative. In incontri con le famiglie sia durante l orario di ricevimento settimanale, sia nei due quadrimestri in orario pomeridiano. Le attività didattiche si sono svolte sempre nell intento di perseguire gli obiettivi prefissati nella programmazione di classe, in cui si è tentato di armonizzare i singoli percorsi e di individuare un filo conduttore del percorso interdisciplinare, anche in base alle linee guida suggerite dal POF. In particolare si è cercato di privilegiare, oltre naturalmente a quelli specifici per ogni disciplina, i seguenti obiettivi educativi e formativi: 1.Accrescere il senso di responsabilità negli alunni conducendoli a frequentare le lezioni con maggiore assiduità, a rispettare maggiormente le scadenze e gli impegni, ad osservare le regole di convivenza e i regolamenti, ad instaurare rapporti corretti con tutti. 2.Rendere consapevoli gli alunni del ruolo culturale e formativo di tutte le discipline che sono tra loro collegate soprattutto negli obiettivi. 3.Iniziare la preparazione all Esame di Stato prevedendo simulazioni nel corso di tutto l anno scolastico e fornendo informazioni chiare e precise sul sistema dei debiti e dei crediti e sui criteri di ammissione. 4.Attivare un orientamento sistematico che faccia conoscere loro le prospettive future, aumentando il senso di appartenenza alla scuola e la fiducia nelle scelte operate. 5.Migliorare l autonomia di studio e il desiderio di approfondimento. 6.Operare azioni di rinforzo che educhino gli alunni a curare maggiormente l espressione verbale e scritta. 7.Numerose sono state le occasioni di ampliamento della didattica curriculare; la classe ha infatti partecipato alle seguenti iniziative organizzate dalla scuola: -4 Ottobre 2014, Sagra Dell'Uva Esposizione ed allestimento presso il Liceo Artistico di Marino dei lavori eseguiti negli anni precedenti. Mostra dedicata al prof.'nicola Fonte'. -Ottobre 2014,Roma:Auditorium,Parco della Musica,MAKER-FAIRE,Fiera espositiva internazionale e conferenza sulle nuove tecnologie (software Arduino,stampanti 3D,ecc.) -Novembre/dicembre,IISViaRomana11/13-Ciampino,collaborazione allestimento dell'operaistallazione: 'Albero ad Albero' di e con F.Pernice realizzata nel 2012 a Shenzhen e rielaborata per essere ospitata per la prima volta in Italia in uno degli spazi messi a disposizione dalla sede del Liceo Artistico,Sez. Design del Tessuto e della moda (ex Laboratorio della Sez. di Ceramica) IISViaRomana 11/13,Ciampino. -Dicembre e Gennaio, Open Days del Liceo Atistico di ViaRomana11/13

11 -Nei mesi di gennaio e febbraio la mostra è rimasta aperta al pubblico e a visite didattiche per le scuole primarie e medie del territorio. -27 gennaio 2015: Giornata della memoria',visione del film 'L'uomo che verrà'. -26 febbraio 2015: la classe partecipa al progetto'dall'adolescenza all'età adulta':sportello socio-sanitario e psico-sociale in collaborazione con ASL Roma H -Partecipazione al Progetto 'Dal Reale al Virtuale': elaborazione grafica e realizzazione di un mosaico a 'Campo dell'arte'(grottaferrata)per il Piazzale Aldo Moro di Ciampino. Inaugurazione: 6 giugno prima settimana di marzo:vaggio d'istruzione a Berlino -8/12 aprile 2014: Conferenza di Ferdinando Imposimato sulla Costituzione Italiana, IIS ViaRomana11/13-Ciampino -Teatro dell'opera di Roma:'Lucia di Lammermoor',8 aprile Teatro dell'opera di Roma : anteprima di 'Aida',21 aprile Maggio 2015 allestimento mostra 'Premio Nicola Fonte', Museo Mastroianni di Marino -Partecipazione alla conferenza 'Associazione ADMO' presso la Sala Consiliare del Comune di Marino, donazione midollo osseo -SECESSIONE E AVANGUARDIA Galleria Arte Moderna, Roma -CHAGALL. LOVE AND LIFE Chiostro del Bramante,Roma -MATISSE. ARABESQUE Scuderie del Quirinale,Roma -PROGETTO:UN GIORNO AL MUSEO Dal figurativo all astrazione: Viaggio tra forme d arte semplici e complesse. Il progetto prevedeva che gli alunni delle quinte facessero da guida sul posto agli alunni delle classi terze dell Istituto Secondario di Primo Grado G. Garibaldi di Genzano. La V A ha portato I ragazzi delle medie alla Galleria di Arte Moderna di Roma (GNAM) accompagnandoli cronologicamente in un viaggio artistico dall'arte piu' figurativa (Fattori, Hayez, Monet, vangogh ecc) all'arte piu' astratta e concettuale (Kandisky, Itten, Mondrian, Burri, Fontana, Pollock ecc ecc) Ognuno degli studenti ha preparato e approfondito un opera del museo che è stata illustrata davanti all'opera stessa. I ragazzi, oltre a studiare e ricercare le opere, hanno anche effettuato sopraluoghi precedenti alla visita in questione. Alcune opere, data la partecipazione dei ragazzi al Progetto CLIL, sono state spiegate anche in lingua inglese. Per l'orientamento in uscita sono stati effettuati incontri guidati presso le facoltà di Architettura della Sapienza,Tor Vergata,Istituto Superiore di Industrial Design(ISIA) e Accademia di Belle Arti di Roma. PROGETTI CLIL, Storia dell'arte Sagra dell'uva,marino OPEN DAYS, Liceo Artistico,ViaRomana11/13 Dal Reale Al Virtuale ('Albero ad Albero') Dal Reale al Virtuale ( Mosaico degli 'Alberi stagionali') Allestimento della mostra:nicola Fonte.'Parole,note,colori nella penombra', Museo Mastroianni, Marino

12 4. OBIETTIVI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Gli obiettivi trasversali precedentemente descritti possono considerarsi sufficientemente raggiunti da tutti gli allievi della classe. Per quanto riguarda gli obiettivi cognitivi, risultano mediamente raggiunti quelli schematizzati di seguito: AREA COMUNE CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITÀ Conoscenza del mezzo linguistico e delle capacità espressive, orali e scritte, in relazione ai diversi ambiti disciplinari Conoscenza dei singoli settori disciplinari a livello dei contenuti Abitudine ad operare interdisciplinarmente tra i diversi contenuti culturali Competenza nel leggere ed utilizzare testi e linguaggi verbali e non verbali Capacità di analisi delle problematiche che si presentano Capacità critiche AREA STORICO-LETTERARIA CONOSCENZE Conoscenza delle strutture grammaticali, lessicali e sintattiche Conoscenza del fenomeno letterario all interno del panorama storico in cui si produce. COMPETENZE CAPACITÀ Autonomia di lettura e di comprensione Analisi di un testo letterario e poetico Capacità di riconoscere i fattori determinanti un evento storico Capacità di ricostruire personalità ed eventi nel loro sviluppo diacronico Capacità di stabilire confronti e concatenazioni tra eventi e momenti culturali lontani nel tempo e nello spazio AREA SCIENTIFICO-MATEMATICA CONOSCENZE Conoscenza del dato scientifico e matematico COMPETENZE Uso consapevole delle diverse conoscenze CAPACITÀ Capacità logico intuitive di analisi e sintesi Capacità di esposizione dei concetti da un punto di vista logico e tecnico grafico

13 AREA STORICO-ARTISTICA CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITÀ Consapevolezza dei vari linguaggi figurativi Espressione di un giudizio personale Capacità di individuazione del significato culturale di un opera, corrente, autore, scuola CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITÀ Conoscenza del linguaggio tecnico grafico specifico Conoscenza delle norme, regole e convenzioni per le varie fasi della progettazione Adozione del linguaggio specifico per la lettura del processo progettuale e del suo prodotto Utilizzo delle diverse conoscenze disciplinari nell argomentazione e nella produzione Conoscenza dei contenuti disciplinari AREA PROGETTUALE 5. Capacità di utilizzare le tecniche esecutive peculiari dell indirizzo Capacità di analizzare e rappresentare le caratteristiche di un manufatto Capacità di illustrare l iter seguito per lo sviluppo di un progetto CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Rinviando alle relazioni finali dei singoli docenti per la descrizione dettagliata di tutti gli argomenti svolti e della loro articolazione, si allegano al termine del presente Documento le schede sintetiche delle unità didattiche svolte fino ad oggi e quelle da svolgere nelle prossime settimane ed i relativi tempi di realizzazione.

14 6. METODOLOGIE D INSEGNAMENTO E MEZZI Nelle tabelle che seguono sono elencati, disciplina per disciplina, le modalità nell organizzazione delle attività didattiche (tab. 1), le metodologie impiegate nel processo di insegnamento-apprendimento (tab. 2) e i mezzi utilizzati per il raggiungimento degli obiettivi (tab. 3). TABELLA 1 MATERIE DI INSEGNAMENTO Procedure tradizionali Organizzazione modulare LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA E CULTURA STRANIERA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA STORIA DELL ARTE (CLIL) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATT.ALTERNATIVE LABORATORIO DI ARCHITETTURA DISCIPLINE PROGETTUALI

15 TABELLA 2 MATERIE DI INSEGNAMENTO Lezioni frontali Problem solving Lavori singoli Lavori di gruppo Lavori interdisciplinari LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA E CULTURA STRANIERA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA STORIA DELL ARTE (CLIL) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATT.ALTERNATIVE LABORATORIO DI ARCHITETTURA DISCIPLINE PROGETTUALI

16 TABELLA 3 Mezzi audiovisivi LINGUA E LETTERATURA STRANIERA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA STORIA DELL'ARTE (CLIL) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Computer Fotocopie Attrezzi specifici Appunti Volumi monografici Libri di testo LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Riviste specializzate MATERIE DI INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITA' ALTERNATIVE LABORATORIO DI ARCHITETTURA DISCIPLINE PROGETTUALI

17 7. CRITERI DI VALUTAZIONE La valutazione è stata effettuata sulla base dei seguenti parametri: Partecipazione, intesa come attenzione, puntualità nel mantenere gli impegni, richieste di chiarimento e contributi personali alla lezione, disponibilità a collaborare, curiosità, motivazione, interesse, capacità di iniziativa personale. Impegno, inteso come consapevolezza della necessità di applicazione intensa e rigorosa per ottenere validi risultati, frequenza, qualità e quantità dello studio a casa, disponibilità all'approfondimento personale, rispetto delle scadenze sia verso l'insegnante che verso i compagni. Metodo di studio, inteso come capacità di organizzare autonomamente il proprio lavoro, comprendere i testi delle varie discipline e i loro linguaggi. Livello di effettivo apprendimento, inteso come conoscenze acquisite nelle singole discipline, comprensione (dire con parole proprie, interpretare, dimostrare, spiegare), capacità di analisi, di sintesi e rielaborazione personale, capacità valutativa (individuazione delle priorità, autonomia di giudizio, ecc.). Comportamento, inteso come rispetto delle regole, frequenza alle lezioni, senso di responsabilità Progresso, inteso come cammino e crescita che lo studente è stato in grado di compiere rispetto ai livelli di partenza e che suggerisce anche le possibilità di ulteriore miglioramento. Problemi personali, difficoltà individuali, difficoltà di inserimento nel gruppo, situazioni familiari particolari che possono incidere sulla qualità e quantità dello studio. SCALA DI MISURAZIONE: voto in decimi VOTO IN DECIMI VOTO 1-3 VOTO 4 PROFILO CORRISPONDENTE Non rispetta mai le consegne e in classe si distrae e disturba. Possiede conoscenze frammentarie e superficiali, commettendo errori gravi nell esecuzione dei compiti semplici e nell applicazione. Non riesce a condurre analisi con correttezza e non sa sintetizzare le proprie conoscenze, mancando del tutto di autonomia. Si esprime con grande difficoltà, commettendo errori che oscurano il significato del discorso. Non rispetta quasi mai le consegne e spesso sai distrae. Possiede conoscenze frammentarie e superficiali, commettendo spesso errori nell esecuzione di compiti semplici e nell applicazione. Ha difficoltà nell analizzare e nel sintetizzare le proprie conoscenze, mancando di autonomia. Si esprime in maniera poco corretta, rendendo spesso oscuro il significato del discorso.

18 VOTO 5 VOTO 6 VOTO 7 VOTO 8 VOTO 9-10 Pur rispettando le consegne, possiede conoscenze non molto approfondite e commette qualche errore nella comprensione. Nell applicazione e nell analisi commette errori non gravi. Non possiede autonomia nella rielaborazione delle conoscenze, cogliendone solo parzialmente gli aspetti essenziali. Usa un linguaggio non sempre appropriato, commettendo qualche errore che però non oscura il significato. Normalmente assolve agli impegni e rispetta le consegne. Partecipa al dialogo educativo. Pur possedendo conoscenze non molto approfondite, non commette errori nell esecuzione di compiti semplici. Sa applicare le sue conoscenze ed è in grado di eseguire analisi parziali con qualche errore. È impreciso nell effettuare sintesi, ma ha qualche spunto di autonomia. Possiede una terminologia accettabile, ma un esposizione poco fluente. Si impegna con metodo e partecipa attivamente. Possiede conoscenze che gli consentono di non commettere errori nell esecuzione di compiti complessi. Sa eseguire analisi, anche se con qualche imprecisione, ed è autonomo nella sintesi. Espone con chiarezza e con terminologia appropriata. Mantiene un buon impegno e una buona partecipazione con iniziative personali. Possiede conoscenze abbastanza complete e approfondite. Sa applicare senza errori o imprecisioni ed effettua analisi abbastanza approfondite. Sintetizza correttamente e compie valutazioni personali e autonome. Usa la lingua in modo autonomo e appropriato. Si impegna costantemente con un ottima partecipazione al dialogo educativo. Possiede conoscenze ampie, complete e approfondite. Sa applicare correttamente le conoscenze. Esegue con disinvoltura analisi e sintesi, senza incontrare alcuna difficoltà di fronte ai problemi complessi. Sa rielaborare le sue conoscenze con numerosi spunti personali ed usa un linguaggio chiaro, corretto, autonomo.

19 8. STRUMENTI DI VERIFICA LINGUA E CULTURA STRANIERA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA STORIA DELL'ARTE(CLIL) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITA' ALTERNATIVE LABORATORIO DI ARCHITETTURA DISCIPLINE PROGETTUALI 9SIMULAZIONI PROVE D ESAME Questionari Temi o problemi Attività laboratorio Relazioni (orali e scritte) Esercitazioni grafiche e pratiche Interrogazioni orali LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prove strutturate MATERIE DI INSEGNAMENTO

20 9. SIMULAZIONI PROVE D ESAME Come stabilito in fase di programmazione, oltre che durante la riunione plenaria dei docenti di tutte le classi quinte fatta ad inizio anno scolastico, si è cercato di far familiarizzare gli allievi con le prove previste durante l esame finale; nel corso dell intero anno scolastico, sono state quindi proposte prove ad hoc, utilizzando, tra l altro, griglie di valutazione simili a quelle adottate nell esame di Stato ed esprimendo le valutazioni anche in quindicesimi e in trentacinquesimi. In particolare, per il colloquio orale si è ritenuto opportuno accertare la padronanza della lingua italiana, la conoscenza delle materie svolte nell ultimo anno di corso e la capacità di metterle in relazione tra loro. Nella settimana dal 16 al 23 marzo si sono svolte le simulazioni delle tre prove scrittografiche; sia per la prima prova (italiano) che per la seconda Discipline Progettuali Sez.di Arch.e Ambiente e Sez. Design dei Metalli e del Gioiello Per la prova di Discipline Progettuali di Architettura e Ambiente gli allievi hanno realizzato l'esecutivo del progetto nel modo tradizionale (strumenti per il disegno tecnico), con la possibilità di realizzare alcune parti del progetto anche con strumenti informatici (Autocad o Rhinoceros e Flamingo). Tale metodologia potrà essere così attuata anche in sede d esame. Per la terza prova la tipologia scelta è stata la tipologia B, domanda a risposta singola,per ciascuna materia. Le discipline coinvolte nella terza prova sono state quqttro (come stabilito nella riunione preparatoria del consiglio di classe). Sono state sottoposti quesiti di Filosofia, Matematica,Inglese, Storia dell'arte(clil). La durata delle prova è stata fissata in massimo quattro ore. Tutta la documentazione relativa alle simulazioni, testi e relative griglie di valutazione, sono consultabili dalla Commissione d Esame. 10. DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE Sono consultabili, presso la segreteria del nostro Istituto, i seguenti documenti: PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PROGRAMMAZIONE DI CLASSE E PROGRAMMAZIONI DIDATTICHE DEI SINGOLI DOCENTI RELAZIONI FINALI DEI DOCENTI VERBALI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCUMENTAZIONE COMPLETA (TESTI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE ADOTTATE PER LA CORREZIONE DELLE SIMULAZIONI DELLE PROVE SCRITTE DELL ESAME DI STATO) DOCUMENTAZIONE DELLE DOCENTI DI SOSTEGNO RIGUARDANTI LE ALLIEVE D.A.

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli