ALLEGATI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I C E O S C I E N T I F I C O - O P Z I O N E S C I E N Z E A P P L I C A T E Via Seminario, n 17/ CREMONA Fax: Sito Web: ALLEGATI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento - art. 5) INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Classe 5 sez A Anno Scolastico C.F.: Cod. Mecc.: CRIS Certificazione di Sistema Qualità emessa da ITALCERT N. 333SGQ Norme UNI EN ISO 9001 P M.004 Rev.1 del

2 1. PROGRAMMI SVOLTI Lingua e letteratura italiana Storia Lingua stranniera (Inglese) Filosofia Matematica Informatica Scienze naturali:(biologia, Chimica,Scienze della Terra) Fisica Disegno e Storia Dell'arte Scienze motorie Relgione 2. GRIGLIE DI VALUTAZIONE Griglia per la correzione della prima prova scritta Griglia per la correzione della seconda prova scritta Griglia per la correzione della terza prova scritta Griglia per la valutazione del colloquio 3. SIMULAZIONI PROVE D'ESAME simulazione di prima prova simulazioni di seconda prova simulazione di terza prova 2

3 PROGAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA MORANDI MARIELLA Il Naturalismo: contestualizzazione, temi, poetica E. Zola, Gervasia all'assomoir G. de Maupassant, Bel-Ami Il Verismo : contestualizzazione, temi, poetica G. Verga: cenni biografici, pensiero e poetica, opere lettura integrale (a scelta dello studente) di Mastro-don Gesualdo o I Malavoglia analisi e commento da Vita dei campi La lupa, Fantasticheria da Novelle rusticane :La roba La Scapigliatura :contestualizzazione, temi, poetica E. Praga: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Penombre : Preludio I.U. Tarchetti: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Fosca :Il primo incontro con Fosca G. Carducci: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Odi barbare :Alla stazione in una mattina d'autunno da Rime nuove :Pianto antico Il Simbolismo:contestualizzazione, temi, poetica Il Simbolismo in Europa C. Baudelaire: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da I fiori del male : Spleen, Corrispondenze A. Rimbaud: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Poesie : Vocali S. Mallarmè. cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Poesie : Brezza marina Decadentismo ed Estetismo: contestualizzazione, temi, poetica G. Pascoli: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Myricae : Lavandare, Temporale, Il lampo, X Agosto, L'assiuolo, Il tuono, G. D'Annunzio: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Laudi :La sera fiesolana, La pioggia nel pineto Il Crepuscolarismo: contestualizzazione, temi, poetica S. Corazzini: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Piccolo libro inutile : Desolazione del povero poeta sentimentale G. Gozzano: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da I colloqui :La signorina Felicita ovvero la felicità Le avanguardie: contestualizzazione, temi, poetiche Dadaismo, Espressionismo, Surrealismo, Futurismo F. T. Marinetti:cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Il manifesto del Futurismo : Aggressività, audacia, dinamismo 3

4 Il manifesto della letteratura futurista da Zang Tumb Tumb : Il bombardamento di Adrianopoli A. Palazzeschi:cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da L'incendiario :E lasciatemi divertire La narrativa della crisi: contestualizzazione, temi, poetica J. Joice:cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Ulisse :L'insonnia di Molly Lettura di pagine scelte di T. Manna,F. Kafka, M. Proust, V. Woolf Italo Svevo: cenni biografici, pensiero e poetica, opere L. Pirandello: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Novelle per un anno :La patente Tutti gli studenti hanno letto integralmente,a scelta, La coscienza di Zeno di Italo Svevo o Il fu Mattia Pascal di Pirandello e pagine scelte del romanzo non letto integralmente La poesia del Novecento e l'ermetismo: contestualizzazione, temi, poetica G. Ungaretti: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da L'allegria :Veglia, Fratelli, Sono una creatura, I fiumi, Mattina, Soldati E. Montale: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Ossi di seppia : I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato U. Saba: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Il canzoniere : La capra, Città vecchia S. Quasimodo: cenni biografici, pensiero e poetica, opere analisi e commento da Acque e terre : Ed è subito sera da Giorno dopo giorno : Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo Il romanzo del Novecento: caratteri generali Ogni studente ha approfondito la figura di un autore del Novecento (dal primo dopoguerra ai giorni nostri) e letto integralmente un suo romanzo a scelta Dante Alighieri: dal Paradiso: canti I, III, VI, XXIII L'insegnante Prof.ssa Mariella Morandi I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/2015 4

5 PROGAMMA SVOLTO STORIA a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA MORANDI MARIELLLA L Europa della Belle époque I paesi europei nel periodo prebellico L Italia giolittiana La crisi dell impero turco e le guerre balcaniche La prima guerra mondiale La posizione dell Italia Gli eventi principali della guerra I trattati di pace e le loro conseguenze La vittoria mutilata e l impresa di Fiume Il biennio rosso La rivoluzione russa. Il periodo staliniano L avvento del fascismo: Mussolini: dal socialismo ai fasci di combattimento Il fascismo in parlamento e la marcia su Roma Il fascismo al potere La costruzione dello Stato totalitario Il fascismo e l economia italiana Il rapporto tra il fascismo e la Chiesa L imperialismo fascista Il ruolo della propaganda fascista Gli Stati Uniti e la crisi del 29. La guerra di Spagna L avvento del nazismo Lo Stato totalitario e l accentramento del potere nelle mani di Hitler Le persecuzioni razziali Il piano quadriennale e la conquista dello spazio vitale La seconda guerra mondiale. Il quadro generale e le nazioni in lotta Gli eventi principali e le varie fasi Il secondo dopoguerra La ripresa economica La nascita del sistema bipolare 5

6 La decolonizzazione La guerra fredda Le radici dell unificazione europea La nascita della Repubblica italiana L'insegnante Prof.ssa Mariella Morandi I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/2015 6

7 PROGAMMA SVOLTO LINGUA e CULTURA STRANIERA ( INGLESE ) a.s CLASSE 5 A LSA PROF. BONALDI FABRIZIO Libro di Testo: Spiazzi, Tavella, Layton, Performer Culture & Literature 2, Zanichelli. An Age of Revolutions An age of revolutions. Heroes of invention. Industrial society. William Blake and the victims of industrialisation. ( The Lamb, The Tyger, London, The Chimney Sweeper from Songs of Innocence, The Chimney Sweeper from Songs of Experience ) The American War of Independence. The Gothic novel. Mary Shelley and the new interest in science. ( Frankenstein, or the Modern Prometheus: reading pp ) The Romantic Spirit Is it Romantic? Emotion vs reason. William Wordsworth and nature. ( Daffodils, Sonnet composed upon Westminster bridge) The Napoleonic wars. Percy Bysshe Shelley and the free spirit of nature. ( Ozymandias ) Jane Austen and the theme of love. ( Pride and Prejudice: reading pp ) The New Frontier The beginning of the American identity. James Fenimore Cooper and the American Frontier. The last of the Mohicans the plot. The question of slavery. Abraham Lincoln. ( The Gettysburg Address: reading p. 266) The American Civil War. Coming of Age The life of young Victoria. Victoria and Albert. The first half of Queen Victoria s reign. 1851, the Great Exhibition. Life in the Victorian town. The Victorian compromise. The Victorian novel. Charles Dickens and children. ( Oliver Twist: reading Oliver wants some more pp ) A Two-Faced Reality The British Empire. 1877, Queen Victoria becomes Empress of India. Burma: the price of independence. British imperial trading routes. 7

8 Charles Darwin and evolution. Oscar Wilde: the brilliant artist and the dandy. The Picture of Dorian Gray and the theme of beauty. A Time of war The Last Days of Victorian Optimism; World War I ( ); Consequences of the War; The Inter-War Years; World War II ( ) The Holocaust; Hiroshima and Nagasaki; Cultural Transformation in the Early 20 th Century. Modernist Poetry The War Poets: Wilfred Owen, Siegfried Sassoon, Rupert Brooke. Texts: Anthem for Doomed Youth; The Soldier, They. Joseph Conrad Life and Works; Heart of Darkness: the plot, features, interpretations. L'insegnante Prof.Bonaldi Fabrizio I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/2015 8

9 PROGAMMA SVOLTO FILOSOFIA a.s CLASSE 5 A LSA PROF. SSA MELI MARIA Libro di testo: L Ideale e il Reale 3 di Abbagnano e Fornero MODULO 1: RIPASSO U.D. 1: Il razionalismo nel Seicento, l empirismo inglese e dall empirismo allo scetticismo. U.D. 2: I caratteri generali dell Illuminismo, il Criticismo Kantiano e la Critica della ragion pura. U.D. 3: Dal Kantismo all idealismo. MODULO 2: CONTRA HEGEL:MARX E SCHOPENHAUER U.D. 1: Hegel: Le tesi di fondo del sistema hegeliano, Idealismo, la dialettica, la Fenomenologia dello Spirito; Coscienza, Autocoscienza e Ragione; Lo spirito, la religione e il sapere assoluto, La filosofia della storia, Dibattito sulla filosofia Hegeliana: in sintesi destra e sinistra Hegeliana, U.D. 2: Marx :Le caratteristiche generali del marxismo, la critica allo Stato moderno, il confronto critico con Hegel; il materialismo storico, l'alienazione e l analisi del capitalismo; U.D. 3 Schopenhauer: il Il Velo di Maya il mondo come volontà e rappresentazione, il pessimismo, le vie della liberazione dal dolore. MODULO 3: IL POSITIVISMO caratteri generali MODULO 4 : LA CRISI DELLE CERTEZZE FILOSOFICHE: Nietzsche e Freud U.D.1: Nietzsche: Filosofia e malattia; le fasi del filosofare; il periodo giovanile; il periodo illuministico ; il periodo di Zarathustra ; la volontà di potenza, il problema del nichilismo e del suo superamento. Lettura del libro di U. Galimberti L ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani. U.D. 2:Freud: la scoperta e lo studio dell inconscio, lo studio dell'isteria e l interpretazione dei sogni; le tre istanze psichiche: Es, Io e Super-io. MODULO 5 : IL RAPPORTO TRA SCIENZA E FILOSOFIA NEL NOVECENTO U.D. 1: Il primo Wittgenstein: la logica del linguaggio; compiti della scienza e compiti della filosofia con richiami al passato. U.D. 2: Il circolo di Vienna ed il principio della verificabilità empirica. U.D. 3: L epistemologia di Popper: la riabilitazione della filosofia; le dottrine epistemologiche. U.D 4: L epistemologia post-popperiana: Kuhn: paradigmi e rivoluzioni scientifiche. NUCLEO TEMAICO: FILOSOFIA ED ETICA U.D. 1: La Bioetica: Bioetica e filosofia. Lettura della parte relativa alla Filosofia della Scienza del testo di Nigel Warburton, Il primo libro di Filosofia da pag.129 a pag.146 L'insegnante Prof.Meli Maria Cremona, 25/5/2015 I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini 9

10 PROGAMMA SVOLTO MATEMATICA a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA MONINI IDA FUNZIONI CONTINUE definizione di funzione continua teorema di Weierstrass(enunciato), teorema dei valori intermedi (enunciato), teorema di esistenza degli zeri (enunciato) punti di discontinuità e classificazione La ricerca degli asintoti Il grafico probabile di una funzione LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE il rapporto incrementale definizione di derivata La retta tangente al grafico di una funzione Punti non derivabili La continuità e la derivabilità Le derivate fondamentali I teoremi sul calcolo delle derivate (enunciato) La derivata di una funzione composta La derivata di y=( f (x)) ( g (x)) Derivata di una funzione inversa il differenziale di una funzione I TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Il teorema di Rolle (con dimostrazione) Il teorema di Lagrange (con dimostrazione) Le conseguenze del teorema di Lagrange Il teorema di Cauchy (con dimostrazione) Il teorema di De L Hospital (con dimostrazione) I MASSIMI, I MINIMI E I FLESSI Le definizioni Massimi, minimi, flessi orizzontali e derivata prima Flessi e derivata seconda Massimi, minimi, flessi e derivate successive I problemi di massimo e minimo LO STUDIO DELLE FUNZIONI Lo studio di una funzione I grafici di una funzione e della sua derivata Applicazioni dello studio di una funzione La risoluzione approssimata di un equazione teorema di esistenza degli zeri (enunciato), primo e secondo teorema di unicità dello zero (enunciato) metodi di bisezione, secanti e tangenti 10

11 GLI INTEGRALI INDEFINITI Gli integrali indefiniti Gli integrali indefiniti immediati L integrazione per sostituzione L integrazione per parti L integrazione delle funzioni razionali fratte GLI INTEGRALI DEFINITI L integrale definito Il teorema della media (con dimostrazione) La funzione integrale e il l teorema fondamentale del calcolo integrale (con dimostrazione) Il calcolo di aree di superfici piane Il calcolo dei volumi La lunghezza di un arco di curva Gli integrali impropri L integrazione numerica: metodo dei rettangoli e dei trapezi LE EQUAZIONI DIFFERENZIALI DEL PRIMO ORDINE Equazioni differenziali a variabili separabili Equazioni differenziali lineari del primo ordine L'insegnante Prof.ssa Monini Ida I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/

12 PROGAMMA SVOLTO INFOMATICA a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA D'ADDEZIO SILVIA TEMA 1 RETI E PROTOCOLLI Materiale: libro di testo A. Lorenzi, M.Govoni, informatica applicazioni scientifiche per il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate, ed. Atlas. Capitolo 5 Reti e protocolli - pp. 284 e seguenti. La programmazione che segue fa riferimento, in maniera molto puntuale, ai paragrafi del testo, interamente svolti, salvo dove diversamente indicato. Questo tema è svolto parzialmente come modulo CLIL: per permettere un approccio graduale, il modulo è stato svolto in lingua italiana su testo in italiano, ma la terminologia specifica è stata introdotta anche in lingua inglese. 1. Aspetti evolutivi delle reti Informatica, telecomunicazioni e telematica, concetto di rete. Dal modello mainframe-terminale alle moderne reti. 2. I servizi per gli utenti e le aziende Scopi di una rete moderna: condivisione di risorse hw, sw, servizi. Rapporto prestazioni-costi, scalabilità, fault-tolerance. 3. I modelli client-server e peer to peer Messaggi per lo scambio di richieste e servizi, pacchetti. Esecuzione lato client e server, cloud computing, file-sharing. 4. La tecnologia di trasmissione (cenni) Tecnologie di trasmissione point-to-point, multipoint, broadcast visualizzazione con schema grafico) (solo definizione essenziale e Scheda: regole per trasferire i dati Linee simplex, half duplex, full duplex. 5. Classificazione delle reti per estensione Reti LAN, WLAN, MAN, WAN, Internet. Estensione, velocità, problematiche connesse alla sicurezza. 6. Classificazione delle reti in base alla topologia (cenni) Concetti di topologia e ridondanza. Richiesta solo associazione nome-grafico delle principali topologie: stella, anello, bus, albero, maglia. 7. Classificazione delle reti per tecnica di commutazione Commutazione di circuito e di pacchetto. Imbustamento, header e payload del pacchetto, instradamento o routing, nodi intermedi e finali. 8. Architetture di rete Che cos'è un'architettura di rete (in senso astratto); livelli e protocolli. Dialogo tra livelli, comunicazione tra entità paritetiche. 12

13 9. I Modelli per le reti L'ISO. Concetto di standard vs modello proprietario. Il modello ISO/OSI. Nota: NON richieste le numerazioni degli standard 802.X. Livello 1 fisico (aspetti tecnici, elettronici; connessioni elettriche, ottiche, wireless; NIC, hub). Livello 2 collegamento dati (controllo sequenze bi ed errori; switch, bridge) Livello 3 rete (pacchetti, protocollo IP; router e gateway. Spiegato il concetto di tabella di routing, ma non svolti esempi o esercizi di calcolo tabelle) Livello 4 trasporto (importanza del trasferimento dati per reti/sistemi diversi o geograficamete lontani; protocolli TCP e UDP) Livello 5 sessione (sincronizzazione dei trasferimenti e gestione in caso di interruzione; modalità simplex, half duplex, full duplex) Livello 6 presentazione (visualizzazione dati nei dispositivi di output degli utenti, conversione dei dati, in particolare codifica dei caratteri) Livello 7 applicazione (software applicativi livello utente; login remoto, file transfer, . Terminale virtuale per risolvere incompatibilità) Trasmissione tra due host percorrendo i livelli della pila, incapsulamento; imbustamento ed estrazione dei pacchetti. 10. I mezzi trasmissivi Doppino telefonico, cavo coassiale (cenni), fibre ottiche, wireless e access point. Nota: NON richieste le numerazioni degli standard 802.X. 11. Il modello TCP/IP (cenni) Confronto con modello OSI. Protocolli TCP e IP. Livello network e IP: concetto di salto da un router al prossimo (next hop). 12. Gli indirizzi IP Indirizzi IPv4: formato, visualizzazione puntata decimale e binaria. Reti di classe A, B, C, relativi range di indirizzi, indirizzo di rete e broadcast. Segmentazione o subnetting: subnet mask e calcolo indirizzo di rete con operatore logico AND. Bit per indirizzo di rete, sottorete, host. SCHEDA Indirizzi IPv6 (cenni): perché l'ipv6, format di un indirizzo IPv6, calcoli per la stima del numero di indirizzi disponibili. TEMA 2 CISCO CCNA ROUTING AND SWITCHING Materiale: piattaforma online (e-book e risorse) capitoli 0 e 1 del percorso Cisco CCNA. Questo modulo CLIL è stato interamente sviluppato in lingua inglese: le lezioni frontali e interattive, il materiale di studio, le attività di esercitazioni e di autoverifica, il test finale. Il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un approccio didattico di tipo immersivo che punta alla costruzione di competenze linguistiche e abilità comunicative in lingua straniera insieme allo sviluppo e all acquisizione di conoscenze disciplinari. CHAPTER 0: COURSE INTRODUCTION The platform. Introduction to the course; goal of the course, how to use online materials and resources, learning by doing. 13

14 CHAPTER 1: EXPLORING THE NETWORK 1.0 Exploring the Network Introduction: The globalization of the Internet, he impact of technology on our communication. Draw your concept of the Internet. 1.1 Globally connected Networking today: changing the way we learn, the way we communicate, the way we work. 1.2 LANs, WANs and the Internet Components of a network: devices (end / intermediary), media, services. The criteria for choosing network media. How they connect. Physical or logical topology diagrams. Local Metropolitan Wide Area Network and their features. Internet, Intranet & Extranet Connecting to the Internet - options for home/office users: Cable, DSL, Cellular, Satellite, Dial-up. Options for organizations (=companies, not home users): Dedicated Leased Lines. 1.3 The network as a platform Converged networks. Reliable networks: Fault tolerance, Scalability,Quality of Service (QoS), Security. 1.4 The changing network environment Network trends: predictions for the Internet in the near future: BYOD, online collaboration, video communication, cloud computing. Smart home technology ( domotica ); Wireless ISP, Wireless broadband service. Network security threats: viruses, worm, trojan horses, spyware, zer-day attacks, hacker attacks, denial of service attacks, data interception and theft, identity theft. Network security components for home /small office users: antivirus, antispyware, firewall filtering. Additional requirements for corporate networks: Dedicated Frewall Systems, Access Control Lists, Intrusion prevention system, Virtual private Network. ESERCITAZIONI - SIMULAZIONI DI RETI CON PACKET TRACER Materiale: Cisco Packet Tracer, software di simulazione reti; videolezioni del prof Enea Casali, https://www.youtube.com/user/eneacasa/playlists TEMA 3 MODELLI E SIMULAZIONI Foglio elettronico per tracciare il grafico di una funzione reale di variabile reale Foglio elettronico per trovare zeri di una funzione applicando il metodo di bisezione Foglio elettronico per calcolare un integrale definito con tre metodi a confronto: integrazione diretta, con metodo dei rettangoli, con metodo dei trapezi. L'insegnante Prof.ssa D'Addezio Silvia I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/

15 PROGAMMA SVOLTO SCIENZE NATURALI a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA CARINI LUCIANA Chimica - Biologia Nel quinto anno è previsto l approfondimento della chimica organica. Il percorso di chimica e quello di biologia si intrecciano poi nella biochimica e nei biomateriali, relativamente alla struttura e alla funzione di molecole di interesse biologico, ponendo l accento sui processi biologici/biochimici nelle situazioni della realtà odierna e in relazione a temi di attualità, in particolare quelli legati all ingegneria genetica e alle sue applicazioni. Scienze della Terra Si studiano i complessi fenomeni meteorologici e i modelli della tettonica globale, con particolare attenzione a identificare le interrelazioni tra i fenomeni che avvengono a livello delle diverse organizzazioni del pianeta (litosfera, atmosfera, idrosfera). Si potranno svolgere inoltre approfondimenti sui contenuti precedenti e/o su temi scelti ad esempio tra quelli legati all ecologia, alle risorse energetiche, alle fonti rinnovabili, alle condizioni di equilibrio dei sistemi ambientali (cicli biogeochimici), ai nuovi materiali o su altri temi, anche legati ai contenuti disciplinari svolti negli anni precedenti. Tali approfondimenti saranno svolti, quando possibile, in raccordo con i corsi di fisica, matematica, storia e filosofia. Il raccordo con il corso di fisica, in particolare, favorirà l acquisizione da parte dello studente di linguaggi e strumenti complementari che gli consentiranno di affrontare con maggiore dimestichezza problemi complessi e interdisciplinari. La dimensione sperimentale, infine, potrà essere ulteriormente approfondita con attività da svolgersi non solo nei laboratori didattici della scuola, ma anche presso laboratori di università ed enti di ricerca, aderendo anche a progetti di orientamento. La programmazione predisposta è in linea con i documenti prodotti all interno del Progetto LSA OSA che costituiscono quindi le linee guida per l attività didattica del corrente anno scolastico. Tuttavia, nel corso dell anno scolastico si è scelto di affrontare il tema dell evoluzione, inteso come nucleo fondamentale della biologia e di svolgere alcuni argomenti di ecologia per fornire conoscenze fondamentali al fine di inquadrare ed interpretare tematiche di attualità di carattere ambientale. La chimica del carbonio, la biochimica e il metabolismo energetico sono stati affrontati nel corso degli anni precedenti. I modelli della tettonica globale La struttura interna della Terra: -il flusso di calore della Terra. -il campo magnetico terrestre (geodinamo, paleomagnetismo). La struttura della crosta terrestre (crosta oceanica e crosta continentale). -le anomalie magnetiche dei fondi oceanici. La formulazione di modelli di tettonica globale (da Wegener alla teoria della tettonica delle placche). Descrizione della placca litosferica e dei margini di placca. Principali processi geologici ai margini delle placche (attività sismica e vulcanica) 15

16 Genetica dei microrganismi e tecnologia del DNA Genetica di batteri e virus. -Trasformazione, coniugazione e trasduzione Batteriofagi: ciclo litico e ciclo lisogeno -Retrovirus Regolazione dell espressione genica nei procarioti Meccanismi di regolazione dell espressione genica negli eucarioti La tecnologia del DNA ricombinante: -importanza dei vettori: plasmidi e batteriofagi -enzimi e siti di restrizione. -tecniche di clonaggio di frammenti di DNA. Reazione a catena della polimerasi. Microarray e cenni di farmaco genomica L evoluzione biologica e la teoria di Darwin La storia del pensiero scientifico, dai greci a Lamarck, sulla comparsa e sulle trasformazioni nel tempo degli organismi viventi Darwin e le tappe della formulazione della sua teoria evolutiva Selezione naturale e selezione artificiale. Importanza dei fossili La teoria sintetica dell evoluzione La genetica delle popolazioni e il pool genico L equilibrio di Hardy-Weinberg La deriva genetica: l effetto del fondatore e il collo di bottiglia Il flusso genico e il ruolo delle mutazioni La selezione naturale La variabilità genetica: cause e conseguenze Le selezioni stabilizzante, direzionale, divergente e sessuale Origine della specie Meccanismi di speciazione allopatrica e simpatica La teoria degli equilibri intermittenti Introduzione all ecologia Definizione di ecologia I quattro livelli di grandezza di uno studio ecologico: organismo, popolazione, comunità ed ecosistema Fattori abiotici e biotici di un ecosistema Struttura e dinamica delle popolazioni La dinamica di popolazione e i suoi ambiti di studio Tabelle delle età e curve di sopravvivenza I modelli di crescita esponenziale e logistica Concetto di capacità portante Fattori che limitano la crescita di una popolazione Curva di crescita della popolazione umana 16

17 La struttura delle comunità La comunità biologica e le proprietà che la caratterizzano Competizione intraspecifica e interspecifica Il principio dell esclusione competitiva di Gause Il concetto di nicchia Ripartizione delle risorse La predazione e i diversi tipi di mimetismo Le catene alimentari e i diversi livelli trofici Reti alimentari Le piramidi alimentari e la loro interpretazione I cicli biogeochimici e le fasi di cui sono composti Libri di testo: Palmieri Parotto Il globo terrestre e la sua evoluzione Zanichelli editore SadavaHeller Biologia.blu PLUS Zanichelli editore L'insegnante Prof.ssa Carini Luciana I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/

18 PROGAMMA SVOLTO FISICA a.s CLASSE 5 A LSA PROF.SSA CANESI MIRELLA Ripasso della storia del modello atomico: Thomson, Rutherford, Bohr, ad orbitali. Ripasso della conducibilità elettrica a livello macroscopico e microscopico per isolanti, conduttori, semiconduttori intrinseci ed estrinsci di tipo n e di tipo p. La giunzione np, il diodo. Ripasso dell elettrizzazione dei corpi per contatto, strofinio, induzione; la carica elettrica e le sue proprietà; la legge di Coulomb nel vuoto e nella materia; il campo elettrico:linee di forza e proprietà, il potenziale elettrico e le superfici equipotenziali, confronto tra i campi gravitazionale ed elettrico, il flusso del campo elettrico e il teorema di Gauss, il campo elettrico generato da una distribuzione piana infinita di carica; l energia potenziale elettrica; la circuitazione del campo elettrostatico. Fenomeni di elettrostatica-la distribuzione della carica nei conduttori in equilibrio elettrostatico; il campo elettrico e il potenziale in un conduttore all equilibrio; la capacità di un conduttore; il condensatore piano: circuiti e grafici di carica e scarica di un condensatore in continua, energia elettrostatica accumulata in un condensatore, condensatori in serie e parallelo. La corrente elettrica continua nei metalli- L intensità della corrente elettrica, i generatori di tensione e i circuiti elettrici, forza elettromotrice e differenza di potenziale, la prima e la seconda legge di Ohm, la resistenza elettrica, i nodi e le maglie, i principi di Kirchhoff per la risoluzione dei circuiti, resistenze in serie ed in parallelo, utilizzo del voltmetro e dell amperometro, l effetto Joule, la dipendenza della resistività dalla temperatura, i superconduttori, lavoro di estrazione degli elettroni da un metallo, l effetto Volta, l effetto termoionico l effetto termoelettrico e la termocoppia. La corrente elettrica nei liquidi e nei gas:cenni. Il campo magnetico- magnetizzazione dei corpi, proprietà del campo, linee di forza, fenomeni magnetici elementari, confronto tra campo elettrico e campo magnetico, campo magnetico terrestre e fasce di van Allen. Forze magnetiche, elettromagnetiche, elettrodinamiche, esperimenti di Oersted, Faraday, Ampère, definizione dell unità di misura Ampère, intensità del campo magnetico, forza magnetica su di un filo percorso da corrente,campo magnetico di un filo elettrico, di un spira, di un solenoide lungo e di un solenoide toroidale, il motore elettrico. La forza magnetica su di una carica in moto: la forza di Lorentz, il selettore di velocità, l effetto Hall, il moto di una carica elettrica in un campo magnetico uniforme, lo spettrometro di massa, il flusso del campo magnetico, il teorema di Gauss per il magnetismo, la circuitazione del campo magnetico. Le proprietà magnetiche della materia: sostanze diamagnetiche, paramagnetiche, ferromagnetiche, ciclo di isteresi magnetica. L induzione elettromagnetica- la corrente indotta in vari modi, la legge di Lenz-Faraday-Neumann, l autoinduzione e la mutua induzione, l alternatore, gli elementi circuitali fondamentali in corrente alternata, valore efficace di tensione e di corrente alternata, circuito RCL serie in alternata, potenza attiva e reattiva- il trasformatore. 18

19 Le equazioni di Maxwell e le onde elettromagnetiche- Il campo elettrico indotto, la corrente di spostamento, le equazioni di Maxwell e il campo elettromagnetico, le onde elettromagnetiche, lo spettro delle onde elettromagnetiche: onde radio, microonde, infrarosso, visibile, ultravioletto, raggi X, raggi gamma e applicazioni. La relatività ristretta: le origini della teoria della relatività e della meccanica quantistica, trasformazioni galileiane e principio di relatività in meccanica, l invarianza della velocità della luce e la relatività del tempo, principio di relatività secondo Einstein e trasformazioni di Lorentz, la dilatazione del tempo e la contrazione della lunghezza, l equivalenza massa- energia,energia totale, massa e quantità di moto in meccanica relativistica. La crisi della fisica classica: il corpo nero e l ipotesi di Planck, l effetto fotoelettrico e la quantizzazione della luce secondo Einstein, l effetto Compton, lo spettro di emissione ed assorbimento degli elementi chimici, proprietà ondulatorie della materia, il principio di indeterminazione di Heisenberg, le onde di probabilità e il dualismo onda- corpuscolo, stabilità e dimensioni degli atomi, conseguenza della natura ondulatoria degli elettroni atomii, il principio di Pauli e gli atomi con più elettroni, il modello atomico quantistico ed i 4 numeri quantici. I nuclei degli atomi, la radioattività naturale, la legge del decadimento radioattivo L'insegnante Prof.ssa Canesi Mirella I rappresentanti degli studenti Michele Mazzoni Matteo Tortini Cremona, 25/5/

20 PROGAMMA SVOLTO DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s CLASSE 5 A LSA Disegno tecnico PROF.SSA LA VERDE GIACOMINA Introduzione alla progettazione architettonica: Studio di una pianta di abitazione, analisi tipologica, distribuzione degli spazi interni, concetto di abitabilità, RAI (rapporti aeroilluminanti). Disegno di una pianta di abitazione: ingrandimento in scala, norme sulle misure minime, calcolo R.A.I. Norme sul Disegno: la quotatura del disegno architettonico Rappresentazione grafica digitale: l ambiente di lavoro Autocad principali comandi di gestione cenni generali sull utilizzo degli strumenti di disegno esercitazioni. Storia dell arte:. Il Neoclassicismo: contesto storico e fondamenti teorici. La pittura JL David: Il giuramento degli Orazi La scultura La morte di Marat Napoleone al San Bernardo A. Canova: Paolina Bonaparte Amore e Psiche Napoleone come Marte L architettura neoclassica in Italia: G. Piermarini (teatro alla Scala di Milano) Foro Ferdinandeo a Napoli P.zza del Popolo a Roma Interventi neoclassici a Cremona (L. Voghera) Neoclassicismo negli Stati Uniti d America. Il Romanticismo: contesto storico e fondamenti teorici La pittura romantica tedesca 20

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 14 marzo (2 ore) Introduzione al corso, modalità del corso, libri di testo, esercitazioni. Il fenomeno dell elettricità. Elettrizzazione per

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo Nella classe vi sono delle differenze sul piano linguistico e nel possesso di contenuti ed abilità; la classe risulta sostanzialmente eterogenea con ottimi risultati per

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE 5C LICEO SCIENTIFICO 2015-16 Anno scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Docente: Offidani Rodolfo Materia: Filosofia Classe : 5 C Indirizzo Scientifico STRATEGIE DIDATTICHE

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN 1. ATOMO MODULI Modelli atomici; Bohr-Sommerfield; Teoria delle bande e classificazione dei materiali; 2. CORRENTE, TENSIONE, RESISTENZA Corrente elettrica; Tensione elettrica; Resistenza elettrica, resistori,

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5^ C Indirizzo:

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2011/2012

Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Docente: Prof. Adriana ONNIS Materia: Inglese Classe: V^ D 1. Nel primo Consiglio di Classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord.

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord. Ist.Magistrale G. Comi Tricase ( LE Allegata al verbale del Consiglio di classe del 19/10/2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE della CLASSE 5 AA Anno scolastico 2015/2016 MATERIA Fisica DOCENTE Nicolì Pasquale

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO MATERIA CLASSE INDIRIZZO DOCENTI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI III^B (Qualifica

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA CLASSE 3C La programmazione didattica per le discipline Matematica e Fisica prevede i temi di seguito elencati. Sia le famiglie che gli alunni hanno quindi possono seguire l agenda dei lavori in classe

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

seminario finale del corso di formazione insegnamento CLIL e plurilinguismo liceo linguistico boggio lera - catania - 31 maggio 2011

seminario finale del corso di formazione insegnamento CLIL e plurilinguismo liceo linguistico boggio lera - catania - 31 maggio 2011 DOCENTI, SEDI, CLASSE E TITOLO DEL MODULO Nadia Rizzo Liceo Classico e Linguistico R. Settimo, Caltanissetta Classe IV - liceo linguistico Discovering the italian Baroque: the Denis Mahon Collection Aurelia

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : "RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO"

ISTITUTO TECNICO NAUTICO L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO 1 ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. RIZZO" - RIPOSTO ------------------------------------ ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 CLASSE : SECONDA SEZIONE : D MATERIA D'INSEGNAMENTO : FISICA E LABORATORIO DOCENTI : PROF.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Laboratorio di Informatica (Chimica)

Laboratorio di Informatica (Chimica) Laboratorio di Informatica (Chimica) Lezione 03: Le Reti. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@dico.unimi.it Walter Cazzola Lezione

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Classe 5^C - A.S. 2012/2013 STORIA DELL ARTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Classe 5^C - A.S. 2012/2013 STORIA DELL ARTE ALL. A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Classe 5^C - A.S. 2012/2013 STORIA DELL ARTE 1. SITUAZIONE DELLA CLASSE La classe (costituita da 21 elementi, 17 femmine e 4 maschi e caratterizzata da due indirizzi,

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli