Fantavolando.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fantavolando. www.fantavolando.it"

Transcript

1 Fantavolando

2 I FOLLETTI DELLE STAGIONI MOTIVAZIONE : La creazione artistica rappresenta un fattore determinante per la promozione e lo sviluppo della creatività e delle potenzialità di ciascun bambino. L esperienza conoscitiva che si intende proporre, partendo dall osservazione della natura e dell ambiente circostante, si allargherà fino alla considerazione di alcune suggestioni artistiche legate alle stagioni, in modo da accostare il bambino all arte. I bambini verranno invitati - con obiettivi diversificati in base alle età - ad esplorare il mondo fantastico dei colori relativi ad ogni stagione. I folletti dell autunno, dell inverno, della primavera e dell estate accompagneranno i bambini in un percorso ricco di esperienze sensoriali diversificate: dal gioco libero con i colori, alla sperimentazione di diverse tecniche pittoriche ed espressive, alla ricerca delle emozioni suscitate dai colori dell ambiente, per arrivare alla scoperta ed alla libera re-interpretazione di alcune opere pittoriche sul tema delle stagioni. Sperimentando la manipolazione, l osservazione, l esplorazione e l esercizio di semplici attività manuali e costruttive si intende promuovere contemporaneamente la coordinazione oculo-manuale e lo sviluppo della fantasia creativa fino a giungere al piacere dell invenzione: l esperienza visiva e manuale avvicinerà dunque il bambino a diversi linguaggi espressivi affinandone le capacità di osservazione e creazione e suggerendogli un modo di procedere che gli consentirà di realizzare i suoi capolavori. Il progetto si suddivide in 4 unità di apprendimento introdotte da una storia e da un personaggio mediatore: IL FOLLETTO DELL AUTUNNO, IL FOLLETTO DELL INVERNO, IL FOLLETTO DELLA PRIMAVERA, IL FOLLETTO DELL ESTATE OBIETTIVI: saper osservare l ambiente circostante saper riconoscere le caratteristiche delle stagioni saper formulare semplici ipotesi relative ai fenomeni osservati saper operare classificazioni saper stabilire relazioni temporali saper passare dall esplorazione senso percettiva alla rappresentazione grafica del vissuto saper utilizzare diverse tecniche espressive saper osservare un opera d arte METODOLOGIA Nella scuola dell infanzia gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità dei bambini e creano occasioni e stimoli sempre nuovi per attivare le scoperte. Il gioco è, nell età dell infanzia, la principale modalità per sviluppare la cono-

3 scenza del reale e del mondo circostante. Il gioco favorisce l instaurarsi di rapporti attivi e creativi sia sul terreno cognitivo che relazionale e linguistico, consentendo al bambino di trasformare la realtà secondo le sue esigenze interiori, di realizzare le sue potenzialità e di rivelarsi a se stesso ed agli altri in una molteplicità di aspetti. Le esperienze promosse a scuola attraverso una metodologia ludica, sono finalizzate a sviluppare nel bambino la sua originaria curiosità orientandola in un positivo clima di esplorazione e ricerca. Confrontando situazioni, ponendo problemi, costruendo ipotesi, elaborando e confrontando schemi di spiegazione, il bambino maturerà man mano adeguate strategie di pensiero che lo condurranno a conoscere la realtà che lo circonda e a relazionarsi positivamente con gli altri. MATERIALE Per la realizzazione delle attività verranno utilizzati materiali strutturati e non strutturati quali: carta di vario tipo (colorata, crespa, velina, carta collage, carta argentata), cartone, colori di vario tipo (pennarelli, colori a tempera, acquerelli, colori a matita e a cera), colla, materiale da recupero, materiale naturale (terra, sabbia, foglie, rametti, ecc). SPAZI Le attività verranno realizzate nella sezione, nel salone, nel giardino, durante le uscite didattiche. VERIFICA. La verifica si basa sull osservazione degli elaborati e sull osservazione in itinere dei comportamenti e dei cambiamenti messi in atto dai bambini. La verifica verrà condotta attraverso l osservazione occasionale e sistematica dei bambini e dei loro elaborati, la compilazione di apposite griglie di osservazione e la rilevazione del raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze. DOCUMENTAZIONE La documentazione è uno strumento essenziale per esplicitare, all interno ed all esterno della realtà scolastica, le esperienze vissute con i bambini. L attività di documentazione consente di rileggere i percorsi in un ottica di flessibilità e miglioramento continuo. La documentazione avviene attraverso la raccolta degli elaborati dei bambini, la documentazione fotografica e l elaborazione di cartelloni informativi per i genitori. INDICATORI DI EFFICACIA Si considera come indicatore di efficacia il raggiungimento degli obiettivi prefissati (contenuti nelle griglie di osservazione) da parte del 90% dei bambini coinvolti nel progetto.

4 PRIMA UNITA DI APPRENDIMENTO: IL FOLLETTO DELL AUTUNNO Periodo: settembre-novembre STORIA INTRODUTTIVA: Il folletto dell autunno è un simpatico folletto piccolo piccolo che vive dentro ad un funghetto. Ha un vestito giallo ed arancione ed un lungo cappello a punta rosso. In autunno prepara i suoi colori preferiti che sono il giallo, il rosso, l arancione ed il marrone, prende dei grandi pennelli e sale sui rami per dipingere le foglie degli alberi. Quando ha finito chiama il suo amico vento che con un forte soffio fa volare le foglie dappertutto mentre i folletti del bosco si divertono a rincorrerle e a pestarle: cik ciak, cik ciak fanno le foglie secche sotto i loro piedini! Leggiamo la storia e drammatizziamola con i bambini, invitiamoli ad ascoltare il rumore delle foglie secche sotto i loro piedi. Facciamo rielaborare graficamente la storia ed il personaggio. Partendo dalla storia invitiamo i bambini ad osservare il giardino per verificare se le foglie hanno cambiato davvero il loro colore. Durante l esplorazione del giardino i bambini raccoglieranno diverso materiale naturale come foglie di varia grandezza, forma e colore, rametti, pigne, ecc. GIOCHI CON IL MATERIALE NATURALE Facciamo dipingere con colori autunnali delle scatole di scarpe che utilizzeremo per per effettuare le classificazioni del materiale raccolto. Si possono organizzare i bambini in tre gruppi, a ciascun gruppo vengono assegnate delle scatole dove dovranno essere divise le foglie per forma o per colore. Vince chi classifica correttamente e nel minor tempo un certo numero di foglie. Con le scatole si possono organizzare dei mercatini: ad esempio ci sarà

5 la bancarella che vende le foglie gialle, quella che vende le pigne grandi, quella che vende le foglie marroni, ecc. A turno i bambini impersoneranno i compratori, l insegnante dirà a ciascun bambino cosa deve comprare, ad esempio: Compra tre foglie gialle piccole, ecc. ATTIVITA Si possono realizzare dei cartelloni incollando in diversi insiemi le foglie dello stesso colore o della stessa forma, si possono costruire delle strisce di carta su cui verranno incollate le foglie dalla più piccola alla più grande, ecc. Partendo dall osservazione delle foglie si possono realizzare: pitture con i colori a tempera e gli acquerelli; copie dal vero con i colori a matita, i pennarelli o i colori a cera, frottage e stencil utilizzando le foglie come stampi. Osservando gli alberi del giardino si possono realizzare: pitture con i colori a tempera e gli acquerelli, disegni con pennarelli e colori a matita, collage con carta velina e carta crespa. Con il materiale raccolto in giardino si possono realizzare dei simpatici collage. Si può realizzare un grande albero su una parete della sezione utilizzando per fare il tronco della carta da pacchi stropicciata che faremo spugnare con la tempera marron chiaro e scuro per dare l effetto della corteccia. Si possono attaccare sulla chioma delle foglie vere raccolte in giardino oppure far stampare

6 le mani dipinte di rosso, giallo e marrone di ciascun bambino. Si possono portare a scuola dei frutti autunnali per farli osservare ed assaggiare. I bambini potranno rielaborare graficamente l esperienza ed effettuare la copia dei frutti con diverse tecniche: pittura con tempere, disegno con matite colorate e colori a cera, disegno con pennarelli, collage con carta velina e carta collage, collage con la stoffa INCONTRO CON L ARTE: Si possono far osservare dei quadri famosi con soggetti autunnali ed invitare i bambini ad inventare una storia partendo dall immagine osservata e a rielaborarla in modo personale. Per favorire la capacità di osservazione dell opera d arte si possono porre delle domande al bambino come: cosa vedi in primo piano? cosa vedi sullo sfondo? ci sono dei personaggi in questo quadro? cosa stanno facendo? quali sono i colori dominanti in questo quadro? che emozioni provi guardando il quadro? Ad esempio si può far vedere Strada di Parigi in un giorno di pioggia di G. Caillebotte, Tetti rossi di C. Pissarro. INCONTRO CON LA MUSICA: Si può far ascoltare L autunno dalle Quattro stagioni di Vivaldi. Dopo l ascolto i bambini racconteranno le emozioni provate e le immagini che la musica ha suscitato in loro. Quindi si può far riascoltare la musica ed invitare i bambini a dipingere e disegnare liberamente. Ascoltando la musica di Vivaldi ho pensato che ero in giardino con i miei amici e facevamo volare le foglie secche.

7 Durante lo svolgimento della prima unità si possono far imparare simpatiche filastrocche. AUTUNNO Se la giornata diventa freddina e si sta bene con una copertina, ci dobbiamo rassegnare perchè l autunno sta per arrivare. Niente più giornate al mare, non possiamo più nuotare. Le foglie degli alberi sono ingiallite presto cadranno ormai rinsecchite. Anche gli animali han voglia di dormire la bella stagione sta per finire! LA FOGLIA GIALLETTINA Una mattina la foglia giallettina presto si svegliò e indovina cosa le capitò? Un colpo di vento la sfiorò, lei un poco dondolò, dal ramo si staccò e poi precipitò. LA FOGLIA ROSSETTA La foglia rossetta si credeva furbetta, il vento soffiava e lei si nascondeva ma un soffio fortissimo la fece tremare oscillò a lungo e finì per cadere. LO SCOIATTOLO CAFFE Lo scoiattolo più simpatico che c è si chiama Caffè, ma la cosa più strana sai qual è? Lui beve solo il tè. Raccoglie noccioline dalla mattina alla sera speriamo che gli bastino fino all arrivo della primavera!

8 SECONDA UNITA DI APPRENDIMENTO: IL FOLLETTO DELL INVERNO PERIODO: dicembre- febbraio STORIA INTRODUTTIVA: Il folletto dei colori dell inverno è un buffo folletto con le orecchie a punta ed il naso rosso a patata. E vestito di bianco e porta un cappello azzurro coperto di grossi fiocchi di neve. Vive al Polo Nord perchè ama stare al freddo mentre non sopporta il calore. Ogni anno a dicembre arriva a portare il gelo, la neve e il ghiaccio in tutte le città ma appena le giornate diventano tiepide scappa via veloce e torna al Polo Nord. Quando arriva il folletto dell inverno gli animali dormono nelle loro tane, restano in letargo aspettando il ritorno della bella stagione. Il folletto dell inverno sa fare delle magie incredibili: se batte le mani dieci volte mentre vola cominciano a scendere dal cielo candidi cristalli di neve. Chissà quante volte l hai visto volare proprio sopra alla tua casa! Leggiamo la storia e drammatizziamola con i bambini, invitiamoli a raccontare le loro esperienze con la neve. Facciamo rielaborare graficamente la storia ed il personaggio. Partendo dalla storia invitiamo i bambini ad osservare il giardino per vedere come sono cambiati gli alberi in inverno.

9 ATTIVITA Osservando gli alberi del giardino si possono realizzare pitture, disegni, collage e cartelloni con diverse tecniche espressive: pittura con le tempere e gli acquerelli, disegno con pennarelli, matite colorate e colori a cera, collage con carta velina, carta collage, carta crespa, materiali naturali. Per realizzare paesaggi con la neve si può utilizzare il cotone, il sale grosso, della stoffa bianca o del pizzo. Si possono realizzare dei pupazzi di neve con pittura o collage, o con il dash. ESPERIENZE Invitate i bambini a riflettere sulla differenza tra caldo e freddo. Fate toccare cose calde e fredde con gli occhi chiusi per concentrarsi sulle sensazioni tattili. Si possono realizzare dei cartelloni che riassumono l esperienza. La neve può diventare il pretesto anche per delle esperienze relative alle impronte. si può far stendere ad ogni bambino una sfoglia di pongo bianco ed invitarlo a lasciare delle impronte con oggetti diversi. Poi ogni bambino dovrà indovinare cosa ha originato le impronte sulla pista di neve dell amico. Si farà osservare ai bambini che ogni cosa ha una forma. Si realizzeranno delle sagome di ciascun bambino su dei fogli di carta da pacco e poi si dipingeranno le sagome così realizzate. Un altra esperienza è quella di far dipingere delle impronte dei piedi su dei fogli ed utilizzarle per realizzare dei percorsi.

10 INCONTRO CON L ARTE: Si possono far osservare dei quadri famosi con soggetti invernali ed invitare i bambini ad inventare una storia partendo dall immagine osservata e a rielaborarla in modo personale. Ad esempio si può far vedere Notte bianca di Munch; Villaggio di Sandviken di Monet; Veduta di Argenteuil con la neve di Monet INCONTRO CON LA MUSICA: Si può far ascoltare L inverno dalle Quattro stagioni di Vivaldi. Dopo l ascolto i bambini racconteranno le emozioni provate e le immagini che la musica ha suscitato in loro. Quindi si può far riascoltare la musica ed invitare i bambini a dipingere e disegnare liberamente Durante lo svolgimento della seconda unità si possono far imparare simpatiche filastrocche. CRISTALLO DI NEVE Tutto è coperto dalla neve, un piccolo cristallo scende lieve volteggia silenziosamente e si appoggia lentamente su un ramo di pino, poi si addormenta fino al mattino. NEVICATA Nevica sui tetti delle case, nevica sulle strade del paese, nevica in montagna e in città, nevica in gran quantità. Con berretti, sciarpe e guantini escono tutti i bambini, con la neve vanno a giocare e si divertono a sciare. INVERNO Se esci in inverno sai cosa fare infila la giacca per cominciare, metti la sciarpa ed il berretto e se c è il vento tienilo stretto, mi raccomando metti i guantini,

11 non ti scordare neanche i calzini. Così il freddo non sentirai e il raffreddore non prenderai! IL PUPAZZO DI NEVE Al posto degli occhioni hai due grossi bottoni, e al posto dei dentini hai tanti sassolini. Hai una carota al posto del nasone, sulla tua testa c è un grosso berrettone... caro pupazzo di neve sei proprio un simpaticone! TERZA UNITA DI APPRENDIMENTO: IL FOLLETTO DELLA PRIMAVERA PERIODO: marzo - aprile STORIA INTRODUTTIVA: Il folletto della primavera è il più vivace di tutti i folletti. Non sta mai fermo, salta e corre in continuazione, quando passa cantando sopra ad un prato sbocciano migliaia di fiori di tutti i colori. Il folletto della primavera si diverte a volare nel cielo azzurro con le sue amiche farfalle. Solo quando piove diventa un po triste e silenzioso ma appena torna il sereno ricomincia a volare lasciando una lunga scia colorata dietro di se. Quando vedi un arcobaleno sai che il folletto della primavera è tornato a sorridere. Leggiamo la storia e drammatizziamola con i bambini. Facciamo rielaborare graficamente la storia ed il personaggio.

12 Partendo dalla storia invitiamo i bambini ad osservare il giardino per vedere come sono cambiati gli alberi ed il prato in primavera. ATTIVITA Osservando gli alberi del giardino ed i fiori sbocciati si possono realizzare pitture, disegni, collage, cartelloni sul tema della primavera. Un idea per realizzare fiori originali è quella di disegnare dei grandi fiori su un foglio A3 e di incollare sui petali della stoffa colorata oppure della lana tagliuzzata, il risultato è di grande effetto. Per realizzare i paesaggi primaverili si possono usare tecniche diverse: pittura con i colori a tempera e gli acquerelli, pittura con i gessetti, collage con carta velina, carta crespa, collage con pongo. ESPERIENZE Partendo dall osservazione del giardino si possono fare delle esperienze di semina e coltivare nel giardino della scuola delle piccole aiuole. Durante la crescita delle piantine i bambini registreranno i cambiamenti osservati attraverso rielaborazioni grafiche e cartelloni. INCONTRO CON L ARTE: Si possono far osservare dei quadri famosi con soggetti primaverili ed invitare i bambini ad inventare una storia partendo dall immagine osservata e a rielaborarla in modo personale. Ad esempio si possono far vedere i bellissimi quadri Ninfee e i giardini di Monet. INCONTRO CON LA MUSICA: Si può far ascoltare La primavera dalle Quattro stagioni di Vivaldi. Dopo l ascolto i bambini racconteranno le emozioni provate e le immagini che la musica ha suscitato in loro. Quindi si può far riascoltare la musica ed invitare i bambini a dipingere e disegnare liberamente.

13 Durante lo svolgimento della seconda unità si possono far imparare simpatiche filastrocche. PRIMAVERA Sulla margherita appena sbocciata vola una farfalla colorata, su una rosa profumata una grossa ape si è fermata, su un giglio immacolato un moscone si è posato. La primavera è un esplosione di colori, di dolci profumi e bellissimi fiori. PRIMAVERA Togli i calzini e senti la tenera erbetta sotto i piedini, puoi correre e camminare ti puoi perfino rotolare. Non c è un tessuto più delicato di un tappeto fatto di prato! L ARCOBALENO Sette colori ha l arcobaleno che brilla nel cielo sereno: giallo come il sole splendente che ci illumina continuamente, arancione come un frutto profumato che la natura ci ha donato, rosso come un cuore colmo d amore, indaco come un cielo sconfinato che tutta la terra ha abbracciato, blu come la notte tranquilla che nei nostri letti ci culla, verde come una tenera fogliolina che annuncia: la primavera è vicina!

14 QUARTA UNITA DI APPRENDIMENTO: IL FOLLETTO DELL ESTATE PERIODO: maggio-giugno STORIA INTRODUTTIVA: Il folletto dell estate ha un vestito splendente come il sole. Ha uno zaino magico dove tiene i suoi colori preferiti che sono il giallo ed il rosso e quando passa sparge questi colori dappertutto. Fa diventare gialle le spighe di grano ed i girasoli e rossi i papaveri ed i frutti maturi. Nello zaino ha anche altri bei colori come il turchese che sparge nel cielo e sul mare ed il verde con cui copre le chiome degli alberi ed i prati. Il folletto dell estate è proprio un pittore straordinario! Leggiamo la storia e drammatizziamola con i bambini, invitiamoli a raccontare le loro esperienze relative all estate. Facciamo rielaborare graficamente la storia ed il personaggio. Effettuiamo delle uscite in campagna per osservare i colori dell estate. ATTIVITA Osservando gli alberi del giardino e la natura della campagna si possono realizzare pitture, disegni, collage con diverse tecniche espressive: pittura con i colori a tempera, pittura con gli acquerelli, disegno con i pennarelli e i colori a matita,

15 collage. ESPERIENZE Si può chiedere ai bambini di raccontare le loro esperienze al mare, si possono favorire conversazioni sul mare mostrando immagini e fotografie. Partendo dalle osservazioni dei bambini si possono condurre diverse esperienze sull acqua quali: travasi, colorazione dell acqua, esperimenti di galleggiamento. Le esperienze verranno fatte rielaborare graficamente e attraverso cartelloni collettivi. Le conversazioni sul mare potranno essere utilizzate come pretesto per delle riflessioni sull importanza di rispettare l ambiente e di non inquinare. INCONTRO CON L ARTE: Si possono far osservare dei quadri famosi con soggetti estivi ed invitare i bambini ad inventare una storia partendo dall immagine osservata e a rielaborarla in modo personale. Ad esempio si possono far vedere i bellissimi quadri di Van Gogh INCONTRO CON LA MUSICA: Si può far ascoltare L estate dalle Quattro stagioni di Vivaldi. Dopo l ascolto i bambini racconteranno le emozioni provate e le immagini che la musica ha suscitato in loro. Quindi si può far riascoltare la musica ed invitare i bambini a dipingere e disegnare liberamente.

16 Durante lo svolgimento della seconda unità si possono far imparare simpatiche filastrocche. ESTATE I campi sono dorati, i frutti son profumati, il sole è splendente nell immenso cielo ridente. Estate brillante tutto in te è scintillante! IL GIRASOLE Senza posa giri la testina dove sorge il sole alla mattina, poi a mezzogiorno guardi in su e verso sera torni col capo all ingiù! IL GELATO Fresco e profumato, con la panna e il cioccolato, con nocciola e zabaione sei squisito gelatone! MARE Immenso orizzonte blu grande come il cielo sei tu. Senza vento sei calmo e sereno ma con la tempesta ti trasformi in un baleno con onde altissime e paurose, giganti e davvero spaventose. SI RICORDA CHE DALLA SEZIONE BAMBINI E GENITORI, SI POSSONO SCARICARE DISEGNI E ATTIVITA UTILI ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO.

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz)

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz) COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA Dormono (Lina Schwarz) Il gattino accanto al fuoco si addormenta a poco a poco;

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli