CONSIGLIO DI CLASSE VB LICEO SCIENTIFICO Opzione BILINGUISMO (Inglese e Francese/Spagnolo) DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI CLASSE VB LICEO SCIENTIFICO Opzione BILINGUISMO (Inglese e Francese/Spagnolo) DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO"

Transcript

1 CONSIGLIO DI CLASSE VB LICEO SCIENTIFICO Opzione BILINGUISMO (Inglese e Francese/Spagnolo) DOCUMENTO DEL MAGGIO ESAMI DI STATO ANNO SCOLASTICO /

2 INDICE PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO pag. OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO DI STUDI pag. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE pag. SIMULAZIONE DELLE PROVE D ESAME pag. LA VALUTAZIONE pag. 9 LE RELAZIONI pag. 9 I PROGRAMMI SVOLTI pag. LE GRIGLIE DI VALUTAZIONE pag. TESTI SIMULAZIONE III PROVA D ESAME pag. 9 IL CONSIGLIO DI CLASSE pag. Documento del maggio

3 PRESENTAZIONE DELL'ISTITUTO L Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Patini Liberatore nasce nell a.s.- dall accorpamento tra l Istituto d Istruzione Secondaria di Secondo Grado Teofilo Patini e l ITCG Giuseppe Liberatore (Decreto USR Abruzzo prot. 7 del 7//). Il Patini prende la denominazione dal pittore Teofilo Patini (Castel di Sangro Napoli 9), autore di capolavori di importanza non solo artistica, ma anche politica e sociale, in quanto veri e propri mezzi di denuncia delle misere condizioni in cui si viveva al Sud all epoca dell Italia post-unitaria. Il Liberatore, dall illustre medico Giuseppe Liberatore (Castel di Sangro 7 L Aquila ), prozio del pittore, nobile figura di medico ed eminente studioso degno erede del suo maestro Domenico Cotugno e maestro egli stesso di professionisti quale Salvatore Tommasi. Nell Istituto attuale, pertanto, convivono le tre anime dell istruzione: liceale (liceo scientifico: ordinamento con bilinguismo e opzione di scienze applicate), tecnica (amministrazione, finanza e marketing costruzione, ambiente e territorio turistico corso serale progetto Sirio classe IV) e professionale (manutenzione e assistenza tecnica). Gli indirizzi, anche se diversi per organizzazione curricolare, operano in sinergia, con l obiettivo comune di guidare gli alunni a diventare cittadini responsabili e consapevoli. Per questo amiamo pensare che la nostra realtà scolastica possa definirsi realtà a tre ali : attraverso l interscambio di competenze e professionalità, infatti, ci proponiamo di volare sempre più in alto. Il manifesto della scuola e le finalità del POF Alla vita scolastica partecipano a pieno titolo docenti, studenti e famiglie che operano in un clima di consenso su un progetto culturale e didattico finalizzato all acquisizione di solide basi culturali, scientifiche, di capacità espressive ed operative, di spirito critico, una salda coscienza civica, ispirata a valori positivi, al senso di responsabilità, al rispetto di sé e dei propri simili, delle strutture e dell'ambiente. (Si fa riferimento al patto educativo di corresponsabilità, presente nel POF). L'Istituto ha promosso azioni studiate per permettere ai discenti di: aprirsi alla prospettiva locale, con il supporto di una più puntuale conoscenza del territorio di appartenenza e di una partecipazione diretta ai problemi della società in cui è inserito; crearsi una cultura dell'orientamento e degli sbocchi occupazionali; aprirsi alla prospettiva europea attraverso scambi, confronto culturale e didattico con la realtà di altri paesi europei e i viaggi di istruzione; conoscere i principi fondamentali della Costituzione repubblicana in ordine soprattutto ai diritti e ai doveri del cittadino per diventare cittadini capaci di affrontare i problemi del loro tempo. praticare l'attività sportiva nelle sue varie manifestazioni; beneficiare di azioni finalizzate alla prevenzione nei confronti della droga, dell'aids, dell'alcolismo e del tabagismo e di educazione alla sicurezza nella scuola e nei posti di lavoro; sviluppare capacità relazionali positive per imparare ad operare in team. I docenti hanno operato in sinergia al fine di: prevenire situazioni di disagio e di insuccesso scolastico; Documento del maggio

4 promuovere rigore e qualità dello studio; promuovere costanza nello studio, facendo emergere la motivazione utile a questo; ampliare il contesto educativo e formativo della scuola; rendere più flessibili i curricoli con la creazione di spazi interdisciplinari e potenziare l utilizzo delle nuove tecnologie; sperimentare metodologie didattiche più consone alle esigenze di apprendimento degli alunni; progettare azioni di raccordo con le scuole medie e superiori del territorio; favorire l applicazione di una corretta metodologia nello studio, anche in vista degli studi futuri; favorire la manifestazione delle capacità di ciascuno curando, contemporaneamente, l atteggiamento di fronte alla realtà scolastica e l applicazione nello studio. OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO DI STUDI Acquisizione di: un metodo di indagine rigoroso applicabile in ogni campo del sapere un linguaggio chiaro, corretto e adeguato nell ambito di tutte le discipline una formazione scientifica e umanistica che permetta di coniugare le conoscenze teoriche con le capacità e le abilità operative ed applicative contenuti nella loro problematicità storica una cultura dell orientamento e degli sbocchi occupazionali degli strumenti per una partecipazione diretta ai problemi della società e per l inserimento nella prospettiva europea Capacità di produrre testi scritti in italiano o in lingua straniera, adeguati ai vari contesti comunicativi analizzare, sintetizzare e collegare ambiti disciplinari diversi rielaborare autonomamente e in modo critico i contenuti appresi sapendo esprimere il proprio punto di vista utilizzare le nuove tecnologie Caratteri specifici dell'indirizzo Allo studente del Liceo Scientifico è stata garantita una formazione scientifica e umanistica, articolata ed equilibrata, che permetterà ai candidati: ) di coniugare le conoscenze teoriche con le capacità e le abilità operative ed applicative, ) di proseguire gli studi a livello universitario secondo la più ampia possibilità di opzioni. Finalità ed obiettivi cognitivi (Si rimanda alle relazioni disciplinari allegate). Documento del maggio

5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Elenco dei docenti e quadro indicativo della stabilità dei docenti nel corso del triennio DOCENTE MATERIA Caruso Teresa Lingua e letteratura Francese Anzellotti Cinzia Disegno e Storia dell Arte Gasparri Assunta Lingua e letteratura Italiana Lingua e letteratura Latina Scannella Alba Storia e Filosofia Mannella Antonia Lingua e letteratura Spagnola Carputo Assunta Lingua e letteratura Inglese Casasanta Lidia Scienze Della Loggia Giancarlo Educazione fisica D Altorio Emma Matematica e Fisica Sigismondi Lucia Religione COORDINATORE Gasparri Assunta SEGRETARIO Gasparri Assunta DIRIGENTE SCOLASTICO D Altorio Cinzia Continuità didattica nel triennio Discipline con docenti stabili Italiano, Latino, Religione, Storia e Filosofia, Inglese, Spagnolo, Francese Discipline con docenti cambiati Disegno e Storia dell Arte (in quinta); Scienze (in quinta), Storia e Filosofia (tutti gli anni); Educazione Fisica (tutti gli anni). Elenco dei candidati. Balzano Axel. Ferritto Gianvittorio. Carbonara Brigitta. Fusco Agnese. Colamarino Angelino. Ianiro Umberto. Colantoni Chiara. Papili Valeria. D Amico Paolo. Perfetti Filippo. Di Vito Lucia. Sammarone Elisabetta 7. Di Francesco Domenico. Sterpetti Lisa. Dragoj Gisela 7. Tarantini Stefania 9. Ferrante Andrea. Ziruolo Sara Allievi frequentanti Maschi Femmine Totale Pendolari Residenti 9 9 Situazione in ingresso Classe Iscritti da altre Promossi senza Promossi con Ripetenti scuole debito debiti B Caratteristiche della classe La classe B è composta da diciotto alunni. Il gruppo, abbastanza omogeneo dal punto di vista educativo, si è mostrato di solito aperto al dialogo e abbastanza corretto nel comportamento. Sebbene nella classe si sia percepita una diffusa motivazione allo studio, tuttavia non tutti gli alunni si sono distinti in merito al senso di responsabilità rispetto agli impegni scolastici ed alla partecipazione all attività didattica. Per quanto concerne la frequenza, nel complesso è stata regolare. Buono risulta il livello di socializzazione. Documento del maggio

6 La classe presenta, d altra parte, una certa eterogeneità dal punto di vista didattico. Infatti, pur attestandosi in una fascia media la gran parte degli studenti, si distingue un gruppo dal profitto molto buono per conoscenze e competenze acquisite in tutte le materie e un gruppo con lievi lacune contenutistiche e metodologiche soprattutto in area scientifica. Per il profilo didattico si individuano in sintesi tre fasce di livello:. un gruppo di alunni ha raggiunto un livello avanzato per le competenze logico-espressive, ha messo a punto un metodo di studio efficace-autonomo ed ha mostrato una partecipazione viva e propositiva nell attività didattica ed extra didattica (%);. una parte della classe presenta una discreta preparazione di base, ha acquisito un adeguato metodo di studio, ha mostrato impegno e interesse abbastanza regolare (%);. un gruppo è caratterizzato da un livello base per abilità espressive e logiche, ha acquisito un metodo di lavoro poco organico, ha mostrato talvolta un impegno settoriale e/o discontinuo (%) Pertanto gli insegnanti hanno cercato di adottare strategie diverse per promuovere l interesse e favorire il consolidamento e il perfezionamento del metodo di studio, stimolando alla costante interazione fra studenti ed insegnante, ma anche promuovendo progetti specifici e interdisciplinari. Le relazioni per disciplina di seguito presentate specificano la situazione. Quadro orario flessibilità del curricolo, attività curricolari e iniziative complementari/integrative Il quadro orario seguito è stato prevalentemente quello ministeriale. Le diverse tipologie di didattica adottate nel quinquennio (moduli, didattica laboratoriale, didattica breve, didattica per mappe concettuali, etc.), più che incidere sull organizzazione curricolare, hanno permesso di realizzare attività a carattere disciplinare e interdisciplinare (laboratori di scrittura, laboratori di storia, corsi di recupero, attività integrative curricolari ed extracurricolari, attività legate all orientamento) e coinvolgere gli alunni in diverse tipologie di lezioni (lavori di gruppo, ricerche guidate, apprendimento cooperativo). In questa classe è stato applicato il metodo Ørberg per l insegnamento del Latino. Attività curricolari Partecipazione alle Olimpiadi della Matematica e della Fisica; Manifestazione Premio Putaturo (borsa di studio intitolata a Leonardo Putaturo e destinata alle classi quinte); Spettacolo teatrale La parrucca di Mozart, libretto d opera scritto da Jovanotti; Progetto L Alto Sangro in Guerra. Occupazione, sfollamento e resistenza. 9 ; Incontro con l autore Giovanni D Alessandro La tana dell odio Attività integrative (facoltative) che hanno coinvolto gruppi di alunni Potenziamento delle discipline scientifiche Partecipazione alle Olimpiadi della Matematica e della Fisica. Lingue straniere Conseguimento certificazione lingua inglese (PET B FCE B). Documento del maggio

7 Conseguimento certificazione lingua francese (DELF B-B). PO.FSE. 7-: The Mind Gym : moduli di fisica in modalità CLIL ( inglese). Competenze informatiche Conseguimento della patente europea per il computer. Centro sportivo scolastico Partecipazione al gruppo sportivo. Attività di volontariato Partecipazione alla Colletta alimentare nazionale. Concorsi e premi Premio Patini (membri della giuria giovani); Manifestazione Borsa di Studio Leonardo Putaturo (assegnatario ad un alunno delle classi quinte del Liceo Scientifico per incoraggiare e favorire il suo inserimento in una facoltà universitaria e per premiare il suo serio impegno nello studio). VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Viaggio d istruzione Barcellona Visite guidate Conferenza Eccidio dei Limmari Pietransieri Pinacoteca patiniana Orientamento Università Statale di Milano: attività laboratoriale (genetica forense) (scorso anno); Conferenza informativa sulle facoltà a numero programmato e sulle tecniche risolutive per il superamento dei test tenuto da un docente esperto della Unid s.r.l. Editoria, Formazione e Orientamento. Salone dello Studente a Pescara Corso di preparazione di logica e tecniche risolutive tenuto da un docente esperto della Unid s.r.l. Editoria, Formazione e Orientamento. Interventi didattici integrativi L Istituto ha attivato corsi di recupero e sportelli didattici a richiesta per le discipline caratterizzanti il corso di studi e per le materie scritte in diversi periodi dell anno scolastico Mezzi e spazi La strumentazione didattica e la tipologia degli spazi hanno comportato l uso dei libri di testo, delle dotazioni tecnologiche, dei laboratori, della biblioteca d Istituto. Documento del maggio 7

8 SIMULAZIONE DELLE PROVE D ESAME Per quanto riguarda la Prima Prova Scritta dell Esame di Stato possiamo affermare che sebbene tutte le produzioni scritte svolte in classe durante l anno scolastico siano state delle simulazioni, tuttavia si è ritenuto opportuno proporre una vera e propria simulazione della Prima Prova il aprile per classi parallele. È stata programmata invece una simulazione della Seconda Prova Scritta dell Esame di Stato, in forma congiunta, delle classi quinte del Liceo Scientifico che si svolgerà nell ultima decade di maggio. Inoltre sono state svolte, sempre in forma congiunta, tre simulazioni per la Terza Prova Scritta dell Esame di Stato secondo il seguente calendario: Tipologia Discipline coinvolte Tempo svolgimento Data svolgimento Quesiti per disciplina B quesiti a risposta aperta Fisica, Storia, Storia dell arte, Scienze, Inglese h dicembre quesiti per disciplina B quesiti a risposta aperta Fisica, Francese/Spagnolo, Storia dell arte, Latino h marzo quesiti Francese/Spagnolo e Storia dell arte; quesiti Latino e Fisica B quesiti a risposta aperta Scienze, Storia dell arte, Fisica, Francese/Spagnolo, Filosofia h maggio quesiti per disciplina Il Consiglio di Classe ha concordato nel ritenere la tipologia B più adatta a mettere in luce le conoscenze e le competenze disciplinari acquisite dagli alunni nel corso dell anno scolastico. La valutazione della Terza Prova d Esame ha tenuto conto dei seguenti indicatori, per ciascuno dei quesiti proposti tipologia B: - aderenza alla traccia - organizzazione strutturale ed espressione - sintesi e rielaborazione critica (si rimanda alla griglia in appendice al Documento) A disposizione della Commissione d esame è depositato in Presidenza il materiale relativo alle simulazioni di Prima, Seconda e Terza Prova nonché tutte le prove di Italiano finalizzate alla preparazione per lo svolgimento delle varie tipologie della Prima Prova. In appendice si allegano i testi delle simulazioni della Terza prova. Documento del maggio

9 LA VALUTAZIONE Valutare gli studenti La valutazione, che ha finalità formativa: è parte integrante del processo formativo; mira a far conoscere allo studente la sua posizione rispetto agli obiettivi disciplinari e curricolari prefissati; permette all alunno di conoscere sempre i risultati e i criteri di valutazione della verifica riferiti ad ogni singola prova; si basa su prove di verifica orali, scritte e pratiche, strutturate e/o semistrutturate, usate alternativamente a seconda degli obiettivi da verificare e indipendentemente dalla distinzione tra materie orali e orali e scritte. (per ulteriori precisazioni si fa riferimento al POF) Il voto di comportamento si assegna in base ad una griglia condivisa in Collegio Docenti all inizio dell anno scolastico (si fa riferimento al POF) Attribuzione del credito scolastico e formativo (Si rimanda a quanto stabilito nel POF) LE RELAZIONI Francese La classe, nel corso degli anni, ha mostrato interesse ed impegno per la lingua e la letteratura francese, aderendo a tutte le attività didattiche proposte quali: ricerche, lavori di gruppo, visite guidate, progetti, scambi culturali. Alcuni allievi hanno conseguito le Certificazioni linguistiche (DELF B- DELF B). Grazie a tutte queste attività, gli studenti hanno potenziato le loro abilità, raggiungendo un livello medio più che discreto. OBIETTIVI Conoscenze: - i testi letterari letti e studiati in classe - le principali caratteristiche delle varie correnti letterarie - l inquadramento storico-sociale degli autori studiati Competenze: Gli alunni conoscono la tecnica di analisi di un testo letterario. Capacità: Una buona parte della classe è in grado di confrontare autori della stessa epoca per individuare tematiche comuni, di operare delle sintesi, di esprimere valutazioni personali e di leggere autonomamente un opera letteraria. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE - FORME DI VERIFICA Le forme di verifica sono state: Prove orali (due a quadrimestre), consistenti in: Analisi di testi letterari Risposte a domande su argomenti storici-letterari. Prove scritte (due nel primo quadrimestre, tre nel secondo), consistenti in: Quesiti a risposta aperta GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI E SCRITTE - comprensione della lingua scritta e orale - pertinenza rispetto al quesito - correttezza (ortografica, pronuncia, lessico, grammatica) - ricchezza del contenuto - ricchezza linguistica Documento del maggio 9

10 - prontezza e fluidità espressiva - capacità di sintesi (quesiti a risposta aperta) - originalità METODOLOGIA Gli alunni sono stati continuamente stimolati ad esprimersi nella lingua straniera durante la lezione partecipata. Lo studio specifico dei vari autori si è articolato in diverse fasi: presentazione del brano e comprensione globale mediante domande mirate lettura e analisi: l insegnante guida gli alunni proponendo una griglia di lettura Inserimento del testo nel macrotesto dell autore: approfondimenti effettuati dagli alunni Rapporto comparativo con altri autori studiati: gli alunni individuano tematiche comuni e operano delle sintesi accenni alla biografia dell autore inserimento dell autore in rapporto al periodo e alla corrente culturale, mettendo in risalto l originalità dell artista: approfondimenti fatti dagli alunni. Disegno e Storia dell Arte Storia dell Arte LIBRI DI TESTO ADOTTATI: I testi in adozione per lo studio della storia dell arte sono: Gillo Dorfles Eliana Princi Angela Vettese ARTE E ARTISTI - Dall Ottocento ad oggi- vol. ediz. ATLAS. QUADRO GENERALE DELLA CLASSE Dal punto di vista educativo gli alunni si sono mostrati abbastanza corretti e rispettosi. Alcuni di loro hanno conseguito risultati eccellenti grazie all impegno ed alla costanza nell apprendimento. Solo una minoranza della classe, a causa di un interesse piuttosto superficiale e discontinuo, ha raggiunto un livello base di competenza. Si segnala che la formazione nella disciplina non ha seguito una linea organica in relazione ad alcuni argomenti degli anni precedenti, a causa della non continuità dell insegnamento. Pertanto è stato privilegiato lo studio della Storia dell Arte, per riprendere argomenti che di solito rientrano nel programma del quarto anno, e sono stati riservati invece momenti laboratoriali al disegno geometrico. OBIETTIVI PREVISTI NELLA PROGRAMMAZIONE E REALIZZATI NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO. Educazione alla conoscenza e al rispetto del patrimonio storico-artistico nelle sue diverse manifestazioni e stratificazioni, cogliendo la molteplicità di rapporti che legano dialetticamente la cultura attuale con quella del passato;. Sviluppo della dimensione estetica e critica;. Abitudine a cogliere le relazioni esistenti tra espressioni artistiche di diverse civiltà;. Offerta degli strumenti necessari, un adeguata formazione culturale e competenze di base sia per il proseguimento verso gli studi universitari, sia per un orientamento verso specifiche professionalità. Per quanto riguarda l applicazione pratica gli alunni hanno dimostrare di: Riconoscere e analizzare le caratteristiche tecniche e strutturali di un opera, individuandone i significati Saper esprimere un giudizio personale sui significati e sulle specifiche qualità dell opera. METODOLOGIA DELLA LEZIONE Le lezioni sono state soprattutto di tipo frontale, oltre ad essere arricchite continuamente dall approfondimento di altri testi e da un effettivo commento e dialogo delle opere sono state accompagnate dallo studio delle immagini attraverso dei fascicoli di proprietà dell insegnante e dell utilizzo di DVD. Documento del maggio

11 CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche del lavoro svolto sono state effettuate attraverso almeno due interrogazioni orali a quadrimestre e due prove scritte a quadrimestre. La valutazione dei compiti scritti ha tenuto conto di Correttezza sia dal punto di vista ortografico che grammaticale Padronanza degli argomenti Capacità di esposizione degli argomenti stessi PREPARAZIONE RAGGIUNTA DAGLI ALUNNI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITÀ Storia dell Arte: capacità di riconoscere e analizzare stilisticamente le caratteristiche compositive delle opere d arte affrontate nel corso dell anno. capacità di individuare i molteplici significati dell opera utilizzando una terminologia specifica e appropriata. capacità di inserire correttamente l opera d arte all interno dell asse cronologico di riferimento e dello specifico contesto storico e sociale. In vista delle richieste dell Esame di Stato, le lezioni sono state prevalentemente dedicate allo studio della Storia dell Arte di e 9. L attività di disegno è stata una scelta dell insegnante ed è stata proposta come supporto all attività teorica o come approfondimento di alcuni contenuti disciplinari in relazione agli interessi degli studenti. Si è richiesto comunque: capacità di riconoscere e analizzare stilisticamente le caratteristiche compositive dell opera e di individuarne i molteplici significati capacità di inserire correttamente l opera d arte all interno di un asse cronologico e dello specifico contesto storico sociale e culturale di riferimento. capacità di utilizzare una terminologia specifica e di esporre in modo anche semplice, ma organico i contenuti. capacità di riconoscere i rapporti che i diversi autori e/o le opere studiate hanno con gli altri ambiti della cultura. Come già detto sopra, la maggior parte della classe ha raggiunto dei risultati notevoli. Lingua e Letteratura italiana e latina Profilo della classe La classe, anche se in misura differenziata, ha in generale dimostrato partecipazione al dialogo educativo. Si sono distinti in particolare alcuni alunni che hanno raggiunto un buon livello di competenza grazie ad uno spiccato senso di responsabilità, voglia d imparare, costanza nell impegno e nel perfezionamento del metodo di studio. Per il resto la maggior parte della classe si attesta in una fascia media sia per i discreti risultati conseguiti che per senso di responsabilità dimostrato, infine, per alcuni, in particolare, modesti ossia appena sufficienti sono i risultati a causa di conoscenze e competenze pregresse un po limitate e/o per un metodo di studio non sempre efficace e/o per un impegno settoriale e/o discontinuo. Italiano Obiettivi disciplinari raggiunti Conoscenze conoscenza generale della lingua italiana, delle sue strutture grammaticali e della sua organizzazione semantica e lessicale; conoscenza dei movimenti, degli autori e dei testi della letteratura italiana dell Ottocento e del Novecento presi in esame nel corso dell anno e del relativo contesto storico-culturale; conoscenza dei principali strumenti retorici e stilistici utili per l analisi del testo letterario. Capacità capacità di riflessione sulla lingua e letteratura italiana; capacità di analisi e interpretazione di un testo letterario, a livello sia formale sia tematico; capacità di contestualizzazione storico-culturale degli autori e dei testi; Documento del maggio

12 capacità di organizzare i dati culturali e di rielaborarli con l apporto di giudizi personali; capacità di produzione, nel complesso, delle varie tipologie di scrittura affrontate. Competenze padronanza nell uso della lingua italiana dal punto di vista sia della comprensione sia della produzione scritta e orale; padronanza degli strumenti di analisi del testo letterario a livello sia formale sia tematico. Criteri di selezione dei contenuti Sono stati selezionati e presi in esame autori e testi di notevole rilevanza per la storia letteraria italiana, i più significativi per le loro connessioni con il Novecento, le letterature straniere e la letteratura latina. Metodologia Lezione frontale Sono state fornite le linee essenziali del quadro storico-culturale preso in esame; si è delineato il percorso evolutivo umano-artistico dell autore affrontato; sono state illustrate le metodologie di indagine sul testo, conducendo a titolo esplicativo l analisi di uno o più testi; sono state individuate le fasi operative per la composizione scritta; sono state date indicazioni per la cura e l efficacia dell esposizione orale. Lezione partecipata e guidata Coinvolgimento degli alunni, attualizzazione delle tematiche in oggetto di studio, stimolo agli interventi. Didattica modulare Stabiliti gli obiettivi da raggiungere, si è lavorato orientando gli alunni nella disciplina, potenziando i prerequisiti, attivando azioni di rinforzo per recuperare le carenze. Lavoro individuale Gli alunni hanno ordinato, schematizzato, si sono esercitati al lavoro di cui si è detto sopra. Lavoro in apprendimento cooperativo Gli alunni si sono confrontati ed hanno lavorato in gruppo acquisendo sia competenze specifiche disciplinari che sociali-organizzative. Mapping Pluridisciplinarietà è stato dato risalto costante a quelle tematiche e problematiche favorevoli ad un approccio pluridisciplinare anche con lo spunto per lavori multimediali. Verifica Verifiche orali e scritte, nelle modalità stabilite dal nuovo Esame di Stato, tendenti a preparare adeguatamente l alunno ad affrontare la prima prova, la terza prova ed il colloquio. Attività di recupero, consolidamento, approfondimento soprattutto in itinere. Testi utilizzati per Letteratura italiana Guido Baldi, Silvia Giusto, Mario Rametti, Giuseppe Zaccaria, La letteratura, Paravia Dante Alighieri, La Divina Commedia, SEI Verifica Le verifiche sono state intese come strumento che non solo permettesse al docente di accertare nell allievo il livello di preparazione e di partecipazione all attività scolastica, ma anche che consentisse all alunno stesso di prendere consapevolezza del proprio grado di conoscenza, dei progressi o delle eventuali difficoltà in ordine al percorso progettato, nonché delle proprie potenzialità e della propria maturazione. Tipologia delle prove scritte Questionario a risposte aperte (tempo di svolgimento: un ora); Tipologia A Analisi e commento di un testo non letterario o letterario in prosa o in versi corredato da indicazioni di svolgimento (tempo di svolgimento: tre ore); Tipologia B Scrittura documentata in forma di saggio breve o articolo di giornale di argomento storicopolitico, artistico-letterario, tecnico-scientifico, socio-economico (tempo di svolgimento: tre ore) Tipologia C Stesura di un testo di argomento storico sulla base di una traccia data (tempo di svolgimento: tre ore); Tipologia D Tema di ordine generale. Stesura di un testo sulla base di una traccia data (tempo di svolgimento: tre ore). Le prove orali non sono state circoscritte ai momenti formalizzati come tali (vere e proprie interrogazioni in forma di colloquio con l insegnante o in forma di conferenza rivolta ai compagni stessi) in cui, partendo dall analisi dei testi, l allievo è invitato a dimostrare il possesso delle conoscenze, la sua capacità di rielaborazione e di giudizio, la proprietà di linguaggio e la scioltezza dell esposizione), ma sono state estese a tutti i momenti del lavoro didattico (partecipazione alle lezioni, impegno costante, approfondimenti personali, rispetto e puntualità nell esecuzione dei lavori). Documento del maggio

13 Valutazione Le modalità della valutazione sono state in linea con quanto stabilito e condiviso nel POF -. Si allegano le griglie per la valutazione della Prima Prova Scritta d Esame in appendice al Documento per le altre si rimanda al documento prodotto e condiviso in sede dipartimentale. A disposizione della Commissione sono depositati in Presidenza i testi delle prove effettuate. Latino Obiettivi disciplinari raggiunti (Si rimanda al suddetto profilo della classe proposto per Italiano) Conoscenze conoscenza generale della lingua latina, degli aspetti lessicali, delle principali strutture morfo-sintattiche; conoscenza degli autori e dei testi della letteratura latina presi in esame nel corso dell anno e del relativo contesto storico-culturale; conoscenza dei principali strumenti retorici e stilistici utili per l analisi del testo letterario. Capacità capacità di riflessione sulla lingua e letteratura latine; capacità di cogliere il significato complessivo del testo latino e renderlo in forma italiana corretta e scorrevole; capacità di contestualizzazione storico-culturale degli autori e dei testi; capacità di organizzare i dati culturali e di rielaborarli con l apporto di giudizi personali. Competenze competenza nel comprendere un testo in lingua latina e renderlo in lingua italiana nel suo significato globale; competenza nel procedere all analisi di un testo letterario in lingua latina, saperlo riportare al genere letterario specifico, saperlo collocare all interno della tradizione letteraria di appartenenza e del più ampio contesto storico-culturale. Metodologie Nello svolgimento del programma, con l applicazione del metodo Ǿrberg, tenendo conto del livello della classe, si è cercato di portare gli allievi alla comprensione globale del testo latino, attraverso domande e rielaborazione in lingua del testo, trasformazione di frasi o costrutti, acquisizione del lessico, esercizi di applicazione intesi ad assicurare il recupero e, in alcuni casi, il consolidamento delle principali nozioni morfo-sintattiche indispensabili per un adeguato approccio alla lingua latina. Si è proceduto allo studio della letteratura latina e all analisi del testo letterario unificando la trattazione storico-letteraria con lo studio dei singoli autori e la lettura dei testi originali o rielaborati in latino. In particolare il percorso ha compreso l arco cronologico che va dall Età di Augusto alla tarda Età imperiale. Sono stati presi in esame autori e momenti ritenuti più significativi e utili anche per interessanti connessioni pluridisciplinari. È stata seguita la scelta antologica testuale proposta dai libri di testo. Si è fatto riferimento alle introduzioni ai testi, ai commenti, alle contestualizzazioni, alle note ed agli approfondimenti a vari livelli; alcuni testi sono stati affrontati solo in traduzione italiana. Testi utilizzati Hans H. Ǿrberg, Lingua latina per se illustrata, Roma aeterna, Quaderni di esercizi allegati, Latine disco, Vivarium novum Giovanna Garbarino, Tria, Paravia Verifiche Le verifiche sono state intese come strumento che non solo permettesse al docente di accertare nell allievo il livello di preparazione e di partecipazione all attività scolastica, ma anche che consentisse all alunno stesso di prendere consapevolezza del proprio grado di conoscenza, dei progressi o delle eventuali difficoltà in ordine al percorso progettato, nonché delle proprie potenzialità e della propria maturazione. Tipologia delle prove scritte Traduzione e comprensione di un testo latino (tempo di svolgimento: un ora); Traduzione e comprensione di un testo latino noto ma rielaborato con domande di analisi grammaticale, stilistica, tematica (tempo di svolgimento: un ora); Questionari scritti di storia letteraria (comprensione passo d autore, analisi grammaticale, stilistica e tematica, quesiti tipologia B); Documento del maggio

14 Tipologia delle prove orali interrogazioni in forma di colloquio in cui l allievo è stato invitato a dimostrare il possesso delle conoscenze, la sua capacità di rielaborazione e di giudizio, la proprietà di linguaggio e la scioltezza dell esposizione); tutti i momenti dell attività didattica (partecipazione alle lezioni, impegno costante, approfondimenti personali, rispetto e puntualità nell esecuzione dei lavori). Valutazione Le modalità della valutazione sono state in linea con quanto stabilito e condiviso nel POF -. Per le griglie di valutazione in dettaglio si rimanda al documento prodotto e condiviso in sede dipartimentale. A disposizione della Commissione sono depositati in Presidenza i testi delle prove effettuate. Filosofia e Storia TESTO ADOTTATO LA FILOSOFIA Abbagnano Fornero - Paravia Filosofia Obiettivi didattici raggiunti Conoscenze Le principali correnti filosofiche dell ottocento e del novecento. Si rimanda al programma allegato. Il livello di preparazione della classe è buono. Capacità Capacità di esprimersi in modo rigoroso e chiaro utilizzando la terminologia specifica; Capacità di comunicare e selezionare i concetti chiave degli autori ; Capacità di individuare analogie e differenze in diversi ambiti testuali e disciplinari; Capacità di utilizzare gli strumenti e le nuove tecnologie dell informazione; Capacità di riorganizzare le conoscenze acquisite e produrre testi secondo le varie tipologie previste dalla normativa sugli esami di stato; Capacità di analizzare, sintetizzare e collegare concetti, testi e correnti filosofiche-culturali; Capacità di contestualizzare storicamente una tematica o un problema. Il livello di padronanza della classe in termini di capacità è media per la maggioranza, medio-alto per la restante parte. Competenze Esporre correttamente in modo ordinato, logico, rigoroso Stabilire connessioni tra contesto storico culturale - scientifico e pensiero filosofico Analizzare e rielaborare documenti/ testi filosofici Ricostruire il pensiero dell autore partendo dal testo Utilizzare processi induttivi e deduttivi Eseguire le prove previste dalla normativa sugli esami di stato Organizzare autonomamente il proprio lavoro e cooperare con gli altri Confrontare diverse soluzioni dello stesso problema, problematizzare Individuare collegamenti e confronti in prospettiva disciplinare e pluridisciplinare Argomentare in modo consequenziale e organico. Il livello della classe in termini di competenze è medio per un nutrito gruppo, medio-alto per un ristretto gruppo, eccellente per alcuni alunni. Metodi Lezione frontale, lezione interattiva, esercitazioni individuali o di gruppo, correzione collegiale dei compiti svolti a casa, mappe concettuali, lavori di approfondimento, attività laboratoriale, problem solving. Modalità di verifica Documento del maggio

15 Interrogazioni orali, valutazione degli interventi nelle discussioni, prove scritte (quesiti a risposta aperta trattazione sintetica), valutazione dei compiti svolti a casa, lavori di ricerca e di approfondimento, simulazioni prove d esame. Criteri di valutazione In itinere per la valutazione formativa, a fine modulo per la sommativa. Si fa riferimento alle indicazioni contenute nel POF e alle griglie allegate alle programmazioni dipartimentali. Storia TESTO ADOTTATO PASSATO PRESENTE vol. III Luppi Zanette B. Mondadori Obiettivi didattici raggiunti Conoscenze Gli eventi e i personaggi più significativi del novecento. Si rimanda al programma allegato. Il livello di preparazione della classe è medio-alto. Capacità Utilizzare la terminologia specifica Esporre in modo chiaro e corretto i saperi Interagire con il territorio; Connettere macro e micro storia Saper individuare gli aspetti essenziali di un ideologia politica e le ragioni delle sua affermazione o del suo declino. Saper leggere un testo giornalistico di carattere storico valutandone la credibilità in relazione alle fonti e alla consequenzialità logica di esso Individuare punti di vista, valori e posizioni diverse nel dibattito storiografico. Distinguere diritti e doveri del cittadino, attraverso una lettura della costituzione italiana. e delle diverse Dichiarazioni Universali. Il livello di padronanza della classe in termini di capacità è medio per la maggioranza, medio-alto per un altro gruppo, eccellente per alcuni alunni. Competenze Organizzare, pianificare e gestire il lavoro individuale e collettivo Comparare attraverso la riflessione storica gli accadimenti del passato e quelli del presente Cogliere la complessità della dimensione sistemica della realtà storica e comprendere le relazioni tra la storia e le altre discipline. Contestualizzare personaggi, eventi e documenti tramite le coordinate spazio-temporali e socioculturali-politiche. Produrre testi nelle varie tipologie previste dalla normativa sugli esami di stato Riconoscere la civiltà europea come cultura di appartenenza e confronto critico con culture diverse ; agire con senso civico Applicare un metodo di lavoro laboratoriale, con esercitazioni in contesti reali che abituino a risolvere problemi concreti - conoscere le caratteristiche socio-economiche storiche del territorio Acquisire una cittadinanza attiva, europea ed internazionale ispirata ai valori della pace e della solidarietà tra i popoli. Il livello di padronanza delle competenze è medio per una buona parte della classe, medio-alto per la restante parte. Metodi e Strumenti Attività d aula, attività laboratoriale, attività di ricerca attività in sinergia con il territorio, collaborazioni con enti e istituzioni, visite guidate e mostre. ( I ragazzi raccontano la linea gustav Sala consiliare Roccaraso Biblioteca Comunale, Castel di Sangro). Libro di testo, mappe concettuali, schemi, strumenti multimediali, esercitazioni individuali o di gruppo, correzione collegiale dei compiti svolti a casa, cartine, biblioteca, archivio, documenti storici, film e documentari d epoca. Criteri di valutazione In itinere per la valutazione formativa, a fine modulo per la sommativa. Si fa riferimento alle indicazioni contenute nel POF, nelle programmazioni dipartimentali. Documento del maggio

16 Tipologia verifiche: interrogazioni orali, prove scritte, quesiti a risposta breve, valutazione degli interventi. Lingua e Letteratura inglese trattazione sintetica, La sottoscritta è titolare dell'insegnamento di Inglese nella classe dal primo anno con la sola interruzione del secondo anno. Più della metà della classe è in possesso della certificazione linguistica, livelli B e B del Quadro Comune di Riferimento Europeo. Una parte di degli alunni si è impegnata con continuità, in modo produttivo nello studio dei contenuti, ha partecipato costruttivamente al dialogo educativo ed è in possesso di ottime competenze; un altro gruppo ha necessitato di una maggior sollecitazione ed ha conseguito una preparazione mediamente buona o sufficiente OBIETTIVI (livelli B B Quadro Europeo) - interagire in una conversazione - relazionare - comprendere le idee di testi scritti ed orali - individuare collegamenti e relazioni - leggere e collocare un autore ed un testo nel contesto storico, sociale e letterario - rielaborare - produrre un testo chiaro e dettagliato su un'ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento - orientarsi autonomamente nell'ambito delle conoscenze acquisite operando collegamenti anche di carattere interdisciplinare METODI E STRUMENTI lezione frontale, lezione interattiva, lezione dialogata, dibattito in classe, lavori di gruppo, esercitazione individuale e/o in gruppi in classe, relazioni su ricerche individuali o collettive, analisi testuale, problem solving, attività laboratoriali. VERIFICHE E VALUTAZIONE Interrogazioni orali, prove scritte, test a scelta multipla, test a risposta breve, analisi del testo, trattazione sintetica, prove strutturate e semistrutturate, listening tests. La valutazione ha seguito le linee indicate dal POF e dalle riunioni dipartimentali di inizio anno. Spagnolo Libri di testo adottati: Viaje al texto literario, CLITT, Roma, Una vuelta por la cultura hispana, Zanichelli Bologna, Breve presentazione della classe La classe, dove insegno spagnolo dal terzo, è formata da allievi, maschi e una femmina, si è sempre distinta per l attenzione e l interesse durante le lezioni e la correttezza nei rapporti interpersonali. Il profitto medio è stato buono e in alcuni allievi il risultato ha raggiunto livelli ottimi. Ho operato prevalentemente con lezioni partecipate privilegiando le procedure per la scoperta e il ragionamento induttivo. Gli alunni sono stati guidati a sviluppare strategie di comprensione e analisi dei testi proposti, punto di partenza per poter inquadrare le opere nel periodo storico e per definire i periodi letterari e il contesto sociale e culturale in cui sono nate, sottolineando sempre gli aspetti interdisciplinari. La produzione scritta stesura di testi descrittivi, narrativi e argomentativi, rielaborazione di appunti, commenti a testi letterari è divenuta sempre più libera e autonoma. Inoltre, sono sempre stati sollecitati, pur nei limiti delle competenze e delle capacità individuali, alla discussione ed alla valutazione personale e critica degli argomenti. Il viaggio di istruzione si è svolto in Spagna, ed è stata un occasione per migliorare le loro capacità linguistiche e per verificare le competenze dei singoli discenti. Obiettivi didattici e formativi Si fa riferimento al P.O.F. Conoscenze generale della letteratura dal Romanticismo ai giorni nostri; conoscenza del contesto storico culturale delle epoche in oggetto. Documento del maggio

17 Obiettivi raggiunti La classe ha raggiunto una buona capacità di rielaborare i contenuti ed esporli in modo personale. Ha raggiunto un livello buono di analisi e sintesi dei contenuti acquisiti. Ha dimostrato, di essere in grado di pianificare e svolgere autonomamente le fasi che caratterizzano l esecuzione di un compito. Scienze TESTO ADOTTATO: IL GLOBO TERRESTRE E LA SUA EVOLUZIONE (PALMIERI-PAROTTO) Partecipazione: per taluni attiva; per un gruppo accettabile, per un gruppo ristretto scarsa. Frequenza: per la maggior parte assidua Comportamento: per taluni controllato, per alcuni esuberante ma non scorretto. Impegno: per un gruppo ristretto della classe costante e adeguato, per taluni accettabile per alcuni non pienamente adeguato. Metodo di studio: per un gruppo organico e critico, per un gruppo positivo, per alcuni disorganico Situazione di partenza: per un gruppo ristretto solida e consistente, per molti adeguata, per alcuni incerta e lacunosa. Progresso curriculare: per un gruppo rilevante, per altri positivo, per alcuni incerto. Rapporti con le famiglie: nella norma con la quasi totalità della classe - Programma. Programma svolto: il programma è stato svolto quasi interamente. Cause eventuali di parziale svolgimento: numero di ore effettivamente svolte rispetto al totale curriculare previsto. Metodi e Strumenti. La metodologia per ciascun modulo è stata articolata tenendo conto di: revisione di prerequisiti fondamentali per facilitare l apprendimento. Lezione frontale Lezione partecipata. Studio individuale Verifica di apprendimento Analisi e valutazione delle verifiche L intervento didattico ha voluto da una parte insistere sulla ricerca di relazioni tra fenomeni apparentemente indipendenti tra loro e dall altra richiamare, laddove necessario alcuni concetti di altre discipline scientifiche. Si è fatto ricorso alla proiezione di audiovisivi, all utilizzo di CD-rom, immagini, grafici, mappe concettuali. Verifiche. Tipologia a) quesiti a risposta singola b) interrogazioni orali Per i criteri di valutazione si fa riferimento alle griglie allegate al presente documento. 9 Obiettivi Educativi e comportamentali: raggiunti per parte della classe, non completamente adeguati per altri. Cognitivi: I livelli di conoscenze acquisiti dalla classe risultano nella media sufficiente. Le competenze acquisite e le capacità evidenziate risultano adeguate ai livelli di conoscenze conseguiti. Educazione Fisica Tutti hanno partecipato alle lezioni e alle esercitazioni con interesse. In relazione al profitto si possono distinguere t fasce di merito: - coloro i quali hanno dimostrato particolare interesse che si è tradotto in una partecipazione attiva, propositiva e collaborativa in tutte le attività proposte; - quelli che hanno dimostrato particolare interesse per alcune attività, raggiungendo anche una eccellente preparazione in queste specifiche attività Il comportamento è sempre stato corretto e improntato al reciproco rispetto Matematica e Fisica TESTO ADOTTATO Dodero Baroncini, Elementi di matematica Documento del maggio 7

18 La classe ha mostrato in questa disciplina una partecipazione attiva. L impegno è stato costante per tutti, anche se i risultati conseguiti sono diversi per capacità e attitudini. Un gruppo ha evidenziato un metodo di studio organizzato, una buona capacità di applicazione delle conoscenze che risultano complete e approfondite, un vivo interesse per la disciplina. Il resto della classe possiede conoscenze accettabili ed una sufficiente capacità di applicazione. Il programma è stato svolto secondo i piani di lavoro. OBIETTIVI Gli obiettivi raggiunti dalla maggior parte della classe sono: Comprendere ed usare correttamente il linguaggio matematico. Dare sistematicità alle conoscenze acquisite. Comprendere le correlazioni tra algebra e geometria Avere chiaro il concetto di funzione e tutto quanto ad esso attiene. Utilizzare le trasformazioni del piano Affrontare lo studio dell analisi. Perfezionare il metodo di studio. Obiettivi minimi: Conoscere adeguatamente i concetti i concetti basilari dell analisi; Avere una conoscenza sufficientemente completa dell algebra e della geometria. Criteri e strumenti di valutazione e forme di verifica Le forme di verifica sono state: Prove scritte (strutturate e semistrutturate) consistenti in : problemi, esercizi,test a risposta singola. Esse sono state svolte al termine di unità didattiche affini o al termine di un modulo. Prove orali consistenti nella trattazione di un argomento, nella dimostrazione di un teorema, nella risoluzione di esercizi con giustificazione e valutazione dei metodi risolutivi adottati e infine il coinvolgimento nel corso delle spiegazioni. I criteri generali di valutazione sono quelli indicati nel P.O.F. In ogni caso oggetto di valutazione è stato: La qualità dell impegno e della partecipazione Il grado di apprendimento e comprensione dei concetti fondamentali L acquisizione dei metodi e delle abilità Le capacità complessive conseguite Il progresso ottenuto Per le prove (scritte e orali) si fa riferimento alle griglie allegate. METODOLOGIA Ogni modulo è stato così realizzato: FASE o Presentazione dell argomento legandolo ad argomenti pregressi o affini e a tematiche scientifiche o Trattazione completa ed approfondita dell argomento risoluzione di esercizi -correzione compiti per casa o Studio individuale verifica d apprendimento Analisi e valutazione delle verifiche FASE Individualizzazione dell insegnamento RECUPERO Il singolo alunno è stato impegnato in esercizi e problemi sotto la guida dell insegnante. CONSOLIDAMENTO Ogni alunno ha dovuto organizzare le conoscenze e analizzare adeguatamente testi degli esercizi e dei problemi proposti selezionando i metodi risolutivi APPROFONDIMENTO L alunno ha dovuto autonomamente trovare metodi risolutivi di problemi proposti anche di una certa complessità, approfondendo tematiche trattate collegandole tra loro, valutare le procedure da utilizzare, migliorare il proprio linguaggio scientifico Documento del maggio

19 Fisica TESTO ADOTTATO Amaldi, Idee della fisica La classe è seguita da me dal terzo anno. Ha avuto sempre un comportamento corretto e abbastanza responsabile. L impegno è piuttosto differenziato: costante per alcuni, discontinuo per altri. Il progresso curricolare è di conseguenza rilevante per alcuni e soltanto adeguato per altri. I livelli di conoscenza conseguiti sono mediamente completi, le competenze acquisite e le capacità evidenziate risultano adeguate ai livelli di conoscenze conseguiti. OBIETTIVI Gli obiettivi raggiunti dalla maggior parte della classe in modo accettabile sono: Acquisizione di un corpo organico di contenuti e metodi finalizzati ad una adeguata interpretazione della natura. Capacità di formalizzazione di un fatto sperimentale ed abitudine all estrapolazione dei significati fisici. Capacità di analizzare un modello. Capacità di risolvere problemi. Capacità di raccogliere dati sperimentali in un esperimento guidato e rielaborazione degli stessi. Conoscenza delle potenzialità e limiti della scienza Inserimento nella realtà tecnologica Criteri e strumenti di valutazione e forme di verifica Le forme di verifica sono state: Prove scritte consistenti in problemi, tests di vario tipo, trattazione breve di un argomento Prove orali Relazioni orali e scritte del lavoro sperimentale di laboratorio Risposta al lavoro guidato in laboratorio I criteri generali di valutazione sono quelli indicati nel P.O.F. In ogni caso oggetto di valutazione sono stati: Partecipazione ed impegno Grado di apprendimento e comprensione dei concetti fondamentali Le capacità complessive conseguite Formazione di una cultura scientifica armonica. METODOLOGIA Ogni modulo è stato suddiviso in unità didattiche così realizzate: FASE Lezioni frontali così articolate: a. Presentazione dell argomento riferendosi ai fenomeni naturali ed alle applicazioni tecnologiche b. Analisi del problema cui si cerca di dare risposta con un modello formale Verifica del modello con esercitazioni numeriche, con l osservazione dei fenomeni naturali e con la sperimentazione in laboratorio o la simulazione informatica - Interattività con gli allievi c. Studio individuale Verifica di apprendimento Analisi e valutazioni delle verifiche FASE Attività di recupero, consolidamento ed approfondimento Religione La classe durante l anno scolastico ha mostrato una viva partecipazione e un grande interesse per le tematiche trattate. Si è cercato di presentare il senso religioso come un elemento imprescindibile dell essere umano e di vederne le ricadute sociali e culturali; di far comprendere la quotidianità alla luce dell annuncio cristiano nell ottica di un confronto aperto, che favorisse dialogo, conoscenza e rispetto. Le finalità educative sono state quelle di: promuovere insieme alle altre discipline, il pieno sviluppo della personalità degli alunni e contribuire a un più alto livello di conoscenze e capacità critiche; promuovere l acquisizione della cultura religiosa per la formazione dell uomo e del cittadino; offrire contenuti e Documento del maggio 9

20 strumenti specifici per la lettura della realtà storico-culturale in cui vivono gli alunni; venire incontro a esigenze di verità e ricerca sul senso della vita. Non si sono riscontrate reticenze o difficoltà nella comunicazione ma anzi, si è avuta l opportunità di approfondire un rapporto basato sulla fiducia e sul reciproco rispetto, raggiungendo così buoni risultati non solo sotto il profilo didattico ma anche prettamente umano pur conservando i ragazzi uno spiccato senso critico. I PROGRAMMI SVOLTI Francese Libro di testo: Au fil des pages ( Doveri - Jeannine ) Le XIX siécle: Les grandes écoles littéraires A. Le Romantisme - Chateaubriand: Du vague des passions ( René ) - Lamartine: Le lac ( Méditations poétiques ) - Victor Hugo: Demain dès l aube (Les Contemplations) - A Villequier (Les Contemplations), L Alouette ( Les Misérables). B. Le roman: du Réalisme au Naturalisme - Flaubert: Les deux reves ( Madame Bovary ) - Zola : L'idéal de Gervaise (L'assommoir) C. La poésie de la modernité - Baudelaire: Spleen- Correspondances - Elévation- L invitation au voyage- L'albatros ( Les Fleurs du mal ). - Verlaine: Soleils couchants ( Poèmes saturniens ) ; Chanson d automne (Poémes saturniens) ; Il pleure dans mon cœur(romances sans paroles) - Rimbaud: Ma Bohème (Premiers vers); Le dormeur du val (Poésies) Le XX siècle: Le siècle des transgressions et des remises en question A. Le temps des transgressions - Proust: Le drame du coucher (Du coté de chez Swann ), La madeleine (Du coté de chez Swann ) B. Le temps des engagements - Eluard: Libertè (Poésie et vérité), Je t'aime (Le phénix) - Sartre : Un disque de jazz (la Nausée) - Camus: L'enterrement (L Etranger) Da trattare : C. Les nouveautés des années - - Prévert: Familiale (Paroles), Les enfants qui s aiment(spectacle). Il Romanticismo inglese, tedesco e italiano Il Romanticismo inglese: Friedrich Monaco in riva al mare Turner Il mattino dopo il diluvio Il Romanticismo francese: Gèricault La zattera della Medusa Delacroix La libertà guida il popolo Il Romanticismo italiano: Hayez- Il bacio IL Realismo francese: Courbet Le demoiselles des bords de la Seine Il Realismo italiano: I Macchiaioli L Impressionismo: Manet Colazione sull erba, Olympia. Disegno e Storia dell Arte Documento del maggio

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI 1 ITALIANO ANTONELLA BANFI 2 LATINO FRANCESCO COCCHI 3 STORIA-GEOGRAFIA ANTONELLA BANFI

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE Via Bisceglie s.n.c. 76123 - Andria (BT) PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 elaborato secondo le indicazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

Lingua e civiltà inglese a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE COMUNE

Lingua e civiltà inglese a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE COMUNE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "P. ALDI" ad indirizzo classico, scientifico GROSSETO P.za E.Benci 58100 Grosseto Tel.0564/414737 - Fax 0564/22249 Lingua e civiltà inglese a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA INDIRIZZI SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO CLASSICO SCIENZE UMANE NUOVO INDIRIZZO Dirigente: SCARFÌ prof.ssa Francesca www.liceidibra.com segreteria@pec.liceidibra.com LE RADICI DEL TUO FUTURO

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

I.P.S A. Filosi Terracina Programmazione del Consiglio di Classe a.s. 2014/2015

I.P.S A. Filosi Terracina Programmazione del Consiglio di Classe a.s. 2014/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Socio-Sanitari, per l Enogastronomia e

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: I Sez: B Materia: LINGUA SPAGNOLA Docente: Prof.ssa Beatriz Dezi Turmo Conoscenze Capacità Competenze

Dettagli

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/2016 Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI IL COORDINATORE DELLA CLASSE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli