IL GIALLO ABOUT YELLOW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIALLO ABOUT YELLOW"

Transcript

1 IL GIALLO ABOUT YELLOW Premessa Il Giallo, oltre ad essere uno dei colori più antichi e più diffusi, è forse anche quello che ha generato il maggior numero di declinazioni, dal Giallo ambra al Giallo zafferano, senza contare i numerosi sinonimi e i nomi di materie coloranti gialle che non contengono necessariamente la parola giallo (Acido picrico, Legno di sandalo, Litargirio, Massicotto, Orpimento, Ramno, Realgar, Sil attico, Sommaco ecc.). Si tratta di voci rispetto ai termini finora raccolti nel Dizionario dei colori, che stiamo allestendo dal Nei vari dizionari dei colori, il Giallo è trattato con diversa attenzione. Il Dizionario dei colori di Kornerup-Wanscher, ad esempio, menziona ben 90 tipi di gialli su un totale di 600 voci, solo per limitarci a quelle in cui compare il nome giallo variamente declinato, mentre il Dictionary of color names di Kelly-Judd ne menziona curiosamente solo 422 su Il Répertoire des couleurs, sulle 365 tavole che lo compongono, annovera ben 143 gialli e il Code universel des couleurs di Séguy ne conta 56 su 720, volendoci limitare ad alcune delle fonti a cui ci siamo principalmente riferiti, per avere dei temini di paragone rispetto agli altri colori. Come avviene per gli altri colori, anche per il Giallo, le numerose declinazioni si polarizzano attorno a due grandi categorie principali. Alla prima categoria, al solito, appartengono i nomi di colori gialli che fanno riferimento a colori percepiti di ambienti naturali generali o di singoli elementi appartenenti al mondo vegetale, animale e minerale. Altri riferimenti di questa categoria (forse i più ricorrenti) sono quelli geografici, a volte allusivi dei colori locali e a volte evocativi dei luoghi di produzione o di uso di materie coloranti gialle naturali o artificiali. Come per gli altri colori, non mancano i riferimenti storici, anche se questi sono decisamente inferiori come numero rispetto a quelli geografici, e neppure mancano al solito quelli gastronomici, cioè relativi a cibi e bevande. Altri riferimenti, di minore importanza (dal punto di vista statistico) sono quelli di tipo artistico, scientifico, religioso, militare ecc., anche se naturalmente non mancano. Molte volte, infine, i nomi di colori gialli si riferiscono a oggetti d uso quotidiano o sono nomi di pura fantasia, per lo più inventati a scopo commerciale. Alla seconda categoria, appartengono i nomi dei colori gialli più autentici, nel senso che connotano le materie coloranti minerali, vegetali o animali, naturali o artificiali, da cui derivano, o che fanno riferimento ai nomi dei loro inventori o ai luoghi o persino ai momenti in cui sono stati prodotti (questo, naturalmente, per il periodo che va dalla rivoluzione industriale ad oggi). Questa categoria va articolata, al solito, in materie coloranti finalizzate alla pittura artistica o decorativa e in materie coloranti destinate alla tintura o agli inchiostri. Per cercare di fare un po di ordine, vale la pena di tentare di dipanare in modo naturalmente sintetico questa realtà così complessa, contraddittoria e ambigua, attraverso alcuni degli esempi raccolti, illustrati da qualche immagine significativa, incominciando dalla prima categoria riferita ai colori percepiti. I nomi di colori gialli percepiti Come si è detto, una prima serie di declinazioni del Giallo fa genericamente riferimento ai colori dell ambiente e della natura in generale (Giallo aurora, Giallo alba, Giallo fumo, Giallo vapore, Giallo annebbiato, Giallo autunno, Giallo acquoso, Giallo inverno ecc.). All interno dell ambiente e della natura, una buona quantità di voci, che possono quasi rivaleggiare con quelle del colore Verde, fa riferimento al mondo vegetale. A questo mondo appartengono infatti i gialli riferiti ai colori dei vegetali (a cominciare dal Giallo vegetale) e in particolare agli alberi, sia per quanto riguarda i tronchi che le foglie o l aspetto del legno lavorato (Giallo acero, Giallo tiglio, Giallo venato imitante il legno di abete, Giallo bambù, Giallo di cedro, Giallo frassino, Giallo legno ecc.) e sia per quanto concerne i frutti e le foglie (Colore giallo di mele, Giallo albicocca, Giallo arancia, Giallo foglia morta ecc.). 1

2 Sempre al mondo vegetale, appartengono i nomi di colori che si riferiscono ai fiori e alle piante ornamentali (Giallo girasole, Aloe giallo, Assenzio giallo, Giallo primula, Margherita gialla, Canapa gialla, Giallo paglia, Canna gialla, Giallo giunchiglia, Giallo bambù, Giallo tromboncino, Giallo tulipano, Giallo viola del pensiero ecc.). Al mondo animale si riferiscono i nomi dei colori delle pelli o delle piume o di altre parti del corpo, naturali o lavorate, di animali sia domestici che selvaggi, di pesci, di uccelli, di insetti, di rettili ecc. (Giallo farfalla, Giallo avorio, Giallo cammello, Giallo camoscio, Giallo canarino, Giallo cuoio ecc.). Al mondo minerale appartengono, primo fra tutti, il Giallo minerale [Ioduro di piombo], seguito dai nomi dei colori delle pietre preziose o ornamentali (Giallo ambra, Gemma gialla, Corallo giallo, Giallo topazio, Giallo diamante ecc.), dei materiali lapidei (Giallo pietra, Colore pietra tufacea gialla, Finto marmo giallo di Verona, Giallognolo pallido che imiti la pietra di Finale ecc.) o laterizi (Color mattone giallo ecc.) oppure dei metalli (Finto metallo giallo, Giallo bronzato, Giallo vecchio bronzato, Giallo oro, Giallo di nickel, Giallo ottone, Giallo di rame, Giallo di piombo, Giallo di stagno ecc.). Molto sovente, i colori gialli hanno dei riferimenti geografici, legati al paesaggio o ai luoghi di produzione o di uso di gialli particolari per la pittura o per la tintura dei tessuti ecc. (Giallo egiziano, Giallo indiano, Giallo di Persia, Giallo di Montpellier, Giallo di Vienna, Giallo di Verona, Giallo di Cassel, Giallo di Roma, Giallo di Napoli [Antimoniato di piombo], Giallolino di Francia, Giallo di Parigi, Giallolino di Napoli, Giallolino di Alamagna, Giallolino di Fiandra, Giallo di Venezia, Giallo di Oxford, Giallorino fino di Venezia, Giallo Torino, Giallo Milano, Giallo Parma, Giallo Piemonte, Giallo di Pompei ecc.). Anche i riferimenti storici dei gialli non mancano, pur essendo decisamente inferiori come numero rispetto a quelli geografici. I riferimenti dei gialli alla storia annoverano sia i riferimenti generici a periodi storici, a imperi o regni, o riferimenti a singoli re, regine, presidenti, sultani ecc. (Giallo Imperatore, Giallo Reale, Giallo 1700, Giallo della Regina, Giallo Vittoria [in onore alla Regina d Inghilterra, a cui sono stati peraltro dedicati anche molti altri colori]). Accanto ai riferimenti storici, vi sono quelli politici e razziali (Razza gialla, Bandiera gialla, Sindacati gialli ecc.), quelli religiosi (a parte il Giallo di Paradiso, il colore Oro, il giallo più prezioso, nel Glossary of Ecclesiastical Ornament and Costume di A.Weby Pugin del 1846, viene impiegato in ogni sorta di ornamento ecclesiastico, come le aureole, i fondi su cui sono dipinti i soggetti sacri ecc.); quelli scientifici (Giallo primario ecc.) e quelli artistici, nel senso che il nome del colore è associato al nome dell artista che l ha impiegato in modo particolare (Giallo di Turner, Giallo Van Gogh ecc.), del design (Giallo Tiffany ecc.). Come si è detto, anche per il Giallo, abbondano i riferimenti gastronomici, soprattutto a carni, verdure e frutta, ma anche a bevande. Tra i riferimenti ai cibi, si possono infatti citare ad esempio i seguenti colori: Giallo polenta, Salmone giallastro, Giallo oliva, Giallo olio, Giallo tuorlo d'uovo, Giallo uovo, Granoturco, Grano saraceno, Granone (Giallo mais), Giallo panna, Giallo crema, Fagiano dorato, Giallo di daino, Giallo burro, Giallo frumento, Giallo grano, Giallo miele, Giallo limone, Colore gialliccio che passa in quello d oliva, Bietola gialla, Giallo carota, Giallo zucca, Giallo di piselli, Giallo di girasole ecc. Il Giallo è anche un colore piccante, quasi quanto il Rosso: tra i riferimenti a condimenti e gusti, troviamo infatti il Giallo mostarda, Giallo senape, Giallo cannella, Giallo di zafferano ecc. Il Giallo conta anche molte declinazioni tra i riferimenti alla frutta (Giallo albicocca, Giallo arancia, Giallo mandarino, Giallo banana, Giallo mela cotogna, Colore giallo di mele, Giallo melone, Giallo ananas, Giallo cedro, Giallo limone, Giallo mandorla, Tinta gialla cotogna ecc.). I riferimenti alle bevande riguardano soprattutto il vino, sia generico (Giallo vino) che specifico (Giallo champagne, Giallo Chartreuse, ecc.). A volte, i gialli sono riferiti a oggetti vari d uso quotidiano o legati agli ambienti in cui viviamo (Romanzo giallo, Film giallo, Pagine gialle, Semaforo giallo ecc). 2

3 Molte volte, infine, i nomi di colori gialli possono essere di pura fantasia e di solito si tratta di denominazioni puramente commerciali, impiegate specialmente nel campo della moda (Giallo fantasia, Giallo elegante, Giallo esotico ecc). I nomi di materie coloranti gialle Come si è detto, oltre che ai colori percepiti, i nomi di colori gialli si riferiscono alle materie coloranti minerali, vegetali o animali, naturali o artificiali, da cui derivano, o fanno riferimento ai nomi dei loro inventori o ai luoghi o ai momenti in cui essi sono stati inventati (specie nell 800, nell ambito della rivoluzione industriale, in cui si assiste ad una vera gara nell inventare nuovi colori). Una prima suddivisione tra le materie coloranti gialle deriva dal loro impiego e si possono pertanto discriminare quelle utilizzate per le pitture e per le decorazioni da quelle per le tinture e per gli inchiostri. A seconda di questa discriminazione, la manualistica relativa si suddivide in due filoni nettamente distinti, sia come autori che come utilizzatori, come avremo modo di vedere. Tra i nomi di materie coloranti gialle, utilizzate per la pittura e per le decorazioni, di derivazione minerale naturale, si ricordano le Ocre gialle e le Terre gialle, conosciute e impiegate sin dai tempi preistorici. Tra i colori gialli minerali, si devono menzionare il Giallo di cadmio, il Giallo zinco (o Cromato di zinco), il Giallo cromo (o Cromato di piombo), il Giallo cobalto, il Giallo ruggine al ferro ecc. A questa stessa categoria vanno naturalmente riferiti i nomi di colori gialli definiti con il nome del loro inventore (Giallo di Thénard, Giallo Martins, Giallo di Steinbuhl, Giallo di Spooner ecc.), del luogo di estrazione, di produzione o di consumo particolare (Giallo di Zwickau, Giallo di Gotha, Giallo Siena, Giallo Nanchino, Giallo di China, Giallo di Napoli [Antimoniato di piombo], Giallo di Pompei, Giallo Italia, Giallo Verona, Giallo di Roma, Giallo Francia, Giallo peruviano, Giallo indiano, Giallo di Parigi, Giallo di Lipsia, Giallo di Amburgo, Fine giallorino di Venezia, Giallo americamo, Giallo di Spagna, Giallo Baltimora, Giallo Avana ecc). Le materie coloranti gialle impiegate per la tintura e per gli inchiostri sono molto numerose e di varia natura, sia naturale che artificiale. Tra le materie coloranti gialle tradizionali naturali, di origine vegetale, impiegate nella tintura, basti citare l Erba gialla, l Erba giallina, il Catecù giallo, l Erba gauda, il Guado (Reseda luteola), la Grana o Grani d Avignone, la Grana o Grani di Persia, la Grana o Grani di di Spagna, il Legno giallo, il Legno giallo d Ungheria, il Legno del Brasile giallo, il Legno del Reseda, il Legno di Tampico, il Legno di Cuba, il Legno giallo del Messico, il Legno giallo di berbero, il Legno giallo di Cartagena, il Legno giallo di Corinto, il Legno giallo di Maracaibo, il Legno giallo di quercitrone (Flavina), il Legno giallo di scodano o Fustel, il Legno giallo di Tuspan, il Sorgo, la Curcuma, l Estratto di gelso ecc. Tra le materie coloranti gialle artificiali moderne, derivate dal catrame di carbone, vale la pena citare l Acido picrico, con cui compaiono nel 1849 le prime materie coloranti artificiali come il Giallo di naftalina, il Giallo nobile, il Giallo di chinolina, Giallo alizarina, Giallo Akmè, Giallo di resorcina, Giallo dorato indantrene, Hansa giallo, Giallo naftolo, Giallo metanile, ecc. Il numero di colori artificiali gialli nella seconda metà dell 800 cresce a dismisura e Roberto Lepetit, autore del Manuale del tintore, il primo edito dalla Hoepli nel 1875, cita il Giallo di resorcina (Curcumeina, Giallo Jasmin, Citronina, Giallo Akmè), il Giallo brillante, il Giallo d anilina, il Giallo solido, l Azoflavina o Giallo indiano, il Giallo di naftalina, il Giallo naftol, la Curcumina, il Giallo di chinolina, la Tartrazina, il Giallo soleil, la Flavanilina, la Crisanilina, la Fosfina, l Auramina, la Crisoidina, l Acido picrico (usato anche per preparare polveri esplosive), la Crisolina ecc.. Il Lepetit ricorda anche i colori tetrazoici, derivati dalla benzidina, dalla tolidina ecc., avendo una costituzione simile e presentando i tre colori fondamentali possono produrre tutta la serie di colori composti, come il Jaune di Hesse, il Jaune brillant, la Crisamina o Flavofenina. I sinonimi 3

4 I nomi di colori gialli percepiti o riferiti a materie coloranti, che abbiamo menzionato, non sono univoci e, come del resto avviene anche per gli altri colori, è facile trovare i più svariati sinonimi, nel senso che si tratta di colori caratterizzati dalla stessa notazione (Munsell o NCS) e dalla denominazione scientifica (ISCC.NBS), oppure si tratta degli stessi colori gialli indicati con nomi diversi in epoche o in culture diverse, di cui non è sempre facile trovare il collegamento fra loro. Ad esempio, il Giallo Torino o il Giallo Piemonte non sono stati altro che la volgarizzazione del Giallo molera o Molera o Molassa, a loro volta sinonimi della materia colorante da cui derivavano direttamente - la Calce forte di Casale - e di trovare la connessione tra questi vari sinonimi, a volte, è tutt altro che un operazione semplice, perché i vari sinonimi si incrociano indipendentemente dal fatto di essere materie coloranti o colori percepiti o di pura fantasia. Per fare qualche esempio internazionale, il Dictionary of colors names di Kelly-Judd assimila il Giallo ambra al Giallo veneziano; il Giallo platina al Bruno di Prussia e al Fagiano dorato; il Giallo avorio all Eburneo, al Bianco avorio e al colore Coscia di ninfa (sic!) o Rosa di ninfa; il Giallo girasole al Dente di leone; l Ocra gialla al Sil, al Cromo di Oxford, all Ocra di Oxford,al Giallo di Oxford e al Giallo di montagna; il Giallo zafferano al Croco di Marte, al Crocus, al Croceus, al Giallo chinese e al Colcotar; l Ocra gialla calcinata al Bruno di ferro; il Giallo cromo intenso al Cavalleria; il Carminio giallo all Oro della Florida, all Arancio olandese, al Risigallo e al Realgar; il Giallo oro all Oro antico, al Giallo dorato, al Giallo di stagno e al Bruno stil di grano; il colore Giallo pietra al Bruciato; il Giallo primula al Bocca di leone; il Giallo limone all Auripigmentum, al Giallo di Montpellier, al Giallo reale, al Giallo di Cassel (o di Kasseler o di Kesseler), al Giallo minerale, al Giallo veronese o Giallo di Verona, al Realgar giallo, al Giallo margherita, al Curcuma, al Color rame, al Giallo patetato e al Giallo chiaro; il Giallo cobalto all Aureolina; il Giallo cadmio al Giallo aurora; il Giallo gelsomino al Giallo burro; il Giallo canarino al Giallo primavera; il Giallo cedro [Color citrino o Giallo verdastro] al Mimosa, al Giallo verdastro, al Zafferano d India, al Quercitrone e al Giallo della Regina; il Giallo cinese al Giallo limone; il Giallo cromo al Giallo arancio; il Giallo cromo chiaro al Giallo di Parigi, al Giallo oltremare e al Giallo di zinco; il Giallo d'oriente al Giallo cadmio; il Giallo d'uovo all Arancio cinese e al Giallo Giapponese; il Giallo di ferro al Giallo siderino e al Giallo di Marte; il Giallo di montagna all Ocra gialla; il Giallo di Napoli al Giallo, al Giallolino e al Nanchino; il Giallo di rame al Giallo canarino; il Giallo di Spagna al Giallo dorato; il Giallo francese al Yucatan; lo Yucatan all Ocra di Rue, al Messicano e al Giallo scuro; il Giallo giunchiglia al Giallo cadmio; il Giallo Hansa al Giallo spettrale; il Giallo imperiale all Ocra gialla; il Giallo minerale al Giallo limone e all Ocra gialla; il Giallo nasturzio al Mais brillante e al Giallo cadmio; l Ocra gialla al Giallo permanente; il Giallo raggiante al Giallo cromo e al Giallo limone; lo Stil di grano giallo al Robbia giallo, al Rosa inglese; il Giallo tenero al Giallo canarino; il Giallo terra all Ocra gialla; il Giallo tiglio al Verde tiglio; il Giallo veneziano al Giallo ambrato; il Legno del Brasile giallo al Giallo limetta; l Ocra inglese all Ocra gialla; il Giallo dorato all Oro e alla Pietra imperiale; il Giallo dorato all Oro antico e al Rosa bruno; il Giallo persiano al Papavero dorato; la Pratolina gialla al Giallo limone; il Giallo oro alla Corteccia di quercitrone; il Giallo indiano alla Purrea araba e alla Racchetta da neve (sic!); il Robbia giallo allo Stil-di-grano; il il Giallo stil-digrano al Rosa italiano; l Ocra gialla al Sil; il Sommaco al Ramno; le Bacche gialle alle Bacche d Avignone e al Ta-Ming; l Ocra gialla alla Terra d oro; il Giallo cedro al Zafferano d India ecc. C è da restare storditi e confusi di fronte a tanti modi di chiamare gli stessi colori con nomi apparentemente così diversi. Il Répertoire des couleurs non è tanto da meno, anche se stabilisce analogie diverse e infatti associa il Giallo ambra al Giallo succino, al Giallo di Cromo e al Giallo karabé; il Giallo di fiele alla Pietra di fiele e al Cromo rossastro; il Giallo crema al Cremens [Saccardo] e all Ambra pallido; il Giallo maiz al Colore di paglia di maiz, al Giallo bistro o Giallo bistrato, al Giallo ocra e al Giallo brillante; il Giallo di cromo scuro al Colore d'albicocca; il Giallo nanchino al Cadmio arancio scuro e al Giallo di cadmio medio; il Giallo di cadmio scuro al Cadmio aranciato; il Giallo bruno di violacciocca al Pane abbrustolito e all Arancio neutro; il Giallo di Persia al Giallo arancio, 4

5 all Arancio cinese, al Rosso cappuccino e al Papavero dorato; il Giallo indiano [industriale] al Giallo azo; il Giallo bronzato al Bronzo dorato; il Giallo Cambogia al Giallo gomma gutta; il Giallo canarino al Giallo limone pallido; il Giallo chiaro al Giallo cromo citrino e al Giallo bruno ; il Giallo limone al Giallo citrino e allo Stil di grano giallo; il Giallo cromo brillante al Giallo sole, al Giallo di cadmio chiaro e all Albicocca; il Giallo cromo citrino al Giallo chiaro, al Giallo di mare e al Giallo cromo; il Giallo d'uovo o Giallo di tuorlo alla Lacca gialla; il Giallo del Giappone al Giallo granatino e, a sua volta, il Giallo granatino al Giallo di cromo brillante e al Giallo di cadmio chiaro; il Giallo di aureolina al Flavus [Saccardo] e al Giallo ranuncolo; il Giallo di cadmio chiaro al Giallo sole e al Giallo cromo brillante; il Giallo di cadmio rosso al Giallo rupicola; il Giallo di cadmio scuro al Giallo zafferano; il Giallo di zafferano al Giallo croco; il Giallo cobalto all Aureolina; il Giallo di cromo [Primula] al Giallo di stronziana, al Giallo karabé, al Giallo succino, al Giallo ambra, al Giallo di piretro e al Giallo di cadmio limone; il Giallo di cromo arancio al Giallo sole, al Giallo zolfo e al Giallo di cadmio chiaro; il Giallo di cromo medio al Giallo dorato; il Giallo girasole al Giallo cromo brillante e al Giallo cadmio chiaro; il Giallo di piretro al Giallo di cloro, al Giallo di cromo, al Giallo di stronziana, al Giallo di cadmio limone e al Giallo primavera; il Giallo di zolfo al Sulphureus [Saccardo] e al Giallo di zinco; il Giallo canarino al Giallo tiazolo; il Giallo miele o Melleus [Saccardo] al Giallo bistrato; il Giallo nuovo al Giallo indiano [industriale]; il Giallo ocra al Giallo mais e al Giallo di Oxford; il Giallo oliva al Verde Chartreuse e al Verde muschio; il Giallo oltremare al Giallo cromo chiaro; il Giallo ossido all Ocra gialla; l Ocra gialla al Giallo permanente; il Giallo tagete all Arancio cadmio; il Giallo di Manilla all Ocra di Marte e al Paglia di Manilla; l Ottone al Rame giallo; il Giallo panna al Crema e al Panna; il Pioury (o Piori o Piury) al Giallo indiano [vero]; i Grani gialli ai Grani d Avignone, allo Spincervino e al Rhamnus catharticus; il Verde gialliccio al Flavovirens [Saccardo]; il Verde giallo intenso al Verde pirite; il Giallo oliva al Verde muschio ecc. Il Séguy, nel suo Code universel des couleurs, è meno scatenato e identifica infatti solo il Giallo botton d oro con il Giallo ranuncolo; il Giallo di tuorlo con il Giallo limone; il Giallo di gommagutta con l Arancio neutro. Come per gli altri colori, queste liste possono ovviamente essere estese all infinito per effetto delle declinazioni relative alle varie tonalità che ognuno di questi colori può assumere (Giallo chiaro, Giallo scuro, Giallo bruciato, Giallo brillante, Giallo cupo, Giallo intenso, Giallognolo, Giallino ecc.) o per effetto delle sue combinazioni con quasi tutti gli altri colori (Giallo arancio, Beige giallo, Verde gialliccio ecc.) o per effetto dell incrocio di varie combinazioni (Arancio-giallo pallido, Arancio giallastro spento, Bruno giallastro grigiastro chiaro ecc.). Tutti questi sinonimi, che a volte arrivano persino a rappresentare colori affatto diversi, anche se possono apparire fastidiosi per la loro ridondanza e risultare apparentemente disorientanti, e per questo sono stati oggetto di aspre critiche da parte di vari studiosi dei colori, che si attengono ai nomi di colori consolidati dalla tradizione, in realtà sono molto importanti perché a volte costituiscono l unico modo per decodificare, per analogia, dei nomi di colori obsoleti altrimenti indecifrabili. I gialli, come gli altri colori, hanno infatti una loro obsolescenza ed è solo grazie ai dizionari dei colori o ai manuali e ai cataloghi dei colori che li menzionano e che talvolta ne forniscono le coordinate, che possiamo venirne a conoscenza. La storia dei colori gialli Quando si vuole parlare della storia dei colori, non si può fare a meno di citare i contributi determinanti che vanno da Wolfang Goethe a Ogden N.Rood, Arthur H. Church, J.Vibert, Roberto Lepetit, Icilio Guareschi ecc., fino ai moderni Ludwig Wittgenstein, Franco Brunello, Manlio Brusatin, Giuliana Quartullo (La Fabbrica dei colori), Philip Ball e a tanti altri a cui ovviamente si rimanda per un approfondimento che esula dai limiti di questo articolo, finalizzato ad indagare sulla terminologia relativa al Giallo. 5

6 Intanto, coerentemente con quanto si è già detto, per le materie coloranti, occorre distinguere la storia delle materie coloranti impiegate nella pittura e nella decorazione da quelle impiegate nella tintura e negli inchiostri, anche se, nella stampa su tessuto ci sono state a volte analogie con le materie coloranti impiegate nella stessa epoca per la pittura, come ci insegna Cennino Cennini e nei colori per acquerelli ci sono a volte analogie con le materie coloranti impiegate nella stessa epoca per i tessuti. La storia dei colori gialli nella pittura e nella decorazione Dal punto di vista storico, come avviene per molti altri colori, le materie coloranti gialle impiegate nella pittura e della decorazione hanno subìto una grande evoluzione a partire dalla preistoria, il più delle volte scomparendo poi, per ragioni economiche, tecnologiche o semplicemente igieniche (quando, ad esempio si trattava di prodotti velenosi), soppiantate da altri coloranti moderni, anche se esistono delle eccezioni. Le Ocre gialle e le Terre gialle, ad esempio, impiegate per le pitture rupestri di Altamira o per le grotte di Lescaut o per le decorare i corpi degli aborigeni australiani o di altri popoli primitivi, e impiegate dagli Egizi, dai Greci, dai Romani nell architettura e negli oggetti d uso ecc., sono ancora attualmente impiegate per i restauri delle facciate storiche. Le Ocre gialle e le Terre gialle hanno assunto vari nomi a seconda dei luoghi di estrazione (Terra gialla di Verona, Ocra romana, Ocra di Oxford, Ocra di Ru, Ocra gialla di Roussillon, ecc.). Rispetto ai termini Ocra gialla e Terra gialla, in alcuni manuali (ad esempio, in quelli di Arthur H.Church, Ettore Rizzini o nei Manuali Roret) viene data una certa prevalenza al termine Ocra gialla, mentre in generale viene rispettata la denominazione storica. A nessuno, infatti, verrebbe in mente di utilizzare il termine Ocra gialla di Verona, per indicare la Terra gialla di Verona o la Terra di Ru o la Terra di Roussillon per indicare l Ocra di Ru o l Ocra del Roussillon ecc.). A questi riferimenti geografici, come abbiamo visto, si sono aggiunti svariati sinonimi, che contribuiscono a ingenerare non poca confusione. Altri gialli antichi, oltre all Ocra o Sil attico, sono: il Giallo d Antimonio, comunemente noto come Giallo di Napoli, ma anche come Giallo egiziano, impiegato da oltre 2500 anni in Babilonia e in Egitto, il Massicotto o Litargirio (Giallo ottenuto dalla calcinazione del piombo), conosciuto già nell Egitto predinastico, che Plinio identifica come Spuma argenti, e l Orpimento. Quest ultimo, l Auripimentum o Arrhenicum, veniva usato dagli Egizi e dai Romani, per le brillanti prestazioni cromatiche, pur essendo velenoso, in quanto contenente arsenico. In epoca medioevale, tra i gialli, il Cennini cita l Ocria, il Giallorino o Giallo di piombo e stagno, l Orpimento, il Risalgallo, lo Zafferano (limitatamente alla miniatura), e l Arzica (Massicotto); il Giallo indiano ( Piuri, Purree o Peori), il Giallo di Marte o Ocra artificiale e il Giallo di Napoli. Nel Rinascimento, come gialli vengono impiegati il Giallo di Piombo e Stagno, l Oro, e l Oromusivo L Orpimento, dopo aver avuto una certa fortuna a Venezia tra il 500 e il 700, a poco a poco cade in disuso, mentre il Giallo di antimonio viene reintrodotto nel Dopo il 1700 e soprattutto nell 800 il giallo comincia ad essere sintetizzato in laboratorio, come ad esempio il Giallo di Marte, il cui nome deriva dal Crocus Martis (un associazione ideale dello Zafferano col Ferro); il Giallo di cromo, scoperto dal Vaquelin nel 1797; il Giallo di cadmio, simile al Giallo di cromo; il Giallo di zinco, chiamato anche Giallo marigold o Giallo limone o Giallo botton d oro; il Giallo di cobalto, detto anche Giallo trasparente o Aureolina; il Giallo di bario; il Giallo minerale, detto anche Giallo di Turner, Giallo di Montpellier, Giallo di Cassel, Giallo di Verona, Giallo inglese o Giallo Merimée. Come si può vedere, con la generazione di nuovi colori, si assiste immediatamente alla generazione di nuovi nomi, molte volte ambigui in quanto mantengono vecchi nomi prendenno significati diversi da quelli fino allora attribuiti. Questi gialli entrano a far parte dei manauali di pittura, che si sviluppano in modo diffuso, a partire dalla metà dell 800. Nel manuale Roret dedicato al Coloriste, del 1856, i colori gialli citati sono il Giallo paglia [Cromato di zinco], il Giallo cromo [Cromato di piombo], il Giallo oro, Orpino o Orpimento e 6

7 Realgar giallo [Solfuro d arsenico], il Giallo all iodio [Ioduro di piombo], il Giallo minerale, il Giallo di Napoli, il Giallo di Colonia, il Giallo di cadmio [Solfuro di cadmio], l Ocra gialla naturale (Ocra di Saint Gorge sur la Prée, l Ocra di Berjaterie, l Ocra di Rue, la Terra d Italia ecc.), l Ocra gialla artificiale (il Giallo di Marte, la Gomma-Gutta (Giallo oro trasparente), le Lacche gialle (Lacca gialla di grana di Persia, Lacca gialla di Gaude), lo Stil-di-grano, il Giallo indiano (Giallo oro brillante), la Lacca di Gomma-Gutta, la Terra di Siena naturale, la Pietra di fiele (giallo-bruna), il Cicoria (Giallo-rossastro) Arthur H. Church, nel suo importante manuale, The Chemistry of Paints and Painting del 1890, cita tutta una serie di materie coloranti gialle impiegate nella pittura affatto diverse da quelle in uso nell arte tintoria, in parte ancora legate alla tradizione antica ed in parte assolutamente artificiali e innovative provenienti dalle scoperte nel campo della chimica organica della seconda metà dell 800. Tra le materie coloranti gialle, Church cita le Ocre gialle (Ocra romana, Ocra dorata, Ocra bruna, Ocra di Oxford, Ocra gialla, Giallo minerale); il Giallo di cadmio (Giallo Oriente, Giallo aurora, Giallo giunchiglia, Cadmio arancio, Solfato di cadmio, Giallo brillante, Giallo di cadmio); l Aureolina (Giallo cobalto); il Giallo limone (Giallo di barite, Cromato di bario, Giallo oltremare, Giallo permanente); Giallo di Cambogia (Gomma gutta); il Giallo indiano (Piuri, Purree, Peori); il Giallo di Marte (Ocra artificiale); il Giallo di Napoli (Giallo d antimonio); la Lacca gialla (Rosa bruno, Lacca citrina, Lacca di quercitrone, Robbia gialla, Rosa italiano, Rosa olandese); il Giallo cromo (Cromato di piombo). Al tempo stesso, pur citandoli, il Church sconsiglia l uso del Giallo di vanadio e del Giallo reale (Orpimento) nella pittura, in quanto non affidabili. Nel suo Manuale sulle materie coloranti per la pittura, il Gorini (1896), in parte influenzato dal Manuale Roret, cita i seguenti colori gialli: Giallo di cromo, Litargirio, Giallo minerale, Giallo di Napoli, Giallo di zinco, Giallo di barite, Giallo di calce, Giallo di ferro, Giallo di cadmio, Giallo di mercurio, Giallo di Marte, Giallo d arsenico, Giallo di stagno, Giallo d ioduro di piombo, Giallo di cobalto. L autorevole J.G.Vibert, nella sua Science de la peinture, del 1902, tra i colori gialli da impiegare nella pittura, menziona le terre gialle (Terra d Italia e Terra di Siena naturale), le ocre gialle (l Ocra gialla e l Ocra di Ru), il Giallo di Marte, la Lacca di ferro, il Cromato di stronziana e il Giallo di cadmio. Per contro, cita come inadatti per la pittura il Giallo di Napoli e il Giallo d antimonio, certi gialli limone (Ioduro di piombo), certe varietà del Giallo cromo, il Giallo minerale, il Giallo paglia e il Turbith minerale, derivati dal piombo, l Orpimento, derivato dall arsenico, unitamente al Giallo oltremare (Cromato di barite), il Giallo brillante, il Giallo botton d oro e altri gialli di origine vegetale (Giallo zafferano, Gomma-gutta di Cambogia, Lacca di guado, Lacca gialla, Stil di grano e Lacca gialla dorata). Tra le materie coloranti gialle, sempre per la pittura, Giuseppe Ronchetti nel suo manuale Hoepli del 1915 menziona i seguenti prodotti: Massicotto, Giallo e Giallolino di Napoli, Giallo minerale, Giallo di cromo, Giallo di stronziana, Giallo di zinco, Giallo di cadmio, Giallo indiano, Gomma gutta, Lacca gialla di guado, Luteolina, Giallo di spincervino, Ocre gialle chiare e scure (volgarmente dette Terre gialle, secondo il Ronchetti), Giallo di Marte e Lacca di ferro. Nel 1933, Raffaele A.Califano-Mundo, nel suo Manuale dei colori, oltre i colori gialli naturali (Ocra gialla, Terra di Siena naturale, Terra di Verona ecc.), cita i colori gialli chimici allora esistenti sul mercato (Giallo di Napoli, Giallo cromo, Giallo cadmio, Giallo indiano, Gommagotta, Giallolino di Napoli, Giallo di zinco) e i colori gialli di anilina (Giallo Martins, Giallo di naftalina, Giallo nobile, Corcumina, Acido picrico, Giallo indiano, Giallo di crinolina, Fluorescina, Crisoidina, Vesuvina, Auramina e Tropeolina). In epoca ancora più recente, i nomi dei nuovi colori perdono a volte qualunque riferimento rispetto alle materie da cui hanno avuto origine o i riferimenti fantasiosi o personalizzati del passato, per assumere la denominazione di freddi codici studiati a tavolino, quasi si fosse esaurita la fantasia dei primi inventori, come ci informa il Color Index. 7

8 La storia dei colori gialli nella tintura e negli inchiostri La storia delle materie coloranti gialle impiegate nella tintura e negli inchiostri (e, a volte, negli acquerelli) si svolge solo in parte parallelamente alla storia delle materie coloranti impiegate nella pittura. Nella preistoria, non c è una documentazione certa sull uso di coloranti minerali (come, ad esempio, l Ocra gialla) o vegetali. Come riferisce Franco Brunello, uno degli studiosi più attenti della storia della tintura, solo nell età neolitica si sa che i tessuti di lana o di lino erano tinti di blu, rosso, lilla e giallo e che per la tintura di quest ultimo si suppone fosse impiegata l Uva orsina e qualche altro vegetale, come il Cartamo (Carthamus tinctorius), la Curcuma (Curcuma domestica Val) e altre specie, impiegando vari fissativi. Nell Asia Meridionale, dove non erano conosciuti il Cartamo e la Curcuma, si tingevano i tessuti in Giallo oro anche con i fiori di Nyctanthes arbor tristis e gli indiani d America tingevano in giallo con altre piante, mentre colori gialli meno vivaci erano ottenuti con il Sommaco e la Reseda luteola (Wan), pianta spontanea del Marocco, e altri colori gialli vegetali dell Africa si ricavavano dai fiori del cotone, dalle bucce della cipolla e da altre piante. In Egitto, i primi colori impiegati per tingere furono probabilmente le ocre, seguite da coloranti vegetali, le cui tracce sono state trovate nelle tombe risalenti al 1500 a.c., come il Cartamo, lo Zafferano (Crocus nativus, dall arabo Za-faran, che significa appunto Giallo), la Curcuma (Curcuma longa) e le bucce di melograno, usate per tingere i lenzuoli gialli di lino. Il Sommaco era destinato alla concia e alla tintura gialla del cuoio. Le bucce di melograno e il Sommaco erano ugualmente usati dai Babilonesi per ottenere tinture gialle per i tessuti, mentre una pianta particolare, la Saba, forniva un prezioso colorante Giallo-oro. I persiani usavano le foglie di vite, lo zafferano, la reseda, le bucce di melograno, le bacche di susino selvatico per tingere in giallo o l Isfarak, un altra pianta per tingere del colore Giallo-oro. Per le Indie, il colore giallo è essenzialmente il Peori (Giallo indiano), una tintura costituita da urine di vacche nutrite di mango. Per tingere in giallo, il simbolo del sole, i cinesi usavano fiori della pianta di Lan o si servivano dei bottoni fiorali della Sophora japonica o di un decotto di scorze di Phollodendron. Nell America Precolombiana, si sono trovate stoffe risalenti al a.c., la cui tintura gialla era ottenuta principalmente mediante un erba denominata Chasca e con la corteccia, le foglie o il legno di piante coloranti (alcune specie di faggio, il boldo, il berbero o il lichene cileno ecc.). In epoca classica, durante la civiltà greca, anche grazie all influenza dei popoli del Vicino Oriente, come i Fenici e i Cretesi, a loro volta influenzati dagli Egizi e degli altri popoli dell Estremo Oriente, il giallo impiegato per la tintura della lana, del lino e del cotone era costituito dallo Zafferano (Crocus Sativus), dal Cartamo, dalla Reseda luteola, dalla Reseda dei tintori, dall Arcanetto (Anchusa Tinctoria) e dalla Tapsia. Nell epoca classica 600 a.c d.c, i Romani sono influenzati dai Greci e dall Oriente. Plutarco, per la tintura in giallo, cita il Crocus (Zafferano), coltivato in Abruzzo e Sicilia, e i crocotarii erano i tintori che usavano il Crocus, mentre altri gialli erano ottenuti mediante la Guaderella (Reseda luteola o Herba luteola), la radice di Curcuma (Terra merita), importata dall Oriente, l Orcanetto (Anchusa tintoria) e la Tapsia (Thapsia asclepium), che cresceva in Libia e veniva anche usata per tingere i capelli delle donne in giallo, come la radice del loto (Diospyros lotos). In epoca medioevale, la tintura compie grandi progressi grazie all eredità dell epoca classica e alle influenze orientali, barbariche e arabe (con cui le Repubbliche di Venezia, Lucca e Genova hanno scambi, prima attraverso la Sicilia e poi con la Spagna). Con lo sviluppo della chimica, la tintura assume una consapevolezza quasi scientifica, che costituirà la base per le impostazioni future. In questo periodo, si assiste alla produzione di veri e propri manuali con ricette, che documentano lo stato dell arte nel campo della tintura. Da questi manuali, si apprende che per ottenere il giallo nella tintura, oltre che la solita Curcuma o con il tradizionale Zafferano, veniva impiegato il Legno brasile (prima che il Brasile venga scoperto e che prenda il nome appunto dalla grande quantità di legno brazil che vi cresceva e non viceversa) o da Gomma di 8

9 edera (Sinopsis de mellana). Nel 1243, a Venezia, viene pubblicato il primo regolamento sulla professione tintoria (Capitolaribus de Tinctorum), che introduce una normativa molto restrittiva. Ad esempio, per quanto riguarda il Giallo, si imponeva l uso della sola Herba de Pulea, vietando la mescolanza con l Erba laccia o Erba guada o Gualda o Goda, corrispondente alla Reseda luteola (da non confondersi col Guado, che produceva un colore turchino). Altra pianta che produceva il giallo è la Ginestra dei tintori (Genista tintoria o Herba corniola, detta anche Erba intenta o Erba zala, impiegata anche nella miniatura). A seconda delle località, nel Medioevo, per produrre il giallo, si usavano anche altre soluzioni. In Europa Centrale, ad esempio, veniva impiegato il solfuro di arsenico, detto Auripigmentum, mescolato con allume e bollito in aceto, mentre un altro giallo veniva ottenuto dalla corteccia della radice di crespino (Berberis vulgaris), dal Cartamo dei tintori, dalla Corteccia del melo giovane, le Bacche di spincervino (Rhamnus Catharticus) ecc. I documenti sull arte tintoria, a partire dal Quattrocento si moltiplicano a dismisura e nel De Arte illuminandi di questo periodo, si descriveva la preparazione dei coloranti comuni all arte di tingere e di miniare. Ad esempio, per il giallo, che si fa in molti modi, si citava la Radice della Curcuma oppure l Erba dei tintori o Terramerita, il giallo derivato dallo Scòtano o Falso sommaco (Rhus cotinus) detta anche Erba di Provenza o Fustetto giovane o Fustetto di Zante, e lo Zafferano. Il Libro dell arte scritto da Cennino Cennini nel 1437, pur riguardando essenzialmente la pittura, contiene un capitolo dedicato ai dipinti in panno, stabilendo un rapporto fra i due filoni manualistici, in cui si cita infatti lo Zafferano per stampare in giallo. Nel 1447, con la scoperta della stampa, la manualistica nel campo della tintura assume uno sviluppo fino allora sconosciuto. Tra questi, basti citare il Plichto del arte de Tentori di Giovanventura Rossetti stampato a Venezia nel 1540, rivolto non solo ai tintori, ma anche alla gente comune. Per i giallo, la materia colorante citata in questo manuale è l Erba gualda (Reseda), varie specie di ginestre e il solito Zafferano. L arte della tintura riceve un impulso imprevisto con la scoperta dell America e, per quanto riguarda il giallo, si assiste alla diffusione del Giallo di quercitrone (Quercus tinctoria) o Lacca gialla o Stil-di-grano. Dopo la scoperta dell America, gli spagnoli introducono il Legno giallo dall America Centrale, un gelso della specie Moris tintoria e altre essenze analoghe. Le provenienze più conosciute sono quelle di Maracaibo, Tuspan, Corinte, Cartagene ecc. e quella di Cuba è la più stimata. Nel 1671, sotto Luigi XIV, il Ministro Colbert, proveniente da una famiglia di fabbricanti e commerianti di stoffe di Reims fa compilare un dettagliato regolamento sulla tintura, dopo aver fondato nel 1666 l Académie des Sciences, che traghetta i metodi medioevali verso un sistema più razionale e moderno di produzione. Tra il Settecento e la prima metà dell Ottocento, nella tintura avviene una evoluzione in senso scientifico e si assiste al passaggio dalla produzione artigianale a quella industriale e dalle materie coloranti naturali a quelle artificiali, grazie allo sviluppo della chimica. A Venezia, nel 1704, esce il Nuovo Plico d ogni sorta di tinture di Gallipido Talier, che ricalca in parte quello del Rossetti. Il Nuovo Plico menziona sostanze raramente citate per le tinture in giallo, come l Erba tentorella, ma anche tutte le materie coloranti conosciute e in uso alla fine del 600. Nell epoca industriale, soprattutto a partire dalla metà dell 800, le materie coloranti si moltiplicano, ma in modo diseguale per le tinture e per la pittura. In Inghilterra, con Boyle e Newton, e in Francia, con Du Fay de Cisternay, Jean Hellot e Eugène Chevreul, la chimica e la fisica dei colori effettuano progressi determinanti. In particolare, nel campo della tintura, il Giallo si moltiplica a dismisura rispetto al passato (come del resto avviene anche per gli altri colori), grazie ai progressi della chimica, specie organica, in Germania, Francia, Inghilterra e in altri paesi europei. I gialli derivati dall anilina, a loro volta derivata dal catrame, si devono alle ricerche del tedesco W. Von Hofmann nel 1828 e dell inglese F.F.Runge nel

10 Nel 1877, Caro, Roussin, Will e Poirrier scoprono una serie di coloranti gialli e aranci che vanno sotto il nome di colori azoici, che vengono prodotti da varie fabbriche, formando una scala tra lo scarlatto e il giallo zolfo. Nella seconda metà dell 800, le materie coloranti gialle in tintura sono di origine varia. Tra quelle minerali, Roberto Lepetit, autore del Manuale del tintore, il primo edito dalla Hoepli nel 1875, quasi contemporaneamente a quello del Church e degli altri manualisti che abbiamo citato nel campo delle materie coloranti per la pittura, annovera il Giallo al cromo, il Giallo ruggine al ferro e il Giallo al solfocianuro di potassio. Tra le materie coloranti vegetali lo stesso Lepetit cita tutta una serie di sostanze già impiegate tradizionalmente nella tintura in epoche passate, come lo Zafferanone, il Legno giallo, lo Scodano o Fustel, il Quercitrone, il Berbero spina o Legno spinale, l Erba gauda, l Erba giallina, i Grani di Persia e i Grani d Avignone, la Curcuma e l Estratto di gelso. Nella seconda edizione dello stesso manuale, del 1889, il Lepetit scrive che Il numero dei colori artificiali aranci e gialli si è accresciuto molto nell ultimo decennio. Mentrecché dalle combinazioni del trifenilmetane si sono ricavati due soli colori, la Crisanilina e la Fosfina, dalle combinazioni dei fenoli, sinora anche pochi, e tra i più conosciuti l Acido picrico (scoperto nel 1849), e il Giallo di Martius, le combinazioni azoiche diedero, dal 1877 in poi, una varietà stragrande di aranci e di gialli ed ora nuovi derivati della Chinolina (scoperta dal Jacobson nel 1881) tendono ad aumentare il numero che sarà tosto una legione. Ogni fabbrica dà un nome diverso e sovente simile ad altri prodotti con tinte diverse, creando grande confusione. Lepetit menziona il Giallo di Resorcina e suoi derivati, tra cui la Tropeolina, la Crisoina, la Crioseolina, la Curcumeina, il Giallo Jasmin, la Citronina, il Giallo Akmé, il Giallo brillante, il Giallo d anilina (il primo giallo azoico messo in commercio), il Giallo solido Bayer, l Azoflavina o Giallo indiano, il Giallo di metanile, il Giallo di naftalina (il primo derivato colorante ottenuto dalla naftalina), il Giallo Martius, la Curcumina, il Giallo di crinolina, la Tartrazina, prodotta dalla Ziegler nel 1886, il Giallo sole, la Flavanilina, la Crisanilina-Fosfina, la Crisoidina (scoperta nel 1876), l Acido picrico (che è anche un esplosivo) e la Crinolina. Nel 1884, con la Crisamina, prodotta dalla Farben Fabrik, ha inizio una serie di colori tetrazoici derivati dalla benzidina, dalla tolidina ecc., molto pregevoli avendo una costituzione simile e presentando i tre colori fondamentali che possono produrre tutta la serie di colori composti, come il Jaune di Hesse, il Jaune brillant, la Crisamina o Flavofenina e alcuni di questi colori sono inseriti nell albero genealogico dei colori organici derivati dal catrame di carbone, ricostruito da Philip Ball. Il colore giallo in architettura In architettura, con il Bianco, il Giallo è forse il colore più presente nelle facciate storiche. Come si è già detto, alcune delle materie coloranti gialle, come le Ocre e le Terre gialle sono antichissime e vengono definite normalmente a seconda del loro luogo di estrazione (Terra gialla di Verona, Ocra gialla del Roussillon, Giallo di Roma ecc.). Accanto a queste terre, sono state usate altre materie coloranti, mescolate con il latte di calce come il Giallo minerale, il Giallo di Napoli, il Giallo cromo, il Giallo santo ecc. Oltre a questi pigmenti, per la colorazione delle facciate, è stato fatto ricorso alla colorazione naturale di certe calci idrauliche, fra cui la più nota, almeno a Torino e in Piemonte, è stata la calce di Casale, dal colore naturale Molera o Molassa : un colore che poteva anche essere generato con latte di calce bianca mescolato con terra gialla e nero di carbone, come si legge in un documento d archivio del Per oltre un secolo, dalla metà dell 800 al 1978, quando abbiamo ripreso il Piano del colore originario Torino, messo a punto tra la metà del 700 e la metà dell 800, il colore dominante se non esclusivo della Città è stato il cosiddetto Giallo Torino (originariamente identificato come Giallo molera o Molera o Molassa), il colore naturale della calce idraulica di Casale, resa accessibile a Torino grazie al collegamento ferroviario e reputata per le sue prestazioni tecnologiche. Questo 10

11 colore, più resistente al dilavamento dell acqua piovana rispetto al giallo ottenuto dalla mescolanza della terra gialla con il nero carbone e il latte di calce dolce, a poco a poco soppianta i colori del piano originario a causa della sparizione del Consiglio degli Edili che lo aveva stabilito, sostituito da un architetto verificatore, un burocrate che per 7 anni impone il colore Molera, cancellando a poco a poco ogni traccia del sofisticato piano del colore sette-ottocentesco. Dopo il 1960, con il boom edilizio e con l introduzione dei colori acrilici al posto dei colori a calce, questo colore a sua volta scompare del tutto, per essere poi ripristinato col Piano del colore di Torino del 1978, a seguito di una ricerca quasi archeologica. Il Giallo Torino è un buon esempio di come dietro ad una banalità o ad un luogo comune, ci possono essere ragioni storiche, tecnologiche, economiche e di gusto, che favoriscono lo sviluppo o il declino di un colore e del suo nome. Nel caso di Torino, il cosiddetto Giallo Torino ha trovato una spiegazione razionale, ma esiste anche un Giallo Parma, un Giallo Milano ecc. la cui storia deve essere ancora scritta. Tra i colori gialli per i decoratori, menzionati nei manuali dei colori e nei prezzari storici pubblicati dalle amministrazioni comunali in Italia dalla metà dell 800 agli inizi del Novecento, compaiono la Terra gialla, il Latte di calce di Casale, la Tinta gialla di color di paglia, la Tinta gialla di color di pietra, la Tinta gialla nanchina, la Tinta gialla pallida, la Tinta gialla cotogna ecc. Per avere notizie precise sui colori impiegati per la decorazione delle facciate in Italia, dalla fine del 700 alla metà del 900, occorre fare riferimento ai documenti d archivio, dove vengono menzionati nei capitolati d appalto di opere pubbliche e private e che da noi sono stati pubblicati nel corso di questi ultimi 30 anni, all interno di ricerche sui colori di alcune regioni e città italiane, sotto forma di dizionari dei colori storici.. Nel nostro Dizionario dei colori della Liguria, ad esempio, il giallo compare in forma generica o declinata variamente (Giallo chiaro, Giallo scuro, Canarino, Canarino chiaro, Canarino leggiero, Canarino più forte Giallo croceo [Giallo zafferano, n.d.r.], Giallo paglierino ) oppure riferito ad un pigmento particolare (Giallo terra di Siena, Terra gialla, Giallo terra di Siena più intenso) o a un materiale costruttivo per lo più locale, almeno in origine (Colore di pietra di Finale leggiero, Giallognolo pallido che imiti la pietra di Finale, Arenino di Viareggio di colore giallognolo, Finta pietra di colore giallo, Pietra giallo chiara di Vicenza, Finto marmo di giallo di Verona, Giallo di Verona, Giallo color cemento ecc.). Nel Dizionario dei colori del Piemonte, il giallo compare ugualmente in forma generica (Giallo Piemonte), ma anche declinato variamente in Bianco giallognolo, Canarino, Canarino caricato, Canarino chiaro, Canarino pallido, Giallastro, Gialletto, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio, Gialliccio ammorzato, Gialliccio chiaro, Gialliccio mischiato di verde, Gialliccio pallido, Gialliccio rossigno, Giallignolo, Giallignolo chiaro, Giallino, Giallino chiaro, Giallo, Giallo canarino, Giallo canarino chiaro, Giallo canerino, Giallo chiaro, Giallo chiaro bronzato, Giallo chiaro canarino, Giallo chiaro nanchino, Giallo chiaro pagliarino, Giallo finto oro, Giallo grigio, Giallo leggero, Giallo legno, Giallo mischiato con terra ombra chiaro, Giallo mischiato di verde, Giallo oro, Giallo oscuro, Giallo paglierino pallido, Giallo pallido, Giallo rinforzato, Giallo verdiccio chiaro, Giallognolo, Giallognolo ammorzato, Giallognolo carico, Giallognolo chiarissimo, Giallognolo chiaro, Giallognolo chiaro ammorzato, Giallognolo chiaro ammorzato con terra d ombra, Giallognolo detto molera, Giallognolo leggero, Giallognolo non tanto chiaro, Giallognolo oscuro, Giallognolo smorzato, Giallognolo [Tinta leggera], Giallolino chiaro, Molera, Molera chiaro, Molera scuro, Nanchino, Nanchino chiaro, Nanchino oscuro, Nankin, Nankin clair, Nankino, Nankino pallido, Ocra gialla dorata, Oro, Oro [Finto], Oro chiaro, Oro matto, Oro scuro, Pagliarino, Pagliarino chiaro, Pagliarino molto chiaro, Pagliericcio, Paglierino, Paglierino chiaro, Petit jaune, Terra di ombra dilungata con giallo, Terra gialla, Terra gialla di Roma, Terreo giallino, Verde giallo ecc.). Nel Dizionario dei colori di Torino, il giallo compare in modo ancora più ossessivo, anche se il termine Giallo Torino non compare in alcun documento d archivio, ma appartiene solo alla sfera dell immaginario collettivo e verrà citato solo in qualche caso in documenti del Secondo Dopoguerra. I colori gialli citati nei documenti reperiti nell Archivio Storico della Città di Torino, 11

12 tra la seconda metà del 700 e la metà dell 800, sono i seguenti: Bianco con terra gialla chiara d Inghilterra, Bianco giallognolo, Canarino, Canarino caricato, Canarino chiaro, Canarino pallido, Gialdolino, Gialdolino chiaro, Gialletto, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio chiaro, Gialliccio pallido, Gialliccio rossigno, Giallino chiaro, Giallo, Giallo chiaro, Giallo cromo, Giallo oscuro, Giallo paglierino, Giallognolo, Giallognolo chiaro, Giallognolo detto molera, Giallognolo non tanto chiaro, Latte di calce giallognolo, Molera, Molera chiaro, Molera oscuro, Molera scuro, Nanchino, Nanchino chiaro, Nanchino oscuro, Nankin, Nankin carico, Nankino, Nankino pallido, Nanchino pallido mischiato con giallo, Ocra gialla dorata, Oro, Pagliericcio, Pagliarino, Pagliarino chiaro, Pagliarino molto chiaro, Paglierino chiaro, Petit jaune, Terra gialla di Roma, Terreo giallino, Tinta gialla, Tinta gialdolina, Tinta galletta ecc. Come si può notare, il giallo torinese è associato ad altri colori (Bianco giallognolo, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio rossigno, Giallo chiaro bronzato, Giallo grigio, Giallo legno, Giallo mischiato con terra ombra chiaro, Giallo finto oro ecc.). Sovente il giallo è qualificato come Canarino, Nanchino (un nome di colore derivante dalla moda), Paglierino ecc., e al solito declinato nelle più svariate tonalità. A volte, il giallo viene identificato con i materiali con cui è realizzato (Terra gialla, Terra gialla di Roma, Ocra gialla dorata, Terreo giallino, Terra di ombra dilungata con giallo, Giallognolo detto molera, Molera chiaro, Molera scuro ecc.). In architettura, nel caso dei colori degli interni, i gialli possono rivaleggiare con gli esterni. Nella ricerca da noi svolta negli anni 80 per il Ministero della Cultura Francese sui restauri della Villa Medici, su circa 800 nomi di colori menzionati nei documenti d archivio, è stata reperita infatti una sessantina di nomi di colori gialli, contro la cinquantina dei rossi, di vale la pena di riportare i più ricorrenti, per dare un idea di come si possa scatenare la fantasia dei decoratori in un solo edificio, per quanto importante, in un arco di tempo di circa 150 anni, dal 1802, quando viene destinato all Accademia di Francia, sotto la direzione del pittore Ingres, fino agli anni 1960, sotto la direzione del pittore Balthus. I gialli impiegati negli interni della Villa Medici sono i più svariati e alcuni vengono identificati con i pigmenti impiegati, riportati nei conti dei pittori e dei decoratori che li hanno applicati soprattutto negli interni, alcuni vengono identificati con i pigmenti impiegati, nei conti dei pittori e dei decoratori che li hanno applicati (Terra gialla, Tinta canaria con orpimento e giallo cromo, Giallo santo, Giallo di Siena, Tinta gialla e rosso inglese, Terra gialla scura, Giallo indiano ecc.). In altri casi, i gialli vengono identificati con riferimento ai materiali che si intende imitare: sia che si tratti dei materiali lapidei (Pietra giallo di Siena, Bianco di marmo giallastro, Giallo antico, Marmo giallo antico, Giallo antico sbrecciato ecc.), oppure lignei (Giallo venato imitante il legno di abete ecc.), o metallici (Giallo bronzato, Bronzo dorato, Giallo oro ecc.). In altri casi, come per il Nanchino, i gialli fanno riferimento alla moda. Il Curioni, nel suo manuale della metà dell 800, L Arte di fabbricare, riporta le ricette di ben cinque tinte gialle (Tinta gialla cotogna, Tinta gialla di color di paglia, Tinta gialla di color di pietra, Tinta gialla nanchina, Tinta gialla pallida) contro le tre dedicate al rosso. Il Giallo, nelle facciate, è pure presente nella verniciatura dei legni (Giallo legno, impiegato nela verniciatura dei serramenti tra la fine dell 800 e gli inizi del Novecento, per imitare il colore naturale del legno). Pur essendo quasi assente nei ferri, nel caso dell architettura ordinaria, il giallo è stato utilizzato per imitare il colore Oro nei cancelli, nelle cancellate di palazzi nobili, nelle cornici degli interni ecc. Nell architettura degli interni, il giallo, che domina negli esterni, si divide equamente con altri colori meno presenti negli esterni, come il verde, l azzurro, il rosso, il bianco ecc. Nell architettura del ferro dell 800, la policromia, ispirata alle scoperte archeologiche di Hittorff sulla colorazione del Tempio di Selinunte, viene applicata a tutta una serie di opere. Basti pensare, ad esempio, alla decorazione del Palazzo di Cristallo per l Esposizione di Londra del 1851, concepita dal grande colorista Owen Jones sulla base dei colori primari, tra cui ovviamente il Giallo, applicato alle parti prominenti, per esaltarne la forma. Grazie al successo del Crystal Palace, i colori primari vengono estesi alle stazioni ferroviarie dell epoca e agli attrezzi agricoli, molti dei 12

13 quali già esposti nel Crystal Palace del 1851 spiccano per i colori vivaci, la cui tradizione peraltro perdura tuttora. Il giallo, da solo, non ha stimolato in modo particolare l architettura moderna mentre, associato con altri colori puri, ha trovato una collocazione particolare. Basti pensare alle facciate dei quartieri berlinesi di Bruno Taut, tra cui l Onkel Tom Viertel, dove il giallo è interfacciato con gli altri colori, come avviene del resto, a un livello più evidente, nelle facciate delle Unités d Habitation di Le Corbusier a Marsiglia o a Nantes). Nelle tastiere dei colori (color keyboards) impiegati da Le Corbusier, dal 1931 al 1959, ricostruite da Arthur Rüegg nel 1997, il giallo compare declinato in quattro tonalità (Avorio, Ocra gialla chiara, Terra di Siena chiara e Giallo vivo). Nell architettura contemporanea, il giallo non ha lasciato segni particolari, anche se nel Norman Foster ha caratterizzato con questo colore la struttura del Renault Distribution Center di Swindon. 13

14 elenco delle illustrazioni proposte 1. Giallo primario 2. Giallo Torino 3. Giallo banana 4. Giallo limone 5. Giallo Crystal Palace 6. Giallo oro 7. Giallo semaforo 8. Giallo zucca 9. Giallo doré 10. Terra gialla di Verona. 11. Giallo ossido Il Giallo primario nella manualistica dei colori

15 La Piazza San Carlo a Torino dipinta Giallo Torino, come tutta la parte monumentale di Torino, poi ripristinata con il colore originario settecentesco, con il Piano del Colore del Giallo limone e Giallo banana

16 Sintesi del progetto di colorazione del Palazzo di Cristallo per l Esposizione di Londra del 1851, concepito da Owen Jones sulla base dei colori primari separati da filetti bianchi: il ruolo del Giallo Crystal Palace è quello di esaltare le parti prominenti

17 Medaglioni colore Giallo oro, inseriti nella recinzione colore bronzo del Palazzo Reale di Torino Giallo semaforo

18 Giallo zucca

19 Giallo dorato Terra gialla

20 Giallo ossido

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Laminati Zoom nei formati porta. Il giusto decoro con le giuste dimensioni

Laminati Zoom nei formati porta. Il giusto decoro con le giuste dimensioni Laminati Zoom nei formati porta Il giusto decoro con le giuste dimensioni 2012 2016 www.egger.com/zoom 02 Laminati ZOOM nei formati porta Nella collezione ZOOM troverete 90 diversi decori con le stesse

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num :15.105 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :07/07/2015 num

Dettagli

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102

LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num :15.102 Centro Agroalimentare Roma Via Tenuta del Cavaliere, 1-00012 Guidonia-Montecelio (RM) Tel: 06.60.50.12.01 - Fax : 06.60.50.12.75 www.agroalimroma.it LISTINO ORTOFRUTTA C.A.R. listino del :02/07/2015 num

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NOVO CULT L innovazione nel segno della tradizione

NOVO CULT L innovazione nel segno della tradizione NOVO CULT L innovazione nel segno della tradizione L innovazione nel segno della tradizione 30 anni da quando, nel 1981, Irsap presentava per la prima volta in Italia il radiatore diventato poi il simbolo

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli