IL GIALLO ABOUT YELLOW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIALLO ABOUT YELLOW"

Transcript

1 IL GIALLO ABOUT YELLOW Premessa Il Giallo, oltre ad essere uno dei colori più antichi e più diffusi, è forse anche quello che ha generato il maggior numero di declinazioni, dal Giallo ambra al Giallo zafferano, senza contare i numerosi sinonimi e i nomi di materie coloranti gialle che non contengono necessariamente la parola giallo (Acido picrico, Legno di sandalo, Litargirio, Massicotto, Orpimento, Ramno, Realgar, Sil attico, Sommaco ecc.). Si tratta di voci rispetto ai termini finora raccolti nel Dizionario dei colori, che stiamo allestendo dal Nei vari dizionari dei colori, il Giallo è trattato con diversa attenzione. Il Dizionario dei colori di Kornerup-Wanscher, ad esempio, menziona ben 90 tipi di gialli su un totale di 600 voci, solo per limitarci a quelle in cui compare il nome giallo variamente declinato, mentre il Dictionary of color names di Kelly-Judd ne menziona curiosamente solo 422 su Il Répertoire des couleurs, sulle 365 tavole che lo compongono, annovera ben 143 gialli e il Code universel des couleurs di Séguy ne conta 56 su 720, volendoci limitare ad alcune delle fonti a cui ci siamo principalmente riferiti, per avere dei temini di paragone rispetto agli altri colori. Come avviene per gli altri colori, anche per il Giallo, le numerose declinazioni si polarizzano attorno a due grandi categorie principali. Alla prima categoria, al solito, appartengono i nomi di colori gialli che fanno riferimento a colori percepiti di ambienti naturali generali o di singoli elementi appartenenti al mondo vegetale, animale e minerale. Altri riferimenti di questa categoria (forse i più ricorrenti) sono quelli geografici, a volte allusivi dei colori locali e a volte evocativi dei luoghi di produzione o di uso di materie coloranti gialle naturali o artificiali. Come per gli altri colori, non mancano i riferimenti storici, anche se questi sono decisamente inferiori come numero rispetto a quelli geografici, e neppure mancano al solito quelli gastronomici, cioè relativi a cibi e bevande. Altri riferimenti, di minore importanza (dal punto di vista statistico) sono quelli di tipo artistico, scientifico, religioso, militare ecc., anche se naturalmente non mancano. Molte volte, infine, i nomi di colori gialli si riferiscono a oggetti d uso quotidiano o sono nomi di pura fantasia, per lo più inventati a scopo commerciale. Alla seconda categoria, appartengono i nomi dei colori gialli più autentici, nel senso che connotano le materie coloranti minerali, vegetali o animali, naturali o artificiali, da cui derivano, o che fanno riferimento ai nomi dei loro inventori o ai luoghi o persino ai momenti in cui sono stati prodotti (questo, naturalmente, per il periodo che va dalla rivoluzione industriale ad oggi). Questa categoria va articolata, al solito, in materie coloranti finalizzate alla pittura artistica o decorativa e in materie coloranti destinate alla tintura o agli inchiostri. Per cercare di fare un po di ordine, vale la pena di tentare di dipanare in modo naturalmente sintetico questa realtà così complessa, contraddittoria e ambigua, attraverso alcuni degli esempi raccolti, illustrati da qualche immagine significativa, incominciando dalla prima categoria riferita ai colori percepiti. I nomi di colori gialli percepiti Come si è detto, una prima serie di declinazioni del Giallo fa genericamente riferimento ai colori dell ambiente e della natura in generale (Giallo aurora, Giallo alba, Giallo fumo, Giallo vapore, Giallo annebbiato, Giallo autunno, Giallo acquoso, Giallo inverno ecc.). All interno dell ambiente e della natura, una buona quantità di voci, che possono quasi rivaleggiare con quelle del colore Verde, fa riferimento al mondo vegetale. A questo mondo appartengono infatti i gialli riferiti ai colori dei vegetali (a cominciare dal Giallo vegetale) e in particolare agli alberi, sia per quanto riguarda i tronchi che le foglie o l aspetto del legno lavorato (Giallo acero, Giallo tiglio, Giallo venato imitante il legno di abete, Giallo bambù, Giallo di cedro, Giallo frassino, Giallo legno ecc.) e sia per quanto concerne i frutti e le foglie (Colore giallo di mele, Giallo albicocca, Giallo arancia, Giallo foglia morta ecc.). 1

2 Sempre al mondo vegetale, appartengono i nomi di colori che si riferiscono ai fiori e alle piante ornamentali (Giallo girasole, Aloe giallo, Assenzio giallo, Giallo primula, Margherita gialla, Canapa gialla, Giallo paglia, Canna gialla, Giallo giunchiglia, Giallo bambù, Giallo tromboncino, Giallo tulipano, Giallo viola del pensiero ecc.). Al mondo animale si riferiscono i nomi dei colori delle pelli o delle piume o di altre parti del corpo, naturali o lavorate, di animali sia domestici che selvaggi, di pesci, di uccelli, di insetti, di rettili ecc. (Giallo farfalla, Giallo avorio, Giallo cammello, Giallo camoscio, Giallo canarino, Giallo cuoio ecc.). Al mondo minerale appartengono, primo fra tutti, il Giallo minerale [Ioduro di piombo], seguito dai nomi dei colori delle pietre preziose o ornamentali (Giallo ambra, Gemma gialla, Corallo giallo, Giallo topazio, Giallo diamante ecc.), dei materiali lapidei (Giallo pietra, Colore pietra tufacea gialla, Finto marmo giallo di Verona, Giallognolo pallido che imiti la pietra di Finale ecc.) o laterizi (Color mattone giallo ecc.) oppure dei metalli (Finto metallo giallo, Giallo bronzato, Giallo vecchio bronzato, Giallo oro, Giallo di nickel, Giallo ottone, Giallo di rame, Giallo di piombo, Giallo di stagno ecc.). Molto sovente, i colori gialli hanno dei riferimenti geografici, legati al paesaggio o ai luoghi di produzione o di uso di gialli particolari per la pittura o per la tintura dei tessuti ecc. (Giallo egiziano, Giallo indiano, Giallo di Persia, Giallo di Montpellier, Giallo di Vienna, Giallo di Verona, Giallo di Cassel, Giallo di Roma, Giallo di Napoli [Antimoniato di piombo], Giallolino di Francia, Giallo di Parigi, Giallolino di Napoli, Giallolino di Alamagna, Giallolino di Fiandra, Giallo di Venezia, Giallo di Oxford, Giallorino fino di Venezia, Giallo Torino, Giallo Milano, Giallo Parma, Giallo Piemonte, Giallo di Pompei ecc.). Anche i riferimenti storici dei gialli non mancano, pur essendo decisamente inferiori come numero rispetto a quelli geografici. I riferimenti dei gialli alla storia annoverano sia i riferimenti generici a periodi storici, a imperi o regni, o riferimenti a singoli re, regine, presidenti, sultani ecc. (Giallo Imperatore, Giallo Reale, Giallo 1700, Giallo della Regina, Giallo Vittoria [in onore alla Regina d Inghilterra, a cui sono stati peraltro dedicati anche molti altri colori]). Accanto ai riferimenti storici, vi sono quelli politici e razziali (Razza gialla, Bandiera gialla, Sindacati gialli ecc.), quelli religiosi (a parte il Giallo di Paradiso, il colore Oro, il giallo più prezioso, nel Glossary of Ecclesiastical Ornament and Costume di A.Weby Pugin del 1846, viene impiegato in ogni sorta di ornamento ecclesiastico, come le aureole, i fondi su cui sono dipinti i soggetti sacri ecc.); quelli scientifici (Giallo primario ecc.) e quelli artistici, nel senso che il nome del colore è associato al nome dell artista che l ha impiegato in modo particolare (Giallo di Turner, Giallo Van Gogh ecc.), del design (Giallo Tiffany ecc.). Come si è detto, anche per il Giallo, abbondano i riferimenti gastronomici, soprattutto a carni, verdure e frutta, ma anche a bevande. Tra i riferimenti ai cibi, si possono infatti citare ad esempio i seguenti colori: Giallo polenta, Salmone giallastro, Giallo oliva, Giallo olio, Giallo tuorlo d'uovo, Giallo uovo, Granoturco, Grano saraceno, Granone (Giallo mais), Giallo panna, Giallo crema, Fagiano dorato, Giallo di daino, Giallo burro, Giallo frumento, Giallo grano, Giallo miele, Giallo limone, Colore gialliccio che passa in quello d oliva, Bietola gialla, Giallo carota, Giallo zucca, Giallo di piselli, Giallo di girasole ecc. Il Giallo è anche un colore piccante, quasi quanto il Rosso: tra i riferimenti a condimenti e gusti, troviamo infatti il Giallo mostarda, Giallo senape, Giallo cannella, Giallo di zafferano ecc. Il Giallo conta anche molte declinazioni tra i riferimenti alla frutta (Giallo albicocca, Giallo arancia, Giallo mandarino, Giallo banana, Giallo mela cotogna, Colore giallo di mele, Giallo melone, Giallo ananas, Giallo cedro, Giallo limone, Giallo mandorla, Tinta gialla cotogna ecc.). I riferimenti alle bevande riguardano soprattutto il vino, sia generico (Giallo vino) che specifico (Giallo champagne, Giallo Chartreuse, ecc.). A volte, i gialli sono riferiti a oggetti vari d uso quotidiano o legati agli ambienti in cui viviamo (Romanzo giallo, Film giallo, Pagine gialle, Semaforo giallo ecc). 2

3 Molte volte, infine, i nomi di colori gialli possono essere di pura fantasia e di solito si tratta di denominazioni puramente commerciali, impiegate specialmente nel campo della moda (Giallo fantasia, Giallo elegante, Giallo esotico ecc). I nomi di materie coloranti gialle Come si è detto, oltre che ai colori percepiti, i nomi di colori gialli si riferiscono alle materie coloranti minerali, vegetali o animali, naturali o artificiali, da cui derivano, o fanno riferimento ai nomi dei loro inventori o ai luoghi o ai momenti in cui essi sono stati inventati (specie nell 800, nell ambito della rivoluzione industriale, in cui si assiste ad una vera gara nell inventare nuovi colori). Una prima suddivisione tra le materie coloranti gialle deriva dal loro impiego e si possono pertanto discriminare quelle utilizzate per le pitture e per le decorazioni da quelle per le tinture e per gli inchiostri. A seconda di questa discriminazione, la manualistica relativa si suddivide in due filoni nettamente distinti, sia come autori che come utilizzatori, come avremo modo di vedere. Tra i nomi di materie coloranti gialle, utilizzate per la pittura e per le decorazioni, di derivazione minerale naturale, si ricordano le Ocre gialle e le Terre gialle, conosciute e impiegate sin dai tempi preistorici. Tra i colori gialli minerali, si devono menzionare il Giallo di cadmio, il Giallo zinco (o Cromato di zinco), il Giallo cromo (o Cromato di piombo), il Giallo cobalto, il Giallo ruggine al ferro ecc. A questa stessa categoria vanno naturalmente riferiti i nomi di colori gialli definiti con il nome del loro inventore (Giallo di Thénard, Giallo Martins, Giallo di Steinbuhl, Giallo di Spooner ecc.), del luogo di estrazione, di produzione o di consumo particolare (Giallo di Zwickau, Giallo di Gotha, Giallo Siena, Giallo Nanchino, Giallo di China, Giallo di Napoli [Antimoniato di piombo], Giallo di Pompei, Giallo Italia, Giallo Verona, Giallo di Roma, Giallo Francia, Giallo peruviano, Giallo indiano, Giallo di Parigi, Giallo di Lipsia, Giallo di Amburgo, Fine giallorino di Venezia, Giallo americamo, Giallo di Spagna, Giallo Baltimora, Giallo Avana ecc). Le materie coloranti gialle impiegate per la tintura e per gli inchiostri sono molto numerose e di varia natura, sia naturale che artificiale. Tra le materie coloranti gialle tradizionali naturali, di origine vegetale, impiegate nella tintura, basti citare l Erba gialla, l Erba giallina, il Catecù giallo, l Erba gauda, il Guado (Reseda luteola), la Grana o Grani d Avignone, la Grana o Grani di Persia, la Grana o Grani di di Spagna, il Legno giallo, il Legno giallo d Ungheria, il Legno del Brasile giallo, il Legno del Reseda, il Legno di Tampico, il Legno di Cuba, il Legno giallo del Messico, il Legno giallo di berbero, il Legno giallo di Cartagena, il Legno giallo di Corinto, il Legno giallo di Maracaibo, il Legno giallo di quercitrone (Flavina), il Legno giallo di scodano o Fustel, il Legno giallo di Tuspan, il Sorgo, la Curcuma, l Estratto di gelso ecc. Tra le materie coloranti gialle artificiali moderne, derivate dal catrame di carbone, vale la pena citare l Acido picrico, con cui compaiono nel 1849 le prime materie coloranti artificiali come il Giallo di naftalina, il Giallo nobile, il Giallo di chinolina, Giallo alizarina, Giallo Akmè, Giallo di resorcina, Giallo dorato indantrene, Hansa giallo, Giallo naftolo, Giallo metanile, ecc. Il numero di colori artificiali gialli nella seconda metà dell 800 cresce a dismisura e Roberto Lepetit, autore del Manuale del tintore, il primo edito dalla Hoepli nel 1875, cita il Giallo di resorcina (Curcumeina, Giallo Jasmin, Citronina, Giallo Akmè), il Giallo brillante, il Giallo d anilina, il Giallo solido, l Azoflavina o Giallo indiano, il Giallo di naftalina, il Giallo naftol, la Curcumina, il Giallo di chinolina, la Tartrazina, il Giallo soleil, la Flavanilina, la Crisanilina, la Fosfina, l Auramina, la Crisoidina, l Acido picrico (usato anche per preparare polveri esplosive), la Crisolina ecc.. Il Lepetit ricorda anche i colori tetrazoici, derivati dalla benzidina, dalla tolidina ecc., avendo una costituzione simile e presentando i tre colori fondamentali possono produrre tutta la serie di colori composti, come il Jaune di Hesse, il Jaune brillant, la Crisamina o Flavofenina. I sinonimi 3

4 I nomi di colori gialli percepiti o riferiti a materie coloranti, che abbiamo menzionato, non sono univoci e, come del resto avviene anche per gli altri colori, è facile trovare i più svariati sinonimi, nel senso che si tratta di colori caratterizzati dalla stessa notazione (Munsell o NCS) e dalla denominazione scientifica (ISCC.NBS), oppure si tratta degli stessi colori gialli indicati con nomi diversi in epoche o in culture diverse, di cui non è sempre facile trovare il collegamento fra loro. Ad esempio, il Giallo Torino o il Giallo Piemonte non sono stati altro che la volgarizzazione del Giallo molera o Molera o Molassa, a loro volta sinonimi della materia colorante da cui derivavano direttamente - la Calce forte di Casale - e di trovare la connessione tra questi vari sinonimi, a volte, è tutt altro che un operazione semplice, perché i vari sinonimi si incrociano indipendentemente dal fatto di essere materie coloranti o colori percepiti o di pura fantasia. Per fare qualche esempio internazionale, il Dictionary of colors names di Kelly-Judd assimila il Giallo ambra al Giallo veneziano; il Giallo platina al Bruno di Prussia e al Fagiano dorato; il Giallo avorio all Eburneo, al Bianco avorio e al colore Coscia di ninfa (sic!) o Rosa di ninfa; il Giallo girasole al Dente di leone; l Ocra gialla al Sil, al Cromo di Oxford, all Ocra di Oxford,al Giallo di Oxford e al Giallo di montagna; il Giallo zafferano al Croco di Marte, al Crocus, al Croceus, al Giallo chinese e al Colcotar; l Ocra gialla calcinata al Bruno di ferro; il Giallo cromo intenso al Cavalleria; il Carminio giallo all Oro della Florida, all Arancio olandese, al Risigallo e al Realgar; il Giallo oro all Oro antico, al Giallo dorato, al Giallo di stagno e al Bruno stil di grano; il colore Giallo pietra al Bruciato; il Giallo primula al Bocca di leone; il Giallo limone all Auripigmentum, al Giallo di Montpellier, al Giallo reale, al Giallo di Cassel (o di Kasseler o di Kesseler), al Giallo minerale, al Giallo veronese o Giallo di Verona, al Realgar giallo, al Giallo margherita, al Curcuma, al Color rame, al Giallo patetato e al Giallo chiaro; il Giallo cobalto all Aureolina; il Giallo cadmio al Giallo aurora; il Giallo gelsomino al Giallo burro; il Giallo canarino al Giallo primavera; il Giallo cedro [Color citrino o Giallo verdastro] al Mimosa, al Giallo verdastro, al Zafferano d India, al Quercitrone e al Giallo della Regina; il Giallo cinese al Giallo limone; il Giallo cromo al Giallo arancio; il Giallo cromo chiaro al Giallo di Parigi, al Giallo oltremare e al Giallo di zinco; il Giallo d'oriente al Giallo cadmio; il Giallo d'uovo all Arancio cinese e al Giallo Giapponese; il Giallo di ferro al Giallo siderino e al Giallo di Marte; il Giallo di montagna all Ocra gialla; il Giallo di Napoli al Giallo, al Giallolino e al Nanchino; il Giallo di rame al Giallo canarino; il Giallo di Spagna al Giallo dorato; il Giallo francese al Yucatan; lo Yucatan all Ocra di Rue, al Messicano e al Giallo scuro; il Giallo giunchiglia al Giallo cadmio; il Giallo Hansa al Giallo spettrale; il Giallo imperiale all Ocra gialla; il Giallo minerale al Giallo limone e all Ocra gialla; il Giallo nasturzio al Mais brillante e al Giallo cadmio; l Ocra gialla al Giallo permanente; il Giallo raggiante al Giallo cromo e al Giallo limone; lo Stil di grano giallo al Robbia giallo, al Rosa inglese; il Giallo tenero al Giallo canarino; il Giallo terra all Ocra gialla; il Giallo tiglio al Verde tiglio; il Giallo veneziano al Giallo ambrato; il Legno del Brasile giallo al Giallo limetta; l Ocra inglese all Ocra gialla; il Giallo dorato all Oro e alla Pietra imperiale; il Giallo dorato all Oro antico e al Rosa bruno; il Giallo persiano al Papavero dorato; la Pratolina gialla al Giallo limone; il Giallo oro alla Corteccia di quercitrone; il Giallo indiano alla Purrea araba e alla Racchetta da neve (sic!); il Robbia giallo allo Stil-di-grano; il il Giallo stil-digrano al Rosa italiano; l Ocra gialla al Sil; il Sommaco al Ramno; le Bacche gialle alle Bacche d Avignone e al Ta-Ming; l Ocra gialla alla Terra d oro; il Giallo cedro al Zafferano d India ecc. C è da restare storditi e confusi di fronte a tanti modi di chiamare gli stessi colori con nomi apparentemente così diversi. Il Répertoire des couleurs non è tanto da meno, anche se stabilisce analogie diverse e infatti associa il Giallo ambra al Giallo succino, al Giallo di Cromo e al Giallo karabé; il Giallo di fiele alla Pietra di fiele e al Cromo rossastro; il Giallo crema al Cremens [Saccardo] e all Ambra pallido; il Giallo maiz al Colore di paglia di maiz, al Giallo bistro o Giallo bistrato, al Giallo ocra e al Giallo brillante; il Giallo di cromo scuro al Colore d'albicocca; il Giallo nanchino al Cadmio arancio scuro e al Giallo di cadmio medio; il Giallo di cadmio scuro al Cadmio aranciato; il Giallo bruno di violacciocca al Pane abbrustolito e all Arancio neutro; il Giallo di Persia al Giallo arancio, 4

5 all Arancio cinese, al Rosso cappuccino e al Papavero dorato; il Giallo indiano [industriale] al Giallo azo; il Giallo bronzato al Bronzo dorato; il Giallo Cambogia al Giallo gomma gutta; il Giallo canarino al Giallo limone pallido; il Giallo chiaro al Giallo cromo citrino e al Giallo bruno ; il Giallo limone al Giallo citrino e allo Stil di grano giallo; il Giallo cromo brillante al Giallo sole, al Giallo di cadmio chiaro e all Albicocca; il Giallo cromo citrino al Giallo chiaro, al Giallo di mare e al Giallo cromo; il Giallo d'uovo o Giallo di tuorlo alla Lacca gialla; il Giallo del Giappone al Giallo granatino e, a sua volta, il Giallo granatino al Giallo di cromo brillante e al Giallo di cadmio chiaro; il Giallo di aureolina al Flavus [Saccardo] e al Giallo ranuncolo; il Giallo di cadmio chiaro al Giallo sole e al Giallo cromo brillante; il Giallo di cadmio rosso al Giallo rupicola; il Giallo di cadmio scuro al Giallo zafferano; il Giallo di zafferano al Giallo croco; il Giallo cobalto all Aureolina; il Giallo di cromo [Primula] al Giallo di stronziana, al Giallo karabé, al Giallo succino, al Giallo ambra, al Giallo di piretro e al Giallo di cadmio limone; il Giallo di cromo arancio al Giallo sole, al Giallo zolfo e al Giallo di cadmio chiaro; il Giallo di cromo medio al Giallo dorato; il Giallo girasole al Giallo cromo brillante e al Giallo cadmio chiaro; il Giallo di piretro al Giallo di cloro, al Giallo di cromo, al Giallo di stronziana, al Giallo di cadmio limone e al Giallo primavera; il Giallo di zolfo al Sulphureus [Saccardo] e al Giallo di zinco; il Giallo canarino al Giallo tiazolo; il Giallo miele o Melleus [Saccardo] al Giallo bistrato; il Giallo nuovo al Giallo indiano [industriale]; il Giallo ocra al Giallo mais e al Giallo di Oxford; il Giallo oliva al Verde Chartreuse e al Verde muschio; il Giallo oltremare al Giallo cromo chiaro; il Giallo ossido all Ocra gialla; l Ocra gialla al Giallo permanente; il Giallo tagete all Arancio cadmio; il Giallo di Manilla all Ocra di Marte e al Paglia di Manilla; l Ottone al Rame giallo; il Giallo panna al Crema e al Panna; il Pioury (o Piori o Piury) al Giallo indiano [vero]; i Grani gialli ai Grani d Avignone, allo Spincervino e al Rhamnus catharticus; il Verde gialliccio al Flavovirens [Saccardo]; il Verde giallo intenso al Verde pirite; il Giallo oliva al Verde muschio ecc. Il Séguy, nel suo Code universel des couleurs, è meno scatenato e identifica infatti solo il Giallo botton d oro con il Giallo ranuncolo; il Giallo di tuorlo con il Giallo limone; il Giallo di gommagutta con l Arancio neutro. Come per gli altri colori, queste liste possono ovviamente essere estese all infinito per effetto delle declinazioni relative alle varie tonalità che ognuno di questi colori può assumere (Giallo chiaro, Giallo scuro, Giallo bruciato, Giallo brillante, Giallo cupo, Giallo intenso, Giallognolo, Giallino ecc.) o per effetto delle sue combinazioni con quasi tutti gli altri colori (Giallo arancio, Beige giallo, Verde gialliccio ecc.) o per effetto dell incrocio di varie combinazioni (Arancio-giallo pallido, Arancio giallastro spento, Bruno giallastro grigiastro chiaro ecc.). Tutti questi sinonimi, che a volte arrivano persino a rappresentare colori affatto diversi, anche se possono apparire fastidiosi per la loro ridondanza e risultare apparentemente disorientanti, e per questo sono stati oggetto di aspre critiche da parte di vari studiosi dei colori, che si attengono ai nomi di colori consolidati dalla tradizione, in realtà sono molto importanti perché a volte costituiscono l unico modo per decodificare, per analogia, dei nomi di colori obsoleti altrimenti indecifrabili. I gialli, come gli altri colori, hanno infatti una loro obsolescenza ed è solo grazie ai dizionari dei colori o ai manuali e ai cataloghi dei colori che li menzionano e che talvolta ne forniscono le coordinate, che possiamo venirne a conoscenza. La storia dei colori gialli Quando si vuole parlare della storia dei colori, non si può fare a meno di citare i contributi determinanti che vanno da Wolfang Goethe a Ogden N.Rood, Arthur H. Church, J.Vibert, Roberto Lepetit, Icilio Guareschi ecc., fino ai moderni Ludwig Wittgenstein, Franco Brunello, Manlio Brusatin, Giuliana Quartullo (La Fabbrica dei colori), Philip Ball e a tanti altri a cui ovviamente si rimanda per un approfondimento che esula dai limiti di questo articolo, finalizzato ad indagare sulla terminologia relativa al Giallo. 5

6 Intanto, coerentemente con quanto si è già detto, per le materie coloranti, occorre distinguere la storia delle materie coloranti impiegate nella pittura e nella decorazione da quelle impiegate nella tintura e negli inchiostri, anche se, nella stampa su tessuto ci sono state a volte analogie con le materie coloranti impiegate nella stessa epoca per la pittura, come ci insegna Cennino Cennini e nei colori per acquerelli ci sono a volte analogie con le materie coloranti impiegate nella stessa epoca per i tessuti. La storia dei colori gialli nella pittura e nella decorazione Dal punto di vista storico, come avviene per molti altri colori, le materie coloranti gialle impiegate nella pittura e della decorazione hanno subìto una grande evoluzione a partire dalla preistoria, il più delle volte scomparendo poi, per ragioni economiche, tecnologiche o semplicemente igieniche (quando, ad esempio si trattava di prodotti velenosi), soppiantate da altri coloranti moderni, anche se esistono delle eccezioni. Le Ocre gialle e le Terre gialle, ad esempio, impiegate per le pitture rupestri di Altamira o per le grotte di Lescaut o per le decorare i corpi degli aborigeni australiani o di altri popoli primitivi, e impiegate dagli Egizi, dai Greci, dai Romani nell architettura e negli oggetti d uso ecc., sono ancora attualmente impiegate per i restauri delle facciate storiche. Le Ocre gialle e le Terre gialle hanno assunto vari nomi a seconda dei luoghi di estrazione (Terra gialla di Verona, Ocra romana, Ocra di Oxford, Ocra di Ru, Ocra gialla di Roussillon, ecc.). Rispetto ai termini Ocra gialla e Terra gialla, in alcuni manuali (ad esempio, in quelli di Arthur H.Church, Ettore Rizzini o nei Manuali Roret) viene data una certa prevalenza al termine Ocra gialla, mentre in generale viene rispettata la denominazione storica. A nessuno, infatti, verrebbe in mente di utilizzare il termine Ocra gialla di Verona, per indicare la Terra gialla di Verona o la Terra di Ru o la Terra di Roussillon per indicare l Ocra di Ru o l Ocra del Roussillon ecc.). A questi riferimenti geografici, come abbiamo visto, si sono aggiunti svariati sinonimi, che contribuiscono a ingenerare non poca confusione. Altri gialli antichi, oltre all Ocra o Sil attico, sono: il Giallo d Antimonio, comunemente noto come Giallo di Napoli, ma anche come Giallo egiziano, impiegato da oltre 2500 anni in Babilonia e in Egitto, il Massicotto o Litargirio (Giallo ottenuto dalla calcinazione del piombo), conosciuto già nell Egitto predinastico, che Plinio identifica come Spuma argenti, e l Orpimento. Quest ultimo, l Auripimentum o Arrhenicum, veniva usato dagli Egizi e dai Romani, per le brillanti prestazioni cromatiche, pur essendo velenoso, in quanto contenente arsenico. In epoca medioevale, tra i gialli, il Cennini cita l Ocria, il Giallorino o Giallo di piombo e stagno, l Orpimento, il Risalgallo, lo Zafferano (limitatamente alla miniatura), e l Arzica (Massicotto); il Giallo indiano ( Piuri, Purree o Peori), il Giallo di Marte o Ocra artificiale e il Giallo di Napoli. Nel Rinascimento, come gialli vengono impiegati il Giallo di Piombo e Stagno, l Oro, e l Oromusivo L Orpimento, dopo aver avuto una certa fortuna a Venezia tra il 500 e il 700, a poco a poco cade in disuso, mentre il Giallo di antimonio viene reintrodotto nel Dopo il 1700 e soprattutto nell 800 il giallo comincia ad essere sintetizzato in laboratorio, come ad esempio il Giallo di Marte, il cui nome deriva dal Crocus Martis (un associazione ideale dello Zafferano col Ferro); il Giallo di cromo, scoperto dal Vaquelin nel 1797; il Giallo di cadmio, simile al Giallo di cromo; il Giallo di zinco, chiamato anche Giallo marigold o Giallo limone o Giallo botton d oro; il Giallo di cobalto, detto anche Giallo trasparente o Aureolina; il Giallo di bario; il Giallo minerale, detto anche Giallo di Turner, Giallo di Montpellier, Giallo di Cassel, Giallo di Verona, Giallo inglese o Giallo Merimée. Come si può vedere, con la generazione di nuovi colori, si assiste immediatamente alla generazione di nuovi nomi, molte volte ambigui in quanto mantengono vecchi nomi prendenno significati diversi da quelli fino allora attribuiti. Questi gialli entrano a far parte dei manauali di pittura, che si sviluppano in modo diffuso, a partire dalla metà dell 800. Nel manuale Roret dedicato al Coloriste, del 1856, i colori gialli citati sono il Giallo paglia [Cromato di zinco], il Giallo cromo [Cromato di piombo], il Giallo oro, Orpino o Orpimento e 6

7 Realgar giallo [Solfuro d arsenico], il Giallo all iodio [Ioduro di piombo], il Giallo minerale, il Giallo di Napoli, il Giallo di Colonia, il Giallo di cadmio [Solfuro di cadmio], l Ocra gialla naturale (Ocra di Saint Gorge sur la Prée, l Ocra di Berjaterie, l Ocra di Rue, la Terra d Italia ecc.), l Ocra gialla artificiale (il Giallo di Marte, la Gomma-Gutta (Giallo oro trasparente), le Lacche gialle (Lacca gialla di grana di Persia, Lacca gialla di Gaude), lo Stil-di-grano, il Giallo indiano (Giallo oro brillante), la Lacca di Gomma-Gutta, la Terra di Siena naturale, la Pietra di fiele (giallo-bruna), il Cicoria (Giallo-rossastro) Arthur H. Church, nel suo importante manuale, The Chemistry of Paints and Painting del 1890, cita tutta una serie di materie coloranti gialle impiegate nella pittura affatto diverse da quelle in uso nell arte tintoria, in parte ancora legate alla tradizione antica ed in parte assolutamente artificiali e innovative provenienti dalle scoperte nel campo della chimica organica della seconda metà dell 800. Tra le materie coloranti gialle, Church cita le Ocre gialle (Ocra romana, Ocra dorata, Ocra bruna, Ocra di Oxford, Ocra gialla, Giallo minerale); il Giallo di cadmio (Giallo Oriente, Giallo aurora, Giallo giunchiglia, Cadmio arancio, Solfato di cadmio, Giallo brillante, Giallo di cadmio); l Aureolina (Giallo cobalto); il Giallo limone (Giallo di barite, Cromato di bario, Giallo oltremare, Giallo permanente); Giallo di Cambogia (Gomma gutta); il Giallo indiano (Piuri, Purree, Peori); il Giallo di Marte (Ocra artificiale); il Giallo di Napoli (Giallo d antimonio); la Lacca gialla (Rosa bruno, Lacca citrina, Lacca di quercitrone, Robbia gialla, Rosa italiano, Rosa olandese); il Giallo cromo (Cromato di piombo). Al tempo stesso, pur citandoli, il Church sconsiglia l uso del Giallo di vanadio e del Giallo reale (Orpimento) nella pittura, in quanto non affidabili. Nel suo Manuale sulle materie coloranti per la pittura, il Gorini (1896), in parte influenzato dal Manuale Roret, cita i seguenti colori gialli: Giallo di cromo, Litargirio, Giallo minerale, Giallo di Napoli, Giallo di zinco, Giallo di barite, Giallo di calce, Giallo di ferro, Giallo di cadmio, Giallo di mercurio, Giallo di Marte, Giallo d arsenico, Giallo di stagno, Giallo d ioduro di piombo, Giallo di cobalto. L autorevole J.G.Vibert, nella sua Science de la peinture, del 1902, tra i colori gialli da impiegare nella pittura, menziona le terre gialle (Terra d Italia e Terra di Siena naturale), le ocre gialle (l Ocra gialla e l Ocra di Ru), il Giallo di Marte, la Lacca di ferro, il Cromato di stronziana e il Giallo di cadmio. Per contro, cita come inadatti per la pittura il Giallo di Napoli e il Giallo d antimonio, certi gialli limone (Ioduro di piombo), certe varietà del Giallo cromo, il Giallo minerale, il Giallo paglia e il Turbith minerale, derivati dal piombo, l Orpimento, derivato dall arsenico, unitamente al Giallo oltremare (Cromato di barite), il Giallo brillante, il Giallo botton d oro e altri gialli di origine vegetale (Giallo zafferano, Gomma-gutta di Cambogia, Lacca di guado, Lacca gialla, Stil di grano e Lacca gialla dorata). Tra le materie coloranti gialle, sempre per la pittura, Giuseppe Ronchetti nel suo manuale Hoepli del 1915 menziona i seguenti prodotti: Massicotto, Giallo e Giallolino di Napoli, Giallo minerale, Giallo di cromo, Giallo di stronziana, Giallo di zinco, Giallo di cadmio, Giallo indiano, Gomma gutta, Lacca gialla di guado, Luteolina, Giallo di spincervino, Ocre gialle chiare e scure (volgarmente dette Terre gialle, secondo il Ronchetti), Giallo di Marte e Lacca di ferro. Nel 1933, Raffaele A.Califano-Mundo, nel suo Manuale dei colori, oltre i colori gialli naturali (Ocra gialla, Terra di Siena naturale, Terra di Verona ecc.), cita i colori gialli chimici allora esistenti sul mercato (Giallo di Napoli, Giallo cromo, Giallo cadmio, Giallo indiano, Gommagotta, Giallolino di Napoli, Giallo di zinco) e i colori gialli di anilina (Giallo Martins, Giallo di naftalina, Giallo nobile, Corcumina, Acido picrico, Giallo indiano, Giallo di crinolina, Fluorescina, Crisoidina, Vesuvina, Auramina e Tropeolina). In epoca ancora più recente, i nomi dei nuovi colori perdono a volte qualunque riferimento rispetto alle materie da cui hanno avuto origine o i riferimenti fantasiosi o personalizzati del passato, per assumere la denominazione di freddi codici studiati a tavolino, quasi si fosse esaurita la fantasia dei primi inventori, come ci informa il Color Index. 7

8 La storia dei colori gialli nella tintura e negli inchiostri La storia delle materie coloranti gialle impiegate nella tintura e negli inchiostri (e, a volte, negli acquerelli) si svolge solo in parte parallelamente alla storia delle materie coloranti impiegate nella pittura. Nella preistoria, non c è una documentazione certa sull uso di coloranti minerali (come, ad esempio, l Ocra gialla) o vegetali. Come riferisce Franco Brunello, uno degli studiosi più attenti della storia della tintura, solo nell età neolitica si sa che i tessuti di lana o di lino erano tinti di blu, rosso, lilla e giallo e che per la tintura di quest ultimo si suppone fosse impiegata l Uva orsina e qualche altro vegetale, come il Cartamo (Carthamus tinctorius), la Curcuma (Curcuma domestica Val) e altre specie, impiegando vari fissativi. Nell Asia Meridionale, dove non erano conosciuti il Cartamo e la Curcuma, si tingevano i tessuti in Giallo oro anche con i fiori di Nyctanthes arbor tristis e gli indiani d America tingevano in giallo con altre piante, mentre colori gialli meno vivaci erano ottenuti con il Sommaco e la Reseda luteola (Wan), pianta spontanea del Marocco, e altri colori gialli vegetali dell Africa si ricavavano dai fiori del cotone, dalle bucce della cipolla e da altre piante. In Egitto, i primi colori impiegati per tingere furono probabilmente le ocre, seguite da coloranti vegetali, le cui tracce sono state trovate nelle tombe risalenti al 1500 a.c., come il Cartamo, lo Zafferano (Crocus nativus, dall arabo Za-faran, che significa appunto Giallo), la Curcuma (Curcuma longa) e le bucce di melograno, usate per tingere i lenzuoli gialli di lino. Il Sommaco era destinato alla concia e alla tintura gialla del cuoio. Le bucce di melograno e il Sommaco erano ugualmente usati dai Babilonesi per ottenere tinture gialle per i tessuti, mentre una pianta particolare, la Saba, forniva un prezioso colorante Giallo-oro. I persiani usavano le foglie di vite, lo zafferano, la reseda, le bucce di melograno, le bacche di susino selvatico per tingere in giallo o l Isfarak, un altra pianta per tingere del colore Giallo-oro. Per le Indie, il colore giallo è essenzialmente il Peori (Giallo indiano), una tintura costituita da urine di vacche nutrite di mango. Per tingere in giallo, il simbolo del sole, i cinesi usavano fiori della pianta di Lan o si servivano dei bottoni fiorali della Sophora japonica o di un decotto di scorze di Phollodendron. Nell America Precolombiana, si sono trovate stoffe risalenti al a.c., la cui tintura gialla era ottenuta principalmente mediante un erba denominata Chasca e con la corteccia, le foglie o il legno di piante coloranti (alcune specie di faggio, il boldo, il berbero o il lichene cileno ecc.). In epoca classica, durante la civiltà greca, anche grazie all influenza dei popoli del Vicino Oriente, come i Fenici e i Cretesi, a loro volta influenzati dagli Egizi e degli altri popoli dell Estremo Oriente, il giallo impiegato per la tintura della lana, del lino e del cotone era costituito dallo Zafferano (Crocus Sativus), dal Cartamo, dalla Reseda luteola, dalla Reseda dei tintori, dall Arcanetto (Anchusa Tinctoria) e dalla Tapsia. Nell epoca classica 600 a.c d.c, i Romani sono influenzati dai Greci e dall Oriente. Plutarco, per la tintura in giallo, cita il Crocus (Zafferano), coltivato in Abruzzo e Sicilia, e i crocotarii erano i tintori che usavano il Crocus, mentre altri gialli erano ottenuti mediante la Guaderella (Reseda luteola o Herba luteola), la radice di Curcuma (Terra merita), importata dall Oriente, l Orcanetto (Anchusa tintoria) e la Tapsia (Thapsia asclepium), che cresceva in Libia e veniva anche usata per tingere i capelli delle donne in giallo, come la radice del loto (Diospyros lotos). In epoca medioevale, la tintura compie grandi progressi grazie all eredità dell epoca classica e alle influenze orientali, barbariche e arabe (con cui le Repubbliche di Venezia, Lucca e Genova hanno scambi, prima attraverso la Sicilia e poi con la Spagna). Con lo sviluppo della chimica, la tintura assume una consapevolezza quasi scientifica, che costituirà la base per le impostazioni future. In questo periodo, si assiste alla produzione di veri e propri manuali con ricette, che documentano lo stato dell arte nel campo della tintura. Da questi manuali, si apprende che per ottenere il giallo nella tintura, oltre che la solita Curcuma o con il tradizionale Zafferano, veniva impiegato il Legno brasile (prima che il Brasile venga scoperto e che prenda il nome appunto dalla grande quantità di legno brazil che vi cresceva e non viceversa) o da Gomma di 8

9 edera (Sinopsis de mellana). Nel 1243, a Venezia, viene pubblicato il primo regolamento sulla professione tintoria (Capitolaribus de Tinctorum), che introduce una normativa molto restrittiva. Ad esempio, per quanto riguarda il Giallo, si imponeva l uso della sola Herba de Pulea, vietando la mescolanza con l Erba laccia o Erba guada o Gualda o Goda, corrispondente alla Reseda luteola (da non confondersi col Guado, che produceva un colore turchino). Altra pianta che produceva il giallo è la Ginestra dei tintori (Genista tintoria o Herba corniola, detta anche Erba intenta o Erba zala, impiegata anche nella miniatura). A seconda delle località, nel Medioevo, per produrre il giallo, si usavano anche altre soluzioni. In Europa Centrale, ad esempio, veniva impiegato il solfuro di arsenico, detto Auripigmentum, mescolato con allume e bollito in aceto, mentre un altro giallo veniva ottenuto dalla corteccia della radice di crespino (Berberis vulgaris), dal Cartamo dei tintori, dalla Corteccia del melo giovane, le Bacche di spincervino (Rhamnus Catharticus) ecc. I documenti sull arte tintoria, a partire dal Quattrocento si moltiplicano a dismisura e nel De Arte illuminandi di questo periodo, si descriveva la preparazione dei coloranti comuni all arte di tingere e di miniare. Ad esempio, per il giallo, che si fa in molti modi, si citava la Radice della Curcuma oppure l Erba dei tintori o Terramerita, il giallo derivato dallo Scòtano o Falso sommaco (Rhus cotinus) detta anche Erba di Provenza o Fustetto giovane o Fustetto di Zante, e lo Zafferano. Il Libro dell arte scritto da Cennino Cennini nel 1437, pur riguardando essenzialmente la pittura, contiene un capitolo dedicato ai dipinti in panno, stabilendo un rapporto fra i due filoni manualistici, in cui si cita infatti lo Zafferano per stampare in giallo. Nel 1447, con la scoperta della stampa, la manualistica nel campo della tintura assume uno sviluppo fino allora sconosciuto. Tra questi, basti citare il Plichto del arte de Tentori di Giovanventura Rossetti stampato a Venezia nel 1540, rivolto non solo ai tintori, ma anche alla gente comune. Per i giallo, la materia colorante citata in questo manuale è l Erba gualda (Reseda), varie specie di ginestre e il solito Zafferano. L arte della tintura riceve un impulso imprevisto con la scoperta dell America e, per quanto riguarda il giallo, si assiste alla diffusione del Giallo di quercitrone (Quercus tinctoria) o Lacca gialla o Stil-di-grano. Dopo la scoperta dell America, gli spagnoli introducono il Legno giallo dall America Centrale, un gelso della specie Moris tintoria e altre essenze analoghe. Le provenienze più conosciute sono quelle di Maracaibo, Tuspan, Corinte, Cartagene ecc. e quella di Cuba è la più stimata. Nel 1671, sotto Luigi XIV, il Ministro Colbert, proveniente da una famiglia di fabbricanti e commerianti di stoffe di Reims fa compilare un dettagliato regolamento sulla tintura, dopo aver fondato nel 1666 l Académie des Sciences, che traghetta i metodi medioevali verso un sistema più razionale e moderno di produzione. Tra il Settecento e la prima metà dell Ottocento, nella tintura avviene una evoluzione in senso scientifico e si assiste al passaggio dalla produzione artigianale a quella industriale e dalle materie coloranti naturali a quelle artificiali, grazie allo sviluppo della chimica. A Venezia, nel 1704, esce il Nuovo Plico d ogni sorta di tinture di Gallipido Talier, che ricalca in parte quello del Rossetti. Il Nuovo Plico menziona sostanze raramente citate per le tinture in giallo, come l Erba tentorella, ma anche tutte le materie coloranti conosciute e in uso alla fine del 600. Nell epoca industriale, soprattutto a partire dalla metà dell 800, le materie coloranti si moltiplicano, ma in modo diseguale per le tinture e per la pittura. In Inghilterra, con Boyle e Newton, e in Francia, con Du Fay de Cisternay, Jean Hellot e Eugène Chevreul, la chimica e la fisica dei colori effettuano progressi determinanti. In particolare, nel campo della tintura, il Giallo si moltiplica a dismisura rispetto al passato (come del resto avviene anche per gli altri colori), grazie ai progressi della chimica, specie organica, in Germania, Francia, Inghilterra e in altri paesi europei. I gialli derivati dall anilina, a loro volta derivata dal catrame, si devono alle ricerche del tedesco W. Von Hofmann nel 1828 e dell inglese F.F.Runge nel

10 Nel 1877, Caro, Roussin, Will e Poirrier scoprono una serie di coloranti gialli e aranci che vanno sotto il nome di colori azoici, che vengono prodotti da varie fabbriche, formando una scala tra lo scarlatto e il giallo zolfo. Nella seconda metà dell 800, le materie coloranti gialle in tintura sono di origine varia. Tra quelle minerali, Roberto Lepetit, autore del Manuale del tintore, il primo edito dalla Hoepli nel 1875, quasi contemporaneamente a quello del Church e degli altri manualisti che abbiamo citato nel campo delle materie coloranti per la pittura, annovera il Giallo al cromo, il Giallo ruggine al ferro e il Giallo al solfocianuro di potassio. Tra le materie coloranti vegetali lo stesso Lepetit cita tutta una serie di sostanze già impiegate tradizionalmente nella tintura in epoche passate, come lo Zafferanone, il Legno giallo, lo Scodano o Fustel, il Quercitrone, il Berbero spina o Legno spinale, l Erba gauda, l Erba giallina, i Grani di Persia e i Grani d Avignone, la Curcuma e l Estratto di gelso. Nella seconda edizione dello stesso manuale, del 1889, il Lepetit scrive che Il numero dei colori artificiali aranci e gialli si è accresciuto molto nell ultimo decennio. Mentrecché dalle combinazioni del trifenilmetane si sono ricavati due soli colori, la Crisanilina e la Fosfina, dalle combinazioni dei fenoli, sinora anche pochi, e tra i più conosciuti l Acido picrico (scoperto nel 1849), e il Giallo di Martius, le combinazioni azoiche diedero, dal 1877 in poi, una varietà stragrande di aranci e di gialli ed ora nuovi derivati della Chinolina (scoperta dal Jacobson nel 1881) tendono ad aumentare il numero che sarà tosto una legione. Ogni fabbrica dà un nome diverso e sovente simile ad altri prodotti con tinte diverse, creando grande confusione. Lepetit menziona il Giallo di Resorcina e suoi derivati, tra cui la Tropeolina, la Crisoina, la Crioseolina, la Curcumeina, il Giallo Jasmin, la Citronina, il Giallo Akmé, il Giallo brillante, il Giallo d anilina (il primo giallo azoico messo in commercio), il Giallo solido Bayer, l Azoflavina o Giallo indiano, il Giallo di metanile, il Giallo di naftalina (il primo derivato colorante ottenuto dalla naftalina), il Giallo Martius, la Curcumina, il Giallo di crinolina, la Tartrazina, prodotta dalla Ziegler nel 1886, il Giallo sole, la Flavanilina, la Crisanilina-Fosfina, la Crisoidina (scoperta nel 1876), l Acido picrico (che è anche un esplosivo) e la Crinolina. Nel 1884, con la Crisamina, prodotta dalla Farben Fabrik, ha inizio una serie di colori tetrazoici derivati dalla benzidina, dalla tolidina ecc., molto pregevoli avendo una costituzione simile e presentando i tre colori fondamentali che possono produrre tutta la serie di colori composti, come il Jaune di Hesse, il Jaune brillant, la Crisamina o Flavofenina e alcuni di questi colori sono inseriti nell albero genealogico dei colori organici derivati dal catrame di carbone, ricostruito da Philip Ball. Il colore giallo in architettura In architettura, con il Bianco, il Giallo è forse il colore più presente nelle facciate storiche. Come si è già detto, alcune delle materie coloranti gialle, come le Ocre e le Terre gialle sono antichissime e vengono definite normalmente a seconda del loro luogo di estrazione (Terra gialla di Verona, Ocra gialla del Roussillon, Giallo di Roma ecc.). Accanto a queste terre, sono state usate altre materie coloranti, mescolate con il latte di calce come il Giallo minerale, il Giallo di Napoli, il Giallo cromo, il Giallo santo ecc. Oltre a questi pigmenti, per la colorazione delle facciate, è stato fatto ricorso alla colorazione naturale di certe calci idrauliche, fra cui la più nota, almeno a Torino e in Piemonte, è stata la calce di Casale, dal colore naturale Molera o Molassa : un colore che poteva anche essere generato con latte di calce bianca mescolato con terra gialla e nero di carbone, come si legge in un documento d archivio del Per oltre un secolo, dalla metà dell 800 al 1978, quando abbiamo ripreso il Piano del colore originario Torino, messo a punto tra la metà del 700 e la metà dell 800, il colore dominante se non esclusivo della Città è stato il cosiddetto Giallo Torino (originariamente identificato come Giallo molera o Molera o Molassa), il colore naturale della calce idraulica di Casale, resa accessibile a Torino grazie al collegamento ferroviario e reputata per le sue prestazioni tecnologiche. Questo 10

11 colore, più resistente al dilavamento dell acqua piovana rispetto al giallo ottenuto dalla mescolanza della terra gialla con il nero carbone e il latte di calce dolce, a poco a poco soppianta i colori del piano originario a causa della sparizione del Consiglio degli Edili che lo aveva stabilito, sostituito da un architetto verificatore, un burocrate che per 7 anni impone il colore Molera, cancellando a poco a poco ogni traccia del sofisticato piano del colore sette-ottocentesco. Dopo il 1960, con il boom edilizio e con l introduzione dei colori acrilici al posto dei colori a calce, questo colore a sua volta scompare del tutto, per essere poi ripristinato col Piano del colore di Torino del 1978, a seguito di una ricerca quasi archeologica. Il Giallo Torino è un buon esempio di come dietro ad una banalità o ad un luogo comune, ci possono essere ragioni storiche, tecnologiche, economiche e di gusto, che favoriscono lo sviluppo o il declino di un colore e del suo nome. Nel caso di Torino, il cosiddetto Giallo Torino ha trovato una spiegazione razionale, ma esiste anche un Giallo Parma, un Giallo Milano ecc. la cui storia deve essere ancora scritta. Tra i colori gialli per i decoratori, menzionati nei manuali dei colori e nei prezzari storici pubblicati dalle amministrazioni comunali in Italia dalla metà dell 800 agli inizi del Novecento, compaiono la Terra gialla, il Latte di calce di Casale, la Tinta gialla di color di paglia, la Tinta gialla di color di pietra, la Tinta gialla nanchina, la Tinta gialla pallida, la Tinta gialla cotogna ecc. Per avere notizie precise sui colori impiegati per la decorazione delle facciate in Italia, dalla fine del 700 alla metà del 900, occorre fare riferimento ai documenti d archivio, dove vengono menzionati nei capitolati d appalto di opere pubbliche e private e che da noi sono stati pubblicati nel corso di questi ultimi 30 anni, all interno di ricerche sui colori di alcune regioni e città italiane, sotto forma di dizionari dei colori storici.. Nel nostro Dizionario dei colori della Liguria, ad esempio, il giallo compare in forma generica o declinata variamente (Giallo chiaro, Giallo scuro, Canarino, Canarino chiaro, Canarino leggiero, Canarino più forte Giallo croceo [Giallo zafferano, n.d.r.], Giallo paglierino ) oppure riferito ad un pigmento particolare (Giallo terra di Siena, Terra gialla, Giallo terra di Siena più intenso) o a un materiale costruttivo per lo più locale, almeno in origine (Colore di pietra di Finale leggiero, Giallognolo pallido che imiti la pietra di Finale, Arenino di Viareggio di colore giallognolo, Finta pietra di colore giallo, Pietra giallo chiara di Vicenza, Finto marmo di giallo di Verona, Giallo di Verona, Giallo color cemento ecc.). Nel Dizionario dei colori del Piemonte, il giallo compare ugualmente in forma generica (Giallo Piemonte), ma anche declinato variamente in Bianco giallognolo, Canarino, Canarino caricato, Canarino chiaro, Canarino pallido, Giallastro, Gialletto, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio, Gialliccio ammorzato, Gialliccio chiaro, Gialliccio mischiato di verde, Gialliccio pallido, Gialliccio rossigno, Giallignolo, Giallignolo chiaro, Giallino, Giallino chiaro, Giallo, Giallo canarino, Giallo canarino chiaro, Giallo canerino, Giallo chiaro, Giallo chiaro bronzato, Giallo chiaro canarino, Giallo chiaro nanchino, Giallo chiaro pagliarino, Giallo finto oro, Giallo grigio, Giallo leggero, Giallo legno, Giallo mischiato con terra ombra chiaro, Giallo mischiato di verde, Giallo oro, Giallo oscuro, Giallo paglierino pallido, Giallo pallido, Giallo rinforzato, Giallo verdiccio chiaro, Giallognolo, Giallognolo ammorzato, Giallognolo carico, Giallognolo chiarissimo, Giallognolo chiaro, Giallognolo chiaro ammorzato, Giallognolo chiaro ammorzato con terra d ombra, Giallognolo detto molera, Giallognolo leggero, Giallognolo non tanto chiaro, Giallognolo oscuro, Giallognolo smorzato, Giallognolo [Tinta leggera], Giallolino chiaro, Molera, Molera chiaro, Molera scuro, Nanchino, Nanchino chiaro, Nanchino oscuro, Nankin, Nankin clair, Nankino, Nankino pallido, Ocra gialla dorata, Oro, Oro [Finto], Oro chiaro, Oro matto, Oro scuro, Pagliarino, Pagliarino chiaro, Pagliarino molto chiaro, Pagliericcio, Paglierino, Paglierino chiaro, Petit jaune, Terra di ombra dilungata con giallo, Terra gialla, Terra gialla di Roma, Terreo giallino, Verde giallo ecc.). Nel Dizionario dei colori di Torino, il giallo compare in modo ancora più ossessivo, anche se il termine Giallo Torino non compare in alcun documento d archivio, ma appartiene solo alla sfera dell immaginario collettivo e verrà citato solo in qualche caso in documenti del Secondo Dopoguerra. I colori gialli citati nei documenti reperiti nell Archivio Storico della Città di Torino, 11

12 tra la seconda metà del 700 e la metà dell 800, sono i seguenti: Bianco con terra gialla chiara d Inghilterra, Bianco giallognolo, Canarino, Canarino caricato, Canarino chiaro, Canarino pallido, Gialdolino, Gialdolino chiaro, Gialletto, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio chiaro, Gialliccio pallido, Gialliccio rossigno, Giallino chiaro, Giallo, Giallo chiaro, Giallo cromo, Giallo oscuro, Giallo paglierino, Giallognolo, Giallognolo chiaro, Giallognolo detto molera, Giallognolo non tanto chiaro, Latte di calce giallognolo, Molera, Molera chiaro, Molera oscuro, Molera scuro, Nanchino, Nanchino chiaro, Nanchino oscuro, Nankin, Nankin carico, Nankino, Nankino pallido, Nanchino pallido mischiato con giallo, Ocra gialla dorata, Oro, Pagliericcio, Pagliarino, Pagliarino chiaro, Pagliarino molto chiaro, Paglierino chiaro, Petit jaune, Terra gialla di Roma, Terreo giallino, Tinta gialla, Tinta gialdolina, Tinta galletta ecc. Come si può notare, il giallo torinese è associato ad altri colori (Bianco giallognolo, Gialletto tendente al verdiccio, Gialliccio rossigno, Giallo chiaro bronzato, Giallo grigio, Giallo legno, Giallo mischiato con terra ombra chiaro, Giallo finto oro ecc.). Sovente il giallo è qualificato come Canarino, Nanchino (un nome di colore derivante dalla moda), Paglierino ecc., e al solito declinato nelle più svariate tonalità. A volte, il giallo viene identificato con i materiali con cui è realizzato (Terra gialla, Terra gialla di Roma, Ocra gialla dorata, Terreo giallino, Terra di ombra dilungata con giallo, Giallognolo detto molera, Molera chiaro, Molera scuro ecc.). In architettura, nel caso dei colori degli interni, i gialli possono rivaleggiare con gli esterni. Nella ricerca da noi svolta negli anni 80 per il Ministero della Cultura Francese sui restauri della Villa Medici, su circa 800 nomi di colori menzionati nei documenti d archivio, è stata reperita infatti una sessantina di nomi di colori gialli, contro la cinquantina dei rossi, di vale la pena di riportare i più ricorrenti, per dare un idea di come si possa scatenare la fantasia dei decoratori in un solo edificio, per quanto importante, in un arco di tempo di circa 150 anni, dal 1802, quando viene destinato all Accademia di Francia, sotto la direzione del pittore Ingres, fino agli anni 1960, sotto la direzione del pittore Balthus. I gialli impiegati negli interni della Villa Medici sono i più svariati e alcuni vengono identificati con i pigmenti impiegati, riportati nei conti dei pittori e dei decoratori che li hanno applicati soprattutto negli interni, alcuni vengono identificati con i pigmenti impiegati, nei conti dei pittori e dei decoratori che li hanno applicati (Terra gialla, Tinta canaria con orpimento e giallo cromo, Giallo santo, Giallo di Siena, Tinta gialla e rosso inglese, Terra gialla scura, Giallo indiano ecc.). In altri casi, i gialli vengono identificati con riferimento ai materiali che si intende imitare: sia che si tratti dei materiali lapidei (Pietra giallo di Siena, Bianco di marmo giallastro, Giallo antico, Marmo giallo antico, Giallo antico sbrecciato ecc.), oppure lignei (Giallo venato imitante il legno di abete ecc.), o metallici (Giallo bronzato, Bronzo dorato, Giallo oro ecc.). In altri casi, come per il Nanchino, i gialli fanno riferimento alla moda. Il Curioni, nel suo manuale della metà dell 800, L Arte di fabbricare, riporta le ricette di ben cinque tinte gialle (Tinta gialla cotogna, Tinta gialla di color di paglia, Tinta gialla di color di pietra, Tinta gialla nanchina, Tinta gialla pallida) contro le tre dedicate al rosso. Il Giallo, nelle facciate, è pure presente nella verniciatura dei legni (Giallo legno, impiegato nela verniciatura dei serramenti tra la fine dell 800 e gli inizi del Novecento, per imitare il colore naturale del legno). Pur essendo quasi assente nei ferri, nel caso dell architettura ordinaria, il giallo è stato utilizzato per imitare il colore Oro nei cancelli, nelle cancellate di palazzi nobili, nelle cornici degli interni ecc. Nell architettura degli interni, il giallo, che domina negli esterni, si divide equamente con altri colori meno presenti negli esterni, come il verde, l azzurro, il rosso, il bianco ecc. Nell architettura del ferro dell 800, la policromia, ispirata alle scoperte archeologiche di Hittorff sulla colorazione del Tempio di Selinunte, viene applicata a tutta una serie di opere. Basti pensare, ad esempio, alla decorazione del Palazzo di Cristallo per l Esposizione di Londra del 1851, concepita dal grande colorista Owen Jones sulla base dei colori primari, tra cui ovviamente il Giallo, applicato alle parti prominenti, per esaltarne la forma. Grazie al successo del Crystal Palace, i colori primari vengono estesi alle stazioni ferroviarie dell epoca e agli attrezzi agricoli, molti dei 12

13 quali già esposti nel Crystal Palace del 1851 spiccano per i colori vivaci, la cui tradizione peraltro perdura tuttora. Il giallo, da solo, non ha stimolato in modo particolare l architettura moderna mentre, associato con altri colori puri, ha trovato una collocazione particolare. Basti pensare alle facciate dei quartieri berlinesi di Bruno Taut, tra cui l Onkel Tom Viertel, dove il giallo è interfacciato con gli altri colori, come avviene del resto, a un livello più evidente, nelle facciate delle Unités d Habitation di Le Corbusier a Marsiglia o a Nantes). Nelle tastiere dei colori (color keyboards) impiegati da Le Corbusier, dal 1931 al 1959, ricostruite da Arthur Rüegg nel 1997, il giallo compare declinato in quattro tonalità (Avorio, Ocra gialla chiara, Terra di Siena chiara e Giallo vivo). Nell architettura contemporanea, il giallo non ha lasciato segni particolari, anche se nel Norman Foster ha caratterizzato con questo colore la struttura del Renault Distribution Center di Swindon. 13

14 elenco delle illustrazioni proposte 1. Giallo primario 2. Giallo Torino 3. Giallo banana 4. Giallo limone 5. Giallo Crystal Palace 6. Giallo oro 7. Giallo semaforo 8. Giallo zucca 9. Giallo doré 10. Terra gialla di Verona. 11. Giallo ossido Il Giallo primario nella manualistica dei colori

15 La Piazza San Carlo a Torino dipinta Giallo Torino, come tutta la parte monumentale di Torino, poi ripristinata con il colore originario settecentesco, con il Piano del Colore del Giallo limone e Giallo banana

16 Sintesi del progetto di colorazione del Palazzo di Cristallo per l Esposizione di Londra del 1851, concepito da Owen Jones sulla base dei colori primari separati da filetti bianchi: il ruolo del Giallo Crystal Palace è quello di esaltare le parti prominenti

17 Medaglioni colore Giallo oro, inseriti nella recinzione colore bronzo del Palazzo Reale di Torino Giallo semaforo

18 Giallo zucca

19 Giallo dorato Terra gialla

20 Giallo ossido

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Catalogo - Listino: Partecipazioni. Catalogo - Listino Partecipazioni

Catalogo - Listino: Partecipazioni. Catalogo - Listino Partecipazioni Catalogo - Listino: Partecipazioni Catalogo - Listino Partecipazioni Una scelta di valore Tutti gli articoli che vedete vengono realizzati artigianalmente dalla Cooperativa sociale Campi d Arte, presso

Dettagli

MATERIALE PER DORATURA E RITOCCHI

MATERIALE PER DORATURA E RITOCCHI 740.020 Bolo rosso in pasta (confezione da Kg. ) 740.02 Bolo nero in pasta (confezione da Kg. ) 740.022 Bolo giallo in pasta (confezione da Kg. ) 740.023 Gesso per doratura (confezione da Kg. ) 740.024

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

Con l'aiuto di Walter e delle nostre maestre siamo riusciti a tingere alcuni pezzi di stoffa per realizzare questo albero.

Con l'aiuto di Walter e delle nostre maestre siamo riusciti a tingere alcuni pezzi di stoffa per realizzare questo albero. Lo sapevate che ortaggi, fiori, frutti, e spezie hanno delle qualità tintorie? Da essi si possono ricavare dei meravigliosi colori per tingere pezzi di stoffa, carta, legno e sassi. Con l'aiuto di Walter

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Le sette Famiglie secondo la suddivisione della Commission Technique de la Société Française des Parfumeurs.

Le sette Famiglie secondo la suddivisione della Commission Technique de la Société Française des Parfumeurs. Classificazione delle fragranze Dolci, pungenti, frizzanti, freschi i profumi possono essere tantissimi e le loro note praticamente infinite. Conoscere quali sono gli ingredienti principali che li caratterizzano

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

Lezione TECNICHE PITTORICHE

Lezione TECNICHE PITTORICHE Lezione TECNICHE PITTORICHE AFFRESCO Tecnica di pittura murale Realizzato a fresco, ovvero sull intonaco ancora umido I colori usati sono terre naturali mescolate a calce Il colore si lega chimicamente

Dettagli

Uni-ATENeO Ivana Torretta Anno Accademico 2014/15 28 NOVEMBRE MARMELLATE E CONFETTURE

Uni-ATENeO Ivana Torretta Anno Accademico 2014/15 28 NOVEMBRE MARMELLATE E CONFETTURE Uni-ATENeO Ivana Torretta Anno Accademico 2014/15 28 NOVEMBRE MARMELLATE E CONFETTURE a cura di Patrizia Frìsoli Docente Dolci Master of Food Slow Food STORIA GRECIA mele cotogne e miele cotte lentamente

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

SNAZAROO. Oli essicanti. Sottotitolo

SNAZAROO. Oli essicanti. Sottotitolo Sottotitolo Oli essicanti Non tossico Tutti gli ingredienti contenuti in questo prodotto rispondono alla normativa europea in materia di cosmetica e giochi. Ipoallergenico Il trucco Snazaroo è formulato

Dettagli

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse La riqualificazione della scena urbana passa necessariamente attraverso un

Dettagli

3) particolare dell intaglio del polittico di santa chiara Venezia. Accademia

3) particolare dell intaglio del polittico di santa chiara Venezia. Accademia varie fasi -falegnameria e intaglio -impanatura -imprimitura -rasieratura -rilevatura dei gessi -punzonatura dei gessi -trasporto del disegno -ripasso del disegno -doratura -pittura -verniciatura 1-FALEGNAMERIA

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini

Agrumi di Sicilia. Rarità, specialità, riscoperte. Storia e origini Agrumi di Sicilia Rarità, specialità, riscoperte Storia e origini Si presume che la famiglia degli agrumi sia originaria dell Asia orientale e che i primi agrumi commestibili siano stati raccolti alle

Dettagli

Rullo lecca lecca. con Sale marino grezzo, Erbe officinali e Frutta

Rullo lecca lecca. con Sale marino grezzo, Erbe officinali e Frutta Rullo lecca lecca con Sale marino grezzo, Erbe officinali e Frutta Lollyroll, è un rullo che nasce per soddisfare le esigenze nutrizionali minerali del cavallo, con sapore salato, grazie al sale grezzo

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa Il tema della riqualificazione degli insediamenti antichi è un nodo cruciale nell insieme degli interventi di pianificazione del territorio

Dettagli

Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo. La storia

Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo. La storia Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo La storia 1709 Giovanni Maria Farina fonda la più antica fabbrica di acqua di Colonia JOHANN MARIA FARI- NA di fronte

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI DIPARTIMENTI DI: -STUDI STORICI - CHIMICA - FISICA - SCIENZE DELLA TERRA - SCIENZE DELLA VITA E BIOLOGIA DEI SISTEMI

Dettagli

FINITURE FREE* (assenza di Nichel) Finiture a telaio e a rotobarile Pag. 1 di 10

FINITURE FREE* (assenza di Nichel) Finiture a telaio e a rotobarile Pag. 1 di 10 FINITURE FREE* (assenza di Nichel) Finiture a telaio e a rotobarile Pag. 1 di 10 FINITURE A TELAIO ORO CHIARO FREE ORO DIRETTO SPESSORE ORO FREE ORO FREE SPESSORE ORO CHIARO DIRETTO ORO DIRETTO RUDERE

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata. (A. Einstein)

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata. (A. Einstein) Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata. (A. Einstein) Da oltre 25 anni APIARIUM si prende cura della vostra bellezza prendendo il meglio della natura e creando prodotti simbolo del made

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

CATALOGO CARPAD 2013

CATALOGO CARPAD 2013 CATALOGO CARPAD 2013 ref.29 ref.30 ref.31 KRAFT AVANA (ref. 29) - maniglia piatta avana 18+8x24 0.14 600 80 22+10x29 0.16 500 80 27+12x37 0.19 350 90 32+13x41 0.21 300 90 32+17x45 0.23 250 90 45+15x49

Dettagli

DAL 1950, COLTIVIAMO LA PASSIONE PER LA QUALITÀ

DAL 1950, COLTIVIAMO LA PASSIONE PER LA QUALITÀ MERLOT COLORE: rubino molto intenso e profondo con sfumature violacee. PROFUMO: intenso, talvolta etereo con note di ciliegia e frutta di sottobosco, a volte si sentono delle leggere sfumature erbacee.

Dettagli

Le finiture di seguito riassunte sono ottenute tramite diversi procedimenti/trattamenti:

Le finiture di seguito riassunte sono ottenute tramite diversi procedimenti/trattamenti: In questa cartella colori, abbiamo riunito tutte le finiture applicabili sui profili e sulle lamiere in alluminio, in grado di riprodurre particolari effetti metallici ed effetti marmo. Tutte le finiture

Dettagli

PRODOTTI PER AEROSOL

PRODOTTI PER AEROSOL PRODOTTI PER AEROSOL SONO REALIZZABILI CON SISTEMA TINTOMETRICO 1735 SONO REALIZZABILI CON SISTEMA TINTOMETRICO 1195 SONO REALIZZABILI CON SISTEMA TINTOMETRICO SPRAY-FACTORY PRODOTTI PER AEROSOL Franchi&Kim

Dettagli

Le nuove dimensioni del colore. Tendenze Creativ

Le nuove dimensioni del colore. Tendenze Creativ Le nuove dimensioni del colore Tendenze Creativ 2 Come nascono le tendenze? Il risultato di intense ricerche Si può prevedere il futuro? O addirittura lo si può calcolare? Il futurologo statunitense John

Dettagli

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata.

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata. Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata. (A. Einstein) Da oltre 25 anni APIARIUM si prende cura della vostra bellezza prendendo il meglio della natura e creando prodotti sinonimo di qualità,

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo

Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo Johann Maria Farina 1709 L unica, ORIGINALE, la più antica acqua di colonia al mondo Storia dell ACQUA DI COLONIA 1709 Giovanni Maria Farina fonda la più antica fabbrica di acqua di Colonia JOHANN MARIA

Dettagli

Dall Oriente a Torino

Dall Oriente a Torino Dall Oriente a Torino Negli anni Trenta del Settecento, Villa della Regina venne arricchita di preziosi gabinetti decorati alla China, piccoli ambienti che ospitavano servizi da tè, caffè e cioccolata

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa La cartella dei colori costituisce lo strumento per guidare gli interventi di tinteggiatura delle facciate nel centro storico, al fine

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

CORSI TECNICHE DECORATIVE

CORSI TECNICHE DECORATIVE CORSI TECNICHE DECORATIVE PROGRAMMA CORSO FINTE CORNICI Finte cornici: Realizzazione di modanature in chiaro-scuro con effetto di finto rilievo (trompe l oeil), bordure per stipiti ed architravi di porte

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

CARTE DECOUPAGE 138 153 155 157 161 162 137

CARTE DECOUPAGE 138 153 155 157 161 162 137 Calambour è una rinomata azienda italiana, leader nel mercato internazionale delle carte per decorazione, che offre ai suoi clienti una vasta gamma di carte artistiche con centinaia di soggetti. Calambour

Dettagli

l innovazione nella categoria dei condimenti

l innovazione nella categoria dei condimenti M ontosco è un marchio leader nei condimenti 100% naturali con oltre 200 referenze tra erbe, spezie, sali, oli extravergine igp, aceti, salse e oli extravergine aromatizzati per infusione di spezie, realizzate

Dettagli

Menù completo per 6 giorni

Menù completo per 6 giorni La BagBox LYOdiet completa contiene: 48 buste così suddivise: 12 buste di Purè ( carote-finocchi, piselli, zucca, zucchine-pomodori) 6 buste di Vellutate (funghi, pomodoro, verdura) 6 buste di Bevande

Dettagli

brand in maniera elegante e raffinata.

brand in maniera elegante e raffinata. Da più di quarant'anni affianchiamo i nostri clienti per fornire le shopper e le confezioni che esaltino al meglio i prodotti, aiutandoli a veicolare i loro brand in maniera elegante e raffinata. I clienti

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico Lo S carabocchio un Percorso A rtistico La mia storia Alessandra Corradini è nata a Busto Arsizio - VA - il 26/08/1967. Laureata nel corso di Pittura dell Accademia di Belle Arti di Brera nell ottobre

Dettagli

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 1 Pantalica ( da pantargo o pantalictos luogo pieno di pietre ) è il più importante sito archeologico della Sicilia orientale

Dettagli

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao,

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, MUSTAZZOLI dolce tipico salentino MUSTACCERE GLASSATE vss INGREDIENTI: Farina di grano tenero tipo 00, zucchero, mandorle, latte, INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, 00,

Dettagli

I CLIENTI INTOLLERANTI O ALLERGICI A QUALCHE INGREDIENTE SONO PREGATI DI AVVERTIRE IL PERSONALE PERCHE VENGANO

I CLIENTI INTOLLERANTI O ALLERGICI A QUALCHE INGREDIENTE SONO PREGATI DI AVVERTIRE IL PERSONALE PERCHE VENGANO 2015 NEI NOSTRI GELATI. CHE COSA SONO LE SOSTANZE ADDENSANTI? SI TRATTA DI SOSTANZE NATURALI CHE, NONOSTANTE I NOMI COMPLESSI, SONO STATE ESTRATTE DA VEGETALI ( DALLE CARRUBE, DAI BACCELLI DI GUAR, DALLE

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico LAVORI DI RICERCA 20534 Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti (Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

Lastre in Vetro Trasparente 20 x 30 cm.

Lastre in Vetro Trasparente 20 x 30 cm. Lastre in Vetro Trasparente 20 x 30 cm. MHC 5001 Trasparente MHC 5003 MHC 5026 Limone MHC 5002 MHC 5004 Sole Hobby Colorobbia MHC 5005 Arancio MHC 5008 Mattone MHC 5007 Rosso Fuoco MHC 5006 Rosso Ciliegia

Dettagli

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC Le essenze legnose Pomilio Giovanni IC 1 Classificazione delle essenze legnose In botanica (la scienza che studia le piante) l essenza indica un arbusto o un albero con parti legnose. Il termine può essere

Dettagli

STRUTTURE PER IL TEMPO LIBERO Verniciatura e manutenzione

STRUTTURE PER IL TEMPO LIBERO Verniciatura e manutenzione IMPREGNANTI ALL ACQUA RM 1010 TRASPARENTE RM 1210 CASTAGNO/NOCE CHIARO RM 1310 NOCE RM 1510 NOCE BRUNO STRUTTURE PER IL TEMPO LIBERO Verniciatura e manutenzione RM 1610 PINO / LARICE RM 1810 MOGANO RM

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

Residenza il Bosco. Milano / Via Marcantonio Dal Re, 20. Rossetta Immobiliare srl T. 02 38010444 www.edilpark.it

Residenza il Bosco. Milano / Via Marcantonio Dal Re, 20. Rossetta Immobiliare srl T. 02 38010444 www.edilpark.it Residenza il Bosco Milano / Via Marcantonio Dal Re, 20 incontra il design delle cucine Ernestomeda In esclusiva per Via Marcantonio Dal Re 20, Milano Rossetta Immobiliare srl T. 02 38010444 www.edilpark.it

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Il verde. su misura. Progettare il giardino

Il verde. su misura. Progettare il giardino Progettare il giardino Il verde Progettare il proprio giardino, grande o piccolo che sia, è fondamentale per la futura fruibilità dell area. Occorre quindi razionalità e fantasia, valutazione attenta della

Dettagli

LA POLICRONIA NELL ARCHITETTURA

LA POLICRONIA NELL ARCHITETTURA LA POLICRONIA NELL ARCHITETTURA Generalità La policromia nell architettura è parte integrante degli edifici sin dall antichità. Anche se è impossibile tracciare uno sviluppo cronologico della storia del

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce I colori primari Il disco di Newton L'armonia I colori complementari I colori secondari I colori

Dettagli

L acquerello. Arch. Giuseppe Romeo - Corso di Disegno del Paesaggio 2011 - Prof V. Macrì

L acquerello. Arch. Giuseppe Romeo - Corso di Disegno del Paesaggio 2011 - Prof V. Macrì L acquerello Arch. Giuseppe Romeo - Corso di Disegno del Paesaggio 2011 - Prof V. Macrì L acquerello, impiegato fin dal 1700 nei disegni architettonici, anche per dare effetti pittorici alle immagini tecniche,

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che:

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: COSA SONO I RIFIUTI? Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: I rifiuti sono le cose che buttiamo perché non ci

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

Cristalline Lucide Apiombiche VLA

Cristalline Lucide Apiombiche VLA Cristalline Lucide Apiombiche VLA VLA 3037 VLA 3074 VLA 3075 VLA 3077 Miele VLA 3205 VLA 3220 VLA 3034 VLA 3006 VLA 3084 Fucsia VLA 3100 VLA 3091 VLA 3093 VLA 3092 VLA 3088 Azzurro VLA 3003 VLA 3007 Dal

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ASPETTI GASTRONOMICI Le TIPICITA delle diverse cucine mondiali Creazione di alcune ricette 2 TIPICITA CUCINA

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

IL COLORE Principi tecnici

IL COLORE Principi tecnici IL COLORE Principi tecnici ECSA Emanuele Centonze SA - Via Luigi Favre 16-6828 Balerna T. 091.695 88 00 - F. 091.695 88 02 - www.ecsa.ch - shop.ecsa.ch Cos'è il colore? Il colore nasce dalla luce: la luce

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce CORSO DI PACKAGING DESIGN Prof.ssa Cristina Croce Brevi cenni di storia del packaging Preistoria Società antiche il cibo si consuma dove lo si trova Primi contenitori: zucche, conchiglie, tronchi cavi,

Dettagli

Sommario. . Introduzione... 11

Sommario. . Introduzione... 11 Sommario. Introduzione... 11 Ringraziamenti...15 Capitolo 1 Storia e proprietà dei germogli...17 1.1 Breve storia dell uso dei germogli... 17 1.2 Proprietà nutritive dei germogli... 22 Proteine, vitamine

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati)

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati) ELENCO ENCICLOPEDIE Enciclopedia: Gli animali V.1 (ed. Fabbri) (Gli animali delle paludi) Enciclopedia: Gli animali V.2 (ed. Fabbri) (Gli animali delle foreste, delle selve) Enciclopedia: Gli animali V.3

Dettagli

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta)

LA CINA. I GRECI (1 laboratorio a scelta) POPOLI ITALICI (1 laboratorio a scelta) PERIODO ROMANO (1 laboratorio a scelta) gialloocra DIDATTICA DELL ARCHEOLOGIA E DELL ARTE a cura di Elisa Brighi ed Evelina Garoni Organizziamo visite guidate e laboratori tematici, indirizzati alle scuole e agli adulti con l'obiettivo di sperimentare

Dettagli

Cartella Colori 2010. Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro

Cartella Colori 2010. Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Cartella Colori 2010 Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Fondi, Smalti e Impregnanti per Legno e Ferro Smalti 1 Bianco Titanio Bianco Ibis Keradecor Eco Lux Smalto eco-compatibile protettivo

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA

IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA P A V I M E N T I IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA 2 3 Il terrazzo alla veneziana è frutto della genialità degli artigiani dell epoca, è conseguenza di dei popoli latini, capaci di sfruttare i poveri due fattori

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

il Painting Cake per tutti

il Painting Cake per tutti il Painting Cake per tutti decora.it Decora, in collaborazione con Tommaso Bottalico, ha creato una serie di strumenti e materiali utili per poter dipingere sulla pasta di zucchero utilizzando la tecnica

Dettagli

DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara

DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara Sforata a tulle, in argento platinato e foderato in oro giallo, incassato con brillanti e diamanti taglio a rosa. Disegnata per una principessa Savoia, questa

Dettagli

Una collezione di porte classiche, laccate, moderne che. risponde agli standard tecnici e qualitativi della migliore

Una collezione di porte classiche, laccate, moderne che. risponde agli standard tecnici e qualitativi della migliore c o l l e z i o n e 2 0 1 0 s e c o n d a e d i z i o n e P O R T E P E R A R R E D O Una collezione di porte classiche, laccate, moderne che risponde agli standard tecnici e qualitativi della migliore

Dettagli

mix di frutta & verdura

mix di frutta & verdura mix di frutta & verdura Uno dei modi migliori di concentrare il vostro fabbisogno giornaliero di frutta e verdura in un solo bicchiere. In effetti, assicurarvi di assumere tutta la frutta e la verdura

Dettagli

U A SCIMMIA PER BOTTO E.

U A SCIMMIA PER BOTTO E. U A SCIMMIA PER BOTTO E. Alla scoperta del mondo sconosciuto dell arte primitiva cinese. Chui-tzu. Scimmia seduta con le mani portate al mento. Osso o avorio. H. cm. 4,3. Appartenenti ad una tradizione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

Zinco prezzi & produzione

Zinco prezzi & produzione Dr Thomas Chaize Analisi Strategia Risorses Zinco prezzi & produzione Mailing n 8-2 26.03.2009 Dr Thomas Chaize Site : contatto & Mailing gratuita : http:///mailing%20list/mailinglistit.htm Zinco, Zn simbolo,

Dettagli