Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)"

Transcript

1 Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto

2 Nota all edizione. Il layout di impaginazione è opera dei curatori; è realizzato in linguaggio LaTeX e si basa sul modello degli Atti dei precedenti Workshop Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica tenutisi a Grosseto nel 2006 e a Genova nel 2007 (quest ultimo ancora in corso di stampa). Tutti gli interventi orali ed i posters del workshop sono stati pubblicati, tranne quelli di M. Landa, M. Lorenzini e L. Sanna, F. Morando. Gli abstract in lingua inglese di E. Demetrescu, A. D Ascoli e P. Forlin sono opera dei curatori. Vista la distanza di tempo tra il convegno e la pubblicazione degli Atti e nonostante il lavoro di aggiornamento effettuato, alcuni siti internet citati nei contributi potrebbero non risultare più attivi o aver modificato il proprio indirizzo. I lavori segnalati come in corso di stampa (cds) erano ancora tali alla data del 31 maggio Il logo in copertina è opera di Luca Bezzi. La pubblicazione degli Atti è stata finanziata col contributo del Dipartimento dei Beni Culturali: archeologia, storia dell arte, del cinema e della musica dell Università degli Studi di Padova. Roma 2012, Edizioni Quasar di Severino Tognon s.r.l. via Ajaccio 41-43, I Roma - ISBN: cb Il volume ed i singoli contributi degli Atti nella versione digitale sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia; ciò significa che il lettore è libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare ed eseguire quest opera, di modificarla e di usarla per fini commerciali, a condizione che venga attribuita la paternità dell opera ai curatori del volume e ai singoli autori dei contributi nei modi indicati dagli stessi o da chi ha dato l opera in licenza.

3 Indice Presentazione Jacopo Bonetto, Giovanni Leonardi Introduzione Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto V IX 1. RELAZIONI 1 L analisi archeologica degli elevati attraverso l uso del free e open-source software Giovanni Luca Pesce 3 Reconstructing the past. Il 3D modeling nella ricerca archeologica Filippo Stanco, Davide Tanasi, Santo Privitera 17 Elementi di metodologia per le applicazioni open source e free software nella restituzione archeologica territoriale ed urbana. Il caso della Marrana di San Giovanni a Roma Emanuel Demetrescu 33 Reinterpretazione delle mappe di Google: WebGIS dinamico elementare e formati aperti con ASP e XML Gianluca Cantoro 43 Network solutions for the management and dissemination of the archaeological data Julian Bogdani, Erika Vecchietti 55 Libera circolazione di dati archeologici: il caso dello scavo di S. Vigilio di Ossana (TN) Nicoletta Pisu, Giuseppe Naponiello 69 Open Archaeology: i Fasti e la pubblicazione online Helga Di Giuseppe, Elizabeth Fentress 85

4 IV INDICE Libertà di accesso, ricerca e riserva di pubblicazione nelle scoperte archeologiche Maddalena Mazzoleni, Zeno Baldo 95 Trasparenza, circolazione e diritto intellettuale per il dato archeologico: un possibile modello dalle licenze Open Source Augusto Palombini, Andrea Schiappelli 101 L accessibilità all Informazione Territoriale: i programmi regionali e le iniziative nazionali ed europee Maurizio De Gennaro, Luca Zennaro POSTER 115 Mura Bastia. Anastilosi informatica della torre di Onigo (Pederobba, Treviso) Vladimiro Achilli, Alessandro Bezzi, Denis Bragagnolo, Massimo Fabris, Matteo Frassine 117 Journal of Intercultural and Interdisciplinary Archaeology. JIIA Eprints Repository: un esperienza OAI-PMH per l archeologia Antonella D Ascoli 127 Montegrotto Terme. Spatial analysis dei reperti mobili applicata alle superfici d uso della capanna pienomedievale (sec. XI-XII): metodologia e risultati Paolo Forlin 135 Roma città aperta. Virtual Rome e il paesaggio archeologico di Roma sul web Luigi Calori, Carlo Camporesi, Andrea Negri, Augusto Palombini, Sofia Pescarin 141 Sistema GIS e strumentazione tradizionale: una soluzione possibile Massimo Dadà, Giuseppe Naponiello 147 Arc-Team s.n.c. open research (sharing results) Alessandro Bezzi, Luca Bezzi, Rupert Gietl 159 Il WebGIS territoriale e di scavo di Montegrotto Terme (Padova) Piergiovanna Grossi, Francesco Pirotti 171 Flessibilità della scelta Open Source in archeologia: i casi di Villa di Villa (TV) e Fondo Paviani (VR) Damiano Lotto 183 Documentazione di scavo in open source: il caso di Montebelluna (TV) Denis Francisci 187

5 2 POSTER

6 Mura Bastia. Anastilosi informatica della torre di Onigo (Pederobba, Treviso)* Vladimiro Achilli, Alessandro Bezzi, Denis Bragagnolo, Massimo Fabris, Matteo Frassine Sommario. Questo contributo illustra un progetto di ricerca attualmente in corso, sotto la direzione scientifica del prof. Guido Rosada (Topografia antica - Università di Padova), presso il sito medievale denominato Mura della Bastia a Onigo di Pederobba (Treviso). L attenzione è rivolta alle diverse fasi di lavoro che hanno consentito sia di ricostruire i vari stadi degenerativi più recenti della torre di Onigo, sia di ricollocare virtualmente i blocchi di muratura ancora coesi relativi al crollo del L intero procedimento di anastilosi informatica (2D) è stato eseguito utilizzando software FOSS. I dati ottenuti mediante laser scanner (Leica HDS 2500) e stazione totale (Leica TC 2003), tutti caricati all interno del software libero MeshLab, hanno infine consentito di creare un modello 3D della torre. Abstract. The paper shows the results of the ongoing research coordinated by the professor Guido Rosada (Ancient Topography - University of Padova). The work is about the medieval site of Mura della Bastia in Onigo di Pederobba (Treviso), in the North-East of Italy. The study provided the historical reconstruction of recent collapses of the Onigo tower and allowed the virtual reconstruction of still-cohesive blocks, crashed down in The whole procedure of data processing reconstruction (2D) was made by software FOSS. The 3D survey of the tower and some agglomerate was performed with Leica HDS 2500 laser scanner and Leica TC 2003 total station. The resulting point clouds were managed with MeshLab an open source software. 1. Mura Bastia: topografia, fonti, archeologia e software liberi Nell alta pianura veneta, tra i due grandi fiumi alpini Brenta e Piave, si sviluppa un ampia fascia collinare, all incirca parallela alle Prealpi, che conserva numerose tracce di insediamenti, tra cui i ruderi di un castello, identificato ancora oggi col toponimo Mura della Bastia. Il sito, collocato a Nord-Ovest dell odierno abitato di Onigo, si trova ad una quota di circa 250 m s.l.m. sopra un crinale che si presenta come un avamposto naturale funzionale al controllo del fiume Piave, importante asse di comunicazione già in epoca protostorica e romana (fig. 1). Il presente contributo è stato curato da M. Frassine. Università degli Studi di Padova. Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Rilevamento DAUR. Laboratorio di Rilevamento e Geomatica LRG. Arc-Team s.n.c. Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Archeologia.

7 118 MURA BASTIA. ANASTILOSI INFORMATICA Fig. 1. Onigo, Mura Bastia. Dall alto: localizzazione topografica (dettaglio da una tavoletta IGM del 1890, F 38 IV SO - Valdobbiadene); planimetria generale (elaborazione M. Frassine); il sito in una ripresa aerea del 29 agosto 2008 (foto M. Frassine).

8 MURA BASTIA: TOPOGRAFIA, FONTI, ARCHEOLOGIA E SOFTWARE LIBERI 119 Diversamente dagli altri insediamenti medievali pedemontani, il castrum di Onigo gode di una documentazione scritta particolarmente copiosa. In particolare, le prime significative notizie si riscontrano all interno di alcune carte processuali, relative alla causa intentata da Giovanni da Onigo contro il Comune di Treviso, per riottenere i propri possedimenti ( ). A seguito, infatti, della caduta di Ezzelino III da Romano (1259), il Comune di Treviso aveva incamerato buona parte dei beni che lo stesso Ezzelino aveva acquisito, secondo la tradizione propter metum et per forciam, dai piccoli potentati locali. Gli atti processuali, riferibili ad un ampio arco cronologico ( ), non solo forniscono indicazioni preziose su alcune strutture presenti all interno del sito, come la canipa o la cisterna, ma ricordano pure alcuni lavori di restauro intrapresi dallo stesso Giovanni, una volta rientrato in possesso del proprio castello. Le fonti documentarie successive, ascrivibili al XIV secolo, evidenziano invece una nuova riorganizzazione dell impianto abitativo a seguito di alcune suddivisioni ereditarie (castrum vetus e novum) e poi un ultima trasformazione in bastia (1386), in relazione allo scontro tra Veneziani e Scaligeri ( ). Proprio sulla base di questi elementi nel 1994 sono cominciate, sotto la direzione scientifica del prof. Guido Rosada (Topografia antica Università di Padova), le prime indagini archeologiche nella zona più munita della fortificazione. Il castello è costituito infatti da una doppia cerchia muraria conservata in molte sue parti, anche per diversi metri d altezza. Nello specifico, quella più esterna si caratterizza per la presenza di una torretta difensiva (t) e una piccola postierla (p), tamponata con un muro a secco; quella più interna, a cui si addossa quella esterna, è connotata invece da un contrafforte (c) aggettante verso Nord e cinge la zona più rilevata della dorsale collinare, appoggiandosi all angolo nordoccidentale della torre (fig. 1). Come si diceva proprio qui, ovvero in quell area corrispondente al dongione, gli scavi si sono concentrati fino al 1998, quando il restauro della torre, gravemente danneggiata da un poderoso crollo nell estate 89, richiese una lunga interruzione delle attività di cantiere. Le indagini, riprese nel 2002, hanno finora trovato un raffronto significativo con le fonti medievali, portando alla luce l ambiente della canipa (B), l area della cisterna (G) e le prime fasi di vita dell impianto castellano, permettendo dunque una lettura più puntuale del dongione, frutto probabilmente di un progetto unitario, ascrivibile forse alla fine del XII - primi XIII. Nell occupazione del sito si sono potute inoltre osservare due cesure temporali: la prima è ascrivibile all epoca romana, completamente assente in questa zona, mentre la seconda è compresa tra il XV e il XX secolo, quando, dopo un lungo abbandono, l area è rioccupata durante la Prima Guerra Mondiale, come punto di controllo e difesa del fiume Piave (novembre 1917-ottobre 1918) 1. Una migliore percezione delle strutture e degli ambienti centrali è stata raggiunta solamente durante la campagna 2007, quando è stato possibile, grazie alla sponsorizzazione delle ditte locali Cotto Possagno e Asolo Costruzioni e Restauri, rimuovere interamente i crolli dell 89, recuperando sia l areale su cui insisteva la torre (J), sia alcune porzioni murarie ancora coese (con peso stimato in taluni casi fino a 5000 kg) pertinenti ai perimetrali orientale e settentrionale 1 Per un quadro storico e archeologico più esaustivo sul castello di Onigo si rimanda a Frassine et alii 2008 (con bibliografia) e agli aggiornamenti in Frassine et alii 2009.

9 120 MURA BASTIA. ANASTILOSI INFORMATICA Fig. 2. Onigo, Mura Bastia: la torre ieri e oggi.

10 MURA BASTIA: TOPOGRAFIA, FONTI, ARCHEOLOGIA E SOFTWARE LIBERI 121 dell edificio principale. Tale operazione, nonostante abbia evidenziato un assenza quasi totale di stratificazione antica a causa delle superfetazioni belliche, ha ugualmente consentito di identificare un edificio quadrangolare 2, di forma subtrapezoidale, le cui misure esterne si attestano intorno ai 15 m per il lato est, ai m per quello nord, ai 16 m per quello ovest e ai 12 m per quello sud, mentre lo spessore delle murature varia tra m, per raggiungere i 2.30 m circa in fondazione; l area interna si può dunque stimare intorno ai 117 m 2 per un altezza attuale (misurata dal punto più basso della fondazione) di circa 19 m. Per quanto concerne invece i crolli della torre, questi sono stati sistemati nella parte orientale del castello, tra le due cinte murarie, con i filari dei paramenti disposti in orizzontale, affinché fosse possibile eseguire da un lato un rilievo fotografico metrico digitale, dall altro un acquisizione sistematica mediante laser scanner. Il progetto, infatti, era volto ad ottenere non solo una documentazione puntuale per delle realtà destinate al degrado, ma anche all anastilosi virtuale della torre in due e in tre dimensioni, creando al contempo un modello reale su cui poter elaborare eventuali opere di restauro. Punto di partenza imprescindibile per attuare tale progetto è stato il recupero e la digitalizzazione delle immagini antecedenti al crollo del 1989 (fig. 2), le quali, una volta rettificate attraverso una serie di programmi Free and Open Source (GRASS, E-FOTO e GIMP) sono state importate nel programma GIS OpenJUMP, scelto per i buoni tools di grafica vettoriale disponibili. Attraverso un confronto sistematico tra le diverse immagini rettificate, sovrapponibili tra loro con un elevato grado di precisione, è stato possibile procedere alla vettorializzazione manuale di ogni singola pietra componente il paramento murario della facciata orientale. Tuttavia, a causa della qualità originaria delle immagini e dell edera infestante, purtroppo talvolta coincidente con punti già poco definiti o indecifrabili nelle foto d epoca, non è stato possibile restituire graficamente tutto il paramento e vani si sono rivelati sia i tentativi di ingrandire la scala di visualizzazione dell immagine per ricercare la massima puntualità nel disegno, sia alcuni ritocchi mirati a zone specifiche attraverso l alterazione dei toni e l aumento dei contrasti di saturazione e luminosità (GIMP): per tali motivi si è dunque preferito lasciare bianche quelle porzioni murarie difficilmente riconoscibili con oggettività (fig. 2). Un analogo procedimento a quello poco sopra descritto è stato in seguito applicato anche alle fotografie digitali di 10 crolli, per un totale di 20 raddrizzamenti ed altrettante vettorializzazioni manuali. Trasformati quindi tutti i raster in vector, cosicchè i vari elementi fossero più facilmente gestibili, si è passati alla fase più lunga e complessa, ovvero quella del confronto tra le varie porzioni murarie crollate e i filari costituenti la facciata della torre. Un lavoro impegnativo non solo per la quantità di dati a disposizione, ma anche perché ciascun paramento, pur mantenendo come linee guida i filari orizzontali, necessitava di molteplici confronti in posizioni differenti. Inoltre, si deve sottolineare che il risultato era tutt altro che scontato sia per le lacune della tessitura muraria, sia perché nel crollo dell estate 89 fu coinvolta anche l ultima porzione superstite del perimetrale 2 Tra la stesura di questo contributo e la stampa, le indagini archeologiche sono proseguite all interno del sito consentendo una migliore lettura della planimetria della torre ora riconoscibile in un edificio sub-rettangolare, con un perimetrale meridionale di m; invariate permangono le altre misure, ad eccezione della superficie interna di circa 121 m 2 (cfr. Frassine 2011).

11 122 MURA BASTIA. ANASTILOSI INFORMATICA Fig. 3. Ricostruzione del paramento orientale della torre di Onigo con le cinque porzioni di crollo ricollocate virtualmente nella loro posizione originaria (studio ed elaborazione M. Frassine, A. Bezzi). settentrionale, certamente conservato fino ad allora, come testimoniano alcune immagini scattate prima del collasso ed una fotografia da poco ritrovata datata al 23 maggio Ciononostante, allo stato attuale dei lavori, il risultato ottenuto appare soddisfacente: infatti, da un lato si e ricostruita puntualmente la dinamica dei crolli recenti della torre (fig. 2), dall altro si sono ricollocati ben 5 massi su 10, di cui uno mostra un attacco perfetto con la muratura superstite (fig. 3). [M.F.] 3Per l immagine suddetta si rimanda a Frassine in Frassine et alii 2008.

12 ANASTILOSI INFORMATICA BIDIMENSIONALE CON STRUMENTAZIONE FOSS Anastilosi informatica bidimensionale con strumentazione FOSS Una risoluzione positiva del progetto di ricollocamento delle porzioni murarie pertinenti al crollo del 1989, recuperate durante la campagna di scavo 2007, è stata possibile grazie ad un accurato processo lavorativo che ha visto l impiego esclusivo di Free and Open Source Software (FOSS). I dati raccolti nelle varie fasi operative sono stati gestiti all interno di stazioni computerizzate su cui era stato installato un sistema GNU/Linux e segnatamente la distribuzione ArcheOS v (Archeological Operating System) 4. La struttura informatica GNU/Linux si è rivelata un ottimo strumento di lavoro grazie alle sue elevate prestazioni, soprattutto per quanto riguarda la stabilità stessa del sistema e la velocità nel gestire ed elaborare dati di dimensioni considerevoli (immagini TIFF ad alta qualità e nuvole di punti tridimensionali PLY). Utilizzando alcuni programmi essenziali come Konqueror e GQview, contenuti all interno dell interfaccia grafica KDE, è stato possibile gestire e ordinare facilmente la grande quantità di dati grezzi ricavati nelle fasi iniziali del progetto. In primo luogo sono state ordinate e catalogate le immagini d epoca, recuperate attraverso un indagine storico-archivistica, raffiguranti la bastia di Onigo. Da questo primo censimento sono state selezionate due fotografie, la prima risalente al 1916 e la seconda al 1930, che ritraggono da un punto di vista quasi frontale la facciata esterna del perimetrale orientale della torre. La scelta è ricaduta principalmente su questi due scatti poiché la loro qualità consentiva un analisi più precisa e dettagliata della tessitura muraria; altre immagini, invece, con un angolo di ripresa analogo, ma riferibili ad un periodo cronologico successivo al 1930, si sono rivelate inutilizzabili ai fini del progetto di comparazione a causa del disturbo provocato dalla crescita vegetazionale dell edera rampicante. I risultati ottenuti in questa prima fase del progetto hanno fornito le linee guida per la campagna di acquisizione dati svoltasi in parallelo alle operazioni di scavo archeologico. La ripresa metrica della facciata orientale, di cui si possedeva, come si è detto, una migliore documentazione, è stata effettuata sia attraverso una battuta fotografica a ripresa frontale con una macchina digitale ad alta risoluzione (Nikon D80), sia mediante la creazione di un sistema di coordinate relative direttamente impostato sul piano parete. La posizione spaziale delle marche di raddrizzamento è stata registrata utilizzando la stazione totale Trimble In modo analogo si è proceduto per la documentazione delle facciate, con paramento ancora integro, di ogni singolo blocco di muratura pertinente al crollo del I dati grezzi (essenzialmente immagini JPG e liste di coordinate in formato testuale) sono stati scaricati ed ordinati all interno delle stazioni informatiche in attesa di essere successivamente rielaborati. Il processo di correzione metrica delle fotografie frontali ha coinvolto diversi software appartenenti a categorie differenti. Attraverso il programma GIS GRASS 6 le coordinate delle marche sono state convertite dal file testuale ASCII in formato raster in modo da ottenere un modello raffigurante la loro dispersione spaziale. Tale modello è stato utilizzato come supporto per il raddrizzamento delle immagini del paramento all interno del modulo Image Rectification della 4 5 Per maggiori dettagli sull impostazione del sistema di coordinate relative si rimanda a Bezzi in Frassine et alii

13 124 MURA BASTIA. ANASTILOSI INFORMATICA suite di stereorestituzione E-FOTO 7. L ultimo passaggio ha impegnato il software di grafica raster GIMP 8 dove è stato possibile effettuare la correzione dei colori delle diverse fotografie 9. Un procedimento simile, ma con alcune modifiche dovute alla differente tipologia di acquisizione del dato, è stato applicato per la correzione metrica delle fotografie storiche. Non possedendo marche di raddrizzamento per questo tipo di immagini, si è deciso di impiegare come punti di controllo gli elementi strutturali della torre ancora presenti sia nelle immagini storiche sia in quelle attuali. L effettiva correttezza del risultato ottenuto è stata verificata attraverso un confronto con i dati di scavo, come la proiezione dei limiti dell edificio, ricavabile dall ampiezza delle fondazioni del rudere. Per le operazioni di comparazione delle immagini metricamente corrette si è preferito utilizzare il formato vettoriale, un supporto dati leggero e facilmente gestibile nelle operazioni spaziali di rototraslazione. I dati raster relativi ai prospetti murari dei blocchi coesi di crollo sono stati importati all interno del software OpenJUMP 10, una workstation GIS integrata con ottimi strumenti di disegno, e vettorializzati manualmente. Nello stesso ambiente i disegni così prodotti sono stati sovrapposti e confrontati con le immagini storiche della torre ridotte, attraverso il file di georeferenziazione, ad un unico valore di scala. Il risultato finale dell intero procedimento ha per il momento consentito di riposizionare un totale di 5 porzioni murarie su 10 analizzate (fig. 3). Il progetto GIS realizzato è stato successivamente impiegato per estrarre le informazioni (vettori di spostamento) necessarie alla collazione dei dati tridimensionali, ottenuti con metodologia laser scanning, all interno di un ambiente virtuale (fig. 4). 3. Il rilievo 3D (metodologia laser scanning) [A.B.] La ricostruzione virtuale della torre è stata effettuata attraverso un rilievo 3D (con metodologia laser scanning) di tutte le superfici dei crolli e degli alzati ancora conservati. Le acquisizioni della muratura della torre sono state realizzate con il laser scanner terrestre a tempo di volo Leica HDS (ex Cyrax) 2500, che fornisce una precisione nella misura delle coordinate di un singolo punto dell ordine dei 5 mm, per distanze strumento-oggetto da 1.5 a 50 m. Lo strumento, tuttavia, può acquisire dati solo all interno di una finestra di 40 x 40 gradi (Field Of View FOV), limitando, di fatto, la quantità di informazioni che possono essere registrate in una singola scansione; ciononostante, la possibilità di stazionare in punti differenti, di ruotare, alzare, abbassare ed inclinare la testa dello strumento consente di acquisire tutte le porzioni visibili ed eliminare, o comunque limitare sensibilmente, le zone d ombra. Durante il rilievo sono stati utilizzati anche target retro-riflettenti, ad alta riflettività, acquisiti sia dal laser scanner che da una stazione integrata Leica TC 2003, per la georefenziazione delle nuvole di punti in un medesimo sistema Il procedimento, ampiamente descritto all interno del Digital Archaeological Documentation Project, è realizzato da Arc-Team s.n.c. per l Università di Innsbruck ed è accessibile al seguente indirizzo: 10

14 IL RILIEVO 3D (METODOLOGIA LASER SCANNING) 125 di riferimento locale, definito da una rete topografica classica. I target sono stati riconosciuti all interno della nuvola di punti generale ed acquisiti mediante scansioni di dettaglio ad altissima risoluzione: le coordinate del centro dei segnali sono state cosı individuate mediando le coordinate di tutti i punti ottenuti. Successivamente i riferimenti artificiali sono stati misurati per mezzo della stazione integrata, attribuendo al centro dei target stessi le coordinate calcolate rispetto al sistema locale. Fig. 4. Onigo, Mura Bastia. Dall alto: unione di alcune scansioni rilevate durante la campagna archeologica 2007; visualizzazione del modello tridimensionale all interno del software FOSS MeshLab (elaborazione D. Bragagnolo).

15 126 MURA BASTIA. ANASTILOSI INFORMATICA I segnali laser scanning sono stati posizionati solo nella parte più bassa della muratura, facilmente raggiungibile senza carrelli elevatori o ponteggi: in questo modo, le scansioni delle porzioni più alte sono state effettuate, senza riferimenti artificiali, prevedendo sovrapposizioni di circa il 60 per cento tra acquisizioni successive, mentre per quelle più basse, provviste di target, è stato operato con sovrapposizioni di circa il 5-10 per cento al solo scopo di garantire la continuità di rilievo e di rappresentazione; complessivamente sono state eseguite 19 scansioni con passo medio di campionamento di 1 cm. Con la stessa strumentazione si è eseguito il rilievo delle porzioni murarie crollate: in questo caso sono stati considerati i crolli che presentavano dimensioni più rilevanti, mediamente superiori ad 1 m 3. I blocchi acquisiti, in un numero di 9, sono stati posizionati su un area piana e distanziati opportunamente per poter effettuare l acquisizione di tutte le superfici senza target; inoltre, per ridurre il numero di scansioni complessive, è stato scelto di rilevare l intera zona anzichè ogni singolo elemento. Dopo aver eseguito il rilievo delle porzioni visibili, per l acquisizione delle superfici appoggiate sul terreno, e di conseguenza non scansite nella prima fase, è stato necessario ribaltare i crolli e, per alcuni, attuare delle opportune rotazioni allo scopo di ridurre le zone d ombra e gli elementi in sottosquadro; da 11 stazionamenti differenti sono state quindi ottenute 31 scansioni effettuate con passo medio di acquisizione di 5 mm (con sovrapposizioni di circa il 60 per cento): in questo caso è stato necessario procedere alla massima risoluzione strumentale (compatibilmente anche con le precisioni che fornisce il laser scanner, ossia circa 5 mm) a causa della complessità morfologica dei blocchi che presentavano elementi difficilmente riconoscibili cambiando il campo di acquisizione 11. Le scansioni finali sono file numerici in formato testo contenenti milioni di punti: allo scopo di ottenere prodotti più gestibili, i punti sono stati triangolati ottenendo superfici mesh in formato STL (Solid To Layer) facilmente trattabili anche dai più comuni software Free and Open Source (MeshLab) (fig. 4). [M.Fab., V.A., D.B.] Bibliografia Frassine M. 2011, Un castello tra Medioevo e Grande Guerra, in Rosada G. (a cura di), Onigo, Mura Bastia : campagna 2009, Quaderni di Archeologia del Veneto, 26 [2010], pp Frassine M., Rosada G., Fabris M., Achilli V., Bragagnolo D., Bezzi A. 2008, Mura della Bastia - Onigo di Pederobba (Treviso). Ricerche archeologiche, rilievo 3D laser scanning e anastilosi virtuale in un castello medievale del Pedemonte trevigiano, Archeologia e Calcolatori, 19, pp Frassine M., Bezzi A., Fabris M., Achilli V., Bragagnolo D. 2009, Mura Bastia. Dati archeologici, informatizzazione e rilievi 3D laser scannig del castello degli Onigo (Pederobba, Treviso), Archeologia e Calcolatori, 20, pp Per approfondimenti ulteriori si rimanda a Fabris, Achilli, Bragagnolo in Frassine et alii

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner terrestre

IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner terrestre INN.TEC. srl Consorzio per l Innovazione Tecnologica Università degli Studi di Brescia IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner

Dettagli

Rilievo morfologico del manto stradale

Rilievo morfologico del manto stradale Rilievo morfologico del manto stradale Federico Ferrari L utilizzo del Laser Scanner D Cyrax System nel campo dell incidentistica stradale per perizie legali è collocabile all interno dei programmi di

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713 PROGETTO DI RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO IINCARIICO PER IINDAGIINII PRELIIMIINARII RIILIIEVO LASER SCANNER REPORT FINALE Revisione 00 Prot 102 Data 26 Novembre 2013 Autore Ing. Matteo Castelli Certificazione

Dettagli

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008)

Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica. Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) Open Source, Free Software e Open Format nei processi di ricerca archeologica Atti del III Workshop (Padova, 8-9 maggio 2008) a cura di Luca Bezzi, Denis Francisci, Piergiovanna Grossi, Damiano Lotto Nota

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO Archeologia e Calcolatori Supplemento 4, 2013, 228-232 ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO 1. Premessa La realizzazione di un sistema

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, CHIMICA, AMBIENTALE E DEI MATERIALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEO-CARTOGRAFICHE, ESTIMATIVE ED EDILIZIE TECNICHE DI MODELLAZIONE 3D A PARTIRE DA DATI RILEVATI

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

L impronta digitale dei Dipinti

L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei dipinti Bernd Breuckmann - Breuckmann GmbH (Traduzione di UNOCAD Srl) SOMMARIO Normalmente consideriamo i dipinti come oggetti quasi piatti, nei

Dettagli

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del La prima fase dell attività topografica e di rilevamento si é svolta nel periodo che va dal 25 Settembre al 25 Ottobre 2006 ed é stata realizzata da Angela Bizzarro e Alessandro Tilia. L immagine rappresenta

Dettagli

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA)

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA) Via G. De Marinis, 13 70131 (ITALY) e mail: info@geotek rilievi.com web: www.geotek rilievi.com COMUNE DI ADELFIA (BA) LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA FASE: SMASSAMENTO

Dettagli

PointCloud 7.0 Anno 2011

PointCloud 7.0 Anno 2011 PointCloud 7.0 Anno 2011 Compatibilità con AutoCAD 2007-2012 ed AutoCAD 2007-2012 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI FISICA TECNICA RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE

Dettagli

Di cosa parliamo? Con la cultura si mangia? Lo stato di salute del settore culturale

Di cosa parliamo? Con la cultura si mangia? Lo stato di salute del settore culturale Di cosa parliamo? Con la cultura si mangia? Lo stato di salute del settore culturale Esempi di applicazioni di Free and Open Source Software nei Beni Culturali Tecnologia e Free and Open Source Software

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER

RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER Studio Tecnico Associato CALCATERRA Geom. Giancarlo - PRADELLA Geom. Ermindo SONDRIO RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER Cenni metodologici ed esempi Febbraio 2015 L

Dettagli

Il rilievo ai fini del progetto di restauro

Il rilievo ai fini del progetto di restauro Il rilievo ai fini del progetto di restauro A. Rilievo Grafico 1. Cartografia a. Corografia in scala 1/25.000, 1/10.000 b. Planimetria urbana (pianta catastale) in scala 1/2.000, 1/1.000 c. Planimetria

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DEGLI ALZATI Per collegare correttamente il rilievo altimetrico di più ambienti sovrapposti in verticale è necessario costruire un riferimento esterno all edificio al quale relazionare le quote

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Introduzione (PREtrattamento atti GEOmetrici) è uno strumento di supporto per i tecnici professionisti quali geometri, ingegneri, architetti, periti agrari

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXX

RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXX RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXXXXXXX PROVA n. 3651/XX Committente: Relatore: XXXXXXXXXXXXX ing. Georg Schiner Vista della parete di intarsio marmoreo XX/88/09/mt Bolzano, 9 Settembre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Scuola di Grafica Computerizzata

Scuola di Grafica Computerizzata CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA Viale Appio Claudio 289 (Metro A Giulio Agricola) Tel: 06.71546212 3462179491 www.erbasacra.com; erbasacra@erbasacra.com Scuola di Grafica Computerizzata Docente: Arch. Carlo

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER

Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER Il rilievo con Laser Scanner produce una nuvola di punti che riproduce fedelmente l intera area interessata dall intervento. Che si tratti del rilievo di un edificio,

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

Multi Positioning System. Multi Positioning Software

Multi Positioning System. Multi Positioning Software O F F I C E Multi Positioning System Multi Positioning Software XPAD MPS Multi Positioning System Una nuova concezione di software per il trattamento dei dati topografici con una vera integrazione di informazioni

Dettagli

Analisi morfologiche con QGIS

Analisi morfologiche con QGIS Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 27 marzo 2013 Interpolazioni Il plugin Interpolazioni implementa all interno di QGIS alcuni dei più comuni

Dettagli

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Mappe catastali originali di Impianto Raster Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Hotel Express by HOLIDAY INN Via Savigliano, 116 - Località Casello di Marene Cherasco, 09/06/2010 Geom.

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico

Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico Università degli studi di Udine Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura Comune di Udine Servizio Edilizia Privata, Ambiente e Sportello Unico Attività di tirocinio: raccolta, organizzazione e

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software 1) Nome del software AutoCAD Map 3D 2) Genealogia del software Software sviluppato da Autodesk e basato su AutoCAD, di cui contiene tutte le

Dettagli

Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS)

Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS) Applicazioni Gis in Campo Territoriale e Ambientale Agripolis, 17 novembre 2010 Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS) Renato Augelli Sarianna Scalco Presentazione di

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI PERCHE' 3D? Documentazione e analisi di contesti archeologici Conservazione digitale e tutela Divulgazione (filmati / realtà virtuale) GIS RILIEVO 3D Misura

Dettagli

LASER SCANNER 3D. applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner scanner terrestre

LASER SCANNER 3D. applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner scanner terrestre LASER SCANNER 3D applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner scanner terrestre Il software per l estrazione l di informazioni da modelli tridimensionali e per la

Dettagli

TEXTURIZZAZIONE DI IMMAGINI TERMICHE SU NUVOLE DI PUNTI DA LASER SCANNER TERRESTRE

TEXTURIZZAZIONE DI IMMAGINI TERMICHE SU NUVOLE DI PUNTI DA LASER SCANNER TERRESTRE TEXTURIZZAZIONE DI IMMAGINI TERMICHE SU NUVOLE DI PUNTI DA LASER SCANNER TERRESTRE Ginevra BOATTO (*), Vladimiro ACHILLI (*), Andrea CABRUCCI (**), Massimo FABRIS (*), Marco NARDINI (**), Sergio PADOVANI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

APPLICAZIONI IN AMBITO IMPIANTISTICO ED INDUSTRIALE

APPLICAZIONI IN AMBITO IMPIANTISTICO ED INDUSTRIALE Università degli Studi di Brescia Prof. Giorgio Vassena APPLICAZIONI IN AMBITO IMPIANTISTICO ED INDUSTRIALE La tecnologia Laser Scanner La tecnologia si basa su uno strumento, denominato laser scanner,

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

ROCCA MEDIEVALE - PASSIGNANO, PERUGIA

ROCCA MEDIEVALE - PASSIGNANO, PERUGIA ROCCA MEDIEVALE - PASSIGNANO, PERUGIA Restauro conservativo, consolidamento e sistemazione della Rocca Medievale di Passignano sul Trasimeno (PG). Committente: Comune di Passignano sul Trasimeno (PG).

Dettagli

Corso CAD 2D/3D E FOTOINSERIMENTO PAESAGGISTICO OBIETTIVI DEL CORSO

Corso CAD 2D/3D E FOTOINSERIMENTO PAESAGGISTICO OBIETTIVI DEL CORSO Corso CAD 2D/3D E FOTOINSERIMENTO PAESAGGISTICO Responsabile Scientifico: Ing. Gennaro Annunziata Responsabile Organizzativo: Ing. Domenico Aversa Docente: Ing. Claudio Ciciriello OBIETTIVI DEL CORSO Gli

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

Tecniche di rappresentazione La legenda GIS

Tecniche di rappresentazione La legenda GIS Diaprtimento di architettura di Firenze Tecniche di rappresentazione La legenda GIS Analisi del territorio e degli insediamenti università degli studi di Firenze _ dipartimento di architettura Dati associati

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO CORSO GIS BASE La Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto organizza un Corso di GIS livello base, della durata di 36 ore. G.I.S. (Geographic Information System) è un sistema informativo

Dettagli

Introduzione. Via Col Berretta, 6 35141 Padova Tel.:0498725982 Cel.:3482472823/3487450329 Mail: info@scannerlaser.it Web: www.scannerlaser.

Introduzione. Via Col Berretta, 6 35141 Padova Tel.:0498725982 Cel.:3482472823/3487450329 Mail: info@scannerlaser.it Web: www.scannerlaser. Introduzione Geo Controlli, branch geofisico di Valtronic Europe, opera nel campo dei rilievi geologici, topografici e geofisici. Il settore è nato dall unione di professionisti altamente qualificati con

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO)

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) 1 RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) DI MASSIMO SABATINI Lo studio finalizzato ad un interesse di carattere statico e conservativo eseguito sulle volumetrie degli oggetti, ha

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a.

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a. Soggetti promotori: Comune di Teramo Regione Abruzzo Arcus s.p.a. Partners scientifici: Virtual Heritage Lab, Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali School of Social Sciences, Humanities

Dettagli

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh www.terrelogiche.com Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh >>ROMA >>07-08-09 ottobre 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale. Sapienza Università di Roma, Via Eudossiana,

Dettagli

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI Ricerche e proposte sulle cave del Veneto Convegno: auditorium di palazzo Bomben, via Cornarotta 7, Treviso; 10 marzo 2006. Esposizione: palazzo Caotorta, via Cornarotta 9, Treviso; dal 10 marzo al 19

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO

ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO Mus. civ. Rovereto Atti del Workshop in geofisica 5 dicembre 2008 157-161 2009 GIORGIO VIAZZO (*) & ARNALDO TONELLI (**) ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO

Dettagli

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPLOMA UNIVERSITARIO A DISTANZA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI Consorzio Nettuno - NAPOLI a.a. 1999-2000 RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI prof.

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

TachyCAD 8.0 Anno 2010

TachyCAD 8.0 Anno 2010 TachyCAD 8.0 Anno 2010 TachyCAD 8.0 contiene molte nuove novità! Le più importanti sono: Nuova struttura del software: nuove soluzioni verticali al posto dell estensione modulare Compatibilità con AutoCAD

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

GIS e dati - Breve Introduzione

GIS e dati - Breve Introduzione 44th Annual Conference of the Italian Operational Research Society (AIRO 2014) Como 2-5 September 2014 Polo Territoriale di Como Laboratorio di Geomatica GIS e dati - Breve Introduzione Marco Negretti

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo

WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Open SoundS WP1: Struttura e tecnologia del Portale, Logo Informazioni sul progetto Titolo del progetto: Peer education on the internet for social sounds Area di riferimento: Educazione musicale attraverso

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Il target Il recupero dei disegni tecnici

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

la restituzione prospettica da singolo fotogramma

la restituzione prospettica da singolo fotogramma la restituzione prospettica da singolo fotogramma arch. francesco guerini francesco.guerini@gmail.com politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione 1 Prof. Andrea

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli