Bimbarte: più dell arte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bimbarte: più dell arte"

Transcript

1 Bimbarte: più dell arte Itinerario didattico Anno scolastico 2008/2009 Delia Grata Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 1

2 Indice A. Scheda base presentazione progetto pag. 3 B. Presentazione istituto scolastico Malvaglia pag. 19 C. Presentazione istituto scolastico Blenio pag. 22 D. Schede specifiche Classe prima pag. 26 Classe seconda pag. 68 Classe terza pag. 93 Classe quarta pag. 124 Classe quinta pag. 147 D. La mostra pag. 174 Elenco libri Ringraziamenti Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 2

3 A Scheda base presentazione progetto Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 3

4 SCHEDA BASE PER LA PRESENTAZIONE DELL ITINERARIO DIDATTICO Docenti relatori: Delia Grata, Micaela Studer Sedi: Biasca, Blenio, Claro e Malvaglia Classi: I II III IV V elementare Titolo dell attività: Bimbarte: più dell arte 1. PREMESSA Oss.: la parte introduttiva dello scritto che segue è stata redatta dalle docenti di attività creative (AC) Delia Grata e Micaela Studer proprio perché tutto il progetto è stato svolto in stretta collaborazione. Il piacere per l arte, nelle sue molteplici sfaccettature, ci ha sempre viste entrambe coinvolte e, di base, è stata la scintilla che ha dato avvio a questa avventura. L idea è nata quale logica conseguenza a quanto abbiamo vissuto durante i vari corsi di aggiornamento ai quali abbiamo partecipato. Questi momenti, oltre che ad averci fornito materiale pratico e informazioni teoriche, sono stati per noi un importante punto di incontro/scambio con altri docenti: la somma di tutti questi fattori ha prodotto l idea che poi abbiamo deciso di sviluppare in collaborazione. È stata svolta quale attività principale del programma annuale di AC, nei vari istituti scolastici nei quali operiamo, completata con la messa a disposizione di una collezione di libri a tema (v. allegato L arte nei Libri, catalogo della mostra itinerante organizzata da Bibliomedia, Biasca) e con l esposizione di parte dei lavori prodotti in Casa Cavalier Pellanda a Biasca (v. scheda La mostra ).Il progetto era volto ad avvicinare i bambini all arte, al senso estetico e all uso dei colori. Ad ogni classe è stato assegnato un pittore la cui opera è stata esplorata e rielaborata con tecniche e materiali diversi ed ha occupato, a momenti alterni, praticamente l intero anno scolastico. Il percorso didattico ha permesso al singolo allievo di sviluppare quella caratteristica dalle quale è stato maggiormente attratto (colore, forme, materiali, tecnica, ), di personalizzare l opera dell artista ed era inteso a valorizzare le conoscenze degli allievi assecondandone le suggestioni nell ambito delle esigenze del progetto stesso (metafore, personaggi simbolici, ) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 4

5 2. OBIETTIVI Approccio a: arte, colore, tecniche pittoriche (tempera, acquerello, china, carboncino, stampa, ) e applicazioni pratiche con altre tecniche (vedi schede singole classi/lavori). Conoscenza di uno o più artisti e stili. Analisi visiva e riproduzione il più possibile fedele di un quadro. Elaborazione e trasformazione a libera interpretazione di una sua opera per creare applicazioni pratiche. Orientazione dell allievo ad una partecipazione consapevole che lo vedrà protagonista. Offerta di un esperienza non comune e straordinaria. Offerta di un educazione visiva che fornisca loro i mezzi opportuni per capire e interpretare le immagini. Autonomia e indipendenza nell organizzazione del proprio lavoro e del proprio spazio. Responsabilità nell uso dei vari attrezzi e nella fase di riordino. Padronanza e rispetto degli spazi e dei materiali a disposizione. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 5

6 3. MATERIALE In generale, per tutte le attività, in classe erano sempre a disposizione: fogli di vario genere e grandezza pennelli, di diversi tipi e misure colori (tempera, acrilici e a olio) vaschette, tavolozze, bicchieri matite colorate pennarelli e pennarelli indelebili acquarelli colori a china con cannucce e pennini carboncino neocolor (acqua, cera e olio) libri internet e beamer Il materiale specifico sarà elencato nelle rispettive schede. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 6

7 Il classificatore del pittore Oltre a tutto il materiale fin qui descritto, va menzionato anche il classificatore del pittore che praticamente consisteva in una raccolta di fotocopie a colori di numerose riproduzioni dei quadri dei vari artisti. Questa documentazione è sempre stata a disposizione dei bambini per qualsiasi attività o curiosità. Dovutamente presentata ad inizio anno, ha permesso ai bambini sia di lavorare sulle riproduzioni che li vedevano direttamente coinvolti, sia anche di andare a scoprire altri artisti. Interessante il vedere, a fine anno, il grado di autonomia raggiunto in tutte le classi nell andare a consultare questo documento in maniera del tutto autonoma. Classe I: opere di Joan Mirò Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 7

8 Classe II: opere di Wassily Kandinskij Classe III: opere di Jackson Pollock Classe IV: opere di Vincent Van Gogh Classe V: opere di Pablo Picasso Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 8

9 4. SVOLGIMENTO Approccio al tema Le modalità di approccio al tema differivano a dipendenza del livello della classe, delle scelte delle docenti di AC ed erano supportate da testi specifici (v. elenco dettagliato allegato) e attrezzature mediatiche e informatiche quali computer, internet, beamer e macchina digitale. Questa fase ha previsto soltanto in certi casi l approccio ad una tecnica artistica specifica: crediamo infatti l aspetto puramente tecnico come secondario rispetto all importanza della creatività e del fare artistico. Le opere proposte non sono state spiegate, ma semplicemente guardate liberamente in modo da stimolare l osservazione come attività fine a sé stessa; i bambini hanno espresso spontaneamente le proprie impressioni, le proprie sensazioni e le visioni, indipendentemente dal problema della necessità di capire. L osservazione guidata, momento indispensabile del percorso di educazione all arte e alla cultura, di varie opere di artisti (Kandinskij, Klee, Van Gogh, Picasso, Mirò e Pollock) ha permesso ai ragazzi di riconoscere stili diversi: sperimentando alcune tecniche hanno difatti espresso sensazioni parzialmente proprie grazie all uso di colori, forme e materiali diversi. Naturalmente il registro adottato e la complessità del ragionamento son stati adattati alla fascia d età. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 9

10 Esempi: 1. In classe è stata portata una scatola sulla quale figurava espressamente l indirizzo della classe stessa, il contenuto era legato alla pittura e all artista che li avrebbe accompagnati in questa avventura. Gli allievi, riuniti in cerchio, sono stati invitati ad indovinare il contenuto e partendo da questo si è sviluppata la discussione intorno all arte in generale, raccogliendo suggestioni e conoscenze spontanee. Per avvicinarsi all artista e scoprirne lo stile, a gruppi sono stati ricostruiti dei puzzle di sue opere. 2. In classe la docente titolare aveva preparato l occorrente per affrontare il tema della teoria dei colori. Ad inizio lavoro, la docente, provocatoriamente, ha chiesto ai ragazzi per quale motivo, secondo loro, si tornava a riprendere la teoria dei colori. Con le risposte, si è arrivati ad approfondire il tema delle tecniche pittoriche, dell uso appropriato dei colori ed in seguito, con il supporto di libri specifici, ci si è avvicinati al mondo dell arte e in particolare al pittore che avrebbe fatto da fil rouge durante l anno. S è rilevata di fondamentale importanza la collezione di libri a tema organizzata da Bibliomedia Biasca e a noi prestata, su nostra espressa richiesta, per l occasione. I testi, a disposizione a rotazione nei vari istituti, son stati dei validi collaboratori in svariate forme. Da un canto, data la loro presenza costante in aula nel corso delle attività, hanno fatto da supporto alle lezioni stesse. Dall altro, agli allievi è stata data la possibilità portare a casa il libro incentivando le conoscenze e la voglia di sapere. Quanto fin qui espresso è stato adottato per ogni singolo lavoro quindi, per scelta, abbiamo ritenuto superlfua una sua ripetizione all interno di ogni scheda singola. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

11 Fase progettuale Questa fase è stata improntata su una serie di lavori pratici (vedi schede specifiche) e necessari preparatori per il progetto finale. Sottomano (scheda specifica numero 1) Stampa Pittura con le dita Acquarelli China Pennarelli Neocolor Stampa sotto plastica (motivi casuali) Buste porta lavori (scheda specifica numero 2) Forbicicchio Composizione di forme astratte Pittura con le biglie Colore trascinato con dettagli in china Calepino dell artista (scheda specifica numero 3) Pittura con le biglie Motivi casuali Dripping Pressa (scheda specifica numero 4) Traforo Trapano Découpage Pittura Collage Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

12 Fase esecutiva Ad ogni classe è stato assegnato un artista del quale son state eseguite più opere, delle quali una sola è stata presentata alla mostra in casa Cavalier Pellanda. Elenchiamo di seguito le opere esposte: Classe 1: Joan Mirò Metro (Istituto scolastico Claro, cl. I, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Biasca, cl. I, scheda n. 5) Opere dell artista copiate (Istituto scolastico Malvaglia, cl. I e I/II, scheda n. 5) Scarpetta (Istituto scolastico Blenio, cl. I, scheda n. 5) Classe 2: Wassily Kandinsky Opere elaborate con materiali diversi (Istituti scolastici Claro e Biasca, cl. II, schede n. 5) Quadro (Istituto scolastico Malvaglia, cl. II, scheda n. 5) Classe 3: Paul Klee Opere elaborate con materiali diversi (Istituto scolastico Claro, cl. III, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Biasca, cl. III, scheda n. 5) Jackson Pollock Pressa (Istituto scolastico Malvaglia, cl. III, scheda n. 5) Porta buste (Istituto scolastico Blenio, cl. III, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Blenio, classe III, scheda n. 5) Classe 4: Jackson Pollock Opere elaborate con materiali diversi (Istituto scolastico Biasca, cl. IV, scheda n. 5) Pablo Picasso Copia di un opera (Istituto scolastico Claro, cl. IV, scheda n. 5) Vincent Van Gogh Piatto (Istituto scolastico Blenio, cl. IV, scheda n. 5) Copia di un opera (Istituto scolastico Malvaglia, cl. IV, scheda numero 5) Classe 5: Pablo Picasso Opera ispirata all artista (Istituto scolastico Blenio, cl. V, scheda n. 5) Copia di un quadro (Istituto scolastico Malvaglia, cl. v, scheda n. 5) Jackson Pollock Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Claro, cl. IV-V e V, scheda n. 5) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

13 La teoria dei colori Nella fase esecutiva di tutto questo nostro percorso, il colore, collegato all arte, è stato il punto focale di innumerevoli lavori. La presente descrizione di quanto svolto in questo ambito, (accompagnato da approfondite spiegazioni verbali e col supporto dei testi specifici compresi nella mostra di libri Bibliomedia), con le sue numerose applicazioni è stata fatta in tutte le classi adattando semplicemente il grado di difficoltà al livello. Obiettivi Avvicinare l allievo al colore e al suo utilizzo Sperimentare lo schiarimento del colore con acqua Sperimentare lo schiarimento del colore con bianco Sperimentare lo scurimento del colore con nero Sperimentare il cambio del colore partendo dai tre colori primari: giallo, rosso e blu Usare correttamente e in modo pulito il colore, il pennello e lo spazio Potenziare la sensibilità nell accostamento armonioso di colori Usare con parsimonia il colore Fase esecutiva Ad inizio anno, sull arco di un paio di lezioni, gli allievi sono stati invitati a fare degli esercizi con i colori. In particolare è stato dapprima chiesto loro di schiarire i tre colori primari con acqua e con il colore bianco. Queste prove sono state effettuate su foglio da disegno A5. Schiarimento del colore con acqua Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

14 Schiarimento del colore con bianco Scurimento con nero Queste tre prove sono state fatte da tutti gli allievi a partire dai tre colori primari: giallo, rosso e blu, per un totale minimo di 9 prove Cambio del colore: giallo-rosso / giallo-blu / blu-rosso Queste esercitazioni hanno permesso una pratica dell elaborazione del colore, del suo dosaggio e dell uso del pennello. Ogni bambino, a scelta, poteva tracciare delle semplici pennellate di colore oppure disegnare dei cerchi. Tutti si sono quindi ritrovati, a fine percorso, ad avere una prima raccolta di 12 prove destinate all allestimento del calepino dell artista. È stata inoltre consegnata la seguente scheda documentativa che, opportunamente presentata, discussa e ripresa in innumerevoli momenti, è andata a sommarsi a tutto il resto del materiale all interno del calepino dell artista. Nella stessa, si è volutamente omessa una descrizione scritta con la volontà di stimolare il discorso e le susseguenti riflessioni in maniera del tutto spontanea dall allievo. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

15 Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

16 5. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI Il percorso globale ha intenzionalmente occupato gran parte dell anno scolastico ed era esteso a tutte le classi. Questo per permettere da un canto di avere una visione il più possibile completa sull evoluzione degli allievi in ambito creativo/artistico e dall altro per riservare dei momenti ad altre esigenze di classe o istituto (es.: sfilata di carnevale, mostra dei presepi, ) L esperienza vissuta è stata indubbiamente coinvolgente, stimolante, arricchente ma comunque anche molto intensa e onerosa. L impegno maggiore è stato richiesto nella fase preparatoria che ci ha viste coinvolte in una fitta ricerca volta all approfondimento personale (inerente l arte in generale, gli artisti proposti e le rispettive tecniche) ma anche in una ricerca strettamente legata alle applicazioni pratiche (con il rispettivo iter progettuale sfociato nel prodotto finale). A tal proposito segnaliamo che un improvviso cambiamento nelle date previste per l esposizione (anticipata di circa un mese rispetto alle date previste in un primo tempo), ci ha viste costrette a comprimere i tempi di realizzazione, obbligandoci ad una corsa contro il tempo. Riteniamo inoltre doveroso segnalare come un progetto tanto vasto (sia per la durata, sia per la sua estensione a tutte le classi di SE) e il dover replicare certe lezioni più volte, s è rilevato per noi docenti di AC, ripetitivo e a tratti addirittura monotono. La possibile soluzione a questo problema sarebbe quella di ridurre la tempistica o di lavorare con un numero di classi limitato. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

17 In alcuni casi o momenti, l attività è risultata difficoltosa per mancanza di spazio, soprattutto in relazione alla varietà e alla quantità di materiale (colori, fogli, pennelli, contenitori vari, opere in fase di asciugatura, ) che l attività stessa imponeva. In questi casi in particolare agli allievi era richiesta indipendenza nell uso del materiale e degli spazi. Come auspicato nella fase di ipotesi di lavoro, il riscontro dei singoli allievi è stato decisamente positivo su più fronti: segnalazione di informazioni (mostre, articoli di giornale, libri, ) legate al tema base e in seguito condivise con la rispettiva classe esecuzione di disegni/lavori durante il tempo libero proposte spontanee di attività Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

18 ricerche su internet l approccio all arte proposto, con l osservazione di varie opere, ha permesso agli allievi di avvicinarsi, in certi casi, a tendenze e movimenti artistici (cubismo, arte moderna, dripping, ), stimolandone la curiosità e la creatività ed incrementandone il bagaglio culturale personale Come fase di elaborazione e di crescita basata sull esperienza appena vissuta, in classe, a fine attività, son stati riservati alcuni momenti di discussione e confronto durante i quali gli allievi son stati portati a riflettere sull evoluzione intercorsa a partire dall opera dell artista e che ha portato al prodotto finale. In merito a tutto quanto svolto, gli artisti in erba, oltre ai classici è stato bello, mi è piaciuto, mi sono divertito, hanno detto: Andiamo a vedere Van Gong a Basilea? Non mi piace il pennello perché vado sempre fuori dalle righe ma sono loro che si spostano!. Mi è piaciuto usare così tanti colori Vorrei che ci fosse un pittore che non fa tutto perfetto e che esce dalle righe È stato bello perché certe volte abbiamo anche saltato la ricrea Prima giocavo solo a pallone e adesso ho voglia di stare in casa a disegnare e mia mamma mi sgrida perché dice che devo uscire a prendere aria! Ci hai fatti divertire però che fatica fare le cose belle! La mamma mi ha sgridato perché arrivavo sempre a casa tutto pieno di colore. Una volta me ne ha trovato anche in un orecchio! Io sono orgoglioso dei miei disegni! Alcuni prodotti durante l anno son stati esposti dagli allievi stessi in spazi a loro disposizione, e da loro stessi gestiti, per una sorta di vetrina ispiratrice. Tutte le opere sono rimaste di proprietà dell allievo. 7. BIBLIOGRAFIA: vedi documento allegato Bibliomediartebiasca mostra itinerante del libro d arte per ragazzi L Arte nei Libri Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

19 b Presentazione istituto scolastico di Malvaglia Per meglio inquadrare gli ambiti lavorativi nei quali mi trovo ad operare, ritengo doverosa una breve presentazione delle degli Istituti Scolastici. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

20 Malvaglia La sede di Malvaglia delle scuole elementari è uno stabile di non recente costruzione che si sta rilevando sempre più ristretto a causa del costante aumento del numero di allievi che attualmente sono più di 120. Nell aula di attività creative, sono ospitate numerose altre attività e lezioni, ciò che determina un adattamento solo parziale alle necessità per le varie attività. L aula, spaziosa e abbastanza luminosa, a suo tempo era stata adibita ad aula di scuola dell Infanzia e per questo motivo è dotata di lavandini un po troppo bassi e non sempre funzionali al momento della pulizia del materiale. Da quest anno, grazie in particolare alla disponibilità e alla collaborazione del docente responsabile Dario Cittadini è stato possibile allestire in un locale interrato interno al palazzo stesso un aula che è stata adibita alle attività prettamente manuali (falegnameria, vimini, ). In questo modo è stato possibile guadagnare un po di spazio nell aula di attività creative. La collaborazione con i docenti titolari è stata indubbiamente buona. Tutte le lezioni, con tutte le classi (sei sezioni), si son svolte con la loro presenza e, di riflesso, con la classe intera. Con le classi numerose, a volte la situazione era piuttosto caotica, però in questo modo si son potuti portare avanti i vari progetti in gruppo. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

21 In questa sede è presente una pluriclasse: I-II. Per praticità e soprattutto per evitare di generare troppa confusione, da un canto negli allievi e dall altro nelle fasi di lavorazione, è stato deciso di scegliere un solo artista: Joan Mirò. Di seguito sono elencate le classi con il numero di allievi e il rispettivo docente titolare: Istituto scolastico Classe Docente titolare Numero di allievi Malvaglia I e II Sila Cittadini 16 II Dario Cittadini 21 III Delio Sassella 20 IV Daniele Valchera 20 V Gianni Gregorio 22 Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

22 c Presentazione istituto scolastico di Blenio Istituto Scolastico di Blenio Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

23 Blenio Il neonato comune alto bleniese, riunisce gli allievi di sei ex comuni: Campo, Ghirone, Aquila, Dangio, Torre e Olivone, per un totale di circa 70 allievi. L aula di attività creative si trova al piano seminterrato di uno stabile di non recente costruzione, è molto ampia, abbastanza luminosa e dispone di due localini attigui che fungono da ripostiglio. La disponibilità dei docenti anche in questa sede è ottima. Come per Malvaglia, tutte le lezioni si svolgono con le classi intere (quattro sezioni), alla presenza del docente titolare. A Blenio è consuetudine abbellire nel periodo natalizio le quattro vetrine della locale banca Raiffeisen, ciò che comporta lo sfruttamento parziale delle ore di attività creative per la costruzione di paesaggi a tema. Purtroppo quest anno questa sede è stata funestata dalla tragedia della tragica fine dell apprezzatissima maestra di terza elementare, Mireille Guidi che è stata sostituita dalla maestra Alessia Saglini. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

24 Anche in questa sede esiste una pluriclasse I-II e, come descritto per l analoga situazione di Malvaglia, per praticità si è deciso di assegnare un unico artista e cioè Joan Mirò. Di sono elencate le classe, il rispettivo docente titolare e il numero di allievi per entrambi gli istituti. Istituto scolastico Classe Docente titolare Numero di allievi Blenio I e II Luana Karlen e Luisella Giuliani T. 19 III Alessia Saglini e Yvonne Mattei 14 IV Katya Citrini 12 V Luciano Manini 21 Conclusioni In entrambe le sedi, le condizioni di lavoro sono decisamente buone, sia per quel che concerne i locali e il materiale, sia soprattutto per la disponibilità, l ottima collaborazione e per i piacevolissimi rapporti interpersonali che il corpo insegnante mi ha sempre garantito. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

25 Schede specifiche Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

26 Classe prima Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

27 Presentazione lavoro pratico Classe Prima Scheda numero 1 Attività: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Sottomano I ragni Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Delia Grata 4 unità didattiche 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Utilizzare la pittura a tempera Stampare con turaccioli Dipingere con le dita Arricchire la base disegnata con dettagli curati Operare una scelta del colore Iniziare a prendere confidenza col nuovo mondo dell aula di AC Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

28 2. MATERIALE Foglio da disegno A3 colorato Cartone grigio 50 x 35 cm, spessore 4 mm Colori a tempera Turaccioli Fogli di disegno A5 QTips Resti di strisce di cartone, 1 x 4 cm, spessore 2 mm Pennelli Plastica auto collante per libri 3. SVOLGIMENTO Approccio al tema Per questo, come per tutti gli altri lavori di questo tipo, per l approccio al tema si rimanda a quanto descritto nella presentazione introduttiva. In ogni caso, inoltre, la teoria del colore ha sempre fatto da accompagnatore nonché da punto di riferimento per le innumerevoli attività di ogni singola classe. Fase progettuale Il lavoro è stato presentato alla classe e esaminato in ogni suo dettaglio. In particolare si sono discusse le forme (ragni), le fasi che compongono la loro esecuzione, la loro disposizione nello spazio e la scelta dei colori. Fase esecutiva Per una migliore organizzazione, la classe è stata suddivisa in due gruppi che comunque lavoravano nella stessa aula e che si sono alternati a rotazione nelle varie fasi che componevano il lavoro. Ogni allievo ha provato a stampare alcuni ragni su dei fogli da disegno formato A5 che in seguito sono stati inseriti nel calepino dell artista. Il corpo è stato fatto intingendo il turacciolo nel colore e poi utilizzandolo a mo di stampino con dei movimenti circolari. Gli arti sono stati tracciati con le dita, mentre i puntini su corpo e gambe, con Qtips. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

29 Con i resti di cartoncino son stati tracciati i fili della ragnatela. Raggiunto un buon grado di sicurezza nelle prove l allievo ha scelto il foglio colorato A3 per il suo sottomano e vi ha ripetuto tutta l operazione più volte. Sul cartone grigio è stata tracciata una cornice dello spessore di circa 8 cm con colori a tempera. Il disegno, una volta asciutto, è stato incollato sul cartone che in seguito è stato a sua volta plastificato. 4. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI È stato un lavoro che ha permesso di vedere il grado di abilità e di autonomia di ogni singolo bambino confrontato con il nuovo ambiente di lavoro che è l aula di AC. In particolare, son state notate notevoli differenze nella fase di aggiunta dei dettagli (zampe, puntini, ragnatela). Essendo questa una classe prima son stati importanti gli aspetti di conoscenza e adattamento al nuovo ambiente, volti al raggiungimento di un buon grado di autonomia di movimento. Particolare attenzione è inoltre stata riservata per la fase di riordino e pulizia finale. Per l Istituto di Blenio, questo lavoro è stato svolta in maniera diversa ed esposto alla mostra in Casa Cavalier Pellanda (v. scheda 5) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

30 Presentazione lavoro pratico Classe prima Scheda numero 2 Attività: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Busta Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Istituto scolastico di Blenio, docente Luana Karlen Delia Grata 2-4 unità didattiche 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Apprendere la tecnica della pittura con le biglie Operare una scelta ponderata del colore Ritagliare correttamente delle forme Inventare un motivo Praticare il collage Usare correttamente la colla Occupare lo spazio in modo armonioso Lavorare e riordinare in modo pulito Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

31 2. MATERIALE Biglie di vetro Colori a tempera Scatola di dimensione minima A4 Fogli da fotocopiatrice Sagome in cartone di varie forme geometriche e misure (rettangoli, quadrati, cerchi, ) Cartoncino colorato A4 prestampato con sagome di fantasia Colla stick Resti di cartoncino bristol 1 busta grande Plastica auto collante trasparente Pennarelli 3. SVOLGIMENTO Fase progettuale Innanzitutto si è parlato in generale lavoro e della sua destinazione ( archivio del materiale personale a fine lezione). Agli allievi son state messe a disposizione varie forme (decorate e non), simili a quelle che si accingevano a costruire: assieme si è quindi giocato ad assemblarle per creare dei possibili motivi per la busta. Fase esecutiva Si sono stampati dei fogli A4 con le biglie: sul foglio messo sul fondo della scatola son state versate delle gocce di colore a tempera sparse, per un massimo 3 colori. Alcuni di questi fogli, debitamente archiviati, sono stati usati per l allestimento del calepino dell artista. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

32 Nella stessa scatola son poi state inserite le biglie che, fatte rotolare, hanno creato le striature. Mentre il lavoro asciugava, il bambino ha ritagliato le sagome stampate su cartoncino colorato che sarebbero poi servite per i dettagli. Tutte le sagome ottenute sono state messe in una scatola dalla quale ogni allievo pescava alla cieca. Sul retro del foglio stampato, son state ricalcate e ritagliate le sagome geometriche. Il bambino ha poi disposto le varie parti su un foglio colorato A4 e, una volta trovata l immagine che più piaceva, sono state incollate. Eventuali dettagli e il nome scritto in grande sono stati aggiunti con pennarello. Il foglio è stato incollato sulla parte anteriore della busta e da ultimo plastificato dalle docenti. 4. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI Com era prevedibile, la novità della colorazione con le biglie ha suscitato immenso piacere. I bambini hanno fatto più fogli con questa tecnica e poi li hanno archiviati in vista della confezione del calepino dell artista. Il ritaglio con le forbici è stato alquanto difficoltoso e impreciso. È stato deciso di mettere in comune tutte le sagome per dettagli ritagliate da cartoncino bristol per offrire maggior scelta ad ogni singolo allievo che, in caso contrario, si sarebbe ritrovato a lavorare con i dettagli di un solo colore. Altra difficoltà sta sempre nel fatto che, basta che qualcuno abbia un idea particolare per far sì che molti dei compagni seguano l esempio. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

33 Presentazione lavoro pratico Classe prima Scheda numero 3 Attività: Artista: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Il calepino dell artista Joan Mirò Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Istituto scolastico di Blenio, docente Luana Karlen Delia Grata Anno scolastico 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Archiviare con ordine tutte le prove eseguite durante l anno Costruire delle copertine usando correttamente colla, forbici e matite Sfruttare quanto decorato con la pittura con le biglie (v. scheda numero 2) Usare correttamente tutti gli attrezzi, a dipendenza della situazione Assemblare il calepino ponendo attenzione alla successione dei numerosi documenti Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

34 2. MATERIALE Fogli da disegno formato A5 2 cartoncini formato A5 2 elastici Colla bianca Due tondini di legno, lunghezza 13 cm Fotocopie A5 della biografia dell artista (v. documentazione in calce) 1 fotocopia a colori di 1 quadro di Joan Mirò (v. documentazione in calce) Locandina della mostra Fotocopie A5 dei vari comunicati stampa-internet (v. scheda La mostra ) Fotografia a colori, formato A5, di ogni singolo allievo Bucatrice 3. SVOLGIMENTO Premessa Questo lavoro è stato eseguito in tutte le classi in maniera differenziata, a seconda dell artista scelto e delle tecniche sperimentate, ed era volto alla creazione di una raccolta di informazioni relative alla teoria del colore, all artista, alle prove delle varie tecniche fatte e a tutto quanto ha ruotato attorno alla mostra. Per questo motivo la scheda sarà ripetuta per ogni classe adattata secondo l artista scelto. Fase progettuale In questa fase la docente ha presentato, per sommi capi, quella che sarebbe stata l attività dell anno menzionando un gioco con i colori e la trattazione di un certo signor Joan Mirò che sarebbe stato l intrattenitore. Per contro, dal momento che la mostra sarebbe stata il finale di tutto il percorso e che, a quel momento (si era ad inizio anno scolastico) niente in tal senso era ancora stato discusso nei dettagli, si è deciso di non parlarne. Fase esecutiva Pittura con le biglie Il primo foglio decorato con le biglie (vedi descrizione dettagliata scheda numero 2 la busta ) è stato tagliato a metà. La prima parte è andata ad inserirsi tra il materiale del calepino di ogni singolo allievo, mentre la seconda è stata distribuita a caso tra i compagni in modo da permettere ad ogni bambino di avere due esempi di questo tipo di decorazione. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

Il Signor Cubo e i suoi amici

Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici Il Signor Cubo e i suoi amici TRACCIA DELL ITINERARIO: 1. Il docente presenta un cubo che ha decorato come se fosse un personaggio. Gli allievi lo trovano in classe e lo descrivono.

Dettagli

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni I bambini della scuola dell infanzia del plesso di via Amantea hanno allestito una Mostra con i lavori realizzati con le attività laboratoriali in riferimento al progetto inserito nel POF nell anno scolastico

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi

CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi CORSI DI PITTURA 2012/13 in collaborazione con l'associazione Eventi DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso

Dettagli

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini

IO SONO COLORE. Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò. laboratori artistici con i bambini IO SONO COLORE Dipingere è come danzare. Questo è il colore dei miei sogni Joan Mirò laboratori artistici con i bambini insegnante: Donatella Redaelli L uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre.

Dettagli

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

CORSI DI PITTURA 2014/15

CORSI DI PITTURA 2014/15 CORSI DI PITTURA 2014/15 in collaborazione con l'associazione Eventi DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

ATTIVITÁ LINGUISTICA

ATTIVITÁ LINGUISTICA RITRATTO RITRATTI Il VISO è un insieme di espressioni, di sentimenti e di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva, spesso noi parliamo al viso senza aprire bocca e la

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Laboratorio di falegnameria

Laboratorio di falegnameria di: Laboratorio di falegnameria Anna Maria Galli PERCORSI DIDATTICI scuola: I.C. Jesi Centro area tematica: Scienze - Ed. Tecnica pensato per: 8-11 anni OBIETTIVI - Osservare e descrivere materiali: il

Dettagli

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità!

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve La Pasqua: lavoretti Un biglietto per Pasqua fogli da disegno tempera arancione pennarelli spugnette e piatti di plastica pennello fogli di gomma colorati (rosso, giallo e bianco) occhietti mobili per

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Ist.Canossiano Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Mani creative dal 14 Gennaio al 12 Aprile Dal 14 gennaio

Dettagli

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA Tenuto da Florian Reischauer ed Elena Capra per La Casa di Ibrahima, Keur Massar, Senegal Durata dal 16 Febbraio all 8 Marzo 2012 Partendo

Dettagli

D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI!

D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI! UNITA DI APPRENDIMENTO n. 6c LABORATORIO D ARTE COMBINIAMONE DI TUTTI I COLORI! (bambini di 4 anni) Di Pastori Cristina Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE (scuola primaria) A.S. 2013-2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE (scuola primaria) A.S. 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE (scuola primaria) A.S. 2013-2014 CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE COMPETENZE Indicazioni Nazionali 1) L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni Laboratori aperti 2011-2012 Architettura e ambiente L indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nel settore dell Architettura in rapporto alla specificità

Dettagli

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA

I PRIMI PASSI NELLA PITTURA Il campo di Girasoli Guida illustrata facile per dipingere subito un paesaggio Daniela De Candia I primi passi nella Pittura-il campo di girasoli 2014 Daniela De Candia 2014 Dipingere Subito Tutti i diritti

Dettagli

VIVERE LA FIABA. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO ATTIVITÀ INTERDISCIPLINARI OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI

VIVERE LA FIABA. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO ATTIVITÀ INTERDISCIPLINARI OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI Settore HOME Attività Creative Attività graficopittoriche Italiano Tema Realizzazione di un libro astratto, personalizzato con protagonista e testo della fiaba Classi Terza elementare Autori Antonella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Direzione Didattica 7 Circolo

Direzione Didattica 7 Circolo Direzione Didattica 7 Circolo PRIMO INCONTRO Il percorso artistico di quest anno si pone un obiettivo ambizioso: aiutare i bambini a leggere le opere d arte, cercando di rendersi conto che ogni pittore

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

Scuola Primaria "Giovanni Pascoli"-Istituto Comprensivo Rovigo 1

Scuola Primaria Giovanni Pascoli-Istituto Comprensivo Rovigo 1 Scuola Primaria "Giovanni Pascoli"-stituto Comprensivo Rovigo 1 ndirizzo della scuola: Via del Tintoretto n.1-45100 Rovigo CLASS PRME - Annalisa Carta Nome degli altri docenti coinvolti nel progetto: -

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

115.051 Caleidoscopio

115.051 Caleidoscopio .0 Caleidoscopio Klaus Hünig 99 Considerazioni preliminari sul caleidoscopio della OPITEC: Lo scienziato scozzese Sir David Brewster scoprì nell'anno il caleidoscopio. Brewster (-) fu uno dei più noti

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

Io un po Kandinsky Cristiana Lanciotti e Ines Marazzani

Io un po Kandinsky Cristiana Lanciotti e Ines Marazzani Io un po Kandinsky Cristiana Lanciotti e Ines Marazzani Lanciotti C., Marazzani I. (2003). Io un po Kandinsky. Scuola dell infanzia. 7, 24-27. Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedano

Dettagli

Autoritratto. ...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti. lo specchio e l immagine di se. Zela. Scuola familiare di Damanhur

Autoritratto. ...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti. lo specchio e l immagine di se. Zela. Scuola familiare di Damanhur Autoritratto lo specchio e l immagine di se...un autoritratto è un auto con cui si fanno i ritratti Zela Scuola familiare di Damanhur Un progetto sull identita L identità è il processo con cui ogni bambino

Dettagli

Progetto: In acqua per crescere

Progetto: In acqua per crescere Progetto: In acqua per crescere Scuola Secondaria di Primo Grado A. Caperle Classe 1 A Docenti: Panzieri Maddalena (Arte immagine) Mattioli Elisa (Educazione Fisica) Il progetto si propone, attraverso

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

Così lontani, così vicini

Così lontani, così vicini PROGETTO NONNI SCUOLA DELL INFANZIA XXV APRILE Istituto comprensivo statale n 3 (Bassano del Grappa) Progetto nonni Così lontani, così vicini Sezione 2B (gruppo medi) Anno Scolastico 2012 2013 Incontro

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE. Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria

CORSI DI FORMAZIONE. Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria CORSI DI FORMAZIONE Laboratori manuali-creativi per insegnanti della scuola dell infanzia e della scuola primaria I corsi sono tenuti da Silvana Ninivaggi che opera da anni nel settore dell illustrazione

Dettagli

TITOLO: l amico computer

TITOLO: l amico computer ISTITUTO COMPRENSIVO MANZONI-BARACCA SCUOLA INFANZIA C.LORENZINI a.s.2009-2010 Referenti del progetto: Rossana Faraone - Sommazzi Elena TITOLO: l amico computer Il progetto è rivolto a tutti i bambini

Dettagli

Realizzare la frutta martorana

Realizzare la frutta martorana Realizzare la frutta martorana istruzioni La frutta martorana, è un dolce Palermitano, fatto con pasta reale (simile al marzapane), che, modellata e decorata, vi consente di riprodurre, appunto, la frutta

Dettagli

Quarta opzione 2 151

Quarta opzione 2 151 Quarta opzione 2 151 Gianni Hoffmann Educazione visiva Classe: opz.2 Argomento Immagine e funzione Tema Manifesto modella Descrittivo dell attività (finalità riflessioni) Estrapolazione di motivi decorativi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino/a dell ultimo anno della Scuola dell Infanzia

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

Una storia, un viaggio, un gioco

Una storia, un viaggio, un gioco Una storia, un viaggio, un gioco Un percorso ludico-creativo per scoprire il piacere della lettura Scuola dell infanzia «Torremenapace» Istituto comprensivo «Via Marsala» Voghera (PV) Lettura della storia

Dettagli

MOSTRA delle TECNICHE PITTORICHE - DECORATIVE Gli alunni della CLASSE TERZA. Scuola Primaria Castell Azzara. Anno scolastico 2014/2015

MOSTRA delle TECNICHE PITTORICHE - DECORATIVE Gli alunni della CLASSE TERZA. Scuola Primaria Castell Azzara. Anno scolastico 2014/2015 MOSTRA delle TECNICHE PITTORICHE - DECORATIVE Gli alunni della CLASSE TERZA Scuola Primaria Castell Azzara Anno scolastico 2014/2015 ARTE..GGIANDO PROGETTO didattico di ARTE ed IMMAGINE Classe terza- Scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO - PIETRASANTA 1 Codice fiscale: 82008190462 Via Garibaldi 72 _55045 Pietrasanta (LUCCA) Telefono: 0584/793975 telefax: 0584/735612

Dettagli

Fantavolando. www.fantavolando

Fantavolando. www.fantavolando Fantavolando www.fantavolando LABORATORIO DI EDUCAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un linguaggio che li coinvolge

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL

SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL INFANZIA LA FASE DI ACCOGLIENZA INIZIA TRA FINE MAGGIO

Dettagli

LA CASA DI CLASSE. Settore HOME. Tema PREMESSA. Classi OBIETTIVI. Autori MATERIALE SVOLGIMENTO ATTIVITÀ INTERDISCIPLINARI OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI

LA CASA DI CLASSE. Settore HOME. Tema PREMESSA. Classi OBIETTIVI. Autori MATERIALE SVOLGIMENTO ATTIVITÀ INTERDISCIPLINARI OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI Settore Attività Creative Ambiente Italiano Tema Realizzazione in miniatura della casa ideale di classe Classi Prime elementari Autori Danika Rusconi Patrizia Giani Gianmaria De Marmels LA CASA DI CLASSE

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA Scuola dell infanzia Andersen 1 circolo Spinea anno sc.2008-09 ESPERIENZE DI LETTURA E SCRITTURA PER I BAMBINI DI 5 ANNI Ins:Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi DISEGNI AFRICANI

Dettagli

Oprandi Serenella. Elenco degli interventi realizzati:

Oprandi Serenella. Elenco degli interventi realizzati: La pittrice Serenella Oprandi, nata a Rovetta nel 1950 è una specialista della tecnica dell acquerello, tecnica per la quale è attualmente riconosciuta tra le più originali autrici del panorama bergamasco.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ Scuola dell'infanzia "Ad Onore degli Eroi" UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ LABORATORIO LINGUISTICO PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda

Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda o INFORMATICA PER LA SCUOLA PRIMARIA o o di Manlio Monetta Mi presento : io sono PC Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda Attività previste La seconda

Dettagli

Vostro PREZZO iva inclusa. DESCRIZIONE ARTICOLO CANCELLERIA a.s. 2014/15. G.Garibaldi MO 10.01 ISTITUTO COMPRENSIVO

Vostro PREZZO iva inclusa. DESCRIZIONE ARTICOLO CANCELLERIA a.s. 2014/15. G.Garibaldi MO 10.01 ISTITUTO COMPRENSIVO 1 di 6 DESCRIZIONE ARTICOLO CANCELLERIA a.s. 2014/15 Vostro PREZZO iva inclusa ALBUM CARTONCINI 25 fg. Vari colori cm24x32 ALBUM CARTONCINI 25 fg. Vari colori cm32x48 ALBUM DISEGNO cm.17x24 fg.bianchi

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE www.fantavolando.it PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE MOTIVAZIONE: La motivazione che sta alla base della realizzazione di un progetto

Dettagli

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO INDICE CAP.1 1.1 Il porta pc - Descrizione dell oggetto 1.2 Caratteristiche dimensionali, geometriche, formali e dei materiali

Dettagli

DISEGNO E PITTURA. L AccAdemiA. corso pratico di. piano dell opera. tutto quello che ti serve per mettere in mostra il tuo talento.

DISEGNO E PITTURA. L AccAdemiA. corso pratico di. piano dell opera. tutto quello che ti serve per mettere in mostra il tuo talento. *oltre al prezzo della rivista. in edicola con opera composta da 40 uscite settimanali. il secondo volume sarà veicolato al prezzo di 4.99 oltre al prezzo della rivista; i successivi saranno veicolati

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Autismo e DPS: attività a scuola

Autismo e DPS: attività a scuola Autismo e DPS: attività a scuola Seminario residenziale - Bellaria 28, 29, 30 marzo 2008 Iniziare ritagliando dei cartoncini che fungeranno da supporto e su cui si incolleranno i campioni di colore. La

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA LINGUAGGI, TECNICHE E MATERIALI DIVERSI Elaborare schemi grafici, in seguito ad osservazioni ed esplorazioni Esprimere esperienze personali e collettive attraverso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni Questo percorso scientifico è stato sperimentato più volte nel corso degli

Dettagli

CATALOGO LABORATORI D ARTE. e PROGETTI DIDATTICI

CATALOGO LABORATORI D ARTE. e PROGETTI DIDATTICI CATALOGO LABORATORI D ARTE e PROGETTI DIDATTICI Pensare che l arte sia materia per esperti del settore significa confinarla in territori accessibili solo per pochi eletti. Così non è: chi la frequenta,

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente

SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente SCUOLA DELL INFANZIA Obiettivi di apprendimento Conoscere i poligoni regolari Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Riconoscere e denominare le forme geometriche presenti nell ambiente Ricostruzione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Picasso a modo mio. Scuola dell infanzia di #Canneto S. Oglio

Picasso a modo mio. Scuola dell infanzia di #Canneto S. Oglio Picasso a modo mio Scuola dell infanzia di #Canneto S. Oglio Il laboratorio ha avuto come tema il quadro mazzo di fiori del grande maestro #Picasso e la scoperta delle emozioni che questo suscita nel bambino.

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

AL CASTAGNO. D. Bertolini, Rivabella, Locarno, Romerio, 1968. Da: (dip. pubblica educazione, Il castagno nel Cantone Ticino, CDC Massagno, 1979.

AL CASTAGNO. D. Bertolini, Rivabella, Locarno, Romerio, 1968. Da: (dip. pubblica educazione, Il castagno nel Cantone Ticino, CDC Massagno, 1979. AL CASTAGNO Castagno, albero buono, a tutti fai dono dell ombra estiva. Quando arriva l autunno, tremi al vento e semini, quasi per giuoco, castagne a mille a mille. Poi, le gelide sere, con i tuoi rami

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA

LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA LE PROPRIETA FISICHE DELLA CARTA Classe 4 A Primaria Di Gallicano E S P E R I M E N T I E O S S E R V A Z I O N I S C I E N T I F I C H E A P O R T A T A D I B A M B I N I Anno scolastico 2014/2015 COLLOCAZIONE

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO SCUOLA DELL INFANZAI MUSSI SEZIONE BLU Anno scol. 2012-2013 PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Laboratori didattici per bambini

Laboratori didattici per bambini Laboratori didattici per bambini 1. Dimmi dove abiti e ti dirò chi sei. Alla scoperta delle tane e delle abitazioni del mondo animale. Dove dormono le chiocciole? Le lumache? E i ricci e i ghiri? Dove

Dettagli

Auguri speciali... www.fantavolando.it

Auguri speciali... www.fantavolando.it Auguri speciali... Materiale occorrente: cartoncino liscio bianco, rosso e rosa, cartoncino ruvido giallo, azzurro, turchese, fucsia, colla, pennarelli, nastrino rosso, filo trasparente per appendere la

Dettagli

Premessa. Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5

Premessa. Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5 Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5 Problema- stimolo: ricoprire il piano senza lasciare spazi vuoti e senza sovrapposizioni scoprendo le figure adatte e motivando le proprie scelte anche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Scritta da Alex Licht

Scritta da Alex Licht Scritta da Alex Licht Rosh ha shanà Mela riciclata per Rosh ha Shanà: Materiali: 2 parti del fondo di una bottiglia di plastica Tovagliolo colorato (meglio colore rosso o verde) 2 cartoncini o stoffa verde

Dettagli

GEOMETRIA CON LA CARTA

GEOMETRIA CON LA CARTA PROGRAMMI DI POTENZIAMENTO DELLA COGNIZIONE NUMERICA E LOGICO-SCIENTIFICA Collana diretta da Daniela Lucangeli Mario Perona, Eugenia Pellizzari e Daniela Lucangeli GEOMETRIA CON LA CARTA PRIMO VOLUME Riconoscere

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E ARRIVATO UN NUOVO AMICO

PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E ARRIVATO UN NUOVO AMICO Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E ARRIVATO UN NUOVO AMICO MOTIVAZIONE: Nell attuale società, conseguentemente alla globalizzazione delle relazioni economiche, cresce la presenza di nuove

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA Questo progetto nasce come continuazione e approfondimento del lavoro dello scorso anno, si è pensato di continuare in questa direzione prendendo

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli