Bimbarte: più dell arte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bimbarte: più dell arte"

Transcript

1 Bimbarte: più dell arte Itinerario didattico Anno scolastico 2008/2009 Delia Grata Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 1

2 Indice A. Scheda base presentazione progetto pag. 3 B. Presentazione istituto scolastico Malvaglia pag. 19 C. Presentazione istituto scolastico Blenio pag. 22 D. Schede specifiche Classe prima pag. 26 Classe seconda pag. 68 Classe terza pag. 93 Classe quarta pag. 124 Classe quinta pag. 147 D. La mostra pag. 174 Elenco libri Ringraziamenti Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 2

3 A Scheda base presentazione progetto Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 3

4 SCHEDA BASE PER LA PRESENTAZIONE DELL ITINERARIO DIDATTICO Docenti relatori: Delia Grata, Micaela Studer Sedi: Biasca, Blenio, Claro e Malvaglia Classi: I II III IV V elementare Titolo dell attività: Bimbarte: più dell arte 1. PREMESSA Oss.: la parte introduttiva dello scritto che segue è stata redatta dalle docenti di attività creative (AC) Delia Grata e Micaela Studer proprio perché tutto il progetto è stato svolto in stretta collaborazione. Il piacere per l arte, nelle sue molteplici sfaccettature, ci ha sempre viste entrambe coinvolte e, di base, è stata la scintilla che ha dato avvio a questa avventura. L idea è nata quale logica conseguenza a quanto abbiamo vissuto durante i vari corsi di aggiornamento ai quali abbiamo partecipato. Questi momenti, oltre che ad averci fornito materiale pratico e informazioni teoriche, sono stati per noi un importante punto di incontro/scambio con altri docenti: la somma di tutti questi fattori ha prodotto l idea che poi abbiamo deciso di sviluppare in collaborazione. È stata svolta quale attività principale del programma annuale di AC, nei vari istituti scolastici nei quali operiamo, completata con la messa a disposizione di una collezione di libri a tema (v. allegato L arte nei Libri, catalogo della mostra itinerante organizzata da Bibliomedia, Biasca) e con l esposizione di parte dei lavori prodotti in Casa Cavalier Pellanda a Biasca (v. scheda La mostra ).Il progetto era volto ad avvicinare i bambini all arte, al senso estetico e all uso dei colori. Ad ogni classe è stato assegnato un pittore la cui opera è stata esplorata e rielaborata con tecniche e materiali diversi ed ha occupato, a momenti alterni, praticamente l intero anno scolastico. Il percorso didattico ha permesso al singolo allievo di sviluppare quella caratteristica dalle quale è stato maggiormente attratto (colore, forme, materiali, tecnica, ), di personalizzare l opera dell artista ed era inteso a valorizzare le conoscenze degli allievi assecondandone le suggestioni nell ambito delle esigenze del progetto stesso (metafore, personaggi simbolici, ) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 4

5 2. OBIETTIVI Approccio a: arte, colore, tecniche pittoriche (tempera, acquerello, china, carboncino, stampa, ) e applicazioni pratiche con altre tecniche (vedi schede singole classi/lavori). Conoscenza di uno o più artisti e stili. Analisi visiva e riproduzione il più possibile fedele di un quadro. Elaborazione e trasformazione a libera interpretazione di una sua opera per creare applicazioni pratiche. Orientazione dell allievo ad una partecipazione consapevole che lo vedrà protagonista. Offerta di un esperienza non comune e straordinaria. Offerta di un educazione visiva che fornisca loro i mezzi opportuni per capire e interpretare le immagini. Autonomia e indipendenza nell organizzazione del proprio lavoro e del proprio spazio. Responsabilità nell uso dei vari attrezzi e nella fase di riordino. Padronanza e rispetto degli spazi e dei materiali a disposizione. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 5

6 3. MATERIALE In generale, per tutte le attività, in classe erano sempre a disposizione: fogli di vario genere e grandezza pennelli, di diversi tipi e misure colori (tempera, acrilici e a olio) vaschette, tavolozze, bicchieri matite colorate pennarelli e pennarelli indelebili acquarelli colori a china con cannucce e pennini carboncino neocolor (acqua, cera e olio) libri internet e beamer Il materiale specifico sarà elencato nelle rispettive schede. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 6

7 Il classificatore del pittore Oltre a tutto il materiale fin qui descritto, va menzionato anche il classificatore del pittore che praticamente consisteva in una raccolta di fotocopie a colori di numerose riproduzioni dei quadri dei vari artisti. Questa documentazione è sempre stata a disposizione dei bambini per qualsiasi attività o curiosità. Dovutamente presentata ad inizio anno, ha permesso ai bambini sia di lavorare sulle riproduzioni che li vedevano direttamente coinvolti, sia anche di andare a scoprire altri artisti. Interessante il vedere, a fine anno, il grado di autonomia raggiunto in tutte le classi nell andare a consultare questo documento in maniera del tutto autonoma. Classe I: opere di Joan Mirò Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 7

8 Classe II: opere di Wassily Kandinskij Classe III: opere di Jackson Pollock Classe IV: opere di Vincent Van Gogh Classe V: opere di Pablo Picasso Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 8

9 4. SVOLGIMENTO Approccio al tema Le modalità di approccio al tema differivano a dipendenza del livello della classe, delle scelte delle docenti di AC ed erano supportate da testi specifici (v. elenco dettagliato allegato) e attrezzature mediatiche e informatiche quali computer, internet, beamer e macchina digitale. Questa fase ha previsto soltanto in certi casi l approccio ad una tecnica artistica specifica: crediamo infatti l aspetto puramente tecnico come secondario rispetto all importanza della creatività e del fare artistico. Le opere proposte non sono state spiegate, ma semplicemente guardate liberamente in modo da stimolare l osservazione come attività fine a sé stessa; i bambini hanno espresso spontaneamente le proprie impressioni, le proprie sensazioni e le visioni, indipendentemente dal problema della necessità di capire. L osservazione guidata, momento indispensabile del percorso di educazione all arte e alla cultura, di varie opere di artisti (Kandinskij, Klee, Van Gogh, Picasso, Mirò e Pollock) ha permesso ai ragazzi di riconoscere stili diversi: sperimentando alcune tecniche hanno difatti espresso sensazioni parzialmente proprie grazie all uso di colori, forme e materiali diversi. Naturalmente il registro adottato e la complessità del ragionamento son stati adattati alla fascia d età. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/2009 9

10 Esempi: 1. In classe è stata portata una scatola sulla quale figurava espressamente l indirizzo della classe stessa, il contenuto era legato alla pittura e all artista che li avrebbe accompagnati in questa avventura. Gli allievi, riuniti in cerchio, sono stati invitati ad indovinare il contenuto e partendo da questo si è sviluppata la discussione intorno all arte in generale, raccogliendo suggestioni e conoscenze spontanee. Per avvicinarsi all artista e scoprirne lo stile, a gruppi sono stati ricostruiti dei puzzle di sue opere. 2. In classe la docente titolare aveva preparato l occorrente per affrontare il tema della teoria dei colori. Ad inizio lavoro, la docente, provocatoriamente, ha chiesto ai ragazzi per quale motivo, secondo loro, si tornava a riprendere la teoria dei colori. Con le risposte, si è arrivati ad approfondire il tema delle tecniche pittoriche, dell uso appropriato dei colori ed in seguito, con il supporto di libri specifici, ci si è avvicinati al mondo dell arte e in particolare al pittore che avrebbe fatto da fil rouge durante l anno. S è rilevata di fondamentale importanza la collezione di libri a tema organizzata da Bibliomedia Biasca e a noi prestata, su nostra espressa richiesta, per l occasione. I testi, a disposizione a rotazione nei vari istituti, son stati dei validi collaboratori in svariate forme. Da un canto, data la loro presenza costante in aula nel corso delle attività, hanno fatto da supporto alle lezioni stesse. Dall altro, agli allievi è stata data la possibilità portare a casa il libro incentivando le conoscenze e la voglia di sapere. Quanto fin qui espresso è stato adottato per ogni singolo lavoro quindi, per scelta, abbiamo ritenuto superlfua una sua ripetizione all interno di ogni scheda singola. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

11 Fase progettuale Questa fase è stata improntata su una serie di lavori pratici (vedi schede specifiche) e necessari preparatori per il progetto finale. Sottomano (scheda specifica numero 1) Stampa Pittura con le dita Acquarelli China Pennarelli Neocolor Stampa sotto plastica (motivi casuali) Buste porta lavori (scheda specifica numero 2) Forbicicchio Composizione di forme astratte Pittura con le biglie Colore trascinato con dettagli in china Calepino dell artista (scheda specifica numero 3) Pittura con le biglie Motivi casuali Dripping Pressa (scheda specifica numero 4) Traforo Trapano Découpage Pittura Collage Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

12 Fase esecutiva Ad ogni classe è stato assegnato un artista del quale son state eseguite più opere, delle quali una sola è stata presentata alla mostra in casa Cavalier Pellanda. Elenchiamo di seguito le opere esposte: Classe 1: Joan Mirò Metro (Istituto scolastico Claro, cl. I, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Biasca, cl. I, scheda n. 5) Opere dell artista copiate (Istituto scolastico Malvaglia, cl. I e I/II, scheda n. 5) Scarpetta (Istituto scolastico Blenio, cl. I, scheda n. 5) Classe 2: Wassily Kandinsky Opere elaborate con materiali diversi (Istituti scolastici Claro e Biasca, cl. II, schede n. 5) Quadro (Istituto scolastico Malvaglia, cl. II, scheda n. 5) Classe 3: Paul Klee Opere elaborate con materiali diversi (Istituto scolastico Claro, cl. III, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Biasca, cl. III, scheda n. 5) Jackson Pollock Pressa (Istituto scolastico Malvaglia, cl. III, scheda n. 5) Porta buste (Istituto scolastico Blenio, cl. III, scheda n. 5) Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Blenio, classe III, scheda n. 5) Classe 4: Jackson Pollock Opere elaborate con materiali diversi (Istituto scolastico Biasca, cl. IV, scheda n. 5) Pablo Picasso Copia di un opera (Istituto scolastico Claro, cl. IV, scheda n. 5) Vincent Van Gogh Piatto (Istituto scolastico Blenio, cl. IV, scheda n. 5) Copia di un opera (Istituto scolastico Malvaglia, cl. IV, scheda numero 5) Classe 5: Pablo Picasso Opera ispirata all artista (Istituto scolastico Blenio, cl. V, scheda n. 5) Copia di un quadro (Istituto scolastico Malvaglia, cl. v, scheda n. 5) Jackson Pollock Opere spontanee ispirate all artista (Istituto scolastico Claro, cl. IV-V e V, scheda n. 5) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

13 La teoria dei colori Nella fase esecutiva di tutto questo nostro percorso, il colore, collegato all arte, è stato il punto focale di innumerevoli lavori. La presente descrizione di quanto svolto in questo ambito, (accompagnato da approfondite spiegazioni verbali e col supporto dei testi specifici compresi nella mostra di libri Bibliomedia), con le sue numerose applicazioni è stata fatta in tutte le classi adattando semplicemente il grado di difficoltà al livello. Obiettivi Avvicinare l allievo al colore e al suo utilizzo Sperimentare lo schiarimento del colore con acqua Sperimentare lo schiarimento del colore con bianco Sperimentare lo scurimento del colore con nero Sperimentare il cambio del colore partendo dai tre colori primari: giallo, rosso e blu Usare correttamente e in modo pulito il colore, il pennello e lo spazio Potenziare la sensibilità nell accostamento armonioso di colori Usare con parsimonia il colore Fase esecutiva Ad inizio anno, sull arco di un paio di lezioni, gli allievi sono stati invitati a fare degli esercizi con i colori. In particolare è stato dapprima chiesto loro di schiarire i tre colori primari con acqua e con il colore bianco. Queste prove sono state effettuate su foglio da disegno A5. Schiarimento del colore con acqua Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

14 Schiarimento del colore con bianco Scurimento con nero Queste tre prove sono state fatte da tutti gli allievi a partire dai tre colori primari: giallo, rosso e blu, per un totale minimo di 9 prove Cambio del colore: giallo-rosso / giallo-blu / blu-rosso Queste esercitazioni hanno permesso una pratica dell elaborazione del colore, del suo dosaggio e dell uso del pennello. Ogni bambino, a scelta, poteva tracciare delle semplici pennellate di colore oppure disegnare dei cerchi. Tutti si sono quindi ritrovati, a fine percorso, ad avere una prima raccolta di 12 prove destinate all allestimento del calepino dell artista. È stata inoltre consegnata la seguente scheda documentativa che, opportunamente presentata, discussa e ripresa in innumerevoli momenti, è andata a sommarsi a tutto il resto del materiale all interno del calepino dell artista. Nella stessa, si è volutamente omessa una descrizione scritta con la volontà di stimolare il discorso e le susseguenti riflessioni in maniera del tutto spontanea dall allievo. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

15 Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

16 5. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI Il percorso globale ha intenzionalmente occupato gran parte dell anno scolastico ed era esteso a tutte le classi. Questo per permettere da un canto di avere una visione il più possibile completa sull evoluzione degli allievi in ambito creativo/artistico e dall altro per riservare dei momenti ad altre esigenze di classe o istituto (es.: sfilata di carnevale, mostra dei presepi, ) L esperienza vissuta è stata indubbiamente coinvolgente, stimolante, arricchente ma comunque anche molto intensa e onerosa. L impegno maggiore è stato richiesto nella fase preparatoria che ci ha viste coinvolte in una fitta ricerca volta all approfondimento personale (inerente l arte in generale, gli artisti proposti e le rispettive tecniche) ma anche in una ricerca strettamente legata alle applicazioni pratiche (con il rispettivo iter progettuale sfociato nel prodotto finale). A tal proposito segnaliamo che un improvviso cambiamento nelle date previste per l esposizione (anticipata di circa un mese rispetto alle date previste in un primo tempo), ci ha viste costrette a comprimere i tempi di realizzazione, obbligandoci ad una corsa contro il tempo. Riteniamo inoltre doveroso segnalare come un progetto tanto vasto (sia per la durata, sia per la sua estensione a tutte le classi di SE) e il dover replicare certe lezioni più volte, s è rilevato per noi docenti di AC, ripetitivo e a tratti addirittura monotono. La possibile soluzione a questo problema sarebbe quella di ridurre la tempistica o di lavorare con un numero di classi limitato. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

17 In alcuni casi o momenti, l attività è risultata difficoltosa per mancanza di spazio, soprattutto in relazione alla varietà e alla quantità di materiale (colori, fogli, pennelli, contenitori vari, opere in fase di asciugatura, ) che l attività stessa imponeva. In questi casi in particolare agli allievi era richiesta indipendenza nell uso del materiale e degli spazi. Come auspicato nella fase di ipotesi di lavoro, il riscontro dei singoli allievi è stato decisamente positivo su più fronti: segnalazione di informazioni (mostre, articoli di giornale, libri, ) legate al tema base e in seguito condivise con la rispettiva classe esecuzione di disegni/lavori durante il tempo libero proposte spontanee di attività Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

18 ricerche su internet l approccio all arte proposto, con l osservazione di varie opere, ha permesso agli allievi di avvicinarsi, in certi casi, a tendenze e movimenti artistici (cubismo, arte moderna, dripping, ), stimolandone la curiosità e la creatività ed incrementandone il bagaglio culturale personale Come fase di elaborazione e di crescita basata sull esperienza appena vissuta, in classe, a fine attività, son stati riservati alcuni momenti di discussione e confronto durante i quali gli allievi son stati portati a riflettere sull evoluzione intercorsa a partire dall opera dell artista e che ha portato al prodotto finale. In merito a tutto quanto svolto, gli artisti in erba, oltre ai classici è stato bello, mi è piaciuto, mi sono divertito, hanno detto: Andiamo a vedere Van Gong a Basilea? Non mi piace il pennello perché vado sempre fuori dalle righe ma sono loro che si spostano!. Mi è piaciuto usare così tanti colori Vorrei che ci fosse un pittore che non fa tutto perfetto e che esce dalle righe È stato bello perché certe volte abbiamo anche saltato la ricrea Prima giocavo solo a pallone e adesso ho voglia di stare in casa a disegnare e mia mamma mi sgrida perché dice che devo uscire a prendere aria! Ci hai fatti divertire però che fatica fare le cose belle! La mamma mi ha sgridato perché arrivavo sempre a casa tutto pieno di colore. Una volta me ne ha trovato anche in un orecchio! Io sono orgoglioso dei miei disegni! Alcuni prodotti durante l anno son stati esposti dagli allievi stessi in spazi a loro disposizione, e da loro stessi gestiti, per una sorta di vetrina ispiratrice. Tutte le opere sono rimaste di proprietà dell allievo. 7. BIBLIOGRAFIA: vedi documento allegato Bibliomediartebiasca mostra itinerante del libro d arte per ragazzi L Arte nei Libri Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

19 b Presentazione istituto scolastico di Malvaglia Per meglio inquadrare gli ambiti lavorativi nei quali mi trovo ad operare, ritengo doverosa una breve presentazione delle degli Istituti Scolastici. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

20 Malvaglia La sede di Malvaglia delle scuole elementari è uno stabile di non recente costruzione che si sta rilevando sempre più ristretto a causa del costante aumento del numero di allievi che attualmente sono più di 120. Nell aula di attività creative, sono ospitate numerose altre attività e lezioni, ciò che determina un adattamento solo parziale alle necessità per le varie attività. L aula, spaziosa e abbastanza luminosa, a suo tempo era stata adibita ad aula di scuola dell Infanzia e per questo motivo è dotata di lavandini un po troppo bassi e non sempre funzionali al momento della pulizia del materiale. Da quest anno, grazie in particolare alla disponibilità e alla collaborazione del docente responsabile Dario Cittadini è stato possibile allestire in un locale interrato interno al palazzo stesso un aula che è stata adibita alle attività prettamente manuali (falegnameria, vimini, ). In questo modo è stato possibile guadagnare un po di spazio nell aula di attività creative. La collaborazione con i docenti titolari è stata indubbiamente buona. Tutte le lezioni, con tutte le classi (sei sezioni), si son svolte con la loro presenza e, di riflesso, con la classe intera. Con le classi numerose, a volte la situazione era piuttosto caotica, però in questo modo si son potuti portare avanti i vari progetti in gruppo. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

21 In questa sede è presente una pluriclasse: I-II. Per praticità e soprattutto per evitare di generare troppa confusione, da un canto negli allievi e dall altro nelle fasi di lavorazione, è stato deciso di scegliere un solo artista: Joan Mirò. Di seguito sono elencate le classi con il numero di allievi e il rispettivo docente titolare: Istituto scolastico Classe Docente titolare Numero di allievi Malvaglia I e II Sila Cittadini 16 II Dario Cittadini 21 III Delio Sassella 20 IV Daniele Valchera 20 V Gianni Gregorio 22 Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

22 c Presentazione istituto scolastico di Blenio Istituto Scolastico di Blenio Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

23 Blenio Il neonato comune alto bleniese, riunisce gli allievi di sei ex comuni: Campo, Ghirone, Aquila, Dangio, Torre e Olivone, per un totale di circa 70 allievi. L aula di attività creative si trova al piano seminterrato di uno stabile di non recente costruzione, è molto ampia, abbastanza luminosa e dispone di due localini attigui che fungono da ripostiglio. La disponibilità dei docenti anche in questa sede è ottima. Come per Malvaglia, tutte le lezioni si svolgono con le classi intere (quattro sezioni), alla presenza del docente titolare. A Blenio è consuetudine abbellire nel periodo natalizio le quattro vetrine della locale banca Raiffeisen, ciò che comporta lo sfruttamento parziale delle ore di attività creative per la costruzione di paesaggi a tema. Purtroppo quest anno questa sede è stata funestata dalla tragedia della tragica fine dell apprezzatissima maestra di terza elementare, Mireille Guidi che è stata sostituita dalla maestra Alessia Saglini. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

24 Anche in questa sede esiste una pluriclasse I-II e, come descritto per l analoga situazione di Malvaglia, per praticità si è deciso di assegnare un unico artista e cioè Joan Mirò. Di sono elencate le classe, il rispettivo docente titolare e il numero di allievi per entrambi gli istituti. Istituto scolastico Classe Docente titolare Numero di allievi Blenio I e II Luana Karlen e Luisella Giuliani T. 19 III Alessia Saglini e Yvonne Mattei 14 IV Katya Citrini 12 V Luciano Manini 21 Conclusioni In entrambe le sedi, le condizioni di lavoro sono decisamente buone, sia per quel che concerne i locali e il materiale, sia soprattutto per la disponibilità, l ottima collaborazione e per i piacevolissimi rapporti interpersonali che il corpo insegnante mi ha sempre garantito. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

25 Schede specifiche Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

26 Classe prima Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

27 Presentazione lavoro pratico Classe Prima Scheda numero 1 Attività: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Sottomano I ragni Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Delia Grata 4 unità didattiche 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Utilizzare la pittura a tempera Stampare con turaccioli Dipingere con le dita Arricchire la base disegnata con dettagli curati Operare una scelta del colore Iniziare a prendere confidenza col nuovo mondo dell aula di AC Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

28 2. MATERIALE Foglio da disegno A3 colorato Cartone grigio 50 x 35 cm, spessore 4 mm Colori a tempera Turaccioli Fogli di disegno A5 QTips Resti di strisce di cartone, 1 x 4 cm, spessore 2 mm Pennelli Plastica auto collante per libri 3. SVOLGIMENTO Approccio al tema Per questo, come per tutti gli altri lavori di questo tipo, per l approccio al tema si rimanda a quanto descritto nella presentazione introduttiva. In ogni caso, inoltre, la teoria del colore ha sempre fatto da accompagnatore nonché da punto di riferimento per le innumerevoli attività di ogni singola classe. Fase progettuale Il lavoro è stato presentato alla classe e esaminato in ogni suo dettaglio. In particolare si sono discusse le forme (ragni), le fasi che compongono la loro esecuzione, la loro disposizione nello spazio e la scelta dei colori. Fase esecutiva Per una migliore organizzazione, la classe è stata suddivisa in due gruppi che comunque lavoravano nella stessa aula e che si sono alternati a rotazione nelle varie fasi che componevano il lavoro. Ogni allievo ha provato a stampare alcuni ragni su dei fogli da disegno formato A5 che in seguito sono stati inseriti nel calepino dell artista. Il corpo è stato fatto intingendo il turacciolo nel colore e poi utilizzandolo a mo di stampino con dei movimenti circolari. Gli arti sono stati tracciati con le dita, mentre i puntini su corpo e gambe, con Qtips. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

29 Con i resti di cartoncino son stati tracciati i fili della ragnatela. Raggiunto un buon grado di sicurezza nelle prove l allievo ha scelto il foglio colorato A3 per il suo sottomano e vi ha ripetuto tutta l operazione più volte. Sul cartone grigio è stata tracciata una cornice dello spessore di circa 8 cm con colori a tempera. Il disegno, una volta asciutto, è stato incollato sul cartone che in seguito è stato a sua volta plastificato. 4. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI È stato un lavoro che ha permesso di vedere il grado di abilità e di autonomia di ogni singolo bambino confrontato con il nuovo ambiente di lavoro che è l aula di AC. In particolare, son state notate notevoli differenze nella fase di aggiunta dei dettagli (zampe, puntini, ragnatela). Essendo questa una classe prima son stati importanti gli aspetti di conoscenza e adattamento al nuovo ambiente, volti al raggiungimento di un buon grado di autonomia di movimento. Particolare attenzione è inoltre stata riservata per la fase di riordino e pulizia finale. Per l Istituto di Blenio, questo lavoro è stato svolta in maniera diversa ed esposto alla mostra in Casa Cavalier Pellanda (v. scheda 5) Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

30 Presentazione lavoro pratico Classe prima Scheda numero 2 Attività: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Busta Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Istituto scolastico di Blenio, docente Luana Karlen Delia Grata 2-4 unità didattiche 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Apprendere la tecnica della pittura con le biglie Operare una scelta ponderata del colore Ritagliare correttamente delle forme Inventare un motivo Praticare il collage Usare correttamente la colla Occupare lo spazio in modo armonioso Lavorare e riordinare in modo pulito Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

31 2. MATERIALE Biglie di vetro Colori a tempera Scatola di dimensione minima A4 Fogli da fotocopiatrice Sagome in cartone di varie forme geometriche e misure (rettangoli, quadrati, cerchi, ) Cartoncino colorato A4 prestampato con sagome di fantasia Colla stick Resti di cartoncino bristol 1 busta grande Plastica auto collante trasparente Pennarelli 3. SVOLGIMENTO Fase progettuale Innanzitutto si è parlato in generale lavoro e della sua destinazione ( archivio del materiale personale a fine lezione). Agli allievi son state messe a disposizione varie forme (decorate e non), simili a quelle che si accingevano a costruire: assieme si è quindi giocato ad assemblarle per creare dei possibili motivi per la busta. Fase esecutiva Si sono stampati dei fogli A4 con le biglie: sul foglio messo sul fondo della scatola son state versate delle gocce di colore a tempera sparse, per un massimo 3 colori. Alcuni di questi fogli, debitamente archiviati, sono stati usati per l allestimento del calepino dell artista. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

32 Nella stessa scatola son poi state inserite le biglie che, fatte rotolare, hanno creato le striature. Mentre il lavoro asciugava, il bambino ha ritagliato le sagome stampate su cartoncino colorato che sarebbero poi servite per i dettagli. Tutte le sagome ottenute sono state messe in una scatola dalla quale ogni allievo pescava alla cieca. Sul retro del foglio stampato, son state ricalcate e ritagliate le sagome geometriche. Il bambino ha poi disposto le varie parti su un foglio colorato A4 e, una volta trovata l immagine che più piaceva, sono state incollate. Eventuali dettagli e il nome scritto in grande sono stati aggiunti con pennarello. Il foglio è stato incollato sulla parte anteriore della busta e da ultimo plastificato dalle docenti. 4. RIFLESSIONI E CONCLUSIONI FINALI Com era prevedibile, la novità della colorazione con le biglie ha suscitato immenso piacere. I bambini hanno fatto più fogli con questa tecnica e poi li hanno archiviati in vista della confezione del calepino dell artista. Il ritaglio con le forbici è stato alquanto difficoltoso e impreciso. È stato deciso di mettere in comune tutte le sagome per dettagli ritagliate da cartoncino bristol per offrire maggior scelta ad ogni singolo allievo che, in caso contrario, si sarebbe ritrovato a lavorare con i dettagli di un solo colore. Altra difficoltà sta sempre nel fatto che, basta che qualcuno abbia un idea particolare per far sì che molti dei compagni seguano l esempio. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

33 Presentazione lavoro pratico Classe prima Scheda numero 3 Attività: Artista: Sede: Docente relatore: Tempo impiegato: Il calepino dell artista Joan Mirò Istituto scolastico di Malvaglia, docenti Sila Cittadini e Chiara Marti Istituto scolastico di Blenio, docente Luana Karlen Delia Grata Anno scolastico 1. OBIETTIVI SPECIFICI Capacità di: Archiviare con ordine tutte le prove eseguite durante l anno Costruire delle copertine usando correttamente colla, forbici e matite Sfruttare quanto decorato con la pittura con le biglie (v. scheda numero 2) Usare correttamente tutti gli attrezzi, a dipendenza della situazione Assemblare il calepino ponendo attenzione alla successione dei numerosi documenti Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

34 2. MATERIALE Fogli da disegno formato A5 2 cartoncini formato A5 2 elastici Colla bianca Due tondini di legno, lunghezza 13 cm Fotocopie A5 della biografia dell artista (v. documentazione in calce) 1 fotocopia a colori di 1 quadro di Joan Mirò (v. documentazione in calce) Locandina della mostra Fotocopie A5 dei vari comunicati stampa-internet (v. scheda La mostra ) Fotografia a colori, formato A5, di ogni singolo allievo Bucatrice 3. SVOLGIMENTO Premessa Questo lavoro è stato eseguito in tutte le classi in maniera differenziata, a seconda dell artista scelto e delle tecniche sperimentate, ed era volto alla creazione di una raccolta di informazioni relative alla teoria del colore, all artista, alle prove delle varie tecniche fatte e a tutto quanto ha ruotato attorno alla mostra. Per questo motivo la scheda sarà ripetuta per ogni classe adattata secondo l artista scelto. Fase progettuale In questa fase la docente ha presentato, per sommi capi, quella che sarebbe stata l attività dell anno menzionando un gioco con i colori e la trattazione di un certo signor Joan Mirò che sarebbe stato l intrattenitore. Per contro, dal momento che la mostra sarebbe stata il finale di tutto il percorso e che, a quel momento (si era ad inizio anno scolastico) niente in tal senso era ancora stato discusso nei dettagli, si è deciso di non parlarne. Fase esecutiva Pittura con le biglie Il primo foglio decorato con le biglie (vedi descrizione dettagliata scheda numero 2 la busta ) è stato tagliato a metà. La prima parte è andata ad inserirsi tra il materiale del calepino di ogni singolo allievo, mentre la seconda è stata distribuita a caso tra i compagni in modo da permettere ad ogni bambino di avere due esempi di questo tipo di decorazione. Bimbarte: più dell arte Delia e Micaela Anno scolastico 2008/

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s.

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. Atelier SottoSopra Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. 2014-2015 Obiettivi delle varie proposte: - permettere ai bambini di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli