CONVEGNO ANNUALE DELLA STRUTTURA VULCANI Roma Dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO ANNUALE DELLA STRUTTURA VULCANI Roma 02-03-04 Dicembre 2014"

Transcript

1 CONVEGNO ANNUALE DELLA STRUTTURA VULCANI Roma Dicembre 2014 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Gruppo di Ricerca su Linea di attività V2 Dinamiche di unrest e scenari pre-eruttivi Magma dynamics State of activity: impending paroxysm? Changes in parameters observable at the surface Study of these parameters Info on the state of activity

2 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Afferenze e M/P Linee di Attività Vulcani Terremoti Ambiente Afferenze Totale M/P A1 - Geomagnetismo e Paleomagnetismo 2 0 A2 - Fisica dell alta Atmosfera - - A3 - Ambiente Marino - - A4 - Clima e Oceani - - A5 -Energia e Georisorse 9 25 A6 - Monitoraggio Ambientale, Sicurezza e Territorio A7 - Geofisica di Esplorazione 1 6 T1 - Geodinamica e Interno della Terra T2 - Tettonica Attiva T3 - Pericolosità sismica e contributo alla definizione del Rischio T4 - Fisica dei Terremoti e scenari cosismici - - T5 - Sorveglianza sismica e operatività post-terrremoto 2 1 T6 - Sismicità indotta e caratterizzazione dei sistemi naturali 9 24 V1 - Storia e struttura dei sistemi vulcanici V2 - Dinamiche di unrest e scenari pre-eruttivi V3 - Dinamiche e scenari eruttivi V4 - Vulcani e ambiente V5 - Sorveglianza vulcanica ed emergenze D1 - Attività di formazione e divulgazione - comunicazione IT1 - Reti di monitoraggio e osservazioni IT2 - Laboratori sperimentali e analitici 9 26 IT3 - Calcolo scientifico IT4 - Banche dati IT5 - Osservazioni satellitari IT6 -Sale operative TOTALE Infrastrutture

3 NOME M/P 1 Aloisi Marco 4 2 Alparone Salvatore 2 3 Barberi Graziella 2 4 Behncke Boris 2 5 Biale Emilio 0 6 Bonaccorso Alessandro 6 7 Bonfanti Pietro 2 8 Bruno Valentina 3 9 Caltabiano Tommaso 2 10 Cannata Andrea 0 11 Cannavò Flavio 2 12 Carbone Daniele 6 13 Cocina Ornella 3 14 D'Agostino Marcello 2 15 D'Amico Salvatore 2 16 Del Negro Ciro 1 17 Di Grazia Giuseppe 3 18 Falsaperla Susanna 6 19 Ferrari Ferruccio 2 20 Giammanco Salvatore 2 21 Giampiccolo Elisabetta 2 22 Greco Filippo 2 23 Guglielmino Francesco 1 24 Langer Horst 6 25 Lodato Luigi 6 26 Maiolino Vincenza 1 27 Mangiagli Salvatore 2 28 Musumeci Carla 2 29 Napoli Rosalba 3 30 Palano Mimmo 1 31 Pecora Emilio 1 32 Prestifilippo Michele 1 33 Privitera Eugenio 4 34 Puglisi Giuseppe 1 35 Reitano Danilo 5 36 Salerno Giuseppe Giovanni 2 37 Spampinato Letizia 1 38 Spampinato Salvatore 3 39 Tuvè Tiziana 2 40 Ursino Andrea 1 41 Zuccarello Luciano 2 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Gruppo di Ricerca su Linea di Attività V2 Dinamiche di unrest e scenari pre-eruttivi Personale afferente e M/P

4 Struttura VULCANI Linee di attività e relative tematiche (da PTA )

5 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Gruppo di Ricerca su Linea di Attività V2 Proposta di organizzazione interna basata su tre indirizzi principali 1 - Analisi integrata di osservabili che si sviluppano su periodi brevi (da minuti a giorni) e che precedono fenomeni a rapida evoluzione (esplosioni, fontane di lava, ecc.). Analisi di serie temporali acquisite in continuo finalizzata al riconoscimento di pattern multiparametrici che si sviluppano su periodi brevi e precedono eventi parossistici a rapida evoluzione. Definizione dei meccanismi che possono generare questi segnali attraverso inversioni e confronto con risultati di simulazioni. 2 - Analisi integrata di osservabili che si sviluppano su periodi lunghi (mesi/anni) e che precedono o accompagnano fenomeni caratterizzati da lenta evoluzione nel tempo (eruzioni laterali, feedback tra dinamiche magmatiche e risposta strutturale dell edificio vulcanico, ecc.). Analisi congiunta di dati acquisiti attraverso campagne di misure discrete (geochimiche, geodetiche), distribuzioni nello spazio e nel tempo del rilascio di strain, tomografie 4D, ecc. per la definizione dello stato di attività del vulcano, la comprensione dei rapporti dinamici tra rocce incassanti e magma, lo studio della dinamica di lungo periodo che coinvolge magma e gas all interno del plumbing system. 3 - Schemi di predizione unsupervised e modelli per la stima della probabilità di eruzione. Tecniche di classificazione unsupervised basate su SOM e logica fuzzy, applicazione del BET_EF (Bayesian Event Tree_Eruption Forecasting) e di altri metodi per la stima quantitativa dell hazard eruttivo.

6 Dal PTA Obiettivi Strategici della Struttura Vulcani

7 MED-SUV Sub-task del progetto che ricadono nella LdA V2 WP5: Etna volcano laboratory (open-conduit) Task 5.1: Characterisation of the threatening phenomena from space and ground Sub-Task Test cases for significant events We will select three sets of recent and well document dyke injections, earthquakes creep events on shallow faults on flanks (Pernicana, Mascalucia) and in the Timpe also considering their relation with landslides events to be used as reference events for the modelling of Task 5.4 (Team: INGV). VOS 2-3 Sub-Task Multiparametric experiment for gas dynamics definition We will set-up at the Mt. Etna NE Crater (continuously degassing from several years) a temporary multiparametric monitoring system including infrasound, seismic, gravimetric, gas, thermal sensors and visible video cameras. A vertical linear infrasound array that will be introduced in the crater, we will measure the sound velocity in the plume. At the same time, the multiparametric monitoring system will records the fingerprint of the degassing process with the aim of the gas escaping process modelling. In addition we will try to explain the difference found in the estimation of gas volume made by means of infrasound modelling and independent estimates. Finally, the same dataset will be used to give detailed information about the NE Crater structure. We will repeat the experiment several time in order to sample different degassing conditions (Team: INGV). VOS 3 Sub-Task Multiparametric data mining We will integrate seismic data and data originating from other scientific fields (such as volcano imagery, geochemical analyses, deformation, gravity and magneto-telluric), in order to facilitate the cross-check of the findings encountered from the single data streams, in particular allowing their immediate verification with respect to ground truth. Part of the research will be focused on the management and integration of a large dataset of measurements (Team: INGV). VOS 3

8 MED-SUV Sub-task del progetto che ricadono nella LdA V2 WP5: Etna volcano laboratory (open-conduit) Task 5.2: Mt Etna dynamics Sub-Task Magma storage, ascent and degassing The main planned actions are: (1) To determine the pre-eruptive magma conditions. (2) To assess experimentally the importance of magma-crust interactions and sediment ingestion and their potential influence on the volatile budget and hence the eruptive dynamics of Mt. Etna. (3) To investigate the effect of magma ascent rate on magma dynamics and gas release at the surface. (4) To investigate radioactive disequilibria among short-lived U-series isotopes in both volcanic gases and solid products,to discriminate between deep gas accumulation processes and shallow degassing. (5) To perform conductivity experiments aimed at retrieving the most likely electrical signature of the present plumbing system, focusing on the influence of the gas phase on conductive properties of typical Etna basaltic magmas. (6) Finally, by combining the above results with geophysical data, to provide a quantitative, numerical modelling of the dynamics of magma ascent, degassing and eruption at Mount Etna (Team: CNRS, INGV, LMU). VOS 3 Sub-Task Stress transfer and interaction between faults and the magmatic/hydroth sys This task aims at studying the rheology and stress transfer inside Mt Etna, the interaction between slow-slipping faults and propagating dikes, the correlations between induced seismic events and deformation, the effect of the structural discontinuities. Seismic data and field measurements from the Pernicana will be used to validate the models of Task 5.4 and constrain the physical links between structures, deformation and seismicity. Observations from Etna and other areas around the world show that the moment tensor of dike-induced earthquakes is poorly understood. The expected moment tensor will be estimated by calculating the changes that the fault induces on the dike geometry. We will select a set of recent and well-document dyke injections that can be used as reference events for the modelling. For the modeling we will use the set of recent and well-document dyke injections, earthquakes and creep events established in ST (Team:CNRS, GFZ, INGV, CSIC, Western). VOS 3

9 MED-SUV Sub-task del progetto che ricadono nella LdA V2 WP5: Etna volcano laboratory (open-conduit) Task 5.3: Mt Etna structure Sub-Task High-resolution 3D vs. 4D seismic velocity and attenuation tomography This Task is aimed in applying standard and advanced tomographic techniques in order to model seismic data recorded during the last ten years (several thousands of local earthquakes) together with those acquired in occasion of the active seismic experiment (TOMO_ETNA). The main goal is to better define the Mt. Etna s plumbing system and to locate crustal magma reservoirs and other crustal and upper mantle relevant discontinuities. Long-range correlation of seismic noise will also be investigated (Team: INGV, UDUR, BRGM). VOS 2 Sub-Task Investigation of cortical structures, through borehole experiment The Osservatorio Etneo and the Osservatorio Vesuviano (INGV) will conduct a joint deployment of a small aperture array close to the downhole seismic station called Pozzo Pitarrone, installed since 2006 by Osservatorio Etneo at a depth of 120 meters. The results of this Task will be also useful to the work of the other Task group of this WP and the knowledge of some physical parameters will also be helpful for a 3D numeric model of Etna volcano (in particular the Sub-Task 5.4.2). (Team: INGV). VOS 2

10 MED-SUV Sub-task del progetto che ricadono nella LdA V2 WP5: Etna volcano laboratory (open-conduit) Task 5.4: Models and software Sub-Task Consensus 3D model of Etna This Task aims at developing a 3D model of Etna volcano, which includes realistic geological structures derived from the integration of surface and subsurface data. Some computational mesh that includes realistic surfaces (topography, faults and discontinuities structures) will be designed for the use in numerical modelling. These meshes will be tested with some benchmark problems in order to fulfil the requirements of different numerical models and allow models comparison. (Team:INGV, CNRS, CSIC) VOS 2-3 Sub-Task Near real time deformation modelling We will work towards improving approaches developed in the last years (e.g. the SISTEM approach developed at INGV-CT) and implementing a more global and near real-time deformation model able to fully exploit the large input of EO and in-situ ground deformation data available for this volcano. This result will be useful to constrain the tools for the hazard assessment developed in the WP6. (Team: INGV, CSIC, CNRS). VOS 3

11 MED-SUV Sub-task del progetto che ricadono nella LdA V2 WP6: Type of activity Task 6.2: Volcanic Hazard Assessment at Etna volcano Sub-Task Hazard changes induced by monitoring observations This task has the same goal of task 1.2 and it requires a similar general approach, mostly based on the Bayesian statistics, the BET code, and the Bayesian Belief Network. Also in this case, the target is how to translate monitoring observations into probabilities (INGV) VOS 3

12 Sub-Task Multiparametric experiment for gas dynamics definition The original objective of this experiment, that was performed in mid-july 2014, was to focus on the degassing activity of the North-East Crater (NEC; one of the five summit craters of Mt. Etna). However, about 10 days before the onset of the experiment (on 5 July) an eruptive fissure (EF) opened at the base of the NEC. Hence, the focus of the experiment became twofold: first, to study degassing processes at NEC; second, to investigate the eruptive and degassing activity at EF. Photo by Laura Spina Photo by Laura Spina

13 Sub-Task Multiparametric experiment for gas dynamics definition The experiment involved almost 40 researchers/technicians from different institutions in Italy, Germany and France. The field work involved coupled deployment of: seismometers microphones thermopiles a mini-uv scanner FTIR spectrometer SO 2 camera systems high-speed video cameras thermal and visible cameras gravimeters tiltmeters laser HCl sensor Photo by Roberto Maugeri Also satellite data (MODIS and ASTER) were acquired but, because of the bad weather conditions, no good results were obtained by their elaboration. Moreover, this experiment gave the opportunity to test the prototype of a DIAL for volcanic CO2 sensing the first time in a volcanic environment.

14 Sub-Task Multiparametric experiment for gas dynamics definition Preliminary analyses show promising results and we are confident that our results will shed new light on the interplay between degassing and eruptive dynamics. Comparison between infrasonic RMS and tilt radial component Comparison between infrasonic and seismic signals

15 Sub-Task Multiparametric data mining Data, spectrograms and results of KKAnalysis from 14 to 20 March a) amplitude of volcanic tremor, b) spectrograms of volcanic tremor, d) ambient parameters (pressure and soil temperature), e) radon. Results of the application of KKAnalysis refer to: c) volcanic tremor, f) radon and ambient parameters......g) volcanic tremor, radon, and ambient parameters, h) volcanic tremor, radon and ambient parameters. Colored triangles combine the results of SOM and fuzzy clustering; the results of fuzzy clustering (FC) with the partition in three clusters (distinguished by red, green, and blue color) are shown below each diagram. Falsaperla, Behncke, Langer, Neri, Salerno, Giammanco, Pecora, Biale (2014). Int J Earth Sci (Geol Rundsch), DOI /s

16 Sub-Task Stress transfer tectonic/magmatic systems Carbone, Aloisi, Vinciguerra, Puglisi, Earth-Science Reviews, 138, Attraverso l uso di un modello agli elementi finiti, sono stati investigati i rapporti dinamici intercorsi, nel periodo , tra la zona di accumulo profonda, al di sotto del fianco nordorientale dell Etna, e la zona di fratturazione più superficiale nel settore sud-orientale. Tali rapporti hanno determinato le condizioni per lo sviluppo dell eruzione laterale del 2001, controllando il complesso pattern di osservabili negli anni precedenti.

17 Sub-Task D vs. 4D seismic tomography 1 /11/ /10/2001 1/11/ /07/2001 W y=2 E W y=2 E 2001 eruption 12/07/2001 9/08/ /08/ /10/2001 W y=2 E W y=2 E eruption 26/10/ /01/2003 W y=2 E eruption 1/01/ /05/2008 W y=2 E W W y=0 y=-2 E E W W y=0 y=-2 E E W W y=0 y=-2 E W E W y=0 y=-2 E W E W y=0 y=-2 E E W W y=0 y=-2 E E V/V p s km V P /V S model vs Time (From Barberi et al., IAVCEI, 2013) W E cross sections showing the variation of the V P /V S ratio during the pre eruptive periods and eruptive ones for 2001, and lateral eruptions.

18 Sub-Task Near real time deformation modelling I G E O Deformation data -levelling -GPS -InSAR + Covariance Q d 3D grid of (empty) point sources Elastic parameters Density and pressure contrasts METHOD: 3D Extended Source with Free Geometry Model equations dg c i F m 2 zi Zk g F 0 ( zi Zk ) G 2 (1 ) v 3 2 k k k 1 dik 4 dik dik m 1 z Z 3vk pk dgo F dz0, i 1,..., ng 4 k 1 i k 3 dik Fit conditions ε T G Q 1 G G ε T P Regularization conditions Q Mixed condition ε ε 1 P P T 1 m Q m min. -1 D M T 2 ε Q ε+ f m T Q -1 M min. m= min, Growth process (scale factor) Nearly automatic inversion process Extended 3D models for structures of anomalous density and pressure, defined as aggregation of (filled) point sources

19 Sub-Task Hazard changes from monitoring data Il codice BET è già stato applicato all Etna nell ambito del progetto INGV-DPC LAVA (Brancato et al., Ann. Geophys., doi: /ag-5346). Nuova applicazione del codice BET_EF all Etna (MED-SUV Project). Punti principali: L Expert Team coinvolgerà l intero OE. Il processo di elicitazione sarà basato su un metodo Delphi modificato (Selva et al., 2012, Jour. App. Volcanol., doi: / ). Stato dell arte: Un primo seminario (Ottobre 2014) per motivare la partecipazione degli esperti. Un secondo meeting (Dicembre 2014) per presentare i modelli concettuali dei differenti parametri di monitoraggio con relatori i partecipanti (su base volontaria) al processo di elicitazione. Prossimi step: Un terzo meeting (Gennaio 2015) per presentare la piattaforma web da utilizzare per la procedura di elicitazione online ELICITAZIONE ONLINE (Gennaio 2015, a valle del terzo meeting)

20 SO2 camera at COA, Stromboli Progetto PON VULCAMED SO 2 Camera systems In the framework of VulcaMed project, SO 2 Camera systems have been (and will be) deployed at Etna, Stromboli and Vulcano to integrate the FLAME UV- Scanner network and improve the temporal resolution in SO 2 flux observation A permanent SO2 camera system was installed in May 2013 With respect to FLAME network of ultraviolet spectrometers, the SO 2 camera offers a much higher sampling rate, allowing quantitative comparisons with, e.g., seismic data. Cross-correlation analysis reveals that the gas emissions is strongly correlated with VLP seismic events, with a time lag of 60s (mechanism driving VLPs; effect of wind-plume direction).

21 Progetto PON VULCAMED igrav superconducting gravimeter Over about 2 months, 2 = 2 Gal In the framework of VulcaMed project, an igrav superconducting gravimeter was installed on Etna last August (Serra La Nave; 1740m a.s.l.). With respect to conventional instruments, superconducting gravimeters offer a much better stability (drift less than 0.5 µgal/month) and precision (0.05 µgal in the time domain for 1 minute averaging). The igrav superconducting gravimeter at SLN This instrument will thus allow to recognize the effect of mass redistributions driven by volcanic activity and occurring over periods between minutes and years. It will also make a reference for gravity surveys in the summit zone of Etna.

22 Coupling between VLP events, volcanic tremor and degassing rates at Etna Zuccarello et al., J. Geoph. Res., 118, , doi: /jgrb Results of this study reflect the complexity of the system, with gas flux correlating with volcanic tremor (not systematically) and frequency of VLP events not correlating with other parameters. Gas slug ascent, observed as VLP events, contributes little to the total gas emission: issue about the reliability of VLP seismicity as a proxy for the degassing rate. Future work will focus on the development of an integrated conceptual model to describe the coupling between gas transfer to the surface and volcanic tremor, as well as the role of VLP events in magma dynamics.

23 Joint Inversion of Ground Deformation and Focal Mechanisms Data for Magmatic Source Modelling January - May 2008 Earthquakes Earthquakes Magmatic source A novel approach is proposed which allows to improve the parameter estimation of analytical models of magmatic sources (e.g., shape, depth, dimensions, volume change, etc.) by means of a joint inversion of surface ground deformation data and P- axes of focal plane solutions. January - May 2008 Cannavò et al., Pure Appl. Geophys. 171, , DOI /s x

24 Studi su episodi recenti di fontana di lava all Etna Various studies concluded that the dynamics leading to the episodic lava fountaining at Etna is controlled by the repeated formation and collapse of a foam layer at shallow depth beneath the summit craters (e.g. Aiuppa et al., 2010, Geochem. Geophys. Geosyst., 11, Q09008, doi: /2010gc003168). A study is carried out to test this hypothesis through comparison between the volume of the growing gas foam and the gas volume expelled through each fire fountain in the July-September 2011 sequence :57:46 The volume of gas expelled through a fire fountain can be estimated from the height of the fountain, its duration and the area of the vent (Wilson and Head, 1980; Vergniolle and Ripepe, 2008).

25 Studi su episodi recenti di fontana di lava all Etna Medie a 1 minuto dell intensità totale del campo magnetico alla stazione di BVD (distante poche centinaia di metri dal Nuovo Cratere di SE) riferite alla stazione di riferimento CSR il 15 Novembre 2011 (inalto)eil18 Marzo 2012 (in basso). In corrispondenza dell attività di fontanamento, si osserva un veloce e continuo incremento di circa 3.5 nt. Photo by D. Condarelli Il segnale non ritorna al livello precedente la variazione. Questo dato, insieme al periodo della variazione stessa, indica, come probabile causa, un effetto piezomagnetico generato da un intrusione laterale superficiale.

26 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Gruppo di Ricerca su Linea di Attività V2 Dinamiche di unrest e scenari pre-eruttivi La formazione di un gruppo di ricerca trasversale, con programmi e obiettivi che ricadono in quelli fissati nella Linea di Attività V2, offre l occasione di rendere più sistematica l analisi congiunta di serie temporali multiparametriche, al fine di migliorare le conoscenze sui rapporti tra dinamiche magmatiche e osservabili da esse indotti. Migliorare la stima quantitativa dello stato di attività e della probabilità che si verifichino eventi parossistici.

27 INGV - Sezione di Catania - Osservatorio Etneo Gruppo di Ricerca su Linea di Attività V2 Dinamiche di unrest e scenari pre-eruttivi Implementazione di procedure che prevedano l utilizzo sinergico di: serie temporali multiparametriche e simulazioni numeriche/analitiche + modelli concettuali per giungere alla definizione di parametri-chiave (caratteristiche del magma, parametri geometrici, volumi/masse in gioco, ecc.) che consentano di valutare lo stato di attività.

28

29 Sub-Task Magma storage, ascend and degassing Research in progress: petrologic study of the pre-eruptive dynamics of magmas erupted during summit activity of Etna from 1995 to 2001 and from 2011 to????. Main points of the Research in progress: the long-term variability of major and trace elements in magma erupted by the summit craters is mostly controlled by a mixing processes between a fairly evolved magma stored in the shallow plumbing system, and a recharging more primitive magma ascending from depth. Anyway, the short-term variability seems to be influences by other factors, namely, the frequency and entity of deep magma recharge, the variable proportions of mixing magmas, the dynamics of gas-magma mixture in the reservoir and also the occurrence of tectonic accidents.

30 Piano Triennale di Attività 2014 \ 2016 Scheda di dettaglio Linea di Attività V2 Nel corso del triennio si prevedono studi particolarmente intensi sui seguenti soggetti: - relazioni tra presenza di tremore vulcanico e il manifestarsi di fontane di lava al vulcano Etna; - relazioni tra segnali registrati dalle reti di monitoraggio all Etna e ai Campi Flegrei, probabilità di eruzione, e localizzazione della bocca eruttiva; - relazioni tra osservabili, in particolare di tipo geochimico, e variazioni nel sistema magmatico di Vulcano; - relazioni tra osservabili e il manifestarsi di attività eruttiva eccentrica o esplosioni maggiori o parossistiche al vulcano Stromboli. Saranno inoltre effettuati, nell ambito di progetti europei e collaborazioni internazionali, studi sui vulcani Soufrière Hills (Montserrat, West Indies); Kilauea (Hawaii, US); Long Valley (CA, US); vulcani del Centro- e Sud-America (Salvador, Ecuador, Colombia). Intervengono in questa Linea di Attività gli Obiettivi Strategici (descritti al Cap. 3.2): - VOS1: Dinamiche di unrest e pericolosità a breve termine ai Campi Flegrei - VOS2: Relazioni tra strutture tettoniche e vulcaniche all Etna e alle isole Eolie - VOS3: Dinamiche di unrest e pericolosità a breve termine ai vulcani Etna e Stromboli - VOS4: Verso un Simulatore Vulcanico Globale - VOS8: Definizione e adozione di una politica INGV per le banche dati - VOS9: Sviluppo e implementazione di DIVO - VOS10: Creazione della Task Force V-EMER - VOS11: Definizione di un protocollo di ente per la gestione degli aspetti scientifici delle emergenze vulcaniche e per la stima della pericolosità vulcanica - VOS12: Partecipazione alla creazione di Reti Infrastrutturali europee - VOS13: Definizione di un piano di Dissemination & Outreach della Struttura

31 OBIETTIVI Superamento dell attuale configurazione dell Ente, basata sostanzialmente su una confederazione di sezioni, a favore di una piena realizzazione dell INGV quale Ente unico, coeso e coordinato nel suo impegno nella ricerca e nel servizio a favore della società Impulso sul fronte della ricerca europea e rafforzamento dell immagine internazionale della Struttura e dell Ente Rafforzamento delle relazioni con la comunità scientifica nazionale esterna all INGV, con le organizzazioni nazionali e con il mondo dell industria, e consolidamento della presenza della Struttura sul territorio Contributo nella messa a punto e realizzazione di un piano per la comunicazione e per l educazione della società Da presentazione di P. Papale riunione Struttura Vulcani 2 luglio 2014

32 Le Linee di Attività costituiscono gli elementi organizzativi principali delle Strutture, e si articolano a loro volta in Gruppi di Ricerca costituiti presso le Sezioni Le attività di ricerca e di servizio verso l esterno (sorveglianza, valutazioni di pericolosità, etc.) sono organizzate e coordinate all interno delle Linee di Attività Le Linee di Attività sono intenzionalmente incentrate su OBIETTIVI o temi, non su approcci o metodologie Lo scopo è quello di incentivare un approccio MULTIDISCIPLINARE alle ricerche, favorendo il dialogo, l interscambio e la collaborazione Da presentazione di P. Papale riunione Struttura Vulcani 2 luglio 2014

33 Regolamento di Organizzazione e Funzionamento (ROF) dell INGV Da presentazione di P. Papale riunione Struttura Vulcani 2 luglio 2014

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali

Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali Predisposizione di una rete di osservatori amatoriali per l'osservazione di NEO e detriti spaziali UAI Unione Astrofili Italiani Università Di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Roma La Sapienza

Dettagli

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009.

Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR. Periodo 2008 2009. Prot. Int. n UFVG2009 / 61 Rapporto: Elaborazione e trasmissione dati di misura in modo automatico; sviluppo dei software: Conversione SO2 GML ed SFTP-DAR Periodo 2008 2009. Daniele Armando Randazzo La

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Vito VITALE e Boyan PETKOV Istituto t di Scienze dell'atmosfera e del Clima (ISAC-Bologna) Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering European Union University of Salerno University of Salerno Department of Industrial Engineering Ph.D. Thesis in Mechanical Engineering Cycle XII (2011-2013) Dry clutch for automated manual transmissions

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrara-Ravenna Pipeline located

Dettagli

FIERA DI BRESCIA 15-18 November 2013

FIERA DI BRESCIA 15-18 November 2013 E UR OPEAN GLU PO TE N FREE EX BRESCIA 15-18 BRIXIA EXPO NOVEMBRE 2013 FIERA DI BRESCIA 15-18 November 2013 th th IL PRIMO EXPO EUROPEO INTERAMENTE DEDICATO AI PRODOTTI E ALL ALIMENTAZIONE SENZA GLUTINE

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1

Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 Meeting Struttura Vulcani GdR V2 Roma 1 V2.1 - Dinamica dei magmi, dei fluidi e delle rocce Studi sperimentali sulla reologia dei fusi silicatici. Studi sperimentali sui processi interazione tra rocce

Dettagli

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere

Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere Qualità e sicurezza delle costruzioni leggere prof. dr. eng. Ario Ceccotti Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree CNR IVALSA Il LEGNO è la sola risorsa fondamentale rinnovabile

Dettagli

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali).

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali). Lucia Simonetto Marta Iannello La forma del suono Introduzione Questa esperienza vuole essere una riproduzione degli sperimenti effettuati dal fisico tedesco Ernst Chladni (Wittemberg 1756 Berlino 1824)

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller)

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller) Unione Europea Università degli studi di Salerno Dipartimento di Ingegneria Industriale Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica X Ciclo N.S. (2008-2011) Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

CHI SIAMO. italy. emirates. india. vietnam

CHI SIAMO. italy. emirates. india. vietnam italy emirates CHI SIAMO india vietnam ITALY S TOUCH e una società con sede in Italia che offre servizi di consulenza, progettazione e realizzazione di opere edili complete di decori e arredi, totalmente

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

AUTOMATIC CLASSIFICATION OF ERUPTIVE EVENTS BY THE VAMOS SYSTEM

AUTOMATIC CLASSIFICATION OF ERUPTIVE EVENTS BY THE VAMOS SYSTEM AUTOMATIC CLASSIFICATION OF ERUPTIVE EVENTS BY THE VAMOS SYSTEM LIBERO BERTUCCO 1, MAURO COLTELLI 2, ANTONIO CRISTALDI 2 SALVATORE MANGIAGLI 3, GIUSEPPE NUNNARI 1, EMILIO PECORA 3 (1) Dipartimento Elettrico,

Dettagli

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959 FINITE ELEMENT ANALYSIS (F.E.A.) IN THE DESIGN OF MAGNETIZING COILS How does it works? the Customer s samples are needed! (0 days time) FEA calculation the Customer s drawings are of great help! (3 days

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI

ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI ijliii МЯ ЬМЗЫЭЬ MOTORI ETTRICI La nostra azienda opera da oltre 25 anni sul mercato della tranciatura lamierini magnetid e pressofusione rotori per motori elettrici: un lungo arco di tempo che ci ha visto

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

GSA. SINT Informatica Srl. BCP Busarello+Cott+Partner Inc. GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007)

GSA. SINT Informatica Srl. BCP Busarello+Cott+Partner Inc. GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007) GSA GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007) GSA è un programma di calcolo per la progettazione e l analisi di dispersori per impianti di terra a bassa frequenza sviluppato da SINT Informatica

Dettagli

Modeling and Tracking Social Walkers

Modeling and Tracking Social Walkers Diss. ETH No. 20340 Modeling and Tracking Social Walkers A dissertation submitted to the ETH ZURICH for the degree of Doctor of Science ETH presented by Stefano Pellegrini M.Eng. Sapienza University of

Dettagli

Professori & Ricercatori universitari

Professori & Ricercatori universitari OFFERTA LICENZE ACCADEMICHE Software DIANA Licenza DIANA Standard+ PERPETUAL VERSION Prezzo di listino 9.460 6.900 Licenza DIANA Standard+ NOLEGGIO ANNUALE Prezzo di listino 3.785 Caratteristiche software

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Edile - Architettura Corso di laurea magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI PROPOSTA DI UN METODO

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

La rete dei National Contact Point in Italia

La rete dei National Contact Point in Italia La rete dei National Contact Point in Italia Caterina BUONOCORE NCP HEalth, wellbeing demographic change. APRE www.apre.it APRE 2013 The Italian NCP System : APRE the Agency for the Promotion of the European

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

The last forty years of surface deformation at Campi Flegrei caldera: two simple stationary sources are enough

The last forty years of surface deformation at Campi Flegrei caldera: two simple stationary sources are enough Università degli studi di Salerno FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di dottorato in scienze e tecnologie dell informazione, dei sistemi complessi e dell ambiente XII ciclo PHD THESIS

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.20015 20 Novembre 2012 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifica Regolamento ExtraMOT: Controlli automatici delle negoziazioni - Automatic

Dettagli

Research and development are core activities of the company, which fosters technology transfer from University to practice.

Research and development are core activities of the company, which fosters technology transfer from University to practice. EXPIN srl Advanced Structural Control è una giovane società, nata nel 2010 come spin-off dell Università di Padova. Il campo in cui opera la società è quello relativo allo sviluppo, applicazione, gestione

Dettagli

Labss CNR Edulabss: Didattica e

Labss CNR Edulabss: Didattica e EduLabss Responsabile contenuti/formazione Federico CECCONI EduLabss c/o LABSS ISTC Cnr Via Palestro 32 00185 Roma Tel +39.06.49936410 email: info@edulabss.com Labss CNR Edulabss: Didattica e divulgazione

Dettagli

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria

Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza per veicoli spaziali UNIVERSITÀ DI PISA. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DI PISA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale Tesi di laurea Specialistica Progettazione e analisi strutturale di un generatore solare d'alta potenza

Dettagli

Nuova camera di prova ventilatori in accordo agli standard EN ISO 5801 e AMCA 210 New test chamber according standards EN ISO 5801 and AMCA 210

Nuova camera di prova ventilatori in accordo agli standard EN ISO 5801 e AMCA 210 New test chamber according standards EN ISO 5801 and AMCA 210 Nuova camera di prova ventilatori in accordo agli standard EN ISO 5801 e AMCA 210 New test chamber according standards EN ISO 5801 and AMCA 210 La ha costruito una nuova camera di prova per il collaudo

Dettagli

ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE

ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE ANISOTROPIA SISMICA NEL NORD APPENNINO: NUOVE MISURE DI SHEAR WAVE SPLITTING DAL PROGETTO RETREAT E RELATIVA MODELLAZIONE Simone Salimbeni 1,2, S. Pondrelli 1, L. Margheriti 2, J. Park 3 e V. Levin 4 1-Istituto

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI

MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI MONITORAGGIO DELLA FAGLIA DI TRECASTAGNI (CT) MEDIANTE L USO DI ESTENSIMETRI Antonino Carnazzo*, Giuseppe Falzone^, Angelo Ferro^, Salvatore Gambino^, Giuseppe Laudani^, Edoardo Principio* * Provincia

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri

StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri LifeWatch e-science European Infrastructure for Biodiversity and Ecosystem Research StrumenJ semanjci per la ricerca applicata ai tram funzionali: sviluppo e applicabilità dei Thesauri Caterina Bergami

Dettagli

M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA

M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA M. SILVESTRI, M. F. BUONGIORNO,M. MUSACCHIO ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, ROMA Le infrastrutture del laboratorio di Telerilevamento dell INGV e relative applicazioni Il processamento

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com COMPANY PROFILE tecnomulipast.com PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI DAL 1999 Design and manufacture of industrial systems since 1999 Keep the faith on progress that is always right even

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT. KONTROLDRY mod. 20. KONTROLDRY mod. 20 RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Verifica dei campi magnetici ed elettrici non ionizzanti su KONTROLDRY mod. 20 EMF tests on KONTROLDRY mod. 20 Richiedente (Customer): - Ente/Società (Dept./Firm): S.K.M.

Dettagli

Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs. La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors

Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs. La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors Training Session per il Progetto 50000and1SEAPs La Provincia di Modena ed il Covenant of Mayors Padova, 3 Aprile 2014 The Province of Modena for several years has set policies in the energy field, such

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro.

Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione creativa tra l architetto Adolfo Martinez e l artista grafica Ivana Serizier Moleiro. -1- SCHEDA DI PRESENTAZIONE Nome e cognome / Nome del gruppo Adolfo Martinez, Ivana Serizier Moleiro / Dichotomy Works Città Milano Provincia MI Biografia Dichotomy Works nasce nel 2015 a Milano come collaborazione

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis 1 XI Congresso Nazionale Gruppo di Terapia Manuale «The role of Manipulations in the treatment of Neuromusculoskeletal Disorders» 9 Novembre 213. Firenze, Hotel Londra The Effect of Manual Techniques on

Dettagli

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT

NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT NUOVO POLO PRODUTTIVO NEW PRODUCTION PLANT GRID S.p.A. SESTO SAN GIOVANNI (MILANO) - ITALY CONCEPTUAL VIEWS AND ELEVATION FOR BUILDING B: FACADE STUDIES 26.02.2014 INDICE INDEX 1. INTRODUZIONE INTRODUCTION

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Data/Ora Ricezione 12 Giugno 2015 19:26:03 MTA - Star Societa' : FALCK RENEWABLES Identificativo Informazione Regolamentata : 59697 Nome utilizzatore : FALCKN01

Dettagli