«La Spezia: gateway-port per il Nord Italia»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«La Spezia: gateway-port per il Nord Italia»"

Transcript

1 Milano, 28 maggio 2014 «La Spezia: gateway-port per il Nord Italia» Un modello di riferimento per la portualità italiana prof. Fabrizio Dallari dr. Sergio Curi Centro di Ricerca sulla Logistica Università Cattaneo LIUC 1 1

2 Le motivazioni dello studio Cosa fa di Spezia un modello di riferimento per la portualità italiana? 1. Analizzare il modello organizzativo del Sistema Spezia che ha consentito al suo porto di raggiungere un ruolo di primo piano nell attività marittima nazionale. Quali sono le leve per incrementare i traffici e attrarre gli investimenti? 2. Comprendere le logiche di scelta del porto di La Spezia da parte dei soggetti decisori, sia lato terra, sia lato mare. Quali strategie di sviluppo per rispondere ai cambiamenti in atto? 3. Evidenziare gli investimenti materiali e immateriali essenziali allo sviluppo futuro. 2 2

3 Lo studio C-Log Lo studio affronta questi temi, analizzando le scelte che hanno portato il porto di Spezia ad assumere un ruolo di primo piano a livello nazionale: 1. Evoluzione e ruolo 2. Infrastrutture e attori 3. Servizi offerti e traffici 4. Sistema organizzativo 5. Scenari di sviluppo Studio scaricabile dal sito: 3 3

4 La Spezia: il porto e i suoi terminal Nel porto operano 12 concessionarie/terminaliste, tra cui: 2 terminal container, 1 terminal multipurpuse, 2 terminal petroliferi e 1 per il carbone, oltre all indotto di aziende di servizi connessi al ciclo del container 1 Autorità Portuale 2 Capitaneria di Porto 3 Molo Fornelli (LSCT) 1 4 Terminal Ravano (LSCT) 5 Terminal del Golfo (Tarros) Molo Enel 7 Calata Artom 8 Molo Garibaldi Calata Malaspina 10 Calata Paita 6 Profondità max: m Piazzali container: m 2 4 4

5 La Spezia: il retroporto di S. Stefano di Magra 5 5

6 La Spezia: il retroporto di S. Stefano di Magra GE Distanza dal porto: 8 km SP A PR LI T FS D Superficie complessiva: m 2 Terminal intermodale: 16 binari, m 2 Corridoio Uirnet e binari dedicati FS Stazione S. S. di Magra 1 Giorgio Gori 5 Contrepair 9 Matra T Terminal Intermodale (A.P.) 2 AL Logistics 6 ex Grancasa 10 Gate SVAR D Area controlli doganali 3 Sernav LOG 7 SpeDeMar 11 Piastra intermodale A Autoporto 4 Nora Gr. Tarros 8 Marcos (Spinelli) 12 Aree libere 6 6

7 La Spezia: gateway-port per il Nord Italia Spezia porto gateway verso la Regione Logistica Milanese (RLM), che comprende le province di Milano, Monza-Brianza, Lodi, Pavia, Como, Varese e Bergamo, estendendosi oltre i confini amministrativi regionali includendo gli interporti di Novara e Verona e il nodo logistico di Piacenza. Area in cui si concentra quasi l 80% della produzione industriale italiana. 7 7

8 La Spezia: gateway-port per il Nord Italia La posizione del porto di Spezia è privilegiata anche rispetto alla geografia dei consumi delle famiglie che condiziona le scelte localizzative da parte degli operatori della Grande Distribuzione Organizzata. Dal porto, ad una distanza di 4 ore di guida, è possibile raggiungere circa 1/3 dei Centri Distributivi (Ce.Di.) presenti in Italia. Un ruolo riconosciuta anche a livello internazionale: La Spezia is known as the regional gateway of the north Tyrrhenian region of Italy, Containerisation International, Top 100 container ports

9 La Spezia: il suo hinterland di riferimento prov2001_s PV_origine / none prov2001_s PV_origine / none Ripartizione % del 0, , valore doganale per provincia di origine 0, , dell EXPORT 2, , < 1% 0, , % - 3% 0, , > 3% 2, , Distanza media: 197 km prov2001_s prov PV_d PV_destinazione / no < 1% 0, EXPORT Fonte: Ufficio Ag. delle dogane di Spezia IMPORT 1% - 3% 0, % - 5% 1, > 5% 3, Distanza media: 156 km* Ripartizione % del valore doganale per provincia di origine dell IMPORT 9 9

10 La Spezia: la catchment area \ \ Nizza Torino Varese Rovereto Padova Rimini Orvieto La Spezia L area rappresenta il luogo dei punti raggiungibili entro 4,5 h di guida

11 La Spezia nel contesto portuale europeo 12 Core Network: in Italia 12 porti 12

12 La Spezia: i volumi e i competitor nazionali La Spezia, porto senza grande tradizione mercantile è diventato in pochi anni il secondo porto italiano. Porto Gioia Tauro Genova La Spezia Cagliari Livorno Napoli Venezia Trieste Taranto Salerno Ravenna Ancona Savona Vado Altri porti Totale CAGR Italia = +3,4% *CAGR: tasso medio annuo di crescita 13 13

13 La Spezia: i servizi lato mare I rapporti con il Mondo e quelli con il Mediterraneo 14 14

14 La Spezia: i servizi lato mare Le principali compagnie che scalano il terminal LSCT Porti scalati dai servizi per l Asia dal network P3 che toccano il porto di Spezia 15 15

15 La Spezia: le connessioni ferroviarie Servizi intermodali: circa treni/anno, facendo di La Spezia il porto con la più alta incidenza di traffico su ferro (33% del totale) La Spezia ha sviluppato nel tempo una fitta rete di servizi ferroviari con i principali inland terminal del Nord Italia. 12 P/C22 P/C P/C32 16 P/C80 16

16 Le motivazioni dello studio Cosa fa di Spezia un modello di riferimento per la portualità italiana? 1. Analizzare il modello organizzativo del Sistema Spezia che ha consentito al suo porto di raggiungere un ruolo di primo piano nell attività marittima nazionale. Quali sono le leve per incrementare i traffici e attrarre gli investimenti? 2. Comprendere le logiche di scelta del porto di La Spezia da parte dei soggetti decisori, sia lato terra, sia lato mare. Quali strategie di sviluppo per rispondere ai cambiamenti in atto? 3. Evidenziare gli investimenti materiali e immateriali essenziali allo sviluppo futuro

17 La Spezia : i fattori alla base del successo La Spezia è un sistema coopetitivo 18 Business is cooperation when it comes to creating a pie and competition when it comes to dividing it up. A. Brandenburger, B. Nalebuff 18

18 La Spezia : i fattori alla base del successo Un modello che ricorda lo sviluppo dei distretti industriali, nei quali il particolare clima sociale prodotto dalle connessioni tra le imprese può condurre ad una maggiore efficienza cui si associano migliori performance di mercato La Spezia è un sistema a rete Intorno alle aziende leader della rete si muovono le altre imprese del cluster portuale in una sorta di circuito virtuoso: il miglioramento delle performance spinge gli altri attori a migliorarsi, alzando la qualità dei servizi forniti dal sistema. 19 Il numero limitato di operatori presenti nel ciclo del container, ha reso più facile la comunicazione tra terminalisti, agenti e spedizionieri, semplificando il processo decisionale. A La Spezia si configura un sistema basato sulla comunità d intenti tra gli attori presenti, ossia su una stretta collaborazione, tra operatori portuali, dichiaranti doganali e compagnie di navigazione. Franco Pinzani, Jas 19

19 La Spezia : i fattori alla base del successo Il Sistema Spezia adotta de facto i principi del Lean thinking = fare meglio con meno. Ciò significa ripensare i processi aziendali alla ricerca delle sacche di inefficienza. La Spezia è un porto «snello» Gli spazi limitati del porto hanno costretto le aziende terminalistiche al miglioramento continuo del ciclo operativo, portando al limite gli indici di produttività. Le fasi successive all arrivo della nave sono frequenziate con la massima attenzione e i diversi attori che partecipano alla loro realizzazione operano secondo i ritmi stabiliti dal terminal stesso Nel concetto di pensiero snello è racchiuso quello di collaborazione attiva : l importanza del lavoro di squadra si concretizza anche in società di servizi partecipate da vari soggetti La manovra ferroviaria nel terminal LSCT funziona molto bene essendoci di fatto un solo soggetto che gestisce il terminal e lavora il treno. Lorenzo Bertolini, UASC 20 20

20 La Spezia : i fattori alla base del successo Il risultato finale è misurabile in termini di dwell time che per i flussi in import è tra i più bassi registrabili in Italia: 5,1 giorni contro una media nazionale di oltre 7,5 giorni La Spezia è un porto efficiente Tipologia di traffico Volume (teu) Dwell Time (gg) Import full ,1 Import empty ,7 Export full ,6 Export empty ,8 Transhipment ,6 Totale ,7 Il dwell time medio a La Spezia che misuriamo nella nostra esperienza è di 2-3 giorni, inferiore rispetto ad altri porti. L adozione del preclearing potrebbe ridurlo ancora di più. Franco Pinzani, Jas 21 21

21 La Spezia : i fattori alla base del successo Non sempre il dwell time è il fattore decisivo nella scelta del porto. In altri casi è influenzata da componenti quali il free time at port. La Spezia offre diverse opzioni Nel caso di merci per le quali non vi sia una particolare urgenza il terminal può essere usato come magazzino di stoccaggio temporaneo. Il maggiore free time che abbiamo a Melzo è utilizzato per ottimizzare i piani di svuotamento dei container nel nostro deposito. Al contrario l import moda è instradato direttamente verso il nostro magazzino di Reggio Emilia. Alberto Menna, Artsana 22 22

22 La Spezia : i fattori di scelta di un porto Mediante interviste dirette a grandi caricatori (shipper) e spedizionieri internazionali (freight forwarder) è stato possibile apprezzare il punto di vista di soggetti esterni al sistema spezzino, che decidono sulla base di fattori di razionalità economica e funzionalità alle esigenze del proprio business. la vicinanza agli stabilimenti o ai magazzini aziendali; il numero di connessioni dirette e la frequenza dei servizi di linea; la velocità di attraversamento del porto (dwell time); il costo di resa port door, incluse la movimentazione e le soste; la presenza di un retroporto ove sia possibile svolgere attività a valore aggiunto; l esistenza di frequenti collegamenti intermodali con i principali inland terminal; l efficienza del processo doganale e l intensità dei controlli doganali

23 La Spezia : i fattori di scelta di un porto La maggior parte delle aziende intervistate tratta direttamente con le compagnie di navigazione attraverso dei Global Bid effettuati una o più volte l anno. Questi soggetti, che hanno rapporti diretti con le shipping line, vedono le eventuali inefficienze presenti lungo la catena (porto, tratta terrestre, ferroviaria, dogana, ecc.)

24 La Spezia : i fattori di scelta di un porto Il fattore tempo ha una diversa «accezione» da soggetto a soggetto: Criticità del fattore tempo (es. prodotti «moda» servizi diretti e bassi «dwell time» Criticità della gestione del magazzino (es. prodotti industriali) maggiori free time at port. Tutte le aziende sono molto sensibili al tema della certezza dei tempi di resa, da cui dipende il corretto realizzarsi della programmazione produttiva, o distributiva. Benetton ha sempre governato direttamente la filiera in inbound, acquistando con resa FOB. I porti liguri sono maggiormente utilizzati rispetto a quelli dell adriatico più vicini a noi, in quanto offrono più servizi diretti, con frequenze maggiori e sono attrezzati a ricevere navi di grande dimensioni. Daniele Fregnan, Benetton Vi sono clienti che chiedono espressamente, per destinazioni come il Nord America, di utilizzare i porti di Genova e La Spezia in virtù del maggior numero di servizi diretti (più veloci rispetto al transhipment e con minoririschi). Giovanni Domante, DHL Global Forwarding

25 La Spezia : i fattori di scelta di un porto I fattori di scelta variano naturalmente da soggetto a soggetto: se per uno spedizioniere in import è importante la presenza di adeguate connessioni intermodali per ridurre i costi della tratta inland, per una compagnia di navigazione è un fattore critico la possibilità di stoccare i vuoti a costi contenuti nelle immediate vicinanze del porto. lo sviluppo del retroporto di S. Stefano Magra viene incontro a entrambe queste esigenze. La seconda ragione di scelta è rappresentata dall esistenza di collegamenti intermodali. l buoni collegamenti della Spezia sono una delle ragioni per cui Whirlpool lavora con questo porto. I collegamenti intermodali permettono un significativo risparmio di costo (circa il 35% rispetto ad un servizio tutto-strada) Stefano Franzetti, Whirlpool Il terminal spezzino offre diverse opzioni di ormeggio e rapidità nella movimentazione, inoltre vanta un ottima integrazione di tutti gli anelli della catena logistica, essendo forse l unico terminal in Italia che integra tutti i passaggi, dalla banchina al retroporto, offrendo professionalità, servizi ferroviari garantiti ed una posizione geografica ideale. Marco Donati, Coscon Italy 26 26

26 La Spezia : i fattori di scelta di un porto Tra i più importanti fattori di scelta anche l efficienza del processo doganale, in termini di operatività e certezza dei tempi Le inefficienze nelle fasi di controllo (non solo doganale) sono tra le cause di distorsione dei traffici a favore dei porti del Nord Europa, di merci destinate al territorio italiano. Un problema di Spezia, come di altri porti italiani, riguarda gli aspetti burocratici e amministrativi. Nella fase doganale nascono problemi, sia per il numero dei controlli, sia per il modo in cui sono organizzati che può generare extra costi. Va comunque rimarcato il forte impegno da parte degli organi centrali della Dogana volto al miglioramento del livello di informatizzazione del sistema e alla semplificazione dei processi. Fabio Brusamarello, IKEA Per far fronte all incremento dei traffici a La Spezia per primi vennero introdotti i CAD (Centri di Assistenza Doganale) che affiancarono, supportandola, l attività delle dogane, attraverso un processo di delega di attività reso possibile dalla normativa

27 La Spezia : i fattori di scelta di un porto Anche la scelta del momento e del luogo in cui fare dogana dipende dalla soluzione più vantaggiosa in termini economici e di tempo. La Spezia, porto pilota per il preclearing Da alcune simulazioni che abbiamo effettuato risulta che si può ridurre il dwell time di quasi 2 giorni rispetto agli attuali 5,7 Michele Giromini, LSCT 28 28

28 La Spezia : i fattori di scelta di un porto Tra i fattori apprezzati dagli utenti del porto di Spezia, è da rilevare la disponibilità nei confronti delle esigenze della merce da parte della Direzione doganale. Spezia - S. Stefano Magra, primo esempio di corridoio doganale Controlli: CD=controllo documentale, VM= visita merce, CS= controllo scanner. CA= Controllo automatizzato (codice verde) «Il procedurale quadro sviluppato a partire dal caso della Spezia (per il retroporto di S. Stefano di Magra) sarà il modello cui altri porti dovranno ispirarsi Teresa Alvaro, Ag. Dogane 29 29

29 Roadmap: i prossimi passi Il futuro di Spezia è legato al realizzarsi di tre progetti: interventi infrastrutturali nel porto; sportello unico doganale e centro unico servizi a S. Stefano di Magra; integrazione di Santo Stefano di Magra nelle attività portuali. A questi si aggiungono progetti migliorativi dell efficienza del porto: la costituzione della società per le manovre ferroviarie Rail Shunting il progetto di piattaforma informatica APNet piattaforma informatica di corridoio (progetto WiderMos) Perseguendo 3 obiettivi: ridurre ulteriormente il dwell time preclearing, AP Net ridurre i costi di stazionamento retroporto S. Stefano Magra attrarre nuovi traffici «lato mare» (incremento banchine e piazzali terminal) e «lato terra» (attivando sinergie con inland terminal) 30 30

30 La Spezia nel futuro prossimo 31 31

31 Grazie per l attenzione prof. Fabrizio Dallari dr. Sergio Curi Centro di Ricerca sulla Logistica Università Cattaneo LIUC 32 32

Napoleone Bonaparte 0

Napoleone Bonaparte 0 Napoleone Bonaparte 0 prov2001_s PIL Industria (2012) / none < 1 mld 152,987814-1000,00000 1 2,5 mld 2,5-4 mld 4 8 mld 1000,00001-2500,00000 2500,00001-4000,00000 4000,00001-8000,00000 > 8 mld 8000,00001-27415,3245

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR. Port & Shipping Tech. Genova, 29 Novembre. Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl

TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR. Port & Shipping Tech. Genova, 29 Novembre. Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR Port & Shipping Tech Genova, 29 Novembre Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl Agenda Dove siamo arrivati Prossimi passi Full scale demonstrator

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis Convegno Smart Port & Logistics UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis 17 Settembre 2015 0 INTERAZIONE DI SISTEMA PCS UIRNet e la Piattaforma Logistica Nazionale

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica. Centro di Ricerca sulla Logistica

Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica. Centro di Ricerca sulla Logistica Centro di Ricerca sulla Logistica Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica Direttore C-LOGC 1 Cos è la logistica? fornitori stoccaggio materie prime produzione stoccaggio

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici 1. La Società 2. L evoluzione operativa 3. Possibili sviluppi strategici Novara, 13.1.2010 1. La Società CIM spa realizza e gestisce l Interporto di Novara. Secondo la definizione che ne dà la Legge 240/1990

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Milano e i suoi flussi logistici

Milano e i suoi flussi logistici Primo piano La logistica di Milano non è un fatto del territorio milanese: è certamente milanese, ma si realizza anche e soprattutto fuori del territorio milanese. 18 febbraio 2011 Milano e i suoi flussi

Dettagli

Interporto Padova SpA

Interporto Padova SpA Interporto Padova SpA AREA INTERPORTUALE 2 Interporto Padova S.P.A. Superficie fondiaria in proprietà: mq 1.040.000 Magazzini in proprietà: mq 270.000 (di cui 116.000 mc = 23.000 mq a temperatura controllata)

Dettagli

LOGISTICA E TERRITORIO

LOGISTICA E TERRITORIO LOGISTICA E TERRITORIO 1. La logistica nel contesto della competizione territoriale Dopo una fase di perdita di rilevanza nelle politiche di sviluppo locale negli anni 80, le infrastrutture e la logistica

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

L organizzazione del Gruppo FS

L organizzazione del Gruppo FS Fs Logistica in Europa 1 L organizzazione del Gruppo FS 2 FS Logistica I servizi logistici del Gruppo Fs sono dati in outsourcing a FS Logistica spa, societa nata nel 2008 Integrazione, sinergie, ottimizzazione

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

APPENDICE (Tab. A1-A7)

APPENDICE (Tab. A1-A7) APPENDICE (Tab. A1-A7) ID_PORTO Porto Popolazione Totale Numero Edifici Numero Unità Locali Numero Addetti Unità Locali AREA Isocora 200 km (mq) 1 Savona-Vado 9.608.844 1.494.337 941.468 4.150.985 22.312.993.256

Dettagli

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio OSSERVATORIO TRAFFICI MARITTIMI RELAZIONE 2012 PORTI DELL ADRIATICO E IONIO. DIECI ANNI DI TRAFFICI MARITTIMI E POLITICHE EUROPEE Ida Simonella Brindisi,

Dettagli

Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale

Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale Incontro informativo e ricognitivo delle esigenze delle Autorità Portuali Roma, 8 febbraio 2013 Teresa Alvaro Fruibilità Agenda

Dettagli

Venice Port Authority. Porto di Venezia

Venice Port Authority. Porto di Venezia Porto di Venezia Localizzazione e aree di riferimento: Il valore socio economico: 1. Addetti Impiegati presso l Autorità Portuale 96 Addetti diretti presso aziende portuali e terminals 5.247 Addetti indotto

Dettagli

e p.c. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

e p.c. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 13 gennaio 2012 Protocollo: Rif.: Allegati: 4112 / RU Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane Alle Direzioni Provinciali di Trento e di Bolzano Al Servizio Processi Automatizzati

Dettagli

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009 Incontro con OO.SS. Divisione Cargo Roma, 09 giugno 2009 Indice Il Mercato Potenziale Lo scenario economico di riferimento Il piano commerciale 2 I volumi nei porti Anno 2006 Mercato non potenziale - Rinfuse

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

All Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it

All Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it Roma, 22 giugno 2012 Protocollo:78736/RU rif.: circolare 22D/2009 Allegati: Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane Alle Direzioni Provinciali di Trento e di Bolzano Al Servizio Processi

Dettagli

Ultimo Miglio: la manovra nei porti

Ultimo Miglio: la manovra nei porti Ultimo Miglio: la manovra nei porti I porti italiani in cui FerCargo è presente con i propri treni Venezia Trieste San Giorgio Di Nogaro Ravenna Savona Genova La Spezia Civitavecchia Napoli Gioia Tauro

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELL IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio II Viale Giorgio Ribotta, 5-00144

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE Dicembre 2012 1. Inquadramento territoriale e programmatico I tre porti liguri di Genova, Savona-Vado e La Spezia

Dettagli

il perno intermodale nell Italia Centrale

il perno intermodale nell Italia Centrale il perno intermodale nell Italia Centrale Un frigorifero non è un frigorifero, se si trova a Detroit, mentre è richiesto a Huston (J.L. Heskett) Nel mondo globale. EUROP E la complessità Subsidiaries legatain

Dettagli

Kuehne + Nagel. The Global Logistics Network. Marco Candiani Direttore Operativo Divisione Retail/Consumer

Kuehne + Nagel. The Global Logistics Network. Marco Candiani Direttore Operativo Divisione Retail/Consumer Kuehne + Nagel Marco Candiani Direttore Operativo Divisione Retail/Consumer The Global Logistics Network Network Mondiale - 900 siti in più di 100 Paesi Servizi Logistici Integrati più di 55,000 dipendenti

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future 0 UIRNet vuole migliorare il sistema logistico perseguendo l integrazione info-telematica

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IKEA Italia Distribution. Piacenza. Inter IKEA Systems B.V. 2013

IKEA Italia Distribution. Piacenza. Inter IKEA Systems B.V. 2013 IKEA Italia Distribution Piacenza Inter IKEA Systems B.V. 2013 La storia di IKEA in Italia Le società di IKEA in Italia sono quattro: Distribution Retail Property Trading Anni 70 - apertura di un ufficio

Dettagli

Management delle spedizioni internazionali

Management delle spedizioni internazionali Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo Management delle spedizioni internazionali Corsi

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano 26 Settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per gli interporti: la guida tecnica,in fase di emanazione, per la progettazione e la realizzazione degli interporti.

Dettagli

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012

Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 2011. a cura del Centro Studi Confetra. Anno XV - febbraio 2012 Nota Congiunturale sul Trasporto Merci periodo di osservazione Gennaio-Dicembre 211 a cura del Centro Studi Confetra Anno XV - febbraio 212 Nota congiunturale sul trasporto merci Anno XVII - marzo 214

Dettagli

All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - ASSOAGENTI info@assagenti.it

All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - ASSOAGENTI info@assagenti.it Roma, 31 dicembre 2010 Protocollo:156159/RU Rif.: Alle Direzioni Centrali Allegati: Agli Uffici Centrali LORO SEDI Al Servizio Autonomo Interventi nel Settore Agricolo SEDE Alle Direzioni Regionali delle

Dettagli

Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it

Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it Roma, 23 Marzo 2012 Protocollo: RU 27781 rif.: All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei -AGENTI info@assagenti.it Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della

Dettagli

Denominazione: TIRRENO BRENNERO - S.R.L. Capitale Sociale in EURO: deliberato 386.782,00 sottoscritto 386.782,00 versato 386.

Denominazione: TIRRENO BRENNERO - S.R.L. Capitale Sociale in EURO: deliberato 386.782,00 sottoscritto 386.782,00 versato 386. Denominazione: TIRRENO BRENNERO - S.R.L. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Partita IVA: 03092730153 Capitale Sociale in EURO: deliberato 386.782,00 sottoscritto 386.782,00 versato 386.782,00

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Profilo aziendale 2014

Profilo aziendale 2014 Profilo aziendale 2014 Il consorzio Interporto Bologna Spa Dipartimento Nuovi progetti e sviluppo Il Consorzio nasce nel 2012 come spin-off della società Interporto Bologna Spa, da cui eredita oltre 10

Dettagli

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Mobility Conference 2010 Il corridoio 24 Genova Rotterdam: l Europa non aspetta MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Oliviero Baccelli, vice-direttore

Dettagli

Giornata di studio sul controllo del traffico aereo, navale e ferroviario

Giornata di studio sul controllo del traffico aereo, navale e ferroviario Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Giornata di studio sul controllo del traffico aereo, navale e ferroviario Vessel Traffic Management & Information Service Roma, 5 luglio 2007 1 Comando

Dettagli

Nuova convocazione del Tavolo Tecnico e-customs. Roma, 1 agosto 2012.

Nuova convocazione del Tavolo Tecnico e-customs. Roma, 1 agosto 2012. Roma, 18/07/2012 Protocollo: rif.: 88484 RU 82535 RU del 10/07/2012 All Ufficio del Direttore Alle Direzioni Centrali Allegati: Agli Uffici Centrali Al Servizio Autonomo Interventi nel Settore Agricolo

Dettagli

PROGRAMMA DI DETTAGLIO

PROGRAMMA DI DETTAGLIO PROGRAMMA DI DETTAGLIO 1 Contesto: Obiettivo specifico del corso per Spedizionieri è la formazione di una figura professionale in possesso delle competenze necessarie per operare nel settore dei Trasporti,

Dettagli

Progettazione terminali

Progettazione terminali Terminale Progettazione terminali Differenti tipologie di terminali: Rinfuse liquide o solide Merci varie Container Traffico Ro-Ro Crociere 1) Definizione layout 2) Profondità fondali 3) Lunghezza banchine

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

1/Assistenza sanitaria integrativa PORTUALI. 1/UPS/Invio verbale di accordo TRASPORTO MERCI

1/Assistenza sanitaria integrativa PORTUALI. 1/UPS/Invio verbale di accordo TRASPORTO MERCI PORTUALI 1/Assistenza sanitaria integrativa TRASPORTO MERCI 1/UPS/Invio verbale di accordo PORTUALI 1/Assistenza sanitaria intergativa Come sapete, il CCNL dei lavoratori portuali prevede all art. 51bis

Dettagli

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari. Direzione Centrale Accertamento RISOLUZIONE N. 64/E Roma, 18 maggio 2005 Oggetto: Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets)

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) Source: Matthias Wagner SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) RISULTATI IN LOMBARDIA Una crescita economica

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Il Sistema Informativo Integrato che risponde a tutte le esigenze del Trasporto e della Logistica Lo strumento necessario per: Autotrasportatori Completi Groupages

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Torino, 28 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per il trasporto

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

La supply chain e il ruolo degli Hub nella gestione delle catene multimodali. Angelo Aulicino Interporto Bologna spa

La supply chain e il ruolo degli Hub nella gestione delle catene multimodali. Angelo Aulicino Interporto Bologna spa La supply chain e il ruolo degli Hub nella gestione delle catene multimodali Angelo Aulicino Interporto Bologna spa LA SUPPLY-CHAIN Complessità e bisogno di innovazione La complessità nella SC La complessità

Dettagli

Soluzioni innovative di logistica integrata

Soluzioni innovative di logistica integrata FATA Logistic Systems SpA Uffici Direzionali Via dei Prati, 7 10044 Pianezza (Torino) - Italy Tel. +39 011 9668.1 Fax +39 011 9668.386 www.fatalogistic.it info@fatalogistic.it Filiale di Caselle Torinese

Dettagli

ARTSANA Group Proposta Logistica Distributiva Nazionale Hard Goods

ARTSANA Group Proposta Logistica Distributiva Nazionale Hard Goods ARTSANA Group Proposta Logistica Distributiva Nazionale Hard Goods Ageas Group Page 1-30 Giugno 2014 INTRODUCTION Innanzitutto vogliamo ringraziare la direzione di Artsana Group per l invito alla presentazione

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

Il polo logistico di Piacenza L esperienza di DHL Supply Chain

Il polo logistico di Piacenza L esperienza di DHL Supply Chain Andrea Zanotti Il polo logistico di Piacenza L esperienza di DHL Supply Chain Convegno Assologistica Piacenza, 26 settembre 2013 Introduzione - Sommario Deutsche Post DHL è il più grande player mondiale

Dettagli

Elenco Istituti Tecnici Superiori

Elenco Istituti Tecnici Superiori Elenco Istituti Tecnici Superiori N. Regione Provincia ITS Area tecnologica Ambiti 1 Abruzzo CHIETI 2 Abruzzo L'AQUILA Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Sistema Meccanica Istituto Tecnico

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

L impiego del LNG nel Porto di Venezia

L impiego del LNG nel Porto di Venezia L impiego del LNG nel Porto di Venezia Paolo Menegazzo Pianificazione Strategica e Sviluppo Autorità Portuale di Venezia Green Shipping Summit 2015 Genova, 17 settembre 2015 DIRETTIVA 2014/94/UE del 22

Dettagli

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia : la professione del futuro Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Università Carlo Cattaneo LIUC 1 1 I

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE.

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. LA STAZIONE. UNA NUOVA PIAZZA AL CENTRO DELLA CITTÀ. CENTOSTAZIONI. 103 stazioni ferroviarie riqualificate e gestite secondo un piano integrato per creare

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEI TRASPORTI MARITTIMI CONTAINERIZZATI

L ORGANIZZAZIONE DEI TRASPORTI MARITTIMI CONTAINERIZZATI Corso di Gestione dei Processi Logistici Produttivi Facoltà di Ingegneria L ORGANIZZAZIONE DEI TRASPORTI MARITTIMI CONTAINERIZZATI dott. Paolo Federici Amministratore di Fortune International www.paolofederici.it

Dettagli