Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2014"

Transcript

1 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO Ufficio Formazione Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2014 Edizione Agosto 2013 I

2 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA BOZZA DI LAVORO IN FASE DI APPROVAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE Approvo la Circolare inerente al Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni delle Forze Armate di Chiavari nel corso dell'anno Roma, IL SOTTOCAPO DI STATO MAGGIORE I

3 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI II

4 ELENCO INDIRIZZI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE ROMA MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO VV.FF ROMA MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA 1 Reparto ROMA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA 2 Reparto ROMA UFFICIO CENTRALE PER IL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI ROMA UFFICIO CENTRALE PER LE ISPEZIONI AMMINISTRATIVE ROMA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE ROMA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE ROMA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI ROMA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NAVALI ROMA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI ROMA DIREZIONE GENERALE DELLE TELECOMUNICAZIONI, DELL INFORMATICA E DELLE TECNOLOGIE AVANZATE ROMA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI ROMA DIREZIONE GENERALE DEI LAVORI E DEL DEMANIO ROMA DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA MILITARE ROMA TRIBUNALE MILITARE DI ROMA ROMA TRIBUNALE MILITARE DI TORINO TORINO AGENZIA INDUSTRIE DIFESA ROMA STATO MAGGIORE DIFESA UFFICIO GENERALE DEL CAPO DI SMD ROMA SMD I REPARTO PERSONALE ROMA SMD II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA ROMA SMD III REPARTO POLITICA MILITARE E PIANIFICAZIONE ROMA SMD IV REPARTO LOGISTICA E INFRASTRUTTURE ROMA SMD V REPARTO AFFARI GENERALI ROMA SMD VI REPARTO SISTEMI C4I E TRASFORMAZIONI ROMA SMD UFFICIO GENERALE PIANIFICAZIONE PROGRAMMAZIONE E BILANCIO ROMA SMD UFFICIO GENERALE PROGETTO EUROFORMAZIONE DIFESA ROMA SMD UFFICIO AMMINISTRAZIONE ROMA III

5 COMANDO C4 DIFESA ROMA ITAQUARTIGEN VERONA VERONA QUARTIER GENERALE ITALIANO LAGOPATRIA GIUGLIANO (NA) COMANDO HRF NATO QUARTIER GENERALE ITALIANO SOLBIATE OLONA (VA) CIMIC GROUP SOUTH MOTTA DI LIVENZA (TV) COMANDO OPERATIVO DI VERTICE INTERFORZE ROMA COMANDO OPERATIVO DELLE FORZE SPECIALI ROMA QUARTIER GENERALE EUROFOR FIRENZE CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA ROMA CENTRO INTERFORZE PER LA VERIFICA DEGLI ARMAMENTI CIAMPINO (RM) CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE PONTE GALERIA (RM) CENTRO INTERFORZE DI FORMAZIONE INTELLIGENCE GUERRA ELETTRONICA PONTE GALERIA (RM) CENTRO INTERFORZE TELERILEVAMENTO SATELLITARE PRATICA DI MARE (RM) CENTRO DI GESTIONE E CONTROLLO DEL SICRAL VIGNA DI VALLE (RM) CENTRO INTERFORZE STUDI PER LE APPLICAZIONI MILITARI S. PIERO A GRADO (PI) SCUOLA INTERFORZE PER LA DIFESA NBC RIETI SCUOLA DI AEROCOOPERAZIONE GUIDONIA (RM) ESERCITO SME DIPARTIMENTO IMPIEGO DEL PERSONALE POLIMPIEGO ROMA SME ADDESTRAMENTO ROMA COMANDO LOGISTICO ESERCITO Dipartimento Tecnico ROMA COMANDO PER LA FORMAZIONE E SCUOLA DI APPLICAZIONE DELL ESERCITO TORINO COMANDO DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI VERONA CORPO DI ARMATA DI REAZIONE RAPIDA SOLBIATE OLONA (VA) COMANDO TRASMISSIONI ED INFORMAZIONI DELL'ESERCITO ANZIO (RM) CENTRO SIMULAZIONE E VALIDAZIONE DELL ESERCITO CIVITAVECCHIA (RM) CORTE MILITARE D APPELLO ROMA COMANDO TRUPPE ALPINE BOLZANO COMANDO DEI SUPPORTI DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI ROMA COMANDO AVIAZIONE DELL ESERCITO VITERBO COMANDO ARTIGLIERIA CONTRAEREA SABAUDIA (LT) COMANDO ARTIGLIERIA BRACCIANO (RM) COMANDO GENIO ROMA IV

6 POLO DI MANTENIMENTODEI MEZZI DI TELECOMUNICAZIONE ELETTRONICI ED OPTOELETTRONICI ROMA ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE FIRENZE ACCADEMIA MILITARE E.I MODENA SCUOLA DELLE TRASMISSIONI ROMA MARINA MILITARE I REPARTO PERSONALE ROMA III REPARTO PIANIFICAZIONE GENERALE ROMA REPARTO C4 E SICUREZZA ROMA UFFICIO GENERALE PERSONALE ROMA COMANDO DELLE SCUOLE DELLA MARINA MILITARE ANCONA COMANDO IN CAPO DELLA SQUADRA NAVALE ROMA COMANDO GENERALE DELLE CAPITANERIE DI PORTO ROMA COMANDO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO ALTO TIRRENO LA SPEZIA COMANDO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELLO IONIO E CANALE D OTRANTO TARANTO COMANDO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO DELLA SARDEGNA LA MADDALENA (SS) COMANDO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO DELLA SICILIA AUGUSTA (SR) CENTRO DI TELECOMUNICAZIONI ED INFORMATICA ROMA ACCADEMIA NAVALE LIVORNO ISTITUTO STUDI MILITARI MARITTIMI VENEZIA SCUOLA SOTTUFFICIALI M.M TARANTO SCUOLA SOTTUFFICIALI M.M LA MADDALENA (SS) CENTRO ADDESTRAMENTO MARINA MILITARE TARANTO COMANDO RAGGRUPPAMENTO SUBACQUEI E INCURSORI LA SPEZIA AERONAUTICA MILITARE STATO MAGGIORE AERONAUTICA I REPARTO PERSONALE ROMA STATO MAGGIORE AERONAUTICA 3 REPARTO PIANIFICAZIONE ROMA STATO MAGGIORE AERONAUTICA 4 REPARTO LOGISTICA ROMA STATO MAGGIORE AERONAUTICA REPARTO GENERALE SICUREZZA ROMA DIREZIONE IMPIEGO PERSONALE MILITARE AERONAUTICA ROMA COMANDO LOGISTICO 3 DIVISIONE ROMA COMANDO DELLA SQUADRA AEREA STATO MAGGIORE ROMA CENTOCELLE COMANDO SCUOLE AERONAUTICA MILITARE / 3^ R.A BARI V

7 ACCADEMIA AERONAUTICA POZZUOLI (NA) ISTITUTO DI SCIENZE MILITARI AERONAUTICHE FIRENZE ARMA CARABINIERI COMANDO GENERALE DELL ARMA DEI CARABINIERI UFFICIO ADDESTRAMENTO ROMA COMANDO GENERALE DELL ARMA DEI CARABINIERI UFFICIO INFORMATICA ROMA GUARDIA di FINANZA COMANDO GENERALE GUARDIA DI FINANZA ROMA CROCE ROSSA ITALIANA CORPO MILITARE CROCE ROSSA ITALIANA CORPO MILITARE ISPETTORATO NAZIONALE ROMA POLIZIA DI STATO POLIZIA DI STATO ROMA COMPARTIMENTO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI ROMA U.T.G. PREFETTURA DI GENOVA GENOVA POLIZIA DI STATO QUESTURA DI GENOVA GENOVA POLIZIA DI STATO ZONA TLC PRESSO PREFETTURA GENOVA POLIZIA PENITENZIARIA DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ROMA GUARDIA FORESTALE ISPETTORATO GENERALE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO ROMA VI

8 INDICE PREMESSA... XII SCOPO... XII CAPITOLO ALTA FORMAZIONE UNIVERSITARIA... 1 AREA TRANSPORT-NETWORKING MASTER DI II LIVELLO IN TELECOMUNICAZIONI: COD. MR06PD MASTER DI II LIVELLO IN RETI E COMUNICAZIONI SATELLITARI: COD. MS09PD 7 3. CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TELECOMUNICAZIONI: COD. CA02PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN RETI E COMUNICAZIONI SATELLITARI: COD. FS04PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SULLA QUALITA DEL SERVIZIO (QoS) SU RETI ETEROGENEE: COD. FR06PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SULLE RETI M.A.NET. (Mobile Ad-Hoc Network): COD. FR149PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SUI SISTEMI S.D.R. (Software Defined Radio): COD. FA313PD AREA SOFTWARE ED APPLICATIVI MASTER DI II LIVELLO PER PROGETTISTI DI SISTEMI INFORMATICI: COD. MT04PD MASTER DI II LIVELLO IN MODELLING & SIMULATION: COD. MT10PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SUI SISTEMI DI SIMULAZIONE E MODELLIZZAZIONE: COD. FT03PD AREA INFOSEC e CYBER DEFENCE MASTER DI I LIVELLO IN CYBERDEFENSE : COD. MI11PD MASTER DI I LIVELLO IN DIGITAL FORENSICS : COD. FI05PD CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN SISTEMI E SERVIZI BASATI SU INTERNET: COD. FI06PD FI08PD - CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN METODOLOGIE E TECNICHE PER LA CYBER DEFENCE: COD. FI08PD CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIGITAL FORENSICS: COD. FI07PD ALTRE AREE FORMATIVE MASTER DI II LIVELLO IN DIFESA ELETTRONICA: COD. MZ01P MASTER DI II LIVELLO IN FOTONICA ED OPTOELETTRONICA: COD. MZ02P MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEI SISTEMI ELETTRONICI COMPLESSI: COD. MZ03P MASTER DI II LIVELLO IN SYSTEM ENGINEERING E PROJECT MANAGEMENT: COD- MZ05P MASTER DI II LIVELLO IN MUNIZIONAMENTO AVANZATO ( GUN LAUNCHED GUIDED MUNITIONS ): COD. MZ12P CORSO DI SPECIALIZZAZIONE / AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER UFFICIALI INFERIORI MM: COD. FZ01P CAPITOLO LIVELLO AVANZATO INTERFORZE... 1 AREA TRANSPORT-NETWORKING CORSO AMMINISTRATORE SISTEMA VIDEOCONFERENZA: COD. A125AD CORSO AVANZATO DI TECNICHE VOICE OVER IP: COD. A126AD CORSO AVANZATO DI INSTALLATORE/ MANUTENTORE PONTI RADIO PDH SDH: COD. A132AD... 6 VII

9 25. CORSO AVANZATO PER INSTALLATORI/MANUTENTORE AUTOCOMMUTATORE ATM MPS115: COD. A147AD CORSO AVANZATO DI MANUTENTORE FIBRE OTTICHE: COD. A306AD CORSO AVANZATO DI TEORIA COMUNICAZIONI SATELLITARI E SISTEMA SICRAL: COD. R308AD CORSO AVANZATO PER TECNICI TELEMATICI ARMA CC (2 CICLO): COD. A311AD CORSO AVANZATO DI TECNICHE DI COMUNICAZIONI A BANDA LARGA. COD. R312AD CORSO AVANZATO SULLA QUALITA DEL SERVIZIO (QoS) SU RETI ETEROGENEE: COD. FR06AD CORSO AVANZATO DI IP ROUTING SU ROUTER CISCO: COD. R229AD CORSO AVANZATO SU RETE WIRELESS LAN E MISURE DI PROTEZIONI: COD. R256AD CORSO AVANZATO SU FIREWALL E VPN-CISCO ASA SECURITY APPLIANCE: COD. R282AD CORSO AVANZATO DI SISTEMISTA DI 2 LIVELLO IN RETI TELEMATICHE: COD. FR66AD CORSO AVANZATO INSTALLATORE E MANUTENTORE MULTIPLEX FLESSIBILE MT301F: COD. A115AD CORSO AVANZATO DI OPERATORE MULTIPLEX FLESSIBILE MT301F: COD. A116AD CORSO AVANZATO SUL SISTEMA DI SUPERVISIONE CON SISTEMA NMS2K: COD. R130AD AREA CONTROLLO SATELLITI GEOSTAZIONARI CORSO OPERATORE SALA CONTROLLO SATELLITE (**): COD. S001AD CORSO CAPO TURNO SALA CONTROLLO SATELLITE (**): COD. S002AD CORSO SPECIALISTA CONTROLLO D ASSETTO E DATABASE SATELLITE (**): COD. S003AD CORSO SPECIALISTA PIATTAFORMA SATELLITE (**): COD. S004AD CORSO SPECIALISTA COMUNICAZIONI TERRA-BORDO SATELLITE (**): COD. S005AD CORSO SUPERVISORE SALA CONTROLLO SATELLITE E STAZIONI TT&C (**): COD. S006AD CORSO INGEGNERE SATELLITE (**): COD. S007AD AREA SOFTWARE ED APPLICATIVI CORSO AVANZATO DI PROGETTAZIONE E GESTIONE DATABASE: COD. FT68AD CORSO AVANZATO DI PROGETTAZIONE E GESTIONE DATABASE ORACLE: COD. FT69AD CORSO AVANZATO SU S.O. LINUX SUSE ENTERPRISE SERVER 10: COD. T285AD CORSO PER AMMINISTRATORE MICROSOFT EXCHANGE SERVER 2010: COD. T286AD CORSO AVANZATO SU SISTEMI OPERATIVI SERVER IN NETWORKING: COD. T262AD CORSO AVANZATO SUI SERVIZI DI VIRTUALIZZAZIONE (vsphere 5.0): COD. T281AD DEPLOYING, CONFIGURING AND ADMINISTERING MICROSOFT LYNC SERVER 2010 COD. T287AD CORSO AVANZATO PER AMMINISTRATORI S.O. UNIX/LINUX: COD. FT67AD VIII

10 53. CORSO AVANZATO PER AMMINISTRATORE ORACLE: COD. FT70AD CORSO AVANZATO LINGUAGGIO PHP: COD. FT80AD CORSO AVANZATO DESIGNER ADOBE FLASH: COD. FT87AD CORSO SISTEMA OPERATIVO WINDOWS 2008 SERVER AVANZATO: COD. T264AD CORSO AVANZATO PROGRAMMAZIONE OBJECT ORIENTED E LINGUAGGIO JAVA: COD. FT73AD CORSO AVANZATO DI PROGRAMMAZIONE IN LINGUAGGIO C/C++: COD. FT74AD CORSO AVANZATO SUL LINGUAGGIO XML: COD. FT277AD CORSO M&S EDUCATIONAL PACKAGE ADVANCED: MS-EPA: COD. FT02AD CORSO AVANZATO BASE DATI PER IL SUPPORTO ALLE DECISIONI (DATA WAREHOUSE): COD. FT71AD CORSO ANALISTI DI SISTEMI: COD. FT78AD CORSO PROGRAMMAZIONE DI BASE: COD. FT76AD CORSO DI MODELLING & SIMULATION EDUCATIONAL PACKAGE FUNDAMENTALS: MS EPF: COD. FT01AD AREA INFOSEC E CYBER DEFENCE CORSO INFOSEC EVALUATION COMMON CRITERIA/ITSEC: COD. I439AD CORSO PER AMMINISTRATORE CIFRANTI CM 2000 IP CON SISTEMA KNMS: COD. I433AD CORSO AVANZATO PER UFFICIALI ALLA SICUREZZA EAD DESIGNATI: COD. I421AD CORSO AVANZATO PER UFFICIALI COMSEC DESIGNATI: COD. I422AD CORSO DI SICUREZZA ICT: COD. I443AD CORSO TECNICHE DI CYBER DEFENCE APPLICATE ALLE RETI IP: HARDENING DI SWITCH E ROUTER: COD. I444AD CORSO RESPONSABILI DELLA GESTIONE DEGLI INCIDENTI INFORMATICI (CERT- CIRT): COD. I445AD CORSO NST (NETWORK SECURITY TESTER): COD. I222AD CORSO BUSINNES CONTINUITY AND RECOVERY PLAN: COD. I446AD CAPITOLO CORSI LIVELLO INTERFORZE... 1 AREA TRANSPORT -NETWORKING CORSO TRASMISSIONE DATI: COD. R143JD CORSO SULLE RETI DI TRASPORTO (RIFON RNI - ROID SICRAL) DELLA DEFENCE INFORMATION INFRASTRUCTURE (DII): COD. R134JD ELEMENTI NCW NEC DII - CYBER WARFARE: COD. R141JD CORSO SULLE RETI DI TRASPORTO DELLA DEFENCE INFORMATION INFRASTRUCTURE (DII) PER UFFICIALI PROVENIENTI DA ISTITUTI DI FORMAZIONE: COD. R142JD CORSO RETI M.A.NET. (Mobile Ad-Hoc Network) E SISTEMI S.D.R. (Software Defined Radio): COD. R149JD CORSO PROGETTO E GESTIONE DI RETI LOCALI ETHERNET: COD. R235JD... 9 AREA SOFTWARE ED APPLICATIVI CORSO APPLICAZIONI WEB (HTML/CSS): COD. T79JD CORSO SISTEMA OPERATIVO WINDOWS 2008 SERVER BASICO: COD. T263JD CORSO SISTEMA OPERATIVO WINDOWS 2012 SERVER: COD. T290JD CORSO MICROSOFT SHAREPOINT 2010: COD. T288JD IX

11 84. CORSO MYSQL - LINGUAGGIO SQL E GESTIONE DATABASE OPEN SOURCE COD. T291JD AREA INFOSEC E CYBER DEFENCE CORSO BASICO PER UFFICIALI ALLA SICUREZZA EAD DESIGNATI:COD. I421JD CORSO BASICO PER UFFICIALI COMSEC DESIGNATI: COD. I422JD CORSO CUSTODE MATERIALE COMSEC/CIFRA:COD. I437JD CORSO PER OPERATORE SISTEMI CIFRANTI DATI: COD. I426JD CORSO PER OPERATORE CIFRANTI CM 2000 IP: COD. I427JD CORSO PER OPERATORE RADIO SINCGARS: COD. I428JD CORSO DI INTRODUZIONE ALLA CYBER DEFENCE: COD. I442BD CORSO FONDAMENTI DI DIGITAL FORENSICS: COD. I446BD ALTRE AREE FORMATIVE CORSO REFERENTI INFORMATICI ARMA CARABINIERI: COD. T447JD CAPITOLO CORSI DI ALTRE TIPOLOGIE... 1 AREA TRANSPORT-NETWORKING CORSO E-LEARNING PROPEDEUTICO RETI TELEMATICHE: COD. ET17BD... 4 AREA SOFTWARE ED APPLICATIVI CORSO E-LEARNING DI FORMAZIONE INFORMATICA DI BASE: COD. ET16BD CORSO E-LEARNING LINUX AMMINISTRAZIONE DI BASE: COD. ET18BD CORSO PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE FUNZIONALITA STUDENTE/DOCENTE: COD. ET19BD CORSO AMMINISTRATORE PIATTAFORMA E-LEARNIG MOODLE SU S.O. WINDOWS E LINUX. COD. ET20BD CORSO: CREAZIONE LEARNING OBJECTS. COD. ET21BD ALTRE AREE FORMATIVE CORSO TECNICI TELEMATICI ARMA C.C. (1 CICLO): COD. A311B CORSO BASICO DI QUALIFICAZIONE PER OPERATORI RADIO DELLA C.R.I.: COD. R001B CORSO DI FREQUENCY MANAGEMENT: COD. Z001B CORSO FORMATORI ICT: COD. EZ002JD ANNESSO I... 1 INFORMAZIONI PER GLI ENTI SEGNALATORI... 1 ANNESSO II... 1 INFORMAZIONI PER I FREQUENTATORI... 1 (**) corsi svolti in base alla direttiva SMD FORM 005 sull addestramento e l impiego del personale destinato al controllo dei satelliti in orbita geostazionaria. Si svolgeranno su richiesta specifica del CIGC di Vigna di Valle. LEGENDA CODICE CORSO: Master-Corsi Universitari: M=master universitari; C=corsi di perfezionamento universitari; F= corsi di formazione specialistica universitari; E=corsi erogati in E-learning; Area didattica di pertinenza: R=reti; A=apparati; S=satelliti; T=informatica; I=sicurezza; Z=altre tipologie; Gruppo numerico identificativo di 2 o 3 cifre; Livello: B=basico, J=interforze, A=avanzato, P=alta formazione universitaria; D: corsi con contenuti formativi in ambito DII; X

12 XI

13 PREMESSA La trasformazione che attualmente coinvolge le Forze Armate ha di fatto portato ad un necessario e sempre più rapido adeguamento dell esigenza formativa, in particolare nel settore delle Telecomunicazioni, dell Information and Communication Technology (ICT) e della Sicurezza delle Informazioni. Nell ottica collaudata ed efficace dell aggiornamento continuo dei corsi tramite i feedback con le FF.AA., l università e l industria, la novità più significativa del presente catalogo è data dal fatto che la proposta formativa ha tenuto conto delle innovative indicazioni dello Stato Maggiore della Difesa, volte all organizzazione e gestione della formazione in ottica net-centrica. Il punto focale di questo processo di trasformazione prevede la identificazione di una infostruttura evoluta, denominata Defence Information Infrastructure (DII), che comporterà la ridefinizione sia dei requisiti operativi, dottrinali e organizzativi, sia delle modalità formative ed addestrative. SCOPO 1. Il presente catalogo ha lo scopo di illustrare l offerta didattica della Scuola TLC delle FF.AA., la cui frequenza è riservata prioritariamente agli Ufficiali, Sottufficiali, Volontari di truppa in s.p. e personale civile dell Amministrazione Difesa e, in subordine, su specifica autorizzazione di S.M.D. e comunque sulla base delle disponibilità di posti, anche al personale esterno all A.D.. Le spese di missione/partecipazione dei frequentatori sono a carico dell Ente di provenienza. 2. Il documento si prefigge di fornire agli Enti i mezzi per: individuare i corsi atti a soddisfare le proprie specifiche esigenze operative e le esigenze formative e addestrative del personale alle proprie dipendenze; individuare le conoscenze di base che il personale deve possedere per la frequenza di ciascun corso ed i testi/sinossi propedeutici dei quali è richiesto lo studio preventivo; selezionare il personale in possesso dei requisiti richiesti da ciascun corso; acquisire le modalità logistiche/amministrative connesse a ciascun corso (Annesso I) e le informazioni di carattere generale che regolano la vita dell Istituto (Annesso II). Gli Enti preposti potranno inoltre individuare e proporre ulteriori percorsi formativi per il personale in formazione presso gli Istituti di F.A., integrando opportunamente le attività secondo le proprie esigenze e tempistiche. Le proposte potranno essere rappresentate a SMD I REP, per conoscenza alla Scuola TLC delle FFAA, che valuterà la possibilità di organizzare il calendario in modo coerente al soddisfacimento di quanto richiesto. Tale attività consente di ottimizzare le risorse formative della Difesa, evitando duplicazioni di corsi già esistenti e spreco di risorse, come già favorevolmente sperimentato per l acquisizione della specializzazione in Telecomunicazioni ed Informatica degli Uff.li dell Aeronautica provenienti dall Accademia e per la formazione iniziale degli Uff.li delle trasmissioni dell Esercito provenienti dalla Scuola d Applicazione. XII

14 3. Relativamente alle attività di alta formazione universitaria, in particolare Master e Corsi di Perfezionamento, la cui durata è dell ordine delle 18/20 settimane di lezione frontale, è possibile il conseguimento del titolo attraverso un percorso formativo svolto in un periodo di due anni. Il Master potrà essere frazionato in due fasi della durata massima di 9/10 settimane ciascuna, che potranno essere frequentate in due anni consecutivi, ottenendo il riconoscimento dei relativi crediti formativi (CFU). Al termine del percorso biennale, il frequentatore che ha ottenuto i necessari CFU, sarà ammesso alla discussione della tesi, che decreterà il conseguimento del titolo accademico. Il personale potrà quindi frequentare il Master in due Anni Accademici consecutivi, limitando il periodo continuativo di assenza dal proprio Reparto. Per quanto detto, sarà quindi necessario che in fase di pianificazione gli Enti preposti segnalino l esigenza formativa, esprimendosi in merito alla frequenza del Master in uno o due Anni Accademici. Sulla base delle segnalazioni lo scrivente produrrà il calendario in modo coerente con le richieste pervenute. Pertanto resta impregiudicata la possibilità di attivare l intero percorso (Master), nell arco di un solo Anno Accademico, qualora il numero di partecipanti raggiunga la soglia minima prevista. 4. Gli interessati, possono ottenere informazioni più dettagliate sul contenuto dei Corsi e sulle attività della Scuola: visitando i siti INTERNET agli indirizzi: settore formazione contattando i seguenti numeri telefonici ed Segreteria Nucleo coordinamento attività didattica Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M Segreteria Nucleo coordinamento attività didattica corsi di FORMAZIONE SPECIALISTICA E MASTER Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M C Ufficio Didattica Informatica Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M XIII

15 C Ufficio Didattica Sicurezza Informazioni Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M C Ufficio Didattica Telecomunicazioni Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M Mail C Ufficio Studi e Programmazione Telecom Sotrin Rinam (diretto); Rete M.M Mail 5. Le prenotazioni/richieste di frequenza di corsi da parte degli Enti preposti dovranno pervenire alla Scuola TLC delle FF.AA. entro il 20 ottobre Il calendario 2014 edito dalla Scuola, pubblicato al termine della valutazione delle prenotazioni/richieste ricevute entro il mese di ottobre 2013, permetterà l individuazione: del codice numerico del corso; del periodo di svolgimento di ogni sessione; del numero dei posti assegnati ad ogni singola F.A.. 7. Gli Enti preposti alla segnalazione di personale sono : Personale E.I. Personale M.M. Personale Capitanerie di Porto Personale A.M. Personale C.C. Personale G. di F. Personale S.M.D. SME DIPE POLIMPIEGO; SME ADDESTRAMENTO MARICOMSCUOLE; MARIUGP; AEROLOG MARICOGECAP; STATAEREO SEC; Comando Generale C.C.; Comando Generale G. di F I Rep. S.M.D.; Personale S.G.D. e DD.GG. SEGREDIFESA I Reparto XIV

16 Enti NATO QUARTIER GENERALE LAGO PATRIA; ITAQUARTIGEN VERONA. Le informazioni di carattere logistico-amministrativo e le modalità di segnalazione dei frequentatori sono inserite negli Annessi I e II. 8. Agli Enti che risulteranno assegnatari dei posti nel calendario dell anno 2014, al fine di agevolare il compito della Scuola ed ottimizzare le risorse economiche, sarà richiesto di: segnalare i dati di ciascun frequentatore con almeno 3 settimane di anticipo sull inizio del corso. comunicare/segnalare con il massimo anticipo l eventuale indisponibilità del personale designato, in modo da consentire la riassegnazione del posto in base alla lista di attesa. 9. Gli SS.MM./Enti segnalatori possono avanzare richieste di attivazione di nuovi corsi direttamente a questo SMD I Reparto, per conoscenza alla Scuola TLC delle FF.AA.. Valutatane la fattibilità e la rispondenza alle esigenze tecnico/operative, i corsi potranno essere inseriti nel Calendario dei corsi programmati già dal Personale di altre nazionalità potrà accedere alle attività definite nel presente documento, subordinatamente all autorizzazione di questo SMD. In tale ipotesi la sessione del corso (Master /corso universitario e alcuni di formazione avanzata) potrà essere svolta in lingua inglese se il numero di partecipanti stranieri sarà maggiore di cinque unità. In caso contrario la sessione sarà svolta in lingua italiana. XV

17 Capitolo 1 CAPITOLO 1 ALTA FORMAZIONE UNIVERSITARIA 1-1

18 1-2 Capitolo 1

19 Capitolo 1 AREA TRANSPORT-NETWORKING 1-3

20 Capitolo 1 1. MASTER DI II LIVELLO IN TELECOMUNICAZIONI: COD. MR06PD OBIETTIVI DEL CORSO Il Master avrà l obiettivo di presentare strumenti e metodi di base per la progettazione, realizzazione e gestione dei sistemi complessi per le Telecomunicazioni, preparare le professionalità per la gestione ed il monitoraggio dei sistemi di telecomunicazioni nella realtà industriale e militare e fornire strumenti per l analisi e la valutazione dei processi operativi, decisionali ed informativi nel campo delle telecomunicazioni, anche in relazione a nuovi sistemi e a tecnologie innovative. RUOLI E POSIZIONI RICOPRIBILI In particolare, il Master si propone di formare figure professionali nell area tecnologica ed organizzativa delle telecomunicazioni in grado di assumere posizioni di: Capo progetto di Progetti ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni; Supervisore di Progetti ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni; Dirigente per qualità di Progetti ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni; Esperto di progettazione e sviluppo ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni; Esperto per l integrazione di sistemi complessi ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni; Esperto per la pianificazione e valutazione di sistemi complessi ad alta tecnologia per le Telecomunicazioni. Pertanto, le figure professionali sopra individuate, conseguendo un approfondita preparazione sulle tecniche e tecnologie avanzate nel campo della progettazione, impianto, gestione e sperimentazione di sistemi di Telecomunicazione (fissi e mobili), caratterizzati da alta capacità di sopravvivenza anche in condizioni di funzionamento severe e/o in ambiente ostile, sono complessivamente dedicate all assunzione di responsabilità nei processi industriali ed in particolare nell intero ciclo di vita del sistema di erogazione del servizio di Telecomunicazioni. PROGRAMMA I corsi di insegnamento frontale sono sia a carattere tematico che a carattere disciplinare. Specificamente essi sono: Teoria delle microonde ed antenne Comunicazioni a banda larga Tecniche di elaborazione per la codifica di immagini e sequenze video Elaborazione numerica dei segnali nei sistemi di telecomunicazioni Tecnica dei ponti radio Sistemi ed impianti radio Reti telematiche Comunicazioni mobili Tecnica delle comunicazioni via satellite Sicurezza delle telecomunicazioni Tecniche di difesa elettronica Misure e collaudi elettronici sui sistemi di telecomunicazioni Compatibilità elettromagnetica, bioelettromagnetismo, tecniche di monitorizzazione NCW-NEC (comune con gli altri Master attivi) CARATTERISTICHE E REQUISITI DEI FREQUENTATORI Saranno ammessi al Corso: 1-4

21 Capitolo 1 Per il conseguimento del Master: Prioritariamente laureati in Fisica, Matematica ed Ingegneria (laurea di secondo livello o specialistica secondo il vecchio ordinamento); in particolare i titoli di studio richiesti sono: - Laurea in Fisica, Ingegneria, Informatica e Matematica conseguita secondo l ordinamento previgente - Laurea specialistica in Fisica (classe 20/S), Informatica (classe 23/S), Ingegneria aerospaziale e astronautica (classe 25/S), Ingegneria biomedica (classe 26/S), Ingegneria chimica (classe 27/S), Ingegneria civile (classe 28/S), Ingegneria dell'automazione (classe 29/S), Ingegneria delle telecomunicazioni (classe 30/S), Ingegneria elettrica (classe 31/S), Ingegneria elettronica (classe 32/S), Ingegneria energetica e nucleare (classe 33/S), Ingegneria gestionale (classe 34/S), Ingegneria informatica (classe 35/S), Ingegneria meccanica (classe 36/S), Ingegneria navale (classe 37/S), Ingegneria per l'ambiente e il territorio (classe 38/S), Matematica (classe 45/S), Modellistica matematico-fisica per l'ingegneria (classe 50/S) e Scienza e ingegneria dei materiali (classe 61/S) conseguita secondo l ordinamento vigente Il Comitato di Gestione del Master si riserva di ammettere candidati in possesso di un titolo di studio universitario diverso da quello specificato, sulla base dell analisi del curriculum formativo e professionale ritenuto affine al profilo del corso. In tale caso sarà necessaria una richiesta al Comitato, a cui dovrà essere allegato il certificato di laurea, con gli esami sostenuti, ed eventuali altri titoli acquisiti che il candidato ritiene pertinenti al Master. PERIODICITÀ E DURATA DEL CORSO Il Master si svolge una volta all anno ed ha una durata di 12 mesi. Le attività di didattica frontale avranno una durata di 18 settimane effettive. Le attività di predisposizione della tesi finale saranno svolte presso il Reparto di appartenenza.la discussione della tesi sarà effettuata entro lo scadere dei 12 mesi. VERIFICHE È previsto un esame intermedio di accertamento per l attribuzione dei relativi crediti formativi universitari per ciascun modulo didattico. In particolare l esame consisterà in un test scritto nella forma più consona al modulo e preferita dal docente (interrogazione scritta, risposta multipla, esercizio). In media, ciascun test dovrebbe articolarsi al massimo su tre ore e dovrebbe essere svolto almeno una settimana dopo la chiusura del modulo al fine di permettere agli allievi di studiare/assimilare i contenuti. Per ogni esame di modulo sarà formata una commissione d esame composta da un minimo di due persone, di cui una è il titolare del modulo (o suo delegato) e l altra è un esperto della materia scelto dalla Scuola (come il tutor o suo delegato). I membri della commissione saranno presenti in aula al momento dell esame. La votazione attribuita sarà in trentesimi. - Percentuale laboratorio: 5% - CONSEGUIMENTO DEL TITOLO Al termine delle attività formative, il partecipante al Master dovrà preparare e discutere un elaborato (tesina finale) relativo alle attività svolte. L attività potrà essere: di ricerca, sia teorica che sperimentale, tipicamente relativa all analisi critica di argomenti trattati nei moduli, allo studio di tematiche di ricerca e alla produzione di risultati sperimentali innovativi; di approfondimento, tipicamente relativa all approfondimento di argomenti trattati nei moduli, all applicazione di metodi studiati nei moduli per la soluzione di particolari problemi e casi specifici e all eventuale produzione di 1-5

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO Ufficio Formazione Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2015 Edizione Agosto 2014 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

Dettagli

Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2013

Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2013 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO Ufficio Formazione Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2013 Edizione Giugno 2012 I STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO Ufficio Formazione Catalogo dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2016 Edizione Luglio 2015 II STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

Dettagli

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE

BANDO AVVISO DI SELEZIONE. corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE \ BANDO AVVISO DI SELEZIONE corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore TECNICO SUPERIORE SPECIALISTA DI SISTEMI BASATI SU SOLUZIONI OPEN SOURCE promosso da Isttituto Europeo Ricerca Formazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Calendario dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2015

Calendario dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2015 STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO Ufficio Formazione Calendario dei Corsi Interforze in programma presso la Scuola Telecomunicazioni FF.AA. Anno 2015 Edizione Febbraio 2015 II STATO MAGGIORE DELLA

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0147779 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione EUROPEAN COMMISSION Directorate-General for Communications Networks, Content and Technology Going Local Italia L esperienza formativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

OGGETTO: Catalogo dei Corsi A.A. 2010 in programma presso la Scuola di Telecomunicazioni FF.AA. Chiavari.

OGGETTO: Catalogo dei Corsi A.A. 2010 in programma presso la Scuola di Telecomunicazioni FF.AA. Chiavari. MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 3 REPARTO 8^ DIVISIONE 1^SEZIONE Viale dell Università 4-00185 Roma Tel. fax. 06.49862475 06.49862691 r3d8s0@persociv.difesa.it M_DGCIV

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

D.R. n. 853 IL RETTORE Ingegneria dei Sistemi Elettronici Complessi D E C R E T A Art. 1 Norme generali

D.R. n. 853 IL RETTORE Ingegneria dei Sistemi Elettronici Complessi D E C R E T A Art. 1 Norme generali U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I G E N O V A DIPARTIMENTO FORMAZIONE POST LAUREAM SERVIZIO ALTA FORMAZIONE D.R. n. 853 IL RETTORE - Vista la L. 15.5.1997, n. 127, pubblicata nel supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

CORSO DI DOTTORATO IN ASSICURAZIONE E FINANZA: MATEMATICA E GESTIONE

CORSO DI DOTTORATO IN ASSICURAZIONE E FINANZA: MATEMATICA E GESTIONE ULTIMA REVISIONE 13 novembre 2012 CORSO DI DOTTORATO IN ASSICURAZIONE E FINANZA: MATEMATICA E GESTIONE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale (Approvato CdF 13-6-2012) 1. Elaborazione della tesi e presentazione del titolo 1.1 La prova

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA Manifesto degli Studi Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea triennale in Fisica richiede l acquisizione di 180 crediti formativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE e FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in PROTEZIONE DA EVENTI CBRNe (Corso Avanzato) (Modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

IL RETTORE. gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n..2440 del 16-07-08;

IL RETTORE. gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n..2440 del 16-07-08; Segreteria Studenti Facoltà di Ingegneria IL RETTORE Prot. N. 3103 VISTO VISTI gli artt. 38 e 39 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II ; gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII

SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE VII Presentazione Il Master mira alla definizione di una figura professionale tecnico-scientifica di alto livello

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 REQUISITI PER L AMMISSIONE

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 REQUISITI PER L AMMISSIONE -Ministero dello Sviluppo Economico ISTITUTO SUPERIORE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE SCUOLA SUPERIORE DI SPECIALIZZAZIONE IN TELECOMUNICAZIONI BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA INDICE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di Corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0416819 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

M_DGCIV Prot. nr. D10/46347 Del 6/7/2011 Partenza

M_DGCIV Prot. nr. D10/46347 Del 6/7/2011 Partenza MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 4 REPARTO 10^ DIVISIONE 1^SEZIONE Viale dell Università 4-00185 Roma Tel. fax. 06.49862475 06.49862426 rep4d10s0@persociv.difesa.it M_DGCIV

Dettagli

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA DIPARTIMENTO di MATEMATICA REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA Emanato con D.R. n. 413 del 2 luglio 2015 INDICE Art. 1 Definizioni... 3 Art. 2 Obiettivi della

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

"Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU)

Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 edizione I sessione III Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano

Dettagli

CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

CHI SIAMO E COSA FACCIAMO www.forzearmate.org www.sideweb.org - www.sideweb.it Tutela Legale Giustizia Diritto militare Consulenze telefoniche gratuite Ricorsi individuali e collettivi - Raccolta normative e circolari - Banca dati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In. PROJECT MANAGEMENT (1000 h 40 CFU)

Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In. PROJECT MANAGEMENT (1000 h 40 CFU) Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In PROJECT MANAGEMENT (1000 h 40 CFU) Anno Accademico 2015/2016 II edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (Disegno Industriale) di Roma - Accademia Musicale Pescarese

Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (Disegno Industriale) di Roma - Accademia Musicale Pescarese Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (Disegno Industriale) di Roma - Accademia Musicale Pescarese Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello in Multimedia Design Premessa L opportunità di

Dettagli

OGGETTO: Catalogo dei Corsi A.A. 2011 in programma presso la Scuola di Telecomunicazioni FF.AA. Chiavari.

OGGETTO: Catalogo dei Corsi A.A. 2011 in programma presso la Scuola di Telecomunicazioni FF.AA. Chiavari. MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 3 REPARTO 8^ DIVISIONE 1^SEZIONE Viale dell Università 4-00185 Roma Tel. fax. 06.49862475 06.49862691 r3d8s0@persociv.difesa.it M_DGCIV

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri.

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri. OBIETTIVI FORMATIVI Scopo del Master è di consentire l approfondimento delle tematiche della progettazione, dell adeguamento e del recupero degli Edifici per il culto. DOCENTI Docenti universitari provenienti

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Art.1 - Istituzione È istituito, presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Ingegneria dell Emergenza

Ingegneria dell Emergenza Concorso di ammissione al Master universitario di secondo livello Ingegneria dell Emergenza Art. 1 (Finalità) Anno 2001-2002 (Bando del 15 novembre 2001) L Università degli Studi di Roma La Sapienza bandisce

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SONIC ARTS (in modalità didattica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli