SPECIFICA TECNICA. Sezione 0. Sezione A SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA. Sezione B Sezione C SERVIZI DI INTERVENTI PROGETTUALI. Sezione D ALLEGATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIFICA TECNICA. Sezione 0. Sezione A SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA. Sezione B Sezione C SERVIZI DI INTERVENTI PROGETTUALI. Sezione D ALLEGATI"

Transcript

1 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 1 DI 55 Specifiche Tecniche per i Servizi di Manutenzione dell'hardware, del corrispondente software di base e di gestione delle licenze software, Servizi di assistenza specialistica, Servizi in outtasking con team di gestione sistemisticooperativa ed Interventi progettuali SEZIONI Sezione 0 Sezione A Sezione B Sezione C TITOLO INTRODUZIONE - PROFILO SOCIETARIO - MODALITÀ DEL TRATTAMENTO DEI DATI - IL CENTRO ELABORAZIONE DATI DI ITALFERR -REFERENTI DELLE ATTIVITÀ DELL AFFIDATARIO SERVIZI DI MANUTENZIONE DELL'HARDWARE E DEL CORRISPONDENTE SOFTWARE DI BASE E DI GESTIONE DELLE LICENZE SOFTWARE SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SERVIZI IN OUTTASKING CON TEAM DI GESTIONE SISTEMISTICO-OPERATIVA Sezione D Sezione E SERVIZI DI INTERVENTI PROGETTUALI ALLEGATI D 21/10/2008 Emissione Esecutiva C 08/08/2008 Emissione Esecutiva B 11/07/2008 Emissione Esecutiva G. Mennini G. Vitaletti F. Sablone Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Approvazione

2 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 2 DI 55 INDICE SEZIONE Introduzione Profilo Societario Modalità del trattamento dei dati Il Centro Elaborazione Dati di Italferr Tempo di attivazione del servizio... 6 SEZIONE A SERVIZI DI MANUTENZIONE DELL'HARDWARE E DEL CORRISPONDENTE SOFTWARE DI BASE E DI GESTIONE DELLE LICENZE SOFTWARE...7 A.1 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI SEZIONE A... 7 A.1.1 Manutenzione preventiva dell Hardware e del corrispondente software di base... 7 A.1.2 Manutenzione dell Hardware e del corrispondente software di base... 8 A.1.3 Servizio di rinnovo delle licenze d uso dei software di base... 9 A.1.4 Servizio di fornitura di nuovi software di base... 9 A.2 OGGETTO DEL SERVIZIO... 9 A.2.1 Tipologie oggetto di servizio... 9 A.2.2 Ubicazione delle apparecchiature A.3 MODALITÀ OPERATIVE DI SEZIONE A A.3.1 Modalità operative della Manutenzione preventiva A.3.2 Modalità operative della Manutenzione A Gestore delle attività di manutenzione A Livelli di servizio per l hardware e i corrispondenti sistemi operativi installati A Livelli di servizio per gli apparati di rete A Livelli di servizio per gli apparati speciali A.3.3 Modalità operative del servizio di rinnovo delle licenze d uso dei software di base A.3.4 Modalità operative del servizio di fornitura di nuovi software di base A.4 INSERIMENTO DI APPARECCHIATURE NEL CONTRATTO DI MANUTENZIONE A.5 RECESSO DI APPARECCHIATURE DAL CONTRATTO DI MANUTENZIONE A.6 RECESSO DAL SERVIZIO DI RINNOVO DELLE LICENZE SOFTWARE A.7 ARTICOLAZIONE DEI CANONI MENSILI DI MANUTENZIONE A.7.1 Canone della Manutenzione preventiva A.7.2 Canone della Manutenzione A.8 CORRISPETTIVO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI NUOVI SOFTWARE DI BASE A.9 CORRISPETTIVO PER IL SERVIZIO DI RINNOVO DELLE LICENZE D USO DEI SOFTWARE DI BASE A.10 LOGISTICA DI SEZIONE A SEZIONE B SERVIZI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA...19 B.1 DESCRIZIONE SINTETICA DEI SISTEMI OGGETTO DI ASSISTENZA E DELLE CORRISPONDENTI ATTIVITÀ.19 B.1.1 Database ORACLE B.1.2 Sistemi di desktop e system management...19 B.1.3 Sistemi di sicurezza: Firewall B.1.4 Sistemi di reporting aziendale B.1.5 Sistema LAN B.1.6 Sistemi di sicurezza: Sistema di autenticazione forte e firma digitale B.1.7 Sistemi di sicurezza: Sistema IDS/IPS B.1.8 Sistemi Storage e di Back-up B.1.9 Sistemi antivirus e antispam B.1.10 Sistemi di virtualizzazione... 22

3 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 3 DI 55 B.1.11 Sistemi di distribuzione centralizzata delle applicazioni B.1.12 Sistemi di archiving B.1.13 Sistemi di autenticazione/autorizzazione e posta elettronica aziendale B.1.14 Sistemi SAP B.2 MODALITÀ OPERATIVE RELATIVE ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI SEZIONE B B.2.1 Riferimenti per il dimensionamento delle attività B.3 LOGISTICA DI SEZIONE B B.4 GRADIMENTO E AVVICENDAMENTO DELLE RISORSE MESSE A DISPOSIZIONE DALL AFFIDATARIO B.5 FIGURE PROFESSIONALI DI SEZIONE B B.5.1 Data base administration riferimento FP B.5.2 Esperto sistemi di desktop e system management - riferimento FP B.5.3 Esperto apparati firewall - riferimento FP B.5.4 Esperto reporting aziendale- riferimento FP B.5.5 Esperto apparati di rete - riferimento FP B.5.6 Esperto sistemi autenticazione forte e firma digitale FP B.5.7 Esperto apparati Intrusion Detection & Prevention - riferimento FP B.5.8 Esperto sistemi Storage e di Back-up - riferimento FP B.5.9 Esperto sistemi antivirus e antispam- riferimento FP B.5.10 Esperto sistemi di virtualizzazione - riferimento FP B.5.11 Esperto sistemi di distribuzione centralizzata delle applicazioni - riferimento FP B.5.12 Esperto sistemi di archiving - riferimento FP B.5.13 Sistemista - riferimento FP B.5.14 SAP System Adimistrator - riferimento FP SEZIONE C SERVIZI IN OUTTASKING CON TEAM DI GESTIONE SISTEMISTICO-OPERATIVA...42 SEZIONE D C.1 BREVE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ C.1.1 Modalità generali di erogazione dei servizi del TGSO C Gestione Operativa del TGSO C Gestione Sistemistica del TGSO C Ulteriori attività del TGSO C Orario del Servizio C.2 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI SEZIONE C C.2.1 Supporto all esercizio degli ambienti SAP C.2.2 Supporto all esercizio degli ulteriori sistemi di sezione C C Supporto all esercizio degli ambienti Web (IIS,.NET) C Supporto all esercizio della sistemistica con particolare attenzione agli ambienti di virtualizzazione46 C Supporto all esercizio dei database Oracle e SQL e dei sistemi di Desktop e System Management 47 SERVIZI DI INTERVENTI PROGETTUALI (IP)...48 D.1 BREVE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ D.1.1 Esempi di IP D IP di Disaster Recovery D IP di System e Network Management (SNMP) D IP Spegnimento automatico del CED D IP Rilevazione e controllo assorbimento energetico al CED D IP Migrazione del sistema di posta a Exchange D.1.2 Modalità generali di erogazione dei servizi IP D Pianificazione e gestione dell IP D Riferimenti per il dimensionamento delle attività D Gradimento e avvicendamento delle risorse messe a disposizione dall Affidatario D Figure professionali di sezione D... 52

4 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 4 DI 55 SEZIONE E ALLEGATI...55 E.1 ALLEGATO 1 - REQUISITI PER IL GESTORE DELLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E.2 ALLEGATO 2 ELENCO DELL HARDWARE OGGETTO DELLA MANUTENZIONE E.3 ALLEGATO 3 - ELENCO DEGLI APPARATI DI RETE E.4 ALLEGATO 4 - ELENCO DEGLI APPARATI SPECIALI E.5 ALLEGATO 5 - ELENCO DELLE LICENZE SOFTWARE DA GESTIRE E.6 ALLEGATO 6 - CONFIGURAZIONI PERSONALIZZATE E.7 ALLEGATO 7 - PRODUTTORI E TIPOLOGIE DI SOFTWARE OGGETTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA E.8 ALLEGATO 8 DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA (IN SOLA CONSULTAZIONE)... 55

5 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 5 DI 55 SEZIONE Introduzione Scopo di questo documento è definire le informazioni ed i riferimenti tecnici necessari per la fornitura dei Servizi di manutenzione hardware - software e assistenza all esercizio del landscape centralizzato. Nel corpo della specifica, ai termini di cui appresso, viene attribuito il significato riportato a fianco di ciascuno di essi: - Affidatario:, la società o associazione o consorzio o G.E.I.E. cui verrà aggiudicato l Accordo Quadro messo a gara; - Sistema o Apparecchiatura, l insieme delle componenti hardware e del relativo software di base che costituiscono il sistema informatico oggetto dei servizi di manutenzione richiesti. 0.2 Profilo Societario La Italferr S.p.A. (di seguito indicata come Italferr) è la società di Ingegneria del Gruppo FS - Ferrovie dello Stato S.p.A. Ha 22 sedi operative, 53 cantieri diffusi su tutto il territorio nazionale e filiali in America Latina, Romania, Serbia, Francia, Algeria e Arabia. Gli uffici centrali sono siti in Roma, via Marsala 53 Le attività di cui si occupa sono studi, progettazione, direzione e supervisione lavori per investimenti infrastrutturali a guida vincolata (ferrovie, metropolitane, ecc.). Tali attività sono svolte prevalentemente su commesse pluriennali. I lavoratori occupati sono circa Modalità del trattamento dei dati Il trattamento dei dati verrà effettuato in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza, nel rispetto della normativa vigente. Al momento della sottoscrizione dell Accordo Quadro verrà consegnato all Affidatario lo schema di incarico per il trattamento dei dati riservati, che dovrà essere sottoscritto da ciascuna risorsa dell Affidatario impiegata durante il periodo di validità dell Accordo Quadro. L Affidatario è comunque tenuto ad attenersi, durante lo svolgimento dei servizi a quanto previsto nel Documento Programmatico della sicurezza di Italferr (Allegato 8). 0.4 Il Centro Elaborazione Dati di Italferr Italferr è dotata di un centro elaborazione dati, situato presso la sede di via Marsala, 53 ed articolato nelle due zone di seguito descritte. - I ospitano la maggior parte dei Server della sede centrale (i server situati in queste sale sono riportati in Allegato 2 - Elenco dell hardware oggetto di manutenzione 2.1 Elenco dei server ; con ubicazione ). Sulle macchine ospitate nei sono allocati tutti i servizi principali di Italferr; in particolare nella sala A attualmente vengono gestiti gli applicativi Legacy, la Posta, i servizi condivisi etc. mentre nella sala B sono contenute tutte le attrezzature necessarie per le attività di Italferr svolte su applicativi SAP. Parte delle applicazioni sono gestite in ambiente virtuale VMWARE.

6 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 6 DI 55 SALA RETI - Nella SALA RETI vengono attestate tutte le connessioni provenienti dall esterno e poi smistate verso i. Per motivi di riservatezza non si allega la piantina sull ubicazione e la dislocazione di suddetti Locali. Tutte le necessarie informazioni saranno fornite all Affidatario contestualmente alla sottoscrizione delle opportune dichiarazioni di riservatezza. 0.5 Tempo di attivazione del servizio L attività di passaggio iniziale delle conoscenze relative alle peculiarità dell ambiente tecnologico di Italferr (sezione A) e quella di predisposizione dei servizi (sezioni B,C e D) determinano il Tempo Iniziale di allestimento del servizio. Tutte le attività citate sono totalmente a carico dell'affidatario. A far data dalla sottoscrizione dell Accordo Quadro per le attività di sezione A Servizi di manutenzione dell'hardware e del corrispondente software di base e di gestione delle licenze software, l Affidatario, entro i termini offerti di cui all Allegato 4 dell Accordo Quadro e comunque non oltre i 30 gg naturali, dovrà prendere in carico il servizio. L Affidatario dovrà, pertanto, produrre un verbale di presa in carico del servizio, da sottoporre all approvazione di Italferr, che contenga almeno: 1. nomina del gestore delle attività di manutenzione; 2. descrizione dell approccio metodologico adottato; 3. descrizione delle attività intraprese per il passaggio delle conoscenze; 4. piano per il rinnovo delle licenze software; 5. calendario delle manutenzioni programmate (CMP) ; 6. proposta dei Piani di Esercizio dei sistemi oggetto del presente appalto (allegato 6); 7. eventuali richieste di subappalto (attività da subappaltare e società subappaltatrici). A far data dalla sottoscrizione dell Accordo Quadro per le attività di sezione B Servizi di assistenza specialistica l Affidatario, entro i termini offerti di cui all Allegato 4 dell Accordo Quadro e comunque non oltre i 30 gg naturali, dovrà prendere in carico il servizio. L Affidatario dovrà, pertanto, produrre un verbale di presa in carico del servizio, da sottoporre all approvazione di Italferr, che contenga almeno: 1. descrizione della struttura a disposizione per l attività. 2. eventuali richieste di subappalto (attività da subappaltare e società subappaltatrici). A far data dalla sottoscrizione dell Accordo Quadro per le attività di sezione C Servizi in outtasking con Team di Gestione Sistemistico-Operativa, l Affidatario, entro i termini offerti di cui all Allegato 4 dell Accordo Quadro e comunque non oltre i 30 gg naturali, dovrà prendere in carico il servizio. L Affidatario dovrà, pertanto, produrre un verbale di presa in carico del servizio, da sottoporre all approvazione di Italferr, che contenga almeno: 1. la nomina delle risorse previste nel TGSO; 2. descrizione dell approccio metodologico adottato per la formazione del Team; 3. descrizione delle attività intraprese per il passaggio delle conoscenze; 4. riferimenti telefonici od altro per il servizio in orario ; 5. eventuali richieste di subappalto (attività da subappaltare e società subappaltatrici). A far data dalla sottoscrizione dell Accordo Quadro per le attività di sezione D Servizi di Interventi Progettuali (IP), l Affidatario, entro i termini offerti di cui all Allegato 4 dell Accordo Quadro e comunque non oltre i 30 gg naturali, dovrà prendere in carico il servizio. L Affidatario dovrà, pertanto, produrre un verbale di presa in carico del servizio, da sottoporre all approvazione di Italferr, che contenga almeno 1. nomina del Project Manager responsabile dell attività; 2. descrizione della struttura a disposizione per l attività; 3. descrizione dell approccio metodologico previsto per gli Interventi Progettuali; 4. eventuali richieste di subappalto (attività da subappaltare e società subappaltatrici).

7 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 7 DI 55 SEZIONE A Servizi di manutenzione dell'hardware e del corrispondente software di base e di gestione delle licenze software A.1 Descrizione delle attività di sezione A Le attività di Sezione A si articolano in: Manutenzione dell Hardware e del corrispondente software di base, intesa come: - manutenzione preventiva, - manutenzione. Gestione delle licenze software, intesa come: - rinnovo, per conto di Italferr, delle licenze d uso dei software di base ad uso del landscape centralizzato; - fornitura di nuovi software di base. A.1.1 Manutenzione preventiva dell Hardware e del corrispondente software di base L'Affidatario si impegna a proporre, concordare con Italferr ed eseguire interventi (regolazioni, controlli, sostituzioni) finalizzati all ottimizzazione ed all aggiornamento delle apparecchiature. In particolare gli interventi minimi richiesti consistono in: a. verifica dello stato fisico dell Hardware (ad esempio: stato di efficienza dei dischi, stato di efficienza delle porte di switch, stato di conservazione dei nastri, ecc.), b. verifica della configurazione del software in esercizio ed eventuale segnalazione di necessità di upgrade e/o sostituzioni, c. verifica del corretto funzionamento della configurazione globale del landscape e segnalazione di eventuale necessità di tuning sulle apparecchiature che compongono il landscape. Rientra in questa tipologia di servizio la gestione delle apparecchiature in garanzia, rilasciata dalla casa distributrice; per queste apparecchiature l Affidatario dovrà gestire: a. la chiamata alla società fornitrice in caso di guasto, blocco o altro inconveniente all apparecchiatura in garanzia; b. il controllo che il ripristino del pieno funzionamento sia effettuato secondo i tempi e le modalità previste dal contratto di garanzia; c. il passaggio dell apparecchiatura, allo scadere del periodo di garanzia, nel trattamento di manutenzione delle apparecchiature senza garanzia. Per gli apparati di rete e gli apparati speciali il servizio di manutenzione preventiva dovrà inoltre assicurare: a. la tempestiva consegna ed installazione, su richiesta di Italferr, di tutte le patch del firmware; b. l assistenza tecnica necessaria al buon funzionamento della configurazione installata ed in particolare, in caso di cattivo funzionamento di uno o più componenti, la sostituzione della componente malfunzionante, intendendo come malfunzionamento ogni difformità del prodotto dalla relativa documentazione. Il servizio di manutenzione preventiva sarà effettuato sulla configurazione al momento installata, anche nel caso in cui esista una più recente versione del firmware che Italferr abbia deciso di non installare ed abbia continuato ad utilizzare la versione precedente. Entro 30 giorni naturali dall affidamento delle attività tramite appositi contratti applicativi l Affidatario dovrà produrre il Calendario delle Manutenzioni Programmate (CMP) per l approvazione da parte di Italferr, ad eccezione del primo CMP già previsto nel verbale di presa in carico di cui al paragrafo 0.5. Il calendario dovrà essere redatto su un arco temporale di un anno e costituirà parte integrante di tutte le attivazioni contrattuali.

8 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 8 DI 55 Trimestralmente, l Affidatario dovrà produrre un prospetto riepilogativo sullo stato di ogni singola apparecchiatura in manutenzione del landscape nella sua globalità. Per le apparecchiature in garanzia, si riporta negli allegati 2, 3, 4 la data di scadenza della garanzia stessa. Si sottolinea che Italferr si impegna ad acquisire nuove apparecchiature con garanzia di durata almeno triennale. Tutte le apparecchiature di cui agli allegati 2, 3 e 4 sono da considerarsi in manutenzione preventiva. L elenco delle apparecchiature potrà subire piccole variazioni dovute all aggiornamento della consistenza hardware. A.1.2 Manutenzione dell Hardware e del corrispondente software di base Il servizio di manutenzione deve essere erogato applicando a ciascuna delle apparecchiature uno dei livelli di servizio descritti nei successivi punti A.3.2.2, A.3.2.3, A La manutenzione consiste in: a. riparazione di guasto, blocco o altro inconveniente che dovesse verificarsi, b. messa a disposizione di tutte le parti di ricambio in sostituzione, c. esecuzione delle prove e dei controlli necessari a garantire il ripristino del pieno funzionamento delle apparecchiature. L'attività è finalizzata alla risoluzione di malfunzionamenti sull'hardware e sul corrispondente software di base, intendendosi per malfunzionamento qualsiasi anomalia o guasto dei prodotti che, direttamente o indirettamente, provochi l interruzione o la non completa disponibilità del servizio all utenza. I servizi di manutenzione devono essere estesi a tutte le apparecchiature riportate in dettaglio negli allegati 2, 3 e 4 che non siano in garanzia (valendo per quest ultime la sola manutenzione preventiva). Italferr si riserva tuttavia la facoltà di richiedere la manutenzione anche per talune apparecchiature in garanzia, al fine di elevarne il livello di servizio atteso. In tal caso produrrà una apposita segnalazione all Affidatario, con un preavviso di almeno 21 giorni naturali. L elenco delle apparecchiature potrà subire piccole variazioni dovute all aggiornamento della consistenza hardware. Qualora il ripristino della normale funzionalità delle apparecchiature non intervenga entro il termine designato per ciascuna apparecchiatura, Italferr applicherà le penali disciplinate nell Accordo Quadro, salvo in ogni caso il risarcimento del maggior danno. Eventuali parti di ricambio necessarie per rispristinare l'operatività delle apparecchiature dovranno essere fornite dall Affidatario senza alcun onere aggiuntivo per Italferr; le parti sostituite dovranno essere ritirate dall Affidatario, che ne acquisisce la proprietà, fatta eccezione per le memorie di massa per le quali Italferr provvederà in proprio alla distruzione della memoria sostituita, conservandone la proprietà. Ove il ripristino del malfunzionamento e/o del fermo delle apparecchiature richieda un tempo superiore al termine designato per il corrispondente livello di servizio, ovvero comporti il trasferimento delle apparecchiature, in luogo diverso dai locali Italferr l Affidatario, previa nulla osta da parte di Italferr, dovrà provvedere, a propria cura e spese e per l'intero periodo del ripristino, alla sostituzione delle apparecchiature stesse con altre aventi le medesime caratteristiche tecniche e funzionali, ferma restando l applicazione delle penali disciplinate nel contratto, sino al momento della sostituzione delle apparecchiature. L Affidatario dovrà adoperarsi, per quanto possibile, per il recupero degli archivi presenti sulle apparecchiature da sostituire. Per ogni intervento di manutenzione, sia preventiva che, dovrà essere redatta dall'affidatario una apposita nota di ripristino, in formato cartaceo ed elettronico, nella quale dovranno essere registrati l ora della chiamata e quella dell'avvenuto ripristino, nonché le prestazioni effettuate. La nota dovrà essere sottoscritta per approvazione dai Sistemi Informativi di Italferr. Sia per la manutenzione che per quella preventiva, l Affidatario dovrà garantire che vengano utilizzate parti di ricambio originali, prodotte dallo stesso costruttore delle apparecchiature o, in

9 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 9 DI 55 subordine e con l approvazione di Italferr, parti non originali ma comunque di primaria qualità e nuove di fabbrica. A tal proposito si chiarisce fin d ora che le parti di ricambio fornite dovranno essere dotate di garanzia originale del produttore, che non è consentito l uso di parti sprovviste di suddetta garanzia o del certificato di originalità del produttore. Italferr si riserva di effettuare controlli a campione presso i produttori per verificare l originalità dei pezzi. In caso di inadempienza da parte dell Affidatario alle obbligazioni precedentemente descritte, Italferr applicherà le misure e le penali disciplinate nell Accordo Quadro. A.1.3 Servizio di rinnovo delle licenze d uso dei software di base. Il servizio consiste nel rinnovo, per conto di Italferr, delle licenze d uso dei software di base ad uso del landscape centralizzato. I software di base, per i quali l Affidatario dovrà gestire il rinnovo delle licenze, sono riportati nel dettaglio in Allegato 5 - Elenco delle licenze software da gestire ; detti software riguardano principalmente: il sistema di Back-up, Il sistema di Archiving i sistemi antivirus e antispam centralizzati, i software di servizio. Ogniqualvolta si renderà necessario rinnovare le licenze d uso di uno dei software riportati in allegato 5, Italferr effettuerà una apposito contratto applicativo all Affidatario, che provvederà ad effettuare il rinnovo della manutenzione delle licenze richieste. A.1.4 Servizio di fornitura di nuovi software di base Italferr potrà richiedere all Affidatario di fornire nuovi software di base; dette forniture saranno comunque contenute entro un importo complessivo non eccedente il valore di ,00 (Euro centomila/00), e valorizzate in base ai prezzi di listino dei software stessi, vigenti alla data di ciascun contratto applicativo. In allegato 7 sono riportati i produttori e le corrispondenti tipologie di software, in riferimento ai quali verrà attivato il servizio. Nell allegato 7 è riportato inoltre, a puro titolo indicativo, la stima percentuale di acquisto per ciascun produttore in relazione all importo complessivo di ,00 (Euro centomila/00). A.2 Oggetto del servizio Oggetto dei servizi di sezione A sono i server, gli apparati storage, gli apparati di rete, gli apparati speciali e le licenze d uso dei software di cui Italferr è dotata. Si forniscono di seguito informazioni sull oggetto dei servizi. A.2.1 Tipologie oggetto di servizio Le tipologie oggetto di manutenzione sono quelle di seguito riportate: a. Server, apparati di storage e accessori. L'elenco dettagliato è riportato in Allegato 2 - "Elenco dell hardware oggetto di manutenzione". Detto elenco è articolato nelle seguenti voci: descrizione, ubicazione, software di base,

10 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 10 DI 55 configurazione (può essere oppure di tipo personalizzato; in quest ultimo caso le informazioni di dettaglio sulla configurazione sono riportate in Allegato 6 Configurazioni personalizzate ), tipo di manutenzione ( preventiva, oppure ), scadenza della garanzia (se l apparecchiatura è in garanzia). b. Apparati di rete. L'elenco dettagliato è riportato in Allegato 3 - "Elenco degli apparati di rete". Detto elenco è articolato nelle seguenti voci: descrizione, ubicazione, componenti aggiuntivi/note, tipo di manutenzione ( preventiva, oppure ), scadenza della garanzia (se l apparecchiatura è in garanzia). c. Apparati speciali. Questi ultimi sono caratterizzati dalla specificità degli interventi di manutenzione, che devono essere effettuati da personale certificato dalla casa costruttrice di ciascun apparato speciale. L'elenco dettagliato è riportato in Allegato 4 - "Elenco degli apparati speciali". Detto elenco è articolato nelle seguenti voci: descrizione, ubicazione, software di base (ove previsto), tipo di manutenzione ( preventiva, oppure ), scadenza della garanzia (se l apparecchiatura è in garanzia). d. Licenze software. L'elenco dettagliato delle licenze software da gestire è riportato in Allegato 5 - Elenco delle licenze software da gestire. Detto elenco è articolato nelle seguenti voci: numero, codice modulo, quantità, sistema operativo, scadenza, Il numero delle apparecchiature, suddivise nelle tipologie di cui ai punti (a), (b) e (c), e delle licenze software di cui al punto (d) è riportato nella tabella seguente. Tipologie N Apparecchiature Server e relativo SW di base 149 Apparati storage 22 Accessori 48 Apparati di rete 102 Apparati speciali 15 Totale Apparecchiature 336 Tipologie di Software di cui gestire le 24 licenze di manutenzione A.2.2 Ubicazione delle apparecchiature Tutte le apparecchiature oggetto di manutenzione sono situate nella sede di Italferr di via Marsala, l ubicazione delle singole apparecchiature di cui al punto A.2.1 è riportata negli allegati 2,3 e 4.

11 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 11 DI 55 A.3 Modalità operative di sezione A A.3.1 Modalità operative della Manutenzione preventiva Le attività relative ai servizi di manutenzione preventiva saranno affidate con contratti applicativi trimestrali, emesse dalla U.O. Sistemi Informativi di Italferr. A valle della stipula dell Accordo Quadro, si darà immediato corso alla prima richiesta di prestazioni. Le attività caratteristiche che compongono il servizio sono riportate di seguito. A fronte di un guasto o blocco o altro inconveniente su una apparecchiatura in garanzia, l Affidatario dovrà: a. Prendere in carico immediatamente la malfunzione segnalata dal personale Italferr al Gestore delle attività di manutenzione, dallo stesso Gestore delle attività di manutenzione o dai sistemi automatici di rilevamento guasti. b. Attivare tempestivamente l intervento in garanzia a cura del fornitore che ha rilasciato la garanzia, in modo da non compromettere i vincoli temporali previsti dalla garanzia stessa. c. Controllare che il ripristino del pieno funzionamento sia effettuato secondo i tempi e le modalità previste dal contratto di garanzia. d. Redigere, al termine di ogni intervento, un rapporto informativo, contenente: la chiamata da parte di Italferr (giorno e ora), il tempo di intervento (giorno e ora), il tempo di ripristino della normale operatività (giorno e ora), la descrizione dettagliata dell intervento effettuato. Per quanto attiene agli interventi (regolazioni, controlli, sostituzioni) finalizzati all ottimizzazione ed all aggiornamento delle apparecchiature e in accordo con il CMP, il Gestore delle attività di manutenzione proporrà, entro la prima decade di ogni mese, un calendario degli interventi da effettuare nel mese successivo. Il calendario sarà approvato da Italferr entro la seconda decade del mese di presentazione. Il gestore delle attività di manutenzione gestirà l effettuazione delle attività programmate, a cura dell Affidatario. Ogni mese, infine, il Gestore delle attività di manutenzione verificherà se nel mese seguente sia prevista la scadenza della garanzia di una apparecchiatura; in caso che ciò sia previsto, il Gestore delle attività di manutenzione lo comunicherà ad Italferr. L apparecchiatura interessata dalla scadenza della garanzia entrerà in manutenzione già dal primo giorno del mese in cui è prevista la scadenza della garanzia. Il canone di manutenzione sarà calcolato per l intero mese in cui l evento di scadenza della garanzia accade. A.3.2 Modalità operative della Manutenzione Le attività relative ai servizi di manutenzione saranno affidate con contratti applicativi trimestrali, emesse dalla U.O. Sistemi Informativi di Italferr. A valle della stipula dell Accordo Quadro, si darà immediato corso alla prima richiesta di prestazioni. Con cadenza trimestrale, 15 giorni naturali prima del termine del trimestre in corso, (contestualmente alla richiesta di prestazioni per il 1 trimestre di fornitura) Italferr fornirà all Affidatario un elenco per ciascuna delle 3 tipologie di apparecchiature di cui al punto A.2. In questi elenchi saranno riportate tutte le apparecchiature oggetto di manutenzione, con l indicazione del Livello di Servizio richiesto per ciascuna apparecchiatura per il trimestre successivo. In base a questi elenchi

12 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 12 DI 55 l Affidatario predisporrà il servizio ed il canone globale mensile di spesa, calcolato secondo quanto esposto nel successivo paragrafo A.7; questo canone rimarrà invariato per tutto il trimestre successivo a meno di inserimenti e/o recessi di apparecchiature. Le attività caratteristiche che compongono il servizio sono riportate di seguito. A fronte di un guasto o blocco o altro inconveniente su una apparecchiatura non in garanzia, l Affidatario dovrà: a. Prendere in carico immediatamente la malfunzione segnalata dal personale Italferr al Gestore delle attività di manutenzione, dallo stesso Gestore delle attività di manutenzione o dai sistemi automatici di rilevamento guasti. b. Identificare la causa della malfunzione segnalata. c. Sottoporre la soluzione all'approvazione di Italferr. d. Approntare i necessari interventi di risoluzione. e. Redigere, al termine di ogni intervento, un rapporto informativo, contenente: la chiamata da parte di Italferr (giorno e ora), il tempo di intervento (giorno e ora), il tempo di ripristino della normale operatività (giorno e ora), la descrizione dettagliata dell intervento effettuato. Le azioni di cui ai punti da (a) ad (e) seguiranno i tempi previsti per il livello di servizio corrispondente all apparecchiatura interessata dall intervento di manutenzione. Sia per un intervento di manutenzione che per un intervento di manutenzione preventiva, il rapporto di conclusione dell'intervento dovrà essere sottoscritto per approvazione dai Sistemi Informativi di Italferr. In mancanza di questa sottoscrizione da parte di Italferr, l esecuzione dell'intervento sarà considerato non-accettata da Italferr e potranno essere applicate tutte le clausole di penale previste dall Accordo Quadro per la mancata effettuazione del servizio. Qualunque danno derivante da imperizia del personale che effettua gli interventi di manutenzione, sia preventiva che, sarà ascritto all Affidatario. Italferr notificherà per iscritto, al referente di contratto dell Affidatario, i danni subiti e la corrispondente valutazione economica, che l Affidatario è tenuto a rifondere immediatamente. A Gestore delle attività di manutenzione Per lo svolgimento delle attività di manutenzione, sia preventiva che, l'affidatario dovrà assicurare la disponibilità di almeno una risorsa che svolga il ruolo di Gestore delle attività di manutenzione. Questa risorsa, presente stabilmente e continuativamente presso la sede di Italferr di Roma via Marsala 53, coerentemente con l orario di lavoro e le abituali attività lavorative in essere presso Italferr (9:00 ore 18:00 ore). Il Gestore delle attività di manutenzione sarà addetto principalmente alle seguenti attività: a. apertura e chiusura di tutti gli interventi di manutenzione, sia preventiva che ; b. gestione degli interventi programmati di Manutenzione Preventiva; c. redazione del rapporto di conclusione degli interventi di Manutenzione, sia preventiva che ; d. provvedere al rinnovo delle licenze dei software di base e fornire una situazione periodica, con cadenza trimestrale, delle licenze software e delle rispettive date di scadenza, e. implementare e mantenere aggiornato apposito database delle risorse HW e SW oggetto del presente contratto (CMDB) La descrizione dei requisiti cui la figura di Gestore delle attività di manutenzione deve soddisfare è riportata in Allegato 1 - Requisiti per il Gestore delle attività di manutenzione. Italferr si riserva di esprimere il mancato gradimento della risorsa predisposta dall'affidatario come Gestore delle attività di manutenzione. Italferr potrà chiedere, motivandola, la sostituzione della risorsa. L'Affidatario è tenuto alla sostituzione entro i termini offerti dall Affidatario di cui all Allegato 2 dell Accordo Quadro e comunque non oltre i

13 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 13 DI giorni naturali dalla richiesta, con una risorsa di analogo livello, profilo ed esperienza. Per la risorsa entrante l Affidatario dovrà assicurare il trasferimento del know-how per tutto quello che riguarda Italferr, le attività per essa già svolte e le attività ancora da svolgere al momento della sostituzione; dovrà inoltre garantire 14 giorni naturali di affiancamento fra la risorsa entrante e quella uscente. In caso di indisponibilità della risorsa per dimissioni, o in caso di avvicendamento delle risorse deciso dall Affidatario, ferma restando la necessità del gradimento da parte di Italferr, questi dovrà assicurare per la risorsa entrante il trasferimento del know-how per tutto quello che riguarda l Italferr e le attività per essa già svolte e ancora da svolgere al momento della sostituzione; l Affidatario dovrà garantire 14 giorni naturali di affiancamento fra la risorsa entrante e quella uscente. In caso di indisponibilità della risorsa per cause di forza maggiore, l Affidatario, ferma restando la necessità del gradimento da parte di Italferr, dovrà assicurare per la risorsa entrante il trasferimento del know-how per tutto quello che riguarda l Italferr e le attività per essa già svolte e ancora da svolgere al momento della sostituzione; la risorsa dovrà essere sostituita con una risorsa analoga per livello, profilo ed esperienze. Durante i periodi di ferie, o di assenza per altro motivo, il Gestore delle attività di manutenzione, dovrà essere sostituito con altra risorsa dell Affidatario, analoga per livello, profilo ed esperienze al fine di assicurare la continuità del servizio. Le prestazioni del Gestore delle attività di manutenzione si ritengono comprese e compensate nel canone di manutenzione preventiva. A Livelli di servizio per l hardware e i corrispondenti sistemi operativi installati. Per gli apparati riportati in: Allegato Elenco dei server, Allegato Elenco degli apparati storage, Allegato Elenco degli accessori, sono stabiliti i seguenti 3 livelli di servizio: LIVELLO A: intervento e risoluzione on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita 24 ore al giorno per 7 giorni a settimana, per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO B: intervento on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita dalle ore alle ore 18.00, dal lunedì al venerdì (esclusi i giorni festivi nazionali), per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO C: intervento on-site entro il giorno lavorativo successivo (Next Business Day) alla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita durante il normale orario lavorativo (dalle alle 18.00, dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi nazionali), per tutta la durata dell Accordo Quadro. L apertura di tutti gli interventi di manutenzione, sia preventiva che potrà avvenire anche in maniera automatica mediante l utilizzo degli strumenti che l Affidatario riterrà piu opportuni e della cui istallazione, configurazione e gestione si farà pieno carico senza che nulla sia dovuto per tale servizio da parte di Italferr. Ciascuna apparecchiatura sarà associata, nell elenco trasmesso trimestralmente da Italferr all Affidatario, ad un livello di servizio della manutenzione (A, B, C), richiesto per l'apparecchiatura stessa. Per una apparecchiatura ancora in garanzia (rilasciata dal produttore con un determinato livello di servizio), Italferr potrà richiedere di attivare la manutenzione secondo un livello di servizio superiore (ad esempio corrispondente a B o ad A) a quello previsto dalla garanzia (che ad esempio potrebbe essere di tipo C o B). In tal caso per l apparecchiatura verrà attivata la manutenzione, e riconosciuto il corrispondente canone di spesa, in aggiunta alla sola manutenzione preventiva.

14 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 14 DI 55 A Livelli di servizio per gli apparati di rete. Per gli apparati riportati in Allegato 3 - Elenco degli apparati di rete, sono stabiliti i seguenti 3 livelli di servizio. LIVELLO A: intervento e risoluzione on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita 24 ore al giorno per 7 giorni a settimana, per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO B: intervento on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita dalle alle 18.00, dal lunedì al venerdì (esclusi i giorni festivi nazionali) per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO C: intervento on-site entro il giorno lavorativo successivo (Next Business Day) alla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita durante il normale orario lavorativo (dalle alle 18.00, dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi nazionali), per tutta la durata dell Accordo Quadro. Ciascuna apparecchiatura sarà associata, nell elenco trasmesso trimestralmente da Italferr all Affidatario, ad un livello di servizio della manutenzione (A, B, C), richiesto per l'apparecchiatura stessa. Per una apparecchiatura ancora in garanzia (rilasciata dal produttore con un determinato livello di servizio), Italferr potrà richiedere di attivare la manutenzione secondo un livello di servizio superiore (ad esempio corrispondente a B o ad A) a quello previsto dalla garanzia (che ad esempio potrebbe essere di tipo C o B). In tal caso per l apparecchiatura verrà attivata la manutenzione, e riconosciuto il corrispondente canone di spesa, in aggiunta alla sola manutenzione preventiva. A Livelli di servizio per gli apparati speciali. Per gli apparati riportati in Allegato 4 - Elenco degli apparati speciali, sono stabiliti i seguenti 3 livelli di servizio. LIVELLO A: intervento e risoluzione on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita 24 ore al giorno per 7 giorni a settimana, per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO B: intervento on-site, entro 4 ore dalla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita dalle alle 18.00, dal lunedì al venerdì (esclusi i giorni festivi nazionali), per tutta la durata dell Accordo Quadro. LIVELLO C: intervento on-site entro il giorno lavorativo successivo (Next Business Day) alla chiamata di Italferr. L'assistenza dovrà essere fornita durante il normale orario lavorativo (dalle 9.00 alle 18.00, dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi nazionali). Ciascuna apparecchiatura sarà associata, nell elenco trasmesso trimestralmente da Italferr all Affidatario, ad un livello di servizio della manutenzione (A, B, C), richiesto per l'apparecchiatura stessa. Per una apparecchiatura ancora in garanzia (rilasciata dal produttore con un determinato livello di servizio), Italferr potrà richiedere di attivare la manutenzione secondo un livello di servizio superiore (ad esempio corrispondente a B o ad A) a quello previsto dalla garanzia (che ad esempio potrebbe essere di tipo C o B). In tal caso per l apparecchiatura verrà attivata la manutenzione, e riconosciuto il corrispondente canone di spesa, in aggiunta alla sola manutenzione preventiva. Per gli apparati speciali, per tutti i livelli di servizio, dovranno essere garantiti anche i seguenti servizi: Software Subscription, Aggiornamenti firmware e software upgrade, Software upgrade, come specificato per ogni apparecchiatura in allegato 4. Questi interventi si ritengono inclusi e compensati dal canone globale di manutenzione, qualunque sia il livello di servizio richiesto. A.3.3 Modalità operative del servizio di rinnovo delle licenze d uso dei software di base.

15 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 15 DI 55 La U.O. Sistemi Informativi di Italferr emetterà un contratto applicativo per le licenze d uso che intende rinnovare. Entro i termini offerti dall Affidatario di cui all allegato 2 dell Accordo Quadro e comunque non oltre 30 giorni naturali dalla ricezione del contratto applicativo, l Affidatario provvederà a: a. effettuare il rinnovo annuale del servizio di manutenzione richiesto, b. effettuare eventuali operazioni di installazioni di file di estensione della licenza forniti dal produttore, c. dare opportuna informativa scritta ai Sistemi Informativi di Italferr del rinnovo effettuato. Per le licenze che al momento di sottoscrizione del contratto risulteranno scadute, Italferr chiederà il rinnovo della manutenzione a partire dalla data di scadenza riportata in allegato 5. A.3.4 Modalità operative del servizio di fornitura di nuovi software di base Per quanto riguarda la fornitura di licenze software per Italferr da parte dell Affidatario, l iter operativo sarà così disciplinato: a. La U.O. Sistemi Informativi di Italferr emetterà un contratto applicativo all Affidatario indicante il software da acquisire, il produttore ed il corrispettivo di spesa, calcolato secondo quanto espresso nel successivo punto A.8; b. entro i termini offerti dall Affidatario di cui all allegato 2 dell Accordo Quadro e comunque non oltre 30 giorni naturali dalla richiesta, l Affidatario provvederà a rendere disponibile il software richiesto. Le modalità di installazione, avvio in esercizio e quant altro di interesse per l acquisizione di uno specifico software, saranno disciplinate nell ambito della corrispondente richiesta di acquisizione di cui al punto (a). Le richieste di fornitura di software di base potranno essere effettuate fino alla concorrenza di un importo totale di prezzi di listino pari a ,00 (Euro centomila/00). A.4 Inserimento di apparecchiature nel contratto di manutenzione Ogni tipo di apparecchiatura acquisita ex-novo da Italferr sarà inserita nel contratto di manutenzione, inoltre potranno essere inserite negli elenchi di manutenzione apparecchiature di proprietà Italferr in esercizio c/o sedi periferiche al momento della stipula dell Accordo Quadro. Tali apparecchiature sono di caratteristiche analoghe a quelle riportate negli allegati 2,3 e 4. Italferr comunicherà al Referente di Contratto dell Affidatario l inserimento di una nuova apparecchiatura con 30 giorni naturali di preavviso. Tale inserimento comporterà, dal 30-esimo giorno successivo al momento della segnalazione, l aggiunta del canone di manutenzione relativo alla nuova apparecchiatura, al canone globale di manutenzione mensile. A.5 Recesso di apparecchiature dal contratto di manutenzione Per ogni tipo di apparecchiatura, la cui manutenzione è disciplinata dalla presente specifica tecnica, è previsto il recesso dal servizio di manutenzione, o della sola manutenzione preventiva per le apparecchiature in garanzia, in ogni momento del periodo di efficacia del contratto. Il recesso deve essere formalizzato, mediante apposita comunicazione al Referente di Contatto dell Affidatario, da parte di Italferr, con 30 giorni naturali di preavviso. Ciò comporterà, dal 30-esimo giorno successivo alla segnalazione, la detrazione dei canoni di spesa per la manutenzione per la manutenzione, relativi alla apparecchiatura dismessa, dal canone globale mensile.

16 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 16 DI 55 A.6 Recesso dal servizio di rinnovo delle licenze software Per ogni manutenzione di licenza software, la cui gestione è disciplinata dalla presente specifica tecnica, è previsto il recesso dal servizio di gestione, contestualmente con la scadenza del servizio di manutenzione stesso. Il recesso sarà formalizzato, mediante apposita comunicazione al Referente di Contratto dell Affidatario, da parte di Italferr, con 30 giorni naturali di preavviso. A.7 Articolazione dei canoni mensili di manutenzione A.7.1 Canone della Manutenzione preventiva Il Canone mensile per la manutenzione preventiva (C MP ) è ottenuto come prodotto di Q (canone mensile per la manutenzione preventiva della singola apparecchiatura), di cui all allegato 4 dell Accordo Quadro, per il numero delle apparecchiature incluse nel servizio di manutenzione preventiva (tutte le apparecchiature di cui al punto A.2, allegati 2, 3 e 4, più tutte le apparecchiature acquisite ex-novo nel periodo di validità dell Accordo Quadro, più tutte le apparecchiature di proprietà Italferr rientrate dalle sedi periferiche, meno tutte le apparecchiature di cui sia stato richiesto il recesso dalla manutenzione nel periodo di validità dell Accordo Quadro). A.7.2 Canone della Manutenzione Il Canone mensile per la manutenzione (C MC ) sarà così calcolato. Per ciascuna apparecchiatura di cui al precedente paragrafo A.2, sono possibili diversi canoni di manutenzione, in corrispondenza a ciascuno dei 3 livelli di servizio A, B, C, stabiliti nei precedenti punti A.3.2.2, A.3.2.3, A Il calcolo di C MC sarà effettuato come di seguito: ove: C MC = C Hardware n + C apparati _ rete + C apparati _ speciali C hardware = C i, livelloa + C j, livellob + 1 m 1 1 p C k, livelloc Essendo: - C i, livelloa il canone mensile per l i-esima apparecchiatura di tipologia Hardware definita di livello A nell elenco allegato al contratto applicativo; - n: il numero totale delle apparecchiature di tipologia Hardware dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio A; - C j, livellob il canone mensile per la j-esima apparecchiatura di tipologia Hardware definita di livello B nell elenco allegato al contratto applicativo; - m: il numero totale delle apparecchiature di tipologia Hardware dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio B; - C l, livelloc il canone mensile per la k-esima apparecchiatura di tipologia Hardware definita di livello C nell elenco allegato al contratto applicativo; - p: il numero totale delle apparecchiature di tipologia Hardware dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio C.

17 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 17 DI 55 n' C apparati _ rete = C' i, livelloa + C' j, livellob + 1 m' 1 p' 1 C' k, livelloc Essendo: - C, i livelloa il canone mensile per l i-esima apparecchiatura di tipologia apparati di rete, definita di livello A nell elenco allegato al contratto applicativo; - n : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati di rete dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio A; - C, j livellob il canone mensile per la j-esima apparecchiatura di tipologia apparati di rete definita di livello B nell elenco allegato al contratto applicativo; - m : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati di rete dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio B; - C, l livelloc il canone mensile per la k-esima apparecchiatura di di tipologia apparati di rete definita di livello C nell elenco allegato al contratto applicativo; - p : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati di rete dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio C. n'' C apparati _ speciali = C' ' i, livelloa + C' ' j, livellob + 1 m'' 1 p '' 1 C' ' k, livelloc Essendo: - C, i livelloa il canone mensile per l i-esima apparecchiatura di tipologia apparati speciali, definita di livello A nell elenco allegato al contratto applicativo; - n : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati speciali dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio A; - C, j livellob il canone mensile per la j-esima apparecchiatura di tipologia apparati speciali definita di livello B nell elenco allegato al contratto applicativo; - m : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati speciali dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio B; - C, l livelloc il canone mensile per la k-esima apparecchiatura di di tipologia apparati speciali definita di livello C nell elenco allegato al contratto applicativo; - p : il numero totale delle apparecchiature di tipologia apparati speciali dell elenco allegato al contratto applicativo, per le quali è richiesto un Livello di Servizio C. A.8 Corrispettivo per il servizio di fornitura di nuovi software di base. Il corrispettivo per ogni fornitura di software di base, effettuato per conto di Italferr, sarà determinato dal prezzo di listino di detto software vigente alla data del contratto applicativo per la percentuale di sconto, indicata dall Affidatario in fase di offerta, per il produttore corrispondente. A.9 Corrispettivo per il servizio di rinnovo delle licenze d uso dei software di base. Il corrispettivo dei contratti applicativi per il rinnovo annuale delle licenze d uso dei software di base, sarà calcolato moltiplicando l importo annuale unitario per singola licenza, indicato nell Allegato 4 dell Accordo Quadro, per il numero di licenze di cui si sarà richiesto il rinnovo.

18 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 18 DI 55 A.10 Logistica di sezione A I servizi saranno svolti presso la sede di Italferr di Roma, Via Marsala 53. I servizi saranno erogati completamente in lingua italiana, senza alcuna eccezione.

19 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 19 DI 55 SEZIONE B Servizi di assistenza specialistica B.1 Descrizione sintetica dei sistemi oggetto di assistenza e delle corrispondenti attività Si riportano di seguito i sistemi e le corrispondenti attività sulle quali è richiesta la fornitura di servizi di assistenza erogata da figure specializzate, i cui requisiti sono descritti nel successivo punto B.5. B.1.1 Database ORACLE. Italferr è dotata al suo interno di tre database Oracle versione 7.3.4, di due database Oracle (di cui uno installato in modalità cluster su due nodi e gestito mediante il tool ORACLE FAIL SAFE). Tutti i database sono installati su piattaforma Windows. Le attività previste sono le seguenti: installazione e migrazione di versione; controllo batch di gestione ordinaria ed eventuale implementazione o modifica; verifica delle performance e tuning; procedure di backup e restore. Per le attività suddette l Affidatario dovrà impiegare figure professionali che abbiano i requisiti descritti per il riferimento FP1. B.1.2 Sistemi di desktop e system management. Italferr è dotata di alcuni applicativi UNICENTER, Desktop Management e Network System Management, distribuiti su tre server. Tutta la gestione di Desktop Management è stata centralizzata presso la sede di Roma, Via Marsala, 53. L architettura è così strutturata : Software delivery - 2 Local Server (Roma), 24 Staging Server e circa 2000 Client (sul territorio nazionale), il tutto aggiornato alla versione 4.0 SP1; Asset Management - 1 Domain database (Roma), 25 Sector, 2 Engine e circa 1700 PDL (sul territorio nazionale) aggiornato alla versione 4.0 SP1; Remote Control 1 Server Managed Console (Roma) aggiornato alla versione 6.0 SP1. Network System Management COR (Roma) aggiornato alla versione R11.0. E previsto nel corso dell anno 2009 l upgrade dell infrastruttura di Desktop Management alla versione R11.2, e dell infrastruttura di System Management alla versione R11.1, entrambe su piattaforma Microsoft e DB Microsoft SQL. Le attività previste sono le seguenti: aggiornamento di Patches e hot-fix su tutti gli applicativi, creazione di pacchetti ad hoc per SDO, creazioni di Query ad hoc su AMO, controllo delle performance, gestione reportistica SDO/AMO/NSM, configurazione agent NSM su SQL e ORACLE, configurazione cluster, gestione del componente Portale di AMO, gestione del componente Portale si NSM configurazione e gestione del DTS.

20 SPECIFICA TECNICA CODIFICA C REV D 20 DI 55 Per le attività suddette l Affidatario dovrà impiegare figure professionali che abbiano i requisiti descritti per il riferimento FP2. B.1.3 Sistemi di sicurezza: Firewall. Italferr è dotata di Firewall per la protezione della rete interna (Firewall di primo livello, Firewall di secondo livello e firewall periferici). Sono in dotazione firewall Checkpoint (NGX R65) su piattaforma Secure Platform (Server IBM) e Nokia IPSO (IP350 e IP530); inoltre sono in dotazione sulle sedi periferiche firewall Netscreen (SSG20 e SSG140). Inoltre è prevista la sostituzione entro l anno 2009 dei firewall centrali (Checkpoint Secure Platform su piattaforma IBM) con apparati adeguatamente configurati e performanti. Le attività previste sono le seguenti: aggiornamento dei sistemi, controllo del loro corretto funzionamento, progettazione ed implementazione di eventuali variazioni all architettura di rete, a fronte di specifiche necessità. Per le attività suddette l Affidatario dovrà impiegare figure professionali che abbiano i requisiti descritti per il riferimento FP3. B.1.4 Sistemi di reporting aziendale. Italferr e dotata di un sistema di reporting, query e analisi sviluppato sulla suite BusinessObjects Enterprise XI rel.2. L accesso ai report puo avvenire dall interno delle applicazioni oppure attraverso il portale proprietario del sistema di reportistica che si basa su Apache Tomcat 5.0. Le attività previste sono le seguenti: aggiornamento dei sistemi, controllo del loro corretto funzionamento, verifica delle performance e tuning progettazione ed implementazione di eventuali variazioni all architettura, a fronte di specifiche necessità. Per le attività suddette l Affidatario dovrà impiegare figure professionali che abbiano i requisiti descritti per il riferimento FP4. B.1.5 Sistema LAN. La rete LAN della sede centrale di Roma è composta da un centro stella, situato al CED, e da una serie si switch di piano. Il centro stella attualmente è composto da apparati Enterasys (Matrix E.7 con schede di tipo 7 e 6) di cui, entro l anno 2008, è prevista la sostituzione con apparati Cisco. Gli switch di piano sono apparati Cisco (generalmente Cisco 3750) oppure Enterasys (Matrix E1). Gli switch che realizzano le DMZ sono Cisco. Italferr è inoltre dotata di alcuni Bilanciatori Hardware (6) integrati nell infrastruttura di rete di tipo Nortel Alteon Application Switch Nel corso dell anno 2009 è anche previsto l inserimento di apparati in grado di realizzare una infrastruttura Wi-Fi (appliance) per coprire le sale riunioni e per far collegare i consulenti con i propri portatili (inizialmente sono previsti circa 20 Access Point) Italferr è dotata inoltre di un sistema in grado di ricevere fino a 60 chiamate dial-up contemporanee da utenze remote (Sistema MAX 6000 della Lucent). Le attività previste sono le seguenti: Eventuale aggiornamento dei firmware delle apparecchiature, controllo del corretto funzionamento, progettazione ed implementazione di eventuali variazioni all architettura di rete, a fronte di specifiche necessità.

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali.

La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. La gestione avanzata della forza vendita: mobile e off-line, ma integrata nei processi aziendali. Gabriele Ottaviani product manager - mobile solutions - Capgemini BS Spa premesse...dovute soluzione off-line...ma

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 3-2014-03-25 Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Sommario 1 Cronologia

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli