POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE"

Transcript

1 Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia

2 ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati &% %!% le problematiche ambientali non si rilevavano, ( o comunque riguardavano ambiti spaziali circoscritti, oggi hanno assunto carattere globale.

3 Basti ricordare quelle connesse alle piogge acide, al buco dell ozono, alla sicurezza nucleare e della gestione delle scorie radioattive, alla deforestazione, alla desertificazione, alla perdita di specie biologiche, all inquinamento delle acque, ecc. I suddetti fenomeni sono da correlarsi alle diverse forme di inquinamento che l uomo ha causato sulla Terra ed, in particolare, nell idrosfera, atmosfera, litosfera e biosfera, che rappresentano i sottoinsiemi dell ambiente terrestre, connessi fra loro da flussi di energia e materia.

4 IDROSFERA ACQUA CICLO ACQUA BIOSFERA ESSERI VIVENTI CICLO CO2 Geosistema Terra LITOSFERA SUOLO CICLO ROCCE ATMOSFERA ARIA TROPOSFERA (0-18 km) STRATOSFERA (18-45 km) OZONOSFERA MESOSFERA (45-95 km) TERMOSFERA ( km) ESOSFERA < 500 km IONOSFERA

5 Le varie forme di inquinamento interagiscono fra loro, essendo strettamente correlate: ad esempio, l effetto serra, conseguente all aumento di alcuni gas nell atmosfera, influisce sul cambiamento climatico dell ambiente e di conseguenza anche al processo di desertificazione nella biosfera. Così come la degradazione qualitativa delle falde freatiche (salinizzazione) nell idrosfera, provoca inquinamento dei suoli agricoli (salinizzazione) nella litosfera: i due fenomeni insieme contribuiscono, inoltre, alla distruzione della vegetazione nella biosfera. Per questi motivi i problemi dell ambiente si sono trasformati, nel corso degli ultimi decenni, diventando una vera e propria emergenza ambientale.

6

7

8

9

10 La Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici

11 La Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici rappresenta il primo incontro a livello mondiale dei capi di stato sull'ambiente. Si è svolta, con la partecipazione di 183 paesi, dal 3 al 14 Giugno del 1992, ed é stata considerata un evento senza precedenti, anche in termini di impatto mediatico e sulle scelte politiche e di sviluppo che l'hanno seguita. La Conferenza è nota anche come Eco '92 (in portoghese) e Earth Summit (in inglese), ma il suo titolo ufficiale è United Nations Conference on Environment and Development (UNCED, in italiano Conferenza sull'ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite). È comunque generalmente denominata la Conferenza di Rio. A.Occulto F.Marcucci,

12 Nella Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici è stato stilato un codice di comportamento etico-ambientale per gli Stati.. definito Dichiarazione di Rio, che è sostanzialmente un documento riduttivo e non vincolante per i paesi firmatari, comunque di grande portata. Esso contiene 27 principi generali e tra i principali: l'uomo è al centro dello "sviluppo sostenibile" (principio 1); gli Stati hanno sovranità sulle proprie risorse e non devono causare danni ai paesi confinanti (principio 2); l'eliminazione della povertà è requisito primario per lo sviluppo sostenibile (principio 5). 12

13 Gli argomenti, trattati nella Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici, furono. 1. Lo scrutinio sistematico dei modelli di produzione, in particolare per limitare la produzione di sostanze inquinanti come il piombo nel gasolio o rifiuti velenosi. 2. Le risorse di energia alternativa per sostituire l'abuso di combustibili fossili ritenuti responsabili del cambiamento climatico globale. 3. Un quadro sui sistemi di pubblico trasporto con il fine di ridurre le emissioni dei veicoli, la congestione del traffico nelle grandi città e i problemi di salute causati dallo smog. 4. La crescente scarsità di acqua. A.Occulto F.Marcucci,

14 Un primo importante risultato della Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici fu la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (United Nations Framework Convention on Climate Change-UNFCCC), un trattato ambientale che includeva previsioni di aggiornamenti (denominati "protocolli") che avrebbero posto i limiti obbligatori alle emissioni dei gas serra. Il principale tra questi è il protocollo di Kyōto, che è diventato molto più noto che la stessa UNFCCC. La Conferenza di Rio produsse, inoltre, i seguenti documenti ufficiali: Agenda 21 Convenzione sulla Diversità Biologica Principi sulle foreste Convenzione sul cambiamento climatico 14

15 Tra le indicazioni della Agenda 21 della Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici è stata prevista.. l'istituzione della Giornata internazionale dell acqua, stabilita ogni 22 marzo. Durante la Conferenza prese avvio, tra l'altro, il processo che portò alla stesura e all'approvazione internazionale della Carta della Terra. Nel 2002 in Sud Africa fu organizzato il seguito ufficiale della Conferenza di Rio in una riunione denominata Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile, o anche Rio+10, WSSD (World Summit on Sustainable Development) o più comunemente il Summit di Johannesburg. Nel giugno 2012, venti anni dopo il primo, si è svolto, ancora una volta a Rio de Janeiro, un nuovo Summit sull'ambiente e sullo sviluppo sostenibile. 15

16 dalla Conferenza di Rio de Janeiro sui Cambiamenti Climatici... sono derivate inoltre due Convenzioni, una sul clima e l altra sulla biodiversità. Le due Convenzioni, approvate al termine della Conferenza stessa, sono l unico risultato giuridico ascrivibile all UNCED (United Nations Conference on Environment and Development) e rappresentano allo stesso tempo documenti di importanza storica. La Convenzione sui cambiamenti climatici è stata firmata da un numero elevato di paesi, 153 firmatari con la sola esclusione di un paese di rilievo per il suo patrimonio forestale, la Malaysia.. 16

17 La Convenzione sulla biodiversità è altrettanto di importanza storica per quanto riguarda i paesi firmatari. In questo caso il paese assente sono stati gli Stati Uniti d America, che non hanno firmato la Convenzione in aperta polemica riguardo alla ripartizione dei costi e dei benefici fra paesi detentori e paesi utilizzatori, tutelando di fatto gli interessi delle proprie industrie biotecnologiche. I Paesi (Parti) che ratificarono il trattato UNFCCC, entrato in vigore per questo motivo il 24 marzo 1994, da quel momento si sono incontrati annualmente nella Conferenza delle Parti (COP) per: analizzare i progressi acquisiti nell'affrontare i cambiamenti climatici, iniziando da metà degli anni 1990; negoziare il Protocollo di Kyōto; stabilire azioni legalmente vincolanti per i Paesi sviluppati per ridurre le loro emissioni di gas serra.

18 COP 1 Berlino (Germania) 1995 COP 2 Ginevra (Svizzera) 1996 COP 3 Kyoto (Giappone) 1997 COP 4 Buenos Aires (Argentina) 1998 COP 5 Bonn (Germania) 1999 COP 6 The Hague (Olanda) 2000 COP 7 Marrakeck (Marocco) 2001 COP 8 Nuova Delhi (India) 2002 COP 9 Milano (Italia) 2003 LE CONFERENZE DELLE PARTI (COP) COP-18, Doha, Qatar 26 Novembre- 7 Dicembre 201. COP 10 - Buenos Aires (Argentina) 2004 COP 11 Bonn (Germania) 2005 COP 12 Nairobi (Kenya) 2006 COP-13, Bali, Indonesia 2007 COP-14, Poznan, Polonia 2008 COP-15, Copenaghen, Danimarca 2009 COP-16, Cancun, Messico 2010 COP-17, Durban, Sud Africa 2011

19 COP 1 Berlino (Germania) 1995 La Conferenza delle Parti dell'unfccc (United Nations Framework Convention on Climate Change) si è riunita per la prima volta a Berlino (Germania) nella primavera del 1995 ed espresse timori sull'adeguatezza delle azioni degli Stati ad adempiere gli obblighi della Convenzione. Questi furono riportati in una dichiarazione ministeriale delle Nazioni Unite, nota come il "Mandato di Berlino", che stabiliva una fase di analisi e ricerca (Analytical and Assessment Phase, AAP) di due anni, per negoziare un "insieme completo di azioni" tra cui gli Stati potessero scegliere quelle più adeguate per ognuno di essi, in modo che fossero le migliori dal punto di vista economico e ambientale. A.Occulto F.Marcucci,

20 COP 2 Ginevra (Svizzera) 1996 La Seconda Conferenza delle Parti dell'unfccc (COP-2) si svolse nel luglio 1996 a Ginevra (Svizzera). Nel corso della stessa furono - accettati i rilievi scientifici sui mutamenti climatici riportati dal Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) nel suo secondo rapporto (1995); - rigettate le "politiche armonizzate" uniformi in favore della flessibilità; - stabilita la necessità di "obblighi a medio termine legalmente vincolanti A.Occulto F.Marcucci,

21 COP 3 Kyoto (Giappone) 1997 Il protocollo di Kyōto è un trattato internazionale in materia ambientale riguardante il riscaldamento globale, sottoscritto l'11 dicembre 1997 nella città giapponese di Kyōto da più di 160 paesi. L evento si svolse in occasione della Conferenza COP3 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) per far fronte alla necessità di ridurre le emissioni di gas serra e coordinare le politiche energetiche nazionali. A.Occulto F.Marcucci,

22 Nel febbraio 2005, con la ratifica, avvenuta nel settembre 2004, da parte della Russia, paese responsabile del 17,4% delle emissioni mondiali, il protocollo è diventato operativo: per poter entrare in vigore era necessario, infatti, raggiungere una copertura di almeno il 55% delle emissioni di gas serra tramite i paesi firmatari. I Paesi firmatari e che hanno ratificato il documento sono 184: tra questi gli Stati Uniti d America non lo hanno ancora ratificato. Canada, Nuova Zelanda, Australia e Giappone l hanno ratificato solo qualche anno fa. Insieme avevano formato il famoso Umbrella Group che si era opposto al protocollo nel 1997.

23 Adesione al Protocollo di Kyōto al 2009: in verde sono indicati gli stati che hanno firmato e ratificato il trattato, in blu quelli che lo hanno firmato ma non ancora ratificato, come gli Stati Uniti d America.

24 Per raggiungere gli obiettivi del protocollo di Kyoto, volti alla riduzione dei gas serra o di CO 2, si possono avviare varie strategie tra cui Realizzare aree verdi Incentivare il risparmio energetico Incrementare l l educazione all uso dell energia energia Sviluppare tecnologie ad alto rendimento Attivare la politica di raccolta e riciclo di materie prime seconde Migliorare i processi produttivi a minor consumo di energia Limitare l'uso dei combustibili fossili, sviluppando fonti alternative

25 In particolare si deve tenere conto che - il settore dei trasporti rappresenta oltre un terzo dei consumi energetici globali, - il traffico urbano è responsabile del 35% delle emissioni di CO 2 da mobilità veicolare (65% extra urbano!), - il 95% dei consumi energetici della mobilità è prodotto da moto, auto e veicoli commerciali privati, - la temperatura media in Italia è aumentata negli ultimi 50 anni di 1,4 gradi C, - nelle città la temperatura media supera di 1-2 gradi C, quella delle aree rurali circostanti raggiunge punte anche maggiori. A.Occulto F.Marcucci,

26 Inoltre Nelle pratiche quotidiane ormai la maggior parte della popolazione utilizza l automobile per spostarsi. Fra i consumi di un'auto e le relative emissioni di CO 2 vi è una correlazione diretta, in quanto tanto maggiori sono i consumi tanto più elevate le emissioni di CO 2. Catalizzatori e filtri non possano influire sulla riduzione del suddetto gas, in quanto l'unico modo per contenere la CO 2 è diminuire i consumi di carburanti. Inoltre, a seconda del combustibile bruciato nel motore, l'entità delle emissioni varia, come risulta dai dati: Emissioni di CO g per litro di benzina consumato g per litro di Gpl consumato g per kg di metano consumato g per litro di gasolio consumato A.Occulto F.Marcucci,

27 Si è tentato di definire più concretamente tempi e modalità operative per raggiungere la riduzione dei gas serra. Nel documento finale (del Protocollo di Kyoto) sono riportate le prime decisioni sull'attuazione di alcuni degli impegni indicati nella Convenzione di Rio; una delle più importanti prevede la riduzione, per i paesi industrializzati e per quelli ad economia in transizione, delle emissioni mondiali dei gas serra entro il , pari al 5,75% rispetto a quelle del Una novità fondamentale introdotta dal Protocollo sono i così detti "meccanismi flessibili, veri e propri strumenti economici che permettono il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell'emissione di gas serra. Essi sono: i "permessi negoziabili (emission trading)", il "meccanismo di sviluppo pulito (clean development mechanism), l 'implementazione congiunta (joint implementation)".

28 I "PERMESSI NEGOZIABILI (EMISSION( TRADING)" L emission trading stabilisce che un paese può, nell adempimento dei propri obblighi, trasferire o acquisire i diritti di emissione di un altro paese. In altre parole, se uno Stato riesce a ridurre le proprie emissioni più della quota assegnatagli può vendere la rimanente parte delle sue emissioni consentite ad un altro paese che non sia in grado, o potrebbe non essere, di raggiungere l obiettivo che gli spetta. La commercializzazione dei diritti di emissione non è libera, ma sottoposta ad una serie di condizioni.

29

30 In Europa, il campo di applicazione è definito dalla Direttiva 2003/87/CE, che estende il sistema di ET alle seguenti attività: o Attività energetiche; o Produzione e trasformazione di metalli ferrosi; o Industria dei prodotti minerali. Il mercato delle emissioni in Europa è iniziato ufficialmente il 1 marzo Gli Stati membri avrebbero dovuto stabilire con un anno di anticipo (entro il 28/02/2004) le quote di emissione (solo relative a CO 2 ) valide per il triennio e rendere operativi i registri nazionali con funzione di documentazione delle operazioni effettuate e di dimostrazione degli obblighi di riduzione delle emissioni stabiliti per ogni operatore. Di fatto, però, solo pochi Paesi hanno rispettato questa scadenza attraverso i piani di assegnazione nazionali.

31 La Decisione 2006/944/Ce ha stabilito i nuovi livelli massimi di emissione degli Stati membri nel periodo 2008/2012. L Italia, secondo il Piano nazionale di assegnazione delle quote di CO 2eq del dicembre 2006, poteva immettere mila t, l Europa circa 20 milioni di t. Rispetto ai valori previsti per il periodo , questi invece sono più bassi. I livelli sono stati calcolati in base alle revisioni dei dati relativi alle emissioni dell anno di riferimento (1990 o 1995), moltiplicati per 6,5%. Secondo quanto previsto dai piani di assegnazione, pertanto, le singole aziende hanno un tetto di emissioni (EU Allowance- EUA) fissato da rispettare. Se emettono meno hanno a disposizione crediti di CO 2 (quota assegnata - quota emessa = credito) Se emettono troppo devono acquistare i crediti da chi ha emesso meno per pareggiare i conti. Questo scambio tra aziende virtuose, e quindi offerenti di quote, ed aziende inquinanti, quindi acquirenti, avviene su un vero e proprio mercato (l emission trading) o borsa della CO 2.

32 DIRETTIVA 2009/29/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra A tal fine la direttiva provvede a riscrivere l art. 10 della direttiva 2003/87/CE prevedendo un sistema di aste, dal 2013, per l'acquisto delle quote di emissione, i cui introiti andranno a finanziare misure di riduzione delle emissioni e di adattamento al cambiamento climatico.

33 Viene altresì previsto (attraverso la riscrittura dell art. 9 della direttiva 2003/87/CE) che il quantitativo comunitario di quote rilasciate ogni anno a decorrere dal 2013 diminuisca in maniera lineare, a partire dall anno intermedio del periodo , di un fattore pari all 1,74% rispetto al quantitativo medio annuo totale di quote rilasciate dagli Stati membri conformemente alle decisioni della Commissione sui loro piani nazionali di assegnazione per il periodo

34 Tra le altre novità inserite nel testo della direttiva 2003/87/CE si segnala il nuovo art. 10-ter recante Misure di sostegno a favore di determinate industrie ad elevata intensità energetica nell eventualità di una rilocalizzazione delle emissioni di carbonio. Il termine per il recepimento nell ordinamento nazionale delle disposizioni della direttiva 2009/29/CE è fissato al 31 dicembre 2012.

35 La Commissione Europea ha adottato, nel 2011, una Decisione sulle modalità di allocazione delle quote di CO 2 (2011/278/UE) agli impianti industriali che riguarderà la fase III dell EU ETS, dal 2013 al La principale innovazione del 3 periodo riguarda l armonizzazione dei criteri di allocazione tra gli Stati membri - mentre precedentemente ciascuno Stato decideva autonomamente come assegnare i crediti di CO 2, con evidenti conseguenze negative sulla competitività tra gli stessi Stati UE. Anche se le aste diventeranno il principale metodo di allocazione dal 2013, una proporzione di quote sarà distribuita gratuitamente, fino al 2020, ai settori esposti ad un significante rischio competitivo da fuori dell Europa.

36 Ritardo dei volumi di quote delle vendite all asta Nel 2010 il calendario, ossia la ripartizione dei volumi di quote messe all asta negli otto anni del terzo periodo di scambio, è stato fissato in un regolamento della Commissione. Nel 2011 è stata decisa una modifica del calendario: un certo volume di quote previste per il 2013 e il 2014 è stato anticipato alle vendite all asta del 2012 al fine di garantire una transizione agevole dalla fase 2 alla fase 3. Gli sviluppi macroeconomici degli ultimi anni offrono motivi fondati per considerare un altra modifica del suddetto calendario con il rinvio o il posticipo alla fine della fase 3 di un certo volume di vendite all asta del periodo

37 Le aste saranno effettuate all'interno di una grande piattaforma formata da 24 stati membri, ad esclusione di Gran Bretagna, Germania e Polonia che, avendo deciso di non partecipare al sistema comune, useranno le proprie piattaforme. Il prezzo di riferimento delle quote nell'area euro era fissato, nel settembre 2011, a 11,90 Euro. Nel settembre 2012 esso si è attestato a 8,50 Euro/t. Tra le cause dell'improvviso cambiamento di tendenza del mercato, la maggior parte degli analisti indica la mancanza di copertura delle vendite di energia del 2013 e 2014 da parte delle utilities europee. Inoltre non vi è molta fiducia che l Europa intenda sostenere questo mercato ambientale.

38 (European Union Allowance EUA ovvero 1t di CO2)

39

40 IL "CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM (CDM) È uno strumento operativo orientato a favorire la collaborazione internazionale, la cooperazione e la promozione del trasferimento di tecnologie e di know-kow tra paesi poveri e paesi ricchi al fine di dare un impulso allo sviluppo socio-economico ed industriale ai Paesi emergenti più rispettoso dell ambiente. Il meccanismo dei CDM consente ad un Paese, contenuto nell allegato I della Convenzione Quadro sui Cambiamente Climitici, con doveri di riduzione, di sviluppo di un progetto mirato a ridurre le emissioni di gas serra in un Paese NON-ANNEX I (Paesi in Via di Sviluppo senza oneri di riduzione e firmatari del Protocollo) al fine di trarne dei CERs (Certified Emission Reduction).

41

42 IL "JOINT IMPLEMENTION" Prevede che alcuni paesi possano riunirsi ed attuare congiuntamente i propri obblighi in modo che, pur essendovi all interno del gruppo una distribuzione diversa di questi rispetto a quanto prevista dal Protocollo, sia comunque rispettato l obbligo complessivo risultante dall unione di tutti quelli individuali spettanti ai singoli Paesi coinvolti. Ad esempio, l Unione Europea si è avvalsa di questo strumento, ed infatti dovrà complessivamente rispettare l obbligo di riduzione del 8% delle emissioni di gas serra, anche se all interno dell Unione vi saranno paesi che dovranno ridurre più della soglia prevista e paesi che dovranno farlo meno, secondo criteri stabiliti a livello comunitario.

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52 52

53 Per un lungo periodo l Italia ha sottovalutato l importanza degli impegni sottoscritti a Kyoto. Negli anni recenti la tendenza è comunque cambiata, come confermano le normative e le misure presentate nell ultima legge finanziaria. Ma, in assenza di interventi più incisivi, il forte ritardo accumulato difficilmente permetterà all Italia di raggiungere il traguardo di riduzione del 6,5%. A partire dal 2005 sono state messe in atto una serie di misure finalizzate alla riduzione delle emissioni di gas serra. In particolare quelle di incentivazione del fotovoltaico, di promozione dell efficienza energetica negli edifici, della cogenerazione e dell utilizzo dei biocombustibili nei trasporti, gli incentivi previsti dalla legge finanziaria 2007 e le misure di incentivazione a carattere più strutturale previste dalla legge finanziaria Occorre anche citare i nuovi obiettivi di risparmio energetico negli usi finali di recente adottati.

54

55 COP 10 - Buenos Aires (Argentina) 2004 L ultima conferenza sulla BIODIVERSITÀ si è tenuta a Nagoya (Giappone). Fra i risultati di maggiore rilievo va menzionata l adozione di uno Strategic Plan of the Convention on Biological Diversity. Si può affermare che, per la difesa della natura, questo è stato un momento storico importante: i Governi riuniti per la decima Conferenza delle Parti (COP10) sulla Convenzione per la Diversità Biologica (CBD) hanno varato il Piano di azione globale per la biodiversità che prevede un periodo di tempo di 10 anni per salvare la biodiversità sul pianeta con un Piano d azione condiviso al livello globale. Inoltre i governi hanno condiviso anche l obiettivo di arrestare il sovra sfruttamento delle risorse marine e di proteggere il 10% delle aree marine costiere. Il suddetto Piano d azione per la biodiversità, che prevede anche l obiettivo di proteggere il 17% degli habitat terrestri, rappresenta un incremento modesto dell attuale 10%, ma pur sempre un significativo passo in avanti in quanto riguarda il Pianeta, oltre che da realizzarsi in un arco di tempo piuttosto breve (10 anni). Nella stessa sede si è svolta anche la quinta Conferenza delle parti del Protocollo di Cartagena (il Protocollo della Convenzione sulla biodiversità che si occupa di movimento transfrontaliero di organismi geneticamente modificati) (COP-MOP 5). 55

56

57

58 Convenzione di Ginevra e Protocolli successivi Il 13 novembre 1979 a Ginevra, in Svizzera, 29 Paesi Europei, gli Stati Uniti d America e il Canada hanno sottoscritto la Convenzione sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza. Essa consiste nel primo accordo internazionale che ha fissato dei valori limite per gli inquinanti atmosferici pericolosi per l ambiente e, con la successiva integrazione di 8 protocolli, ha allargato il suo campo d azione alle sostanze che danneggiano in modo più diretto la salute umana e gli ecosistemi. Negli anni successivi si sono raggiunti vari risultati positivi, in quanto già dal 1980 le emissioni di zolfo sono diminuite del 70% e, tra il 1990 e il 2000, anche quelle di ossidi di azoto si sono ridotte del 25%, contribuendo a migliorare la qualità dell aria in Europa e in America del Nord. Nei Paesi europei si prevede di raggiungere una riduzione complessiva delle emissioni globali di circa il 40%. L Italia ha ratificato la Convenzione di Ginevra nel 1982.

59 I Protocolli emanati successivamente nell ambito della Convenzione di Ginevra sono stati: - Protocollo di Ginevra, 1984: finanziamento sorveglianza e valutazione inquinamento, ratificato dall Italia nel 1988; - Protocollo di Helsinki, 1985: emissioni di zolfo, ratificato dall Italia nel 1988; - Protocollo di Sofia, 1988: emissioni di NO x, ratificato dall Italia nel 1992; - Protocollo di Ginevra 1991: emissioni VOC, ratificato dall Italia nel 1995; - Protocollo di Oslo, 1994: ulteriori emissioni di zolfo, firmato dall Italia; - Protocollo di Aarhus, 1998: metalli pesanti, firmato dall Italia; - Protocollo di Aarhus, 1998: composti organici persistenti, ratificato nel 2006 dall Italia; - Protocollo di Goteborg, 1999: processi acidificazione ed eutrofizzazione, firmato dall Italia. Ratificato dall Europa nel Limite per l Italia di SO 2 nel 2010 pari a 475 kt.

60 Grazie alla condizioni maturate, è stato possibile applicare diversi tecniche per poter ridurre l emissioni di sostanze inquinanti. Metodi di riduzione della SO 2 Desolforazione dei combustibili PROCESSO CLAUSS H 2 S + 2SO SO 2 + 2H 2 O 2H 2 S + SO S + 2H 2 O HYDRO-FINING R - S + H RH + H 2 S Eliminazione della SO 2 dai gas combustione Ciminiere al di sopra dello strato di inversione termica

61 Metodi di riduzione degli NOx Riduzione del numero di autoveicoli in circolazione Incentivazione dell uso di marmitte catalitiche CO CO 2 NO x N 2

62 L Unione europea fissa inoltre i limiti nazionali delle emissioni di sostanze acidificanti, eutrofizzanti e precursori dell ozono per migliorare la tutela dell ambiente e della salute umana contro gli effetti nocivi delle suddette sostanze inquinanti. In particolare esse riguardano le emissioni di quattro gas inquinanti che derivano dalle attività umane, rilasciate nel territorio degli Stati membri e nelle rispettive zone economiche esclusive: - le emissioni di biossido di zolfo (SO 2 ), - le emissioni di ossidi di azoto (NOx), - le emissioni di composti organici volatili (COV) - le emissioni di ammoniaca (NH 3 ). Le stesse sono responsabili dei fenomeni di acidificazione, eutrofizzazione e formazione di ozono troposferico, indipendentemente dalle fonti di inquinamento. I limiti di emissione nazionali stabiliti devono essere raggiunti progressivamente entro la fine del 2012.

63 Gli obiettivi ambientali, rispetto al 1990, sono: - ridurre di almeno il 50% le zone che presentano depositi di sostanze inquinanti acide a livelli critici; - diminuire di due terzi le concentrazioni di ozono al suolo che superano il livello critico per la salute umana; -diminuire di un terzo le concentrazioni d'ozono al suolo che superano il livello critico per le colture e la vegetazione semi-naturale. I programmi saranno, se necessario, riesaminati e aggiornati periodicamente; gli Stati membri devono, inoltre. elaborare ed aggiornare annualmente gli inventari nazionali delle emissioni e delle previsioni di emissione per SO2, NOx, COV e NH3 e comunicarli alla Commissione, che deve informare successivamente il Consiglio ed il Parlamento. Vi sono, inoltre, cooperazioni con paesi terzi e le organizzazioni internazionali competenti, per scambiarsi informazioni e progredire nella ricerca volta a ridurre le emissioni suddette. Ciò ha consentito, nel tempo, di migliorare in modo significativo la qualità dell aria, come appare dai grafici riportati di seguito.

64 Emission trends of acidifying pollutants (EEA member countries EU 27)

65 Change in emissions of sulphur oxides compared with the 2010 NECD and Gothenburg protocol targets (EEA member countries)

66 Change in emissions of nitrogen oxides compared with the 2010 NECD and Gothenburg protocol targets (EEA member countries)

67 Change in emissions of ammonia compared with the 2010 NECD and Gothenburg protocol targets (EEA member countries)

68 Contributions by sector for emissions of acidifying pollutants (EEA member countries) NH 3 NO x SO x

69 Change in sulphur oxides emissions for each sector between 1990 and 2009 (EEA member countries)

70 Change in nitrogen oxides emissions for each sector between 1990 and 2009 (EEA member countries)

71 Change in ammonia emissions for each sector between 1990 and 2009 (EEA member countries) The contribution made by each sector to the total change in sulphur dioxide (SO 2 ) emissions between 1990 and 2009.

72 CONCLUSIONI

73

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE 2008 DOSSIERMETES 5 FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE a cura di LUCA BOLLETTA e MICHELE DELLA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l ambiente www. educarsialfuturo.it it Cassano delle Murge 10 marzo 2008 Liceo Leonardo Educarsi al futuro Nuovi saperi per lo sviluppo sostenibile del pianeta

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI II fase 2000-2006 Studio su LA PROMOZIONE DELL AMBIENTE E DELLO SVILUPPO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli